Cosa significa Corporate Finance?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa significa Corporate Finance?"

Transcript

1 Gestione della funzione di Corporate Finance in una Banca Internazionale 1 Cosa significa Corporate Finance? Corporate Finance o «Finanza d Impresa», è una specifica area della finanza che tratta delle decisioni di natura finanziaria che le società prendono e dei relativi strumenti a supporto di tali decisioni. Strumenti: analisi quali/quantitative e tecniche valutative. Obiettivi: 1) individuare il miglior equilibrio tra le fonti disponibili in azienda e gli impieghi su cui investire, al fine di raggiungere una gestione ottimale, ossia efficiente (analisi costi/benefici) ed efficace (analisi input/output); 2) L obiettivo è contribuire alla creazione di valore per l impresa, ponendola in condizione di soddisfare le attese di remunerazione dei diversi «stakeholders» (azionisti, creditori ). Il termine «Corporate Finance» raggruppa anche i settori di: Finanza Strutturata, Prestiti sindacati, Fusioni & Acquisizioni (M&A) e consulenza relativa ai mercati dei capitali (capital markets). 2

2 Corporate Finance? Corretto impiego degli strumenti in azienda Un azienda con elevate opportunità di crescita dovrebbe: 1) Fare maggiore ricorso al capitale azionario, che consente di ridurre i fenomeni di sottocapitalizzazione(noti come«underinvestment»); 2) Prediligere il ricorso al debito bancario a Breve Termine, a causa del maggior costo/incertezza derivanti dai finanziamenti a medio/lungo termine (es: fattore tempo incremento tassi di interesse?) e che aumenta in proporzione alla durata; l obiettivo finale è ricercare sempre un giusto«mix»tradebitobancario abteamlt; 3) Prediligere un buon equilibrio tra «Mezzi Propri» e «Mezzi di Terzi» che garantisca un adeguata solidità. Analisi dell indice LEVA FINANZIARIA=Mezzi di Terzi/Mezzi Propri: permette di definire quante volte il capitale di terzi finanziatori è superiore rispetto ai mezzi propri; attraverso questo indice è possibile valutare quanto l azienda è esposta al rischio e quindi quanto è esposta alla probabilità di default. Più l azienda è indebitata e più è esposta al rischio. Un impresa che gode di buona redditività ha convenienza ad indebitarsi, sino però al limite oltre il quale si espone al rischio di dipendenza da terzi. 3 Corporate Finance per gruppi di imprese Quando si parla di gruppi internazionali di imprese, per definizione, la gestione è più articolata: le esigenze finanziarie sia di breve che di medio/lungo termine sono più complesse; si rende necessario lo studio di operazioni strutturate «personalizzate» ed evolute; La funzione Corporate Finance di ogni Banca si è specializzata nel tempo nella consulenza e studio di operazioni «ad hoc», studiate per quella particolare struttura aziendale, per quella particolare esigenza (BT o MLT?); In particolare quando si parla di «gruppi di aziende internazionali» si renderà necessario studiare prodotti specifici per gestire la tesoreria di gruppo/locali: ad esempio per gestire le esigenze temporanee di liquidità derivanti dal differenziale tra i tempi medi di pagamento e i tempi medi di incasso nei differenti Paesi; ad esempio, le varie imprese facenti parte del Gruppo saranno soggette a rischio di cambio (nei differenti Paesi in cui operano extra-ue), al rischio di tasso, al rischio di variazione del prezzo delle materie prime, etc.. 4

3 Caratteristiche del debito di un azienda: esigenze di Breve Termine Caratteristiche del debito aziendale inteso come analisi di: Durata: Breve Termine o Medio Lungo Termine; Modalità di determinazione del tasso di interesse: fisso o variabile; Valuta di emissione: a pronti o spot, a termine o forward. ESIGENZE DI BREVE TERMINE La dinamica del capitale circolante va considerata come una delle determinanti essenziali dell autofinanziamento. Operazioni a Breve Termine finalizzate allo smobilizzo dei crediti attraverso: 1) sconto di cambiali commerciali; 2) anticipo Ricevute Bancarie (riba) salvo buon fine(sbf); 3) anticipo fatture(italia/export); 4) operazioni di anticipazione (in generale); 5) Factoring. Risk: Legame stretto tra lunghezza dilazioni, ritardi nei pagamenti e perdite su crediti, dovute all imprevedibilità delle condizioni che caratterizzeranno i clienti nel futuro. L estendersi delle dilazioni comporta maggior variabilità sia del reddito sia dei flussi finanziari, modificando il profilo di rischio complessivo aziendale. 5 Caratteristiche del debito di un azienda: esigenze di Medio/Lungo Termine Le scelte relative al «circolante» sono talvolta reversibili, mentre le scelte relative ad investimenti fissi molto difficilmente lo sono. Il miglior modo per ridurre al minimo i rischi finanziari e aumentare il rapporto di indebitamento ottimale è armonizzare al massimo i flussi di cassa in uscita per il servizio del debito con i flussi di cassa in entrata. Questa operazione si definisce«hedging» e si ottiene bilanciando la duration delle attività con la duration del debito. Cos è la «Duration»: durata media ponderata di tutti i flussi di cassa attesi di quello specifico investimento/finanziamento; chiaramente i fattori di ponderazione sono funzione dell ammontare e del momento in cui si verificheranno. ESIGENZE DI MEDIO/LUNGO DINAMICA DEGLI INVESTIMENTI La scelta della forma copertura fabbisogno finanziario include due considerazioni: Il periodo di tempo entro il quale si protrarrà il fabbisogno, con l obiettivo di far coincidere le scadenze delle forme di finanziamento con quelle degli impieghi che hanno originato tale fabbisogno; Il vincolo del rapporto fra mezzi di terzi e mezzi propri: necessario che mezzi propri mantengano una rilevante incidenza sul totale per evitare che la gestione aziendale possa venire condizionata da decisioni ad essa esterne (peggioramento del merito creditizio riduzione importo linea di credito concessa aumento spread sul finanziamento). 6

4 Capitale di Debito o Capitale di Terzi Focus su esigenze finanziarie a M/L termine I Prestiti Sindacati CAPITALE DI TERZI Nell analizzare le possibili forme di finanziamento del «capitale di debito» che un impresa reperisce presso le Banche Finanziatrici partiamo suddividendo le operazioni possibili in tre macro-categorie. 1) Operazioni standard: Mutui bilaterali o «in pool» (pool di Banche) con differenti set di garanzie a supporto (ipoteca, pegno, privilegio ), Leasing (strumentali, finanziari) in funzione della durata; 2) Concessione di Linee di credito«stand-by», Linee di credito «evergreen», Linee di credito «ad ombrello»; 3) Operazioni personalizzate: Finanziamenti Strutturati e«prestiti sindacati» con caratteristiche di: Finanza di Progetto o«project Financing» (es. espansione all estero); finanziamento di un programma di Capital Expenditures (Capex) o di un investimento in capitale fisso; finanziamento di investimenti ed acquisizioni di società; Apertura di differenti Linee di credito in pool; re-financing totale/parziale di altri prodotti di debt capital markets (ad esempio bond); rinnovo di un finanziamento prossimo alla scadenza o con pricing elevato che può essere rinegoziato a condizioni più favorevoli nel caso in cui sia migliorato il profilo di rischio dell azienda; riqualificazione verso il medio termine di strutture di indebitamento sbilanciate sul breve termine; riqualificazione del debito committed in vista di una futura quotazione in Borsa. 7 I «Prestiti Sindacati» La categoria dei «Prestiti Sindacati» Il Prestito Sindacato è generalmente indirizzato a sostenere le esigenze di finanza ordinaria e straordinaria delle aziende, connesse a piani di investimento, capitale circolante, acquisizioni, ovvero a rifinanziare linee esistenti a condizioni più convenienti o di maggior durata, al fine di riqualificare la struttura finanziaria(«ristrutturazione del debito»); Tale tipologia di finanziamenti aiuta a preservare l equilibrio tra fonti e impieghi garantendo all impresa la copertura di investimenti a medio termine con finanziamenti della stessa durata; Questo strumento finanziario porta a soddisfare le esigenze della clientela in relazione alle problematiche di maggior interesse e rilevanza, quali ad esempio Basilea 2, adozione principi contabili IAS/IFRS, necessità di contenimento del capitale investito; Nell ottica di costruire sempre più operazioni «su misura» al fine di soddisfare le specifiche esigenze delle aziende, rivestono oggi particolare rilevanza i Prestiti Sindacati aventi struttura e correlazione con specifici flussi finanziari, a loro volta legati all analisi ed allo studio degli attivi aziendali da destinare al servizio del debito. 8

5 I «Prestiti Sindacati» (continua) Definizione: Il Prestito Sindacato è concesso da un pool di Banche, meglio definito «sindacato» di Banche. Le peculiarità: Consiste nella disponibilità di un gruppo di banche di finanziare un impresa per importi consistenti. L operazione solitamente è di media/lunga durata e si fonda sulla condivisione del rischio connesso al finanziamento tra le diverse Banche che vi prendono parte(in base alla quota erogata). I soggetti economici coinvolti: Impresa: necessita di un finanziamento per importo e durata non usuali; Banca «Arranger»: assume l onere di organizzare e gestire il finanziamento sino al termine della sindacazione; Banca «Capofila»: subentra nella direzione del prestito dopo la sindacazione (spesso è lo stesso Arranger); Banca Agente: gestisce la sezione amministrativa, una volta che la facilitazione è sottoscritta ed operativa; Banca Partecipante: partecipa al finanziamento erogando quota parte del prestito (invitata dall Arranger). L Arranger è responsabile di stilare l information memorandum (informazioni utili, Business Plan, analisi del merito di credito ). 9 L organizzazione di un «Prestito Sindacato»: il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» L organizzazione di un prestito sindacato Inizia con l individuazione dei bisogni dell Impresa e la conseguente scelta della «Banca Arranger», alla quale conferire il mandato. I criteri di selezione della «Banca Arranger» sono principalmente i seguenti: «Relationship banking» rapporto instaurato da tempo con la/le Banca/e track record positivo di operazioni già concluse; «Speciality banking» «Boutique finanziaria» italiana/estera specializzata in operazioni strutturate; «Queue e Open bidding» impersonalità di rapporto, operazione proposta in generale alle prime 5/10 Banche sul mercato. Lo schema di Proposta o Offerta «Term Sheet» riassume la struttura tecnica dell operazione: durata, «pricing» o struttura di prezzo, struttura di commissioni, clausole di sottoscrizione, modalità di rimborso etc. In particolare le clausole di sottoscrizione possono prevedere il «Best Effort» che non ha commissioni di sottoscrizione per l impresa, però l importo totale raccolto può essere inferiore alle necessità della stessa; oppure il «Fully/partially underwritten» mediante il quale l impresa ha la certezza dell importo totale della raccolta ed il rischio di mancata sottoscrizione ricade sulle Banche, tuttavia presenta commissioni di sottoscrizione. Può essere presentata da una sola Banca («Sole-bidding Syndicate») oppure da più banche («Multi-Bank Bidding Syndicate»). 10

6 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il primo step Si conclude con la scelta della «Banca Arranger» e la firma del «Loan Agreement» in forma di: Participation syndacate («sole-bidding») o Direct loan syndacate («multi-bidding»). Banca I Banca U Banca M Banca Arranger Loan agreement Fumagalli&Brambilla Spa Banca I Banca U Sindacato Loan agreement Fumagalli&Brambilla Spa Banca M 11 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa»: Direct Loan Syndacate (continua) Il secondo step: la costituzione del Sindacato Successivamente la Banca o il gruppo di Banche procede alla fase di Syndacation, ossia di costituzione del sindacato di Banche coinvolte nella concessione del finanziamento; La Banca Arranger prepara l «Information Memorandum» (IM), da inviare alle potenziali Banche interessate inisieme al«term Sheet»; Nell ipotesi di«multi-bidding», l IM è preparato da una Banca designata ad hoc ed è reso disponibile a tutte le Banche coinvolte a vario titolo; Per quanto riguarda i criteri da seguire nella scelta delle potenziali Banche interessate e nell individuazione di quante/quali Banche contattare, direi che si tratta di una scelta che dipende principalmente da tre fattori: 1) dalle specificità/esigenze della Fumagalli&Brambilla Spa; 2) dalle specificità dell operazione stessa in termini di standing creditizio, solidità finanziaria, prospettive del settore, dimensione della richiesta; 3) dalle condizioni del mercato, ossia liquidità, interesse delle Banche etc. 12

7 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il terzo step: la sottoscrizione del Prestito Sindacato «Road Show»: Al fine di giungere alla fase di sottoscrizione del prestito sindacato l impresa Fumagalli&Brambilla Spa organizza un evento apposito durante il quale si presenta a tutte le Banche potenziali; nel corso di questo evento (chiamato «Road Show») la Banca Arranger procede ad illustrare tecnicamente l operazione; Bookrunning: successivamente la Banca Arranger procede con il «bookrunning», ossia la raccolta delle adesioni e la«vendita» del Prestito Sindacato alle Banche potenziali; Il quarto step: il risultato della vendita può essere 1) «Oversubscription»: L importo totale sottoscritto è superiore rispetto all importo offerto; in questo caso si può procedere con: il«riparto pro-quota» oppure, se la Fumagalli&Brambilla Spa è interessata, con l aumento dell importo totale prestito; 2) «Undersubscription»: L importo totale sottoscritto è inferiore rispetto all ammontare offerto; nel caso di best effort, la Banca Arranger non ha alcuna responsabilità; in caso contrario, la Banca Arranger e le eventuali banche Underwriters devono sottoscrivere la quota rimasta invenduta. 13 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Best Efforts Principali caratteristiche Punti di forza per la Società Punti di debolezza per la Società MLA si occupa di strutturazione, consulenza (legale e Mandated Lead Arranger ( MLA ) cioè il tributaria), e vendita alle Banche interessate. coordinatore e principale sottoscrittore del MLA costruisce fiducia sul fatto che la Società possa Sindacato si occupa di guidare le raggiungere l ammontare totale del finanziamento senza Non vi è alcuna garanzia che negoziazioni e trovare un accordo sulla underwriting. l importo totale del finanziamento documentazione, che generalmente è Il partial underwrite da parte dell MLA fornisce conforto venga interamente sottoscritto. market standard (in base alle consuetudini alle altre Banche partecipanti. I tempi di finalizzazione di mercato riassunte nel market loan La società può tenere sotto controllo il processo di dell operazione possono essere agreement ). sindacazione, che permetterà l entrata anche di nuove lunghi (>3 mesi). Dopodichè MLA venderà alcuni ticket del Banche (non necessariamente già Banche di relazione). finanziamento alle Banche interessate che diventeranno Banche Partecipanti. Assicura l accreditamento/conoscenza del profilo della società sul mercato dei capitali. MLA guida le negoziazioni e trova un Il finanziamento è sottoscritto integralmente. accordo sulla documentazione, che Maggiore velocità nell esecuzione e nei tempi di generalmente è market standard. finalizzazione: ideale quando il finanziamento è finalizzato Dopodichè MLA procede a vendere ticket (o ad uno specifico scopo. Underwri quote) dell operazione alle altre Banche Maggiore affidabilità della qualità del credito della Società. tten Partecipanti. MLA si impegna a finanziare Assicura l accreditamento/conoscenza del profilo della direttamente fino al 100%, se esiste un società sul mercato dei capitali: l MLA è incentivato a importo invenduto sarà sottoscritto diffondere il nome e le caratteristiche dell operazione ad dall MLA. una base più estesa di investitori. 14 Costi maggiori per la Società che deve sostenere anche le c.d. underwriting fees. Minori possibilità da parte della Società di influenzare lo svolgimento del sindacato. Un sindacato che non va a buon fine potrebbe generare un problema reputazionale.

8 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Esempio Fumagalli&BrambillaSpa: La struttura Commissionale Commissione Pagamento Osservazioni Arrangement fee iniziale Percepita dalle Banche capofila Underwriting fee iniziale Non prevista nel Prestito Sindacato in forma «Best Effort» Participation fee Facility fee Commitment fee iniziale annuale annuale Percepita dalle Banche che mettono a disposizione una quota del prestito Dovuta per l erogazione della singola linea di credito descritta nel Term Sheet, indipendentemente dal suo utilizzo Dovuta in caso di utilizzo parziale, è calcolata sulla quota che non viene non utilizzata Agency fee annuale Remunerazione della Banca Agente Prepayment fee una tantum Penale per rimborso anticipato 15 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Altre componenti del«prezzo» per il«rischio d Impresa»: «Spread» rispetto ad un tasso variabile di riferimento sulla quota utilizzata (Euribor se Prestito in Eur, Libor Usd se Prestito in Usd,...etc); Set di garanzie reali e personali, soprattutto per quanto riguarda Prestiti Sindacati concessi ad imprese in mercati emergenti; Covenants, di solito presenti nei Prestiti Sindacati concessi ad imprese in paesi industrializzati: l inserimento di covenants (finanziari, patrimoniali etc) prevede che la struttura di «pricing» del Prestito sia legata al verificarsi di alcuni eventi, come ad esempio la variazione del «rating» (miglioramento/peggioramento riduzione/aumento spread sul tasso variabile di riferimento). Durata e Valuta( UR? USD? JPY?): * Durata: il Prestito Sindacato è concesso solitamente a Medio/Lungo termine (5-8 anni). Negli ultimi anni, ed in seguito alle mutate esigenze di mercato, si è ridotta la durata di concessione. * La valuta maggiormente utilizzata per Prestiti Sindacati di Imprese/Gruppi Internazionali è il Dollaro Usa (USD), seguito dall Euro (EUR), dalla sterlina inglese (GBP) e dallo yen (JPY). A volte può essere inserita la possibilità di una o più linee di credito «multicurrency» (con tiraggio in valute differenti e un premio per il rischio. 16

9 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) La Struttura Tecnica del Prestito Sindacato Piano di utilizzo e di rimborso: «Term loans bullet»: finanziamenti a scadenza determinata solitamente BT (entro 18 mesi), prevedono un unico esborso ed un unico rimborso e sono concessi per differenti finalità (finanziamento del circolante ); «Term loans amortizing»: finanziamenti a scadenza determinata solitamente MLT (oltre 18 mesi), prevedono uno o più esborsi, un periodo di pre-ammortamento («grace period») ed un piano di ammortamento con rimborsi di quote(=rate) mensili/trimestrali/semestrali; finanziamenti concessi per differenti finalità(investimento, acquisto immobile.etc); «Revolving credit facility»: linea di credito che prevede utilizzi per periodi variabili e per importi variabili; tale linea di credito ha una scadenza determinata ed il rimborso integrale solitamente è previsto a tale scadenza; linea di credito concessa solitamente per gestire «elasticità di cassa», ossia per gestire temporanee esigenze di liquidità; questa linea di credito completa il set di linee di credito sopra-citate all interno del«loan Agreement» del Prestito Sindacato. 17 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (continua) Il Term Sheet Le condizioni principali» (continua) Prenditore Brambilla&Fumagalli Spa Banca Capofila Unicredit Spa Istituti finanziatori V. Slide successiva Importo ,00 Finalità Assorbimento debito consolidato e riqualificazione delle passività correnti Forma tecnica Finanziamento chirografario in c/c con piano di rientro variabile Utilizzi Possibilità di più tranches Durata 15 anni Tasso di interesse Euribora 6 mesi maggiorato di 225 punti base (bp=basispoints) per anno Rimborso Rate semestrali comprensive di quota capitale ed interessi. Le rate del primo semestre saranno costituite da soli interessi. (grace period=periodo di pre-amm.to) Estinzioni anticipate Previste, con penale 1% sul capitale. Da individuarsi sulla quota di partecipazione e quindi da ripartire tra le banche partecipanti nella Commissioni (management o seguente misura: arrangment) -banca capofila: 20 p.b. sull intero ammontare -altre partecipanti: 15 p.b. sulla quota sottoscritta Elenco quote di partecipazione banche finanziatrici: Intesa-SanPaolo ,00 Unicredit Group ,00 MontedeiPaschidiSiena ,00 UBIBanca ,00 BNPParibas , ,00 18

10 Il Caso «Fumagalli&Brambilla Spa» (ultime informazioni) Le altre caratteristiche importanti del Prestito Sindacato descritte nel Loan Agreement: L obbligo assunto da ciascuna banca è privo del vincolo di solidarietà; Le somme da erogare all Impresa sono accreditate dalle Banche partecipanti al Prestito Sindacato direttamente sul c/c della Banca Capofila; La partecipazione è chiaramente proporzionale ai rischi e agli oneri di qualsiasi natura derivanti dall operazione; Le Banche hanno un reciproco impegno a tenersi informate su eventuali «fatti/accadimenti rilevanti» che dovessero incorrere nel corso della vita del Prestito Sindacato; Il cliente riconosce alle Banche del Sindacato le commissioni, in base al diverso ruolo svolto nello stesso. 19

Gestione della funzione di Corporate Finance in una Banca Internazionale

Gestione della funzione di Corporate Finance in una Banca Internazionale Gestione della funzione di Corporate Finance in una Banca Internazionale Dott.ssa Simona Casaroli Corporate Banking Coverage Barclays Bank Plc, Italy Testimonianza UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento

Dettagli

Titolo corso Prestiti Sindacati

Titolo corso Prestiti Sindacati Titolo corso Prestiti Sindacati Milano, 17 Maggio 2014 A cura di Fabrizio Chiacchiera Cosa sono i Prestiti Sindacati - Nel Mercato dei Capitali la Banca ha il ruolo di erogare credito - Credito concesso

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

Finanziamento ordinario a medio/lungo termine

Finanziamento ordinario a medio/lungo termine Finanziamento ordinario a medio/lungo termine Descrizione Finanziamento classico a medio/lungo termine, di durata compresa tra 5 e 10 anni, che consente di programmare l'esborso attraverso rate, normalmente

Dettagli

Agevolazioni & Incentivi Srl

Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Srl Agevolazioni & Incentivi Agevolazioni & Incentivi svolge attività di consulenza e assistenza a favore delle aziende nell ambito della finanza d impresa. I nostri esperti sono

Dettagli

BNL GRUPPO BNP PARIBAS

BNL GRUPPO BNP PARIBAS BNL GRUPPO BNP PARIBAS Condizioni valide fino al 31 dicembre 2014 SEGMENTO RETAIL (PMI con fatturato < 5 mln e/o aziende prospect di nuova acquisizione BNL fino a 7,5 mln) Linee di credito di breve termine

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Segmento Corporate : condizioni indicativamente praticabili per il mese di Novembre 2011 Segmento Retail : condizioni valide dal 01.04.2012 sino al 30.06.2012 SEGMENTO CORPORATE

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Fascia Merito creditizio Spread Fascia A (RT 1-3) 3,00% Fascia B (RT 4-5) 3,65% Fascia C (RT 6-7) 4,30%

Fascia Merito creditizio Spread Fascia A (RT 1-3) 3,00% Fascia B (RT 4-5) 3,65% Fascia C (RT 6-7) 4,30% Si riporta, di seguito, l offerta commerciale dedicata alle aziende associate ad Ipe Coop Confidi a valere sull operatività con la CCIAA di Roma. Le condizioni riportate nel presente documento sono valide

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA SIRACUSA Martedì 29 Gennaio 2013 Il processo e gli

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI Prodotti a Medio Lungo Termine Prodotto Destinazioni Caratteristiche Prestito Partecipativo (Mutuo Ricapitalizzazione Aziendale) Ricapitalizzazione aziendale con delibera di capitale già sottoscritta dai

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Finanziamento BNL Ciclo Produttivo Retail

Finanziamento BNL Ciclo Produttivo Retail Finanziamento BNL Ciclo Produttivo Retail Impegni commerciali Penali Condizioni Banca dalle norme regolamentari del Fondo Centrale di Garanzia Finanziamento a BT, con piano di ammortamento e covenant commerciali

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

CREDITI CORPORATE LENDING

CREDITI CORPORATE LENDING CREDITI partner affidabili CORPORATE LENDING PERCHÉ UN FINANZIAMENTO IN POOL? Come noto, i motivi per cui una banca può essere indotta a sindacare un operazione di finanziamento possono essere molteplici:

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Investimenti necessari all acquisto di impianti, macchinari, arredi, beni e servizi necessari all attività corrente dell impresa.

Investimenti necessari all acquisto di impianti, macchinari, arredi, beni e servizi necessari all attività corrente dell impresa. -Idea Credito- FORMA TECNICA - Apertura di credito in c/c, con piano di rimborso programmato: o Per durate fino a 18 mesi: tipo rapporto CC261 IDEA CREDITO BT o Per durate oltre 18 mesi: tipo rapporto

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo esclusione del settore armamenti, con fatturato annuo fino a 10 Finanziamento a breve termine, con piano di ammortamento e covenant

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN 7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS 1 1 Indice Strategie di Finanziamento Il Business Plan 2 Strategie di finanziamento

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Banca Monte dei Paschi di Siena. Direzione Corporate Banking & Capital Markets

MISURE DI SOSTEGNO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Banca Monte dei Paschi di Siena. Direzione Corporate Banking & Capital Markets MISURE DI SOSTEGNO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Banca Monte dei Paschi di Siena Direzione Corporate Banking & Capital Markets LE SINGOLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Di seguito i singoli

Dettagli

La finanza e l intraprendere

La finanza e l intraprendere Istituto G. Sommeiller La finanza e l intraprendere Torino, 17 aprile 2015 Intervento: Dr. Giancarlo Somà L origine del fabbisogno finanziario Sfasamento del ciclo economico e del ciclo monetario 17 aprile

Dettagli

NUOVA FINANZA PER PMI. Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974 Fax: 035 224607 www.pafinberg.com info@pafinberg.

NUOVA FINANZA PER PMI. Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974 Fax: 035 224607 www.pafinberg.com info@pafinberg. NUOVA FINANZA PER PMI Credito Adesso La migliore soluzione per anticipare i contratti e finanziare il fabbisogno di capitale circolante CREDITO ADESSO Caratteristiche dell intervento A chi si rivolge?

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa Le operazioni di factoring rappresentano un prodotto anticiclico utile

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

Il capitale di terzi

Il capitale di terzi Il capitale di terzi Le operazioni di finanziamento a breve termine L apertura di credito in c/c Lo sconto di cambiale passive finanziarie Lo smobilizzo dei crediti commerciali Le anticipazioni bancarie

Dettagli

Tasso variabile: da 19 a 60 mesi Tasso fisso: 3 anni - 47 mesi - 5 anni

Tasso variabile: da 19 a 60 mesi Tasso fisso: 3 anni - 47 mesi - 5 anni Linea: Prodotto: Deutsche Bank PMI investimenti CHIROGRAFARIO Tipologia di intervento Beneficiari Importo Acquisto di macchine, attrezzature ed autoveicoli nuovi ovvero usati, posti al servizio dell'attività

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti OPERATIVITA A BREVE TERMINE I finanziamenti a breve termine sono regolati a tasso variabile, pari all Euribor maggiorato dei seguenti spread: Spread

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente per le sue capacità di

Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente per le sue capacità di GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE IL PROJECT FINANCING La finanza di progetto Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente

Dettagli

SERVIZI PER LE AZIENDE

SERVIZI PER LE AZIENDE CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo)

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo) CREDITO EMILIANO SPA Capogruppo del Gruppo bancario Credito Emiliano - Credem - Capitale versato euro 332.392.107 - Codice Fiscale e Registro Imprese di Reggio Emilia 01806740153 - P. IVA 00766790356 -

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Il Factoring e le piccole e medie imprese

Il Factoring e le piccole e medie imprese Il Factoring e le piccole e medie imprese Uno strumento per migliorare le performance aziendali e ridurre i rischi finanziari delle PMI anche in ottica di Basilea 2 Marino Baratti Amministratore Delegato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA

CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA Decorrenza: 17.11.2011 Linee di credito di breve termine Finanziamento a Breve termine Liquidità aziendale Apertura di credito in c/c Importo Max 200.000 Max 18 mesi

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

- Finanziamenti bancari e altri finanziamenti 484.987 456.209 28.778. - Scoperti bancari e altri finanziamenti 434.672 247.522 187.

- Finanziamenti bancari e altri finanziamenti 484.987 456.209 28.778. - Scoperti bancari e altri finanziamenti 434.672 247.522 187. 19. Debiti verso banche e altri finanziatori I debiti verso banche e altri finanziatori ammontano a 919,7 milioni e presentano una diminuzione di 215,9 milioni rispetto al 31 dicembre 2014 come evidenziato

Dettagli

CONVENZIONE CONFESERCENTI/BNL SCHEDE PRODOTTO E CONDIZIONI

CONVENZIONE CONFESERCENTI/BNL SCHEDE PRODOTTO E CONDIZIONI CONVENZIONE CONFESERCENTI/BNL SCHEDE PRODOTTO E CONDIZIONI Si riportano di seguito le schede prodotto con le relative condizioni economiche dedicate a tutte le Aziende associate a Confesercenti con fatturato

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo Limiti di importo Impegni commerciali esclusione del settore armamenti, con fatturato annuo fino a 10 Finanziamento a breve termine,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento operazioni con parti correlate approvato dalla Consob con delibera n.

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

I prestiti sindacati. Sommario

I prestiti sindacati. Sommario I prestiti sindacati Lucidi a cura di Giovanna Zanotti Sommario Definizione Il processo di sindacazione I diversi ruoli in un prestito sindacato Struttura tecnica di un prestito sindacato Il pricing Confronto

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Allegato al Bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2013 Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 26 27 luglio 2013

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO DESTINATO A CLIENTELA PRIVATA

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO DESTINATO A CLIENTELA PRIVATA (das Informationsblatt in deutscher Sprache ist in Ausarbeitung) FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO DESTINATO A CLIENTELA PRIVATA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società

Dettagli

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità

Applicazione n. 2. Analisi della solidità e della liquidità Applicazione n. 2 Analisi della solidità e della liquidità Alfa S.p.A. Bilancio separato al 31.12.2010 Stato patrimoniale 31.12.2010 31.12.2009 Attività non correnti Immobili, impianti e macchinari 7.418.159

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE (das Informationsblatt in deutscher Sprache ist in Ausarbeitung) FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO

FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO (das Informationsblatt in deutscher Sprache ist in Ausarbeitung) FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via Siemens,

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

24. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI

24. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI Term Incentive 2014-2016 destinato al Management del Gruppo Pirelli e approvato dal Consiglio di Amministrazione e dall Assemblea di Pirelli & C. rispettivamente in data 27 febbraio e 12 giugno 2014; tale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

GUIDA AL CODICE EUROPEO PER I MUTUI CASA C O D

GUIDA AL CODICE EUROPEO PER I MUTUI CASA C O D Iniziativa promossa dall ABI e dalle Associazioni dei Consumatori GUIDA AL CODICE EUROPEO PER I MUTUI CASA C O D I C E D I C O N D O T T A A L I A M O E U R O P E O MUTUO CASA A D E R Associazione Consumatori

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli