Aids: da non dimenticare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aids: da non dimenticare"

Transcript

1 Scienza e Management 7 Lo stato dell infezione a livello mondiale nella Giornata del 1 dicembre Aids: da non dimenticare EMERGENZA SOCIO-SANITARIA NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO EPROBLEMA IGNORATO E RIMOSSO NELLE NAZIONI OCCIDENTALI: QUESTO È L AIDS ALLE PORTE DEL DAL CENTRO OPERATIVO AIDS DELL ISS LA FOTOGRAFIA DELL ITALIA ALLE PRESE CON L INFEZIONE DA HIV DI RICCARDO TOMASSETTI A ncora oggi, dopo più di venti anni di epidemia, ogni due ore un italiano resta contagiato dall Hiv, il virus dell immunodeficienza umana. Nella nostra penisola, che certamente non si trova nelle drammatiche condizioni dei Paesi in via di sviluppo, l epidemia, così terrorizzante ai suoi esordi, ora non fa più paura. Eppure l Aids ancora non è sconfitto, come ci hanno ricordato tutti i messaggi diffusi lo scorso 1 dicembre, diciottesima Giornata mondiale contro l Aids. Ma anzi è una malattia che mostra sempre più chiaramente due aspetti diversi: da una parte infatti l epidemia ha messo in ginocchio economie e sistemi sociali di molte regioni dei Paesi in via di sviluppo e dall altra, invece, deve scontrarsi con l indifferenza e la voglia di rimozione degli abitanti delle ricche nazioni occidentali. LA CATASTROFE MONDIALE La comunicazione su questa malattia si è infatti spostata sull immane emergenza sanitaria che si registra in particolare nei Paesi in via di sviluppo: sono 42 milioni le persone che, nel mondo, convivono con l Hiv. Ogni anno vengono contagiati circa 5 milioni di individui e quasi 3 milioni di persone muoiono di Aids. L escalation dell Aids nel mondo, che dal 1981 ad oggi ha mietuto circa 20 milioni di vittime, sembra ben lontana dall essersi fermata: se nei Paesi occidentali il numero dei decessi si è notevolmente abbassato grazie al largo impiego delle nuove terapie, in Africa muoiono di Aids circa due milioni e mezzo di persone all anno e ci sono vaste aree del pianeta, come l Asia o l Europa orientale, in cui l attacco è appena cominciato. La regione più colpita dall Hiv è senza dubbio quella africana, con oltre 25 milioni di persone affette dal virus responsabile dell Aids, ma in termini di crescita l Asia Orientale e la regione del Sud-Est Asiatico sorprendono per la drammaticità dei dati. Si calcola infatti che, dal 2002 al 2004, a fronte di un aumento del 4% nel numero dei casi riscontrati nell Africa Sub-Sahariana, si è rilevato un incremento del 10% nel Sud-Est Asiatico. Particolarmente drammatica la situazione nella popolosa Cina, dove i sieropositivi sarebbero, secondo le stime ufficiali del Governo, circa 840 mila, ma per gli esperti internazionali le cifre sono molto più alte. La malattia si diffonde con una crescita annua del 30%, la più alta al mondo. EMERGENZA ITALIANA Ma questo non significa che nelle ricche nazioni occidentali l Aids sia confinato al regno dei brutti ricordi. E i dati italiani sono lì a dimostrarlo. La convinzione che oggi siano disponibili farmaci efficaci per tenere a bada il virus e che la vera emergenza sia nei Paesi in via di sviluppo ha pesantemente contribuito a far dimenticare e rimuovere il problema. L attenzione sta infatti drammaticamente calando: sarebbero oltre 120 mila i sieropositivi nel nostro Paese e ogni anno si infettano nuove persone, riportano i dati resi noti dal Centro operativo Aids (Coa) dell Istituto superiore di sanità che aggiornano la situazione al primo semestre del Anzi, non solo non si arrestano i nuovi contagi ma la vera emergenza è nel fatto che uno su due (anzi, oltre il 60%) dei nuovi sieropositivi scopre di essere stato contagiato dall Hiv solo quando ormai la malattia è conclamata, cioè quando si sono già manifestate le prime conseguenze cliniche della sindrome da immunodeficienza acquisita. Questo significa che ancora stenta a diffondersi tanto la cultura della prevenzione quanto l abitudine a sottoporsi al test. Senza Fonte: UNAIDS dimenticare che si tratta di persone che possono rivelarsi dei diffusori inconsapevoli dell infezione. LA NUOVA MAPPA DELL INFEZIONE Mutano anche le caratteristiche delle persone colpite, con un minore peso dei comportamenti legati alla tossicodipendenza e una decisa preponderanza della trasmissione sessuale. L aggiornamento del Coa ci mette di fronte a una realtà tutt altro che rassicurante. Si registra infatti un aumento della proporzione di casi attribuibili a trasmissione sessuale e a sorpresa un'inversione di tendenza che riguarda le infezioni da Hiv tra gli omosessuali, che tornano a crescere, segnando un +12% rispetto all'anno precedente, passando dal 16% al 28% del totale delle infezioni. Ma il vero allarme è per gli eterosessuali che hanno sorpassato i tossicodipendenti e che nella maggior parte dei casi, soprattutto se donne, scoprono di essere sieropositivi nel momento stesso della diagnosi di Aids. La tendenza è di un aumento dell età delle persone che si infettano: Nord America Caraibi America Latina Europa Africa nord sahariana Africa sub sahariana Europa est e Centro Asia Sud e Sud Est Asia oltre il 70% dei casi si concentra nella fascia anni ma cresce la quota di casi nella fascia anni e negli anziani. E sono a rischio anche i giovanissimi: ragazzi tra 14 e 25 anni che, sfuggiti al clima terroristico e ai messaggi martellanti dei primi anni dell infezione, si affacciano alle prime esperienze sessuali spesso ignari anche delle minime precauzioni. È quindi necessario che non si abbassi la guardia, denunciano gli esperti, e che si torni a parlare di Aids per rompere quel muro di disattenzione e indifferenza che rischia di far riesplodere drammaticamente l emergenza sanitaria. Est Asia Oceania

2 8 Scienza e Management l infermiere 10/2005 Le grandi campagne di prevenzione per sensibilizzare i cittadini sulle problematiche sanitarie Giocare d anticipo CONTRO INFARTO E ICTUS SI RINNOVANO GLI APPELLI AFFINCHÉ LA POPOLAZIONE CONDUCA UNA VITA SALUTARE E FACCIA ATTENZIONE AI PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. I TUMORI SI COMBATTONO INVECE CON PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE. MENTRE DALL AVIARIA È FONDAMENTALE NON FARSI TROVARE IMPREPARATI S arà giocato sempre più sulla prevenzione il futuro della medicina moderna. Si tratta infatti di una nuova attenzione alla salute che tiene conto e nello stesso momento è il risultato di diversi elementi caratteristici dei tempi attuali. Primo tra tutti il ruolo e il valore attribuito alla salute nella percezione della popolazione. Ma non è da trascurare l aspetto più propriamente venale : le misure che concorrono al mantenimento di un buono stato di salute nella popolazione generale contribuiscono anche a realizzare un notevole risparmio per il Servizio sanitario nazionale. Considerazioni che valgono in particolare per alcuni dei grandi flagelli che affliggono l intera popolazione mondiale, soprattutto gli abitanti delle ricche nazioni occidentali. Malattie destinate però a costituire le prossime emergenze sanitarie con cui dovranno presto o tardi scontrarsi anche i Paesi in via di sviluppo. A PARTIRE DALL INFORMAZIONE Un ruolo di particolare importanza riveste la prevenzione, sia primaria che secondaria, delle malattie cardio-cerebrovascolari, ancora oggi la prima causa di morte nel mondo occidentale con 4 milioni di decessi ogni anno solo in Europa. Ma per ridurre il numero di casi è necessario intervenire sulle abitudini dei singoli cittadini e per questo è fondamentale una informazione corretta e diffusa che coinvolga direttamente la popolazione, a cui bisogna rivolgersi con linguaggio chiaro e convincente. Si moltiplicano così le iniziative di diverse società scientifiche e anche di associazioni di pazienti per veicolare all intera popolazione i messaggi fondamentali per la prevenzione. A CUOR LEGGERO Quest anno le principali campagne di prevenzione cardiovascolare si sono concentrate sul peso in eccesso, il nemico numero uno per la salute di cuore e arterie. La Giornata mondiale del cuore, celebrata in tutto il pianeta a settembre scorso, ha puntato infatti l attenzione sul girovita, non per farne un ossessione da forzati delle passerelle, ma perché diventi un altro degli indicatori da cui imparare a conoscere meglio il nostro corpo. Studi recenti hanno infatti dimostrato che sovrappeso e obesità non si misurano solo in chilogrammi, ma anche in centimetri: una circonferenza addominale superiore a 88 cm nelle donne e a 102 cm negli uomini costituisce infatti un importante indicatore di rischio cardio-cerebrovascolare. Comunque una attenzione va portata già a valori che superano rispettivamente 80 cm nella donna e 94 cm nell uomo. CONTRO L ICTUS, LOTTA ALL IPERTENSIONE L European Society of Cardiology scende addirittura in campo con una Petizione europea per la prevenzione dell ictus e dell ipertensione da presentare al Parlamento europeo al fine di incoraggiare le autorità dei singoli Paesi a supportare le attività necessarie per ridurre l incidenza degli eventi cerebrovascolari attraverso un più attento monitoraggio e un più accurato trattamento dell ipertensione. È proprio il controllo della pressione la prima arma a disposizione di medici e pazienti per ridurre il rischio di un ictus, la quarta causa di morte in Europa e la prima di invalidità, che incide per il 3-4% sul totale della spesa sanitaria. Ogni minuto, ricordano gli esperti della Società europea di cardiologia, nel nostro continente una persona muore per un ictus evitabile. PER IL COLON RETTO, PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Contro il cancro del colon retto è invece sceso in campo direttamente il ministero della Salute che, insieme alle principali associazioni di pazienti tra cui la Favo, la Federazione delle associazioni di volontariato in oncologia, ha promosso una campagna informativa che aiuti a individuare i soggetti più a rischio (per età, familiarità o eventuali altri fattori predisponenti) da inserire in un opportuno percorso diagnostico-terapeutico. Dall adozione di un corretto stile di vita alla regolare esecuzione di esami specifici, la guida Il cancro colo-rettale, questo sconosciuto redatta a cura dell Agenzia regionale sanitaria Regione Puglia e dall Aistom (Associazione italiana stomatizzati) fornisce suggerimenti e consigli per evitare questa forma tumorale che rappresenta circa il 10% di tutti i tumori maligni, al terzo posto nel mondo per mortalità. AVIARIA: I CONSIGLI DELL OMS Non solo contro i grandi flagelli: oggi la prevenzione mira anche a evitare l emergenza e la diffusione di malattie che, nonostante potenzialmente molto pericolose, praticamente ancora non esistono, come è il caso della tanto temuta influenza aviaria. In questo caso è addirittura l Organizzazione mondiale della sanità a dettare i principi dell azione da seguire per non trovarsi impreparati di fronte a una eventuale pandemia. In collaborazione con tutte le altre istituzioni internazionali e con i ministeri della Salute e i Governi nazionali, l Oms ha messo a punto un piano che prevede tanto la sorveglianza capillare sul territorio per l individuazione di eventuali casi sospetti nell uomo, quanto la vaccinazione di massa con il vaccino dell influenza umana (così da ridurre il rischio di co-infezioni e quindi di mutazioni nel virus aviario), fino ad arrivare allo stoccaggio di farmaci antivirali per l eventuale trattamento dei primi casi sospetti e allo sviluppo di vaccini ad hoc. (R.T.) Brevi UN TEST PER PREDIRE IL DOLORE POST-OPERATORIO Basandosi su stime del livello di ansia pre-operatoria, sulla resistenza al calore e sulla pressione del sangue prima dell intervento, un équipe dello statunitense Baptist Medical Center, presso la Wake Forest University, ha messo a punto un test per stabilire la corretta terapia antidolorifica per ogni singolo paziente. La tolleranza al dolore è infatti molto soggettiva e quindi i ricercatori hanno ideato un questionario che contempli tutti i fattori che possono incidere su tale capacità di sopportazione. Si intende così evitare che il paziente sia sotto-trattato e che quindi senta dolore dopo l operazione, con il rischio che questo si trasformi addirittura in cronico, o viceversa che riceva una terapia sovra-dosata rispetto alle reali necessità. I ricercatori hanno identificato sei gruppi di fattori predittivi che danno conto del 90% della variazione individuale nel dolore avvertito e nella dose di farmaci necessaria per placarlo. Messo alla prova su 32 donne che si accingevano ad affrontare un parto cesareo, il test ha confermato di riuscire a identificare i pazienti più a rischio di provare dolore post-operatorio. LECCA-LECCA SCACCIA DOLORE Elevata potenza analgesica e rapidità d azione sono le caratteristiche del farmaco a base di fentanil citrato transmucosale, in commercio in Italia dallo scorso luglio e il primo indicato contro il dolore episodico intenso che può colpire i pazienti oncologici con picchi di dolore improvvisi e intensissimi. È un vero e proprio lecca-lecca: si presenta infatti come una compressa applicata a un supporto a forma di bastoncino che va posizionato e ruotato tra guancia e gengiva, al fine di far assorbire il principio attivo attraverso la mucosa. Grazie alla vascolarizzazione della gengiva il principio attivo è assorbito rapidamente (pochi minuti) e dà subito sollievo dal dolore. Il paziente oncologico soffre spesso di un dolore fisso, ben controllabile da una terapia di base, ma va anche soggetto a picchi di dolore che si manifestano improvvisamente in genere senza causa apparente e, pur durando poco, sono particolarmente intensi e gravemente invalidanti. Il farmaco è destinato quindi alla gestione del dolore episodico intenso in pazienti già in terapia di mantenimento con un oppioide per il dolore cronico da cancro, sia per i casi che si risolvono con la guarigione, sia per i pazienti in fase avanzata di malattia.

3 Scienza e Management 9 STUDI ED ESPERIENZE professionali GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE MARIA TERESA CIAMMAICHELLA DAI, TUTOR PRESSO IL CORSO DI LAUREA DI SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA SEDE DI COLLEFERRO, ASL RM G BRUNELLA IANNONE DIRIGENTE DI 1 LIVELLO, RESPONSABILE S.O.S. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE SIT COLLEFERRO, ASL RM G GIANNA CARPENTIERI STUDENTESSA DI SCIENZE INFERMIERISTICHE 3 ANNO ROSSANA MORTARI DAI, COORDINATORE TECNICO-PRATICO CORSO DI LAUREA DI SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA SEDE DI COLLEFERRO, ASL RM G GIUSEPPE LOMBARDI DOCENTE SCIENZE INFERMIERISTICHE OSTETRICO GINECOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA SEDE DI COLLEFERRO Obiettivo di questo studio è quello di focalizzare l attenzione sulle cellule staminali emopoietiche, in particolar modo sulla procedura di prelievo e donazione di tali cellule, importanti per la realizzazione di un trapianto di midollo osseo. Per quanto riguarda la donazione, sono state analizzate nello specifico tutte le problematiche ad essa associate. Si è rilevata una marcata disinformazione su questa metodica che genera nell uomo falsi pregiudizi. Per tale motivo viene trattato ampliamente il tema della donazione del sangue del cordone ombelicale quale fonte alternativa di cellule staminali emopoietiche: un prelievo semplice e del tutto innocuo, in grado di aumentare la disponibilità di donatori. Attraverso questo studio, si è cercato di valorizzare il fondamentale ruolo che oggi l infermiere svolge sia nell assistenza pre-post trapianto che nell educazione sanitaria della popolazione. INTRODUZIONE Il trapianto di cellule staminali emopoietiche viene oggi utilizzato nella cura di patologie ematologiche e non che un tempo risultavano letali. Le cellule staminali sono cellule presenti in ogni organismo; rispetto alle altre si caratterizzano in quanto non hanno ancora una funzione ben precisa all interno dell organismo stesso. Possono evolversi sia in altre cellule staminali che in cellule precursori di una progenie cellulare destinata a sviluppare tessuti ed organi. In pratica, sono cellule che assicurano il rinnovamento di tutti i tessuti (il cosiddetto turn-over) permettendo di rimpiazzare le cellule che hanno esaurito la loro attività e sono perciò destinate a morire. Di particolare interesse ai fini trapiantologici sono le cellule staminali emopoietiche presenti nel midollo osseo, nel sangue periferico e nel sangue placentare. Esse sono responsabili della formazione delle tre diverse linee ematiche: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL TRAPIANTO E DEL PRELIEVO DELLE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Il trapianto di cellule staminali emopoietiche (Tcse) consiste in una chemio/radioterapia a dosi tali da indurre un aplasia midollare irreversibile, seguita dall infusione di cellule staminali emopoietiche. Obiettivo del trapianto è quello di eliminare la malattia del paziente e ripristinare, con l infusione di cellule staminali, le normali funzioni del midollo osseo. Il trapianto può essere autologo quando le cellule staminali reinfuse, precedentemente raccolte e adeguatamente conservate, sono quelle del paziente stesso. Invece si definisce allogenico quando le cellule staminali provengono da un donatore. In questo caso occorre individuare un donatore idoneo, ossia è necessario tipizzare sia donatore che ricevente, per verificare, con tecniche di biologia molecolare, che le cellule dell uno e dell altro siano HLA compatibili, cioè presentino gli stessi antigeni di istocompatibilità. Le cellule staminali emopoietiche si trovano nel midollo osseo e in misura minore, nel sangue periferico. Entrambe queste sedi si possono sfruttare come fonte di cellule staminali per trapianti sia autologhi che allogenici: il prelievo del midollo osseo viene eseguito attraverso aspirazioni multiple dalle creste iliache, effettuato in sala operatoria in anestesia generale o epidurale; la raccolta delle cellule staminali nel sangue periferico avviene come una normale donazione di sangue, però con previa stimolazione del donatore mediante un fattore di crescita, sostanza in grado di aumentare le cellule staminali, in modo da poterle raccogliere in numero sufficiente con una o più sedute aferetiche tramite un separatore cellulare, procedura della durata di tre/quattro ore circa, senza necessità di alcun tipo di anestesia. Nel trapianto di tipo allogenico esiste una terza fonte di cellule staminali rappresentata dal sangue del cordone ombelicale, che viene prelevato dopo l espletamento del parto senza alcun rischio né per la madre, né per il neonato. IL TRATTAMENTO La prima tappa dell iter terapeutico è rappresentata dall informazione del paziente, finalizzata anche al conseguimento di un valido consenso informato. Tale fase ha lo scopo di fornire tutte le informazioni necessarie in modo che l opzione per il trapianto possa essere fatta con buona conoscenza di ciò che il paziente affronterà. Ottenere un valido consenso informato è competenza medica; ciò non toglie però che l infermiere, in questi casi, deve essere sempre coinvolto. L infermiere è sicuramente la figura alla quale il paziente si rivolge con maggiore naturalezza e che più facilmente comunica con lui impiegando un linguaggio comprensibile, concettualmente adeguato, adattando gradualmente, nei limiti delle proprie competenze, il livello informativo alle varie fasi di malattia. Al momento dell ammissione, per il trapianto, al paziente ed alla sua famiglia vengono consegnati degli opuscoli informativi in cui viene spiegato tutto l iter terapeutico e vengono date alcune indicazioni riguardo gli aspetti organizzativi del trattamento. Il paziente viene ricoverato 8-9 giorni prima della data programmata per l infusione e fin dal primo giorno vengono eseguiti tutti gli esami necessari prima di cominciare il trattamento ad alte dosi. Una volta eseguiti tutti gli esami necessari viene posizionato al paziente il catetere venoso centrale utile per: somministrazione della chemioterapia ad alto dosaggio; infusione di cellule staminali; per un eventuale supporto nutrizionale parenterale; un eventuale somministrazione della terapia antibiotica, antimicotica ed antivirale; supporto e trattamento della GVHD (Graft Versus Host Disease o malattia del trapianto contro l ospite; provocata dalle cellule staminali trapiantate che, in quanto riconosciute come estranee, vengono attaccate e distrutte dalle cellule del sistema immunitario del ricevente). Un catetere venoso centrale (Cvc) si definisce tale in quanto il suo estremo terminale si posiziona in prossimità dello sbocco nell atrio destro di una delle grandi vene intratoraciche, la cava superiore o la cava inferiore. Per giungere a livello caveale, il catetere può seguire due tipi di accesso venoso: superficiale o profondo. Una vena si dice superficiale quando decorre a livello sovrafasciale ed è visibile o palpabile. Le vene superficiali che consentono il posizionamento di un Cvc sono quelle del braccio (la basilica e la cefalica) e la giugulare esterna. Le vene profonde decorrono invece sottofasciali, non visibili né palpabili e nella pratica clinica le più usate per posizionare un catetere in posizione centrale sono: la succlavia, la giugulare interna, la femorale e la ascellare. La cannulazione viene eseguita dal medico, è comunque necessario assisterlo in questa fase in vari modi: posizionando il paziente a seconda dell area destinata alla venipuntura, in caso che un alterato livello di coscienza provochi agitazione del paziente stesso; verificando le alterazioni del ritmo cardiaco sul tracciato elettrocardiografico e segnalandole tempestivamente; valutando i parametri vitali del paziente. Subito dopo aver posizionato il Cvc viene dato avvio al trapianto. Distinguiamo tre fasi del trapianto: 1) regime di condizionamento; 2) isolamento; 3) infusione di cellule staminali. Per regime di condizionamento si intende la somministrazione di farmaci chemioterapici ad alti dosaggi al fine di creare spazio all interno della cavità midollare, spazio che verrà poi occupato dalle cellule staminali infuse. Il risultato di ciò è un aplasia midollare irreversibile. Durante tutto il periodo del condizionamento il paziente viene seguito dal personale infermieristico che ha due compiti fondamentali: aspetto tecnico: deve conoscere e saper identificare gli eventuali effetti collaterali della chemioterapia in modo da attuare un rapido intervento; aspetto relazionale: ha il fine di istaurare un efficace relazione di [SEGUE]

4 10 Scienza e Management l infermiere 10/2005 aiuto soprattutto attraverso un buon dialogo spesso su temi anche difficili e in particolar modo sui risultati degli effetti collaterali della chemioterapia. In questa fase è importante che l infermiere dia al paziente la possibilità di parlare apertamente, analizzando le proprie preoccupazioni, dandogli alcuni consigli su come affrontare tali cambiamenti e ricordandogli soprattutto il beneficio che la chemioterapia comporta. Eseguito il condizionamento, il paziente viene sistemato nelle stanze di isolamento; ciò avviene solitamente il giorno prima dell infusione delle cellule staminali emopoietiche. L isolamento ha lo scopo di proteggere il paziente dalle infezioni durante la fase dell infusione delle cellule staminali. L infermiere ha l obbligo di far osservare delle regole fondamentali al paziente ed ai suoi familiari per evitare il diffondersi delle cariche batteriche, virali e micotiche; pertanto tutto quello che verrà introdotto all interno di questa camera sarà rigorosamente sterile, inoltre, nella zona-paziente può accedere una sola persona con veste monouso, copriscarpe, mascherina guanti e cuffia. Il paziente viene anche istruito dall infermiere riguardo le misure da adottare per il mantenimento della massima igiene corporea. Il paziente dovrà eseguire la doccia tutte le mattine con soluzione disinfettante, cambiarsi gli indumenti giornalmente e riporli in un sacchetto che verrà poi consegnato alla famiglia. La biancheria sporca deve essere lavata e trattata con disinfettanti appositi. Per la rasatura è sconsigliato l uso del rasoio manuale e viene imposto l uso di quello elettrico. È indicato l uso di due paia di ciabatte per passare dal bagno alla stanza; l igiene orale per la prevenzione delle mucositi è affidata al paziente, per cui è molto importante che l infermiere spieghi in modo chiaro il procedimento per la pulizia del cavo orale, che deve essere attuata dopo ogni pasto e prima del riposo notturno. La terza fase è caratterizzata dall infusione delle cellule staminali emopoietiche. Il giorno dell infusione il paziente viene invitato ad effettuare una doccia ed a comportarsi secondo la routine abituale dell isolamento. Prima dell infusione è importante che un infermiere: prepari il materiale e le sacche contenenti le cellule staminali emopoietiche; le sacche congelate vengono trasferite nell unità di cura del paziente il giorno stesso del trapianto, in un contenitore di azoto liquido ed immerse in bagno termostatico con acqua a 40 ; una volta scongelata e portata a 37, ciascuna sacca viene infusa rapidamente per ridurre al minimo la morte delle cellule staminali; controlli che l unità a disposizione sia effettivamente quella destinata al paziente in questione esaminando attentamente nome, cognome, gruppo sanguigno ed i risultati della tipizzazione Hla; controlli che l unità sia priva di bolle e che non abbia un colore anomalo o non sia torbida (le bolle gassose possono essere indice di contaminazione batterica; un colore insolito o la torpidità possono essere segno di emolisi; rilevi i parametri vitali del paziente per conoscere le condizioni basali. Effettuare l infusione è competenza medica però, durante il trapianto, un infermiere deve essere sempre presente nella stanza del paziente, monitorando con frequenza sia i parametri vitali che i segni di reazione all infusione (febbre, dispnea, brividi, broncospasmo, ipotensione, cianosi, dolori toracici ed addominali). Dopo l infusione è necessario che l infermiere rivaluti i parametri vitali del paziente e confronti i risultati con quelli relativi alla valutazione basale. Al termine dell infusione e nei giorni successivi, il personale infermieristico si preoccuperà di attuare con la massima cura il protocollo per il controllo delle infezioni. L isolamento protettivo dopo l infusione delle cellule staminali può durare giorni a seconda delle condizioni cliniche del paziente e dei risultati degli esami ematochimici e sierologici. Se non vi sono complicanze il paziente viene dimesso ma una volta a casa, trattandosi di un paziente immunodepresso, è essenziale: curare la dieta; evitare luoghi affollati; evitare visite di bambini o familiari di bambini che sono stati recentemente sottoposti alla vaccinazione anti-polio (in quanto il virus viene eliminato anche per 12 settimane dalla vaccinazione); evitare contatti con soggetti influenzati o bambini affetti da malattie esantematiche; proseguire, anche dopo la dimissione, un accurata pulizia del cavo orale; nel primo anno non può essere effettuato nessun tipo di vaccinazione e per tale motivo si deve evitare di effettuare viaggi intercontinentali. CONCLUSIONI Concludendo possiamo affermare che per poter effettuare questo tipo di trapianto è necessaria la disponibilità di donatori, che purtroppo attualmente risultano insufficienti sia per la mancata informazione, sia per il pregiudizio abbastanza diffuso che donare il midollo osseo sia pericoloso. Molto probabilmente non tutti sanno che si possono donare le cellule staminali emopoietiche, oltre che dal midollo osseo e dal sangue periferico, da un altra fonte alternativa, vale a dire dal cordone ombelicale. Donare il sangue del cordone ombelicale è un gesto semplice ed innocuo, che non richiede lo stress del ricovero e dell anestesia e del prelievo midollare, ma è un grande atto che può offrire a tante persone una speranza in più di guarire. BIBLIOGRAFIA Suzanne C. Smeltzer, Brenda G. Bare, Brunner Suddarth: Nursing medico-chirurgico, Seconda Ed. 2001, Ed. Ambrosiana Alessandro M. Gianni, Trapianto di midollo osseo, in Bonadonna G., Robustelli Della Cuna G., Medicina Oncologica, Quinta Edizione Ed. Masson Brivio E., Magri M., Assistenza infermieristica in Oncologia, Ed. Masson 2003 De Luca A.M., Celegato R., Il trapianto di midollo osseo, in Di Bellini M.L. et al. Psiconcologia, Ed. Masson 2001 A. Gentili, M. Nastasi, L. A. Region, G. Silvestri, P. Manganelli, Il paziente critico, Ed. Ambrosiana Anin - C. Spairani, T. Lavalle, Procedure, protocolli e linee guida di assistenza infermieristica, Ed. Masson G. M. Pontieri, Patologia e fisiopatologia generale, Casa editrice Piccin 2002 P. Annese, V. Di Santo, F. Oddi, M Calducci, Nozioni di diritto e di medicina legale, Casa Ed. CE.DI.S LA DONAZIONE DI ORGANI/IL TRAPIANTO. ANALISI DEI BISOGNI FORMATIVI DEL PERSONALE INFERMIERISTICO DI GIUSTI GIAN DOMENICO* TRATTO DA TESI DI MASTER IN INFERMIERISTICA IN ANESTESIA E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE A.A. 2002/2003 *INFERMIERE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA STRUTTURA COMPLESSA ANESTESIA E RIANIMAZIONE U.O. RIANIMAZIONE P.O. SILVESTRINI INTRODUZIONE L idea di formulare questa ricerca nasce dal grande interesse in merito alla tematica della donazione e del trapianto di organi che è presente nei reparti impegnati attivamente su questo fronte, come le terapie intensive, ma che è viva in modo trasversale in tutti i servizi tra operatori impegnati in sanità. Lo scopo iniziale, da raggiungere attraverso la somministrazione di un questionario ad un campione di infermieri, è stato quello di valutare il livello, la qualità e la quantità delle informazioni che questi professionisti hanno riguardo alle tematiche della donazione e trapianto di organi e tessuti. La necessità di capire il loro livello di conoscenza su questa tematica nasce dal fatto che, in quanto operatori sanitari, spetta a loro per primi l educazione sanitaria della popolazione; ed è per questo che per comunicare corrette informazioni occorre in primo luogo avere delle corrette conoscenze al riguardo. MATERIALI E METODI Per descrivere l indagine è stato utilizzato un metodo osservazionale (finalizzato a raccogliere le informazioni attraverso un processo sistematico d indagine) di tipo descrittivo (fornendo la descrizione di un fenomeno). Il metodo rilevativo utilizzato è quello del questionario, creato appositamente per la ricerca, e attraverso l interrogazione si è cercato di valutare opinioni, percezioni soggettive, giudizi personali del campione preso in esame; questo è costituito da tre parti: la prima parte è una piccola presentazione della ricerca, dove viene spiegato l obiettivo che si vuole raggiungere con il questionario, evidenziando l anonimato e il fatto che non è un test di valutazione personale riguardo alla preparazione del singolo operatore sul tema della donazione/trapianto; la seconda parte comprende domande di carattere generale riguardo all anagrafica del soggetto intervistato: si chiede l età, il sesso, l Unità operativa di appartenenza, l anzianità di servizio; la terza parte è specifica per la ricerca. Sono otto domande che interessano la donazione/trapianto più uno spazio per le osservazioni e i suggerimenti. Le unità statistiche incluse nel campione sono rappresentate da infermieri operanti nelle Unità operative del presidio ospedaliero R. Silvestrini dell Azienda ospedaliera di Perugia. Il campionamento è avvenuto dividendo gli infermieri in due sottogruppi, considerando dove la guarigione di un paziente poteva (gruppo A) o non poteva (gruppo B) dipendere da un trapianto: questo è stato fatto per analizzare come la tipologia del paziente con cui l operatore opera modifica gli aspetti formativi. Per articolare in modo logico e sequenziale i diversi momenti della ricerca è stato utilizzato un percorso

5 Scienza e Management 11 metodologico di ricerca infermieristica. Le caratteristiche di questo metodo di studio sono: la circolarità: ogni fase segue la successiva in modo predefinito e sequenziale; la ripetizione: seguendo lo stesso modello è possibile ripetere lo studio, potendo confermare o no i risultati. Le fasi sono: 1. obiettivi specifici (viene creata l ipotesi di partenza per la ricerca, si identificano gli obiettivi specifici e come si integrano nella pratica clinica); 2. bibliografia e stato delle conoscenze (si analizza la bibliografia esistente e le informazioni disponibili); 3. formulazione e progetto di ricerca (si sviluppa uno schema concettuale di riferimento che descrive il problema, i fattori che contribuiscono al problema e le possibili soluzioni); 4. raccolta dati (si analizzano le caratteristiche dell ambiente dove avverrà il progetto di ricerca, la grandezza e la natura del campione); 5. interpretazione dei risultati (si interpretano i dati e si descrive l importanza della ricerca). RISULTATI Gli infermieri che hanno aderito allo studio sono stati il 71% degli intervistati; sono soprattutto operatori che hanno un età compresa tra i 30 e i 40 anni, con un anzianità di servizio compresa tra i 10 e i 20 anni. Questo evidenzia un campione esperto dal punto di vista professionale che ha visto e ha partecipato a notevoli cambiamenti e mutazioni, dal punto di vista legislativo, della tematica donazione/trapianto di organi e tessuti. Il 94% è favorevole alla donazione di organi, ma il 40% degli intervistati è convinto che la donazione alteri l integrità della salma; il significato clinico/medicolegale di morte encefalica è chiaro al 91% degli operatori. Rispetto ai potenziali terapeutici della donazione d organo circa l 82% degli infermieri ne è sufficientemente informato, ma enormi sono le differenze tra chi lavora a contatto con pazienti che hanno subito o subiranno trapianti e chi non vi opera. Infatti, mentre nel primo gruppo solo l 8% non ne è a conoscenza, nel secondo gruppo questa percentuale raggiunge il 34%. È stata confermata l ipotesi che la preparazione, anche di chi lavora a contatto con persone la cui guarigione dipende da un trapianto, non è del tutto completa; questa conferma viene dal fatto che solo il 75% degli intervistati del gruppo A e il 60% del gruppo B conoscono tutti gli organi e i tessuti che possono essere trapiantati. L analisi del livello di partecipazione al processo di donazione/trapianto ha evidenziato che l 83% degli intervistati vorrebbe conoscere come si svolge il lavoro di équipe per un prelievo e la percentuale raggiunge il 91% se si prendono in considerazione soltanto gli operatori del gruppo B. La necessità riscontrata verso l approfondimento della tematica in questione nasce anche dal fatto che la professione infermieristica è vista con un ruolo molto attivo nel processo della donazione dal 76% del campione. Questo ruolo è chiaramente riconosciuto più dagli infermieri del gruppo A (85%) rispetto a quelli del gruppo B (62%). Per quanto riguarda il gradimento per un eventuale corso di formazione sulla donazione di organi l 86% è favorevole, di questa larga percentuale di persone fanno parte l 83% del primo gruppo e il 91% degli operatori del secondo gruppo. Secondo gli intervistati, gli aspetti che devono essere approfonditi per un eventuale corso di formazione devono essere soprattutto quelli legati alla legislazione e alle sua implicazioni medico-legali (14%); inoltre è stato richiesto un approfondimento di tutti gli ambiti comunicativi, sia quelli che intercorrono tra gli operatori e i familiari del donatore (13%), sia quelli tra operatori e ricevente e i suoi congiunti (10%). La parte relativa all etica e agli aspetti morali, secondo gli intervistati, riveste una grossa importanza e da molti è stata evidenziata la necessità di affrontare questo tema. Una grande attenzione è rivolta anche a tutte le attività che ruotano attorno all équipe espianti/trapianti. CONCLUSIONI L interesse suscitato dalla somministrazione del questionario ha evidenziato una grande sensibilità da parte del personale infermieristico riguardo al tema della donazione e trapianto di organo. Dall analisi dei dati scaturiscono diverse interpretazioni tra cui quella che c è una carenza formativa rispetto a questo tema. Questo deficit è da addebitarsi per prima cosa alla formazione di base, che non prende in esame questa tematica in modo approfondito; inoltre gli aspetti, in continua evoluzione dal punto di vista etico, vengono trattati spesso dai mezzi di comunicazione di massa in modo sommario e frettoloso, comunicando notizie anche al personale sanitario non sempre corrispondenti alla realtà. Gli infermieri che devono occuparsi della propria formazione e informazione devono formare e informare i cittadini facendo educazione alla salute, per questo è opportuno che le notizie ricevute siano corrette e scientificamente adeguate. Creare un corso di formazione può dare la possibilità a tutti gli operatori di acquisire le giuste informazioni rispetto a questo tema. N. Ozdag (2001) conferma l ipotesi di un progetto formativo che ha come obiettivo generale quello di fornire le conoscenze teoriche riguardo alle tematiche della donazione e trapianto d organi e tessuti, per cercare di sopperire alla carenza di formazione. Ipotizzando un progetto formativo, questo può svilupparsi in due distinti momenti. Nel primo si possono fornire nozioni attraverso materiale informativo, in un secondo momento si può pensare alla creazione di un Corso di formazione rivolto al personale in cui vengono fornite in modo esaustivo tutte le informazioni. Attraverso la formazione del personale si cerca di superare una situazione deficitaria, uniformando il personale sanitario verso conoscenze equivalenti. Occorre che, rispetto a temi di grande rilevanza, come quello della donazione e trapianti, tutti i professionisti della salute siano preparati e informati verso le prestazioni che devono erogare. BIBLIOGRAFIA AA. VV., I bisogni formativi del personale di comparto: esperienza dell Azienda ospedaliera San Paolo di Milano, NEU n.2/2002, Bidigare S.A., Oermann M.H., Attitudes and knowledge of nurses regarding organ procurement. Heart Lung Jan; 20 (1): 20-4 Bothamley J., Organ donation a review of the literature. Br J. Theatre Nurs, 1999 Nov: 9 (11): Carretta A., Dalziel M.M. Mitrani A. Dalle risorse umane alle competenze. Milano: Franco Angeli, 1992 Cavaliere B., Vassalini L., Del Papa M., La rilevazione del bisogno formativo: esperienza di analisi qualitativa, Management infermieristico n. 3/2000, Chabaliwski F.L., Ellis J.M., Mc Graw L.J., Education related to organ donation anche trasplantation in undergraduate nursing schools: 1993 versus Prog Transplant, 2002 Dec; 12 (04): Centi M., Pignani I., Renzacci F., Dalla morte alla vita; approccio infermieristico al problema degli espianti/trapianti, in Atti del II Convegno regionale Aniarti, supplemento Scenario 2000; 17 (04): Del Ponte, Abilitazione, competenze e accreditamento del professionista infermiere: il contributo della formazione permanente, Scenario 2000: 17 (1), Molzahn A.F., Knoweledge and attitudes of critical care nurses regarding organ donation, Can J Cardiovasc Nurs. 1997; 8(2); Ozdag N., The nurses knoweledge, awareness and acceptance of tissue-organ donation. J. Edtna Erca 2001 Oct-Dee; 27/4); Quaglino G.P., Carozzi G.P., Processo, analisi dei bisogni, valutazione dei risultati, Franco Angeli, Milano, 1996 Randhawa G., Specialist nurse training programme: dealing with asking of organ donation. I Adv Nurs Aug; 28 (4); Riganelli P., La formazione continua infermieristica: un sistema educativo a sostegno del servizio e della politica sanitaria, Tesi di diploma, Scuola diretta a fini speciali per dirigenti e docenti in Scienze infermieristiche; Università di Bologna, 2001 Kirchoff K.T., Becksrand R.I., Anumandla P.K., Analysis of endof-life content in critical care nursing textbook. J Prof Nurs nov-dic; 19 (6); Zammuner V.L., Tecniche dell intervista e del questionario, Bologna, Il Mulino, 1998

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE Guida informativa per i pazienti Unità Operativa e Centro Trapianti di Midollo Osseo Wilma Deplano. Ospedale Oncologico Armando

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA Donare le cornee è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto

Dettagli

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE)

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Dr. Attilio Rovelli responsabile del Centro Trapianti dell' Ospedale San Gerardo di Monza Il trapianto di midollo osseo per una

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo!

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! NAPOLI Associazione Giuseppe Mango Onlus Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! Donare è vita tante gocce possono formare il mare Il sangue è un importantissimo mezzo terapeutico spesso

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo Le cellule staminali emopoietiche Le cellule del sangue, prodotte nel midollo osseo

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine.

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine. Perché donare? del cordone ombelicale del cordone ombelicale La donazione di, un gesto indispensabile. Donando il tuo puoi aiutare, per esempio, una donna che ha perduto molto durante il parto a riprendere

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI TERAPIA ANTILEUCEMICA DOCENTE: Prof. Luigi Quasso TERAPIA ANTILEUCEMICA

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma.

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma. plasma piastrine midollo osseo cordone ombelicale Perché donare? sangue plasma sangue midollo osseo midollo osseo cordone ombelicale plasma piastrine midollo osseo plasma piastrine sangue cordone ombelicale

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE A cura del Centro immunotrasfusionale dell ASL SA1 Direttore Mariarosaria Schiavo Prefazione La stesura di questo opuscolo nasce dal desiderio di contribuire a sfatare

Dettagli

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Il trapianto allogenico (da donatore) di cellule staminali emopoietiche (midollo osseo, sangue periferico, sangue cordonale)

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 267 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice VALPIANA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 2006 Istituzione delle banche per la conservazione del sangue

Dettagli

Il nostro obiettivo comune.

Il nostro obiettivo comune. Il nostro obiettivo comune. 1 4 associazioni un obiettivo: VITA Per sensibilizzare in modo mirato i cittadini e richiamare la loro attenzione sulla nostra attività, noi 4 associazioni di volontariato AVIS

Dettagli

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015)

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) Registro nazionale Italiano Donatori Midollo Osseo Italian Bone Marrow Donor Registry Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) QUESTIONARIO ANAMNESTICO PRE-ISCRIZIONE Le risposte che Lei fornirà sono confidenziali

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI UDINE DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: dr. Vincenzo De Angelis Tel. 0432 552346-39 fax 0432 552342 SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE MODELLO INFORMATIVO

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula;

valutato necessario che la convenzione abbia durata quinquennale dal momento della sua stipula; REGIONE PIEMONTE BU40 06/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 19 settembre 2011, n. 11-2605 Convenzione tra la Regione Autonoma Valle d'aosta e la Regione Piemonte per le attivita' del Centro Regionale

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA TIPIZZAZIONE Il compito dell ADMO è quello di cercare nuovi donatori ed inserirli nel registro mondiale dei donatori. A tale scopo il possibile donatore viene sottoposto a TIPIZZAZIONE HLA esame necessario

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 658 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore CARELLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 SETTEMBRE 2001 Istituzione delle banche di sangue di cordone ombelicale

Dettagli

Tessera di donatore di organi

Tessera di donatore di organi Tessera di donatore di organi Dichiarazione di volontà a favore o contro il prelievo di organi, tessuti e cellule destinati al trapianto Tessera da compilare sul retro. La donazione di organi salva vite.

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale Servizio Trasfusionale La donazione solidale di sangue di cordone ombelicale Informazioni utili Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del: - Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Porretto Simone Lazzaro Data di nascita 20/03/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Direttore di Struttura Complessa ASL AL ALESSANDRIA Direttore

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

processo di prelievo di Organi e Tessuti e nell esecuzione di ogni test di idoneità necessario a garanzia della tutela del ricevente.

processo di prelievo di Organi e Tessuti e nell esecuzione di ogni test di idoneità necessario a garanzia della tutela del ricevente. COORDINAMENTO OSPEDALIERO TRAPIANTI Presso l Azienda ULSS 20 è attivo il Coordinamento Ospedaliero Trapianti (COT) che si occupa di donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto, secondo quanto previsto

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI INVALIDI CIVILI DI REGGIO CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cilione Fortunato Data di nascita 30/07/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA Dirigente ASL I fascia - UFFICIO COMMISSIONI

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Allegato A (V8 1/7 mag. 2014)

Allegato A (V8 1/7 mag. 2014) Allegato A (V8 1/7 mag. 2014) LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Le cellule staminali emopoietiche Le cellule del sangue, prodotte nel midollo osseo ed immesse in circolo, originano da cellule

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 913 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRANAIOLA, AMATI, ALBANO, CUCCA, DE BIASI, FAVERO, GUERRIERI, LAI, LO GIUDICE, LUMIA, MANASSERO, MATTESINI, MATURANI,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli