PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi"

Transcript

1 PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto

2 EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua tra il sangue ed una soluzione polisalina (liquido( di dialisi), separati da una membrana porosa semipermeabile (membrana( dializzante) ) contenuta all'interno del filtro di dialisi.

3 EMODIALISI SCOPI 1) Depurare il plasma dai prodotti tossici presenti nel sangue del paziente uremico 2) Riequilibrare il bilancio idro-elettrolitico ed acidobase MEZZI 1) Diffusione 2) Convezione

4 PROCESSI FONDAMENTALI DELL'EMODIALISI 1) Depurazione del sangue dalle sostanze tossiche patologicamente ritenute: avviene per diffusione,, seguendo un gradiente di concentrazione sangue- liquido di dialisi 2) Rimozione dall'organismo dei liquidi in eccesso (in quanto non adeguatamente eliminati con le urine): avviene per ultrafiltrazione,, con passaggio di acqua plasmatica dal sangue al liquido di dialisi

5 RENE ARTIFICIALE E' costituito da 4 strutture principali: 1) filtro dializzatore 2) circuito ematico extracorporeo 3) circuito del liquido di dialisi 4) monitor di controllo

6 EMODIALISI CONVENZIONALE CON BICARBONATO ARTERIA SOLUZIONE DI. DIALISI VENA BICARBONATO ELETTROLITI

7 ACCESSI VASCOLARI PER EMODIALISI Di critica importanza Fistola artero-venosa con vasi nativi accesso permanente di elezione Attuali risultati non ancora soddisfacenti Necessità di approccio multidisciplinare per cercare di migliorare tali risultati

8 ACCESSO VASCOLARE PER EMODIALISI TEMPORANEO PERMANENTE

9 ACCESSI VASCOLARI TEMPORANEI PER EMODIALISI Sono rappresentati dai cateteri, posizionati per via percutanea in una vena centrale ed ancorati mediante fissaggio alla cute con fili di sutura o con sistemi adesivi. Vantaggi Principali Facilità di impianto e di sostituzione Utilizzo precoce Svantaggi Principali Ostruzione/bassa portata Infezione Assenza di venipuntura

10 ACCESSI VASCOLARI PERMANENTI PER EMODIALISI Fistola artero-venosa con vasi nativi Fistola artero-venosa con innesto protesico Cateteri venosi centrali tunnellizzati Cateteri venosi centrali totalmente impiantabili

11 TEMPO DI INIZIO DELLA DIALISI Occorre valutare: 1) la adeguata disponibilità dialitiche; 2) la reale qualit di strutture la reale qualità di vita del paziente; 3) il grado di adattamento del paziente ad eventuali restrizioni dietetiche; 4) la presenza di segni e sintomi di uremia e la loro entità; 5) la concreta fattibilità di programmi sostitutivi a lungo termine compren- denti anche il trapianto renale.

12 Il trattamento sostitutivo può essere realizzato sulla base di due distinti programmi: 1) DIALISI TARDIVA TRADIZIONALE Il paziente è in genere in trattamento dietetico da tempo; il VFG residuo è < 5 ml/min; sono presenti evidenti segni e sintomi uremici (iperpotas- siemia, ipertensione non controllabile farmacolo- gicamente, anemia, iperidratazione, pericardite). L'inizio della dialisi è improcrastinabile (dialisi obbligatoria). 2) DIALISI PRECOCE Inizio del trattamento sostitutivo con VFG residuo di ml/min, con segni e sintomi uremici assenti o minimi.

13 DIALISI PRECOCE Presupposti di base: 1) Provata incapacità della dialisi tardiva di far regredire la maggior parte delle complicanze uremiche, una volta instaurate (neuropatia, osteodistrofia, etc); 2) Possibilità di prevenire la comparsa e/o la progressione di tali alterazioni iniziando il trattamento sostitutivo con una funzione renale residua ancora in parte conservata. Si associa: ad una sopravvivenza più elevata, ad una ridotta necessità di ospedalizzazione per complicanze uremiche, ad una migliore riabilitazione. Risulta particolarmente indicata: nei pazienti che non tollerano restrizioni dietetiche, nei pazienti in età pediatrica, nei diabetici, nei candidati al trapianto renale.

14 Dialisi Peritoneale Il principio fondamentale della dialisi peritoneale si fonda sulla considerazione che la composizione dei soluti di una soluzione infusa nella cavità peritoneale tende ad equilibrarsi con la compo- sizione dell acqua plasmatica durante il tempo di stazionamento della soluzione stessa

15 Peritoneo come sistema dializzante 3 componenti: 1) Comparto ematico: flusso ematico splancnico è di 1200 ml/min (20-25% 25% portata cardiaca; flusso nei capillari peritoneali: ml/min) 2) Membrana Peritoneale: importante rete linfatica; Parete Capillari a grandi pori (convezione) Parete capillari a piccoli pori (diffusione) Parete capillari a pori ultrapiccoli (ultra- filtrazione) 3) Comparto dialisato: il fluido in cavità determina aumenti pressione. E E influenzata da: flusso, temperatura, osmolarità,, acidità,, composizione

16 I L C A T E T E R E P E R I T O N E A L E CARATTERISTICHE DEL CATETERE IDEALE Garanzia di efficace drenaggio Efficace barriera contro i germi Biocompatibilità Buona tolleranza fisica ed estetica Facilità di impianto, connessione e rimozione Basso costo

17

18 Addome vuoto Fase di carico Fase di sosta Fase di scarico

19 Complicanze non infettive della dialisi peritoneale Emoperitoneo Idrotorace Edema dei genitali Leakage dialisato Ernie addominali

20 Peritonite La peritonite rimane una delle principali complicanze della dialisi peritoneale La sua elevata frequenza ha limitato per molti anni la diffusione di questa tecnica sostitutiva renale Negli ultimi tempi il miglioramento della connettologia e l introduzione del sistema twin-bags hanno ridotto significativamente l incidenza delle infezioni peritoneali

21 La dialisi peritoneale manuale (CAPD) è un trattamento dialitico gestito dal paziente presso il proprio domicilio. La soluzione dializzante viene generalmente sostituita 4 volte al giorno: 3 scambi avvengono durante il giorno con intervalli di 4 ore circa ed uno scambio è notturno con un tempo di sosta più lungo Ogni scambio dura approssimativamente minuti.

22 La dialisi peritoneale automatizzata (APD) è un trattamento dialitico domiciliare gestito dal paziente mediante l ausilio di una macchina (cycler) che gestisce gli scambi automaticamente rispettando uno schema stabilito dal medico. Il paziente connette il suo catetere alla macchina, che è equipaggiata con un sufficiente numero di sacche di soluzione.

23 Controindicazioni assolute e relative alla Emodialisi e Dialisi Peritoneale EMODIALISI DIALISI PERITONEALE ASSOLUTE impraticabilità peritoneo asportazione organi peritoneali pregresse peritoniti chirurgiche pregressa diverticolite ernie con elevato rischio anestes. incapacità collaborare senza partner terapia immunosoppressiva

24 Controindicazioni assolute e relative alla Emodialisi e Dialisi Peritoneale EMODIALISI grave scompenso cardiaco età < 2 anni possibilità di ripresa funzionale angiodisplasia intestinale anticorpi anti - eparina DIALISI PERITONEALE RELATIVE ernie o laparocele non corretti reni policistici di grandi dimensioni terapia cortisonica a dosi elevate diverticolosi clinicamente rilevante grave sindrome nefrosica obesità malnutrizione TEMPORANEE recente sanguinamento focolai settici in qualunque sede o emorragia intervento chirurgia addominale < 1 mese intervento vascolare addominale < 2 mesi

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M.

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M. Servizio Sanitario Regionale NOTE INFORMATIVE SULLA SCELTA DEL TRATTAMENTO DIALITICO CONSENSO ALLA DIALISI Gentile Signore/a, a breve dovrà iniziare il trattamento dialitico, che comporterà significativi

Dettagli

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Benedetto Maria Teresa Imola, 11/6/08 PERCORSI AMBULATORIO NEFROLOGICO AMBULATORIO DI PREDIALISI AMBULATORIO DIALISI:

Dettagli

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Presidio Ospedaliero S. Maria del P. Incurabili S.C. Universitaria di Nefrologia e Dialisi DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA

Dettagli

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario:

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario: DIALISI: da sapere A cura di Domenico Santoro, Annamaria Bruzzese e Rossella Siligato UOC Nefrologia e Dialisi Dip. di Medicina Clinica e Sperimentale Azienda Ospedaliera Universitaria G. Martino, Messina

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale

assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Con affetto alle mie figlie Sofia e Beatrice FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA PER INFERMIERE Tesi di Laurea assistenza infermieristica Alla persona con insufficienza renale Laureanda Simonetta

Dettagli

IL PAZIENTE IN DIALISI

IL PAZIENTE IN DIALISI IL PAZIENTE IN DIALISI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI DIALISI OBIETTIVI Cenni sull INSUFFICIENZA RENALE Diversi tipi di DIALISI Il PAZIENTE DIALIZZATO: problematiche ed emergenze EMORRAGIE della

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Dialisi. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Dialisi. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Dialisi CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela Quando si instaura un'insufficienza renale si deve ricorrere alla DIALISI

Dettagli

Insufficienza Renale Cronica

Insufficienza Renale Cronica Insufficienza Renale Cronica Le nefropatie croniche si classificano in: - Nefropatia con filtrazione glomerulare (FG) normale [ > 90 ml/min/1,73 m²]; - Nefropatia con diminuzione lieve del FG [89-60 ML

Dettagli

La dialisi. fra passato, presente e futuro NEFROLOGIA

La dialisi. fra passato, presente e futuro NEFROLOGIA A cura di Michele Giannattasio * NEFROLOGIA La dialisi fra passato, presente e futuro a dialisi è diventata una modalità di terapia regolare e diffusa di trattamento del paziente affetto da Insufficienza

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI. Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo

ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI. Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo ACCOMPAGNARE IL PAZIENTE IN EMODIALISI Dr. Fabrizio Vellani Nefrologo Composizione del corpo umano e distribuzione dei liquidi corporei Per un giovane maschio: SOLIDI 40% Proteine 18 % Grassi 15 % Minerali

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA Disciplina: MALATTIE INFETTIVE Docente: Prof. Paolo GROSSI Varese Prof. Luigi PUSTERLA Como Prof.ssa Claudia Giuseppina ZEROLI Busto Arsizio Modalità di diffusione delle malattie infettive: trasmissione

Dettagli

DISEQUILIBRIO IDRO- ELETTROLITICO.

DISEQUILIBRIO IDRO- ELETTROLITICO. CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI COMPLETI PER EMODIALISI IN UNIONE D ACQUISTO FRA LE AZIENDE SANITARIE ASSOCIATE ALL AREA VASTA EMILIA NORD LOTTO 1 TRATTAMENTI DIALISI EXTRACORPOREA

Dettagli

Alessandro Avventuroso - Mirko Dalle Mulle....e non siamo soli. (frammenti di una malattia)

Alessandro Avventuroso - Mirko Dalle Mulle....e non siamo soli. (frammenti di una malattia) Alessandro Avventuroso - Mirko Dalle Mulle...e non siamo soli (frammenti di una malattia) Introduzione Tutto nasce da un idea comune di Alessandro e Mirko, due amici che si sono trovati casualmente sul

Dettagli

Selezione e gestione del ricevente

Selezione e gestione del ricevente Selezione e gestione del ricevente Le tre condizioni che più comunemente portano all insufficienza renale e che sono trattate con il trapianto di rene sono : il diabete mellito insulino-dipendente, la

Dettagli

Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani. Nefrologia e Dialisi

Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani. Nefrologia e Dialisi Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Nefrologia e Dialisi Direttore: Roberto Scarpioni Parliamo di reni Ambulatorio di Predialisi Dr. Sergio Ballocchi A.F.D.Loredana Scalambra

Dettagli

Il paziente dializzato: gestione e trasporto

Il paziente dializzato: gestione e trasporto Il paziente dializzato: gestione e trasporto Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Argomenti

Dettagli

La persona con insufficienza renale cronica

La persona con insufficienza renale cronica La persona con insufficienza renale cronica L INSUFFICIENZA RENALE CRONICA LA FUNZIONE DEI RENI Assistere in famiglia: istruzioni per l uso I reni sono due organi di forma simile ad un fagiolo, lunghi

Dettagli

emodialisi dialisi peritoneale COS È L EMODIALISI emodialisi

emodialisi dialisi peritoneale COS È L EMODIALISI emodialisi LA DIALISI La dialisi è un trattamento che sostituisce la funzione renale, cioè che non cura i reni e non ripristina la loro funzionalità. Anzi, a dire il vero, la dialisi non sostituisce neppure a pieno

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015

Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 Facoltà di Farmacia e Medicina BANDO DI CONCORSO A.A. 2014/2015 MASTER DI I LIVELLO IN Nefropatie, Dialisi e Patologie Cardiovascolari (CODICE 26769) DIRETTORE: PROF. GIANFRANCO RAIMONDI AVVISO DI CONFERIMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Dipartimento di Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Dipartimento di Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Tesi di Laurea QUALITA E IMPORTANZA DELL EDUCAZIONE EFFETTUATA DALL AMBULATORIO DI NEFROLOGIA AI

Dettagli

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE a cura di Coodinatori e infermiere CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL

Dettagli

GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI

GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI A CURA DEL PERSONALE INFERMIERISTICO DELLA DIALISI DI PIACENZA con questa guida intendiamo

Dettagli

1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1. 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221

1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1. 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221 IX Indice 1 Nuovi pazienti affetti da insufficienza renale 1 2 Emodialisi 83 3 Assistenza infermieristica al paziente in emodialisi 221 4 Dialisi peritoneale 263 5 Assistenza infermieristica al paziente

Dettagli

Priming Avvio Mantenimento - Stop

Priming Avvio Mantenimento - Stop TERAPIA SOSTITUTIVA RENALE CONTINUA Priming Avvio Mantenimento - Stop N. Lanfranconi Terapia Intensiva OEI Genova Premessa Le tecniche di CRRT prevedono l utilizzo di circuiti ematici extracorporei e sotto

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg PRESSIONE OSMOTICA capacità di una soluzione più concentrata di richiamare acqua attraverso una membrana semipermeabile (cioè permeabile solo all H 2 O). La pressione osmotica del plasma è 28mmHg 1 SPAZI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE PER EMODIALISI E FORNITURA DEL RELATIVO MATERIALE DI CONSUMO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia

La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia La Terapia Sostitutiva Renale Extracorporea o Emodialisi Claudio Brovida, DMV, PhD ANUBI Ospedale per Animali da Compagnia Introduzione I reni provvedono a mantenere il controllo dell omeostasi, della

Dettagli

1. L INSUFFICIENZA RENALE CRONICA (IRC)

1. L INSUFFICIENZA RENALE CRONICA (IRC) 1. L INSUFFICIENZA RENALE CRONICA (IRC) L insufficienza renale cronica (IRC) è caratterizzata dalla perdita progressiva ed irreversibile della funzione renale in conseguenza della riduzione di tessuto

Dettagli

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione L équipe sanitaria multidisciplinare, composta da 6 medici strutturati,

Dettagli

TERAPIA SOSTITUTIVA TERAPIA SOSTITUTIVA. Prof. Alessandra Perna. Seconda Università di Napoli EMODIALISI DIALISI PERITONEALE TRAPIANTO

TERAPIA SOSTITUTIVA TERAPIA SOSTITUTIVA. Prof. Alessandra Perna. Seconda Università di Napoli EMODIALISI DIALISI PERITONEALE TRAPIANTO TERAPIA SOSTITUTIVA Prof. Alessandra Perna Seconda Università di Napoli TERAPIA SOSTITUTIVA EMODIALISI DIALISI PERITONEALE TRAPIANTO scaricato da www.sunhope.it 1 INDICAZIONI OLTRE ALLA PRESENZA DI IRC

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA.

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA. OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA MALATTIA RENALE CRONICA E LA TERAPIA SOSTITUTIVA. I reni sono due organi di forma simile ad un fagiolo, lunghi circa 12 cm, posti ai lati della colonna vertebrale. La funzione

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Il Trapianto di Rene

Il Trapianto di Rene Il Trapianto di Rene il Trapianto Sostituire un organo malato con uno sano proveniente da donatore vivente cadavere a cuore battente il cadavere a cuore battente pz. in coma depassè (morte cerebrale =

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA

SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA Schemi Dialitici Alternativi : Perché SCHEMI DIALITICI ALTERNATIVI ed EMODIALISI QUOTIDIANA Umberto Buoncristiani Perugia L Emodialisi Extracorporea Tradizionale di 4-5 ore x 3 volte a settimana è il risultato

Dettagli

Unità Operativa di Emodialisi

Unità Operativa di Emodialisi Dipartimento Medico Internistico 2 - Ravenna U.O. Aziendale di Nefrologia e Dialisi Unità Operativa di Emodialisi Guida ai Servizi Dipartimento Medico Internistico 2 - Ravenna U.O. Aziendale di Nefrologia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE

CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE NEFROLOGIA E DIALISI Dipartimento Internistico e delle Specialità Mediche Patologie trattate o esami La S.C. di Nefrologia e Dialisi svolge attività

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Un attenzione particolare per calcolosi renale, ipertrofia prostatica e insufficienza renale cronica

Un attenzione particolare per calcolosi renale, ipertrofia prostatica e insufficienza renale cronica Le patologie genitourinarie sono la settima causa di ricovero e rappresentano oltre il 6% di tutti i ricoveri. All interno di questo gruppo di patologie la componente più rilevante per gravità e per carico

Dettagli

LA DIALISI. Guida al percorso di diagnosi e cura. www.aou-careggi.toscana.it

LA DIALISI. Guida al percorso di diagnosi e cura. www.aou-careggi.toscana.it Dipartimento Specialità Medico-Chirurgiche Direttore f.f.: Dott. Valerio Del Ministro Guida al percorso di diagnosi e cura SOD Nefrologia e Nefrologia dei Trapianti Direttore: Dott. Enrico E. Minetti LA

Dettagli

arteriopatie obliteranti

arteriopatie obliteranti CHE COSA SONO LE ARTERIOPATIE OBLITERANTI Il sangue viene trasportato dal cuore in periferia dall arteria aorta e dai sui rami. Tra questi le arterie iliache-femorali-poplitee e tibiali sono deputate alla

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto:

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015 La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: analisi della coorte 2007-2010 del Registro Veneto Dialisi e Trapianti (RVDT)

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Corso di Aggiornamento

Corso di Aggiornamento Corso di Aggiornamento APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA DELLA ECOTOMOGRAFIA IN NEFROLOGIA F. Petrarulo (S.C. di Nefrologia e Dialisi ASL BA-Osp. Di Venere ) 30 Giugno 2007 Auditorium Ordine dei Medici Quando

Dettagli

PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA IN TRATTAMENTO DIALITICO PERITONEALE CON PROBLEMATICHE DEL CATETERE E SCARSE PERFORMANCE DI DRENAGGIO

PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA IN TRATTAMENTO DIALITICO PERITONEALE CON PROBLEMATICHE DEL CATETERE E SCARSE PERFORMANCE DI DRENAGGIO CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA QUINQUENNALE DI TRATTAMENTI DI DIALISI PERITONEALE PER PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA DESCRIZIONE DEI LOTTI ------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PARTE PRIMA: ELEMENTI DI BASE

PARTE PRIMA: ELEMENTI DI BASE Indice Autori Prefazione XI XIII PARTE PRIMA: ELEMENTI DI BASE Capitolo 1 Cenni di anatomia e fisiologia dell apparato urinario 3 Anatomia macroscopica 3 Anatomia microscopica 6 Fisiologia 8 Capitolo 2

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Procedura/Istruzione Operativa GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Codice Documento_Edxx AAA_COD_xxx_Edxx Pag. 1/12 Data emissione: gg/mm/aa Unità

Dettagli

Principali patologie renali -Pielonefrite acuta e cronica -Glomerulonefrite acuta e cronica -Sindrome nefrosica -Insufficienza renale reversibile e irreversibile -Calcolosi renale Pielonefrite acuta Da

Dettagli

diario Sindrome Nefrosica Idiopatica

diario Sindrome Nefrosica Idiopatica diario di Sindrome Nefrosica Idiopatica diario Sindrome Nefrosica Idiopatica Medico di riferimento: Contatti: Centro: Col supporto di COS E LA SINDROME NEFROSICA? La sindrome nefrosica non è una malattia

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE POSSIBILITA TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELL INSUFFICIENZA RENALE CRONICA. Redatto da: ANTONELLA ASPIDELLI

GUIDA PER IL PAZIENTE POSSIBILITA TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELL INSUFFICIENZA RENALE CRONICA. Redatto da: ANTONELLA ASPIDELLI POSSIBILITA TERAPEUTICHE NEL TRATTAMENTO DELL INSUFFICIENZA RENALE CRONICA GUIDA PER IL PAZIENTE Redatto da: ANTONELLA ASPIDELLI In collaborazione con: GRUPPO INFERMIERISTICO DI ATTIVITA AMBULATORIALE

Dettagli

Manuale informativo C.A.P.D

Manuale informativo C.A.P.D Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani D DDdD Nefrologia e Dialisi Direttore: dr.roberto Scarpioni Manuale informativo C.A.P.D (Dialisi ambulatoriale continua) A cura di:

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

LA DIALISI: NURSING COME PUNTO DI PARTENZA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA DELLA VITA

LA DIALISI: NURSING COME PUNTO DI PARTENZA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA DELLA VITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI A. MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA POLO IONICO Coordinatore didattico: Prof. L. Santacroce TESI DI LAUREA LA DIALISI: NURSING COME

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA LAUREA IN INFERMIERISTICA (abilitante alla professione di Infermiere)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA LAUREA IN INFERMIERISTICA (abilitante alla professione di Infermiere) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA LAUREA IN INFERMIERISTICA (abilitante alla professione di Infermiere) TESI DI LAUREA DIALISI PERITONEALE ED AUMENTO PONDERALE: CONSEGUENZE

Dettagli

Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI

Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI Dr De Palo Tommaso UO Nefrologia e Dialisi Pediatrica Osp Giovanni XXIII Bari TERAPIA DIALITICA: INDICAZIONI *Sappiamo,infatti, che nei 2/3 dei casi l esordio di queste patologie è neonatale,molto precoce

Dettagli

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel Workshop Legami sociali e Salute Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB LEGami

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

58 Congresso Nazionale SIGG Torino - 29 novembre 2013 La videodialisi: il partner virtuale della dialisi peritoneale

58 Congresso Nazionale SIGG Torino - 29 novembre 2013 La videodialisi: il partner virtuale della dialisi peritoneale 58 Congresso Nazionale SIGG Torino - 29 novembre 2013 La videodialisi: il partner virtuale della dialisi peritoneale Sara Barbieri Loris Neri Giusto Viglino ALBA La terapia dialitica sostitutiva Emodialisi

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze Struttura Complessa di Cardiologia Universitaria Città della Scienza e della Salute, Torino Direttore: Prof. Fiorenzo Gaita L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali

Dettagli

MODULO FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE TRATTAMENTO CHIRURGICO/ENDOVASCOLARE DEGLI ANEURISMI DELL AORTA ADDOMINALE (AAA)

MODULO FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE TRATTAMENTO CHIRURGICO/ENDOVASCOLARE DEGLI ANEURISMI DELL AORTA ADDOMINALE (AAA) Pag. 1/7 Lei è affetto da aneurisma dell aorta addominale. DEFINIZIONE: l aneurisma è una dilatazione permanente di un tratto arterioso; normalmente si considera aneurismatico un segmento arterioso quando

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. Balance 1.5% glucosio, 1.25 mmol/l calcio, soluzione per dialisi peritoneale.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. Balance 1.5% glucosio, 1.25 mmol/l calcio, soluzione per dialisi peritoneale. FOGLIO ILLUSTRATIVO Balance 1.5% glucosio, 1.25 mmol/l calcio, soluzione per dialisi peritoneale. Leggere attentamente l intero foglio illustrativo prima d iniziare ad utilizzare questo medicinale. - Conservare

Dettagli

NEFROLOGIA E DIALISI. i v. OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo Ancarani

NEFROLOGIA E DIALISI. i v. OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo Ancarani NEFROLOGIA E DIALISI DIPARTIMENTO MEDICO G a d i u i a i z i v r se OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano Responsabile Dipartimento Medico: Marco Scudeletti Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo

Dettagli

Dati richiesti ai registri regionali per la contribuzione al Registro Italiano di dialisi e trapianto

Dati richiesti ai registri regionali per la contribuzione al Registro Italiano di dialisi e trapianto Dati richiesti ai registri regionali per la contribuzione al Registro Italiano di dialisi e trapianto Tabella Anagrafica Identificativo paziente (*) Testo 6 Regione (tabella ) Testo DATA di NASCITA (**)

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere.

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Claudia Marino, Nera Agabiti, Anna Maria Bargagli, Laura Cacciani, Salvatore Di Giulio,

Dettagli

Pagina 1 ALLEGATO A SCO NTO % LISTI NO Q.TA' ANNU A AOSP FE TOT.LE PROD.(Q.TA' X PREZZO) CAM PION ATU DESCRIZIONE Q.TA' ANNU A USL FE PREZZ O LISTIN O

Pagina 1 ALLEGATO A SCO NTO % LISTI NO Q.TA' ANNU A AOSP FE TOT.LE PROD.(Q.TA' X PREZZO) CAM PION ATU DESCRIZIONE Q.TA' ANNU A USL FE PREZZ O LISTIN O LLEGT LT T PIN DESCRIZINE USL SP N SC NT N IT. NETT TT.LE PRD.( X ) TT.LE PRD.( X + ) CDICE PRDTT 1 a 1 b 1 c Separatore cellulare per autotrasfusione per uso intraoperatorio con le seguenti caratteristiche:

Dettagli

Indice Parte prima Cose la dialisi? Perché sono costretto a sottopormi alla dialisi? Il fatto che io abbia sofferto di crampi molto dolorosi nel

Indice Parte prima Cose la dialisi? Perché sono costretto a sottopormi alla dialisi? Il fatto che io abbia sofferto di crampi molto dolorosi nel BREVE GUIDA ALLA DIALISI per i pazienti ed i loro Nefrologia Dialisi Centro Trapianti Direttore: Dott C. Cascone Indice Parte prima Cose la dialisi? Perché sono costretto a sottopormi alla dialisi? Il

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 42 del Reg. Decreti del 24/02/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Rinnovo

Dettagli

Sistemi per acuti. Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali

Sistemi per acuti. Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali Sistemi per acuti Il sistema multifiltrate : la scelta perfetta per trattamenti ottimali Il sistema multifiltrate: una sintesi Semplicità di gestione, flessibilità e affidabilità. L ideale per la terapia

Dettagli

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLERODERMIA - Polmoni - Apparato digerente - Cuore - Reni SCLERODERMIA - incidenza SCLERODERMIA - cause AUTOIMMUNITA SCONOSCIUTE MULTIFATTORIALI PREDISPOSIZIONE

Dettagli

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Allegato C) Al Direttore del Distretto di dell Azienda Sanitaria Locale PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Cognome

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative?

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Sabato 4 Ottobre 2014 Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Dott.ssa Alda Storari Unità operativa di Nefrologia

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI OSPEDALE SANDRO PERTINI UOC CHIRURGIA VASCOLARE Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI Lei è affetto da arteriopatia a carico

Dettagli

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI ente morale con personalità giuridica di diritto privato fondato nel 1594 Sig./ra luogo e data di nascita Sezione 1. Patologie presenti

Dettagli

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE E SUE COMPLICANZE Valeria De Carli Deluca Colugnat VANTAGGI DELLA NET Minori complicanze Minori costi è necessaria l integrità del tratto gastrointestinale TIPI DI

Dettagli

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM 1997 2002 Var.% DIAGNOSI 11.493 11.745 +2.19 INTERVENTI 3.543 3.582 +1.10 TOTALE 15.036 15.327 +1.94 Diagnosi Interventi Nuovi codici Nuove descrizioni Diagnosi Capitoli Nuovi Nuove Codici codici descrizioni

Dettagli

Istituto di Chirurgia Generale e Programma di Chirurgica Toracica Direttore: Prof. G. Cavallesco VERSAMENTI PLEURICI

Istituto di Chirurgia Generale e Programma di Chirurgica Toracica Direttore: Prof. G. Cavallesco VERSAMENTI PLEURICI Istituto di Chirurgia Generale e Programma di Chirurgica Toracica Direttore: Prof. G. Cavallesco VERSAMENTI PLEURICI Principi generali - Definizione Accumulo di abnorme quantità di liquido nello spazio

Dettagli

Roberto Pioppo. Autore Roberto Pioppo

Roberto Pioppo. Autore Roberto Pioppo Roberto Pioppo CENNI INTRODUTTIVI In terapia intensiva la maggior parte dei pazienti si trovano ad avere un bilancio idro-elettrolitico spesso positivo, dove i liquidi introdotti sono maggiori di quelli

Dettagli