Database topografico alle scale 1:5.000 e 1: Specifiche tecniche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Database topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000. Specifiche tecniche"

Transcript

1 Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Amt für überörtliche Raumordnung Abteilung 27 Ripartizione 27 Raumordnung Urbanistica Ufficio coordinamento territoriale Database topografico alle scale 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche A cura di Anton Aschbacher Giorgio Zanvettor David Colmano Provincia Autonoma di Bolzano Provincia Autonoma di Bolzano Provincia Autonoma di Bolzano Con la collaborazione di Tarcisio Coianiz Franco Guzzetti Paolo Viskanic Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Politecnico di Milano Comune di Merano

2 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers La Provincia Autonoma di Bolzano Ufficio Coordinamento territoriale si riserva tutti i diritti di copia Il presente documento non può essere riprodotto, integralmente o in parte, senza esplicita autorizzazione della Provincia Autonoma di Bolzano Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 1

3 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers OMMARIO. CAPITOLO 1. APETTI GENERALI OGGETTO E MODALITÀ DI EECUZIONE DEI LAVORI PRECIIONI METRICHE DEL DATABAE TOPOGRAFICO Tolleranze planimetriche Tolleranze altimetriche... 6 CAPITOLO 2. VOLO FOTOGRAMMETRICO CARATTERITICHE... 7 CAPITOLO 3. INQUADRAMENTO PLANIMETRICO ED ALTIMETRICO, APPOGGIO E TRIANGOLAZIONE AEREA GENERALITA INQUADRAMENTO PLANIMETRICO ED ALTIMETRICO PUNTI D APPOGGIO PUNTI DI LEGAME DETERMINAZIONE DEI PUNTI D APPOGGIO MIURA E CALCOLO DELLA TRIANGOLAZIONE AEREA MONOGRAFIE DEI PUNTI D APPOGGIO E DEI PUNTI DI LEGAME EVENTUALE UTILIZZO DI TRUMENTAZIONE DIGITALE CAPITOLO 4. RETITUZIONE E RICOGNIZIONE TRUMENTO RETITUTORE CARATTERITICHE DELLA RETITUZIONE ITEMA DI RETITUZIONE OPERATORE ELEMENTI DA RETITUIRE ORIENTAMENTO DEI MODELLI FILE DI RETITUZIONE RAPPREENTAZIONE GRAFICA RICOGNIZIONE CAPITOLO 5. EDITING E FORMATO DEI DATI DATABAE TOPOGRAFICO ED ELABORATI GRAFICI RECUPERO DI DATABAE TOPOGRAFICI EITENTI MODALITÀ DI FORNITURA DEI FILE ELABORATI DA CONEGNARE A COLLAUDO AL TERMINE DELL EDITING CAPITOLO 6. CONTROLLO DI QUALITÀ E COLLAUDO COMPITI DEL COLLAUDATORE CONTROLLO DI QUALITÀ E COLLAUDO IN CORO D OPERA PROCEDURE DI COLLAUDO Esito positivo o accettabile con lievi completamenti e correzioni Esito abbisognevole di notevoli completamenti e correzioni Esito non accettabile COLLAUDI DELLE DIVERE FAI Collaudo della fase d inquadramento planimetrico ed altimetrico, appoggio e triangolazione aerea Collaudo della restituzione e della ricognizione Collaudo dell editing e del formato dei dati COLLAUDO FINALE UL TERRENO NORME PER LA MIURAZIONE DELLA UPERFICIE RILEVATA CAPITOLO 7. CONTENUTO DEL DATABAE TOPOGRAFICO ORGANIZZAZIONE LOGICA DEI DATI Edifici Informazioni altimetriche Grafi QUOTATURA DEGLI OGGETTI DA RETITUIRE LE CONGRUENZE DELLA CARTA Geometria delle polilinee Tolleranza nominali della carta COPERTURA AREALE DEL TERRITORIO Zone mutuamente esclusive Elenco delle zone mutuamente esclusive Zone sovrapposte Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 2

4 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 8. TRUTTURA DEL DATABAE TOPOGRAFICO IL FORMATO HAPE UDDIVIIONE IN CLAI DEGLI HAPEFILE DENOMINAZIONE DEGLI HAPEFILE DI RETITUZIONE ATTRIBUTI DEGLI HAPEFILE truttura degli attributi Contenuto degli attributi Campi obbligatori per tutti gli oggetti: Campi specifici per sottoclassi di oggetti:...27 CAPITOLO 9. PECIFICHE DI RETITUZIONE DEGLI OGGETTI CONFINI AMMINITRATIVI Altro IDROGRAFIA Corsi d acqua Bacini COPERTURA DEL UOLO Vegetazione Recinzioni Verde ornamentale Aree prive di vegetazione Altro URBANITICA Impianti speciali Altro INFRATRUTTURE Ferrovia trade ovrappasso ottopasso COTRUZIONI Recinzioni Edifici Costruzioni Nr. civico Impianti a fune Impianti peciali OROGRAFIA Riferimenti RETI Grafi TETI E IMBOLI imboli Testi BIBLIOGRAFIA...42 Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 3

5 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 1. APETTI GENERALI 1.1. Oggetto e modalità di esecuzione dei lavori Oggetto del lavoro Le presenti specifiche tecniche sono finalizzate alla produzione di un database topografico alla scala 1:5000 e 1: La modalità di generazione delle geometrie supportano le altre informazioni è quella tipica della produzione cartografica, cioè la restituzione fotogrammetrica numerica diretta dai fotogrammi aerei a scala media 1:13000 circa, messi a disposizione dalla Provincia di Bolzano. Per i territori per i quali esistono analoghi database topografici alla scala 1:1000, realizzati e collaudati secondo i criteri previsti dal Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano, non si deve eseguire alcuna restituzione. Gli shape file corrispondenti verranno messi a disposizione per le operazioni di editing, in modo che le geometrie stereorestituite alla scala 1:5000 si adattino ai 1000 esistenti. Analoga operazione deve essere eseguita anche per quei territori per i quali esiste database topografico alla scala 1:5000 con specifiche tecniche analoghe alle presenti (appalto della primavera 2001 per la zona della Città di Bolzano). La Direzione Lavori consegnerà alla Ditta appaltatrice il database topografico, in shape file, di tali territori. istema di riferimento Nella produzione del database topografico verranno utilizzate i seguenti elementi geodetici: Ellissoide WG84 Datum ETR89 Proiezione conforme di Gauss nel sistema UTM-WG84 Vista la necessità contingente di passare al nuovo sistema cartografico e geodetico sopra definito, in tutte le fasi di determinazione di punti d appoggio, le elaborazioni dovranno fornire sempre 4 serie di coordinate: 1. le geografiche riferite all ellissoide di Hayford (Roma 40) 2. le geografiche riferite all ellissoide WG84 (ETR89) 3. le cartografiche N, E nel sistema Gauss-Boaga 4. le cartografiche N, E nel sistema UTM-WG84 Dovranno sempre essere determinate sia la quota ellissoidica (WG84) che la quota ortometrica (mareografo di Genova). In stereorestituzione dovrà essere impiegata la quota ortometrica (sul livello medio del mare). Le mappe della Carta Tecnica della Provincia Autonoma di Bolzano saranno impostate sui sottomultipli della carta 1: dell IGM (taglio europeo): per le rappresentazioni a scala 1: le sezioni avranno la dimensione pari a 5 in longitudine e 3 in latitudine; per le rappresentazioni a scala 1:5000 le mappe avranno dimensione pari a 2 30 in longitudine e 1 30 il latitudine. i dovranno produrre su carta tutte le sezioni ma solo alcune mappe, in funzione del fatto che in quella zona la restituzione avvenga secondo le specifiche della carta 1:10000 o 1:5000. Non tutte le mappe risulteranno complete. Durante il plottaggio ogni cartografia (sezione o mappa) dovrà risultare smarginata rispetto al taglio sopra riportato, sino a raggiungere un formato rettangolare pari a 70x58 cm 2, in modo che cartografie adiacenti riportino una significativa zona di sovrapposizione. Ogni cartografia sarà contenuta in un foglio di formato unificato A1 (59,4 x 84,1) cm². Il quadro di unione e l identificativo di ogni mappa dovrà avere lo stesso principio attualmente sfruttato nella carta tecnica in modo da rendere semplice la ricerca del territorio corrispondente. Ogni variazione a quanto indicato rispetto al sistema di riferimento potrà essere eseguita dalla D.L. sino all inizio della fase d appoggio, senza che ciò possa essere considerato causa di variazione degli elementi contrattuali e dell importo pattuito per l esecuzione del lavoro. Quanto precedentemente indicato viene riportato nel presente documento in quanto è in fase di analisi il passaggio dal vecchio sistema di coordinate cartografiche Gauss Boaga con falsa origine diversa rispetto alla convenzione italiana, al nuovo sistema cartografico UTM-WG84, nella determinazione ETR89 Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 4

6 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Definizione geometrica I punti memorizzati che andranno a rappresentare gli oggetti esistenti secondo strutture a punti linee o poligoni, saranno geometricamente definiti da una terna di coordinate da ottenersi direttamente in forma numerica dal modello stereoscopico ricostruito mediante restitutore analitico ed eventualmente da integrarsi successivamente, ma sempre direttamente in forma numerica, in fase di editing tramite idoneo rilievo in sito. Modalità tecniche d esecuzione Le modalità tecniche con le quali dovrà essere eseguito il database topografico sono quelle proprie dell'aerofotogrammetria, integrate da quelle relative alla numerizzazione dei dati secondo le seguenti fasi: determinazione dei punti d appoggio; triangolazione aerea; restituzione fotogrammetrica numerica; ricognizione; editing grafico ed alfanumerico sulla scorta di quanto rilevato in ricognizione predisposizione degli elaborati finali; 1.2. Precisioni metriche del database topografico Tolleranze planimetriche Le posizioni planimetriche dei punti del database topografico dovranno rispettate le tolleranze di seguito indicate. Di posizione di un punto Le coordinate N'(p) e E'(p) di un punto P ricavate dalla carta e le coordinate N(p) e E(p) dello stesso punto P ricavate sul terreno, dovranno soddisfare la seguente relazione: {[N'(p) - N(p)]² + [E'(p) - E(p)]²}½ 2.00 m per la scala 1:5000 {[N'(p) - N(p)]² + [E'(p) - E(p)]²}½ 4.00 m per la scala 1:10000 Di distanza tra due punti La distanza D'fra due punti misurata sulla cartografia, e la distanza D tra gli stessi due punti misurata sul terreno, dovranno soddisfare le seguenti relazioni: D'-D ( D/1000) m per D 800 m D'-D 2.80 m per D > 800 m per la scala 1:5000 D'-D ( D/1000) m per D 1500 m D'-D 5.50 m per D > 1500 m per la scala 1:10000 Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 5

7 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Tolleranze altimetriche Per le posizioni altimetriche dei punti della cartografia sono stabilite invece le tolleranze di seguito elencate. Dei punti quotati La quota Q'di un punto quotato P letta sulla cartografia e la quota Q dello stesso punto misurata sul terreno, devono soddisfare la seguente relazione: Q'-Q 1.20 m per la scala 1:5000 Q'-Q 2.00 m per la scala 1:10000 Dei dislivelli tra punti quotati Il dislivello dq'tra due punti quotati ricavato dalle quote lette sulla carta e il dislivello dq tra le quote degli stessi due punti posti a distanza D, misurate sul terreno, devono soddisfare le seguenti relazioni: dq'-dq ( D/1000) m per D 400 m dq'-dq 1.70 m per D > 400 m per la scala 1:5000 dq'-dq ( D/1000) m per D 1000 m dq'-dq 3.00 m per D > 1000 m per la scala 1:10000 Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 6

8 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 2. VOLO FOTOGRAMMETRICO 2.1. Caratteristiche Il volo fotogrammetrico viene messo a disposizione dalla provincia di Bolzano. i da per scontato che la Ditta abbia verificato la reale consistenza dei fotogrammi, il loro stato, la leggibilità al suolo, è altrettanto implicito che la Ditta sappia quanti sono in totale i fotogrammi, e le caratteristiche del blocco fotogrammetrico nel suo complesso con i ricoprimenti e le sovrapposizioni. La scala media dei fotogrammi è pari a circa 1:13000 per tutto il territorio ripreso, sia per quelle parti da restituire a scala 1:5000, sia per quelle da restituire a scala 1:10000; ciò implica che: la leggibilità metrica dei modelli stereoscopici sia ridondante rispetto alle specifiche richieste per la scala 1:10000 il numero di fotogrammi da orientare sia notevolmente superiore al normale, sempre in considerazione delle parti di territorio da restituire alla scala 1:10000 le operazioni di ricognizione sul terreno necessarie al successivo editing siano inferiori rispetto ai normali standard Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 7

9 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 3. INQUADRAMENTO PLANIMETRICO ED ALTIMETRICO, APPOGGIO E TRIANGOLAZIONE AEREA 3.1. Generalita copo della presente fase è la determinazione della posizione sul terreno di una serie di punti da utilizzare come punti d appoggio per l esecuzione della triangolazione aerea (TA); la triangolazione aerea ha lo scopo di determinare un sufficiente numero di punti di coordinate terreno note tali da poter permettere l orientamento assoluto necessario alla restituzione di tutti i modelli stereoscopici. Non deve essere eseguito alcun raffittimento dei vertici d inquadramento esistenti; da essi si devono determinare direttamente i punti d appoggio con metodologia GP Inquadramento planimetrico ed altimetrico L'inquadramento planimetrico e altimetrico è costituito da: i capisaldi di livellazione dell'i.g.m. i vertici della rete IGM95 i vertici GP realizzati dalla Regione Trentino-Alto Adige, corrispondenti ai Punti Fiduciali di attendibilità 4 (complessivamente, risultano disponibili circa vertici per l intero territorio regionale) La Ditta appaltatrice deve recuperare le monografie di tutti i punti coinvolti nel lavoro, presso la Regione o presso l IGM, e in particolare: la quota ortometrica sul livello medio del mare per i capisaldi di livellazione le coordinate geografiche Hayford (Roma 40) e WG84 (ETR89), le Nord Est in Gauss Boaga e in UTM-WG84, la quota ellissoidica WG84 (ETR89) per i vertici GP In caso di discordanza fra le coordinate di un punto ricavate da archivi differenti, fa testo l informazione desunta dalla Regione Trentino Alto Adige. La rete geodetica di riferimento è quindi quella misurata ed elaborata dalla Regione Trentino Alto Adige Punti d appoggio I punti d appoggio da determinare a terra con ricevitori GP servono per la misura e la compensazione della triangolazione aerea; essi dovranno essere così distribuiti nel blocco fotogrammetrico: 1 punto planimetrico in ogni modello di estremità delle strisciate, 1 punto ogni 2 modelli lungo le strisciate di bordo del blocco, 1 punto ogni 4 modelli lungo le altre strisciate 2 punti altimetrici per ogni modello di estremità delle strisciate di bordo (situati da bande opposte rispetto all asse della strisciata), 1 punto ogni due modelli lungo le altre strisciate E da considerare positivo il fatto che i punti suddetti ricadano nelle zone di sovrapposizione fra strisciate (ricoprimento trasversale); in tal caso il punto d appoggio può essere conteggiato per entrambe le strisciate al fine del raggiungimento delle densità precedentemente definite Punti di legame I punti di legame devono essere di ottima collimazione fotogrammetrica; di essi non sono note le coordinate terreno. olo attraverso la triangolazione aerea si determinano tali coordinate da impiegare nella successiva fase di orientamento dei modelli stereoscopici, finalizzato alla stereorestituzione. La densità dei punti di legame è finalizzata al raggiungimento di una configurazione attimale in fase di triangolazione aerea. In ciascun fotogramma devono essere individuati 9 punti di legame longitudinale e trasversale, secondo lo schema sotto riportato. Ogni fotogramma (modello) deve pertanto essere collegato: con ciascuno dei fotogrammi (modelli) adiacenti lungo la strisciata, mediante sei (tre) punti di legame longitudinale con ciascuna delle strisciate adiacenti a quella di appartenenza, mediante almeno tre (due) punti di legame trasversale. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 8

10 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Particolare attenzione deve essere posta al collegamento tra le strisciate, privilegiando nella scelta dei punti le zone comuni al maggior numero di fotogrammi. Fotogramma Modello Per quanto riguarda le strisciate trasversali, occorrerà misurare sui fotogrammi (modelli) tutti i punti di legame esistenti: sia quelli delle strisciate parallele che quelli delle strisciate trasversali. Ciascun punto di legame trasversale, osservato quindi in modelli differenti di strisciate differenti, deve mantenere sempre lo stesso ed unico nome; è quindi errato assegnare due nomi diversi allo stesso punto misurato su strisciate adiacenti. Di ciascuno dei punti prescelti deve essere eseguita un'accurata monografia, che ne garantisca l'inequivocabile individuazione sul terreno, se possibile, e in ogni caso sul modello stereoscopico Determinazione dei punti d appoggio I punti d appoggio devono essere determinati con metodologia GP in maniera ridondante, cioè con doppia baseline. Dopo l eliminazione delle baseline non corrette deve quindi risultare che almeno il 95% dei punti sia legato con doppia base alla rete d inquadramento. Le operazioni di misura GP devono essere impostate sui vertici d inquadramento secondo uno schema che il Collaudatore dovrà approvare prima dell inizio delle misure stesse. A tal fine è necessario che la Ditta predisponga un file DXF suddiviso in layer, ognuno dei quali contenga i seguenti elementi: Ricoprimento a terra dei singoli fotogrammi Il numero identificativo di ogni fotogramma Posizione dei vertici d inquadramento tridimensionali Posizione dei vertici d inquadramento solo planimetrici Posizione dei vertici d inquadramento solo altimetrici Posizione dei punti d appoggio tridimensionali Posizione dei punti d appoggio solo planimetrici Posizione dei punti d appoggio solo altimetrici chema delle baseline di cui si prevede la misura Le baseline devono essere rilevate con strumenti a doppia frequenza, in modalità statica o rapido statica. La durata della ricezione deve essere di almeno 15 minuti per basi con lunghezza inferiore a 5 km, di almeno 20 minuti per basi di lunghezza compresa fra i 5 ed i 10 km. Non sono da rilevare basi maggiori di 10 km. Per durata della ricezione si intende il tempo intercorso fra la prima e l ultima registrazione con un numero di satelliti ricevuti da entrambi i ricevitori maggiore o uguale a 4. L intervallo di registrazione non deve essere superiore ai 15 secondi. Il GDOP deve essere inferiore a 5 e l angolo di cut-off pari a 15. Le basi rilevati devono essere indipendenti. Ciò significa che utilizzando in contemporanea n ricevitori, si potranno elaborare (n-1) basi. A tal fine la Ditta dovrà predisporre un file di Excel, inserendo per ogni riga i seguenti dati di ogni baseline: estremi della base, n di ricevitore su di esso posizionato, data della misura, ora di inizio e fine della sessione, componenti geocentriche dx, dy e dz, lunghezza risultante. L elaborazione delle singole baseline dovrà essere eseguito con programma commerciale; non saranno accettate nella elaborazione quelle baseline che evidenziassero un sqm in una delle 3 coordinate maggiore a 15 cm. Il calcolo delle coordinate dei punti d appoggio sarà da eseguire in 3 modalità successive: Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 9

11 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Elaborazione di tutte le baseline rilevate imponendo il minimo vincolo. Ciò sarà da effettuare considerando fisso un solo vertice baricentrico, espresso in coordinate geografiche WG84 e quota ellissoidica 2. Elaborazione in coordinate cartografiche N, E nel sistema UTM-WG84 e quota ellissoidica, vincolando tutti i punti della rete d inquadramento. 3. Elaborazione vincolata su tutti i punti della rete d inquadramento in coordinate Gauss-Boaga e quota ellissoidica. ul risultato della prima elaborazione dovrà avere le seguenti caratteristiche: Gli sqm planimetrici e altimetrici delle coordinate risultanti dovranno essere inferiori a ±20 cm Il valore assoluto degli scarti residui tridimensionali delle baseline dopo la compensazione dovrà risultare inferiori a 6 cm per il 95% dei casi ul risultato della seconda elaborazione dovrà avere le seguenti caratteristiche: Gli sqm planimetrici e altimetrici delle coordinate risultanti dovranno essere inferiori a ±30 cm Il valore assoluto degli scarti residui tridimensionali delle baseline dopo la compensazione dovrà risultare inferiori a 10 cm per il 95% dei casi La terza elaborazione ha l unico scopo di arrivare alla definizione delle coordinate cartografiche Gauss-Boaga dei punti d appoggio. Nel caso si rendessero disponibili dei parametri di trasformazione dalle coordinate UTM-WG84 alle Gauss-Boaga da parte dell IGM o della Regione Trentino Alto-Adige, la terza elaborazione potrà non essere eseguita e per la definizione delle coordinate Gauss-Boaga dei punti d appoggio si utilizzeranno direttamente tali parametri. Per definire la quota ortometrica di tutti i punti d appoggio è necessario che la Ditta utilizzi il modello di geoide a disposizione presso la Regione o l IGM. Il valore di ondulazione di geoide ricavato mediante tale servizio sarà da associare ad ogni singolo punto Misura e calcolo della Triangolazione Aerea Le misure per la T.A. dovranno essere eseguite con strumentazione analitica tale da garantire una precisione di misura delle coordinate fotogramma inferiore o uguale a 5 m. Non sono ammessi stereorestitutori analogici asserviti. L eventuale utilizzo di sistemi completamente digitali è da concordare preventivamente con il collaudatore. Il calcolo della T.A. deve essere eseguito con programma rigoroso ai minimi quadrati per stelle proiettive o a modelli indipendenti. Non sono accettati i tradizionali programmi di calcolo che risolvono la triangolazione aerea con una compensazione empirica. Lo schema di T.A. dovrà essere riportato su apposito layer nel medesimo file DXF precedentemente descritto, in modo da permettere la verifica della disposizione dei punti di legame e d appoggio rispetto ai fotogrammi del blocco oggetto dell aereotriangolazione. Dal report di elaborazione della T.A. dovranno risultare evidenti i seguenti elementi: Le coordinate modello (o fotogramma) di ciascun punto misurato Una serie di dati riassuntivi che indichino il numero di collimazioni eseguite per ciascun punto Le coordinate compensate dei punti ed i relativi sqm Gli scarti residui su tutti i punti d appoggio, espressi in metri (cioè riferiti al terreno) ed in micron (cioè riferiti al fotogramma) Gli scarti residui dei punti di legame utilizzati, espressi in micron sul fotogramma o sul modello I punti eventualmente scartati in fase di elaborazione Il risultato della T.A. sarà considerato positivo se: tutti gli scarti residui sui punti d appoggio saranno inferiori, in modulo, a 80 cm in planimetria e a 60 cm in quota gli sqm dei punti di legame, in modulo, risulteranno inferiori a 40 cm nelle tre componenti il sigma zero del sistema risolvente a posteriori risulterà dello stesso ordine di grandezza del relativo valore prima della compensazione Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 10

12 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Dato che i fotogrammi risultano tutti alla stessa scala media (cioè tutti adatti ad una restituzione alla scala 1:5000), le tolleranze sopra riportate sono da considerare vincolanti per tutto il blocco, anche in quelle zone ove sarà da eseguire una restituzione alla scala 1: Monografie dei punti d appoggio e dei punti di legame Per tutti i punti d appoggio dovrà essere redatta una monografia informatizzata, in formato da concordare preventivamente con la Direzione Lavori, con i seguenti elementi: Codice univoco del punto (correlato al Comune nel cui territorio esso ricade) Coordinate E, N in Gauss Boaga e in UTM-WG84; coordinate, in Hayford (Roma 40) e WG84 (ETR89); quota ortometrica e, solo per i punti d appoggio, quota ellissoidica Estratto di cartografia con la localizzazione del punto (solo per i punti d appoggio) Uno schizzo per il riconoscimento del particolare Fotografia del punto con in evidenza il ricevitore GP durante le operazioni di misura (solo per i punti d appoggio) Data di redazione della monografia e nome della Ditta esecutrice Uno schema di monografia sarà fornito dalla Provincia, in modo da uniformare i nuovi prodotti a quelli già esistenti. Le monografie sono da inviare al Collaudatore per la corrispondente verifica di collaudo Eventuale utilizzo di strumentazione digitale Nel caso in cui si richieda di utilizzare in T.A. e/o, successivamente, in restituzione della strumentazione digitale, è necessario rispettare le seguenti indicazioni. Per la scansione dei fotogrammi deve essere utilizzato uno scanner metrico adatto alla scansione unitaria di tutto il fotogramma. Lo scanner deve avere il dispositivo di avanzamento automatico dell intera bobina di pellicola; non sono quindi accettati scanner, anche metrici, con avanzamento manuale della pellicola. Deve essere garantita una ripetibilità di scansione inferiore ai 5 m. La scansione deve essere eseguita ad una risoluzione uguale o superiore a 1200 dpi circa (pixel con dimensioni massime pari a 20 micron). I fotogrammi devono essere scannerizzati solo dopo aver eseguito la calibrazione dello scanner; analoga operazione deve essere eseguita alla fine delle scansioni. Tale procedimento deve essere seguito per ogni sessione di scansione; la scansione dell intero blocco deve quindi essere organizzata in modo tale da ottimizzare le operazioni di calibrazione. Devono essere prodotti i report di calibrazione per ognuna delle sedute di scansione. La procedura di scansione deve poter essere verificabile; in particolar, in fase di controllo di qualità sarà necessario controllare che i file immagine siano a scansione originale, cioè non derivino da un ricampionamento di una scansione a risoluzione inferiore.assieme al file originale deve essere prodotto un file derivato di dimensione ridotte (indicativamente 50 kbyte) per verificare con esso i ricoprimenti, l assenza di nuvole e di ombre e quanto altro viene normalmente verificato sulle positive prodotte dai fotogrammi negativi. ono ammesse compressioni del file originale solo con software non distruttivi (non con JPG, ECW o similari) con fattore di compressione massimo pari al 10%. Per verificare la qualità della scansione sarà eseguito un confronto con il materiale fotografico tradizionale. A tal fine, per almeno il 5% dei fotogrammi, la Ditta incaricata dovrà provvedere alla produzione del tradizionale supporto analogico con cui sia possibile eseguire tutte le verifiche comparative che si riterrà necessario. Il materiale tradizionale deve essere relativo a sequenze di almeno tre fotogrammi successivi; le sequenze devono appartenere a strisciate differenti (esempio foto 3, 4 e 5 della strisciata 1, foto 21,22,23 della strisciata 2, ecc ) sino al raggiungimento delle percentuali previste. Tali fotogrammi dovranno essere relativi a zone di territorio utilizzate in tutte le L impiego della strumentazione digitale e dei software di compressione deve permettere il rispetto delle tolleranze riportate nel presente capitolato. Tutte le verifiche previste per l approccio tradizionale devono perciò poter essere eseguite. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 11

13 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 4. RETITUZIONE E RICOGNIZIONE 4.1. trumento restitutore La restituzione dovrà essere eseguita esclusivamente mediante restitutore analitico o digitale; non è ammesso l uso di strumenti analogici anche se asserviti a computer Caratteristiche della restituzione Nelle aree dove non esiste cartografia alla scala 1:1000 o 1:5000 fornita dalla Provincia, la Ditta dovrà eseguire ex novo la restituzione fotogrammetrica numerica diretta del territorio. E assolutamente vietato acquisire in forma numerica, mediante digitalizzazione, cartografia già esistente istema di restituzione La Ditta provvederà autonomamente alla predisposizione del proprio sistema di stereorestituzione numerica, e comunicherà alla D.L.: le tabelle delle codifiche assegnate ai vari elementi da restituire; le codifiche e la struttura dati prescelte potranno anche non corrispondere a quelle richieste per i files finali di trasferimento, ma dovranno garantire almeno lo stesso contenuto informativo; le librerie dei simboli e delle linee usate per la rappresentazione grafica su video o plotter da concordarsi con la direzione lavori i criteri per l'acquisizione delle linee curve e delle curve di livello in automatico, ed i relativi parametri, per garantire il rispetto delle tolleranze richieste; l'eventuale suddivisione in più files degli elementi provenienti da uno stesso modello, ed i criteri adottati Operatore L'operatore allo strumento restitutore dovrà possedere esperienza ed abilità sufficienti per eseguire le operazioni di restituzione numerica, di fotointerpretazione delle fotografie aeree. La restituzione, ancorché eseguita da operatori diversi e su strumenti diversi, dovrà presentare un'assoluta omogeneità di rappresentazione grafica dei particolari restituiti Elementi da restituire Circa la qualità e la quantità degli elementi naturali ed artificiali del territorio da riportare sulla carta, ci si dovrà attenere a quanto dettagliatamente esposto ai capitoli seguenti. La restituzione fotogrammetrica dovrà permettere l allestimento della carta plano-altimetrica; Tutte quelle linee di dubbia identificazione, la cui definizione è demandata alla successiva fase di ricognizione dovranno essere memorizzate o con codice particolare, tale da permettere una grafica diversificata (tratto o colore) o con particolare simbologia degli estremi. Inoltre verranno contornate, anche a mano e con eventuali osservazioni del restitutista, le aree in cui è necessaria l'integrazione mediante ricognizione. Nella fase di ricognizione a terra si dovranno: Completare le zone non visibili sui fotogrammi con metodi di rilievo topografici, idonei a consentire il conseguimento delle precisioni previste. Dirimere i casi dubbi di interpretazione qualitativa. Riportare in cartografia i particolari richiesti che non è stato possibile rilevare fotogrammetricamente. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 12

14 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Orientamento dei modelli Le operazioni di orientamento relativo ed assoluto di ogni modello dovranno essere compiute da un operatore esperto. Al termine delle operazioni di orientamento il restitutore dovrà stampare il tabulato (o memorizzare il relativo protocollo su file) con tutti i dati relativi: all'orientamento interno, all'orientamento relativo, all'orientamento assoluto. L orientamento relativo deve essere eseguito utilizzando almeno 8 punti omologhi; la parallasse residua massima deve essere sempre inferiore a 20 micron. Gli scarti residui sui punti di orientamento assoluto (sia sui punti di legame che sui punti fotografici d appoggio determinati a terra), considerando che tutti i fotogrammi sono adatti ad una restituzione alla scala 1:5000, dovranno risultare sempre inferiori a: 80 cm in planimetria e 60 cm in quota, per i modelli corrispondenti a restituzione alla scala 1: cm in planimetria e 90 cm in quota, per i modelli corrispondenti a restituzione alla scala 1: Al termine delle operazioni di restituzione dovranno essere consegnati a collaudo i seguenti documenti: un grafico a scala 1: che riporti la copertura dei singoli modelli utilizzati in restituzione con la relativa numerazione; i protocolli originali di restituzione ove sono riportati i parametri di orientamento interno relativo ed assoluto dei vari modelli nonché i residui di piazzamento sui punti di appoggio utilizzati per l'orientamento assoluto ed un'indicazione dei punti d'appoggio eventualmente eliminati a causa della presenza di valori eccessivi, ma non ulteriormente riducibili, di tali residui; uno schema, corredato da una breve relazione illustrativa in formato M-Word, per gli eventuali appoggi diretti realizzati 4.7. File di restituzione I file di restituzione costituiscono il risultato numerico della fase di restituzione e sono strettamente connessi al particolare sistema utilizzato dalla Ditta; sono pertanto considerati files di lavoro della Ditta stessa. Essi non vengono assoggettati a particolari restrizioni per il formato dei record. A partire dal file di restituzione dovrà comunque essere possibile eseguire la visualizzazione (su video o stampante) delle coordinate e del codice memorizzati per ogni punto, nonché l'individuazione del punto corrispondente al modello. Di norma i file di restituzione non costituiscono oggetto di consegna, ma dovranno essere messi a disposizione del Collaudatore, per le operazioni di collaudo della restituzione e successivamente conservati fino alla conclusione del lavoro (collaudo finale positivo). La consegna dei suddetti file deve essere eseguita solo se espressamente richiesta dall ente appaltante. Essi dovranno essere leggibili in chiaro e visualizzabili sia mediante il sistema di acquisizione che mediante quello di editing grafico presenti presso la Ditta, e consentire le specifiche operazioni di collaudo prescritte Rappresentazione grafica A documentazione della restituzione, dai contenuti del file di restituzione, dovrá essere prodotta una copia su carta; essa sarà costituita da un disegno automatico mediante plotter, di taglio e contenuti identici a quello definitivo. Il materiale grafico così prodotto sarà da utilizzare come supporto per la successiva ricognizione. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 13

15 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Ricognizione Deve essere eseguita la ricognizione a terra di tutto il territorio da cartografare. Deve essere impiegato come supporto per le note di ricognizione una copia su carta del file di restituzione, con riportate le annotazioni precedentemente rilevate sul terreno. E facoltà della Ditta recuperare nel modo più opportuno, verificandone preventivamente con il collaudatore la correttezza, le informazioni in fa se di ricognizione, in modo da rispettare sia le richieste di contenuto di seguito specificate, sia le richieste di precisione previste. Al termine della fase di ricognizione dovrà essere messo a disposizione del collaudatore il seguente materiale: originale della minuta di ricognizione; i libretti di campagna o le registrazioni da total-station delle misure topografiche resesi eventualmente necessarie. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 14

16 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 5. EDITING E FORMATO DEI DATI 5.1. Database topografico ed elaborati grafici. Il database topografico descritto nel presente capitolato deve essere fornito in due forme: Il database topografico vero e proprio, in formato HP gli elaborati grafici corrispondenti alla tradizionale cartografia. Il formato principale è il primo. Gli elaborati grafici dovranno essere ottenuti mediante tracciamento automatico del database topografico, ma conterranno eventualmente anche degli elementi che non sono presenti nel database topografico. Tali elementi vengono indicati col termine di vestizione, termine che indica l insieme di simboli, linee speciali e campiture con cui si completa il disegno ottenuto per tracciamento delle primitive geometriche delle entità del database topografico, al fine di rendere più agevole l interpretazione della cartografia disegnata. La produzione della carta disegnata a partire dal database topografico, implica una fase di produzione da parte della stazione appaltante nella quale, alla geometria delle entità, viene associata anche la vestizione per la produzione degli elaborai grafici richiesti dal capitolato. Pertanto col termine di database topografico non si intende l equivalente in forma numerica degli elaborati grafici richiesti, bensì l insieme delle entità che traducono nella cartografia gli oggetti reali, essendo ogni entità grafica composta unicamente da un codice e da una primitiva geometrica che descrive la forma dell oggetto che essa rappresenta. La Committenza riceverá, dalla stazione appaltante i file numerici utilizzati per la produzione degli elaborati grafici e i file con la vestizione in formato di plottaggio HP. Al fine di ottimizzare la qualità grafica della cartografia, la Ditta dovrà produrre un foglio campione non appena possibile. Tale foglio campione sarà attentamente analizzato da parte della Provincia e del Collaudatore, in modo da evidenziarne eventuali carenze a da proporre eventuali modifiche. Una volta approvato il foglio campione, tutta la produzione su carta dovrà rispettare gli standard con esso stabiliti. A scopo preventivo, la Provincia è a disposizione per fornire eventuali fac-simile di riferimento relativi al contenuto grafico finale. In fase di editing dovranno inoltre essere evidenziati e concordati con la Provincia di Bolzano gli eventuali codici nuovi (cioè non previsti fra quelli riportati al capitolo 7) Recupero di database topografici esistenti Come già ricordato, non sono da restituire le aree segnalate dalla Direzione dei Lavori ma ricoperte dal blocco fotogrammetrico messe a disposizione, per cui esistano gia database topografici alle scale 1:1000 o 1:5000. La Ditta dovrà prestare attenzione ad eseguire correttamente la cucitura con le parti di database topografico esistenti al 1000 e al Tale cucitura non deve modificare le geometrie esistenti al 1000, che derivano da rilevamenti eseguiti e gestiti in aggiornamento a livello comunale. I raccordi fra elementi corrispondenti nelle diverse scale dovrebbero risultare inferiori alle tolleranze planimetriche ed altimetriche; la Ditta provvederà a risolvere tale raccordo in un ambito territoriale di circa m rispetto alla delimitazione delle aree che definiscono le differenti scale di assunzione del dato geometrico. Nel caso si dovessero evidenziare raccordi di dimensioni superiori alla tolleranza cartografica, sarà necessario segnalare la questione al Collaudatore che darà indicazioni sulle procedure di risoluzione del problema Modalità di fornitura dei file. Tutti i file parziali o finali relativi al lavoro in oggetto dovranno essere predisposti su CD-ROM. Ogni CD-ROM dovrà contenere un file TXT che indica il contenuto del CD-ROM, la data di predisposizione, e ogni altro elemento che serva ad inquadrarlo nello sviluppo temporale e sequenziale dei lavori. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 15

17 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Elaborati da consegnare a collaudo al termine dell editing Al termine di tutte le operazioni di editing, la ditta dovrà consegnare a collaudo il seguente materiale: gli originali di ricognizione; una tabella riassuntiva che indichi, per ciascun elaborato grafico che costituisca l'originale di ricognizione, tutti gli errori di interpretazione, le omissioni ed i difetti rilevati; i file del database topografico che rispettino tutte le specifiche indicate, nel presente documento; gli elaborati grafici definitivi Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 16

18 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers CAPITOLO 6. CONTROLLO DI QUALITÀ E COLLAUDO Nel corso del presente documento le espressioni controllo di qualità e collaudo sono considerate come sinonimi, e verranno quindi usate nel seguito indifferentemente Compiti del Collaudatore Oltre a quanto previsto dalla vigente legislazione in materia di opere pubbliche, saranno compiti specifici del Collaudatore: stendere il certificato finale di collaudo, o respingere motivatamente gli elaborati del lavoro eseguito; esprimere parere sulle eventuali riserve avanzate dall Appaltatore e dal Direttore Lavori e in merito alla penalità, qualora ve ne fossero gli estremi; accertare l area della superficie rilevata. Alla fine dei lavori, il collaudatore dovrà trasmettere alla Provincia di Bolzano tutto il materiale presentato a collaudo, in modo da poter strutturare in modo organico una serie di metadati relativi all informazione cartografica Controllo di qualità e collaudo in corso d opera Il collaudo sarà eseguito in corso d opera, nel senso che: l andamento dei lavori verrà seguito fin dal suo inizio per verificare l osservanza delle prescrizioni operative; verranno esaminati tutti gli elaborati intermedi a mano a mano che verranno ultimati in ciascuna fase del lavoro; il risultato sarà oggetto di apposito certificato di verifica (di accettazione o di rifiuto); alla fine del lavoro verrà certificata o meno la collaudabilità di tutte le fasi, sulla scorta delle relazioni di verifica eseguite in corso d opera, e verrà compilato il certificato di collaudo secondo le norme di legge Procedure di collaudo Di norma una verifica di collaudo avrà esito positivo quando meno del 5% dei controlli eseguiti sarà fuori tolleranza, o comunque non corrispondente a quanto richiesto in capitolato. In nessun caso comunque potrà essere superato il doppio della tolleranza prescritta. Fanno eccezione i casi in cui è richiesto in capitolato che tutti i controlli debbano avere esito positivo. Per le verifiche per le quali non è possibile stabilire un rapporto percentuale, è decisivo il giudizio soggettivo del Collaudatore. Per ciascuna fase il Collaudatore classificherà il lavoro come: a) positivo o accettabile con lievi completamenti e correzioni ; b) abbisognevole di notevoli completamenti e correzioni ; c) non accettabile Esito positivo o accettabile con lievi completamenti e correzioni Il Collaudatore compilerà la relazione di accettazione, che dovrà essere inviata alla Direzione Lavori. In essa dovranno essere indicate le eventuale osservazioni relative alle manchevolezze riscontrate, cui l Appaltatore dovrà porre immediato rimedio, nel caso l esito sia accettabile con lievi completamenti e correzioni. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 17

19 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers Esito abbisognevole di notevoli completamenti e correzioni Nel caso in cui si rendano necessari notevoli completamenti o correzioni, il Collaudatore invierà all Ente appaltante una relazione di rifiuto nella quale descriverà in dettaglio gli errori e le manchevolezze riscontrati. ulla base di tale relazione il Direttore dei Lavori notificherà all'appaltatore il risultato della verifica assegnando il termine perentorio per la regolarizzazione del lavoro e la ripresentazione degli elaborati. e il secondo controllo risulterà favorevole, verrà emessa la relazione di accettazione, notificando alla Direzione Lavori le spese a carico dell'appaltatore per i maggiori oneri derivanti dalla ripetizione del controllo. e gli elaborati presentati al secondo controllo risultassero ancora incompleti o errati, si ripeterà la procedura di collaudo con spese e penali a carico dell'appaltatore. Qualora anche il terzo controllo risultasse negativo, il lavoro verrà rifiutato Esito non accettabile Nel caso in cui il lavoro non sia assolutamente accettabile, il Collaudatore compilerà una dettagliata relazione di rifiuto della fase, descrivendo gli errori e le manchevolezze riscontrate. Il Direttore dei Lavori invierà detta relazione all Ente appaltante, per le proprie determinazioni in merito Collaudi delle diverse fasi Collaudo della fase d inquadramento planimetrico ed altimetrico, appoggio e triangolazione aerea Il collaudo della determinazione dei punti d appoggio, oltre a controllare quanto descritto in precedenza, comporterà le seguenti verifiche: la corretta densità e disposizione dei punti d appoggio planimetrici e altimetrici; che gli strumenti utilizzati rispondano alle norme prescritte in capitolato; che la metodologia operativa della Ditta appaltatrice sia adeguata e che i risultati ottenuti rispettino le prescrizioni; che siano state effettuate misure in numero sufficiente da rendere statisticamente significativi i controlli interni e le compensazioni. Il Collaudatore potrà imporre alla Ditta di eseguire ulteriori misure dirette sul terreno per controllare le coordinate dei punti d appoggio, qualora egli nutra dei dubbi sull adeguatezza della rete. la corretta predisposizione delle monografie dei punti d appoggio. Il collaudo della T.A. comporterà la verifica del seguente materiale: le caratteristiche del programma di calcolo utilizzato; i risultati ottenuti dall elaborazione, in particolare gli sqm sui punti di legame e gli scarti sui punti d appoggio; la corretta disposizione dei punti di legame; la corretta predisposizione delle monografie dei punti di legame Collaudo della restituzione e della ricognizione Il collaudo della restituzione comporterà le seguenti verifiche: esame dei documenti comprovanti la verifica degli strumenti di restituzione; ripetizione allo strumento dell'orientamento di almeno il 5% dei modelli utilizzati in restituzione e rideterminazione sugli stessi di almeno 30 particolari plano-altimetrici ben definiti e di altrettanti punti quotati, situati in zone diverse del modello ed in zone di sovrapposizione con i modelli contigui; le coordinate acquisite in fase di controllo e quelle memorizzate nel file di restituzione originale dovranno differire di quantità inferiori alle tolleranze di posizione di un punto, moltiplicate per 2/3. Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 18

20 Database topografico a scala 1:5.000 e 1: pecifiche tecniche Vers verifica a campione della completezza del contenuto del database topografico e dell'accuratezza della fotointerpretazione secondo quanto previsto per i segni grafici; verifica che siano stati evidenziati, con opportune codifiche, segni grafici e note sul disegno ottenuto al plotter, tutti i particolari da completare mediante ricognizione a terra o editing grafico. Il collaudo della ricognizione comporterà le seguenti verifiche: esame degli originali di ricognizione; ricognizione sul terreno di almeno un decimo delle mappe (secondo il taglio degli elementi grafici descritto), a scelta del Collaudatore. Il Collaudatore dovrà prendere nota scritta di tutti gli errori interpretativi, di tutte le omissioni riscontrate e della sua valutazione sulla qualità degli elementi cartografici. Dovrà inoltre eseguire un controllo qualitativo della rappresentazione morfologica del terreno; dovranno essere elencate tutte le deficienze e di conseguenza giudicata la validità di tale rappresentazione. Particolare riguardo dovrà essere posto nella verifica degli interventi di ricognizione realizzati sull edificato; esame dei documenti relativi a tutte le misure integrative eseguite sul terreno Collaudo dell editing e del formato dei dati Il collaudatore, a campione, verificherà che le variazioni delle coordinate di punti sottoposti ad editing, rispetto a quelle originali, non abbiano superato i valori ammessi. ugli elaborati di consegna della cartografia numerica è previsto un insieme di controlli a tappeto automatizzati, al fine di rilevare eventuali errori o manchevolezze. Una prima classe di controlli riguarda la codifica degli oggetti. In particolare andrà verificato che: i codici utilizzati siano tutti e solo quelli previsti; la geometria (linea, superficie o punto) per ogni oggetto sia quella prevista; gli attributi alfanumerici associati ad ogni oggetto siano tutti e soli quelli previsti per l oggetto stesso; gli oggetti siano raggruppati in shapefile come previsto (per geometria e classe); Una seconda classe di controlli riguarda le relazioni topologiche e geometriche tra gli elementi della cartografia. In particolare andrà verificato che: non ci siano oggetti duplicati; non ci siano sovrapposizioni non previste tra oggetti (congruenza geometrica); siano rispettate alcune relazioni topologiche tra gli oggetti, ad esempio che: - i grafi stradale siano contenuti negli elementi della viabilità. Analogamente per i grafi ferroviari e dell idrografia; - i binari siano contenuti nei tracciati o parchi ferroviari; - gli oggetti dell idrografia che rappresentano il livello acqua siano contenuti negli oggetti, di tipo area idrica corrispondenti; l altimetria rientri entro intervalli prestabiliti; venga rispettata la densità massima di punti prevista; Il collaudo degli elaborati grafici consisterà nelle seguenti operazioni: controllo della corrispondenza dei supporti, del taglio e del formato dei fogli alle norme di capitolato; controllo della corrispondenza della simbologia grafica adottata con quanto previsto in capitolato; controllo della corrispondenza tra quanto rappresentato mediante il tracciamento automatico al plotter e quanto riportato negli archivi numerici corrispondenti; Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige 19

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Versione 3.0 Dicembre 2007 1 ASPETTI GENERALI 1.1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche

Dettagli

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 Dicembre 2007 1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche hanno lo scopo di

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Ing. Marco Gatti Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito POLITECNICO DI MILANO Comunedi Varese ProtocolloGenerale n. 0023289 dei20/0b/2009 Classificazione:10/10105 COMUNE DI VARESE, 6 MAG.2009 1111

Dettagli

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI CAPITOLATO D'ONERI 1 DISPOSIZIONI GENERALI...4 1.1 DEFINIZIONI

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme Regione Calabria APPALTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEI SERVIZI GEOMATICI E TELEMATICI DEL CENTRO CARTOGRAFICO REGIONALE DI LAMEZIA TERME 1. Rete di raffittimento geodetico regionale

Dettagli

servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici.

servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici. CAPO I OGGETTO DEL SERVIZIO DESIGNAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 DISCIPLINARE TECNICO ORTOFOTO E MODELLI DEL TERRENO Art 1.Oggetto della fornitura

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94.

Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94. Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94. CRITERI PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI REGIONALI E MODALITA'

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI SPECIFICHE TECNICHE versione 3.0 vom 10.09.2010 Prospetto: Specifiche tecniche Premessa Formato dei file Sistema di riferimento Precisione metrica Modello

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 3: Contabilità dei lavori Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

Strato 10 ad Alta Velocità

Strato 10 ad Alta Velocità General Contractor FIAT Esecutore opere civili Consorzio C.A.V.To.Mi. costituito da: Impregilo, Società Italiana Condotte d Acqua e Maire Enginnering 1) Tratta Funzionale Torino-Novara km. Da 00+000 a

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it L'impiego dei droni per lo svolgimento delle attività professionali. Qualità e affidabilità delle

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DI UN

RAPPRESENTAZIONE DI UN RAPPRESENTAZIONE DI UN EDIFICIO Rappresentare un edificio è un operazione complessa, in particolare quando si tratta di fornire informazioni molto diverse e dettagliate di un oggetto ancora inesistente.

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

10 - CURVE DI LIVELLO

10 - CURVE DI LIVELLO 10 - CURVE DI LIVELLO La rappresentazione del territorio mediante CURVE DI LIVELLO è stata da sempre la soluzione ideale adottata dai topografi al fine di visualizzare in maniera efficace l andamento orografico

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

CONTABILITA DEI LAVORI

CONTABILITA DEI LAVORI CONTABILITA DEI LAVORI E un attività che viene svolta, nel processo di realizzazione di ogni opera, in due fasi ben distinte e con due diverse finalità: In fase preventiva: all atto della redazione del

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E03 Edilizia, urbanistica e ambiente Contabilità dei lavori Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER L ISTITUZIONE DI RETI TECNICHE CON METODOLOGIA GPS

SPECIFICHE TECNICHE PER L ISTITUZIONE DI RETI TECNICHE CON METODOLOGIA GPS SPECIFICHE TECNICHE PER L ISTITUZIONE DI RETI TECNICHE CON METODOLOGIA GPS ad uso del COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA a cura di: ing. Livio Pinto D.I.I.A.R. sez. Rilevamento Politecnico

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO GESTIONE E PRENOTA MILLENNIUM

AGGIORNAMENTO GESTIONE E PRENOTA MILLENNIUM AGGIORNAMENTO GESTIONE E PRENOTA MILLENNIUM Ottobre 2010 10/2010 Riservato ogni diritto di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo senza autorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Gabriele GARNERO garnero@agraria.unito.it Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Seminario AM/FM Il decentramento del catasto ai Comuni BERGAMO, 07/05/02 Università degli

Dettagli

Sentite l Associazione nazionale dei comuni italiani, l Unione delle province d Italia e l Unione nazionale comuni, comunità ed enti della montagna;

Sentite l Associazione nazionale dei comuni italiani, l Unione delle province d Italia e l Unione nazionale comuni, comunità ed enti della montagna; Decreto 16 giugno 2004 Modalità relative alle certificazioni concernenti il conto di bilancio 2003 delle amministrazioni provinciali, dei comuni, delle comunità montane e delle unioni di comuni. * * *

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO Capitolato tecnico per l'affidamento della fornitura di creazione di una banca dati, tramite digitalizzazione delle schede individuali e dei fogli di famiglia del servizio

Dettagli

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Introduzione (PREtrattamento atti GEOmetrici) è uno strumento di supporto per i tecnici professionisti quali geometri, ingegneri, architetti, periti agrari

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AGGIORNAMENTO DEL DATABASE GEOTOPOGRAFICO DELLA REGIONE SARDEGNA ALLA SCALA 1:10.000 MEDIANTE RESTITUZIONE AEROFOTOGRAMMETRICA

PROCEDURA APERTA PER L AGGIORNAMENTO DEL DATABASE GEOTOPOGRAFICO DELLA REGIONE SARDEGNA ALLA SCALA 1:10.000 MEDIANTE RESTITUZIONE AEROFOTOGRAMMETRICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO E DEL TERRITORIO, SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI PROCEDURA APERTA PER L

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Primo Corso Regionale in Lombardia su Servizi GPS di Posizionamento per il Territorio e il Catasto Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Giovedì 16 Febbraio 2006 prof.. Giorgio Vassena Schema

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

Documentazione tecnica dei confini nel sistema catasto/tavolare dell Alto Adige. Situazione e prospettive. Bolzano, 09 Marzo 2009 ing.

Documentazione tecnica dei confini nel sistema catasto/tavolare dell Alto Adige. Situazione e prospettive. Bolzano, 09 Marzo 2009 ing. Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto Documentazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLA SCHEDA INFORMATIZZATA E MODALITA DI INVIO DEI DATI - L. R. 162/98 PROGRAMMA 2012 052013

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLA SCHEDA INFORMATIZZATA E MODALITA DI INVIO DEI DATI - L. R. 162/98 PROGRAMMA 2012 052013 Allegato alla nota n. 6592 del 10 maggio 2013 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLA SCHEDA INFORMATIZZATA E MODALITA DI INVIO DEI DATI - L. R. 162/98 PROGRAMMA 2012 052013 Premessa Il seguente documento illustra

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli