Cosa significa Corporate Finance?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa significa Corporate Finance?"

Transcript

1 Gestione della funzione di Corporate Finance in una Banca Internazionale 1 Cosa significa Corporate Finance? Corporate Finance o «Finanza d Impresa», è una specifica area della finanza che tratta delle decisioni di natura finanziaria che le società prendono e dei relativi strumenti a supporto di tali decisioni. Strumenti: analisi quali/quantitative e tecniche valutative. Obiettivi: 1) individuare il miglior equilibrio tra le fonti disponibili in azienda e gli impieghi su cui investire, al fine di raggiungere una gestione ottimale, ossia efficiente (analisi costi/benefici) ed efficace (analisi input/output); 2) L obiettivo è contribuire alla creazione di valore per l impresa, ponendola in condizione di soddisfare le attese di remunerazione dei diversi «stakeholders» (azionisti, creditori ). Il termine «Corporate Finance» raggruppa anche i settori di: Finanza Strutturata, Prestiti sindacati, Fusioni & Acquisizioni (M&A) e consulenza relativa ai mercati dei capitali (capital markets). 2

2 Corporate Finance? Corretto impiego degli strumenti in azienda Un azienda con elevate opportunità di crescita dovrebbe: 1) Fare maggiore ricorso al capitale azionario, che consente di ridurre i fenomeni di sottocapitalizzazione(noti come«underinvestment»); 2) Prediligere il ricorso al debito bancario a Breve Termine, a causa del maggior costo/incertezza derivanti dai finanziamenti a medio/lungo termine (es: fattore tempo incremento tassi di interesse?) e che aumenta in proporzione alla durata; l obiettivo finale è ricercare sempre un giusto«mix»tradebitobancario abteamlt; 3) Prediligere un buon equilibrio tra «Mezzi Propri» e «Mezzi di Terzi» che garantisca un adeguata solidità. Analisi dell indice LEVA FINANZIARIA=Mezzi di Terzi/Mezzi Propri: permette di definire quante volte il capitale di terzi finanziatori è superiore rispetto ai mezzi propri; attraverso questo indice è possibile valutare quanto l azienda è esposta al rischio e quindi quanto è esposta alla probabilità di default. Più l azienda è indebitata e più è esposta al rischio. Un impresa che gode di buona redditività ha convenienza ad indebitarsi, sino però al limite oltre il quale si espone al rischio di dipendenza da terzi. 3 Corporate Finance per gruppi di imprese Quando si parla di gruppi internazionali di imprese, per definizione, la gestione è più articolata: le esigenze finanziarie sia di breve che di medio/lungo termine sono più complesse; si rende necessario lo studio di operazioni strutturate «personalizzate» ed evolute; La funzione Corporate Finance di ogni Banca si è specializzata nel tempo nella consulenza e studio di operazioni «ad hoc», studiate per quella particolare struttura aziendale, per quella particolare esigenza (BT o MLT?); In particolare quando si parla di «gruppi di aziende internazionali» si renderà necessario studiare prodotti specifici per gestire la tesoreria di gruppo/locali: ad esempio per gestire le esigenze temporanee di liquidità derivanti dal differenziale tra i tempi medi di pagamento e i tempi medi di incasso nei differenti Paesi; ad esempio, le varie imprese facenti parte del Gruppo saranno soggette a rischio di cambio (nei differenti Paesi in cui operano extra-ue), al rischio di tasso, al rischio di variazione del prezzo delle materie prime, etc.. 4

3 Caratteristiche del debito di un azienda: esigenze di Breve Termine Caratteristiche del debito aziendale inteso come analisi di: Durata: Breve Termine o Medio Lungo Termine; Modalità di determinazione del tasso di interesse: fisso o variabile; Valuta di emissione: a pronti o spot, a termine o forward. ESIGENZE DI BREVE TERMINE La dinamica del capitale circolante va considerata come una delle determinanti essenziali dell autofinanziamento. Operazioni a Breve Termine finalizzate allo smobilizzo dei crediti attraverso: 1) sconto di cambiali commerciali; 2) anticipo Ricevute Bancarie (riba) salvo buon fine(sbf); 3) anticipo fatture(italia/export); 4) operazioni di anticipazione (in generale); 5) Factoring. Risk: Legame stretto tra lunghezza dilazioni, ritardi nei pagamenti e perdite su crediti, dovute all imprevedibilità delle condizioni che caratterizzeranno i clienti nel futuro. L estendersi delle dilazioni comporta maggior variabilità sia del reddito sia dei flussi finanziari, modificando il profilo di rischio complessivo aziendale. 5 Caratteristiche del debito di un azienda: esigenze di Medio/Lungo Termine Le scelte relative al «circolante» sono talvolta reversibili, mentre le scelte relative ad investimenti fissi molto difficilmente lo sono. Il miglior modo per ridurre al minimo i rischi finanziari e aumentare il rapporto di indebitamento ottimale è armonizzare al massimo i flussi di cassa in uscita per il servizio del debito con i flussi di cassa in entrata. Questa operazione si definisce«hedging» e si ottiene bilanciando la duration delle attività con la duration del debito. Cos è la «Duration»: durata media ponderata di tutti i flussi di cassa attesi di quello specifico investimento/finanziamento; chiaramente i fattori di ponderazione sono funzione dell ammontare e del momento in cui si verificheranno. ESIGENZE DI MEDIO/LUNGO DINAMICA DEGLI INVESTIMENTI La scelta della forma copertura fabbisogno finanziario include due considerazioni: Il periodo di tempo entro il quale si protrarrà il fabbisogno, con l obiettivo di far coincidere le scadenze delle forme di finanziamento con quelle degli impieghi che hanno originato tale fabbisogno; Il vincolo del rapporto fra mezzi di terzi e mezzi propri: necessario che mezzi propri mantengano una rilevante incidenza sul totale per evitare che la gestione aziendale possa venire condizionata da decisioni ad essa esterne (peggioramento del merito creditizio riduzione importo linea di credito concessa aumento spread sul finanziamento). 6

4 Capitale di Debito o Capitale di Terzi Focus su esigenze finanziarie a M/L termine I Prestiti Sindacati CAPITALE DI TERZI Nell analizzare le possibili forme di finanziamento del «capitale di debito» che un impresa reperisce presso le Banche Finanziatrici partiamo suddividendo le operazioni possibili in tre macro-categorie. 1) Operazioni standard: Mutui bilaterali o «in pool» (pool di Banche) con differenti set di garanzie a supporto (ipoteca, pegno, privilegio ), Leasing (strumentali, finanziari) in funzione della durata; 2) Concessione di Linee di credito«stand-by», Linee di credito «evergreen», Linee di credito «ad ombrello»; 3) Operazioni personalizzate: Finanziamenti Strutturati e«prestiti sindacati» con caratteristiche di: Finanza di Progetto o«project Financing» (es. espansione all estero); finanziamento di un programma di Capital Expenditures (Capex) o di un investimento in capitale fisso; finanziamento di investimenti ed acquisizioni di società; Apertura di differenti Linee di credito in pool; re-financing totale/parziale di altri prodotti di debt capital markets (ad esempio bond); rinnovo di un finanziamento prossimo alla scadenza o con pricing elevato che può essere rinegoziato a condizioni più favorevoli nel caso in cui sia migliorato il profilo di rischio dell azienda; riqualificazione verso il medio termine di strutture di indebitamento sbilanciate sul breve termine; riqualificazione del debito committed in vista di una futura quotazione in Borsa. 7 I «Prestiti Sindacati» La categoria dei «Prestiti Sindacati» Il Prestito Sindacato è generalmente indirizzato a sostenere le esigenze di finanza ordinaria e straordinaria delle aziende, connesse a piani di investimento, capitale circolante, acquisizioni, ovvero a rifinanziare linee esistenti a condizioni più convenienti o di maggior durata, al fine di riqualificare la struttura finanziaria(«ristrutturazione del debito»); Tale tipologia di finanziamenti aiuta a preservare l equilibrio tra fonti e impieghi garantendo all impresa la copertura di investimenti a medio termine con finanziamenti della stessa durata; Questo strumento finanziario porta a soddisfare le esigenze della clientela in relazione alle problematiche di maggior interesse e rilevanza, quali ad esempio Basilea 2, adozione principi contabili IAS/IFRS, necessità di contenimento del capitale investito; Nell ottica di costruire sempre più operazioni «su misura» al fine di soddisfare le specifiche esigenze delle aziende, rivestono oggi particolare rilevanza i Prestiti Sindacati aventi struttura e correlazione con specifici flussi finanziari, a loro volta legati all analisi ed allo studio degli attivi aziendali da destinare al servizio del debito. 8

5 I «Prestiti Sindacati» (continua) Definizione: Il Prestito Sindacato è concesso da un pool di Banche, meglio definito «sindacato» di Banche. Le peculiarità: Consiste nella disponibilità di un gruppo di banche di finanziare un impresa per importi consistenti. L operazione solitamente è di media/lunga durata e si fonda sulla condivisione del rischio connesso al finanziamento tra le diverse Banche che vi prendono parte(in base alla quota erogata). I soggetti economici coinvolti: Impresa: necessita di un finanziamento per importo e durata non usuali; Banca «Arranger»: assume l onere di organizzare e gestire il finanziamento sino al termine della sindacazione; Banca «Capofila»: subentra nella direzione del prestito dopo la sindacazione (spesso è lo stesso Arranger); Banca Agente: gestisce la sezione amministrativa, una volta che la facilitazione è sottoscritta ed operativa; Banca Partecipante: partecipa al finanziamento erogando quota parte del prestito (invitata dall Arranger). L Arranger è responsabile di stilare l information memorandum (informazioni utili, Business Plan, analisi del merito di credito ). 9 L organizzazione di un «Prestito Sindacato»: il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» L organizzazione di un prestito sindacato Inizia con l individuazione dei bisogni dell Impresa e la conseguente scelta della «Banca Arranger», alla quale conferire il mandato. I criteri di selezione della «Banca Arranger» sono principalmente i seguenti: «Relationship banking» rapporto instaurato da tempo con la/le Banca/e track record positivo di operazioni già concluse; «Speciality banking» «Boutique finanziaria» italiana/estera specializzata in operazioni strutturate; «Queue e Open bidding» impersonalità di rapporto, operazione proposta in generale alle prime 5/10 Banche sul mercato. Lo schema di Proposta o Offerta «Term Sheet» riassume la struttura tecnica dell operazione: durata, «pricing» o struttura di prezzo, struttura di commissioni, clausole di sottoscrizione, modalità di rimborso etc. In particolare le clausole di sottoscrizione possono prevedere il «Best Effort» che non ha commissioni di sottoscrizione per l impresa, però l importo totale raccolto può essere inferiore alle necessità della stessa; oppure il «Fully/partially underwritten» mediante il quale l impresa ha la certezza dell importo totale della raccolta ed il rischio di mancata sottoscrizione ricade sulle Banche, tuttavia presenta commissioni di sottoscrizione. Può essere presentata da una sola Banca («Sole-bidding Syndicate») oppure da più banche («Multi-Bank Bidding Syndicate»). 10

6 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il primo step Si conclude con la scelta della «Banca Arranger» e la firma del «Loan Agreement» in forma di: Participation syndacate («sole-bidding») o Direct loan syndacate («multi-bidding»). Banca I Banca U Banca M Banca Arranger Loan agreement Fumagalli&Brambilla Spa Banca I Banca U Sindacato Loan agreement Fumagalli&Brambilla Spa Banca M 11 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa»: Direct Loan Syndacate (continua) Il secondo step: la costituzione del Sindacato Successivamente la Banca o il gruppo di Banche procede alla fase di Syndacation, ossia di costituzione del sindacato di Banche coinvolte nella concessione del finanziamento; La Banca Arranger prepara l «Information Memorandum» (IM), da inviare alle potenziali Banche interessate inisieme al«term Sheet»; Nell ipotesi di«multi-bidding», l IM è preparato da una Banca designata ad hoc ed è reso disponibile a tutte le Banche coinvolte a vario titolo; Per quanto riguarda i criteri da seguire nella scelta delle potenziali Banche interessate e nell individuazione di quante/quali Banche contattare, direi che si tratta di una scelta che dipende principalmente da tre fattori: 1) dalle specificità/esigenze della Fumagalli&Brambilla Spa; 2) dalle specificità dell operazione stessa in termini di standing creditizio, solidità finanziaria, prospettive del settore, dimensione della richiesta; 3) dalle condizioni del mercato, ossia liquidità, interesse delle Banche etc. 12

7 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il terzo step: la sottoscrizione del Prestito Sindacato «Road Show»: Al fine di giungere alla fase di sottoscrizione del prestito sindacato l impresa Fumagalli&Brambilla Spa organizza un evento apposito durante il quale si presenta a tutte le Banche potenziali; nel corso di questo evento (chiamato «Road Show») la Banca Arranger procede ad illustrare tecnicamente l operazione; Bookrunning: successivamente la Banca Arranger procede con il «bookrunning», ossia la raccolta delle adesioni e la«vendita» del Prestito Sindacato alle Banche potenziali; Il quarto step: il risultato della vendita può essere 1) «Oversubscription»: L importo totale sottoscritto è superiore rispetto all importo offerto; in questo caso si può procedere con: il«riparto pro-quota» oppure, se la Fumagalli&Brambilla Spa è interessata, con l aumento dell importo totale prestito; 2) «Undersubscription»: L importo totale sottoscritto è inferiore rispetto all ammontare offerto; nel caso di best effort, la Banca Arranger non ha alcuna responsabilità; in caso contrario, la Banca Arranger e le eventuali banche Underwriters devono sottoscrivere la quota rimasta invenduta. 13 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Best Efforts Principali caratteristiche Punti di forza per la Società Punti di debolezza per la Società MLA si occupa di strutturazione, consulenza (legale e Mandated Lead Arranger ( MLA ) cioè il tributaria), e vendita alle Banche interessate. coordinatore e principale sottoscrittore del MLA costruisce fiducia sul fatto che la Società possa Sindacato si occupa di guidare le raggiungere l ammontare totale del finanziamento senza Non vi è alcuna garanzia che negoziazioni e trovare un accordo sulla underwriting. l importo totale del finanziamento documentazione, che generalmente è Il partial underwrite da parte dell MLA fornisce conforto venga interamente sottoscritto. market standard (in base alle consuetudini alle altre Banche partecipanti. I tempi di finalizzazione di mercato riassunte nel market loan La società può tenere sotto controllo il processo di dell operazione possono essere agreement ). sindacazione, che permetterà l entrata anche di nuove lunghi (>3 mesi). Dopodichè MLA venderà alcuni ticket del Banche (non necessariamente già Banche di relazione). finanziamento alle Banche interessate che diventeranno Banche Partecipanti. Assicura l accreditamento/conoscenza del profilo della società sul mercato dei capitali. MLA guida le negoziazioni e trova un Il finanziamento è sottoscritto integralmente. accordo sulla documentazione, che Maggiore velocità nell esecuzione e nei tempi di generalmente è market standard. finalizzazione: ideale quando il finanziamento è finalizzato Dopodichè MLA procede a vendere ticket (o ad uno specifico scopo. Underwri quote) dell operazione alle altre Banche Maggiore affidabilità della qualità del credito della Società. tten Partecipanti. MLA si impegna a finanziare Assicura l accreditamento/conoscenza del profilo della direttamente fino al 100%, se esiste un società sul mercato dei capitali: l MLA è incentivato a importo invenduto sarà sottoscritto diffondere il nome e le caratteristiche dell operazione ad dall MLA. una base più estesa di investitori. 14 Costi maggiori per la Società che deve sostenere anche le c.d. underwriting fees. Minori possibilità da parte della Società di influenzare lo svolgimento del sindacato. Un sindacato che non va a buon fine potrebbe generare un problema reputazionale.

8 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Esempio Fumagalli&BrambillaSpa: La struttura Commissionale Commissione Pagamento Osservazioni Arrangement fee iniziale Percepita dalle Banche capofila Underwriting fee iniziale Non prevista nel Prestito Sindacato in forma «Best Effort» Participation fee Facility fee Commitment fee iniziale annuale annuale Percepita dalle Banche che mettono a disposizione una quota del prestito Dovuta per l erogazione della singola linea di credito descritta nel Term Sheet, indipendentemente dal suo utilizzo Dovuta in caso di utilizzo parziale, è calcolata sulla quota che non viene non utilizzata Agency fee annuale Remunerazione della Banca Agente Prepayment fee una tantum Penale per rimborso anticipato 15 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Altre componenti del«prezzo» per il«rischio d Impresa»: «Spread» rispetto ad un tasso variabile di riferimento sulla quota utilizzata (Euribor se Prestito in Eur, Libor Usd se Prestito in Usd,...etc); Set di garanzie reali e personali, soprattutto per quanto riguarda Prestiti Sindacati concessi ad imprese in mercati emergenti; Covenants, di solito presenti nei Prestiti Sindacati concessi ad imprese in paesi industrializzati: l inserimento di covenants (finanziari, patrimoniali etc) prevede che la struttura di «pricing» del Prestito sia legata al verificarsi di alcuni eventi, come ad esempio la variazione del «rating» (miglioramento/peggioramento riduzione/aumento spread sul tasso variabile di riferimento). Durata e Valuta( UR? USD? JPY?): * Durata: il Prestito Sindacato è concesso solitamente a Medio/Lungo termine (5-8 anni). Negli ultimi anni, ed in seguito alle mutate esigenze di mercato, si è ridotta la durata di concessione. * La valuta maggiormente utilizzata per Prestiti Sindacati di Imprese/Gruppi Internazionali è il Dollaro Usa (USD), seguito dall Euro (EUR), dalla sterlina inglese (GBP) e dallo yen (JPY). A volte può essere inserita la possibilità di una o più linee di credito «multicurrency» (con tiraggio in valute differenti e un premio per il rischio. 16

9 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) La Struttura Tecnica del Prestito Sindacato Piano di utilizzo e di rimborso: «Term loans bullet»: finanziamenti a scadenza determinata solitamente BT (entro 18 mesi), prevedono un unico esborso ed un unico rimborso e sono concessi per differenti finalità (finanziamento del circolante ); «Term loans amortizing»: finanziamenti a scadenza determinata solitamente MLT (oltre 18 mesi), prevedono uno o più esborsi, un periodo di pre-ammortamento («grace period») ed un piano di ammortamento con rimborsi di quote(=rate) mensili/trimestrali/semestrali; finanziamenti concessi per differenti finalità(investimento, acquisto immobile.etc); «Revolving credit facility»: linea di credito che prevede utilizzi per periodi variabili e per importi variabili; tale linea di credito ha una scadenza determinata ed il rimborso integrale solitamente è previsto a tale scadenza; linea di credito concessa solitamente per gestire «elasticità di cassa», ossia per gestire temporanee esigenze di liquidità; questa linea di credito completa il set di linee di credito sopra-citate all interno del«loan Agreement» del Prestito Sindacato. 17 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il Term Sheet Le condizioni principali» (continua) Prenditore Brambilla&Fumagalli Spa Banca Capofila Unicredit Spa Istituti finanziatori V. Slide successiva Importo ,00 Finalità Assorbimento debito consolidato e riqualificazione delle passività correnti Forma tecnica Finanziamento chirografario in c/c con piano di rientro variabile Utilizzi Possibilità di più tranches Durata 15 anni Tasso di interesse Euribora 6 mesi maggiorato di 225 punti base (bp=basispoints) per anno Rimborso Rate semestrali comprensive di quota capitale ed interessi. Le rate del primo semestre saranno costituite da soli interessi. (grace period=periodo di pre-amm.to) Estinzioni anticipate Previste, con penale 1% sul capitale. Da individuarsi sulla quota di partecipazione e quindi da ripartire tra le banche partecipanti nella Commissioni (management o seguente misura: arrangment) -banca capofila: 20 p.b. sull intero ammontare -altre partecipanti: 15 p.b. sulla quota sottoscritta Elenco quote di partecipazione banche finanziatrici: Intesa-SanPaolo ,00 Unicredit Group ,00 MontedeiPaschidiSiena ,00 UBIBanca ,00 BNPParibas , ,00 18

10 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (ultime informazioni) Le altre caratteristiche importanti del Prestito Sindacato descritte nel Loan Agreement: L obbligo assunto da ciascuna banca è privo del vincolo di solidarietà; Le somme da erogare all Impresa sono accreditate dalle Banche partecipanti al Prestito Sindacato direttamente sul c/c della Banca Capofila; La partecipazione è chiaramente proporzionale ai rischi e agli oneri di qualsiasi natura derivanti dall operazione; Le Banche hanno un reciproco impegno a tenersi informate su eventuali «fatti/accadimenti rilevanti» che dovessero incorrere nel corso della vita del Prestito Sindacato; Il cliente riconosce alle Banche del Sindacato le commissioni, in base al diverso ruolo svolto nello stesso. 19

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi kpmg.com/it Indice 1 Lo scenario di riferimento 4 2 Le opportunità del Decreto Sviluppo 2012 6 Obiettivi e finalità generali Strumenti di

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LOAN CAPITAL UNION. - Finanziamenti. - Mutui/Leasing. - Rating Basilea2

LOAN CAPITAL UNION. - Finanziamenti. - Mutui/Leasing. - Rating Basilea2 LCU BROKER -Schede- LOAN CAPITAL UNION - M&A - Private Equity - Finanziamenti - Family Office - IPO - Start up - Mutui/Leasing - Trends Analysis - MBO - APF - Rating Basilea2 - Trading Platform - Tesoreria

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli