ANNO SCOLASTICO 2013/14. PROGETTO La donazione al servizio della comunità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2013/14. PROGETTO La donazione al servizio della comunità"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO GIULIO TIFONI PONTREMOLI Via Roma, 58 tel. 0187/ fax n. 0187/ cod. fiscale cod. scuola MSIC (Istituito con Decreto Provveditoriale del ) Sito web: ANNO SCOLASTICO 2013/14 PROGETTO La donazione al servizio della comunità La scuola è investita da una domanda che comprende, insieme, l apprendimento e il saper stare al mondo e da tempo è chiamata a occuparsi anche di altre delicate dimensioni dell educazione (da: Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione Cultura, Scuola, Persona ) Il Progetto La donazione al servizio della comunità, giunto quest anno alla sua XV^ edizione, si inserisce nella direzione indicata in premessa con l intento di sostenere e potenziare, presso le giovani generazioni la cultura della donazione in modo da poter garantire, anche per il futuro, un volontariato del dono che potenzi il tasso attuale di donazioni, di sangue e di plasma in primo luogo, ma anche di midollo osseo, di sangue cordonale, di organi, tessuti e cellule. Scopo del Progetto è quello di tenere alti l interesse e la disponibilità alla donazione, intesa nella sua accezione più ampia, donazione che, come recita l art. 2 della legge n. 219/2005, deve essere sempre anonima, volontaria, gratuita e responsabile, attraverso il diretto coinvolgimento delle Istituzioni Scolastiche, che rappresentano il veicolo privilegiato per la formazione delle coscienze e l educazione alla solidarietà attiva, dimensioni essenziali della persona considerata nella sua integralità. Il Progetto, che rappresenta un esempio consolidato e concreto di lavoro in rete fra Scuole del 1 e del 2 ciclo, Associazioni di volontariato del settore ed A. S. L., è stato attivato a seguito della sottoscrizione, in data 15 novembre 2013, del consueto Accordo di rete. Le classi coinvolte nell iniziativa svolgeranno attività a carattere disciplinare e interdisciplinare, utilizzando parte della quota locale del curricolo, come previsto dall art. 8, comma 2, del DPR 275/99, avente per oggetto Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche. Il Progetto vede coinvolte, nel corrente anno, 14 Istituzioni Scolastiche, di cui 10 del 1 ciclo (una Direzione Didattica, 9 Istituti Comprensivi) e 4 del 2 ciclo, e 16 Associazioni di Volontariato. Riportiamo, in ultima di copertina, i dati riferiti alle precedenti edizioni, dai quali si evince chiaramente lo sviluppo continuo e positivo che, di anno in anno, il Progetto ha conosciuto, attraverso il coinvolgimento di un numero sempre crescente di insegnanti, di alunni e, per loro tramite, di famiglie, coinvolte quest ultime, in forma indiretta, attraverso l opera di sensibilizzazione, senz altro utile ed efficace, dei figli. Anche nel corrente anno scolastico sono previsti incontri specifici con le famiglie degli alunni, organizzati dalle Scuole interessate a questa nuova proposta formativa. Gli incontri, che si svolgeranno nei mesi di marzo/aprile 2014, con la partecipazione, oltre che dei docenti coinvolti nel Progetto, dei Rappresentanti delle Associazioni di volontariato, saranno gestiti e guidati direttamente dagli alunni che riferiranno in merito all esperienza effettuata facendosi interpreti, in prima persona, della diffusione della cultura della donazione. La presente dispensa, contenente fra le altre cose le Azioni operative del Progetto e la traccia dei contenuti di insegnamento/apprendimento che le varie scuole andranno a proporre agli alunni in sede di attuazione del Progetto, integra gli altri materiali di lavoro che sono stati consegnati agli insegnanti referenti in sede di riunione preliminare e precisamente:

2 a) Dispensa sulla normativa riferita alla Donazione del sangue (Legge n. 219 del 21 ottobre 2005 concernente Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati ) e alla donazione di organi e tessuti (Legge n. 91 del 1 aprile 1999 concernente Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e tessuti ); b) CD contenente materiale di documentazione e di approfondimento delle tematiche riferite al Progetto (il sangue e i suoi componenti, il midollo osseo, gli organi che possono essere trapiantati, la donazione del sangue cordonale, le Associazioni di volontariato del settore). Al Progetto aderiscono anche la Ven. le Misericordia di Villafranca L., già presente nella passata edizione, e da quest anno le Misericordie di Pontremoli e di Mulazzo la cui partecipazione qualifica ulteriormente l iniziativa, tenuto conto dei tanti servizi di volontariato che i tre Sodalizi garantiscono, con puntuale impegno, a servizio della collettività. L Azienda Sanitaria locale che per la prima volta è inserita a pieno titolo nel progetto vede la partecipazione del Coordinamento per l attività di donazione e trapianto che fa capo al dott. Claudio Rasetto e dello Staff di Direzione, rappresentato dalla dott.ssa Chiara Dell amico, Project manager dell Azienda. SCUOLE E CLASSI COINVOLTE 1) I.C. Tifoni Pontremoli - Referente: M a Maria Rosaria Azzarello Scuola Primaria: n. 4 classi quinte, Scuola Media: n. 1 classe seconda. 2) I.C. Ferrari Pontremoli Referente: Prof. ssa Daniela Loreni Scuola Media: n. 2 classi seconde. 3) I.C. Baracchini Villafranca L. - Referente: Prof..ssa Paola Cocchi Scuola Primaria: n. 2 classi quinte, Scuola Media: n. 3 classi seconde. 4) I.C. Buonarroti Referente Prof. ssa Clarita Bertoncini Scuola Primaria: n. 3 classi quinte, Scuola Media: n. 4 classi seconde. 5) I.C. Moratti Fivizzano - Referente: Prof. ssa Carla Bertoli Scuola Primaria: n. 3 classe quinte, Scuola Media: n.1 classi seconda. 6) I.C. Alfieri-Bertagnini - Referente: Prof..ssa Giovanna Bertolini Scuola Primaria: n. 3 classi quinte, Scuola Media: n.5 classi seconde. 7) D.D. Aulla - Referente: M a Patrizia Bongi Scuola Primaria: n. 2 classi quinte 8) I.C. Giorgini Montignoso - Referente: Prof. ssa Gabriella Bonuccelli Scuola Primaria: n.4 classi quinte, Scuola Media: n.3 classi seconde. 9) I.C. Menconi Avenza- Carrara Referente:M a Tosi Daniela Scuola Primaria: n. 2 classi quarte, n.4 classi quinte. 10) I.I.S. Belmesseri Pontremoli - Referente: Prof..ssa Donatella Armanetti - Istituto di Istruzione Superiore: n.4 classi seconde. 11) I.I.S. Zaccagna Carrara Referente: Prof. ssa Copello Paola Istituto di istruzione Superiore: n. 3 classi seconde. 12) I.I.S. Da Vinci - Villafranca L. - Referente: Prof..ssa Manuela Angella Istituto di Istruzione Superiore: n. 2 classi quinte. 13) I.I.S. Pacinotti - Bagnone Referente: Prof. ssa Giglio M.Elisa Istituto di Istruzione Superiore: 1 classe prima, 1classe seconda, 1 classe terza, 1 classe quarta, 1 classe quinta. 14) I.C. Alighieri Aulla Referente Prof. ssa Damiani Patrizia Scuola Media: n.2 classi,1 seconda, 1 terza. 2

3 Per un totale di n. 62 classi, di cui 27 classi di Scuola Primaria (n. 25 classi 5^ e 2 classi 4; 21 classi 2^di Sc. Sec. di 1 grado; 14 classi di Scuola Secondaria di 2 grado (n.3 classi 5^, n.1classe 4^, n.8 classi 2^, n.1 classe 3^, n.1 classe 1^). Totale alunni coinvolti n di cui 480 di Scuola Primaria, n.456 di Sc. sec. di 1 grado, n.247 di Sc. sec. di 2 grado. ASSOCIAZIONI ADERENTI 1) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Pontremoli, Presidente Cav. Nino Nadotti, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Villafranca L., Presidente Sig. Bellesi Giancarlo, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Bagnone, Presidente Sig.Alberto Albericci, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Filattiera, Presidente Sig.Luigi Della Zoppa, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Mulazzo 6) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Zeri, Presidente Sig. ra Lisi Maria Teresa, tel. 0187/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Massa, Presidente Sig.Pietro Paolo Sartini, tel. 0585/ ) Gruppo Donatori di Sangue Fratres Carrara, Presidente Sig.Bertoli Sandro, te ) Gruppo AIDO Lunigiana, Referente Scuola Sig.Alberto Filippi, tel. 0187/ cell ) Gruppo AIDO Provinciale, Referente Roberta Palagi, cell )Ven. le Misericordia di Villafranca in Lunigiana, Presidente M. a Bazzali Gigliola ) Ven. le Misericordia di Pontremoli, Presidente Sig. Gussoni Giuliano, cell ) Ven. le Misericordia di Mulazzo, Presidente Sig. Zunino Ercole, cell ) AVIS Carrara, Presidente Sig.Baruffi Nicola, cell ) AVIS Casola L., Presidente Sig.Mosti Fernando, tel ) ADISCO, Presidente Sig.ra Lia Zoppi, cell INDICAZIONI E PROPOSTE PER L ATTIVITÀ EDUCATIVO/DIDATTICA Finalità del Progetto Favorire, attraverso la cultura della donazione e la sensibilizzazione al dono, la formazione di una crescente disponibilità verso i problemi degli altri per contribuire alla costruzione di una comunità più partecipe e più solidale, nell ottica del perseguimento del bene comune. 3

4 OBIETTIVI FORMATIVI Promuovere tra i giovani, a cominciare dai fanciulli della Scuola Primaria, uno stile di vita corretto per garantire il bene salute e prevenire comportamenti a rischio. Educare alla solidarietà e alla cittadinanza attiva, stimolando il senso di appartenenza alla comunità. Favorire i rapporti di collaborazione e di impegno condiviso tra la scuola, il volontariato e le Istituzioni. Comprendere l importanza della donazione volontaria, anonima e gratuita del sangue, del midollo osseo e del cordone ombelicale in vita e degli organi e dei tessuti dopo la morte. Sviluppare negli studenti la capacità di saper assumere, nella quotidianità delle proprie azioni, comportamenti solidali e positivi, correggendo quelli negativi e discriminanti. Avviare gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria e della classe seconda della Scuola Secondaria di Arpiola ad un approccio alle nozioni e ai comportamenti fondamentali di Primo Pronto Soccorso. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sensibilizzare gli alunni all assunzione consapevole e generalizzata di corretti stili di vita. Educare al rispetto dell altro e alla condivisione delle difficoltà personali, in un ottica di vera amicizia e di solidarietà. Conoscere e apprezzare il valore e la funzione sociale del volontariato. Conoscere le Associazioni di volontariato del settore e la loro attività. Capire cosa si può e si deve fare in caso di emergenza sanitaria e, soprattutto, conoscere la Catena del Soccorso. Proporre cenni sulla normativa di riferimento nazionale. Approfondire le tematiche riferite alla donazione di sangue, del midollo osseo, del sangue cordonale in vita e degli organi e dei tessuti post-mortem. Proposte di lavoro Donazione di organi, tessuti e cellule e del cordone ombelicale CONTENUTI Il corpo umano e i suoi organi. Il sistema circolatorio: anatomia e fisiologia. I gruppi sanguigni e il fattore Rh. La prevenzione e la difesa dalle malattie dell apparato circolatorio. Le opportunità e i rischi della donazione e del trapianto. La donazione del sangue, del midollo osseo e del sangue cordonale. La medicina trasfusionale. Il cordone ombelicale e le cellule staminali. La legislazione di riferimento (L.n.219/2005) Le Associazioni di volontariato (FRATRES, AVIS, ADMO, ADISCO). La donazione: amore e altruismo. 4

5 ATTIVITÀ Conversazioni libere e guidate. Visione di videocassette. Incontri con i volontari. Visita ai Centri Trasfusionali e alle Sedi Associative. Ascolto, lettura e analisi di diverse tipologie di testi inerenti l argomento. Elaborazione guidata di schemi di sintesi. Incontri con i genitori gestiti e guidati direttamente dagli alunni in orario extrascolastico (di cui si fornisce una traccia operativa). Produzione di elaborati pittorici utilizzando varie tecniche espressive. Testimonianze. METODOLOGIA Lezioni frontali dei docenti di classe. Intervento in qualità di esperti esterni dei rappresentanti delle Associazioni. Ricerche. Lavori di gruppo. Utilizzo di tecniche e software multimediali. Interviste e questionari. N.B. Di particolare utilità può rivelarsi il DVD, dal titolo La donazione al servizio della comunità realizzato, negli scorsi anni scolastici dall Istituto Tifoni, consegnato in copia agli insegnanti referenti di ciascuna scuola partecipante al Progetto, nella riunione del Donazione di organi, tessuti e cellule CONTENUTI Organi ed apparati del corpo umano e loro principali funzioni. Donazione e corretti stili di vita. La donazione: perché donare, cosa donare, come donare, quando donare. Garanzie del donatore. Excursus storico dei trapianti. La legislazione di riferimento (L.n.91/99) L AIDO. Testimonianze di trapiantati. N.B. Per gli incontri con gli studenti delle Scuole Secondarie di 2 grado contattare il Coordinamento donazione organi e tessuti, facendo riferimento a Roberta Palagi ( ) e a Fabio Grassi La Ven. le Misericordia e il suo impegno nel sociale Le Misericordie italiane: cenni storici. Le Misericordie di Villafranca L., Pontremoli e Mulazzo: attività, organizzazione, servizi. Cos è il 118, il funzionamento della Centrale Operativa e da chi è composto. 5

6 Cosa può fare un bambino in determinate situazioni. Piccolo corso di elementi base di pronto soccorso. Visita guidata all'interno di un Ambulanza. Visita guidata al Museo della Misericordia di Pontremoli. Il dono del tempo libero per aiutare il prossimo in difficoltà: riflessioni e proposte. Dalla buffa al camice bianco. I servizi di protezione civile. Bozza di programma di pronto soccorso per la Scuola Primaria 1. Incontro tra gli operatori delle Misericordie e gli insegnanti delle classi coinvolte nel progetto al fine di illustrare gli scopi e concordare il percorso formativo da intraprendere. 2. Attività in classe degli insegnanti: discussione di gruppo su esperienze vissute in prima persona dagli alunni Produzione di un testo narrativo in cui si raccontano situazioni di emergenza vissute, raccontate dalla TV o scritte dai giornali; classificazione dei vari tipi di emergenza con riferimento ad eventuali tipologie d intervento; compilazione di test di ingresso. Incontro in classe tra i bambini e gli operatori : a) spiegazione ai bambini in modo semplice e diretto dei meccanismi della respirazione e del circolo sanguigno, delle modalità per effettuare una corretta chiamata di soccorso e delle manovre basilari di rianimazione cardio-polmonare di base, anche con l ausilio del manichino. b) i bambini potranno visitare un unità mobile di soccorso allestita per il soccorso pediatrico (o un unità similare qualora non fosse reperibile un mezzo di tale tipologia). Al termine dell incontro i bambini potranno ricevere un pieghevole con le indicazioni per effettuare una corretta chiamata di soccorso ai numeri di emergenza (112, 113, 115, 117 e 118) da portare a casa, mostrare ai familiari e conservare vicino al telefono. Il lavoro proseguirà nei giorni successivi in classe da parte degli insegnanti per fissare con i bambini i contenuti appresi; si realizzeranno quindi le seguenti attività: Produzione di un cartellone sulla base del pieghevole ricevuto basandosi sulle domande : Chi chiamare? Quando chiamare? Cosa dire? Approntare una simulazione di conversazione tipo tra operatore di un servizio di emergenza ed il richiedente del soccorso verificando la chiarezza e l efficacia della stessa. Simulazione del corretto comportamento in caso di emergenza Test di verifica. 6

7 Suggerimento metodologico-operativo (importante!) come concordato in sede di riunione preliminare si ricorda alle singole classi che aderiscono al Progetto di proporre tutte le tipologie di donazione (sangue, organi, cordone ombelicale), approfondendone in particolare una soltanto. A Z I O N I O P E R A T I V E Azione 1, Azione 2 15 novembre 2013, Scuola Media P. Ferrari, Pontremoli: sottoscrizione Accordo di Rete fra Dirigenti Scolastici delle Scuole aderenti, e Responsabili delle Associazioni di volontariato coinvolte nel Progetto e Azienda Sanitaria Locale. Azione 3: presentazione e avvio del Progetto con il diretto coinvolgimento degli insegnanti di classe (14 gennaio 2014); Azione 4: intervento nelle singole classi dei Responsabili delle Associazioni di volontariato e degli operatori ASL in qualità di esperti (febbraio/aprile 2014); Azione 5: 1 incontro di verifica/valutazione del Progetto (con i soli insegnanti referenti) (4 aprile 2014); Azione 6: prosecuzione del Progetto con uscite didattiche (visite alle sedi associative, alle Sezioni Trasfusionali, al Monumento Nazionale al Donatore), produzione di materiali, (maggio 2014); Azione 7: incontro conclusivo di verifica (con insegnanti referenti e Responsabili delle Associazioni), 5 maggio 2014; Azione 8: inaugurazione mostra elaborati alunni, martedì 13 maggio 2014, ore 10,30; Azione 9: Convegno Conclusivo, martedì 20 maggio 2014, ore 17,00. Ripartizione finanziamento assegnato dalle Associazioni di volontariato Le Associazioni che hanno contribuito alla realizzazione del Progetto, sono state le seguenti: Gruppo AIDO Lunigiana (.200,00), Fratres di Massa Carrara (per conto degli otto gruppi provinciali)(.800,00), Ven. le Misericordia di Villafranca L. (.100,00), Ven. le Misericordia di Pontremoli (.200,00), ADISCO (.100,00), per un totale di.1.400,00, Tenuto conto del finanziamento a disposizione e della richiesta condivisa dagli insegnanti referenti in sede di riunione preliminare, di riservare la somma di.300,00 per premiare i tre elaborati (uno per ogni ordine di scuola) ritenuti più significativi, detratta la somma di. 100,00 per la stampa dell inserto speciale sul Progetto Donazione del Giornalino BUM!, la somma residua, pari a.1.000,00 è così suddivisa: Istituzioni Scolastiche con due classi partecipanti (n 4). 50,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con tre/quattro classi partecipanti (n 3). 70,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con cinque/sei classi partecipanti (n 4). 80,00 a Scuola Istituzioni Scolastiche con sette/otto classi partecipanti (n 3). 90,00 a Scuola, per un totale di.1.000,00. 7

8 Ogni classe potrà partecipare alla Mostra conclusiva con un numero massimo di 3 elaborati. Per gli elaborati grafici sono ammessi materiali di dimensioni non superiori a un metro per 70 cm (se trattasi di lavoro di gruppo), di dimensioni non superiori a cm.35 x cm.50 se trattasi di lavori individuali. L inserto Speciale del Giornalino BUM!, che verrà pubblicato a conclusione del Progetto, sarà distribuito alle Associazioni di Volontariato (n. 1 copia) e alle classi partecipanti (n. 1 copia a classe). N. B. Eventuale materiale di lavoro può essere richiesto ai Responsabili delle Associazioni di Volontariato coinvolte nel Progetto di cui sono indicati, a pag. 3, i recapiti telefonici dei Presidenti. Anche per gli interventi nelle classi dei Responsabili delle Associazioni gli insegnanti provvederanno direttamente. Le richieste sia di materiale che di interventi vanno fatte in tempi congrui. INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI COLLATERALI AL PROGETTO Borsa di Studio in memoria di Flavio Longinotti, Croce d oro al merito per la donazione del sangue, infaticabile ed entusiasta Dirigente della Fratres di Pontremoli. La Borsa di Studio, proposta dal locale gruppo Donatori di Sangue, è riservata agli alunni delle classi di Scuola Primaria del Comune di Pontremoli che aderiscono al Progetto. È richiesta l esecuzione individuale di un elaborato artistico sul tema della donazione del sangue e sono previsti tre premi così suddivisi: 1 premio. 150,00, 2 premio. 100,00, 3 premio. 50,00, per un totale di. 300,00. Seguirà regolamento. Mini Marcia della solidarietà. Per il settimo anno consecutivo sarà riproposta, come manifestazione collaterale al Progetto, la Mini marcia della solidarietà che ha visto, nelle passate edizioni, una partecipazione numerosa ed entusiasta di alunni, studenti, donatori e comuni cittadini. La Mini marcia si svolgerà il 16 maggio 2014 da Pontremoli a Filattiera secondo modalità e programma che saranno concordati in sede di riunione conclusiva del Progetto ( maggio 2014). - Testimonianza di Federico Finozzi, trapiantato di fegato - I.I.S. P.Belmesseri Pontremoli, marzo 2014 Visita al Monumento Nazionale al Donatore con itinerari didattici Itinerario n 1 Mattino Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo Etnografico di Villafranca L. 8

9 Itinerario n 2 Mattino Museo Etnografico di Villafranca Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo Malaspina di Mulazzo (ingresso libero) Itinerario n 3 Laboratorio Archeologico di Filattiera Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Museo della Misericordia di Pontremoli (ingresso libero) Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) Itinerario n 4 Campo scuola guida sicura di Pontremoli Monumento Nazionale (visione filmato e visita alla scultura) Pranzo Pomeriggio Castello del Piagnaro Pontremoli (con Museo delle Statue Stele) L organizzazione delle visite sarà curata direttamente dalla Segreteria dell Istituto Comprensivo Tifoni con la quale occorre prendere contatti almeno 15 giorni prima telefonando al n 0187/ o inviando una mail all indirizzo: ALLEGATI VARI 1) Fac-simile per gli incontri con i genitori da tenersi in una giornata che potrebbe essere chiamata Giornata di sensibilizzazione alla donazione Ai Sigg. ri genitori degli alunni della classe.. Ai Sigg. ri insegnanti Ai Sigg. ri Presidenti delle Associazioni di Volontariato Fratres, Avis, Aido, Admo, Adisco Oggetto: Progetto Donazione a.s.2013/14. Loro Sedi Le SS.LL. sono invitate a partecipare all incontro che si terrà.., con inizio alle ore.., presso. L incontro, dal titolo La donazione proposta e illustrata dai ragazzi intende sensibilizzare le famiglie degli alunni sull importanza e sulla necessità del dono, volontario e gratuito, del sangue (compreso il sangue midollare e il sangue cordonale) degli organi e dei tessuti, in riferimento al Progetto indicato in premessa al quale le classi.. del plesso.. hanno puntualmente aderito anche in questo anno scolastico. L incontro sarà così articolato: introduzione del Dirigente Scolastico e dell insegnante referente. interventi degli alunni. 9

10 Per la donazione del sangue Per la donazione del midollo osseo Per la donazione degli organi e tessuti Per la donazione del cordone ombelicale Presentazione dei risultati del questionario proposto alle famiglie considerazione dei Presidenti delle Associazioni di volontariato dibattito e conclusioni Si confida nella più ampia partecipazione. Distinti saluti Il Dirigente Scolastico 2) Fac-simile del questionario da proporre alle famiglie Oggetto: Progetto Donazione a.s. 2013/14. Ai Sigg. ri Genitori degli alunni delle classi. Loro sedi In riferimento al Progetto indicato in premessa, inserito nel Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) dell Istituto, consultabile sul sito., chiediamo cortesemente alle SS.LL. di voler rispondere alle domande del sottostante questionario da restituire alla Scuola, tramite gli alunni, entro il.. Si ringrazia e si porgono cordiali saluti. Il Dirigente Scolastico ==================================================================== QUESTIONARIO (Da restituire alla scuola entro il entro il ) Conosce il progetto donazione? si no Come giudica tale progetto? favorevolmente sfavorevolmente In famiglia ci sono donatori di sangue? si no In caso affermativo chi è il donatore? il papà la mamma il fratello/la sorella altri (specificare) Ritiene opportuno riproporre il progetto anche nel prossimo anno scolastico? si no Conosce l ADMO? si no Conosce l AIDO? si no Conosce l ADISCO? si no Cosa pensa della donazione degli organi dopo la morte? sono favorevole sono contrario 10

11 Eventuali Annotazioni Grazie per la collaborazione 3) Traccia di verifica/valutazione degli incontri delle scolaresche con i Volontari delle Associazioni (Esperti esterni) Data orario Scuola classe n alunni Insegnanti presenti Associazione intervenuta Conoscenze di base degli alunni sulle tematiche del Progetto (1) Conoscenze specifiche sulla donazione oggetto dell incontro (1) Interesse e partecipazione degli alunni (2) Domande formulate (3) Consegna di materiale divulgativo Ulteriori annotazioni Il Responsabile dell Associazione di volontariato (1) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): ottime, buone, sufficienti, scarse (2) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): validi e positivi, superficiali, inadeguati (3) Utilizzare uno dei seguenti indicatori (eventualmente modificati): numerose e pertinenti, scarse, banali e insignificanti. 11

12 GLI SVILUPPI DEL PROGETTO A.S. 1999/2000 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 75 alunni A.S. 2000/2001 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 90 alunni A.S. 2001/2002 I.C. Tifoni Pontremoli n. 5 classi n. 99 alunni A.S. 2002/2003 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli - I.I.S. Belmesseri Pontremoli A.S. 2003/2004 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.I.S. Da Vinci Villafranca -I.I.S. Belmesseri Pontremoli A.S. 2004/2005 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.I.S. Da Vinci Villafranca-I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 16 classi n. 289 alunni A.S. 2005/2006 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Baracchini Villafranca I.C. Moratti Fivizzano -I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 17 classi n. 270 alunni A.S. 2006/2007 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Moratti Fivizzano I.C. Baracchini Villafranca I.C. Cocchi Licciana - I.I.S. Belmesseri Pontremoli n. 28 classi n. 451 alunni A.S. 2007/2008 A.S. 2008/2009 A.S.2009/2010 A.S.2010/2011 A.S.2011/12 I.C. Tifoni - I.C. Ferrari Pontremoli -I.C. Baracchini Villafranca I.C. Moratti Fivizzano - I.C. Cocchi Licciana N., D.D. 4 Circolo Massa Sc. Media Malaspina-Staffetti Massa I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. n. 41 classi n. 721 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Alighieri Aulla - I.C. Baracchini Villafranca - I.C. Cocchi Licciana N.- I.C. Moratti Fivizzano - D.D. 4 Circolo Massa - D.D. Aulla - Sc. Media Malaspina-Staffetti Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. I.I.S. Pacinotti Bagnone n. 46 classi n. 851 alunni I.C. Tifoni Pontremoli- I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla - I.C. Moratti Fivizzano I.C.Carrara 5 - I.C. Gentili Fossola I.C. Giorgini Montignoso - D.D. 4 Circolo Massa D.D. Aulla Scuola Sec.1 grado Bertagnini Massa Scuola Sec.1 grado Don Milani Marina di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti - Bagnone n.48 classi n.843 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla - I.C.Carrara 5 - I.C. Giorgini Montignoso I.C. Alfieri-Bertagnini Massa -D.D. Aulla - Scuola Sec.1 grado Don Milani Marina di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti Bagnone D.D. Carrara 3 - D.D. Carrara 1 - I.C. Buonarroti Marina di Carrara n.64 classi n.1243 alunni I.C. Tifoni Pontremoli - I.C. Ferrari Pontremoli - I.C. Baracchini Villafranca L.-I.C. Alighieri Aulla - I.C.Carrara 5 - I.C. Giorgini Montignoso I.C. Alfieri- Bertagnini Massa -D.D. Aulla - Scuola Sec.1 grado Don Milani M.di Massa - I.I.S. Belmesseri Pontremoli - I.I.S. Da Vinci Villafranca L. - I.I.S. Pacinotti Bagnone D.D. Carrara 1 - I.C. Buonarroti Marina di Carrara-I.I.S. Barsanti Massa- I.C. Piazza al Serchio- D.D. 5 Circolo Massa- I.C. Moratti -Fivizzano n.80 classi n.1471 alunni A.S. 2012/13 I.C. Tifoni Pontremoli I.C. Ferrari Pontremoli I.C. Baracchini Villafranca L.- I.C. Alighieri Aulla Direzione Didattica Aulla I.C. Moratti Fivizzano I.C. Carrara 5 Marina di Carrara I.C. Alfieri/Bertagnini Massa I.C. Carrara e Paesi a Monte Carrara I.C. Giorgini Montignoso I.C. Buonarroti Marina di Carrara I.I.S. Belmesseri Pontremoli I.I.S. L.Da Vinci Villafranca n.67 classi n.1258 alunni La presente dispensa è scaricabile dal sito

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PREMESSE In considerazione del cospicuo numero di assunzioni di personale tecnicoamministrativo, recentemente inquadrato nelle diverse strutture di Ateneo, a far data dal 1 gennaio 2007, l Amministrazione

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LOCALITA' CONSEGNA DEL 20 GENNAIO 2015. BOTTIGNANA 4 Rec. Terenzoni BUCA DI AGNINO

LOCALITA' CONSEGNA DEL 20 GENNAIO 2015. BOTTIGNANA 4 Rec. Terenzoni BUCA DI AGNINO LEPRI - PIANO DI RIPRODDUTTORI ANNO 2015 IMMISSIONI EFFETTUATE AL 16 GENNAIO 2015 N. DI D' COMUNE DI CONSEGNA DEL 20 1 CASOLA L. - COMANO - FIVIZZANO PENNUCCI LUCIANO CASOLA L. COMANO FIVIZZANO MAESTA'

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1.

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1. GAL Consorzio Lunigiana Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione d interesse per la Misura 3233 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale r sottomisura a) Tutela e riqualificazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli