Guida introduttiva a Matlab-Simulink

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida introduttiva a Matlab-Simulink"

Transcript

1 Guida introduttiva a Matlab-Simulink Ing. Alessandro Pisano

2 INDICE Introduzione 3 Generalità: librerie e blocchi elementari. 3 Esempio introduttivo: costruzione e visualizzazione di un onda sinusoidale 7 Costruzione e visualizzazione di segnali qualunque. 12 Risoluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti costantii 13 Risoluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti non costantii 18 Risoluzione di sistemi di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti 20 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari del primo ordine 22 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari di ordine qualunque 24 Risoluzione di equazioni differenziali non lineari tempo-varianti di ordine qualunque 26 Simulazione di sistemi dinamici: 28 Es. 1: Massa con attrito composto Es. 2: Motore DC Esercizi propostii con traccia della soluzione 31 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 2

3 Introduzione Il software Simulink è un applicativo che vive all interno del programma di calcolo Matlab e ne costituisce, in buona sostanza, una potente e intuitiva interfaccia grafica che ne semplifica grandemente l impiego da parte dell utente. Medante Simulink è possibile programmare l esecuzione di calcoli in ambiente Matlab in maniera molto più rapida ed error-free rispetto alla scrittura dei lunghi e complessi m-files che sono necessari, ad esempio, per programmare in Matlab l integrazione numerica di un sistema di equazioni differenziali di ordine elevato. Mediante gli strumenti visuali disponibili in ambiente Simulink è possibile simulare dei sistemi anche molto complessi con uno sforzo da parte dell utente che si limita al tracciamento, su un foglio di lavoro elettronico, di uno schema a blocchi rappresentativo del sistema in esame. Per gli scopi che prefiggiamo in questo corso non è necessario discutere approfonditamente le prerogative del software Matlab-Simulink., bensì concentreremo l attenzione su alcuni task di interesse (ad esempio visualizzare un segnale, risolvere una equazione differenziale lineare a coefficienti costanti) guidando passo-passo il lettore mediante esempi concreti. Generalità: librerie e blocchi elementari. SIMULINK si compone di una serie di librerie che contengono dei blocchi elementari, i quali, opportunamente interconnessi, andranno a realizzare lo schema a blocchi che rappresenta la funzionalità desiderata. Si accede alla lista delle librerie aprendo innanzitutto MATLAB (si veda in Fig. 1 la finestra di avvio di MATLAB) e quindi aprendo SIMULINK. Tale operazione puo esser fatta in due modi: premendo con il mouse il pulsante corrispondente (v. Fig. 1) o digitando simulink nella riga di comando e quindi premendo il tasto invio. In Fig. 2 la finestra di avvio del software SIMULINK (vers , release 12) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 3

4 PULSANTE PER APRIRE SIMULINK FIG. 1 FINESTRA DI AVVIO DI MATLAB Pulsante New FIG. 2. FINESTRA DI AVVIO DI SIMULINK A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 4

5 Nella parte destra della finestra in Fig. 2 vediamo la lista delle librerie (Continuous, Discrete, Functions & Tables, Math,, Sources) ognuna delle quali contiene una certa tipologia di componenti base: LIBRERIA Continuous Discrete Functions & Tables Math Nonlinear Signals & Systems Sinks Sources CONTENUTO Componenti lineari a tempo continuo Componenti lineari a tempo discreto Funzionalità pèrogrammabili e look-up tables Funzioni matematiche Componenti non lineari Condizionamento di segnali Visualizzatori di segnale Generatori di forme d onda Vediamo più a fondo il contenuto di alcune librerie FIG. 3. LIBRERIE CONTINUOUS (SINISTRA) E MATH (DESTRA) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 5

6 FIG. 4. LIBRERIE SINKS (SINISTRA) E SOURCES (DESTRA) Ciascun blocco elementare svolge una particolare funzione. Non è scopo di questo manuale discutere in dettaglio tutti i blocchi elementari; ci limiteremo a spiegare il funzionamento dei blocchi che ci serviranno per svolgere i task sui quali ci concentreremo. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 6

7 Esempio introduttivo: visualizzazione di una sinusoide Come primo passo si apra una nuova pagina di lavoro cliccando sul pulsante new a sinistra nella finestra di apertura di Simulink (v. Fig. 2). Comparirà una finestra denominata Untitled (v. Fig. 5) all interno della quale si dovrà costruire lo schema a blocchi corrispondente all operazione desiderata. In generale si devono importare nella pagina di lavoro un certo numero di blocchi elementari realizzanti le funzioni richieste che dovranno essere opportunamente interconnessi tra di loro al fine di realizzare il modello di simulazione FIG. 5 Per visualizzare una sinusoide sono sufficienti due blocchi elementari: un blocco che generi il segnale desiderato ed un blocco che ne permetta la visualizzazione. Il primo blocco lo troveremo nella libreria Sources (blocco Sine Wave), il secondo blocco (blocco Scope), si trova nella libreria Sinks. I blocchi necessari vanno importati nella pagina di lavoro Untitled trascinando con il mouse (drag-and-drop) l icona del blocco all interno della pagina di lavoro. Il risultato di tale procedura è mostrato in Fig. 6. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 7

8 FIG. 6 A questo punto conviene salvare la pagina di lavoro. La scritta Untitled verrà sostituita dal nome assegnato al file, che ha suffisso mdl (ad esempio sinusoide.mdl ). E altresi conveniente e soprattutto comodo ingrandire la finestra di lavoro e disporre i blocchi nella parte centrale come in Fig. 7. FIG. 7 FIG. 8 Si deve ora collegare l uscita del generatore di funzione Sine Wave con l ingresso del blocco di visualizzazione Scope. Per effettuare un collegamento si deve portare la freccia del mouse nel punto di partenza dello stesso, e quindi tracciare il collegamento tenendo premuto il tasto sinistro del mouse e portandosi fino al punto di destinazione. Un A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 8

9 collegamento correttamente eseguito viene indicato come in Fig. 8. Si ispezioni visivamente il collegamento, ed in particolare è consigliato verificare sempre la presenza della freccia entrante nel blocco per essere certi di aver eseguito il collegamento in maniera corretta. Devono ora essere impostati i parametri di ampiezza, frequenza e sfasamento che definiscono la particolare sinusoide che si desidera generare. A tal fine è necessario fare doppio click sul blocco Sine Wave, e come risultato si apre una finestra di dialogo all interno della quale vanno impostati i parametri di funzionamento (Fig. 9). Pulsante Start Simulation FIG. 9 Impostati i tre parametri desiderati (scrivendo il valore corrispondente nelle caselle di testo etichettate Amplitude, Frequency e Phase ) e confermata la scelta con il tasto OK (nella casella sample time si deve lasciare il valore nullo di default) resta da compiere un ultimo passo prima di avviare la simulazione. Si devono impostare la durata (cioè l intervallo temporale) della simulazione ed il metodo di integrazione numerica. Tali parametri si impostano selezionado la voce Simulation Parameters dal menu Simulation della finestra di lavoro (Fig. 10). L intervallo temporale della simulazione si imposta nella casella Stop Time. Per quanto riguarda il metodo di integrazione in questa sede ci limitiamo a segnalare che selezionando le Solver Options ed il Fixed step size come in Fig. 10 si potranno eseguire con successo tutti i task di simulazione previsti nel presente modulo. Quando sono da rappresentare fenomeni rapidamente variabili (ad es. una sinusoide a frequenza A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 9

10 dell ordine dei KHz) si dovrà ridurre il Fixed Step Size oppure ricorrere a solutori (Solver) differenti. Come ultima operazione, si deve fare doppio click sul blocco Scope, ottenenendo come risultato la comparsa della finestra di visualizzazione in Fig. 11, quindi cliccare sul pulsante Properties (il secondo da destra, affianco al pulsante di stampa) e disselezionare nel menù data History la check-box di default Limit data points to last [5000] (v. Fig. 12). FIG. 10 FIG. 11 FIG. 12 FIG. 13 A questo punto tutto è pronto per eseguire la simulazione. E sufficiente cliccare il pulsante Start Simulation (Fig. 9) e nella finestra di visualizzazione comparirà il segnale generato dal blocco A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 10

11 Sine Wave (v. Fig. 13: Amplitude=1, Frequency = 1 rad/s, Phase = 0 ). Se la finestra di visualizzazione fosse stata inavvertitamente chiusa è sufficiente fare doppio click sul blocco Scope per riaprirla. Il lettore può ora visualizzare sinusoidi di diversa ampiezza, frequenza o sfasamento modificando il corrispondente parametro nella finestra di dialogo del blocco Sine Wave. Per generare un segnale armonico (ad es. la somma di due sinusoidi di frequenza diversa) si devono importare un altro blocco Sine Wave ed un blocco che funga da nodo sommatore (Libreria Math, blocco Sum ). L unico parametro che definisce il comportamento del nodo sommatore è una stringa di + o (es. +++ ) in numero pari al numero di nodi desiderati. Per il nostro caso si dovrà impostare la stringa ++ (è la stringa di default) che genera due nodi a segno positivo (per fare la differenza tra due segnali il sommatore va invece configurato con la stringa + ). Avviando la simulazione con il pulsante Start Simulation si può vedere nel blocco Scope il segnale armonico costruito. FIG. 14 Pulsante Start Simulation Esercizio: Visualizzare il segnale x(t)=sin(t) + 2 sin(2 t) + 3 sin (3 t + π) 2 sin (5 t) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 11

12 Costruzione e visualizzazione di una generica funzione del tempo Per generare segnali non sinusoidali, sono disponibili diversi blocchi speciali. Descriviamone alcuni BLOCCO Constant Step Ramp Random signal SEGNALE GENERATO Segnale costante Segnale a gradino Rampa Segnale casuale Per generare funzioni comunque complesse (ad es. s(t)=sin(t) + e -t + t log (t+1)) si può utilizzare la seguente configurazione: FIG. 15 Il blocco Clock sta nella libreria Sources e fornisce in uscita la variabile temporale t. Il blocco Fcn sta nella libreria Functions & Tables e permette di scrivere una espressione matematica che viene applicata alla quantità in ingresso al blocco. Nello scrivere l espressione il segnale di ingresso si deve sempre indicare con la lettera u (si noti come in Fig. 15 il contenuto della stringa definisca proprio la funzione desiderata s(t) con la lettera u al posto di t ). Avviando la simulazione (pulsante Start ) e facendo doppio click sul blocco Scope si può visualizzare l andamento del segnale generato. Si ricordi di impostare correttamente i Simulation Parameters e le Scope properties ( v. Fig. 10 e Fig. 12). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 12

13 Soluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti Chiariamo innanzitutto che in ambito Simulink per soluzione di un equzione differenziale intendiamo semplicemente la visualizzazione della soluzione in un blocco di tipo Scope. Anche stavolta procediamo sviluppando un esempio pratico: ESEMPIO Si visualizzi nei primi 15 secondi la soluzione y(t) dell equazione differenziale lineare del terzo ordine 3y ''' '' ' + 2y + 3y + 6y = 3 + cos 2 con condizioni iniziali ( t) ' '' y ( 0 ) = 1 y ( 0) = 2 ( 0) = 3 y (2) (1) La procedura è sistematica: 1. Riscrivere l equazione in forma esplicita (cioè isolando a sinistra dell uguale la derivata di ordine più elevato) ''' 1 2 y 1+ cos '' ' ( 2 t) y y y = (3) 2. Collocare nella pagina di lavoro vuota un numero di blocchi Integrator (dalla libreria Continuous ) pari all ordine dell equazione differenziale (in questo caso sono 3) e collegarli tra loro in cascata come in Fig. 16 FIG. 16 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 13

14 3. Importare un nodo sommatore e 3 blocchi Gain (dalla libreria Math ). Il nodo sommatore si collega al primo degli integratori (quello più a sinistra). Il blocco Gain moltiplica il segnale di ingresso per il valore impostato nella corrispondente finestra di dialogo che si apre facendo doppio click sul blocco stesso (il guadagno di default è unitario). FIG. 17 Come riportato in Fig. 17, le uscita dei tre integratori sono (da destra verso sinistra) rispettivamente y (il segnale cercato) e le sue derivate prima e seconda, y ed y. Questo è in accordo con la funzione eseguita dal blocco, che produce in uscita l integrale del segnale di ingresso. Nota: Facendo doppio click su un punto della finestra di lavoro ove non si trovano blocchi ivi compare una casella di testo in cui si possono scrivere delle lettere a piacere. Usualmente, come fatto in Fig. 17, si usa questa funzionalità per identificare, vicino all uscita (o all ingresso) di un blocco, il nome del Segnale che esce dal (o entra nel) blocco in questione. Come si ricava facilmente, in ingresso all integratore più a sinistra (Integrator 2 in Figura 17) si troverà la derivata terza del segnale y. Per simulare l equazione differenziale si dovranno pertanto far confluire nel nodo sommatore tutte le quantità che compaiono a destra dell uguale nell equazione (3), che definisce proprio la forma della derivata terza. Identifichiamo, a destra dell uguale nella Eq. (3), quattro diversi contributi: A. la funzione del tempo tra parentesi quadre 1 + cos( 2 t) 1 3 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 14

15 B. 2 la derivata seconda di y moltiplicata per 3 C. la derivata prima di y moltiplicata per 1 D. il segnale y moltiplicato per 2 4. Configurare il sommatore con 4 nodi positivi e renderlo di forma rettangolare anziché circolare (stringa ++++ ed Icon shape = Rectangular nella finestra di dialogo) La funzione del tempo al punto A viene generata con un blocco Clock ed un blocco Fcn (v esempio a pag. 12). I blocchi Gain vengono fatti ruotare di 180 (è sufficiente selezionarli con un singolo click di mouse e premere per due volta la coppia di tasti CTRL + R, R=rotate) e trascinati nel foglio di lavoro fino a disporli come in Figura 18. FIG Ora bisogna collegare in ingresso ai tre blocchi Gain i segnali y, y ed y per poter costruire i tre contributi ai punti B, C e D. Le uscite dei tre blocchi Gain vanno collegate ai tre ingressi liberi nel nodo sommatore. Dopo aver fatto tutti collegamenti bisogna impostare i guadagni dei tre blocchi Gain in accordo con l equazione (3). Il risultato finale è in Fig. 19. E conveniente fare i collegamenti come in Fig. 19 per evitare incroci tra rami (che comunque non provocano nessun corto circuito e sono da evitarsi soltanto per aumentre la chiarezza di rappresentazione). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 15

16 FIG Prima di avviare la simulazione bisogna impostare le condizioni iniziali in Eq. (2). Le condizioni iniziali si impostano mediante una finestra di dialogo che si apre facendo doppio click sui blocchi Integratori. Cliccando sull integratore più a destra (Integrator) si apre la seguente finestra di dialogo in cui impostre il parametro Initial condition, la condizione inizile del segnale che esce dallo specifico blocco integratore. Poiché l uscita del blocco in questione è il segnale y, in accordo coon l Eq. (2) si dovra inserire 1 come Initial Condition (e lasciare i valori di default per le altre impostazioni). FIG. 20 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 16

17 Per gli altri integratori procedere di conseguenza impostando le Initial Condition sempre in accordo con le Eq. (2). Si deve ora collegare il blocco Scope. N.B. per effettuare un collegamento a partire da un collegamento preesistente bisogna portarsi con il mouse sul punto in cui si desidera agganciarsi e quindi tracciare con la punta del mouse il percorso desiderato per il collegamento, tenendo premuto il tasto destro del mouse. Non resta che impostare correttamente i Simulation Parameters (N.B. Stop time = 15) e le Scope properties (v. Fig. 10 e Fig. 12) ed avviare la simulazione premendo il pulsante Start. L andamento temporale della soluzione cercata è riportato in Fig. 21. FIG. 21 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 17

18 Soluzione di equazioni differenziali lineari a coefficienti non costanti Nelle equazioni differenziali a coefficienti non costanti almeno uno dei coefficienti che moltiplicano le derivate della soluzione y sono delle funzioni del tempo, anziché essere delle costanti come nella Eq. (1). Prendendo spunto dalla procedura adottata per risolvere l equazione 1, vediamo quali modifiche si debbano introdurre per trattare una equazione a coefficienti non costanti come quella dell esempio che segue ESEMPIO Si visualizzi nei primi 15 secondi la soluzione y(t) dell equazione differenziale lineare tempovariante del secondo ordine ' () t y + 4 = 2 '' y + sin y (4) con condizioni iniziali ' y ( 0 ) = 1 ( 0) = 1 y (5) Equazione in forma esplicita: ' () t y y '' y 2 sin 4 = (6) Come prima, si debbono porre in cascata un certo numero di integratori (stavolta solo 2 perché l equazione (4) è di ordine 2) e si deve collegare un sommatore all ingresso del primo integratore in maniera analoga a quanto fatto in Fig. 17. La componente ( ) ' sin t y a destra dell uguale nell equazione (6) in forma esplicita non potrà più essere generata mediante un blocco di guadagno (Gain). E possibile utilizzare il blocco Dot Product (dalla libreria Math ), un blocco con due ingressi che fornisce in uscita il prodotto degli stessi. Al primo ingresso del blocco Dot Product si dovrà mandare il segnale y (prelevato nel punto opportuno dello schema). Al secondo ingresso si dovrà invece mandare il guadagno tempovariante sin( t) sempre generato con i blocchi Clock ed Fcn come spiegato a pag. 12., Avendo completato tutti i collegamenti ne risulterà il seguente schema (Eq. (22) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 18

19 FIG Si faccia attenzione alle condizioni iniziali degli integratori, da definirsi in accordo con le Eq. (5)). - Nel blocco Fcn è inserita la stringa - sin(u). Per verificre la correttezza dello schema si confronti il grafico ottenuto con il seguente: Grafico della soluzione FIG. 23 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 19

20 Soluzione di sistemi di equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti ESEMPIO Si visualizzino nei primi 30 secondi le soluzioni y(t) ed x(t) del seguente sistema di equazioni differenziali lineari '' ' 2y + 4 y + 6y + x = 3 (7) x ' ( t) ' + y + 4x = cos (8) con le condizioni iniziali ' y ( 0 ) = 1 y ( 0) = 1 (9) x ( 0 ) = 1 (10) Il sistema costituito dalle equazioni (7)-(8) è complessivamente di ordine 3 (l ordine totale è la somma degli ordini delle singole equazioni). Il punto di partenza è sempre la riscrittura del sistema in forma esplicita Sistema in forma esplicita: ' 1 3 = 2 y 3y x '' y (11) x ' () t ' = y 4x + cos (12) Si devono collocare in tutto 3 blocchi Integratori (libreria Continuous ) che però non dovranno essere disposti in cascata come in Fig. 16. Gli integratori vanno disposti su 2 righe distinte (perché il sistema in esame si compone di 2 equazioni). Nella prima riga (corrispondente alla equazione (11)) metterò due integratori in cascata, nella seconda riga metterò il terzo integratore restante (Fig. 24). Analogamente a prima, si collegano due sommatori in ingresso agli integratori più a sinistra (uno dei sommatori deve avere 4 ingressi, per l altro ne bastano 3). Per concludere lo schema si devono generare tutte le grandezze a destra dell uguale nelle equazioni (11) e (12), e tali grandezze devono essere convogliate al nodo sommatore in accordo con le due equazioni. Al solito, la funzione cos(t) è generata con i blocchi Clock e Fcn. In Fig. 25 è riportato lo schema finale che si deve ottenere (o almeno uno degli schemi possibili). A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 20

21 FIG. 24 FIG. 25 N.B. I collegamenti sovrapposti in Fig. 25 sono perfettamente leciti. Le connessioni effettive sono identificate da un punto nero che risalta dal collegamento. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 21

22 Soluzione di equazioni differenziali non lineari del primo ordine Analizziamo la soluzione di una equazione differenziale non lineare del prino ordine. Consideriamo per semplicità una equazione autonoma (la variabile tempo non compare esplicitamente) x & = f ( x) (13) ( 0) x0 x = R (14) x 0 In gergo matematico tale problema si chiama Problema di Cauchy ai valori iniziali. Va evidenziato quanto segue: - i grafici che si ottengono con Simulink sono sempre grafici approssimati per due motivi: o un equazione differenziale viene risolta via software impiegando algoritmi automatici di calcolo affetti da un intrinseco errore di approssimazione (l errore si riduce diminuendo il parametro Fixed step size nei Simulation parameters, v. Fig. 12). o ogni operazione sui numeri reali effettuata da un programma software è affetta da un errore di troncamento (o arrotondamento) dovuto al fatto che un calcolatore rappresenta i numeri con una quantità finita di cifre. La risoluzione di un problema di Cauchy in ambiente Simulink è estremamente semplice. L equazione è gia data in forma esplicita. E sufficiente un integratore ed un blocco Fcn che realizzi la funzione f(x). FIG. 26 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 22

23 Particolarizziamo la Fig. 26 per la specifica equazione x& = x + sin( x) + x cos( x) (15) x ( 0 ) = 0 (16) In Fig. 27 lo schema finale risultante, ed in Fig. 28 il grafico della soluzione. FIG. 27 FIG. 28 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 23

24 Soluzione di equazioni differenziali non lineari di ordine qualunque Analizziamo ora la soluzione di equazione differenziali non lineari di ordine qualunque in forma esplicita. Consideriamo per semplicità una equazione autonoma (la variabile tempo non compare esplicitamente) e trattiamo inizialmente il caso di una equazione del secondo ordine. & x = f ( x, x& ) (17) x ( 0) = x0, x ( 0) x& 0 & = x 0, x& 0 R (18) Stavolta servono due integratori (l equazione è del secondo ordine) collegati in cascata, un blocco Fcn che dovrà realizzare la funzione f ( x x& ), ed un blocco aggiuntivo che si chiama Mux (libreria Signals & Systems ). Il blocco Mux ha un numero arbitrario di ingressi (il numero di ingressi si imposta dalla corrispondente finestra di dialogo attraverso il parametro intero Number of inputs ) FIG. 29 La funzione del blocco Mux è quella di compattare tuti i segnali di ingresso in un vettore ad N componenti (N = Number of Inputs). L utilità di questo blocco consiste nel fatto che se mando ad un blocco Fcn l uscita di un blocco Mux posso scrivere nel blocco Fcn una espressione (funzione) che dipende da tutti gli elementi del vettore in uscita dal Mux. Il primo elemento del vettore sarà indicato con u(1), il secondo con u(2) e così via fino all elemento N-esimo. Facciamo un esempio: ESEMPIO: Risolvere l equazione 2 & x x sin( x& ) 2x& = (19) ( 0 ) = 1 ( ) 3 x, 0 = (20) x& A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 24

25 Lo schema sarà del tipo in Figura 30 FIG. 30 ESERCIZIO: Risolvere l equazione x (3) & x x sin( x& ) 2x& = (21) x ( 0 ) = 1, x& ( 0 ) = 3 x& ( 0 ) = 0 & (22) SOLUZIONE: v. Fig. 31. FIG. 31 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 25

26 Soluzione di equazioni differenziali non lineari tempo-varianti di ordine qualunque Analizziamo ora la soluzione di equazione differenziali non lineari e non autonome (tempovarianti) di ordine qualunque in forma esplicita. Trattiamo inizialmente il caso di una equazione del secondo ordine. L estensione ai sistemi di ordine superiore è banale. x &() t f ( x() t, x& () t, t x ( 0) = x0, x ( 0) x& 0 & = ) (17) & = x 0, x& 0 R (18) E sufficiente introdurre una semplicissima modifica allo schema in Fig. 30. Se si aggiunge un terzo ingresso al blocco Mux e si applica a tale ingresso l uscita del blocco Clock visto in precedenza (vioè la variabile tempo) si potrà includere nella funzione f (cioè nel contenuto del blocco Fcn ) anche la variabile tempo, che sarà indicata con u(3). Facciamo un esempio: ESEMPIO: Risolvere l equazione ( 2t) x& ( 0 ) = 3 2 & x x sin( x& ) cos 2 = (19) ( 0 ) = 1 x, (20) Lo schema sarà del tipo in Figura 32 x& FIG. 32 Si può verificare che il seguente schema (Fig. (33)) è perfettamente equivalente a quello in Fig. 32. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 26

27 FIG. 33 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 27

28 SIMULAZIONE DI SISTEMI DINAMICI Una volta scritto il modello matematico di un sistema, la simulazione non è altro che la risoluzione dell equazione differenziale (o del sistema di equazioni differenziali) definita dal modello. ESERCIZIO 1 Simulare il comportamento di un corpo di massa M=1 [Kg] vincolato a muoversi in una direzione fissa sotto l azione di una forza applicata sinusoidale F(t) = 2*sin(t) [N] e soggetto ad attrito composto (viscoso, statico e di tipo drag) con coefficienti rispettivamente b=0.2 [Ns/m], α=0.1 N e γ=0.05 [N s 2 /m 2 ]. Il modello può essere ricavato mediante un semplice bilancio dinamico delle forze agenti ed ha la forma seguente: ( x& ) + γ x& x F( t) M & x + bx& + sign & = α (21) Sostituendo i valori delle costanti e la forza applicata F(t) ( x& ) x& x 2sin( t) & x x& + 0.1sign & = (22) Un possibile schema Simulink è il seguente F(t) FIG. 34 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 28

29 Nello schema in Fig. 34 un blocco compare per la prima volta: è il blocco Abs (libreria Math ) che estrae il valore assoluto di un segnale. Nota: facendo doppio click sui nomi dei blocchi (ad es. Integrator 1 ) è possibile modificarli. Nello schema in Fig. 34 questo è stato fatto nei blocchi Gain contenenti i 3 coefficienti di attrito (ribattezzati alfa, gamma e b ) e nel blocco di tipo Fcn che genera la forza applicata F. Tale blocco è ribattezzato F(t). ESERCIZIO 2 Si consideri il seguente modello matematico, che descrive il funzionamento di un servomotore in corrente continua con eccitazione a magneti permanenti. v T T () t = Ri() t em em () t T () t res () t = k i() t T () t di + L + kvω() t dt dω() t = J + bω dt () t (23) VARIABILI DEL SISTEMA v(t) tensione di alimentazione ω(t) velocità angolare T em (t) coppia elettromagnetica T res (t) coppia resistente i(t) corrente di fase PARAMETRI ELETTROMECCANICI K v costante di forza contro-elettromotrice k T costante di coppia R resistenza dell avvolgimento J momento di inerzia all albero L induttanza di avvolgimento b coefficiente di attrito viscoso Si desidera visualizzare l andamento della velocità a vuoto (cioè con T res =0) quando si applica una tensione di alimentazione costante di ampiezza 5 V. Costruiremo lo schema Simulink facendo uso di costanti simboliche. Uno dei possibili schemi Simulink per la simulazione del sistema in esame è riportato in Fig. 35. Prima di avviare la simulazione bisogna assegnare un valore ai parametri R, L, K_T, K_V, J, b. Questa procedura si compie nella finestra di Matlab scrivendo nella riga di comando le istruzioni di assegnazione (v. Fig. 36) A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 29

30 FIG. 35 FIG. 36 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 30

31 ESERCIZI CON TRACCIA DELLA SOLUZIONE Es.1. Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale () t + y& () t + y() t y& () t y( t) u() t & y 3 = con y(0)= 0.1 Hz. y& () 0 =0 ed u(t) costituito da un onda quadra di ampiezza unitaria e frequenza Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. Es.2.Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale () t y& () t () t + () t u() t && y y = y& 0.5 con y(0)=1 ed u(t) costituito da un onda a dente di sega di ampiezza pari a 2 e frequenza 0.1 Hz. Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. Es.3 Si simuli il sistema caratterizzato dalla seguente equazione differenziale 3 & y () t + y& () t + 2 y() t + 0.1y ( t) = u(t) con y(0)=1 ed u(t) costituito da un onda quadra di ampiezza unitaria e frequenza 1 Hz. Si determinino i valori massimo e minimo della funzione y(t) e della sua derivata in condizione di regime. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 31

32 SOLUZIONE DELL Es. 1 FIG. 37 Il blocco Product (libreria Math ) è equivalente al blocco Dot Product per la moltiplicazione di segnali scalari. Il blocco Signal generator (Libreria Sources ) è in gardo di generare diverse forme d onda (tra cui un onda quadra come richiesto nell esercizio) selezionabili nella finestra di dialogo dl blocco. I valori limite a regime per l uscita y sono ± 0.77 circa. I valori limite a regime per la sua derivata y sono ± 0.57 circa. SOLUZIONE DELL Es. 2 FIG. 38 A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 32

33 I valori limite a regime per l uscita y sono e 1.85 I valori limite a regime per la sua derivata y sono e 2.32 SOLUZIONE DELL Es. 3 FIG. 39 I valori limite a regime per l uscita y sono ± 0.33 circa. I valori limite a regime per la sua derivata y sono ± irca. A. Pisano Guida introduttiva a Matlab-Simulink 33

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli