(ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE DI CECCANO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE DI CECCANO)"

Transcript

1 Istituto: Istituto Tecnico Economico Ceccano, - indirizzo Amministrazione, finanza e marketing - con opzione Sistemi informativi aziendali (ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE DI CECCANO) Il dialogo e il confronto con le realtà diverse dalla scuola ha portato alla costituzione del CTS, migliorando la realizzazione dei tirocini ASlavoro come parte integrante del curriculo. Gli interventi didattici in aula, integrati con le ore di lavoro in azienda contribuiscono al conseguimento e al riconoscimento delle competenze formali, non formali e informali dei giovani studenti in formazione. Il percorso integrato ASL è finalizzato all occupabilità e alla rimotivazione allo studio. La scuola si è dotata di un regolamento ASLavoro al fine di rendere le procedure chiare e condivise. L ITE da sempre esse ha cooperato in rete con aziende, Enti, Istituzioni scolastiche, per la realizzazione di tirocini in ASL anche transnazionali - LLP e in partenariato ha organizzato eventi sui temi dell orientamento e incontri con testimoni del mondo del lavoro su temi riguardanti l approccio e l inserimento nel mondo del lavoro. Codice Mecc.: FRTD01901L Indirizzo: via Gaeta, n CECCANO (Fr) Tel.: fax : e- mail Dirigente Scolastico: prof.ssa Alessandra NARDONI 1

2 IMPRESE / ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA, PARTNER PUBBLICI, PRIVATI E TERZO SETTORE Denominazione AGENZIA DELLE ENTRATE FROSINONE CCIAA FROSINONE INNOVA FROSINONE UNINDUSTRIA FROSINONE BIC LAZIO ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI CULTURA E VOLONTARIATO YOURFUTURE AMNMINISTRAZIONE COMUNALE DI CEPRANO AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CECCANO ASSOCIAZIONE TURISTICA CECCANO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FROSINONE COLDIRETTI DI FROSINONE CONFARTIGIANATO DI FROSINONE CENTRO PER L IMPIEGO DI FROSINONE l idea progettuale Il progetto Alternanza Scuola Lavoro parte integrante del curriculo da diversi anni ha instaurato stabili partenariati con realtà del mondo dell istruzione (rete con altre IS), della formazione (Lettere d intenti con INNOVA) e del mondo del lavoro(convenzioni e protocolli d intesa) e intende: consolidare i partenariati con impegno pluriennale offrire agli studenti l opportunità di: utilizzare il Metodo e lo strumento didattico integrato dell Alternanza Scuola Lavoro per consapevolizzare il proprio percorso formativo in linea con le richieste del mondo del lavoro sempre più esigente e più competitivo apprendere in situazioni formali, informali e non formali e assicurare loro, oltre alle conoscenze di base (fase teorica) anche l'acquisizione di competenze spendibili nel mondo del lavoro (fase pratica) di conoscere e di farsi conoscere dal mondo del lavoro di confrontare ciò che si studia tra i banchi di scuola e/o nei laboratori di conoscere i fatti e di saperli inquadrare nelle categorie di riferimento di relazionarsi con il mondo lavorativo con approccio positivo verso l altro di avere capacità comunicative ed argomentative di mettersi alla prova di fronte alle criticità di assumere responsabilità rispetto ai compiti assegnati di portare a termine nel rispetto dei tempi il lavoro di dimostrando autonomia e capacità/abilità nell utilizzo di metodi e strumenti anche informatici bisogni formativi del territorio Il nostro territorio risente della crisi che investe i diversi settori dell economia, il mercato del lavoro è rappresentato per lo più da aziende di servizi che hanno bisogno di professionalità capaci di essere buoni cittadini con valori coerenti con i principi costituzionali a cui ispirare i propri comportamenti anche relazionali, e nello stesso tempo avere conoscenze e competenze specifiche del profilo professionale. Le aziende sentono il bisogno di cooperare nella formazione del management rispetto ai reali bisogni di professionalità e solo attraverso il dialogo, il confronto con le diverse realtà, scuola e mondo del lavoro, si può concorrere agli stessi intenti. risultati attesi dell esperienza opportunità di conoscere le aziende/ufficio amministrazione - contabilità /MKT, con riferimento alle operazioni di previsioni, organizzazione, conduzione e controllo di gestione. arricchimento personale e professionale in linea con le richieste del mondo lavorativo ai fini dell inclusività sociale acquisizione di un bagaglio di esperienze certificate da spendere per la ricerca del lavoro (molti sono gli studenti che hanno avuto un contratto di lavoro dalle aziende dove hanno svolto il tirocinio in alternanza) Certificazione dell esperienza con la descrizione delle nuove competenze acquisite in termini di responsabilità e autonomia in riferimento all EQF. collegamento tra aula e azienda, punto di forza dell idea progettuale, proposta dei Dipartimenti progettazione nei rispettivi Consigli di classe coinvolti lavoro dei docenti nei rispettivi Consigli di Classe alle progettazioni individualizzate in sinergia con le aziende per definire al meglio il percorso in Alternanza scuola Lavoro coinvolgimento di tutto il CdC al percorso in Alternanza dello studente- tutti i docenti sono tutor in ASL diverse discipline coinvolte nella progettazione del percorso interdisciplinare 2

3 acquisizione di nuove competenze professionali, sociali e personali sinergia tra scuola e aziende che consentono il connubio tra competenze formali, non formali ed informali. Il percorso formativo progettato in dettagliato (Unità di apprendimento-tutte le discipline su i temi trasversali e comuni, in linea con il curriculo di studio e coerente con il lavoro in azienda). Per realizzare l idea progettuale ci siamo dotati grazie all autonomia, di nuovi modelli organizzativi, quali i Dipartimenti con il compito di migliorare progettazione formativa collegiale e il Comitato tecnico-scientifico formato da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica(innova, Unindustria - Confindustria, Confartigianato, Enti locali e provinciale, mondo universitario), con il compito di rafforzare il dialogo con i soggetti del territorio ai fini dell orientamento alle professioni tecniche e della realizzazione di stage, tirocini e l alternanza scuola-lavoro. La nostra IIS comprende una SEZIONE tecnica economica e una SEZIONE professionale per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera ha come utenza circa 1055 studenti (eterogenei per possibilità economiche e bisogni formativi) ai quali vuole offrire la possibilità di intraprendere percorsi innovativi e fortemente integrati con l impresa in aziende italiane e europee. L ITE ha messo in atto dal 2006 i percorsi ASL considerando l azienda come interlocutore positivo alle riposte dei bisogni di integrazione dei contenuti disciplinari e le aspettative del mondo del lavoro. Ciò nel rispetto della formazione integrata e del peculiare bisogno formativo dello studente. L ITE ha organizzato i percorsi con il progetto cooperative e l IG Students-impresa simulata, con l utilizzo dell area di progetto, ha realizzato titocini in ASL transnazionali favorendo la mobilità e l inserimento lavorativo (diplomati oggi lavorano grazie all ASL). I percorsi didattici ASL si sviluppano con modalità intensiva e durante il mese di Febbraio mese dedicato alla didattica integrata e metodologia ASL. La scelta del mese di febbraio è stata supportata dal fatto che dopo il 1 trimestre si procede all analisi e alla riflessione dei risultati del processo di insegnamento/apprendimento, inizia il periodo dedicato a alle azioni correttive, la pausa didattica e al recupero autonomo o in itinere. I Docenti possono in sinergia con gli interlocutori del mondo del lavoro riprogettare e integrare con percorsi pluridisciplinari facilitando il successo formativo dello studente. Il mese di febbraio risulta utile al cick off, per la riprogettazione con metodologia ASL in vista del nuovo percorso pentamestrale e la relativa valutazione intermedia. Si ritiene utile la certificazione delle competenze acquisite in azienda e la valutazione dell attestato rilasciato dall azienda ai fini del credito formativo ai fini della ri-conoscenza delle competenze acquisite. Si registrano le valutazione nelle rispettive discipline nei CCdCC. L ASL consegue risultati positivi attraverso: 1. Il dialogo cooperativo costante con i protagonisti della società economica locale, del territorio, nazionale ed europeo: studi di commercialisti, legali, Assicurazioni, Agenzie delle Entrate, Associazioni di categoria e Amministrazioni locali e territoriali Confindustria, Camera di Commercio, Amm.ne Com.le Ceccano e Ceprano, Amm.ne Prov.le Frosinone, (luoghi lavorativi adatti al profilo professionalizzante degli studenti dell istituto Tecnico Economico) ciò ha permesso di costituire il CTS 2. il rispetto della normativa L.53 del 2003, DPR 275/99, D.P.R. 15 marzo 2010, n.88, D.Lgs , n fissando i principi relativi al funzionamento: PER L ISTITUTO TECNICO ECONOMICO: utilizzare il 20% dell autonomia per spazi di insegnamento apprendimento integrato realizzando per le classi 3 n. 120 ore con ASL (26 ore in aula con tutor della classe per la preparazione propedeutica all esperienza in azienda; 90 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe) realizzando per le classi 4 n. 120 ore con ASL (116 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe/evento con CTS) inserire momenti informativi/formativi sulla sicurezza, sulla qualità, sulla disciplina della gestione del personale e su argomenti di attualità temi economici aziendali inserire visite aziendali realizzare testimonianze di operatori/esperti del mondo del lavoro e deli Centro per l Impiego (protocollo d intesa), per avvicinare i giovani alle tematiche del lavoro, alle professioni di loro interesse organizzare in modalità intensiva il periodo in azienda I risultati attesi dell esperienza sono: o conseguimento di tirocini lavoro in modalità Alternata: lezione in aula periodo lavorativo in aziende o realizzazione di tirocini lavoro in alternanza scuola lavoro in coerenza con i bisogni formativi del territorio e mondo del lavoro globale o realizzare percorsi integrati in ambiente idoneo all apprendimento con tutor aziendali disponibili al dialogo cooperativo o realizzare doppio tutoraggio (tutor aziendale e tutor scolastico) mirato al progetto individualizzato, nel rispetto del peculiare bisogno formativo di ognuno e all indirizzo di studi intrapreso o acquisire nuove competenze rispetto a quelle acquisite tra i banchi di scuola, o approfondire/confrontare le conoscenze scolastiche o arricchire le relazioni o certificare le competenze formali, informali e non formali riconoscendole e spendibili nel mondo del lavoro Fase di PIANIFICAZIONE : struttura organizzativa, organi e risorse umane coinvolti Il Progetto ASL nel POF è pianificato con modalità intensiva; programmato nel periodo: dal 1 al 28 Febbraio; progettato: PER L ISTITUTO TECNICO ECONOMICO: sono progettate utilizzando il 20% dell autonomia per spazi di insegnamento apprendimento integrato per le classi 3 n. 120 ore con ASL(26 ore in aula con tutor della classe per la preparazione propedeutica all esperienza in azienda; 90 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe) per le classi 4 n. 120 ore con ASL (116 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe/evento con CTS) inserire momenti informativi/formativi sulla sicurezza, sulla qualità, sulla disciplina della gestione del personale e su argomenti di attualità temi economici aziendali inserire visite aziendali 3

4 realizzare testimonianze di operatori/esperti del mondo del lavoro e dei Centri per l Impiego, per avvicinare i giovani alle tematiche del lavoro, alle professioni di loro interesse organizzare in modalità intensiva il periodo in azienda Il Collegio Docenti delibera il Piano dell offerta formativa dopo la rilevazione delle caratteristiche sociali e culturali del territorio e degli studenti, delle risorse e dei bisogni formativi del nostro Istituto d Istruzione Superiore. Circa 1200 studenti delliis di Ceccano, utenza di diversa estrazione sociale e con bisogni formativi legati all inclusione sociale, provenienti: dalla provincia di Frosinone (Ciociaria) largamente rappresentata nella sua estensione; dalla provincia di Latina e di Roma. Sono studenti pendolari e non sono poche le difficoltà che incontrano, giorno dopo giorno, legate ai servizi pubblici e non solo. Ciò nonostante l utenza sceglie l offerta formativa dell IIS di Ceccano perché i tre istituti offrono unba formazione supportata dall Alternanza scuola lavoro garantendo un collegamento tra teoria e pratica lavorativa con possibile collocazione lavorativa. Le significative esperienze realizzate da più di 10 anni sono testimoniate anche dal successo delle stesse che hanno visto al termine del periodo di tirocinio in alternanza le aziende assumere i giovani. Il Progetto ASL, inserito nel POF, è strumento e metodo didattico integrato per favorire nello studente uno sviluppo di un personale progetto di vita e favorire la conoscenza del mondo lavorativo, e l incontro tra questo e lo studente che può farsi conoscere a sua volta e farsi apprezzare. Inoltre si favorisce il confronto tra i contenuti delle discipline e i compiti da svolgere in ambito lavorativo, il raccordo tra competenze formali e non formali certificabili e riconosciute consentendo la costruzione del personale Curriculum. Necessitano a sostegno di tale progetto risorse finanziarie affinchè l utenza possa perseguire tale percorso usufruendo di un organizzazione efficiente(trasporti per raggiungere i posti di lavoro) ed efficace (conseguimento dei risultati attesi). Il Consiglio d Istituto delibera gli impegni e i protocolli d intesa, le reti e il Comitato Tecnico scientifico favorendo alle professionalità presenti nel territorio di poter interagire in sinergia e cooperando al fine di una utilità dell esperienza in azienda alternata all aula. I DIPARTIMENTI sia di area sia disciplinare sono fondamentali per le scelte strategiche nell organizzazione della didattica per valorizzare la progettualità con soluzioni innovative anche utilizzando il 20% dell autonomia didattica per la flessibilità in funzione dell ASL. I CCdCC si organizzano nella loro autonomia didattica, nel rispetto della progettazione collegiale, individuano il progetto formativo della classe, programmano le attività didattiche con Unità di apprendimento anche pluridisciplinari sostanziate anche attraverso l ASL dove le diverse discipline sono coinvolte e dove lo studente può sviluppare in un contesto interdisciplinare (ambito lavorativo) competenze in termini professionali e personali. Il CdC valuta e valida l esperienza certificandola e riconoscendola). In ogni CdC tutti i docenti sono tutor degli studenti che vengono affidati durante il periodo di tirocinio in alternanza. Il tutor scolastico ha un ruolo fondamentale. Ogni Consiglio di classe ha il tutor di riferimento (mentor) a cui gli altri docenti tutor della classe si riferiscono per le criticità rilevate. Le AZIENDE che accolgono gli studenti, grazie a convenzioni e progetti individualizzati, dedicano spazio e tempo e risorse professionali-tutor aziendali per condividere l intervento didattico-formativo in azienda secondo uno schema di riferimento progetto individualizzato riportante compiti assegnati, obiettivi formativi da raggiungere. Il progetto individualizzato rappresenta il raccordo tra progettazione del CdC, bisogno formativo dello studente, bisogno professionalità dell azienda. Si sviluppa in questo modo interdisciplinarità e si realizza uno degli obiettivi più significativi del percorso formativo: certificare e riconoscere le competenze. L UFFICIO detiene la banca dati in riferimento alle aziende/enti/associazioni/assicurazioni cura la stipula delle convenzioni, comunica all INAIL e all Assicurazione i nominativi degli studenti in ASL. Il periodo di tirocinio in alternanza scuola lavoro segue la seguente struttura organizzativa: I Fase: in riferimento al progetto ASL i dipartimenti propongono il collegamento più efficace tra curriculo e tipologia lavoro aziendale: individuano i percorsi formativi codificandoli per bisogni formativi rispetto alle articolazioni dì indirizzo e definiscono le aree aziendali/uffici di destinazione desunti dalla banca dati in archivio ufficio. Vengono individuate le Competenze professionali di indirizzo (da scegliere tra le competenze indicate dalla Linee Guida NIT o da individuare in sede di Dipartimenti e CCdCC), quelle più coerenti con il contesto e la specificità della azienda. Al fine di rendere più efficace il percorso ASL il Dipartimento propone ipotesi di aree progettuali pluridisciplinari e nel caso in cui delle discipline non si riconoscessero concorrenti all acquisizione e allo sviluppo di competenze si dovrebbe trovare una soluzione nella flessibilità oraria o nell integrazione progettuale. La logica è non nell esclusiva memorizzazione del contenuto ma nell individuare quali conoscenze ed abilità mobilizzano lo studente quando si trova ad affrontare nella propria vita situazioni complesse, ivi comprese quelle in ASL dove ritrovare le discipline implicate compresa sc. Motorie. II Fase: le FFSS e i collaboratori del Dirigente (Gruppo di lavoro)rilevano le disponibilità delle aziende/enti/studi professionali/agenzie (desunte dalle risposte agli inviti inviati dall uffico)e formulano le proposte degli abbinamenti uffici di destinazione/studenti in linea con quanto individuato dai dipartimenti. L elenco va sottoposto all ufficio per il riscontro incrociato azienda/studente/referente progetto. III FASE I Consigli di classe segnalano al gruppo di lavoro gli studenti da collocare nei vari uffici nel rispetto del loro peculiare bisogno formativo e attitudini per favorire il loro personale progetto di vita. I docenti nella loro autonomia didattica e nel rispetto della programmazione collegiale del Consiglio di classe possono accogliere l area progettuale proposta in sede di dipartimenti. Il progetto individuato si sostanzia anche attraverso l ASL dove le diverse discipline possono essere implicate e dove lo studente può sviluppare in un contesto interdisciplinare competenze in termini professionali e personali. Il prodotto realizzato può essere valutato dalle diverse discipline IV FASE Inizio percorso ins/apprend in ASL con tutor scolastico che verifica il buon posizionamento coerente con quanto progettato e accorcordato con il tutor aziendale. Il tutor monitora e agisce con azioni correttive se in itinere evidenzia non corrispondenza con il percorso didattico integrato. Il tutor rispettivamente per ogni singolo studente concorda le attività afferenti l area di lavoro, l obiettivo formativo con la relativa descrizione dei compiti assegnati e con le applicazioni informatiche da utilizzare. Ogni studente viene seguito dal docente tutor, che insieme al tutor aziendale che affianca lo studente nelle attività prettamente lavorative, monitora il percorso, lo valuta e ne relaziona i risultati al consiglio di classe. La validazione di detto periodo avviene con la certificazione e il concorso al credito formativo. V FASE Monitoraggio tutor É inoltre opportuno che si compiano azioni autonome di monitoraggio e valutazione dei percorsi, dedicando particolare attenzione ai seguenti aspetti: coerenza ed integrazione tra gli obiettivi del progetto, il curriculum scolastico, le proposte dell'offerta formativa espressi nel POF d'istituto flessibilità del progetto rispetto alla messa a punto di percorsi personalizzati con azioni correttive soddisfazione dei vari attori del progetto L'azione di monitoraggio e valutazione si potrà avvalere, oltre che dei dati oggettivi e qualitativi desumibili dalla modulistica utilizzata, degli strumenti che si riterranno più opportuni (questionari, focus group, etc). 4

5 Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive VI FASE Valutazione CdC La valutazione verrà assunta dal Consiglio di classe anche attraverso l inserimento dei voti nelle diverse discipline coinvolte nel progetto di ASL. La certificazione delle competenze concorrerà alla determinazione del credito formativo. Alla fine del periodo di tirocinio-lavoro in alternanza il C.d.C verifica: * il rispetto del percorso formativo individuale concordato con i tutor esterni (vedi accordo di tirocinio allegato alla Convenzione e la certificazione finale delle competenze conseguite contenente i compiti svolti) * il grado di possesso delle competenze acquisite (in base agli obiettivi concordati del percorso formativo e rilevato attraverso la tabella di valutazione a cura del tutor aziendale) * lo sviluppo, il consolidamento, il potenziamento delle competenze trasversali e cognitive rispetto alla fase d aula ed alle esperienze maturate in azienda (dedotte dal monitoraggio del tutor scolastico) * le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) * l autovalutazione dell allievo (vedi valutazione settimanale a cura dello studente tirocinante) Al fine di attuare le suddette fasi di verifica e valutazione i docenti tutor e i tutor aziendali utilizzano i seguenti strumenti: * Griglie di valutazione (tabella valutazione tutor aziendale) * Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) * prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) * Relazione finale del tutor scolastico e attestato di Alternanza scuola lavoro La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro (competenze ISFOL) costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli all interno del proprio curriculum vitae. Il comitato tecnico scientifico è utilizzato come organo consultivo dove le professionalità rappresentative del mondo del lavoro delle Associazioni di categoria e dell Università concorrono alla definizione del percorso formativo del giovane studente in formazione Il Gruppo di lavoro: 1. Referente progetto per il POF 2. capo Dipartimento per inserire nell area di progetto il percorso di didattica integrata con metodologia ASL in azienda, individuazione aziende 3. FFSS: a)l area interventi e servizi per gli studenti, b)l area rapporti con Enti ed Istituzioni per abbinamenti classi/percorsi disciplinari/studenti 4. docenti, ATA per la predisposizione delle convenzioni, la redazione di elenchi - indirizzi aziende e recapiti 5. tutor di riferimento per le rispettive classi coinvolte 6. tutor scolastici tutti i docenti di ogni CdC (abbinamenti docente tutor/studente-i/aziende) - vademecum tutor scolastico - pianificazione interventi tutoraggio - Calendarizzazione interventi 7. DS- comunicazioni 8. D.S.G.A. rendicontazione CLASSI TERZE: preparazione propedeutica attraverso MODULI con esperti esterni e visite aziendali - titolo- assessment /bilancio delle competenze. Finalità: abilitare alla diagnosi delle situazioni, al fronteggiarle e a relazionarsi con autostima (esperto INNOVA-CAM COM Frosinone) -titolo-entro nel mondo del lavoro- tecniche di approccio e curriculum? Finalità: informare e formare alle osservanze di regole deontologiche e comportamentali. Fornire strumenti per la compilazione del CV.(imprenditori / manager UNINDUSTRIA-CONFINDUSTRIA) -titolo-il mio paese:l Europa. Finalità: istruire sull Europa io cittadino attivo. (esperto LLP) -titolo-inizia il percorso in Azienda. Raccomandazioni e consegna Documenti. Finalità: istruire e formare ad un comportamento assertivo orientato all apprendimento. (docente esperto comunicazione/psicologo/mediatore dell orientamento) -titolo-legalità, privacy e sicurezza sui posti di lavoro Finalità: richiamare l attenzione del partecipante alle tematiche sulla sicurezza.(esperto INAIL Frosinone) DETTAGLIO: Europass (Area 1) 4 e5) matematica) Risorse umane Referente Tutor di collegamento Tutor aziendale collegato con tutor scolastico Risorse materiali Pc Videoproiettore CDRom Badge Totem locandine Dati sugli studenti GLI STUDENTI COINVOLTI NELL Alternanza Scuola Lavoro sono rispettivamente frequentanti le classi 3^ e 4^ dell ITE dell IIS di Ceccano. Di seguito si dettaglia la composizione delle classi coinvolte: sezione Istituto Tecnico Economico (Amministrazione Finanza e Marketing; Sistemi Informativi Aziendali) Sedi Ceccano e Ceprano Classe III Classe IV numero studenti n. studenti diversamente abili Totale 5

6 Gli studenti della sezione ITE, settore Economico, opzioni Amministrazione Finanza e Marketing e Sistemi Informativi Aziendali conseguono l obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestire autonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilità per la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti. Il percorso formativo integra il curriculo con l Alternanza Scuola Lavoro che utilizza l autonomia didattica: gli studenti del corso Amministrazione Finanza e Marketing realizzano tirocinio in ASL uffici amministrativo contabili delle aziende provate/enti pubblici. gli studenti del corso Sistemi Informativi Aziendali realizzano tirocinio in ASL negli ambiti amministrativo-contabili prediligendo utilizzo dei Sistemi operativi informatici e il web. La presenza di n. 3 diversamente abili prevede la progettazione individualizzata e speciale per ognuno secondo il profilo e il bisogno formativo. I giovani studenti diversamente abili saranno seguiti dal tutor aziendale, dal tutor scolastico, dal docente di sostegno e dove è richiesto e previsto dall assistente specialistico. Organi e risorse umane coinvolti Totale alunni coinvolti (ITE Ceccano e ITE Ceprano, dell IIS di Ceccano): n. 152 studenti di cui 3 diversamente abili Classe III Classe IV Totale numero studenti n. studenti diversamente abili Organi e risorse umane (descrizione sintetica di funzioni, compiti e responsabilità nelle fasi del progetto presenti in tabella) Soggetto Progettazione Gestione Valutazione Diffusione Comitato Tecnico Scientifico/CS Dirigente Scolastico Responsabile di progetto organo consultivo dove le professionalità rappresentative del mondo del lavoro delle Associazioni di categoria e dell Università concorrono alla definizione del percorso formativo del giovane studente in formazione Organo di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane, indirizza e nel rispetto degli OO.CC favorisce il percorso, sostiene le iniziative, cura i rapporti con le istituzioni, Enti e Associazioni di categoria Progetta, contatta le aziende, fornisce dati all UFFICIO, motiva i docenti, coordina, monitora le azioni iniziali, intermedie e finali, coordina gli incontri informativi e formativi, gestisce le criticità, monitora i risultati, relaziona al DS, rendiconta le risorse umane e finanziarie Sono organizzate conferenze di servizio dove si ascoltano le parti e si propongono azioni da intraprendere Convoca lo staff di direzione (capo dipartimenti, collaboratori DS, tutor di riferimento) Convoca Conferenze di servizio per CTS, controlla le risorse impegnate e garantisce il buon risultato Cura e aggiorna la documentazione, cura le relazioni con docenti, tutor di riferimento, aziende, arricchisce banca dati su luoghi di lavoro, riferisce al DS e al CD. Risultati ottenuti rispetto a quanto stabilito in riferimento ai tirocini lavoro progettati, incontri formativi individuati e realizzati, nuove professionalità richieste e nuovi percorsi formativi ideati per il POF Valuta attraverso i risultati intemedi e finali degli studenti, attraverso le relazioni dei tutor aziendali e scolastici, i questionari di soddisfazione (SGQ) Azioni progettate/azioni conseguite con successo Sito web Articoli su quotidiani locali Totem Sito web Articoli su quotidiani locali Sito web Articoli su quotidiani locali Evento finale Consiglio di classe progettare con metodi e strategie didattiche innovate - progettare il percorso di insegnamento/apprendimento dei diversi CCdCC tenendo conto del POF - progettare UU.AA tenendo conto del POF - realizzare percorsi pluridisciplinari individuati nei dipartimenti - definire i percorsi ASL individuati nei dipartimenti - potenziare la progettazione individualizzata dello studente a cura del Consiglio di classe con particolare riferimento al percorso in ASL - favorire il lavoro del gruppo classe (docenti/studenti) - sviluppare il lavoro in team (CdC) I Consigli di classe segnalano al gruppo di lavoro gli studenti da collocare nei vari uffici nel rispetto del loro peculiare bisogno formativo e attitudini per favorire il loro personale progetto di vita. I docenti nella loro autonomia didattica e nel rispetto della programmazione collegiale del Consiglio di classe possono accogliere l area progettuale proposta in sede di dipartimenti. Il progetto individuato si sostanzia anche attraverso l ASL dove le diverse discipline possono essere implicate e dove lo studente può sviluppare in un contesto interdisciplinare competenze in termini professionali e personali. Il prodotto realizzato può essere valutato dalle diverse discipline. La valutazione verrà assunta dal Consiglio di classe anche attraverso l inserimento dei voti nelle diverse discipline coinvolte nel progetto di ASL. La certificazione delle competenze concorrerà alla determinazione del credito formativo. Alla fine del periodo di tirociniolavoro in alternanza il C.d.C verifica: * il rispetto del percorso formativo individuale concordato con i tutor esterni (vedi accordo di tirocinio allegato alla Convenzione e la certificazione finale delle competenze conseguite contenente i compiti svolti) * il grado di possesso delle competenze acquisite (in base agli obiettivi concordati del percorso formativo e rilevato attraverso la tabella di valutazione a cura del tutor aziendale) * lo sviluppo, il consolidamento, il potenziamento delle competenze trasversali e cognitive rispetto alla fase d aula ed alle esperienze maturate Sito web Articoli su quotidiani locali Evento finale Workshop 6

7 in azienda (dedotte dal monitoraggio del tutor scolastico) * le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) l autovalutazione dell allievo (vedi valutazione settimanale a cura dello studente tirocinante) Al fine di attuare le suddette fasi di verifica e valutazione i docenti tutor e i tutor aziendali utilizzano i seguenti strumenti: * Griglie di valutazione (tabella valutazione tutor aziendale) * Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) * prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) * Relazione finale del tutor scolastico e attestato di Alternanza scuola lavoro Tutor interno Tutor esterno Alunni Inizio percorso ins/apprend in ASL con tutor scolastico che verifica il buon posizionamento coerente con quanto progettato e accorcordato con il tutor aziendale. Il tutor monitora e agisce con azioni correttive se in itinere evidenzia non corrispondenza con il percorso didattico integrato. Il tutor rispettivamente per ogni singolo studente concorda le attività afferenti l area di lavoro, l obiettivo formativo con la relativa descrizione dei compiti assegnati e con le applicazioni informatiche da utilizzare. Ogni studente viene seguito dal docente tutor, che insieme al tutor aziendale che affianca lo studente nelle attività prettamente lavorative, monitora il percorso, lo valuta e ne relaziona i risultati al consiglio di classe. La validazione di detto periodo avviene con la certificazione e il concorso al credito formativo. Ogni studente viene seguito in azienda dal tutor aziendale che affianca lo studente nelle attività prettamente lavorative, monitora il percorso, lo valuta e ne relaziona i risultati al docente tutor, che a sua volta relaziona al consiglio di classe. La validazione di detto periodo avviene con la certificazione e il concorso al credito formativo. Condividono il progetto individualizzato Firmano il contratto formativo Si impegnano a concludere il progetto formativo Tengono il inoltre opportuno che si compiano azioni autonome di monitoraggio e valutazione dei percorsi, dedicando particolare attenzione ai seguenti aspetti: coerenza ed integrazione tra gli obiettivi del progetto, il curriculum scolastico, le proposte dell'offerta formativa espressi nel POF d'istituto flessibilità del progetto rispetto alla messa a punto di percorsi personalizzati con azioni correttive soddisfazione dei vari attori del progetto L'azione di monitoraggio e valutazione si potrà avvalere, oltre che dei dati oggettivi e qualitativi desumibili dalla modulistica utilizzata, degli strumenti che si riterranno più opportuni (questionari, focus group, etc). Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive Accoglie lo studentetirocinante, lo mette in situazione e affida compiti chiari con tempi e modalità operative Riferisce sul percorso Esprime valutazione insieme al tutor scolastico Attesta Certifica insieme al tutor scolastico Partecipa all evento finale a tema Terzo anno e ultimo biennio dell Istituto Tecnico Economico Gli studenti del terzo anno e ultimo biennio hanno oltre alla preparazione curriculare La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli all interno del proprio curriculum vitae. La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli all interno del proprio curriculum vitae. Riferisce sul percorso Esprime valutazione insieme al tutor scolastico Attesta Certifica insieme al tutor scolastico Valutano il percorso con un monitoraggio settimanale attraverso una scheda MONITORAGGIO Tengono il diario di bordo Svolgono una tesi su tema rispondente all azienda posto di lavoro, compiti Scrutinio Attestato Certificato riconoscimento competenze acquisite Relazione finale Attestato di partecipazione certificazione Sito web Interviste Evento finale Workshop 7

8 Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) Realizzano il prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) Rispondono ai bisogni formativi: bisogno di arricchire le attività didattiche con esperienze lavorative formative e orientative - realizzare percorsi di apprendimento integrati - effettuare incontri con testimoni del mondo del lavoro su temi inerenti il mondo del lavoro - rimotivare allo studio - conoscere il mondo del lavoro e farsi conoscere dal mondo del lavoro - abilitare al mondo del lavoro - mettersi alla prova nella risoluzione di problemi e di criticità - auto valutare le proprie competenze disciplinari, sociali e relazionali - favorire il percorso di apprendimento individualizzato - realizzare esperienze interdisciplinari - acquisire valore aggiunto in termini di competenze sociali e trasversali(diagnosticare, relazionarsi, affrontare, Queste competenze fanno riferimento ad operazioni fondamentali proprie di ogni soggetto posto di fronte ad un compito lavorativo. Obblighi del tirocinante: seguire le indicazioni dei tutor e fare riferimento ad essi per qualsiasi esigenza di tipo organizzativo o altre evenienze; rispettare gli obblighi di riservatezza circa i processi organizzativi e produttivi, prodotti o altre notizie relative all azienda di cui venga a conoscenza, sia durante che dopo lo svolgimento del tirocinio; rispettare i regolamenti aziendali e le norme in materia di igiene e sicurezza; comunicare tempestivamente, per iscritto e con un preavviso di almeno 2 gg., l eventuale sospensione anticipata del tirocinio, all Agenzia ospitante. una preparazione pedagogica consistente interventi di accompagnamento lungo il percorso e di verifica/capitalizzazione alla fine dello stesso. I moduli sono svolti preferibilmente da soggetti esterni esperti delle varie tematiche (Associazioni industriali, di categoria, Camera di Commercio, etc.) e da docenti interni su: 1. come si compila il CV Europass 2. come si conduce il colloquio per la selezione del personale 3. il mondo del lavoro e l economia 4. l Europa e la cittadinanza attiva 5. il credito alle aziende private e pubbliche (ec.aziendale, ragioneria, tecnica bancaria, diritto, economia politica, geografia economica, scienza Finanze, informatica, matematica) 5 che affrontano il periodo di tirocinio in alternanza scuola lavoro hanno oltre alle competenze di base,(cioè quelle che rappresentano il sapere minimo, il prerequisito per l'accesso alla formazione e che garantiscono alla persona la cittadinanza e sono ritenute fondamentali per la sua occupabilità), le competenze disciplinari, cioè quelle che garantiscono allo studente di affrontare le attività lavorative e sono fondamentali per costruire maggiori competenze di settore. quarte posseggono conoscenze relative all inventario, alla registrazione in Partita doppia dei fatti di gestione, alla redazione del bilancio, all imposizione fiscale( IVA, IRPEF,IRES). Sanno redigere piani e tabulare dati informatizzati con excel. svolti riferiti ai contenuti disciplinari Rispondono all intervista finale in sede di un evento finale Valutazione positiva rilevata con una maggiore motivazione verso lo studio quinte posseggono conoscenze relative all inventario, alla registrazione in Partita doppia dei fatti di gestione, alla redazione del bilancio all imposizione fiscale( IVA, IRPEF,IRES) al versamento delle imposte tramite modelli ufficiali. Sanno redigere un budget, effettuare analisi dei dati con tabelle e grafici. Sanno redigere piani e tabulare dati informatizzati con excel e access Per gli studenti dell IPSSEOA: utilizzo 20% ore curriculari delle discipline Matematica e Italiano con utilizzo di 2 ore prese nella classe 3^ a favore delle discipline tecnico pratiche: sala, cucina e 8

9 ricevimento nella classe quarta. In particolare descrivere in dettaglio: Composizione del CTS/ CS Cognome e Nome Funzioni Materia insegnamento (per i docenti) Nardoni Alessandra DIRIGENTE SCOLASTICO Frioni Girorgio D.S.G.A. Maria Basile Collaboratore D.S. Economia aziendale (ITE) Crocca Domenico Collaboratore D.S. Cucina (IPSSEOA) Stefania Petriglia UNINDUSTRIA-Confindustria- Frosinone Augusto Cestra CONFARTIGIANATO-Frosinone Norberto Ambrosetti INNOVA- Azienda speciale Camera di Commercio Frosinone Massimo Ruspantini Amm.ne Prov.le Frosinone Manuela Maliziola Amm.ne Com.le Ceccano Anna Gallina Amm.ne Com.le Ceprano Mario Sodani Consiglio d Istituto del IIS di Ceccano Religione Angelo Malizia Presidente Consiglio d Istituto del IIS di Ceccano Esperti di settore del mondo universitario da individuare volta per volta, secondo una logica di flessibilità Università Tor Vergata -Roma Università La Sapienza-Roma Università Cassino-Cassino Inglese Economia aziendale Diritto /Economia Compiti, iniziative/attività che svolgeranno i CONSIGLI di CLASSE interessati in relazione allo specifico progetto: I docenti nella loro autonomia didattica e nel rispetto della programmazione collegiale del Consiglio di classe accolgono l area progettuale proposta in sede dipartimentale. Il progetto individuato si sostanzia quindi anche attraverso l ASL dove le diverse discipline possono essere implicate e dove lo studente può sviluppare in un contesto interdisciplinare competenze in termini professionali e personali. Il CdC valuta e valida l esperienza in linea con i bisogni del CdC che di seguito sono indicati: - progettare con metodi e strategie didattiche innovate - progettare il percorso di insegnamento/apprendimento dei diversi CCdCC tenendo conto del POF - progettare UU.AA tenendo conto del POF - realizzare percorsi pluridisciplinari individuati nei dipartimenti - definire i percorsi ASL individuati nei dipartimenti - potenziare la progettazione individualizzata dello studente a cura del Consiglio di classe con particolare riferimento al percorso in ASL - favorire il lavoro del gruppo classe (docenti/studenti) - sviluppare il lavoro in team (CdC) Finalità - ampliare l offerta formativa - offrire agli studenti opportunità di apprendimento integrate con il mondo del lavoro - educare, istruire e formare per l inclusione sociale - rimotivare, orientare e predisporre per l inclusione sociale Obiettivi: - realizzare ¾ settimane in azienda integrando il percorso di apprendimento/insegnamento con attività lavorative in ambiente lavorativo - definire il percorso di tirocinio lavoro e orientamento in concerto con il tutor aziendale - calibrare tempi e contenuti del tirocinio lavoro e orientamento in linea con le esigenze formative dello studente - valutare il periodo nelle diverse discipline (sapere reticolare) I CCdCC si tengono in contatto con il Gruppo di lavoro (docente referente/docente progettista/ds gestione e controllo/dsga rendicontazione): Tutor di riferimento della classe con compiti di coordinamento e supervisione Dipartimenti capo dipartimento FFSS rapporti enti e studenti ATA per la predisposizione delle convenzioni, la redazione di elenchi: - abbinamenti docente tutor/studente-i/aziende - indirizzi aziende e recapiti - pianificazione interventi tutoraggio - vademecum tutor scolastico 4. Tutor di collegamento aziende-doppio tutoraggio-monitoraggio-relazione finale-certificazione delle competenze 5. Calendarizzazione interventi uscite doppio tutoraggio e monitoraggio in entrata-in itinere-in uscita 6. comunicazioni Tempi: CLASSI TERZE: preparazione propedeutica periodo novembre/gennaio/febbraio PER L ISTITUTO TECNICO ECONOMICO: 9

10 sono progettate utilizzando il 20% dell autonomia per spazi di insegnamento apprendimento integrato per le classi 3 n. 120 ore con ASL(26 ore in aula con tutor della classe per la preparazione propedeutica all esperienza in azienda; 90 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe) per le classi 4 n. 120 ore con ASL (116 ore in azienda-ambito amministrativo-contabile; 4 ore restituzione esperienza vissuta in azienda con tutor di classe/evento con CTS) inserire momenti informativi/formativi sulla sicurezza, sulla qualità, sulla disciplina della gestione del personale e su argomenti di attualità temi economici aziendali inserire visite aziendali realizzare testimonianze di operatori/esperti del mondo del lavoro e dei Centri per l Impiego, per avvicinare i giovani alle tematiche del lavoro, alle professioni di loro interesse organizzare in modalità intensiva il periodo in azienda Valutazione CdC La valutazione verrà assunta dal Consiglio di classe anche attraverso l inserimento dei voti nelle diverse discipline coinvolte nel progetto di ASL. La certificazione delle competenze concorrerà alla determinazione del credito formativo. Alla fine del periodo di tirocinio-lavoro in alternanza il C.d.C verifica: * il rispetto del percorso formativo individuale concordato con i tutor esterni (vedi accordo di tirocinio allegato alla Convenzione e la certificazione finale delle competenze conseguite contenente i compiti svolti) * il grado di possesso delle competenze acquisite (in base agli obiettivi concordati del percorso formativo e rilevato attraverso la tabella di valutazione a cura del tutor aziendale) * lo sviluppo, il consolidamento, il potenziamento delle competenze trasversali e cognitive rispetto alla fase d aula ed alle esperienze maturate in azienda (dedotte dal monitoraggio del tutor scolastico) *le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) *l autovalutazione dell allievo (vedi valutazione settimanale a cura dello studente tirocinante) Al fine di attuare le suddette fasi di verifica e valutazione i docenti tutor e i tutor aziendali utilizzano i seguenti strumenti: * Griglie di valutazione (tabella valutazione tutor aziendale) * Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) * prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) * Relazione finale del tutor scolastico e attestato di Alternanza scuola lavoro La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli all interno del proprio curriculum vitae. All.1 (competenze ISFOL) 10

11 Compiti, iniziative, attività che i TUTOR INTERNI ed ESTERNI svolgeranno in relazione al progetto: Sensibilizzazione e coinvolgimento degli studenti Tutor esterni Incontri su temi dedicati, visite aziendali Inserimento adeguato del tirocinante nell'attività lavorativa definendo il percorso formativo con il tutor aziendale Consegna al tirocinante del patto formativo, dell accordo tirocinio con progetto individualizzato e del diario di bordo con foglio firme presenze Tutor interni Sensibilizzazione coinvolgimento degli studenti con incontri con gruppo classe, interviste sondaggio, test orientamento, colloquio personale, individuazione profilo, presenta il/i tirocinante/i alle aziende e si assicura che lo studente si inserisca adeguatamente nell'attività lavorativa e presenta la l attività di tirocinio (dove, cosa, come, quando, ) Responsabilizzazione dell'allievo, illustreranno i modelli appositamente predisposti. Controllo attuazione percorso formativo monitoraggio settimanale Incontri tutor aziendale/tutor scolastico in ingresso, in itinere, in uscita Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive Il Controllo dell attuazione del percorso formativo si svolge con monitoraggio settimanale Incontri tutor aziendale/tutor scolastico in ingresso, in itinere, in uscita Lettura Diario di Bordo L'azione di monitoraggio e valutazione si potrà avvalere, oltre che dei dati oggettivi e qualitativi desumibili dalla modulistica utilizzata, degli strumenti che si riterranno più opportuni (questionari, focus group, colloquio personale). il monitoraggio verte sull accertamento delle condizioni di apprendimento e dello svolgimento del tirocinio regolare nel rispetto dell accordo di tirocinio Propone soluzioni alternative ai problemi evidenziati Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive Raccordo esperienza in aula con quella in azienda Elaborazione report su andamento attività formativa e competenze acquisite CD CI Dipartimenti FF.SS Docenti CCdCC: Conoscere e condividere obiettivi e finalità del progetto di alternanza scuola lavoro Partecipare al gruppo di progetto Meeting consultazione Comitato Tecnico Scientifico Definizione degli obiettivi formativi personalizzando l'esperienza Realizzare doppio tutoraggio in sinergia e cooperazione tra tutor aziendale e tutor scolastico Proporre soluzioni alternative ai problemi evidenziati Effettuare eventuali azioni correttive Certificare le competenze informali Raccordare progetto curriculare con progetto del percorso in azienda Confrontare i contenuti disciplinari progettati e la realtà delle attività/azioni lavorative richieste in termini di competenze Progettare Unità di apprendimento pluridisciplinare Monitorare l attività interdisciplinare in azienda Certificare e attestare riconoscendo nel CdC Relazione su: Obiettivo formativo previsto Descrizione dell attività oggetto di tirocinio Applicazione informatiche da utilizzare/altro 1.Conoscere e condividere obiettivi e finalità del progetto di alternanza scuola lavoro 2. Partecipare al gruppo di progetto- comitato scientifico 3. Promuovere e raccogliere direttamente offerte formative da parte delle aziende 4. Segnalare alla scuola le aziende e i relativi dati 5. Controllare che le aziende disponibili siano in grado di sostenere le proposte formative 6. Definire gli obiettivi formativi personalizzando l'esperienza insieme al CCCC 7. Responsabilizzare l'allievo 8. Discutere e partecipare il CdC del tirocinio dell allievo 9. Proporre soluzioni alternative ai problemi evidenziati 10. effettuare eventuali azioni correttive Il tutor scolastico: 1. si reca in azienda e cura la stipula della convenzione e riconsegna una copia all ufficio di segreteria debitamente firmata dalle parti 2. presenta il/i tirocinante/i alle aziende e si assicura che lo studente si inserisca adeguatamente nell'attività lavorativa 3. definisce il percorso formativo con il tutor 11

12 Collaborazione ai processi di monitoraggio e valutazione a alla fase di comunicazione dei risultati Altro (specificare) rilevazione della coincidenza dell esperienza in aula con quella in azienda insieme al tutor aziendale che collabora alla valutazione dell'esperienza il tutor aziendale che collabora alla valutazione dell'esperienza(le competenze acquisite verranno riportate sul certificato delle competenze che rilascia la scuola) competenze acquisite disciplinari e tecnico-operative, approfondimenti tecnico professionali assegnati Attività/compiti (Descrivere in dettaglio i compiti che il tirocinante svolgerà/ha svolto): Conoscenze, abilità e competenze tecniche professionali da acquisire: -Registrazioni contabili utilizzando pacchetti applicativi e programmi di contabilità informatizzati - Organizzare un archivio; - Comunicare in modo chiaro e corretto; -Utilizzare il Pacchetto Office; -Scrivere in lingua italiana e/o Straniera senza commettere errori; Capacità e competenze professionali o tecniche da acquisire/acquisite ai fini dell apprendimento ha mostrato interesse e volontà. Ha frequentato con regolarità e diligenza svolgendo i compiti e le mansioni che le venivano assegnate dal tutor aziendale. Capacità e competenze informatiche acquisite Ha lavorato con il pacchetto Office. competenze trasversali Competenze trasversali da acquisire/acquisite: -Rispetto dei tempi; -Abilità nel lavoro cooperativo; - Relazioni interpersonali; Competenze trasversali acquisite: Si è relazionata con il gruppo di lavoro dell ufficio dimostrando di saper svolgere quanto assegnato con capacità critica e cooperativa. Monitoraggio: - visite studenti-tirocinanti in azienda -incontri con esperti esterni in aula(esempio per studenti tirocinanti ITE) Definizione dell Area di assegnazione e definizione delle Attività di assegnazione aziendale che collabora alla valutazione dell'esperienza consegna agli studenti in tirocinio: calendario di tirocinio foglio presenze griglia di valutazione Patto formativo diario di bordo titolo del progetto AREA Progetto contatti tutor aziendale contatti tutor scolastico scheda azienda: indirizzo, itinerario per raggiungere azienda orario mezzi di trasporto 2. si assicura che gli studenti abbiano partecipato agli incontri con esperti del mondo del lavoro sui temi riguardanti materia di lavoro Inizio tirocinio in azienda Il tutor scolastico: 1. consegna agli studenti in tirocinio: calendario di tirocinio foglio presenze griglia di valutazione Patto formativo diario di bordo titolo del progetto AREA Progetto contatti tutor aziendale contatti tutor scolastico scheda azienda: indirizzo, itinerario per raggiungere azienda orario mezzi di trasporto si assicura che gli studenti abbiano partecipato agli incontri con esperti del mondo del lavoro sui temi riguardanti materia di lavoro Durante il tirocinio Il tutor dovrà: 1. Affiancare e controllare l'attività dello studente 2. monitorare il tirocinante almeno all inizio, in itinere una volta e alla fine in concomitanza con la chiusura del tirocinio 3. risolvere le criticità tempestivamente comunicando al referente le problematiche evidenziate ed effettuare eventuali azioni correttive Al termine del tirocinio: Il tutor dovrà ritirare la seguente documentazione: 1. l'accordo di tirocinio in Alternanza scuola lavoro e orientamento firmata dal tirocinante e dal tutor aziendale 2. l'attestato rilasciato dal tutor aziendale (su carta intestata) 3. la tesina svolta dal tirocinante sulle attività/compiti svolti svolta dal punto di vista disciplinare e o pluridisciplinare 4. il foglio firme firmato e timbrato dal tutor aziendale 12

13 5. la griglia di valutazione firmata e timbrata dal tutor aziendale il tutor dovrà rilevare la coincidenza dell esperienza in aula con quella in azienda insieme al tutor aziendale che collabora alla valutazione dell'esperienza (vedi tabella di seguito riportata); il tutor dovrà rilevare: le competenze acquisite: disciplinari e tecnico-operative, approfondimenti tecnico professionali assegnati ( Attività/compiti (Descrivere in dettaglio i compiti che il tirocinante svolgerà/ha svolto; Capacità e competenze professionali o tecniche acquisite; Capacità e competenze informatiche acquisite) competenze trasversali Monitoraggio: -visite studenti-tirocinanti in azienda -incontri con esperti esterni in aula Fase di PROGETTAZIONE e GESTIONE : azioni, fasi e articolazioni dell intervento progettuale L alternanza scuola lavoro è una metodologia didattica utilizzata come strumento per promuove la valorizzazione del curriculum di studio e trasformare le abilità culturali in skills professionali e personali. L ASL è una innovazione dell offerta formativa e si sostanzia nell esperienza realizzata in azienda dove si sviluppa interdisciplinarità e dove si ha l opportunità di confronto e riflessione. Inserire nei percorsi di insegnamento apprendimento momenti di integrazione lavorativa è motivo di dialogo costruttivo a vantaggio della crescita nelle competence skills. Gli studenti possono mettersi alla prova come individui consapevoli della loro identità e possono avere una base di partenza per la progettazione futura. Allo scopo di promuovere l istruzione tecnica e professionale si organizzano percorsi in ASL col la consultazione del Comitato Tecnico Scientifico e in sinergia con testimoni del mondo del lavoro certificando le competenze riconoscendole in quanto valutate. I percorsi didattici ASL si sviluppano con modalità intensiva e durante il mese di Febbraio mese dedicato alla didattica integrata e metodologia ASL. La scelta del mese di febbraio è stata supportata dal fatto che dopo il 1 trimestre si procede all analisi e alla riflessione dei risultati del processo di insegnamento/apprendimento, inizia il periodo dedicato a alle azioni correttive, la pausa didattica e al recupero autonomo o in itinere. I Docenti possono in sinergia con gli interlocutori del mondo del lavoro riprogettare e integrare con percorsi pluridisciplinari facilitando il successo formativo dello studente. Il mese di febbraio risulta utile al cick off, per la riprogettazione con metodologia ASL in vista del nuovo percorso pentamestrale e la relativa valutazione intermedia. Si ritiene utile la certificazione delle competenze acquisite in azienda e la valutazione dell attestato rilasciato dall azienda ai fini del credito formativo. Si accoglie positivamente la valutazione nelle rispettive discipline ai fini delle competenze disciplinari acquisite con metodologia ASL e didattca integrata progettate dai dipartimenti e dai rispettivi Consigli di classe.l ASL consegue risultati positivi attraverso: 1. Il dialogo cooperativo costante con i protagonisti della società economica studi di commercialisti, legali, Assicurazioni, Agenzie delle Entrate, Associazioni di categoria e Amministrazioni locali e territoriali Confindustria, Confartigianato, Camera di Commercio, Amm.ne Com.le Ceccano e Ceprano, Amm.ne Prov.le Frosinone, ciò ha permesso di costituire il CTS 2. il rispetto della normativa L.53 del 2003, DPR 275/99, D.P.R. 15 marzo 2010, n.88, D.Lgs , n fissando i principi relativi al funzionamento: utilizzare il 20% dell autonomia per spazi di insegnamento apprendimento integrato realizzando per le classi 3^, 4 n. 120 ore con ASL inserire momenti informativi/formativi sulla sicurezza, sulla qualità, sulla disciplina della gestione del personale e su argomenti di attualità temi economici aziendali inserire visite aziendali realizzare testimonianze di operatori/esperti del mondo del lavoro e dei Centri per l Impiego, per avvicinare i giovani alle tematiche del lavoro, alle professioni di loro interesse organizzare in modalità intensiva il periodo in azienda formare tutor scolastici coincidenti con il docente del consiglio di classe formare il CdC a progettare utilizzando anche la metodologia ASL organizzare un team di lavoro per realizzare il periodo in azienda formato da docenti di collegamento e personale ATA organizzare la didattica e gli apprendimenti con nuovi modelli in ambiente in cui lo studente sviluppi un approccio laboratoriale confrontandosi con l esperienza attraverso strumenti specifici, condivisione con esperti esterni per approfondimento, in sintonia con i tempi svolgendo ricerche in autonomia con supporto cartaceo e digitale. favorire: a breve termine a breve termine - l orientamento - il riorientamento - la motivazione allo studio - lo sviluppo di competenze per l inserimento al mondo del lavoro a lungo termine - l inserimento nel mondo del lavoro Terzo anno e ultimo biennio dell Istituto Tecnico Economico Gli studenti del terzo anno e ultimo biennio hanno oltre alla preparazione curriculare una preparazione pedagogica consistente interventi di accompagnamento lungo il percorso e di verifica/capitalizzazione alla fine dello stesso. I moduli sono svolti preferibilmente da soggetti esterni esperti delle varie tematiche (Associazioni industriali, di categoria, Camera di Commercio, etc.) e da docenti interni su: 1. come si compila il CV Europass 2. come si conduce il colloquio per la selezione del personale 13

14 3. il mondo del lavoro e l economia 4. l Europa e la cittadinanza attiva 5. il credito alle aziende private e pubbliche (ec.aziendale, ragioneria, tecnica bancaria, diritto, economia politica, geografia economica, scienza Finanze, informatica, matematica) Gli studenti delle classi 3 e 4 che affrontano il periodo di tirocinio in alternanza scuola lavoro hanno oltre alle competenze di base,(cioè quelle che rappresentano il sapere minimo, il prerequisito per l'accesso alla formazione e che garantiscono alla persona la cittadinanza e sono ritenute fondamentali per la sua occupabilità), le competenze disciplinari, cioè quelle che garantiscono allo studente di affrontare le attività lavorative e sono fondamentali per costruire maggiori competenze di settore. Gli studenti delle classi quarte posseggono più specifiche Gli studenti delle classi quinte posseggono conoscenze più definite Gestione del tirocinio CLASSI TERZE: preparazione propedeutica attraverso 5 MODULI con esperti esterni e visite aziendali circa 20 ore Area 1- titolo- assessment /bilancio delle competenze. Finalità: abilitare alla diagnosi delle situazioni, al fronteggiarle e a relazionarsi con autostima (esperto INNOVA-CAM COM Frosinone) Area 2-titolo-entro nel mondo del lavoro- tecniche di approccio e curriculum? Finalità: informare e formare alle osservanze di regole deontologiche e comportamentali. Fornire strumenti per la compilazione del CV.(imprenditori / manager UNINDUSTRIA-CONFINDUSTRIA) Area 3-titolo-il mio paese:l Europa. Finalità: istruire sull Europa io cittadino attivo. (esperto LLP) Area 4-titolo-Inizia il percorso in Azienda. Raccomandazioni e consegna Documenti. Finalità: istruire e formare ad un comportamento assertivo orientato all apprendimento. (docente esperto comunicazione/psicologo/mediatore dell orientamento) Area 5-titolo-legalità, privacy e sicurezza sui posti di lavoro Finalità: richiamare l attenzione del partecipante alle tematiche sulla sicurezza.(esperto INAIL Frosinone) DETTAGLIO: come si compila il CV Europass (Area 1) come si conduce il colloquio per la selezione del personale (Area 2) il mondo del lavoro e l economia(area 3) l Europa e la cittadinanza attiva(area 3) temi di attualità: 1)la crisi oggi: il caso. 2) il credito e i mutui(area 4 e5) (ec.aziendale, ragioneria, tecnica bancaria, diritto, economia politica, geografia economica, scienza Finanze, informatica, matematica) Referente Tutor di collegamento Tutor aziendale collegato con tutor scolastico I Fase: in riferimento al progetto ASL i dipartimenti propongono il collegamento più efficace tra curriculo e tipologia lavoro aziendale: individuano i percorsi formativi codificandoli per bisogni formativi rispetto alle articolazioni dì indirizzo e definiscono le aree aziendali/uffici di destinazione desunti dalla banca dati in archivio ufficio. Vengono individuate le Competenze professionali di indirizzo (da scegliere tra le competenze indicate dalla Linee Guida NIT o da individuare in sede di Dipartimenti e CCdCC), quelle più coerenti con il contesto e la specificità della azienda. Al fine di rendere più efficace il percorso ASL il Dipartimento propone ipotesi di aree progettuali pluridisciplinari e nel caso in cui delle discipline non si riconoscessero concorrenti all acquisizione e allo sviluppo di competenze si dovrebbe trovare una soluzione nella flessibilità oraria o nell integrazione progettuale. La logica è non nell esclusiva memorizzazione del contenuto ma nell individuare quali conoscenze ed abilità mobilizzano lo studente quando si trova ad affrontare nella propria vita situazioni complesse, ivi comprese quelle in ASL dove ritrovare le discipline implicate compresa sc. Motorie. II Fase: le FFSS e i collaboratori del Dirigente (Gruppo di lavoro)rilevano le disponibilità delle aziende/enti/studi professionali/agenzie (desunte dalle risposte agli inviti inviati dall ufficio)e formulano le proposte degli abbinamenti uffici di destinazione/studenti in linea con quanto individuato dai dipartimenti. L elenco va sottoposto all ufficio per il riscontro incrociato azienda/studente/referente progetto. III FASE I Consigli di classe segnalano al gruppo di lavoro gli studenti da collocare nei vari uffici nel rispetto del loro peculiare bisogno formativo e attitudini per favorire il loro personale progetto di vita. I docenti nella loro autonomia didattica e nel rispetto della programmazione collegiale del Consiglio di classe possono accogliere l area progettuale proposta in sede di dipartimenti. Il progetto individuato si sostanzia anche attraverso l ASL dove le diverse discipline possono essere implicate e dove lo studente può sviluppare in un contesto interdisciplinare competenze in termini professionali e personali. Il prodotto realizzato può essere valutato dalle diverse discipline. IV FASE Inizio percorso ins/apprend in ASL con tutor scolastico che verifica il buon posizionamento coerente con quanto progettato e accorcordato con il tutor aziendale. Il tutor monitora e agisce con azioni correttive se in itinere evidenzia non corrispondenza con il percorso didattico integrato. Il tutor rispettivamente per ogni singolo studente concorda le attività afferenti l area di lavoro, l obiettivo formativo con la relativa descrizione dei compiti assegnati e con le applicazioni informatiche da utilizzare. Ogni studente viene seguito dal docente tutor, che insieme al tutor aziendale che affianca lo studente nelle attività prettamente lavorative, monitora il percorso, lo valuta e ne relaziona i risultati al consiglio di classe. La validazione di detto periodo avviene con la certificazione e il concorso al credito formativo. V FASE Monitoraggio tutor É inoltre opportuno che si compiano azioni autonome di monitoraggio e valutazione dei percorsi, dedicando particolare attenzione ai seguenti aspetti: coerenza ed integrazione tra gli obiettivi del progetto, il curriculum scolastico, le proposte dell'offerta formativa espressi nel POF d'istituto flessibilità del progetto rispetto alla messa a punto di percorsi personalizzati con azioni correttive soddisfazione dei vari attori del progetto L'azione di monitoraggio e valutazione si potrà avvalere, oltre che dei dati oggettivi e qualitativi desumibili dalla modulistica utilizzata, degli strumenti che si riterranno più opportuni (questionari, focus group, etc). Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive VI FASE Valutazione CdC La valutazione verrà assunta dal Consiglio di classe anche attraverso l inserimento dei voti nelle diverse discipline coinvolte nel progetto di ASL. 14

15 La certificazione delle competenze concorrerà alla determinazione del credito formativo. Alla fine del periodo di tirocinio-lavoro in alternanza il C.d.C verifica: * il rispetto del percorso formativo individuale concordato con i tutor esterni (vedi accordo di tirocinio allegato alla Convenzione e la certificazione finale delle competenze conseguite contenente i compiti svolti) * il grado di possesso delle competenze acquisite (in base agli obiettivi concordati del percorso formativo e rilevato attraverso la tabella di valutazione a cura del tutor aziendale) * lo sviluppo, il consolidamento, il potenziamento delle competenze trasversali e cognitive rispetto alla fase d aula ed alle esperienze maturate in azienda (dedotte dal monitoraggio del tutor scolastico) * le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) * l autovalutazione dell allievo (vedi valutazione settimanale a cura dello studente tirocinante) Al fine di attuare le suddette fasi di verifica e valutazione i docenti tutor e i tutor aziendali utilizzano i seguenti strumenti: * Griglie di valutazione (tabella valutazione tutor aziendale) * Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) * prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) * Relazione finale del tutor scolastico e attestato di Alternanza scuola lavoro La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli all interno del proprio curriculum vitae. Definizione dei tempi e dei luoghi SETTORE ECONOMICO: Classi 3^ITE Periodo (orientativamente) Ore d aula Ore in ambiente di lavoro DURATA TOTALE ORE Ottobre/novembre/marzo 30 (26+4) Febbraio Classi 4^ITE Periodo (orientativamente) Ore d aula Ore in ambiente di lavoro DURATA TOTALE ORE Ottobre/novembre/marzo 4 Febbraio Periodo (orientativamente) Settembre/Ottobre Ottobre/novembre Nov/dicembre Gennaio/febbraio febbraio febbraio Attività che si svolgeranno a scuola Area 1- titolo- assessment /bilancio delle competenze. Finalità: abilitare alla diagnosi delle situazioni, al fronteggiarle e a relazionarsi con autostima (esperto INNOVA-CAM COM Frosinone) Area 2-titolo-entro nel mondo del lavorotecniche di approccio e curriculum? Finalità: informare e formare alle osservanze di regole deontologiche e comportamentali. Fornire strumenti per la compilazione del CV.(imprenditori / manager UNINDUSTRIA- CONFINDUSTRIA) Area 3-titolo-il mio paese:l Europa. Finalità: istruire sull Europa io cittadino attivo. (esperto LLP) Area 4-titolo-Inizia il percorso in Azienda. Raccomandazioni e consegna Documenti. Finalità: istruire e formare ad un comportamento assertivo orientato all apprendimento. (docente esperto comunicazione/psicologo/mediatore dell orientamento) Area 5-titolo-legalità, privacy e sicurezza sui posti di lavoro Finalità: richiamare l attenzione del partecipante alle tematiche sulla sicurezza.(esperto INAIL Frosinone) Attività che si svolgeranno in ambiente di lavoro Tirocini in Alternanza scuola lavoro per gli studenti dell ITE l alternanza si svolgerà in aziende private e pubbliche o nel terzo settore: in ambienti amministrativo-contabili nelle officine informatiche in punti vendita al dettaglio in magazzini all ingrosso in laboratori di MKT Tirocini in Alternanza scuola lavoro per gli studenti dell IPSSEOA l alternanza si svolgerà in: ristoranti alberghi pasticcerie BAR 15

16 Iniziative di orientamento propedeutico Attività previste Incontri CTS Incontri esperti mondo del lavoro/ass. di cultura e volontariato Tema: L importanza della propria immagine come strumento di comunicazione Visite aziendali Incontri mondo lavoro preparazione propedeutica attraverso 5 MODULI con esperti esterni e visite aziendali circa 20 ore DETTAGLIO: come si compila il CV Europass (Area 1) come si conduce il colloquio per la selezione del personale (Area 2) il mondo del lavoro e l economia(area 3) l Europa e la cittadinanza attiva(area 3) temi di attualità: 1)la crisi oggi: il caso. 2) il credito e i mutui(area 4 e5) (ec.aziendale, ragioneria, tecnica bancaria, diritto, economia politica, geografia economica, scienza Finanze, informatica, matematica) Personalizzazione dei percorsi Attività previste Attività/compiti (Descrivere in dettaglio i compiti che il tirocinante svolgerà/ha svolto): Conoscenze, abilità e competenze tecniche professionali da acquisire: -Registrazioni contabili utilizzando pacchetti applicativi e programmi di contabilità informatizzati -Organizzare un archivio; -Comunicare in modo chiaro e corretto; -Utilizzare il Pacchetto Office; -Scrivere in lingua italiana e/o Straniera senza commettere errori; Capacità e competenze professionali o tecniche da acquisire/acquisite ai fini dell apprendimento ha mostrato interesse e volontà. Ha frequentato con regolarità e diligenza svolgendo i compiti e le mansioni che le venivano assegnate dal tutor aziendale. Capacità e competenze informatiche acquisite Ha lavorato con il pacchetto Office. Ha lavorato su sistemi operativi informatici Modalità di svolgimento Tavola rotonda Evento in Aula Magna (ottobre-novembre Lancio Maggio- ricaduta/talk/disseminazione) Visita in orario curriculare Esperto in classe/meeting a tema/seminari Area 1- titolo- assessment /bilancio delle competenze. Finalità: abilitare alla diagnosi delle situazioni, al fronteggiarle e a relazionarsi con autostima (esperto INNOVA-CAM COM Frosinone) Area 2-titolo-entro nel mondo del lavoro- tecniche di approccio e curriculum? Finalità: informare e formare alle osservanze di regole deontologiche e comportamentali. Fornire strumenti per la compilazione del CV.(imprenditori / manager UNINDUSTRIA-CONFINDUSTRIA) Area 3-titolo-il mio paese:l Europa. Finalità: istruire sull Europa io cittadino attivo. (esperto LLP) Area 4-titolo-Inizia il percorso in Azienda. Raccomandazioni e consegna Documenti. Finalità: istruire e formare ad un comportamento assertivo orientato all apprendimento. (docente esperto comunicazione/psicologo/mediatore dell orientamento) Area 5-titolo-legalità, privacy e sicurezza sui posti di lavoro Finalità: richiamare l attenzione del partecipante alle tematiche sulla sicurezza.(esperto INAIL Frosinone) Modalità di svolgimento progettazione(programma) individualizzata secondo quanto concordato nella progettazione dipartimentale per ASSE e per Disciplina Conoscenze Disciplinari Indicare il titolo delle UU.AA.disciplinari e/o Interdisciplinari Indicare: Abilità cosa bisogna saper fare N.B.:durante il tirocinio documenti da compilare 1. Diario di bordo 2. Scheda di monitoraggio 3. Foglio firma 4. Griglia di valutazione 5. Realizzare tesi su Area progetto e/o su argomenti concordati con doppio tutoraggio PPT sull esperienza:descrivo Il mio lavoro come tirocinante alla prima esperienza all'estero. Descrivo i compiti che ho svolto e cosa ho imparato di nuovo con particolare riferimento alle procedure seguite per la documentazione e i flussi informativi. Descrivo le regole osservate sul lavoro per la sicurezza e la riservatezza." Competenze trasversali acquisite: Si è relazionata con il gruppo di lavoro dell ufficio dimostrando di saper svolgere quanto assegnato con capacità critica e cooperativa. Attività laboratoriale Descrizione Esempio sia pre ITE sia per IPSSEOA: Titolo area progetto/unità di apprendimento: Per vincere è importante capire e gestire bene il presente immaginando il futuro: Business plan di un idea d impresa 16

17 Utilizzo strumentazioni informatiche, networking Tipologie LIM Aula proiezione Laboratorio informatica Sito web Piattaforma e-learning facebook Competenze da acquisire, nel percorso progettuale tramite l alternanza, coerenti con gli obiettivi del profilo educativo, formativo e professionale dell indirizzo di studi e con specifico riferimento all EQF: ITE /IPSSEOA Competenze Abilità Conoscenze Area dei Linguaggi Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale e scritta. Relazionarsi in modo chiaro sia verbalmente che per iscritto. Relazionare per iscritto sul lavoro svolto in modo corretto utilizzando lessico adeguato e argomentando con riferimenti tecnici specifici. Utilizzare gli strumenti della comunicazione e le risorse a disposizione con logica e creatività. Comunicare ed interpretare correttamente l informazione per veicolare in modo chiaro e efficace. un lessico fondamentale e specifico per descrivere ed argomentare. Area scientifica Area di indirizzo (tecnicoprofessionalizzante) Svolgere i compiti assegnati nel rispetto delle consegne, organizzando in modo autonomo il lavoro consapevole della responsabilità dell incarico superare criticità con approccio positivo e propositivo. Analizzare e rilevare le informazioni tecniche professionali utilizzando tecniche e strumenti propri del contesto. Analizzare dati e sviluppare ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo anche di tipo informatico. Trovare soluzioni alternative alle criticità. Unire abilità manuali e strategie nei metodi portando a termine i compiti. Conoscere le tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. Conosce le tecniche professionali, i fatti, principi di riferimento per l analisi dei fatti, i processi e i concetti generali, acquisiti in ambito di studio e applicati in ambito lavorativo. Area di cittadinanza Stabilire un rapporto consapevole e corretto con il proprio ambiente fisico, sociale e culturale. Relazionarsi con approccio positivo andare verso l altro nel rispetto delle diversità. Modalità congiunte di accertamento delle competenze (scuola + azienda) (tutor aziendale, tutor scolastico, studente, docenti discipline coinvolte, consiglio di classe) La valutazione avviene in modo congiunto (scuola + azienda)nell accertare le competenze acquisite dallo studenti in ASL. Fin dall inizio il percorso ins/apprend in ASL con tutor scolastico e tutor aziendale che verificano il buon posizionamento coerente con quanto progettato e accordato in modo congiunto. Il tutor aziendale e il tutor scolastico monitorano e agiscono con azioni correttive se in itinere evidenziano non corrispondenza con il percorso didattico integrato progettato o non corrispondente alle aspettative. Il tutor aziendale e il tutor scolastico rispettivamente per ogni singolo studente concordano le attività afferenti l area di lavoro, l obiettivo formativo con la relativa descrizione dei compiti assegnati e con le applicazioni informatiche da utilizzare. Ogni studente viene seguito dal docente tutor, che insieme al tutor aziendale che affianca lo studente nelle attività prettamente lavorative, monitora il percorso. Il doppio tutoraggio valuta e fornisce i risultati al consiglio di classe attrav erso una scheda di valutazione e una relazione a cura del tutor aziendale e una scheda di rilevazione a cura del tutor scolastico. La validazione di detto periodo avviene con la certificazione e il concorso al credito formativo. É inoltre opportuno che le azioni di monitoraggio e valutazione dei percorsi, dedichino particolare attenzione ai seguenti aspetti: coerenza ed integrazione tra gli obiettivi del progetto, il curriculum scolastico, le proposte dell'offerta formativa espressi nel POF d'istituto flessibilità del progetto rispetto alla messa a punto di percorsi personalizzati con azioni correttive soddisfazione dei vari attori del progetto L'azione di monitoraggio e valutazione si potrà avvalere, oltre che dei dati oggettivi e qualitativi desumibili dalla modulistica utilizzata, degli strumenti che si riterranno più opportuni (questionari, focus group, etc). Si sottolinea l'importanza dei momenti di monitoraggio in itinere al fine di effettuare eventuali azioni correttive La valutazione verrà assunta dal Consiglio di classe anche attraverso l inserimento dei voti nelle diverse discipline coinvolte nel progetto di ASL. La certificazione delle competenze concorrerà alla determinazione del credito formativo e certificherà le competenze riconosciute. Alla fine del periodo di tirocinio-lavoro in alternanza l accertamento delle competenze (scuola + azienda) avviene con una verifica del: 17

18 * il rispetto del percorso formativo individuale concordato con i tutor esterni (vedi accordo di tirocinio allegato alla Convenzione e la certificazione finale delle competenze conseguite contenente i compiti svolti) * il grado di possesso delle competenze acquisite (in base agli obiettivi concordati del percorso formativo e rilevato attraverso la tabella di valutazione a cura del tutor aziendale) * lo sviluppo, il consolidamento, il potenziamento delle competenze trasversali e cognitive rispetto alla fase d aula ed alle esperienze maturate in azienda (dedotte dal monitoraggio del tutor scolastico) * le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) * l autovalutazione dell allievo (vedi valutazione settimanale a cura dello studente tirocinante) Al fine di attuare le suddette fasi di verifica e valutazione i docenti tutor e i tutor aziendali utilizzano i seguenti strumenti: * Griglie di valutazione (tabella valutazione tutor aziendale) * Diario di bordo (a cura dello studente tirocinante) * prodotto realizzato (tesi pluridisciplinare e/o tesi svolta sul lavoro) * Relazione finale del tutor scolastico e attestato di Alternanza scuola lavoro La Relazione finale del tutor scolastico e l Attestato di Alternanza Scuola Lavoro costituiscono una sorta di portfolio dello studente e rappresentano la certificazione delle esperienze condotte e delle competenze acquisite, che vanno consegnati a ciascun studente tirocinante in modo che possa presentarli e utilizzarli Modalità di certificazione/attestazione delle competenze (formali, informali e non formali) In riferimento al nuovo D.lgs n.13 del si procederà alla certificazione delle competenze con modello predisposto dove indicare i compiti svolti, le competenze acquisite, sia professionali sia trasversali. Il Consiglio di classe rileverà e valuterà le competenze acquisite e la ricaduta sul gruppo classe dell esperienza condotta in ambiente lavorativo. (rilevato dal CdC) ai fini del credito formativo. Le competenze acquisite in ambiente lavorativo concorreranno nella certificazione per quelle competenze non formali. Le competenze sociali e personali quali Unitamente alla competenza relazionale e dell approccio alle criticità contribuiranno alla rilevazione delle competenze informali sviluppate dalla socializzazione e dai rapporti interpersonali. Ruolo delle aziende nella fase di progettazione e di realizzazione delle attività previste dalle convenzioni (art. 1 comma 2 D.Lvo n. 77/2005) Principali caratteristiche dei partner esterni e della loro partecipazione al Progetto Denominazione Agenzia delle Entrate Frosinone CCIAA Frosinone INNOVA Frosinone UNINDUSTRIA Frosinone offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne L'Innova Azienda speciale della C.C.I.A.A. di Frosinone ha il compito di cooperare nel realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse materiali e i tutors necessari cooperare con la persona incaricata di monitorare i tirocini nella organizzazione che riceve. La Confindustria : realizza un incontro informativo e formativo con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e sulla compilazione del Curriculum vitae o dialoga e si confronta con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale o Contribuisce alla diffusione dei risultati del progetto BIC Lazio Associazione Internazionale di Cultura e Volontariato YOURFUTURE Protocollo d intesa per la realizzazione di incontri formativi sulla imprenditoria giovanile imprenditori tra i banchi di scuola Associazione internazionale di cultura e volontariato si impegna a realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi, interverrà agli incontri con i partecipanti per testimoniare la positiva esperienza che il partecipante si accinge a fare. dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto rispettare il protocollo d intesa contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse professionali. Amnministrazione Comunale di Comune di Ceprano, piazza Martiri di via Fani-Ceprano (Fr) si assume il compito di realizzare 18

19 Ceprano Amministrazione comunale di Ceccano Associazione Turistica PRO- LOCO Ceccano Amministrazione provinciale di Frosinone Coldiretti di Frosinone CONFARTIGIANATO di Frosinone Centro per l Impiego di Frosinone incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse materiali e i tutors necessari cooperare con la persona incaricata di monitorare i tirocini nella organizzazione che riceve. Comune di Ceccano, piazza Municipio Ceccano (Frosinone), si assume il compito di realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto. Offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne La PRO-LOCO di Ceccano si impegna a: realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse materiali e i tutors necessari e di cooperare con la persona incaricata di monitorare i tirocini nella organizzazione che riceve. offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne l Amministrazione provinciale offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne La Federazione Provinciale Coldiretti di Frosinone si assume il compito di realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale Contribuire alla diffusione dei risultati del progetto contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse materiali e i tutors necessari cooperare con la persona incaricata di monitorare i tirocini nella organizzazione che riceve. offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne offre la propria cooperazione a: accogliere studenti negli uffici della propria amm.ne si impegna a realizzare incontri informativi e formativi con gli studenti in mobilità sulle nuove opportunità ed esigenze del mondo lavorativo globale e cooperare con la persona referente del progetto per l organizzazione degli stessi, interverrà agli incontri con i partecipanti per testimoniare la positiva esperienza che il partecipante si accinge a fare. dialogare e confrontarsi con le istituzioni scolastiche coinvolte nel progetto per individuare nuovi profili professionali nel mondo del lavoro globale rispettare il protocollo d intesa contribuire al corretto sviluppo del progetto, usando tutte le necessarie risorse professionali. Imprese/Associazioni di categoria/ Partner pubblici, privati/ Terzo settore (denomi-nazione, indirizzo e Comune in cui operano) coinvolti, da cui è stato acquisito formale impegno nella progettazione e gestione del progetto e con cui, in caso di finanziamento, saranno stipulate apposite convenzioni a) Ambito lavorativo dei partner esterni: Per quanto riguarda l Istituto Tecnico Economico l ambito lavorativo dei partner esterni è composto da uffici amministrativo contabili in quasi tutte le tipologie degli organismi che ospitano i tirocinanti-studenti in formazione. Gli organismi sono aziende private di produzione, Associazioni di categoria, Enti pubblici, studi legali, studi di commercialisti, amministrazioni comunali e provinciale, Associazioni locali culturali, con i quali sono stipulate le convenzioni con le allegate progettazioni individualizzate. 1) STUDIO COMMERCIALISTA Antonio Vita-Cassino Disponibilità ad individuare (l attività formativa in azienda deve svolgersi nel corso dell anno scolastico per poter essere utile nella L attività formativa, che si svolge durante l anno scolastico nel mese di febbraio, nello studio del commercialista consiste nell inserimento in ambiente lavorativo, nell approccio relazionale con il team di lavoro, nello svolgimento di compiti relativi a: 19

20 N. alunni da inserire 6 N. tutor d azienda 3 Docenti 3 esperti esterni 2 ATA 2 tutor scolastico 3 capi dipartimento 4 Referente/tutor di riferimento del Consiglio di classe Servizi di trasporto Indicatori di risultati e d impatto in termini di successo formativo e placement: 2) AGRIFARM di D Annolfo Tulio- Cassino L attività formativa, che si svolge durante l anno scolastico nel mese di febbraio, nell azienda prodotti per l agricoltura consiste nell inserimento in ambiente lavorativo, nell approccio relazionale con il team di lavoro, nello svolgimento di compiti relativi a: N. alunni da inserire 3 N. tutor d azienda 1 Docenti 1 esperti esterni 2 ATA 2 Referente/tutor di riferimento del Consiglio di classe tutor scolastico 1 capo dipartimento Servizi di trasporto Indicatori di risultati e d impatto in termini di successo formativo e placement: 20

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO UN MANUALE PER CAPIRE PROGETTARE E REALIZZARE L ALTERNANZA LE ESPERIENZE DEL SISTEMA CAMERALE LOMBARDO Alternanza scuola-lavoro: un manuale per capire, progettare e realizzare

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli