COMUNE DI NOVARA Piano Esecutivo di Gestione 2012 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NOVARA Piano Esecutivo di Gestione 2012 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA"

Transcript

1 COMUNE DI NOVARA Piano Esecutivo di Gestione 2012 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA

2 COMUNE DI NOVARA Piano Esecutivo di Gestione 2012 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA PROGETTO 1 Amministrazione 2.0

3 Programma 1 L Amministrazione semplice e partecipata Responsabile Direttore Generale Paolo Sironi Progetto 1 Amministrazione 2.0 Finalità generali del progetto Utilizzare la leva delle tecnologie, della comunicazione e degli strumenti del web 2.0 per migliorare la propria performance e il dialogo con i cittadini. Innovare le tecnologie, i processi e gli strumenti gestionali per assicurare maggiore efficienza e qualità nei servizi resi. Mettere al centro della modernizzazione della macchina comunale la qualità dei servizi per incidere positivamente sulla vita delle persone e sulle potenzialità di sviluppo della città Azioni collegate strategiche Incrementare la partecipazione degli stakeholder (cittadini e non) del territorio. Introdurre modalità efficaci di comunicazione tra Comune e stakeholder. Promuovere l'utilizzo dei canali digitali. Diffondere i servizi on line Responsabile Canciani

4 Azione strategica Incrementare la partecipazione degli stakeholder (cittadini e non) del territorio. Introdurre modalità efficaci di comunicazione tra Comune e stakeholder. Promuovere l'utilizzo dei canali digitali. Diffondere i servizi on line Obiettivi Anno 2012 Anno digitalizzazione dell iter dei principali atti amministrativi anche attraverso l utilizzo della firma digitale- avvio dell implementazione dell utilizzo della firma digitale per la firma di atti (digitalizzazione deliberazioni, determine etc) analisi dell offerta di mercato, definizione di studio di fattibilità 02 portale per consentire ai cittadini di interagire con l Amministrazione segnalando disagi e disservizi presenti sul territorio comunale - analisi dell offerta di mercato, definizione di studio di fattibilità 03 portale per informare i cittadini in merito ad ogni cantiere aperto in città e ai relativi aggiornamenti analisi dell offerta di mercato, definizione di studio di fattibilità 04 potenziamento dell informatizzazione con attivazione nuova piattaforma per SUAP (consultazione on line della pratica, possibilità di espletare alcune richieste on line etc) 05 MUDE (Modello Unico Digitale per l Edilizia) per l inoltro telematico delle pratiche edilizie attivazione, implementazione, sviluppo 06 sito Internet sportello Informagiovani riprogettazione, attivazione, sviluppo 07 azioni di adeguamento ai principi del CAD - potenziamento dei servizi on line servizi anagrafici progetto Reti Amiche (rilascio di certificati anagrafici attraverso sportelli uffici postali) OBIETTIVO STRATEGICO (NO++) 08 utilizzo di tecnologie per la comunicazione con il cittadino - installazione di apparecchiatura touchscreen per turismo e servizi sulla facciata del palazzo municipale; creazione e sviluppo di applicazione per smartphone 09 innovazione nel sistema di gestione della posta elettronica, nuove modalità di comunicazione telematica con il passaggio in cloud del sistema di gestione della posta elettronica e l estensione della consultazione della stessa tramite dispositivi mobili 10 fatturazione elettronica creazione di casella di posta elettronica dedicata, fatture in entrata: invio ai fornitori dell Ente dell invito a far pervenire le fatture via ; fatture in uscita: acquisizione indirizzi di posta elettronica di utenti/clienti non occasionali 11 piattaforma informatica CSI acquisto dotazioni informatiche vedasi scheda investimenti allegata 12 acquisto software per Polizia Municipale (Chipsweb) vedasi scheda investimenti allegata 13 rinnovo dotazione PC uffici vedasi scheda investimenti allegata

5 mantenimento/di consolidamento innovazione/di sviluppo Tipologia di obiettivo prodotto processo Peso Obiettivo 01 Canciani Obiettivo 02 Canciani Obiettivo 03 Canciani Obiettivo 04 Santacroce Obiettivo 05 Santacroce Obiettivo 06 Uglietti Obiettivo 07 Tritto Obiettivo 08 Brusati Obiettivo 09 Canciani Obiettivo 10 Daglia Obiettivo 11 Canciani Obiettivo 12 Canciani Obiettivo 13 Canciani Responsabile Indicatore Target Obiettivo 01 analisi dell offerta di mercato e definizione dello studio di fattibilità entro il 30/11 Obiettivo 02 analisi dell offerta di mercato e definizione dello studio di fattibilità entro il 30/9 Obiettivo 03 analisi dell offerta di mercato e definizione dello studio di fattibilità entro il 30/9 Obiettivo 04 % SCIA presentate tramite scrivania virtuale/totale SCIA presentate almeno il 70% entro il 31/7 tempi medi di conclusione dei procedimenti riduzione Obiettivo 05 adesione e attivazione del servizio entro il 31/10 Obiettivo 06 definizione di progetto di revisione del sito entro il 31/12 Obiettivo 07 sottoscrizione convenzione con Poste Italiane per attivazione servizio entro il 31/12 numero di servizi espletabili on line/totale servizi erogati al front office n. cittadini che hanno espletato pratiche anagrafiche online/n. totale di utenti dei servizi anagrafici Obiettivo 08 installazione di apparecchiatura touchscreen sulla facciata della sede municipale entro il 30/6 realizzazione app per smartphone relativa alla città entro il 31/10 n. utenti che hanno scaricato l applicazione per smartphone almeno 500 Obiettivo 09 analisi dell offerta di mercato, definizione di studio di fattibilità, adozione del nuovo sistema di posta elettronica entro il 31/10 e azioni di supporto al personale per implementarne l uso Obiettivo 10 fatture in entrata: % fornitori attivi a cui viene inviato l invito a presentare le fatture via /totale fornitori 100%

6 attivi fatture in entrata: % fornitori attivi che inviano la fattura a mezzo /totale fornitori attivi a cui è stato inviato l invito fatture in uscita: % utenti/clienti non occasionali di cui viene acquisito l indirizzo di posta elettronica/total utenti/clienti non occasionali fatture in uscita: % utenti/clienti a cui viene inviata la fattura a mezzo posta elettronica/totale utenti/clienti di cui si è acquisito l indirizzo di posta elettronica Obiettivo 11 rispetto dei tempi previsti nella programmazione Obiettivo 12 rispetto dei tempi previsti nella programmazione Obiettivo 13 rispetto dei tempi previsti nella programmazione non inferiore al 20% non inferiore al 50% 100% scostamento non superiore al 20% scostamento non superiore al 20% scostamento non superiore al 20% STRUTTURE/RISORSE UMANE COINVOLTE Obiettivo 01 Servizio ICT Obiettivo 02 Servizio ICT Obiettivo 03 Servizio ICT Obiettivo 04 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 05 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 06 Servizio Partecipazione sul Territorio Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Servizi Educativi Obiettivo 07 Servizi Demografici Obiettivo 08 Servizio Commercio, Turismo e Gemellaggi Obiettivo 09 Servizio ICT Obiettivo 10 Servizio Bilancio Obiettivo 11 Servizio ICT Obiettivo 12 Servizio ICT Obiettivo 13 Servizio ICT

7 RISORSE FINANZIARIE COLLEGATE CAPITOLI DI SPESA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 1 6 INFORMATIZZAZIONE Spese modico valore per informatizzazione ,00 SERVIZI Assistenza sistemistica procedure diverse , Collegamento rete Fausernet 8.000, Consorzio Topix quota associativa 2.000, Servizi telematici collegamento ancitel 2.000, Sviluppo rete banda larga - RIPE 2.100,00 caselle posta certficata 1.000, Assistenza sw antivirus server posta elettronica , Estensione garanzia per server e stampanti laser di sistema , Gruppo continuità 3.060, Manutenzione rete telematica interna 6.000, Progetto e-goverment , Riparazione dotazioni informatiche fuori garanzie , Spese economali 3.000,00 anci 2.500,00 E part ,00 info gov ,00 MUDE 7.000,00 poste amil , Manutenzione rete telefonica 7.000, Leasing oracle, server cluster e centrali telefoniche ,00 6 Totale ,00 22 SERVIZIO STATISTICO Spese rilevatori istat , Toponomastica 5.000,00 22 Totale ,00 82 ARCHIVIO Procedura protocollo e gestione determine , Spese postali ,00

8 azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 82 Totale , SERVIZIO CED CONTO Manutenzione fibra ottica ,00 TERZI -SERVIZIO RILEVANTE IVA 127 Totale ,00 1 Totale ,00 CAPITOLI DI ENTRATA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 1 22 SERVIZIO STATISTICO Spese rilevatori istat ,00 22 Totale ,00 SERVIZIO CED CONTO TERZI -SERVIZIO RIMBORSI PER SERVIZIO CED A TERZI - SE RVIZIO 127 RILEVANTE IVA RILEVANTE I.V.A , Totale ,00 1 Totale ,00

9 COMUNE DI NOVARA Piano Esecutivo di Gestione 2012 PROGRAMMA 1 L AMMINISTRAZIONE SEMPLICE E PARTECIPATA PROGETTO 2 Partecipazione, comunicazione, trasparenza

10 Programma 1 Responsabile Progetto 2 Finalità generali del progetto L Amministrazione semplice e partecipata Direttore Generale Paolo Sironi Partecipazione, comunicazione, trasparenza Rafforzare il sistema di governance locale. Sviluppare il dialogo con i cittadini e gli stakeholder. Assicurare una reale apertura della macchina istituzionale alla partecipazione diretta ed effettiva della popolazione. Rendere il Comune un luogo dove costruire nel tempo e in maniera collettiva il bene comune. Strutturare gli strumenti di comunicazione e di apertura all esterno dell amministrazione in modo da renderla più trasparente, migliorando l efficacia e l efficienza dell azione amministrativa. Costruire un dialogo strutturato e continuativo con la cittadinanza, potenziando la capacità di ascolto. Maturare le scelte nei processi decisionali che riguardano la città attraverso la partecipazione in modo da rendere condivisi obiettivi e scelte. Fornire una risposta concreta alla crescente domanda di partecipazione effettiva espressa dalla cittadinanza attraverso lo sviluppo degli spazi di ascolto e di pratiche di democrazia che valorizzino il ruolo attivo dei cittadini nella definizione delle scelte amministrative che li riguardano. Azioni collegate strategiche Costruire metodi efficaci ed omogenei di relazione e comunicazione tra l Amministrazione e gli stakeholder. Facilitare la conoscenza degli atti del Comune e l esercizio dei diritti e delle prerogative dei cittadini. Attuare un forte rinnovamento dell attività amministrativa con l obiettivo di rendere l azione del Comune più trasparente ed efficace e dare ai cittadini la maggiore semplificazione ed equità possibile nel rapporto con la Pubblica Amministrazione Responsabile Sironi Coinvolgere i cittadini/gli stakeholder nelle scelte che riguardano le trasformazioni della città. Organizzare iniziative di coinvolgimento, comunicazione ed ascolto della cittadinanza su temi ritenuti strategici Brusati Sviluppare la rete degli sportelli. Costituire nuovi sportelli dedicati. Potenziare la funzionalità degli Sportelli Unici per avvicinare l amministrazione alle imprese e ai cittadini. Curare il rapporto con il cittadino, potenziare la capacità di ascolto e di risposta alle esigenze della cittadinanza Sironi

11 Azione strategica Costruire metodi efficaci ed omogenei di relazione e comunicazione tra l Amministrazione e gli stakeholder. Facilitare la conoscenza degli atti del Comune e l esercizio dei diritti e delle prerogative dei cittadini. Attuare un forte rinnovamento dell attività amministrativa con l obiettivo di rendere l azione del Comune più trasparente ed efficace e dare ai cittadini la maggiore semplificazione ed equità possibile nel rapporto con la Pubblica Amministrazione Obiettivi Anno 2012 Anno piano dei servizi decentrati ai cittadini 02 revisione della normativa regolamentare emanata dal Comune in un ottica generale di riduzione dei tempi e di semplificazione/miglioramento dei processi regolamento per l esercizio del diritto di accesso l. 241/90 aggiornamento, revisione, definizione criteri applicativi, omogeneizzazione della relativa modulistica 03 revisione della normativa regolamentare emanata dal Comune in un ottica generale di riduzione dei tempi e di semplificazione/miglioramento dei processi regolamento per acquisizione di forniture e servizi per l esecuzione di lavori in economia aggiornamento, revisione 04 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità predisposizione, approvazione, pubblicazione, avvio delle azioni di attuazione ed implementazione: miglioramento della qualità del sito istituzionale (metodo RadarPA), sezione del sito Internet dedicata al Bilancio comunale creazione, sviluppo, aggiornamento, Open Data individuazione, pubblicazione ed aggiornamento dei set di dati, definizione delle modalità organizzative ed operative per la pubblicazione dei dati e delle informazioni previste dall art. 18 del dl sviluppo, previsione della giornata della trasparenza 05 Bilancio Sociale studio, analisi e definizione dell ambito (di attività e temporale) e costituzione specifico gruppo di lavoro intersettoriale 06 Manuale di istruzioni per l utilizzo degli ambiti del PRG (note integrative alle procedure di trasformazione delle schede d ambito) predisposizione, pubblicazione 07 adozione di azioni per rendere comprensibili, trasparenti e verificabili i programmi dell Amministrazione Comunale revisione della struttura dei documenti di programmazione (Relazione Previsionale e Programmatica, PEG Piano Esecutivo di Gestione, PDO Piano degli Obiettivi, etc) e di rendicontazione (rendiconto della gestione) 08 revisione della normativa regolamentare emanata dal Comune in un ottica generale di riduzione dei tempi e di semplificazione/miglioramento dei processi testo unico delle regolamentazioni comunali in materia edilizia (regolamento edilizio, insegne, antenne, ambiente, qualità architettonica ed energetica, sottoservizi, tutela del suolo) redazione, confronto con gli stakeholder

12 09 revisione della normativa regolamentare emanata dal Comune in un ottica generale di riduzione dei tempi e di semplificazione/miglioramento dei processi regolamento comunale d igiene redazione, confronto con gli stakeholder OBIETTIVO NO++ mantenimento/di consolidamento innovazione/di sviluppo Tipologia di obiettivo prodotto processo Peso Responsabile Obiettivo 01 Uglietti Obiettivo 02 Danzi Obiettivo 03 Danzi /Santacroce Obiettivo 04 Sironi Obiettivo 05 Daglia Obiettivo 06 Santacroce Obiettivo 07 Sironi Obiettivo 08 Santacroce Obiettivo 09 Danzi /Santacroce Indicatore Target Obiettivo 01 ex sedi dei Consigli Circoscrizionali: relazione base a supporto del processo decisionale (cosa, dove, da chi viene entro il 30/9 usato, come e quando) proposta di piano dei servizi decentrati ed avvio del procedimento di approvazione entro il 31/12 Obiettivo 02 predisposizione nuovo regolamento e avvio del procedimento di approvazione entro il 31/10 Obiettivo 03 approvazione del regolamento entro il 31/3 progettazione di sistema di rilevazione dei tempi dei procedimenti di affidamento di lavori, servizi e forniture in entro il 31/12 economia per la verifica della efficacia del nuovo regolamento Obiettivo 04 predisposizione Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità e avvio del procedimento di approvazione entro il 31/10 % sezioni del sito internet adeguate ai parametri stabiliti dalla CIVIT 100% pubblicazione dati e informazioni relativi al Rendiconto della gestione entro il 31/8 pubblicazione dati e informazioni relativi al Bilancio di Previsione entro il 31/8 pubblicazione dati e informazioni relativi al PEG entro il 31/8 set di dati pubblicati in formato aperto non inferiore a 7 avvio della pubblicazione in formato aperto dei dati e delle informazioni dell art. 18 dl sviluppo entro il 31/12 Obiettivo 05 definizione dell ambito di attività (uno o più servizi comunali) e dell ambito temporale oggetto del documento entro il 30/11 costituzione specifico gruppo di lavoro intersettoriale entro il 30/12 Obiettivo 06 elaborazione del Manuale entro il 30/11

13 Obiettivo 07 n. documenti di programmazione e rendicontazione interessati dal processo di revisione/totale dei documenti 100% revisione della struttura della Relazione Previsionale e Programmatica entro il 30/6 redazione del PEG per programmi/progetti/dirigenti entro il 31/7 revisione della struttura del Conto Consuntivo entro il 31/12 Obiettivo 08 elaborazione testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di edilizia e avvio del procedimento di entro il 31/12 approvazione Obiettivo 09 elaborazione di relazione a supporto del processo decisionale che evidenzi le principali criticità della entro il 31/12 regolamentazione attuale e identifichi possibili soluzioni STRUTTURE/RISORSE UMANE COINVOLTE Obiettivo 01 Servizio Partecipazione sul territorio Obiettivo 02 Servizio Segreteria Generale Avvocatura Obiettivo 03 Servizio Contratti e Procurement trasversale: Servizio Segreteria Generale - Avvocatura Obiettivo 04 Servizi di Direzione trasversale: Servizio ICT, Servizio Bilancio, URP e comunicazioni esterne Obiettivo 05 Servizio Bilancio trasversale: Servizi di Direzione, URP e comunicazioni esterne Obiettivo 06 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 07 Servizio Bilancio trasversale: Servizio di Direzione, Servizio Personale e Organizzazione Obiettivo 08 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 09 Servizio Governo del Territorio trasversale: Servizio Segreteria Generale e Avvocatura

14 RISORSE FINANZIARIE COLLEGATE CAPITOLI DI SPESA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 1 1 ORGANI ISTITUZIONALI Funzionamento uffici - economo 1.700, Spese economali - difensore civico e riproduzione disegni 500, Indennità amministratori , Trascrizione nastri sedute Consiglio Comunale 4.900, Avviso pubblico - adesione 1.200, Contributi ANCI , Contributo AICCRE 2.810,00 copertura alla DGC 339/2011di fine anno csi 9.300,00 1 Totale ,00 2 PARTECIPAZIONE E Beni di consumo funzionamento 9.800,00 DECENTRAMENTO Manutenzione apparecchiature 2.000,00 2 Totale ,00 1 Totale ,00 CAPITOLI DI ENTRATA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 1 2 PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO Trasferimenti a Consigli Circoscrizionali 4.000,00 2 Totale 4.000,00 1 Totale 4.000,00

15 Azione strategica Coinvolgere i cittadini/gli stakeholder nelle scelte che riguardano le trasformazioni della città. Organizzare iniziative di coinvolgimento, comunicazione ed ascolto della cittadinanza su temi ritenuti strategici Obiettivi Anno 2012 Anno Tavolo dell Edilizia Permanente istituzione, sviluppo, implementazione dell attività 02 tavoli di confronto con i principali stakeholder cittadini istituzione, sviluppo, mantenimento OBIETTIVO STRATEGICO (NO++) 03 processo di confronto con la cittadinanza per la redazione del Bilancio iniziativa Insieme per Decidere OBIETTIVO STRATEGICO (NO++) 04 Consiglio dei Bambini 05 Settimana della Mobilità Sostenibile 06 Settimana Europea di Riduzione degli Imballaggi mantenimento/di consolidamento innovazione/di sviluppo Tipologia di obiettivo prodotto processo Peso Obiettivo 01 Santacroce Obiettivo 02 Brusati Obiettivo 03 Brusati Obiettivo 04 Bisoglio Obiettivo 05 Marzocca Obiettivo 06 Marzocca Responsabile Indicatore Target Obiettivo 01 n. soggetti partecipanti al Tavolo dell Edilizia Permanente almeno 5 n. sedute annue del Tavolo almeno 10 Obiettivo 02 n. incontri dei tavoli con gli stakeholder almeno 3 n. stakeholder invitati ai tavoli almeno 20 % rappresentanti stakeholder partecipanti ai tavoli/totale stakeholder invitati ai tavoli non inferiore al 90% Obiettivo 03 n. cittadini partecipanti all incontro del 31 marzo 2012 relativo al bilancio 2012 almeno 300 n. messaggi pervenuti alla casella di posta dedicata all iniziativa Insieme per Decidere (indice del grado di interazione) almeno 50

16 n. messaggi pervenuti alla casella di posta dedicata n. cittadini partecipanti all incontro relativo alla predisposizione del bilancio 2013/n. cittadini partecipanti all incontro relativo al bilancio 2012 incremento non inferiore al 10% Obiettivo 04 n. istituti scolastici rappresentati nel Consiglio/totale istituti scolastici cittadini almeno il 70% n. sedute del Consiglio almeno 7 Obiettivo 05 n. iniziative in programma in occasione della manifestazione almeno 4 n. soggetti/attori del territorio/stakeholder coinvolti nella realizzazione della manifestazione almeno 5 Obiettivo 06 n. iniziative in programma in occasione della manifestazione almeno 5 n. soggetti/attori del territorio/stakeholder coinvolti nella realizzazione della manifestazione almeno 5 STRUTTURE/RISORSE UMANE COINVOLTE Obiettivo 01 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 02 Gabinetto del Sindaco, URP, comunicazioni esterne e marketing comunale Obiettivo 03 Gabinetto del Sindaco, URP, comunicazioni esterne e marketing comunale Obiettivo 04 Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Servizi Educativi Obiettivo 05 Servizio Ambiente e Protezione Civile Obiettivo 06 Servizio Ambiente e Protezione Civile

17 RISORSE FINANZIARIE COLLEGATE CAPITOLI DI SPESA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 2 1 ORGANI ISTITUZIONALI Consiglio dei bambini 5.000,00 1 Totale 5.000,00 3 SEGRETERIA DEL SINDACO Beni di consumo e rappresentanza 5.000, Spese diverse 3.000, Festa S Gaudenzio 5.000, Spese per viaggi e alloggi 7.000, Spese diverse 6.200,00 3 Totale ,00 70 PROGETTO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE Servizi vari (fotoservizi) , Progetto rilascio certificati idoneità abitativa , Spese funzionamento ,00 70 Totale ,00 81 NOVARESITA' Budget non definito 3.000,00 81 Totale 3.000,00 2 Totale ,00 CAPITOLI DI ENTRATA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale PROGETTO INFORMAZIONE E 2 70 COMUNICAZIONE Progetto rilascio certificati idoneità abitativa ,00 70 Totale ,00 2 Totale ,00

18 Azione strategica Sviluppare la rete degli sportelli. Costituire nuovi sportelli dedicati. Potenziare la funzionalità degli Sportelli Unici per avvicinare l amministrazione alle imprese e ai cittadini. Curare il rapporto con il cittadino, potenziare la capacità di ascolto e di risposta alle esigenze della cittadinanza Obiettivi Anno 2012 Anno Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) redazione ed approvazione del regolamento di funzionamento/carta dei Servizi, riorganizzazione logistica dell accoglienza, razionalizzazione dei processi interni e semplificazione dei procedimenti per ridurre i tempi di risposta, sviluppo, implementazione, razionalizzazione della funzionalità e dei compiti, efficientamento dell attività 02 Sportello Unico dell Edilizia (SUE) sviluppo, implementazione, razionalizzazione della funzionalità e dei compiti, efficientamento dell attività 03 Ufficio Relazione con il Pubblico (URP) mantenimento dello standard consolidato di offerta (nelle dimensioni della accessibilità, tempestività, trasparenza, efficacia), effettuazione di indagine di Customer Satisfaction OBIETTIVO AZIENDALE (GENERALE) 04 Sportello Casa progetto di riposizionamento del servizio rispetto all attuale sportello, incremento dell offerta di servizi (ad esempio, assistenza su locazione concordata), istituzione di una sezione specifica E bello vivere a Novara specializzata sulle problematiche che riguardano i giovani OBIETTIVO STRATEGICO (NO++) 05 sportello Informagiovani progetto di riposizionamento del servizio, formazione specifica del personale 06 sportelli demografici mantenimento dello standard consolidato di offerta (nelle dimensioni della accessibilità, tempestività, trasparenza, efficacia), individuazione di differenti soluzioni organizzative e di erogazione dei servizi al cittadino, effettuazione di indagine di Customer Satisfaction OBIETTIVO AZIENDALE (GENERALE) 07 sportello unico del contribuente mantenimento dello standard consolidato di offerta (nelle dimensioni della accessibilità, tempestività, trasparenza, efficacia), effettuazione di indagine di Customer Satisfaction OBIETTIVO AZIENDALE (GENERALE) 08 sportello Comando di Polizia Municipale mantenimento dello standard consolidato di offerta (nelle dimensioni della accessibilità, tempestività, trasparenza, efficacia), effettuazione di indagine di Customer Satisfaction OBIETTIVO AZIENDALE (GENERALE) 09 cura del rapporto con il cittadino, potenziamento della capacità di ascolto e di risposta alle esigenze e alle richieste della cittadinanza OBIETTIVO AZIENDALE

19 (GENERALE) 10 acquisto arredi e attrezzature per uffici vedasi scheda investimenti allegata mantenimento/di consolidamento innovazione/di sviluppo Tipologia di obiettivo prodotto processo Peso Responsabile Obiettivo 01 Santacroce Obiettivo 02 Santacroce Obiettivo 03 Brusati Obiettivo 04 Bisoglio Obiettivo 05 Uglietti Obiettivo 06 Tritto Obiettivo 07 Lendaro Obiettivo 08 Cortese Obiettivo 09 Tutti i dirigenti Obiettivo 10 Daglia Indicatore Target Obiettivo 01 predisposizione proposta progettuale di riorganizzazione logistica entro il 30/11 sottoscrizione Protocollo d Intesa interno tra i servizi interessati dai procedimenti di competenza SUAP entro 31/10 analisi e proposta di revisione dei work flow dei procedimenti di competenza del SUAP entro 31/10 customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro 31/12 di settori target Obiettivo 02 analisi e proposta di revisione dei workflow dei procedimenti di competenza del SUE entro 31/10 customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro 31/12 di settori target Obiettivo 03 customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro il 30/11 di settori target Obiettivo 04 predisposizione proposta progettuale di riorganizzazione e riposizionamento entro il 30/9 rilevazione e analisi dei tempi di attesa degli utenti allo sportello per la eventuale definizione di soluzioni di entro il 31/12 miglioramento dimensione dell efficacia: n. servizi aggiuntivi di cui e prevista la erogazione almeno 1 Obiettivo 05 predisposizione proposta progettuale di riorganizzazione e riposizionamento entro il 30/9 n. iniziative di livello sovralocale organizzate nell anno almeno 1 customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro il 30/11

20 di settori target Obiettivo 06 dimensione della accessibilità: c.d. progetto taglia code rilevazione ed analisi dei tempi di attesa degli utenti entro il 30/9 allo sportello individuazione di soluzioni organizzative e di modalità di erogazione dei servizi per riduzione tempi di attesa dimensione della accessibilità: c.d. progetto taglia code sperimentazione delle nuove soluzioni progettate e a partire dal mese di verifica risultati ottobre dimensione della trasparenza: pubblicazione e periodico aggiornamento dei dati relativi all operatività degli a partire dal mese di sportelli settembre Obiettivo 07 rilevazione e analisi dei tempi di attesa degli utenti allo sportello per la definizione di soluzioni di miglioramento entro 31/12 customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro il 30/11 di settori target riduzione utenza allo sportello del servizio IMU SERVICE (consulenza per calcolo importo) almeno 10% Obiettivo 08 rilevazione e analisi dei tempi di attesa degli utenti allo sportello per la eventuale definizione di soluzioni di entro il 31/12 miglioramento customer satisfaction: definizione di modello di rilevazione e raccolta dati per l avvio di indagini ed individuazione entro il 31/12 di settori target Obiettivo 09 mantenimento del livello esistente di accessibilità dei servizi (giorni di apertura al pubblico, orari di apertura al anno 2012 non inferiore a pubblico, completezza ed aggiornamento costante delle informazioni presenti sul sito Internet etc) anno 2011 raccolta di informazioni e report in merito alle principali criticità rilevate nel rapporto con l utenza entro il 30/11 definizione di proposte di miglioramento del servizio e di soluzione delle criticità rilevate entro il 31/12 Obiettivo 10 rispetto dei tempi previsti nella programmazione scostamento non superiore al 20% STRUTTURE/RISORSE UMANE COINVOLTE Obiettivo 01 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 02 Servizio Governo del Territorio Obiettivo 03 Servizi di Direzione URP, comunicazioni esterne e marketing comunale Obiettivo 04 Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Servizi Educativi Obiettivo 05 Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Servizi Educativi Obiettivo 06 Servizi Demografici Obiettivo 07 Servizio Entrate Obiettivo 08 Polizia Municipale Obiettivo 09 Tutti i servizi Obiettivo 10 Servizio Bilancio

21 RISORSE FINANZIARIE COLLEGATE CAPITOLI DI SPESA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale 3 21 SERVIZIO DEMOGRAFICO Stampati , Manutenzione AP sistem , Stampanti simi 8.000, Vista plus 9.000, WINcity 2.500, bolli = entrata ,00 21 Totale , TRASPORTI FUNEBRI (vuoto) 5.000, Totale 5.000,00 3 Totale ,00 CAPITOLI DI ENTRATA azione cdr nome cdr ueb cap art descr cdc Totale SERVIZIO 3 21 DEMOGRAFICO DIRITTI PER SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIA LI , bolli = entrata , Indennità commissioni elettorali 9.000,00 21 Totale ,00 PROVENTO DEL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI TRASPORTI FUNEBRI SERVIZIO RILEVANTE I.V.A , Totale 5.000,00 3 Totale ,00

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Æqua Roma S.P.A. con socio unico. Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L

Æqua Roma S.P.A. con socio unico. Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L Æqua Roma S.P.A. con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L CAPITALE SOCIALE:.9.343.416,00 i.v. REGISTRO IMPRESE DI ROMA N. 08670661001

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni

ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni CARTA DEI SERVIZI Dipartimento Economiche Aequa Roma S.p.A. 1 CONSIGLI AI CITTADINI 1. Se si desidera ottenere informazioni e chiarimenti, è sempre

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli