POR FESR FVG

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POR FESR FVG 2014-2020"

Transcript

1 { POR FESR FVG

2 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione

3 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese: 76 meuro Asse 3 Sostenere la transizione verso un economia a basse emissioni: 57 meuro Asse 4 Sviluppo urbano: 11 meuro Asse 5 Assistenza tecnica: 9,2 meuro.

4 Le finalità 1. Rilancio occupazionale 2. Creazione di nuove start up 3. Collaborazione tra imprese e centri di ricerca 4. Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo 5. Riconversione energetica di edifici pubblici e sviluppo urbano 6. Rilancio della montagna (riserva finanziaria 4,7 meuro)

5 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.1 Voucher per l innovazione (2,8 meuro) Promozione dell attività di innovazione esclusivamente nelle aree di specializzazione e rispettive nelle traiettorie tecnologiche definite dalla S3 attraverso il sostegno all acquisto di audit per l innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale finalizzati a studi di fattibilità per progetti di ricerca e sviluppo (partecipazione ai programmi UE), analisi di mercato, strategie di innovazione, internazionalizzazione, commercializzazione, miglioramento dell organizzazione

6 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Sostegno innovazione organizzativa, strategica, incrementale, modello di business strumenti di proprietà intellettuale servizi per il trasferimento tecnologico Beneficiari: : micro, piccole e medie imprese operanti negli ambiti e nelle traiettorie tecnologiche identificati dalla S3 tasso di contribuzione maggiore per le micro e piccole imprese Procedura valutativa a sportello definizione di un catalogo di servizi preindividuati

7 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.2 Innovazione e industrializzazione (17,1 meuro) Attivazione di processi di innovazione esclusivamente negli ambiti di specializzazione e nelle rispettive traiettorie tecnologiche della S3: sostegno agli investimenti necessari ad accompagnare i risultati della ricerca sviluppo e innovazione quanto più possibile vicino al mercato ed alla commercializzazione attraverso il finanziamento dell industrializzazione sostegno alle attività di studio e sperimentazione di soluzioni innovative ed agli investimenti di industrializzazione Beneficiari: micro, piccole e medie e grandi imprese operanti negli ambiti e nelle traiettorie tecnologiche identificati dalla S3 (target preferenziale medie e grandi dimensioni)

8 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.2 Innovazione e industrializzazione (17,1 meuro) Con riguardo all industrializzazione per le grandi imprese sono ammissibili solo progetti di sperimentazione dell industrializzazione (finanziamento di attrezzature ed impianti che, pur destinati da ultimo alla produzione, necessitano di specifiche implementazioni e di preventive sperimentazioni per l applicazione dei risultati dell attività di ricerca ed innovazione) con esclusione dello sfruttamento industriale di prodotti standardizzati e dell uso di tecnologie esistenti

9 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.3 Attività collaborative di ricerca e sviluppo 1.3.a Collaborazioni R&S promosse da imprese (25 meuro) Attività di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, processi, servizi nuovo o innovativi riferite esclusivamente agli ambiti di specializzazione Agroalimentare e Filiere produttive strategiche (sistema casa e metalmeccanica) della S3, realizzate in forme collaborative tra soggetti economici e tra soggetti economici e strutture scientifiche Beneficiari: imprese che presentano progetti in forma aggregata o che prevedono collaborazioni/commesse con enti di ricerca o con altri soggetti esterni. Premialità ai progetti presentati da reti di imprese ammesse le spese di brevettazione

10 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.3 Attività collaborative di ricerca e sviluppo 1.3.b Partenariato pubblico privato nel contesto del sistema regionale R&S (25 meuro) Realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione anche mediante l applicazione di soluzioni tecnologiche funzionali esclusivamente agli ambiti di specializzazione Tecnologie marittime e Salute intelligente e rispettive traiettorie tecnologiche di cui alla S3 da realizzarsi attraverso la valorizzazione del partenariato pubblico privato sfruttando in chiave competitiva e potenziando il sistema regionale R&S Supporto a possibili collaborazioni in cui le grandi imprese possano svolgere un ruolo di driver dell innovazione e/o collaborazione in cui, nella costituzione del partenariato, gli intermediari dell innovazione regionale (distretti tecnologici, parchi scientifici e tecnologici) svolgano un ruolo di scouting tecnologico e di costruzione della partnership soprattutto tra PMI

11 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.3 Attività collaborative di ricerca e sviluppo 1.3.b Partenariato pubblico privato nel contesto del sistema regionale R&S (25 meuro) Beneficiari: micro, piccole e medie e grandi imprese operanti negli ambiti e nelle traiettorie tecnologiche identificati dalla S3 per gli ambiti di specializzazione Tecnologie marittime e Salute intelligente. Anche Università, organismi di ricerca, enti gestori di distretti tecnologici e di parchi scientifici e tecnologici, Amministrazioni pubbliche potranno beneficiare di questa azione purchè nella logica collaborativa con le imprese

12 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione 1.4 Start up e spin off innovative (7 meuro) Creazione di un ambiente favorevole alla scoperta imprenditoriale con la creazione di imprese innovative esclusivamente negli ambiti di specializzazione e nelle traiettorie tecnologiche identificati dalla S3 Beneficiari: imprese innovative nella forma di start up e spin off aziendali operanti negli ambiti e nelle traiettorie tecnologiche identificati dalla S3

13 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Principi guida per la selezione delle operazioni (azioni 1.2 e 1.3) Attuazione attraverso procedure di selezione pubblica Regime di aiuto in esenzione o de minimis Criteri di selezione: Qualità del progetto Prospettive di impatto Qualità delle competenze Chiarezza progettuale Pertinenza e congruità delle spese Contributo alla sostenibilità ambientale Applicazione tecnologie abilitanti Riattivazione o continuità ad attività produttive rilevanti Aree di svantaggio socio economico Progetto Horizon 2020 valutato positivamente ma non finanziato Mpmi Imprenditoria giovanile / femminile Partecipazione a reti di imprese Rating di legalità

14 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione In caso di numero cospicuo di domande preselezione sulla base della qualità, prospettive di impatto, qualità delle competenze coinvolte Cooperazione tra soggetti economici (1.3.a) secondo almeno una delle seguenti modalità: - tra almeno due imprese indipendenti di cui almeno una PMI, con sostegno singolo di non più del 70% della spesa e non meno del 10% - con enti di ricerca in virtù di contratto di ricerca - con altri soggetti esterni in forma di consulenze contrattualizzate di valore non inferiore al 15% Partenariato pubblico / privato (1.3.b) nel rispetto delle seguenti modalità: - tra almeno due imprese indipendenti di cui una PMI e un organismo di ricerca con contratto di ricerca non inferiore al 15% del costo del progetto, - i partner non più del 70% della spesa e non meno del 10% Gli enti gestori dei parchi scientifici e tecnologici regionali, gli enti gestori dei distretti tecnologici regionali, le amministrazioni pubbliche regionali possono partecipare purchè in partnership con i soggetti sopra indicati.

15 Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Criteri di selezione aggiuntivi (1.3.b): Coinvolgimento formalizzato degli utenti finali (impegno a seguire lo sviluppo del progetto) Partecipazione di enti gestori di Parchi scientifici e tecnologici, Distretti tecnologici, Cluster con funzioni di coordinamento e/0 di diffusione dei risultati della ricerca Strategia di sviluppo della montagna (riserva finanziaria) Distinzione delle risorse finanziarie ordinarie del bando dalle risorse della riserva per le aree montane Con le risorse ordinarie saranno finanziati i progetti con il migliore punteggio utile in graduatoria Le risorse finanziarie della riserva saranno utilizzate per il finanziamento dei soli progetti montani progetti realizzati presso la sede/unità locale del beneficiario in aree montane - ammessi in graduatoria ma non finanziati con le risorse ordinarie. Sarà sempre seguito l ordine della graduatoria. Qualora uno o più progetti montani ammessi ma non finanziati, rientrino in un progetto congiunto/integrato con latri progetti non montani l intero progetto congiunto/integrato potrà essere finanziato della riserva e limitatamente a tale importo solamente se, a seguito dell analisi di ammissibilità, presenta almeno il 60% della spesa complessiva ammissibile da realizzare in area montana - presso sedi o unità locali in area montana

16 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.1 Sostegno alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, si attraverso l offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro-finanza (13,9 meuro) Sostegno alla nuova imprenditorialità (investimenti iniziali legati all avvio ed all attività nel primo periodo) sviluppata a seguito di specifici percorsi formativi realizzati nell ambito del progetto Imprenderò. Nuova imprenditorialità nell area della S3 relativa alle imprese culturali e creative

17 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.2 Aree territoriali colpite da crisi diffusa aree ex art c della provincia di Udine estese al distretto della sedia (7 meuro) Piano analitico di rilancio - progetto unitario di rilancio destinato ad individuare i piani di intervento finalizzati a: - promozione di investimenti produttivi e di riconversione industriale a carattere innovativo; - forme attive di rafforzamento delle capacità dei lavoratori eventualmente da integrare a strumenti di sostegno al reddito e adincentivi per la creazione di imprese anche a carattere cooperativo; - riqualificazione delle aree interessate e riconversione di aree industriali dismesse strettamente funzionali agli altri interventi.

18 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.2 Aree territoriali colpite da crisi diffusa aree ex art c della provincia di Udine estese al distretto della sedia (7 meuro) L azione va integrata con gli altri strumenti definiti dal POR (asse I - ricerca, sviluppo e asse II - innovazione e competitività pmi) che prevedono una priorità specifica per gli investimenti realizzati nelle aree di crisi. L obiettivo è quello di impostare interventi che attraggano nuovi investimenti e accompagnino il riposizionamento competitivo delle imprese già insediate al fine di promuovere traiettorie di sviluppo a più elevato contenuto tecnologico tramite l innovazione e la diversificazione produttiva e frenare il calo dei posti di lavoro ed il ricorso agli ammortizzatori sociali legati alla crisi.

19 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.2 Aree territoriali colpite da crisi diffusa aree ex art c della provincia di Udine estese al distretto della sedia (7 meuro) Gli strumenti: a) recupero della competitività delle imprese attraverso: consulenze per riorganizzazione, diversificazione produttiva, riposizionamento strategico, anche per il sostegno all internazionalizzazione; interventi mirati di riconversione e adattamento della produzione. b) salvaguardia del livello occupazionale: incentivazione alla creazione di nuove imprese da parte dei lavoratori anche in forma cooperativa stimolando e rafforzando le logiche di rete; c) miglioramento dell attrattività del territorio: promozione di nuovi investimenti produttivi a carattere innovativo.

20 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.2 Aree territoriali colpite da crisi diffusa aree ex art c della provincia di Udine estese al distretto della sedia (7 meuro) Aiello del Friuli, Bagnaria Arsa, Buttrio, Chiopris Viscone, Cormons, Corno di Rosazzo, Manzano, Moimacco, Pavia di Udine, Premariacco, San Giorgio di Nogaro, San Giovanni al Natisone, San Vito al Torre, Torviscosa, Trivignano Udinese*. *Comuni aggiunti facenti parte delle aree di crisi diffusa distretto della sedia non ex art c Beneficiari: pmi localizzate nelle aree di crisi Gestione dell azione: procedure di selezione ad evidenza pubblica mediante procedimenti a bando o negoziali applicando il regime di aiuto in esenzione o de minimis. Criteri di selezione: creazione di nuova occupazione o salvaguardia di quella esistente; contributo alla realizzazione di investimenti in tecnologie abilitanti e industriali ed in chiave innovativa; contributo alla creazione di reti di imprese; determinazione di una riduzione dell impatto ambientale.

21 Questionario di Confindustria Udine PIANO ANALITICO DI RILANCIO Aree territoriali colpite da crisi diffusa aree ex art c della provincia di Udine estese al distretto della sedia.

22 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.3 Investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento di processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale (35 meuro) a) Sostenere la competitività e l innovazione tecnologica delle PMI finanziando investimenti tecnologici Incentivazione degli investimenti per nuovo stabilimento, ampliamento e diversificazione della produzione e/o servizi mediante prodotti/processi nuovi e aggiuntivi e trasformazione radicale del processo produttivo. Ammissibili investimenti in macchinari, impianti, strumenti, attrezzature, programmi informatici mirati alla riorganizzazione ed alla ristrutturazione tecnologica e di erogazione di servizi. Introduzione di tecnologie innovative e abilitanti tra cui biotecnologie industriali, materiali avanzati e sistemi manifatturieri avanzati. Finanziamento anche di servizi specialistici per la pianificazione di processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale

23 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.3 Investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento di processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale (35 meuro) b) Sostenere il consolidamento in chiave innovativa delle PMI mediante l introduzione di servizi e tecnologie innovative relative all ICT Incentivazione degli investimenti volti alla introduzione di soluzioni tecnologiche innovative per il commercio elettronico, il cloud computing, la manifattura digitale, la sicurezza informatica. Ammissibilità di investimenti per servizi e tecnologie, acquisto di hardware e dispositivi tecnologici ed interattivi di comunicazione, software, licenze, servizi di analisi, progettazione e sviluppo per sistemi ICT gestionali aziendali e per applicazioni mobili, consulenze inerenti al progetto.

24 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.3 Investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento di processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale (35 meuro) Beneficiari: Piccole e Medie Imprese Criteri di selezione Coerenza con la Strategia di specializzazione intelligente (S3) Investimenti in tecnologie abilitanti (micro/nanoelettronica, nanotecnologie, fotonica, materiali avanzati, biotecnologia industriale e tecnologie di produzione avanzata) Riduzione dell impatto ambientale e un minor utilizzo delle risorse enegetiche Riattivazione o continuità ad attività produttive rilevanti Aree di svantaggio socio economico (aree 107,3c e aree di crisi) Micro e piccola impresa Imprenditoria giovanile / femminile Partecipazione a reti di imprese Rating di legalità Imprese del settore turistico

25 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.4 Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche per l espansione del credito in sinergia tra sistema nazionale e sistemi regionali di garanzia (20 meuro) Costituzione della Sezione Risorse Por Fesr FVG presso il Fondo centrale di garanzia per le PMI a fronte di finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari a favore di PMI Garanzia di ultima istanza dello Stato che opera a titolo garanzia, cogaranzia e contro garanzia Erogazione di garanzie dirette, concesse direttamente alle banche ed agli intermediari finanziari, di controgaranzie, concesse a prima richiesta oppure sussidiaria, e di cogaranzie concesse direttamente a favore dei soggetti finanziatori e/o congiuntamente ai Confidi Destinatari finali: mpmi localizzate in Regione Finanziabilità di imprese economicamente e finanziariamente sane operazione finanziaria comunque finalizzata al rafforzamento ed allo sviluppo dell impresa

26 Asse 2 Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese 2.4 Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche per l espansione del credito in sinergia tra sistema nazionale e sistemi regionali di garanzia (20 meuro) Criteri di valutazione: Copertura finanziaria delle immobilizzazioni e/o indice di liquidità Indipendenza finanziaria Copertura degli oneri finanziari Incidenza della gestione caratteristica sul fatturato Si prevede di intervenire con procedura valutativa a sportello.

27 Strategia di sviluppo della montagna (riserva finanziaria) (azioni ) Distinzione delle risorse finanziarie ordinarie del bando dalle risorse della riserva per le aree montane Con le risorse ordinarie saranno finanziati i progetti con il migliore punteggio utile in graduatoria Le risorse finanziarie della riserva saranno utilizzate per il finanziamento dei soli progetti montani progetti realizzati presso la sede/unità locale del beneficiario in aree montane - ammessi in graduatoria ma non finanziati con le risorse ordinarie. Sarà sempre seguito l ordine della graduatoria

28 Regime degli aiuti Regime di esenzione Aiuti agli investimenti a favore delle PMI 20% dei costi ammissibili per le piccole imprese 10% dei costi ammissibili per le medie imprese Aiuti alle PMI per servizi di consulenza Non superiore al 50% dei costi ammissibili

29 Aiuti a progetti di ricerca e sviluppo Non superiore al 50% dei costi ammissibili per la ricerca industriale 25% dei costi ammissibili per lo sviluppo sperimentale 50% dei costi ammissibili per gli studi di fattibilità Intensità massima per la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale sino all 80% con l aumento di: 10 punti percentuale per le medie imprese e 20 punti percentuali per le piccole imprese 15 punti percentuali (collaborazione effettiva tra imprese di cui almeno una è PMI o realizzazione in almeno due stati membri con il sostegno da parte di una impresa di non più del 70% dei costi ammissibili collaborazione effettiva tra un impresa ed uno o più enti di ricerca con il sostegno da parte di questi di almeno il 10% dei costi ammissibili

30 Aiuti all innovazione a favore delle PMI Non superiore al 50% dei costi ammissibili: costi per l ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali costi di messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un organismo di ricerca o di una grande impresa che svolga attività di ricerca, sviluppo e innovazione in una funzione di nuova creazione nell ambito dell impresa beneficiaria e non sostituisca altro personale costi per servizi di consulenza e di sostegno all innovazione

31 Aiuti per l innovazione dei processi e dell organizzazione Non superiore al 15% per le grandi imprese ed al 50% per le PMI dei costi ammissibili: spese di personale costi relativi a strumentazioni, attrezzature ed immobili e terreni nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti spese generali supplementari e costi di esercizio Ammissibilità delle grandi imprese se collaborano effettivamente con le PMI che sostengano almeno il 30% dei costi ammissibili

32 Aiuti a finalità regionale Intensità massima di aiuto: 10% grandi imprese (investimento iniziale a favore di una nuova attività economica: nuovo stabilimento o diversificazione dell attività che sia uguale o simile a quella precedente) 20% medie imprese 30% piccole imprese Aiuti de minimis Importo complessivo degli aiuti de minimis non superiore a euro nell arco di tre esercizi finanziari destinati ad un impresa unica

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE GESTIONE IN ANTICIPAZIONE DEL POR FESR 2014-2020 Angelita Luciani Responsabile Ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico FINALITA DELL INTERVENTO

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2

Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI. Asse 2 Attività II.1.2 Bando per l'innovazione tecnologica delle PMI e delle reti di PMI Asse 2 Attività II.1.2 Obiettivi Supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1: OBIETTIVI E FINALITÀ Promozione di maggiore intensità e qualità degli investimenti in Ricerca e Sviluppo; Potenziamento degli investimenti

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Camera di Commercio di Treviso Bando di concorso per la concessione di contributi alle PMI per favorire l'innovazione, la competitivitá, per l'applicazione di tecnologie avanzate e la salvaguardia dell'ambiente

Dettagli

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 QUANTO VALE IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 POR FESR 231.509.780 50% 50% UE STATO LA STRATEGIA DEL POR FESR ABRUZZO 2014-2020 Europa 2020 Obiettivi tematici Sviluppo Locale

Dettagli

SCHEDA DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DI REGIMI DI AIUTO nei PISL INVESTIMENTI IN R&S. 2. Sezione I: Identificazione dell intervento

SCHEDA DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DI REGIMI DI AIUTO nei PISL INVESTIMENTI IN R&S. 2. Sezione I: Identificazione dell intervento SCHEDA DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DI REGIMI DI AIUTO nei PISL INVESTIMENTI IN R&S 1. INFORMAZIONI GENERALI SUL REGIME DI AIUTO DA ATTIVARE 1.1 TITOLO DELL OPERAZIONE: INVESTIMENTI IN R&S PER LE IMPRESE

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1del POR FESR 2014-2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia-Romagna COS È IL POR FESR 2014-2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE LOCALE

Dettagli

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese La Regione Toscana interviene sul sistema delle imprese artigiane ed industriali per supportarle

Dettagli

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 I Fondi Europei per la competitività e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 Dr. Ennio Parisi

Dettagli

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 30 ottobre 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione energetica di edifici esistenti Bando 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative. FI.LA.S Spa

Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative. FI.LA.S Spa Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative Renato Savini FI.LA.S Spa Convegno Nuove agevolazioni per le imprese con Fondi Europei (POR FESR Lazio 2007/2013) e regionali 1 28.11.2008

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE ProgrammazioneUnitaria2014-2020 Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE INCENTIVI IMPRESE Stato attuazione procedure Programmazione Unitaria COMPETITIVITA

Dettagli

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 PRESENTAZIONE OPPORTUNITÀ NAZIONALI E REGIONALI Bando MISE Industria sostenibile e PNR Primi bandi regionali del POR MARCHE FESR 2014-2020 AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 POR MARCHE FESR 2014-2020

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Gli incentivi regionali per l innovazione industriale e il nuovo bando R&S per le aggregazioni di PMI Speaker Pierluigi Bertolini - Responsabile

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE. Prato, 16 novembre 2015

IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE. Prato, 16 novembre 2015 IL SOSTEGNO DELLA REGIONE TOSCANA ALLA CREAZIONE DI IMPRESE INNOVATIVE Prato, 16 novembre 2015 Decreto di indizione n. 4123 del 10.08.2015 Finalità del bando rafforzare l innovazione del sistema imprenditoriale

Dettagli

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma Punto 5 dell ordine del giorno: INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C (C) I nuovi bandi del MISE a valere sulla Legge 46/82 FIT Comitato di Sorveglianza

Dettagli

TOSCANA. TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA "Finanziamenti per l'area di Piombino" SCADENZA: giugno 2016

TOSCANA. TOSCANAMUOVE Creazione impresa A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA Finanziamenti per l'area di Piombino SCADENZA: giugno 2016 TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" Disponibile il fondo rotativo che intende sostenere attraverso agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e vocuher) per la realizzazione di progetti di investimento

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati della ricerca in settori

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Obiettivi La politica di aiuti alle imprese è finalizzata a sostenere,

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

Iniziative per il mondo economico : i Fondi Strutturali. Silvia Pulvirenti, SIPRO. Cento, 25 febbraio 2016

Iniziative per il mondo economico : i Fondi Strutturali. Silvia Pulvirenti, SIPRO. Cento, 25 febbraio 2016 Iniziative per il mondo economico : i Fondi Strutturali Silvia Pulvirenti, SIPRO Cento, 25 febbraio 2016 ACCESSO AI FINANZIAMENTI QUALCHE DATO Nella programmazione 2007-2013 il nostro territorio ha dimostrato

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

«CREDIT SERVICE CREDITAGRI ITALIA» GIOVANI IMPRESE E LA FILIERA AGRICOLA

«CREDIT SERVICE CREDITAGRI ITALIA» GIOVANI IMPRESE E LA FILIERA AGRICOLA «CREDIT SERVICE CREDITAGRI ITALIA» GIOVANI IMPRESE E LA FILIERA AGRICOLA Proposte e Opportunità finanziarie Centro Congressi La Principessa Amantea (CS) - 23.02.2016 1 Definizione di Creditagri Italia

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO Fondo per la crescita sostenibile": il Fondo di cui all articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Sostegno alle start-up innovative" SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Psr 2014-2020"

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA Sostegno alle start-up innovative SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA Psr 2014-2020 "Sostegno alle start-up innovative" Il sostegno è finalizzato alla nascita e crescita di start up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA "Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015"

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA "Contributi per la partecipazione a fiere" L'obiettivo è quello di promuovere i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a iniziative di partecipazione

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE SMART & START: LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI A cura del centro studi economico finanziario della Financial Advisors Business www.fabfinance.eu

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche Il nuovo POR FESR a sostegno delle politiche energetiche degli attori regionali Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche 1 Il ciclo di

Dettagli

commercio elettronico:

commercio elettronico: commercio elettronico: incentivi alle imprese per lo sviluppo dei siti aziendali edizione 2008 La Regione stimola la crescita e l internazionalizzazione delle imprese promuovendo innovazione e utilizzo

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Fare Impresa Ecco l alternativa Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Dettagli

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI TIPOLOGIA OBIETTIVO SCADENZA ENTE FART Invito 2/2013 Linea 1 - sviluppo

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Una chance per fare impresa: gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio. Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione

Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio. Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione Individuazione del soggetto fruitore dei sostegni economici e del

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni.

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni. Palermo, 20 novembre 2013 Oggetto: SMART & START In relazione all ampia disponibilità di fondi ancora non utilizzati e considerato il buon esito dei progetti fin ora presentati si ripropongono di seguito

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Regione Marche PATRIZIA SOPRANZI P.F. Innovazione Ricerca e Competitività dei Settori Produttivi Strategia

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO Trento, sala D. Guetti - 28 novembre 2012 AGEVOLAZIONI DELLA PROVINCIA DI TRENTO PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE info: serv.finricsvil.apiae@provincia.tn.it

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli