L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI"

Transcript

1 Tributi L'ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI La tassa rifiuti doveva coprire il costo del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni (ossia dei rifiuti provenienti da locali ed aree ad uso esclusivo), dei rifiuti speciali assimilati agli urbani (individuati con apposito provvedimento del Comune) e sia pure parzialmente anche del servizio di spazzamento delle aree pubbliche. Ne conseguiva che erano esclusi dall'ambito di applicazione della tassa i locali che producevano rifiuti speciali, rifiuti pericolosi e tutto ciò che non rientrava nella qualificazione di rifiuto solido come ad esempio particolari residui espressamente esclusi dall'ambito di applicazione del D.Leg.vo 05/02/1997 n.22 quali rifiuti radioattivi, rifiuti inerti, acque di scarico, esplosivi ecc. L'assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani ha avuto un'evoluzione legislativa che può essere raggruppata in cinque momenti rilevanti applicati attualmente anche in TIA: 1) assimilazione disposta dai Comuni: - implicita :nel Testo Unico Finanza Locale (fino al 31/12/1993) - esplicita: in base all'art. 60 del D.leg.vo 507/1993 con l'introduzione dei rifiuti equiparati (dal 01/01/1994 al 18/03/1994) 2) assimilazione legale : ai sensi dell'art. 39 della Legge 146/1994 che abrogando l'art. 60 del D.Leg.vo 507/1993 sottrae la discrezionalità in ambito locale dell'assimilazione e in base a tale disposto i rifiuti speciali sono assimilati ope legis. (dal 19/03/1994 fino al 22/05/1998) 3) assimilazione esplicita disposta dai Comuni: prevista dal D.Leg.vo 22/1997 ma entrata in vigore il 22/05/1998 con la Legge n.128 del 24/04/1998 che ha abrogato espressamente l'art. 39 della L.146/1994 che assimilava per legge i rifiuti speciali. (dal 22/05/1998 ad oggi) 4) assimilazione prevista dall'art. 195, comma 2, del D.Leg.vo 152/2006 :

2 determinazione dei criteri quali-quantitavi solo per le aziende con superficie non superiore a 250mq. nei comuni con popolazione superiore ai abitanti. Tale assimilazione non è mai entrata in vigore per la sospensione dei decreti attuativi. 5) assimilazione secondo le disposizioni del D.Leg.vo 22/1997 (con deliberazione esplicita da parte dei Comuni): Il comma 184 dell'art. 1 Legge Finanziaria 2007 stabilisce che devono continuare ad applicarsi le disposizioni del D.leg.vo 22/1997 e conseguentemente le disposizioni previste dalle deliberazioni di assimilazioni comunali esistenti. Il Comune di Verona con la Deliberazione Consiliare n. 68 del 16/07/1998 ha individuato i rifiuti speciali assimilati agli urbani confermando il criterio qualitativo di assimilazione per tipologia di rifiuti previsto dalla deliberazione del 27/07/1984 del Comitato Interministeriale e determinando un criterio quantitativo/volumetrico corrispondente alle potenzialità operative dell'azienda, nel limite di produzione di rifiuti di 20Kg. annui per metro quadrato di superficie ovvero di 0,2 mc/mq. CONDIZIONE QUALITATIVE (deliberazione Comitato Interministeriale del 27/07/1984): I rifiuti che abbiano una composizione analoga a quella dei rifiuti urbani o, comunque, siano costituiti da manufatti e materiali simili a quelli elencati in seguito, a titolo esemplificativo: - imballaggi primari e secondari (di carta,cartone,plastica, legno, metallo e simili); - contenitori vuoti (fusti,vuoti di vetro,plastica e metallo, latte e lattine e simili); - sacchi e sacchetti di carta o plastica, fogli di carta, plastica o cellophane; - cassette, pallets; - accoppiati quali: carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di carta metalizzata e simili; - frammenti e manufatti di vimini e sughero; - paglia e prodotti di paglia; - scarti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura; - fibra di legno e pasta di legno, anche umida, purchè palabile; - ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta; - feltri e tessuti non tessuti; - pelle e similpelle; - gomma e caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente da tali materiali, come camere d'aria e copertoni; - resine termo-plastiche e termo indurenti in genere allo stato solido e manufatti composti da tali materiali; - rifiuti ingombranti; - imbottiture, isolanti termici e acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia, espansi elastici e minerali e simili; - moquettes, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere; - materiali vari in pannelli (di legno,gesso,plastica e simili); - frammenti e manufatti di stucco e gesso essiccati;

3 - manufatti di ferro tipo paglietta, filo di ferro, spugna di ferro e simili; - nastri adesivi; - cavi e materiale elettrico in genere; - pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate; - scarti in genere della produzione di alimentari, purchè non allo stato liquido quali per esempio scarti di caffè, scarti della industria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili; - scarti vegetali in genere (erbe, fiori, piante, verdura...) anche derivanti da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e trebbiatura e simili); - residui animali e vegetali provenienti dall'estrazione di principi attivi; - accessori per l'informatica; Atteso che per i rifiuti urbani o assimilati sussiste l' obbligo di avvalersi del servizio pubblico, lo smaltimento in proprio non è consentito ed è irrilevante ai fini dell'obbligo del pagamento della tassa, che è dovuta per l'intero. (art. 21 del D.Leg.vo 22/ Privativa Comunale).

4 SUPERFICI TASSABILI E SUPERFICI ESCLUSE. AREE SCOPERTE. Le superfici tassabili sono quelle produttive di rifiuti urbani e di rifiuti speciali assimilati agli urbani. L'applicazione dei principi applicabili in tarsu per i rifiuti speciali e/o pericolosi è rimasta invariata anche in TIA. Sono tassabili le aree scoperte operative ovvero utilizzate per lo svolgimento dell'attività aziendale (depositi a cielo aperto, aree di esposizione ecc.) Non sono soggette all'applicazione della tassa e della TIA: locali ed aree scoperte impraticabili o interclusi o in abbandono, non soggetti a manutenzione, stabilmente muniti di attrezzature che impediscono la produzione di rifiuti (esempi: centrali elettriche, telefoniche, silos ecc); locali e aree scoperte non presidiati, locali con presenza sporadica dell uomo o di produzione a ciclo chiuso, depositi di materiale in disuso o di uso straordinario, depositi di cumuli di materiali alla rinfusa, superfici destinate all attività ginnica (esempi: palestre, saune); aree scoperte pertinenziali all attività (parcheggi dipendenti, clienti); aree di manovra ( per esempio distributori di carburanti si tassano le aree di sosta delle autovetture per i servizi vari. Il resto viene considerato area di manovra). aree a verde Tuttavia tali circostanze di esclusione della tassa sono soggette all'onere della prova e quindi devono essere specificate nella dichiarazione, in quanto la produzione di rifiuti si presume (iuris tantum) sino a prova contraria. locali ed aree dove si producono di regola rifiuti speciali e/o pericolosi: superfici produttive di rifiuti speciali ovvero rifiuti che per tipologia e qualità non rientrano nell'elenco esemplificativo della sopracitata Delibera Interministeriale o rifiuti che per quantità superano i 20Kg. al mq.; aziende agricole; zone produttive di rifiuti da imballaggio terziario ; locali produttivi di rifiuti pericolosi; Le superfici produttive di rifiuti speciali e/o pericolosi vengono detassate per l'intero. Qualora non fosse possibile individuare la superficie del locale destinata alla produzione di rifiuti speciali e/o pericolosi in quanto vi è un unico locale con promiscuità di destinazione d uso (zona ufficio, zona deposito ecc.) si applica la percentuale di riduzione sull intera area operativa pari al 30%. Per

5 area operativa si intende l'intera superficie dove viene svolta l'attività aziendale (laboratori,uffici,depositi,aree espositive ecc.) Se l'azienda produce una quantità di rifiuti superiore ai 20 Kg al mq., gli stessi sono considerati speciali in base alla Deliberazione del C.C. n. 68/1998 e pertanto non possono essere conferiti al servizio pubblico ma autosmaltiti. In tal caso, sia la TARSU prima che la TIA ora non sono dovute. La richiesta di detassazione deve essere sempre presentata a consuntivo corredata dalla documentazione che comprovi l'effettiva quantità di rifiuti prodotta nell'azienda.

6 AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI DELLA TARSU E DELLA TIA La tassa rifiuti solidi urbani, in vigore fino al 31/12/2004, ha previsto nel Regolamento Comunale le seguenti agevolazioni e riduzioni: 1. La tassa viene ridotta nella misura del 30% nel caso di attività produttive, commerciali e di servizi per le quali gli utenti dimostrano di aver sostenuto spese per interventi tecnico-organizzativi comportanti una accertata minore produzione di rifiuti od un pretrattamento volumetrico, selettivo o qualitativo che agevoli lo smaltimento e il recupero (per esempio compattatore). 2. L'art. 23 della Legge 179 del 31/07/2002 prevede dal 01/01/2003 l'abrogazione della privativa comunale per la sola attività di recupero dei rifiuti, con la conseguenza che l'utente può conferire i predetti rifiuti non più obbligatoriamente al servizio pubblico ma anche ad altre aziende che effettuano l'attività di recupero. Conseguentemente nel caso di conferimento di rifiuti oggettivamente ed obiettivamente destinati al riutilizzo la tassa veniva ridotta nella misura del 40%. L'utente doveva presentare istanza a consuntivo corredata dalla documentazione attestante il conferimento al riutilizzo (attestazione della ditta che effettua il recupero, formulare dei rifiuti ecc.) L'applicazione dell'agevolazione non era prevista per rifiuti speciali provenienti da superfici detassate (es: zone di lavorazione industriale ecc.) ma solo per i rifiuti assimilati provenienti dalle aree tassate (depositi, uffici ecc.). 3. Per le attività con utilizzo di aree scoperte operative superiori al 50% della superficie complessiva, la tassa relativa alla sola area scoperta era ridotta del 50%. (esempio: locale mq. 50 area scoperta mq. 200, la superficie tassabile dell area scoperta era di mq. 100 e pertanto si tassavano complessivamente mq. 150). 4. La TARSU veniva ridotta nella misura del 30% per locali e le aree scoperte occupate da attività economiche adibite ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, risultante da licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attività. (chioschi per la somministrazione di alimenti e bevande) 5. La TARSU era ridotta nella misura del 50% per le "Botteghe Storiche" individuate nell'art. 13 del Regolamento per l'insediamento delle attività Commerciali, approvato con Deliberazione Consiliare 25/02/2000 n. 8, in conformità a quanto previsto dall'art. 10, comma 1, lett.b) del D.Leg.vo n. 114.

7 TARIFFA IGIENE AMBIENTALE (TIA) in vigore dal 01/01/2005: il Regolamento Comunale ha previsto le seguenti riduzioni: - Per le attività con utilizzo di aree scoperte operative, l'area scoperta viene computata nella misura del 50%. - La superficie occupata da celle frigorifere o a temperatura controllata superiore a mq. 500 viene computata per la parte eccedente nella misura del 50%,. - Nel caso di produzione di rifiuti assimilati agli urbani e degli imballaggi avviati in modo oggettivo ed effettivo al recupero l'indice Kd (coefficiente di produzione rifiuti) viene ridotto in misura direttamente proporzionale alla percentuale quantitativa di rifiuti avviati al recupero fino ad un tetto massimo dell' 80%. - Per le utenze non domestiche con attività stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente è stabilita una riduzione del 30% sulla quota variabile. - Riduzione del 50% sulla quota variabile per le utenze non domestiche con attività ed esercizi commerciali il cui fatturato venga danneggiato dalla presenza di cantieri aperti per la realizzazione di rilevanti opere pubbliche o parcheggi pertinenziali, per una durata pari alla presenza del cantiere stesso. - Alle attività di agriturismo che praticano il compostaggio è applicata una riduzione del 30% sulla quota variabile. - Alle attività che aderiscono al progetto "Last Minute Market" promosso dal Comune di Verona, viene applicata la riduzione come prevista per le aziende che avviano al recupero i propri rifiuti. (riduzione del Kd in misura direttamente proporzionale alla percentuale dei rifiuti avviati al recupero fino al tetto massimo dell'80%.) - La tariffa è ridotta del 50% per le "Botteghe Storiche" individuate nell'art.13 del Regolamento per l'insediamento delle attività commerciali approvato con D.C. 25/02/2000 n Sono esentate dal pagamento della tariffa giornaliera le occupazioni su suolo pubblico effettuate da chi esercita un mestiere itinerante (mimi,suonatori,pittori), dalle ONLUS e dalle associazioni che non somministrino alimenti e bevande.

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali;

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali; P.D. 160 del 14.3.2011 Delibera n. 119 seduta del 31.3.2011 Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione

Dettagli

COMUNE DI OLGIATE OLONA

COMUNE DI OLGIATE OLONA COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese N. prot. 15054 Giugno 2013 Spett.le Ditta OLGIATE OLONA OGGETTO: Rinnovo autorizzazione al conferimento di rifiuti assimilabili anno 2013 Con la presente si

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE

REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE REGOLAMENTO TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Art. 2 - Costo del servizio Art. 3 - Soggetti passivi Art. 4 - Decorrenza e decadenza della tassa Art. 5 - Commisurazione e

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Premesso che:

IL CONSIGLIO COMUNALE. Premesso che: Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati e per la pulizia del territorio

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 158 del 29.12.1992. Modificato

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA Registrata in Segreteria Il al n. L impiegato CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N..../.. del Reg. data.. OGGETTO: Assimilazione per qualità e quantità

Dettagli

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI SALTARA 61030 - PROVINCIA DI PESARO E URBINO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 248 del 11-12-2004 Oggetto: ASSIMILAZIONE AI RIFIUTI URBANI DEI RIFIUTI SPE= CIALI NON PERICOLOSI

Dettagli

COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino. *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014

COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino. *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014 COMUNE di FERMIGNANO Provincia di Pesaro e Urbino *** COPIA *** N.021 DEL 29.03.2007 Codice Comune 41014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE ELENCO DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI APPROVATO con deliberazione del C.C. n.13 del 22/07/2013 IL SINDACO F.to Diego Navarria IL SEGRETARIO

Dettagli

I materiali di cui al comma precedente sono di proprietà dell Unione dei Comuni del Sinello; ART. 2 Oggetto

I materiali di cui al comma precedente sono di proprietà dell Unione dei Comuni del Sinello; ART. 2 Oggetto Regolamento di igiene urbana disciplinante i rapporti tra l Unione dei Comuni del Sinello ed i Comuni aderenti al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ART. 1 Premesse ed allegati Questa Unione

Dettagli

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ CRITERI DI ASSIMILABILITÀ Art. 1 Criteri e modalità di assimilazione dei rifiuti 1. In attesa della definizione dei criteri qualitativi e quantitativi e delle linee guida per l assimilazione dei rifiuti

Dettagli

I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO 2 - FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI

I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO 2 - FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI "#$#%##&#'('&)''* I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Obiettivi della gestione rifiuti Art. 2 Riferimenti normativi Art. 3 Principi generali Art. 4 Oggetto del Regolamento Art. 5 Competenze

Dettagli

Risoluzione MEF n. 2/DF

Risoluzione MEF n. 2/DF 1 di 7 12/12/2014 12:04 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Guida agli adempimenti > TARI su aree destinate ad attività produttiva 12 Dicembre 2014 MEF di Riccardo Scardovelli - Dottore

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Ufficio Ecologia: tel. 0399235220 Ufficio Tributi: tel. 039-9235203 PROT, Lì, Alla c.a. UFFICI ECOLOGIA TRIBUTI ISTANZA CONTENENTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 08 del 20.05.2004 COMUNE DI BORNO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ART. 01 ISTITUZIONE

Dettagli

DENUNCIA PER UTENZE NON DOMESTICHE

DENUNCIA PER UTENZE NON DOMESTICHE Comune di LIZZANO Provincia di Taranto Corso Vitt. Emanuele, 54 Tel. 099/9558639-40-41 fax 099/9558642 Indirizzo e-mail : tributilizzano@libero.it C.F. e P.I. 80010030734 MODELLO PROVVISORIO DENUNCIA PER

Dettagli

COMUNE DI MASLIANICO

COMUNE DI MASLIANICO COMUNE DI MASLIANICO (Provincia di Como) REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Norme di utilizzo, modalità di conferimento e criteri per la Raccolta Differenziata INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART.

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI AMBITO DI RACCOLTA OTTIMALE (ARO) N. 2 DELLA PROVINCIA DI BARI (Comuni di Binetto, Bitetto, Bitritto, Giovinazzo, Modugno, Palo del Colle, Sannicandro di Bari) PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 63 del 29.09.1995 Integrato con deliberazione del Consiglio Comunale n.39

Dettagli

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA

REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA REGOLAMENTO ASSIMILAZIONE RIFIUTI SPECIALI AI RR.SS.UU. PORTO DI CIVITAVECCHIA (parte IV del D.lgs. 03.04.2006 n.152) Approvato dal Comitato Portuale dell Ente con Delibera del 17.10.2011 n.25 Adottato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE C.A.P. 21020 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Approvato con delibera di C.C. N

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n.

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n. REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI PREMESSA 1. Il D.lgs. n. 4/2008 aveva modificato l art. 195, comma 2, lett. e), del D.lgs.

Dettagli

COMUNE DI BIANZONE Provincia di Sondrio

COMUNE DI BIANZONE Provincia di Sondrio COMUNE DI BIANZONE Provincia di Sondrio Registro deliberazioni N. 32 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RIMODULAZIONE TARIFFE, MODIFICA SCADENZE DI VERSAMENTO, INTEGRAZIONE REGOLAMENTO IUC COMPONENTE

Dettagli

COMUNE DI CARUGO Provincia di Como

COMUNE DI CARUGO Provincia di Como COMUNE DI CARUGO Provincia di Como REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n del 1 CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Pitigliano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI

Comune di Pitigliano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI Comune di Pitigliano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TASSA SUI RIFIUTI TARI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 26 del 25.08.2014 Moficato con delibera del Consiglio Comunale n.32 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 69 del 30.12.1996) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI PREMESSA

Dettagli

C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli)

C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli) C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI COMPOSTAGGIO DOMESTICO DELLA FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI URBANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. ----- DEL 31

Dettagli

Regolamento Comunale. per la disciplina dei Servizi di. Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani.

Regolamento Comunale. per la disciplina dei Servizi di. Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani. Regolamento Comunale per la disciplina dei Servizi di Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani. 1 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento - Principi generali. 1 - Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI Approvato con deliberazione consiliare n. 61 del 29/12/2004 Modificato con deliberazioni consiliari: - n. 19

Dettagli

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19/11/2001 IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

Dettagli

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani.

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. ART. 1 DEFINIZIONI GENERALI 1. Ai sensi dell art. 184, comma 2 del D.Lgs 152/06 sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI Art. 1 - Istituzione della tassa Art. 2 - Servizio di nettezza urbana Art. 3 - Contenuto del regolamento Art.

Dettagli

COMUNE DI LECCO Settore Ambiente, Pianificazione e Sviluppo Territoriale Sezione Ambiente, Ecologia, Protezione Civile e Trasporti Integrati

COMUNE DI LECCO Settore Ambiente, Pianificazione e Sviluppo Territoriale Sezione Ambiente, Ecologia, Protezione Civile e Trasporti Integrati COMUNE DI LECCO Settore Ambiente, Pianificazione e Sviluppo Territoriale Sezione Ambiente, Ecologia, Protezione Civile e Trasporti Integrati REGOLAMENTO GESTIONE CENTRO RACCOLTA RIFIUTI ART. 1 OGGETTO.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSIMILAZIONE

REGOLAMENTO DI ASSIMILAZIONE A.R.O. LECCE 1 UFFICIO COMUNE Comuni rientranti nell Ambito di Raccolta Ottimale ARO 1/LE SURBO, CAMPI SALENTINA, GUAGNANO, NOVOLI, SALICE SALENTINO, SQUINZANO, TREPUZZI SERVIZI DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO UNICO DI

PROGETTO DEL SERVIZIO UNICO DI a cura di PROGETTO DEL SERVIZIO UNICO DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI NEI COMUNI DEL BACINO A.R.O. 4 DELLA PROVINCIA DI TARANTO SCHEMA REGOLAMENTO COMUNALE ASSIMILAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA (Redatto ai sensi del D.Lgs. 03.04.2006 e s.m.i., n. 152; della L.R. 12.12.2003, n. 26 e del D.M.

Dettagli

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La TARI: La tassa sui rifiuti è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è posta a carico dell utilizzatore.

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

COMUNE DI DRESANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO

COMUNE DI DRESANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO COMUNE DI DRESANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGLI URBANI Approvato con delibera C.C. n. 48

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE PER QUANTITÀ E QUALITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI Premessa 1. L art. 198, comma 2 del D.Lgs 152/2006 stabilisce che i comuni concorrono

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Provincia di Pordenone. COPIA ANNO 2014 N. 20 del Reg. Delibere

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Provincia di Pordenone. COPIA ANNO 2014 N. 20 del Reg. Delibere COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Provincia di Pordenone ghkjf Gestione Ambientale Verificata n IT-000639 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 20 del Reg. Delibere OGGETTO: REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ----------------------

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ---------------------- COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia ---------------------- REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1- Oggetto del regolamento Art. 2 Principi generali e

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilati con particolare riferimento ad alcune tipologie

La gestione dei rifiuti speciali assimilati con particolare riferimento ad alcune tipologie La gestione dei rifiuti speciali assimilati con particolare riferimento ad alcune tipologie Dott. Geol. Luca Cianchi Pisa, 7 maggio 2012 Cos è un rifiuto? Si intende per rifiuto qualsiasi sostanza od oggetto

Dettagli

COMUNE DI ARBOREA PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI ARBOREA PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI ARBOREA PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Redatto ai sensi dell art. 198 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI AGLI URBANI ( - D. Lgs 22/97 art. 49 e successive modifiche ed integrazioni e - DPR 158/99 e successive modifiche

Dettagli

Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI. Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI. Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 18.02.2011 COMUNE DI VALDIDENTRO Provincia di Sondrio REGOLAMENTO CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. I Centri di Raccolta

Dettagli

C O M U N E D I S E T T I M O M I L A N E S E Dipartimento Ambiente Territorio OO.PP. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

C O M U N E D I S E T T I M O M I L A N E S E Dipartimento Ambiente Territorio OO.PP. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI C O M U N E D I S E T T I M O M I L A N E S E Dipartimento Ambiente Territorio OO.PP. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilati - pericolosi

Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilati - pericolosi COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DEL COMUNE DI ENDINE GAIANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DEL COMUNE DI ENDINE GAIANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DEL COMUNE DI ENDINE GAIANO AL QUALE CONFERISCONO ANCHE I CITTADINI DEI COMUNI DI SOVERE E PIANICO PER EFFETTO DI APPOSITA

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AGLI URBANI ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TITOLO I - NORME GENERALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - PRINCIPI GENERALI 1. presente regolamento ha per oggetto la

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona Prot. 952 Scandolara Ravara, 12/04/2016 Ordinanza Sindacale n. 5/2016 del 12/04/2016 OGGETTO: Disposizioni per il conferimento dei rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. IL SINDACO VISTO il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI RONCO ALL ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ISOLA ECOLOGICA COMUNALE

COMUNE DI RONCO ALL ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ISOLA ECOLOGICA COMUNALE COMUNE DI RONCO ALL ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ISOLA ECOLOGICA COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 25/11/2010 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA COMUNE DI BORMIO COMUNE DI VALFURVA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 68 del 22/09/2008 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI DELIBERAZIONE C.C. N.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI DELIBERAZIONE C.C. N. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI DELIBERAZIONE C.C. N. 33 DEL 28/07/1995 INDICE: Art. 1 - istituzione della tassa Art. 2 - servizio di nettezza

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

COMUNE DI MENFI. Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non)

COMUNE DI MENFI. Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non) COMUNE DI MENFI Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 30/06/2004 Revisione 11 dicembre 2002

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

I STEP: La superficie di riferimento

I STEP: La superficie di riferimento Tarsu/Tia Tia I STEP: La superficie di riferimento La bolletta La visura Bolletta e visura: quale superficie ai fini Tarsu? Spesso vi è coincidenza tra superficie catastale e superficie dichiarata ai fini

Dettagli

N. DENUNCIA TESSERA ECOCENTRO

N. DENUNCIA TESSERA ECOCENTRO TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Estremi di presentazione della dichiarazione (Riservata all Ufficio) A mezzo servizio postale Direttamente Ricevuta n. Data AL COMUNE DI MASON VICENTINO

Dettagli

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI A cura della Dott.ssa Valentina Vattani Il tema dell assimilazione dei rifiuti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO DELLA RAGIONERIA E DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TARIFFA D IGIENE AMBIENTALE (TARIFFA RIFIUTI) Approvato con delibera di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

REGOLAMENTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 36 del 19 marzo 2001 e modificato con deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

Regolamento per l'applicazione della tassa sui rifiuti - TARI

Regolamento per l'applicazione della tassa sui rifiuti - TARI Regolamento per l'applicazione della tassa sui rifiuti - TARI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 43 del 10.09.2014 In vigore dal 01.01.2014 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Approvato dal C.C. con delib. n. 41 del 31.05.2007 1 INDICE

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano

COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE L ACCESSO ED IL CONFERIMENTO DIFFERENZIATO DI RIFIUTI URBANI ALLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia

COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilabili e pericolosi - 1 - COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

TITOLO 1 NORME GENERALI. ART. 1 Oggetto del regolamento

TITOLO 1 NORME GENERALI. ART. 1 Oggetto del regolamento TITOLO 1 NORME GENERALI ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di smaltimento dei rifiuti urbani e di quelli assimilabili agli urbani prevista:

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

COMUNE DI SUELLO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI.

COMUNE DI SUELLO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI. COMUNE DI SUELLO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Giugno 2010 Approvato con deliberazione n. 21. nella seduta di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Allegato alla delibera di C.C. n. 39 del 17/10/2013 REGOLAMENTO DISCIPLINA E GESTIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA e del SERVIZIO "PORTA A PORTA" PARTE

Dettagli

Regolamento per l applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti

Regolamento per l applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti Comune di Assago Provincia di Milano AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa Smaltimento Rifiuti INDICE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 37 del 31.10.1995

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNE DI CALVENZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 27 del 29/06/2005 1 INDICE Art. 1 PIATTAFORMA

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA. L'anno millenovecentonovantotto, il giorno DICIOTTO del mese di GIUGNO nella sala delle adunanze.

PROVINCIA DI VICENZA. L'anno millenovecentonovantotto, il giorno DICIOTTO del mese di GIUGNO nella sala delle adunanze. Prot. n. 12176 Data 22.06.1998 C O M U N E D I T H I E N E PROVINCIA DI VICENZA ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Convocazione: I^ - Seduta: pubblica N. 0065 Del: 18.06.1998 OGGETTO ASSIMILAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA COMUNE DI MASCALUCIA DISCIPLINARE D ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA, MODALITA DI CONFERIMENTO E CRITERI PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE. ART. 1 OGGETTO Con la presente si disciplina l accesso al Centro Comunale

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI BIBBONA Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI (Art.198, comma 2, D. Lgs. 03.04.2006 n 152- Parte IV) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI COLLE BRIANZA Provincia di Lecco Piazza Roma n.4 C.A.P. 23886 Tel.039.9260014 Fax:039.9260584 info@comune.collebrianza.lc.it REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA

Dettagli

Regolamento del servizio di gestione dei rifiuti

Regolamento del servizio di gestione dei rifiuti Allegato A Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) Regolamento del servizio di gestione dei rifiuti APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 032 DI CONSIGLIO COMUNALE DEL 31/03/2003 Testo definitivo Gennaio 2003

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA Approvato con Deliberazione C.C. n 33 del 14/07/2010 1 art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09.

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09. 61100 Pesaro, Via Gramsci,7 tel. 0721 359.752 fax 0721 33781 e-mail: internet. www.provincia.ps.it Nome e logo azienda Sede legale: Sede Discarica: IMPIANTO: DISCARICA CATEGORIA: discarica per rifiuti

Dettagli

COMUNE DI ORNAGO Provincia di MILANO

COMUNE DI ORNAGO Provincia di MILANO COMUNE DI ORNAGO Provincia di MILANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI Approvato con delibera C.C. nr. 22 del 28/03/2006

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO (Provincia di Brescia)

COMUNE DI ERBUSCO (Provincia di Brescia) COMUNE DI ERBUSCO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NETTEZZA URBANA ( ART. 59 D.LGS. 507/93) Approvato con delibera di C.C. n. 21 del 20/04/2009 successivamente modificato con delibera

Dettagli

Comune di.. (Provincia di )

Comune di.. (Provincia di ) Comune di.. (Provincia di ) Regolamento del servizio di gestione dei rifiuti Gennaio 2003 Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI Capo I Generalità Art. 1 Oggetto del Regolamento...Pag. 1 Art. 2 Modificazioni

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO. Provincia di Roma

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO. Provincia di Roma COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N. 9 del 26-04-2013 OGGETTO: ASSIMILAZIONE PER QUALITÀ E QUANTITÀ DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI

Dettagli

AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI

AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI 1 SOMMARIO TITOLO I...4 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI (Delibera Consiglio di Amministrazione A.A.S.S. n. 46 del 23/05/2013) CAPO I DEFINIZIONI, COMPETENZE E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità 1. Il Regolamento di gestione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

TITOLO III 5 APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI 5 Tale titolo è stato abrogato con delibera di C.C. n.151 del 29.12.

TITOLO III 5 APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI 5 Tale titolo è stato abrogato con delibera di C.C. n.151 del 29.12. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI3 TITOLO I 3 NORME GENERALI 3 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO PRINCIPI GENERALI 3 ART. 2 - ASSUNZIONE DEL SERVIZIO IN ECONOMIA 4 ART.

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 17 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

Regolamento Comunale per la Gestione dei Rifiuti Urbani ed Assimilati

Regolamento Comunale per la Gestione dei Rifiuti Urbani ed Assimilati COMUNE DI CARRARA Settore Ambiente Regolamento Comunale per la Gestione dei Rifiuti Urbani ed Assimilati Approvato con deliberazione C.C. 41 del 30/05/2005/02/2002 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE

Dettagli