guida al s ostegno a d istanza nella provincia di m ilano Assessora alla pace, cooperazione internazionale, partecipazione e politiche giovanili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "guida al s ostegno a d istanza nella provincia di m ilano Assessora alla pace, cooperazione internazionale, partecipazione e politiche giovanili"

Transcript

1

2 guida al s ostegno a d istanza nella provincia di m ilano Assessora alla pace, cooperazione internazionale, partecipazione e politiche giovanili

3

4 INTRODUZIONE Sono migliaia in Italia le persone coinvolte in progetti di sostegno di minori, così come sono numerose le realtà impegnate a garantire i diritti umani fondamentali di bambini, famiglie e comunità in difficoltà. Dal lavoro infantile allo sfruttamento della prostituzione pedofila, dal reclutamento delinquenziale alla droga, dalla diffusione di malattie alla fame, dalla mancanza di accesso ai servizi di base alla violenza intrafamiliare, moltissimi sono i rischi reali cui possono incorrere milioni di bambini e ragazzi poveri nel mondo. L impegno dell associazionismo e del singolo cittadino nel contribuire a dare a questi giovani una chance per cessare di essere esclusi ed avere diritto ad una vita più serena e dignitosa è pertanto fondamentale. L Ente locale, come rappresentanza istituzionale più vicina ai cittadini, gioca un ruolo determinante nella promozione e nella sensibilizzazione, e contribuisce spesso, anche finanziariamente, al sostegno di iniziative solidali a favore dei diritti dell infanzia e di una maggiore giustizia sociale. E stato verificato negli ultimi anni che la collaborazione tra Enti Locali nel promuovere la solidarietà è divenuta un fattore strategico per ottimizzare e moltiplicare le risorse e le capacità degli interventi, stimolando un miglior livello di sensibilizzazione e informazione nella collettività. Vista la necessità di rispondere positivamente alle tragedie infantili e famigliari derivanti sia da situazioni di povertà ed esclusione sociale endemiche, che da repentini eventi catastrofici, è nato il Coordinamento di Enti Locali per il Sostegno a Distanza (ELSAD). Il Coordinamento unisce in rete Province e Comuni italiani impegnati a sostenere interventi individuali e organizzati, anche di cooperazione decentrata, che intendono contribuire a promuovere sia l educazione allo sviluppo che l interscambio di esperienze e di know how tra gli operatori. Aderendo a ELSAD, la Provincia di Milano, attraverso l Assessorato alla Pace e Cooperazione Internazionale, ha voluto offrire il proprio contributo, racchiudendo nella Guida i riferimenti e i profili di quelle Associazioni del territorio provinciale con cui collabora alla gestione di progetti di sostegno, anche nella prospettiva di dare operatività a un Coordinamento Locale. La Guida precede e vuole essere stimolo alla costituzione del Coordinamento Locale per il Sostegno nella Provincia di Milano, per rendere sistematico il rapporto tra Enti Locali e società civile, agevolando l interscambio, la condivisione delle esperienze, l incontro di risorse e conoscenze, il coinvolgimento responsabile di tutte realtà e le persone e coinvolte come sottoscrittori, anch essi interlocutori di primo piano. L obiettivo è rafforzare la rete di solidarietà, creando sinergie capaci di promuovere e diffondere comportamenti e stili di vita etici e socialmente equi, intervenendo nei Paesi svantaggiati ad alleviare la sofferenza e la mancanza di opportunità e prospettive di migliaia di esseri umani, private del benché minimo livello di giustizia sociale. Irma Dioli Assessora alla pace, cooperazione internazionale, partecipazione della Provincia di Milano

5 INDICE Introduzione a cura dell Assessora Irma Dioli L Assessorato alla pace, cooperazione internazionale, p. 5 partecipazione e politiche giovanili Il sostegno p. 7 Il Protocollo d intesa tra Province e Comuni italiani per la costruzione p. 9 del Coordinamento Nazionale Enti Locali per il Sostegno a Distanza (ELSAD) Il ForumSAD p. 11 La Carta dei Principi per il Sostegno a Distanza p. 12 La guida p. 14 Schede delle organizzazioni p. 15 Indice Associazioni p. 71

6 L ASSESSORATO ALLA PACE, PARTECIPAZIONE, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E POLITICHE GIOVANILI Il nuovo assetto geopolitico indotto dalla globalizzazione, mandando in crisi i modelli di sviluppo consolidati, ha ridefinito i rapporti tra territori, conferendo una determinante importanza al livello locale, della quale anche la cooperazione internazionale tradizionale ha dovuto prendere atto. La Provincia di Milano, attenta al nuovo ruolo che l Ente Locale gioca sulla scena internazionale, nel luglio 2004 ha istituito le nuove deleghe alla pace, cooperazione internazionale, partecipazione e politiche giovanili, per promuovere un impegno diretto dell Ente, in considerazione della sensibilità propositiva e partecipativa del territorio milanese e in risposta alle istanze della società civile. Lo sviluppo della cooperazione decentrata ha consolidato una metodologia d intervento fondata sull interscambio diretto tra realtà locali omologhe, capaci di lavorare in partnership e di mettere in relazione le comunità del nord e del sud del mondo, valorizzando a costi contenuti le rispettive risorse e know-how, spesso con il sostegno di processi partecipativi della cittadinanza. I risultati di una ricerca, condotta nei Comuni del territorio milanese dall Associazione ACLI Milano per conto della Provincia, hanno dimostrato il diffuso e crescente interesse per la pace e la cooperazione internazionale e la presenza, nel 70% delle situazioni istituzionali indagate, di interventi in questi settori. La Provincia di Milano ha interpretato questa sensibilità della collettività cercando di svolgere un ruolo di formazione, informazione e di proporsi come punto di incontro delle attività di cooperazione decentrata. In questo senso, ha organizzato un corso destinato agli amministratori e ai funzionari comunali e ha pubblicato gli atti di corsi e convegni, promossi o sostenuti dall Ente, diffondendoli come strumenti formativi ed informativi. Parallelamente, è stata attivata, all interno del portale della Provincia di Milano, una sezione denominata Network della Cooperazione Internazionale, con l obiettivo di facilitare i contatti e l interlocuzione tra gli attori della cooperazione. La Provincia di Milano, oltre a svolgere il ruolo tradizionale di sostenitore finanziario di progetti realizzati da ONG e da Associazioni, è capofila, insieme a altri Enti Locali di un percorso partecipato scaturito nella costituzione di un Associazione di Promozione Sociale denominata Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale. Scopo di questa iniziativa è ottimizzare le risorse degli Enti Locali, finalizzarle a una strategia condivisa in grado di garantirne l efficienza, l efficacia, la trasparenza e la coerenza con gli obiettivi comunemente prefissati, promuovendo la cooperazione diretta tra Enti e comunità di diversi territori, con l apporto della società civile (ONG, associazioni, fondazioni, atenei, imprese partecipate ecc.). Con lo stesso principio ispiratore, La Provincia di Milano è anche capofila di un Comitato Locale del Programma di Sviluppo Umano Locale a Cuba (PDHL) coordinato da UNDP dell Organizzazione delle Nazioni Unite, partecipa al programma ART Libano e ART Uruguay e promuove protocolli di intesa con capitali e province di alcuni Stati del sud del mondo, che prevedono la collaborazione e l interscambio diretto tra amministrazioni e soggetti omologhi dei diversi territori. La Provincia aderisce e interagisce con reti internazionali e nazionali di coordinamento di Enti Locali, con lo scopo di interscambiare esperienze ed elaborare strategie condivise, sia a livello locale che internazionale. United Cities and Local Governments, Forum of Local Authorities, Pace in Comune, Associazione degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, Comitato Italiano Città Unite, Coordinamento 5

7 Enti Locali Sostegno a Distanza, Cento Città per Cento Progetti per il Brasile, Associazione Rete Nuovo Municipio sono le istanze che hanno visto un impegno concreto della Provincia di Milano nel processo di scambio di pratiche e di ricerca di soluzioni a problemi comuni. Appoggiare campagne strategiche di sensibilizzazione su temi quali gli Obiettivi del Millennio, la responsabilità sociale delle imprese, la promozione e la diffusione del commercio equo e solidale e del turismo responsabile hanno portato la Provincia di Milano a raccogliere consensi. Alla luce dell impegno in questo senso l Ente è stato riconosciuto il 13 dicembre 2006 Provincia Equosolidale. Per quanto riguarda le attività collegate al tema della pace, l Assessorato ha realizzato a Milano la Casa della Pace, aperta alle associazioni e alla cittadinanza, che è luogo di incontri, mostre, dibattiti e iniziative e ospita la sede della Campagna ONU No Excuse 2015 per il perseguimento degli Obiettivi del Millennio, nel segno di un concreto e duraturo impegno per la promozione della pace de della difesa dei diritti umani. L Assessorato ha inoltre istituito la Consulta Provinciale dei Migranti per la Partecipazione che si configura come uno strumento per le associazioni, in grado di facilitare la rappresentanza della realtà migrante nel territorio provinciale ed affermare le politiche dell inclusione e della partecipazione, ricercando insieme alle varie comunità anche nuove forme di cosviluppo. 6

8 IL SOSTEGNO A DISTANZA La definizione di sostegno (SAD) che qui si propone, accoglie i principi che sono stati riuniti nella Carta che già più di cento associazioni italiane hanno condiviso e sottoscritto. Non si riduce soltanto all atto di solidarietà di chi offre un aiuto economico, diretto a soddisfare un bisogno alimentare, sanitario, sociale o educativo di una persona, spesso un bambino, di un gruppo familiare o di una comunità che vivono nelle situazioni più svantaggiate, in qualsiasi parte del mondo. Deve tradursi in un impegno, un atto responsabile e consapevole che comporta il rispetto della dignità e della cultura del beneficiario, ne promuove l autosviluppo senza allontanarlo dal paese originario, producendo una ricaduta positiva anche sul suo contesto - famiglia, comunità e ambiente. Il sostegno contribuisce così ad una maggiore consapevolezza e alla diffusione di una cultura di solidarietà e di pace, dove la diversità acquista valore e la lotta contro la povertà si accompagna al cambiamento del proprio stile di vita. La prima adozione, come è stata definita per molti anni e ancora oggi questa espressione non è stata abbandonata, avviene nel 1958 negli Stati Uniti, per iniziativa di un missionario italiano. In Italia, le prime azioni sono avviate agli inizi degli anni settanta. Negli anni ottanta e novanta, si assiste ad una forte crescita della solidarietà, di orientamento sia religioso sia laico, anche per effetto della maggiore visibilità delle drammatiche condizioni di vita di molte popolazioni nei Paesi del sud del mondo a causa di guerre, carestie, calamità naturali. Contemporaneamente, cresce il vasto movimento del volontariato ed emergono le associazioni del Terzo Settore. Nel suo percorso storico, l adozione diventa uno strumento per l attuazione dei principi sanciti dalla Convenzione ONU sui diritti dell infanzia (1989) che mira a garantire la tutela dei diritti dei bambini con l obiettivo del loro maggiore interesse. Nel tempo, l adozione si apre alle comunità e accanto al rapporto diretto con un bambino, spesso individuato e scelto dal sostenitore, si moltiplicano azioni di sostegno rivolte a popolazioni o a gruppi identificati, ma anche contributi finanziari per la realizzazione di microprogetti. I progetti possono rispondere ai bisogni collettivi dei bambini quali asili, scuole primarie, presidi sanitari pediatrici come degli adulti: formazione, inserimento al lavoro, ospedali, pozzi e reti idriche, ecc. All espressione adozione, ancora diffusa nell opinione pubblica, si preferisce il termine sostegno, per evitare che sia confusa con l adozione internazionale che prevede il rapporto genitore/figlio regolamento da specifiche norme, e perché, ai principali beneficiari, il bambino o la bambina, si sono affiancati nuovi destinatari plurimi quali la comunità, la famiglia, il villaggio o un microprogetto. Il Sostegno a Distanza diventa strumento di cooperazione internazionale e di riequilibrio delle ingiustizie sociali nella dimensione globale. Sono tre i soggetti direttamente coinvolti: il sostenitore, il beneficiario e l organizzazione. Il sostenitore partecipa responsabilmente, con un aiuto economico costante, generalmente una quota annuale, al mantenimento dell impegno assunto nei confronti del bambino o della comunità e comunque al finanziamento di un progetto proposto e concordato con l organizzazione. Presenta un atteggiamento attivo che comporta diritti quali: visitare la sede dell organizzazione, visionare i bilanci, ricevere le relazioni sulla situazione locale, monitorare il progetto. Ma il sostenitore è invitato anche ad un maggior coinvolgimento: partecipare alle riunioni, promuovere l attività dell organizzazione e aumentare le adesioni al sostegno, impegnarsi nelle iniziative di autofinanziamento, essere informato sulla situazione del paese sede del progetto. Si trova così coinvolto in un processo partecipativo e di acquisizione di una maggiore consapevolezza che parte dalla riflessione sulle cause della disuguaglianza tra il Nord e il Sud del mondo. 7

9 Un momento particolare del rapporto del sostenitore con l organizzazione e con il beneficiario può essere rappresentato dal viaggio nel luogo dove vivono il bambino o la comunità sostenuti e dove il progetto è realizzato. Il viaggio è prima di tutto la realizzazione dell incontro tra due mondi, lo scambio di conoscenze e un importante esperienza emotiva. Sostenitori possono essere singoli cittadini oppure famiglie, gruppi organizzati (associazioni o enti), gruppi di amici o colleghi di lavoro, compagni di classe. Il soggetto beneficiario può essere un minore, un adulto, una famiglia, un gruppo di persone o un intera comunità individuati. Con essi il sostenitore instaura un vero e proprio rapporto diretto. Il beneficiario conosce il processo che ha determinato la realizzazione del progetto di sostegno e diventa consapevole dell interazione con il sostenitore. Sovente, soprattutto quando si tratta di un bambino o una bambina, il rapporto continua fino al raggiungimento della maggiore età. Si può instaurare un rapporto epistolare con la famiglia o lo stesso bambino, se in età scolare, che consente al sostenitore di seguire, con maggiore o minore discrezione, la sua crescita, i suoi progressi e i passaggi più importanti della sua giovane vita che si svolge comunque all interno del contesto di origine. L organizzazione si impegna, nei confronti del sostenitore, ad attivare il rapporto con le popolazioni locali e accertare il loro consenso, a reperire referenti sul posto che siano affidabili e controllabili, a gestire il fondo con efficacia e trasparenza e a garantire l informazione periodica sulla gestione finanziaria e sull andamento del progetto. Le organizzazioni che si occupano del sostegno sono molto numerose, di orientamento laico o religioso, e di diversa natura: organizzazioni non governative, onlus, enti religiosi o morali, associazioni di volontariato, ed operano nei vari settori e in diverse aree geografiche. Alcune hanno avvertito la necessità di trovare un ambito comune, di tutelarsi attraverso l autoregolamentazione e si sono riunite in gruppi associativi più ampi. La realtà più importante in Italia è il ForumSAD, il Forum permanente per il sostegno a Distanza, costituitosi nel 1999 a Roma per iniziativa del Coordinamento La Gabbianella, e che oggi riunisce più di 130 realtà che hanno sottoscritto la Carta dei Principi per il Sostegno a Distanza. 8

10 IL PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCE E COMUNI ITALIANI PER LA COSTRUZIONE DEL COORDINAMENTO NAZIONALE ENTI LOCALI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA - ELSAD Premesso che In Italia sono oltre le persone coinvolte e centinaia le realtà di diversa natura impegnate in progetti a favore di bambini, famiglie e comunità in situazioni di povertà e difficoltà. Il Coordinamento Enti Locali per il Sostegno A Distanza (ELSAD) riunisce le Province e i Comuni italiani impegnati a promuovere il sostegno, inteso come strumento di solidarietà, di riequilibrio delle ingiustizie sociali, di educazione allo sviluppo, di impegno personale alla cooperazione internazionale e all apprendimento interculturale, e quale misura di accompagnamento allo sviluppo di interventi di cooperazione decentrata. Il Coordinamento ELSAD intende: - sensibilizzare e promuovere la pratica del sostegno ; - favorire un interscambio tra le istituzioni; - sostenere le diverse realtà che operano sul campo; - garantire la trasparenza degli interventi; - operare per la messa in rete delle diverse esperienze. Tutto ciò premesso, i soggetti sottoscrittori convengono quanto segue: Art. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale per il SAD, Sostegno a Distanza, composto dai Comuni e dalle Province Italiane nel cui territorio siano attivi progetti di sostegno, gestiti sia direttamente dai Comuni e dalle Province medesime, che da associazioni o enti di volontariato. Nelle riunioni del Coordinamento i Comuni e le Province sono rappresentati dal Sindaco o dal Presidente della Provincia, o da Assessore da essi delegato. Il Coordinamento Nazionale è costituito presso la Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma. Art. 2 Obiettivi del coordinamento sono: nei confronti dei cittadini: - stimolare la solidarietà internazionale dei cittadini residenti nei rispettivi territori attraverso lo strumento del sostegno ; - mettere in contatto domanda e offerta di solidarietà, avvicinando famiglie, classi scolastiche, imprese e singoli cittadini al tema del sostegno ; - utilizzare il sostegno in funzione educativa, per rafforzare comportamenti socialmente positivi, indurre cambiamenti nello stile di vita, ridurre gli sprechi; nei confronti delle Organizzazioni del settore: - sostenere e coordinare l attività delle Organizzazioni (Organizzazioni Non Governative, ONLUS, Associazioni, Congregazioni missionarie, Parrocchie, Istituti scolastici) operanti, nei rispettivi territori, nel settore del sostegno ; - collegare la predetta attività con quella di analoghe Organizzazioni operanti in altre parti del territorio nazionale, in Europa e nel resto del mondo; - promuovere il sostegno come strumento di cooperazione decentrata; 9

11 nei confronti degli Enti locali aderenti a ELSAD: - approfondire la ricerca e la riflessione politica sul valore del sostegno e di altre pratiche di solidarietà internazionale; - promuovere il coordinamento a livello nazionale, lo scambio di informazioni ed esperienze, lo sviluppo di iniziative comuni tra gli Enti locali impegnati nella promozione del sostegno ; - assicurare il collegamento di ELSAD con le rappresentanze delle Organizzazioni operanti nel settore del sostegno ; - collaborare con le predette Organizzazioni, nel rispetto del reciproco ruolo, in funzione del raggiungimento e mantenimento di elevanti standard operativi e di pratiche trasparenti nella gestione delle donazioni; - collaborare con le predette Organizzazioni coinvolgendo i Servizi provinciali e comunali e le Aziende di servizi pubblici locali nel rinforzare progetti di Sostegno rivolti alla sussistenza vitale o alla tutela di gruppi di persone in situazione di vulnerabilità fisica o psicologica; - dialogare con i rispettivi Governi regionali, con il Governo nazionale, con le Istituzioni europee e sovranazionali, anche in funzione di mainstreaming. Art. 3 Il Coordinamento intende attuare i suoi obiettivi attraverso: - il censimento periodico delle Organizzazioni attive nel proprio territorio; - la promozione di Coordinamenti territoriali; - la promozione di campagne nazionali, progetti di solidarietà e di cooperazione internazionale, convegni, pubblicazioni e ricerche; - la promozione di altre pratiche di solidarietà internazionale: il Servizio Civile Nazionale Volontario all estero, il volontariato attraverso le Organizzazioni Non Governative nazionali o le Organizzazioni internazionali, le adozioni internazionali, l obiezione bancaria, il consumo critico, il commercio equo e solidale, le opportunità formative in tema di educazione allo sviluppo (master universitari, corsi di laurea, corsi proposti dalle associazioni); - la realizzazione di un archivio nazionale dell attività degli Enti locali per il sostegno ; - la partecipazione degli Enti locali ai Forum nazionali e alle Conferenze internazionali. Art. 4 L adesione al Coordinamento Nazionale da parte dei Comuni e delle Province è deliberato dalle rispettive Giunte o dai rispettivi Consigli. Art. 5 Le riunioni del Coordinamento Nazionale sono a cadenza periodica, convocate dal Presidente del Consiglio Provinciale di Roma, o a richiesta degli aderenti. 10

12 IL FORUMSAD* L associazione Forum Permanente per il Sostegno a Distanza - ForumSAD - si é costituita come ONLUS il 21 settembre Al 5 luglio 2007 sono 47 le Associazioni che vi aderiscono formalmente, per un totale di circa sostenitori e beneficiari di progetti SAD in oltre 110 paesi del mondo. Il ForumSAD raccoglie l eredità dei Forum, che dal 1999 al 2003 venivano organizzati da un Comitato Promotore composto da La Gabbianella e altre associazioni. Il Forum era l iniziativa annuale, il luogo di incontro e di confronto sulle problematiche comuni delle Associazioni SAD. Con il loro impegno si é avviato un processo di autoregolamentazione, che é la forma più valida di garanzia nei confronti dei sostenitori e dei beneficiari. E si sono realizzati: - il primo e finora unico Censimento Nazionale del settore (nel 2000), in collaborazione con l Università Cattolica di Milano; - la Carta dei Principi per il Sostegno a Distanza, un codice etico sottoscritto ad oggi da 130 organizzazioni; - la Carta dei Criteri di Qualità SAD, un codice di comportamento a garanzia della qualità del Sostegno a Distanza; - la Giornata Nazionale del SAD, ogni 6 gennaio. Il ForumSAD ha promosso l Anagrafe Nazionale delle organizzazioni SAD e ha organizzato: il VI Forum a Milano nel 2005; il VII Forum a Napoli nel 2006; la Conferenza Nazionale sul Sostegno a Distanza, Informazione e Solidarietà a Genova nel 2006; l VIII Forum a Torino nel 2007; il primo seminario Comunicare il sostegno a Torino nel 2007; il secondo seminario Comunicare il sostegno a Roma nel Obiettivi del ForumSAD sono: - promuovere il Sostegno a Distanza quale forma solidale e culturale di sviluppo tra i popoli; - favorire momenti di incontro e di collaborazione fra tutte le organizzazioni del settore nonchè il reciproco arricchimento di idee, proposte, esperienze al fine di sostenere la crescita di una coscienza solidale; - ricercare gli strumenti che favoriscono l informazione, la trasparenza, la visibilità e la qualità degli interventi di Sostegno a Distanza; - realizzare un fattivo rapporto e confronto con le istituzioni e le organizzazioni sociali internazionali, nazionali e locali, anche al fine di accrescere e diffondere una reale cultura di pace. Rappresentanza del ForumSAD Il ForumSAD é rappresentato dal Presidente Vincenzo Curatola. Vice Presidente è Giorgio Cafarelli. *Documento tratto dal sito internet 11

13 CARTA DEI PRINCIPI Premessa Si é consolidata ed è in continua espansione una nuova forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione, affido, adozione scolastica, sostegno a distanza, tutela, padrinato, madrinato, borsa di studio, sponsorizzazione... Pur essendo ogni organizzazione libera di utilizzare la denominazione ritenuta idonea, il termine scelto convenzionalmente in questa sede è sostegno. Il sostegno è un atto di solidarietà che consiste nell impegno morale a inviare, tramite referenti responsabili, un contributo economico stabile e continuativo, del cui uso il donatore riceve riscontro, rivolto a minori, adulti, famiglie, comunità ben identificate, in condizioni di necessità e in ogni parte del mondo, per offrire la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita nell ambiente sociale e culturale in cui vivono. La consapevolezza che in questo settore operano tanti e diversi soggetti di varia estrazione e portata culturale e sociale, costituiti in differenti forme organizzative e istituzionali (gruppi amicali informali - parrocchiali - privati, congregazioni o istituti ecclesiali, associazioni, organizzazioni non governative, comitati, coordinamenti, fondazioni...) e la necessità di tutelare i diritti dei bambini e delle comunità sostenute e di garantire i diritti delle persone alla trasparenza e al buon uso del loro dono hanno portato numerosi enti e associazioni a incontrarsi e a confrontarsi su alcuni principi cardine a cui rifarsi unanimemente. Nasce così la Carta dei Principi per il Sostegno a Distanza. Le Associazioni SAD che la sottoscrivono operando nel rispetto delle norme dello Stato italiano e dei principi contenuti nei seguenti documenti (1): - Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo, Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia, Convenzioni dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, 1973, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull Eliminazione della Violenza contro le Donne, Legge italiana contro la prostituzione minorile, Si impegnano a 1 Promuovere il sostegno quale gesto di libera e solidale condivisione con chi è nel bisogno. 2 Sviluppare l informazione e la formazione multiculturale. Le organizzazioni, con un azione concreta di politica sociale, danno voce a minori, adulti, famiglie e comunità costretti a vivere in situazioni difficili e, nell avvicinare culture e società diverse, ne promuovono l interscambio e il rispetto reciproco, valorizzando la persona nella sua dignità dentro ogni contesto e cultura. 3 Caratterizzare questo gesto solidale rispetto alle altre forme di solidarietà basate sulla raccolta fondi occasionale o per emergenze. Le organizzazioni metteranno in evidenza nei loro progetti la continuità dell impegno del sostegno che acquista un duplice valore: educa il sostenitore alla consapevolezza dei disagi e della povertà in cui versano milioni di persone e garantisce al contempo un finanziamento stabile per l attuazione del progetto. 4 Rendere consapevole il sostenitore dell importanza del suo aiuto economico costante nel tempo, anche se il sostenitore può recedere dall impegno preso; in questo caso, le organizzazioni si impegnano a ricercare in tempi brevi chi lo sostituisca e, nel frattempo, a utilizzare tutti i propri strumenti per garantire il proseguimento dei progetto. 5 Mettere a disposizione presso la propria sede il bilancio o il rendiconto annuale e renderlo pubblico secondo le norme previste. Ciascuna organizzazione si rifà alle 12

14 normative vigenti in merito alla propria configurazione giuridica: al proprio Statuto, alle leggi relative all Albo regionale del volontariato, alle disposizioni in merito agli enti del Terzo Settore non profit ONLUS e alle ONG, alla Carta della Donazione e alle normative proprie per gli enti ecclesiastici. 6 Comunicare al sostenitore l effettiva somma destinata al beneficiario del sostegno e quella trattenuta dall organizzazione per le spese di gestione, come garanzia sul corretto utilizzo dei fondi e informazione sulle modalità di intervento. 7 Valutare con accortezza le richieste di aiuto ricevute e ad avviare un progetto solo là dove esista l esplicito consenso della comunita interessata. Le organizzazioni garantiranno che i loro operatori o delegati agiscano con il consenso della popolazione locale. 8 Agire in modo che il sostegno sia strumento di promozione all autosviluppo del beneficiario, della sua famiglia laddove esista e della sua comunità. Per evitare che questo aiuto economico diventi una forma di assistenzialismo, nei paesi in cui interverranno, le organizzazioni coinvolgeranno le comunità nella realizzazione e nella gestione dei progetti con un accompagnamento stabile alle persone, complementare e non sostitutivo. 9 Verificare con attenzione l affidabilità e il lavoro di eventuali partner esteri e ad adoperarsi per garantire il buon esito del progetto anche in caso di loro inadempienze. Le organizzazioni si impegnano a comunicare al sostenitore da chi è curata in loco la realizzazione del progetto e a valutare l affidabilità e l efficienza dei referenti locali o dei propri collaboratori impegnati nell attuazione degli interventi di sostegno. 10 Confrontarsi con le altre organizzazioni che operano con le stesse finalità nel perseguimento degli obiettivi di solidarieta e pace, rispettandone le diversità. Le organizzazioni si rendono disponibili a forme di collaborazione tra loro, soprattutto nelle medesime aree geografiche e negli stessi settori di intervento. 11 Rispettare la carta dei principi per il sostegno. Le organizzazioni valuteranno l opportunità di accettare la collaborazione e i finanziamenti di enti e istituzioni pubblici o privati secondo i principi richiamati in questa Carta. ( 1 ) - Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo adottata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 1 0 dicembre 1948; - Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia approvata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall Italia con la legge del 27/05/91 n In modo particolare si fa riferimento all art.3: in tutte le azioni riguardanti i bambini, se avviate da istituzioni di assistenza sociale, pubbliche o private, tribunali, autorità amministrative o corpi legislativi, i maggiori interessi del bambino devono essere oggetto di primaria considerazione ; - Convenzioni dell Organizzazione Internazionale del lavoro che stabiliscono: la n. 138 dei 1973 l età lavorativa minima ( non inferiore ai 15 anni ) e la n. 182 del 1999 ( in fase di ratifica da parte dell Italia ) le linee guida per la prevenzione e l eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile; - Dichiarazione delle Nazioni Unite sull eliminazione della violenza contro le donne del 1993 in cui si denunciano le pratiche tradizionali e moderne che sfruttano le donne e le bambine per scopi sessuali e di altro genere; - Legge italiana contro la prostituzione minorile dei 3 agosto 1998 n.269: norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali forme di riduzione in schiavitù. Nota: Il testo è reperibile su Internet all indirizzo 13

15 LA GUIDA La considerazione che il Sostegno a Distanza coinvolga un così alto numero di persone (si stimano più di 2 milioni di sostenitori in Italia) e muova un importante flusso di risorse economiche, porta a ritenere necessario l interessamento della pubblica amministrazione al fenomeno. Questo interesse non può che tradursi in interventi diretti a conoscere e promuovere gli aspetti indubbiamente positivi, ma anche a mettere in atto un sistema di garanzie nei confronti dei beneficiari, per la tutela dei loro diritti e della loro dignità, e verso i donatori, per assicurare la trasparenza e la corretta gestione dei fondi che raccolgono le loro sottoscrizioni. Anche riguardo al variegato mondo delle realtà associative, enti, ong e fondazioni, istituzioni religiosi e altre forme organizzative che costituiscono il motore del sostegno, che si alimenta anche con l importante impegno di volontari, l ente pubblico deve essere d appoggio, dare visibilità, facilitare l incontro e la messa in rete delle esperienze e chiedere la manifestazione espressa di principi etici condivisi. La Guida al sostegno nella provincia di Milano, così come le altre Guide che in questi anni sono state predisposte da alcuni altri Enti locali, può contribuire ad assolvere a questi impegni che la Provincia intende assumersi anche attraverso la costituzione del Comitato provinciale per il sostegno, un organismo permanente che ha l obiettivo di riunire, attorno a principi etici, tutti i soggetti che operano nel settore e di dare impulso alla solidarietà internazionale. La Guida è proposta per offrire, a livello locale, uno strumento che sia utile alle organizzazioni e al cittadino, e risponde a un duplice scopo: descrivere la realtà di questa pratica solidale nella provincia milanese nei suoi aspetti qualitativi e quantitativi, attraverso la raccolta di informazioni, e al tempo stesso promuovere il Sostegno a Distanza rendendo visibili gli attori e offrendo, alle persone interessate e a coloro che si avvicinano per la prima volta al tema, un ampia gamma di opportunità per trovare riferimenti e attivare contatti, facilitando le adesioni ai progetti e stimolando nuove iniziative. La Guida ora pubblicata non è esaustiva ma comprende le schede che sono state restituite da 40 organizzazioni su 60 soggetti contattati. Occorre dire che non esiste ancora un censimento di questa realtà. Si è giunti all elenco composto da 60 soggetti attraverso queste fonti: - richiesta dati a tutti i 189 Comuni del territorio; - verifica registri pubblici; - ricerche su internet; - ricerche su stampa, pubblicazioni e materiale promozionale; - guide specializzate; - contatti già attivi con associazioni e ong del territorio. Si è quindi attivato il seguente percorso: alle organizzazioni individuate è stata inviata una comunicazione informativa e una scheda da compilare con i dati più significativi. Per poter essere inclusa nella guida, ogni organizzazione doveva rispondere a precisi criteri: - avere sede legale o operativa nel territorio della provincia di Milano; - condividere la Carta dei Principi del Sostegno a Distanza; - non essere solo un gruppo di appoggio di un organizzazione già inclusa; - garantire l operatività nel territorio e il rapporto diretto, effettivo, con i sottoscrittori. E stata richiesta la firma sulla scheda del legale rappresentante - che non compare nella pubblicazione - al fine dell assunzione di responsabilità di quanto dichiarato. Infatti non sono state effettuate verifiche dall Ente che non vuole porsi, in questo caso, come controllore quanto come promotore di un processo di autoregolamentazione delle stesse organizzazioni, sulla base della condivisione della Carta dei Principi e della trasparenza che si raggiunge con la pubblicazione delle informazioni. Per evitare di escludere chi non sia stato individuato in questo primo percorso, la Guida sarà aggiornata periodicamente e aperta a nuovi inserimenti. 14

16 ABBA - ASSOCIAZIONE PER L ADOZIONE A DISTANZA DELL INFANZIA ABBANDONATA indirizzo Via Marco Antonio Bragadino 2, Milano telefono/fax sito internet di sostegno Stefania Bianchi telefono forma giuridica Associazione di Volontariato/ONLUS data di costituzione 10/06/1993 paesi di intervento Albania (Elbasan, Bathore) Brasile (San Paolo, Santa Cruz do Rio Pardo, Goiania, Santarem) Cameroun (Bertoua, Djanganè, Yaoundé) Perù (Huari) Filippine (Manila, Calabanga) Pakistan (Okara) settori di intervento Settore solidarietà e cooperazione internazionale beneficiari del sostegno Bambini e ragazzi abbandonati, o in condizioni economiche particolarmente gravi, tali per cui non potrebbero frequentare alcuna scuola e avere un istruzione. Si tratta quindi di giovani in situazioni di disagio non solo economico ma anche sociale, psicologico, culturale, che vengono sostenuti ed aiutati all interno del proprio nucleo familiare. numero beneficiari 1044 Associazione di volontariato/onlus soci 273 fondi raccolti (dati 2006) euro ,43 volontari operativi: 11 Iscrizione al Registro Generale del Volontariato della Regione Lombardia. Sottoscrizione della Carta dei Principi dell adozione. Il cuore dell impegno di Abbà è di accompagnare i bambini e i ragazzi beneficiari a diventare adulti nel lavoro e nella società, fornendo loro gli strumenti educativi e formativi necessari. L associazione infatti si distingue per un preciso progetto educativo attuato attraverso un preciso programma di accompagnamento. L attività di Abbà si sviluppa in due ambiti: - in Italia, attraverso la sensibilizzazione dei singoli cittadini ai problemi dell infanzia nei Paesi del Terzo Mondo e alla diffusione della conoscenza dell associazione e dell adozione come modalità concreta ed efficace di solidarietà; - nei Paesi esteri in cui è presente con progetti di adozione e borse di studio universitarie personalizzate. Il beneficiario, e indirettamente tutto il nucleo famigliare, viene accompagnato in un processo di crescita e istruzione con l obiettivo di sviluppare quelle capacità che gli permetteranno di affrontare una vita da adulto autonomo e consapevole. Quote associative: Socio ordinario euro 330 Socio sostenitore euro 780 Socio benemerito oltre euro 780 Nella prospettiva di un impegno all accompagnamento educativo e formativo nei confronti di 15

17 un bambino in difficoltà, la durata dell impegno con l associazione dovrebbe essere di lungo periodo, ovvero tutto il tempo che serve per sostenere gli studi e le necessità del beneficiario, fino all inserimento nel mondo del lavoro. Per quanto riguarda le modalità di gestione delle attività, al partner viene chiesto di inviare al responsabile Abbà di riferimento: - ogni sei mesi l elenco aggiornato dei beneficiari corredato da informazioni sulla vita familiare e personale dei beneficiari e sui loro progressi scolastici; - annualmente una foto aggiornata del beneficiario, accompagnata da una lettera dello stesso per il donatore che lo sta aiutando; - annualmente una valutazione generale sulla realizzazione e sugli effetti del progetto educativo Abbà. Per quanto riguarda la gestione dei fondi inviati al partner viene chiesto di inviare ogni sei mesi una scheda di rendicontazione economica, a cui deve essere allegata una descrizione delle spese di gestione del progetto sostenute dal partner nel periodo. L associazione dà inoltre informazione puntuale sui contributi ricevuti attraverso la diffusione del bilancio associativo. La collaborazione con i partner locali si fonda quindi su un dialogo frequente e trasparente relativamente a tutti gli aspetti (educativi, sociali, economici, amministrativi) afferenti alla gestione del progetto educativo. Per assicurare che i progetti di sostegno vengano gestiti secondo le finalità associative, i responsabili di Abbà si recano inoltre periodicamente sul posto, per verificare l operato dei corrispondenti locali, conoscere le realtà sociali e familiari dei beneficiari e per fornire assistenza e formazione ai corrispondenti. Per la gestione dell attività, (prevalentemente le attività di raccolta fondi e di rapporto con beneficiari e sostenitori) le associazioni che si occupano di sostegno devono necessariamente trattenere una quota sui contributi ricevuti. Tale quota, in condizioni ottimali, si aggira in media intorno al 20% sul totale dei contributi ricevuti [per Abbà tale quota nel bilancio 2006 è stata del 18%]. Tutte le quote sono annuali e possono essere pagate anche a rate mensili. Il pagamento della quota associativa può venire effettuato tramite: - bonifico bancario presso Intesa-SanPaolo, Filiale 7, Corso Magenta 32, Milano; Coordinate BBAN: L ; - assegno intestato ad Abbà; - conto corrente postale n , intestato ad Abbà. Abbà è un Associazione di Volontariato/ONLUS e pertanto i Soci possono beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalla legge. 16

18 ACTIONAID INTERNATIONAL indirizzo Via Brogli 19/A, Milano sito internet di sostegno Roberta Capella telefono forma giuridica Ente Morale ONLUS Organizzazione Non Governativa data di costituzione 1989 paesi di intervento Attraverso l adozione, siamo attivi in 800 aree a livello internazionale, mentre i soli cittadini italiani sostengono il lavoro in 168 aree di sviluppo divise per 26 paesi: Africa (13): Etiopia, Gambia, Ghana, Kenya, Malawi, Mozambico, Nigeria, Ruanda, Senegal, Sierra Leone, Tanzania, Uganda, Zambia. America Latina (5): Bolivia, Brasile, Guatemala, Haiti, Repubblica Dominicana. Asia (8): Afghanistan, Bangladesh, Cambogia, Cina, India, Nepal, Pakistan, Vietnam. settori di intervento La strategia internazionale pone la difesa dei diritti umani al centro della lotta contro la povertà. Il lavoro si concentra in favore dei diritti delle donne, sul diritto all istruzione, al cibo nonché la lotta all HIV/AIDS. I programmi d intervento sul campo comprendono attività educative, sanitarie, agricole, di risparmio e di credito. Tra le priorità della strategia ci sono anche il diritto delle persone povere a un sistema democratico e a meccanismi decisionali (governance) che li coinvolgano in prima persona e il rinforzamento del lavoro in favore della sicurezza umana nei conflitti e nelle emergenze. Oltre ad interventi diretti si realizzano campagne di sensibilizzazione sia nel Sud che nel Nord del mondo. Infine, il nostro lavoro è anche rivolto alla formazione delle comunità locali, perché siano in grado di gestire in modo autonomo gli interventi una volta che l organizzazione lascia l area di intervento. beneficiari del sostegno numero beneficiari Il bambino, la sua famiglia e la comunità in cui vive. ActionAid opera affinché le comunità acquistino consapevolezza dei propri diritti e siano messe in grado di agire sulle cause della povertà attraverso interventi specifici di lungo periodo. Il nostro obiettivo non è solo fornire strutture, ma rendere autonome le comunità per agire sulle cause della povertà. Circa bambini sostenuti in 168 aree. Dato che l impatto del lavoro non è limitato ai singoli bambini, ma a tutta la comunità, è possibile stimare che i beneficiari dei progetti sostenuti dai cittadini italiani siano intorno ai 5 milioni di persone. ActionAid International è un organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della povertà e dell esclusione sociale. Da 35 anni siamo a fianco delle comunità del Sud del mondo per garantire loro migliori condizioni di vita e il rispetto dei diritti fondamentali. AAI è una coalizione unica sulla scena internazionale e ha la sua sede principale in Sud Africa, a Johannesburg e affiliati nazionali nel Nord e nel Sud del mondo. 17

19 L impegno di AAI parla di azione: globale e locale. Avviciniamo migliaia di persone, mobilitiamo energie, rafforziamo un movimento in grado di sconfiggere povertà e discriminazione. Sviluppiamo i progetti tenendo conto delle esigenze e priorità delle comunità locali. Rappresentiamo la loro voce presso i governi e le istituzioni per chiedere un cambiamento delle politiche sociali ed economiche, affinché siano rimosse le cause profonde della povertà. Modalità di gestione del Sostegno (durata, importo, spese di gestione, monitoraggio e valutazioni, informazioni, trasparenza, visite) Sostegno significa individuare un area di intervento specifica e pianificare, insieme alle famiglie coinvolte, un programma per affrontare a lungo termine le cause che determinano la condizione di povertà. Attraverso il sostegno l aiuto raggiunge il bambino, tutta la sua famiglia e la comunità in cui vive. Per sostenere un bambino bastano 25 euro al mese. Chi sostiene riceve ogni anno 2 messaggi dal bambino, 2 aggiornamenti dalla comunità, una relazione annuale sul lavoro svolto nella comunità, una nuova fotografia del bambino ogni 3 anni, 4 numeri della nostra rivista Legàmi con notizie sulle attività e aggiornamenti attraverso il nostro sito internet. Il nostro lavoro sul campo viene regolarmente monitorato e valutato sia in loco che dai nostri uffici internazionali e nazionali per garantire una corretta distribuzione dei fondi e una regolare gestione e svolgimento delle attività. L organizzazione si serve di un sistema di monitoraggio interno nominato ALPS (Accountability Learning Planning System). Si tratta di un Sistema di Responsabilità, Apprendimento e Pianificazione che delinea i requisiti, le linee guida e i processi fondamentali in tema di responsabilità, non soltanto in termini di processi organizzativi per la pianificazione, il monitoraggio, le strategie, l apprendimento, le revisioni e l audit, ma anche per le posizioni e i comportamenti individuali dello staff. (modalità di iscrizione, c/c bancario o postale, pagamento in contanti, scadenze...) La richiesta di informazioni/adesione può avvenire: - tramite telefono ( ); - collegandosi al sito - inviando un a comunicando i propri dati; - oppure mandando un fax ( ) comunicando i dati e l indirizzo completo. Dopo aver ricevuto i materiali, si può effettuare il versamento per rendere effettiva l adesione. Il contributo può essere versato tramite RID, bonifico bancario, conto corrente, bollettino postale. Scadenze: mensile, trimestrale o annuale. Per maggiori informazioni vedere il sito alla voce: come aiutarci-adozione -come aderire. 18

20 Ai.Bi. - ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI indirizzo Via per Melegnano 10, Mezzano di San Giuliano Milanese (MI) telefono/fax sito internet di sostegno Cristiano Campari telefono forma giuridica Ente Morale, Ente Autorizzato all Adozione Internazionale e Organizzazione Non Governativa data di costituzione 1986 paesi di intervento Italia, Albania, Bolivia: La Paz-Santa Cruz-Potosì, Cochabamba, Bosnia Erzegovina, Brasile: San Paolo-Belem-Belo Horizonte-Bonfim, Salvador do Bahia-Goias-Aracatuba, Bulgaria, Cambogia, Colombia, Ecuador, Kenya, Kosovo, Marocco, Moldavia, Mongolia, Nepal, Perù, Romania, Russia: Mosca-Novosibirsk-Vladimir, Sri Lanka, Ucraina. settori di intervento Accoglienza famigliare, settore educativo (corsi di formazione, sostegno scolastico, attività psicopedagogiche, attività di animazione e aggregazione), settore sociale (accompagnamento psicologico, attività di reinserimento sociale, sostegno famigliare), adozione internazionale. beneficiari del sostegno Bambini orfani o in stato di abbandono, ospitati in istituti o Case Famiglia. numero beneficiari A oggi circa 7000 sostegni L associazione Amici dei Bambini è un movimento di famiglie che dal 1986 opera in Italia e in 29 paesi nel mondo per l accoglienza dei bambini abbandonati. All estero è presente nell Europa dell Est, in America Latina, in Africa e in Asia. Mission dell Associazione è rispondere all emergenza abbandono e fare in modo che ogni bambino abbandonato possa vivere e crescere in una famiglia, per sentirsi veramente figlio. Amici dei Bambini è Ente Morale, Ente Autorizzato all Adozione Internazionale e Organizzazione Non Governativa. È stata la prima ONG italiana ad ottenere, nel 2001, la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001 per progetti di Cooperazione Internazionale. La certificazione è stata rinnovata negli anni successivi (a partire dal 2004 come UNI EN ISO 9001: 2000). Amici dei Bambini dal 2000 sottopone a certificazione volontaria da parte della società di revisione Reconta Ernst & Young il suo bilancio economico. Nel 2002 l associazione è stata premiata con l Oscar di Bilancio per la categoria Cooperazione allo sviluppo. Nel 2003 è stata tra i cinque finalisti dell Oscar assoluto del Non Profit. Nel 2005 ha vinto l Oscar di Bilancio Non Profit e il Premio speciale alla trasparenza e alla ricchezza dell informazione. È possibile aderire a un Sostegno Comunitario, rivolto agli istituti e alle strutture di accoglienza di un Paese, con un contributo mensile di 25 euro*. Per un Sostegno Personalizzato, invece, è possibile scegliere fra due tipologie di intervento: - con un impegno di 25 euro mensili si contribuisce al sostentamento di un bambino, coprendo ad esempio spese scolastiche, spese per cure mediche ed eventuale sostegno psicologico; - con un contributo di 50 euro mensili invece si accompagna il bambino nel suo progetto 19

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli