Certificazione di Qualità CasaClima R

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificazione di Qualità CasaClima R"

Transcript

1 Certificazione di Qualità CasaClima R Versione 2.0 Bolzano, Versione 2.0

2 INDICE 1. LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ CASACLIMA Indicazioni generali Validità della Direttiva Tecnica CasaClima R Ampliamenti Documenti di certificazione Soggetti coinvolti L iter di certificazione 5 2. Casi di inapplicabilità dei requisiti Documentazione da consegnare all Agenzia CasaClima Il modulo di richiesta Check up energetico dell edificio/unità abitativa esistente Indicazione del consumo energetico prima dell intervento Il calcolo CasaClima e l elaborato grafico Il Catalogo CasaClima R Le Schede CasaClima R La foto documentazione La documentazione per il rilascio del certificato/attestato 9 4. Requisiti per l involucro Prestazioni di trasmittanza degli elementi opachi Schede elementi costruttivi Risoluzione dei ponti termici Protezione attiva dei ponti termici Schede ponti termici Verifica della tenuta all aria Verifica dell efficienza dei sistemi di ombreggiamento estivo Verifica delle prestazioni estive degli elementi esterni opachi Verifica della condensazione interstiziale Metodo di calcolo (SOLO PER EDIFICI) Dati generali dell edificio nel calcolo CasaClima Utilizzo dell edificio L involucro dell edificio Il vano scala/vano ascensore semplificazioni Controlli in fase progettuale e in fase costruttiva Responsabilità... 16

3 1. LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ CASACLIMA 1.1. Indicazioni generali La è un protocollo di qualità che ha lo scopo di qualificare gli interventi di risanamento energetico che vengono realizzati su di un edificio esistente ed è una certificazione a carattere volontario. La presente Direttiva Tecnica CasaClima R è lo strumento di riferimento che definisce da un punto di vista tecnico ed operativo il Protocollo di. Questo protocollo può essere applicato a qualsiasi edificio oppure a qualsiasi singola unità abitativa interessati da un intervento di risanamento energetico nel rispetto dell iter e dei criteri definiti dalla presente direttiva tecnica. Si ricorda inoltre che il presente Protocollo CasaClima R non nasce solo con l obbiettivo di fornire delle regole che permettono di sfruttare al meglio il potenziale di miglioramento della struttura esistente e quindi ridurre il fabbisogno energetico dell edificio o della unità abitativa, ma si pone il principale obbiettivo di migliorare il comfort indoor e garantire una elevata qualità delle opere realizzate. La è costituita dai seguenti strumenti tecnici: : requisiti per l involucro Direttiva Tecnica Impianti : requisiti per gli impianti Catalogo dei criteri Schede R involucro Schede R impianti unità abitava/appartamento Schede R impianti edificio Moduli (richiesta, dichiarazione vincoli, ecc.) A tal fine, si ricorda che il progetto dovrà comunque rispettare tutti i requisiti di legge previsti, sia di ambito locale sia di ambito nazionale, anche se non saranno presi in esame dal presente protocollo. Questa Direttiva Tecnica rappresenta il documento tecnico di riferimento per ogni certificazione nell ambito della sia essa eseguita dall Agenzia CasaClima di Bolzano oppure da tutti gli altri enti affiliati all Agenzia CasaClima, come: APE, AFE, ecc Validità della Direttiva Tecnica CasaClima R La presente Direttiva Tecnica entra in vigore in data 11/02/2013 e sarà valida fino alla data di pubblicazione di una nuova Direttiva Tecnica CasaClima R. Le disposizioni della presente Direttiva Tecnica CasaClima R si applicano agli interventi la cui richiesta di certificazione è posteriore alla data di entrata in vigore della presente Direttiva Tecnica. La richiesta di certificazione deve essere inoltrata prima dell inizio lavori e dopo la richiesta di DIA/SCIA. L iter di deve essere terminato entro quattro anni dalla data di trasmissione della richiesta di certificazione inviata all Agenzia CasaClima. Trascorsi i quattro anni, decade la validità della richiesta di certificazione e il richiedente dovrà re inviare all Agenzia CasaClima una nuova richiesta, che seguirà la Direttiva Tecnica CasaClima R vigente alla data della nuova richiesta. pagina 2 di 16

4 1.3. Ampliamenti Nella tabella seguente si raccolgono alcuni casi di ampliamento di edificio o di unità abitativa (appartamento) per i quali è possibile utilizzare la certificazione CasaClima R. Unitá abitativa Se viene ampliata la superficie di una unitá abitativa, in orizzontale o in verticale, sia gli elementi strutturali nuovi sia quelli esistenti devono rispettare i requisiti della Direttiva Tecnica CasaClima R. Certificazione di Qualità CasaClima R Unitá Abitativa Sopraelevazione Se viene realizzata una sopraelevazione, che comporta l aumento di volumetria dell edificio, sia gli elementi strutturali nuovi sia quelli esistenti devono rispettare i requisiti della Direttiva Tecnica CasaClima R. Certificazione di Qualità CasaClima R Edificio edificio monofamiliare Se viene aumentata la volumetria dell edificio, sia gli elementi strutturali nuovi sia quelli esistenti devono rispettare i requisiti della Direttiva Tecnica CasaClima R. Certificazione di Qualità CasaClima R Edificio Per tutti gli altri i casi che fanno eccezione, si demanda l interpretazione della situazione particolare alla sola Agenzia CasaClima, che esprimerà una dichiarazione ufficiale per ogni singolo caso. pagina 3 di 16

5 1.4. Documenti di certificazione I documenti finali, che attestano il riconoscimento da parte dell Agenzia CasaClima del corretto svolgimento e della corretta elaborazione di tutta la documentazione richiesta dal protocollo di certificazione R, si dividono in Certificato energetico CasaClima R, per gli edifici e l attestato CasaClima R, per le unità abitative (appartamenti). Documento Targhetta Edifici risanati Certificato energetico CasaClima R Targhetta R Edificio Unità abitative risanate Attestato CasaClima R Targhetta R Unità Abitativa 1.5. Soggetti coinvolti Di seguito si elencano i principali soggetti coinvolti nell ambito dell iter di certificazione CasaClima R. Il Titolare del marchio CasaClima R: l Agenzia CasaClima di Bolzano è l unico soggetto incaricato di rilasciare il certificato e la relativa targhetta CasaClima R. Il Richiedente: il Richiedente della certificazione è da considerarsi ogni persona fisica o giuridica che ha presentato richiesta scritta di certificazione di uno o più edifici nel rispetto di quanto previsto dalla presente Direttiva tecnica. Nel processo di certificazione esso è da ritenersi l'unico responsabile. Il Referente della certificazione: è il tecnico incaricato dal Richiedente della certificazione di seguire per suo nome e conto le attività che riguardano il processo di certificazione CasaClima R. È il soggetto di riferimento dell Agenzia CasaClima per tutte le attività rilevanti del protocollo di certificazione, che si svolgono durante l iter di certificazione. Per le unità abitative fuori dalla Provincia di Bolzano, il Tecnico Referente deve essere un Consulente Energetico CasaClima. pagina 4 di 16

6 1.6. L iter di certificazione Per la certificazione R che riguarda l unità abitativa oppure l edificio, l iter si sviluppa come segue. Diagramma di flusso dell iter di certificazione. pagina 5 di 16

7 2. Casi di inapplicabilità dei requisiti Il progetto CasaClima R parte dalla valutazione della situazione energetica dell involucro e degli impianti esistenti attraverso le seguenti fasi : a. stato attuale b. interventi tecnicamente possibili c. potenziale di miglioramento E accettato dal protocollo di che non vengano raggiunte le prestazioni indicate nel catalogo dei criteri nei seguenti casi: a. vincoli urbanistici (distanze tra edifici, ) b. vincoli paesaggistici c. vincoli storico architettonici d. vincoli igienico sanitari in relazione alle altezze interne e. vincoli igienico sanitari in relazione alle superfici calpestabili interne f. edificio/unità abitativa di altra proprietà abitato/a g. altro vincolo In questi casi deve essere compilato e firmato il modulo Vincoli, scaricabile dal sito dell Agenzia CasaClima dove si attesta l inapplicabilità del rispettivo requisito. pagina 6 di 16

8 3. Documentazione da consegnare all Agenzia CasaClima Documenti richiesti per la Moduli/schede CasaClima Tecnico (*) Firma Committente Supporto cartaceo Supporto digitale pdf jpg tif dwg dxf Modulo di richiesta (originale) + autorizzazione del proprietario per le verifiche degli auditori CasaClima DIA, SCIA o altro documento equivalente Modulo VINCOLI (se richiesto) Modulo COMUNICAZIONE AL CONDOMINIO (SOLO PER UNITA ABITATIVE/APPARTAMENTO) Check up energetico dell edificio/unità abitativa esistente (rilievo fotografico, indagini diagnostiche preliminari, ecc.) facoltativo Indicazione del consumo energetico prima dell intervento in KWh/m² anno (SOLO PER EDIFICIO) facoltativo Calcolo energetico CasaClima post intervento: condivisione e stampe (SOLO PER EDIFICIO) Elaborato grafico Controllo progetto Schede CasaClima R compilate e firmate (vengono inviate dall Agenzia CasaClima dopo la protocollazione): stratigrafie degli elementi costruttivi nodi costruttivi con individuate le soluzioni per l eliminazione dei ponti termici calcolo delle prestazioni estive e invernali degli elementi esterni opachi Verifica agli elementi finiti secondo l Allegato B della Direttiva Tecnica Nuovi Edifici (se richiesto) Documentazione descrittiva del sistema di protezione attivo dei ponti termici (se richiesto) Coibentazione interna o in intercapedine: verifica della condensazione interstiziale Schede degli impianti compilate e firmate Tavola di progetto degli impianti termici, compilata e firmata, con piante e schema di funzionamento della centrale di produzione, contenente solo le indicazioni utili alla verifica delle schede impiantistiche di cui sopra (Condizioni di esercizio; caratteristiche di apparecchiature e accessori/ausiliari; ecc.) facoltativo Tavola di progetto dell impianto di ventilazione con posizionamento delle unità di trattamento aria, percorsi dei canali e relative dimensioni, bocchette con indicata: portata, velocità e potenza sonora di ciascuna. facoltativo Libretto dell impianto esistente (conforme ai modelli previsti dalla normativa vigente) Relazione tecnica degli impianti che descriva in maniera esaustiva eventuali impedimenti al rispetto delle prescrizioni stabilite, sia di natura tecnica che legislativa. Cronologia indicativa dell esecuzione dei lavori (SOLO PER EDIFICIO) Schede tecniche dei materiali, finestre, porte, documenti relativi ai sistemi di isolamento, ecc. Controllo costruzione Foto-documentazione genarale dell intervento Certificati delle pompe di calore e delle macchine di ventilazione, rilasciati da ente/laboratorio terzo accreditato e redatti secondo i riferimenti normativi tecnici indicati Schede tecniche dei generatori di energia termica e frigorifera, degli ausiliari elettrici e degli apparecchi di regolazione, che attestino il rispetto dei requisiti richiesti in questa direttiva Foto-documentazione utile alla verifica delle informazioni inserite nelle schede Controllo finale Blower-Door-Test, firmato dal tecnico esecutore Termografia (se richiesto) Dichiarazione di consenso informato Scheda identificativa degli impianti termici e di ventilazione Verifica delle condizioni di funzionamento (se richiesto) Nota: per tecnico (*) si intende il tecnico referente della pratica CasaClima che segue l iter di certificazione e mantiene i contatti con l Agenzia CasaClima. In tal senso è la figura responsabile di raccogliere dai diversi tecnici coinvolti nel progetto tutta la documentazione richiesta per la certificazione e di inviarla all Agenzia CasaClima. La firma richiesta sui documenti è apposta dal tecnico che ha elaborato il documento, non necessariamente dal tecnico referente. Tutti i documenti devono essere firmati come specificato nella tabella. pagina 7 di 16

9 Il richiedente deve elaborare e compilare tutta la documentazione necessaria richiesta: - Modulo di richiesta - Modulo Vincoli - Modulo Comunicazione al condominio - Direttiva tecnica CasaClima R - Schede CasaClima R - Dichiarazione di consenso informato La documentazione è scaricabile dal sito Il modulo di richiesta Il modulo di richiesta per la va obbligatoriamente presentato all Agenzia CasaClima. E il modulo che definisce la data di avvio della pratica di certificazione e i soggetti coinvolti Check up energetico dell edificio/unità abitativa esistente E un elaborato che comprende il rilievo fotografico, eventuali indagini diagnostiche preliminari e dati che descrivono lo stato dell edificio o dell unità abitativa prima dell intervento Indicazione del consumo energetico prima dell intervento Questo è un dato espresso in KWh/m² anno. Può essere compilato con un programma di calcolo o analizzando i consumi reali Il calcolo CasaClima e l elaborato grafico Calcolo CasaClima Edificio SI (*) Unità abitativa NO Elaborato grafico - Piante, Prospetti, Sezioni (stato attuale, stato modificato, stato sovrapposto) - indicazione del posizionamento delle stratigrafie nelle piante e/o sezioni - Calcolo della superficie lorda e del volume lordo - Calcolo delle superfici disperdenti - Pianta con i sistemi di ombreggiamento - Pianta e 2 sezioni con indicazione del posizionamento delle stratigrafie - Pianta con i sistemi di ombreggiamento (*) Nota: ai fini del rilascio del certificato può essere utilizzato il software 5.0, scaricabile dal sito dell Agenzia CasaClima pagina 8 di 16

10 3.5. Il Catalogo CasaClima R Ai fini della certificazione, il Catalogo CasaClima R costituisce il documento riassuntivo delle qualità energetiche del progetto di risanamento, determinante per il conferimento della Certificazione di Qualità CasaClima R. Il Catalogo CasaClima R è strutturato per criteri prestazionali di verifica sia in riferimento all efficienza dell involucro che all efficienza complessiva connessa alle scelte impiantistiche. Esso è un documento utilizzato dall Agenzia CasaClima come strumento di controllo e aggiornamento della pratica Le Schede CasaClima R Lo strumento di progettazione e controllo del Progetto CasaClima R sono le Schede CasaClima R che sono impostate per essere un documento di supporto anche per la fase di Audit. Le Schede CasaClima R sono composte da tre sezioni: - Schede elementi costruttivi per ogni componente dell involucro, opaco e trasparente - Schede ponti termici con indicazione della tecnica di risoluzione dei ponti termici - Schede impianti con riportate le caratteristiche tecniche degli impianti 3.7. La foto documentazione Deve essere inviata un accurata foto documentazione delle principali fasi di costruzione e dei dettagli rilevanti, ponendo particolare attenzione alla messa in opera degli elementi costruttivi (coibentazione, finestre, attacco ultimo solaio/tetto, ecc.). Nella foto documentazione dovranno essere indicati, con l utilizzo di metro, gli spessori dei materiali posati. Ogni particolare costruttivo e elemento strutturale presente nel calcolo CasaClima dovrà essere accuratamente foto documentato. Le foto fornite dovranno avere una risoluzione tale da consentire un adeguata lettura dei particolari e degli spessori misurati La documentazione per il rilascio del certificato/attestato Il rilascio del Certificato CasaClima R per gli edifici e dell Attestato CasaClima R per le unità abitative è vincolato da: Test di tenuta all aria secondo la Direttiva Tecnica CasaClima Blower Door Test vigente (secondo il metodo A della UNI EN 13829:2002). Analisi termografica (solo in caso di richiesta specifica dell Agenzia CasaClima). Dichiarazione di consenso informato CasaClima firmata da parte del progettista principale e del committente che attesta che l esecuzione dei lavori é conforme al progetto energetico depositato all Agenzia CasaClima. I seguenti dati sono necessari per rilasciare il certificato/attestato: Intestatario del certificato (nome del/dei proprietari/o, nome azienda, ecc.) Indirizzo dell unità abitativa con esatto numero civico. Permesso per costruire con data di emissione. Numero particella fondiaria e/o edificabile. Comune catastale. Foto dell unità abitativa da inserire sull attestato. Indirizzo per la spedizione del certificato/attestato e della Targhetta. pagina 9 di 16

11 4. Requisiti per l involucro 4.1. Prestazioni di trasmittanza degli elementi opachi Zona F Zone D, E Zone A, B, C Parete esterna/vs vano non riscaldato: 0,33 W/m²K 0,34 W/m²K 0,40 W/m²K Copertura esterna/vs vano non riscaldato: 0,29 W/m²K 0,30 W/m²K 0,38 W/m²K Solaio esterno/vs vano non riscaldato vs basso: 0,32 W/m²K 0,33 W/m²K 0,42 W/m²K Parete/solaio vs vano riscaldato: 0,80 W/m²K 0,80 W/m²K 0,80 W/m²K Parete vs vano scala: 0,33 W/m²K 0,34 W/m²K 0,40 W/m²K Ug vetro serramenti: 1,20 W/m²K 1,30 W/m²K 1,40 W/m²K Uf telaio serramenti: 1,40 W/m²K 1,50 W/m²K 1,60 W/m²K U cassonetto 1,40 W/m²K 1,50 W/m²K 1,60 W/m²K U portoncino d ingresso 1,40 W/m²K 1,50 W/m²K 1,60 W/m²K Nel caso di solaio contro terreno o di solaio verso vano riscaldato verso il basso, è consentito utilizzare il metodo di calcolo secondo la UNI EN ISO Ad esclusione dei casi di inapplicabilità (si veda paragrafo successivo), valgono le seguenti prescrizioni: Pareti e solai esterni/verso vani non riscaldati (escluso vano scale) Solaio contro terra Solaio su vespaio areato Pareti e solai verso vani riscaldati E` obbligatorio intervenire e raggiungere le prestazioni limite Se non si interviene all interno dell unità abitativa: se GG 2000 K, deve essere U 0,80 W/m²K; se GG < 2000 K è ammesso U > 0,80 W/m²K se si interviene sull elemento costruttivo: U 0,80 W/m²K Parete verso vano scala non riscaldato Parete verso vano scala non riscaldato vetrato Serramenti Devono essere verificati i limiti solo in caso di intervento sull elemento costruttivo Vano scala con vetrate verso esterno, si deve rispettare in alternativa: - il limite indicato per le pareti dell u.a. verso vano scala - il limite indicato per la vetrata del vano scala Ug, Uf: i valori vanno documentati con i certificati, come prescritto nella Direttiva Tecnica Nuovi Edifici Telaio in legno: se viene mantenuto il telaio del serramento esistente, Uf può essere superiore al valore limite, ma ci deve essere doppia guarnizione e deve essere rispettato il valore limite di Ug Per GG 4000 K: Ug 0,9 W/m²K Non sono accettati serramenti con distanziale in alluminio Portoncino Portoncino in legno: se viene mantenuto il portoncino esistente, U può essere superiore al valore limite L Agenzia CasaClima si riserva di ampliare o ridurre le presenti prescrizioni, valutando di volta in volta, ogni singolo progetto. pagina 10 di 16

12 4.2. Schede elementi costruttivi In ciascuna scheda degli elementi costruttivi deve essere inserito: - Numero dell elemento. - Superficie dell elemento - Tipo di coibentazione (interna, esterna, intercapedine). - Grafico della stratigrafia dell elemento. - Fotografia dell elemento. - Nel caso di coibentazione interna o in intercapedine si deve allegare la verifica della condensazione interstiziale. pagina 11 di 16

13 4.3. Risoluzione dei ponti termici Il Catalogo CasaClima R contempla tre possibilità tecniche di risoluzione dei ponti termici: a. secondo l Allegato A della Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici b. secondo l Allegato B della Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici c. protezione attiva dei ponti termici Nel caso di installazione di impianto di ventilazione meccanica controllata, per la verifica secondo l Allegato B della Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici, il calcolo può essere fatto con il valore di Umidità Relativa interna uguale a 50%. Le simulazioni quindi dovranno avere una temperatura superficiale interna limite minima di 13,0 C Protezione attiva dei ponti termici Tali soluzioni devono essere prese in considerazione solo dopo che è stata dimostrata l impossibilità tecnica di risolvere il ponte termico con sistemi di tipo passivo. - E necessario dimostrare l inapplicabilità di una soluzione passiva del ponte termico secondo Allegato A. - Si devono allegare le verifiche agli elementi finiti secondo l Allegato B. - Prima di adottare la soluzione attiva, è necessario il benestare da parte dell Agenzia CasaClima previa valutazione delle precedenti verifiche. Nel caso di soluzioni con protezione attiva dei ponti termici, possono essere adottati sia sistemi di tipo elettrico sia sistemi di tipo termico, nel rispetto delle seguenti prescrizioni: - il circuito elettrico o termico deve essere indipendente dal resto dell impianto - il circuito deve essere contabilizzato a parte mediante contatore elettrico o contatore idrometrico e con possibilità di registrazione delle ore di funzionamento; - presenza del sensore di temperatura superficiale per la regolazione dell accensione e dello spegnimento del circuito elettrico o termico; - la lunghezza massima accettabile è da verificare caso per caso (benestare dell Agenzia CasaClima); - il cavo scaldante a potenza costante deve avere i seguenti requisiti: Tensione nominale 230 Volt Potenza elettrica 15 W/m Diametro 4,5 mm Campo di regolazione C pagina 12 di 16

14 4.5. Schede ponti termici In ciascuna scheda dei ponti termici deve essere inserito: - Metodo di risoluzione (a, b, c) - Particolare costruttivo - Nel caso b: calcolo agli elementi finiti della verifica della temperatura superficiale - Nel caso c: tipo di tecnologia di protezione attiva, con indicazione di: Lunghezza totale attiva Tipo termico/elettrico Calcolo delle dispersione e della compensazione delle dispersioni pagina 13 di 16

15 4.6. Verifica della tenuta all aria E obbligatorio il Blower Door Test secondo UNI EN 13829, metodo A (prova di edificio in uso) nei seguenti casi: metodo A UNI EN valore obiettivo n 50,lim = 3,0 h ( 1) Edifici Unità Abitative 4.7. Verifica dell efficienza dei sistemi di ombreggiamento estivo Sono adottate le prescrizioni della Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici, a meno di casi di palese inapplicabilità Verifica delle prestazioni estive degli elementi esterni opachi Sono adottate le prescrizioni della Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici, a meno di casi di palese inapplicabilità. Si riportano nella tabella di seguito i valori minimi dello sfasamento richiesto dall Agenzia CasaClima. Descrizione dell elemento strutturale sottotetto abitabile in caso di assenza di un solaio di separazione fra tetto e spazio abitabile elementi strutturali opachi con orientamento sud, sudest, est, sudovest, ovest, e inclinati verso il cielo strutture verticali, orizzontali ed inclinate pesanti (cemento armato) con isolamento termico esterno Sfasamento richiesto dall Agenzia CasaClima 12 h 10 h 9 h Contemporaneamente al requisito dello sfasamento, gli elementi strutturali opachi esposti all' irraggiamento solare (Nord Est, Est, Sud Est, Sud, Sud Ovest, Ovest, Nord Ovest) devono avere il valore di trasmittanza termica periodica U d minore o uguale di 0,10 W/m 2 k Verifica della condensazione interstiziale Ai fini della certificazione CasaClima R, la verifica della condensa interstiziale, si applica solo agli elementi costruttivi con: - Coibentazione interna - Coibentazione in intercapedine Il protocollo di certificazione CasaClima R accetta solo le seguenti verifiche della condensa interstiziale: a. ai sensi della Uni En Iso 13788:2003 (metodo di calcolo mensile) b. ai sensi della Uni En 15026:2008 (metodo di calcolo orario) Nel caso di installazione di impianto di ventilazione meccanica controllata, la verifica può essere fatta con il valore di Umidità Relativa interna uguale a 50%. pagina 14 di 16

16 5. Metodo di calcolo (SOLO PER EDIFICI) Le seguenti indicazioni riguardano il calcolo energetico dell edificio con certificazione R Dati generali dell edificio nel calcolo CasaClima Vale la Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici Utilizzo dell edificio Vale la Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici L involucro dell edificio Vale la Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici Il vano scala/vano ascensore semplificazioni Si possono adottare le seguenti semplificazioni del vano scala solo in due casi: - caso a Si interviene sulla parete verso vano scala/ascensore Si deve raggiungere il valore U limite della parete verso vano scala/ascensore Si devono risolvere i seguenti ponti termici: Nodo parete vano scala/ascensore primo solaio Nodo parete vano scala/ascensore solaio di copertura Nodo parete vano scala/ascensore pianerottolo/rampe vano scala/ascensore - caso b Non si interviene sulla parete verso vano scala/ascensore Si deve intervenire sull intero involucro riscaldato rispettando i limiti di U degli elementi strutturali, a meno dei casi di inapplicabilità b 1: - Si devono coibentare le pareti del vano scala/ascensore al piano inferiore a quello riscaldato con un isolante di spessore cm.5 e valore λ 0,04 W/mK - La porta di separazione del vano scala/ascensore al piano inferiore a quello riscaldato deve essere a tenuta all aria OPPURE: b 2: - Si deve inserire nel calcolo un solaio fittizio corrispondente alla superficie del vano scala/ascensore con valore U = 2,5 W/m²K e fi = 1 - La porta di separazione del vano scala/ascensore al piano inferiore a quello riscaldato NON deve essere a tenuta all aria pagina 15 di 16

17 6. Controlli in fase progettuale e in fase costruttiva L Agenzia CasaClima controlla la documentazione inviata e può richiedere integrazioni e/o ulteriori verifiche. Nel caso di richiesta di integrazioni, il controllo della pratica CasaClima può essere sospeso fino alla data di consegna della documentazione richiesta. La richiesta di certificazione sarà presa in considerazione ed elaborata dall Agenzia CasaClima solo quando la documentazione giunta all Agenzia CasaClima risulterà completa. Nel caso di richiesta non completa, l Agenzia CasaClima sospende temporaneamente la certificazione (al massimo per due anni) in attesa della documentazione mancante. Vale quanto definito nella Direttiva Tecnica CasaClima Nuovi Edifici. Il rilascio del Certificato/Attestato CasaClima R è vincolato alla verifica di tutta la documentazione. I casi di non conformità sono definiti nella Direttiva Tecnica Nuovi Edifici. 7. Responsabilità Le responsabilità dell Agenzia CasaClima sono definite e indicate nel certificato CasaClima oppure sul sito dell Agenzia CasaClima pagina 16 di 16

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA CERTIFICAZIONE CASACLIMA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA CERTIFICAZIONE CASACLIMA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA CERTIFICAZIONE CASACLIMA Per la verifica di qualitá del progetto, il richiedente o i suoi incaricati (delegati) devono inviare la documentazione sotto elencata. La documentazione

Dettagli

Protocollo CasaClima Open

Protocollo CasaClima Open Protocollo CasaClima Open Giugno 2014 Vers. 2.0 AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus AGENZIA PER L'ENERGIA ALTO ADIGE - CasaClima Schlachthofstraße 30 c I-39100 Bozen Via del Macello 30 c I-39100 Bolzano

Dettagli

CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione

CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione Comune di Udine CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione 26 giugno 2009 www.ape.ud.it 1 CLASSI ENERGETICHE E FABBISOGNO TERMICO + + = perdite di calore per trasmissione (attraverso l involucro) perdite

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE in partnership con CASACLIMA FVG 3 RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE PREMESSA Il protocollo CasaClima è un sistema di certificazione di qualità degli edifici ad alta prestazione energetica.

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011

Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011 Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011 Bolzan, 31.10.2011 Versione 1.3 INDICE 1. La certificazione CasaClima...4 1.1 Indicazioni generali 4 1.2 Validità della Direttiva Tecnica CasaClima 5 1.3 Il Programma

Dettagli

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design Fundamentals (MF) Exercises (ME) Applications (MA) Caratteristiche e comportamento dei

Dettagli

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a Scheda LETTERA INFORMATIVA ai sensi dell ALLEGATO 6 della PARTE SECONDA della D.A.L. 156/08 - Modello A N : Data: IMMOBILE O UNITA IMMOBILIARE OGGETTO DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE La relazione deve contenere gli elementi descrittivi idonei

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011

Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011 Direttiva Tecnica CasaClima Agosto 2011 Bolzan, 07.07.2011 Versione 1.1 INDICE 1. La certificazione CasaClima...4 1.1 Indicazioni generali 4 1.2 Validità della Direttiva Tecnica CasaClima 5 1.3 Il Programma

Dettagli

INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO

INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO Allegato B CHECK LIST INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO Il/ La sottoscritto/a (*) codice fiscale residente /con sede in via n. CAP tel. con domicilio presso via CAP tel. fax e-mail

Dettagli

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO P.G. Comune di Montorfano Provincia di Como Area Tecnica - Ufficio Tecnico CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO (allegato obbligatorio alla relazione tecnica di cui all art. 28 della L. 10/91 come definita dall

Dettagli

PREMESSA. Scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri Tricase (LE) Pag. 1

PREMESSA. Scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri Tricase (LE) Pag. 1 PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 PREMESSA Il caso in esame, rientra tra quelli previsti al punto 1.4.2 Riqualificazioni energetiche dell allegato 1 Criteri generali e requisiti delle prestazioni

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Dispersione di calore attraverso l involucro Tetto 20% - 35% Finestre 20% + 20 C -5 C Parete 25% - 40% 1. Solaio

Dettagli

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE CALCOLO APPROSSIMATIVO DEL FABBISOGNO TERMICO IN FUNZIONE DELLA TIPOLOGIA EDILIZIA DELLA ZONA CLIMATICA DELLE

Dettagli

CONCORSO BEST PRACTICE S.A.E.E. SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED EFFICIENZA ENERGETICA

CONCORSO BEST PRACTICE S.A.E.E. SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED EFFICIENZA ENERGETICA CONCORSO BEST PRACTICE S.A.E.E. SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED EFFICIENZA ENERGETICA Modulo di partecipazione Il sottoscritto presenta la candidatura al Concorso Best Practice Sostenibilità Ambientale e Efficienza

Dettagli

La qualità della finestra: Il nuovo sigillo aiuta i consumatori. Dr. Andreas Franzelin Responsabile certificazione prodotti.

La qualità della finestra: Il nuovo sigillo aiuta i consumatori. Dr. Andreas Franzelin Responsabile certificazione prodotti. La qualità della finestra: Dr. Andreas Franzelin Il nuovo sigillo aiuta i consumatori KLIMAHOUSE UMBRIA 8 ottobre 2010 Bastia Slide Umbra 1 (PG) Dr. Andreas Franzelin Responsabile certificazione prodotti

Dettagli

S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti

S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti S t ru m enti diagnostici non d ist ru tt iv i per la verifica della posa in opera dei serramenti Potenzialità e limiti arch. Carlo Di Pillo www.ecospazi.it T e c n i c h e d i d i a g n o s i La termografia

Dettagli

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro Esempio di CasaClima A Nature: dettagli e costi OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE PER LA CERTIFICAZIONE "CASACLIMA A" Efficienza dell involucro

Dettagli

GBC HOME. PROCEDURA per l ESECUZIONE dei TEST di TENUTA all ARIA. Vicepresidente GBC ITALIA. Marco Mari

GBC HOME. PROCEDURA per l ESECUZIONE dei TEST di TENUTA all ARIA. Vicepresidente GBC ITALIA. Marco Mari Titolo PROCEDURA per l ESECUZIONE dei TEST di TENUTA all ARIA Codice GBC_HOME_PRO_012 Revisione (rev) Rev 1 Data Revisione 09/01/13 Redatto Verificato Approvato dott. ing. Sebastiano Cristoforetti Vicepresidente

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO In vigore dal 01.01.2014

TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO In vigore dal 01.01.2014 TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA IN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO In vigore dal 01.01.2014 INDICE: 1) Tariffe certificazione CasaClima Provincia di Bolzano, Classe Gold, A,

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi Andrea Alessi Fasi operative nella redazione dell A.C.E. Che cosa è l A.C.E. 2 CHE COS'E' L'A.C.E.: E una procedura

Dettagli

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Agenzia Parma Energia ALPI Fenster s.r.l. Parma, 1/10/2010 AGENDA Storia e visione aziendale Le caratteristiche di una finestra moderna Permeabilità

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO D.lgs 192/05 e D.lgs 311/06 RISPARMIO ENERGETICO

INCONTRO INFORMATIVO D.lgs 192/05 e D.lgs 311/06 RISPARMIO ENERGETICO COMMISSIONE AMBIENTE E BIOEDILIZIA INCONTRO INFORMATIVO D.lgs 192/05 e D.lgs 311/06 RISPARMIO ENERGETICO BRESCIA 06 Aprile 2007 I NUOVI INDICI DI PRESTAZIONE ENERGETICA IN VIGORE DAL 01/01/2006 Classificazione

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1 Codice Certificato 2011_06_21-80016450480-001 Validità Riferimenti catastali Foglio: 16 Particella: 9,10,46,143

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA AL DI FUORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA AL DI FUORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO TARIFFE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI QUALITÀ CASACLIMA AL DI FUORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO L Agenzia CasaClima tenuto conto dell attuale situazione economica che caratterizza il comparto

Dettagli

La Certificazione di Qualità della Ventilazione Meccanica Controllata. matteo.rondoni@agenziacasaclima.it

La Certificazione di Qualità della Ventilazione Meccanica Controllata. matteo.rondoni@agenziacasaclima.it La Certificazione di Qualità della Ventilazione Meccanica Controllata Legislazione nazionale Legislazione Europea: Direttiva 2002/91/CE - [EPBD] Legislazione italiana: Decreto Legislativo 192/05 Decreto

Dettagli

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il calcestruzzo cellulare YTONG: la risposta al D.Lgs. 311/2006 D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il D.Lgs. 192/05 aggiornato dal D.Lgs. 311/06 recepisce la Direttiva comunitaria 2002/91/CE sul rendimento

Dettagli

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Indice argomenti:

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Bando per la concessione di contributi per gli edifici residenziali di nuova costruzione Domanda Modello A

Bando per la concessione di contributi per gli edifici residenziali di nuova costruzione Domanda Modello A AL COMUNE DI VIGGIANO SPORTELLO PER LO SVILUPPO VIA ROMA, 51 85059 VIGGIANO (PZ) OGGETTO: DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DI EDIFICI RESIDENZIALI DI NUOVA COSTRUZIONE.

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE Torino, 22 Aprile 2013 Normativa regionale proroga obbligo Dgr.46-11968 del 4 agosto 2009 (punto 1.4.17) Gli edifici

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti RE 2014 Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti Parte Quarta Titolo IV AMBIENTE ED ECOSOSTENIBILITA Contenuti Il Titolo IV della parte IV del

Dettagli

Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN)

Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN) Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN) Residenza Arcadia Alba (CN) caratteristiche del fabbricato Edificio di 5-6 piani fuori terra

Dettagli

Vernici isolanti per risparmio energetico?

Vernici isolanti per risparmio energetico? DOCUMENTO DI CHIARIMENTO 10 febbraio 2016 Vernici isolanti per risparmio energetico? ANIT,, pubblica periodicamente documenti di approfondimento o chiarimento sulla normativa di efficienza energetica e

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA L accumulo di gas serra negli strati medi dell atmosfera, favorendo l intrappolamento delle energia riflessa dalle radiazioni solari, determinano l aumento della temperatura

Dettagli

Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica

Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica In collaborazione con: Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica Treviglio 23/10/2013 Amedeo Servi, Ufficio Tecnico Hoval Comitato tecnico scientifico: Che cos è la

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica SCHEDA 1 Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Identificazione Descrizione stato di fatto L edificio si sviluppa su 15 piani fuori terra

Dettagli

Il controllo della tenuta all aria negli edifici

Il controllo della tenuta all aria negli edifici Il controllo della tenuta all aria negli edifici Un tassello per la verifica dei requisiti di un edificio confortevole: il blower door test (UNI EN 13829) Ing. Marco Boscolo, direzione@casa-srl.it Il Blower

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 1, comma 20, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (di seguito: legge finanziaria 2008), il

Dettagli

Indice. Ventilazione Standard

Indice. Ventilazione Standard SYMCAD VENTIILAZIIONE STANDARD Indice 1. Descrizione del modulo 1.1 Introduzione 1.2 Applicazioni 2. Disegno 2.1 Percorso della rete 2.2 Vincoli e parametri progettuali 2.3 Comandi ausiliari 3. Calcolo

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

D. Lgs 192/2005 Decreto 2015

D. Lgs 192/2005 Decreto 2015 D. Lgs 192/2005 Decreto 2015 1. Pubblicato sul: Supplemento Ordinario n 039 della Gazzetta Ufficiale n 162 del 15 luglio u.s. i tre decreti, in capo al Ministero dello Sviluppo Economico, attuativi del

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET 1 di 5 27/12/2014 21.13 Sito aggiornato il 30/10/2014 IVA: 02118311006 Download Lo strumento DOCET DOCET è uno strumento di simulazione a bilanci mensili per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Contenuti e scopo Questo aiuto all applicazione tratta delle procedure e delle esigenze inerenti la progettazione, l installazione e la sostituzione

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI PER GLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI A RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

REQUISITI SPECIFICI PER GLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI A RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Appendice B (Allegato 1, Capitolo 4) REQUISITI SPECIFICI PER GLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI A RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOMMARIO 1 VALORI DEI PARAMETRI CARATTERISTICI DEGLI ELEMENTI EDILIZI E IMPIANTI

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI Ing. Laurent SOCAL 19/06/2007 Ing. SOCAL - Certificazione energetica 1 Allegato I Nuovi edifici Nuovo edificio applicazione integrale Ristrutturazione

Dettagli

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 - DATI GENERALI UBICAZIONE: ANNO DI COSTRUZIONE:... PROPRIETARI: RESIDENZA:.... C.F.:......DATI

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A DIVERSA PRESTAZIONE ENERGETICA Dicembre 2007 1/4 PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 6 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

ATTI DEL COMUNE DI MILANO

ATTI DEL COMUNE DI MILANO ATTI DEL COMUNE DI MILANO P.G. W.F. N.B.: la parte sottostante dovrà essere compilata dal richiedente o dal progettista. UCREDIL Via Richiedente avente titolo...... in qualità di... legalmente rappresentato

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

Certificazione Energetica

Certificazione Energetica CADIF srl Via Monte Cervino, 2 37057 San Giovanni Lupatoto VERONA (Italia) Certificazione Energetica Emissioni termiche equivalenti Energia primaria Certificazioni Dati tecnici prodotti Data ultima stampa

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi Per impianti di climatizzazione composti da dispositivi ad espansione diretta, di tipo monoblocco

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI.

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. Informazioni generali Comune di: xxx Tipologia dell edificio: xxx Sito in: xxx Concessione edilizia n. xxxx del xxxx Classificazione dell edificio: xxxx

Dettagli

SCUOLA MATERNA MONTESSORI

SCUOLA MATERNA MONTESSORI SETTORE LL.PP. UFFICIO PROGETTAZIONE SCUOLA MATERNA MONTESSORI REALIZZAZIONE AMPLIAMENTO Presentazione realizzata da: Arch. Teresa Pochettino, Immagini grafiche :Geom. Roberto Valentino OGGETTO INTERVENTO:

Dettagli

Città di Novate Milanese Provincia di Milano

Città di Novate Milanese Provincia di Milano PROTOCOLLO GENERALE PRATICA N RICHIESTA DI ATTESTAZIONE DELL IDONEITA DEL TITOLO AUTORIZZATIVO PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI (ai sensi del DM 5 maggio 2011 - Incentivazione della produzione

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL CORSO PER CERTIFICATORE ENERGETICO IN REGIONE LOMBARDIA ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL 13/12/2007 Gabriele Masera Nota:

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011 L incidenza prestazionale del serramento Le proprietàtermiche termiche del serramento Per. Ind. Roberto Ponzini Milano 30 novembre 2011 Fabbisogno termico e involucro edilizio Dispersioni Calore di Ventilazione

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico Ricerca, Innovazione ed Energia - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico Ricerca, Innovazione ed Energia - Settore Valutazione dei singoli dati rilevati durante il sopralluogo e definizione dei risultati sulla verifica degli aspetti tecnici Per ogni grandezza oggetto di controllo viene effettuata una valutazione che

Dettagli

INCONTRO CON I TECNICI

INCONTRO CON I TECNICI INCONTRO CON I TECNICI Ing. GIUSEPPE DESOGUS Ing. LORENZA DI PILLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura L AUDIT ENERGETICO INTERVENTI E TECNOLOGIE

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA I.T.I.S A. PACINOTTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Per un mondo migliore! Bianco Francesco Musarò Matteo Cantore Gianluca Portulano Giuseppe Attestato di Certificazione Energetica (Gruppo2) Il presente Attestato

Dettagli

9 - Illuminazione 266

9 - Illuminazione 266 9 - Illuminazione 266 Sommario 9.1 Illuminazione naturale... 269 9.1.1 Inserisci ambiente... 269 9.1.2 Nuovo ambiente... 271 9.1.2.1 Inserisci proprietà luminose... 274 9.1.2.2 Elimina proprietà luminosa...

Dettagli

AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus

AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus FAQ sulla delibera per la prestazione energetica nell edilizia in Provincia Autonoma di Bolzano (Delibera della giunta provinciale del 04.03.2013 n. 362 incluso modifiche della delibera del 27.12.2013

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 17/12/2013 Riferimenti catastali Particella 2174 - Sub. 36 edificio via Rossini, 92-80027

Dettagli

Direttiva Tecnica Risanamento & CasaClima R

Direttiva Tecnica Risanamento & CasaClima R Direttiva Tecnica Risanamento & CasaClima R Luglio 2014 AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus AGENZIA PER L'ENERGIA ALTO ADIGE - CasaClima Schlachthofstraße 30 c I-39100 Bozen Via del Macello 30 c I-39100

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Cantiere Galassi-Varmo

Cantiere Galassi-Varmo Cantiere Galassi-Varmo Riccardo Berti 27 ottobre 2014 1 1 Norme tecniche di riferimento UNI 10351 Materiali da costruzione. Conduttività termica e permeabilità al vapore; UNI 10355 Murature e solai. calcolo;

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004

Dettagli

Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima

Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima Il marchio volontario Finestra Qualità CasaClima 1 2 Dovremmo costruirla in modo da avere il massimo comfort ma anche il minimio consumo di energia 3 4 L energia infatti si esaurisce ed il suo consumo

Dettagli

CASACLIMA FVG PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE

CASACLIMA FVG PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE in partnership con CASACLIMA FVG 1 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE PREMESSA Il protocollo CasaClima è un sistema di certificazione di qualità degli edifici ad alta prestazione energetica. Il marchio CasaClima

Dettagli

SYSTEMPRO PROGRAMMA DI CALCOLO. Xcare

SYSTEMPRO PROGRAMMA DI CALCOLO. Xcare SYSTEMPRO PROGRAMMA DI CALCOLO Xcare SYSTEMPRO L esperienza di LOEX nel settore dei sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante è alla base dello sviluppo del nuovo programma di calcolo. SystemPro

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali Milano, 09 ottobre 2015 Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15/07/201 le nuove disposizioni legislative nazionali primo decreto contiene

Dettagli

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Ubicazione Proprietà Tipologia edilizia Riferimenti catastali Codice attestato San Casciano Val Di Pesa, via Decimo 14, 50026 San Casciano

Dettagli