CARTA DEI SERVIZI. Fax 041/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI. Fax 041/5133393"

Transcript

1 Dipartimento Strutturale Chirurgico U.O. Complessa di Ostetricia e Ginecologia Presidio Ospedaliero di Dolo (VE) CARTA DEI SERVIZI La Direzione: Numeri e Indirizzi: Direttore Dott. Franco Garbin Responsabile della Sicurezza Dott. Domenico D Angelo Responsabile della Qualità Dott. Laura Bertazzo Referente per la Valutazione dei Risultati Dott. Salvatore Scardino Coordinatrice Dott.ssa Paola Marinello Tel Capo - Ostetrica Dott.ssa Franca Marcomin Tel Indirizzo Presidio Ospedaliero di Dolo Via XXIX Aprile, DOLO (VE) centralino: 041/ recapiti telefonici: reparto Ginecologia: 041/ Fax 041/ reparto Ostetricia: 041/ Fax 041/ Segreteria Sig.ra Maria Teresa Russo tel. 041/ Staff Medico Dott. Salvatore Scardino Vicario; Direttore U.O.S. di Endoscopia Ginecologica ; Responsabile della sezione di Ginecologia; Responsabile della Oncologia Ginecologica; Responsabile valutazione dell attività. Dott. Michele Cacco Direttore U.O.S. di Genetica Medica e diagnostica prenatale; Responsabile della sezione di Ostetricia. Responsabile dell ambulatorio Gravidanze a Rischio Dott.ssa Laura Bertazzo Dott.ssa Manuela Busato Dott.ssa Giovanna Calzà Dott. Domenico D Angelo Dott.ssa Rosetta Di Pasquale Dott. Riccardo Favero Dott.ssa Giovanna Ferrarese Dott.ssa Federica Lauri Dott.ssa Kimta Ngaradoumbe Nanhornguè Dott.ssa Isabella Mammi Genetista responsabile dell Ambulatorio di Genetica Medica del Centro di Genetica Medica e diagnostica prenatale

2 1- Personale della Sezione di Ostetricia Coordinatrice D.ssa Paola Marinello; facilitatore LR 22/02 Infermiere Professionali Roberta Amolaro Paola Ballin Anna Bertocco Valentina Bruzzo Barbara Busetto Emanuela Cacco Monica Carraro Sara Carraro Monica Castellaro Stefania Cimbro Monia Pilotto Maria Luisa Pugnali Annamaria Righetto Roberta Rizzo Infermiere Generiche Maristella Coletto Rossella Spolaore O.S.S./O.T.A. Aurora Biasiolo Manuela Scremin Paola Zaccaria Gordana Knezevic Puericultrice Maddalena Mattioli 2- Gruppo Sala travaglio e Sala parto Coordinatrice D.ssa. Franca Marcomin; responsabile applicazione legge N 3 del Ostetriche Mariarosa Bertoldo Lorena Biffanti Fabiola Carraro Barbara Donoli Laura Rampado Silvia Zago Tiziana Zampieri Flora Zanella 3- Personale della Sezione di Ginecologia Coordinatrice Sig.ra Paola Marinello; facilitatore LR 22/02 Infermiere Professionali Claudia Barticel Irma Boldrin Svetlana Ciobanu Valentina D Agostino Pierina Facci Zaira Frattina Paola Frison Dusanka Madunic Weeks Ortega Lourdes Claudia Zanirato O.S.S. Maria Donolato: responsabile applicaz. legge N 3 del Carla Franciosi Marinella Pavan

3 4- Personale del Servizio di Genetica Infermiere Professionali: Elisabetta Baldan Alina Ghetu Manuela Turra 5- Personale del Gruppo Ambulatoriale Coordinatrice Sig.ra Daniela Froni Infermiere Professionali Silvia Bortolato Debora Zampieri Infermiere Generiche Luisa Bertolin Marina Bertolin

4 Mission L unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero di Dolo si prefigge l obiettivo di prevenire, diagnosticare e curare le malattie ostetrico-ginecologiche ponendo particolare attenzione al benessere delle donna nelle diverse età, dall adolescenza all età fertile, al climaterio. L U.O. è in grado di offrire una assistenza sanitaria di qualità grazie alla formazione e all aggiornamento continuo del personale medico ed infermieristico, e per l attenzione rivolta alle innovazioni informatiche e tecnologiche. Per perseguire la propria Mission l U.O. complessa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero di Dolo si è articolata in 4 aree: 1) Sezione di Ostetricia / Gruppo Sala Travaglio - Sala Parto 2) Sezione di Ginecologia 3) Gruppo Ambulatoriale 4) Servizio di Genetica ed Indagini Prenatali L unità operativa, negli ultimi anni ha visto un progressivo aumento di attività dovuto, da un lato all innovazione delle tecniche chirurgiche con un ampio utilizzo dell approccio laparoscopico ed endoscopico nelle patologie ginecologiche, e dall altro alla particolare attenzione per una umanizzazione della gravidanza e del parto rispettando le indicazioni dell UNICEF come Baby Friendly Hospital.

5 1) SEZIONE di OSTETRICIA gruppo Sala Travaglio - Sala Parto Obiettivo prioritario dell assistenza in Ostetricia è un assistenza che garantisca la centralità del binomio madre-bambino nella sua interezza fisica e psichica, mettendo al primo posto la relazione interpersonale e l umanizzazione delle cure. La persona viene coinvolta direttamente nel processo clinico-decisionale, rendendola consapevole delle problematiche cliniche. Nell U.O. una particolare attenzione è rivolta all umanizzazione della degenza verso le neomamme ed i loro neonati mediante il ricorso a: rooming-in: subito dopo il parto e per tutta la degenza la mamma tiene accanto a sé, nella propria stanza, il neonato per facilitare l interazione mamma-bambino, per incrementare il legame affettivo, per incentivare l allattamento materno; nido aperto: il nuovo nato, in stanza con la mamma, può essere portato in alcune ore della giornata al Nido in caso di particolari necessità materne. Sezione di Ostetricia degenze Ha sede al 6 piano del Monoblocco, dispone di 3 stanze a 4 posti letto, 3 stanze a 2 posti letto ed 1 stanza ad un posto letto, per un totale di 19 posti letto. Tutte le stanze sono dotate di impianto di climatizzazione. Oltre alle stanze di degenza all interno del reparto si trovano il nido aperto, la stanza della Capo Sala, un ambulatorio di accettazione, un ambulatorio-medicheria, un salottino d attesa e una stanza polifunzionale. Per accedere al piano è possibile utilizzare le scale o l ascensore. L area travaglio parto E dotata di: una sala travaglio-parto con un lettino trasformabile; una sala travaglio (per un totale di 3 posti letto); una sala parto (dotata di 2 lettini da parto); isola neonatale per la eventuale rianimazione del neonato. I tagli cesarei urgenti vengono eseguiti presso il blocco operatorio centralizzato. La sezione di ostetricia si occupa di assistere la donna in gravidanza, durante il parto e durante il puerperio erogando le seguenti attività: Ricovero per assistenza al travaglio, al parto e al puerperio; Ricovero per patologie complicanti la gravidanza avvalendosi della consulenza delle unità operative di volta in volta coinvolte nella gestione dei casi clinici (gestosi, diabete, minaccia di parto pre-termine, ritardo di crescita intrauterino); Ricovero per patologie complicanti il puerperio; Ambulatorio di monitoraggio cardiotocografico e gravidanze a termine. Il reparto di Ostetricia è in grado di far fronte alle situazioni di emergenza-urgenza, 24 ore su 24 per le problematiche inerenti la gravidanza, il parto e il puerperio grazie alla presenza in guardia attiva di un medico ostetrico, un anestesista rianimatore e un pediatra

6 Attività qualificanti del punto nascita I punti di forza del reparto sono rappresentati da: - assistenza personalizzata al travaglio di parto, ossia, modalità del parto definita, in accordo, con la paziente; - libertà delle partorienti di muoversi durante il travaglio grazie alla presenza della telemetria per il monitoraggio cardiotocografico; - attuazione, con la collaborazione dell U.O. di Anestesia e Rianimazione, 24 ore su 24 della analgesia peridurale in travaglio di parto; - possibilità di alleviare i dolori almeno per una parte del travaglio grazie alla doccia della sala travaglio. Sfruttando gli effetti antidolorifici dell acqua si contribuisce al rilassamento del sistema neuromuscolare con diminuzione della sensibilità al dolore (la gravida è invitata a massaggiare la cute per stimolare i recettori nervosi cutanei con la produzione di endorfine che diminuiscono la sensibilità al dolore). - assistenza al parto fisiologico con la possibilità di partecipazione del partner o di altro congiunto in sala travaglio e in sala parto; - umanizzazione del parto mediante attuazione di tecniche innovative ispirate a metodi naturali di assistenza al parto da parte del personale ostetrico qualificato. L episiotomia non viene effettuata mai di routine; - se necessario, l esecuzione del taglio cesareo avviene in anestesia peridurale o spinale e con tecnica mirata alla riduzione del trauma chirurgico (sec. Stark modificata); - possibilità di parto vaginale dopo taglio cesareo; - possibilità di donazione del sangue del cordone ombelicale e dei tessuti; - pratica del "rooming-in" neonatale che favorisce l allattamento al seno - organizzazione corsi di preparazione alla nascita; Corsi di preparazione alla nascita ed alla genitorialità I Corsi di preparazione alla nascita delle Unità Operative di Dolo di Ostetricia e Pediatria sono condotti dalle Ostetriche di reparto. Consistono in otto incontri di circa due ore, due ore e mezza ciascuno, con una parte dedicata all informazione e al lavoro di gruppo, e una parte al movimento e alla respirazione. Sette incontri si tengono in gravidanza: - a cinque incontri partecipano solo le gravide e tratteranno di parto fisiologico e alcune patologie della gravidanza e del parto, analgesia in travaglio di parto e anestesia nei TC, allattamento e vita col bambino, posture in gravidanza e riabilitazione perineale dopo il parto. Questi temi vengono trattati oltre che dalle ostetriche da un Ginecologo, una Pediatra, un/a Anestesista; - un incontro è dedicato solo ai papà dei futuri neonati/e; - un incontro è di coppia. L ottavo incontro è dopo circa un mese dal parto, con i neonati/e per raccontare l esperienza del parto e continuare a parlare di allattamento e vita col bambino/a. Sono pubblicizzati con cartelli informativi che spiegano le modalità di prenotazione anche telefonica ( , ) a partire dalla 22^ settimana di gravidanza; iniziano dopo la 29^ settimana.

7 Gli incontri si tengono nel reparto di Ostetricia di Dolo in una stanza adibita allo scopo con materassini, lavagne, video sull allattamento, diapositive su analgesia e anestesia applicata all ostetricia e altri ausili per i lavori del corso. Non si tengono in giorni fissi e il calendario degli incontri viene consegnato al 1^ incontro. Molta attenzione viene posta al rooming-in (bambino/a in stanza con la madre 24 ore su 24) e all allattamento materno, poiché i reparti di Ostetricia e Pediatria stanno andando nella direzione di essere certificati come Ospedale amico dei bambini, progetto promosso dall Organizzazione Mondiale della Sanità e dall UNICEF. Le gravide devono produrre un impegnativa rilasciata dal ginecologo o dal medico di base con la dicitura Corso di preparazione alla nascita o Corso di preparazione al parto e devono pagare il ticket di 36,15 euro (più 5 o 10 euro dell impegnativa) per tutto il corso dopo il 1 incontro, escluse quelle con esenzione per reddito. Ambulatorio di Cardiotocografia e controllo delle gravidanze a termine L ambulatorio è gestito dalle Ostetriche ed è collocato nel reparto di ostetricia al 6 Piano del Monoblocco e l'appuntamento deve essere richiesto al reparto ai seguenti numeri: 041/ / facendo riferimento all ostetrica di turno. Si esegue: monitoraggio cardiotocografico a decorrere dalla 38a settimana (non esente ticket) salvo diversa prescrizione medica; monitoraggio cardiotocografico dopo la 40a settimana (esente ticket); visita ostetrica e controllo esami; ecografia per valutazione quantitativa del liquido amniotico dopo la 40a settimana e valutazione biofisica del benessere fetale. O.B.I. La Regione ha fornito alle U.O. di Ostetricia e Ginecologia un potente strumento di assistenza rapida che va incontro, in maniera ottimale, alle esigenze delle utenti: O.B.I. (Osservazione Breve Intensiva): in caso di urgenza in cui esiste il dubbio diagnostico e la necessità di eseguire accertamenti e di tenere la paziente in osservazione, viene utilizzato questo percorso. Il periodo di osservazione varia da un minimo di 4 ad un massimo di 24 ore al di là delle quali viene trasformato in ricovero. Donazione del sangue del Cordone Ombelicale Presso il reparto di Ostetricia viene proposta alle future mamme la donazione del sangue del cordone ombelicale destinato alla Banca Regionale di Padova, responsabile della conservazione del sangue del cordone ricco di cellule staminali a fini di ricerca. E possibile attuare la raccolta del sangue del cordone ombelicale per la donazione dedicata ed autologa. (per informazioni contattare la Referente Ostetrica Franca Marcomin telefono n 041/ ).

8 GUIDA AL REPARTO DI OSTETRICIA Responsabile: Dott. Michele Cacco Coordinatrice infermieristica e dell Ambulatorio del monitoraggio delle Gravidanze a Rischio: D.ssa Paola Marinello Coordinatrice per la Sala Parto e responsabile vigilanza sull applicazione legge n 3 del 16 gennaio 2003: D.ssa Franca Marcomin PRENOTAZIONI IN OSTETRICIA Per programmazione interventi chirurgici (taglio cesareo). Telefonare dal lunedì al venerdì alla sezione di ostetricia al numero 041/ dalle alle ore 13.00, prima della 37a settimana di gravidanza. Per: ambulatorio per il controllo delle gravidanze a termine; cardiotocografie fetali (monitoraggi); AFI e valutazione biofisica del benessere fetale; ambulatorio per il controllo delle gravidanze a rischio (diabete, pre-eclampsia, etc); ambulatorio per la prevenzione del parto pretermine; informazioni e/o iscrizione ai corsi di psicoprofilassi ostetrica (preparazione al parto) Telefonare dal lunedì al sabato al numero: 041/ dalle 9.00 alle IL RICOVERO L arrivo Al suo arrivo si dovrà presentare al personale infermieristico in servizio (nella guardiola, al centro del reparto), che darà tutte le informazioni necessarie al suo ricovero. Il personale provvederà ad accompagnarla nella sua stanza, oltre a fornirle le informazioni utili alla degenza. Cosa portare con sé In camera troverà un comodino ed un armadio dove potrà riporre i suoi oggetti personali. E bene ricordarsi di portare con sé la camicia da notte, la biancheria intima, gli asciugamani, il necessario per la propria igiene, un paio di pantofole, l occorrente per il bambino e, se lo desidera, qualche effetto personale (ricordi di richiedere al Nido o alle ostetriche di reparto la lista per il corredino utile per il suo/a bambino/a). Medicine e cibi Tutti i medicinali di cui avrà bisogno saranno forniti dall ospedale. L uso di altri medicinali potrebbe interferire con la terapia, perciò in tal caso è necessario metterne a conoscenza i medici. Per le stesse ragioni La invitiamo a non consumare cibi portati da casa

9 Esami diagnostici Se durante la degenza dovrà eseguire degli esami, ne sarà preventivamente informata. Una persona incaricata provvederà ad accompagnarla se questi saranno effettuati al di fuori del reparto. Le ricordiamo, inoltre, di portare con sé al ricovero tutta la documentazione clinica relativa alla patologia ginecologica o ad altre patologie cliniche. Fumo E severamente vietato fumare all interno dell ospedale. Non fumare nei luoghi pubblici non solo adempie ad una disposizione di legge, ma significa anche rispettare le esigenze d igiene di cui l ospedale necessita. La responsabile sull applicazione di tali norme è l ostetrica Franca Marcomin. Servizio di ristorazione Per il pranzo e la cena potrà scegliere tra tre menù del giorno ed alcuni piatti sempre disponibili. Nel caso dovesse seguire una dieta particolare od osservare periodi di digiuno Le verrà comunicato dalla Capo Sala. La prima colazione Le verrà fornita verso le 7.45/8.00 Il pranzo Le sarà servito tra le 12.00/12.15 Mentre la cena sarà servita tra le e le A metà pomeriggio Le sarà servito del the Per accompagnatori e visitatori sono a disposizione il bar dell ospedale e i distributori automatici posti al Piano terra vicino agli ascensori per il pubblico. I parenti che desiderano fare assistenza alle pazienti, possono prenotare il pranzo o/e la cena tramite la caposala di reparto. Orari di visita Potrà ricevere parenti e visitatori dal lunedì alla domenica dalle alle il pomeriggio solo i papà ed i fratelli dalle alle Per garantire il buon funzionamento del reparto e per permettere a medici e personale infermieristico di svolgere al meglio l attività di assistenza, vi preghiamo di attenervi alle indicazioni del personale. Solamente ed esclusivamente i papà possono rimanere anche oltre l orario di visita. Per il giorno del parto la Capo Sala potrà autorizzare le visite al di fuori degli orari stabiliti. La dimissione Al momento delle dimissioni il personale l aiuterà ad espletare tutte le pratiche amministrative. Da ricordare: La preghiamo di informare la caposala di ogni Suo spostamento al di fuori del reparto di degenza; La preghiamo di non tenere effetti di valori, denaro e di prestare attenzione ai documenti personali; All interno dell ospedale è vietato di fumare; Non è consentito conservare fiori all interno delle stanze di degenza. A chi rivolgersi Per qualsiasi esigenza si potrà rivolgere: Alla postazione infermieristica, sempre presidiata. La caposala, che coordina l attività infermieristica è presente in reparto nei giorni feriali dalle 8.30 alle

10 2) SEZIONE di GINECOLOGIA Reparto Sala Operatoria La sezione di Ginecologia ha come missione l assistenza alla donna che presenta una patologia benigna o maligna dell apparato genitale con particolare attenzione alle grandi problematiche emergenti quali la diagnosi precoce delle neoplasie genitali, l incontinenza urinaria e il prolasso genitale, il trattamento dell endometriosi severa, la sterilità e l infertilità di coppia, la poliabortività e la sindrome menopausale. L unità operativa di Ginecologia ha sede al 5 piano del Monoblocco ed è dotata di 3 stanze a 4 posti letto, di 3 stanze a 2 posti letto ed 1 stanza ad un posto letto. (17 per ricoveri ordinari e 2 per il day hospital/surgery). Oltre alle stanze di degenza all interno del reparto si trovano la stanza del medico di guardia Ostetrica-ginecologica, lo studio medici, la stanza della Capo Sala e della segretaria, un ambulatorio-medicheria, un ambulatorio accettazione ed un salottino d attesa per i pazienti esterni, parenti e visitatori. La terapia chirurgica delle patologie uterine è prevalentemente isteroscopica eseguita in regime di day-surgery; per la patologia dell ovaio e delle salpingi ci si avvale della laparoscopia (chirurgia miniinvasiva): anche questa in alcuni casi può essere praticata in regime di day surgery. Nella sezione, ai sensi della legge 194 del 1978, viene assicurata l'interruzione volontaria della gravidanza in regime di day surgery per i casi precoci e in regime ordinario per l'interruzione tardiva. Interventi Ginecologici Viene eseguito il trattamento chirurgico delle patologie dell apparato riproduttivo della donna: - chirurgia ginecologica e oncologica maggiore (eseguita prevalentemente per via laparoscopica o vaginale); - chirurgia endoscopica (laparascopia e isteroscopia); - chirurgia pelvica laparotomica e vaginale per patologie ginecologiche benigne; - chirurgia ricostruttiva dei difetti del pavimento pelvico mediante l utilizzazione di metodiche protesiche; - trattamento chirurgico dell incontinenza urinaria da sforzo; - Day surgery ginecologico.

11 Informazioni per la programmazione dei ricoveri La paziente che deve essere sottoposta a intervento chirurgico viene inviata all' ambulatorio di preospedalizzazione (situato al 5 piano del monoblocco) munita di scheda di richiesta di intervento compilata dal ginecologo curante e scheda di accesso compilata dal medico di famiglia. La paziente, munita di appuntamenti, esegue nell arco di una mattinata gli esami ematochimici preoperatori, l elettrocardiogramma, la radiografia del torace, la visita anestesiologica ed infine la visita con il Primario o suo incaricato che termina con la compilazione del consenso informato. Quando l intervento chirurgico programmato è in regime di day surgery, la paziente che ha eseguito la preospedalizzazione, si reca al reparto di ginecologia per sottoporsi a visita ginecologica, ricevere le note informative per la preparazione all'intervento e conoscere la data dell'intervento con dimissione nelle 24 ore. Invece, quando l intervento chirurgico programmato presuppone un ricovero in regime ordinario, la paziente viene ricoverata la sera precedente alla data dell intervento per la preparazione pre-operatoria. Durante la giornata dell intervento chirurgico è consentita l assistenza di un parente senza limitazioni, tenendo conto che il personale infermieristico è sempre pronto a trattare le necessità della paziente nel decorso post-operatorio. Il personale medico è a disposizione per ogni informazione relativa alla degenza, alle tecniche chirurgiche e al decorso post-operatorio.

12 GUIDA AL REPARTO DI GINECOLOGIA Responsabile: Dott. Salvatore Scardino Coordinatrice: D.ssa Paola Marinello Responsabile vigilanza sull applicazione legge n 3 del 16 gennaio 2003: Sig.ra Maria Donolato PRENOTAZIONI IN GINECOLOGIA Per : Programmazione interventi chirurgici maggiori; Piccola chirurgia; Day Surgery Interruzione volontaria di gravidanza Recarsi direttamente in reparto di Ginecologia dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore e dalle ore alle ore IL RICOVERO L arrivo Al Suo arrivo si dovrà presentare alla Infermiera Professionale di accettazione che le darà tutte le informazioni necessarie al suo ricovero. Il personale provvederà ad accompagnarla nella sua stanza fornendole le informazioni utili al ricovero. Cosa portare con sé In camera troverà un comodino ed un armadio dove potrà riporre i suoi oggetti personali. E bene ricordarsi di portare con sé la camicia da notte, la biancheria intima, gli asciugamani ed il necessario per la propria igiene, un paio di pantofole e, se desidera, qualche effetto personale. Medicine e cibi Tutti i medicinali di cui avrà bisogno saranno forniti dall ospedale. L uso di altri medicinali potrebbe interferire con la terapia, perciò in tal caso è necessario metterne a conoscenza i medici. Per le stesse ragioni La invitiamo a non consumare cibi portati da casa. Esami diagnostici Se durante la degenza dovrà eseguire degli esami, ne sarà preventivamente informata. Una persona incaricata provvederà ad accompagnarla se questi saranno effettuati al di fuori del reparto. Le ricordiamo, inoltre, di portare con sé al ricovero tutta la documentazione clinica relativa alla patologia ginecologica o ad altre patologie cliniche. Fumo E severamente vietato fumare all interno dell ospedale. Non fumare nei luoghi pubblici non solo adempie ad una disposizione di legge, ma significa anche rispettare le esigenze d igiene di cui l ospedale necessita. La responsabile sull applicazione di tali norme è la Sig.ra Maria Donolato.

13 Orari di visita Potrà ricevere parenti e visitatori dal lunedì alla domenica dalle alle e dalle alle Per garantire il buon funzionamento del reparto e permettere ai medici e al personale infermieristico di svolgere al meglio l attività di assistenza, vi preghiamo di attenervi alle indicazioni del personale. Per il giorno dell intervento chirurgico la Capo Sala potrà autorizzare le visite al di fuori degli orari stabiliti. La dimissione Al momento delle dimissioni il personale l aiuterà ad espletare tutte le pratiche amministrative. Da ricordare La preghiamo di informare la caposala di ogni Suo spostamento al di fuori del reparto di degenza; La preghiamo di non portare oggetti di valore, denaro e di prestare attenzione ai documenti personali; All interno dell ospedale è vietato fumare; Non è consentito conservare fiori all interno delle stanze di degenza. A chi rivolgersi Per qualsiasi esigenza si potrà rivolgere: Alla postazione infermieristica, sempre presidiata. La caposala, che coordina l attività infermieristica è presente in reparto nei giorni feriali dalle 8.30 alle

14 3) GRUPPO AMBULATORIALE Responsabile Dott.ssa Lauri Federica Responsabile vigilanza sull applicazione legge n 3 del 16 gennaio 2003: Sig.ra Maria Donolato L attività ambulatoriale viene effettuata presso i locali degli ambulatori siti al 5 piano del Monoblocco in prossimità del reparto di Ginecologia; è esclusa da questa allocazione l attività del centro di genetica, l ambulatorio di oncologia e l ambulatorio delle gravidanze a rischio, ubicati all interno del reparto di Ginecologia Ambulatorio divisionale generale Per le prenotazioni contattare il CUP Aziendale, tel: Viene effettuato da tutti i dirigenti Medici della U.O. secondo turno settimanale predisposto dal Primario. Ambulatorio per il monitoraggio delle Gravidanze ad alto Rischio Responsabile Dott. Michele Cacco Per le prenotazioni contattare La Coordinatrice Dott.ssa Paola Marinello, tel o Lo scoppo dell?ambulatorio è quello di : - fornire adeguate risposte a pazienti con patologie complesse che spesso assumono caratteristiche sindromiche - fornire un punto di riferimento agli Specialisti consultori ali e ai medici di Medicina Generale - definire tipologia, quantità e distribuzione delle prestazioni sanitarie a seconda del tipo di patologia - trasferire a livello ambulatoriale il controllo della gravida a rischio riducendo in maniera significativa i giorni di ricovero ospedaliero - costruire una rete di comunicazione tra i vari specialisti più frequentemente coinvolti, con lo scopo che stesse prestazioni ( in particolare esami di laboratorio) siano prescritte contemporaneamente. Centro ambulatoriale di Diagnosi e Terapia delle patologie del basso tratto genitale Responsabile Dott.ssa Federica Lauri Gli appuntamenti vengono presi presso la segreteria degli ambulatori dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.00, tel Nell' ambulatorio vengono eseguiti: - screening citologico cervicale mediante pap-test su richiesta del medico o ginecologo curante;

15 - test HPV-DNA che consente di identificare la presenza dei ceppi di papilloma virus che possono favorire lo sviluppo del tumore del collo dell utero. - colposcopia - vulvoscopia; - terapia chirurgica ambulatoriale in anestesia locale delle lesioni pre-invasive della cervice uterina e della vulva con esami di II livello: biopsia portio e vulvare, conizzazione cervicale mediante ansa diatermica a radiofrequenza (LEEP); Ambulatorio di Isteroscopia Gli appuntamenti vengono presi di persona presso la segreteria degli ambulatori dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore Nell' ambulatorio vengono eseguite: Isteroscopia diagnostica e biopsia endometriale. Ambulatorio Oncologico Responsabile Dott. Salvatore Scardino Gli appuntamenti sono gestiti direttamente dalla segreteria degli ambulatori. - follow up post chirurgico delle pazienti operate per patologia neoplastica ginecologica - integrazione delle cure con Oncologi e Radioterapisti Ambulatorio per la diagnosi e la cura della sterilità coniugale (P.M.A. di 1 livello) Responsabile Dott. Riccardo Favero Vengono erogate le seguenti attività: - approccio alla coppia - esame seminologico con test di capacitazione spermatica, biochimica seminale e ricerca anticorpi antispermatozoi (IBT test); post Coital Test (PCT) con la collaborazione del Laboratorio di Analisi; - monitoraggio ecografico follicolare e dell ovulazione (spontanea o indotta farmacologicamente); - stimolazione ovarica; - inseminazione intrauterina omologa (I.U.I.) previa preparazione del seme. I relativi appuntamenti sono gestiti direttamente dalla segreteria degli ambulatori. Ambulatorio di Ecografia Responsabile Dott.ssa Kimta Ngaradoumbe Nanhornguè Per le prenotazioni chiamare CUP Aziendale n. 041/ e per informazioni di carattere specifico chiamare la segreteria degli ambulatori al n. 041/ dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle Ecografie ginecologiche con sonda vaginale ed addominale; Ecografie Ostetriche del 1 e 3 trimestre; Ecografie morfologiche del 2 trimestre di 1 livello.

16 4) SERVIZIO di GENETICA e DIAGNOSI PRENATALE Responsabile Dott. Michele Cacco Genetista: Dott.ssa Isabella Mammi L'ambulatorio è ubicato al 5 Piano nella sezione del reparto di Ginecologia; l appuntamento deve essere richiesto alla segreteria della Genetica al n. 041/ il lunedì, mercoledì, giovedì dalle ore alle ore e nei giorni di martedì e giovedì dalle ore alle ore 18.00; per accedere al piano è possibile utilizzare le scale o l ascensore. Ambulatorio di Genetica Diagnosi Prenatale Responsabile Dott.ssa Isabella Mammi Nell Ambulatorio di Genetica vengono effettuate le seguenti prestazioni: - consulenze genetiche: preconcezionali, prenatali e post-natali; - consulenze teratologiche (valutazione rischio malformativo dopo assunzione di farmaci o - contaminazione accidentale con sostanze chimiche o ionizzanti); - colloqui informativi per amniocentesi e villocentesi; Diagnosi Prenatale Invasiva Nell' ambulatorio vengono erogate le seguenti prestazioni: - villocentesi tra la 11a e la 12+6 settimana; - amniocentesi precoci o tardive, a partire dalla 15a settimana di gestazione Non serve essere a digiuno. E' consigliabile sottoporsi a dette prestazioni previa consulenza presso l'ambulatorio di genetica. Diagnosi Prenatale Non Invasiva Esecuzione del test combinato (Ultrascreen); Le prenotazioni si effettuano c/o la Segreteria degli ambulatori ogni mattina dal lunedì al venerdì in base alla disponibilità di appuntamenti.

17 CONSIGLI Il dolore si può evitare Il dolore è un segnale importante perché aiuta a capire meglio la malattia. E importante altresì sapere che il dolore può essere attenuato in modo da renderlo sopportabile. Gli infermieri ed i medici possono aiutarvi, ma la Vostra collaborazione è indispensabile. Imparate a parlare del Vostro dolore per permettere loro di offrirvi tutto il supporto possibile. Il dolore dopo l intervento chirurgico Al risveglio dall intervento non esitate a chiedere farmaci per calmare il dolore, qualora ne sentiate la necessità. Il dolore cronico Avvisate gli infermieri se con la dose di antidolorifico il dolore non diminuisce. Segnalate al medico e agli infermieri quali farmaci sono risultati efficaci in passato. Aumentate il Vostro benessere Potete cercare di alleviare il dolore in diversi modi. Ecco alcuni esempi: riposare in un ambiente calmo; ascoltare della musica; distrarsi leggendo, guardando la televisione e chiacchierando

18 I SERVIZI A DISPOSIZIONE DELL UTENTE U.R.P. (Ufficio relazioni con il pubblico): E a vostra disposizione dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle al numero 041/ Si trova all interno dell ospedale nella palazzina degli uffici (vecchio ingresso dell ospedale) Assistenza religiosa Tutti i giorni il cappellano visita il reparto e i degenti. La Messa viene celebrata tutte le domeniche in apposite zone dell ospedale. Bar Il bar dell ospedale è aperto a tutti dal lunedì al venerdì dalle ore alle 19.00, il sabato dalle ore alle Si trova al piano terra all ingresso per i visitatori. E importante prima di consumare qualunque alimento o bevanda comunicarlo alla caposala: potrebbe essere dannoso. Giornali Un giornalaio passa tutte le mattine all interno del reparto per vendere quotidiani, riviste, etc. (dal lunedì al venerdì, e per la domenica a settimane alterne). L edicola si trova sopra il bar. Parcheggio All ingresso dell ospedale è presente un parcheggio gratuito. Da ricordare Si invitano i pazienti e visitatori a: rispettare gli orari di visita ai degenti; evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o di disagio; utilizzare i telefoni cellulari esclusivamente all esterno dell ospedale; rispettare il divieto di fumare.

19 INFORMAZIONI UTILI Orario visite ai pazienti: Reparto di Ginecologia dal lunedì alla domenica dalle alle e dalle alle Reparto di Ostetricia dal lunedì alla domenica dalle alle di pomeriggio solo i papà ed i fratelli dalle ore alle ore Orario colloquio medico Tutti i giorni dal lunedì al sabato il medico di guardia è presente e disponibile in reparto nell' arco delle 24 ore, salvo impegnato in urgenze. Per colloqui con il Primario ed i capireparto fissare l appuntamento c/o la sezione di Ginecologia e di Ostetricia contattando direttamente le Capo Sale di riferimento. Revisione del 30/09/2014

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio

MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio Azienda Ospedaliera di Padova Medicina Generale AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA MEDICINA GENERALE DIRETTORE: Prof. Giovannella Baggio IL REPARTO Telefono: 049 8212675 CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé

Sac. Prof. Don Luigi Maria Verzé "A prescindere dalla professionalità, che nel San Raffaele dev'essere ammessa come scontata, è certo che il corredo dei valori, la carica del loro possesso nei medici, negli infermieri e nel complesso

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli