Guadagnare salute. con il volontariato e la donazione di sangue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guadagnare salute. con il volontariato e la donazione di sangue"

Transcript

1 Guadagnare salute con il volontariato e la donazione di sangue

2 Il personale medico del Servizio Trasfusionale è presente in sede nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 18,00 il sabato dalle ore 8,00 alle ore 16,00 ed è a disposizione dei donatori per ogni chiarimento L ufficio di segreteria è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 15, AVIS Sezione Comunale di Vigevano Corso Milano, VIGEVANO - PV

3 Guadagnare SALUTE Tra gli scopi e gli obiettivi di Avis ci sono quelli di diffondere la cultura della donazione, della solidarietà, del dono e di contribuire all autosufficienza di emocomponenti e plasmaderivati. Ed ancora, la salvaguardia della salute del donatore e del ricevente e, di conseguenza, la possibilità di intraprendere un percorso di prevenzione delle malattie e della salute in generale. Studi medici e scientifici riconoscono la prevenzione quale unico e significativo strumento per un vivere sano e per diminuire significativamente il manifestarsi di determinate malattie che nella nostra epoca sono divenute ormai preponderanti. Ciascuno di noi è inserito all interno di una società ricca nella quale consumare in modo voluttuario e mantenere abitudini non sempre in linea con una vita sana determinano gravi rischi per lo stato di salute. L alimentazione, il fumo, gli ambienti di lavoro e l inquinamento, per citarne solo alcuni, sono un insieme di situazioni e comportamenti che determinano, nel tempo, il verificarsi di possibili danni per il nostro corpo e il nostro ben essere. Queste alcune delle considerazioni che hanno spinto Avis Vigevano a realizzare una pubblicazione che mira ad accompagnare le persone a riflettere sul proprio stile di vita. Questo opuscolo potrà essere conservato e servire ad ogni componente della famiglia quale strumento di rispetto di sé stessi, della propria ed altrui vita. Giuseppe Maestrone presidente Avis Vigevano 3

4 Breve storia di AVIS Vigevano 14 ottobre 1929 Due convogli in servizio sulla linea Vigevano-Lomello si scontrano nei pressi di Gambolò causando sette morti e una trentina di feriti. Venuto a conoscenza del disastro, il cittadino vigevanese Pietro Bocca offre al professore Saviozzi dell Ospedale di Vigevano la sua disponibilità per eventuali trasfusioni di sangue. Da questo fatto accidentale nasce l idea di costituire un gruppo di donatori di sangue o, per la precisione, di datori di sangue vigevanesi. Guadagnare SALUTE 4 29 aprile 1932 Il dottor Vittorio Formentano, che nel 1927 aveva fondato a Milano l AVIS, scrive a Pietro Bocca che saremo ben lieti se potremo costituire una sottosezione dell AVIS anche a Vigevano. Per sollecitare la cosa abbiamo pensato e deciso di venire noi personalmente costì, domenica 11 settembre verso le ore (secondo arrivo treno) e alla di Lei abitazione. Trascorrono gli anni, si infittisce la corrispondenza fra il dottor Vittorio Formentano e Pietro Bocca, ma il desiderio sembra difficile da concretizzare. Bisognerà attendere il 10 luglio 1947 quando un piccolo gruppo di donatori assistiti dal professor Luigi Cattaneo, direttore sanitario dell allora Civico Ospedale, costituisce ufficialmente l Associazione Donatori di Sangue di Vigevano, con sede in Corso Milano L Associazione Donatori di Sangue di Vigevano richiede di aderire all AVIS sia perché quest ultima era stata riconosciuta giuridicamente in campo nazionale e sia per la sua valida organizzazione in grado di garantire, in caso di necessità, una decisiva e confortevole assistenza alla piccola associazione vigevanese. Viene benedetto il nuovo labaro e si assegna la prima medaglia d oro a Maria Amodeo per aver effettuato settantacinque donazioni.

5 1959 Sette donatori di Avis Vigevano passano alla storia per essere i primi italiani ad offrire il proprio midollo ad un operaio calzaturiero affetto da aplasia midollare da benzolo in trasformazione leucemica: la cosiddetta peste bianca. Queste splendide persone sono: Pietro Bocca, Felice Calatti, Pietro Zanetti, Carlo Pavesi, Ezio Zambruno, Antonio Mercalli e Giuseppe Papetti. Gli esami di compatibilità individuano nel Bocca e nel Calatti i donatori con le caratteristiche genetiche più affini al paziente. Il trapianto viene effettuato presso la Clinica Medica dell Università di Pavia dal giovane professore vigevanese Giuseppe Marinone che all epoca fa parte dell équipe del professor Paolo Introzzi, titolare della cattedra presso la Clinica Universitaria di Pavia. Nessuno poteva immaginare che quel nugolo di entusiaste e generose persone avrebbe anticipato di tre decenni la nascita dell Associazione Donatori di Midollo Osseo (ADMO), costituita a livello nazionale nel 1990 e a Vigevano nel Il decreto ministeriale prot. n /637/T.57.2 riconosce anche all Ospedale Civile degli Infermi di Vigevano la possibilità di disporre di un centro trasfusionale. Il personale viene regolarmente gestito dall Avis comunale fino al 1974 quando si stipula una convenzione che prevede il passaggio di gestione del Centro Trasfusionale all Ospedale Civile, in ottemperanza al decreto della Regione Lombardia n. 3/P/1/74 sanità prot. n. 511/ Il 2 maggio viene effettuata la prima donazione di solo plasma (plasmaferesi) a Vigevano Conferita la Scarpina d Oro ad Avis Vigevano per ricordare il sessantesimo anniversario di fondazione, rimarcare il radicamento sul territorio, l esempio ed il fondamentale contributo offerti a livello provinciale e regionale, sottolineare le molteplici attività rivolte ai giovani sui temi della donazione di sangue e della solidarietà. 5

6 Un bene di TUTTI Nel mondo del volontariato sicuramente AVIS è l associazione più numerosa e di lunga tradizione: la sua attività si basa su valori importanti quali la generosità, la disponibilità, l attenzione per l altro, l impegno civile. La sua presenza costante sul territorio contribuisce ad un obiettivo fondamentale per la nostra salute quale l autosufficienza nazionale di sangue e dei suoi prodotti. Questo significa avere sempre a disposizione gli emocomponenti necessari a far fronte ad ogni richiesta di terapia trasfusionale: negli anni futuri, non troppo lontani, con l allungamento delle aspettative di vita le richieste sono destinate ad aumentare ed il numero dei donatori è destinato a diminuire. È quindi fondamentale che nelle nuove generazioni si alimenti la conoscenza e la consapevolezza dell importanza di questo dono. Guadagnare SALUTE Il donatore: è la figura principale di tutto il processo, è la fonte insostituibile della risorsa sangue che nessun laboratorio è ancora riuscito a riprodurre, se non in minima parte. È il punto di partenza di questa necessità che richiede un volontariato attivo che si manifesta con il prelievo periodico del proprio sangue in modo anonimo, gratuito, responsabile: è un portatore di salute, di una terapia in larga parte insostituibile. Il suo volontariato non si esaurisce con l atto della donazione, ma prosegue nella vita di tutti i giorni in quanto deve sottoporsi a controlli più frequenti del proprio stato di salute e deve mantenere uno stile di vita corretto. Praticare attività fisica, anche moderata, avere un alimentazione sana, non abusare di sostanze alcoliche e avere la consapevolezza dell altro, di cui prendersi cura, sono requisiti fondamentali per essere un modello di prevenzione da imitare. L importanza della donazione di sangue viene celebrata il 14 giugno di ogni anno nella Giornata Mondiale del donatore di sangue ed ogni Paese propone iniziative (spot pubblicitari e altro), convegni, incontri per far conoscere la donazione. 6 Il sangue donato: la medicina trasfusionale in questi ultimi vent anni ha incrementato le sue conoscenze e investito molte risorse nella sicurezza per

7 donare e ricevere, sotto ogni punto di vista infettivologico, immunologico, di formazione del personale sanitario per arrivare a garantire una terapia mirata ed adeguata ad ogni paziente. Senza globuli rossi, plasma, piastrine e farmaci derivati dal sangue, molti malati non potrebbero guarire o sopravvivere, molte terapie mediche e chirurgiche non avrebbero successo senza il supporto trasfusionale. Negli ultimi anni numerosi studi sulle proprietà dei componenti del sangue hanno portato all uso non trasfusionale, ma come terapia locale, sfruttando la capacità di rigenerare e curare tessuti: emocomponenti come gel piastrinico e colla di fibrina sono utilizzati in chirurgia generale e ortopedica, in odontoiatria, in oculistica, in cardiochirurgia, nella cura di importanti ulcere degli arti inferiori. Date queste premesse, è sicuramente importante conoscere qualcosa di più sul volontariato avisino e sui molteplici interessi di un associazione che desidera essere sempre più attuale e attenta ai cambiamenti e ricordare come i donatori siano, perché no, persone un po speciali, ai quali va la nostra gratitudine per il gesto che compiono, a volte anche in momenti difficili della propria vita. Donatella Gronda dirigente SIMT Vigevano direttore sanitario Avis Vigevano 7

8 Donazione di sangue: stile di vita Il sangue è un tessuto biologico indispensabile alla vita e non riproducibile artificialmente; la necessità di sangue è in costante crescita perché ha un larghissimo impiego terapeutico in numerose malattie. Il sangue è indispensabile in caso di incidenti e gravi traumi, in numerosi interventi chirurgici, nei trapianti d organo, in molte patologie oncologiche ed ematologiche acute e croniche ed in moltissimi altri casi. I donatori di sangue compiono un gesto volontario, gratuito, periodico e in forma anonima. Le donazioni di donatori periodici, volontari, anonimi, non retribuiti e consapevoli rappresentano una garanzia per la salute di chi riceve e di chi dona. Un aspetto di peculiare importanza è la consapevolezza nel gesto della donazione; essa rappresenta infatti una prerogativa del donatore di sangue. Guadagnare SALUTE 8 Gli emocomponenti trasfusi ai malati devono provenire necessariamente da soggetti sani poiché la tutela del ricevente è di primaria importanza: vengono eseguiti esami per la tutela sia del donatore sia del ricevente. La donazione deve essere soprattutto un atto responsabile. Donare il sangue è un atto di sensibilità e responsabilità nei confronti degli altri e di sé stessi. La selezione del nuovo donatore viene effettuata dal personale medico del Servizio Trasfusionale attraverso una visita medica ed un colloquio individuale. Questo è un passaggio fondamentale per accertare lo stato di salute del donatore al momento della donazione. In alcuni casi gli esami del sangue effettuati sul donatore possono risultare alterati, pur in assenza di disturbi clinicamente evidenti, e le unità raccolte devono essere scartate. Spesso il problema è riconducibile a regimi nutrizionali e comportamenti non corretti. Fondamentali sono quindi per il donatore le conoscenze relative all importanza di un corretto stile di vita. Una giusta alimentazione ed un regolare stile di vita sono dei fattori cruciali non solo per il mantenimento dello stato di salute, ma soprattutto per la prevenzione di gravi patologie come i tumori e le patologie cardiovascolari, attualmente le cause più frequenti di morbilità e mortalità nel mondo occidentale.

9 Le malattie cardiovascolari, in particolare l infarto miocardico e l ictus cerebrale, costituiscono la più frequente causa di mortalità e invalidità nella popolazione adulta. Il rischio di malattie cardiovascolari è tuttavia reversibile attraverso l adozione di un corretto stile di vita. Praticare un attività fisica regolare, smettere di fumare, seguire un alimentazione povera di grassi, varia ed equilibrata, non eccedere con l alcol sono sane abitudini che possono avere effetti benefici su moltissimi fattori che influenzano il benessere dell apparato cardiovascolare (come il livello del colesterolo, dei trigliceridi, della pressione arteriosa e l obesità) e che sono alla base dell insorgenza dei tumori. Anche nel caso delle patologie oncologiche l incidenza e la prevalenza sono in continua crescita e un importante concausa è da ricercare nella diffusione di stili di vita poco salutari e di abitudini scorrette; la popolazione sta invecchiando progressivamente, aumentano gli obesi e i sedentari e tutti questi fattori giocano un ruolo fondamentale nell incremento dell incidenza di numerosi tumori. Basti pensare che, se tutti adottassero uno stile di vita corretto, si potrebbe evitare la comparsa di circa un caso di cancro su tre. È evidente quindi che l adozione di uno stile di vita sano è di fondamentale importanza per il mantenimento dello stato di salute e per la prevenzione di moltissime patologie. Marta Ubezio 9

10 I gruppi SANGUIGNI Il 14 giugno 1868 nasceva Karl Landsteiner, medico viennese non molto noto ai più, scopritore nel 1909 dei gruppi sanguigni. I suoi studi, che gli hanno valso il premio Nobel, hanno portato dapprima alla suddivisione del sangue nei vari gruppi sanguigni del sistema A B 0 e successivamente alla scoperta di altri fattori che distinguono i diversi tipi di sangue, quale ad esempio il fattore Rhesus (fattore Rh). Su questo sistema ancora oggi si basano i criteri di compatibilità fra i donatori e i riceventi per le trasfusioni. Nel sistema A B 0 esistono quattro diversi gruppi sanguigni: A - B - AB - 0. Ognuno di essi può essere positivo o negativo in base alla presenza o assenza del fattore Rh. Guadagnare SALUTE Cos è il fattore Rh? È stato scoperto nel 1940 da Landsteiner e Wiener e prende il nome dalla specie di primati Macaco Rhesus, il nome zoologico della scimmia in cui questo fattore fu scoperto per la prima volta. Si tratta di un antigene sito in una proteina presente sulla superficie dei globuli rossi (eritrociti). I determinanti antigenici possono essere C, D ed E ma il più significativo è il D. Chi presenta l antigene D sui globuli rossi è definito Rh+ (Rh positivo), mentre chi non lo presenta è definito Rh (Rh negativo). Gruppi sanguigni Può DONARE a Può RICEVERE da 10 A+ A+ AB+ A+ A 0+ 0 A A A+ AB AB+ A 0 B+ B+ AB+ B+ B 0+ 0 B B B+ AB AB+ B 0 AB+ AB+ AB+ AB A+ A B+ B A+ AB+ B A A+ B B+ AB AB+ 0

11 A cosa serve il sangue? Il sangue è un liquido formato dal plasma nel quale si trovano in sospensione globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. I globuli rossi (o eritrociti) sono la componente del sangue che permette lo scambio dei gas tra l interno dell organismo e l esterno. I globuli bianchi (o leucociti) hanno la funzione principale di difendere l organismo da virus, batteri e da tutti i corpi estranei e dannosi. Le piastrine non sono delle vere e proprie cellule ma frammenti di cellule di forma ovale che permettono la coagulazione del sangue. Il plasma è la parte liquida del sangue attraverso cui vengono trasportate le cellule ed è costituito per il 90% da acqua e per il resto da sali, enzimi, anticorpi e proteine. Attraverso la circolazione cardiovascolare, il sangue collega tutti i tessuti e gli organi del nostro corpo, risultando fondamentale per la vita degli esseri umani. Le sue funzioni sono molteplici: respiratoria, trasportando ossigeno dai polmoni verso gli organi e anidride carbonica da questi ai polmoni per eliminarla con l espirazione; di difesa dell organismo dalle infezioni (da virus, germi, sostanze tossiche...); di coagulazione, permettendo di prevenire le emorragie; nutritive e di eliminazione di sostanze di rifiuto; regolatrice della temperatura corporea e della pressione. La trasfusione Sono trascorsi quasi due secoli da quando, nel 1818, il medico inglese James Blundell eseguì con successo la prima trasfusione di sangue da braccio a braccio. Il donatore e il paziente ricevente (marito e moglie) erano rimasti accanto fino al termine dell operazione. Oggi invece è possibile raccogliere il sangue in un contenitore in cui è presente una sostanza che ne impedisce la coagulazione e altre che permettono di conservarlo per disporre di scorte pronte ad essere utilizzate nei casi di bisogno. Esistono infatti malattie e particolari condizioni in cui il sangue è un vero e proprio farmaco salvavita. Nei casi di malattie del sangue, come tumori, leucemie o emofilia, nei casi di gravi incidenti o di operazioni chirurgiche e trapianti d organo il sangue è insostituibile. Nel caso di interventi chirurgici programmati è possibile pre-depositare il proprio sangue (autotrasfusione) previa valutazione dell idoneità del paziente/donatore da parte dei sanitari. Il sangue viene prelevato in tempi ben definiti, conservato e trasfuso in caso di necessità solo al paziente che si è sottoposto al predeposito. 11

12 Donare sangue è importante Guadagnare SALUTE 12 CHI PUÒ AVERE BISOGNO DEL SANGUE? Chi si sottopone ad intervento chirurgico Chi ha serie malattie del sangue Chi ha malattie oncologiche Chi necessita di trapianto Chi ha rilevanti perdite acute di sangue (emorragie, incidenti stradali...) CHI PUÒ DONARE SANGUE? Chiunque abbia 18 anni di età, pesi più di 50 chili, abbia uno stato di salute buono, non abbia comportamenti a rischio tali da poter trasmettere gravi malattie infettive. Altre situazioni possono essere valutate dal medico. COME SI DIVENTA DONATORI? È importante tutelare la salute del donatore e del ricevente, per questo l aspirante donatore viene sottoposto ad una visita, ad accertamenti clinici e ad un colloquio con il medico durante il quale riceverà informazioni dettagliate sulla donazione. Accertata l idoneità, il donatore potrà effettuare la sua prima donazione dopo circa 45 giorni (donazione differita). CONSIGLI AL DONATORE È importante seguire un alimentazione corretta e praticare con regolarità attività fisica, anche modesta. Nei giorni precedenti la donazione evitare l assunzione di alcolici e di cibi grassi o fritti che potrebbero alterare l esito di alcuni esami ematochimici. La sera precedente si può cenare normalmente. La mattina della donazione è possibile bere acqua, spremute, tè, caffè poco zuccherati, accompagnati da un frutto o fette biscottate. È importante rispondere responsabilmente alle domande presenti sul questionario predonazione per evitare una donazione non corretta che può risultare dannosa per il ricevente e per il donatore stesso. Durante la donazione si riceverà continua assistenza dal personale sanitario dedicato alla sala prelievi. Dopo la donazione è preferibile rimanere sulla poltrona alcuni istanti, alzarsi lentamente e assumere bevande (acqua, tè, succo di frutta). Si consiglia: una colazione con l assunzione di carboidrati senza eccedere, bere almeno 200 ml di liquidi, evitare gli alcolici e non fare attività faticose. Durante la giornata bere molta acqua e alimentarsi con cibi leggeri. È inoltre importante che il donatore comunichi tempestivamente al personale della struttura trasfusionale eventuali malesseri insorti dopo la donazione o nei giorni successivi, quali: febbre, sintomi influenzali, stanchezza...

13 La DONAZIONE di midollo osseo... Il midollo osseo è la fabbrica grazie alla quale vengono prodotte tutte le cellule del sangue. Si trova all interno delle ossa, in particolare nelle ossa piatte (come il bacino e lo sterno) e nel tessuto spugnoso di alcune ossa lunghe (come il femore e l omero); quando viene prelevato appare molto simile al sangue. Nell uomo adulto è la sede principale dell emopoiesi dove, a partire da cellule progenitrici, si formano e si differenziano tutte le cellule del sangue. Il midollo osseo rappresenta la sede delle cellule staminali che hanno la capacità di differenziarsi in molti altri tipi di cellule, come i leucociti (globuli bianchi), gli eritrociti (globuli rossi) e i trombociti (piastrine). Molte patologie possono compromettere la normale architettura del midollo osseo o la sua capacità di dare origine alle cellule circolanti del sangue, come ad esempio le leucemie, che derivano da un alterazione delle cellule staminali o progenitrici del midollo osseo. Quando necessario, il midollo malato deve essere distrutto e sostituito mediante il trapianto di un midollo di un donatore sano. Le cellule del donatore infuse nel ricevente viaggiano attraverso il torrente ematico fino al midollo osseo dove iniziano la produzione delle cellule ematiche. Sono molte le persone che ogni anno in Italia necessitano di trapianto, che in molti casi costituisce una terapia salvavita. La procedura di trapianto di midollo osseo è costituita da due fasi: in un primo momento il midollo malato viene distrutto mediante farmaci chemioterapici e/o con l utilizzo di radiazioni, successivamente viene infuso nel malato il midollo sano del donatore. Le cellule staminali qui presenti provvederanno alla ricostituzione dell emopoiesi nel ricevente. Requisito fondamentale per il trapianto di midollo osseo da donatore è la compatibilità genetica, che purtroppo costituisce un caso molto raro che ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei. In particolare ogni individuo eredita metà del patrimonio genetico da ciascun genitore, e la probabilità di avere un fratello geneticamente identico è di 1 su 4. Per coloro che non possiedono un donatore consanguineo disponibile, la possibilità di trovare un midollo osseo compatibile per il trapianto è unicamente legata alla presenza di donatori volontari, dei quali siano note 13

14 le caratteristiche genetiche. Più il numero dei donatori è elevato, più alta è la possibilità per i pazienti di trovare un midollo compatibile. I potenziali donatori vengono sottoposti alla tipizzazione HLA (valutazione delle caratteristiche genetiche), che avviene con un semplice prelievo di sangue. I dati vengono poi inviati al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo (IBMDR). Le cellule staminali possono essere prelevate direttamente dalle ossa del bacino, generalmente sotto anestesia totale. Si tratta di una procedura poco invasiva che crea solo un disagio di scarsa entità. Un altra opzione prevede la somministrazione di farmaci che stimolano la produzione di cellule staminali nel midollo osseo e la loro immissione nel sangue circolante, da cui vengono prelevate da una vena periferica, come nel caso della donazione di sangue. L ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo), nata nel 1990 a Milano, ha come scopo informare la popolazione italiana sulla possibilità di combattere molte neoplasie ematologiche come le leucemie, i linfomi e il mieloma attraverso la donazione e il trapianto di midollo osseo. Guadagnare SALUTE...e del cordone ombelicale Anche il sangue del cordone ombelicale assomiglia molto per composizione al midollo osseo, poiché contiene infatti molte cellule staminali in grado di colonizzare il midollo osseo e di riprodursi, dando origine ai diversi elementi del sangue. Il prelievo del sangue del cordone ombelicale è un procedimento molto semplice e del tutto innocuo per la madre e per il neonato e può essere effettuato sia dopo il parto naturale sia dopo il taglio cesareo. Il sangue può essere prelevato e conservato anche per molti anni, in modo da essere sempre disponibile al momento del trapianto di midollo osseo. 14 ADlSCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) è la prima associazione al mondo che riunisce le donne che donano il sangue del cordone ombelicale.

15 Attività FISICA L attività fisica è ormai considerata uno stile di vita protettivo nei confronti delle principali e più diffuse malattie croniche e in grado di favorire il benessere psico-fisico della persona. Gli studi medico-scientifici raccomandano di praticare ogni giorno un attività fisica di moderata intensità come camminare, andare in bicicletta, salire le scale, dedicarsi ai lavori domestici e di giardinaggio, portare a spasso il cane... L importante è mantenersi in forma sfruttando qualsiasi occasione! Le evidenze scientifiche dimostrano che l attività e la buona forma fisica sono in grado di ridurre ad esempio patologie cardiovascolari, dipendenze, obesità, ipertensione e a migliorare la socializzazione, l autostima, il controllo dello stress, l autosufficienza, l equilibrio e il tono muscolare. Gruppi di Cammino Camminare trenta minuti al giorno per cinque giorni alla settimana può essere in molti casi più efficace che assumere farmaci! ll cammino è una pratica a disposizione di tutti, anche dei soggetti anziani, non richiede particolari abilità né un equipaggiamento specifico (solo abbigliamento idoneo e scarpe comode). Si può camminare in tutte le zone del proprio abitato, preferibilmente in quelle verdi. I Gruppi di Cammino sono attività facilmente organizzabili e praticabili nelle quali un gruppo di persone si trova due-tre volte alla settimana per camminare, lungo un percorso urbano o extraurbano, sotto la guida di un walking leader interno al gruppo e appositamente addestrato. Non richiedono particolari disponibilità e risorse economiche. 15

16 L alimentazione del donatore Al giorno d oggi è noto che l alimentazione rappresenta uno dei fattori che maggiormente condizionano la qualità della vita poiché essa può avere un ruolo determinante come causa di disturbi e patologie assai diffuse, ma anche come strumento di controllo e, soprattutto, di prevenzione. Un alimentazione equilibrata insieme ad una regolare attività fisica contribuisce senza dubbio alla salute di ogni individuo: è dunque fondamentale prestare attenzione alla quantità, alla qualità ed alla varietà del cibo che consumiamo, al fine di evitare squilibri nutrizionali ed il conseguente pericolo di squilibri metabolici. Il modello di Dieta Mediterranea che è stato recentemente proclamato patrimonio immateriale dell Umanità offre un modello alimentare non solo salutare, ma anche molto gradevole ed attraente per la varietà e la qualità delle materie prime, così come per la loro combinazione in ricette saporite e gustose. Guadagnare SALUTE Alcuni suggerimenti per una sana alimentazione 16 Distribuire adeguatamente i pasti durante la giornata (colazione-pranzocena, eventualmente uno o due spuntini), consumandoli possibilmente sempre alla stessa ora, per regolarizzare i meccanismi di fame e sazietà. Dare la giusta importanza ad ogni pasto! Incominciare sempre la giornata con una buona colazione che apporti circa il 20% del fabbisogno calorico totale giornaliero. Evitare di saltare il pasto : con l accumulo è più facile incamerare l eccesso calorico relativo e, di conseguenza, ingrassare. Masticare bene e a lungo per gustare e assimilare meglio il cibo. Scegliere metodi di cottura che non richiedano o che limitino l aggiunta di grassi da condimento: al forno, al cartoccio, alla griglia, al vapore, mediante bollitura o utilizzando padelle antiaderenti. Dare la preferenza ai grassi da condimento di origine vegetale, in particolare all olio extra vergine di oliva.

17 Limitare l uso di sale, sia a tavola sia in cucina, riducendone il consumo gradualmente in modo da rieducare il palato a cibi meno salati. Utilizzare le erbe aromatiche e le spezie per insaporire i cibi: rappresentano delle preziosissime alleate in cucina. Impiegare per cucinare anche il succo di limone e l aceto che agiscono come esaltatori della sapidità dei cibi e permettono addirittura di dimezzare la quantità di sale aggiunto. Limitare le porzioni ed il consumo di salumi ed insaccati, ricchi di sodio e di grassi. Ad esempio, il classico antipasto all italiana a base di affettati può essere sostituito con proposte alternative più leggere e altrettanto stuzzicanti, come bruschette, crostini, ecc.... a base di verdure. Limitare le porzioni ed il consumo di formaggi, ricordando che essi dovrebbero essere considerati come secondi piatti e non come gradevoli aggiunte al pasto. Inserire nella dieta il pesce, ricco di acidi grassi polinsaturi di tipo omega- 3, che svolgono un efficace azione preventiva nei confronti delle patologie cardiovascolari. Non eliminare dalla dieta i cereali ed i loro derivati, ma controllarne la quantità consumata ed introdurli nella dieta anche in forma integrale. Assumere regolarmente verdure, crude e cotte; arricchire la dieta con minestroni e zuppe a base di verdure, eventualmente accompagnate da crostini di pane integrale. Consumare dai 2 ai 4 frutti al giorno, ricordando che più se ne riduce il volume, più ne diminuisce l efficacia: centrifugati e spremute non apportano quantità significative di fibre alimentari. Per ottenere una protezione dalle malattie cronico-degenerative è raccomandato un consumo giornaliero medio di g 400 di ortaggi e frutta, variando il più possibile la scelta tra le diverse varietà e dando la preferenza a quelli di stagione. Mantenere sempre una buona idratazione, bevendo almeno 8-10 bicchieri d acqua durante la giornata. È bene ricordare che le acque minerali con un residuo fisso di almeno 500 mg per litro e con un buon contenuto in calcio possono costituire un ottima fonte di calcio biodisponibile. Non dimenticare l importanza di un giusto equilibrio tra le calorie assunte e quelle consumate: praticare regolarmente una sana attività motoria, anche moderata come, ad esempio, camminare per almeno 30 minuti al giorno. Lorena Bolesina dietista Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia Presidio Ospedaliero di Vigevano 17

18 ed alcune ricette Bruschette alla rucola Ingredienti per 4 persone: 4 fette di pane integrale, g 200 di formaggio caprino fresco, 1 mazzetto di rucola, 2 spicchi d aglio, 1 cucchiaio di olio extra vergine d oliva, peperoncino rosso in polvere (facoltativo) Procedimento - Lavate, sgrondate e tritate le foglie di rucola. A parte, in una ciotola, lavorate il caprino con i rebbi di una forchetta e conditelo, se lo gradite, con il peperoncino. Aggiungetevi la rucola tritata e l olio e mescolate bene. Disponete le fette di pane sulla griglia del forno e fatele tostare a C per qualche minuto. Quindi trasferitele su un piatto da portata e strofinatele con l aglio, dopo averlo spellato. Infine, spalmate sulle bruschette il caprino alla rucola e servite. Guadagnare SALUTE Calorie per porzione: 235 Grassi: 7 g Colesterolo: 16 mg Calcio: 225 mg Proteine: 11 g Zuccheri: 35 g Fibra: 4 g Arance e finocchi Ingredienti per 4 persone: 4 finocchi, 3 arance sanguinelle, 1 porro (o 1 piccola cipolla di Breme), 4 cucchiai di olio extra vergine d oliva, un pizzico di sale Procedimento - Sbucciate le arance, pelatele al vivo e tagliatele a fettine sottili. Lavate i finocchi, mondateli e tagliateli a fettine sottilissime, con un pelapatate. Lavate, mondate ed asciugate il porro, quindi affettatelo a rondelle sottili. Mettete le verdure e le arance in una insalatiera e condite con un pizzico di sale e con l olio. Mescolate con cura. Lasciate riposare per circa un quarto d ora prima di servire in tavola. 18 Calorie per porzione: 170 Grassi: 7 g Colesterolo: 0 mg Proteine: 3 g Zuccheri: 17 g Fibra: 7 g

19 Linguine arlecchino Ingredienti per 4 persone: g 320 di pasta di semola formato linguine, 1 cespo di insalata di Chioggia, 1 zucchina, 1 carota, 1 scalogno, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 4 cucchiai di olio extra vergine d oliva, 4 cucchiai di vino bianco, sale e pepe Procedimento - Lavate, mondate e tagliate a striscioline l insalata. Lavate, mondate e tagliate a fettine sottili (in lunghezza) con un pelapatate la carota e la zucchina. Sbollentate carote e zucchine in acqua leggermente salata per 2, quindi scolatele bene. Sbucciate e tritate lo scalogno, mettetelo in una padella antiaderente con l olio e fatelo appassire a fuoco basso. Unite l insalata e fatela insaporire per qualche istante, quindi aggiungete carote e zucchine e cuocete le verdure per 10 unendo il vino bianco. Salate e pepate secondo il vostro gusto. Cuocete le linguine al dente in abbondante acqua bollente salata, scolatele conservando un poco della loro acqua di cottura. Mettetele nel tegame delle verdure, unite l acqua, il prezzemolo tritato e spadellate per qualche istante. Servite le linguine ben calde. Calorie per porzione: 360 Proteine: 10 g Grassi: 5 g Zuccheri: 72 g Colesterolo: 0 mg Zuppa di carciofi Ingredienti per 4 persone: 6 carciofi, 1,5 litri di brodo vegetale, 2 uova, 4 fette di pane integrale, 3-4 cucchiai di parmigiano grattugiato, g 80 di fontina tagliata a lamelle, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 1 spicchio d aglio tritato, 1 cipolla tritata, 2 cucchiai d olio extra vergine d oliva, 1 limone, sale, pepe (facoltativo) Procedimento - Mondate i carciofi, divideteli a metà, tagliateli a fettine e metteteli in una ciotola con acqua fredda ed il succo di limone. Ponete sul fuoco una casseruola con l olio, la cipolla, l aglio ed il prezzemolo tritati e fate imbiondire per qualche minuto. Unite i carciofi ben scolati, mescolate bene e lasciate sul fuoco ancora qualche minuto, poi regolate di sale e pepe. Aggiungete il brodo, portate ad ebollizione e fate cuocere per altri In una ciotola, sbattete le uova con una forchetta insieme al parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e poco pepe. Incorporate quindi il miscuglio alla zuppa e lasciatelo rapprendere. Preparate quattro fondine e, sul fondo di ognuna, ponete una fetta di pane integrale coperta con la fontina tagliata a lamelle. Poi versatevi sopra la zuppa di carciofi e servite ben caldo. Calorie per porzione: 390 Proteine: 22 g Grassi: 17 g Zuccheri: 40 g Fibra: 15 g 19

20 Involtini di acciughe Ingredienti per 4 persone: 20 acciughe fresche, 2 cucchiai di capperi sott aceto, 1 spicchio d aglio, 1 bel ciuffo di prezzemolo lavato ed asciugato, 4 cucchiai di pangrattato, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 2 cucchiai di olio extra vergine d oliva, sale e pepe q.b. Procedimento - Sciacquate i capperi e metteteli nel mixer con l aglio, il prezzemolo, il pangrattato, il parmigiano, un pizzico di sale, una macinata di pepe e frullate il tutto. Lavate le acciughe, asciugatele tamponandole con carta da cucina, apritele a libro lasciandole unite nel dorso ed eliminate testa e lisca centrale. Passatele da entrambe le parti nel composto frullato e arrotolatele cominciando dalla testa verso la coda, quindi fermatele con uno stecchino. Rivestite una piccola pirofila con carta da forno, disponetevi gli involtini di acciughe, conditeli con un filo d olio ed infornate a 180 C per Calorie per porzione: 234 Grassi: 14 g Proteine: 18 g Zuccheri: 9 g Guadagnare SALUTE Ceci allo zenzero Ingredienti per 4 persone: g 600 di ceci in scatola ben sgocciolati, 2 cucchiaini di zenzero in polvere, qualche fogliolina di salvia, 1 foglia di alloro, 1 cipolla piccola, 1/2 spicchio d aglio, brodo vegetale q.b., 2 cucchiai di olio extra vergine d oliva, sale e pepe q.b. Procedimento - Affettate sottilmente la cipolla; strofinate un tegame antiaderente con mezzo spicchio d aglio poi mettetevi la cipolla e fatela appassire a fiamma bassa con l olio e la foglia di alloro lavata ed asciugata. Unite i ceci e spolverizzate con lo zenzero in polvere, bagnate con il brodo e lasciatelo asciugare a fiamma media per Insaporite con la salvia e regolate di sale e pepe. Servite il piatto ben caldo. 20 Calorie per porzione: 227 Grassi: 15 g Colesterolo: 0 mg Proteine: 9 g Zuccheri: 14 g

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario CUCINARE SUPERFACILE cucinaresuperfacile.com BioStory: Il mio nome è Antonella. Sono fatta di esperienza e buonsenso, voglia di vivere e tenacia, il buon cibo è la mia

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli FRANCO NOBILE GIORGIA ROMEO LA SALUTE VIEN MANGIANDO La qualità dei cibi per la qualità della vita Prefazione di Francesco Schittulli Agli amici paracadutisti della Brigata Folgore Layout e impaginazione

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti!

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Ricette ci trovi anche su www.tuttocalabria.com Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Indice Promi Piatti Penne Stuzzicanti....

Dettagli

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Questo opuscolo è per chi vuole imparare a cucinare piatti vegan, vale a dire 100% vegetali: spiega in dettaglio quali sono gli

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Raccolta ricette salate e dolci con la pasta fillo

Raccolta ricette salate e dolci con la pasta fillo Raccolta ricette salate e dolci con la pasta fillo -ricette del contest Raccolta ricette con la pasta fillo del blog Matrioska s Adventures(http://matrioskadventures.com)- Ancutza - http://matrioskadventures.com

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli