PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO"

Transcript

1 PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico Modalità di realizzazione dei lavori Cartografia di sintesi Computo delle superfici e stima economica di realizzazione Quadro economico finanziario di progetto Cronoprogramma di realizzazione dei prodotti... 5 Tempi di esecuzione dei lavori... 5 Tempi parziali... 5 Allegati: Allegato A Cartografia comunale di dettaglio Allegato B Computo delle superfici e stima economica di realizzazione Allegato C Quadro economico finanziario Pag. 1 su 6

2 Introduzione: scopo e contenuto del progetto Il presente progetto si inquadra all interno di un più ampio progetto sovracomunale che ha lo scopo di completare territorialmente la formazione di cartografia prodotta utilizzando specifiche tecniche omogenee (definite a livello regionale) per la realizzazione di Data base topografici (DBT) alle scale 1:2.000, 1:5.000 e 1:10.000, per i Comuni facenti parte del territorio della Provincia di Bergamo che ancora non dispongono del DBT così come previsto dalla L.R. 12/05, in conformità a quanto proposto nelle specifiche tecniche definite dal Comitato Tecnico di Coordinamento dell Intesa Stato, Regioni, Enti locali sul Sistema Cartografico di riferimento (Intesa GIS), in materia di basi geografiche di interesse generale, ed approvate dal Comitato tecnico nazionale per il coordinamento informatico dei dati territoriali. I prodotti ottenuti costituiranno lo strumento fondamentale di base per la futura organizzazione e gestione dei dati territoriali all interno dei Sistemi Informativi Territoriali (SIT) degli Enti Locali, consentendo pertanto lo sviluppo delle cosiddette Infrastrutture di Dati Spaziali (IDS) il cui obiettivo fondamentale è quello di risparmiare risorse attraverso la condivisione della informazione geografica, integrando il vasto patrimonio di dati geospaziali esistenti in un unico data base virtuale, ponendo anche le basi per sviluppare una serie di servizi da offrire via internet per tutti coloro che usufruiscono dei dati. I due fondamentali concetti base che sostengono la IDS sono la sussidiarietà e la compartecipazione. Il primo pilastro prevede che i dati devono essere raccolti una sola volta realizzando il coordinamento tra i vari soggetti coinvolti. Il secondo prevede, invece, il coinvolgimento dei soggetti interessati, pubblici e privati, in maniera attiva, alla definizione di linee guida ed alla creazione di servizi di base per la consultazione e l accesso alle informazioni. In particolare i DBT sono stati individuati da Regione Lombardia, ai sensi della L.R. 12/2005 e sue successive integrazioni e linee guida di attuazione, come la base di riferimento al fine di disporre degli elementi conoscitivi necessari alle scelte di pianificazione e di gestione del territorio. Inoltre una base cartografica così organizzata risulta utile e fondamentale oltre che per le attività di pianificazione urbanistica ed infrastrutturale, anche per la gestione del patrimonio immobiliare, la gestione della fiscalità locale, la valorizzazione e il censimento dei beni culturali ed ambientali, fino alla efficiente gestione dei servizi alle persone. Progetto Tecnico 1. Modalità di realizzazione dei lavori Il coordinatore nonché responsabile del Progetto e proponente unico dell aggregazione di Comuni è la Provincia di Bergamo. Il direttore dei lavori per il rispetto del piano tecnico, economico e dei tempi di realizzazione sarà individuato dalla Provincia di Bergamo privilegiando una figura professionale all interno della propria struttura tecnica. Per quanto riguarda l effettuazione delle verifiche di collaudo relative alle diverse fasi di produzione del DBT, esse saranno a cura di professionisti di comprovata esperienza nel settore dei collaudi in ambito cartografico e dei Data Base Topografici. E prevista una attestazione finale di rispondenza dei prodotti ai requisiti richiesti, a cura del proponente unico del progetto, sulla base della Relazione Finale rilasciata in fase di collaudo. Per quanto riguarda la modalità di realizzazione dei lavori, esse sono descritte nei punti seguenti. E prevista la realizzazione del Data base topografico dell intero territorio appartenente all insieme dei Comuni aderenti. Pag. 2 su 6

3 La realizzazione del Data base topografico verrà effettuata secondo le indicazioni tecniche di Regione Lombardia in vigore e potrà essere successivamente adeguata, sino al momento di effettuazione delle procedure di affidamento degli appalti dei lavori, sulla base degli aggiornamenti che verranno dettati da Regione Lombardia. Il formato fisico di fornitura dei Data base topografici sarà conforme a quello definito nelle specifiche stesse. Le specifiche tecniche utilizzate sono dettate, con deliberazione giunta regionale del 20 febbraio 2008, n. 8/6650, pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regione Lombardia del 22 aprile 2008, 1 supplemento straordinario: Aggiornamento delle specifiche tecniche in materia di data base topografico a supporto del Sistema Informativo Territoriale integrato : a. Specifiche tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alla scala 1:1.000 e 1: Versione 3.0 dicembre 2007 b. Specifiche tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base Topografico alle scale 1:5.000 e 1: Versione 3.0 dicembre 2007 c. Specifiche tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 dicembre 2007 d. specifiche tecniche di rappresentazione del Data base topografico alle varie scale Versione 3.0 marzo 2009 e. Specifiche di contenuto e schema fisico di consegna del Data base topografico Versione 4.0 marzo 2009 f. Allegati tecnici alle specifiche di contenuto e schema fisico di consegna del Data base topografico - Versione 4.0 marzo 2009 composto da: Allegato A) schema fisico degli shape file di consegna Allegato B) Elenco dei domini numerati Allegato C) Caratteristiche degli shape file del disegno Allegato D) Grado di priorità del disegno Allegato E) Elenco delle vestizioni g. Linee guida per l applicazione dello standard ISO h. Specifiche tecniche in materia di ortofoto. E previsto per ogni Comune: - nuova realizzazione di Data base topografico; - oppure aggiornamento e adeguamento in Data base topografico di cartografia numerica qualora si disponga di cartografia numerica a scala 1:5.000, 1:2.000 e/o 1:1.000, prodotta con rilievo aerofotogrammetrico posteriore al 1 gennaio 2000; - oppure, qualora fossero disponibili Data base topografici, sono previsti: Adeguamento alle ultime specifiche tecniche pubblicate da Regione Lombardia; Aggiornamento cartografico laddove necessario; Produzione raster 1:10.000; Rilievo, aggiornamento o integrazione dei numeri civici. Il progetto prevede l integrazione nel Data base topografico dei numeri civici e della toponomastica stradale per l intera aggregazione dei Comuni. Verrà assicurata la contiguità con i DBT limitrofi, anche se prodotti da altri soggetti. La strutturazione delle informazioni sotto forma di banca dati garantirà la gestione delle informazioni relative all intero territorio senza soluzione di continuità, Pag. 3 su 6

4 indipendentemente dal fatto che vi sia una suddivisione su diverse scale nell acquisizione. Il Data base topografico conterrà le informazioni previste per la scala 1: per l intero territorio interessato dal progetto (come indicato nelle specifiche di contenuto per la creazione dei Data base topografici). Per l intero territorio sarà prodotta la cartografia in formato raster alla scala 1:10.000, secondo le modalità definite da parte di Regione Lombardia; tale prodotto costituirà aggiornamento della Carta Tecnica Regionale per l area interessata. Per le aree rilevate alla scala di dettaglio (1: :2.000) è prevista la rappresentazione grafica e la produzione del raster alla stessa scala, secondo le indicazioni tecniche regionali. E previsto il rilievo della componente 3D del dato nei casi: - produzione ex novo del Data base topografico; - aggiornamento di cartografia numerica e adeguamento a Data base topografico; Nel caso di adeguamento a Data base topografico e nei casi di aggiornamento e adeguamento da cartografia numerica a Data base topografico, la componente 3D sarà presente nel prodotto finale solo se già rilevata. E prevista la verifica dei limiti amministrativi dei Comuni aderenti, sulla base delle fonti preesistenti. Il proponente unico si impegna ad acquisire parere positivo alla verifica informatica dei dati del DBT, con l uso delle procedure di controllo regionali. 2. Cartografia di sintesi Nella cartografia di sintesi viene indicato il territorio interessato, con la suddivisione delle zone da rilevare alle diverse scale, le eventuali zone per le quali si intende procedere all aggiornamento e adeguamento di cartografia numerica o di DBT preesistente. L elaborato cartografico è stato prodotto sulla base della carta tecnica regionale. Per l individuazione delle aree urbanizzate da rilevare alla scala 1:2.000 è stato utilizzato il DUSAF 2 del 2008 prodotto da Regione Lombardia. Si veda l Allegato A. 3. Computo delle superfici e stima economica di realizzazione Per quanto concerne il calcolo dei costi di produzione, sono stati utilizzati i prezzi di riferimento previsti da Regione Lombardia e contenuti nel D.d.u.o. del 8 luglio n Approvazione del bando di finanziamento 2009 per la Produzione di basi cartografiche attraverso Data base topografici ai sensi della l.r. 12/2005 (Allegato 4), pubblicato sul IV supplemento straordinario del BURL n. 29 del 24 luglio I costi di produzione del Data base topografico comprendono i costi di progettazione, realizzazione (includendo tutte le fasi di elaborazione: volo, triangolazione aerea, appoggio a terra, restituzione, ricognizione sul terreno, costituzione della base dati, realizzazione grafica, stampa di prodotti cartografici per i soggetti partecipanti, produzione del raster, realizzazione di copie per la fornitura agli enti partecipanti ed a Regione Lombardia), direzione lavori e collaudo dei prodotti. Si precisa che al momento non è possibile quantificare con certezza i costi di direzione lavori e di collaudo, in quanto le percentuali che ne determinano l importo sono inversamente proporzionali al costo complessivo di realizzazione del Data base topografico, secondo le formule proposte da Regione Lombardia contenute nell Allegato 4 del bando di finanziamento Nel quadro economico finanziario allegato vengono pertanto indicati i costi massimi ammissibili per ogni singolo comune e solamente quando si avrà conoscenza dell esatta composizione della Pag. 4 su 6

5 compagine aggregata e il relativo costo complessivo di progetto per la produzione del Data base topografico si potranno calcolare le percentuali definitive e desumere l esatto importo dei costi di Collaudo e Direzione Lavori. I costi contenuti nel progetto definitivo che verrà presentato in Regione Lombardia verranno comunicati ai comuni partecipanti. Tali costi non saranno superiori a quelli previsti negli allegati B e C del presente progetto. Si veda l Allegato B. 4. Quadro economico finanziario di progetto Il quadro economico finanziario indica la quantificazione, in previsione, della somma delle varie voci di spesa massime ammissibili previste dal bando, da cui emergono con evidenza le spese a carico dei partecipanti al progetto, i soggetti che contribuiscono al finanziamento. Si fa presente che come previsto dall articolo 13 del bando regionale, per i territori dei comuni con densità di popolazione inferiore a 0,5 ab/ha i costi del rilievo aerofotogrammetrico e di strutturazione del DBT, per le aree alla scala 1:10.000, sono a totale carico della Regione Lombardia. Si veda l Allegato C. 5. Cronoprogramma di realizzazione dei prodotti Tempi di esecuzione dei lavori Il tempo totale di realizzazione dei lavori è la somma dei seguenti tempi: tempi per l affidamento dei lavori (costituito dai tempi amministrativi per la realizzazione e la pubblicazione del bando di gara nonché dei tempi per l espletamento della gara e la consegna dei lavori); tempi per la realizzazione dei lavori (costituita dai tempi per le fasi di restituzione, ricognizione, editing, approntamento dei prodotti finali). Per lo svolgimento di queste due fasi è previsto un tempo massimo di 720 giorni così suddivisi: tempi per l affidamento dei lavori: 180 giorni tempi per la realizzazione dei lavori: 540 giorni L eventuale ripartizione del lavoro in lotti sarà valutata al momento della costituzione della compagine di comuni partecipanti al progetto complessivo. Si ipotizza di suddividere i lavori in 2 distinte attività: 1) Realizzazione delle riprese aereofotogrammetriche e dell orientamento esterno dei singoli fotogrammi ( riprese servite ); 2) Stereorestituzione e costruzione del Database Topografico (su due lotti di dimensioni analoghe). L attività di cui al punto 1) sarà realizzata con un appalto ad hoc secondo il criterio del massimo ribasso. Le attività di cui al punto 2) saranno realizzate con appalti secondo il criterio dell offerta più vantaggiosa valutando i risultati di una prova d arte. Tempi parziali a) Nuova realizzazione e aggiornamento della cartografia disponibile I tempi utili parziali per dare compiute le singole fasi del lavoro, espressi in giorni naturali e consecutivi a partire dalla data della consegna dei lavori e dalla data di ultimazione della fase Pag. 5 su 6

6 precedente rispetto alle fasi successive (fase intera o lotto, secondo quanto specificato nel seguito), sono le seguenti: VOLO: 60 giorni, COLLAUDO DEL VOLO 25 giorni APPOGGIO A TERRA 30 giorni, COLLAUDO DELL APPOGGIO 15 giorni, TRIANGOLAZIONE AEREA (T.A.) 20 giorni, COLLAUDO DELLA T.A. 15 giorni. RESTITUZIONE 100 giorni, COLLAUDO RESTITUZIONE 30 giorni, RICOGNIZIONE 100 giorni, COLLAUDO RICOGNIZIONE 30 giorni, EDITING e TRASPOSIZIONE IN DBT 80 giorni, COLLAUDO FINALE SUL TERRENO E DBT 35 giorni. Data l ipotetica estensione del territorio da cartografare, la consegna del materiale relativo alla ripresa fotogrammetrica potrà essere effettuata man mano che le diverse porzioni vengono eseguite, al fine di non rallentare l inizio delle successive fasi di produzione. Nel computo del tempo totale necessario per la conclusione dei lavori sono compresi i tempi di collaudo parziale delle fasi che vincolano l inizio delle fasi successive (riprese aeree, appoggio a terra e Triangolazione aerea, restituzione, ricognizione, realizzazione del DBT). Sono fatti salvi i ritardi legati alla realizzazione del volo (cause esterne di origine meteorologica). N.B.: Il periodo utile per l esecuzione del volo aerofotogrammetrico risulta vincolato alle caratteristiche ambientali e territoriali; inoltre, stante la necessità di operare in particolari condizioni meteorologiche, nel caso in cui tali condizioni non si verifichino entro il termine indicato, alla Ditta aggiudicataria sarà concesso, per l ultimazione del volo, un tempo totale pari a 15 giorni anche non consecutivi, di tempo meteorologicamente adatto alle riprese fotogrammetriche. Data l estensione del territorio da cartografare, la consegna del materiale relativo alla ripresa fotogrammetrica potrà essere effettuata man mano che le diverse porzioni vengono eseguite, al fine di non rallentare l inizio delle successive fasi di produzione. Il tempo complessivo in giorni naturali e consecutivi a disposizione della Ditta aggiudicataria dei lavori di ripresa aerea servita, risulta pari a 165 giorni suddivisi nelle fasi di Ripresa aerea, Appoggio e Triangolazione aerea, nei quali sono compresi i tempi di collaudo computati in 55 giorni (il collaudo del volo si sovrappone parzialmente con i tempi di realizzazione dell appoggio). Per la realizzazione del DBT si prevede di operare su 2 lotti distinti (comuni di montagna e comuni di pianura). La suddivisione dei Lotti verrà comunque decisa dalla Provincia di Bergamo dopo averne stabilito la consistenza sulla base delle ipotesi di progetto ed in funzione dello stato di avanzamento della copertura della ripresa aerea. b) Adeguamento di cartografia numerica o di DBT con precedenti specifiche in DBT In questo caso non si parla di tempi parziali e di fasi di lavorazione ma semplicemente di fase di trasposizione della Cartografia numerica in DBT. La Ditta Aggiudicataria dovrà eseguire tale operazione per i Comuni che necessitano di questa lavorazione, in parallelo con la realizzazione ex novo e aggiornamento della cartografia. In particolare saranno impiegati i periodi utilizzati per la restituzione e la ricognizione. In totale per questa sola fase (con relativo collaudo) sono previsti 300 giorni consecutivi comprensivi dei 50 giorni di collaudo. Pag. 6 su 6

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 24 OTTOBRE 2008. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 24 OTTOBRE 2008. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 24 OTTOBRE 2008 4º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 219 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D.LGS. n.163/06, PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo OSMIT 2016 Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo INTRODUZIONE Un buon glossario è fondamentale per chi produce, per chi collauda e per chi utilizza i dati cartografici 2 COME POSSIAMO INTEGRARCI

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per ogni informazione, per i link ai siti degli archivi documentali e per scaricare tutti i documenti e le specifiche tecniche, fare riferimento al sito:

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per i comuni delle Province di Cremona e Varese, la consegna del PGT in formato digitale avverrà secondo modalità stabilite dalle stesse province. Per ogni

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O Prot. n. 827/C6f Castelletto, 16 marzo 2016 Agli Atti dell Istituto Al Sito Internet Istituzionale Riferimento: Progetto: Oggetto: Fondi Strutturali Europei - Programma Operativo Nazionale Per la scuola,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE IV: IL RESPONSABILE DEL SETTORE: Ing. Pasquale Matrisciano Registro Generale n. 91 del 10/02/2015 Registro Settore n. 12 del 06/02/2015 O

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 GLI STRUMENTI FONDAMENTALI DI GOVERNO DEL TERRITORIO LR 12/2005 Art. 3 SITI Art. 4 VAS Art. 5 OSSERVATORIO PERMANENTE

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n.

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Si ricorda che il Programma Housing della Compagnia di San Paolo finanzierà il progetto di accompagnamento per un massimo di 12 mesi 1. Denominazione

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO D INCENTIVAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL PIANO DELLA SICUREZZA, DELLA DIREZIONE DEI LAVORI E DEL COLLAUDO. Emanato con D.R. n. 6197 del 13/02/2004 Ultime

Dettagli

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. 94 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B61E04000030001

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013. Proposta n. 409 DETERMINAZIONE N. 409 del 11/11/2013 Proposta n. 409 Oggetto: VARIANTE N. 47 AL P.R.G.C. VIGENTE. AFFIDAMENTO INCARICO PER RILIEVI TOPOGRAFICI. C.I.G.: Z020C4AC97 Area Urbanistica ed Edilizia Privata Proposta

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA SETTORE 3 - UFFICIO TECNICO LL. PP. - MANUTENTIVO - SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Corso M.Carafa, 47 - Tel 0824-861413 - Fax 0824-861888 E mail ufftecnicocerreto@libero.it BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD. N. atto DN-15 / 128 del 23/01/2014 Codice identificativo 974859

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD. N. atto DN-15 / 128 del 23/01/2014 Codice identificativo 974859 COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-15 / 128 del 23/01/2014 Codice identificativo 974859 PROPONENTE Coordinatore lavori pubblici - Edilizia pubblica OGGETTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CONCESSIONE IN USO ESCLUSIVO IRREVOCABILE (I.R.U.) O, IN ALTERNATIVA, SERVIZIO DI FIBRA SPENTA, ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE PER ALMENO 24 MESI DI DUE COPPIE DI FIBRE

Dettagli

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa:

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Settore n 6 Manutenzione Ambiente Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Relazione del Dirigente: Premesso

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 D. D. Centro di responsabilità: SETTORE MANUTENZIONE E SVILUPPO RETE STRADALE DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 Oggetto S.P. N. 21 "CIGNONE-CORTE DE'FRATI",S.P. N. 86 "DI BORDOLANO", S.P. CR EX S.S.

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

Accordo di Programma EXPO 2015

Accordo di Programma EXPO 2015 Accordo di Programma EXPO 2015 Tavolo di coordinamento L integrazione dei dati territoriali per il coordinamento degli interventi Nuovo spazio Guicciardini, 13 gennaio 2011 a cura del Settore Pianificazione

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per i comuni delle Province di Cremona e Varese, la consegna del PGT in formato digitale avverrà secondo modalità stabilite dalle stesse province. Per ogni

Dettagli

SELEZIONE DI SOGGETTI QUALIFICATI PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 AVVISO PUBBLICO

SELEZIONE DI SOGGETTI QUALIFICATI PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DI SOGGETTI QUALIFICATI PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 In esecuzione della determina dirigenziale n. 18 del 23 gennaio 2006 ai sensi

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DEGLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE DELLA FOCE DEL FIUME

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

Presentazione e curriculum professionale.

Presentazione e curriculum professionale. Presentazione e curriculum professionale. Paolo Gatti è un libero professionista che dal 1997 opera al servizio di Enti, public utilities e società private fornendo consulenza e servizi per l informatizzazione

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Il team di progetto Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA L INTEGRITA 2014-2016 AZIENDA SPECIALE SERVIZI PUBBLICI LOCALI VIA SOLFERINO, 13 56022 CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Con la redazione del programma triennale per la

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi NEU NOUVEAU NUOVO NOVO 12.03.2009 Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi Entrato in vigore il 1 aprile 2009 Titolo I Disposizioni generali Articolo

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE ART. 1 - ATTIVITA DEL CENTRO INTERCULTURALE ED OGGETTO

Dettagli

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto aggiornamento 1) Titolo dell intervento Finanziamento regionale l.r. n.13/2008 ( ) Altri Finanziamenti ( ) (**) Note Livello di progettazione approvazione 2) SEZIONE DATI PROGETTUALI D APPALTO ENTE ATTUATORE

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006 Provincia di Bari PO FESR Puglia 2007-2013 Asse VI- Linea di intervento 6.2 Azione 6.2.1 Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi Bando Regione Puglia BURP n. 117 del

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Oggetto del presente appalto è la progettazione esecutiva, (da redigersi sulla base del progetto preliminare della Stazione Appaltante e del progetto definitivo acquisito dalla Stazione

Dettagli

BANDO DI GARA APPALTO PUBBLICO DEL SERVIZIO PER LA REALIZZAZIONE DEL DATA BASE TOPOGRAFICO

BANDO DI GARA APPALTO PUBBLICO DEL SERVIZIO PER LA REALIZZAZIONE DEL DATA BASE TOPOGRAFICO PROVINCIA DI BERGAMO Via Torquato Tasso, 8 24100 BERGAMO SETTORE URBANISTICA ED AGRICOLTURA SETTORE: GRANDI INFRASTRUTTURE, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE-EXPO Via G. Sora, 4-24121 BERGAMO Tel. 035-387.405/504/502

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA Prot. 7684 del 01/04/2014 COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA Via San Francesco n. 441 - CAP 18011 Tel. 0184/476222 - Fax 0184/477200 http:www.taggia.it e-mail: info@comune.taggia.im.it SERVIZIO LAVORI

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 13 gennaio 2015, n. G00065 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0187. CALL FOR PROPOSAL

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia

COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia REGIONE CAMPANIA PROVINCIA DI AVELLINO Tel. 0827/83004 83263 Fax 082783190 e.mail sito web CAP 83041 Copia UFFICIO TECNICO DETERMINAZIONE N.170 DEL 12-11-2009 Oggetto:

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-RHEMY-EN-BOSSES REGOLAMENTO COMUNALE SUI CRITERI E LE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHE PER L ATTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) RELAZIONE TECNICA Procedura aperta per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio vegetale e di diserbo stradale

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Legge 1990040 Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Istituzione dell' osservatorio del sistema abitativo laziale e provvidenze per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

Amministrazione e Contabilità

Amministrazione e Contabilità Amministrazione e Contabilità Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione nei dipartimenti universitari 2 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Ambito di applicazione e finalità

Dettagli

Rappresentazione del territorio e Sistemi Informativi Territoriali

Rappresentazione del territorio e Sistemi Informativi Territoriali Verso il Data Base Topografico: percorsi di DBT in Provincia di Milano zione Centrale ificazione e tto del itorio Esperienze e progetti di utilizzo di dati territoriali Il DBT in Provincia di Milano dr.

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Procedimenti Livello di rischio Misure di prevenzione

SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Procedimenti Livello di rischio Misure di prevenzione SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Lavori eseguiti in somma urgenza Alto 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Relazione di cui all art.

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE OGGETTO: interventi di adeguamento al Piano Regolatore dell illuminazione comunale (P.R.I.C.). Realizzazione di un sistema eco-smart grid, di rete di videosorveglianza di aree critiche, di una rete di

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE REGOLAMENTO del Servizio Cartografico Approvazione del Regolamento: Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 970-170649/1994 del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Deliberazione n. Rep. Gen. 43/2014 Atti n. 28221\7.5\2014\2 Oggetto: Autorizzazione all'indizione di una procedura ad evidenza pubblica, per l'acquisizione

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DETERMINAZIONE N 2904 /SITR DEL 26/11/2010

ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DETERMINAZIONE N 2904 /SITR DEL 26/11/2010 Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della vigilanza edilizia DETERMINAZIONE N 2904 /SITR 26/11/2010 Oggetto: Gara d appalto con procedura aperta, ai sensi dell art. 55, comma

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA IL SERVIZI TERRITORIALI DEL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Raffaele Gareri Area Innovazione e Territorio della Provincia di Brescia Brescia, 5 febbraio 2009 Strumenti GIS per il

Dettagli

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 ALLEGATO 2 AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 Beneficiari Enti locali, soggetti pubblici, società o fondazioni immobiliari a prevalente capitale pubblico che

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Abstract La Lr 12/2005 di Regione Lombardia istituisce

Dettagli