P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19"

Transcript

1 P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19

2 Sommario 1. PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELL AZIONE DI MIGLIORAMENTO PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO COMPOSIZIONE DEL NUCLEO DI MIGLIORAMENTO ELENCO DOCENTI E ATA COMMISSIONE DI MIGLIORMANTO CLASSI INTERESSATE AL PIANO PARTECIPAZIONE A RETI PER IL MIGLIORMENTO PRIORITA : TRAGUARDI: OBIETTIVI DI PROCESSO: AZIONI: INDICATORI ESITI E RELATIVI RISULTATI ATTESI INDICATORI DI PROCESSO E RELATIVI VALORI ATTESI MONITORAGGIO E REGOLAZIONE IN ITINERE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PREVISTE COLLEGAMENTO CON ORGANICO DI POTENZIAMENTO: DIFFUSIONE DEI RISULTATI DEL PDM RIESAME DELLA DIREZIONE n

3 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELL AZIONE DI MIGLIORAMENTO In seguito all analisi delle criticità emerse nel Rapporto di Autovalutazione si è deciso di focalizzare l attenzione sui dati riguardanti la Comprensione del Testo e il Problem Solving al fine di rendere possibile la comparazione dei risultati con i dati Invalsi. Durante la fase di elaborazione del PDM si è reso necessario la rimodulazione della priorità espressa nel RAV. Considerato che: il nostro istituto è di recente costituzione e pertanto non è stato ancora elaborato un curricolo verticale per le competenze condiviso con i relativi strumenti di misurazione e di valutazione. i dati invalsi 2013/2014 hanno evidenziato, in alcuni casi, una disomogeneità di risultati anche fra classi parallele. non esiste una raccolta dati significativa che rilevi nel tempo gli esiti degli studenti sia in ingresso che in uscita. Pertanto, al fine di seguire nel tempo l efficacia degli obiettivi di processo si intende osservare e analizzare gli esiti degli alunni che frequentano la IV Primaria seguendoli per un triennio. La scelta del campione deriva dai seguenti motivi: l analisi dei dati derivante dal test d ingresso evidenzia, per questo gruppo di alunni, una significativa disomogeneità fra classi appartenenti a plessi differenti. il gruppo di studenti preso a campione ha affrontato i test Invalsi nell anno scolastico 2013/2014 e affronterà le medesime prove nell anno scolastico 2016/2017 permettendo in tal modo il confronto fra gli esiti, considerando sia le prove comuni che le prove standardizzate Nazionali. Il monitoraggio di esiti e risultati sarà continuato anche dopo il passaggio alla scuola secondaria di Primo Grado. In tal modo sarà possibile tenere sotto controllo oltre l adeguatezza della continuità orizzontale anche l efficacia della continuità verticale. 3

4 2. PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO 2.1 COMPOSIZIONE DEL NUCLEO DI MIGLIORAMENTO. Cognome nome Ruolo nell organizzazione scolastica Ruolo nel team di miglioramento Giusta Gianfranco Dirigente Scolastico Responsabile Gusmatti Daniela Ins. Scuola Infanzia F. S.Autovalutazione e miglioramento Bargetto Maria Coordinatore del D.S. e ins. Scuola Primaria Interfaccia con collegio di settore Scuola Primaria Demarchis Marco Coordinatore del D.S. e ins. Scuola Secondaria di I Interfaccia con collegio di settore Scuola secondaria di I Benso Barbara Insegnante Scuola secondaria di F. S. P.T.O.F. Delfitto Laura I Insegnante Scuola secondaria di I F.S. Continuità, Saperi Essenziali 2.2 ELENCO DOCENTI E ATA COMMISSIONE DI MIGLIORMANTO. Cognome nome Ruolo nell organizzazione Compiti di supporto scolastica Ferrarino Carla Docente Scuola Primaria Analisi dati Invalsi Pititu Sara Docente Scuola Primaria Analisi dati invalsi Cestari Clelia Docente Scuola Secondaria I Raccolta dati e analisi prove comuni Soardo Stefania Docente Scuola Secondaria I Raccolta dati e analisi prove comuni Bernardi Elisa Docente Scuola Secondaria I Raccolta dati e analisi prove comuni Malerba Francesca Docente Scuola Secondaria I Raccolta dati e analisi prove comuni Roffinella Alessia Docente Scuola Primaria Elaborazione e raccolta dati questionari genitori, alunni e docenti 4

5 Arato Marisa Docente Scuola Primaria Elaborazione e raccolta dati questionari genitori, alunni e docenti Pirera Roberta Docente Scuola Infanzia Elaborazione e raccolta dati questionari genitori, alunni e docenti Razzano Silvia Docente Scuola Primaria Elaborazione e raccolta dati questionari genitori, alunni e docenti Bonaldo Maria Teresa D.S.G.A. Gestione della gestione delle risorse finanziarie e strumentali. Stella Gianni Assistente amministrativo Trattamento dati alunni. 2.3 CLASSI INTERESSATE AL PIANO. Classi Classi IV Primaria di tutto l I.C. Anno Scolastico 2015/2016 Classi V Primaria di tutto l I.C. Anno Scolastico 2016/2017 Classi I Secondaria DI I di tutto l I.C. Anno Scolastico 2017/ PARTECIPAZIONE A RETI PER IL MIGLIORMENTO. Reti Scopi Curricolo in prospettiva Riflessione condivisa sulle azioni poste in essere Sperimentazione diffusa delle strategie d aula Stesura del curricolo verticale 3. PRIORITA : 5

6 La priorità che l Istituto si è assegnato per il prossimo triennio è la seguente: ottenere esiti più uniformi fra classi parallele di plessi diversi riscontrabili sia nelle prove INVALSI che nelle prove comuni, in particolare nella Comprensione del testo e il Problem Solving. 4. TRAGUARDI: Per ogni prova somministrata ottenere un decremento percentuale di alunni che ancora non hanno pienamente raggiunto gli obiettivi minimi relativamente al Problem Solving e alla Comprensione del Testo rispetto alla media ottenuta dall I.C. secondo le seguenti previsioni: 10 punti nel triennio di riferimento per le prove comuni in ingresso sia per il Problem Solving che nella Comprensione del Testo. 3 punti per il Problem Solving delle prove Invalsi. mantenere i valori nelle prove di comprensione del testo dell Invalsi. 5. OBIETTIVI DI PROCESSO: Curricolo, progettazione e valutazione. Lavorare per la costruzione di un curricolo verticale per le competenze chiave di cittadinanza e i relativi strumenti di misurazione e valutazione. Area Continuità e orientamento. Programmare incontri fra docenti dei diversi ordini di scuola per realizzare percorsi di continuità orizzontale e verticale più efficaci. Area recupero e potenziamento. Elaborare programmazioni didattiche anche a livello interdisciplinare finalizzati alla costruzione di percorsi individualizzati. 6

7 Area Ambiente di apprendimento Programmare percorsi di recupero e potenziamento. Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane. Programmare corsi di formazione per i docenti sulla didattica per competenze e per favorire l apprendimento attivo. 6. AZIONI: Curricolo, progettazione e valutazione. Elaborare un curricolo verticale per le competenze chiave di cittadinanza. Analizzare i dati Invalsi facendo confronti con le prove comuni. Area Continuità e orientamento. Elaborare, effettuare ed analizzare test ingresso e prove finali comuni e condivisi. Attuare percorsi di continuità verticale ed orizzontale più efficaci. Area recupero e potenziamento. Consolidare gli scambi professionali tra primaria e secondaria, per alunni con B.E.S. (E.E.S., D.S.A. e HC) finalizzati alla realizzazione di percorsi individualizzati. Area Ambiente di apprendimento Realizzare percorsi di recupero e potenziamento. Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane. Formare docenti sulla didattica per competenze e sull apprendimento cooperativo. 7

8 7. INDICATORI ESITI E RELATIVI RISULTATI ATTESI. INDICATORI DI ESITO MIGLIORAMENTO ESITI TEST INGRESSO Comprensione del testo MIGLIORAMENTO ESITI TEST INGRESSO Problem Solving MIGLIORAMENTO ESITI Prove INVALSI ** Comprendere e ricostruire il testo MIGLIORAMENTO ESITI Prove INVALSI ** Interpretare VALORI INIZIALI: VALORI ATTESI Dopo il 1 anno Dopo il 2 anno Dopo il 3 anno Differenza % Differenza % Differenza % Differenza % classe/istituto* classe/ Istituto* classe/istituto* classe/ Istituto* -19,4% - 15% -11% -9% -23,6% -19% -15% -13% A.S. 2013/2014-7,2% A.S. 2013/ ,3% Non disponibili Nessuna variazione Non disponibili Non disponibili -15% Non disponibili * I valori espressi sono riferiti alla differenza fra la media ottenuta dalla classe con la peggior performance e la media dei risultati dalle classi prese a campione dell Istituto. **I dati riguardanti l Invalsi sono riferiti agli esiti ottenuti dallo stesso gruppo di alunni nelle prove somministrate nell anno 2013/2014 della II Primaria. 8. INDICATORI DI PROCESSO E RELATIVI VALORI ATTESI. INDICATORI DI PROCESSO VALORI INIZIALI: Dopo il 1 anno VALORI ATTESI Dopo il 2 anno Dopo il 3 anno 8

9 Incrementare il numero di prove comuni in ingresso e relativa comparazione dei dati. Nessuna prova comune presente. 100% di prove comuni in ingresso per tutte le classi della primaria e secondaria nelle discipline: Italiano, matematica e inglese. Incrementare il numero di prove comuni finali e relativa comparazione dei dati. Presenza del curricolo verticale per le competenze chiave di cittadinanza. Incremento degli incontro fra docenti di ordini di scuola Prove finali comuni solo per la 4 primaria e 1 e 2 della Secondaria per Italiano Matematica e Inglese. Non presente l analisi e la comparazione di dati fra classi parallele Curricolo verticale non presente. Due incontri annui. Indicatori sui requisiti minimi di passaggio Analisi e comparazione dei dati. 100% di prove finali comuni per tutte le classi della primaria e secondaria nelle discipline: Italiano, matematica e inglese. Analisi e comparazione dei dati. Presenza di un curricolo verticale per: 1. Comunicazione nella madrelingua 2. Comunicazione nelle lingue straniere. 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia. Tre incontri annui Documento con indicatori sui requisiti minimi di 100% prove finali comuni per la 5 primaria concordate con le insegnanti sella scuola secondaria di 1 per Italiano, Matematica Analisi e comparazione dei dati. Presenza di un curricolo verticale per tutte le otto competenze chiave di cittadinanza. Tre incontri annui 100% di prove comuni finali per la 5 primaria per Inglese Analisi e comparazione dei dati. Miglioramento degli esiti con relativa diminuzione della variabilità fra classi. Tre incontri annui 9

10 diversi (continuità). fra un ordine di scuola e l altro non presenti. passaggio fra un ordine di scuola e l altro. Presenza di incontri fra docenti per dipartimenti (Scuola Secondaria) e lassi parallele (Scuola Primaria) 2 per la scuola secondaria per Lettere, Matematica, lingue straniere 4 incontri per le insegnanti della Scuola Primaria. 2 per la scuola secondaria per Lettere, Matematica, lingue straniere 4 incontri per le insegnanti della Scuola Primaria. 2 per la scuola secondaria per Lettere, Matematica, lingue straniere 4 incontri per le insegnanti della Scuola Primaria. 2 per la scuola secondaria per Lettere, Matematica, lingue straniere 4 incontri per le insegnanti della Scuola Primaria. Analisi comparativa fra i dati Invalsi e le prove comuni. Presenza di incontri fra docenti Primaria e Secondaria finalizzati alla Analisi per le classi seconde e quinte. Mancanza di una restituzione delle considerazioni emerse al collegio docenti di settore. Analisi dei dati invalsi per classi seconde, quinte, e Prove Nazionali con relativa restituzione delle considerazioni emerse al collegio docenti. Analisi dei dati invalsi per classi seconde, quinte, e prove nazionali con relativa restituzione delle considerazioni emerse al collegio docenti. Miglioramento degli esiti con relativa diminuzione della variabilità fra classi. Analisi dei dati invalsi per classi seconde, quinte, e prove nazionali con relativa restituzione delle considerazioni emerse al collegio docenti. 4 annui. 4 annui. 4 annui. 4 annui. 10

11 realizzazione di percorsi individualizzati. Incremento di docenti formati sulla didattica per competenze e l apprendimento cooperativo. Incremento del tempo scuola e/o attività rivolte al potenziamento e al recupero. 10% di docenti formati sul curricolo verticale e didattica per competenze. Scuola Primaria: recupero e potenziamento svolto in orario curricolare utilizzando le ore di compresenza. 50 ore circa di recupero e potenziamento svolto in orario extrascolastico. Scuola Secondaria di I recupero e potenziamento svolto in orario extracurriculare e/o curricolare per Italiano, Matematica e Lingue Straniere. 25% di docenti formati sulla didattica inclusiva e il cooperative learning Scuola Primaria: Incremento del numero di ore di compresenza (non quantificabile) utilizzando l organico di potenziamento per effettuare attività di recupero. 50 ore di recupero e potenziamento svolte in orario extracurricolare. Scuola Secondaria di I Incremeto del numero di ore (non quantificabile) per il recupero e il potenziamento svolto in orario extracurriculare e/o curricolare per Italiano, Matematica Scuola Primaria: Incremento del numero di ore di compresenza (non quantificabile) utilizzando l organico di potenziamento per effettuare attività di recupero. 50 ore di recupero e potenziamento svolte in orario extracurricolare. Scuola Secondaria di I Incremeto del numero di ore (non quantificabile) per il recupero e il potenziamento svolto in orario extracurriculare e/o curricolare per Italiano, Matematica 11

12 e Lingue Straniere facendo ricorso anche all organico di potenziamento. e Lingue Straniere facendo ricorso anche all organico di potenziamento. 12

13 9. MONITORAGGIO E REGOLAZIONE IN ITINERE. Azione: Elaborare il curricolo verticale per le competenze di chiave di cittadinanza. ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Definizione impianto curricolo verticale e scelta operativa del lavoro. Individuazione di indicatori principali per le competenze chiave europee suddivisi per cicli di apprendimento: continuità, orientamento, saperi essenziali continuità settori (infanzia, primaria e secondaria) E TEMPI Delfitto Laura Entro il 15 Novembre 2015 Delfitto Laura Entro 31 Gennaio 2015 EVENTUALI ADEGUAMENTI Comunicazion e nella madrelingua Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia Condivisione materiale prodotto nelle sottocommissioni Individuazione di indicatori principali per le Cmmissione continuità Saperi essenziali. Diparimenti lingua straniera e insegnanti Delfitto Laura Entro 28 Febbraio 2015 Delfitto Laura Entro il 30 Maggio

14 competenze chiave europee suddivisi per cicli di apprendiment: Primaria specialisti lingua straniera Comunicazion e nelle lingue straniere. Individuazione di indicatori principali per le competenze chiave europee suddivisi per cicli di apprendimento: Sottocommissioni saperi essenziali settori (infanzia, primaria e secondaria) Delfitto Laura Entro novembre 2016 Competenze sociali civiche. e Imparare ad imparare. Individuazione di indicatori principali per le competenze chiave europee suddivisi per cicli di apprendimento: Sottocommissioni saperi essenziali settori (infanzia, primaria e secondaria) Delfitto Laura Entro il febbraio 2016 Competenza digitale. Consapevolez za ed espressione culturale. Spirito d iniziativa ed imprenditorial ità. 14

15 Condivisione materiali prodotti nelle diverse sottocommisioni ed elaborazione bozza documento finale. Essenziali Saperi Delfitto Laura Entro il Aprile 2016 Revisione documento finale dopo la condivisione in collegio docenti del Curricolo verticale Essenziali Saperi Delfitto Laura Entro il 30 maggio 2016 Azione: Analizzare i dati invalsi facendo confronti con le prove comuni. ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Analisi prove comuni ingresso 2014/2015 Analisi Invalsi scolastico 2014/2015 Analisi comuni 2014/2015 dati anno prove finali Analisi prove comuni ingresso 2016/2017 autovalutazione autovalutazione autovalutazione autovalutazione E TEMPI Gusmatti Daniela Entro il 31 dicembre 2015 Gusmatti Daniela Entro il 28 Febbraio 2016 Gusmatti Daniela Entro il 30 giugno 2016 Gusmatti Daniela Entro il 31 dicembre 2016 EVENTUALI ADEGUAMENTI 15

16 Analisi Invalsi scolastico 2015/2016 Analisi comuni 2016/2017 dati anno prove finali Analisi prove comuni ingresso 2017/2018 Analisi Invalsi scolastico 2016/2017 Analisi dati anno prove itcomuni 2017/2018 finali autovalutazione autovalutazione autovalutazione autovalutazione autovalutazione Gusmatti Daniela Entro il 28 Febbraio 2017 Gusmatti Daniela Entro il 30 giugno 2017 Gusmatti Daniela Entro il 31 dicembre 2017 Gusmatti Daniela Entro Febbraio 2018 Gusmatti Daniela Entro il 30 giugno 2017 Azione: Elaborare, effettuare ed analizzare test ingresso e prove finali comuni e condivisi. ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Elaborazione test ingresso INS.DIPARTIMENTI ITALIANO MATEMATICA INGLESE (SEC I ) (ref. Demarchis Marco) Insegnanti primaria scuola italiano, E Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Bargetto Maria per la scuola primaria TEMPI Entro il 15 settembre di ogni anno scolastico EVENTUALI ADEGUAMENTI 16

17 matematica inglese classi interessate (Ref Bargetto Maria.) Somministrazione test ingresso Raccolta dati test ingresso Elaborazione e restituzione dati. Elaborazione test finali Somministrazione test ingresso Raccolta dati test ingresso INSEGNANTI DI ITALIANO, MATEMATICA E INGLESE DELLE CLASSI COINVOLTE Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Bargetto Maria per la scuola primaria Referenti di plesso Demarchis Marco per la scuola secondaria di I autovalutazione INS.DIPARTIMENTI ITALIANO MATEMATICA INGLESE (SEC I ) (ref. Demarchis Marco) Insegnanti scuola primaria italiano, matematica inglese classi interessate (Ref Bargetto Maria.) INSEGNANTI DI ITALIANO, MATEMATICA E INGLESE DELLE CLASSI COINVOLTE Bargetto Maria per la scuola primaria Entro il 15 ottobre di ogni anno scolastico Entro il 31 ottobre di ogni anno scolastico Gusmatti Daniela Entro il 30 Novembre di ogni anno scolastico Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Bargetto Maria per la scuola primaria Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Bargetto Maria per la scuola primaria Referenti di plesso Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Entro il 15 Aprile di ogni anno scolastico Entro il 15 maggio di ogni anno scolastico Entro il 30 Maggio di 17

18 Elaborazione e restituzione dati. autovalutazione Bargetto Maria per la scuola primaria ogni anno scolastico Gusmatti Daniela Entro il 30 giugno di ogni anno scolastico 18

19 Azione: Attuare percorsi di continuità verticale ed orizzontale più efficaci. ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Individuazione indicatori requisiti minimi di passaggio fra un ordine di scuola e un altro. Elaborazione documento attestante i requisiti minimi di passaggio fra un ordine di scuola e l altro E TEMPI continuità Delfitto Laura Entro il 30 Marzo 2015 Continuità Delfitto Laura Entro il 30 Aprile 2015 EVENTUALI ADEGUAMENTI Azione: Consolidare gli scambi professionali tra primaria e secondaria, per alunni con B.E.S. (E.E.S., D.S.A. e HC) finalizzati alla realizzazione di percorsi individualizzati. ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Condivisione dei casi più problematici e delle situazioni con particolari difficoltà Inclusione E Ferrarino Carla per i casi con asl di competenza Asti Ricca Elena per 8i casi con comptenza asl di Chieri TEMPI Entro il 30 ottobre di ogni anno EVENTUALI ADEGUAMENTI 19

20 Raccolta dei dati risultanti dalle griglie di analisi sulla gravità dei casi di hc e stesura dell elenco dei casi con gravità crescente Analisi del questionario rivolto ai membri della commissione da cui risultino gli argomenti su cui fare aggiornamenti o approfondimenti Supervisione e informazioni riguardanti la compilazione dei documenti PDP PEI PDF Inclusione Come sopra Entro il 30 ottobre di ogni anno Inclusione Come sopra Entro il 31 dicembre di ogni anno Inclusione Come sopra Entro il 30 novembre PDP Entro il 31 gennaio PEI PDF 20

21 Azione: realizzare percorsi di recupero e potenziamento ATTIVITA RESPONSABILI REFERENTI CONTROLLO MODALITA TEMPISTICA Attività di recupero e potenziamento svolto in orario curricolare e/o extracurricolare facendo ricorso anche all organico di potenziamento. Docenti della scuola Primarie e Secondaria di I per Italiano, Matematica e Lingue straniere. E Demarchis Marco per la scuola secondaria di I Bargetto Maria per la scuola primaria TEMPI Da svolgere durante tutto l anno scolastico. EVENTUALI ADEGUAMENTI 21

22 10. ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PREVISTE Formatori Attività Fonte finanziaria Claudio Berreta Docenti e tutor Università degli studi di Torino Dipartimento di scienze della formazione primaria Formazione docenti sulla didattica inclusiva e cooperative learning Formazione docenti su curricolo verticale e la didattica per competenze Finanziato interamente dalla Fondazione San Paolo Attuabile solo nel caso di finanziamento del progetto di rete Curricolo in prospettiva 11. COLLEGAMENTO CON ORGANICO DI POTENZIAMENTO: Esigenza progettuale, come specificato tra gli obiettivi formativi di cui Legge 107/15, c.7: Lettera A) Valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell Unione Learning (CLIL) Lettera B) Potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche Lettera L) prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico; potenziamento dell'inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore e l'applicazione 22

23 delle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati, emanate dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca il 18 dicembre DIFFUSIONE DEI RISULTATI DEL PDM Azioni di diffusione dei risultati del PDM all esterno METODI/Strumenti Destinatari delle azioni Tempi Sito scolastico Genitori, Docenti, ATA Entro il 30 Novembre di ogni anno scolastico Organi collegiali (consigli di classe, d Istituto, assemblee dei genitori) Genitori Entro il 30 Novembre di ogni anno scolastico 23

24 13. RIESAME DELLA DIREZIONE n. [aggiungere una tabella per ogni riesame] effettuato il persone presenti aspetti considerati risultati Processi Organizzazione indicatori e obiettivi esaminati risultati raggiunti in rapporto agli obiettivi del PdM Criticità rilevate 24

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

IL RAV. Maria Girone

IL RAV. Maria Girone IL RAV Maria Girone Foggia 12/03/2015 AVVIO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE ART. 6 DEL D.P.R. 80/2013 Autovalutazione delle Istituzioni Scolastiche Valutazione esterna Azioni di migliomento Analisi e verifica

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO Istituto Comprensivo Statale G. Ciscato Via Marano, 53-36034 MALO (Vi) Tel. 0445/605202 0445/581418 C.F.:83003630247 C.M. VIIC80800N www.ciscato.gov.it e-mail: viic80800n@istruzione.it viic80800n@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016)

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria VIA PIAVE, 11 24050 BARIANO Tel 0363/958350 Fax 0363/959455 C.F. 92015020164

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 Prot. n. 3599/AG08 Rocca Priora, 21/09/2015 e p.c. Al Collegio

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CUNARDO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado Via Vaccarossi, 17-21035 Cunardo (VA) Codice Fiscale 93012080128 Tel. 0332 71 65 80 Fax 0332 71 60 58 E-mail

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. ISTITUTO COMPRENSIVO Margherita Hack SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI I GRADO Via del Municipio,1 64020 C A S T E L L A L T O Tel. 0861296713 320100-296790 (Presidenza) Fax 0861320114 Cod.

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it Prot. n. 1720 Caluso, 29.09.2015

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo D. A. Azuni Via Comm.Fumu 07020 Buddusò Cod.Fis.81000450908 Cod. Mec.SSIC80600X Codice Univoco dell Ufficio: UFXWJZ Telefono

Dettagli

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio Micaela Ricciardi Come compilare il RAV: riflessioni per la Rete scuole Municipio II 5 marzo 2015 1 QUALE

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO "L. LUZZATTI" SAN POLO DI PIAVE Via Roma, 38-31020 San Polo di Piave (TV) Tel. 0422/855062 C. F.: 80012450260 - C. M.: TVIC86000B - E-mail: tvic86000b@istruzione.it Prot. 5521/C16

Dettagli

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO DON MILANI SALA PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi

Dettagli

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole ROMA 24-25-26 novembre 2015 L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole Paola Di Natale Valutazione delle scuole: percorsi di formazione/informazione per i Dirigenti

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM. Ruolo nell organizzazione scolastica

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM. Ruolo nell organizzazione scolastica PIANO DI MIGLIORAMENTO Istituto Comprensivo D. Matteucci " Faenza Centro Via Martiri Ungheresi, 7 48018 FAENZA (RA) Tel. 0546/21277 Telefax 0546/22078 Codice Ministeriale RAIC82200C Codice Fiscale 81002000396

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 Prot. N. 30180/C01 del 27/07/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CALENDARIO DEGLI INCONTRI COLLEGIALI SETTEMBRE 2015 TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA Martedì 1 Ore 9.00 13.00 O.d.g Collegio dei docenti unitario

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LICEO delle SCIENZE UMANE opz. ECONOMICO-SOCIALE PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Linee d'indirizzo del POF

Linee d'indirizzo del POF Linee d'indirizzo del POF Triennio 2016/2019 Il POF com'è e come sarà (1/2) Durata Indirizzi DPR275/199 9 Annuale Consiglio di Istituto L107/2015 Triennale revisione annuale Dirigente scolastico Stesura

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI PER IL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (Comma 14 della legge n 107 del 13 luglio 2015 che modifica l art. 3 del DPR n 275 dell 8 marzo 1999 e introduce il comma 4). ALCUNI PUNTI SALIENTI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Struttura e analisi del RAV a cura della tutor con integrazione di materiali resi disponibili da USR Veneto Tutor: Anna Nardi FORMAZIONE DOCENTI REFERENTI Fasi procedimento

Dettagli

PTOF del triennio 2016/2019

PTOF del triennio 2016/2019 PTOF del triennio 2016/2019 MISSION E VISION TERRITORIALI : AREA 1. SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI OBIETTIVI In mantenimento/miglioramento, si terrà conto della pianificazione reti territoriali (SPECIFICARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.it RESPONSABILE del Piano Dott.ssa Giuliana Testori PIANO DI MIGLIORAMENTO

Dettagli

Prot. n. 5478/B02 Foggia 09/12/2015 ATTO D INDIRIZZO

Prot. n. 5478/B02 Foggia 09/12/2015 ATTO D INDIRIZZO C.M. FGIC856004 ISTITUTO COMPRENSIVO TEL. 0881-721318 C.F. 94090760714 " ALFIERI - GARIBALDI " FAX 0881-316619 Sito: icalfierigaribaldi.gov.it via Galliani - 71121 Foggia e-mail: FGIC856004@istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Scuola dell infanzia primaria secondaria di I grado Via del

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n. 107

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ...

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ... PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto... RESPONSABILE del Piano di Miglioramento Il Team per il Miglioramento ha la responsabilità della scelta dei percorsi di miglioramento e dell organizzazione dei progetti

Dettagli

Le Funzioni Strumentali: prof.ssa Muffo Claudia, prof.ssa Di Nunzio Giulia; prof.ssa Giallonardo Manuela; ins. Mazzocchetti Luigina;

Le Funzioni Strumentali: prof.ssa Muffo Claudia, prof.ssa Di Nunzio Giulia; prof.ssa Giallonardo Manuela; ins. Mazzocchetti Luigina; PIANO DI MIGLIORAMENTO Dati informativi Denominazione dell Istituzione Scolastica: Istituto Comprensivo Villa Verrocchio Codice meccanografico: PEIC827008 Ordine di scuola Scuola dell Infanzia, Primaria

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 L attività di orientamento in ingresso e in uscita nel e dal nostro Istituto coinvolge gli alunni e le famiglie delle classi

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA PROGETTO CONTINUITA e ORIENTAMENTO Continuità tra ordini di scuola All interno dell Istituto comprensivo assume una particolare rilevanza la continuità del processo educativo tra i tre ordini di scuola.

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO G.ZANELLA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA" Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 32) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

Il Piano di Miglioramento (PdM) del LEONARDO DA VINCI NISCEMI

Il Piano di Miglioramento (PdM) del LEONARDO DA VINCI NISCEMI ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "LEONARDO DA VINCI" - NISCEMI Cod. Mecc. CLIS002004 C.F.: 82002400859 Via Carlo Alberto Dalla Chiesa s.n. - Tel. 953082 Fax 0933-955873 - e-mail: clis002004@istruzione.it

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO M i n i s t e r o d e l l i s t r u z io n e, d e l l u n i v e r s i t à e della ricerca Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado via I. Gentile 22014 Dongo (CO) Tel:

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Verdellino Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Largo Cartesio, 1-24040 Verdellino (BG) Tel. 035 884516

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO SANREMO LEVANTE Corso Cavallotti, 92 18038 Sanremo / E-mail imic81700e@istruzione.it Tel 0184/541440 Fax 0184/541006 C.F.: 90083290081 Prot. n. 3608/C23 Sanremo, lì 28 Ottobre 2015

Dettagli

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PORTO CESAREO Via Piccinni, 10 Tel. e Fax 0833-569105 C.F. 91012680756 mail leic831006@istruzione.it mail certificata leic831006@pec.istruzione.it sito: www.icportocesareo.gov.it

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

Liceo Scientifico A. Calini

Liceo Scientifico A. Calini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico A. Calini Via Monte Suello n. 2 - Brescia Prot. n. 3202/C22 Brescia, lì 01/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R ZALEUCO LOCRI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina! 1 di 13! ) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF).

PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF). PIANO DI MIGLIORAMENTO (PDM) IN RAPPORTO AL RAV PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF). Adempimenti di cui al DPR 80/2013 e alla Legge 107/205. Come è noto i documenti che dovranno essere predisposti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 E 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 E 2018-19 ISTITUTO COMPRENSIVO SAURO - ERRICO PASCOLI C. F. 80061080638 email naic8b900l@istruzione.it Viale delle Galassie, 2 80144 Napoli Tel. Fax 0817374452 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE (PTOF 206/19)

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE (PTOF 206/19) Istituto Comprensivo Statale L. Einaudi G. Pascoli Via Val d Intelvi, 11 20152 Milano Tel. 0247997745 0288444757 Fax: 0288444760 C.F. 80126170150 C.M. MIIC8C0007 sito web: www.icseinaudipascoli.gov.it

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE La scuola italiana si dota oggi di uno strumento fondamentale che è quello della valutazione del sistema nazionale Bisogna dire con chiarezza che

Dettagli

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone 1 Per niente Poco Abbastanza Questionario Docenti 1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità chiare e condivise 6 29 56 8 2. Questa istituzione

Dettagli

FUNZIONI STRUMENTALI

FUNZIONI STRUMENTALI FUNZIONI STRUMENTALI a.s. 2012-2013 MARINA BERTAZZO Integrazione ENZO FAMIGLIETTI Area P.O.F MICHELA ROTA Continuità LOREDANA PORFIDIA Informatica CONTINUITÀ INFORMATICA ATTUAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Roma, 29 settembre 2015 Prot. N. 4404 ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IISS C. DARWIN ROMA IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il comma n.14 dell art. 1 della Legge 13 luglio

Dettagli

Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione.

Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. In vista dell avvio del Sistema Nazionale di Valutazione

Dettagli