Guida introduttiva a Matlab-Simulink

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida introduttiva a Matlab-Simulink"

Transcript

1 Guida introduttiva a Matlab-Simulink Ing. Alessandro Pisano

2 INDICE Introduzione 3 Generalità: librerie e blocchi elementari. 3 Esempio introduttivo: costruzione e visualizzazione di un onda sinusoidale 7 Costruzione e visualizzazione di segnali qualunque. 12 Risoluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti costantii 13 Risoluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti non costantii 18 Risoluzione di sistemi di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti 20 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari del primo ordine 22 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari di ordine qualunque 24 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari tempo-varianti di ordine qualunque 26 Simulazione di sistemi dinamici: 28 Es. 1: Massa con attrito composto Es. 2: Motore DC Esercizi propostii con traccia della soluzione 31 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 2

3 Introduzione Il software Simulink è un applicativo che vive all interno del programma di calcolo Matlab e ne costituisce, in buona sostanza, una potente e intuitiva interfaccia grafica che ne semplifica grandemente l impiego da parte dell utente. Medante Simulink è possibile programmare l esecuzione di calcoli in ambiente Matlab in maniera molto più rapida ed error-free rispetto alla scrittura dei lunghi e complessi m-files che sono necessari, ad esempio, per programmare in Matlab l integrazione numerica di un sistema di equazioni differenziali di ordine elevato. Mediante gli strumenti visuali disponibili in ambiente Simulink è possibile simulare dei sistemi anche molto complessi con uno sforzo da parte dell utente che si limita al tracciamento, su un foglio di lavoro elettronico, di uno schema a blocchi rappresentativo del sistema in esame. Per gli scopi che prefiggiamo in questo corso non è necessario discutere approfonditamente le prerogative del software Matlab-Simulink., bensì concentreremo l attenzione su alcuni task di interesse (ad esempio visualizzare un segnale, risolvere una equazione differenziale lineare a coefficienti costanti) guidando passo-passo il lettore mediante esempi concreti. Generalità: librerie e blocchi elementari. SIMULINK si compone di una serie di librerie che contengono dei blocchi elementari, i quali, opportunamente interconnessi, andranno a realizzare lo schema a blocchi che rappresenta la funzionalità desiderata. Si accede alla lista delle librerie aprendo innanzitutto MATLAB (si veda in Fig. 1 la finestra di avvio di MATLAB) e quindi aprendo SIMULINK. Tale operazione puo esser fatta in due modi: premendo con il mouse il pulsante corrispondente (v. Fig. 1) o digitando simulink nella riga di comando e quindi premendo il tasto invio. In Fig. 2 la finestra di avvio del software SIMULINK (vers , release 12) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 3

4 PULSANTE PER APRIRE SIMULINK FIG. 1 FINESTRA DI AVVIO DI MATLAB Pulsante New FIG. 2. FINESTRA DI AVVIO DI SIMULINK A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 4

5 Nella parte destra della finestra in Fig. 2 vediamo la lista delle librerie (Continuous, Discrete, Functions & Tables, Math,, Sources) ognuna delle quali contiene una certa tipologia di componenti base: LIBRERIA Continuous Discrete Functions & Tables Math Nonlinear Signals & Systems Sinks Sources CONTENUTO Componenti lineari a tempo continuo Componenti lineari a tempo discreto Funzionalità pèrogrammabili e look-up tables Funzioni matematiche Componenti non lineari Condizionamento di segnali Visualizzatori di segnale Generatori di forme d onda Vediamo più a fondo il contenuto di alcune librerie FIG. 3. LIBRERIE CONTINUOUS (SINISTRA) E MATH (DESTRA) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 5

6 FIG. 4. LIBRERIE SINKS (SINISTRA) E SOURCES (DESTRA) Ciascun blocco elementare svolge una particolare funzione. Non è scopo di questo manuale discutere in dettaglio tutti i blocchi elementari; ci limiteremo a spiegare il funzionamento dei blocchi che ci serviranno per svolgere i task sui quali ci concentreremo. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 6

7 Esempio introduttivo: visualizzazione di una sinusoide Come primo passo si apra una nuova pagina di lavoro cliccando sul pulsante new a sinistra nella finestra di apertura di Simulink (v. Fig. 2). Comparirà una finestra denominata Untitled (v. Fig. 5) all interno della quale si dovrà costruire lo schema a blocchi corrispondente all operazione desiderata. In generale si devono importare nella pagina di lavoro un certo numero di blocchi elementari realizzanti le funzioni richieste che dovranno essere opportunamente interconnessi tra di loro al fine di realizzare il modello di simulazione FIG. 5 Per visualizzare una sinusoide sono sufficienti due blocchi elementari: un blocco che generi il segnale desiderato ed un blocco che ne permetta la visualizzazione. Il primo blocco lo troveremo nella libreria Sources (blocco Sine Wave), il secondo blocco (blocco Scope), si trova nella libreria Sinks. I blocchi necessari vanno importati nella pagina di lavoro Untitled trascinando con il mouse (drag-and-drop) l icona del blocco all interno della pagina di lavoro. Il risultato di tale procedura è mostrato in Fig. 6. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 7

8 FIG. 6 A questo punto conviene salvare la pagina di lavoro. La scritta Untitled verrà sostituita dal nome assegnato al file, che ha suffisso mdl (ad esempio sinusoide.mdl ). E altresi conveniente e soprattutto comodo ingrandire la finestra di lavoro e disporre i blocchi nella parte centrale come in Fig. 7. FIG. 7 FIG. 8 Si deve ora collegare l uscita del generatore di funzione Sine Wave con l ingresso del blocco di visualizzazione Scope. Per effettuare un collegamento si deve portare la freccia del mouse nel punto di partenza dello stesso, e quindi tracciare il collegamento tenendo premuto il tasto sinistro del mouse e portandosi fino al punto di destinazione. Un A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 8

9 collegamento correttamente eseguito viene indicato come in Fig. 8. Si ispezioni visivamente il collegamento, ed in particolare è consigliato verificare sempre la presenza della freccia entrante nel blocco per essere certi di aver eseguito il collegamento in maniera corretta. Devono ora essere impostati i parametri di ampiezza, frequenza e sfasamento che definiscono la particolare sinusoide che si desidera generare. A tal fine è necessario fare doppio click sul blocco Sine Wave, e come risultato si apre una finestra di dialogo all interno della quale vanno impostati i parametri di funzionamento (Fig. 9). Pulsante Start Simulation FIG. 9 Impostati i tre parametri desiderati (scrivendo il valore corrispondente nelle caselle di testo etichettate Amplitude, Frequency e Phase ) e confermata la scelta con il tasto OK (nella casella sample time si deve lasciare il valore nullo di default) resta da compiere un ultimo passo prima di avviare la simulazione. Si devono impostare la durata (cioè l intervallo temporale) della simulazione ed il metodo di integrazione numerica. Tali parametri si impostano selezionado la voce Simulation Parameters dal menu Simulation della finestra di lavoro (Fig. 10). L intervallo temporale della simulazione si imposta nella casella Stop Time. Per quanto riguarda il metodo di integrazione in questa sede ci limitiamo a segnalare che selezionando le Solver Options ed il Fixed step size come in Fig. 10 si potranno eseguire con successo tutti i task di simulazione previsti nel presente modulo. Quando sono da rappresentare fenomeni rapidamente variabili (ad es. una sinusoide a frequenza A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 9

10 dell ordine dei KHz) si dovrà ridurre il Fixed Step Size oppure ricorrere a solutori (Solver) differenti. Come ultima operazione, si deve fare doppio click sul blocco Scope, ottenenendo come risultato la comparsa della finestra di visualizzazione in Fig. 11, quindi cliccare sul pulsante Properties (il secondo da destra, affianco al pulsante di stampa) e disselezionare nel menù data History la check-box di default Limit data points to last [5000] (v. Fig. 12). FIG. 10 FIG. 11 FIG. 12 FIG. 13 A questo punto tutto è pronto per eseguire la simulazione. E sufficiente cliccare il pulsante Start Simulation (Fig. 9) e nella finestra di visualizzazione comparirà il segnale generato dal blocco A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 10

11 Sine Wave (v. Fig. 13: Amplitude=1, Frequency = 1 rad/s, Phase = 0 ). Se la finestra di visualizzazione fosse stata inavvertitamente chiusa è sufficiente fare doppio click sul blocco Scope per riaprirla. Il lettore può ora visualizzare sinusoidi di diversa ampiezza, frequenza o sfasamento modificando il corrispondente parametro nella finestra di dialogo del blocco Sine Wave. Per generare un segnale armonico (ad es. la somma di due sinusoidi di frequenza diversa) si devono importare un altro blocco Sine Wave ed un blocco che funga da nodo sommatore (Libreria Math, blocco Sum ). L unico parametro che definisce il comportamento del nodo sommatore è una stringa di + o (es. +++ ) in numero pari al numero di nodi desiderati. Per il nostro caso si dovrà impostare la stringa ++ (è la stringa di default) che genera due nodi a segno positivo (per fare la differenza tra due segnali il sommatore va invece configurato con la stringa + ). Avviando la simulazione con il pulsante Start Simulation si può vedere nel blocco Scope il segnale armonico costruito. FIG. 14 Pulsante Start Simulation Esercizio: Visualizzare il segnale x(t)=sin(t) + 2 sin(2 t) + 3 sin (3 t + π) 2 sin (5 t) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 11

12 Costruzione e visualizzazione di una generica funzione del tempo Per generare segnali non sinusoidali, sono disponibili diversi blocchi speciali. Descriviamone alcuni BLOCCO Constant Step Ramp Random signal SEGNALE GENERATO Segnale costante Segnale a gradino Rampa Segnale casuale Per generare funzioni comunque complesse (ad es. s(t)=sin(t) + e -t + t log (t+1)) si può utilizzare la seguente configurazione: FIG. 15 Il blocco Clock sta nella libreria Sources e fornisce in uscita la variabile temporale t. Il blocco Fcn sta nella libreria Functions & Tables e permette di scrivere una espressione matematica che viene applicata alla quantità in ingresso al blocco. Nello scrivere l espressione il segnale di ingresso si deve sempre indicare con la lettera u (si noti come in Fig. 15 il contenuto della stringa definisca proprio la funzione desiderata s(t) con la lettera u al posto di t ). Avviando la simulazione (pulsante Start ) e facendo doppio click sul blocco Scope si può visualizzare l andamento del segnale generato. Si ricordi di impostare correttamente i Simulation Parameters e le Scope properties ( v. Fig. 10 e Fig. 12). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 12

13 Soluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti Chiariamo innanzitutto che in ambito Simulink per soluzione di un equzione differenziale intendiamo semplicemente la visualizzazione della soluzione in un blocco di tipo Scope. Anche stavolta procediamo sviluppando un esempio pratico: ESEMPIO Si visualizzi nei primi 15 secondi la soluzione y(t) dell equazione differenziale lineare del terzo ordine 3y ''' '' ' + 2y + 3y + 6y = 3 + cos 2 con condizioni iniziali ( t) ' '' y ( 0 ) = 1 y ( 0) = 2 ( 0) = 3 y (2) (1) La procedura è sistematica: 1. Riscrivere l equazione in forma esplicita (cioè isolando a sinistra dell uguale la derivata di ordine più elevato) ''' 1 2 y 1+ cos '' ' ( 2 t) y y y = (3) 2. Collocare nella pagina di lavoro vuota un numero di blocchi Integrator (dalla libreria Continuous ) pari all ordine dell equazione differenziale (in questo caso sono 3) e collegarli tra loro in cascata come in Fig. 16 FIG. 16 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 13

14 3. Importare un nodo sommatore e 3 blocchi Gain (dalla libreria Math ). Il nodo sommatore si collega al primo degli integratori (quello più a sinistra). Il blocco Gain moltiplica il segnale di ingresso per il valore impostato nella corrispondente finestra di dialogo che si apre facendo doppio click sul blocco stesso (il guadagno di default è unitario). FIG. 17 Come riportato in Fig. 17, le uscita dei tre integratori sono (da destra verso sinistra) rispettivamente y (il segnale cercato) e le sue derivate prima e seconda, y ed y. Questo è in accordo con la funzione eseguita dal blocco, che produce in uscita l integrale del segnale di ingresso. Nota: Facendo doppio click su un punto della finestra di lavoro ove non si trovano blocchi ivi compare una casella di testo in cui si possono scrivere delle lettere a piacere. Usualmente, come fatto in Fig. 17, si usa questa funzionalità per identificare, vicino all uscita (o all ingresso) di un blocco, il nome del Segnale che esce dal (o entra nel) blocco in questione. Come si ricava facilmente, in ingresso all integratore più a sinistra (Integrator 2 in Figura 17) si troverà la derivata terza del segnale y. Per simulare l equazione differenziale si dovranno pertanto far confluire nel nodo sommatore tutte le quantità che compaiono a destra dell uguale nell equazione (3), che definisce proprio la forma della derivata terza. Identifichiamo, a destra dell uguale nella Eq. (3), quattro diversi contributi: A. la funzione del tempo tra parentesi quadre 1 + cos( 2 t) 1 3 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 14

15 B. 2 la derivata seconda di y moltiplicata per 3 C. la derivata prima di y moltiplicata per 1 D. il segnale y moltiplicato per 2 4. Configurare il sommatore con 4 nodi positivi e renderlo di forma rettangolare anziché circolare (stringa ++++ ed Icon shape = Rectangular nella finestra di dialogo) La funzione del tempo al punto A viene generata con un blocco Clock ed un blocco Fcn (v esempio a pag. 12). I blocchi Gain vengono fatti ruotare di 180 (è sufficiente selezionarli con un singolo click di mouse e premere per due volta la coppia di tasti CTRL + R, R=rotate) e trascinati nel foglio di lavoro fino a disporli come in Figura 18. FIG Ora bisogna collegare in ingresso ai tre blocchi Gain i segnali y, y ed y per poter costruire i tre contributi ai punti B, C e D. Le uscite dei tre blocchi Gain vanno collegate ai tre ingressi liberi nel nodo sommatore. Dopo aver fatto tutti collegamenti bisogna impostare i guadagni dei tre blocchi Gain in accordo con l equazione (3). Il risultato finale è in Fig. 19. E conveniente fare i collegamenti come in Fig. 19 per evitare incroci tra rami (che comunque non provocano nessun corto circuito e sono da evitarsi soltanto per aumentre la chiarezza di rappresentazione). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 15

16 FIG Prima di avviare la simulazione bisogna impostare le condizioni iniziali in Eq. (2). Le condizioni iniziali si impostano mediante una finestra di dialogo che si apre facendo doppio click sui blocchi Integratori. Cliccando sull integratore più a destra (Integrator) si apre la seguente finestra di dialogo in cui impostre il parametro Initial condition, la condizione inizile del segnale che esce dallo specifico blocco integratore. Poiché l uscita del blocco in questione è il segnale y, in accordo coon l Eq. (2) si dovra inserire 1 come Initial Condition (e lasciare i valori di default per le altre impostazioni). FIG. 20 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 16

17 Per gli altri integratori procedere di conseguenza impostando le Initial Condition sempre in accordo con le Eq. (2). Si deve ora collegare il blocco Scope. N.B. per effettuare un collegamento a partire da un collegamento preesistente bisogna portarsi con il mouse sul punto in cui si desidera agganciarsi e quindi tracciare con la punta del mouse il percorso desiderato per il collegamento, tenendo premuto il tasto destro del mouse. Non resta che impostare correttamente i Simulation Parameters (N.B. Stop time = 15) e le Scope properties (v. Fig. 10 e Fig. 12) ed avviare la simulazione premendo il pulsante Start. L andamento temporale della soluzione cercata è riportato in Fig. 21. FIG. 21 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 17

18 Soluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti non costanti Nelle equazioni differenziali a coefficienti non costanti almeno uno dei coefficienti che moltiplicano le derivate della soluzione y sono delle funzioni del tempo, anziché essere delle costanti come nella Eq. (1). Prendendo spunto dalla procedura adottata per risolvere l equazione 1, vediamo quali modifiche si debbano introdurre per trattare una equazione a coefficienti non costanti come quella dell esempio che segue ESEMPIO Si visualizzi nei primi 15 secondi la soluzione y(t) dell equazione differenziale lineare tempovariante del secondo ordine ' () t y + 4 = 2 '' y + sin y (4) con condizioni iniziali ' y ( 0 ) = 1 ( 0) = 1 y (5) Equazione in forma esplicita: ' () t y y '' y 2 sin 4 = (6) Come prima, si debbono porre in cascata un certo numero di integratori (stavolta solo 2 perché l equazione (4) è di ordine 2) e si deve collegare un sommatore all ingresso del primo integratore in maniera analoga a quanto fatto in Fig. 17. La componente ( ) ' sin t y a destra dell uguale nell equazione (6) in forma esplicita non potrà più essere generata mediante un blocco di guadagno (Gain). E possibile utilizzare il blocco Dot Product (dalla libreria Math ), un blocco con due ingressi che fornisce in uscita il prodotto degli stessi. Al primo ingresso del blocco Dot Product si dovrà mandare il segnale y (prelevato nel punto opportuno dello schema). Al secondo ingresso si dovrà invece mandare il guadagno tempovariante sin( t) sempre generato con i blocchi Clock ed Fcn come spiegato a pag. 12., Avendo completato tutti i collegamenti ne risulterà il seguente schema (Eq. (22) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 18

19 FIG Si faccia attenzione alle condizioni iniziali degli integratori, da definirsi in accordo con le Eq. (5)). - Nel blocco Fcn è inserita la stringa - sin(u). Per verificre la correttezza dello schema si confronti il grafico ottenuto con il seguente: Grafico della soluzione FIG. 23 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 19

20 Soluzione di sistemi di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti ESEMPIO Si visualizzino nei primi 30 secondi le soluzioni y(t) ed x(t) del seguente sistema di equazioni differenziali lineari '' ' 2y + 4 y + 6y + x = 3 (7) x ' ( t) ' + y + 4x = cos (8) con le condizioni iniziali ' y ( 0 ) = 1 y ( 0) = 1 (9) x ( 0 ) = 1 (10) Il sistema costituito dalle equazioni (7)-(8) è complessivamente di ordine 3 (l ordine totale è la somma degli ordini delle singole equazioni). Il punto di partenza è sempre la riscrittura del sistema in forma esplicita Sistema in forma esplicita: ' 1 3 = 2 y 3y x '' y (11) x ' () t ' = y 4x + cos (12) Si devono collocare in tutto 3 blocchi Integratori (libreria Continuous ) che però non dovranno essere disposti in cascata come in Fig. 16. Gli integratori vanno disposti su 2 righe distinte (perché il sistema in esame si compone di 2 equazioni). Nella prima riga (corrispondente alla equazione (11)) metterò due integratori in cascata, nella seconda riga metterò il terzo integratore restante (Fig. 24). Analogamente a prima, si collegano due sommatori in ingresso agli integratori più a sinistra (uno dei sommatori deve avere 4 ingressi, per l altro ne bastano 3). Per concludere lo schema si devono generare tutte le grandezze a destra dell uguale nelle equazioni (11) e (12), e tali grandezze devono essere convogliate al nodo sommatore in accordo con le due equazioni. Al solito, la funzione cos(t) è generata con i blocchi Clock e Fcn. In Fig. 25 è riportato lo schema finale che si deve ottenere (o almeno uno degli schemi possibili). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 20

21 FIG. 24 FIG. 25 N.B. I collegamenti sovrapposti in Fig. 25 sono perfettamente leciti. Le connessioni effettive sono identificate da un punto nero che risalta dal collegamento. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 21

22 Soluzione di equazioni differenziali non lineari del primo ordine Analizziamo la soluzione di una equazione differenziale non lineare del prino ordine. Consideriamo per semplicità una equazione autonoma (la variabile tempo non compare esplicitamente) x & = f ( x) (13) ( 0) x0 x = R (14) x 0 In gergo matematico tale problema si chiama Problema di Cauchy ai valori iniziali. Va evidenziato quanto segue: - i grafici che si ottengono con Simulink sono sempre grafici approssimati per due motivi: o un equazione differenziale viene risolta via software impiegando algoritmi automatici di calcolo affetti da un intrinseco errore di approssimazione (l errore si riduce diminuendo il parametro Fixed step size nei Simulation parameters, v. Fig. 12). o ogni operazione sui numeri reali effettuata da un programma software è affetta da un errore di troncamento (o arrotondamento) dovuto al fatto che un calcolatore rappresenta i numeri con una quantità finita di cifre. La risoluzione di un problema di Cauchy in ambiente Simulink è estremamente semplice. L equazione è gia data in forma esplicita. E sufficiente un integratore ed un blocco Fcn che realizzi la funzione f(x). FIG. 26 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 22

23 Particolarizziamo la Fig. 26 per la specifica equazione x& = x + sin( x) + x cos( x) (15) x ( 0 ) = 0 (16) In Fig. 27 lo schema finale risultante, ed in Fig. 28 il grafico della soluzione. FIG. 27 FIG. 28 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 23

24 Soluzione di equazioni differenziali non lineari di ordine qualunque Analizziamo ora la soluzione di equazione differenziali non lineari di ordine qualunque in forma esplicita. Consideriamo per semplicità una equazione autonoma (la variabile tempo non compare esplicitamente) e trattiamo inizialmente il caso di una equazione del secondo ordine. & x = f ( x, x& ) (17) x ( 0) = x0, x ( 0) x& 0 & = x 0, x& 0 R (18) Stavolta servono due integratori (l equazione è del secondo ordine) collegati in cascata, un blocco Fcn che dovrà realizzare la funzione f ( x x& ), ed un blocco aggiuntivo che si chiama Mux (libreria Signals & Systems ). Il blocco Mux ha un numero arbitrario di ingressi (il numero di ingressi si imposta dalla corrispondente finestra di dialogo attraverso il parametro intero Number of inputs ) FIG. 29 La funzione del blocco Mux è quella di compattare tuti i segnali di ingresso in un vettore ad N componenti (N = Number of Inputs). L utilità di questo blocco consiste nel fatto che se mando ad un blocco Fcn l uscita di un blocco Mux posso scrivere nel blocco Fcn una espressione (funzione) che dipende da tutti gli elementi del vettore in uscita dal Mux. Il primo elemento del vettore sarà indicato con u(1), il secondo con u(2) e così via fino all elemento N-esimo. Facciamo un esempio: ESEMPIO: Risolvere l equazione 2 & x x sin( x& ) 2x& = (19) ( 0 ) = 1 ( ) 3 x, 0 = (20) x& A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 24

25 Lo schema sarà del tipo in Figura 30 FIG. 30 ESERCIZIO: Risolvere l equazione x (3) & x x sin( x& ) 2x& = (21) x ( 0 ) = 1, x& ( 0 ) = 3 x& ( 0 ) = 0 & (22) SOLUZIONE: v. Fig. 31. FIG. 31 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 25

26 Soluzione di equazioni differenziali non lineari tempo-varianti di ordine qualunque Analizziamo ora la soluzione di equazione differenziali non lineari e non autonome (tempovarianti) di ordine qualunque in forma esplicita. Trattiamo inizialmente il caso di una equazione del secondo ordine. L estensione ai sistemi di ordine superiore è banale. x &() t f ( x() t, x& () t, t x ( 0) = x0, x ( 0) x& 0 & = ) (17) & = x 0, x& 0 R (18) E sufficiente introdurre una semplicissima modifica allo schema in Fig. 30. Se si aggiunge un terzo ingresso al blocco Mux e si applica a tale ingresso l uscita del blocco Clock visto in precedenza (vioè la variabile tempo) si potrà includere nella funzione f (cioè nel contenuto del blocco Fcn ) anche la variabile tempo, che sarà indicata con u(3). Facciamo un esempio: ESEMPIO: Risolvere l equazione ( 2t) x& ( 0 ) = 3 2 & x x sin( x& ) cos 2 = (19) ( 0 ) = 1 x, (20) Lo schema sarà del tipo in Figura 32 x& FIG. 32 Si può verificare che il seguente schema (Fig. (33)) è perfettamente equivalente a quello in Fig. 32. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 26

27 FIG. 33 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 27

28 SIMULAZIONE DI SISTEMI DINAMICI Una volta scritto il modello matematico di un sistema, la simulazione non è altro che la risoluzione dell equazione differenziale (o del sistema di equazioni differenziali) definita dal modello. ESERCIZIO 1 Simulare il comportamento di un corpo di massa M=1 [Kg] vincolato a muoversi in una direzione fissa sotto l azione di una forza applicata sinusoidale F(t) = 2*sin(t) [N] e soggetto ad attrito composto (viscoso, statico e di tipo drag) con coefficienti rispettivamente b=0.2 [Ns/m], α=0.1 N e γ=0.05 [N s 2 /m 2 ]. Il modello può essere ricavato mediante un semplice bilancio dinamico delle forze agenti ed ha la forma seguente: ( x& ) + γ x& x F( t) M & x + bx& + sign & = α (21) Sostituendo i valori delle costanti e la forza applicata F(t) ( x& ) x& x 2sin( t) & x x& + 0.1sign & = (22) Un possibile schema Simulink è il seguente F(t) FIG. 34 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 28

29 Nello schema in Fig. 34 un blocco compare per la prima volta: è il blocco Abs (libreria Math ) che estrae il valore assoluto di un segnale. Nota: facendo doppio click sui nomi dei blocchi (ad es. Integrator 1 ) è possibile modificarli. Nello schema in Fig. 34 questo è stato fatto nei blocchi Gain contenenti i 3 coefficienti di attrito (ribattezzati alfa, gamma e b ) e nel blocco di tipo Fcn che genera la forza applicata F. Tale blocco è ribattezzato F(t). ESERCIZIO 2 Si consideri il seguente modello matematico, che descrive il funzionamento di un servomotore in corrente continua con eccitazione a magneti permanenti. v T T () t = Ri() t em em () t T () t res () t = k i() t T () t di + L + kvω() t dt dω() t = J + bω dt () t (23) VARIABILI DEL SISTEMA v(t) tensione di alimentazione ω(t) velocità angolare T em (t) coppia elettromagnetica T res (t) coppia resistente i(t) corrente di fase PARAMETRI ELETTROMECCANICI K v costante di forza contro-elettromotrice k T costante di coppia R resistenza dell avvolgimento J momento di inerzia all albero L induttanza di avvolgimento b coefficiente di attrito viscoso Si desidera visualizzare l andamento della velocità a vuoto (cioè con T res =0) quando si applica una tensione di alimentazione costante di ampiezza 5 V. Costruiremo lo schema Simulink facendo uso di costanti simboliche. Uno dei possibili schemi Simulink per la simulazione del sistema in esame è riportato in Fig. 35. Prima di avviare la simulazione bisogna assegnare un valore ai parametri R, L, K_T, K_V, J, b. Questa procedura si compie nella finestra di Matlab scrivendo nella riga di comando le istruzioni di assegnazione (v. Fig. 36) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 29

30 FIG. 35 FIG. 36 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 30

31 ESERCIZI CON TRACCIA DELLA SOLUZIONE Es.1. Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale () t + y& () t + y() t y& () t y( t) u() t & y 3 = con y(0)= 0.1 Hz. y& () 0 =0 ed u(t) costituito da un onda quadra di ampiezza unitaria e frequenza Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. Es.2.Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale () t y& () t () t + () t u() t && y y = y& 0.5 con y(0)=1 ed u(t) costituito da un onda a dente di sega di ampiezza pari a 2 e frequenza 0.1 Hz. Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. Es.3 Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale 3 & y () t + y& () t + 2 y() t + 0.1y ( t) = u(t) con y(0)=1 ed u(t) costituito da un onda quadra di ampiezza unitaria e frequenza 1 Hz. Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 31

32 SOLUZIONE DELL Es. 1 FIG. 37 Il blocco Product (libreria Math ) è equivalente al blocco Dot Product per la moltiplicazione di segnali scalari. Il blocco Signal generator (Libreria Sources ) è in gardo di generare diverse forme d onda (tra cui un onda quadra come richiesto nell esercizio) selezionabili nella finestra di dialogo dl blocco. I valori limite a regime per l uscita y sono ± 0.77 circa. I valori limite a regime per la sua derivata y sono ± 0.57 circa. SOLUZIONE DELL Es. 2 FIG. 38 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 32

33 I valori limite a regime per l uscita y sono e 1.85 I valori limite a regime per la sua derivata y sono e 2.32 SOLUZIONE DELL Es. 3 FIG. 39 I valori limite a regime per l uscita y sono ± 0.33 circa. I valori limite a regime per la sua derivata y sono ± irca. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 33

Introduzione al Simulink

Introduzione al Simulink Introduzione al Simulink pag. 1 L ambiente Simulink Simulink è un ambiente grafico per la simulazione di sistemi complessi Simulink è composto da una libreria di blocchi che descrivono elementi statici

Dettagli

Istruzioni di base di Simulink Per aprire Simulink si deve digitare all interno della Matlab Command Window il comando: >> simulink

Istruzioni di base di Simulink Per aprire Simulink si deve digitare all interno della Matlab Command Window il comando: >> simulink PARTE 10 Simulink INTRODUZIONE A SIMULINK Simulink,prodotto dalla Mathworks Inc. è un programma per la simulazione di sistemi dinamici. Estende le potenzialità di Matlab,aggiungendo molte funzioni specifiche

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTOLLO di un MOTOE ELETTICO a COENTE CONTINUA 1. EQUAZIONI DEL MODELLO Equazioni nel dominio del tempo descrittive del Modello elettromagnetico

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Esercizi in MATLAB-SIMULINK

Esercizi in MATLAB-SIMULINK Appendice A Esercizi in MATLAB-SIMULINK A.1 Implementazione del modello e del controllo di un motore elettrico a corrente continua A.1.1 Equazioni del modello Equazioni nel dominio del tempo descrittive

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1

Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1 Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1 Introduzione Il presente tutorial riassume brevemente le nozioni di base per l uso di OrCAD PSpice 9.1 Student Edition come strumento per la soluzione numerica

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

INTRODUZIONE AD AUTOCAD

INTRODUZIONE AD AUTOCAD 3 AUTOCAD: VISUALIZZAZIONE, SELEZIONE E PRECISIONE 3.1 ORIENTARSI NELLO SPAZIO DI LAVORO - NOZIONI DI BASE Dove si trovano gli oggetti grafici? Spesso nel muovere i primi passi in AutoCAD i principianti

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali Il DATABASE Access Concetti Fondamentali Con la nascita delle comunità di uomini, si è manifestata la necessità di conservare in maniera ordinata informazioni per poi poterne usufruire in futuro. Basta

Dettagli

Capitolo 9 Primi passi con Math

Capitolo 9 Primi passi con Math Guida introduttiva Capitolo 9 Primi passi con Math L'Editor delle equazioni di OpenOffice.org Copyright Il presente documento è rilasciato sotto Copyright 2005 dei collaboratori elencati nella sezione

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato

1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato SIMULAZIONE ESAME E.C.D.L. - MODULO 2 (Parte 1) 1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato 2. Modificare lo sfondo del desktop

Dettagli

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di ecnologie dell Informazione Università di Milano, 2613 Crema e-mail: liberali@i.unimi.it http://www.i.unimi.it/ liberali

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Excel 2002: calcolo. interattivo e analisi grafica del punto di pareggio. Quando si pianifica il lancio. open action guida

Excel 2002: calcolo. interattivo e analisi grafica del punto di pareggio. Quando si pianifica il lancio. open action guida Excel 2002: calcolo interattivo e analisi grafica del punto di pareggio Come calcolare e analizzare il break even point del lancio di un prodotto. Seguite con noi passo-passo la procedura grazie al foglio

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Analisi di un segnale sonoro

Analisi di un segnale sonoro Analisi di un segnale sonoro 1. Introduzione Lo scopo di questa esperienza è quello di scoprire com è fatto un suono, riconoscere le differenze fra i timbri, imparare a fare un analisi in frequenza e vedere

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Capitolo 11 Introduzione a Math:

Capitolo 11 Introduzione a Math: Guida introduttiva Capitolo 11 Introduzione a Math: l'editor di equazioni di OpenOffice.org OpenOffice.org Copyright Il presente documento è rilasciato sotto Copyright 2005 dei collaboratori elencati nella

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Il motore elettrico: un integratore perfetto?

Il motore elettrico: un integratore perfetto? Il motore elettrico: un integratore perfetto? G. Romeo e G. Di Stefano Premessa Uno dei modi per orientare un pallone stratosferico in volo diurno in zone polari è quello di utilizzare la posizione del

Dettagli

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro excel Fogli Elettronici Un foglio elettronico (o spreadsheet) e` un software applicativo nato dall esigenza di organizzare insiemi di dati tramite tabelle, schemi, grafici, etc. effettuare calcoli di natura

Dettagli

Aplusix II. Manuale dell utente

Aplusix II. Manuale dell utente Aplusix II Versione 1.2 Febbraio 2009 Manuale dell utente INDICE 1. TAVOLA SINOTTICA 2 2. INTRODUZIONE 3 3. ACCESSO 3 4. PRIMO UTILIZZO 3 5. SECONDO UTILIZZO 5 6. TERZO UTILIZZO 6 7. L ATTIVITA ESERCITAZIONE

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Tutorial per l utilizzo del sistema RCP SUPSI, parte II

Tutorial per l utilizzo del sistema RCP SUPSI, parte II Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative laboratorio Tutorial per l utilizzo del sistema RCP SUPSI, parte II Scopo Compiti Acquisire le basi tecniche

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza rgomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

E possibile modificare la lingua dei testi dell interfaccia utente, se in inglese o in italiano, dal menu [Tools

E possibile modificare la lingua dei testi dell interfaccia utente, se in inglese o in italiano, dal menu [Tools Una breve introduzione operativa a STGraph Luca Mari, versione 5.3.11 STGraph è un sistema software per creare, modificare ed eseguire modelli di sistemi dinamici descritti secondo l approccio agli stati

Dettagli

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO.

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. 1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. Excel esegue una analisi della riga introdotta o modificata in una cella per stabilire se si tratta di un valore e di che tipo (numero semplice, data, formula,

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink

Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink Analisi di sospensioni attive e passive con Matlab-Simulink Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano Miglioramento del comfort Iniziamo analizzando una sospensione passiva. Riferiamoci

Dettagli

Archimede Beta 1. Manuale utente

Archimede Beta 1. Manuale utente Archimede Beta 1 Manuale utente Archimede (Beta 1) Antares I.T. s.r.l. Indice Prerequisiti... 3 Installazione... 3 Accesso... 4 Recupero password... 4 Scadenza password... 4 Gestione Clienti... 6 Ricerca

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Capitolo 4. Figura 40. Tabella

Capitolo 4. Figura 40. Tabella Capitolo 4 LE FORMULE ELEMENTARI Con le formule è possibile eseguire calcoli sui dati numerici del foglio di lavoro. Questo consente di creare fogli attivi che reagiscono all inserimento dei dati. Ogni

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

ARGO-PRESENZE. Manuale d uso. Versione Light ARGOPRESENZE ARGOPRESENZE. Vers 1.0

ARGO-PRESENZE. Manuale d uso. Versione Light ARGOPRESENZE ARGOPRESENZE. Vers 1.0 ARGO-PRESENZE Versione Light Manuale d uso Vers 1.0 1 2 PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Indice 0. Presentazione 1. Sequenza di lavoro consigliata per una prima installazione 2. Accesso al programma 2.1. Modifica

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005. Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo

Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005. Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo Università degli Studi di Siena Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005 Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo Implementazione di controllori con xpc target Questa esercitazione

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL 1 MICROSOFT EXCEL Molto spesso ci si trova a dover affrontare problemi che richiedono numerosi calcoli meccanici e ripetitivi. Un foglio elettronico è una tabella particolare che permette di far svolgere

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Sistemi e modelli (ver. 1.2)

Sistemi e modelli (ver. 1.2) Sistemi e modelli (ver..2). Elementi introduttivi L Automatica studia l analisi dei sistemi dinamici ed il progetto dei controlli automatici, ovvero la realizzazione di dispositivi utilizzati per imporre

Dettagli

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba Centro Servizi Informatici Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba La presente guida ha la finalità di fornire le indicazioni per: Esportare/Importare la rubrica Webmail di Horde Rimuovere definitivamente

Dettagli

STRUMENTI. Impostare una presentazione I programmi di presentazione

STRUMENTI. Impostare una presentazione I programmi di presentazione STRUMENTI Impostare una presentazione I programmi di presentazione I programmi per la creazione di documenti multimediali basati su diapositive (o lucidi) consentono di presentare, a un pubblico più o

Dettagli