Trapianto di cellule staminali ematopoietiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trapianto di cellule staminali ematopoietiche"

Transcript

1 CAPITOLO 10 Trapianto di cellule staminali ematopoietiche Sandra A. Mitchell Negli ultimi 20 anni, il trapianto di cellule staminali ematopoietiche (TCS) si è evoluto da una fase di sperimentazione su pazienti con leucemia acuta avanzata a una modalità di trattamento efficace che, attualmente, è entrato a far parte della terapia standard per alcune specifiche malattie. Il TCS permette l utilizzo di un trattamento chemioradioterapico intensivo, che non sarebbe possibile senza il recupero con le cellule staminali; comunque si possono verificare complicanze significative che includono: tossicità dai regimi di condizionamento, complicanze da pancitopenia, complicanze di tipo immunologiche nel caso di trapianto allogenico e ricaduta della malattia. 1. Tutte le seguenti affermazioni contengono componenti del razionale per il TCS, a eccezione di: a. La terapia dose-intensiva può guarire o dare una buona qualità di vita a pazienti con tumori maligni specifici e con malattie ematologiche, per le quali si ritiene che l effetto antitumorale sia proporzionale all intensità della dose. b. Il trapianto delle cellule staminali ematopoietiche offre al paziente la possibilità di una protezione da tutte le tossicità dose-limitanti della chemioterapia ad alte dosi e della radioterapia utilizzata per combattere il tumore. c. Il trapianto autologo è utilizzato principalmente per ripristinare la funzionalità ematopoietica in pazienti che ricevano la chemioterapia ad alte dosi, quindi li protegge dagli effetti collaterali letali dei regimi di terapie ad alte dosi. d. Il trapianto allogenico offre l opportunità di rimpiazzare le cellule ematopoietiche anomale o maligne o il sistema immunitario anomalo con cellule ematopoietiche e immunologiche normali prelevate da un donatore sano. La risposta immunologica allogenica asso- ciata tra il donatore e il ricevente è anche responsabile dell effetto antitumorale benefico. 1. Il trapianto è utilizzato per salvare il paziente dalla tossicità ematopoietica della terapia ad alte dosi; comunque, la chemioterapia ad alte dosi e la radioterapia producono tossicità dose-limitanti al cuore, ai polmoni, ai reni e al fegato. Queste tossicità sono le cause di alcune delle complicanze precoci e tardive dopo il trapianto. Risposta 1: b. 2. Quali delle seguenti affermazioni riguardo le fonti di cellule staminali ematopoietiche per il trapianto è inesatta? a. L utilizzo di cellule staminali ematopoietiche da fonti diverse dal midollo osseo ha portato un cambiamento nella terminologia; da trapianto di midollo osseo (BMT) a trapianto di cellule staminali (TCS). b. Il cordone ombelicale è una fonte sempre più sfruttabile di cellule staminali ematopoietiche di cellule progenitrici per trapianto. c. Per il trapianto autologo, come fonte di cellule staminali ematopoietiche il midollo osseo è più utilizzato rispetto alle cellule staminali periferiche mobilizzate. d. I donatori allogenici consanguinei del ricevente sono preferibili ai donatori non consanguinei, perché la compatibilità HLA è più vicina, con un incidenza più bassa di malattia da trapianto verso ospite (Graft-Versus-Host Disease, GVHD); inoltre, se necessario, è più probabile che saranno disponibili per ulteriori donazioni di sangue e di cellule staminali ematopoietiche. 2. Sia per il trapianto autologo sia quello allogenico, le cellule staminali periferiche sono diventate la fonte preferita di cellule ematopoietiche per trapianto. Questo perché la rac-

2 158 PARTE I Ruolo diretto del caregiver ISBN colta è più facile, le raccolte multiple sono più fattibili e il recupero dei neutrofili ed eritrociti nei pazienti riceventi il trapianto delle cellule staminali ematopoietiche periferiche piuttosto che da midollo osseo è più rapido (Wagner e Quinones, 1998). Per il trapianto autologo, altri vantaggi dell utilizzo di cellule staminali periferiche includono l uso della chemioterapia e di fattori di crescita per la raccolta e il minor tasso di contaminazione tumorale delle cellule staminali. Risposta 2: c. 7. Sarcoma di Ewing 8. Tumori delle cellule germinali 9. Malattie d immunodeficienza 10. Carcinoma ovarico 11. Carcinoma mammario metastatico a. 2, 3, 4, 5 e 9 b. Tutte queste tranne 10 e 11 c. Tutte queste tranne 1, 8, 10 e 11 d. Tutti 3. La terapia ad alte dosi con l utilizzo di cellule staminali per il recupero fa parte della fase di consolidamento standard o del trattamento di recupero per quali dei seguenti tumori? 1. Mieloma multiplo 2. Leucemia acuta 3. Leucemia cronica 4. Malattia di Hodgkin 5. Linfoma non-hodgkin 6. Neuroblastoma 3. In questo momento, l utilizzo della chemioterapia ad alte dosi con TCS nel trattamento del carcinoma mammario metastatico e del carcinoma ovarico è molto discutibile se non eseguita nell ambito di ampi studi clinici controllati (Williams e McCarthy, 2000). Per definire il ruolo della terapia ad alte dosi in questi tumori, sono necessari altri ampi studi clinici randomizzati, per confrontare la terapia ad alte dosi con cellule staminali per il recupero con la migliore terapia standard disponibile nel carcinoma mammario e ovarico. Risposta 3: b. Caso clinico1 Charles Jones è un uomo di 56 anni con una diagnosi di leucemia cronica mielode (LMC) in fase accelerata, che è stata trattata inizialmente con idrossiurea. Durante la visita di controllo, viene valutata la possibilità di eseguire un TCS. L anamnesi medica è significativa per ipertensione arteriosa e per diabete di tipo 2. Il paziente è coniugato e lavora come direttore in un azienda contabile. Ha due figli di 26 e 30 anni e due sorelle. Il suo gruppo sanguigno è A, e risulta positivo per citomegalovirus (CMV). Farmaci Idrossiurea 1 g al giorno per os Procardia XL 30 mg al giorno per os Gliburide 5 mg al giorno per os 1. Durante la valutazione iniziale del signor Jones, quale dei seguenti componenti è più importante? a. Esami di laboratorio attuali, incluso l emocoromo completo con formula leucocitaria, i test per la funzionalità epatica e la biochimica. b. Anamnesi medica completa, incluse malattie dell infanzia, peso attuale e stato nutrizionale. c. Lo stato attuale della malattia, l anamnesi dei trattamenti precedenti, incluso il dosaggio totale dei farmaci utilizzati e la durata della terapia, l anamnesi trasfusionale precedente e l anamnesi delle complicanze, per esempio infezioni e ricoveri precedenti. d. Il tipo di copertura assicurativa e lo stato psicosociale. 1. Sebbene tutti gli elementi elencati siano importanti nella valutazione del paziente per un trapianto, gli elementi più importanti sono la determinazione dello stato attuale della malattia (nel caso di LMC, in particolare, l emocromo con formula leucocitaria, l aspirato midollare osseo e la biopsia ossea con la citogenetica e la diagnosi molecolare) e l anamnesi del trattamento precedente della malattia, inclusa la risposta e le complicanze associate. Queste informazioni determinano se il trapianto è indicato per il paziente in questo momento della storia naturale della malattia e se sarebbe la terapia di scelta (Kapustay e Buchsel, 2000). L anamnesi medica dettagliata, la valutazione dello stato nutrizionale, il tipo di copertura assicurativa e lo stato psicosociale verranno accertati più avanti nella valutazione dei criteri d eleggibilità del paziente. Risposta 1: c.

3 ISBN CAPITOLO 10 Trapianto di cellule staminali ematopoietiche Possibili fonti di cellule staminali da donatore per il signor Jones includono tutti i seguenti, a eccezione di: a. Fratello/sorella consanguineo b. Donatore compatibile non consanguineo c. Donatore singenico d. Autologo 2. Tutte queste opzioni, tranne quella del donatore singenico, sono possibili fonti di cellule staminali per il signor Jones. Un trapianto singenico utilizza le cellule staminali da un gemello identico. Il signor Jones non è un gemello, quindi il trapianto singenico non è un opzione per lui. La tabella 10-1 presenta il confronto tra il trapianto autologo e allogenico di cellule staminali. Risposta 2: c. Caso clinico continua Il signor Jones ha un rapporto piuttosto teso con le sue sorelle ed è restio a chiedere loro di prestarsi come donatore. Chiede se non sarebbe meglio uti- lizzare cellule staminali da un donatore non consanguineo per evitare di dover utilizzare una delle due sorelle come donatore. Gli rispondete che il donatore di scelta per un trapianto allogenico è un fratello HLA-compatibile. 3. Qual è il razionale della tua risposta? a. Il trapianto da donatore non consanguineo è associato a un elevato rischio di non attecchimento, di rigetto del trapianto e della GVHD b. Il rischio dello sviluppo di infezioni (per esempio, epatite) nel periodo post-trapianto è più alto nel caso di trapianto da donatore non consanguineo c. Sia il trapianto autologo sia quello da donatore consanguineo e non consanguineo sarebbe efficace. La selezione del donatore delle cellule staminali ematopoietiche dovrebbe basarsi sulla convenienza, sulla facilità d accesso al donatore e sulle preferenze personali del paziente d. La ricerca di un donatore non consanguineo ritarderà inutilmente il trapianto Tabella 10-1 Confronto tra il trapianto autologo e allogenico di cellule staminali Test o procedura Frequenza Indicazioni Indicazioni Fonte delle cellule staminali Regime preparatorio Trattamento postrapianto Rischio di complicanze infettive Complicanze maggiori I tumori ematologici e i tumori solidi; possibile ruolo in malattie autoimmune: ruolo futuro in combinazione con la terapia genetica per trattare disordini genetici, HIV ecc. Midollo autologo o cellule staminali periferiche Principalmente progettato per provvedere a un trattamento mieloablativo intensivo per sradicare la malattia maligna Terapie di supporto, trasfusioni, fattori di crescita, manipolazione immunitaria Basso, principalmente nel primo periodo post-trapianto Tossicità da regime preparatorio; ripresa/progressione di malattia; mortalità correlata al trattamento di solito <5% I tumori ematologici, l anemia aplastica, disordini congeniti del midollo osseo, condizioni d immunodeficienza, alcuni errori congeniti del metabolismo Midollo, sangue periferico, sangue del cordone ombelicale, donatori consanguinei, donatori non consanguinei, HLA-compatibile o parzialmente compatibile Necessario per fornire l immunosoppressione e permettere l attecchimento; terapia intensiva per malattia maligna; crea spazio per le nuove cellule staminali Terapia di supporto, trasfusioni, fattori di crescita, manipolazione immunitaria, profilassi per la GVHD Alto, rischio prolungato di infezione per mesi o anni Tossicità da regime preparatorio; ripresa/progressione di malattia; GVHD; immunodeficienza; mortalità correlata al trattamento 5%-35% dipendente su diversi fattori correlati al paziente, al donatore e alla malattia Da Treleaven, J. e Barrett, J. (1999), Introduction; in Barrett, J. e Treleaven, J. (a cura di), The clinical practice of stem cell transplantation, p. 6, Oxford: Isis Medical Media. HIV, Human immunodeficiency virus; GVHD, Graft-Versus-Host Disease.

4 160 PARTE I Ruolo diretto del caregiver ISBN Sebbene la ricerca di un donatore e la raccolta delle cellule staminali può durare fino a 6 mesi, il razionale primario per la selezione di un donatore HLA-compatibile risiede nel fatto che un trapianto da donatore non consanguineo comporta un rischio maggiore di morbosità e di mortalità correlato alla procedura di trapianto (Gajewski e Champlin, 1998). Il donatore di scelta per un trapianto allogenico nel trattamento di specifici tumori ematologici, di sindromi di mieloinsufficienza e di alterazioni congenite del sistema ematopoietico o errori metabolici genetici del metabolismo è un fratello sano con gli antigeni HLA identici a quelli del paziente. Il trapianto autologo nel caso di LMC in fase accelerata non può offrire la guarigione completa, ma può aumentare la sopravvivenza ed essere vantaggioso rispetto ai trattamenti standard, specie per pazienti non eleggibili per il trapianto allogenico a causa dell età, di malattie concomitanti o della mancanza di un donatore di cellule ematopoietiche consanguineo o non consanguineo (Cornish, Goulden e Potter, 1998). Risposta 3: b. Caso clinico continua I coniugi Jones concordano sul consiglio del medico di prendere in considerazione il TCS allogenico. 4. A quali dei seguenti esami si dovrà sottoporre il signor Jones prima del trapianto per valutare la sua eleggibilità? a. Ecocardiogramma bidimensionale, scintigrafia ventricolare, stress test alla dobutamine, esami per la valutazione della funzionalità polmonare (PFT), inclusa la capacità di diffusione dell ossido di carbonio (DL CO ) b. Urine 24-ore con clearance della creatinina, scintigrafia ventricolare, PFT, aspirato midollare e biopsia midollare c. Urine 24-ore con clearance della creatinina, PFT e citogenetica per il cromosoma di Philadelphia d. Valutazione psicologica, stress test alla dobutamina, elettrocardiogramma (ECG) e sierologia per le malattie infettive 4. Esami per la valutazione dell eleggibilità prima del trapianto si focalizzano sulla stadiazione della malattia e sulla funzionalità degli apparati. L ecocardiogramma bidimensionale è meno sensibile della scintigrafia ventricolare per la misurazione della frazione di eiezione ventricolare, e lo stress test alla dobutamina sarebbe indicato solo nel caso in cui il paziente avesse un anamnesi di malattia delle arte- rie coronariche, angina pectoris o altri sintomi cardiologici. La presenza del cromosoma di Philadelphia è già stata constatata con la diagnosi di LMC. La valutazione psicologica, utile per determinare i modi per dare un supporto durante il processo del trapianto, non viene utilizzata per determinare l eleggibilità del paziente al trapianto. Vedi inserto Risposta 4: b. 5. Oltre alla visione panoramica sul processo del trapianto e la discussione sul regime di preparazione per il TCS e degli effetti collaterali immediati, quale dei seguenti punti che riguardano il paziente e la sua famiglia è il più importante da insegnare ai coniugi Jones durante il primo colloquio? a. Le complicanze precoci e tardive, il supporto trasfusionale, il tempo del ricovero previsto, la necessità di rimanere nelle vicinanze dell ospedale nel periodo subito dopo la dimissione, il processo di recupero e di riabilitazione b. L infusione di cellule staminali ematopoietiche e gli effetti collaterali, l attecchimento, le infezioni comuni da neutropenia, il supporto antibiotico, il supporto trasfusionale c. La tipizzazione dei tessuti, i nomi e gli effetti collaterali dei farmaci comunemente impiegati, le complicanze precoci del TCS, le risorse disponibili per il paziente e i suoi familiari d. I segni e i sintomi da riferire all équipe sanitaria, il monitoraggio della temperatura, della frequenza cardiaca e respiratoria, della pressione arteriosa; la cura del catetere venoso centrale (CVC) 5. Sebbene tutti gli argomenti elencati siano importanti per il paziente e i suoi familiari, inserirli tutti nel colloquio iniziale sarebbe opprimente. Inoltre, certe informazioni, quali la cura del CVC, i nomi e gli effetti collaterali dei farmaci comunemente impiegati e le precauzioni da prendere nel periodo di neutropenia e di trombocitopenia sono talmente dettagliate che sarebbe difficile per il paziente assimilare le informazioni sul processo, sui rischi, i benefici e gli effetti collaterali attesi del trapianto. Nel dare informazioni al paziente sul trapianto è importante un approccio longitudinale, per constatare le priorità da imparare e per individuare i bisogni d informazione del paziente e della sua famiglia. L uso di una checklist per documentare l informazione fornita al paziente da parte di più membri dell équipe aiuta ad accertare che tutte le informazioni necessarie siano date. Per integrare e rinforzare le informazioni fornite nel colloquio diretto può essere utile materiale scritto e di tipo audiovisivo. Risposta 5: a.

5 ISBN CAPITOLO 10 Trapianto di cellule staminali ematopoietiche 161 Inserto 10-1 Valutazione del paziente pre-trapianto L analisi e la valutazione pretrattamento del paziente sottoposto a trapianto di cellule staminali emopoietiche includono quanto segue: Anamnesi di storia presente, include i presenti segni e sintomi, precedenti terapie, diagnosi iniziale, patologia e stadiazione, complicanze, ricadute o progressioni, condizione attuale della malattia, storia di trasfusioni Anamnesi medica, che include le maggiori malattie: malattie croniche, malattie ricorrenti, storia chirurgica, malattie dell infanzia e l esposizione a malattie infettive; per le donne, dovrebbe comprendere anche il menarca, l inizio della menopausa o la data dell ultima mestruazione, gravidanze e risultati Farmaci correnti Allergie Anamnesi sociale e familiare Performance status Studi di laboratorio recenti, compresa la funzionalità epatica e renale, emocromo completo Sierologia delle malattie infettive, includenti HIV, epatite B e C, citomegalovirus, virus herpes simplex, HTLV- 1, virus Epstein-Barr, titolo del toxoplasmosi, gruppo AB0 e Rh Tipizzazione HLA e ottenimento del DNA per futuri studi d attecchimento (solo per i pazienti candidati a trapianto allogenico) Radiografia del torace Elettrocardiogramma Scintigrafia ventricolare Test di funzionalità polmonare, incluso il DLco Urine 24 ore per creatinina clearance TAC del torace e seni paranasali, se sintomi o storia di ripetute infezioni Ristadiazione della malattia, che include TAC, esami di medicina nucleare, aspirato e biopsia di midollo osseo, citogenetica, diagnostica molecolare e misurazione dei residui minimi di malattia Valutazione dentale, che include ortopantomografia e pulizia Raccolta dello sperma e degli embrioni fertilizzati Riserva di cellule staminali autologo nel caso di trapianto non consanguineo o non appaiato Consenso informato al trattamento, alle trasfusioni di supporto, agli studi clinici Valutazione nutrizionale, se appropriata Consulenza radioterapica, per le malattie infettive, pneumologica, cardiologica, nefrologica, se clinicamente indicate Screening finanziario Valutazione psicologica e dello stato sociale HIV, Human Immunodeficiency Virus; HTLV, Human T-Lymphotropic Virus; TAC, tomografia computerizzata. Caso clinico continua Una delle infermiere vi informa che la signora Jones fa tantissime domande sia al personale che incrocia in corridoio sia per telefono. Durante i colloqui diretti con l équipe sanitaria, invece, né il signor Jones né sua moglie fanno molte domande. L infermiera è preoccupata circa il grado d apprendimento del paziente sul consenso informato per il trattamento imminente. 6. Potete aiutare l infermiera del reparto a stabilire se il consenso informato è stato ottenuto attraverso: a. Il controllo della cartella clinica, assieme all infermiera, per vedere se il modulo del consenso informato è stato firmato dal paziente b. Il controllo congiunto di quali informazioni sono state fornite durante il processo del consenso informato, per determinare se queste erano sufficientemente comprensive e dettagliate c. Organizzare una riunione con l infermiera e i coniugi Jones per capire il livello di conoscenza che hanno raggiunto circa il trattamento proposto, inclusi i ri- schi, i benefici e le terapie alternative, per determinare quali informazioni devono ancora apprendere, per rivedere la decisione del paziente nell acconsentire a sottoporsi al trattamento d. Rivedere assieme allo staf infermieristico i princìpi del consenso informato, inclusi i princìpi etici sull autonomia e sull autodeterminazione, sul racconto della verità e sulla lealtà 6. Il consenso informato è un processo in cui il paziente assieme all operatore sanitario prende una decisione terapeutica. Ha quattro componenti: (1) la natura volontaria del consenso; (2) la completa informazione, inclusi gli effetti collaterali, i rischi, i benefici e le terapie alternative; (3) la comprensione dell informazione; e (4) la capacità della persona di decidere (Ford, 1990). La sola revisione dell informazione che è stata fornita al paziente non è una misura di quanto egli abbia compreso. In più, potrebbe esistere qualche barriera al consenso, per esempio, una difficoltà nella comunicazione, la comprensione incompleta dell informazione presentata e l incapacità di assimilare l informazione dovuta allo stress, al dolore, all ansia o ad altri fattori. Un modulo di consenso informato

6 162 PARTE I Ruolo diretto del caregiver ISBN firmato non garantisce che i princìpi del consenso informato siano stati rispettati. Sebbene il consenso scritto sia necessario, questo non garantisce che il paziente abbia pienamente compreso le implicazioni del trattamento scelto. Potrebbe accadere che uno dei coniugi si senta intimidito o pauroso durante l incontro con voi o con l équipe medica, o potrebbero avere dei bisogni d informazione diversi. Un ulteriore colloquio con la signora Jones, da sola, per scoprire le sue percezioni e preoccupazioni potrebbe meglio evidenziare quali siano i suoi bisogni e problemi. Durante questo processo l infermiera, assieme all infermiera in possesso di master in oncologia, può valutare quanto delle informazioni già fornite abbia compreso il paziente, determinare se esiste il bisogno di rivederle o di presentarle in modo alternativo e valutare se esiste qualche barriera al consenso informato. I termini del consenso informato per il TCS sono simili a quelli di altre terapie di tecnologia avanzata, ma, il fatto che il TCS è utilizzato per malattie incurabili o fatali senza il trapianto, la mortalità associata al trattamento e le numerose complicanze a lungo termine (per esempio la GVHD, le complicanze polmonari e le infezioni) fanno sì che il processo di prendere una decisione diventi molto complesso per il paziente e per la sua famiglia (Kletzel, Morgan e Frader, 1998). Nella loro ricerca per una cura, potrebbe essere difficile per il paziente comprendere le implicazioni della morbosità e della mortalità correlate al trapianto (Kapustay e Buchsel, 2000), e sia il paziente sia i suoi familiari potrebbero avere l idea di non aver mai valutato a sufficienza l onero fisico o emozionale del TCS. La complessità scientifica del processo del trapianto, la nostra incapacità di predire con precisione il decorso e il risultato di ogni singolo trattamento e lo stretto rapporto tra rischio e beneficio aumentano la sfida del processo del consenso informato per il TCS (Kletzel, Morgan e Frader, 1998). Nell analisi finale, molti pazienti o familiari sentono un desiderio, umano, di tentare l uso di misure radicali nelle circostanze disperate, perfino quando capiscono la natura imprevedibile del risultato e gli oneri inerenti al trattamento. Il nostro ruolo è confinato nell assicurarsi che il paziente abbia ricevuto informazioni complete e comprensibili sulla terapia proposta e che non ci sia stata alcuna coercizione che abbia influenzato la sua decisione di sottoporsi al trattamento. Risposta 6: c. 7. Ambedue le sorelle del signor Jones sono HLA-compatibili. Dai dati qui presentati, quale delle due ha la più alta probabilità di essere scelta come donatrice per il fratello, che ha gruppo A ed è positivo per CMV? a. Elisabetta, di 43 anni, negativa per CMV, gruppo sanguigno 0, 1 gravidanza, nessuna comorbilità b. Elaine, di 41 anni, positiva per CMV, gruppo sanguigno AB, nessuna gravidanza, nessuna comorbilità 7. Sarà più probabile che Elaine venga scelta come la donatrice di cellule staminali. Se fossero disponibili diversi fratelli per la donazione e tutti fossero uguali per compatibilità HLA, quello con lo stesso sesso, gruppo sanguigno e stato CMV del paziente sarebbe da preferire. Donatori che non hanno mai avuto trasfusioni di prodotti sanguigni o gravidanze sono ugualmente da preferire. Anche le condizioni di comorbosità nel donatore vengono prese in considerazione. Sebbene Elaine sia positiva per CMV, questo ha poca importanza, visto che il signor Jones è positivo anch egli. Il fattore più importante in questo caso è la compatibilità del gruppo AB0. Nel caso di Elisabetta, che ha il gruppo 0+, ella produce antigeni al gruppo A e al gruppo B. Questo potrebbe causare un emolisi immediata o ritardata (Fox, 1981). Elaine, con il gruppo AB, comporterebbe per il paziente un rischio di emolisi minimo, sia immediato che ritardato. Vedi inserto Risposta 7: b. 8. Quali dei seguenti descrive meglio il termine mobilizzazione delle cellule staminali? a. La mobilizzazione è un processo in cui viene stimolato il midollo osseo, che risulta nella proliferazione di cellule staminali pluripotenti nel midollo e nell ulteriore rilascio rapido nella circolazione periferica. Inserto 10-2 Valutazione del donatore di cellule staminali emopoietiche Gli esami e la valutazione pre-trattamento del donatore delle cellule staminali ematopoietiche includono abitualmente: Valutazione anamnestica e fisica, annotazione di malattie importanti o croniche, storia di problemi ematologici (incluse tendenza al sanguinamento, storia di neoplasie e storia di trasfusioni), farmaci correnti, allergie e, nelle donne, storia di gravidanze Annotazione della presenza di alcuni fattori di rischio per HIV o di infezione per epatite virale Valutazione fisica per alcune anormalità e per l accertamento dell idoneità delle vene periferiche Emocromo completo e conta leucocitaria, biochimica, analisi della funzionalità epatica e renale, analisi della cogulazione, classificazione del gruppo sanguigno AB0 e Rh, test di gravidanza Conferma della tipizzazione HLA; ottenimento del DNA per studi futuri sull attecchimento (solo per i donatori allogenici) Sierologia delle malattie infettive, includenti VDRL, HIV, epatite B e C, citomegalovirus, virus herpes simplex, HTLV-1, virus Epstein-Barr, titolo per toxoplasma HIV, Human Immunodeficiency Virus; HTLV, Human T- Lymphotropic Virus.

7 ISBN CAPITOLO 10 Trapianto di cellule staminali ematopoietiche 163 b. La mobilizzazione è la raccolta di cellule staminali periferiche per successivo trapianto. c. La mobilizzazione è un metodo per raccogliere cellule staminali utilizzando dei separatori commerciali programmati per la raccolta di linfociti o di leucociti a bassa densità. d. La mobilizzazione è il processo utilizzato per raccogliere midollo osseo autologo. 8. Le cellule staminali per successivo trapianto possono essere raccolte sia dal sangue periferico sia dal midollo osseo. Le cellule staminali periferiche sono raccolte tramite la mobilizzazione e l aferesi, mentre il midollo osseo è espiantato dalla sede ossea, che richiede l aspirazione diretta delle cellule progenitrici tramite punture multiple della cresta iliaca posteriore. La mobilizzazione è il processo in cui viene stimolato il midollo osseo, utilizzando sia la chemioterapia sia le citochine (per esempio, fattori stimolanti le colonie di granulociti [G-CSF], fattori stimolanti le colonie di granulociti-macrofagi [GM-CSF]) o ambedue, per aumentare il numero di cellule progenitrici nella circolazione periferica, con la risultante raccolta di un elevato numero di cellule staminali. L aferesi è il processo di raccolta delle cellule staminali dalla circolazione periferica tramite l uso di separatori cellulari. Risposta 8: a. 9. Elaine chiede perché è preferibile raccogliere le cellule staminali periferiche piuttosto che da midollo osseo. La vostra risposta comprende tutti i seguenti concetti relativi alle cellule staminali periferiche, a eccezione di: a. L attecchimento delle cellule staminali periferiche avviene più velocemente in paragone a quelle midollari. b. L utilizzo di cellule staminali periferiche diminuisce il disagio e i rischi associati con l espianto del midollo osseo. c. L utilizzo di cellule staminali periferiche permette la raccolta delle cellule in ambulatorio, senza la necessità di anestesia o di ricovero ospedaliero. d. È meno probabile che le cellule staminali periferiche siano contaminate con cellule tumorali. 9. La raccolta di cellule staminali periferiche da donatori sani offre alcuni vantaggi rispetto a quelle espiantate da midollo osseo (Wagner e Quinones, 1998). Le cellule staminali periferiche possono essere raccolte a livello ambulatoriale, senza dover ricorrere all uso di anestesia o all ospedalizzazione. I metodi di raccolta delle cellule staminali periferiche riducono i rischi associati all anestesia generale/spina- le ed evitano il disagio creato dalle punture multiple delle creste iliache posteriori per la raccolta di midollo osseo. I pazienti che ricevono cellule staminali periferiche presentano un attecchimento più rapido. La durata più breve di pancitopenia riduce il ricovero ospedaliero, l incidenza di complicanze, come le infezioni e l emorragia, e la necessità del supporto trasfusionale. Le cellule staminali periferiche o da midollo osseo da un donatore che è un fratello con le stesse caratteristiche HLA non saranno contaminate da cellule tumorali. Risposta 9: d. 10. Quali delle seguenti sostanze è più probabile che ricevi Elaine per mobilizzare le sue cellule staminali periferiche prima dell aferesi? a. GM-CSF b. G-CSF c. Ciclofosfamide d. Eritropoietina 10. Il fattore di crescita di scelta per la mobilizzazione delle cellule staminali periferiche nel donatore allogenico è il G- CSF (Russell e Miflin, 1998). Nei protocolli di studio, altre citochine, sia da sole sia in combinazione, sono state utilizzate per la mobilizzazione delle cellule staminali periferiche nel donatore allogenico. La chemioterapia non è mai utilizzata nel donatore sano, sebbene venga utilizzata per mobilizzare le cellule staminali periferiche nel paziente che si sottopone a trapianto autologo. Risposta 10: b. 11. In relazione alla mobilizzazione e alla raccolta delle cellule staminali periferiche, quali dei seguenti aspetti informativi non sarà fornito a Elaine, che è donatore allogenico? a. La cura di se stessa durante i periodi di neutropenia e trombocitopenia b. La rassicurazione che nonostante non esistano dati sugli effetti a lungo termine delle citochine, non sono stati notati effetti collaterali a lungo termine c. Le strategie per la gestione degli effetti collaterali correlati alla somministrazione di citochine d. La rassicurazione che gli effetti collaterali del G-CSF sono temporanei e che si risolvono nell arco di 1 o 2 giorni dopo la loro sospensione 11. I donatori allogenici non ricevono la chemioterapia per mobilizzare le cellule staminali e, quindi, non ci si aspetta che sviluppino la neutropenia o la trombocitopenia. Risposta 11: a.

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica.

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica. La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica Valter Tassi La cellula staminale La cellula staminale è una cellula IMMATURA

Dettagli

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE)

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Dr. Attilio Rovelli responsabile del Centro Trapianti dell' Ospedale San Gerardo di Monza Il trapianto di midollo osseo per una

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE Evento formativo residenziale LE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE, QUALI POSSIBILITA : PRESENTE E FUTURO LA GESTIONE DEL DONATORE DALL ISCRIZIONE ALLA DONAZIONE Patrizia Rosetta 1 Molte malattie ematologiche,

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

-Sinossi del Protocollo-

-Sinossi del Protocollo- -Sinossi del Protocollo- CHEMIO-IMMUNOTERAPIA INTENSIVA PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON LINFOMA NON HODGKIN A CELLULE T PERIFERICHE (PTCL) Studio Clinico A Tipo di studio Scopo

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Gli aspetti medici e psicologici

Gli aspetti medici e psicologici LE PATOLOGIE GRAVI, I MEZZI DIAGNOSTICI E GLI STRUMENTI TERAPEUTICI IN RAPPORTO ALLE MODIFICATE CAPACITA SCOLASTICHE E RELAZIONALI DELL ALUNNO MALATO Dott.ssa Fiorina Giona Ematologia-Dipartimento di Biotecnologie

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplificare la lettura, in questo testo si utilizza la sola forma maschile. Naturalmente la forma femminile è sempre sottintesa. Trasfusione

Dettagli

TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore. Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott.

TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore. Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott. TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott.ssa Lucia Prezioso Tipi di trapianto AUTOLOGO Donatore e Ricevente sono

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli Il trapianto di rene da donatore vivente la scelta che può cambiare una vita Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli sconvolge la vita: insufficienza renale cronica. Le cure, le restrizioni alimentari,

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

che riescono a fare il trapianto in remissione hanno una buona probabilità di sopravvivenza libera da eventi.

che riescono a fare il trapianto in remissione hanno una buona probabilità di sopravvivenza libera da eventi. 1. Il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (CSE) rappresenta la migliore opzione terapeutica per pazienti con leucemie acute ad alto rischio che, dopo aver raggiunto una remissione

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto.

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Vincenzo Saturni Ascoli Piceno, 29 settembre 2012 Cellule staminali Cellule non specializzate,

Dettagli

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE Guida informativa per i pazienti Unità Operativa e Centro Trapianti di Midollo Osseo Wilma Deplano. Ospedale Oncologico Armando

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI TERAPIA ANTILEUCEMICA DOCENTE: Prof. Luigi Quasso TERAPIA ANTILEUCEMICA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Storia Naturale delle Nefropatie

Storia Naturale delle Nefropatie Storia Naturale delle Nefropatie Prevenzione Nefropatia Trattamento Creat. > 1,4 mg/dl Rallentamento della Velocità evolutiva Insufficienza Renale Cronica TRAPIANTO RENALE DIALISI PERITONEALE EMODIALISI

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI ( 65 E

Dettagli

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara !

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara ! TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO Paolo Di Bartolomeo Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie Ospedale Civile, Pescara 1 In tutte le malattie del midollo osseo (emopatie), siano esse

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo Le cellule staminali emopoietiche Le cellule del sangue, prodotte nel midollo osseo

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3 00_carpanelli_ok 9-09-2002 16:52 Pagina V Autori Presentazione XI XVII MODULO 1 Epidemiologia, prevenzione e ricerca 1 Strategie europee contro il cancro 3 Il quinto programma quadro 3 Il programma qualità

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

Sinossi dell studio GIMEMA AML 1310

Sinossi dell studio GIMEMA AML 1310 Terapia adattata al rischio genetico/citogenetico e basata sulla determinazione della malattia minima residua per pazienti giovani ( 60 anni) affetti da leucemia acuta mieloide di nuova diagnosi EudraCT

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015)

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) Registro nazionale Italiano Donatori Midollo Osseo Italian Bone Marrow Donor Registry Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) QUESTIONARIO ANAMNESTICO PRE-ISCRIZIONE Le risposte che Lei fornirà sono confidenziali

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia).

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia). MIELODISPLASIE Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un gruppo eterogeneo di malattie, prevalenti nell adulto-anziano, caratterizzate da una difettosa produzione, da parte del midollo osseo, di globuli

Dettagli

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto

810.212.41 Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto Ordinanza del DFI concernente l attribuzione di organi per il trapianto (Ordinanza del DFI sull attribuzione di organi) del 2 maggio 2007 (Stato 1 luglio 2007) Il Dipartimento federale dell interno, vista

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1274 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARRA, ARLOTTI, BINI, BRAGA, CARELLA, FON- TANELLI, LATTUCA, MALPEZZI, MANFREDI, MANZI, MONGIELLO,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1152 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore TERRACINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 31 LUGLIO 1996 Istituzione

Dettagli

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY REGISTRO ITALIANO DONATORI MIDOLLO OSSEO fondato nel 1989 PRESSO Ospedali Galliera di Genova 1 FINALITA procurare ai pazienti ematologici in attesa di trapianto,

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001)

LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001) 2 Volume - Linee Guida e Protocolli LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001) IL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA' SEZIONE Il Vista la relazione del Dipartimento

Dettagli

IL LINFOMA DI HODGKIN

IL LINFOMA DI HODGKIN UNIVERSITÀ DI PISA Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in CTF Corso: Basi Biochimiche dell azione dei Farmaci IL LINFOMA DI HODGKIN Pisa, 1-04-14 Greta Onesti Anno Accademico 2013-2014 1 OBIETTIVI

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli

DIRITTI E DOVERI DEL DONATORE

DIRITTI E DOVERI DEL DONATORE DIRITTI E DOVERI DEL DONATORE DIRITTI E DOVERI DEL DONATORE DIRITTI DOVERI Essere correttamente informato Potere revocare il suo consenso in qualsiasi momento tranne. Decidere quale tipo di donazione effettuare

Dettagli

Il Trapianto di Rene

Il Trapianto di Rene Il Trapianto di Rene il Trapianto Sostituire un organo malato con uno sano proveniente da donatore vivente cadavere a cuore battente il cadavere a cuore battente pz. in coma depassè (morte cerebrale =

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Informazioni sulla donazione rev. 1 del 30 settembre 2013 Pagina 1/7 Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010

Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010 Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010 Progetti di Ricerca Biomedica Innovativa Trapianti Bologna, 18-19, 19, Gennaio 2010 Firma bio-molecolare nei pazienti con HCC in lista

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM)

PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM) Dipartimento oncoematologico e malattie infettive EMATOLOGIA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM) Reggio Emilia, 17 novembre 2007 a cura di MARIA STELLA

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE

INSERTO LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO ED IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Il trapianto allogenico (da donatore) di cellule staminali emopoietiche (midollo osseo, sangue periferico, sangue cordonale)

Dettagli

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine.

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine. Perché donare? del cordone ombelicale del cordone ombelicale La donazione di, un gesto indispensabile. Donando il tuo puoi aiutare, per esempio, una donna che ha perduto molto durante il parto a riprendere

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma

Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma UNIVERSITA CATTOLICA DEL S. CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma DIPARTIMENTO di SCIENZE CHIRURGICHE Direttore Prof Giovanni Battista Doglietto UOC Chirurgia Generale

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE TRAPIANTATO RENALE DA DONATORE VIVENTE. GRUPPO DI LAVORO: ANGELA DI MARI ENRICA SABATTINI GIANNA SOLDANI RELATORE: ANGELA DI MARI IL TRAPIANTO TRA PERSONE VIVENTI

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Regione Emilia Romagna Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Resoconto 29 I risultati preliminari delle rivascolarizzazioni di salvataggio d arto in arteria omologa crioconservata,

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli