FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI*"

Transcript

1 FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI* BAMBINI PER ADOZIONI ILLEGALI La vendita di bambini è definita come qualsiasi atto o transazione che comporta il trasferimento di un bambino [ ] dietro compenso o qualsiasi altro vantaggio. Perché si configuri invece il reato di tratta il reclutamento ed il trasporto dei minori deve avvenire tramite l impiego o la minaccia della forza o altre forme di coercizione, di abuso di potere o di posizione di vulnerabilità. Le forme di violazione delle norme sulle adozioni internazionali più praticate sono: i falsi certificati di nascita rilasciati con il cognome dei genitori adottivi, lo spostamento di madri in gravidanza nei paesi di residenza dei genitori adottivi e l acquisto di bambini negli orfanotrofi o su cataloghi pubblicati su internet. Le pratiche illegali possono essere messe in atto dai soggetti più svariati: organizzazioni criminali, intermediari corrotti, persino coppie pronte a compiere abusi o ad ignorarli pur di assicurarsi un bambino. In almeno un terzo dei casi di adozioni illegali il neonato viene registrato alla nascita direttamente con il cognome dei genitori che se lo sono comprato, denunciandolo come nato dalla mamma dichiarante il falso o registrando un caso di paternità fuori del matrimonio da madre che non vuole essere registrata. In alcuni paesi e presso i consolati di troppi paesi ricchi bastano due testimoni (sic!) per registrare una paternità risultante da relazione extra-matrimoniale con rischio molto basso di essere interrogati, investigati o perseguiti per falsa dichiarazione di paternità nel paese di origine. Non sono mancati casi di falsa certificazione del DNA a dimostrazione dell asserita paternità. In Cina il prezzo attuale di un bambino è di 3000 dollari e le autorità dichiarano la scomparsa tra e minori all anno che andrebbero a finire in orfanotrofi che facilitano le adozioni illegali; in Guatemala il prezzo di un adozione illegale varia da 1000 a dollari, i casi investigati di adozioni illegali dalla Romania hanno rilevato prezzi tra i e i dollari per bambino, e l Unicef stima che in Svizzera tra il 30% e il 90% delle adozioni non seguono canali legali. La stima del valore totale delle adozioni illegali e acquisto similare di bambini è di 1.3 miliardi di dollari l anno. BAMBINI LAVORATORI Secondo l ILO, 352 milioni di bambini di età 5-17 anni partecipano in qualche forma di lavoro in attività illecite ed illegali. Di questi bambini 171 milioni lavorano in condizioni pericolose per la salute e la maggior parte hanno meno di 15 anni. 5,7 milioni di bambini risultano coinvolti in attività lavorative forzate o imposte loro per l estinzione di un debito; 1,8 milioni di bambini lavorano nel giro della prostituzione e della pornografia. Tra le forme peggiori di lavoro infantile ci sono i bambini incollati sui cammelli come fantini nelle corse, i bambini usati per trasportare droga in sacchetti nel loro stomaco o in altre cavità del corpo, i bambini usati * Fonti: oltre a quelle citate nel testo le principali fonti di questi dati sono I recenti rapporti dell UNICEF ed il libro di Sandro Calvani, Saccheggio Mondiale, Edizioni Effatà, 2011.

2 per fabbricare droghe, i bambini usati nella pesca, nella produzioni di pelli e giocattoli dove sono in costante contatto con prodotti chimici tossici. BAMBINI MENDICANTI Tra i fenomeni più diffusi della violenza grave sui minori nei paesi poveri si registrano i fenomeni di mendicità urbana organizzata dai rackets criminali, comprese le situazioni estreme di malformazioni e menomazioni indotte o peggiorate per aumentare l invalidità evidente dei minori che chiedono l elemosina. Tra i casi più aberranti di criminalità spietata sono stati registrati, sia in India che in alcuni paesi africani, cecità indotte nei bambini perforando o bruciando gli occhi e l induzione di mani deformi grazie al blocco della circolazione linfatica. BAMBINI MOLESTATI Secondo l Istituto di ricerca e prevenzione delle molestie su minori degli Stati Uniti, in tutto il mondo in media almeno due ragazze su dieci e un ragazzo su dieci sono vittime di abusi sessuali entro la fine del loro tredicesimo anno. 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati sottoposti nel 2010 a rapporti sessuali forzati o ad altre forme di violenza che includono il contatto fisico molesto. Reati di pedofilia si sono verificati in tutti i luoghi dove sono presenti bambini: famiglie (nel qual caso potrebbe trattarsi di incesto), centri religiosi (seminari, oratori), scuole d infanzia, associazioni giovanili. La tipologia di reati è ampia. Alcuni crimini non richiedono nemmeno il contatto fisico col bambino, ad esempio l esibizionismo, o la riproduzione di materiale pedopornografico. La diffusione dei reati di pedofilia è molto elevata. Il 10-30% circa dei bambini subisce molestie sessuali entro i 18 anni. L attrazione del pedofilo può essere rivolta sia verso i bambini sia verso le bambine, anche se queste ultime sono le vittime più frequenti (88%). Secondo i dati raccolti in Italia da Telefono Azzurro e pubblicati nel rapporto nazionale sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza, quasi il 60% degli abusi su minori avviene in famiglia. Nel panorama internazionale emerge che in Belgio, Francia e in Inghilterra i minorenni vittime di abuso sessuale sono molto più numerosi, ma ciò che preoccupa in Italia è la quantità di abusi che rimane sommersa: è probabile, infatti, che diverse situazioni non arrivino mai alla denuncia. L FBI stima che lavorino nella prostituzione infantile negli Stati Uniti, tra e minori. La polizia inglese stima che a livello globale almeno 1,8 milioni di bambini l anno siano vittime di pedofilia attraverso prostituzione infantile, turismo sessuale e pedopornografia con un giro di denaro di 16 miliardi di sterline all anno, cioè circa 24 miliardi di dollari. BAMBINI POVERI In tutto il mondo centinaia di milioni di bambini vivono in situazioni di povertà cronica che si manifesta non solo con la mancanza di cibo, ma anche con l accesso insufficiente ad acqua potabile, servizi igienico-sanitari e istruzione primaria. Secondo i dati più recenti dell Unicef il numero di bambini poverissimi è superiore ad un miliardo. Secondo il Centro nazionale per l infanzia e la povertà degli Stati Uniti il 39% dei bambini americani vivono in famiglie a basso reddito, sotto gli standard di povertà. Quali sono le dimensioni principali della povertà globale? - Il 94% del reddito mondiale va alla popolazione di reddito medio-alto, cioè al 40%

3 della popolazione mondiale, mentre il restante 60% più povero vive solo con il 6% del reddito mondiale. - 4 miliardi di persone vivono nel mondo in via di sviluppo, un terzo di essi sono bambini. - 1,2 miliardi di persone vivono con meno di un dollaro al giorno. - Altri 2 miliardi di persone vivono con meno di due dollari al giorno milioni di persone soffrono la fame milioni di persone muoiono di fame ogni anno. - Il 20% dei bambini del mondo riceve un insufficiente apporto di calorie o di proteine milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate alla povertà, pari al 33% delle morti in tutto il mondo. - Il 16% della popolazione del pianeta vive senza accesso all acqua potabile. - Il 34% non ha accesso a servizi igienicosanitari. - Il 16% vive in alloggi inadeguati. - Il 14% vive senza servizi sanitari di qualsiasi natura. - Oltre 110 milioni di bambini non vanno a scuola. BAMBINI ORFANI Delle decine di milioni di bambini orfani, almeno 9.5 sono rimasti senza famiglia e vivono negli orfanotrofi. Di essi una gran parte sono in Romania e in Russia, negli orfanotrofi ve ne sono oltre 4 milioni. In Nepal si stima che il 60% dei bambini negli orfanotrofi non sono realmente orfani. Una forte crescita di orfani viene provocata dai disastri naturali, dalle grandi pandemie e dalle guerre, che sono le tre cause principali dell enorme aumento di orfani in orfanotrofi in Africa. L abbandono dei minori è spesso legalizzato in vari paesi e comunque non perseguito come reato. Il maltrattamento dei minori negli orfanotrofi è sempre riconosciuto come crimine, ma molto in basso nella lista delle priorità di prevenzione ed indagine delle forze dell ordine. La cattiva gestione o peggio la gestione corrotta degli orfanotrofi in alcuni paesi è una causa scatenante del fenomeno delle adozioni illegali e delle adozioni a distanza fraudolente. BAMBINI SENZA LIBERTÀ Più di 8 milioni di bambini in tutto il mondo sono ospitati in istituti d accoglienza: alcuni perché privi di genitori, ma la maggior parte perché disabili, oppure per via dello scioglimento della famiglia, di situazioni di violenza domestica o delle gravi condizioni sociali ed economiche. I bambini rinchiusi nei centri di detenzione sono sottoposti a violenze commesse dal personale stesso degli istituti, violenze utilizzate sia come forma di controllo attraverso la paura sia come punizione. In almeno 77 paesi, le punizioni corporali e altre punizioni violente sono accettate negli istituti penali come misure disciplinari legali. In un numero minore di paesi le punizioni corporali sono ammesse anche nelle scuole. BAMBINI SOLDATO Human Rights Watch ha stimato che il totale globale di bambini soldato è tra e E non sono solo pre-adolescenti, visto che vi sono bambini che combattono già tra i 5 e i 7 anni. Secondo la coalizione Stop all uso dei bambini soldato, il problema è più critico in Africa, dove vi sono fino a bambini, alcuni di appena nove anni, coinvolti in conflitti armati. 2 milioni di bambini sono stati uccisi nelle guerre degli ultimi 20 anni. I bambini rapiti e addestrati per diventare soldati sono esposti, anche dopo la fine delle ostilità, a gravi conseguenze di carat-

4 tere sanitario, psicologico e sociale. Molti di loro riportano ferite anche gravi o mutilazioni; contraggono malattie come l Hiv/AIDS; spesso sono denutriti. Le atrocità che hanno commesso o di cui sono stati spettatori continuano a perseguitarli anche per lungo tempo dopo la fine della guerra, con incubi e un costante senso di ansia e di panico. Anche se smobilitati e incoraggiati a reinserirsi nella società, il percorso di reinserimento è molto difficile per via dello stigma morale di cui sono oggetto, e perché l unica realtà che hanno conosciuto e che è stata loro insegnata è quella della violenza: ciò rende per i bambini soldato estremamente difficoltosa l accettazione dei nuovi standard morali e di comportamento di una società civile in stato di pace. Le ragazze, soprattutto, dopo essere state nell esercito, non vengono accettate come spose e non viene loro permesso di lavorare, sono così condannate a una vita di elemosina o di prostituzione. Oltre un miliardo di bambini vivono in 42 paesi colpiti, tra il 2002 e oggi, da violenti conflitti. Ma l impatto dei conflitti armati sui bambini è difficile da stimare a causa della mancanza di informazioni affidabili e aggiornate; oltre bambini sono stati smobilitati e reintegrati dal 1998 ad oggi. Degli oltre bambini che prendono parte ai combattimenti in 35 paesi, ben sono in azione solo nel continente africano. È a disposizione un elenco dei Paesi in conflitto che utilizzano i bambini soldato, redatto dalle Nazioni Unite. L elenco è stato aggiornato nel 2006 ed attualmente comprende: Afghanistan, Burundi, Chad, Colombia, Costa d Avorio, Iraq, Liberia, Myanmar, Nepal, Filippine, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sri Lanka, Sudan e Uganda. Anche se sono stati compiuti progressi in alcuni Paesi, come in Liberia e in Sierra Leone, in alcuni aree di crisi, come in Sudan (Darfur), Chad, Afghanistan, Iraq e Sri Lanka ad esempio, la situazione ha continuato a peggiorare. BAMBINI SPOSI Ancora oggi in grandi e moderni paesi asiatici, del Medio Oriente e dell Africa è possibile, a volte perfino doveroso, ascoltare una chiacchierata tra amici e amiche a cena che si consultano sull opportunità - secondo tradizione - di scegliere una futura sposa per il figlio maschio ormai quindicenne, o di consultarlo magari tra qualche anno prima di prendere una decisione definitiva. Negli stessi gruppi di persone che rispettano le buone tradizioni non vi sono invece dubbi sull opportunità di assegnare una figlia in sposa fin da piccola, a questo o quel buon partito senza chiedere l opinione della ragazza, un attenuante che sarebbe comunque ben poca cosa rispetto alla gravità dell abuso sfacciato dei diritti umani della ragazza. La decisione dell assegnazione può essere presa anche parecchio prima di un eventuale matrimonio e dunque quando la bambina è ancora molto piccola, non raramente solo per evitare l imbarazzo di dover rifiutare un offerta di un altro clan quando la ragazza arriva alla pubertà e si sa che non è ancora stata promessa. Tali comportamenti ed attitudini collettive fanno sì che tutti si aspettano che tutti gli appartenenti a quel gruppo culturale si comportino di conseguenza. I membri sono anche disposti a fare pressioni perché nessuno sgarri dalla regola e i maschi, di tutte le fasce d età, sono disposti ad usare la violenza con gravi punizioni corporali, compresi acidi buttati in faccia ad una ragazza, una coltellata o un colpo di pistola, per cancellare il disonore percepito di una disobbedienza circa un matrimonio combinato e una

5 sposa bambina pagata ma non consegnata allo sposo. Altri matrimoni forzati di bambine sono poco meno indecenti del sequestro prolungato a scopo di lavoro in stato di schiavitù e di abuso sessuale. Si tratta infatti di uomini adulti o anziani che si prendono delle bambine in sposa, con il solo scopo di ottenere servizi gratuiti di colf e di natura sessuale. Il contesto familiare e di conoscenze che convince le ragazze a subire la pessima sorte sono in primis i familiari della ragazza stessa (che in pratica l hanno venduta come fosse una mucca); poi la famiglia dello sposo e tutto il sistema di quartiere o di villaggio di imposizione della volontà del più forte. Tali pressioni psicologiche familiari o ambientali ottengono il risultato sperato perché alle ragazze viene negata qualunque forma di educazione di base e diventano quasi tutte succubi del sistema violentemente maschilista. Ad esse viene anche impedito di consultare sorelle più grandi o amiche. Pertanto che la legge punisca o no tali comportanti diventa irrilevante dato che comunque gli abusi non vengono denunciati. Ma nascosti o no, denunciati o no, sono sempre gravissimi crimini contro i diritti dei bambini. 9,06% per i ragazzi) e nei bambini tra 0 e 4 anni (1,99 per le bambine e 2,06 tra i bambini). La violenza, anche quella estrema, è molto presente nella mente dei bambini anche nei paesi ricchi: in media un giovane europeo di 16 anni ha visto in TV durante la sua vita omicidi, la maggior parte con armi da fuoco. Gli abusi possono essere fisici, come nel caso delle percosse o dei maltrattamenti, oppure psicologici come alcuni episodi di incuria, o di abbandono per negligenza o per cause di forza maggiore, ad esempio in situazioni di infermità grave. Il bambino viene abbandonato a se stesso e non vengono garantite le cure di base necessarie al suo armonioso sviluppo psicofisico. Si individuano casi di trascuratezza in aspetti generali della vita o casi più specifici, come può essere l assenza di igiene personale, fino a episodi più gravi in cui il bambino non viene nemmeno nutrito; e ancora maltrattamenti emotivi, come ad esempio far sentire il bambino non voluto o privo di valore a livello affettivo. BAMBINI VITTIME DI VIOLENZA FISICA O PSICOLOGICA I bambini sono vittime di violenza in ogni forma, inclusi omicidio, stupro, rapina e aggressione semplice e aggravata in misura simile alla violenza contro gli adulti. Ma il tasso di omicidi di bambini nei paesi a basso reddito è più del doppio di quello registrato nei paesi ad alto reddito (ad es. 2,58% contro 1,21% su una popolazione di persone). I tassi più alti di omicidio si rilevano durante l adolescenza - in particolar modo tra i ragazzi - in un età compresa tra i 15 e 17 anni (3,28% per le ragazze e

6 Secondo dati Eurispes, il 46% delle violenze a carico di minorenni avviene sui bambini che non hanno ancora compiuto 14 anni. Di queste, il 33% sono abusi fisici, il 21,8% sono casi di trascuratezza e incuria, il 19,8% abusi psicologici. Nei paesi ricchi tra il 20 e il 65% dei bambini in età scolare dichiarano d esser stati vittime di atti fisici o verbali di bullismo. Tra l 80 al 98% dei bambini soffre di punizioni fisiche all interno del nucleo familiare; di questi, un terzo o più subisce punizioni fisiche aggravate dall utilizzo di attrezzi come cinghie o bastoni. Su scala mondiale l UNICEF stima che ogni anno tra i 133 e i 275 milioni di bambini assistano a violenze all interno del nucleo familiare. La violenza tra conviventi accresce il rischio delle violenze in famiglia sui bambini, come dimostrato da studi provenienti da Cina, Colombia, Egitto, Messico, Filippine e Sud Africa. Studi del genere mostrano la correlazione sempre più stretta tra violenza contro le donne e violenza contro i bambini, riscontrando che la violenza domestica raddoppia il rischio di violenza contro i bambini. MORTALITÀ INFANTILE Il numero di bambini che perdono la vita prima dei 5 anni di età è sceso da oltre 12 milioni nel 1990 a 7,6 milioni nel Quasi bambini sotto i cinque anni sono morti ogni giorno nel 2010, circa di meno rispetto al Dal 1990 il tasso globale di mortalità sotto i cinque anni è sceso del 35%, da 88 morti ogni nati vivi nel 1990 a 57 nel America Latina e Caraibi, Asia orientale e Pacifico e Europa centrale e orientale, paesi dell Ex Unione Sovietica hanno ridotto la loro mortalità infantile sotto i cinque anni il tasso di mortalità del 50% o più. Il tasso di declino della mortalità sotto i cinque anni ha accelerato dall 1,9% all anno nel al 2,5 % tra il 2000 e il 2010, ma resta insufficiente per raggiungere l Obbiettivo di Sviluppo del Millennio numero 4 in particolare nell Africa sub-sahariana e in Asia meridionale. I tassi più elevati di mortalità infantile sono ancora in Africa sub-sahariana, dove un bambino ogni 8 muore prima dei 5 anni, più di 20 volte la media dei paesi industrializzati (1 ogni 167) e il doppio dell Asia meridionale (1 ogni 15). Mentre i tassi di mortalità sotto i 5 anni sono scesi quasi ovunque nel mondo, la disparità tra le due regioni più colpite e il resto del mondo è cresciuta. Le morti di bambini sono sempre più concentrate in Africa sub-sahariana e in Asia meridionale, mentre la quota del resto del mondo è scesa dal 33% nel 1990 al 20% nel Ma in Africa sub-sahariana vi sono anche paesi dove il tasso medio annuo di riduzione della mortalità infantile è raddoppiato dal periodo al dei 14 migliori risultati di riduzione accelerata sono paesi dell Africa sub-sahariana, così come 4 dei 5 paesi con le maggiori riduzioni in assoluto (più di 100 morti in meno ogni nati vivi). Circa la metà dei decessi sotto i 5 anni in tutto il mondo si verificano in soli cinque paesi: India, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Pakistan e Cina. India (22%) e Nigeria (11%) insieme rappresentano un terzo di tutte le morti sotto i 5 anni a livello globale. Oltre il 70 % delle morti di bambini sotto i 5 anni si verifica entro il primo anno di vita. La percentuale di decessi sotto i 5 anni che si verificano entro il primo mese di vita è aumentata di circa il 10 % dal 1990 raggiungendo oggi più del 40 % di tutti i decessi sotto i 5 anni di vita.

7 Quasi il 30 % delle morti neonatali avvengono in India. L Africa sub-sahariana ha il più alto rischio di morte nel primo mese di vita e ha mostrato il progresso più basso al mondo. A livello globale, le quattro principali cause di morte dei bambini sotto i 5 anni sono la polmonite (18%), le malattie diarroiche (15%), complicazioni di nascite premature (12%) e asfissia neonatale (9%). La denutrizione causa più di un terzo delle morti sotto i 5 anni. La malaria è ancora un killer nell Africa sub-sahariana dove provoca circa il 16% delle morti sotto i 5 anni. Le autorità di diversi paesi hanno denunciato ed investigato diversi casi di bambini trovati morti, a seguito del prelievo di organi umani essenziali alla vita, destinati al traffico illegale di organi. MUTILAZIONI GENITALI Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il numero di ragazze che hanno subito mutilazioni genitali femminili è tra i 100 e i 140 milioni, e ogni anno la vulnerabilità aumenta di altri 2 milioni. Nell Africa Sub- Sahariana, in Egitto e in Sudan ogni anno 3 milioni di donne e bambine sono sottoposte alla mutilazione o taglio dei genitali femminili. PORNOGRAFIA INFANTILE Un indagine su internet da parte delle autorità americane ha potuto scoprire in tutto il mondo almeno siti pedopornografici online, un numero che è in crescita. Secondo il Centro Nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati degli Stati Uniti l 83% di questi siti aveva materiale pornografico che ha coinvolto bambini tra i 6 ei 12 anni; il 39% aveva materiale che coinvolge i bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, e il 19% aveva immagini di neonati o bambini sotto i 3 anni. TRAFFICO DI BAMBINI Ogni anno circa 1,5 milioni di bambini sono vittime del traffico di tutto il mondo. Circa persone trafficate entrano negli Stati Uniti ogni anno, per lo più donne e bambini. Grazie alla tolleranza dei governi e all indifferenza della maggior parte della gente, oggi nel mondo vengono trafficate persone, soprattutto donne e bambini da 127 paesi da sfruttare in 137 paesi. Almeno nuove persone vengono vendute negli Stati Uniti ogni anno e circa in tutto il mondo. In ogni giorno dell anno (2010) le persone che sono sottoposte a sfruttamento sessuale a seguito del traffico in stato di schiavitù sono 2.5 milioni, almeno un terzo sono bambini. I profitti ottenuti ogni anno dallo sfruttamento a livello globale delle persone sono 31,7 miliardi di dollari. Il costo per l economia globale per il finanziamento della coercizione dei lavoratori sfruttati, escludendo le vittime del lavoro forzato del commercio del sesso, è di circa 21 miliardi di dollari. Il prezzo di un minore da vendere per il racket della mendicità, per le case chiuse, per il lavoro schiavizzato in fabbriche tessili o di giocattoli, per il servizio in casa, varia molto da un paese all altro. Il prezzo minimo registrato è di 100 Euro e quello massimo di 4500 Euro. Il prezzo di un rapporto sessuale multiplo con un minore in alcuni paesi è inferiore al costo di una pizza nelle pizzerie di quegli stessi paesi; il prezzo di un rapporto sessuale con una ragazza di 18 anni di proprietà di una banda criminale inizia dal valore di due caffè e nei locali di lusso arriva fino al prezzo di una bottiglia di vino. In certi paesi ai bambini non va nulla di quanto guadagnano, alle giovani adulte va circa l un per cento di quanto guadagnano fino ad una soglia massima di 300 euro all anno.

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LA VIOLENZA DOMESTICA

LA VIOLENZA DOMESTICA INNOCENTI DIGEST No.6 - Giugno 2000 LA VIOLENZA DOMESTICA CONTRO LE DONNE E LE BAMBINE IL QUADRO DELLA SITUAZIONE LA PORTATA DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA LE CAUSE DELLA VIOLENZA DOMESTICA CONSEGUENZE

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

with out FAME E SPRECHI:

with out FAME E SPRECHI: with out FAME E SPRECHI: Il Paradosso della Scarsità nell Abbondanza Rapporto a cura di Daniela Bonardo Hanno collaborato: Elena Avenati, Chiara Damen, Giusy De Loiro, Marco Guadagnino, Save the Children

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI

LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI LA TORTURA OGGI: 30 ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradanti. (Dichiarazione universale dei diritti umani,

Dettagli

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana SINTESI Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana Il nuovo secolo si è aperto con una dichiarazione di solidarietà e una determinazione senza precedenti

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità L Italia, con legge n 18 del 3 marzo 2009 (pubblicata

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ

L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ INNOCENTI DIGEST n.10 - Novembre 2002 L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ ED ESCLUSIONE SOCIALE Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia Centro di Ricerca Innocenti Firenze, Italia L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

CHE COS E LO STALKING?

CHE COS E LO STALKING? CHE COS E LO STALKING? Con il termine stalking si intende un insieme di comportamenti tramite i quali una persona affligge un altra con intrusioni e comunicazioni ripetute e indesiderate, a tal punto da

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Vademecum per le forze di polizia a cura del Gruppo Tecnico previsto dal Protocollo d'intesa tra Ministero dell'interno

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 Convenzione 29 CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale)

n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) La Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul) n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Serie dei Trattati del Consiglio d Europa N 210 Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Istanbul, 11 maggio

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007)

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità * (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) 1 Il lungo cammino dei diritti delle persone con disabilità * L adozione per approvazione,

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli