UNITÀ DIDATTICA: DESTINATARI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ DIDATTICA: DESTINATARI:"

Transcript

1 UNITÀ DIDATTICA: DESTINATARI: IL TEMA DELLA FAMIGLIA NELLA COSTITUZIONE E LE SUE RELAZIONI CON L AMBITO SOCIALE ED ECONOMICO Studenti del biennio delle scuole medie superiori OBIETTIVI: 1) conoscenza terminologica e contenutistica di famiglia, matrimonio, filiazione, adozione, affidamento, lavoro, reddito, consumo, risparmio, investimento; 2) confronto tra quanto appreso e quanto conosciuto per esperienza e conoscenza personale; 3) sensibilizzazione alla solidarietà familiare e ai problemi dei minori; 4) consapevolezza dell importanza delle famiglie nell economia, soprattutto attraverso il lavoro, il risparmio e gli investimenti; 5) comprensione del rilievo che ha l istituto familiare nella Costituzione e dell ispirazione di questa ai principi di uguaglianza e solidarietà all interno della famiglia. CONTENUTI: 1) la famiglia nella comune considerazione; 2) la famiglia nella Costituzione italiana; 3) il matrimonio ed i suoi obblighi; 4) i rapporti tra genitori e figli; 5) l adozione; 6) l affido; 7) il lavoro come principale fonte di reddito delle famiglie italiane; 8) il consumo; 9) il risparmio; 10) l investimento. TEMPI DI SVOLGIMENTO: N. 13 ore complessive di lezione, organizzate in 1 ora destinata all accertamento dei prerequisiti, 7 ore di lezione frontale, 1 ora di lavoro di gruppo, 1 ora dedicata ad un incontro con le assistenti sociali del Comune, 1 ora ad un incontro con famiglie adottive, 1 ora di interdisciplinarietà con Storia e 1 ora condotta con l insegnante di Religione. INTERDISCIPLINARIETÀ: 1) attività concordate con l insegnante di religione, per evidenziare il significato della famiglia dal punto di vista religioso, approfondire la funzione sociale della famiglia e riflettere sui rapporti interni ad essa, cercando di cogliere e, se possibile, affrontare, eventuali situazioni di disagio in famiglia; 2) sensibilizzazione ai temi dell adozione, mediante testimonianze rese ai ragazzi da genitori adottivi, utilizzo di documenti ed interviste, tratti da riviste specializzate. Sensibilizzazione al tema dell affido, richiedendo interventi delle assistenti sociali del Comune; 3) percorsi comuni da attivare con l insegnante di storia sul tema dell evoluzione della famiglia nel tempo e nello spazio. STRUMENTI DI VERIFICA: prove a scelta multipla, esercizi di vocabolario, domande aperte sui contenuti, domande volte a sollecitare lo spirito di riflessione.

2 SVOLGIMENTO DELL UNITÀ DIDATTICA: LEZIONE N. 1 2 ORE INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO 1.1 L EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA NEL TEMPO La lezione è tenuta dal docente di storia della classe, in base a quanto precedentemente concordato con l insegnante di Diritto. Gli argomenti trattati riguardano l evoluzione della famiglia nei secoli, dall antichità ad oggi. 1.2 ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI Prima di entrare nella specifica trattazione dell argomento, ritengo opportuno fare leva sulle conoscenze che i ragazzi già possiedono su di esso, attraverso una serie di domande da porsi in modo colloquiale o con l aiuto di brevi questionari. Si potrà così operare sulla base di una serie di prerequisiti provenienti dalla sfera personale degli studenti. Un esempio di questionario da proporre potrebbe essere il seguente: 1) Da quanti membri è composta la tua famiglia?... 2) Quali sono i compiti di ciascuno all interno di essa?... 3) Quali sono le fonti di entrate economiche nella tua famiglia?... 4) A quali consumi vengono prevalentemente destinate le entrate familiari?... 5) In caso di risparmio, come organizzate i vostri investimenti e secondo quali criteri preferenziali?... 6) Conosci la differenza tra adozione e affido? Se sì, spiegala... In questa fase, analizzando e discutendo le risposte fornite dai ragazzi, è possibile introdurre l argomento della famiglia, sottolineando i diversi aspetti in cui si articolerà la trattazione successiva. LEZIONE N. 2 2 ORE LA FAMIGLIA E IL MATRIMONIO NELLA COSTITUZIONE E NEL CODICE CIVILE 2.1 LA FAMIGLIA Buongiorno, ragazzi. Nel corso della precedente lezione abbiamo cercato di capire cosa è per voi la famiglia. Alcuni hanno suggerito che si tratta di un nucleo affettivo, formato da almeno due persone, i coniugi, che si vogliono bene ed estendono questo bene ai figli che nascono da loro o che accolgono per altre vie, come l adozione. Qualcun altro ha sottolineato che la famiglia 2

3 indica l insieme di soggetti che vivono insieme, ma non sempre questo comporta l esistenza tra loro di legami sentimentali: effettivamente non in tutte le famiglie regna l amore, e questo succede per tante ragioni, comprese quelle economiche: la precarietà del lavoro, i mille impegni monetari che si devono fronteggiare, la scarsità dei mezzi economici disponibili, rendono difficile l esistenza quotidiana e spesso minano la solidità degli affetti. Ma vediamo come viene definita la famiglia dalla nostra Costituzione. Esaminiamo l art.29 Cost. Alessandro, per favore, leggine il primo comma. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Sottolineate l espressione società naturale fondata sul matrimonio: cosa intendevano con essa i nostri costituenti? Richiamatevi al percorso di studi che avete affrontato la settimana scorsa con il professore di storia. Risponde Chiara: Ci si vuole richiamare al fatto che la famiglia è quell ambiente all interno del quale gli uomini hanno sempre cercato di dare risposta ai loro naturali bisogni di sopravvivenza, di riproduzione e di affettività. Bene, Chiara, è proprio così. Ma osservate cosa sottolinea l art. 29: questa società naturale è fondata sul matrimonio, su un accordo che l uomo e la donna stipulano per impegnarsi a costruire il nucleo familiare. In pratica, prof., il matrimonio è un contratto! No, Paolo; perché il contratto, come puoi leggere nell art.1321 c.c., è un accordo destinato a costituire un rapporto giuridico patrimoniale, valutabile cioè in termini economici. Il matrimonio intende invece creare prioritariamente un rapporto affettivo, sebbene ne possano derivare anche effetti patrimoniali. 2.2 IL MATRIMONIO Il matrimonio è dunque un accordo destinato a creare una comunione di vita e di interessi, e deve essere stipulato per legge secondo una determinata forma. Attualmente, è possibile ottenere gli effetti civili del matrimonio in due modi: con il rito civile o con quello concordatario. Nel primo caso il matrimonio viene celebrato davanti all ufficiale di stato civile, che è il Sindaco o un suo sostituto, e produce soltanto effetti civili; nel secondo caso il matrimonio si celebra in chiesa, davanti al sacerdote, e produce sia effetti religiosi che civili. Se avete partecipato a qualche matrimonio cattolico, avrete sentito il celebrante leggere agli sposi gli articoli del codice civile, e avrete visto firmare dagli sposi e dai loro testimoni un registro, che è appunto quello dello stato civile. Perché gli effetti civili si possono ottenere solo con il matrimonio cattolico, e non con quello di altre religioni? Secondo me, prof., ciò va contro il principio di uguaglianza sancito dall art.3 Cost.. Questo dipende dalla conclusione dei Patti Lateranensi, che, come ricorderete, furono firmati tra lo Stato e la Chiesa cattolica nel 1929, e che sono richiamati dall art. 7 della nostra Costituzione. Il privilegio concesso dallo Stato alla religione cattolica fu molto discusso nell ambito dei lavori dell Assemblea costituente, ma fu votato favorevolmente anche dagli esponenti della sinistra italiana, in considerazione del fatto che una larghissima maggioranza dei cittadini italiani erano, e sono tuttora, di religione cattolica. Certo, se si volesse tutelare in assoluto il principio di uguaglianza, si potrebbe vincolare l ottenimento degli effetti civili al solo matrimonio civile. Poi, 3

4 per ottenere quelli religiosi, ognuno opterebbe per la celebrazione secondo il proprio credo religioso. Torniamo ora agli effetti civili del matrimonio. Dal matrimonio scaturiscono, sia per il marito che per la moglie, degli obblighi reciproci, come risulta dalla lettura dell art.143 c.c. Leggiamolo insieme: Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal matrimonio deriva l obbligo reciproco alla fedeltà, all assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia. Il primo obbligo cui si fa riferimento è la fedeltà, da intendersi non solo in senso sessuale, ma come segno di dedizione e rispetto verso l altro. L assistenza comporta invece la totale disponibilità ad aiutare l altro nei momenti di difficoltà, sia fisica che spirituale. La collaborazione implica l impegno a costruire le basi affettive ed economiche della famiglia. La coabitazione richiede la condivisione materiale di vita, strumento necessario per la costruzione dell impalcatura familiare. Il matrimonio è ordinato, in base al secondo comma dell art.29 Cost., sulla uguaglianza morale e giuridica dei coniugi. Questo principio ci appare, oggi, estremamente naturale e, per così dire, scontato. In realtà, in un passato non tanto lontano, l uguaglianza tra coniugi non sempre era rispettata, anche a livello legislativo. Esisteva di fatto una mancanza di corrispondenza tra la Costituzione e la normativa vigente. Ricorderete certamente la distinzione tra Costituzione formale e Costituzione materiale, che abbiamo trattato in una lezione di qualche settimana fa: mentre la prima si riferisce ai principi della Costituzione così come sono formulati, la seconda ha per oggetto l applicazione effettiva di questi principi alla realtà, traducendosi nell impegno dello Stato a creare le condizioni necessarie perché i principi costituzionali possano essere concretamente realizzati.. Sappiamo che la traduzione pratica delle norme della nostra Costituzione è avvenuta nel nostro paese con un certo ritardo, e, anzi, tuttora alcuni principi costituzionali mancano di un effettivo riscontro pratico. Fino al 1975, anno in cui fu realizzata la riforma del diritto di famiglia, il principio di uguaglianza tra coniugi sancito dall art.29 Cost. rimase privo di applicazione. La potestà sui figli, il potere cioè di prendere le decisioni relative alla loro educazione, era riservata al padre; la moglie assumeva il cognome del marito, rinunciando al proprio; la moglie doveva avere lo stesso domicilio (che, vi ricordo, è il luogo dei principali affari ed interessi di una persona) del coniuge; solo l adulterio della moglie era perseguibile penalmente. Grazie all attività della Corte Costituzionale, organo che sovrintende al rispetto e all interpretazione della nostra Costituzione, le leggi che privilegiavano la posizione del marito su quella della moglie furono annullate, consentendo la piena realizzazione del dettato costituzionale. 2.3 I RAPPORTI TRA GENITORI E FIGLI Quando parliamo di figli, ci riferiamo sia ai figli legittimi, che a quelli naturali ed adottivi. I figli legittimi sono quelli concepiti da genitori uniti in matrimonio e conviventi, quelli naturali sono i figli nati da genitori non sposati tra loro; i figli adottivi entrano nella famiglia attraverso l istituto dell adozione, di cui parleremo. La nostra Costituzione si occupa del rapporto tra genitori e figli nell art.30. Leggilo a voce alta, Matteo. 4

5 E dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità. I genitori hanno innanzitutto l obbligo di mantenere i loro figli, nonché di educarli ed istruirli, rispettando le loro inclinazioni naturali, le loro capacità ed aspirazioni. Se essi non rispettano tali obblighi fondamentali, il Tribunale per i minorenni può adottare i provvedimenti che ritiene più idonei, fino all estrema soluzione di togliere loro la potestà sui figli. Sono quotidiani gli avvenimenti di cronaca che ci parlano di soprusi sui figli, se non addirittura di violenze ed abusi. Raccogliete, per la prossima lezione, articoli tratti da giornali e riviste in cui siano affrontati questi temi; riflettete poi su quali possano essere le motivazioni che spingono un padre o una madre a tali comportamenti e a quali interventi, di carattere personale o sociale, ci si possa indirizzare per contrastare questi fenomeni e per tutelare i diritti dei bambini e dei giovani. LEZIONE N. 3 1 ORA IL SIGNIFICATO DELLA FAMIGLIA IN UN CONTESTO RELIGIOSO E SOCIALE La lezione viene condotta insieme all insegnante di religione. Egli provvede a presentare il significato della famiglia dal punto di vista religioso. Quindi, prendendo spunto dagli articoli raccolti dai ragazzi, si inizia ad esaminare il significato della famiglia in un contesto sociale e a riflettere sui rapporti interni alla famiglia, sulle possibili forme di violenza o di mancato rispetto dei sentimenti reciproci. Particolare attenzione verrà posta per cogliere eventuali situazioni di disagio che dovessero emergere durante la discussione con i ragazzi. LEZIONE N. 4 2 ORE L ADOZIONE 4.1 LA LEGGE ITALIANA SULL ADOZIONE L adozione è regolata dalla legge 4/5/1983 n.184. In base ad essa, possono essere adottati i minori dichiarati in stato di adottabilità dal Tribunale per i minorenni: si tratta dei minori che si trovano in una situazione di abbandono definitivo, o perché sono privi di genitori o perché questi non possono o non vogliono provvedere ad essi. Possono fare richiesta di adozione solo i coniugi che siano sposati da almeno tre anni, non abbiano una differenza di età rispetto al minore superiore ai 40 anni o inferiore ai 18, e che siano giudicati idonei dal Tribunale dei minorenni in base a criteri economici, psicologici ed educativi. Prima di pronunciare la sentenza definitiva di adozione, il Tribunale affida il minore ai genitori per un anno, per valutare la positività o meno dell inserimento familiare: si parla in tal senso di affidamento preadottivo. 5

6 Essendo la legge italiana molto rigorosa, volta com è a perseguire nel modo migliore l interesse del minore, parecchie coppie italiane ricorrono all adozione internazionale, che, per quanto sottoposta a lunghe pratiche burocratiche, risulta più agevole e diretta. Vengono ora letti in classe, e commentati assieme ai ragazzi, alcuni brani tratti da Modena Amica, pubblicazione mensile specializzata sui temi sociali e del volontariato. In questo articolo viene trattato il tema dell adozione internazionale e vengono presentate alcune esperienze di famiglie che hanno adottato bambini nati nei paesi del Terzo Mondo. La prossima volta saranno qui con noi alcuni genitori adottivi che ci parleranno della loro esperienza. 4.2 L ADOZIONE COME ESPERIENZA DI VITA La lezione è dedicata all incontro con una o più famiglie adottive, contattate mediante conoscenza diretta o mediante associazioni religiose o sociali. Al termine dell incontro l insegnante sollecita i ragazzi ad una riflessione sugli argomenti trattati: Avete trovato interessante l incontro con le famiglie sul tema dell adozione? Quali osservazioni vi sentite di fare su di esso?. Segue una breve discussione con i ragazzi. 4.3 L ADOZIONE A DISTANZA Sapete, ragazzi, che tutti insieme, come classe, possiamo fare un adozione? In che modo? Attraverso un adozione a distanza! Sappiamo bene in che condizione si trovano a vivere e a crescere i bambini di certi Stati poveri, nella miseria, nell ignoranza, nella prospettiva di una vita squallida e senza speranza. Chi si sente disponibile, ha la possibilità di fornire un aiuto economico ad uno o più di questi bambini sfortunati, mandando loro, attraverso conti correnti bancari collegati ad associazioni di volontari, il denaro necessario per consentire i pasti quotidiani, l acquisto del vestiario e la possibilità di frequentare la scuola. Questa forma di aiuto viene comunemente definita adozione a distanza, per sottolineare che c è un collegamento preciso tra chi fornisce l aiuto e il bambino che lo riceve (in molti casi, tra l altro, vi sono scambi di lettere e di fotografie); non si tratta tuttavia di adozione in senso giuridico, perché nessun rapporto giuridico viene effettivamente instaurato. Cosa ne pensate? Siamo in grado di fare una piccola rinuncia nelle nostre spese (bastano importi assai modesti) a favore di chi ne ha bisogno, consentendogli di vivere meglio, rimanendo però nella sua famiglia, con i suoi genitori e i suoi fratelli, o nella comunità in cui già è inserito? Vediamo insieme qualche diapositiva, con immagini di bambini brasiliani, che, grazie ad adozioni a distanza, riescono a condurre una vita fondamentalmente serena e giusta per la loro età. Proiezione delle diapositive. 6

7 Se, a seguito della lezione, i ragazzi si mostrano interessati e disponibili, si può dare vita ad un progetto di adozione a distanza con la classe singola o unita ad altre dell Istituto sensibilizzate sull argomento. 7

8 LEZIONE N. 5 2 ORE L AFFIDAMENTO La parte iniziale di questa lezione viene dedicata al riepilogo degli argomenti finora trattati nell unità didattica. 5.1 L AFFIDAMENTO NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA Come abbiamo avuto modo di esaminare, l adozione crea un rapporto definitivo tra gli adottanti e gli adottati, i quali assumono la stessa posizione dei figli legittimi. Sappiamo però che è necessario, al fine dell adozione, uno stato di totale abbandono del minore. La realtà odierna ci presenta con frequenza sempre maggiore situazioni di difficoltà familiare che rappresentano fonte di pericolo per la crescita equilibrata dei minori. In base agli artt. 2, 3, 4, 5 della legge n.184, l autorità amministrativa (se i genitori sono d accordo) o il Tribunale dei minorenni possono disporre, per un minore esposto ad una situazione di abbandono temporaneo, l affido ad una famiglia, all interno della quale si trovino preferibilmente altri minori, o a singoli o a comunità. Gli affidatari hanno gli stessi obblighi e responsabilità dei genitori sui propri figli; sono tenuti inoltre a favorire il reinserimento degli affidati nella famiglia originaria, senza quindi pretendere l instaurazione di un rapporto definitivo. In pratica, si richiede la capacità concreta di sostenere situazioni familiari segnate da difficoltà, di supplire alla famiglia propria del bambino, di non fare mancare al minore quel sostegno affettivo così importante nell età infantile ed adolescenziale. E un esperienza che richiede sicuramente grande forza d animo, disponibilità, altruismo, ma che può riservare gioia e grandi legami affettivi. Martedì prossimo verranno nella nostra classe le assistenti sociali del nostro Comune, per parlarci dell affido familiare nella nostra zona, delle situazione di disagi in famiglia e della loro diffusione nell ambito locale e di come l istituto dell affidamento consenta di scongiurare i gravi pericoli di una crescita non supportata da un solido contesto familiare. Arrivederci a martedì! 5.2 L AFFIDAMENTO NELLA NOSTRA REALTÀ SOCIALE Incontro con le assistenti sociali, che trattano il tema dell affido familiare, con particolare riferimento alla situazione esistente nella zona in cui viviamo. LEZIONE N. 6 1 ORA IL LAVORO, FONTE DI REDDITO DELLA FAMIGLIA Finora, ragazzi, ci siamo occupati degli aspetti sociali ed educativi della famiglia. Ma ci sono, e ne conosciamo l importanza, anche gli aspetti economici. Nel programma di Economia Politica abbiamo già affrontato i temi del patrimonio e del reddito: sappiamo che quest ultimo può derivare dall investimento di un capitale, da una rendita, da un attività d impresa. Sicuramente, però, la fonte di reddito più diffusa nelle nostre famiglie è rappresentata dal lavoro. La nostra Costituzione ha, verso il lavoro, una posizione di elevato rispetto e considerazione. Lo dimostra 8

9 innanzitutto il fatto che il principio del lavoro sia stato posto tra i principi fondamentali. Leggiamo l art. 4 Cost.: La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Se rileggete con attenzione il primo comma, riuscirete ad individuare in esso gli aspetti sia della Costituzione formale che di quella materiale. Sì, quando si afferma che tutti i cittadini hanno il diritto di lavorare ci troviamo in presenza della Costituzione formale; nel dire che la Repubblica promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto si affronta invece il percorso di Costituzione materiale. Bene, Matteo. Osservate che la nostra Costituzione definisce il lavoro prima come un diritto, ma poi anche come un dovere. Questo vuol dire che chi non lavora può essere punito dallo Stato? No, Elisa, perché il lavoro è inquadrato come dovere civico, allo stesso modo per esempio del dovere di votare: se non adempiamo ad essi non subiamo delle sanzioni, ma manchiamo ad un impegno che ci qualifica come buoni cittadini. Mia madre non lavora, perché si occupa della casa: deve considerarsi allora una cattiva cittadina? Certamente no! La nostra Costituzione parla di lavoro, senza specificare se domestico o extra domestico. La tua mamma, Antonio, svolge una funzione fondamentale nella famiglia, non se ne sta con le mani in mano; quindi collabora sicuramente al progresso spirituale della società di cui parla l art.4.. Il tema del lavoro, data l importanza che riveste, viene ripreso nella prima parte della Costituzione, negli articoli 35 e seguenti. In particolare, l art.36 stabilisce che il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un esistenza libera e dignitosa. Sappiamo che in questi tempi l Italia sta attraversando un periodo molto difficile per quanto riguarda il lavoro: il tasso di disoccupazione supera il 12% e il fenomeno riguarda soprattutto le nostre regioni meridionali. A questo proposito esaminiamo i dati statistici forniti dall ISTAT che vi ho portato. Segue consultazione dei dati e commento Il governo sta approntando una serie di provvedimenti per fronteggiare il problema, noti con il nome di pacchetto Treu in riferimento al cognome del nostro attuale ministro del lavoro. Per la prossima volta, raccogliete informazioni su queste iniziative e su altre proposte esistenti sugli stessi argomenti: ritagliate articoli di giornali, registrate spezzoni di telegiornali o altre trasmissioni che si occupino di esse. LEZIONE N. 7 1 ORA I PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO CONTRO LA DISOCCUPAZIONE La lezione viene dedicata alla visione e all esame dei materiali raccolti dai ragazzi. La classe viene organizzata in gruppi, in ciascuno dei quali vengono individuati un coordinatore e un segretario. Ciascun gruppo deve esaminare il materiale raccolto dai propri componenti, 9

10 individuare un criterio di classificazione delle informazioni in esso contenute e redigere, ad opera del segretario, un elenco delle principali proposte all attenzione del mondo politico, imprenditoriale e sindacale. Segue la presentazione dei risultati del lavoro da parte dei coordinatori e la sintesi da parte dell insegnante: Dall esame dei dati che avete raccolto emergono, in sintesi, alcune proposte che sono attualmente in discussione nell ambito politico: 1) introduzione del lavoro interinale, o in affitto, in base al quale si romperà il monopolio pubblico del collocamento e una società potrà assumere e poi prestare i propri dipendenti alle aziende che ne avranno necessità; 2) allargamento del contratto di apprendistato: l età massima salirebbe da 16 a 24 anni; 3) ampliamento anche del contratto di formazione e lavoro, la cui durata potrà raggiungere i tre anni (oggi due), e che potrà essere esteso ai giovani fino a 35 anni (oggi 32); 4) incentivi alle imprese di nuova costituzione; 5) norme per favorire l emersione dei lavori in nero; 6) sostenimento di spese pubbliche per la realizzazione di infrastutture al Sud, favorendo così il reclutamento di manodopera locale. Il materiale, così raccolto e classificato, viene conservato dall insegnante per eventuali futuri utilizzi. LEZIONE N. 8 1 ORA IL LAVORO FEMMINILE E MINORILE Se passiamo ora alla lettura dell art.37 Cost., in esso troviamo ribadito il principio di uguaglianza tra uomo e donna, con specifico riferimento all ambiente lavorativo. Anche l attuazione di questo articolo ha subito un certo ritardo, dovuto prevalentemente ad un diffuso sentimento sociale di inferiorità della donna rispetto all uomo, oggi per fortuna superato. Le condizioni di lavoro, afferma la Costituzione, devono però consentire alla donna l adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. Ciò è stato garantito attraverso l emanazione di leggi ordinarie, in particolare quelle che tutelano la donna nel periodo della gravidanza e della maternità. La donna infatti è esentata obbligatoriamente dal lavoro nei due mesi che precedono e nei tre che seguono il parto, mantenendo il diritto alla conservazione del posto di lavoro e della retribuzione; può inoltre richiedere un prolungamento del periodo di riposo, rinunciando a parte della retribuzione, ma mantenendo sempre la garanzia del proprio posto di lavoro. Il terzo comma dell art.36 Cost. stabilisce che la Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione. Quest affermazione vi riguarda da vicino, ragazzi, e intende proteggervi. In base ad essa sono state emanate leggi in base alle quali l età minima per accedere al lavoro è stata fissata a 15 anni, riducibile a 14 nell agricoltura e in altri particolari settori. Ciò consente il pieno rispetto dell obbligo scolastico. I minori non possono inoltre essere adibiti ad attività pericolose od insalubri, a tutela della loro salute, maggiormente esposta a rischi. Quanto stiamo affermando appare in un certo senso scontato e doveroso in un paese civile, ma non mancano nel mondo tantissime situazioni di sfruttamento del lavoro minorile, senza alcun 10

11 rispetto né per la salute né per la sana crescita psicologica dei bambini. A questo proposito ho portato un documento: si tratta di una videocassetta sul tema del lavoro dei minori e sulle conseguenze fisiche e psichiche a cui vengono esposti. Vediamola insieme. Visione della cassetta e dibattito LEZIONE N. 9 1/2 ORA L ASSISTENZA STATALE Ci occuperemo oggi di un tema molo attuale: quello dell assistenza pubblica. Partiamo dalla lettura dell art.38 Cost., c.1 e 2: Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità o vecchiaia, disoccupazione involontaria. Attraverso questo articolo i nostri costituenti hanno mostrato il loro orientamento verso una forma di stato sociale. Vogliamo ricordare, Davide, il significato di questo termine, che abbiamo già studiato? Lo stato sociale si propone di favorire il principio di uguaglianza sostanziale tra i cittadini, fornendo ai ceti più deboli forme di sostentamento di cui tutta la collettività si fa carico. Molto bene. Attraverso l art.38, lo Stato si impegna ad intervenire in aiuto di chi, per le ragioni indicate, si trova senza colpa nell impossibilità di percepire un reddito: pensiamo ai lavoratori che hanno subito un infortunio, che si sono ammalati, che sono disoccupati o sono diventati vecchi. Per fronteggiare le loro necessità, lo Stato ha predisposto una serie di aiuti, chiamati ammortizzatori sociali : ricordiamo, in particolare, le indennità di disoccupazione e le pensioni. Sappiamo che proprio in questo periodo è acceso il dibattito sullo stato sociale, perché, se da un lato se ne sostiene il fondamento, dall altro si impongono misure di riduzione delle spese pubbliche sostenute per esso, in considerazione delle politiche di rigore necessarie per consentire al nostro paese un accettabile risanamento finanziario e l ingresso nell unione monetaria europea. Cercate di seguire attraverso i mass - media l evoluzione di questo dibattito, inquadrando le opinioni delle diverse forze politiche e cercando di formarvi un opinione personale: questo è il vostro compito per la prossima settimana. LEZIONE N. 10 1/2 ORA CONSUMO, RISPARMIO, INVESTIMENTI Il reddito che entra nelle nostre famiglie viene prevalentemente consumato, cioè utilizzato per l acquisto di beni e servizi. In media, circa l 80% dei redditi italiani è assorbito dal consumo. Questo, oltre che dipendere da effettive necessità esistenziali, è spesso legato al fenomeno del consumismo, all imitazione degli altri, alla pubblicità. La parte di reddito che non viene consumata costituisce il risparmio. Consultiamo insieme una tabella ISTAT relativa ai consumi e ai risparmi dei cittadini italiani nell ultimo anno, e confrontiamola con quella dell anno precedente per osservarne ed interpretarne le variazioni. 11

12 Esame dei dati statistici ed osservazioni emergenti a seguito del confronto dei dati. Cosa fanno dei propri risparmi i cittadini italiani? Li investono, cercano cioè di utilizzarli in modo da farli fruttare. Sono tante le possibilità di investimento che ci vengono offerte. Tra le più diffuse possiamo indicare: 1) i titoli di stato ( Bot, Cct, Btp, ecc.). Si tratta di obbligazioni, attraverso le quali noi prestiamo denaro allo Stato, e questo si impegna, oltre che a restituirci la somma mutuata, a pagarci degli interessi su di essa; 2) azioni emesse da società, per cui assumiamo il diritto di partecipare agli utili realizzati dalla società; 3) obbligazioni emesse da società, attraverso le quali prestiamo denaro ad una S.p.A. e questa si obbliga a restituircelo maggiorato di un determinato interesse; 4) assicurazioni, con diverse possibilità di investimento; 5) depositi bancari, attraverso i quali la banca ci corrisponde periodicamente un interesse; 6) fondi comuni di investimento: si tratta di enti, che raccogliendo ingenti capitali dai risparmiatori, provvedono ad investirli in modo estremamente diversificato attraverso le scelte di operatori esperti e professionalmente preparati; 7) acquisto di immobili ed opere d arte. Gli investimenti degli italiani erano prevalentemente orientati, fino a qualche anno fa, ai prestiti pubblici, in considerazione dell appetibilità degli interessi offerti. Circa il 90% del risparmio pubblico confluiva in questa forma di investimento, determinando il cosiddetto effetto di spiazzamento: il settore pubblico spiazzava le imprese private, cui rimaneva solo il 10% del pubblico risparmio. Oggi questo squilibrio si è ridotto, in considerazione della diminuzione degli interessi statali e di un atteggiamento sempre più saggio ed oculato delle famiglie, che, nei loro investimenti, si sono cautelate con una maggiore informazione e si sono orientate verso la diversificazione, cioè verso forme differenziate di impiego dei propri risparmi, per compensare eventuali perdite di un settore con i guadagni di un altro. Con l analisi degli aspetti economici chiudiamo la nostra analisi sulla famiglia: ci siamo resi conto, credo, dell importanza che questa istituzione ha nella società e siamo anche consapevoli del contributo che ognuno di noi può dare all interno del proprio gruppo familiare, non solo in senso economico, ma anche e soprattutto affettivo e solidale. 12

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

Stipendio antiviolenza

Stipendio antiviolenza Stipendio antiviolenza L idea di proporre uno stipendio antiviolenza nasce dall esperienza maturata nel corso dell intensa e lunga attività svolta da Doppia Difesa Onlus in favore delle donne. Abbiamo

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

A - Titolo dell unità formativa di apprendimento

A - Titolo dell unità formativa di apprendimento PROGETTO: LEZIONE/MEDIAZIONE DIDATTICA A - Titolo dell unità formativa di apprendimento DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL'UOMO E COSTITUZIONE ITALIANA Competenze chiave di cittadinanza: Imparare ad imparare:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2 3296 Ottobre 2002 3308 Ottobre 2002 4334 Ottobre 2003 5321 Ottobre 2004 Titolo proposta Ispirazione Obiettivi Patto Civile di Solidarietà e Unione di

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA

LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA LA LEGISLAZIONE SULLA FAMIGLIA IN ITALIA Emma Ciccarelli Presidente Forum delle Associazioni Familiari del Lazio La famiglia in Italia PROFONDI SQUILIBRI SOCIALI E DEMOGRAFICI causa e effetto le difficoltà

Dettagli

178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013

178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013 178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013 ISTITUZIONE DEL REGISTRO AMMINISTRATIVO DELLE UNIONI CIVILI. APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e figli. (Confronta artt. 29, 30, 31, 36, 37 Cost. e 1 libro

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Disposizioni e delega al Governo in materia

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale)

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale) Al Tribunale per i minorenni di Trento I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato a il cognome e nome (moglie) nato a il residenti in prov. via Cap. tel. ASL n. di coniugati (data) luogo prov.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa della deputata RAVETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa della deputata RAVETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3832 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa della deputata RAVETTO Modifiche alla legge 4

Dettagli

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio 1950 Legge 26 agosto 1950, n. 860 Tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri. Proposta da Teresa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione Statuto Art. 1 denominazione E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione internazionale Oltre l adozione. Art. 2 sede Il Gruppo di Coordinamento ha sede

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 N. Reg. Adozioni I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato cognome e nome

Dettagli

I. Capitolo IL MATRIMONIO

I. Capitolo IL MATRIMONIO I. Capitolo IL MATRIMONIO Atto: consenso che nelle forme della celebrazione del matrimonio dà origine alla famiglia legittima. Matrimonio come atto giuridico Può essere regolato dal diritto civile o canonico.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI

PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI PRESENTAZIONE PROGETTO DI LEGGE IN MATERIA DI DEDUCIBILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DEI COLLABORATORI FAMILIARI Modifica art. 10, comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con D.P.R. del 22

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2660 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL DEPUTATO BARBIERI Disposizioni in materia di politiche giovanili Presentata il 29 luglio 2009 ONOREVOLI

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI TESI DI LAUREA LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Costituzione italiana

Costituzione italiana Costituzione italiana Educazione e famiglia 10 dicembre 2014 10 dicembre La famiglia Persone che vivono insieme con legami di parentela Funzione sociale La famiglia istituzione fondamentale della società

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali

Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali Cristina Rossetti Funzionario Regione Toscana ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI Sindacato Nazionale Autonomo UNSA Beni Culturali Segreteria Nazionale Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Tel. 06 6723 2348/2889 Fax. 06 6785 552 - unsasnabca@libero.it

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14 Art. 2 4 modulo I DIRITTI Prima parte Cost. artt. 1-54 = Costituzione dei diritti La Repubblica riconosce (giusnaturalismo: i diritti preesistono allo Stato) Tesi aperta e tesi chiusa Tesi intermedia accolta

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli