Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live convertibile 5%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live 2009-2014 convertibile 5%"

Transcript

1 Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live convertibile 5% Relazione del Rappresentante comune degli Obbligazionisti Signori Obbligazionisti, siete stati convocati in assemblea, per il giorno 21 giugno 2012, alle ore 18.00, presso il Centro Congressi Stelline, a Milano, Corso Magenta 61, in prima convocazione ed il giorno 22 giugno 2012, alle ore 10.00, stesso luogo, in seconda convocazione, per deliberare in merito al seguente ordine del giorno: Approvazione della proposta di Concordato Preventivo di Cape L.I.V.E. spa, ammessa alla procedura dal Tribunale di Milano in data 7/2/2012 come modificata a favore degli obbligazionisti con delibera consiliare del 15/5/2012 e portante rimborso anticipato del prestito Cape Live convertibile 5% : a) con l eventuale provvista derivante dall aumento di capitale della Società per euro ,80 proposto all assemblea convocata in data 20 giugno 2012 e destinato alla soddisfazione degli interessi degli obbligazionisti, b) per la parte di prestito obbligazionario non rimborsato, come alla precedente lettera a), la conversione forzosa dello stesso nel rapporto di conversione di n. 12 azioni ogni obbligazione. La presente relazione è redatta dal Rappresentante comune degli Obbligazionisti di propria iniziativa, pur in mancanza di una specifica previsione di legge o di regolamento che ne imponga la predisposizione, al fine di fornire agli Obbligazionisti alcuni elementi integrativi rispetto a quelli già resi noti dagli amministratori della società nell ambito delle relazioni illustrative dagli stessi pubblicate ai sensi della normativa vigente e, in particolare nelle relazioni illustrative (ai punti settimo e nono all ordine del giorno) del Consiglio di Amministrazione di Cape Live all assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti del 20 e 21 giugno 2012 redatte ai sensi e per gli effetti dell art.125-ter del D. Lgs. n. 58/1998, dell art. 2441, comma 6 c.c. e dell art. 72 del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni. 1. Sintetica descrizione della proposta di concordato preventivo Con decreto ai sensi dell art. 163 legge fallimentare in data 2/7 febbraio 2012, il Tribunale di Milano ha ammesso la società Cape Live alla procedura di concordato preventivo ai sensi e per gli effetti dell art.160 e ss. Legge fallimentare, nominando giudice delegato la Dott.ssa Francesca Maria Mammone, e tre Commissari giudiziali in persona del Dott. Lorenzo Buraggi, del Dott. Carlo Zito, e dell Avv. Marco Moro Visconti, sostituito con decreto del 9 febbraio dall Avv. Fabrizio Pellegrini. Il Consiglio di Amministrazione di Cape Live, nella propria relazione illustrativa all assemblea ordinaria e straordinaria, evidenzia che seppure il patrimonio della Società mostri ancora una buona tenuta (il patrimonio netto alla data del 30 settembre 2011 assomma ad euro ) la rigidità della struttura finanziaria, connessa alla natura specifica delle proprie attività e alla non 1

2 facile liquidabilità nel breve dei propri investimenti, ha fatto emergere una situazione di discrasia temporale tra fabbisogni finanziari ed entrate di cassa e ciò, in particolare, prospetticamente con riferimento al rimborso del debito obbligazionario scadente il luglio 2014 ed alla definizione del debito per garanzia di firma di GE Capital spa correlato ad un finanziamento erogato alla controllata CLT srl garantito anche dalla partecipazione, pari al 17,5%, di quest ultima in Trend Group spa e dalla medesima partecipazione in CLT. Attraverso il ricorso al concordato preventivo in continuità l obiettivo che il Consiglio di Amministrazione di Cape Live si pone con è quello di addivenire ad un rafforzamento finanziario e patrimoniale della Società per un rilancio dei suoi investimenti. La proposta di concordato preventivo è stata giudicata fattibile dall esperto nominato, Dott. Umberto Giudici, il quale ha altresì attestato la veridicità dei dati aziendali. La convocazione dei creditori avanti il giudice delegato è fissata, a seguito di rinvio della data indicata in decreto di ammissione, per il giorno 25 giugno 2012 alle ore 10,30. Il Piano, che si pone l obiettivo di creare le condizioni strutturali per la continuazione dell attività sociale e il mantenimento della quotazione, si fonda essenzialmente sulle seguenti principali direttrici: (i) la conversione del POC in capitale; (ii) la definizione del credito per garanzia di firma di GE Capital, entrambe da realizzarsi per il tramite della Proposta; (iii) la dismissione di alcuni asset e la prosecuzione degli investimenti nei fondi. Inoltre, il Piano prevede un aumento di capitale scindibile fino a 10 milioni di euro con diritto di opzione ai soci; tale aumento di capitale è giudicato dal Consiglio di amministrazione non essenziale, per il risanamento, ma importante per il rilancio delle attività di investimento. La Proposta di Concordato prevede quanto segue: a) prima classe senza diritto di voto: pagamento integrale dei creditori privilegiati, entro 30 giorni dalla omologa, senza interessi; b) seconda classe / obbligazionisti: conversione del prestito obbligazionario convertibile in capitale sociale, con rapporto di cambio di dodici (in precedenza sette 1 ) azioni ogni obbligazione detenuta, previa delibera di un aumento di capitale a ciò dedicato, ovvero -in caso di esercizio del diritto di opzione da parte degli attuali azionisti in relazione a tale aumento di capitale- rimborso anticipato del credito derivante dal prestito obbligazionario mediante utilizzo di quanto incassato dalla società a tale titolo, in proporzione alle obbligazioni da ciascun obbligazionista possedute, con corrispondente riduzione delle obbligazioni da convertire in capitale, e soddisfazione in denaro di eventuali sfridi di conversione; c) terza classe / creditore finanziario per garanzia di firma GE Capital: attribuzione della partecipazione detenuta in CLT (l oggetto della garanzia), con rinuncia da parte di Cape Live ad ogni azione di danno nei confronti di GE Capital in relazione alle circostanze che hanno 1 Il Consiglio di Amministrazione della Società in data 15/5/2012, con riferimento al tasso di cambio del prestito obbligazionario convertibile in capitale sociale, ha deliberato di modificare tale tasso in uno più favorevole per gli obbligazionisti, portando il rapporto a dodici azioni ogni obbligazione. Tale modifica del rapporto di cambio è stata giustificata dal Consiglio di amministrazione quale un maggior favore per i portatori del prestito obbligazionario convertibile, traendo come base di paragone il NAV contabile individuale per azione alla data del 31 dicembre 2011, rispetto a quello che potrebbe essere il NAV contabile individuale successivamente all omologa del concordato da parte del Tribunale competente. 2

3 determinato l acquisto della partecipazione Trend, con conseguente cessione dei diritti derivanti dall arbitrato in corso nei confronti di Giuseppe Bisazza e Finpi s.s.; d) quarta classe / tutti gli altri creditori chirografari: pagamento in dodici rate mensili a partire dal 1 gennaio 2013 del 90% dei loro crediti in linea capitale. Attualmente risultano sottoscritte numero obbligazioni per un valore nominale complessivo di euro ,80, a fronte delle quali è iscritto nel passivo della Società al 30 settembre 2011 un debito di euro =. E prevista la conversione integrale del POC, comprensivo di interessi maturandi sino alla naturale scadenza dello stesso (luglio 2014), in azioni Cape Live secondo il rapporto di cambio 12 azioni per ciascuna obbligazione previa delibera di un aumento di capitale a ciò dedicato. 2. Iniziative intraprese dal Rappresentante comune Nello svolgimento delle proprie funzioni, il sottoscritto Rappresentante comune ha intrattenuto costanti rapporti con l organo amministrativo della Società e con i Commissari Giudiziali, attraverso la partecipazione a riunioni e conference call, nonché attraverso scambi di corrispondenza; inoltre ha fornito le informazioni ed i chiarimenti richiestigli dai vari Obbligazionisti. Il Rappresentante Comune ha partecipato, come previsto dalla legge, alle assemblee che si sono svolte successivamente alla propria nomina del 22 aprile Con specifico riferimento alla Proposta di Concordato, il Rappresentante comune ha esaminato la documentazione messa a disposizione della Società e ha richiesto l intervento di un consulente che valutasse la convenienza economica della Proposta di Concordato per gli Obbligazionisti Valutazioni in merito alla convenienza economica della Proposta di Concordato La Società, su richiesta e indicazione del Rappresentante comune, ha incaricato il Prof. Giuliano Iannotta (l Advisor ) al fine di redigere un parere in merito alla convenienza economica, per gli Obbligazionisti, della Proposta di Concordato presentata dagli Amministratori della Società. L Advisor ha esaminato la documentazione messa a disposizione dalla Società, ivi inclusi la Proposta di Concordato e i seguenti documenti: - la domanda di concordato preventivo di Cape Live depositata al Tribunale di Milano il 7 dicembre 2011; - il business plan di Cape Live elaborato dallo studio La Croce; - il comunicato stampa di Cape Live del 15 maggio 2012 contenente: a) il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2012; b) la modifica del rapporto di cambio proposto agli Obbligazionisti. Al fine di valutare la convenienza della Proposta di Concordato l Advisor ha proceduto a un confronto tra i ritorni economici che potrebbero ragionevolmente attendersi in relazione a due distinti scenari: - da un lato, lo scenario del risanamento contenuto nella Proposta di Concordato e nel Piano; - dall altro lato, la prospettiva di realizzo per stralcio del patrimonio di Cape Live per effetto del fallimento della Società o, comunque, di altra procedura di tipo liquidatorio. 3

4 Nello svolgimento della proprie valutazioni l Advisor e il Rappresentante comune non hanno preso in considerazione eventuali ulteriori scenari, rispetto a quelli sopra indicati, in quanto gli Amministratori della Società hanno escluso l esistenza, allo stato attuale, di possibili alternative rispetto alla Proposta di Concordato e alla procedura di tipo liquidatorio. Sulla base di tali premesse, l Advisor ha proceduto a calcolare, sulla scorta di metodologie di valutazione di generale accettazione e attenendosi alle informazioni disponibili, il prevedibile valore degli strumenti finanziari che saranno assegnati all Obbligazionista e lo ha confrontato con il presumibile valore recuperabile dall Obbligazionista ad esito di un eventuale procedimento di liquidazione, che dipende dal valore di realizzo per stralcio delle attività di Cape Live. Si riassume, di seguito, il contenuto della relazione del Prof. Iannotta. L obiettivo esplicito del Piano di ristrutturazione è quello di definire un assetto patrimoniale sostanzialmente privo di debiti e, quindi, particolarmente appetibile per un investitore (Domanda di concordato, p. 3). Più in generale, la prosecuzione nella gestione degli investimenti garantisce una maggiore remunerazione dei creditori obbligazionisti convertiti che potranno liquidare sul mercato i titoli azionari ricevuti in concambio alle migliori condizioni possibili, scegliendo il momento più opportuno in cui realizzare la vendita (Domanda di concordato, p. 28). Al fine di valutare la convenienza economica per gli Obbligazionisti della proposta formulata da Cape Live, è possibile adottare due approcci diversi. a. Prezzo teorico di mercato Si determina il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in base al prezzo di mercato (teorico) delle azioni Cape Live aggiustato per tenere conto degli effetti della conversione delle obbligazioni. b. Patrimonio Netto Si determina il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in base al patrimonio netto di Cape Live. Il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti, comunque stimato, va poi confrontato con l importo del credito vantato, con l attuale valore di mercato delle obbligazioni e, soprattutto, con l importo che gli stessi Obbligazionisti potrebbero ragionevolmente ottenere nel caso in cui non aderissero alla proposta di concordato. Al fine della presente relazione, l ipotesi alternativa al concordato è quella della liquidazione di Cape Live nell ambito di una procedura fallimentare. Al di là della valutazione di convenienza economica, in caso di conversione gli Obbligazionisti riceverebbero azioni di nuova emissione che si sommerebbero alle di azioni già esistenti, per un totale di Gli Obbligazionisti convertiti controllerebbero quindi l 84,21% del capitale di Cape Live Prezzo teorico di mercato post-conversione Al pari dei classici aumenti di capitale, anche nel caso di conversione di obbligazioni in capitale proprio è possibile stimare il prezzo di mercato teorico delle azioni dopo la conversione. Si tratta di un prezzo teorico in quanto l effettivo prezzo di mercato sarà osservabile solo dopo la chiusura dell operazione e dipenderà, come ogni prezzo, dalle condizioni di domanda e offerta. Benché si tratti solo di una stima, il prezzo teorico di mercato costituisce un utile punto di riferimento sia per gli azionisti esistenti che per quelli nuovi (siano essi sottoscrittori di un classico aumento di capitale oppure obbligazionisti convertiti) 2. 2 Negli aumenti di capitale con diritto di opzione, il prezzo teorico di mercato post-aumento è talvolta indicato col termine TERP (Theoretical Ex-Rights Price). 4

5 Per comprendere la logica di calcolo del prezzo teorico post-conversione è opportuno interpretare la conversione delle obbligazioni come un aumento di capitale sottoscritto dagli Obbligazionisti, i cui proventi siano utilizzati per il rimborso del prestito obbligazionario. Il prezzo di mercato delle azioni dovrebbe (teoricamente) subire una modifica conseguente alla diminuzione dell indebitamento della società, che comporta a sua volta un aumento del valore di mercato della stessa. Per stimare l effetto sul prezzo di una singola azione è necessario però tenere conto dell emissione delle nuove azioni (a servizio della conversione), che aumenterà il numero di azioni complessivamente in circolazione. Si consideri il caso di Cape Live. Il prezzo medio delle azioni Cape Live da inizio maggio sino l annuncio della modifica del rapporto di cambio (15 maggio 2012) è pari a euro Poiché vi sono 51 ml di azioni quotate in circolazione, la capitalizzazione media di Cape Live è pari a euro Qualora gli Obbligazionisti decidessero di convertire il proprio credito in azioni, l effetto meccanico della riduzione del debito dovrebbe incrementare la capitalizzazione di Cape Live di un importo pari a quello del debito estinto. Tale importo è pari al valore nominale delle obbligazioni (euro ,80) a cui è necessario aggiungere il rateo di cedola maturata alla data della conversione (euro ,11) 3, per complessivi euro ,91. La capitalizzazione (teorica) di Cape Live dovrebbe dunque diventare pari a euro ,91. Come riportato sopra, il numero di azioni complessivamente in circolazione in caso di conversione è pari a Quindi, il prezzo teorico di una singola azione Cape Live dopo la conversione è pari a euro Il valore teorico delle azioni assegnate agli obbligazionisti è quindi pari a euro ,53 (ossia moltiplicato per o, in modo equivalente, 84,21% moltiplicato per ,91). In base a questi conteggi, gli Obbligazionisti otterrebbero azioni per un valore pari a circa il 93,48% del loro credito. E opportuno sottolineare due aspetti rilevanti: i) Liquidità Il valore teorico sopra riportato è un indicazione dell importo potenzialmente realizzabile in caso di conversione, ipotizzando un mercato perfettamente liquido, in cui ogni quantitativo di azioni può essere scambiato con impatto limitato o nullo sul prezzo. Nel caso in esame, se anche il prezzo effettivo post-conversione coincidesse con quello teorico, il numero di nuove azioni emesse a servizio della conversione è tale da non poter essere liquidato sul mercato in tempi brevi senza un impatto sul prezzo (che non è valutabile ex ante). ii) Trasferimento di valore agli azionisti La differenza tra l importo del credito e il valore teorico delle azioni assegnate agli Obbligazionisti (euro ,38) costituisce di fatto un trasferimento di valore dagli stessi Obbligazionisti agli attuali azionisti. Tale differenza coincide infatti con l incremento di valore del prezzo di una singola azione (0,091 0,057) moltiplicato per le azioni in circolazione prima della conversione ( ). Nelle ristrutturazioni finanziarie di questo tipo non è necessariamente anomalo che si verifichino trasferimenti di ricchezza agli azionisti pre-esistenti alla conversione. Ciò che importa, ai fini della valutazione di convenienza economica per gli Obbligazionisti, è il confronto tra il valore potenzialmente realizzabile con la conversione rispetto allo scenario alternativo alla 3 Il rateo di cedola è stato calcolato moltiplicando l importo della cedola (il 5% del valore nominale delle obbligazioni, euro ,24) per 341/366, ossia il rapporto tra i giorni di godimento dal 17 luglio 2011 (data dell ultimo stacco) al 22 giugno 2012 (data di eventuale conversione delle obbligazioni) e il numero complessivo di giorni tra il 17 luglio 2011 e il 17 luglio In linea di principio il rateo andrebbe attualizzato in quanto attraverso la conversione verrebbe liquidato con 25 giorni di anticipo rispetto alla naturale data di stacco. L effetto dell attualizzazione sarebbe peraltro marginale, sicché nei conteggi è stato utilizzato il rateo non attualizzato. 5

6 conversione Patrimonio netto Il prezzo di mercato offre di norma l indicazione migliore del valore intrinseco o fondamentale di un attività finanziaria o reale. Tuttavia, in particolari circostanze i prezzi di mercato possono deviare anche in misura consistente dal valore fondamentale (si pensi alle bolle speculative o alle situazioni di panico durante le crisi finanziarie). E però comunque utile valutare la convenienza economica per gli Obbligazionisti nell eventualità della conversione utilizzando un riferimento alternativo al prezzo di mercato. E possibile calcolare il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in caso di conversione utilizzando i valori di bilancio, sotto l ipotesi che questi siano una buona approssimazione del valore fondamentale delle attività di Cape Live. Al 31 marzo 2012, il patrimonio netto di Cape Live è pari a euro Tale importo non considera però il rateo della cedola in corso di maturazione. Il patrimonio netto rettificato per il rateo è pari a euro ,89. Per effetto dell eventuale conversione delle obbligazioni, il patrimonio netto salirebbe a ,80, ossia il credito degli Obbligazionisti (la somma del prestito obbligazionario e del rateo) più il patrimonio netto pre-conversione. Il valore fondamentale di un azione Cape Live sarebbe quindi pari a euro 0,093 (cioè il patrimonio netto post-conversione diviso per il numero complessivo di azioni in circolazione). Il valore fondamentale delle azioni assegnate agli Obbligazionisti sarebbe quindi pari a euro ,37, ossia il 94,70% del valore del credito. Perché gli obbligazionisti possano effettivamente realizzare tale valore è chiaramente necessario che il prezzo di mercato delle azioni si avvicini al livello fondamentale (ipotizzando, come detto, che i valori di bilancio siano una buona stima del valore fondamentale). Anche in questo caso, rimane comunque il problema di liquidità segnalato nella sezione precedente. Inoltre, come per il caso della valutazione in base al prezzo teorico di mercato, si verifica un trasferimento di ricchezza a favore degli azionisti pre-esistenti alla conversione pari alla differenza tra l importo del credito e il valore teorico delle azioni assegnate agli Obbligazionisti (euro ,55). Come sottolineato sopra, i trasferimenti di ricchezza a favore degli azionisti non costituiscono necessariamente un anomalia nelle ristrutturazioni finanziarie Valore delle obbligazioni in assenza di conversione Per poter valutare la convenienza economica delle conversione per gli Obbligazionisti è necessario un punto di riferimento, ossia un indicazione del valore che gli stessi potrebbero realizzare se decidessero di non convertire le proprie obbligazioni in capitale. Un primo punto di riferimento è rappresentato dal valore di mercato delle obbligazioni. Il prezzo medio da inizio maggio fino all annuncio della modifica del rapporto di cambio (15 maggio 2012) è pari a euro 0, Il valore di mercato delle obbligazioni (prima di ogni variazione indotta dalla modifica del rapporto di cambio proposto) è quindi pari a euro ,08 5. Tale valore è notevolmente inferiore a quello potenzialmente realizzabile attraverso la conversione, a prescindere dall approccio di valutazione adottato. Un secondo punto di riferimento è costituito dal valore che gli Obbligazionisti potrebbero 4 Si tratta della media aritmetica semplice del prezzi di chiusura giornalieri da inizio maggio 2012 sino a al 15 maggio 2012 (fonte: Bloomberg). 5 Utilizzando l ultimo prezzo disponibile al momento della valutazione dell'advisor (euro 0,357) il valore delle obbligazioni sarebbe pari a euro ,75. 6

7 ottenere nello scenario alternativo della liquidazione di Cape Live nell ambito di una procedura fallimentare. I tassi di recupero nell ambito delle procedure fallimentari dipendono da numerosi fattori (durata della procedura, tipologia di attività, congiuntura di mercato, etc.), per cui una stima analitica affidabile risulta particolarmente difficile. Un utile indicazione è tuttavia offerta dai tassi di recupero medi nell ambito delle procedure fallimentari. Uno studio della Banca d Italia 6 riporta che la durata media delle procedure fallimentari in Italia è pari a 6,8 anni con tassi di recupero medi pari al 27%. In base a questo valore, il valore atteso per gli Obbligazionisti in caso di procedura fallimentare sarebbe pari a euro ,32. Si tratta di un importo molto simile al valore di mercato delle obbligazioni e dunque significativamente inferiore al valore potenziale in caso di conversione Conclusioni relazione Prof. Iannotta La Tabella che segue riepiloga i risultati dei conteggi effettuati dall'advisor. Conversione? Criterio di valutazione Valore per gli Obbligazionisti (euro) Tasso di recupero Sì No Prezzo di mercato teorico ,53 93,48% Patrimonio netto ,37 94,70% Quotazione obbligazioni ,08 25,19% Valore atteso da fallimento ,32 27,00% Ad esito di tale processo valutativo, l Advisor ha espresso l opinione che il valore potenziale per gli Obbligazionisti (comunque stimato) non è immediatamente realizzabile. Tale valore, ancorché potenziale, è comunque significativamente superiore rispetto al valore di mercato delle obbligazioni e, soprattutto, rispetto al valore realizzabile nello scenario alternativo ipotizzato in queste note, ossia la liquidazione nell ambito della procedura fallimentare. Sulla base di questa ipotesi, ritengo che la proposta di conversione con un cambio di 12 azioni per ogni obbligazione sia economicamente conveniente per gli Obbligazionisti. 3. Informazioni fornite dai Commissari Giudiziali in merito alla procedura In adempimento agli obblighi previsti dall art.172 legge fallimentare, in data 15 giugno 2012 i Commissari giudiziali hanno depositato la propria Relazione al Concordato preventivo Cape Live. Di seguito vengono riportate le informazioni relativi agli Obbligazionisti (seconda classe). La fattibilità del piano di ristrutturazione finanziaria di Cape Live risulta di non particolare complessità dal punto di vista economico finanziario, in quanto il soddisfacimento dei crediti delle due classi di creditori chirografari (Obbligazionisti e GE Capital), che costituiscono la gran parte dell esposizione debitoria complessiva, è previsto in termini di prestazione in luogo dell adempimento, e quindi senza necessità da parte della società di pagamenti di cui si debba accertare la copertura finanziaria. La conversione in capitale sociale della società richiedente il concordato del prestito obbligazionario convertibile attualmente in essere si traduce in un estinzione anticipata del 6 Banca d'italia, Principali risultati della rilevazione sull'attività di recupero dei crediti, Bollettino Economico, dicembre

8 prestito medesimo alle condizioni indicate nella domanda di concordato e non in una modifica delle sue condizioni -che atterrebbe invece ad ipotesi di variazione di elementi anche significativi ma nel diverso contesto di un mantenimento del contratto di prestito obbligazionario-, e che quindi per la validità della deliberazione da assumersi da parte dell assemblea degli obbligazionisti convocata per il 21 / 22 giugno 2012 non è necessaria la maggioranza rinforzata stabilita dall art comma 3 cod.civ. per i casi di deliberazioni assembleari attinenti la modificazione delle condizioni del prestito. I Commissari precisano, inoltre, che si deve ritenere che l approvazione del concordato da parte dell assemblea degli Obbligazionisti ai sensi dell art.2415 comma 1 n.3 cod.civ. sia vincolante per tutti i detentori di obbligazioni della società richiedente il concordato, e non sia quindi applicabile alla fattispecie il principio di non preclusione di azioni individuali degli obbligazionisti stabilito dall art.2419 cod.civ.. Di conseguenza si deve ritenere che per l eventuale approvazione della domanda di concordato sia richiesta la maggioranza prevista dall art comma 1 n.3 cod.civ. - anche con riferimento alle disposizioni relative all assemblea straordinaria degli azionisti- nonché del conforme art.18 comma 3 del regolamento del prestito obbligazionario. I Commissari giudiziali, nella propria Relazione, prendono in esame le due alternative per gli Obbligazionisti: l attuale Proposta di concordato (con un rapporto di conversione di n.12 azioni a fronte di ogni obbligazione posseduta) e l ipotesi di una procedura di liquidazione fallimentare su richiesta della stessa Società. In particolare, per le diverse valutazioni di liquidazione fallimentare rinviano alla Relazione Prof. Alberto Dessy, esperto designato dal GD della Procedura di concordato. Per quanto riguarda l ipotesi della conversione, i Commissari giudiziali evidenziano i miglioramenti intervenuti a favore degli Obbligazionisti in conseguenza della modifica del rapporto di conversione da 7 a 12 deliberato dal Consiglio di amministrazione in data 28 maggio 2012 che comporterebbe un incremento della percentuale di partecipazione degli ex obbligazionisti al capitale sociale di Cape Live post conversione che passerebbe da 76% a 84%. Le azioni convertite presenterebbero i seguenti valori in riferimento al patrimonio netto modificato post conversione: proposta rettificata nuova proposta NAV per azione euro 0,15 euro 0,10 Valore teorico delle nuove azioni ex POC NAV per il numero delle azioni emesse a seguito della conversione di una obbligazione di nominale euro 1,12 euro 1,07 euro 1,19 I Commissari giudiziali rilevano che, nel diverso caso di liquidazione fallimentare dell impresa, si potrebbero in via meramente teorica, acquisire in favore dei creditori di massa gli ulteriori attivi derivanti da una estensione soggettiva dei convenuti in azione di responsabilità (di spettanza del curatore fallimentare ai sensi dell art bis cod.civ.), usufruire dei risparmi di spesa derivanti dagli effetti del mancato subentro nei contratti di investimento in corso ai sensi dell art. 72 e ss. Legge fallimentare, e ridurre le passività di un importo pari all ammontare della fidejussione rilasciata in favore di GE Capital, da ritenersi inefficace ai sensi e per gli effetti dell art. 64 legge fallimentare. Sempre secondo i Commissari, tenuto conto delle ipotesi di realizzo e delle altre circostanze di fatto e di diritto sopra delineate, la prospettiva fallimentare non sembrerebbe, di per sé, da scartare a priori dal punto di vista dell astratta possibilità di attribuire al ceto creditorio una 8

9 percentuale di riparto soddisfacente per via dei seguenti ordini di considerazioni: a. sulla base delle stime di realizzo delle partecipazioni ed altri investimenti finanziari determinate dall esperto designato Prof. Dessy, e tenuto conto delle ulteriori rettifiche operate dagli stessi Commissari, l attivo fondatamente realizzabile consentirebbe di attribuire ai creditori chirografari una percentuale compresa tra il 56% ed il 91%; b. in caso di fallimento, la garanzia fideiussoria concessa, senza alcun corrispettivo, a GE Capital, nel mese di gennaio 2011 sarebbe verosimilmente inefficace rispetto ai creditori ai sensi dell art.64 della legge fallimentare, liberando in tal modo il correlato fondo rischi di 5 milioni di Euro, iscritto da Cape Live al passivo del bilancio al 31 dicembre 2011; c. sempre in caso di fallimento, le spese di amministrazione/liquidazione della società sarebbero inferiori rispetto ai budget annui preventivati da Cape LIVE. In caso di fallimento, quindi, l ipotesi più favorevole di liquidazione prevedrebbe per gli obbligazionisti una percentuale di riparto non molto dissimile dal valore teorico delle nuove azioni offerte in conversione. I Commissari giudiziali evidenziano in sintesi che le due ipotesi, anche se apparentemente e numericamente presentano valori similari, differiscono significativamente sotto altri aspetti: - nel caso del fallimento : il rimborso del prestito potrebbe avvenire nell arco circa di tre anni, con possibilità di ottenere pagamenti in acconto per eventuali riparti parziali. Eventuali maggiori riparti fino a comprendere l intera soddisfazione del credito non improbabili dipenderebbero dall esito favorevole delle azioni risarcitorie che la società prima e la procedura dopo potrebbe e/o dovrebbe mettere in campo; - nel caso di approvazione del concordato - il mercato Borsistico: gli Obbligazionisti diverrebbero i maggiori azionisti della società con una percentuale di assoluto controllo 84%. I titoli offerti in conversione potrebbero essere da subito negoziati sul mercato. L immediata collocazione dei titoli potrebbe però essere influenzato sia dalle condizioni oggettive dell attuale momento economico e sia dalla capacità del mercato di riflettere da subito nelle quotazioni il valore teorico dell azione. Relativamente alla posizione degli obbligazionisti la tabella che segue riassume i principali valori nelle varie ipotesi, precisando i Commissari che il raffronto è presentato al solo fine sintetizzare quanto sopra illustrato tenendo ben presente che nel caso del concordato l obbligazionista avrà dei titoli azionari e nel caso del fallimento riceverà un pagamento: Prestito obbligazionario Importo nominale del prestito Quotazione attuale di mercato % Conversione prestito in azioni Patrimonio netto post conversione Valore teorico di mercato del prestito % (post conversione) (84%) Valore teorico di mercato del prestito nel % Ipotesi della liquidazione fallimentare Previsione - riparto minimo % Previsione - riparto massimo % 9

Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5%

Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5% Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5% Relazione del Rappresentante Comune degli Obbligazionisti Signori Obbligazionisti, siete stati

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI

SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PROSPETTO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 16.A EMISSIONE EUR 250 MILIONI SUBORDINATO LOWER TIER II A TASSO FISSO CON AMMORTAMENTO 2010-2017 CODICE ISIN:

Dettagli

Il nominativo del Sindaco Supplente, che ha ottenuto il maggior numero di voti, è stato proposto dal socio Gianfranco Mutti.

Il nominativo del Sindaco Supplente, che ha ottenuto il maggior numero di voti, è stato proposto dal socio Gianfranco Mutti. COMUNICATO STAMPA EEMS Italia S.p.A: Assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti. L Assemblea degli azionisti di EEMS Italia S.p.A. riunitasi oggi in sede ordinaria per l integrazione di un componente

Dettagli

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso).

La prima cedola (in pagamento l 1 giugno 2010) avrà durata dalla Data di Godimento (inclusa) all 1 giugno 2010 (escluso). REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO CONVERTENDO BPM 2009/2013-6,75% Articolo 1 - Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli Spett.le Roma, 10 agosto 2015 comunicazione via PEC/Raccomandata A.R. Rif.: Avviso ai creditori ex art. 171, II co., L.F. - Concordato preventivo n. 48/2014 - Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 147.420.075,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

Investor Relations Gianluca Nonnis Ph. +39 070 4601207 - ir@tiscali.com. Tiscali S.p.A. Sa Illetta 09122 Cagliari Italy. www.tiscali.

Investor Relations Gianluca Nonnis Ph. +39 070 4601207 - ir@tiscali.com. Tiscali S.p.A. Sa Illetta 09122 Cagliari Italy. www.tiscali. Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva l aumento del capitale sociale riservato a Société Générale ai sensi dell accordo SEF - Standby Equity Facility Cagliari, 16 febbraio 2015 Il Consiglio

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100. GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.389,26 Registro delle Imprese di Milano n. 81019220029 Iscritta al

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie

Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Regolamento del Prestito obbligazionario Banca Carige 1,50%, 2003 2013 subordinato ibrido con premio al rimborso convertibile in azioni ordinarie Art. 1. Importo, titoli e prezzo di emissione Il prestito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 3% 2012/2015 149em., ISIN IT0004845647 NELL

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di. Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di Obbligazioni Banca CRAS Credito Cooperativo Sovicille 02/03/2009 02/03/2019 Tasso Variabile 2^ emiss. ISIN IT000446691.5 Le presenti Condizioni

Dettagli

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento Sede sociale in Verona Via Forte Tomba, 8 Iscritta all Albo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI Società RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI RIFLESSI FISCALI sul SOGGETTO EMITTENTE di Emanuele Rossi QUADRO NORMATIVO Nel corso di aprile 2010 è stata diffusa da parte dell Organismo italiano di contabilità (Oic),

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 T.V. 109^ EMISSIONE

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016

BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 SCHEDA PRODOTTO RELATIVA AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO BANCA POPOLARE DI VICENZA 15.A EMISSIONE SUBORDINATO CONVERTIBILE EUR 328.878.663,00 2009-2016 CODICE ISIN: IT0004548258 DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Banco di Sardegna S.p.A. 2011-2013 Obbligazioni One Coupon 2 anni

Banco di Sardegna S.p.A. 2011-2013 Obbligazioni One Coupon 2 anni BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE SUBORDINATE LOWER TIER II BANCA delle MARCHE

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120 CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni Step Up MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE STEP UP Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 2,85% 2012/2014 146em., ISIN IT0004813561

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASALGRASSO E SANT ALBANO STURA SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso S.Albano

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO VARIABILE. CrediUmbria Tasso Variabile 56 Emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL PROGRAMMA CREDIUMBRIA OBBLIGAZIONI TASSO VARIABILE. CrediUmbria Tasso Variabile 56 Emissione Sede legale in Via Stradone, 49-06062 Moiano di Città della Pieve (Perugia) Iscritta all Albo degli Enti Creditizi al n. 5460 Iscritta all Albo delle Società Cooperative al n. A160233. Numero di iscrizione

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Rurale della Valle dei Laghi - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa Sede legale e amministrativa in Padergnone 38070 Via Nazionale 7 Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 18/12/2012 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 3 dell Allegato 3A del Regolamento adottato con Delibera

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 Step-Up ISIN IT0004753437 EMESSE

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

I Prestiti Obbligazionari

I Prestiti Obbligazionari I Prestiti Obbligazionari I PRESTITI OBBLIGAZIONARI I prestiti obbligazionari sono debiti di finanziamento tipici della s.p.a. che, con essi, si procura mezzi finanziari per sviluppare la propria attività

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l investitore

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 174.660.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta nell Albo delle Banche al n.

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Pubblicato in data 10/03/2015 Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche al n. 1332.6.0 Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

BPSA TASSO FISSO 22/04/2011 22/04/2014

BPSA TASSO FISSO 22/04/2011 22/04/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO FISSO BPSA TASSO FISSO 22/04/2011 22/04/2014 Codice ISIN IT0004715907 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA EURIBOR 3M 08/10

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

Signori Soci, * * * 1. ILLUSTRAZIONE DELL OPERAZIONE

Signori Soci, * * * 1. ILLUSTRAZIONE DELL OPERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SUL PUNTO 2) ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI CONVOCATA PER IL GIORNO 28 FEBBRAIO

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Saturnia Società Cooperativa Sede sociale Saturnia, Comune di Manciano (GR) Iscritta all Albo delle banche al n. 21. Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO VARIABILE CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 ISIN IT0004753445 EMESSE

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO SOLLECITAZIONE DI DELEGHE DI VOTO. PROMOTORE ed EMITTENTE: www.bancopopolare.it

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO SOLLECITAZIONE DI DELEGHE DI VOTO. PROMOTORE ed EMITTENTE: www.bancopopolare.it SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO SOLLECITAZIONE DI DELEGHE DI VOTO avente ad oggetto la richiesta di conferimento della rappresentanza per l esercizio del diritto di voto nell Assemblea dei portatori

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa con sede legale in Baselga di Piné (TN), via Cesare Battisti n. 17. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla

Dettagli

Premessa * * * Signori Azionisti,

Premessa * * * Signori Azionisti, Eurofly S.p.A. Sede legale in Milano, via Ettore Bugatti n. 15 Capitale Sociale Euro 11.084.271,92 Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 05763070017 Soggetta ad attività

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE DI STUDIO CRISI E RISANAMENTO DI IMPRESA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE DI STUDIO CRISI E RISANAMENTO DI IMPRESA CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE DI STUDIO CRISI E RISANAMENTO DI IMPRESA OSSERVAZIONI SUL CONTENUTO DELLE RELAZIONI DEL PROFESSIONISTA NELLA COMPOSIZIONE

Dettagli