ANNO SCOLASTICO 2013/14. PROGETTO La donazione al servizio della comunità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2013/14. PROGETTO La donazione al servizio della comunità"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO GIULIO TIFONI PONTREMOLI Via Roma, 58 tel. 0187/ fax n. 0187/ cod. fiscale cod. scuola MSIC (Istituito con Decreto Provveditoriale del ) Sito web: ANNO SCOLASTICO 2013/14 PROGETTO La donazione al servizio della comunità La scuola è investita da una domanda che comprende, insieme, l apprendimento e il saper stare al mondo e da tempo è chiamata a occuparsi anche di altre delicate dimensioni dell educazione (da: Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione Cultura, Scuola, Persona ) Il Progetto La donazione al servizio della comunità, giunto quest anno alla sua XV^ edizione, si inserisce nella direzione indicata in premessa con l intento di sostenere e potenziare, presso le giovani generazioni la cultura della donazione in modo da poter garantire, anche per il futuro, un volontariato del dono che potenzi il tasso attuale di donazioni, di sangue e di plasma in primo luogo, ma anche di midollo osseo, di sangue cordonale, di organi, tessuti e cellule. Scopo del Progetto è quello di tenere alti l interesse e la disponibilità alla donazione, intesa nella sua accezione più ampia, donazione che, come recita l art. 2 della legge n. 219/2005, deve essere sempre anonima, volontaria, gratuita e responsabile, attraverso il diretto coinvolgimento delle Istituzioni Scolastiche, che rappresentano il veicolo privilegiato per la formazione delle coscienze e l educazione alla solidarietà attiva, dimensioni essenziali della persona considerata nella sua integralità. Il Progetto, che rappresenta un esempio consolidato e concreto di lavoro in rete fra Scuole del 1 e del 2 ciclo, Associazioni di volontariato del settore ed A. S. L., è stato attivato a seguito della sottoscrizione, in data 15 novembre 2013, del consueto Accordo di rete. Le classi coinvolte nell iniziativa svolgeranno attività a carattere disciplinare e interdisciplinare, utilizzando parte della quota locale del curricolo, come previsto dall art. 8, comma 2, del DPR 275/99, avente per oggetto Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche. Il Progetto vede coinvolte, nel corrente anno, 14 Istituzioni Scolastiche, di cui 10 del 1 ciclo (una Direzione Didattica, 9 Istituti Comprensivi) e 4 del 2 ciclo, e 16 Associazioni di Volontariato. Riportiamo, in ultima di copertina, i dati riferiti alle precedenti edizioni, dai quali si evince chiaramente lo sviluppo continuo e positivo che, di anno in anno, il Progetto ha conosciuto, attraverso il coinvolgimento di un numero sempre crescente di insegnanti, di alunni e, per loro tramite, di famiglie, coinvolte quest ultime, in forma indiretta, attraverso l opera di sensibilizzazione, senz altro utile ed efficace, dei figli. Anche nel corrente anno scolastico sono previsti incontri specifici con le famiglie degli alunni, organizzati dalle Scuole interessate a questa nuova proposta formativa. Gli incontri, che si svolgeranno nei mesi di marzo/aprile 2014, con la partecipazione, oltre che dei docenti coinvolti nel Progetto, dei Rappresentanti delle Associazioni di volontariato, saranno gestiti e guidati direttamente dagli alunni che riferiranno in merito all esperienza effettuata facendosi interpreti, in prima persona, della diffusione della cultura della donazione. La presente dispensa, contenente fra le altre cose le Azioni operative del Progetto e la traccia dei contenuti di insegnamento/apprendimento che le varie scuole andranno a proporre agli alunni in sede di attuazione del Progetto, integra gli altri materiali di lavoro che sono stati consegnati agli insegnanti referenti in sede di riunione preliminare e precisamente:

2 a) Dispensa sulla normativa riferita alla Donazione del sangue (Legge n. 219 del 21 ottobre 2005 concernente Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati ) e alla donazione di organi e tessuti (Legge n. 91 del 1 aprile 1999 concernente Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e tessuti ); b) CD contenente materiale di documentazione e di approfondimento delle tematiche riferite al Progetto (il sangue e i suoi componenti, il midollo osseo, gli organi che possono essere trapiantati, la donazione del sangue cordonale, le Associazioni di volontariato del settore). Al Progetto aderiscono anche la Ven. le Misericordia di Villafranca L., già presente nella passata edizione, e da quest anno le Misericordie di Pontremoli e di Mulazzo la cui partecipazione qualifica ulteriormente l iniziativa, tenuto conto dei tanti servizi di volontariato che i tre Sodalizi garantiscono, con puntuale impegno, a servizio della collettività. L Azienda Sanitaria locale che per la prima volta è inserita a pieno titolo nel progetto vede la partecipazione del Coordinamento per l attività di donazione e trapianto che fa capo al dott. Claudio Rasetto e dello Staff di Direzione, rappresentato dalla dott.ssa Chiara Dell amico, Project manager dell Azienda. SCUOLE E CLASSI COINVOLTE 1) I.C. Tifoni Pontremoli - Referente: M a Maria Rosaria Azzarello Scuola Primaria: n. 4 classi quinte, Scuola Media: n. 1 classe seconda. 2) I.C. Ferrari Pontremoli Referente: Prof. ssa Daniela Loreni Scuola Media: n. 2 classi seconde. 3) I.C. Baracchini Villafranca L. - Referente: Prof..ssa Paola Cocchi Scuola Primaria: n. 2 classi quinte, Scuola Media: n. 3 classi seconde. 4) I.C. Buonarroti Referente Prof. ssa Clarita Bertoncini Scuola Primaria: n. 3 classi quinte, Scuola Media: n. 4 classi seconde. 5) I.C. Moratti Fivizzano - Referente: Prof. ssa Carla Bertoli Scuola Primaria: n. 3 classe quinte, Scuola Media: n.1 classi seconda. 6) I.C. Alfieri-Bertagnini - Referente: Prof..ssa Giovanna Bertolini Scuola Primaria: n. 3 classi quinte, Scuola Media: n.5 classi seconde. 7) D.D. Aulla - Referente: M a Patrizia Bongi Scuola Primaria: n. 2 classi quinte 8) I.C. Giorgini Montignoso - Referente: Prof. ssa Gabriella Bonuccelli Scuola Primaria: n.4 classi quinte, Scuola Media: n.3 classi seconde. 9) I.C. Menconi Avenza- Carrara Referente:M a Tosi Daniela Scuola Primaria: n. 2 classi quarte, n.4 classi quinte. 10) I.I.S. Belmesseri Pontremoli - Referente: Prof..ssa Donatella Armanetti - Istituto di Istruzione Superiore: n.4 classi seconde. 11) I.I.S. Zaccagna Carrara Referente: Prof. ssa Copello Paola Istituto di istruzione Superiore: n. 3 classi seconde. 12) I.I.S. Da Vinci - Villafranca L. - Referente: Prof..ssa Manuela Angella Istituto di Istruzione Superiore: n. 2 classi quinte. 13) I.I.S. Pacinotti - Bagnone Referente: Prof. ssa Giglio M.Elisa Istituto di Istruzione Superiore: 1 classe prima, 1classe seconda, 1 classe terza, 1 classe quarta, 1 classe quinta. 14) I.C. Alighieri Aulla Referente Prof. ssa Damiani Patrizia Scuola Media: n.2 classi,1 seconda, 1 terza. 2

3 Per un totale di n. 62 classi, di cui 27 classi di Scuola Primaria (n. 25 classi 5^ e 2 classi 4; 21 classi 2^di Sc. Sec. di 1 grado; 14 classi di Scuola Secondaria di 2 grado (n.3 classi 5^, n.1classe 4^, n.8 classi 2^, n.1 classe 3^, n.1 classe 1^). Totale alunni coinvolti n di cui 480 di Scuola Primaria, n.456 di Sc. sec. di 1 grado, n.247 di Sc. sec. di 2 grado. ASSOCIAZIONI ADERENTI 1) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Pontremoli, Presidente Cav. Nino Nadotti, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Villafranca L., Presidente Sig. Bellesi Giancarlo, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Bagnone, Presidente Sig.Alberto Albericci, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Filattiera, Presidente Sig.Luigi Della Zoppa, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Mulazzo 6) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Zeri, Presidente Sig. ra Lisi Maria Teresa, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Massa, Presidente Sig.Pietro Paolo Sartini, tel. 0585/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Carrara, Presidente Sig.Bertoli Sandro, te ) Gruppo AIDO Lunigiana, Referente Scuola Sig.Alberto Filippi, tel. 0187/ cell ) Gruppo AIDO Provinciale, Referente Roberta Palagi, cell )Ven. le Misericordia di Villafranca in Lunigiana, Presidente M. a Bazzali Gigliola ) Ven. le Misericordia di Pontremoli, Presidente Sig. Gussoni Giuliano, cell ) Ven. le Misericordia di Mulazzo, Presidente Sig. Zunino Ercole, cell ) AVIS Carrara, Presidente Sig.Baruffi Nicola, cell ) AVIS Casola L., Presidente Sig.Mosti Fernando, tel ) ADISCO, Presidente Sig.ra Lia Zoppi, cell INDICAZIONI E PROPOSTE PER L ATTIVITÀ EDUCATIVO/DIDATTICA Finalità del Progetto Favorire, attraverso la cultura della donazione e la sensibilizzazione al dono, la formazione di una crescente disponibilità verso i problemi degli altri per contribuire alla costruzione di una comunità più partecipe e più solidale, nell ottica del perseguimento del bene comune. 3

4 OBIETTIVI FORMATIVI Promuovere tra i giovani, a cominciare dai fanciulli della Scuola Primaria, uno stile di vita corretto per garantire il bene salute e prevenire comportamenti a rischio. Educare alla solidarietà e alla cittadinanza attiva, stimolando il senso di appartenenza alla comunità. Favorire i rapporti di collaborazione e di impegno condiviso tra la scuola, il volontariato e le Istituzioni. Comprendere l importanza della donazione volontaria, anonima e gratuita del sangue, del midollo osseo e del cordone ombelicale in vita e degli organi e dei tessuti dopo la morte. Sviluppare negli studenti la capacità di saper assumere, nella quotidianità delle proprie azioni, comportamenti solidali e positivi, correggendo quelli negativi e discriminanti. Avviare gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria e della classe seconda della Scuola Secondaria di Arpiola ad un approccio alle nozioni e ai comportamenti fondamentali di Primo Pronto Soccorso. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sensibilizzare gli alunni all assunzione consapevole e generalizzata di corretti stili di vita. Educare al rispetto dell altro e alla condivisione delle difficoltà personali, in un ottica di vera amicizia e di solidarietà. Conoscere e apprezzare il valore e la funzione sociale del volontariato. Conoscere le Associazioni di volontariato del settore e la loro attività. Capire cosa si può e si deve fare in caso di emergenza sanitaria e, soprattutto, conoscere la Catena del Soccorso. Proporre cenni sulla normativa di riferimento nazionale. Approfondire le tematiche riferite alla donazione di sangue, del midollo osseo, del sangue cordonale in vita e degli organi e dei tessuti post-mortem. Proposte di lavoro Donazione di organi, tessuti e cellule e del cordone ombelicale CONTENUTI Il corpo umano e i suoi organi. Il sistema circolatorio: anatomia e fisiologia. I gruppi sanguigni e il fattore Rh. La prevenzione e la difesa dalle malattie dell apparato circolatorio. Le opportunità e i rischi della donazione e del trapianto. La donazione del sangue, del midollo osseo e del sangue cordonale. La medicina trasfusionale. Il cordone ombelicale e le cellule staminali. La legislazione di riferimento (L.n.219/2005) Le Associazioni di volontariato (FRATRES, AVIS, ADMO, ADISCO). La donazione: amore e altruismo. 4

5 ATTIVITÀ Conversazioni libere e guidate. Visione di videocassette. Incontri con i volontari. Visita ai Centri Trasfusionali e alle Sedi Associative. Ascolto, lettura e analisi di diverse tipologie di testi inerenti l argomento. Elaborazione guidata di schemi di sintesi. Incontri con i genitori gestiti e guidati direttamente dagli alunni in orario extrascolastico (di cui si fornisce una traccia operativa). Produzione di elaborati pittorici utilizzando varie tecniche espressive. Testimonianze. METODOLOGIA Lezioni frontali dei docenti di classe. Intervento in qualità di esperti esterni dei rappresentanti delle Associazioni. Ricerche. Lavori di gruppo. Utilizzo di tecniche e software multimediali. Interviste e questionari. N.B. Di particolare utilità può rivelarsi il DVD, dal titolo La donazione al servizio della comunità realizzato, negli scorsi anni scolastici dall Istituto Tifoni, consegnato in copia agli insegnanti referenti di ciascuna scuola partecipante al Progetto, nella riunione del Donazione di organi, tessuti e cellule CONTENUTI Organi ed apparati del corpo umano e loro principali funzioni. Donazione e corretti stili di vita. La donazione: perché donare, cosa donare, come donare, quando donare. Garanzie del donatore. Excursus storico dei trapianti. La legislazione di riferimento (L.n.91/99) L AIDO. Testimonianze di trapiantati. N.B. Per gli incontri con gli studenti delle Scuole Secondarie di 2 grado contattare il Coordinamento donazione organi e tessuti, facendo riferimento a Roberta Palagi ( ) e a Fabio Grassi La Ven. le Misericordia e il suo impegno nel sociale Le Misericordie italiane: cenni storici. Le Misericordie di Villafranca L., Pontremoli e Mulazzo: attività, organizzazione, servizi. Cos è il 118, il funzionamento della Centrale Operativa e da chi è composto. 5

6 Cosa può fare un bambino in determinate situazioni. Piccolo corso di elementi base di pronto soccorso. Visita guidata all'interno di un Ambulanza. Visita guidata al Museo della Misericordia di Pontremoli. Il dono del tempo libero per aiutare il prossimo in difficoltà: riflessioni e proposte. Dalla buffa al camice bianco. I servizi di protezione civile. Bozza di programma di pronto soccorso per la Scuola Primaria 1. Incontro tra gli operatori delle Misericordie e gli insegnanti delle classi coinvolte nel progetto al fine di illustrare gli scopi e concordare il percorso formativo da intraprendere. 2. Attività in classe degli insegnanti: discussione di gruppo su esperienze vissute in prima persona dagli alunni Produzione di un testo narrativo in cui si raccontano situazioni di emergenza vissute, raccontate dalla TV o scritte dai giornali; classificazione dei vari tipi di emergenza con riferimento ad eventuali tipologie d intervento; compilazione di test di ingresso. Incontro in classe tra i bambini e gli operatori : a) spiegazione ai bambini in modo semplice e diretto dei meccanismi della respirazione e del circolo sanguigno, delle modalità per effettuare una corretta chiamata di soccorso e delle manovre basilari di rianimazione cardio-polmonare di base, anche con l ausilio del manichino. b) i bambini potranno visitare un unità mobile di soccorso allestita per il soccorso pediatrico (o un unità similare qualora non fosse reperibile un mezzo di tale tipologia). Al termine dell incontro i bambini potranno ricevere un pieghevole con le indicazioni per effettuare una corretta chiamata di soccorso ai numeri di emergenza (112, 113, 115, 117 e 118) da portare a casa, mostrare ai familiari e conservare vicino al telefono. Il lavoro proseguirà nei giorni successivi in classe da parte degli insegnanti per fissare con i bambini i contenuti appresi; si realizzeranno quindi le seguenti attività: Produzione di un cartellone sulla base del pieghevole ricevuto basandosi sulle domande : Chi chiamare? Quando chiamare? Cosa dire? Approntare una simulazione di conversazione tipo tra operatore di un servizio di emergenza ed il richiedente del soccorso verificando la chiarezza e l efficacia della stessa. Simulazione del corretto comportamento in caso di emergenza Test di verifica. 6

7 Suggerimento metodologico-operativo (importante!) come concordato in sede di riunione preliminare si ricorda alle singole classi che aderiscono al Progetto di proporre tutte le tipologie di donazione (sangue, organi, cordone ombelicale), approfondendone in particolare una soltanto. A Z I O N I O P E R A T I V E Azione 1, Azione 2 15 novembre 2013, Scuola Media P. Ferrari, Pontremoli: sottoscrizione Accordo di Rete fra Dirigenti Scolastici delle Scuole aderenti, e Responsabili delle Associazioni di volontariato coinvolte nel Progetto e Azienda Sanitaria Locale. Azione 3: presentazione e avvio del Progetto con il diretto coinvolgimento degli insegnanti di classe (14 gennaio 2014); Azione 4: intervento nelle singole classi dei Responsabili delle Associazioni di volontariato e degli operatori ASL in qualità di esperti (febbraio/aprile 2014); Azione 5: 1 incontro di verifica/valutazione del Progetto (con i soli insegnanti referenti) (4 aprile 2014); Azione 6: prosecuzione del Progetto con uscite didattiche (visite alle sedi associative, alle Sezioni Trasfusionali, al Monumento Nazionale al Donatore), produzione di materiali, (maggio 2014); Azione 7: incontro conclusivo di verifica (con insegnanti referenti e Responsabili delle Associazioni), 5 maggio 2014; Azione 8: inaugurazione mostra elaborati alunni, martedì 13 maggio 2014, ore 10,30; Azione 9: Convegno Conclusivo, martedì 20 maggio 2014, ore 17,00. Ripartizione finanziamento assegnato dalle Associazioni di volontariato Le Associazioni che hanno contribuito alla realizzazione del Progetto, sono state le seguenti: Gruppo AIDO Lunigiana (.200,00), Fratres di Massa Carrara (per conto degli otto gruppi provinciali)(.800,00), Ven. le Misericordia di Villafranca L. (.100,00), Ven. le Misericordia di Pontremoli (.200,00), ADISCO (.100,00), per un totale di.1.400,00, Tenuto conto del finanziamento a disposizione e della richiesta condivisa dagli insegnanti referenti in sede di riunione preliminare, di riservare la somma di.300,00 per premiare i tre elaborati (uno per ogni ordine di scuola) ritenuti più significativi, detratta la somma di. 100,00 per la stampa dell inserto speciale sul Progetto Donazione del Giornalino BUM!, la somma residua, pari a.1.000,00 è così suddivisa: Istituzioni Scolastiche con due classi partecipanti (n 4). 50,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con tre/quattro classi partecipanti (n 3). 70,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con cinque/sei classi partecipanti (n 4). 80,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con sette/otto classi partecipanti (n 3). 90,00 a Scuola, per un totale di.1.000,00. 7

8 Ogni classe potrà partecipare alla Mostra conclusiva con un numero massimo di 3 elaborati. Per gli elaborati grafici sono ammessi materiali di dimensioni non superiori a un metro per 70 cm (se trattasi di lavoro di gruppo), di dimensioni non superiori a cm.35 x cm.50 se trattasi di lavori individuali. L inserto Speciale del Giornalino BUM!, che verrà pubblicato a conclusione del Progetto, sarà distribuito alle Associazioni di Volontariato (n. 1 copia) e alle classi partecipanti (n. 1 copia a classe). N. B. Eventuale materiale di lavoro può essere richiesto ai Responsabili delle Associazioni di Volontariato coinvolte nel Progetto di cui sono indicati, a pag. 3, i recapiti telefonici dei Presidenti. Anche per gli interventi nelle classi dei Responsabili delle Associazioni gli insegnanti provvederanno direttamente. Le richieste sia di materiale che di interventi vanno fatte in tempi congrui. INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI COLLATERALI AL PROGETTO Borsa di Studio in memoria di Flavio Longinotti, Croce d oro al merito per la donazione del sangue, infaticabile ed entusiasta Dirigente della Fratres di Pontremoli. La Borsa di Studio, proposta dal locale gruppo Donatori di Sangue, è riservata agli alunni delle classi di Scuola Primaria del Comune di Pontremoli che aderiscono al Progetto. È richiesta l esecuzione individuale di un elaborato artistico sul tema della donazione del sangue e sono previsti tre premi così suddivisi: 1 premio. 150,00, 2 premio. 100,00, 3 premio. 50,00, per un totale di. 300,00. Seguirà regolamento. Mini Marcia della solidarietà. Per il settimo anno consecutivo sarà riproposta, come manifestazione collaterale al Progetto, la Mini marcia della solidarietà che ha visto, nelle passate edizioni, una partecipazione numerosa ed entusiasta di alunni, studenti, donatori e comuni cittadini. La Mini marcia si svolgerà il 16 maggio 2014 da Pontremoli a Filattiera secondo modalità e programma che saranno concordati in sede di riunione conclusiva del Progetto ( maggio 2014). - Testimonianza di Federico Finozzi, trapiantato di fegato - I.I.S. P.Belmesseri Pontremoli, marzo 2014 Visita al Monumento Nazionale al Donatore con itinerari didattici Itinerario n 1 Mattino Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo Etnografico di Villafranca L. 8

9 Itinerario n 2 Mattino Museo Etnografico di Villafranca Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo Malaspina di Mulazzo (ingresso libero) Itinerario n 3 Laboratorio Archeologico di Filattiera Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo della Misericordia di Pontremoli (ingresso libero) Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) Itinerario n 4 Campo scuola guida sicura di Pontremoli Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) L organizzazione delle visite sarà curata direttamente dalla Segreteria dell Istituto Comprensivo Tifoni con la quale occorre prendere contatti almeno 15 giorni prima telefonando al n 0187/ o inviando una mail all indirizzo: ALLEGATI VARI 1) Fac-simile per gli incontri con i genitori da tenersi in una giornata che potrebbe essere chiamata Giornata di sensibilizzazione alla donazione Ai Sigg. ri genitori degli alunni della classe.. Ai Sigg. ri insegnanti Ai Sigg. ri Presidenti delle Associazioni di Volontariato Fratres, Avis, Aido, Admo, Adisco Oggetto: Progetto Donazione a.s.2013/14. Loro Sedi Le SS.LL. sono invitate a partecipare all incontro che si terrà.., con inizio alle ore.., presso. L incontro, dal titolo La donazione proposta e illustrata dai ragazzi intende sensibilizzare le famiglie degli alunni sull importanza e sulla necessità del dono, volontario e gratuito, del sangue (compreso il sangue midollare e il sangue cordonale) degli organi e dei tessuti, in riferimento al Progetto indicato in premessa al quale le classi.. del plesso.. hanno puntualmente aderito anche in questo anno scolastico. L incontro sarà così articolato: introduzione del Dirigente Scolastico e dell insegnante referente. interventi degli alunni. 9

10 Per la donazione del sangue Per la donazione del midollo osseo Per la donazione degli organi e tessuti Per la donazione del cordone ombelicale Presentazione dei risultati del questionario proposto alle famiglie considerazione dei Presidenti delle Associazioni di volontariato dibattito e conclusioni Si confida nella più ampia partecipazione. Distinti saluti Il Dirigente Scolastico 2) Fac-simile del questionario da proporre alle famiglie Oggetto: Progetto Donazione a.s. 2013/14. Ai Sigg. ri Genitori degli alunni delle classi. Loro sedi In riferimento al Progetto indicato in premessa, inserito nel Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) dell Istituto, consultabile sul sito., chiediamo cortesemente alle SS.LL. di voler rispondere alle domande del sottostante questionario da restituire alla Scuola, tramite gli alunni, entro il.. Si ringrazia e si porgono cordiali saluti. Il Dirigente Scolastico ==================================================================== QUESTIONARIO (Da restituire alla scuola entro il entro il ) Conosce il progetto donazione? si no Come giudica tale progetto? favorevolmente sfavorevolmente In famiglia ci sono donatori di sangue? si no In caso affermativo chi è il donatore? il papà la mamma il fratello/la sorella altri (specificare) Ritiene opportuno riproporre il progetto anche nel prossimo anno scolastico? si no Conosce l ADMO? si no Conosce l AIDO? si no Conosce l ADISCO? si no Cosa pensa della donazione degli organi dopo la morte? sono favorevole sono contrario 10

11 Eventuali Annotazioni Grazie per la collaborazione 3) Traccia di verifica/valutazione degli incontri delle scolaresche con i Volontari delle Associazioni (Esperti esterni) Data orario Scuola classe n alunni Insegnanti presenti Associazione intervenuta Conoscenze di base degli alunni sulle tematiche del Progetto (1) Conoscenze specifiche sulla donazione oggetto dell incontro (1) Interesse e partecipazione degli alunni (2) Domande formulate (3) Consegna di materiale divulgativo Ulteriori annotazioni Il Responsabile dell Associazione di volontariato (1) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): ottime, buone, sufficienti, scarse (2) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): validi e positivi, superficiali, inadeguati (3) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): numerose e pertinenti, scarse, banali e insignificanti. 11

12 GLI SVILUPPI DEL PROGETTO A.S. 1999/2000 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 75 alunni A.S. 2000/2001 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 90 alunni A.S. 2001/2002 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 99 alunni A.S. 2002/2003 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli - I.I.S. Belmesseri Pontremoli A.S. 2003/2004 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.I.S. Da Vinci Villafranca -I.I.S. Belmesseri Pontremoli A.S. 2004/2005 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.I.S. Da Vinci Villafranca-I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 16 classi n. 289 alunni A.S. 2005/2006 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Baracchini Villafranca I.C. Moratti Fivizzano -I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 17 classi n. 270 alunni A.S. 2006/2007 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.C. Baracchini Villafranca I.C. Cocchi Licciana - I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 28 classi n. 451 alunni A.S. 2007/2008 A.S. 2008/2009 A.S.2009/2010 A.S.2010/2011 A.S.2011/12 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Baracchini Villafranca I.C. Moratti Fivizzano - I.C. Cocchi Licciana N., D.D. 4 Circolo Massa Sc. Media Malaspina-Staffetti Massa I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. n. 41 classi n. 721 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Alighieri Aulla - I.C. Baracchini Villafranca - I.C. Cocchi Licciana N.- I.C. Moratti Fivizzano - D.D. 4 Circolo Massa - D.D. Aulla - Sc. Media Malaspina-Staffetti Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. I.I.S. Pacinotti Bagnone n. 46 classi n. 851 alunni I.C. Tifoni Pontremoli- I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla - I.C. Moratti Fivizzano I.C.Carrara 5 - I.C. Gentili Fossola I.C. Giorgini Montignoso - D.D. 4 Circolo Massa D.D. Aulla Scuola Sec.1 grado Bertagnini Massa Scuola Sec.1 grado Don Milani Marina di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti - Bagnone n.48 classi n.843 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla - I.C.Carrara 5 - I.C. Giorgini Montignoso I.C. Alfieri-Bertagnini Massa -D.D. Aulla - Scuola Sec.1 grado Don Milani Marina di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti Bagnone D.D. Carrara 3 - D.D. Carrara 1 - I.C. Buonarroti Marina di Carrara n.64 classi n.1243 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.-I.C. Alighieri Aulla - I.C.Carrara 5 - I.C. Giorgini Montignoso I.C. Alfieri- Bertagnini Massa -D.D. Aulla - Scuola Sec.1 grado Don Milani M.di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti Bagnone D.D. Carrara 1 - I.C. Buonarroti Marina di Carrara-I.I.S. Barsanti Massa- I.C. Piazza al Serchio- D.D. 5 Circolo Massa- I.C. Moratti -Fivizzano n.80 classi n.1471 alunni A.S. 2012/13 I.C. Tifoni Pontremoli I.C. Ferrari Pontremoli I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla Direzione Didattica Aulla I.C. Moratti Fivizzano I.C. Carrara 5 Marina di Carrara I.C. Alfieri/Bertagnini Massa I.C. Carrara e Paesi a Monte Carrara I.C. Giorgini Montignoso I.C. Buonarroti Marina di Carrara I.I.S. Belmesseri Pontremoli I.I.S. L.Da Vinci Villafranca n.67 classi n.1258 alunni La presente dispensa è scaricabile dal sito

ANNO SCOLASTICO 2015/16. PROGETTO La donazione al servizio della comunità. Per educare alla cultura del dono

ANNO SCOLASTICO 2015/16. PROGETTO La donazione al servizio della comunità. Per educare alla cultura del dono ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO GIULIO TIFONI 54027 PONTREMOLI Via Roma, 58 tel. 0187/830205 fax n. 0187/461083 e-mail: MSIC814005@istruzione.it cod. fiscale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

Acqua fonte di vita. gli studenti studiano l acqua e visitano l acquedotto. Società Acqua Lodigiana srl. La seconda edizione del progetto

Acqua fonte di vita. gli studenti studiano l acqua e visitano l acquedotto. Società Acqua Lodigiana srl. La seconda edizione del progetto con il patrocinio di Società Acqua Lodigiana srl in occasione e in preparazione alla Giornata mondiale dell acqua 2012 presenta gli studenti studiano l acqua e visitano l acquedotto Acqua fonte di vita

Dettagli

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo).

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo). Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio 6 Prot.n.2854-15/04/2010

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015 Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Oggetto: Partecipazione al percorso sperimentale propedeutico alla formale organizzazione

Dettagli

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative Iniziative didattiche Delegazione di Roma a.s. 2012/2013 Obiettivi delle iniziative Ampliare la conoscenza del FAI e delle sue iniziative attraverso un coinvolgimento diretto di studenti e corpo docenti.

Dettagli

Ufficio V Ambito Territoriale di Cagliari. Prot. MIURAOOUSPCA n.12946 Elmas, 10.10. 2012

Ufficio V Ambito Territoriale di Cagliari. Prot. MIURAOOUSPCA n.12946 Elmas, 10.10. 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio V Ambito Territoriale di Cagliari Prot. MIURAOOUSPCA n.12946 Elmas, 10.10.

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione ADMO Associazione dei Donatori di Midollo Osseo PROTOCOLLO D INTESA Il Ministero della Pubblica Istruzione e l ADMO, Associazione dei Donatori di Midollo Osseo VISTA

Dettagli

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica lettera ai genitori : informazioni sul progetto Alle famiglie degli alunni della classe II B della Scuola Primaria Virgilio Giotti. Oggetto: Educazione stradale e attività scientifiche collegate. La sottoscritta

Dettagli

Acqua fonte di vita TERZA edizione un progetto per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della provincia di Lodi

Acqua fonte di vita TERZA edizione un progetto per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della provincia di Lodi con il patrocinio di Società Acqua Lodigiana srl in occasione e in preparazione alla Giornata mondiale dell acqua 2013 presenta quando la cooperazione incontra la ricerca Acqua fonte di vita TERZA edizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPAGNANO L AVIS INTERCOMUNALE SAN PIETRO

PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPAGNANO L AVIS INTERCOMUNALE SAN PIETRO PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPAGNANO E L AVIS INTERCOMUNALE SAN PIETRO VISTA la legge 4 maggio 1990, n. 107 disciplina delle attività trasfusionali relative al sangue umano e ad i

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

La mia scuola per la Pace

La mia scuola per la Pace ISTITUTO COMPRENSIVO di scuola dell INFANZIA, ELEMENTARE E MEDIA A.MANZONI di CORRIDONIA Anno Scolastico 2003-2004 La mia scuola per la Pace un progetto che non dimentica la SOLIDARIETA SCUOLA ELEMENTARE

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LETTURA LA SCUOLA VA IN BIBLIOTECA: ATTIVITA' DI PROMOZIONE ALLA LETTURA RISERVATA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA RIVOLTO A alunni della scuola dell infanzia e loro insegnanti. POSTI DISPONIBILI

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati:

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati: Relazione funzione strumentale area 3 Progetto educazione alla salute Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo Lercara Friddi-Castronovo di sicilia Prof. Grazia Madonia- Prof. Maria Lino Durante

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE Ferraro Adele Anno Scolastico 2013 2014 ATTIVITA di Continuità educativo - didattica Accoglienza PROGETTO Conoscere per

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

IL VALORE DELLA SICUREZZA

IL VALORE DELLA SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI Via Meucci n 2 tel. 041/437063 fax 041/5746101 Cod. fisc.: 82011960273 SALZANO -VE www.istitutocomprensivosalzano.it PROGETTO IL VALORE DELLA SICUREZZA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER PARTECIPARE AL CONCORSO RACCONTIAMO IL PAES

REGOLAMENTO PER PARTECIPARE AL CONCORSO RACCONTIAMO IL PAES REGOLAMENTO PER PARTECIPARE AL CONCORSO RACCONTIAMO IL PAES Art. 1 Ente organizzatore 1. EGEA S.p.A., in collaborazione con il Comune di Alba, organizza il Concorso a premi RACCONTIAMO IL PAES volto a

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE PUGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA E L ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE AVIS REGIONALE DI PUGLIA VISTA La legge 4 maggio 1990, n. 107 recante

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa M.I.U.R. U.S.R. Campania Ufficio XV Ambito Territoriale per la provincia di Salerno Via Monticelli Salerno SOCCORSO AMICO Via Generale Clark, 18 Tel. 089 33 99 99 Fax 089 33 75 96 E-mail: segreteria@soccorsoamico.eu

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 OGGETTO: Convenzione con ADMO Regione Lombardia Onlus per la promozione/propaganda della donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche.

Dettagli

Descrizione delle conoscenze disponibili e altre ricerche in corso nell area d intervento interessata

Descrizione delle conoscenze disponibili e altre ricerche in corso nell area d intervento interessata SCHEDA PROGETTO Titolo SCINTILLE DI VITA: DALLA PREVENZIONE, ALLE CURE INTENSIVE, ALLA DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI. Area Proponente Strutture coinvolte SOCIO-SANITARIA Soggetto Recapito Dipartimento

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale Carolina Sciomer Presidente Nazionale ADISCO Consiglio Nazionale ADMO Genova, 15 Novembre 2009 Origini della Associazione 1988: Primo trapianto

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

L ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA CITTÀ SANE OMS

L ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA CITTÀ SANE OMS Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sangue CONVENZIONE TRA LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS E IL CENTRO NAZIONALE SANGUE FINALIZZATA ALLA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE E PROGETTI

Dettagli

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 I Dirigenti scolastici de: Istituto Statale d Arte F. Mengaroni Pesaro Liceo Classico T. Mamiani Pesaro Liceo Scientifico G. Marconi

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] 2015 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] Il presente documento è stato approvato dal consiglio direttivo di Robbio Nel Cuore riunitosi il 03/04/2015.

Dettagli

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI!

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI! Tocca a Noi! è il programma di educazione ambientale che Hera Rimini propone alle Scuole Infanzia e Primarie della Provincia di Rimini per l anno scolastico 2005/2006. Tocca a Noi! nasce in continuità

Dettagli

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 )

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Alla c.a. del DIRIGENTE SCOLASTICO e p. c. del Prof./a fax. INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Milano, Ottobre 2009 GRUPO

Dettagli

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 84/CSR del 20 aprile 2011 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA ANNO SCOLASTICO 2014/15 PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2014-2015 Premessa L accoglienza di nuove persone è un momento fondamentale nella dinamica di una Scuola dove l inserimento di nuovi

Dettagli

Via Ponchielli, 16 10021 - MONCALIERI (TO) C. F. 94042850019 Tel. 011 60.58.311 r.a. Fax 011 68.20.273 pininfarina@itispininfarina.

Via Ponchielli, 16 10021 - MONCALIERI (TO) C. F. 94042850019 Tel. 011 60.58.311 r.a. Fax 011 68.20.273 pininfarina@itispininfarina. Via Ponchielli, 16 10021 - MONCALIERI (TO) C. F. 94042850019 Tel. 011 60.58.311 r.a. Fax 011 68.20.273 pininfarina@itispininfarina.it www.itispininfarina.it IL GRUPPO DI STUDIO E DI LAVORO DI ISTITUTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 PROGETTO TUTOR IN COLLABORAZIONE CON LA A.S.L. ROMA B FINANZIATO DAL COMUNE DI ROMA L. 285/97 Responsabile del

Dettagli

Bando di concorso Diritti senza difesa? Dalle parole ai fatti: l Avvocato al servizio dell Uomo

Bando di concorso Diritti senza difesa? Dalle parole ai fatti: l Avvocato al servizio dell Uomo Bando di concorso Diritti senza difesa? Dalle parole ai fatti: l Avvocato al servizio dell Uomo Termini presentazione domande di partecipazione: 28 febbraio 2015 Termini presentazione elaborati: 30 aprile

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Gentile Dirigente Scolastico,

Gentile Dirigente Scolastico, Gentile Dirigente Scolastico, grazie per aver aderito al progetto VALES, un progetto del Ministero della Pubblica Istruzione in collaborazione con l INVALSI. Come sa, l obiettivo del progetto VALES è quello

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 CONCORSO A PREMI DEDICATO AL SINDACALISTA PINO VIRGILIO SUL TEMA INFORTUNI, SICUREZZA E PREVENZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI COME DEFINITI NELL

Dettagli

Prot. MPI AOO DRCA UffDir. N. 4385 Napoli, 25 febbraio 2008

Prot. MPI AOO DRCA UffDir. N. 4385 Napoli, 25 febbraio 2008 Ministero della Pubblica Istruzione UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA DIREZIONE GENERALE Settore Educazione alla Legalità Via S. Giovanni in Corte,7 80132 Napoli Tel.081 2449549 Fax 081 284428

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

Prot.n. 2301 A34 Cigliano, 20/05/2013 COMUNICAZIONE N. 59. Ai docenti

Prot.n. 2301 A34 Cigliano, 20/05/2013 COMUNICAZIONE N. 59. Ai docenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE ISTITUTO COMPRENSIVO Don Evasio Ferraris SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - PRIMARIA - INFANZIA Piazza

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio VI Politiche per gli Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio VI Politiche per gli Studenti Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ufficio VI Politiche per gli Studenti Prot. n. 247 Bari, 12 gennaio 2015 Il Dirigente: Anna Cammalleri Ai Dirigenti delle scuole di ogni ordine

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

Di seguito si riportano i progetti previsti con i relativi programmi.

Di seguito si riportano i progetti previsti con i relativi programmi. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura "Da citare nella risposta" Réf. n - Prot. n. V/ réf. Vs. rif. 29206/SS Aoste / Aosta 13 settembre 2012 TRASMISSIONE VIA PEC e,

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Progetti Circolo allegato 8

Progetti Circolo allegato 8 PROGETTO SCUOLA - SPORT Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Premessa Questo progetto, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena, è promosso

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

PROGETTI DELL ISTITUTO A.S. 2014/2015

PROGETTI DELL ISTITUTO A.S. 2014/2015 PROGETTI DELL ISTITUTO A.S. 2014/2015 PROGETTI EXTRACURRICOLARI 1-PASSAPORTO PER L EUROPA Obiettivi: sviluppare e potenziare le cinque abilità di base, potenziare l apprendimento della lingua nei suoi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI DIANO MARINA ANNO SCOLASTICO 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI DIANO MARINA ANNO SCOLASTICO 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI DIANO MARINA ANNO SCOLASTICO 2008/09 SINTESI PROGETTO / ATTIVITÀ PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2008/2009 DATI IDENTIFICATIVI Denominazione del progetto: SCUOLE APERTE Papà

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA PROGETTO CONTINUITA e ORIENTAMENTO Continuità tra ordini di scuola All interno dell Istituto comprensivo assume una particolare rilevanza la continuità del processo educativo tra i tre ordini di scuola.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PREMIO SOLIDARIETA MARTA RUSSO A primavera rinasce la vita DONARE E : AMORE, ALTRUISMO

PREMIO SOLIDARIETA MARTA RUSSO A primavera rinasce la vita DONARE E : AMORE, ALTRUISMO L ASSOCIAZIONE MARTA RUSSO ONLUS e il COMUNE DI ROMA Bandiscono la IX edizione del PREMIO SOLIDARIETA MARTA RUSSO A primavera rinasce la vita DONARE E : AMORE, ALTRUISMO Concorso per studenti delle Scuole

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La Continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto del bambino/ragazzo a un percorso formativo organico e completo[ ] a livello psicologico, pedagogico e

Dettagli

RELAZIONE FINALE DI MONICI MARINELLA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA a.s. 2013-2014

RELAZIONE FINALE DI MONICI MARINELLA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA a.s. 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 SAN BARTOLOMEO IN BOSCO RELAZIONE FINALE DI MONICI MARINELLA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA a.s. 2013-2014 I compiti affidati alla funzione strumentale continuità sono stati

Dettagli

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del..

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del.. CONVENZIONE PER L ACCOGLIENZA A FINI EDUCATIVI E CULTURALI SUL TERRITORIO COMUNALE DA PARTE DEI VOLONTARI dell ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI MONDOLFO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO COMUNALE ECOMUSEO DI MONDOLFO

Dettagli

ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO

ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO ISIS E. STEIN GAVIRATE A.S. 2007/2008 PROGETTO ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PRESENZA STUDENTI STRANIERI IN ISTITUTO Premessa Analisi dei bisogni A tutt oggi al nostro istituto risultano iscritti complessivamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI Progetto intercultura: accoglienza, sostegno e interazione degli alunni stranieri Scheda e progetto per la richiesta

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli