Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live convertibile 5%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live 2009-2014 convertibile 5%"

Transcript

1 Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Cape Live convertibile 5% Relazione del Rappresentante comune degli Obbligazionisti Signori Obbligazionisti, siete stati convocati in assemblea, per il giorno 21 giugno 2012, alle ore 18.00, presso il Centro Congressi Stelline, a Milano, Corso Magenta 61, in prima convocazione ed il giorno 22 giugno 2012, alle ore 10.00, stesso luogo, in seconda convocazione, per deliberare in merito al seguente ordine del giorno: Approvazione della proposta di Concordato Preventivo di Cape L.I.V.E. spa, ammessa alla procedura dal Tribunale di Milano in data 7/2/2012 come modificata a favore degli obbligazionisti con delibera consiliare del 15/5/2012 e portante rimborso anticipato del prestito Cape Live convertibile 5% : a) con l eventuale provvista derivante dall aumento di capitale della Società per euro ,80 proposto all assemblea convocata in data 20 giugno 2012 e destinato alla soddisfazione degli interessi degli obbligazionisti, b) per la parte di prestito obbligazionario non rimborsato, come alla precedente lettera a), la conversione forzosa dello stesso nel rapporto di conversione di n. 12 azioni ogni obbligazione. La presente relazione è redatta dal Rappresentante comune degli Obbligazionisti di propria iniziativa, pur in mancanza di una specifica previsione di legge o di regolamento che ne imponga la predisposizione, al fine di fornire agli Obbligazionisti alcuni elementi integrativi rispetto a quelli già resi noti dagli amministratori della società nell ambito delle relazioni illustrative dagli stessi pubblicate ai sensi della normativa vigente e, in particolare nelle relazioni illustrative (ai punti settimo e nono all ordine del giorno) del Consiglio di Amministrazione di Cape Live all assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti del 20 e 21 giugno 2012 redatte ai sensi e per gli effetti dell art.125-ter del D. Lgs. n. 58/1998, dell art. 2441, comma 6 c.c. e dell art. 72 del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni. 1. Sintetica descrizione della proposta di concordato preventivo Con decreto ai sensi dell art. 163 legge fallimentare in data 2/7 febbraio 2012, il Tribunale di Milano ha ammesso la società Cape Live alla procedura di concordato preventivo ai sensi e per gli effetti dell art.160 e ss. Legge fallimentare, nominando giudice delegato la Dott.ssa Francesca Maria Mammone, e tre Commissari giudiziali in persona del Dott. Lorenzo Buraggi, del Dott. Carlo Zito, e dell Avv. Marco Moro Visconti, sostituito con decreto del 9 febbraio dall Avv. Fabrizio Pellegrini. Il Consiglio di Amministrazione di Cape Live, nella propria relazione illustrativa all assemblea ordinaria e straordinaria, evidenzia che seppure il patrimonio della Società mostri ancora una buona tenuta (il patrimonio netto alla data del 30 settembre 2011 assomma ad euro ) la rigidità della struttura finanziaria, connessa alla natura specifica delle proprie attività e alla non 1

2 facile liquidabilità nel breve dei propri investimenti, ha fatto emergere una situazione di discrasia temporale tra fabbisogni finanziari ed entrate di cassa e ciò, in particolare, prospetticamente con riferimento al rimborso del debito obbligazionario scadente il luglio 2014 ed alla definizione del debito per garanzia di firma di GE Capital spa correlato ad un finanziamento erogato alla controllata CLT srl garantito anche dalla partecipazione, pari al 17,5%, di quest ultima in Trend Group spa e dalla medesima partecipazione in CLT. Attraverso il ricorso al concordato preventivo in continuità l obiettivo che il Consiglio di Amministrazione di Cape Live si pone con è quello di addivenire ad un rafforzamento finanziario e patrimoniale della Società per un rilancio dei suoi investimenti. La proposta di concordato preventivo è stata giudicata fattibile dall esperto nominato, Dott. Umberto Giudici, il quale ha altresì attestato la veridicità dei dati aziendali. La convocazione dei creditori avanti il giudice delegato è fissata, a seguito di rinvio della data indicata in decreto di ammissione, per il giorno 25 giugno 2012 alle ore 10,30. Il Piano, che si pone l obiettivo di creare le condizioni strutturali per la continuazione dell attività sociale e il mantenimento della quotazione, si fonda essenzialmente sulle seguenti principali direttrici: (i) la conversione del POC in capitale; (ii) la definizione del credito per garanzia di firma di GE Capital, entrambe da realizzarsi per il tramite della Proposta; (iii) la dismissione di alcuni asset e la prosecuzione degli investimenti nei fondi. Inoltre, il Piano prevede un aumento di capitale scindibile fino a 10 milioni di euro con diritto di opzione ai soci; tale aumento di capitale è giudicato dal Consiglio di amministrazione non essenziale, per il risanamento, ma importante per il rilancio delle attività di investimento. La Proposta di Concordato prevede quanto segue: a) prima classe senza diritto di voto: pagamento integrale dei creditori privilegiati, entro 30 giorni dalla omologa, senza interessi; b) seconda classe / obbligazionisti: conversione del prestito obbligazionario convertibile in capitale sociale, con rapporto di cambio di dodici (in precedenza sette 1 ) azioni ogni obbligazione detenuta, previa delibera di un aumento di capitale a ciò dedicato, ovvero -in caso di esercizio del diritto di opzione da parte degli attuali azionisti in relazione a tale aumento di capitale- rimborso anticipato del credito derivante dal prestito obbligazionario mediante utilizzo di quanto incassato dalla società a tale titolo, in proporzione alle obbligazioni da ciascun obbligazionista possedute, con corrispondente riduzione delle obbligazioni da convertire in capitale, e soddisfazione in denaro di eventuali sfridi di conversione; c) terza classe / creditore finanziario per garanzia di firma GE Capital: attribuzione della partecipazione detenuta in CLT (l oggetto della garanzia), con rinuncia da parte di Cape Live ad ogni azione di danno nei confronti di GE Capital in relazione alle circostanze che hanno 1 Il Consiglio di Amministrazione della Società in data 15/5/2012, con riferimento al tasso di cambio del prestito obbligazionario convertibile in capitale sociale, ha deliberato di modificare tale tasso in uno più favorevole per gli obbligazionisti, portando il rapporto a dodici azioni ogni obbligazione. Tale modifica del rapporto di cambio è stata giustificata dal Consiglio di amministrazione quale un maggior favore per i portatori del prestito obbligazionario convertibile, traendo come base di paragone il NAV contabile individuale per azione alla data del 31 dicembre 2011, rispetto a quello che potrebbe essere il NAV contabile individuale successivamente all omologa del concordato da parte del Tribunale competente. 2

3 determinato l acquisto della partecipazione Trend, con conseguente cessione dei diritti derivanti dall arbitrato in corso nei confronti di Giuseppe Bisazza e Finpi s.s.; d) quarta classe / tutti gli altri creditori chirografari: pagamento in dodici rate mensili a partire dal 1 gennaio 2013 del 90% dei loro crediti in linea capitale. Attualmente risultano sottoscritte numero obbligazioni per un valore nominale complessivo di euro ,80, a fronte delle quali è iscritto nel passivo della Società al 30 settembre 2011 un debito di euro =. E prevista la conversione integrale del POC, comprensivo di interessi maturandi sino alla naturale scadenza dello stesso (luglio 2014), in azioni Cape Live secondo il rapporto di cambio 12 azioni per ciascuna obbligazione previa delibera di un aumento di capitale a ciò dedicato. 2. Iniziative intraprese dal Rappresentante comune Nello svolgimento delle proprie funzioni, il sottoscritto Rappresentante comune ha intrattenuto costanti rapporti con l organo amministrativo della Società e con i Commissari Giudiziali, attraverso la partecipazione a riunioni e conference call, nonché attraverso scambi di corrispondenza; inoltre ha fornito le informazioni ed i chiarimenti richiestigli dai vari Obbligazionisti. Il Rappresentante Comune ha partecipato, come previsto dalla legge, alle assemblee che si sono svolte successivamente alla propria nomina del 22 aprile Con specifico riferimento alla Proposta di Concordato, il Rappresentante comune ha esaminato la documentazione messa a disposizione della Società e ha richiesto l intervento di un consulente che valutasse la convenienza economica della Proposta di Concordato per gli Obbligazionisti Valutazioni in merito alla convenienza economica della Proposta di Concordato La Società, su richiesta e indicazione del Rappresentante comune, ha incaricato il Prof. Giuliano Iannotta (l Advisor ) al fine di redigere un parere in merito alla convenienza economica, per gli Obbligazionisti, della Proposta di Concordato presentata dagli Amministratori della Società. L Advisor ha esaminato la documentazione messa a disposizione dalla Società, ivi inclusi la Proposta di Concordato e i seguenti documenti: - la domanda di concordato preventivo di Cape Live depositata al Tribunale di Milano il 7 dicembre 2011; - il business plan di Cape Live elaborato dallo studio La Croce; - il comunicato stampa di Cape Live del 15 maggio 2012 contenente: a) il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2012; b) la modifica del rapporto di cambio proposto agli Obbligazionisti. Al fine di valutare la convenienza della Proposta di Concordato l Advisor ha proceduto a un confronto tra i ritorni economici che potrebbero ragionevolmente attendersi in relazione a due distinti scenari: - da un lato, lo scenario del risanamento contenuto nella Proposta di Concordato e nel Piano; - dall altro lato, la prospettiva di realizzo per stralcio del patrimonio di Cape Live per effetto del fallimento della Società o, comunque, di altra procedura di tipo liquidatorio. 3

4 Nello svolgimento della proprie valutazioni l Advisor e il Rappresentante comune non hanno preso in considerazione eventuali ulteriori scenari, rispetto a quelli sopra indicati, in quanto gli Amministratori della Società hanno escluso l esistenza, allo stato attuale, di possibili alternative rispetto alla Proposta di Concordato e alla procedura di tipo liquidatorio. Sulla base di tali premesse, l Advisor ha proceduto a calcolare, sulla scorta di metodologie di valutazione di generale accettazione e attenendosi alle informazioni disponibili, il prevedibile valore degli strumenti finanziari che saranno assegnati all Obbligazionista e lo ha confrontato con il presumibile valore recuperabile dall Obbligazionista ad esito di un eventuale procedimento di liquidazione, che dipende dal valore di realizzo per stralcio delle attività di Cape Live. Si riassume, di seguito, il contenuto della relazione del Prof. Iannotta. L obiettivo esplicito del Piano di ristrutturazione è quello di definire un assetto patrimoniale sostanzialmente privo di debiti e, quindi, particolarmente appetibile per un investitore (Domanda di concordato, p. 3). Più in generale, la prosecuzione nella gestione degli investimenti garantisce una maggiore remunerazione dei creditori obbligazionisti convertiti che potranno liquidare sul mercato i titoli azionari ricevuti in concambio alle migliori condizioni possibili, scegliendo il momento più opportuno in cui realizzare la vendita (Domanda di concordato, p. 28). Al fine di valutare la convenienza economica per gli Obbligazionisti della proposta formulata da Cape Live, è possibile adottare due approcci diversi. a. Prezzo teorico di mercato Si determina il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in base al prezzo di mercato (teorico) delle azioni Cape Live aggiustato per tenere conto degli effetti della conversione delle obbligazioni. b. Patrimonio Netto Si determina il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in base al patrimonio netto di Cape Live. Il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti, comunque stimato, va poi confrontato con l importo del credito vantato, con l attuale valore di mercato delle obbligazioni e, soprattutto, con l importo che gli stessi Obbligazionisti potrebbero ragionevolmente ottenere nel caso in cui non aderissero alla proposta di concordato. Al fine della presente relazione, l ipotesi alternativa al concordato è quella della liquidazione di Cape Live nell ambito di una procedura fallimentare. Al di là della valutazione di convenienza economica, in caso di conversione gli Obbligazionisti riceverebbero azioni di nuova emissione che si sommerebbero alle di azioni già esistenti, per un totale di Gli Obbligazionisti convertiti controllerebbero quindi l 84,21% del capitale di Cape Live Prezzo teorico di mercato post-conversione Al pari dei classici aumenti di capitale, anche nel caso di conversione di obbligazioni in capitale proprio è possibile stimare il prezzo di mercato teorico delle azioni dopo la conversione. Si tratta di un prezzo teorico in quanto l effettivo prezzo di mercato sarà osservabile solo dopo la chiusura dell operazione e dipenderà, come ogni prezzo, dalle condizioni di domanda e offerta. Benché si tratti solo di una stima, il prezzo teorico di mercato costituisce un utile punto di riferimento sia per gli azionisti esistenti che per quelli nuovi (siano essi sottoscrittori di un classico aumento di capitale oppure obbligazionisti convertiti) 2. 2 Negli aumenti di capitale con diritto di opzione, il prezzo teorico di mercato post-aumento è talvolta indicato col termine TERP (Theoretical Ex-Rights Price). 4

5 Per comprendere la logica di calcolo del prezzo teorico post-conversione è opportuno interpretare la conversione delle obbligazioni come un aumento di capitale sottoscritto dagli Obbligazionisti, i cui proventi siano utilizzati per il rimborso del prestito obbligazionario. Il prezzo di mercato delle azioni dovrebbe (teoricamente) subire una modifica conseguente alla diminuzione dell indebitamento della società, che comporta a sua volta un aumento del valore di mercato della stessa. Per stimare l effetto sul prezzo di una singola azione è necessario però tenere conto dell emissione delle nuove azioni (a servizio della conversione), che aumenterà il numero di azioni complessivamente in circolazione. Si consideri il caso di Cape Live. Il prezzo medio delle azioni Cape Live da inizio maggio sino l annuncio della modifica del rapporto di cambio (15 maggio 2012) è pari a euro Poiché vi sono 51 ml di azioni quotate in circolazione, la capitalizzazione media di Cape Live è pari a euro Qualora gli Obbligazionisti decidessero di convertire il proprio credito in azioni, l effetto meccanico della riduzione del debito dovrebbe incrementare la capitalizzazione di Cape Live di un importo pari a quello del debito estinto. Tale importo è pari al valore nominale delle obbligazioni (euro ,80) a cui è necessario aggiungere il rateo di cedola maturata alla data della conversione (euro ,11) 3, per complessivi euro ,91. La capitalizzazione (teorica) di Cape Live dovrebbe dunque diventare pari a euro ,91. Come riportato sopra, il numero di azioni complessivamente in circolazione in caso di conversione è pari a Quindi, il prezzo teorico di una singola azione Cape Live dopo la conversione è pari a euro Il valore teorico delle azioni assegnate agli obbligazionisti è quindi pari a euro ,53 (ossia moltiplicato per o, in modo equivalente, 84,21% moltiplicato per ,91). In base a questi conteggi, gli Obbligazionisti otterrebbero azioni per un valore pari a circa il 93,48% del loro credito. E opportuno sottolineare due aspetti rilevanti: i) Liquidità Il valore teorico sopra riportato è un indicazione dell importo potenzialmente realizzabile in caso di conversione, ipotizzando un mercato perfettamente liquido, in cui ogni quantitativo di azioni può essere scambiato con impatto limitato o nullo sul prezzo. Nel caso in esame, se anche il prezzo effettivo post-conversione coincidesse con quello teorico, il numero di nuove azioni emesse a servizio della conversione è tale da non poter essere liquidato sul mercato in tempi brevi senza un impatto sul prezzo (che non è valutabile ex ante). ii) Trasferimento di valore agli azionisti La differenza tra l importo del credito e il valore teorico delle azioni assegnate agli Obbligazionisti (euro ,38) costituisce di fatto un trasferimento di valore dagli stessi Obbligazionisti agli attuali azionisti. Tale differenza coincide infatti con l incremento di valore del prezzo di una singola azione (0,091 0,057) moltiplicato per le azioni in circolazione prima della conversione ( ). Nelle ristrutturazioni finanziarie di questo tipo non è necessariamente anomalo che si verifichino trasferimenti di ricchezza agli azionisti pre-esistenti alla conversione. Ciò che importa, ai fini della valutazione di convenienza economica per gli Obbligazionisti, è il confronto tra il valore potenzialmente realizzabile con la conversione rispetto allo scenario alternativo alla 3 Il rateo di cedola è stato calcolato moltiplicando l importo della cedola (il 5% del valore nominale delle obbligazioni, euro ,24) per 341/366, ossia il rapporto tra i giorni di godimento dal 17 luglio 2011 (data dell ultimo stacco) al 22 giugno 2012 (data di eventuale conversione delle obbligazioni) e il numero complessivo di giorni tra il 17 luglio 2011 e il 17 luglio In linea di principio il rateo andrebbe attualizzato in quanto attraverso la conversione verrebbe liquidato con 25 giorni di anticipo rispetto alla naturale data di stacco. L effetto dell attualizzazione sarebbe peraltro marginale, sicché nei conteggi è stato utilizzato il rateo non attualizzato. 5

6 conversione Patrimonio netto Il prezzo di mercato offre di norma l indicazione migliore del valore intrinseco o fondamentale di un attività finanziaria o reale. Tuttavia, in particolari circostanze i prezzi di mercato possono deviare anche in misura consistente dal valore fondamentale (si pensi alle bolle speculative o alle situazioni di panico durante le crisi finanziarie). E però comunque utile valutare la convenienza economica per gli Obbligazionisti nell eventualità della conversione utilizzando un riferimento alternativo al prezzo di mercato. E possibile calcolare il valore delle azioni assegnate agli Obbligazionisti in caso di conversione utilizzando i valori di bilancio, sotto l ipotesi che questi siano una buona approssimazione del valore fondamentale delle attività di Cape Live. Al 31 marzo 2012, il patrimonio netto di Cape Live è pari a euro Tale importo non considera però il rateo della cedola in corso di maturazione. Il patrimonio netto rettificato per il rateo è pari a euro ,89. Per effetto dell eventuale conversione delle obbligazioni, il patrimonio netto salirebbe a ,80, ossia il credito degli Obbligazionisti (la somma del prestito obbligazionario e del rateo) più il patrimonio netto pre-conversione. Il valore fondamentale di un azione Cape Live sarebbe quindi pari a euro 0,093 (cioè il patrimonio netto post-conversione diviso per il numero complessivo di azioni in circolazione). Il valore fondamentale delle azioni assegnate agli Obbligazionisti sarebbe quindi pari a euro ,37, ossia il 94,70% del valore del credito. Perché gli obbligazionisti possano effettivamente realizzare tale valore è chiaramente necessario che il prezzo di mercato delle azioni si avvicini al livello fondamentale (ipotizzando, come detto, che i valori di bilancio siano una buona stima del valore fondamentale). Anche in questo caso, rimane comunque il problema di liquidità segnalato nella sezione precedente. Inoltre, come per il caso della valutazione in base al prezzo teorico di mercato, si verifica un trasferimento di ricchezza a favore degli azionisti pre-esistenti alla conversione pari alla differenza tra l importo del credito e il valore teorico delle azioni assegnate agli Obbligazionisti (euro ,55). Come sottolineato sopra, i trasferimenti di ricchezza a favore degli azionisti non costituiscono necessariamente un anomalia nelle ristrutturazioni finanziarie Valore delle obbligazioni in assenza di conversione Per poter valutare la convenienza economica delle conversione per gli Obbligazionisti è necessario un punto di riferimento, ossia un indicazione del valore che gli stessi potrebbero realizzare se decidessero di non convertire le proprie obbligazioni in capitale. Un primo punto di riferimento è rappresentato dal valore di mercato delle obbligazioni. Il prezzo medio da inizio maggio fino all annuncio della modifica del rapporto di cambio (15 maggio 2012) è pari a euro 0, Il valore di mercato delle obbligazioni (prima di ogni variazione indotta dalla modifica del rapporto di cambio proposto) è quindi pari a euro ,08 5. Tale valore è notevolmente inferiore a quello potenzialmente realizzabile attraverso la conversione, a prescindere dall approccio di valutazione adottato. Un secondo punto di riferimento è costituito dal valore che gli Obbligazionisti potrebbero 4 Si tratta della media aritmetica semplice del prezzi di chiusura giornalieri da inizio maggio 2012 sino a al 15 maggio 2012 (fonte: Bloomberg). 5 Utilizzando l ultimo prezzo disponibile al momento della valutazione dell'advisor (euro 0,357) il valore delle obbligazioni sarebbe pari a euro ,75. 6

7 ottenere nello scenario alternativo della liquidazione di Cape Live nell ambito di una procedura fallimentare. I tassi di recupero nell ambito delle procedure fallimentari dipendono da numerosi fattori (durata della procedura, tipologia di attività, congiuntura di mercato, etc.), per cui una stima analitica affidabile risulta particolarmente difficile. Un utile indicazione è tuttavia offerta dai tassi di recupero medi nell ambito delle procedure fallimentari. Uno studio della Banca d Italia 6 riporta che la durata media delle procedure fallimentari in Italia è pari a 6,8 anni con tassi di recupero medi pari al 27%. In base a questo valore, il valore atteso per gli Obbligazionisti in caso di procedura fallimentare sarebbe pari a euro ,32. Si tratta di un importo molto simile al valore di mercato delle obbligazioni e dunque significativamente inferiore al valore potenziale in caso di conversione Conclusioni relazione Prof. Iannotta La Tabella che segue riepiloga i risultati dei conteggi effettuati dall'advisor. Conversione? Criterio di valutazione Valore per gli Obbligazionisti (euro) Tasso di recupero Sì No Prezzo di mercato teorico ,53 93,48% Patrimonio netto ,37 94,70% Quotazione obbligazioni ,08 25,19% Valore atteso da fallimento ,32 27,00% Ad esito di tale processo valutativo, l Advisor ha espresso l opinione che il valore potenziale per gli Obbligazionisti (comunque stimato) non è immediatamente realizzabile. Tale valore, ancorché potenziale, è comunque significativamente superiore rispetto al valore di mercato delle obbligazioni e, soprattutto, rispetto al valore realizzabile nello scenario alternativo ipotizzato in queste note, ossia la liquidazione nell ambito della procedura fallimentare. Sulla base di questa ipotesi, ritengo che la proposta di conversione con un cambio di 12 azioni per ogni obbligazione sia economicamente conveniente per gli Obbligazionisti. 3. Informazioni fornite dai Commissari Giudiziali in merito alla procedura In adempimento agli obblighi previsti dall art.172 legge fallimentare, in data 15 giugno 2012 i Commissari giudiziali hanno depositato la propria Relazione al Concordato preventivo Cape Live. Di seguito vengono riportate le informazioni relativi agli Obbligazionisti (seconda classe). La fattibilità del piano di ristrutturazione finanziaria di Cape Live risulta di non particolare complessità dal punto di vista economico finanziario, in quanto il soddisfacimento dei crediti delle due classi di creditori chirografari (Obbligazionisti e GE Capital), che costituiscono la gran parte dell esposizione debitoria complessiva, è previsto in termini di prestazione in luogo dell adempimento, e quindi senza necessità da parte della società di pagamenti di cui si debba accertare la copertura finanziaria. La conversione in capitale sociale della società richiedente il concordato del prestito obbligazionario convertibile attualmente in essere si traduce in un estinzione anticipata del 6 Banca d'italia, Principali risultati della rilevazione sull'attività di recupero dei crediti, Bollettino Economico, dicembre

8 prestito medesimo alle condizioni indicate nella domanda di concordato e non in una modifica delle sue condizioni -che atterrebbe invece ad ipotesi di variazione di elementi anche significativi ma nel diverso contesto di un mantenimento del contratto di prestito obbligazionario-, e che quindi per la validità della deliberazione da assumersi da parte dell assemblea degli obbligazionisti convocata per il 21 / 22 giugno 2012 non è necessaria la maggioranza rinforzata stabilita dall art comma 3 cod.civ. per i casi di deliberazioni assembleari attinenti la modificazione delle condizioni del prestito. I Commissari precisano, inoltre, che si deve ritenere che l approvazione del concordato da parte dell assemblea degli Obbligazionisti ai sensi dell art.2415 comma 1 n.3 cod.civ. sia vincolante per tutti i detentori di obbligazioni della società richiedente il concordato, e non sia quindi applicabile alla fattispecie il principio di non preclusione di azioni individuali degli obbligazionisti stabilito dall art.2419 cod.civ.. Di conseguenza si deve ritenere che per l eventuale approvazione della domanda di concordato sia richiesta la maggioranza prevista dall art comma 1 n.3 cod.civ. - anche con riferimento alle disposizioni relative all assemblea straordinaria degli azionisti- nonché del conforme art.18 comma 3 del regolamento del prestito obbligazionario. I Commissari giudiziali, nella propria Relazione, prendono in esame le due alternative per gli Obbligazionisti: l attuale Proposta di concordato (con un rapporto di conversione di n.12 azioni a fronte di ogni obbligazione posseduta) e l ipotesi di una procedura di liquidazione fallimentare su richiesta della stessa Società. In particolare, per le diverse valutazioni di liquidazione fallimentare rinviano alla Relazione Prof. Alberto Dessy, esperto designato dal GD della Procedura di concordato. Per quanto riguarda l ipotesi della conversione, i Commissari giudiziali evidenziano i miglioramenti intervenuti a favore degli Obbligazionisti in conseguenza della modifica del rapporto di conversione da 7 a 12 deliberato dal Consiglio di amministrazione in data 28 maggio 2012 che comporterebbe un incremento della percentuale di partecipazione degli ex obbligazionisti al capitale sociale di Cape Live post conversione che passerebbe da 76% a 84%. Le azioni convertite presenterebbero i seguenti valori in riferimento al patrimonio netto modificato post conversione: proposta rettificata nuova proposta NAV per azione euro 0,15 euro 0,10 Valore teorico delle nuove azioni ex POC NAV per il numero delle azioni emesse a seguito della conversione di una obbligazione di nominale euro 1,12 euro 1,07 euro 1,19 I Commissari giudiziali rilevano che, nel diverso caso di liquidazione fallimentare dell impresa, si potrebbero in via meramente teorica, acquisire in favore dei creditori di massa gli ulteriori attivi derivanti da una estensione soggettiva dei convenuti in azione di responsabilità (di spettanza del curatore fallimentare ai sensi dell art bis cod.civ.), usufruire dei risparmi di spesa derivanti dagli effetti del mancato subentro nei contratti di investimento in corso ai sensi dell art. 72 e ss. Legge fallimentare, e ridurre le passività di un importo pari all ammontare della fidejussione rilasciata in favore di GE Capital, da ritenersi inefficace ai sensi e per gli effetti dell art. 64 legge fallimentare. Sempre secondo i Commissari, tenuto conto delle ipotesi di realizzo e delle altre circostanze di fatto e di diritto sopra delineate, la prospettiva fallimentare non sembrerebbe, di per sé, da scartare a priori dal punto di vista dell astratta possibilità di attribuire al ceto creditorio una 8

9 percentuale di riparto soddisfacente per via dei seguenti ordini di considerazioni: a. sulla base delle stime di realizzo delle partecipazioni ed altri investimenti finanziari determinate dall esperto designato Prof. Dessy, e tenuto conto delle ulteriori rettifiche operate dagli stessi Commissari, l attivo fondatamente realizzabile consentirebbe di attribuire ai creditori chirografari una percentuale compresa tra il 56% ed il 91%; b. in caso di fallimento, la garanzia fideiussoria concessa, senza alcun corrispettivo, a GE Capital, nel mese di gennaio 2011 sarebbe verosimilmente inefficace rispetto ai creditori ai sensi dell art.64 della legge fallimentare, liberando in tal modo il correlato fondo rischi di 5 milioni di Euro, iscritto da Cape Live al passivo del bilancio al 31 dicembre 2011; c. sempre in caso di fallimento, le spese di amministrazione/liquidazione della società sarebbero inferiori rispetto ai budget annui preventivati da Cape LIVE. In caso di fallimento, quindi, l ipotesi più favorevole di liquidazione prevedrebbe per gli obbligazionisti una percentuale di riparto non molto dissimile dal valore teorico delle nuove azioni offerte in conversione. I Commissari giudiziali evidenziano in sintesi che le due ipotesi, anche se apparentemente e numericamente presentano valori similari, differiscono significativamente sotto altri aspetti: - nel caso del fallimento : il rimborso del prestito potrebbe avvenire nell arco circa di tre anni, con possibilità di ottenere pagamenti in acconto per eventuali riparti parziali. Eventuali maggiori riparti fino a comprendere l intera soddisfazione del credito non improbabili dipenderebbero dall esito favorevole delle azioni risarcitorie che la società prima e la procedura dopo potrebbe e/o dovrebbe mettere in campo; - nel caso di approvazione del concordato - il mercato Borsistico: gli Obbligazionisti diverrebbero i maggiori azionisti della società con una percentuale di assoluto controllo 84%. I titoli offerti in conversione potrebbero essere da subito negoziati sul mercato. L immediata collocazione dei titoli potrebbe però essere influenzato sia dalle condizioni oggettive dell attuale momento economico e sia dalla capacità del mercato di riflettere da subito nelle quotazioni il valore teorico dell azione. Relativamente alla posizione degli obbligazionisti la tabella che segue riassume i principali valori nelle varie ipotesi, precisando i Commissari che il raffronto è presentato al solo fine sintetizzare quanto sopra illustrato tenendo ben presente che nel caso del concordato l obbligazionista avrà dei titoli azionari e nel caso del fallimento riceverà un pagamento: Prestito obbligazionario Importo nominale del prestito Quotazione attuale di mercato % Conversione prestito in azioni Patrimonio netto post conversione Valore teorico di mercato del prestito % (post conversione) (84%) Valore teorico di mercato del prestito nel % Ipotesi della liquidazione fallimentare Previsione - riparto minimo % Previsione - riparto massimo % 9

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli