LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI (PRIMI APPUNTI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI (PRIMI APPUNTI)"

Transcript

1 LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI (PRIMI APPUNTI) FRANCO BELLI * - FRANCESCO MAZZINI ** 1. Premessa Le emissioni obbligazionarie degli enti locali territoriali, delle quali ora si discute alla luce di una recente legislazione innovativa, invero sono tutt altro che una novità, sia all estero che nel nostro Paese. È noto, ma vale la pena di rammentarlo, che anche gli stati preunitari ricorsero a questa fonte di finanziamento; la prima norma organica nazionale che s interessa della materia è rappresentata dalla legge del 1865 sull unificazione amministrativa del regno, ed esiste una ricca ed interessante legislazione che si dipana lungo tutto l Ottocento e i primi decenni del Novecento, su su fino al testo unico della legge comunale e provinciale del Ai numerosi esempi ottocenteschi e dei primi decenni del secolo (si ricorda che anche il comune di Siena fece ricorso ai prestiti obbligazionari già nel 1863) si affiancano poi talune emissioni del secondo dopoguerra, emissioni che s infittiscono nella prima metà degli anni Settanta. Ma è proprio in quel torno di tempo che, per il combinarsi di varie cause (emersione di una normativa via via più stringente sulla sollecitazione del pubblico risparmio e vincoli posti all indebitamento degli enti territoriali con i «provvedimenti urgenti sulla finanza locale» che si susseguono dal 1977 in poi), questa fonte di finanziamento, peraltro seguita con risultati non sempre soddisfacenti, s inaridisce. Le obbligazioni degli enti locali risorgono nei nuovi scenari dei primi anni Novanta. La Legge 8 giugno 1990, n. 142 «Ordinamento delle autonomie locali», all articolo 32, comma 2, lettera i), nel definire le competenze dei consigli, prevede, accanto alla accensione di mutui, la possibilità di emissione di prestiti obbligazionari; null altro aggiungen- * Professore ordinario di Legislazione bancaria, Dipartimento di Diritto dell economia, Università di Siena. ** Ricercatore confermato e docente di Diritto degli intermediari finanziari, Dipartimento di Diritto dell economia, Università di Siena. Questi appunti rappresentano la primissima tappa di una piccola ricerca in corso di svolgimento presso il Dipartimento di Diritto dell economia della nostra Università, alla quale partecipano, oltre ai sottoscritti, il dottor Giovanni L. Caputo e la signorina Pierangela Lucotti, laureanda in Legislazione bancaria; entrambi possono considerarsi coautori di questa nota. 123

2 do (si tenga poi presente che l articolo 11 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al DLgs 1 settembre 1993, n. 385 che interviene in materia di «raccolta del risparmio», al comma 4, fa riferimento «agli enti territoriali ai quali la raccolta del risparmio sia consentita in base agli ordinamenti nazionali»). Quattro anni più tardi anche grazie a taluni comuni che hanno funzionato, per così dire, da pesce pilota la Legge n. 724 fornisce una disciplina abbastanza organica della materia. Negli anni successivi e in tempi recentissimi, alla legge base si è affiancata la normativa di attuazione, completando, almeno tendenzialmente, il quadro. Fa meraviglia che una materia così rilevante e così ricca di spunti per lo studioso del diritto (fra l altro di varie branche: diritto amministrativo e pubblico, diritto commerciale, diritto dell intermediazione bancaria e finanziaria, ecc.) sia passata, tutto sommato, inosservata. La bibliografia è ricchissima, ma si contano sulle dita i lavori a taglio giuridico capaci di risultare di qualche utilità. Non c è dubbio che il contributo del giurista potrebbe rivelarsi proficuo, anche per mettere un po d ordine nell alone di mito che va montandosi attorno ai BOC, troppo spesso intesi alla stregua di strumento taumaturgico e capace di risolvere i più disparati problemi d ordine finanziario, politico e sociale. Questo appunto non ha assolutamente la pretesa di colmare la lacuna; qui non si è fatto i giuristi, ma semplicemente (direbbe Sabino Cassese) i «legisti». Ci siamo, cioè, limitati a dar conto delle norme, salvo qualche breve spunto problematico che resta da verificare. 2. La nuova stagione delle emissioni obbligazionarie degli enti locali si apre, come abbiamo detto, con la Legge 23 dicembre 1994, n. 724 «Misure di razionalizzazione della finanza pubblica», che, interessandosi della materia agli articoli 35 e 37, concretizza l astratta previsione contenuta, anche questo lo abbiamo visto nella Legge n. 142 del Ciò anche se la Legge n. 724 rinvia, come del resto è consuetudine nel nostro ordinamento in materia di diritto dell economia, alla normazione secondaria id est ad appositi regolamenti del Ministro del Tesoro per aspetti niente affatto marginali, come la determinazione delle caratteristiche dei titoli (delle caratteristiche, diciamole, più minute, rispetto a quelle di fondo che invece, come vedremo, sono delineate dalla legge stessa), come i criteri e le procedure che gli enti emittenti debbono osservare per porre in essere la raccolta del risparmio, come la quantificazione delle commissioni di collocamento di spettanza degli intermediari incaricati delle operazioni e come, infine, la definizione dei criteri di quotazione dei titoli sul mercato secondario 1. A ¹ Comma 10 dell art. 35 della legge citata. L ultimo periodo del comma in discorso recita: «A tal fine cioè al fine della disciplina della quotazione nei mercati secondari 124

3 F. BELLI - F. MAZZINI, LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI... tale adempimento il Tesoro ha provveduto in prima battuta con DM 29 gennaio 1996, n , poi integralmente sostituito con DM 5 luglio successivo, n Come vedremo più avanti, questa repentina sostituzione si giustifica alla luce dell esigenza di regolamentare la fattispecie delle emissioni in valuta. 3. Benché oramai, nel linguaggio comune, i titoli in questione siano indicati con la sigla «BOC», che richiama quella più nota «BOT», è forse opportuno premettere ma d altronde è notazione consueta 4 per un verso che i BOC hanno ben poco a che fare con i BOT (si tratta sì della stessa species: titoli assimilabili alle obbligazioni, ma mentre la caratteristica dei BOC è quella di avere una scadenza mediolunga come vedremo non possono essere realizzate emissioni con durata inferiore ad un quinquennio quella dei BOT è, viceversa, segnata dalla brevità della scadenza; proprio per questo si chiamano buoni «ordinari» 5 ) e, per altro verso, che la sigla BOC è riduttiva rispetto alle previsioni del legislatore il quale, lo diremo subito, individua, accanto ai comuni, fra i soggetti legittimati all emissione, enti territoriali di diversa natura. D altro canto, però, la confusione terminologica fra BOT e BOC trova forse parziale giustificazione sul piano normativo, anche nella legge base, allorquando (articolo 35, comma 9, primo periodo) essa stabilisce che «Alle emissioni obbligazionarie si applicano, in quanto compatibili, le norme relative alla gestione cartolare dei BOT di cui al decreto del Ministro del Tesoro del 25 luglio 1985» 6. possono anche essere previste modifiche ed integrazioni delle certificazioni di bilancio di cui all art. 44 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504», norma, quest ultima, che pone l obbligo di redigere apposite certificazioni sui principali dati del bilancio di previsione e del conto consuntivo per le amministrazioni provinciali, per i comuni e relativi consorzi, nonché per le comunità montane. Avremo modo di intervenire sul punto, brevemente, piu avanti. ² Per un breve commento vedi F. Belli - F. Mazzini, Escluse le amministrazioni con il bilancio in rosso, in Guida Normativa (Il Sole 24 Ore), n. 66, 10 aprile ³ Per un breve commento vedi F. Mazzini, Indicate le modalità per coprire il rischio di cambio, in Guida Normativa (Il Sole 24 Ore), n. 169, 11 settembre ⁴ Vedi, ad esempio, L. Quagliotto, L emissione di prestiti obbligazionari da parte di enti locali, in Riv. Dir. Comm., 1996, I, pag ss., cfr. pag. 329, nota 3. ⁵ È invero abbastanza sorprendente che l espressione «buoni ordinari comunali» sia usata non solo da un presidente di cassa di risparmio, il che passi, ma addirittura da un sottosegretario al Ministero del Tesoro. Cfr. A. Benedetti, Introduzione e G. Vegas, I Boc. Concorrenza istituzionale e debito pubblico, in A. Predieri (a cura di), Le emissioni obbligazionarie degli enti locali, Milano, 1996, rispettivamente pag. 7 e pag. 11 (a parte questa notazione pignola, il volume curato da Alberto Predieri è una delle poche opere di un certo respiro alla quale faremo, in questo appunto, costante riferimento). Gli stessi autori però sottolineano che i BOC sono sostanzialmente comparabili fatte le debite riserve con i Buoni del tesoro pluriennale (BOT) e con i Certificati di credito del tesoro (CCT). ⁶ In materia di «Autorizzazione al rilascio di ricevute provvisorie in luogo dei buoni ordinari del tesoro che possono essere presentate al rimborso». Sul piano formale, poi, 125

4 4. Vediamo, dunque, quali sono i soggetti legittimati a ricorrere ai prestiti obbligazionari, così come individuati dal primo comma dell articolo 35 della legge base. A tenore di questa norma possono emettere obbligazioni le province, i comuni, le unioni di comuni, le città metropolitane e i nuovi comuni istituiti a seguito del riordino conseguente alla delimitazione dell area metropolitana 7, le comunità montane, i consorzi tra enti locali territoriali 8, nonché, infine, le regioni. Queste ultime, in effetti, restano coinvolte solo marginalmente dalla normativa che ora ci occupa, e meriterebbero un cenno particolare che, però, ci limitiamo a svolgere brevemente in nota 9. il regolamento ministeriale pone una qual certa analogia fra «BOC» e titolo di Stato stabilendo che i titoli emessi dagli enti locali «dovranno avere segni caratteristici analoghi a quelli fissati con i decreti del Ministero del Tesoro per i titoli di stato a mediolungo termine in quanto applicabili», art. 11, comma 2, DM n. 420 del ⁷ Ex artt. 17 ss. della Legge n. 142 del ⁸ Rispetto alle unioni di comuni, alle comunità montane e ai consorzi tra enti locali, tutti questi soggetti per procedere all emissione del prestito debbono richiedere preventiva autorizzazione agli enti interessati (art. 35, comma 1); qualora si proceda alla fusione dei comuni il complesso dei rapporti giuridici relativi all emissione è trasferito all ente risultante dalla fusione medesima (art. 35, comma 4). Da notare, semmai, che non è regolamentata l operazione inversa, quella che potremmo definire di «scorporo», come ad esempio la creazione di una nuova provincia o di un nuovo comune (anche se quest ultima ipotesi è forse meno probabile). Sempre rispetto ai consorzi è opportuno osservare che la normativa in questione si applica tanto ai consorzi che gestiscono attività aventi «rilevanza economica e imprenditoriale» quanto a quelli che, viceversa, svolgono funzioni pubbliche prive di tale rilevanza. Tuttavia, mentre a questi ultimi si applicano le norme dettate per gli enti locali in materia di finanza, contabilità e regime fiscale, ai consorzi con rilevanza imprenditoriale si applica la normativa prevista per le «aziende speciali» (art. 25, comma, 7 bis Legge n. 142 del 1990), le quali, peraltro, non rientrano fra i soggetti legittimati all emissione dalla Legge n. 724, essendo tuttavia già state abilitate da tempo, per quanto (così sembra di poter dire) solo in linea di principio (art. 27 septies della Legge 26 febbraio 1982, n.51 ed art. 45 DPR 4 ottobre 1986, n. 902). ⁹ Per quanto concerne le regioni a parte quelle ad autonomia differenziata per le quali i rispettivi statuti speciali prevedono la facoltà di emissione, l art. 35 della Legge n. 724 tiene ferma la disciplina di cui all art. 10 della Legge 16 maggio 1970, n. 281 (contenente «Provvedimenti finanziari per l attuazione delle regioni») come modificato dall art. 22 della Legge 19 maggio 1976, n. 335 (contenente «Principi fondamentali e norme di coordinamento in materia di bilancio e di contabilità delle regioni») e, da ultimo, dall art. 9 della Legge 26 aprile 1982, n. 181 («Legge finanziaria 1982»). La disposizione richiamata si riferisce ai limiti e alle condizioni entro i quali le regioni possono contrarre mutui ed emettere obbligazioni, prevedendo, tra l altro, che la legge regionale che autorizza l accensione di prestiti debba specificare l incidenza delle operazioni anzidette sui singoli esercizi finanziari futuri, nonché i mezzi necessari per la copertura degli oneri. L emissione di obbligazioni da parte delle regioni, così come pure la contrazione di mutui, può essere esclusivamente finalizzata alla copertura di spese di investimento (ma vedremo che oramai questa è una regola generale, che nasce sul fronte dei mutui e da lì viene esportata su quello delle emissioni obbligazionarie) o all assunzione di partecipazioni in società finanziarie regionali. La legge regionale di autorizzazione all accensione di prestiti deve specificare altresì che l effettuazione dell operazione deve essere deliberata dalla giunta regionale. Il citato art. 10 della Legge n. 281 del 1970 prevede anche che l operazione sia deliberata, ai sensi della normativa 126

5 F. BELLI - F. MAZZINI, LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI Per quanto concerne, invece, presupposti, limiti, procedure e tecniche delle emissioni, va innanzitutto sottolineato il fatto che, con previsione introdotta a livello regolamentare, l emissione di prestiti è subordinata alla preventiva approvazione del piano economico-finanziario di cui all articolo 46 del DLgs 30 dicembre 1992, n. 504, nel caso di finalizzazione del prestito medesimo alla realizzazione di opere pubbliche destinate all esercizio di servizi pubblici a rilevanza imprenditoriale, nonché del progetto o del piano esecutivo dell investimento di cui all articolo 43 del DLgs 25 febbraio 1995, n Questa norma del regolamento si muove nel solco del principio, stabilito dalla legge, secondo cui i prestiti obbligazionari non possono essere destinati al finanziamento di spese di parte corrente e devono essere, di converso, finalizzati obbligatoriamente al sostegno degli investimenti (articolo 35, comma 1) 11. vigente, previo conforme parere del Comitato interministeriale del credito e del risparmio (CICR). Quest ultima previsione è ora certamente superata alla luce del disposto dell art. 129 del Testo unico bancario (DLgs 1 settembre 1993, n. 385, Testo unico delle leggi in materia bancarie creditizia), che, in materia di emissione di valori mobiliari in generale, prevede l intervento della Banca d Italia. Del resto l art. 35 della Legge n. 724 fa espresso rinvio, anche per l emissione delle obbligazioni degli altri enti territoriali, a tale norma. Fra i limiti e le condizioni, l art. 10 della Legge n. 281 prevede espressamente che l importo complessivo delle annualità di ammortamento per capitale e interessi dei prestiti in estinzione non possa superare il 25 per cento dell ammontare complessivo delle entrate tributarie della regione. Tuttavia, l autonomia regionale è ulteriormente limitata dall art. 35, comma secondo lett. b) della Legge n. 724, che preclude l emissione di prestiti obbligazionari alle regioni che abbiano provveduto al ripiano dei disavanzi di amministrazione ai sensi dell art. 20 del DL 18 gennaio 1993, n. 8 (contenente «Disposizioni urgenti in materia di finanza derivata e di contabilità pubblica») convertito con modificazioni dalla Legge 19 marzo 1993, n. 68. ¹⁰ I due decreti citati nel testo riguardano rispettivamente il «Riordino della finanza degli enti territoriali, a norma dell art. 4 della Legge 23 ottobre 1992, n. 421» e «L ordinamento finanziario e contabile degli enti locali». Mentre non sembra creare problemi interpretativi il richiamo all art. 43 del DLgs n. 77 del 1995 (ove si aggancia l obbligo di predisposizione del progetto o del piano esecutivo dell investimento a «tutti gli investimenti degli enti locali comunque finanziati»), crea invece qualche perplessità l estensione tout court alle emissioni obbligazionarie, per quanto finalizzate come detto nel testo, dell obbligo di redazione del piano economico-finanziario che, a monte del comma 3 dell art. 46 del DLgs n. 504, concerne «esclusivamente le nuove opere, il cui progetto generale comporti una spesa superiore al miliardo». A parte qualsiasi dubbio di legittimità, sempre facile da imbastire, c è da chiedersi se il citato art. 46 vada applicato in tutto il suo disposto (di talché, per esempio, rimarrebbero escluse le emissioni relative al finanziamento di opere «non nuove»), comprese procedure, tecniche e vincoli per la «confezione» del piano economico-finanziario, oppure se, invece, il rinvio si limiti a richiamare soltanto uno stumento tecnico. Per un interpretazione estensiva vedi. ABI, Circolare serie tecnica n. 60, 1 aprile 1996, pag. 6. ¹¹ Un principio forte, in astratto, e tradotto in maniera rigorosa dalla normativa (avremo modo di vederlo più avanti rispetto alle possibilità di utilizzazione delle risorse finanziarie), c è pero chi ne dubita (e non a caso si tratta di un esponente del Ministero del Tesoro). «È ovvio [...] che [...] un rischio può derivare dal fatto che queste fonti di provvista finanziaria potrebbero essere utilizzate per spese fittiziamente in conto capitale, ma che in realtà sono destinate a finanziare spese di carattere corrente, 127

6 6. La legge (articolo 35, comma 3) stabilisce che il prestito debba essere pari all ammontare del valore del progetto esecutivo a cui fa riferimento; d altra parte gli investimenti ai quali il prestito è finalizzato devono avere un valore di mercato attuale o prospettico quantomeno eguale all ammontare del prestito medesimo 12. In quest ultimo caso siamo, ad evidenza, dinanzi ad un principio di economicità, ad una sorta di lettura «doppia»: il progetto va visto simultaneamente come spesa e come investimento, cioè come ritorno di valore. Il regolamento sembra discostarsi, e non di misura, da queste previsioni, allorquando all articolo 1, comma 6, stabilisce che: «L importo del prestito, al netto delle spese di collocamento e di tutti gli altri oneri connessi con l emissione [...], non può essere superiore all ammontare della spesa risultante dal progetto esecutivo nel caso in cui il prestito sia finalizzato alla realizzazione di opere pubbliche, ovvero al valore riconosciuto dall ufficio tecnico dell ente emittente per altre tipologie di investimento». E, a conferma di ciò, continua: «Nel caso in cui l investimento sia finanziato anche con risorse diverse da quelle derivanti dal prestito, la delibera di emissione deve indicare dettagliatamente tali risorse». Si tratta, in piena evidenza, di una norma di dubbia legittimità, ciò detto però non se ne può certo disconoscere l opportunità, posto che la legge base prevedeva una programmazione finanziaria anomala, rigida e masochisticamente legata ad un unica fonte di finanziamento. Questa scelta niente aveva a che vedere con la salvaguardia del principio di finalizzazione agli investimenti del ricavato del prestito obbligazionario, salvaguardia che resta ferma anche nel meccanismo previsto dal regolamento. Questa rigidità non trovava forse nemmeno giustificazione alla luce di una ulteriore «cautela» originariamente prevista dal comma sesto dell articolo 35 della legge, che stabiliva il divieto di ricorrere al sostegno della Cassa depositi e prestiti nel periodo amministrativo in cui il prestito veniva sottoscritto, non foss altro perché accanto alla «mano soccorrevole» della Cassa depositi e prestiti, esistevano ed esistono altre vie, più o meno impervie, di finanziamento, fra cui quella bancaria e quelle relative ad eventuali disponibilità di bilancio. In seguito la previsione citata è venuta meno, anzi è stata abrogata due volte e in maniera curiosa sia dall articolo 1, comma 90 della Legge 28 dicembre 1995, n. 549, collegata alla finanziaria per il 1996, che dall articolo 3 bis introdotto in sede di conversione del DL 27 ottobre 1995, n. 444 (recante «Disposizioni urgenti in materia di finanza mentre la legge prescrive che i BOC non possono essere utilizzati per spese correnti; però tutti sappiamo che si possono utilizzare una serie di manovre contabili che permettono di sviare una originale finalizzazione di spesa a favore di un altra», G. Vegas, I Boc, cit., pag. 13. ¹² Lo stesso comma stabilisce che gli interessi sui prestiti concorrano alla determinazione del limite di indebitamento previsto dalla normativa per i vari enti emittenti. 128

7 F. BELLI - F. MAZZINI, LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI... locale») dalla Legge 28 dicembre 1995, n Oramai, allora, l indebitamento presso la Cassa depositi e prestiti può essere complementare rispetto alle emissioni obbligazionarie Si muove sempre nella filosofia di garantire una «sana e prudente gestione» la prescrizione che subordina l emissione dei prestiti alla condizione che l ente non sia né in dissesto né in situazione strutturalmente deficitaria 15 (articolo 35, comma 2, della legge). In ogni caso non possono essere emessi prestiti ove risulti un disavanzo di amministrazione dal conto consuntivo del penultimo esercizio e se non sia stato deliberato il bilancio di previsione dell esercizio in cui è prevista l emissione del prestito stesso (articolo 35, comma 3). Ciò posto, però, il successivo articolo 37 prevede un regime derogatorio. Gli enti dissestati o strutturalmente deficitari possono procedere alle emissioni purché abbiano registrato un avanzo di amministrazione nei conti consuntivi relativi all ultimo e al penultimo esercizio precedenti quello dell emissione e, allo stesso tempo, abbiano ripianato gli eventuali disavanzi di gestione risultanti nei due anni precedenti quello dell emissione dei servizi pubblici gestiti pel tramite di aziende municipalizzate, provincializzate e speciali e di consorzi per la quota a carico del singolo ente locale interessato. Il quarto comma del citato articolo 37 precisa poi che, per l applicazione delle norme in deroga sopra richiamate, i conti consuntivi cui occorre riferirsi non possano in ogni caso interessare gli esercizi precedenti quello per il quale sia stata approvata l ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. La norma, dunque, implica che, ad esempio, un ente dissestato, la cui ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato riguardi il 1996, potrà emettere obbligazioni (o contrarre mutui dato che le due fattispecie si equivalgono) soltanto nel corso del 1998, sempreché i consuntivi relativi al 1996 e al 1997 (anni che non precedono quello in cui è stata approvata l ipotesi di riequilibrio) registrino un avanzo di amministrazione. 8. Il prestito obbligazionario non può avere durata inferiore a cinque anni (articolo 35, comma 4) 16, i titoli possono essere anche convertibili o con warrant in azioni di società «possedute» 17 dagli enti locali ¹³ Sul punto v. I. Borrello, Commento al decreto 29 gennaio 1996, n. 152, in Giornale di diritto amministrativo, 1996, pag. 507 ss. v. pag. 509, a cui adde F. Mazzini, Emissioni in valuta con copertura del rischio di cambio. Commento al decreto legge 25 marzo 1996, n. 156, in Guida Normativa (Il Sole 24 Ore), 10 aprile 1996, n. 66, pag. 15. ¹⁴ Perplessità sulla possibile utilizzazione del «doppio canale» di finanziamento sono manifestate da G. Vegas, op. cit. ¹⁵ Per la definizione v. art. 45, DLgs n. 504/92. ¹⁶ Nel caso di unioni di comuni o di consorzi la data di estinzione non può superare quella di scioglimento dell unione o del consorzio. ¹⁷ Viene da chiedersi che cosa si debba, concretamente, intendere con l espressione «società possedute». Il riferimento al possesso ci sembra improprio e possibile fonte di 129

8 (comma 5). In quest ultimo caso la delibera di emissione dovrà indicare le modalità di conversione e di esercizio dei warrant. Questi ultimi potranno circolare separatamente dai titoli obbligazionari e potranno essere esercitati nei periodi previsti nella delibera di emissione. Tale previsione normativa appare sicuramente opportuna anche in vista di un sostegno-accelerazione dei processi di privatizzazione in atto 18. Ai sensi dell articolo 1, comma 2 del regolamento, è vietata l emissione di titoli obbligazionari con opzioni, né gli enti emittenti possono far ricorso a «derivati» che modifichino la struttura dei titoli nel corso della loro vita. I titoli sono emessi con clausola al portatore e possono essere stanziati in anticipazione presso la Banca d Italia ed essere ricevuti in pegno dalle banche. Come stabilisce l articolo 35, comma 9 della Legge n. 724, i titoli in questione possono essere quotati sui mercati regolamentati ai sensi della normativa vigente; il successivo comma lo si è accennato demanda al regolamento del Tesoro la definizione dei criteri di quotazione nel mercato secondario. Ci piace notare, non fosse altro che per curiosità, che nella prima versione del regolamento ministeriale (quella del gennaio) si prevedeva l emanazione di apposite, supplettive, disposizioni ministeriali, sentita la Consob, ai sensi dell articolo 8, commi 11 e 12, del DPR n. 138 del 1975, come sostituiti dall articolo 5 del DLgs 27 gennaio 1992, n. 89. In base a tale normativa, il provvedimento ministeriale avrebbe dovuto contenere le condizioni, i requisiti e le modalità di ammissione dei titoli, gli obblighi derivanti dalla quotazione, le modalità di sospensione e revoca, nonché avrebbe dovuto indicare le amministrazioni dello Stato eventualmente competenti ad esprimere il parere di merito sull ammissione a quotazione dei titoli stessi. Viceversa nella versione ora in vigore del regolamento (quella del luglio) si dispone con formula lapidaria che l ente emittente possa chiedere la quotazione ufficiale dei propri titoli sul mercato secondario interno ed estero, dovendo osservare nel primo caso le disposizioni vigenti in materia, cioè, perlomeno all epoca, quelle con- malintesi. Quand è, infatti, che la società è «posseduta» da un suo azionista (quand anche esso sia un ente territoriale)? Quando è da esso controllata di diritto o di fatto? O, addirittura, quando ne è l unico azionista? Fino a che punto, però, si può far coincidere la situazione di controllo o di influenza dominante con il diritto proprietario o, addirittura, secondo il lessico adoperato dal legislatore, con la situazione giuridico-soggettiva che fa capo al possessore? Quest ultima situazione, prima facie, non è del tutto estranea al diritto societario? La questione non sembrerebbe doversi porre se invece come probabilmente dovrebbe farsi si intende l aggettivo possedute come relativo alle azioni anziché alle società. Evidentemente, in quest ultimo caso, è indifferente il livello di partecipazione dell ente territoriale. ¹⁸ Si ricorda, peraltro, che il DL 26 settembre 1995, n. 406, convertito nella Legge 29 novembre 1995, n. 503, consente agli enti locali l emissione di prestiti obbligazionari convertibili in fondi immobiliari. 130

9 F. BELLI - F. MAZZINI, LA NORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DEGLI ENTI LOCALI... tenute nel regolamento per l ammissione di titoli alla quotazione ufficiale nelle Borse valori (delibera Consob n. 4088/1989 e successive modificazioni). Stranamente l 8 agosto 1996 e cioè a poco più di un mese dall emanazione del regolamento vigente il Ministro del Tesoro ha adottato con proprio decreto n. 457 un «Regolamento recante la disciplina della quotazione dei titoli di Stato e dei titoli obbligazionari di enti locali», emanato, come si legge esplicitamente in premessa, ai sensi della originaria previsione del regolamento del gennaio che nel frattempo era stato integralmente abrogato 19. Il DM n. 457, che in gran parte ricalca la normativa generale, esclude tuttavia per i titoli emessi dagli enti locali l ammissione di ufficio, prevedendo all articolo 8 la sola ipotesi di ammissione su domanda degli enti interessati. La domanda in questione rivolta alla Consob e corredata da una specifica documentazione dovrà riferirsi a tutti i titoli di una medesima emissione, indicando il numero dei sottoscrittori nonché il numero e il valore del «collocato». La Consob, previa assunzione del parere del Ministero dell Interno e dopo aver verificato la completezza della domanda, delibera l ammissione o il rigetto, dandone comunicazione all ente richiedente entro tre mesi dalla data della presentazione della domanda medesima ovvero, in caso di documentazione incompleta, dal giorno del suo completamento. Quanto ai requisiti degli enti emittenti, occorre che, quando si tratti di consorzi a rilevanza economico-imprenditoriale, l ultimo bilancio approvato sia stato certificato da una società di revisione iscritta all albo previsto dal DPR n. 136/1975, mentre, per gli altri enti territoriali, è necessario che l ultimo rendiconto della gestione, corredato dalla relazione di cui all articolo 73 del DLgs n. 77/1975, debba essere certificato dall organo di revisione economico-finanziaria con le modalità previste dall articolo 105, lettera d, del medesimo decreto legislativo (articolo 7, comma 2, regolamento quotazioni). Riguardo alla certificazione, va comunque tenuto presente che le medesime procedure debbono essere osservate anche in fase di prima emissione (vedi articolo 6 del DM n. 420/1996), il quale, peraltro, richiede anche la certificazione dell ultimo bilancio approvato della società emittente le azioni da offrire in conversione o di compendio, nell ipotesi di emissione di prestiti convertibili o con warrant in azioni di società possedute dagli enti locali (articolo 6 del DM n. 420). Con riferimento ai requisiti dei titoli, questi debbono: 1) essere ¹⁹ Si deve tenere presente tuttavia che entro un periodo di tempo, non lunghissimo verrà ad essere operativa la disciplina stabilita dal DLgs n. 415 del 1996 (cosiddetto decreto EUROSIM) che, tra l altro attribuisce all autoregolamentazione delle società di gestione dei mercati regolamentati anche le condizioni, le modalità di ammissione, di esclusione e di sospensione dei vari strumenti finanziari dalle negoziazioni. 131

Il finanziamento degli investimenti

Il finanziamento degli investimenti Capitolo Settimo Il finanziamento degli investimenti Sommario: 1. Introduzione. - 2. L assunzione di mutui. - 3. I prestiti obbligazionari. - 4. I prodotti derivati. - 5. Le aperture di credito. - 6. La

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Il testo del decreto legislativo per l introduzione dell EURO nell ordinamento nazionale

Il testo del decreto legislativo per l introduzione dell EURO nell ordinamento nazionale Pag. 4 Suppl. al n. 3/99 16/01/1999 Il testo del decreto legislativo per l introduzione dell EURO nell ordinamento nazionale Decreto legislativo (DLG) n. 213 del 24 giugno 1998, pubblicato nel Suppl. Ord.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano

DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento Sede sociale in Verona Via Forte Tomba, 8 Iscritta all Albo

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 CODICE ISIN: IT0004548258 DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015

Roma, 14 aprile 2015 CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 14 aprile 2015 OGGETTO: Chiarimenti in materia di imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi degli articoli 15 e 15-bis del decreto

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa con sede legale in Baselga di Piné (TN), via Cesare Battisti n. 17. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato BANCA POPOLARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche al n. 1332.6.0 Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Prestito: "BANCA NUOVA 160.A EMISSIONE EUR 10 MILIONI 2011 2015 A TASSO FISSO"

Prestito: BANCA NUOVA 160.A EMISSIONE EUR 10 MILIONI 2011 2015 A TASSO FISSO Prestito: "BANCA NUOVA 160.A EMISSIONE EUR 10 MILIONI 2011 2015 A TASSO FISSO" Caratteristiche principali: Codice ISIN: Emittente: Ammontare: IT0004681612 Banca Nuova nominali Eur 10 milioni Data emissione:

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA DEL PROSPETTO DI BASE PER L OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO VARIABILE, MISTO e ZERO COUPON Banca Popolare di Bergamo S.p.A. 30/06/2008-2018 ZERO COUPON

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI

SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 16.A EMISSIONE EUR 250 MILIONI SUBORDINATO LOWER TIER II A TASSO FISSO CON AMMORTAMENTO 2010-2017 CODICE ISIN:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille 02/03/2009 02/03/2019 Tasso Variabile 2^ emiss. ISIN IT000446691.5 Le presenti Condizioni

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 18/12/2012 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Rurale della Valle dei Laghi - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa Sede legale e amministrativa in Padergnone 38070 Via Nazionale 7 Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca

Dettagli

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 12/03/2013 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 174.660.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta nell Albo delle Banche al n.

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO FIAT FINANCE & TRADE LTD. société anonyme PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE E DI QUOTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI FIAT STEP UP AMORTIZING 2001-2011 sino ad Euro 650.000.000

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti

La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti Pag. 390 n. 4/2000 29/01/2000 La nuova disciplina fiscale dell assegnazione agevolata di azioni ai dipendenti di Gianfilippo Scifoni Il decreto legislativo n. 505/1999 (1) ha introdotto una serie di sensibili

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Tasso Variabile Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Pubblicato in data 10/03/2015 Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

I BILANCI 2015 DEI COMUNI

I BILANCI 2015 DEI COMUNI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 I BILANCI 2015 DEI COMUNI FIRENZE 13 FEBBRAIO 2015 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 LINGUAGGIO ESOTERICO O DEMENZIALE?!?!?! COMMA 13, LEGGE STABILITA 2015 (bonus 80 euro) «Ai fini

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019 EURO 5.000.000 ISIN IT0004554520 Le presenti Condizioni

Dettagli

Banco di Sardegna S.p.A. 2011-2013 Obbligazioni One Coupon 2 anni

Banco di Sardegna S.p.A. 2011-2013 Obbligazioni One Coupon 2 anni BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

1. FATTORI DI RISCHIO

1. FATTORI DI RISCHIO BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP UP Banca di Cesena 24/01/2011-24/01/2016 Step Up

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. Capitalia S.p.A. 08/2006 02/2009 a tasso fisso crescente X tranche SERIE 06PF08 ISIN: IT0004093602

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. Capitalia S.p.A. 08/2006 02/2009 a tasso fisso crescente X tranche SERIE 06PF08 ISIN: IT0004093602 Capitalia Gruppo Bancario Società per Azioni Capitale Sociale 2.511.134.376 Registro delle Imprese di Roma Sede Sociale e Direzione Generale Via Marco Minghetti 17, 00187 Roma Codice Fiscale n. 00644990582

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 20/09/2010 20/03/2013 TF

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ISIN IT0004450372 EMITTENTE

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ISIN IT0004450372 EMITTENTE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8 Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 24/01/2011 24/01/2014 TF

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di emissione dei Prestiti Obbligazionari BANCA POPOLARE DI SAN FELICE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO PER L ECONOMIA MERIDIONALE BPSA TASSO FISSO 22/05/2012 22/05/2016

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 11/05/2009 11/11/2011 TF

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 338 N 31035 di prot. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ATTRIBUZIONE A BANCA OPI S.p.A. DELL INCARICO DI COLLOCAMENTO DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014 ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca San Giorgio Quinto Valle Agno - Società Cooperativa Sede sociale in Via Perlena, 78-36030 Fara Vicentino (VI) Iscritta

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B-10 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di obbligazioni Banca di Credito Cooperativo OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 01/02/2010 01/02/2013 2,00%

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta) Banca di Verona credito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Dettagli

CREDITO ARTIGIANO S.P.A. TF 1,65% 08/11/2010 08/11/2012 215^ ISINIT0004650641

CREDITO ARTIGIANO S.P.A. TF 1,65% 08/11/2010 08/11/2012 215^ ISINIT0004650641 Credito Artigiano Società per Azioni Sede in Milano Piazza San Fedele, 4 Codice fiscale e Registro Imprese di Milano n. 00774500151 Albo delle Banche n. 4440 Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli