FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI*"

Transcript

1 FATTI, NUMERI E LUOGHI DEI DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI* BAMBINI PER ADOZIONI ILLEGALI La vendita di bambini è definita come qualsiasi atto o transazione che comporta il trasferimento di un bambino [ ] dietro compenso o qualsiasi altro vantaggio. Perché si configuri invece il reato di tratta il reclutamento ed il trasporto dei minori deve avvenire tramite l impiego o la minaccia della forza o altre forme di coercizione, di abuso di potere o di posizione di vulnerabilità. Le forme di violazione delle norme sulle adozioni internazionali più praticate sono: i falsi certificati di nascita rilasciati con il cognome dei genitori adottivi, lo spostamento di madri in gravidanza nei paesi di residenza dei genitori adottivi e l acquisto di bambini negli orfanotrofi o su cataloghi pubblicati su internet. Le pratiche illegali possono essere messe in atto dai soggetti più svariati: organizzazioni criminali, intermediari corrotti, persino coppie pronte a compiere abusi o ad ignorarli pur di assicurarsi un bambino. In almeno un terzo dei casi di adozioni illegali il neonato viene registrato alla nascita direttamente con il cognome dei genitori che se lo sono comprato, denunciandolo come nato dalla mamma dichiarante il falso o registrando un caso di paternità fuori del matrimonio da madre che non vuole essere registrata. In alcuni paesi e presso i consolati di troppi paesi ricchi bastano due testimoni (sic!) per registrare una paternità risultante da relazione extra-matrimoniale con rischio molto basso di essere interrogati, investigati o perseguiti per falsa dichiarazione di paternità nel paese di origine. Non sono mancati casi di falsa certificazione del DNA a dimostrazione dell asserita paternità. In Cina il prezzo attuale di un bambino è di 3000 dollari e le autorità dichiarano la scomparsa tra e minori all anno che andrebbero a finire in orfanotrofi che facilitano le adozioni illegali; in Guatemala il prezzo di un adozione illegale varia da 1000 a dollari, i casi investigati di adozioni illegali dalla Romania hanno rilevato prezzi tra i e i dollari per bambino, e l Unicef stima che in Svizzera tra il 30% e il 90% delle adozioni non seguono canali legali. La stima del valore totale delle adozioni illegali e acquisto similare di bambini è di 1.3 miliardi di dollari l anno. BAMBINI LAVORATORI Secondo l ILO, 352 milioni di bambini di età 5-17 anni partecipano in qualche forma di lavoro in attività illecite ed illegali. Di questi bambini 171 milioni lavorano in condizioni pericolose per la salute e la maggior parte hanno meno di 15 anni. 5,7 milioni di bambini risultano coinvolti in attività lavorative forzate o imposte loro per l estinzione di un debito; 1,8 milioni di bambini lavorano nel giro della prostituzione e della pornografia. Tra le forme peggiori di lavoro infantile ci sono i bambini incollati sui cammelli come fantini nelle corse, i bambini usati per trasportare droga in sacchetti nel loro stomaco o in altre cavità del corpo, i bambini usati * Fonti: oltre a quelle citate nel testo le principali fonti di questi dati sono I recenti rapporti dell UNICEF ed il libro di Sandro Calvani, Saccheggio Mondiale, Edizioni Effatà, 2011.

2 per fabbricare droghe, i bambini usati nella pesca, nella produzioni di pelli e giocattoli dove sono in costante contatto con prodotti chimici tossici. BAMBINI MENDICANTI Tra i fenomeni più diffusi della violenza grave sui minori nei paesi poveri si registrano i fenomeni di mendicità urbana organizzata dai rackets criminali, comprese le situazioni estreme di malformazioni e menomazioni indotte o peggiorate per aumentare l invalidità evidente dei minori che chiedono l elemosina. Tra i casi più aberranti di criminalità spietata sono stati registrati, sia in India che in alcuni paesi africani, cecità indotte nei bambini perforando o bruciando gli occhi e l induzione di mani deformi grazie al blocco della circolazione linfatica. BAMBINI MOLESTATI Secondo l Istituto di ricerca e prevenzione delle molestie su minori degli Stati Uniti, in tutto il mondo in media almeno due ragazze su dieci e un ragazzo su dieci sono vittime di abusi sessuali entro la fine del loro tredicesimo anno. 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati sottoposti nel 2010 a rapporti sessuali forzati o ad altre forme di violenza che includono il contatto fisico molesto. Reati di pedofilia si sono verificati in tutti i luoghi dove sono presenti bambini: famiglie (nel qual caso potrebbe trattarsi di incesto), centri religiosi (seminari, oratori), scuole d infanzia, associazioni giovanili. La tipologia di reati è ampia. Alcuni crimini non richiedono nemmeno il contatto fisico col bambino, ad esempio l esibizionismo, o la riproduzione di materiale pedopornografico. La diffusione dei reati di pedofilia è molto elevata. Il 10-30% circa dei bambini subisce molestie sessuali entro i 18 anni. L attrazione del pedofilo può essere rivolta sia verso i bambini sia verso le bambine, anche se queste ultime sono le vittime più frequenti (88%). Secondo i dati raccolti in Italia da Telefono Azzurro e pubblicati nel rapporto nazionale sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza, quasi il 60% degli abusi su minori avviene in famiglia. Nel panorama internazionale emerge che in Belgio, Francia e in Inghilterra i minorenni vittime di abuso sessuale sono molto più numerosi, ma ciò che preoccupa in Italia è la quantità di abusi che rimane sommersa: è probabile, infatti, che diverse situazioni non arrivino mai alla denuncia. L FBI stima che lavorino nella prostituzione infantile negli Stati Uniti, tra e minori. La polizia inglese stima che a livello globale almeno 1,8 milioni di bambini l anno siano vittime di pedofilia attraverso prostituzione infantile, turismo sessuale e pedopornografia con un giro di denaro di 16 miliardi di sterline all anno, cioè circa 24 miliardi di dollari. BAMBINI POVERI In tutto il mondo centinaia di milioni di bambini vivono in situazioni di povertà cronica che si manifesta non solo con la mancanza di cibo, ma anche con l accesso insufficiente ad acqua potabile, servizi igienico-sanitari e istruzione primaria. Secondo i dati più recenti dell Unicef il numero di bambini poverissimi è superiore ad un miliardo. Secondo il Centro nazionale per l infanzia e la povertà degli Stati Uniti il 39% dei bambini americani vivono in famiglie a basso reddito, sotto gli standard di povertà. Quali sono le dimensioni principali della povertà globale? - Il 94% del reddito mondiale va alla popolazione di reddito medio-alto, cioè al 40%

3 della popolazione mondiale, mentre il restante 60% più povero vive solo con il 6% del reddito mondiale. - 4 miliardi di persone vivono nel mondo in via di sviluppo, un terzo di essi sono bambini. - 1,2 miliardi di persone vivono con meno di un dollaro al giorno. - Altri 2 miliardi di persone vivono con meno di due dollari al giorno milioni di persone soffrono la fame milioni di persone muoiono di fame ogni anno. - Il 20% dei bambini del mondo riceve un insufficiente apporto di calorie o di proteine milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate alla povertà, pari al 33% delle morti in tutto il mondo. - Il 16% della popolazione del pianeta vive senza accesso all acqua potabile. - Il 34% non ha accesso a servizi igienicosanitari. - Il 16% vive in alloggi inadeguati. - Il 14% vive senza servizi sanitari di qualsiasi natura. - Oltre 110 milioni di bambini non vanno a scuola. BAMBINI ORFANI Delle decine di milioni di bambini orfani, almeno 9.5 sono rimasti senza famiglia e vivono negli orfanotrofi. Di essi una gran parte sono in Romania e in Russia, negli orfanotrofi ve ne sono oltre 4 milioni. In Nepal si stima che il 60% dei bambini negli orfanotrofi non sono realmente orfani. Una forte crescita di orfani viene provocata dai disastri naturali, dalle grandi pandemie e dalle guerre, che sono le tre cause principali dell enorme aumento di orfani in orfanotrofi in Africa. L abbandono dei minori è spesso legalizzato in vari paesi e comunque non perseguito come reato. Il maltrattamento dei minori negli orfanotrofi è sempre riconosciuto come crimine, ma molto in basso nella lista delle priorità di prevenzione ed indagine delle forze dell ordine. La cattiva gestione o peggio la gestione corrotta degli orfanotrofi in alcuni paesi è una causa scatenante del fenomeno delle adozioni illegali e delle adozioni a distanza fraudolente. BAMBINI SENZA LIBERTÀ Più di 8 milioni di bambini in tutto il mondo sono ospitati in istituti d accoglienza: alcuni perché privi di genitori, ma la maggior parte perché disabili, oppure per via dello scioglimento della famiglia, di situazioni di violenza domestica o delle gravi condizioni sociali ed economiche. I bambini rinchiusi nei centri di detenzione sono sottoposti a violenze commesse dal personale stesso degli istituti, violenze utilizzate sia come forma di controllo attraverso la paura sia come punizione. In almeno 77 paesi, le punizioni corporali e altre punizioni violente sono accettate negli istituti penali come misure disciplinari legali. In un numero minore di paesi le punizioni corporali sono ammesse anche nelle scuole. BAMBINI SOLDATO Human Rights Watch ha stimato che il totale globale di bambini soldato è tra e E non sono solo pre-adolescenti, visto che vi sono bambini che combattono già tra i 5 e i 7 anni. Secondo la coalizione Stop all uso dei bambini soldato, il problema è più critico in Africa, dove vi sono fino a bambini, alcuni di appena nove anni, coinvolti in conflitti armati. 2 milioni di bambini sono stati uccisi nelle guerre degli ultimi 20 anni. I bambini rapiti e addestrati per diventare soldati sono esposti, anche dopo la fine delle ostilità, a gravi conseguenze di carat-

4 tere sanitario, psicologico e sociale. Molti di loro riportano ferite anche gravi o mutilazioni; contraggono malattie come l Hiv/AIDS; spesso sono denutriti. Le atrocità che hanno commesso o di cui sono stati spettatori continuano a perseguitarli anche per lungo tempo dopo la fine della guerra, con incubi e un costante senso di ansia e di panico. Anche se smobilitati e incoraggiati a reinserirsi nella società, il percorso di reinserimento è molto difficile per via dello stigma morale di cui sono oggetto, e perché l unica realtà che hanno conosciuto e che è stata loro insegnata è quella della violenza: ciò rende per i bambini soldato estremamente difficoltosa l accettazione dei nuovi standard morali e di comportamento di una società civile in stato di pace. Le ragazze, soprattutto, dopo essere state nell esercito, non vengono accettate come spose e non viene loro permesso di lavorare, sono così condannate a una vita di elemosina o di prostituzione. Oltre un miliardo di bambini vivono in 42 paesi colpiti, tra il 2002 e oggi, da violenti conflitti. Ma l impatto dei conflitti armati sui bambini è difficile da stimare a causa della mancanza di informazioni affidabili e aggiornate; oltre bambini sono stati smobilitati e reintegrati dal 1998 ad oggi. Degli oltre bambini che prendono parte ai combattimenti in 35 paesi, ben sono in azione solo nel continente africano. È a disposizione un elenco dei Paesi in conflitto che utilizzano i bambini soldato, redatto dalle Nazioni Unite. L elenco è stato aggiornato nel 2006 ed attualmente comprende: Afghanistan, Burundi, Chad, Colombia, Costa d Avorio, Iraq, Liberia, Myanmar, Nepal, Filippine, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sri Lanka, Sudan e Uganda. Anche se sono stati compiuti progressi in alcuni Paesi, come in Liberia e in Sierra Leone, in alcuni aree di crisi, come in Sudan (Darfur), Chad, Afghanistan, Iraq e Sri Lanka ad esempio, la situazione ha continuato a peggiorare. BAMBINI SPOSI Ancora oggi in grandi e moderni paesi asiatici, del Medio Oriente e dell Africa è possibile, a volte perfino doveroso, ascoltare una chiacchierata tra amici e amiche a cena che si consultano sull opportunità - secondo tradizione - di scegliere una futura sposa per il figlio maschio ormai quindicenne, o di consultarlo magari tra qualche anno prima di prendere una decisione definitiva. Negli stessi gruppi di persone che rispettano le buone tradizioni non vi sono invece dubbi sull opportunità di assegnare una figlia in sposa fin da piccola, a questo o quel buon partito senza chiedere l opinione della ragazza, un attenuante che sarebbe comunque ben poca cosa rispetto alla gravità dell abuso sfacciato dei diritti umani della ragazza. La decisione dell assegnazione può essere presa anche parecchio prima di un eventuale matrimonio e dunque quando la bambina è ancora molto piccola, non raramente solo per evitare l imbarazzo di dover rifiutare un offerta di un altro clan quando la ragazza arriva alla pubertà e si sa che non è ancora stata promessa. Tali comportamenti ed attitudini collettive fanno sì che tutti si aspettano che tutti gli appartenenti a quel gruppo culturale si comportino di conseguenza. I membri sono anche disposti a fare pressioni perché nessuno sgarri dalla regola e i maschi, di tutte le fasce d età, sono disposti ad usare la violenza con gravi punizioni corporali, compresi acidi buttati in faccia ad una ragazza, una coltellata o un colpo di pistola, per cancellare il disonore percepito di una disobbedienza circa un matrimonio combinato e una

5 sposa bambina pagata ma non consegnata allo sposo. Altri matrimoni forzati di bambine sono poco meno indecenti del sequestro prolungato a scopo di lavoro in stato di schiavitù e di abuso sessuale. Si tratta infatti di uomini adulti o anziani che si prendono delle bambine in sposa, con il solo scopo di ottenere servizi gratuiti di colf e di natura sessuale. Il contesto familiare e di conoscenze che convince le ragazze a subire la pessima sorte sono in primis i familiari della ragazza stessa (che in pratica l hanno venduta come fosse una mucca); poi la famiglia dello sposo e tutto il sistema di quartiere o di villaggio di imposizione della volontà del più forte. Tali pressioni psicologiche familiari o ambientali ottengono il risultato sperato perché alle ragazze viene negata qualunque forma di educazione di base e diventano quasi tutte succubi del sistema violentemente maschilista. Ad esse viene anche impedito di consultare sorelle più grandi o amiche. Pertanto che la legge punisca o no tali comportanti diventa irrilevante dato che comunque gli abusi non vengono denunciati. Ma nascosti o no, denunciati o no, sono sempre gravissimi crimini contro i diritti dei bambini. 9,06% per i ragazzi) e nei bambini tra 0 e 4 anni (1,99 per le bambine e 2,06 tra i bambini). La violenza, anche quella estrema, è molto presente nella mente dei bambini anche nei paesi ricchi: in media un giovane europeo di 16 anni ha visto in TV durante la sua vita omicidi, la maggior parte con armi da fuoco. Gli abusi possono essere fisici, come nel caso delle percosse o dei maltrattamenti, oppure psicologici come alcuni episodi di incuria, o di abbandono per negligenza o per cause di forza maggiore, ad esempio in situazioni di infermità grave. Il bambino viene abbandonato a se stesso e non vengono garantite le cure di base necessarie al suo armonioso sviluppo psicofisico. Si individuano casi di trascuratezza in aspetti generali della vita o casi più specifici, come può essere l assenza di igiene personale, fino a episodi più gravi in cui il bambino non viene nemmeno nutrito; e ancora maltrattamenti emotivi, come ad esempio far sentire il bambino non voluto o privo di valore a livello affettivo. BAMBINI VITTIME DI VIOLENZA FISICA O PSICOLOGICA I bambini sono vittime di violenza in ogni forma, inclusi omicidio, stupro, rapina e aggressione semplice e aggravata in misura simile alla violenza contro gli adulti. Ma il tasso di omicidi di bambini nei paesi a basso reddito è più del doppio di quello registrato nei paesi ad alto reddito (ad es. 2,58% contro 1,21% su una popolazione di persone). I tassi più alti di omicidio si rilevano durante l adolescenza - in particolar modo tra i ragazzi - in un età compresa tra i 15 e 17 anni (3,28% per le ragazze e

6 Secondo dati Eurispes, il 46% delle violenze a carico di minorenni avviene sui bambini che non hanno ancora compiuto 14 anni. Di queste, il 33% sono abusi fisici, il 21,8% sono casi di trascuratezza e incuria, il 19,8% abusi psicologici. Nei paesi ricchi tra il 20 e il 65% dei bambini in età scolare dichiarano d esser stati vittime di atti fisici o verbali di bullismo. Tra l 80 al 98% dei bambini soffre di punizioni fisiche all interno del nucleo familiare; di questi, un terzo o più subisce punizioni fisiche aggravate dall utilizzo di attrezzi come cinghie o bastoni. Su scala mondiale l UNICEF stima che ogni anno tra i 133 e i 275 milioni di bambini assistano a violenze all interno del nucleo familiare. La violenza tra conviventi accresce il rischio delle violenze in famiglia sui bambini, come dimostrato da studi provenienti da Cina, Colombia, Egitto, Messico, Filippine e Sud Africa. Studi del genere mostrano la correlazione sempre più stretta tra violenza contro le donne e violenza contro i bambini, riscontrando che la violenza domestica raddoppia il rischio di violenza contro i bambini. MORTALITÀ INFANTILE Il numero di bambini che perdono la vita prima dei 5 anni di età è sceso da oltre 12 milioni nel 1990 a 7,6 milioni nel Quasi bambini sotto i cinque anni sono morti ogni giorno nel 2010, circa di meno rispetto al Dal 1990 il tasso globale di mortalità sotto i cinque anni è sceso del 35%, da 88 morti ogni nati vivi nel 1990 a 57 nel America Latina e Caraibi, Asia orientale e Pacifico e Europa centrale e orientale, paesi dell Ex Unione Sovietica hanno ridotto la loro mortalità infantile sotto i cinque anni il tasso di mortalità del 50% o più. Il tasso di declino della mortalità sotto i cinque anni ha accelerato dall 1,9% all anno nel al 2,5 % tra il 2000 e il 2010, ma resta insufficiente per raggiungere l Obbiettivo di Sviluppo del Millennio numero 4 in particolare nell Africa sub-sahariana e in Asia meridionale. I tassi più elevati di mortalità infantile sono ancora in Africa sub-sahariana, dove un bambino ogni 8 muore prima dei 5 anni, più di 20 volte la media dei paesi industrializzati (1 ogni 167) e il doppio dell Asia meridionale (1 ogni 15). Mentre i tassi di mortalità sotto i 5 anni sono scesi quasi ovunque nel mondo, la disparità tra le due regioni più colpite e il resto del mondo è cresciuta. Le morti di bambini sono sempre più concentrate in Africa sub-sahariana e in Asia meridionale, mentre la quota del resto del mondo è scesa dal 33% nel 1990 al 20% nel Ma in Africa sub-sahariana vi sono anche paesi dove il tasso medio annuo di riduzione della mortalità infantile è raddoppiato dal periodo al dei 14 migliori risultati di riduzione accelerata sono paesi dell Africa sub-sahariana, così come 4 dei 5 paesi con le maggiori riduzioni in assoluto (più di 100 morti in meno ogni nati vivi). Circa la metà dei decessi sotto i 5 anni in tutto il mondo si verificano in soli cinque paesi: India, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Pakistan e Cina. India (22%) e Nigeria (11%) insieme rappresentano un terzo di tutte le morti sotto i 5 anni a livello globale. Oltre il 70 % delle morti di bambini sotto i 5 anni si verifica entro il primo anno di vita. La percentuale di decessi sotto i 5 anni che si verificano entro il primo mese di vita è aumentata di circa il 10 % dal 1990 raggiungendo oggi più del 40 % di tutti i decessi sotto i 5 anni di vita.

7 Quasi il 30 % delle morti neonatali avvengono in India. L Africa sub-sahariana ha il più alto rischio di morte nel primo mese di vita e ha mostrato il progresso più basso al mondo. A livello globale, le quattro principali cause di morte dei bambini sotto i 5 anni sono la polmonite (18%), le malattie diarroiche (15%), complicazioni di nascite premature (12%) e asfissia neonatale (9%). La denutrizione causa più di un terzo delle morti sotto i 5 anni. La malaria è ancora un killer nell Africa sub-sahariana dove provoca circa il 16% delle morti sotto i 5 anni. Le autorità di diversi paesi hanno denunciato ed investigato diversi casi di bambini trovati morti, a seguito del prelievo di organi umani essenziali alla vita, destinati al traffico illegale di organi. MUTILAZIONI GENITALI Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il numero di ragazze che hanno subito mutilazioni genitali femminili è tra i 100 e i 140 milioni, e ogni anno la vulnerabilità aumenta di altri 2 milioni. Nell Africa Sub- Sahariana, in Egitto e in Sudan ogni anno 3 milioni di donne e bambine sono sottoposte alla mutilazione o taglio dei genitali femminili. PORNOGRAFIA INFANTILE Un indagine su internet da parte delle autorità americane ha potuto scoprire in tutto il mondo almeno siti pedopornografici online, un numero che è in crescita. Secondo il Centro Nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati degli Stati Uniti l 83% di questi siti aveva materiale pornografico che ha coinvolto bambini tra i 6 ei 12 anni; il 39% aveva materiale che coinvolge i bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, e il 19% aveva immagini di neonati o bambini sotto i 3 anni. TRAFFICO DI BAMBINI Ogni anno circa 1,5 milioni di bambini sono vittime del traffico di tutto il mondo. Circa persone trafficate entrano negli Stati Uniti ogni anno, per lo più donne e bambini. Grazie alla tolleranza dei governi e all indifferenza della maggior parte della gente, oggi nel mondo vengono trafficate persone, soprattutto donne e bambini da 127 paesi da sfruttare in 137 paesi. Almeno nuove persone vengono vendute negli Stati Uniti ogni anno e circa in tutto il mondo. In ogni giorno dell anno (2010) le persone che sono sottoposte a sfruttamento sessuale a seguito del traffico in stato di schiavitù sono 2.5 milioni, almeno un terzo sono bambini. I profitti ottenuti ogni anno dallo sfruttamento a livello globale delle persone sono 31,7 miliardi di dollari. Il costo per l economia globale per il finanziamento della coercizione dei lavoratori sfruttati, escludendo le vittime del lavoro forzato del commercio del sesso, è di circa 21 miliardi di dollari. Il prezzo di un minore da vendere per il racket della mendicità, per le case chiuse, per il lavoro schiavizzato in fabbriche tessili o di giocattoli, per il servizio in casa, varia molto da un paese all altro. Il prezzo minimo registrato è di 100 Euro e quello massimo di 4500 Euro. Il prezzo di un rapporto sessuale multiplo con un minore in alcuni paesi è inferiore al costo di una pizza nelle pizzerie di quegli stessi paesi; il prezzo di un rapporto sessuale con una ragazza di 18 anni di proprietà di una banda criminale inizia dal valore di due caffè e nei locali di lusso arriva fino al prezzo di una bottiglia di vino. In certi paesi ai bambini non va nulla di quanto guadagnano, alle giovani adulte va circa l un per cento di quanto guadagnano fino ad una soglia massima di 300 euro all anno.

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA PREMESSA Ad oltre 1 miliardo di bambini nel mondo viene negato il sano sviluppo sancito dalla Convenzione sui Diritti dell'infanzia del 1989 violando il diritto

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo La salute della donna nei paesi in via di sviluppo Le donne nei paesi in via di sviluppo: -sono 2 miliardi. -1 miliardo e 750.000 sono in età riproduttiva. -producono ¾ del reddito globale. -ricevono il

Dettagli

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010

L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza. Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 BAMBINI E GUERRA: L AZIONE DELL UNICEF Francesco GENTILE UNICEF Cosenza Università della Calabria III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 16 marzo 2010 CONVEZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA

Dettagli

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA LA DIFFICILE CONDIZIONE DEI BAMBINI E DELLE DONNE Benché gli intensi conflitti armati verificatisi su vasta scala nella Repubblica Democratica del Congo si siano attenuati

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] Abbandono degli studi Aborto Aborto bianco Aborto spontaneo Aborto terapeutico Aborto volontario Abuso di potere Abuso sessuale Abuso sessuale intrafamiliare Accessibilità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Giovanni Anania Università della Calabria 28 novembre 2013 ...il piano della lezione esiste oggi un problema di fame nel mondo?

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] 1. corpo-riproduzione 2. corpo-soggettività 3. corpo-soggetti 4. relazioni 5. qualità della vita 6. corpo violato 7. politica 8. strutture di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

Giornata dei diritti dei bambini

Giornata dei diritti dei bambini Giornata dei diritti dei bambini Il 20 novembre del 1989 è stata approvata dall Assemblea delle Nazioni Unite la Convezione dei Diritti dell Infanzia. In Italia, la convenzione è stata approvata nel 1991

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03. sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03. sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato Traduzione esterna ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE 25 giugno 2003 ACP-UE 3587/B/03 RELAZIONE sui diritti dei bambini e in particolare dei bambini soldato Commissione per gli affari politici Relatori:

Dettagli

Il Rapporto mondiale sulla violenza e la salute: riassunto 1

Il Rapporto mondiale sulla violenza e la salute: riassunto 1 Il Rapporto mondiale sulla violenza e la salute: riassunto 1 VIOLENZA UNA SFIDA UNIVERSALE Pagina 8 RIQUADRO 2 Facciamo i conti sui costi della violenza Oltre ad essere un campanello d allarme dell infelicità

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA ASPETTI TEORICI DEL TRAUMA NEI CASI DI ABUSO E MALTRATTAMENTO SUI BAMBINI, INDICATORI E LINEE GUIDA NELLA SEGNALAZIONE.. DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA COSA SI INTENDE

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

Il lavoro Minorile QUANTI SONO I BAMBINI CHE LAVORANO? Nel mondo i bambini (0 14 anni) sono più di due miliardi. L' 87% di essi vive nei Paesi del Sud del mondo Ma solo pochissimi di essi hanno un'infanzia

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere

Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza il diritto di crescere La Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia e dell adolescenza è un Patto tra Stati approvato

Dettagli

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che negli anni passati?

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione R (2001)16 sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento sessuale (Adottata dal Comitato dei Ministri il 31 Ottobre 2001 alla 771 a riunione

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329. I Meeting nazionale Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.9191710 La Famiglia gruppo di persone affiliate da legami consanguinei o legali,

Dettagli

IC. PARCO DELLA VITTORIA ROMA CLASSE III H SCUOLA MEDIA VALLOMBROSA 2003/04 VALORI E DIRITTI

IC. PARCO DELLA VITTORIA ROMA CLASSE III H SCUOLA MEDIA VALLOMBROSA 2003/04 VALORI E DIRITTI IC. PARCO DELLA VITTORIA ROMA CLASSE III H SCUOLA MEDIA VALLOMBROSA 2003/04 VALORI E DIRITTI Il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana costituisce il fondamento della

Dettagli

Violenza sui minorenni

Violenza sui minorenni Violenza sui minorenni Per violenza e abuso all infanzia s intende ogni forma di violenza, di oltraggio o di brutalità fisiche o mentali, di abbandono o di negligenza, di maltrattamenti o di sfruttamento,

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

Bambini si nasce, grandi si diventa?

Bambini si nasce, grandi si diventa? Bambini si nasce, grandi si diventa? World Social Agenda 2011-2012 Nel 2000, 189 paesi membri dell'assemblea delle Nazioni Unite hanno sottoscritto la Dichiarazione del Millennio. Si sono impegnati a eliminare

Dettagli

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola VIOLENZA DI GENERE un esclusiva maschile? - Fabio Nestola MOGLI, MADRI, SORELLE, AMANTI Stereotipati e limitativi, sono i ruoli in cui la società rinchiude, storicamente, il destino sociale delle donne,

Dettagli

Costretti a uccidere Un impegno totale per l infanzia.

Costretti a uccidere Un impegno totale per l infanzia. Bambini soldato Costretti a uccidere Un impegno totale per l infanzia. Costretti a uccidere I bambini soldato vengono fatti passare su campi minati, trasformati in bombe viventi, armati di kalashnikov

Dettagli

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso

MK ONLUS per i bambini del Burkina Faso I lions italiani contro le malattie killer dei bambini - onlus MISSION Creare e promuovere tra tutti i popoli uno spirito di comprensione per i bisogni umanitari attraverso volontari servizi coinvolgenti

Dettagli

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Che cos è, quanto è diffusa, come si manifesta Che fare? Prevenzione e contrasto della violenza: le azioni realizzate e gli strumenti disponibili in Piemonte La violenza contro

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne In Italia una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, nella sua vita è stata vittima della violenza di un uomo. Secondo i dati dell'istat, sono

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF 5 ANNI DI GUERRA IN SIRIA NESSUN LUOGO SICURO PER I BAMBINI La crisi in numeri L impatto di 5 ANNI DI GUERRA sui bambini siriani e la loro infanzia 5 ANNI: UN ETÀ CRUCIALE PER UN BAMBINO Per i 3,7 milioni

Dettagli

Ogni bambino merita un opportunità!

Ogni bambino merita un opportunità! Ogni bambino merita un opportunità! Un piccolo contributo, un grande aiuto! Grazie al suo padrinato lei offre l opportunità di un futuro migliore anche ai bambini più poveri. Croce Rossa Togolese, Koadjo

Dettagli

PROGRESSI PER L INFANZIA

PROGRESSI PER L INFANZIA PROGRESSI PER L INFANZIA Un mondo a misura di bambino Rapporto statistico Numero 6, dicembre 2007 PROGRESSI PER L INFANZIA: UN MONDO A MISURA DI BAMBINO RAPPORTO STATISTICO VERSO UN MONDO A MISURA DI BAMBINO

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

IV International Media Forum On the Protection of Nature

IV International Media Forum On the Protection of Nature IV International Media Forum On the Protection of Nature "Protection of Nature, Protection of Health" Roma, 4-7 Ottobre 2006 Carlotta Sami Direttrice dei Programmi, Save the Children Italia Chi siamo Save

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

MALTRATTAMENTI E ABUSI SUI MINORI (Diritti dell infanzia e dell adolescenza)

MALTRATTAMENTI E ABUSI SUI MINORI (Diritti dell infanzia e dell adolescenza) IO, NOI Associazione di Volontariato per la Solidarietà e l integrazione Sociale Sede legale - Sede Operativa: via delle Meduse, 63a 00054 Fiumicino Tel. 3208594921 066520591 Fax: 0665499252 E.Mail: infoline@ionoi.org

Dettagli

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura Comune di Assago Area Istruzione e Cultura I diritti dei bambini in parole semplici Il Consigliere delegato alla cultura Emilio Benzoni Il Sindaco Graziano Musella L Assessore alla Pubblica Istruzione

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

VIOLENZA CONTRO LE DONNE

VIOLENZA CONTRO LE DONNE VIOLENZA CONTRO LE DONNE VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE Corso di laurea in Servizio sociale AA 2015-16 prof. Patrizia Romito, Dipartimento di Scienze della Vita, Unità di Psicologia Università di Trieste

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di IL DIRITTO ALL ISTRUZIONE PER TUTTI il progetto EAS di Sommario Educazione Allo Sviluppo: il perchè del progetto Grafico:la condizione dell infanzia nel mondo Il nostro progetto di educazione allo sviluppo

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani?

Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani? Quali visioni e alleanze possono accelerare pace, sviluppo e diritti umani? Intervento di Sandro Calvani Direttore UNICRI Convegno Conoscersi e riconoscersi: alleanze per la pace e i diritti umani (Firenze,

Dettagli

Corso volontari Unicomondo

Corso volontari Unicomondo Processi di empowerment e protagonismo femminile Dalla cooperazione internazionale nel Sud alle Botteghe del Mondo nel Nord. Corso volontari Unicomondo 3 novembre 2010 Parliamo di - La situazione delle

Dettagli

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI Meno omicidi in Italia. Ma non al Sud Il rischio più alto nei grandi centri urbani Gli uomini principali vittime degli omicidi, ma in famiglia

Dettagli

ABUSO SUI MINORI: una mano per prevenire ed aiutare attraverso l informazione e la sensibilizzazione

ABUSO SUI MINORI: una mano per prevenire ed aiutare attraverso l informazione e la sensibilizzazione ABUSO SUI MINORI: una mano per prevenire ed aiutare attraverso l informazione e la sensibilizzazione Introduzione La classificazione delle violenze La prevenzione e la chiave: la guida della women's world

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Da Il tutto è falso di G. Gaber

Da Il tutto è falso di G. Gaber ma noi siamo talmente toccati da chi sta soffrendo, ci fanno orrore la fame, la guerra e le ingiustizie nel mondo. Com è bello occuparsi dei dolori di tanta, tanta gente, dal momento che in fondo non ce

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

i diritti dei bambini in parole semplici

i diritti dei bambini in parole semplici i diritti dei bambini in parole semplici Questa è la traduzione di un opuscolo pubblicato in Inghilterra dall'unicef. È il frutto del lavoro di un gruppo di bambini che hanno riscritto alcuni articoli

Dettagli

Donne e violenza, le parole non bastano più

Donne e violenza, le parole non bastano più DISCUSSIONI Donne e violenza, le parole non bastano più Anna Maria Fellegara È un aberrazione dal costo individuale e sociale inaccettabile, come tutti gli studi dimostrano: il contrasto al fenomeno non

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

rganizzazione azioni nite

rganizzazione azioni nite 3^B a.s. 2010-11 rganizzazione azioni nite Noi, popoli delle Nazioni Unite, decisi a salvare le future generazioni dal flagello della guerra, che per due volte nel corso di questa generazione ha portato

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE: UN FENOMENO COSI ATTUALE, MA ANCORA SOMMERSO

LA VIOLENZA SULLE DONNE: UN FENOMENO COSI ATTUALE, MA ANCORA SOMMERSO LA VIOLENZA SULLE DONNE: UN FENOMENO COSI ATTUALE, MA ANCORA SOMMERSO Parliamo, a questo proposito, della Dichiarazione delle Nazioni Unite secondo cui è da considerarsi violenza contro le donne: Qualsiasi

Dettagli

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 IL PIDIDA Per i Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza Il PIDIDA (Per I Diritti dell Infanzia e Dell Adolescenza)

Dettagli

Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti

Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti Policy di Protezione dei Bambini, delle Bambine e degli Adolescenti Per cosa ci impegniamo? Scopo della Policy Lo scopo generale della Policy è di promuovere e garantire il diritto dei bambini, delle bambine

Dettagli

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO. Martina Simoni

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO. Martina Simoni LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Martina Simoni Il 10 dicembre 1948, l'assemblea generale delle Nazioni Unite proclamò a Parigi la Dichiarazione universale dei diritti umani. Essa è composta

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita

PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita PROGETTO RAGAZZE MADRI DI GOMA Maison Margherita 1. Introduzione 1.1. Titolo del progetto : Realizzazione di un Centro di accoglienza e di sostegno psico -sociale per ragazze vulnerabili(vittime di violenza

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Carlo Vicari Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Unità didattica di apprendimento sul problema della fame nel mondo. Sottosezione di Geografia a

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli