Capitolo 2 - Sostanze pure e gas

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 2 - Sostanze pure e gas"

Transcript

1 Aunti di FISICA ECNICA Caitolo 2 - Sostanze ure e gas Sostanze ure... 2 Generalità e definizioni... 2 Fasi di un sistema... 3 arianza e regola delle fasi... 4 Equilibrio liquido-aore: la tensione di aore... 5 Richiami di Chimica: eaorazione di liquidi e solidi... 7 Condizioni di saturazione... 7 Diagramma temeratura - ressione di una sostanza ura... 8 Suerficie caratteristica F(,,)= Il diagramma di Andrews (,) Richiami di Chimica sul diagramma di Andrews itolo di una miscela Cambiamenti di fase: equazione di Claeyron Richiami di Chimica L energia libera ransizioni di stato, entroia e forme stabili Equilibri di fase Cenni di termochimica I Gas Introduzione ai gas Gas erfetti Gas a comortamento erfetto Esemio numerico Esemio numerico Esemio numerico olume molare, densità e eso secifico Esemio numerico Esemio numerico Calori secifici, energia interna ed entalia Entroia Esemio numerico Esemio numerico Esemio numerico rasformazioni er i gas erfetti rasformazione a ressione costante rasformazione a olume costante rasformazione a temeratura costante rasformazione adiabatica (internamente) reersibile rasformazione di sistema isolato rasformazione olitroica Gas a comortamento non erfetto arametri ridotti e legge degli stati corrisondenti Criteri er la alutazione del comortamento da gas erfetto... 41

2 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 Sostanze ure GENERALIÀ E DEFIZIONI Una sostanza ura è caratterizzata da una comosizione chimica inariabile in tutta la massa resa in esame. In altre arole, una sostanza è ura se non è ossibile searare da essa altri comonenti secondari, o comunque quando il grado di urezza raggiunto è sufficiente er le alicazioni olute. Ogni sostanza ura uò esistere in uno dei 3 ossibili stati di aggregazione (solido, liquido o aeriforme) oure in arie combinazioni di questi. Alcune sostanze ure sono caratterizzate da iù fasi solide. Nelle considerazioni seguenti, riterremo semre erificato l equilibrio termodinamico, il che comorta, nel caso di resenza di iù fasi, che esse siano in mutuo equilibrio tra di loro. Quando una sostanza ura assa da una fase ad un altra a seguito di modificazioni delle condizioni esterne, si dice che subisce un cambiamento di fase o anche cambiamento di stato: il assaggio dallo stato aeriforme a quello liquido rende il nome di condensazione; il assaggio dallo stato liquido a quello solido rende il nome di congelamento; il assaggio dallo stato solido a quello liquido rende il nome di fusione; il assaggio dallo stato liquido a quello aeriforme rende il nome di eaorazione o aorizzazione. I rimi 2 assaggi si ottengono sottraendo alla sostanza in questione oortune quantità di energia termica, ossia diminuendo la sua temeratura; gli ultimi 2 assaggi si ottengono inece nel modo inerso, somministrando cioè energia termica. Stato Gassoso olatilizzazione eaorazione brinamento Stato Solido Cristallino fusione solidificazione Stato Liquido liquefazione condensazione Stato Solido etroso congelamento 2

3 Sostanze ure e gas Non tutti questi assaggi ossono essere realizzati nelle condizioni standard di temeratura e ressione (che, ricordiamo, sono 25 C di temeratura e 1 atm di ressione): er esemio, mentre è semre ossibile realizzare il congelamento (da liquido a solido), non semre è ossibile realizzare l eaorazione (da liquido a gas): infatti, molte sostanze liquide, se engono riscaldate, si decomongono rima ancora di eaorare; anzi, alcune di esse, come la nitroglicerina, lo fanno in modo talmente eloce da generare una eslosione; in modo analogo, er molte sostanze solide, semre nelle condizioni standard, la trasformazione rima in liquido e oi in gas è sesso imedita dalla loro forte instabilità in uno degli ultimi 2 stati o anche in entrambi: er esemio, lo zucchero fonde se iene riscaldato, ma si decomone rima di assare allo stato gassoso; altre sostanze, inece, si decomongono rima ancora di fondere. Una articolare trasformazione (cui sono soggetti ad esemio lo iodio e l anidride carbonica) è quella che a DIREAMENE dallo stato solido a quello gassoso, senza assare er lo stato liquido: tale trasformazione rende il nome di sublimazione o olatilizzazione. Il assaggio inerso rende il nome inece di brinamento. FASI DI UN SISEMA I materiali che si troano in natura sono costituiti quasi tutti da miscele di sostanze dierse e solo raramente si tratta di sostanze ure. Ci sono 2 tii di miscele (eterogenee e omogenee); tuttaia, er oterli definire, è necessario rima introdurre il concetto di FASE di un sistema (doe con il termine sistema indichiamo un camione della materia reso in esame). Si definisce fase di un sistema l insieme di tutte le orzioni del sistema che resentano le stesse identiche rorietà: er esemio, se abbiamo un sistema costituito da dierse sostanze SOLIDE, esso è in genere costituito da tante fasi quante sono queste sostanze. Se, inece, ogni orzione di un sistema ha le stesse rorietà di ogni altra orzione, allora diremo che il sistema è ad 1 sola fase, ossia è un sistema monofase. Da notare che questo non esclude la ossibilità che comunque nel sistema siano resenti sostanze dierse: in questo caso, tali sostanze sono tra loro mescolate a liello molecolare e si dice che formano una soluzione. rorio il fatto che il miscuglio sia a liello molecolare ci dice che ogni orzione del sistema ha le stesse rorietà delle altre. Chiaramente, è intuitio comrendere come le soluzioni siano realentemente allo stato liquido; tuttaia, esistono anche soluzioni solide, ossia solidi monofase costituiti erò da iù sostanze: esemi sono certe leghe metalliche (bronzo, ottone). Infine ricordiamo che le miscele gassose sono SEMRE monofase: questo erché, in esse, i singoli comonenti deono essere necessariamente miscelati tra loro a liello molecolare 1. Un sistema che sia costituito anche da 1 sola sostanza, ma resente in diersi stati di aggregazione, è un sistema lurifase: eidentemente, ci saranno infatti alcune rorietà dierse da orzione a orzione del sistema. ensiamo ad esemio ad acqua liquida e ghiaccio: la densità del sistema cambia oiamente tra il liquido ed il solido. In generale, un sistema costituito da iù fasi si dirà eterogeneo, mentre un sistema costituito da una sola fase si dirà omogeneo. In articolare, a roosito dei sistemi eterogenei, dee accadere 1 iico caso, come si edrà in un caitolo a arte, è quello dell aria umida, che è una miscela gassosa binaria formata da aria secca e aor d acqua. 3

4 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 che ogni fase sia searata dalle altre da una ben definita suerficie, che, non a caso, rende il nome di suerficie di confine. Nel assare attraerso tale suerficie, ALMENO una delle rorietà fisiche o chimiche dee infatti subire una ariazione brusca e finita. Se NON esiste tale suerficie di confine, allora il sistema è comunque omogeneo, anche se ci sono ariazioni delle rorietà. ARIANZA E REGOLA DELLE FASI Si definisce arianza (o numero di gradi di libertà) di un sistema termodinamico, il numero di arametri fisici intensii 2 che ossono essere ariati senza che il sistema esca dalla condizione di equilibrio in cui si troa, senza che cioè, date le fasi resenti, ne comaia o ne scomaia qualcuna. I arametri intensii cui ci riferiamo sono rincialmente la temeratura, la ressione e la concentrazione di ciascun comonente in ciascuna fase. La arianza, che si indica con il simbolo ν, non uò che diendere dal numero f di fasi resenti e dal numero C di comonenti DIENDENI del sistema. Esiste allora una recisa regola che correla questi numeri ed è la regola di Gibbs: essa dice che ν = C f + 2. In questa sede, consideriamo solo sistemi ad 1 comonente, er cui la relazione da imiegare dienta ν = 3 f Questa regola dice quindi che, er definire uniocamente lo stato di un sistema monocomonente, è ossibile scegliere, a rorio arbitrio, il alore da attribuire solo a ν arametri: il alore dei rimanenti arametri non uò inece essere scelto ad arbitrio, ma rimane uniocamente determinato dalle correlazioni esistenti tra le ariabili stesse. er esemio, er un sistema (mono-comonente) monofasico (f=1), risulta ν=2 (sistema biariante): ciò significa che, er un siffatto sistema, artendo da una condizione di equilibrio, ossiamo scegliere sia la temeratura sia la ressione senza che ari il numero di fasi resenti. Al contrario, er un sistema bifasico (quindi f=2), risulta ν=1 (sistema monoariante): in questo caso, è ossibile fissare arbitrariamente solo una rorietà del sistema, ad esemio la ressione, doo di che risulta automaticamente fissata l unica temeratura in grado di consentire ancora l equilibrio tra le due fasi inizialmente resenti. L ultimo caso è quello in cui il sistema è costituito da 3 fasi (f=3) in equilibrio in determinate condizioni di temeratura e di ressione (si tratta del cosiddetto unto trilo, caratterizzato da ν=0): allora, tale coia di alori è l unica in grado di assicurare la coesistenza delle 3 fasi in equilibrio; una qualsiasi ariazione di ressione o di temeratura orterebbe alla scomarsa di almeno una delle fasi inizialmente resenti. Da quanto detto, si deduce dunque che, mentre la ressione e la temeratura in un sistema monocomonente omogeneo (ν=2) sono rorietà indiendenti (er cui una qualsiasi coia di alori di queste grandezze definisce uniocamente uno stato termodinamico del sistema), ciò non accade nei sistemi bifasici (ν=1) nei quali ressione e temeratura risultano tra loro collegati. Se, oi, sono contemoraneamente resenti 3 fasi (ν=0), ale a dire nel unto trilo, allora né la temeratura né la ressione ossono assumersi er definire lo stato termodinamico del sistema. 2 Ricordiamo che si dicono intensie quelle rorietà di un sistema che non diendono dalla massa. 4

5 Sostanze ure e gas EQUILIBRIO LIQUIDO-AORE: LA ENSIONE DI AORE Consideriamo una certa massa di liquido contenuta in un reciiente: le molecole del liquido sono libere di muoersi in tutto il olume occuato dal liquido; questo almeno finché non giungono in rossimità della suerficie libera del liquido: in questa osizione, infatti, esse engono attratte erso l interno del liquido stesso. E come allora se lo strato iù esterno sia sede di una barriera di energia che le molecole deono necessariamente incere se ogliono assare all esterno e dar ita alla fase di aore. uttaia, ad una certa temeratura, l energia cinetica media con cui ogni articella del liquido iaggia all interno della massa liquida è distribuita esattamente come in un gas erfetto che si troi a quella stessa temeratura; questo er quanto riguarda l energia cinetica media, in quanto, così come accade nei gas, l energia cinetica di ogni articella aria istante er istante: è infatti ossibile tracciare un aosito grafico serimentale (cura di Maxwell-Boltzmann), che, ad esemio, nel caso dell azoto è fatto nel modo seguente: (in ascisse c è la elocità delle molecole, mentre in ordinate la frazione di molecole, er cui il grafico mostra, er ogni alore di elocità, la frazione di molecole che ossiede tale elocità). Da un grafico di questo tio si eince che, mentre la maggior arte delle molecole ha energia cinetica rossima al alore medio, ci sono comunque oche molecole iù calde, ossia dotate di energia cinetica maggiore di tale alore medio. Sono allora rorio queste molecole che riescono a incere la barriera di energia sullo strato del liquido ed a assare al di fuori nello stato di aore (il fatto che si tratti delle molecole iù calde è messo in eidenza dal fatto che quante iù molecole assano allo stato di aore tanto iù il liquido si raffredda). Se il reciiente in cui il liquido è contenuto si troa all aerto, succede che sontaneamente le molecole iù calde cominciano a lasciare il liquido, il quale si raffredda; se si raffredda, il liquido è costretto ad acquistare calore dall ambiente esterno; riceendo calore, esso mette in grado altre molecole di assare allo stato aore ed il rocesso di eaorazione rosegue in questo modo finche l intero liquido non è eaorato. Dierso è inece il caso in cui il reciiente è chiuso, er cui c è un olume limitato a disosizione delle molecole che assano allo stato di aore. Anche in questo caso il rocesso di eaorazione arte sontaneo, ma non uò roseguire fino alla eaorazione totale del liquido come nel caso recedente. Al contrario, man mano che assa il temo, il numero di molecole che assano allo stato 5

6 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 di aore a aumentando, nonostante ci siano anche delle molecole che, troandosi allo stato di aore, assano icino alla suerficie del liquido e ne engono attratte riassando così allo stato liquido. Di conseguenza, ossiamo arlare di elocità con cui le molecole, nell unità di temo, assano da uno stato all altro. Ci sarà erciò una certa elocità con cui le molecole assano allo stato di aore ed una certa elocità, inizialmente minore, con cui le molecole assano allo stato liquido. All aumentare del numero di molecole allo stato di aore cresce anche la robabilità che qualcuna di esse ritorni allo stato di liquido assando icino alla suerficie libera di quest ultimo. Arrierà allora un certo istante, ad una certa temeratura del liquido, in cui le 2 elocità di assaggio da uno stato all altro sono uguali: ossia, nell unità di temo, c è un numero di molecole che assano allo stato di aore ed un ugual numero di molecole che inece assano allo stato liquido. Da questo unto in oi, non esiste iù alcun motio erché le due elocità cambino, er cui rimangono costanti ed uguali. Questo non significa erò che il rocesso di eaorazione e di liquefazione si è fermato: questo significa che è stata raggiunta una condizione di equilibrio tra la fase liquida e quella gassosa, ossia una condizione di equilibrio liquido-aore. Si dice allora che si è in resenza di aore saturo, cioè di un aore che è in equilibrio con il rorio liquido. La ressione alla quale coesistono in equilibrio (dinamico) la fase liquida e quella aeriforme si chiama tensione di aore ed è secifica er la temeratura alla quale si troano sia il liquido sia il suo aore saturo. Osseriamo, dunque, che la tensione di aore è una caratteristica del liquido, indiendente quindi dalla resenza o meno del aore. Esistono aosite tabelle, come quelle del aor d acqua saturo, in cui, er ogni alore di temeratura, è riortato il alore della corrisondente tensione di aore, ossia aunto della ressione a cui coesistono in equilibrio, a quella temeratura la fase liquida e quella di aore della sostanza considerata. Osseriamo inoltre che un sistema costituito da un aore in equilibrio con il suo liquido è un tiico sistema monocomonente (C=1) bifasico (f=2), er cui la sua arianza è 1: ciò significa che, se ogliamo mantenere l equilibrio tra le due fasi, ossiamo fissare un solo arametro, ad esemio la temeratura, doo di che la ressione sarà automaticamente quella del aore saturo a quella temeratura. Consideriamo adesso un sistema costituito dalla fase liquida e dalla fase aore di una sostanza ura in equilibrio in un cilindro con istone: dato l equilibrio, la fase aore è certamente ad una ressione ari alla tensione di aore del liquido alla temeratura del sistema ed è anche uguale alla ressione esterna agente sul istone (dato l equilibrio). Se, in questa condizione, aumentiamo la ressione sul istone, mantenendo costante la temeratura, assistiamo alla scomarsa del aore: questo erché esso si iene a troare ad una ressione maggiore della tensione di aore del liquido e quindi ha una tendenza a assare in fase liquida maggiore della tendenza della fase liquida a assare in fase di aore. Il concetto di tensione di aore uò essere associato al iù generico concetto di fugacità, in modo da generalizzare ulteriormente: ossiamo cioè definire la tensione di aore come la fugacità del liquido. Questo erché quanto detto a roosito dell equilibrio liquido-aore si riete identicamente er l equilibrio solido-aore: anche in questo caso, all equilibrio si ha uguaglianza tra la ressione del aore e la tensione di aore del solido. Infine, come edremo meglio in seguito, la tensione di aore di un liquido o di un solido risulta essere una funzione crescente (di tio esonenziale) della temeratura. 6

7 Richiami di Chimica: eaorazione di liquidi e solidi Sostanze ure e gas Una sostanza, liquida o solida, eaora a qualsiasi temeratura, fino a che la ressione arziale del suo aore non raggiunge la ressione di equilibrio (cioè la tensione di aore alla temeratura del sistema). Dato che le sostanze liquide resentano una tensione di aore non trascurabile anche a temerature relatiamente basse, ne consegue che un liquido, in un sistema aerto, eaora comletamente in un eriodo di temo iù o meno lungo. er i solidi, che resentano inece tensioni di aore estremamente basse a temeratura ambiente, l eaorazione in un sistema aerto aiene in temi così lunghi da non oter essere raticamente osserata. CONDIZIONI DI SAURAZIONE iù fasi dierse, in equilibrio tra di loro, engono dette in condizioni di saturazione e ciascuna fase iene definita in tal caso satura. Si arla, er esemio, di liquido saturo in equilibrio con il aore saturo. Oure, quando si arla solamente di aore saturo, ci si riferisce semre al aore in equilibrio con il suo liquido. Le rorietà di questi stati di equilibrio delle arie fasi engono dette rorietà di saturazione e sono tabellate er le sostanze di iù usuale imiego (come il aor d acqua di cui si dicea nel aragrafo recedente). E imortante ricordare che, mentre negli stati di equilibrio di sistemi solido-aore e liquido-aore la temeratura e la ressione di saturazione delle due fasi sono oiamente uguali, le altre rorietà interne intensie di saturazione sono in genere dierse: in articolare, il olume secifico, l energia interna secifica, l entalia secifica e l entroia secifica della fase aore sono generalmente maggiori delle corrisondenti rorietà del liquido o del solido. er aere una idea chiara di quest ultimo concetto, riortiamo un ritaglio della tabella delle rorietà termodinamiche del aor d acqua saturo 3 : 3 La descrizione dettagliata di questa tabella sarà fatta nel caitolo sui liquidi, er cui rimandiamo a quella sede ogni considerazione 7

8 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 DIAGRAMMA EMERAURA - RESSIONE DI UNA SOSANZA URA Il camo di esistenza delle arie fasi di una sostanza ura, in funzione della ressione e della temeratura, è facilmente indiiduabile nel diagramma qualitatio illustrato nella figura seguente: Solido/Liquido Liquido/aore Solido Liquido Solido/aore Gas ale diagramma rende il nome di diagramma di fase o diagramma di equilibrio della sostanza considerata. ediamo di descriere in che cosa consiste tale diagramma. Le tre cure resenti raresentano l insieme dei unti (,) ai quali coesistono in equilibrio (dinamico) 2 dierse fasi della sostanza in questione: abbiamo erciò l equilibrio solido-liquido (cura in alto a sinistra), l equilibrio liquido-aore (cura a destra) e l equilibrio solidoaore (cura in basso a sinistra). Le tre regioni in cui tali cure diidono il iano cartesiano sono quelle in cui inece la sostanza in questione esiste in un solo stato di aggregazione: tra la cura solido/liquido e liquido/aore, la sostanza è allo stato liquido; tra la cura liquido/aore e solido/aore, la sostanza esiste allo stato di aore; tra la cura solido/aore e la cura solido/liquido, la sostanza esiste allo stato solido. Le tre cure si incontrano in un articolare unto, che iene detto unto trilo in quanto è l unico unto in cui coesistono in equilibrio tutte e tre le fasi della sostanza. Come abbiamo già detto in recedenza, la ressione e la temeratura del unto trilo sono alori caratteristici di ogni data sostanza: questo significa che un sistema costituito da una sola sostanza ura uò esistere nelle 3 fasi in equilibrio solo alla ressione ed alla temeratura del unto trilo di quella articolare sostanza. Il diagramma mette in eidenza una cosa imortante: fissata una certa temeratura sull asse delle ascisse e mandata la arallela all asse delle ordinate, tale retta attraersa 2 dierse regioni del grafico, nelle quali la sostanza esiste in 2 diersi stati di aggregazione; si è in grado allora di stabilire in quale dei due stati in questione la sostanza sia iù stabile a quella articolare temeratura: infatti la sostanza è iù stabile in corrisondenza dei alori minori di ressione. er esemio, fissiamo una certa temeratura maggiore di quella del unto trilo: si nota che lo stato liquido è semre iù stabile dello stato solido, rorio erché resenta alori minori di. In modo inerso, er temerature inferiori al unto trilo, lo stato solido è di gran lunga iù stabile di quello liquido. L unico unto in cui i 3 stati di aggregazione si equialgono dal unto di ista della stabilità è, er definizione, il unto trilo. ediamo ora di caire ancora meglio come si interreta il diagramma di stato di una sostanza ura: 8

9 Sostanze ure e gas S/L L/ 3 (3) (2) (1) S/ 3 2 Consideriamo erciò un sistema costituito dal aore di una sostanza ura alla temeratura 1 (sueriore a quella del unto trilo) ed alla ressione 1 (molto inferiore alla tensione di aore della sostanza liquida a quella temeratura). Siamo dunque in un unto (1) nella arte destra del diagramma. Suoniamo di oerare un raffreddamento del sistema: er esemio, ossiamo ensare di racchiudere il gas in un reciiente, a tenuta stagna, chiuso da un istone in grado di esercitare una ressione esterna identica in ogni momento a quella interna. A seguito della diminuzione della temeratura, il unto raresentatio del sistema si sosta orizzontalmente in direzione della cura di equilibrio liquido-aore: il fatto di muoersi orizzontalmente indica che si mantiene costante la ressione e questo accade in quanto, al diminuire della temeratura, diminuisce roorzionalmente il olume del gas. Si arria così al unto (2) sulla cura di equilibrio: è giunto cioè il momento in cui, a quella temeratura ( 2 ), la ressione del aore è identica alla tensione di aore del liquido corrisondente. Succede allora che il aore dienta saturo, er cui, se noi continuiamo a sottrarre calore, esso comincia a condensare, ossia a rodurre liquido. Questa fase di condensazione orta dunque alla formazione di una nuoa fase, er cui il sistema è adesso bifasico monocomonente, ossia ha arianza 1: se continuiamo il raffreddamento, non ossiamo iù fissare la ressione, la quale assume quindi ia ia il alore indicato dalla cura di equilibrio 4. Se ci fermiamo aena la temeratura raggiunge il alore 3, troeremo, nel nostro reciiente, il liquido saturo e il aore saturo alla ressione corrisondente alla tensione di aore del liquido alla temeratura 3. Facciamo osserare che i diagrammi riortati nelle due figure recedenti sono solo indicatii del comortamento di ogni tio di sostanza ura; al ariare della sostanza, si modifica l andamento delle arie cure e, sorattutto, assumono alori noteolmente diersi le ressioni e le temeratura del unto trilo e del cosiddetto unto critico: tale unto corrisonde alla coia ( C, C ), doe C è la ressione critica, ossia la massima tensione di aore del liquido, e C è la temeratura critica, ossia la massima temeratura di esistenza della fase liquida. La seguente tabella mostra i alori corrisondenti del unto trilo e del unto critico er tre sostanze imortanti: 4 In altre arole, er ogni temeratura, la ressione assume il alore ari alla tensione di aore a quella temeratura, in quanto solo così le due fasi resenti ossono rimanere in equilibrio. Se decidessimo di fissare noi la ressione, una delle due fasi scomarirebbe, rorio erché errebbe a mancare l equilibrio. 9

10 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 unto trilo unto critico (bar) (K) (bar) (K) Acqua Idrogeno Anidride carbonica Ricordiamo sin da ora che la fase aeriforme di una sostanza ura iene usualmente definita gas er temerature sueriori alla temeratura critica, aore surriscaldato er temerature inferiori alla temeratura critica e aore saturo nel caso di condizioni di equilibrio con il solido o con il liquido. SUERFICIE CARAERISICA F(,,)=0 Come abbiamo detto anche in recedenza, le equazioni di stato di una sostanza ura costituente un sistema semlice sono delle relazioni funzionali fra 3 rorietà interne intensie 5. ali equazioni ossono essere raresentate in uno sazio cartesiano a 3 dimensioni, aente sugli assi tali rorietà, e qui dientano delle suerfici che abbiamo chiamato suerfici di stato o suerfici caratteristiche. ra le suerfici caratteristiche di maggiore imortanza figura senz altro quella raresentatia dell equazione di stato f (,, ) = 0, ossia della relazione funzionale tra la ressione, il olume secifico e la temeratura della sostanza considerata. ensiamo ad esemio alla nota equazione di stato dei gas erfetti, che è = R. In questa sede, noi siamo in articolare interessati alla suerficie caratteristica er una sostanza ura che ossegga una sola fase solida 6 e che sia caratterizzata da un olume secifico del liquido maggiore del olume secifico del solido (la quale cosa si erifica er la maggior arte delle sostanze). Nella figura seguente è raresentata, in rosettia nello sazio,,, una arte di tale suerficie e sono anche riortate le roiezioni di tale suerficie (sia ure non in scala) risettiamente sui iano -, - e -: 5 Ricordiamo che, in base alla regola di Gibbs, la arianza di un sistema monofasico e monocomonente è 2, er cui il suo stato termodinamico uò essere indiiduato da una qualsiasi coia di rorietà interne intensie. Qualora si considerino 3 rorietà, una sarà semre diendente dalle altre due ed il legame è aunto quello che si definisce equazione di stato. 6 Come è stato mostrato nella rima figura di questo caitolo, un solido uò essere etroso (o amorfo) oure cristallino: nel rimo caso, le articelle costituenti sono disoste in modo caotico e disordinato, mentre nel secondo la distribuzione di tali articelle è altamente ordinata (la qual cosa si risecchia anche nell asetto esterno dei cristalli, che si resentano come cori di forma geometrica ben definita, limitati da facce iane). 10

11 Sostanze ure e gas Cerchiamo di indiiduare e rinciali caratteristiche di questo diagramma. In rimo luogo, le linee a tratto iù marcato searano i cami di esistenza delle dierse fasi oure di coesistenza di due fasi dierse; le linee sottili raresentano inece delle isoterme. Nelle zone in cui coesistono due fasi in equilibrio, i unti delle isoterme sono caratterizzati anche da uguali alori di ressione: ciò comorta che queste articolari zone della suerficie caratteristica costituiscono tre settori cilindrici aenti generatrici arallele all asse dei olumi secifici. I 3 settori sono i seguenti: il rimo settore cilindrico (solido saturo + liquido saturo) è delimitato dalle cure AM e BN; queste due cure, roiettate sul iano,, dientano un unica cura, che raresenta la cura di fusione; il secondo settore cilindrico (solido saturo + aore saturo) è delimitato dalle cure EA e GD, le quali, roiettate sul iano,, dientano un unica cura, che raresenta la cura di sublimazione; infine, il terzo settore cilindrico (aore saturo + liquido saturo) è delimitato dalle cure BC e DC, che roiettate ancora una olta sul iano,, dientano la cura di aorizzazione. Queste tre settori si incontrano lungo il segmento ABD, arallelo all asse dei olumi secifici, che si roietta sul iano, in un unico unto B, che raresenta eidentemente il unto trilo della sostanza considerata. 11

12 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 E chiaro, dalle considerazioni fatte in recedenza, che nelle regioni dell aeriforme (gas o aore), del liquido e del solido, laddoe il sistema è costituito da un unica fase, la arianza è 2, er cui lo stato termodinamico è uniocamente determinato da una qualsiasi delle coie di rorietà interne (,), (,) o (,). Al contrario, nelle regioni di equilibrio, la arianza dienta 1, il che significa che la ressione e la temeratura risultano adesso legate e non consentono di indiiduare uniocamente lo stato del sistema: er esemio, considerato il iano,, se fissiamo un alore di ed uno di tali che il unto corrisondente sul diagramma si troi sulla cura BC di eaorazione, a tale unto corrisonderà, sulla suerficie caratteristica della sostanza, un intero segmento di retta nel camo liquido saturo + aore saturo e tale segmento è raresentatio di infiniti stati di equilibrio e non di uno solo. Allora, er indiiduare un unico stato di equilibrio, otremo scegliere, oltre oiamente al olume secifico, o la ressione o la temeratura. L ultimo caso è, oiamente, quello in cui le tre fasi sono in equilibrio lungo la linea ABD corrisondente al unto trilo: in questo caso, una olta scelto il olume secifico, non otremo scegliere né né, in quanto lo stato termodinamico della sostanza sarà automaticamente fissato. Aggiungiamo che, in questa situazione, anziché il olume secifico si otrebbe scegliere anche l energia interna secifica oure l entroia secifica. IL DIAGRAMMA DI ANDREWS (,) Anziché considerare l intera suerficie caratteristica dell equazione f(,, ) = 0, ci concentriamo adesso sulla sua roiezione nel iano di Claeyron, cioè il iano aente in ascisse il olume secifico e in ordinate la ressione: er comrendere tale diagramma, cominciamo ad indiiduare i cami di esistenza delle dierse fasi o di coesistenza di due fasi: le cure AM e BN delimitano il settore dell equilibrio solido saturo + liquido saturo; le cure EA e GD delimitano il settore dell equilibrio solido saturo + aore saturo; le cure BC e DC delimitano il settore dell equilibrio liquido saturo + aore saturo; 12

13 Sostanze ure e gas Il diagramma rende il nome di diagramma di Andrews ed è ottenibile er ia serimentale a seguito di uguali eserimenti condotti erò a dierse temerature. A questo roosito, si ossera la resenza della isoterma a temeratura C, detta temeratura critica, assante er il già citato unto critico del gas in esame: quando la temeratura è ari a C e si ha un olume secifico C (detto olume critico) del gas iniziale, anche un minimo aumento di ressione orta il sistema, in modo imroiso, dalla fase di aore a quella liquida. ale anche il iceersa, nel senso che alla temeratura critica, se si ha un olume critico della sostanza allo stato liquido, anche una minima diminuzione di ressione trasforma tutto il liquido in gas. Una cosa interessante da osserare è che le linee di sublimazione, fusione e aorizzazione nel into, sono dientate delle aree nel iano,. E bene inoltre ricordare che nella raresentazione dei ari diagrammi di stato è sesso necessario ricorrere ad una noteole alterazione delle scale; ciò è necessario, in articolare, er la scala dei olumi secifici, in quanto i olumi secifici della fase aeriforme, a bassi alori di ressione, sono di alcuni ordini di grandezza sueriori a quelli delle fasi liquida e solida. er esemio, se consideriamo l acqua al unto trilo, il olume secifico del aore saturo secco (edere iù aanti) è circa olte quello del liquido saturo. Il diagramma di Andrews mette in eidenza una cosa interessante: si ossera infatti che, er temerature sueriori a C, non è ossibile ottenere, mediante una normale comressione, lo stato liquido a artire da quello gassoso: infatti, la temeratura è tale che l energia cinetica della articelle renda semre il soraento sulle forze coesie tra le molecole. Questo significa che se noi ogliamo liquefare un gas (o condensare un aore), dobbiamo er rima cosa ortarci al di sotto della temeratura critica (rinciio di raffreddamento) e oi dobbiamo comrimere il gas (o il aore) mantenendo costante la temeratura (rinciio di comressione). Comunemente engono detti incoercibili quei gas (come l idrogeno, l ossigeno, l azoto, la stessa aria) la cui temeratura critica si troa molto al di sotto di quella ambiente : er liquefare questi gas è necessario raggiungere temerature estremamente basse ed esistono aosite macchine er farlo. Richiami di Chimica sul diagramma di Andrews Consideriamo un sistema costituito da una sostanza ura, allo stato di aore, contenuta in un cilindro chiuso da un istone mobile ed a tenuta stagna. Suoniamo che il istone sia sottoosto ad una ressione esterna molto bassa e suoniamo anche che ci sia un termostato in grado di mantenere costante la temeratura. artendo da questa situazione iniziale (figura a), aumentiamo la ressione esterna (figure b e c): il olume del aore diminuisce secondo la legge di stato dei gas reali (o secondo quella dei gas ideali 13

14 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 se la temeratura è relatiamente alta e la ressione comunque molto bassa). Se, aumentando ancora la ressione, quest ultima raggiunge il alore della tensione di aore della sostanza allo stato liquido, il aore dienta saturo: ossiamo adesso sottrarre calore al sistema senza che ari la temeratura, in quanto il calore eentualmente sottratto errà tutto imiegato come calore latente di condensazione, ossia serirà alla roduzione del liquido (figura d). Dato che, a questo unto, la temeratura rimane costante, la ressione del sistema rimane costantemente sul alore della tensione di aore del liquido a quella temeratura, mentre inece il olume totale del sistema diminuisce fortemente all aumentare della quantità di liquido che si forma er condensazione del aore. Quando anche l ultima frazione di aore si è condensata (figura e), il olume del sistema è quello occuato dalla sola sostanza liquida, a ressione inariata. Se olessimo ottenere un altra, sia ure minima, diminuzione del olume del sistema, doremmo ora sottoorre il liquido (che, risetto, ai gas, è raticamente incomrimibile) a fortissime ressioni (figura f). Adesso, se riortiamo in un diagramma la ressione del sistema in funzione del olume secifico del sistema stesso, alla temeratura d eserienza, otterremo una cura del tio di quelle riortate nella arte inferiore del diagramma di Andrews riortato nella figura seguente:: A basse ressioni (zona destra del diagramma), il sistema è costituito dal aore non ancora saturo, aente un eleato olume secifico; all aumentare della ressione, il olume del aore diminuisce. Quando la ressione raggiunge il alore della tensione di aore della sostanza a quella temeratura, il aore dienta saturo: a questo unto, il olume secifico del sistema uò continuare a diminuire, a ressione costante a sese della condensazione del aore (zona centrale del diagramma). Quando quest ultimo è comletamente scomarso, occorre alicare una noteole ressione al sistema (zona sinistra del diagramma) er causare una iccolissima diminuzione del suo olume, ora occuato interamente dal liquido. Effettuando questo tio di eserienza a temerature ia ia maggiori, si ossera un comortamento analogo, con una differenza sostanziale: all aumentare di, diminuisce la differenza tra il olume secifico del aore e quello del liquido. ale differenza dienta nulla in corrisondenza della temeratura critica della sostanza considerata. In corrisondenza di questa temeratura, il ianerottolo a ressione costante, corrisondente alla tensione di aore della sostanza liquida alle arie temerature, che comare nelle arie isoterme si è adesso ridotto ad un unto, corrisondente alla ressione critica ed al olume secifico critico. oiché, alla temeratura critica, il olume 14

15 Sostanze ure e gas secifico del aore saturo e de liquido coincidono (il che significa che coincidono la densità della fase gassosa e della fase liquida), è sufficiente una ariazione infinitesima della ressione o della temeratura er far assare imroisamente tutto il sistema dalla fase gassosa a quella liquida o iceersa. Al di sora della temeratura critica, la sostanza uò esistere solo allo stato gassoso, qualunque sia la ressione alla quale iene sottoosta. IOLO DI UNA MISCELA Quando sono in equilibrio due fasi, una grandezza utile er indiiduare lo stato del sistema è la riartizione della massa del sistema tra le due fasi. In articolare, er le miscele liquido saturo - aore saturo, si usa il cosiddetto titolo, definito come raorto tra la massa (il eso) di aore e la massa (il eso) totale: il titolo ale dunque m a sat x = m + m a sat Eidentemente, si tratta di una grandezza adimensionale comresa tra 0 (solo liquido saturo) e 1 (solo aore saturo). La terminologia che adotteremo indica come aore saturo la miscela liquido-aore in equilibrio e come aore saturo secco la fase aeriforme di tale miscela. er esemio, dire che in un reciiente di olume i è del aore saturo di H 2 O di titolo x, alla temeratura, significa dire che il reciiente contiene una miscela di aore d acqua in equilibrio con acqua liquida; naturalmente, quanto iù x si aicina ad 1, tanto maggiore è la realenza del aore risetto al liquido. liq CAMBIAMENI DI FASE: EQUAZIONE DI CLAEYRON I cambiamenti di fase comortano, in generale, somministrazioni o sottrazioni di calore. In articolare, se consideriamo un sistema chiuso a temeratura e ressione costante, queste quantità di calore coincidono, in base alla nota formula dh = δq + d (esressione del rimo rinciio della termodinamica), con ariazioni di entalia (se d=0 dh=δq): tali scambi di calore engono allora detti ariazioni di entalia di assaggio di fase o, iù breemente, calori latenti. Il nostro scoo è quello di ottenere una relazione che collega i calori latenti a grandezze ricaabili da misure di ressione, olume secifico e/o temeratura. Con semlici assaggi analitici, si ricaano, er un qualsiasi assaggio di fase, le seguenti due relazioni generali, che definiscono la cosiddetta equazione di Claeyron: d h = dt d 1 h = d In queste relazioni, h raresenta la ariazione di entalia di assaggio di fase ad una certa temeratura e raresenta la relatia ariazione di olume secifico. 15

16 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 La rima delle due relazioni consente il calcolo dei calori latenti di assaggio di fase senza doer eseguire eserienze di tio calorimetrico, mentre l altra relazione fornisce utili indicazioni circa l andamento delle cure di sublimazione, fusione e aorizzazione di ogni sostanza ura. er esemio, un risultato imortante fornito dall equazione di Claeyron è il seguente: i assaggi di stato liquido aore, solido aore e solido liquido si solgono semre con aumento del contenuto entalico ( h>0). Infatti, in tutti e tre i casi c è un assorbimento di calore da arte del sistema (dh=δq>0). La conseguenza di ciò è eidente: dato che, dalla rima equazione di Claeyron ossiamo scriere che h = d dt si deduce che, fissato il segno di h, il segno di d diende solo dal segno di = F. D altra dt arte, dato che d dt è la tangente alle tre cure del diagramma di stato er un sistema monocomonente e dato che il segno di d dt regola la crescenza o decrescenza di tali cure, ossiamo dunque affermare che è rorio la ariazione di olume secifico a determinare tale crescenza/decrescenza in funzione della temeratura. Consideriamo allora 3 imortanti trasformazioni, ale a dire eaorazione, sublimazione e fusione: nella eaorazione (liquido aore) si ha semre un aumento di olume ( = > 0) e quindi la cura liquido/aore è crescente; A LIQ anche nella sublimazione (solido aore) è semre = A SOL > 0, er cui anche la cura solido/aore cresce; infine, nella fusione (solido liquido), nella maggior arte delle sostanze si ha ancora = > 0 (e la cura solido/liquido cresce), ma si uò anche aere LIQ SOL d dt = < 0 (la cura solido/liquido decresce) LIQ SOL Quindi, er quelle sostanze, come l acqua, che si contraggono nella fusione e la cui fase solida d erciò galleggia sul liquido, risulta < 0, il che indica un abbassamento d della temeratura di fusione all aumentare della ressione. Un diagramma di stato qualitatio di una sostanza come l acqua è dunque del tio seguente: = 1 h 16

17 Sostanze ure e gas S/L L/ 1 atm S/ 0 C 0.01 C 100 C er le altre sostanze, inece, che resentano semre un d > 0, il diagramma di stato è del tio d seguente: S/L L/ 1 atm S/ C C Richiami di Chimica L ENERGIA LIBERA Il secondo rinciio della termodinamica è quel rinciio che ci consente di stabilire in quale direzione ossa rocedere sontaneamente una data trasformazione facendo considerazioni sull entroia del sistema e dell ambiente che lo circonda: il rinciio afferma infatti che il sistema eole sontaneamente nella direzione er la quale la ariazione totale di entroia (definita come somma della ariazione di entroia del sistema e della ariazione di entroia dell intorno) risulta maggiore di zero (ossia aumenta il grado di disordine comlessio). er una trasformazione generica, il calcolo della ariazione di entroia dell unierso 7 generalmente non è ageole. uttaia, nel caso che la trasformazione in questione sia condotta a temeratura e a ressione 7 Si definisce unierso l insieme costituito dal sistema in esame e dall ambiente circostante. E eidente che l unierso è un sistema isolato, che cioè non scambia con l esterno né energia né materia. 17

18 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 costante, è ossibile fare considerazioni SOLO sul sistema e sulle sue rorietà: basta introdurre una nuoa funzione di stato, detta energia libera e definita come G = H S La ariazione di entroia dell unierso in una generica trasformazione è S UNI = S SIS + S AMB Suoniamo dunque che la trasformazione aenga a temeratura e a ressione costante: er le trasformazioni isobare saiamo che il calore scambiato dal sistema con l ambiente è ari alla ariazione di entalia del sistema, er cui Q SIS = -Q AMB = H SIS Ma la definizione termodinamica dell entroia ci dice che, er una trasformazione isoterma (reersibile), si ha che S=Q/, ossia che la ariazione di entroia subita dal sistema è ari al raorto tra il calore da esso scambiato e la temeratura alla quale è aenuto lo scambio: ossiamo allora riscriere l ultima relazione ista nella forma Q AMB QSIS H SIS SAMB = = = La ariazione di entroia dell unierso è dunque data da S UNI H = SSIS SIS Affinché la trasformazione sia sontanea dee essere S UNI 0 in base al 2 rinciio, il che equiale dunque a S SIS H Allora, dato che la ariazione di energia libera che accomagna una trasformazione isobara e isoterma è er definizione G = H - S, ossiamo concludere che una trasformazione fisica o una reazione chimica, condotta a temeratura e a ressione costanti, eole sontaneamente nel senso er cui si ha G 0. In altre arole, data una qualsiasi trasformazione, condotta a ressione e a temeratura costante, noi ossiamo calcolarcene la ariazione di energia libera, er oi affermare quanto segue: SIS se G<0 essa rocede sontaneamente nel erso indicato; se G=0 essa è in equilibrio; se G>0 essa rocede sontaneamente nel erso oosto a quello indicato. RANSIZIONI DI SAO, ENROIA E FORME SABILI La ariazione di stato di una sostanza, come ad esemio il assaggio dallo stato solido a quello liquido (fusione) o da quello liquido a quello gassoso (eaorazione), è un esemio di trasformazione che non comorta alcuna ariazione della comosizione chimica della sostanza considerata. Anche queste trasformazioni sono oiamente regolate dalle leggi termodinamiche: in base a quanto isto nel aragrafo recedente, questo significa, in bree, che lo stato iù stabile di una sostanza, in determinate condizioni di ressione e temeratura, sarà quello caratterizzato dalla minore energia libera. 18

19 Sostanze ure e gas A questo roosito, è ossibile fare una serie di considerazioni matematiche, che ortano al seguente risultato: se il sistema comie una trasformazione isobara in cui non ci sia laoro dierso da quello di esansione o comressione, risulta dg = S d A questo unto noi saiamo anche altre 2 cose: intanto, in base alla sua definizione termodinamica (edere caitolo sulla termodinamica chimica) l entroia S di una sostanza è semre ositia e il suo alore aumenta all aumentare di ; inoltre, l entroia molare (cioè relatia ad 1 mole) di una sostanza gassosa è di gran lunga maggiore, a arità di, di quella della stessa sostanza liquida, come anche l entroia di quest ultima è maggiore di quella del solido. Da queste due considerazioni e dalla relazione ottenuta rima deduciamo che l energia libera di una sostanza ura nei diersi stati di aggregazione arierà con la temeratura quando si mantiene costante la ressione. Si uò eidenziare meglio questo concetto mediante un diagramma nel quale, data la nostra sostanza e fissata la ressione, sono riortati in ascisse i alori di ed in ordinate i corrisondenti alori dell energia libera molare: infatti, in questo grafico si ottengono 3 distinte cure, ognuna delle quali raresenta la ariazione, in funzione di, dell energia libera molare della sostanza nei tre diersi stati di aggregazione. Energia libera G Solido F Liquido E Gas emeratura F E Si notano due unti articolari nel grafico: il unto F in cui si intersecano la cura del solido con quella del liquido ed il unto E in cui inece si intersecano la cura del liquido e quella del aore. Si eidenzia allora quanto segue: nell interallo [0, F ] l energia libera del solido è semre minore di quella del liquido, il che significa che in tale interallo di temeratura la forma iù stabile è quella solida; nell interallo [ F, E ] l energia libera del liquido è semre minore sia di quella del solido sia di quella del gas, er cui in questo interallo la forma iù stabile è quella liquida; infine, al di sora di E, è il gas ad aere l energia libera minore degli altri due stati, er cui è il gas ad essere la forma iù stabile. 19

20 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 EQUILIBRI DI FASE Con riferimento all ultima figura riortata, la temeratura F è quella alla quale, a quella secifica ressione, ossono coesistere in equilibrio la fase solida e la fase liquida, in quanto esse risultano aere in quel unto la stessa energia libera molare: F si chiama erciò temeratura di fusione e indiidua il cosiddetto unto di fusione della sostanza in esame. In modo del tutto analogo, la temeratura E è quella alla quale, a quella secifica ressione, ossono coesistere in equilibrio la fase liquida e la fase gassosa: si chiama erciò temeratura di ebollizione e indiidua il unto di ebollizione. In questo unto coincidono l energia libera molare della fase liquida e di quella gassosa. CENNI DI ERMOCHIMICA La termochimica si occua dello studio dei calori di reazione. A tal roosito, ricordiamo quanto già isto nel caitolo sulla termodinamica: er una trasformazione condotta a ressione costante, il calore di reazione si identifica con l entalia di reazione. Sussistono allora le seguenti definizioni: si definisce entalia di fusione la quantità di calore necessaria er trasformare, alla temeratura di fusione F ed alla ressione di 1 atm, 1 mole di sostanza dallo stato solido cristallino allo stato liquido. Quando ci si riferisce ad 1 g di sostanza, anziché ad 1 mole, il calore in gioco si chiama calore latente di fusione; si definisce entalia di eaorazione la quantità di calore necessaria er trasformare, alla temeratura di ebollizione B ed alla ressione di 1 atm, 1 mole di sostanza dallo stato liquido allo stato gassoso. Quando ci si riferisce ad 1 g di sostanza, anziché ad 1 mole, il calore in gioco si chiama calore latente di eaorazione. 20

21 Sostanze ure e gas I Gas RODUZIONE AI GAS In un gas a temeratura normale, le forze attrattie esistenti tra le molecole non sono eidentemente tali da tenere le molecole stesse legate tra loro; quando inece il gas iene ortato a temeratura molto bassa, accade che le forze a corto raggio finiscono con il realere sulla tendenza delle molecole a restare indiendenti una dall altra. Quindi, cominciamo col dire che in condizioni normali di ressione (1 atm) e temeratura (25 C), le molecole sono raticamente sincolate le une dalle altre ed è il motio er cui un gas tende semre ad occuare tutto il olume a roria disosizione. er caratterizzare un gas abbiamo allora bisogno di diersi arametri, al contrario dei liquidi o dei solidi, er i quali basta sesso anche un solo arametro: er esemio, quando noi arliamo di 1 litro di acqua, non c è ossibilità di confusione, in quando è lecito trascurare il fenomeno della dilatazione cubica dei liquidi (in relazione a sbalzi di ressione o di temeratura), er cui, ad 1 litro di acqua corrisonderà semre un reciso olume; stessa cosa er i solidi: er studiare una sostanza allo stato solido non è in genere necessario secificare sotto quali condizioni serimentali conduciamo la nostra analisi. Le cose sono dierse quando arliamo di un gas, sorattutto erché, er questo stato di aggregazione, la quantità è cosa ben diersa dal olume che la contiene: data una certa massa m di un gas, ossia una certa quantità di tale gas, è necessario utilizzare, er condurre ulteriori analisi, altri arametri che sono recisamente la ressione, il olume del reciiente che contiene il gas e la temeratura alla quale il gas si troa. Di queste 4 quantità (,,,m), ognuna uò essere esressa in funzione delle altre 3: mentre nei solidi e nei liquidi noi trascuriamo quasi semre la diendenza di ed m da e, lo stesso non ossiamo fare er i gas, doe è corretto arlare di un certo olume solo se secifichiamo in quali condizioni di ressione e temeratura lo consideriamo. Difatti, solo così ossiamo ricaarci quanta massa di gas abbiamo a disosizione. GAS ERFEI Definiamo gas erfetto o anche gas ideale una sostanza er la quale, in ogni stato, risulti rigorosamente erificata l equazione caratteristica = R che rende aunto il nome di equazione di stato di un gas ideale. In tale equazione comaiono la ressione, il olume secifico, la temeratura assoluta ed una costante R della quale si arlerà tra un attimo. E ossibile dimostrare, usando rorio l equazione rima riortata, due risultati molto imortanti: 21

22 Aunti di Fisica ecnica - Caitolo 2 in rimo luogo, si dimostra che i gas erfetti hanno una energia interna U che non diende né dalla ressione né dal olume secifico, ma soltanto dalla temeratura: si troa, infatti, con oortuni assaggi, che u = 0 = cos t u = 0 = cos t u indiendente da u indiendente da in secondo luogo, si dimostra che i gas erfetti hanno anche una entalia H che non diende né dalla ressione né dal olume secifico, ma soltanto dalla temeratura: si troa, infatti che h = 0 = cos t h = 0 = cos t h indiendente da h indiendente da E bene sottolineare che queste ultime equazioni e l equazione = R non sono mai erificate rigorosamente nel caso di sostanze reali: esse esrimono un comortamento uramente ideale. D altra arte, stabilita una certa arossimazione, er tutte le sostanze reali esistono certamente degli stati termodinamici nei quali le equazioni recedenti sono erificate con l arossimazione fissata: si dice allora che, in tali recisi stati termodinamici, la sostanza reale ha un comortamento da gas erfetto o, iù semlicemente, che la sostanza reale in quelle condizioni è un gas erfetto. Inoltre, i gas erfetti, ur essendo una astrazione, hanno una noteole imortanza sia erché ogni relazione termodinamica assume la forma analitica iù semlice rorio er questo tio di gas sia anche erché, er le arossimazioni generalmente usate in ingegneria, molte sostanze reali (in articolare quelle con temeratura critica al di sotto della temeratura ambiente) hanno un comortamento da gas erfetto er un astissimo camo di condizioni termodinamiche. Da queste due ultime relazioni si ricaa un altro imortante risultato: ricordando che i calori secifici, a olume costante ed a ressione costante, sono stati definiti, risettiamente, mediante le u relazioni c = h e c =, aare eidente che, er i gas erfetti, anche queste due = cos t = cos t grandezze sono funzioni solo della temeratura. Ci sono, oi, delle eccezioni anche a questa rorietà: infatti, sia i gas monoatomici sia in gas oliatomici entro certi interalli di temerature, quando hanno comortamento da gas erfetto, risultano caratterizzati da alori costanti di c e c, ossia indiendenti anche dalla temeratura: questa rorietà, che tra l altro semlifica molto la relazioni termodinamiche, ha suggerito l introduzione del concetto dei cosiddetti gas iuccheerfetti, definiti come gas erfetti a calori secifici costanti. 22

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

6. I GAS IDEALI. 6.1 Il Gas perfetto

6. I GAS IDEALI. 6.1 Il Gas perfetto 6. I GAS IDEALI 6. Il Gas erfetto Il gas erfetto o ideale costituisce un modello astratto del comortamento dei gas cui tendono molti gas reali a ressioni rossime a quella atmosferica. Questo modello di

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I rocessi termodinamici che vengono realizzati nella ratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Aunti ed Esercizi di Fisica ecnica e Macchine ermiche Ca. 2. ermodinamica degli stati Paolo Di Marco Versione 2009.03 30.10.09. La resente disensa è redatta ad esclusivo uso didattico er gli allievi dei

Dettagli

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI ittorio Mussino: vittorio.mussino@olito.it SISEMI E SI ERMODINMICI Nel corso di Fisica I (meccanica), si sono determinate le leggi che governano il moto dei sistemi di articelle (discreti e continui) e

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA ER M O D I N A M I CA È la branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un SISEMA MACROSCOPICO a seguito di uno scambio di energia con altri sistemi o con l'ambiente. IL sistema macroscoico

Dettagli

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η =

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η = CICLI ERMODINAMICI DIREI: Maccine termice Le maccine ce anno come scoo uello di trasformare ciclicamente in lavoro il calore disonibile da una sorgente termica sono dette maccine termice o motrici e il

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T CICLI MOORI Utilizzando un motore (sorgente di lavoro meccanico oerante in maniera ciclica) che evolve secondo il ciclo isotermo-adiabatico di Carnot in maniera internamente reversibile, scambiando calore

Dettagli

L equilibrio chimico

L equilibrio chimico Equilibrio chimico L equilibrio chimico Ogni reazione, in un sistema chiuso, evolve sontaneamente ad uno stato di equilibrio Quando viene raggiunto lo stato di Equilibrio Chimico: le velocità della reazione

Dettagli

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I APPUNI del CORSO di MACCHINE I Motori a combustione interna A cura del dott. ing. Daniele Scatolini dalle lezioni del rof. Cinzio Arrighetti Introduzione Il motore a combustione interna (m.c.i.) ha origine

Dettagli

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi Comlementi ed esercizi di Idrodinamica I arte.. Prorietà fisiche dei fluidi. Densità e modulo di elasticità a comressione cubica. Come è noto la densità di massa ρ misura la massa contenuta nell unità

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Aunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Ca. 0. Elementi di sicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Nicola Forgione Paolo Di Marco Versione 0.0.04.0. La resente disensa

Dettagli

Appunti di Termodinamica

Appunti di Termodinamica ullio Paa unti di ermodinamica Per arofondire consultare il testo: Paa; Lezioni di Fisica-ermodinamica, edizioni Kaa, Roma 1 Sistemi e variabili termodinamiche Equazioni di stato 1 Introduzione La termodinamica

Dettagli

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16 Sommario Pa. 1. Scoo dell eserienza 2 2. Presuosti teorici 3 3. Aarato Strumentale 6 4. Descrizione dell eserimento 8 5. Dati serimentali e loro elaborazione 9 5.1 Resistenza interna del triodo 9 5.2 Conduttanza

Dettagli

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Pag. 1 di 7 CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Premessa La resente relazione ha l obiettivo di verificare quale sia il consumo di legna ed il temo necessario affinché il termocamino

Dettagli

Lavoro e Potenza, Unità di misura. 1 unità di Potenza = 1 kg f m /s. 1 HP = 33000 lb f ft / min

Lavoro e Potenza, Unità di misura. 1 unità di Potenza = 1 kg f m /s. 1 HP = 33000 lb f ft / min Laoro e Potenza, Unità di misura om è noto, la Potenza è definita come Laoro ( Forza sostamento) nell unità di temo. L unità SI della otenza è dunque: Watt N m /s Nelle unità MKS, la otenza (la cui unità

Dettagli

La Statica dei Fluidi

La Statica dei Fluidi MT, MTT Aunti di Fisica er Scienze Biologiche Vers 4 /9/5 La Statica dei Fluidi Un fluido non ossiede forma roria ma si adatta a quella del contenitore che lo contiene Può essere nella fase liquida (es

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

Sperimentalmente si verifica che per una massa di gas segue alcune leggi valide per tutti i tipi di gas generalmente indicate come:

Sperimentalmente si verifica che per una massa di gas segue alcune leggi valide per tutti i tipi di gas generalmente indicate come: Gas perfetti Fisica Tecnica G. Grazzini Sperimentalmente si erifica che per una massa di gas segue alcune leggi alide per tutti i tipi di gas generalmente indicate come: Legge di Boyle V = cost. Legge

Dettagli

pdv + p ponendo v T v p

pdv + p ponendo v T v p Nel aso artiolare in i δl sia esresso in fnzione delle oordinate e, è er trasformazione internamente reersibile ari a : δl d laoro di ariazione di olme, essendo d d d esso si ò osì esrimere δl d d onendo

Dettagli

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao)

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Trigonometria (tratto dal sito Comito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Teoria in sintesi Radiante: angolo al centro di una circonferenza che sottende un arco di lunghezza rettificata uguale al

Dettagli

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze.

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze. Università degli Studi di erugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della olitica e dell'mministrazione Lezione n. Riasso di microeconomia CONOMI FINNZ ULIC nza Caruso Le referenze Come i consumatori

Dettagli

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza 1 Il camo elettrico 1.1 Azione a distanza L idea di interazione fra cori è stata semre associata all idea di un contatto: la ossibilità che un oggetto otesse esercitare un azione in una regione di sazio

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

SISTEMA BINARIO DI DUE LIQUIDI VOLATILI TOTALMENTE MISCIBILI che seguono Raoult

SISTEMA BINARIO DI DUE LIQUIDI VOLATILI TOTALMENTE MISCIBILI che seguono Raoult SISTEM INRIO DI DUE IQUIDI OTII MENTE MISCIII che seguono Raoult Consideriamo due liquidi e totalmente miscibili di composizione χ e χ presenti in un contenitore ad una certa temperatura T=T 1. o strato

Dettagli

Fondamenti di Meteorologia e Climatologia

Fondamenti di Meteorologia e Climatologia Uniersità degli studi di rento Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria er l Ambiente e il erritorio Prof. Dino Zardi Diartimento di Ingegneria Ciile ed Ambientale Fondamenti di Meteorologia

Dettagli

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare Acroolis Atene Eretteo: sostituzione di armature in acciaio con strutture in itanio. Esemi di restauro negativo acciaio contro ferro sigillato in iombo. Recuero di restauri inoortuni con sostituzione mediante

Dettagli

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale Corso di Imiati Tecnici a.a. 009/010 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 18 18.1 L orecchio umano La ercezione di suoni, come d altra arte già osservato al riguardo della luce, coinvolge sia asetti fisici

Dettagli

Regolazione degli impianti a vapore

Regolazione degli impianti a vapore Regolazione degli imianti a vaore Ing. A. Paolo Carlucci Nel rogetto di una centrale termoelettrica intervengono numerosi fattori: utilizzazione annua, ovvero quante ore all anno una centrale deve funzionare;

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Pag. 1 di 7 CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Introduzione La resente relazione ha obiettivo di calcolare indicativamente funzionamento efficacia ed efficienza di termocaminetti

Dettagli

Economia dell'informazione

Economia dell'informazione Economia dell'informazione Disensa 3 Monoolio Martina Gambaro & Andrea Borghesan martina.gambaro@unive.it - borg@unive.it Sommario Monoolio... 1 Massimizzazione del rofitto in monoolio... Monoolio ed elasticità...

Dettagli

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI AREA : FUNZIONI E LIMITI INSIEMI NUMERICI E FUNZIONI Per ricordare H Un insieme E si dice: itato sueriormente se esiste un numero k, non necessariamente aartenente a E, che eá maggiore o uguale di tutti

Dettagli

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita Le Macchine a Fluido Tutor Ing. Leonardo Vita Introduzione Si uò definire macchina, in senso lato, un qualsiasi convertitore di energia cioè, in generale, una scatola chiusa in cui entra e da cui esce

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO TERMODINMIC E TERMOFLUIDODINMIC Ca. 3 TERMODINMIC E LVORO MECCNICO d 0 stato finae 0 stato iniziae F V m 0 / 0 G. Cesini Termodinamica e termofuidodinamica - Ca. 3_TD e aoro meccanico Ca. 3 TERMODINMIC

Dettagli

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B)

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) U.07/0 UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) 7. BILANCIO DELL ENERGIA 7.. Bilancio dell energia stazionario er sistemi a due correnti 7... Bilancio dell energia

Dettagli

VA. Vettori applicati

VA. Vettori applicati VA. Vettori applicati I ettori, considerati da un punto di ista matematico, engono tutti riferiti all origine degli assi, in quanto si considerano equialenti tutti i segmenti orientati di uguale direzione,

Dettagli

Termometria e calorimetria

Termometria e calorimetria ermometria e alorimetria Priniio zero della termodinamia: 2 ori, e, a temerature differenti ( < ) osti a ontatto raggiungono l equilibrio termio. Se e sono in equilibrio termio on un terzo oro C allora

Dettagli

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità Logica 1. Le roosizioni 1.1 Cosa studia la logica? La logica studia le forme del ragionamento. Si occua cioè di stabilire delle regole che ermettano di assare da un'affermazione vera ad un'altra affermazione

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94.

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94. 1. Domanda Si consideri un sistema economico che roduce solo due beni: automobili e biciclette. È noto che nel 009 sono state rodotte 8.000 automobili che sono state venduto al rezzo di 15.000 e 80.000

Dettagli

CAP.3 LA LEGGE COSTITUTIVA ELASTO-PLASTICA

CAP.3 LA LEGGE COSTITUTIVA ELASTO-PLASTICA ECNOLOGE E MAERAL AEROSPAZAL CAP. LA LEGGE COSUVA ELASO-PLASCA CAPOLO LA LEGGE COSUVA ELASO-PLASCA. ntroduzione Le microstruttura dei materiali olicristallini è all origine del comortamento elasto-lastico

Dettagli

Corso di Fisica Strumentale

Corso di Fisica Strumentale Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Fisica Strumentale er Tecnici di Laboratorio Biomedico e Tecnici di revenzione ambientale e sui luoghi di lavoro Prof. R. Rolandi Il microscoio ottico Lo scoo di

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione 6. Scambio termico 6.. Introduzione Lo studio dei fenomeni di scambio termico si uò ricondurre a due variabili: la temeratura e il flusso di calore. La temeratura indica l energia molecolare media di un

Dettagli

Primo principio della termodinamica

Primo principio della termodinamica Primo riniio della termodinamia Priniio di equivalenza Due ori a temeratura diversa, in ontatto, raggiungono l'equilibrio termio Durante il ontatto, il "alore" si trasferise dal oro iù aldo al oro iù freddo

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

LE ONDE. r r. - durante l oscillazione l energia cinetica si trasforma in potenziale e viceversa

LE ONDE. r r. - durante l oscillazione l energia cinetica si trasforma in potenziale e viceversa LE ONDE Generalità sulle onde meccaniche Quando un corpo si muoe, la sua energia meccanica si sposta da un punto all altro dello spazio. Ma l energia meccanica può anche propagarsi senza che i sia spostamento

Dettagli

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti.

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti. Diloma Universitario in Ingegneria Corso di Fisica ecnica Paolo Di Marco e Alessandro Franco Esercizi di ermodinamica Alicata Versione 99.00 //99. La resente raccolta è redatta ad esclusivo uso didattico

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Aunti ed Esercizi di Fisica ecnica e Macchine ermiche Ca.7. I cicli termici delle macchine motrici Paolo Di Marco Versione 006.0 0.0.07 La resente disensa è redatta ad esclusivo uso didattico er gli allievi

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e lgoritmi della Logistica 00- Scheduling: Macchina Singola CRLO MNNINO Saienza Università di Roma Diartimento di Informatica e Sistemistica Il roblema /-/ w C

Dettagli

1 Domanda Oerta Surplus

1 Domanda Oerta Surplus Economia Politica Esercizi #2 L. Balletta, G. De Luca, S Modica, A. Tesoriere 1 Domanda Oerta Surlus Esercizio 1. Caitolo 7 di Mankiw, roblemi n.4,5,6,9; Caitolo 8: n.8; Caitolo 9: n.9. Esercizio 2. Considera

Dettagli

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà:

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà: CORSO ELEMENTARE SULLA PROBABILITA Eserimento aleatorio: ogni fenomeno del mondo reale il cui svolgimento è accomagnato da un certo grado di incertezza. rova (tentativo) singola esecuzione di un ben determinato

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e ratica Enrico MOSCA TORINO 1 1. INTRODUZIONE Le atmosfere controllate si definiscono come un singolo gas o una miscela di gas, la cui comosizione

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma.

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma. Aunti di MECCANICA DEI FLUIDI Corso di Fisica e Laboratorio rof. Massimo Manvilli SEZIONE ITI - ITCG Cattaneo con Liceo Dall Aglio STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Solidi : Liquidi : Gas: Plasma : FluidI:

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

La riflessione della luce: gli specchi

La riflessione della luce: gli specchi APITOLO 3 La riflessione della luce: gli secchi Immaginiamo un camo di 20 ettari ( ha 0 4 m 2 ) ieno di secchi arabolici: er l esattezza 360. Grazie a un articolare sistema di tubi, la radiazione solare

Dettagli

Introduzione ai BJT: struttura fisica... 2 RICHIAMI SUL FUNZIONAMENTO DI UN BJT... 3 L effetto transistore... 3 Regioni di funzionamento...

Introduzione ai BJT: struttura fisica... 2 RICHIAMI SUL FUNZIONAMENTO DI UN BJT... 3 L effetto transistore... 3 Regioni di funzionamento... Appunti di Elettronica apitolo 6 Transistori bipolari Analisi statica e di piccolo segnale ntroduzione ai JT: struttura fisica... 2 RHAM SUL UNZONAMENTO D UN JT... 3 L effetto transistore... 3 Regioni

Dettagli

14/05/2013. Onde sonore

14/05/2013. Onde sonore Onde sonore valutazione del fenomeno acustico 1 Cos è il suono? Una erturbazione di carattere oscillatorio che si roaga in un mezzo elastico Alla roagazione corrisonde una roagazione di energia ma non

Dettagli

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte Indice Vibrazioni di una macchina elettrica ANALISI DELLE VIRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI arte Lucia FROSINI Diartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di

Dettagli

FISICA-TECNICA Diagrammi psicrometrico

FISICA-TECNICA Diagrammi psicrometrico Diagramma psicrometrici FISICA-ECNICA Diagrammi psicrometrico Katia Gallucci Si dice diagramma psicrometrico la rappresentazione grafica della proprietà termodinamiche dell aria umida. Su tali diagrammi

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

Temperatura termodinamica assoluta

Temperatura termodinamica assoluta Temperatura termodinamica assoluta Nuova definizione di temperatura Si sceglie come punto fisso fondamentale il punto triplo dell acqua, al quale si attribuisce la temperatura T 3 = 273.16 K. Per misurare

Dettagli

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1 CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1. La caratterizzazione dell'equilibrio di mercato Per caratterizzare un mercato di concorrenza erfetta consideriamo un certo numero di imrese che roducono e offrono tutte

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle robabilità Evento casuale Chissà quante volte vi hanno detto: Scegli una carta da questo mazzo e voi scegliete casualmente una carta. Perché casualmente? Cosa vuol dire scegliere a caso?

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI PARTE PRIMA: FONDAMENTI DI MICROECONOMIA 1

SOLUZIONI ESERCIZI PARTE PRIMA: FONDAMENTI DI MICROECONOMIA 1 SOUZIONI ESERCIZI PARTE PRIMA: FONDAMENTI DI MICROECONOMIA 1 EQUIIBRIO DI MERCATO, DOMANDA E OFFERTA PROBEMA 1 (SVOTO IN AUA): amministrazione ubblica ha aena deciso di aumentare le accise sulla benzina.

Dettagli

Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale

Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Saienza Università di Roma - Diartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Scheduling Renato Bruni bruni@dis.uniroma.it Il materiale resentato è derivato da quello dei roff. A. Sassano

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE ag. 1 di 13 Premessa. L Amministrazione Comunale garantisce l inserimento ed il mantenimento

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

La presa dei fotogrammi

La presa dei fotogrammi UNITÀ T2 La resa dei fotogrammi TEORI 1 Fotogrammetria aerea 2 Relazione tra scala dei fotogrammi e altezza di volo 3 Parametri del volo aereo fotogrammetrico 4 Gestione del volo fotogrammetrico 5 Fotogrammetria

Dettagli

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi Unità Esercizi In iù: esercizi interattivi Tema B SINTESI E RIEPILG Parole chiave Ascissa. 17 Asse delle ascisse. 17 Asse delle ordinate. 17 Asse. 17 Asse. 17 Coefficiente angolare. 10 Coordinata. 17 Distanza

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Esercizi svolti di termodinamica applicata

Esercizi svolti di termodinamica applicata 0 ; 0 ; 0 Esercizi solti di termodinamica alicata Ex) A g di aria engono forniti 00 J di calore una olta a ressione costante ed una olta a olume costante semre a artire dallo stesso stato iniziale. Calcolare

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli