Finanziarsi. Le origini della sottocapitalizzazione sono remote e rappresentano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finanziarsi. Le origini della sottocapitalizzazione sono remote e rappresentano"

Transcript

1 Il prestito partecipativo per rafforzare le Pmi I risultati degli studi recentemente realizzati dalla Commissione Europea confermano che la spinta alla crescita economica (in termini di PIL) ed all incremento occupazionale provengono principalmente dalle piccole e medie imprese: l UE ha riconosciuto ripetutamente la loro importanza per lo sviluppo del mercato europeo dandone risalto anche attraverso l adozione della Carta europea per le piccole imprese, conseguentemente al Consiglio «Affari generali» di Lisbona (approvato nel 2000 in occasione del Consiglio europeo di Feira). Questa particolare missione riconosciuta ed affidata alle piccole e medie imprese, si scontra con la realtà delle imprese italiane per le quali si osserva, a parte la difficoltà strutturale ad accedere al mercato dei capitali, la cronica sotto capitalizzazione di Toma Gabriele Le origini della sottocapitalizzazione sono remote e rappresentano la conseguenza di una gestione della finanza aziendale determinata spesso da scelte influenzate alla normativa fiscale e tributaria, che nel corso degli anni ha favorito l indebitamento piuttosto che la capitalizzazione delle imprese. Recentemente la normativa fiscale ha invertito la propria ottica, ma questa situazione strutturale costituisce un freno allo sviluppo, in particolare per il non facile accesso al credito bancario (caratterizzato da un costo sistematicamente più elevato rispetto a quello sostenuto dalle grandi imprese). In vista poi della prossima applicazione, più o meno pedissequa da parte delle banche, dei principi stabiliti dall Accordo di Basilea, la scarsa presenza all interno dell azienda di capitale proprio rappresenta uno degli elementi maggiormente penalizzanti nell attribuzione di un giudizio di rating e di conseguenza per l accesso al credito a «buon mercato». La soluzione ideale sarebbe quella di fare capitalizzare in maniera sensibile l azienda con risorse apportate direttamente dai soci: non sempre vi è però la volontà, la possibilità e la capacità di farlo in breve tempo. Inoltre l aumento del capitale sociale consentirebbe all impresa di ottenere evidenti benefici in sede di applicazione della normativa fiscale relativa alla «thin capitalization». Esiste però lo strumento finanziario in grado di conciliare le volontà con le necessità: il prestito partecipativo, che consente all impresa di indebitarsi per realizzare programmi di sviluppo, di ammodernamento, di innovazione o di ristrutturazione, ne migliora sensibilmente i risultati economici, ne accresce il valore, e nel contempo «automaticamente» aumenta il patrimonio aziendale. Oltre a questo, il rimborso del prestito in conto interessi può anche avvenire per una parte che può risultare significativa, commisurata ai risultati economici dell impresa finanziata. La sua origine in Italia la possiamo fare risalire al 1991, quando vide la luce la Legge numero 317 (tra l altro mai resa direttamente operativa per la parte che riguardava l art ) che lo definiva in 1 Legge 317/ Capo VI - Art. 35. Prestiti partecipativi. 1. (...) 2. Si considerano prestiti partecipativi i finanziamenti di durata non inferiore a quattro anni, nei quali una parte del corrispettivo spettante all istituto di credito mobiliare o alla società finanziaria per l innovazione e lo sviluppo è commisurata al risultato economico dell impresa finanziata. 3. Per i prestiti partecipativi è dovuto un interesse annuo non superiore al tasso ufficiale di sconto vigente nel periodo al quale si riferiscono le rate di ammortamento del prestito. L impresa finanziata si obbliga, inoltre, a versare annualmente al soggetto finanziatore, entro trenta giorni dall approvazione del bilancio, una somma commisurata al risultato economico dell esercizio, nella percentuale concordata preventivamente con l istituto di credito mobiliare o la società finanziaria per l innovazione e lo sviluppo. Nel conto dei profitti e delle perdite dell impresa finanziata, la predetta somma costituisce oggetto di specifico accantonamento per onere, rappresenta un costo e, ai fini dell applicazione delle imposte sui redditi, è computata in diminuzione del reddito dell esercizio di competenza. Ad ogni effetto di legge gli utili netti annuali si considerano depurati da detta somma. 4. I prestiti partecipativi possono essere assistiti soltanto da garanzie personali, individuali o collettive, alle quali si applica l articolo 1946 del codice civile. Ad integrazione di tali garanzie è consentito l intervento del Fondo centrale di garanzia di cui all articolo 20 della legge 12 agosto 1977, n. 675, e successive modificazioni. La garanzia integrativa non opera per la parte dei prestiti partecipativi che ecceda il triplo del patrimonio netto dell impresa finanziata. 5. (...). 24

2 particolare come prestito la cui remunerazione aveva in parte derivazione dai risultati economici espressi dall azienda finanziata, più che prestito per la capitalizzazione. La sua attivazione sul campo è avvenuta negli ultimi anni, quando le esigenze di capitalizzazione delle imprese ne hanno reso necessario l utilizzo per favorire l aumento del capitale sociale più che per fare partecipare agli utili le istituzioni finanziatrici; si sono quindi proposti al Mercato strumenti finanziari promossi dalle banche o per i quali i consorzi fidi si sono resi disponibili a prestare proprie garanzie, ed ora perfino numerose misure di politica industriale ne promuovono l impiego per irrobustire l economia di riferimento. La finalità attualmente primaria è quella di rafforzare patrimonialmente le imprese e di accelerare il processo di capitalizzazione grazie all immissione di capitale proprio attraverso apporti monetari da parte dei soci, con la sua amplificazione ed «anticipazione» da parte di una banca per mezzo del capitale di credito (con il vantaggio per l impresa di ottenere sin dall inizio le risorse necessarie per la sua operatività). L operazione di prestito partecipativo La struttura di fondo di una operazione di prestito partecipativo è relativamente semplice: si configura esattamente come un rapporto finanziario triangolare tra la banca, l impresa finanziata e da capitalizzare, ed i terzi coobbligati (che di norma devono essere i soci), la cui particolarità è però rappresentata dalle relazioni contrattuali che si instaurano tra i «protagonisti». La banca concede il finanziamento: si tratta in genere di una linea di credito a scadenza (un mutuo quindi) con una durata in genere di medio-lungo termine (generalmente collocata tra i 5 e i 10 anni alla quale si può aggiungere anche un pre ammortamento di 2 o 3 anni), che prevede rimborsi periodici con la particolarità di coinvolgere in maniera più o meno diretta i soci (vedremo in seguito come), secondo schemi di rimborso differenziati. La società finanziata si obbliga a corrispondere alla banca, alle scadenze, il rimborso delle rate del finanziamento, secondo gli impegni assunti nel contratto di finanziamento. Per la natura dei vincoli che va ad assumere realizzando questa operazione, deve essere una impresa nella forma giuridica della società di capitali (SPA, SRL e SAPA) preferibilmente dotata del collegio dei revisori per importanti e necessari bisogni di trasparenza. Il ruolo dei soci è quello che maggiormente caratterizza l operazione. Sono essi che si impegnano formalmente, in quanto coobbligati nell operazione finanziaria, a fornire alla società le risorse necessarie per provvedere al rimborso del prestito: per rendere reale la loro «partecipazione» alla capitalizzazione della società, anche in presenza di un quadro normativo impreciso, sono necessari alcuni adempimenti da parte dell assemblea ordinaria e di quella straordinaria. Essi sono volti ad assumere il vincolo da parte della compagine sociale nel garantire il rimborso del finanziamento ed a finalizzarlo effettivamente all aumento del capitale: in questa maniera si realizza un aumento del capitale sociale che verrà versato man mano che avviene il rimborso del prestito. Il credito che i soci maturano costituisce infatti un finanziamento in conto futuro aumento del capitale sociale, che viene trasformato in capitale sociale alla fine dell ammortamento del prestito partecipativo. L azienda può scegliere di realizzare un integrale aumento di capitale sociale o di effettuare un parziale aumento di capitale ed un residuale accantonamento in un fondo di riserva di capitale da utilizzare in un secondo momento per l aumento di capitale. In ogni caso, l appostamento deve avere un valore non inferiore all importo del finanziamento bancario. Per questa ragione è utile che vengano effettuate dai professionisti di fiducia dell azienda (commercialista, notaio, avvocati, ecc.) preventivamente una serie di verifiche per valutare la reale possibllità di impostare e concludere questa operazione: per prima cosa c è da verificare la presenza di progetti di sviluppo e programmi di investimento adeguati ad essere supportati con una linea di finanziamento così impegnativa nel lungo periodo per la società ed i soci. C è poi da testare la reale disponibilità di tutta la compagine sociale a procedere ai versamenti di apporto di capitale che sarà richiesto ai sensi di legge, nel 25

3 corso degli anni definiti dal rimborso Ultimo punto, ma sicuramente non secondario per la realizzazione del progetto è quello di potere accedere al finanziamento positivamente e quindi di meritare il credito della banca in relazione alla capacità di rimborso di tutti i soci. Tra i soci devono essere verificate, oltre che le intenzioni, anche alcuni aspetti tecnici quali le deleghe di potere per la sottoscrizione del prestito e gli eventuali vincoli o impegni stabiliti dallo statuto societario per aspetti quali gli aumenti di capitale o le prelazioni. Se queste verifiche portano ad un risultato favorevole, e non vengono ravvisati impedimenti, l impegno dei soci deve divenire, oltre che reale e vincolante, anche formale: la «dottrina» consiglia di rafforzare il concetto di partecipazione dei soci alla capitalizzazione della loro società in sede assembleare. La società deve convocare una assemblea ordinaria alla quale deve partecipare la totalità dei soci e nel corso della quale deve essere deliberato all unanimità un ordine del giorno con un contenuto che verosimilmente potrebbe essere: 1. illustrazione del programma di investimento per il quale si richiede il finanziamento bancario; 2. indicazione della forma di finanziamento da utilizzare (importo, scadenza, periodicità delle rate, banca finanziatrice, ecc.) ed accettazione del vincolo dell utilizzo implicito a realizzare un aumento di capitale; 3. eventuale coinvolgimento nell operazione di finanziamento di un organismo collettivo di garanzia in veste di garante solidale o sussidiario dell operazione di prestito; 4. impegno da parte dei soci a deliberare, successivamente all erogazione del finanziamento bancario, l aumento del capitale sociale per un importo pari almeno a quello del finanziamento bancario; 5. impegno dei soci ad accollarsi le rate del mutuo, rimborsandole alle rispettive scadenze attraverso la creazione di una «provvista» per la società; 6. impegno futuro a non effettuare operazioni straordinarie di aumento di capitale senza la concessione dell autorizzazione da parte della banca finanziatrice («partecipante» sui generis nell impresa). Potrebbero essere eventualmente possibili aumenti di capitale per il trasferimento di riserve di capitale esistenti o per effettivo apporto di «denaro fresco»; 7. impegnarsi ad altri «covenants» quali la non riduzione del capitale sociale per esuberanza o la non distribuzione delle risorse che si dovessero generare nel corso dell ammortamento In sede di redazione annuale di bilancio, la società dovrà poi dare evidenza in nota integrativa all operazione che è stata realizzata, alle modalità in cui si verifica l aumento di capitale ed a come sta avvenendo il rimborso Un esempio Immaginiamo come si potrebbe articolare una operazione, nelle sue fasi più importanti, facendo ricorso ad un semplice esempio: una SRL con un capitale sociale di euro (quindi dotata di collegio dei revisori) e con un fatturato di 5 milioni di euro, ha la necessità di realizzare un investimento di euro per acquisire una nuova linea di produzione con la quale sviluppare un business estremamente interessante. I soci hanno inoltre già da tempo manifestato l intenzione di realizzare un aumento di capitale per portare il capitale sociale almeno a euro. Rispetto a linee di finanziamento tradizionali (leasing o mutuo), la banca, anche alla luce di questa ipotesi, propone ai quattro soci dell azienda ed ai loro professionisti di effettuare una operazione di prestito partecipativo che, oltre a soddisfare la domanda di risorse finanziarie, andrà a capitalizzare l azienda affiancandosi ed amplificando l azione autonoma dei soci: al termine dell operazione, l azienda avrà un capitale sociale di 1 milione di euro in funzione sia dell aumento di capitale con versamenti dei soci che per effetto del prestito. La proposta avanzata dalla banca viene valutata attentamente dai soci, che sotto la guida del proprio commercialista, decidono di accettare l offerta e quindi di convocare l assemblea ordinaria della società per discutere, approvare ed assumere gli impegni descritti in precedenza. Viene quindi avanzata ufficialmente la richiesta alla banca di un finanziamento per un importo di euro, da rimborsare in dieci anni secondo un piano di ammortamento americano (perciò con una quota di capitale annua di euro), con la 26

4 formula del prestito partecipativo. La banca in questa fase svolge la sua attività istruttoria, valutando il merito di credito, in particolare in riferimento alla capacità dell azienda di generare utili e di disponibilità da parte dei soci di risorse finanziarie da destinare per i successivi sette anni al rimborso del finanziamento ed all aumento del capitale. L azienda può trovarsi nella situazione di generare utili sufficienti a coprire anno per anno le rate del mutuo da rimborsare e quindi l aumento di capitale avviene non distribuendo dividendi, come si può invece verificare l ipotesi che non vi siano utili sufficienti, e che i soci debbano effettuare versamenti in conto capitale: ovviamente vi possono essere anche infinite situazioni ibride. Per queste ragioni la banca può richiedere a particolare garanzia del finanziamento e del rispetto della sua destinazione, che i soci si impegnino a rilasciare una malleveria personale, nella forma di fidejussione o di avallo, oltre che un atto d obbligo. Nel caso in cui il mutuo sia assistito da garanzia personali dei soci è da ricordare il suo assoggettamento alla normativa della «Thin Capitalization». Il tecnicismo scelto dalla banca per il rimborso/aumento di capitale prevede che, fermo restando l impegno da parte dell azienda nel rimborso del mutuo, i soci sono solidalmente responsabili tra di loro nel rimborsare le rate, effettuando accantonamenti in una apposita riserva indisponibile, denominata «riserva versamento soci in conto futuri aumenti di capitale sociale». La conversione di queste somme in capitale sociale può avvenire o al termine o nel corso dell ammortamento del mutuo, successivamente alla delibera da parte di una assemblea straordinaria. Viene quindi deliberato il finanziamento bancario e sottoscritto il contratto di mutuo, che presenta normalmente alcune particolarità rispetto all articolato normalmente in uso: 1. tra le premesse, troviamo la definizione di cosa sia un «prestito partecipativo» e la precisazione che la parte finanziata è pienamente edotta di cosa sia e di come funzioni; 2. viene previsto un «covenant» circa l impegno dei soci al mantenimento delle somme versate nel fondo futuri aumenti di capitale fino alla loro conversione in capitale; 3. viene citato l atto d impegno da parte dei soci, che va ad integrare i contenuti del contratto di mutuo; 4. può essere prevista una remunerazione integrativa del prestito bancario (quando concordato tra le parti), in funzione della positiva gestione aziendale, con il pagamento di un premio commisurato al risultato economico d esercizio; 5. vengono indicate una serie di clausole sospensive del contratto, quali la formalizzazione dell atto d obbligo da parte dei soci o il versamento delle somme previste al fondo (Tavola 1). Avviene pertanto l erogazione del finanziamento bancario per euro, che genera nei conti d ordine della società una evidenziazione delle garanzie prestate dai soci per l importo equivalente. Per dare il via all aumento di capitale è necessario convocare l assemblea straordinaria che lo dovrà deliberare; come si diceva, l aumento complessivo di capitale dovrà essere di euro, per 1 / 4 derivante da versamento da parte dei soci (come previsto dalla attuale normativa societaria) e per i 3 / 4 rappresentato dal prestito bancario. I soci versano sul conto appositamente acceso i euro e viene evidenziato sulla documentazione societaria (Certificato CCIAA, Carta intestata, ecc.) che il capitale sociale è di 1 milione di euro, versato per euro. Con l ammortamento del mutuo ed il pagamento delle rate da parte della società, si realizza anche l impegno da parte dei soci a «fare provvista» alla società: almeno euro all anno vengono accantonati nel fondo destinato al futuro aumento di capitale. Alla conclusione dei 10 anni, il fondo viene convertito in capitale sociale, ed a quel punto capitale sottoscritto e capitale versato coincideranno. Si diceva in precedenza che su questo tema si sono attivate oltre che le banche, altri soggetti istituzionalmente preposti ad attivare misure di politica industriale: sono numerose le norme e le misure volte ad incentivare le piccole e medie imprese nell uso di questo strumento. Ne ricordiamo solo alcune rimandando ad altre sedi il loro approfondimento: Emilia Romagna: con la misura 1.2 del PTAPI , le imprese possono godere di finan- 27

5 ziamenti bancari a tasso agevolato e con l intervento a garanzia dei consorzi fidi regionali a costo zero per l azienda; Liguria: con il Docup si è attivato un fondo per la concessione di prestiti partecipativi (per gli interventi in area Ob b) tramite Ligurcapital Spa; Piemonte: per gli interventi in area Ob b finanziamento pubblico a tasso agevolato di una quota del capitale deliberato (indicativamente pari al 50%), per il tramite di Finpiemonte Spa; Veneto: per gli interventi in area Ob 2 destinati alle imprese artigiane, attraverso la misura 1.2, con un finanziamento a tasso agevolato. TAVOLA 1 - IPOTESI DI ATTO D OBBLIGO L anno 2006 il giorno... del mese di... in, i sottoscritti: Sig..., nato a... il..., residente in... - Via... n...., Codice Fiscale... ; PREMESSO di essere soci della Società..., con sede in... Via... n..., in quanto titolari, per gli importi di seguito specificati, Sig.... Euro ,00, Sig.... Euro ,00, Sig.... Euro ,00, Sig.... Euro ,00., delle azioni/quote dell attuale capitale sociale della medesima, pari a Euro ,00, di cui è previsto un aumento minimo di Euro ,00 (ottocentoottantamila/00) nel periodo 2006\2016, tramite la richiesta di un «prestito partecipativo» da Euro ,00 (ottocentoottantamila/00) stipulato in data odierna; di avere intenzione di garantire interamente l accennato futuro aumento di capitale fino a un importo di Euro ,00 (ottocentomila/00), sottoscrivendo la differenza tra l aumento di capitale sociale e l importo della «Riserva per futuri aumenti di capitale sociale», iscritta nel bilancio della Società... ed utilizzata per l aumento di capitale sociale; che il... (banca)... con contratto in data... ha concesso alla predetta società un finanziamento di Euro ,00 nella forma di «prestito partecipativo», per la cui erogazione e buon fine dell operazione, è stato richiesto ai sottoscritti, quali soci sottoscrittori del su esposto futuro aumento del capitale della società in parola, di obbligarsi irrevocabilmente all effettuazione degli adempimenti sotto illustrati. DICHIARANO che le premesse sopra indicate formano parte integrante ed essenziale del presente atto; che hanno piena ed esatta conoscenza delle condizioni, modalità e pattuizioni che regolano il finanziamento sotto forma di «prestito partecipativo», citato in premessa, per aver preso preventiva visione del relativo contratto e pertinenti allegati. Attestato quanto sopra noi sottoscritti Sigg...., ci obblighiamo irrevocabilmente nei confronti della menzionata società..., ad effettuare i seguenti adempimenti, con la consapevolezza che il mancato rispetto, in tutto o in parte, anche di uno soltanto di tali adempimenti darà facoltà a... (banca)... considerare la predetta società finanziata come decaduta dal beneficio del termine di cui all art c.c. e/o di avvalersi della risoluzione del contratto di finanziamento ai sensi e per gli effetti dell art C.C.: a reintegrare la suddetta Società... della differenza tra la «Riserva» per futuri aumenti di capitale sociale», riserva indisponibile risultante dal bilancio della... stessa, e, se inferiore, il totale delle quote di capitale rimborsate, relative al finanziamento concesso dal..., pagate semestralmente, dalla medesima per il rimborso rateale del capitale mutuato con il finanziamento succitato, mediante versamenti con valuta pari a quella di pagamento delle suddette semestralità. Tale reintegrazione dovrà essere adeguatamente documentata da ciascuno di noi a... entro 30 giorni da ogni versamento; a fare in modo che le somme come sopra da noi corrisposte alla suddetta società siano mantenute in una apposita «riserva versamento soci in conto futuri aumenti di capitale sociale» che dovrà rimanere indisponibile, anche in caso di cessione, in tutto o in parte, delle partecipazioni sociali fino alla completa estinzione del finanziamento e che sarà destinata, insieme alla «Riserva per futuri aumenti di capitale sociale», a coprire il summenzionato aumento del capitale sociale di Euro ,00; a far deliberare, entro e non oltre la scadenza de periodo di ammortamento del suindicato finanziamento, il predetto aumento di capitale, da effettuare al termine dell ammortamento del finanziamento medesimo mediante trasformazione in capitale delle somme già reintegrate ed accantonate nella summenzionata «riserva», salvo che si ritenga di procedere ad aumenti parziali di capitale, periodicamente per le quote via reintegrate ed accantonate nella «riserva» medesima; in caso di cessione, anche parziale, delle nostre partecipazioni sociali, a provvedere anche a cedere le nostre correlate quote della predetta «riserva versamento soci in conto futuri aumenti di capitale sociale» ed a fare, altresì, accettare e sottoscrivere dai cessionari un atto d obbligo di contenuto uguale al presente. Firme (autentica notarile) 28

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 FINPIEMONTE S.p.A., con sede in Torino, Galleria San Federico n. 54, capitale sociale

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

PACCHETTO CAPITALIZZAZIONE Prodotti per Capitalizzazione aziendale

PACCHETTO CAPITALIZZAZIONE Prodotti per Capitalizzazione aziendale AGGIORNATO AL 1 AGOSTO 2011 PACCHETTO CAPITALIZZAZIONE Prodotti per Capitalizzazione aziendale Alcune soluzioni potrebbero non essere disponibili causa aggiornamento delle convenzioni. Si consiglia di

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo alla RINEGOZIAZIONE DI CONTRATTO DI MUTUO A TASSO VARIABILE stipulato anteriormente al 29 maggio 2008 e finalizzato all

Dettagli

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo.

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo. DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell'art. 1336 del Codice Civile)

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N.

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. Pag. 1/ 5 Foglio Informativo LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. 311/2004 INFORMAZIONI SULLA BANCA MPS

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE Versione del 01/01/2014 DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento della Banca d Italia del 29.07.2009)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18

MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18 Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18 Sezione I - Informazioni

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di CONTRATTO DI MUTUO Con il presente atto redatto in tre originali, tra l Istituto per il Credito Sportivo, Ente Pubblico Economico con sede legale in Roma Via G. Vico, n. 5, costituito con legge 24 dicembre

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prodotto adatto alla clientela al dettaglio MUTUI IPOTECARI E FONDIARI ALLE IMPRESE (Commerciali, Industriali e di Servizi)

FOGLIO INFORMATIVO. Prodotto adatto alla clientela al dettaglio MUTUI IPOTECARI E FONDIARI ALLE IMPRESE (Commerciali, Industriali e di Servizi) FOGLIO INFORMATIVO Prodotto adatto alla clientela al dettaglio MUTUI IPOTECARI E FONDIARI ALLE IMPRESE (Commerciali, Industriali e di Servizi) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA Finanziamento a medio-lungo termine ai sensi degli artt. 10 e 38 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 eventualmente agevolato ai sensi della legge 25 luglio 1952. n. 949 e/o di altre leggi agevolative

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

FINANZIAMENTO BASILEA 3

FINANZIAMENTO BASILEA 3 Pag. 1 / 6 FINANZIAMENTO BASILEA 3 Foglio Informativo Finanziamenti Finanziamento Basilea 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena N verde 800

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE

FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE Pag. 1 / 8 Foglio Informativo Finanziamenti ipotecari a medio e lungo termine aziende FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

FINANZIAMENTO PER LA CAPITALIZZAZIONE

FINANZIAMENTO PER LA CAPITALIZZAZIONE FINANZIAMENTO PER LA CAPITALIZZAZIONE Legge Regione Valle d Aosta 16 marzo 2006, n. 7 Nuove disposizioni concernenti la società finanziaria regionale FINAOSTA S.p.A. Articolo 6 Gestione Speciale Delibera

Dettagli

CONVENZIONE. tra. per

CONVENZIONE. tra. per CONVENZIONE tra il Ministero dell economia e delle finanze-dipartimento del tesoro, di seguito MEF, in persona del Prof. Vittorio Grilli Direttore Generale del Tesoro, e l Associazione Bancaria Italiana,

Dettagli

Mutuo chirografario InvestiSannio

Mutuo chirografario InvestiSannio FOGLIO INFORMATIVO relativo a: Mutuo chirografario InvestiSannio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio SpA C/DA ROSETO 82100 BENEVENTO n. telefono e fax: 0824.320611 / 08241810704

Dettagli

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013

Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 Testo della Convenzione CDP-ABI 1 marzo 2012, coordinato con le modifiche intervenute in data 9 maggio 2012, 6 luglio 2012 e 3 giugno 2013 CONVENZIONE TRA Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma,

Dettagli

Mutui rinegoziati: detraibilita` degli interessi passivi sul conto di finanziamento accessorio

Mutui rinegoziati: detraibilita` degli interessi passivi sul conto di finanziamento accessorio Mutui rinegoziati: detraibilita` degli interessi passivi sul conto di finanziamento accessorio di Sabatino Ungaro e Antonella Benedetto LA NOVITA` L Agenzia delle Entrate chiarisce che sono detraibili

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO SCHEMA DI CONTRATTO (DA SOTTOPORRE A REGISTRAZIONE) CONTRATTO n. (ai sensi della D.G.R. n. 186 del 22/02/2013 e della D.G.R. n. 1522 del 06/12/2013) Repubblica Italiana L'anno questo giorno del mese di

Dettagli

Mutuo Chirografario Prestito Scuola Aggiornato al 13.01.2015

Mutuo Chirografario Prestito Scuola Aggiornato al 13.01.2015 Mutuo Chirografario Prestito Scuola Foglio informativo MUTUO CHIROGRAFARIO PRESTITO SCUOLA INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa:

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE (Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell art. 1336 del codice civile) DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE (Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell art. 1336 del codice civile) DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Riservato a Soci persone fisiche (alla data richiesta

Dettagli

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO.

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITA E DEL CODICE FISCALE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE E DEI SOCI DELLA SOCIETA.

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO Rep.N... ******************************** REPUBBLICA ITALIANA L anno, il giorno...del mese di... in... davanti a me Dr..., Notaio in..., iscritto presso il Collegio Notarile

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Finanziamento ordinario a medio/lungo termine

Finanziamento ordinario a medio/lungo termine Finanziamento ordinario a medio/lungo termine Descrizione Finanziamento classico a medio/lungo termine, di durata compresa tra 5 e 10 anni, che consente di programmare l'esborso attraverso rate, normalmente

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato)

MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO E FONDIARIO PRIMA CASA destinato all acquisto di abitazione principale (Tasso Indicizzato) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI

MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI 1 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO Legge Regione Piemonte del 18 maggio 2004, n. 12, art. 8 come sostituito dalla Legge Regionale del 4 dicembre 2009, n. 30,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB)

FOGLIO INFORMATIVO. ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB) SEZIONE I INFORMAZIONI SUL CONFIDI Fidindustria Puglia Consorzio Fidi Sede legale: via Amendola 172/5 70126 Bari Tel.: 080 9643694-080 9643694

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI

ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI ALLEGATO E 1 ARPAB AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLA BASILICATA - POTENZA OGGETTO: CONTRATTO DI MUTUO DI COMPLESSIVI 4.000.00,00 PER L ACQUISTO DI UN IMMOBILE DA DESTINARSI A SEDE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE

FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE Pag. 1 / 7 Finanziamenti ipotecari a medio e lungo termine aziende FINANZIAMENTI IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

SOVVENZIONE SENZA PIANO A BREVE TERMINE RIMBORSO UNICA SOLUZIONE

SOVVENZIONE SENZA PIANO A BREVE TERMINE RIMBORSO UNICA SOLUZIONE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: SOVVENZIONE SENZA PIANO A BREVE TERMINE RIMBORSO UNICA SOLUZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA SVILUPPO TUSCIA S.p.A. V.LE FRANCESCO BARACCA,73-01100 - VITERBO (VT) n. telefono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine

Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine FOGLIO INFORMATIVO Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine INFORMAZIONI SU FIDIALTAITALIA S.C.p.A. Denominazione: Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni S.C.p.A. Sede Legale:

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA C.C.I.A.A. DI RAGUSA ATTUAZIONE DELL AZIONE STRATEGICA N. 5 DEL PIANO DI UTILIZZO DEI FONDI EX INSICEM

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA C.C.I.A.A. DI RAGUSA ATTUAZIONE DELL AZIONE STRATEGICA N. 5 DEL PIANO DI UTILIZZO DEI FONDI EX INSICEM PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA C.C.I.A.A. DI RAGUSA ATTUAZIONE DELL AZIONE STRATEGICA N. 5 DEL PIANO DI UTILIZZO DEI FONDI EX INSICEM BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO CONFIDI CONFCOMMERCIO PUGLIA INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO CONFIDI CONFCOMMERCIO PUGLIA INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle (BA) Soc.Coop. Via Tirolo,2 70029 Santeramo in Colle Tel.: 080 8828011 Fax: 080 3036515 Indirizzo internet: www.bccsanteramo.it

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

FINANZIAMENTI NON IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE

FINANZIAMENTI NON IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE Pag. 1 / 7 Foglio Informativo Finanziamenti non ipotecari a medio e lungo termine Aziende FINANZIAMENTI NON IPOTECARI A MEDIO E LUNGO TERMINE AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE FOGLIO INFORMATIVO Prodotto adatto alla clientela al dettaglio MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di Risparmio di Asti S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA Allegato n. 2 alla Lettera Circolare Artigiancassa del 18 settembre 2014 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE

Dettagli

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento Allegato d Patrimonializzazione - Corporate Banca Operatività Beneficiari Aziende appartenenti BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Intero territorio nazionale Piccole e medie imprese, associate a Cooperfidi Italia,

Dettagli

FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO / MUTUO IPOTECARIO CON PROVVISTA DI BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI (B.E.I.)

FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO / MUTUO IPOTECARIO CON PROVVISTA DI BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI (B.E.I.) PROVVISTA DI BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI (B.E.I.) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare FriulAdria S.p.A. Sede legale: Piazza XX Settembre 2 33170 Pordenone Telefono: 800 881 588 dall estero: 0039

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

2. Caratteristiche principali del prodotto di credito. Santander Consumer Bank S.p.A. a socio unico

2. Caratteristiche principali del prodotto di credito. Santander Consumer Bank S.p.A. a socio unico Santander Consumer Bank S.p.A. Direzione Generale Via Nizza, 262/26-10126 TORINO Codice Fiscale/Partita IVA/R.I. di Torino 05634190010 - Codice ABI 03191 Capitale Sociale 573.000.000 i.v. - Iscritta all

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 In relazione alla richiesta inoltrata alla Società dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.:

Dettagli

1. INTERVENTO DELLA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI E DI FINLOMBARDA

1. INTERVENTO DELLA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI E DI FINLOMBARDA LINEE GUIDA RELATIVE ALLE PREVISIONI CONTRATTUALI, OBBLIGAZIONI E IMPEGNI CHE LA BANCA DOVRÀ OBBLIGATORIAMENTE INSERIRE IN OGNI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CHE VERRÀ SOTTOSCRITTO CON I BENEFICIARI 1. INTERVENTO

Dettagli

ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1

ALLEGATO B - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 LINEE GUIDA RELATIVE ALLE PREVISIONI CONTRATTUALI, OBBLIGAZIONI E IMPEGNI CHE LA BANCA DOVRÀ OBBLIGATORIAMENTE INSERIRE IN OGNI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

RISCHI SPECIFICI LEGATI ALLA TIPOLOGIA DI CONTRATTO

RISCHI SPECIFICI LEGATI ALLA TIPOLOGIA DI CONTRATTO INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO FOGLIO INFORMATIVO CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Società Cooperativa Sede Legale ERCHIE (BR) Via Roma, 89 CAP 72020 Tel: 0831/767067 Fax:

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A RATA COSTANTE E DURATA VARIABILE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A RATA COSTANTE E DURATA VARIABILE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A RATA COSTANTE E DURATA VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.:

Dettagli

CHE COS È ENERGICAMENTE BUSINESS FINANZIAMENTO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI DI ENERGIA RINNOVABILI

CHE COS È ENERGICAMENTE BUSINESS FINANZIAMENTO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI DI ENERGIA RINNOVABILI INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. Sede legale: Via Università 1 43121 Parma Telefono: 800 771 100 dall estero: 0039 0521 954940 Fax: 02 89542750 dall estero: 0039 02

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO MASSIMO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax:

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell art. 2441, comma 6, cod. civ. secondo e terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria degli Azionisti

Dettagli

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Contratto di PREFINANZIAMENTO n. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

Contratto di PREFINANZIAMENTO n. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI COFIMAR PREMIA SPA Sede legale: Viale Manzoni, 91 00185 Roma Cap. Soc. 3.000.000,00 I.V. Cod.Fiscale /P.Iva 05336800635 Intermediario Finanziario Iscritto al N 1623 dell Elenco Generale ex Art. 106 del

Dettagli

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso)

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società Coop. Sede legale

Dettagli