Carta dei Servizi. Centro Regionale Trapianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei Servizi. Centro Regionale Trapianti"

Transcript

1 Carta dei Servizi 2015 Centro Regionale Trapianti

2 Carta dei Servizi 2015

3 Regione Siciliana Assessorato della Salute Centro Regionale Trapianti Sicilia Piazza Nicola Leotta, Palermo tel / fax / Redazione a cura di: Tiziana Lenzo Progetto Grafico: Piero Giammalva

4 Indice Diritti del cittadino 7 Organizzazione 9 Funzioni del CRT Sicilia 11 Coordinamenti locali 14 Il Coordinamento operativo 20 Assegnazione degli organi 21 I Centri di trapianto 22 Trapianto di Rene 23 Trapianto di Fegato 26 Trapianto di Cuore 28 Trapianto di Polmone 30 Trapianto di Pancreas 31 Banche dei Tessuti 33 Trapianto di Midollo Osseo 35 Domande e risposte 41 Carta dei Servizi

5 Diritti del cittadino La Carta dei servizi del Centro Regionale per i Trapianti (CRT) della Regione Sicilia è uno strumento a tutela del diritto degli utenti che richiedono prestazioni sanitarie in materia di trapianto di organi e tessuti. In essa sono descritti finalità, modi, criteri e Strutture attraverso cui il servizio viene erogato. Nel rispetto dei principi di: Eguaglianza Trasparenza Continuità Diritto di scelta Partecipazione il CRT della Regione Sicilia garantisce al cittadino i seguenti diritti: Rispetto assoluto della persona, della dignità umana e del diritto alla salute. Rispetto assoluto della volontà in merito alla donazione degli organi e dei tessuti. Rispetto assoluto del diritto alla privacy del donatore e del ricevente. Equità e trasparenza nell assegnazione degli organi e dei tessuti. Pari opportunità di accesso al trapianto. Informazione completa e continua. Massima attenzione per assicurare la qualità degli organi e dei tessuti trapiantati. Carta dei Servizi

6 Diritti del cittadino Tutela dei diritti Il CRT Sicilia garantisce che in tutte le fasi del processo di donazione, prelievo e trapianto siano rispettati pienamente i diritti del soggetto in morte encefalica, dei pazienti iscritti in lista di attesa per trapianto e dei rispettivi familiari. In particolare l impegno è volto a garantire: Una corretta informazione preliminare al processo di donazione, al fine di tutelare la volontà del potenziale donatore e la scelta consapevole da parte dei familiari aventi diritto. La riservatezza dei dati anagrafici e clinici del donatore e del ricevente. L imparzialità nella fase di allocazione degli organi ai Centri di trapianto nel rispetto delle Linee Guida nazionali e regionali e degli aspetti etici. La trasparenza dei dati di esito del processo di donazione su richiesta dei familiari, attraverso un flusso di informazioni chiare e riservate. 8

7 Organizzazione Il CRT della Regione Sicilia è stato istituito con Decreto dell Assessore Regionale alla Sanità nel Con il decreto n 2719 del 10 novembre 2010 l Assessorato ha definito il nuovo assetto organizzativo del CRT che è stato identificato quale organo tecnico dell Assessorato. Gli organi del CRT sono il Coordinatore Regionale e il Comitato Regionale per i Trapianti composto da un dirigente dell Assessorato Regionale della salute che lo presiede, dal Coordinatore Regionale, da due Coordinatori locali, da un esperto nel settore dei prelievi di organi e tessuti, dal Direttore del laboratorio di immunogenetica convenzionato con il CRT, da un Rappresentante dei Centri di trapianto autorizzati nella Regione, da un Rappresentante delle Banche di tessuti attive nella Regione, da un Rappresentante dei Centri di trapianto di cellule staminali emopoietiche, da un Rappresentante dell AIDO e da un Rappresentante delle Associazioni di pazienti trapiantati maggiormente rappresentative a livello regionale e/o nazionale. Il Comitato Regionale per i trapianti delibera gli indirizzi tecnico-operativi per lo svolgimento delle attività di prelievo e di trapianto di organi in Regione, approva la relazione annuale e il piano programmatico predisposto dal Coordinatore Regionale. Il CRT assicura il coordinamento operativo in tutte le fasi di prelievo, conservazione, assegnazione, trapianto di organi e tessuti 24 h/24 per 365 giorni l anno. L esecuzione delle procedure di accertamento della morte del donatore e di idoneità degli organi è assicurata su tutto il territorio regionale dai Coordinamenti locali per i trapianti presenti in ciascuna Azienda Sanitaria della Regione. Il CRT ha ottenuto la certificazione di qualità ISO 9001:2008. La qualità è intesa come elemento oggettivo di adeguamento a norme e comportamenti virtuosi nel rispetto delle linee di indirizzo fissate dalla comunità scientifica internazionale e mai come elemento di certificazione autoreferenziale. La certificazione ottenuta dal CRT attesta la qualità raggiunta nell erogazione di servizi Carta dei Servizi

8 Organizzazione di coordinamento operativo di prelievo e trapianto di organi, di immunogenetica, di prelievo, banking e trapianto di tessuti, progettazione ed erogazione di servizi di formazione, informazione, educazione e crescita culturale della popolazione e degli operatori in materia di donazione e di trapianto nel territorio di competenza. Il CRT Sicilia ha la sua sede presso l ARNAS Civico di Palermo, piazza Nicola Leotta 4. Gli uffici di direzione del CRT si trovano in via Costantino Nigra 59. Numero verde: (attivo dalle 10 alle 17; dopo le 17 è in funzione la segreteria telefonica) Numero di telefono Segreteria CRT: Fax: (dal lunedi al venerdi dalle ore 9 alle ore 16) - Coordinatore Regionale: Dr. Vito Sparacino Vice Coordinatore Regionale: Dr.ssa Vincenza Agnello 10

9 Funzioni del CRT Sicilia Il CRT, come previsto dall art. 10, comma 6, della legge 1 aprile 1999, n. 91 e dal D.A. 2719, assolve le seguenti funzioni: Coordina le attività di raccolta e di trasmissione dei dati relativi alle persone in attesa di trapianto nel rispetto dei criteri stabiliti dal Centro Nazionale Trapianti (CNT). Coordina le attività di prelievo e i rapporti tra i Reparti di Rianimazione presenti sul territorio e le Strutture per i trapianti, in collaborazione con i Coordinatori locali e la Direzione Sanitaria dell Azienda Ospedaliera interessata. Assicura il controllo sull esecuzione dei test immunologici necessari per il trapianto avvalendosi di uno o più laboratori di immunologia per i trapianti allo scopo di assicurare l idoneità del donatore. Procede all assegnazione degli organi in applicazione dei criteri stabiliti dal CNT, in base alle priorità risultanti dalle liste delle persone in attesa di trapianto di cui all articolo 8, comma 6, lettera a), della legge 1 aprile 1999, n. 91. Assicura il controllo sull esecuzione dei test di compatibilità immunologica nei programmi di trapianto nel territorio di competenza. Coordina il trasporto dei campioni biologici, delle équipe sanitarie e degli organi e dei tessuti nel territorio di competenza. Cura i rapporti di collaborazione con le autorità sanitarie del territorio di competenza e con le Associazioni di volontariato. Carta dei Servizi

10 Funzioni del CRT Sicilia Il CRT, in materia di prelievo e trapianto di organi e tessuti, svolge inoltre le ulteriori seguenti funzioni: Gestisce il Sistema informativo regionale dei trapianti, destinato a collegare il CRT con il Sistema informativo nazionale dei trapianti, con le Terapie Intensive e i Centri di trapianto. Gestisce il Registro Regionale dei decessi per lesioni cerebrali. Cura la raccolta dei dati statistici relativi alle attività di prelievo e di trapianto di organi e tessuti, nonché dei risultati di tali attività. Relaziona semestralmente e predispone la relazione annuale dell attività da trasmettere all Assessore per la Salute. Propone all Assessorato per la Salute l accreditamento delle Strutture autorizzate a effettuare i trapianti di organi e di tessuti e la revoca di quelle che non abbiano rispettato i livelli previsti dal Ministero della Salute. Promuove le iniziative di formazione permanente e aggiornamento del personale coinvolto nell attività di prelievo e trapianto di organi e tessuti. Espleta funzioni di consulenza e supporto tecnico scientifico nei confronti della Regione, delle Aziende Sanitarie e di tutti gli organismi impegnati in attività di trapianto di organi e tessuti. Coordina le Strutture Sanitarie aventi il compito di certificare, conservare e distribuire i tessuti prelevati. Propone l individuazione delle unità di immunologia dei trapianti delle Aziende Sanitarie che effettuano attività di tipizzazione tissutale. Promuove il raccordo con il CNT attraverso la raccolta, l elaborazione e la trasmissione dei dati relativi all attività di prelievo di organi e tessuti. Gestisce il funzionamento del Registro Siciliano di Nefrologia, Dialisi e Trapianto (RSNDT). Coordina l attività dei gruppi di studio in tema di donazione e trapianti. Assicura tutte le funzioni 365 giorni all anno. 12

11 Funzioni del CRT Sicilia Sono, inoltre, obiettivi del CRT: Promuovere l incremento della disponibilità di organi e tessuti destinati al trapianto. Garantire una corretta e appropriata distribuzione degli organi in base ai principi di equità, trasparenza e pari opportunità. Promuovere la formazione professionale e la corretta informazione dei cittadini. Promuovere la diffusione di protocolli e linee guida condivisi per l attività di prelievo e trapianto di organi e tessuti. Promuovere l istituzione di gruppi di studio. Promuovere la costituzione del Tavolo regionale delle Associazioni di volontariato e dei pazienti attive a livello regionale con il quale programma e promuove la realizzazione di campagne di informazione della popolazione e di formazione del personale. Coordinare l assistenza psicologica a pazienti sottoposti a trapianto o in attesa di sottoporsi a trapianto nonché alle famiglie dei donatori. Carta dei Servizi

12 Coordinamenti locali In ogni Azienda Sanitaria è nominato dal rispettivo Direttore generale, su proposta del Coordinatore regionale per i trapianti, un Coordinatore locale, scelto tra i medici che abbiano maturato esperienza nel campo dei prelievi e trapianti di organi e tessuti. Il Coordinatore locale dura in carica cinque anni e può essere revocato su proposta motivata del Coordinatore regionale. Il Coordinatore locale svolge i compiti previsti all art. 12 della legge n. 91 dell 1 aprile 1999: Assicura l immediata comunicazione dei dati relativi al donatore al CRT e al CNT, tramite il Sistema Informativo dei Trapianti (SIT), al fine dell assegnazione degli organi. Coordina gli atti amministrativi relativi agli interventi di prelievo. Cura i rapporti con le famiglie dei donatori. Organizza l attività di informazione, educazione e crescita culturale della popolazione in materia di trapianti nel territorio di competenza. Relaziona periodicamente sull attività svolta alla Direzione generale dell Azienda di appartenenza e al Coordinatore regionale. Compila il Registro locale dei cerebrolesi, il Registro locale dei prelievi effettuati, il Registro locale delle cause di mancata effettuazione dei prelievi. Assicura un costante monitoraggio dei potenziali donatori di organi. Avanza proposte e progetti per iniziative al Coordinatore regionale finalizzati al miglior perseguimento dei propri compiti. Svolge ogni ulteriore attività prevista dalle norme organizzative interne o delegata dal Coordinatore regionale. 14

13 Coordinamenti locali I Coordinatori locali nell espletamento dei loro compiti possono avvalersi di collaboratori scelti tra il personale sanitario e amministrativo, operano in posizione di staff rispetto alle Direzioni delle Strutture sanitarie e ospedaliere di appartenenza e dipendono funzionalmente dal Coordinatore regionale. Le Aziende Ospedaliere e le ASP sono tenute ad assicurare i mezzi, le risorse tecnico-sanitarie e di supporto per l espletamento dei compiti dei Coordinatori locali. Carta dei Servizi

14 Coordinamenti locali Indirizzi utili Coordinatori locali e Referenti nominati con D.A. 1596/12 ASP Coordinatore Locale Presidio Ospedaliero (P.O.) ASP AG ASP CL ASP CT ARNAS GARIBALDI CT Alfonso Palillo Lucio Antona Leonardo Gulisano Maria Ragonese P.O. S.Giovanni di Dio P.O. Civili Riuniti Sciacca P.O. S. Elia P.O. V.E. Gela P.O. Acireale ASL 4 P.O. Gravina P.O. Militello V.C. Garibaldi Centro Garibaldi Nesima AO CANNIZZARO CT Giansiracusa Carla A.O. Cannizzaro POLICLINICO CT Vincenzo Bonaccorso P.O. Policlinico CT P.O. V.E. Catania ASP EN Paolo Alaimo P.O. Umberto I EN ASP ME Giuseppe Bova P.O. Taormina P.O. Milazzo P.O. Patti Azienda POLICLINICO ME Francesco Puliatti A.O.U. Policlinico ME AO PAPARDO PIEMONTE ME Domenico Runci P.O. Papardo P.O. Piemonte 16

15 Coordinamenti locali Referente P.O. Telefono Fax Alfonso Palillo Alfonso Palillo Cataldo Naro Lucio Antona Leonardo Gulisano Giacomo Oscar D Amico Rocco Manuele Maria Ragonese Stefano Bordoni Carla Giansiracusa crtsicilia.it Fortunato Stimoli Vincenzo Bonaccorso Paolo Alaimo Giuseppe Bova Rossana Panasiti Filippo Pantano Francesco Puliatti / /12 Olivia Penna / /12 Domenico Runci Maria Spavara / Carta dei Servizi

16 Coordinamenti locali Indirizzi utili Coordinatori locali e Referenti nominati con D.A. 1596/12 ASP Coordinatore Locale Presidio Ospedaliero (P.O.) ASP PA ARNAS CIVICO PA AO VILLA SOFIA CERVELLO PA Michele Riili Bruna Piazza Paolino Savatteri P.O. G.F. Ingrassia P.O.Termini Imerese P.O. Partinico P.O. Civico P.O. Di Cristina P.O. Villa Sofia P.O. Cervello POLICLINICO PA Antonio Federico A.O.U. Policlinico PA A.O. FATEBENEFRATELLI Amedeo Pignataro OSP. Buccheri La Ferla ASP RAGUSA Santo Milardi P.O. Modica P.O. Civile OMPA ASP SIRACUSA Franco Gioia Passione P.O. Umberto I SR ASP TRAPANI Concetta Provenzano P.O. S. Antonio Abate ISMETT Gaetano Burgio Ismett SUESS 118 Coordinatore Centrali Operative (C.O.) SUESS 118 Rosalia Arnone C.O. PA AG TP SUESS 118 Elio Barnabà C.O. CL SUESS 118 Giuseppa Bruno C.O. ME SUESS 118 Isabella Bartoli C.O. CT 18

17 Coordinamenti locali Referente P.O. Telefono Fax Michele Riili Filippo Cavalli / Rossella Guggino Mario Milia Bruna Piazza Anna Guddo Paolino Savatteri Massimo Donzelli Antonino Federico Amedeo Pignataro Santo Milardi Luigi Rabito Franco Gioia Passione Concetta Provenzano Gaetano Burgio Referente Telefono Fax Rosalia Arnone Elio Barnabà Giuseppa Bruno Isabella Bartoli Carta dei Servizi

18 Il Coordinamento operativo Il Coordinamento operativo gestisce h 24 l intero processo di prelievo e trapianto di organi che va dalla segnalazione del paziente in morte cerebrale fatta dalle U.O. di Rianimazione fino alla consegna dell organo donato. Schematicamente i punti essenziali dell attività del Coordinamento operativo sono: Coordinamento delle attività di donazione, prelievo e trapianto di organi e tessuti e della relativa raccolta dati. Assegnazione degli organi donati, in base alle priorità risultanti secondo i criteri prestabiliti dagli algoritmi regionali condivisi dai Centri di trapianto. Coordinamento delle attività di raccolta e trasmissione dei dati relativi alle persone in attesa di trapianto, nel rispetto dei criteri stabiliti dal CNT. 20

19 Assegnazione degli organi L assegnazione degli organi disponibili per il trapianto deve avvenire, come prescritto dalla legge secondo modalità tali da assicurare il rispetto dei criteri di trasparenza e di pari opportunità tra i cittadini, prevedendo criteri di accesso alle liste di attesa determinati da parametri clinici ed immunologici. In linea generale l assegnazione degli organi avviene su base regionale, cioè, gli organi prelevati in una Regione vengono assegnati in via prioritaria ai pazienti in lista di attesa presso i Centri di trapianto della stessa Regione. Vi sono però situazioni in cui questa regola non è applicata. Sono 3 le situazioni che possono verificarsi nella pratica: Assegnazione di organi in condizioni standard Gli organi prelevati sono assegnati ai pazienti in lista d attesa nella Regione in cui sono stati prelevati. In caso di non utilizzo gli organi sono offerti alle altre Regioni. Assegnazione di organi in condizioni di anticipo L allocazione degli organi in condizioni di anticipo si basa su accordi di gentlemen agreement tra i Centri di trapianto nazionali. In caso di richiesta di anticipo, per un paziente in condizioni gravi ma non in imminente pericolo di vita (v. urgenza), una Regione può cedere un organo prelevato a un Centro appartenente ad altra Regione. L organo dovrà poi essere restituito. Assegnazione di organi per programmi speciali attivi a livello nazionale I pazienti in attesa di trapianto di cuore o di fegato che si trovano in condizioni cliniche tali da configurare un immediato pericolo di vita, secondo criteri che sono definiti dal CNT, i pazienti iperimmunizzati in attesa di trapianto da più di dieci anni e i pazienti in età pediatrica accedono ai programmi nazionali e ricevono pertanto il primo organo disponibile su tutto il territorio nazionale (urgenza). Carta dei Servizi

20 I Centri di trapianto In Sicilia gli Ospedali autorizzati al trapianto di organi solidi sono: Catania AOU Policlinico Vittorio Emanuele - Ferrarotto - S. Bambino Rene (da donatore vivente e da donatore cadavere) Pancreas Cuore Palermo ARNAS Ospedale Civico - Di Cristina - Benfratelli Rene (da donatore vivente e da donatore cadavere) in atto gestisce anche il programma di trapianto renale dell AOU Policlinico di Palermo. ISMETT Rene (da donatore vivente e da donatore cadavere) Cuore Fegato Polmone Pancreas 22

21 Trapianto di Rene Iscrizione in lista d attesa Possono essere iscritti in lista d attesa per il trapianto di rene i pazienti assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) proposti dal nefrologo curante di un Centro Dialisi e giudicati idonei da un Centro di trapianto della Regione Sicilia, senza limiti di età. Il paziente in dialisi candidato al trapianto deve essere sottoposto a valutazione d idoneità dal Centro di trapianto prescelto. L iter di valutazione dovrà essere completato dal Centro di trapianto entro 90 giorni dalla richiesta di visita d idoneità. Se la valutazione ha esito positivo, il Centro di trapianto invierà al CRT la scheda di iscrizione in lista. Ogni paziente potrà iscriversi presso un solo Centro di trapianto della Regione e nel momento in cui volesse cambiare Centro di afferenza potrà chiederlo inviando una lettera raccomandata al CRT e ad entrambi i Centri di trapianto interessati, indicando espressamente qual è il Centro scelto e quello a cui intende rinunciare. Ogni Centro di trapianto può iscrivere sia pazienti residenti nella Regione Sicilia sia pazienti residenti in altre Regioni italiane. Iscrizione in lista d attesa per trapianto di rene-pancreas Le modalità di iscrizione sono analoghe a quelle per trapianto di rene. Assegnazione dei reni L assegnazione dei reni viene effettuata dal CRT. La metodologia che consente di stabilire la priorità dei pazienti in lista di attesa si avvale di un sistema informatizzato grazie al quale è possibile stilare una lista di priorità che prende in considerazione tutti i potenziali riceventi di gruppo sanguigno uguale a quello del donatore, la compatibilità immunologica con il donatore, l anzianità d iscrizione in lista, l anzianità di dialisi, lo scarto di età tra donatore e ricevente e il grado di immunizzazione del ricevente tramite il controllo dei sieri che sono periodicamente inviati al CRT dai pazienti iscritti in lista di attesa. Carta dei Servizi

22 Trapianto di Rene Trapianto di rene pediatrico Dal maggio 1997 è attivo il Programma Nazionale Pediatrico: tutti i pazienti di età inferiore ai 18 anni vengono iscritti in un unica lista d attesa nazionale. Le modalità per l iscrizione sono le stesse già illustrate per la lista d attesa di trapianto dell adulto. Ogni qualvolta vi sia la segnalazione di un donatore pediatrico (età inferiore ai 15 anni) in Italia, l assegnazione dei reni avviene sulla lista nazionale. Trapianto di rene da vivente L attività di trapianto da donatore vivente in Italia è regolata dalla legge 26 giugno 1967 n La donazione è libera e gratuita ed è consentita tra soggetti consanguinei. Solo nel caso in cui il candidato ricevente non abbia familiari consanguinei disponibili o idonei al trapianto, è ammessa la donazione da soggetti non consanguinei. Indirizzi Utili Catania AOU Policlinico V. Emanuele - Ferrarotto - S. Bambino Responsabile Prof. Pierfrancesco Veroux Centro Trapianti Policlinico Universitario Via S. Sofia, Catania Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 /

23 Trapianto di Rene Palermo ARNAS Ospedale Civico - Di Cristina - Benfratelli Responsabile Dr.ssa Flavia Caputo U.O.C. di Nefrologia 2ª con Trapianto di Rene Piazza Nicola Leotta, Palermo Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 / ISMETT Responsabile Medico Prof. Tullio Bertani Responsabile Chirurgo Dr. Marco Spada Dipartimento Chirurgia Addominale e dei Trapianti Via Tricomi, Palermo Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 / Carta dei Servizi

24 Trapianto di Fegato Iscrizione in lista d attesa Possono essere iscritti in lista d attesa per il trapianto di fegato i pazienti assistiti dal SSN giudicati idonei dall unico Centro autorizzato in Sicilia, ISMETT. Possono essere iscritti pazienti residenti nella Regione Sicilia e pazienti residenti in altre Regioni italiane. L iter di valutazione dovrà essere completato entro 90 giorni dalla richiesta di visita di idoneità. Se la valutazione ha esito positivo, ISMETT invierà al CRT la scheda di iscrizione in lista. Assegnazione degli organi I fegati disponibili, reperiti in Sicilia o offerti dal circuito interregionale e nazionale, sono assegnati ai riceventi iscritti in lista in base a: Compatibilità del gruppo sanguigno e dei parametri antropometrici (peso, altezza, ecc.). Gravità e compatibilità clinica (per definire la gravità dei pazienti si adotta il criterio MELD e la classificazione UNOS). Tempo di permanenza in lista di attesa. I candidati allo stadio UNOS 1 sono classificati come urgenze perché sono affetti da insufficienza epatica con un aspettativa di vita, senza trapianto di fegato, pari o inferiore a 7 giorni. Per questi pazienti viene utilizzato il primo organo disponibile a livello nazionale. Dal gennaio 2004 presso Ismett è attivo il programma di trapianto di fegato pediatrico. 26

25 Trapianto di Fegato Indirizzi utili ISMETT Responsabile Medico Dr. GiovanBattista Vizzini Responsabile Chirurgo Dr. Marco Spada Dipartimento di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Via Tricomi, Palermo Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 / Carta dei Servizi

26 Trapianto di Cuore Iscrizione in lista d attesa Possono essere iscritti in lista d attesa per il trapianto di cuore i pazienti assistiti dal SSN giudicati idonei da un Centro di trapianto della Regione Sicilia, senza limitazioni di età. Ogni Centro di trapianto può iscrivere pazienti residenti nella Regione Sicilia e pazienti residenti in altre Regioni italiane. Il paziente candidato al trapianto deve essere sottoposto a valutazione di idoneità dal Centro di trapianto prescelto. L iter di valutazione dovrà essere completato dal Centro di trapianto entro 90 giorni dalla richiesta di visita di idoneità. Se la valutazione ha esito positivo, i pazienti vengono iscritti in lista d attesa nel momento in cui perviene al CRT la scheda d iscrizione compilata dal Centro di trapianto. Assegnazione degli organi L assegnazione dei cuori nella Regione Sicilia si basa sulla compatibilità del gruppo sanguigno, dei dati antropometrici tra donatore e ricevente e sul criterio di gravità clinica (status) del paziente in lista d attesa. A turno ciascuno dei due Centri siciliani autorizzati ha un opzione prioritaria sui cuori disponibili. 28

27 Trapianto di Cuore Indirizzi utili Catania AOU Policlinico V. Emanuele - Ferrarotto - S. Bambino Responsabile Dr. Carmelo Mignosa Cardiochirurgia (P.O. Ferrarotto) Via Plebiscito, Catania Telefono Fax Palermo ISMETT Responsabile Medico Dr. Francesco Clemenza Responsabile Chirurgo Dr. Michele Pilato Dipartimento di Chirurgia e Trapianto di Cuore Via Tricomi, Palermo Telefono Fax Orario per informazioni 7.30 / Carta dei Servizi

28 Trapianto di Polmone In Sicilia il Centro autorizzato a eseguire trapianti di polmone, negli adulti e nei bambini, è ISMETT. Il trapianto di polmone è indicato in pazienti con malattie polmonari terminali, progressivamente disabilitanti, con aspettativa di vita compresa tra 12 e 18 mesi. L iscrizione in lista d attesa I pazienti sono iscritti in lista d attesa nel momento in cui perviene al CRT la scheda d iscrizione compilata da ISMETT. Assegnazione dei polmoni I polmoni sono assegnati in base alla compatibilità del gruppo sanguigno, dei dati antropometrici tra donatore e ricevente e al criterio di gravità clinica (status) del paziente in lista d attesa. Indirizzi Utili ISMETT Responsabile Medico Dr. Patrizio Vitulo Responsabile Chirurgo Dr. Alessandro Bertani Dipartimento di Chirurgia Generale Trapianti Addominali Via Tricomi, Palermo Telefono Fax

29 Trapianto di Pancreas Il trapianto di pancreas e di cellule beta (isole pancreatiche) è indicato nei pazienti affetti da diabete mellito di tipo I. Esistono varie combinazioni per il trapianto di pancreas: In combinazione con il trapianto di rene (trapianto rene-pancreas simultaneo) nei pazienti affetti da nefropatia diabetica (insufficienza renale cronica causata dal diabete). Nel caso di trapianto simultaneo rene-pancreas, esiste un ulteriore possibilità: il donatore di rene può essere infatti, non lo stesso donatore cadavere che dona il pancreas, ma un donatore vivente (consanguineo o il coniuge). Isolatamente, prima che la nefropatia diabetica sopraggiunga (trapianto di pancreas isolato). Dopo un trapianto di rene (trapianto di pancreas dopo trapianto di rene) nei pazienti diabetici di tipo I. I pazienti con diabete tipo I possono richiedere una consulenza clinica ed eseguire gli esami di valutazione per l eventuale iscrizione in lista di attesa presso ISMETT. Carta dei Servizi

30 Trapianto di Pancreas Indirizzi Utili Palermo ISMETT Responsabile Medico Dr.ssa Anna Casu Responsabile Chirurgo Dr. Marco Spada Dipartimento di Chirurgia Generale Trapianti Addominali Via Tricomi, Palermo Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 / Catania AOU Policlinico V. Emanuele - Ferrarotto - S. Bambino Responsabile Prof. Pierfrancesco Veroux Dipartimento di Chirurgia Vascolare e Trapianto d Organo Via S. Sofia, Catania Telefono Fax Orario per informazioni 8.00 /

31 Banche dei Tessuti Banca sangue cordonale Il sangue cordonale contiene preziose cellule staminali necessarie per curare gravissime patologie del sangue. Tutte le donne al momento del parto possono donare le cellule del cordone ombelicale la cui conservazione, previa idoneità da accertare in base a precisi criteri, può avvenire in una delle 18 Banche di sangue cordonale attive sul territorio nazionale e autorizzate dal Ministero della Salute. La normativa principale di riferimento in tal senso è il Decreto Ministeriale del 18 novembre 2009 istituzione di una Rete nazionale di Banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale. In Sicilia la Banca del sangue cordonale ha sede presso l Ospedale di Sciacca che fa capo all ASP di Agrigento. La Banca fornisce alle Strutture sanitarie che ne fanno richiesta i kit necessari per la raccolta del sangue cordonale e provvede al prelievo e al trasporto delle sacche. Il sangue cordonale donato viene trasportato alla Banca di Sciacca e sottoposto alle analisi previste dalla normativa. Se il sangue raccolto possiede il numero di cellule idonee al trapianto (almeno 800 milioni) si procede alla tipizzazione e all inserimento dei parametri in una Banca dati, l IBMDR (Italian Bone Marrow Donor Registry). Le unità di sangue cordonale una volta congelate possono essere conservate almeno per venti anni, ma è importante che la fase del congelamento avvenga entro le 48 ore successive al prelievo. Indirizzi Utili ASP di Agrigento Ospedale Giovanni Paolo II Sciacca U.O.C. Medicina Trasfusionale - Banca del sangue cordonale Responsabile Dr. Filippo Buscemi Via Pompei Contrada Seniazza Telefono (cell Responsabile) Carta dei Servizi

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise Perché donare i propri organi e tessuti? Decidere di donare i propri organi e tessuti dopo la morte è un gesto di grande generosità. Così facendo

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

DA OGGI, ESPRIMERTI SULLA DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI È ANCORA PIÙ FACILE.

DA OGGI, ESPRIMERTI SULLA DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI È ANCORA PIÙ FACILE. Comune di Sestu Centro Nazionale Trapianti DA OGGI, ESPRIMERTI SULLA DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI È ANCORA PIÙ FACILE. Quando ritiri o rinnovi la carta d identità richiedi all ufficiale d anagrafe il

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Comune di Monte Compatri SCELTA IN COMUNE. Esprimi la tua Volontà sulla Donazione di Organi e Tessuti. DEPLIANT-SCELTA-IN-COMUNE-ITALIANO.

Comune di Monte Compatri SCELTA IN COMUNE. Esprimi la tua Volontà sulla Donazione di Organi e Tessuti. DEPLIANT-SCELTA-IN-COMUNE-ITALIANO. Comune di Monte Compatri UNA SCELTA IN COMUNE Esprimi la tua Volontà sulla Donazione di Organi e Tessuti DEPLIANT-SCELTA-IN-COMUNE-ITALIANO.indd 1 27/04/15 15:47 INFORMATI, DECIDI E FIRMA. DA OGGI, ESPRIMERTI

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti Centro Regionale Trapianti Sistema Regionale Trapianti FVG Centro Regionale Trapianti Centro Trapianti Cuore Centro Trapianti Fegato PN UD Centro Trapianti Rene GO AOU Udine Centri Prelievo Org AOR Trieste

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita

Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita Donazione di organi, tessuti, cellule. Una donazione moltiplica la vita La donazione Aiutare e incoraggiare chi potrebbe scegliere di donare è un dovere morale da sempre condiviso da chi lavora a Niguarda,

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005 45/19 DEL 27.9.2005 Oggetto: Riorganizzazione delle funzioni regionali in materia di donazioni, prelievi e trapianti di organi, tessuti e cellule. L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU24S1 12/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 12 maggio 2014, n. 31-7591 L. 91/99 "Disposizioni in materia di trapianti di organi e tessuti". Sostegno alle attivita' del Centro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli Il trapianto di rene da donatore vivente la scelta che può cambiare una vita Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli sconvolge la vita: insufficienza renale cronica. Le cure, le restrizioni alimentari,

Dettagli

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula;

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula; REGIONE PIEMONTE BU40 06/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 19 settembre 2011, n. 11-2605 Convenzione tra la Regione Autonoma Valle d'aosta e la Regione Piemonte per le attivita' del Centro Regionale

Dettagli

Opuscolo Informativo. Donazione di & Regalati una chance diventa donatore

Opuscolo Informativo. Donazione di & Regalati una chance diventa donatore Opuscolo Informativo Donazione di ORGANI & TESSUTI Regalati una chance diventa donatore QUELLO CHE IL BRUCO CHIAMA FINE DEL MONDO IL RESTO DEL MONDO CHIAMA FARFALLA PERCHÉ SI DONA? Per un semplice gesto

Dettagli

DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI: STATO DELL ARTE E SCENARI FUTURI. Dott. Paolo Stefanini. Azienda Ospedaliero-Universitaria Di Parma

DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI: STATO DELL ARTE E SCENARI FUTURI. Dott. Paolo Stefanini. Azienda Ospedaliero-Universitaria Di Parma DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI: STATO DELL ARTE E SCENARI FUTURI Dott. Paolo Stefanini Azienda Ospedaliero-Universitaria Di Parma 1 Santi Cosma e Damiano 2 3 LA TERAPIA ATTRAVERSO IL TRAPIANTO HA ORMAI

Dettagli

FORUM ETICO ANNO 2004

FORUM ETICO ANNO 2004 GRUPPO MINISTERIALE CENTRO CRISTIANO IL BUON SAMARITANO FORUM ETICO ANNO 2004 La Donazione degli Organi 1. Trapianto, donazione e organi: nozioni 2. Prelievo ed Impianto degli organi 3. L accertamento

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni

Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni PAGINA 1 DI 9 Note informative al paziente in attesa di Trapianto di cuore e cuore-polmoni Trapianto di polmoni PAGINA 2 DI 9 Indice Informazioni generali 3 Pag. Trapianto di cuore e cuore-polmoni 4 Premessa

Dettagli

LA VITA È UN DONO. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Decidi adesso di donare organi e tessuti.

LA VITA È UN DONO. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Decidi adesso di donare organi e tessuti. Campagna di sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti LA VITA È UN DONO. Decidi adesso di donare organi e tessuti. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari Abruzzesi, vi presentiamo

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

su donazione e trapianto Dove e come dare il consenso alla donazione Centri trapianto di organi Numeri utili

su donazione e trapianto Dove e come dare il consenso alla donazione Centri trapianto di organi Numeri utili LEGGOFACILE su donazione e trapianto Dove e come dare il consenso alla donazione Centri trapianto di organi Numeri utili DONAZIONE di cellule staminali emopoietiche DONAZIONE di organi e tessuti PERCHÉ

Dettagli

...ecco cosa occorre sapere

...ecco cosa occorre sapere ...ecco cosa occorre sapere Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianti, affinché continui a crescere nella nostra regione la cultura della solidarietà.

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006

Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006 Bollettino Ufficiale n. 10 del 9 / 03 / 2006 Deliberazione della Giunta Regionale 13 febbraio 2006, n. 29-2174 Definizione procedure nuove autorizzazioni e rinnovi dei centri trapianto di organi e tessuti

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

La campagna scegli oggi

La campagna scegli oggi 1 La campagna scegli oggi Nasce dalla collaborazione tra Enti ed AIDO che il 25 maggio 2011 hanno sottoscritto un protocollo d'intesa. Promotori ed attori della campagna sono: L ASL della Provincia di

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica Varese, 21 aprile 2008 Dott. C. Garberi Codice di Deontologia Medica (16 dicembre 2006) CAPO VI Trapianti di organi, tessuti e cellule

Dettagli

L Ospedale chiama il CRT: Coordinamento Operativo

L Ospedale chiama il CRT: Coordinamento Operativo L Ospedale chiama il CRT: Coordinamento Operativo Dr Angelita Butera, Coordinamento Operativo CRT Sicilia Funzioni del Coordinamento operativo Il Centro Regionale per i Trapianti (CRT) svolge le seguenti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE TOSCANA TRAPIANTI Assetto organizzativo

ORGANIZZAZIONE TOSCANA TRAPIANTI Assetto organizzativo Allegato A ORGANIZZAZIONE TOSCANA TRAPIANTI Assetto organizzativo 1. Premessa 2. La Organizzazione Toscana Trapianti 2.1 Il Centro Regionale Trapianti 2.1.1 La struttura e le competenze del Centro Regionale

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

A relazione dell'assessore Quaglia:

A relazione dell'assessore Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU48S1 01/12/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 28 novembre 2011, n. 66-2973 Recepimento Accordo Stato Regioni del 29.4.2010: definizione, requisiti e funzioni del Registro Regionale,

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Medicina della Donazione Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative

Dettagli

...ecco cosa occorre sapere

...ecco cosa occorre sapere ...ecco cosa occorre sapere UNA SCELT TA CONSAPEVOLE Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianti, affinchè continui a crescere nella nostra regione

Dettagli

Opuscolo Informativo. Donazione di & Regalati una chance diventa donatore

Opuscolo Informativo. Donazione di & Regalati una chance diventa donatore Opuscolo Informativo Donazione di ORGANI & TESSUTI Regalati una chance diventa donatore QUELLO CHE IL BRUCO CHIAMA FINE DEL MONDO IL RESTO DEL MONDO CHIAMA FARFALLA PERCHÉ SI DONA? Per un semplice gesto

Dettagli

donazione, prelievo e trapianto Di organi e tessuti Paolo Geraci

donazione, prelievo e trapianto Di organi e tessuti Paolo Geraci donazione, prelievo e trapianto Di organi e tessuti Paolo Geraci Medicina & Giurisprudenza i trapianti definizioni tipi di trapianti Il donatore La morte definizioni fisiopatologia diagnosi e accertamento

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

SEMESTRE APRILE-SETTEMBRE 2014

SEMESTRE APRILE-SETTEMBRE 2014 SEMESTRE APRILE-SETTEMBRE 2014 CONVENZIONI SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE Verbale del 13/06/2013 del Consiglio della Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalù AA.AA. 2013/16 6.05.2014 Scuola di

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

...ecco cosa occorre sapere

...ecco cosa occorre sapere ...ecco cosa occorre sapere Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianti, affinchè continui a crescere nella nostra regione la cultura della solidarietà.

Dettagli

DEL CORDONE OMBELICALE

DEL CORDONE OMBELICALE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Il Sistema organizzativo donazione e Trapianti in Italia

Il Sistema organizzativo donazione e Trapianti in Italia Pescara 13 Settembre 2010 Il Sistema organizzativo donazione e Trapianti in Italia Luca Caniglia Centro Regionale per i Trapianti Regione Abruzzo - Regione Molise Trapianto Cittadini Identificazione del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Il costo totale delle operazioni addebitate al conto «Fondo per l ammortamento dei titoli di Stato» il giorno 5 dicembre 2012 Þ ssato per il regolamento, ammonta a euro 189.276.475,00. L importo complessivo

Dettagli

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l importanza

Dettagli

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY REGISTRO ITALIANO DONATORI MIDOLLO OSSEO fondato nel 1989 PRESSO Ospedali Galliera di Genova 1 FINALITA procurare ai pazienti ematologici in attesa di trapianto,

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM NBS[P PHHFUUP "55*7";*0/& %&--" 3&5& 3&(*0/"-& 1&3 -" 13&4" */ $"3*$0 %&--& (3"7* */46''*$*&/;& %03("/0&53"1*"/5* %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF BTTFOUF

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Nel 1989 è stato avviato un programma

Nel 1989 è stato avviato un programma scenari di Carlo Berutti Bergotto, Direttore S.C. Servizi Informatici e Telecomunicazioni (siet) Lino Squillace, Assistente Tecnico S.C. Servizi Informatici e Telecomunicazioni (siet) La dematerializzazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

processo di prelievo di Organi e Tessuti e nell esecuzione di ogni test di idoneità necessario a garanzia della tutela del ricevente.

processo di prelievo di Organi e Tessuti e nell esecuzione di ogni test di idoneità necessario a garanzia della tutela del ricevente. COORDINAMENTO OSPEDALIERO TRAPIANTI Presso l Azienda ULSS 20 è attivo il Coordinamento Ospedaliero Trapianti (COT) che si occupa di donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto, secondo quanto previsto

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015

ANNO ACCADEMICO 2014-2015 ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Sistema di coordinamento Donazione e Trapianto (L.91/99) Centro Nazionale Trapianti (CNT) Centri Interregionali Centri Regionali Trapianti Coordinamenti Locali Interfaccia Operativa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

La donazione in Italia

La donazione in Italia A.O.Santobono-Pausilipon Osservazione di morte cerebrale e donazione d organi La donazione in Italia A.O.Monaldi 15-22 novembre 2005 Dott.Raffaele Testa Il bisogno di trapianti Tra queste persone ce ne

Dettagli

Implementazione delle linee guida per il trattamento del dolore cronico e Audit di monitoraggio.

Implementazione delle linee guida per il trattamento del dolore cronico e Audit di monitoraggio. Implementazione delle linee guida per il trattamento del dolore cronico e Audit di monitoraggio. Progetto Obiettivo di Piano Sanitario Nazionale anno 2013 Legge 38/2012 Disposizioni per garantire l'accesso

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

IO HO DETTO SI E TU?

IO HO DETTO SI E TU? IO HO DETTO SI E TU? Questa pubblicazione ha l'obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule, affinché nella nostra regione sia maggiormente diffusa

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-11-2011 (punto N 39 ) Delibera N 1004 del 21-11-2011 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE...ecco cosa occorre sapere UNA SCELTA CONSAPEVOLE

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE...ecco cosa occorre sapere UNA SCELTA CONSAPEVOLE DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE...ecco cosa occorre sapere Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianti, affinchè continui a crescere

Dettagli

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale Unità emittente CRT Unità destinataria RNCTR RXCTR RCDP LTT CA CL ND X X X X X X X Emesso RGQ il 29/10/2012 Revisione 0 Approvato DUO CRT Pag. 1/8 INDICE 0. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo PROFILO CATEGORIA DESCRIZIONE Elementi oggettivi relativi alla Struttura operativa Organizzazione L'Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa (ASP-RG) è sede

Dettagli

Vista la legge 1 aprile 1999, n. 91, recante: «Disposizioni in materia di prelievi e trapianti di organi e tessuti»;

Vista la legge 1 aprile 1999, n. 91, recante: «Disposizioni in materia di prelievi e trapianti di organi e tessuti»; DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

[Convegno] Grandangolo 2015 nel Trapianto di Organi Solidi VI EDIZIONE. Bologna, 26-27 novembre 2015

[Convegno] Grandangolo 2015 nel Trapianto di Organi Solidi VI EDIZIONE. Bologna, 26-27 novembre 2015 [Convegno] Grandangolo 2015 nel Trapianto di Organi Solidi VI EDIZIONE, 26-27 novembre 2015 1 di 7 [ Programma ] Giovedì, 26 novembre 14.00 Apertura dei lavori Sergio Stefoni 14.05 Saluto del Presidente

Dettagli

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE Evento formativo residenziale LE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE, QUALI POSSIBILITA : PRESENTE E FUTURO LA GESTIONE DEL DONATORE DALL ISCRIZIONE ALLA DONAZIONE Patrizia Rosetta 1 Molte malattie ematologiche,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

Bur n. 11 del 08/02/2011

Bur n. 11 del 08/02/2011 Bur n. 11 del 08/02/2011 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 12 del 11 gennaio 2011 lr 22/02 definizione dei requisiti di autorizzazione all'esercizio e di accreditamento istituzionale

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1152 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore TERRACINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 31 LUGLIO 1996 Istituzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli