Allegato6 - Manuale operativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato6 - Manuale operativo"

Transcript

1 Allegato6 - Manuale operativo (versione di riferimento: PI ) Nel documento: il riferimento ai tasti non contenenti icone è indicato scrivendone la descrizione tra parentesi quadre - es. [Lista trovati] il riferimento ai tasti rappresentati da icone è indicato con l icona stessa - es. il riferimento alle finestre è indicato scrivendone il titolo in maiuscolo - es. SELEZIONE OGGETTI RICORRENTI il riferimento ai campi editabili presenti all interno di una maschera è indicato scrivendone il nome tra virgolette - es. Ricerca il riferimento ai tasti da digitare sulla tastiera è indicato scrivendone il nome sottolineato - es. Esc il riferimento ai vari profili predefiniti della procedura è indicato scrivendone il nome in grassetto-sottolineato e tra virgolette - es. Gestore della procedura SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA PROCEDURA... 4 CARATTERISTICHE DELLA PROCEDURA... 4 ICONE... 5 VOCI DEL MODULO PROTOCOLLO... 6 AVVIAMENTO DELLA PROCEDURA... 7 ABILITAZIONE OPERATORI (1)... 7 [Assegna i PROFILI agli OPERATORI]... 7 [Crea/modifica i PROFILI di accesso]... 9 INSERIMENTO O MODIFICA DEI CODICI DI CLASSIFICAZIONE (5) PARAMETRI POSTA ELETTRONICA (6) MODULO PROTOCOLLO INSERIMENTO [ ] ACQUISIZIONE DOCUMENTI [CONSULTAZIONE E MODIFICA] GESTIONE REGISTRO D EMERGENZA STAMPE [MOD.B Registro Protocollo] [MOD. C Indice alfabetico] [Giornale Movimenti] [Prospetto protocollo inevasi] [Etichette anagrafiche] [Elenco oggetti ricorrenti] [Carichi di lavoro] ANAGRAFICHE [Gestione anagrafiche] [Sostituzione anagrafiche] [Controllo anagrafiche] UTILITÀ [Generazione nuovo anno] [Generazione anni precedenti] [Gestione numero protocollo] Allegato6 Manuale operativo 1/42

2 [DATI GENERALI] [Circolari] [Modello B] [Gestione anni] [Abilitazioni] [Log SQL] CODICI PROCEDURA [Tipo protocollo] [Tipo spedizione] [Stato protocollo] [Tipi variazioni] [Oggetti ricorrenti] [Uffici] MENU COMUNICAZIONI MODULO POSTA ELETTRONICA MODULO ARCHIVIO DOCUMENTI PROFILI PREDEFINITI ELENCO VARIABILI Allegato6 Manuale operativo 2/42

3 Scopo del documento Il documento istruisce all uso delle seguenti voci: MODULO FUNZIONE SOTTOMENU Gestione pratiche 3) Comunicazione interne 1. Comunicazioni in arrivo 2. Invio comunicazioni 3. Comunicazioni ricevute 4. Comunicazioni inviate 5. Stampa comunicazioni 1. Ricezione 1) Gestione posta elettronica Posta elettronica 6. Caselle di posta elettronica 3) Indice nazionale caselle PA Protocollo TUTTE TUTTE 4) Classificazione d archivio Archivio Documenti 1. Mod.A Elenco classi 6) Stampe 2. Mod.D Indice per fascicoli 3. Mod.E Fascicoli per classe Dotazione organica NESSUNA NESSUNA Relazioni con il pubblico NESSUNA Allegato6 Manuale operativo 3/42

4 Informazioni generali sulla procedura Caratteristiche della procedura La gestione meccanizzata del protocollo, rispetto a quella manuale, permette il conseguimento dei seguenti vantaggi: Ricerca dei documenti più facile e veloce. Certezza della classificazione di tutti gli atti finalizzata alla corretta archiviazione degli stessi. La procedura infatti vincola l inserimento dei codici di classificazione relativi alla categoria, classe e fascicolo, che indicano l esatta collocazione del documento nell archivio di deposito Stampa automatica dei registri e indici previsti dalla normativa che con la gestione manuale sarebbe stato problematico effettuare La procedura si articola essenzialmente nelle seguenti funzioni: Protocollazione dei documenti in arrivo e partenza mediante l inserimento di tutti i dati identificativi e ad essi connessi Ricerca di qualsiasi documento per mezzo di uno o più dati identificativi (numero di protocollo, anagrafica, data, oggetto, arrivo/partenza, codici di classificazione, ecc.) Gestione dei codici da utilizzare per la classificazione dei documenti che vengono di volta in volta protocollati Gestione delle anagrafiche per operare ricerche ed effettuare eventuali correzioni sul relativo archivio che si incrementa automaticamente nella fase di protocollazione Gestione degli oggetti ricorrenti per memorizzare e richiamare all occorrenza oggetti che si utilizzano con frequenza Stampe Allegato6 Manuale operativo 4/42

5 Icone In diverse maschere della procedura sono presenti alcune icone standard, d uso comune. Aggiunta Inserisce un elemento inerente alla maschera attualmente in uso. Per es. sull elenco degli uffici inserisce un nuovo ufficio, sulla maschera dei sottofascicoli inserisce un nuovo sottofascicolo Dettaglio Visualizza il dettaglio dell elemento selezionato Stampa Avvia la stampa degli elementi in elenco Esci Esce dalla maschera in uso Precedente Sposta la visualizzazione/selezione sull elemento precedente Successivo Sposta la visualizzazione/selezione sull elemento successivo Elimina Elimina l elemento selezionato Allegato6 Manuale operativo 5/42

6 Voci del modulo PROTOCOLLO (sostituisce il menu Esegui) 1 INSERIMENTO 2 CONSULTAZIONE 3 CONSULTAZIONE E MODIFICA 4 STAMPE 5 ANAGRAFICHE 6 UTILITA 7 CODICI PROCEDURA Sottomenu STAMPE 1 mod. B registro protocollo 2 mod. C indice alfabetico 3 Giornale movimenti 4 Prospetto protocolli inevasi 5 Elenco anagrafiche 6 Elenco oggetti ricorrenti 7 Carichi di lavoro Sottomenu ANAGRAFICHE 1 Gestione anagrafiche 2 Sostituzione anagrafiche 3 Controllo anagrafiche Sottomenu UTILITA 1 Generazione nuovo anno 2 Generazione anni precedenti 3 Gestione numero protocollo 4 Dati generali 5 Log SQL Sottomenu CODICI PROTOCOLLO 1 Tipo protocollo 2 Tipo spedizione 3 Stato protocollo 4 Tipi variazioni 5 Oggetti ricorrenti 6 Uffici Allegato6 Manuale operativo 6/42

7 Avviamento della procedura L utilizzo della procedura è subordinato alla seguenti operazioni preliminari: 1) Abilitazione degli operatori alle funzioni di sola consultazione e/o modifica 2) Inserimento dei tipi di modalità di spedizione della corrispondenza 3) Inserimento delle sigle e descrizione degli oggetti ricorrenti 4) Inserimento della descrizione degli uffici dell ente 5) Inserimento o modifica dei codici di classificazione 6) Inserimento dei parametri dell account di posta elettronica usato per la ricezione Le operazioni 2, 3 e 4 sono possibili da [Codici protocollo] utilizzando rispettivamente [Tipo spedizione], [Oggetti ricorrenti] e [Uffici]. Vedi voci relative a pag. 34, 35, 36. Le operazioni 1, 5 e 6 sono spiegate di seguito. Abilitazione operatori (1) Tramite presente nella maschera principale del programma in alto a destra si assegnano i profili agli operatori per abilitarli all utilizzo dei vari moduli della procedura. Da ricordare che l abilitazione ad accedere al programma avviene dall unità centrale (server) con il programma Ambiente. [Assegna i PROFILI agli OPERATORI] La prima volta che si accede a questa funzione il programma chiede che venga individuato l operatore a cui verrà assegnato il profilo RESPONSABILE (come indicato sulla destra della maschera): tale operatore sarà l unico abilitato alla modifica/assegnazione futura dei profili. Se un operatore con un profilo diverso tenta di accede alla funzione, il programma visualizza: Allegato6 Manuale operativo 7/42

8 Dopo aver assegnato il profilo RESPONSABILE si attivano [Assegna profilo] e [Togli profilo]. Le operazioni da eseguire per assegnare/cambiare un profilo ad un operatore sono: 1. cliccare su [Assegna profilo] 2. scegliere con doppio click dall elenco che appare a destra, il profilo da assegnare (assicurarsi che su Profilo selezionato sia indicato il profilo scelto) 3. scegliere con doppio click dall elenco degli operatori a sinistra, l operatore a cui assegnare tale profilo. Ripetere il punto 3 per assegnare lo stesso profilo ad un altro operatore 4. ripetere dal punto 2 per scegliere ed assegnare un profilo diverso Elenco profili (punto 2) Indicazione del profilo selezionato (punto 2) Allegato6 Manuale operativo 8/42

9 [Crea/modifica i PROFILI di accesso] Questa funzione si usa per modificare un profilo o per crearne di nuovi. Cliccare su [Seleziona profilo] per poter scegliere con doppio click il profilo da modificare e poi su [Assegna le FUNZIONI al PROFILO] per accedere a maschera di scelta del livello da associare alle voci dei diversi moduli della procedura. Nell esempio si è selezionato Solo PARTENZA con stampe e il livello 9. Dopo aver scelto il livello, cliccando a sinistra su un modulo qualsiasi, nell esempio qui sotto [PROTOCOLLO], vengono elencate tutte le voci del modulo con a fianco il livello attuale di abilitazione all uso di tale funzione da parte di tutti gli operatori a cui è associato il profilo selezionato. Per cambiare il livello è sufficiente cliccare sul nome della funzione. Vedi esempio pagina successiva. Allegato6 Manuale operativo 9/42

10 Prima della modifica Dopo della modifica In questo esempio è stata abilitata all uso completo, livello 9, la funzione [Uffici] a tutti gli operatori a cui è assegnato il profilo Solo PARTENZA con stampe. Le altre operazioni di [Crea/modifica i PROFILI di accesso] sono: per aggiungere un profilo a cominciare dall inserimento del nome su Nome del profilo per rinominare un profilo Allegato6 Manuale operativo 10/42

11 Inserimento o modifica dei codici di classificazione (5) Dal modulo [Archivio-Documenti] scegliere la funzione [Classificazione d archivio]. Nella colonna Descrizione viene visualizzato l ultimo dei 3 livelli a disposizione: il Fascicolo. Selezionato il codice interessato, con se ne visualizza il dettaglio nella parte inferiore della maschera. Eventualmente con se ne modifica la descrizione mentre con lo si elimina. N.B. Modificando la descrizione di una categoria o di un classe si modifica tale descrizione su tutti i codici relativi a quel livello di classificazione. Con si inserisce un nuovo codice: se nei campi Categoria o Classe si digita un codice numerico già presente in elenco, il programma inserisce la descrizione del codice esistente nel campo relativo. Allegato6 Manuale operativo 11/42

12 Nell esempio viene inserito un nuovo Fascicolo appartenente alla Categoria 1 - Classe 1 Dopo aver inserito o modificato un codice di classificazione, l elenco si aggiorna di conseguenza. Parametri posta elettronica (6) I parametri si inseriscono dal modulo [Posta elettronica] utilizzando la funzione [Gestione posta elettronica] [Caselle di posta elettronica]. Allegato6 Manuale operativo 12/42

13 Come utilizzare i dati dell account e quali sono le operazioni da eseguire per importare le è descritto a pag. 15. Qui sotto sono riportati i passaggi per l inserimento dei parametri necessari. Con s inseriscono i parametri: AOO indicazione se l è utilizzata per l arrivo o la partenza (attualmente si usa solo Entrata) indirizzo di posta elettronica usato per la ricezione ufficio a cui l indirizzo si riferisce Esempio di dettaglio di posta elettronica. Possono essere inseriti più indirizzi di posta elettronica. Allegato6 Manuale operativo 13/42

14 modulo PROTOCOLLO Inserimento Vale quanto detto nell Allegato5 tranne per [ ] che protocolla le in Arrivo e le operazioni di acquisizione dei documenti da scanner. Inoltre la protocollazione dei numeri in Arrivo può generare la comunicazione al responsabile dell ufficio destinatario. (vedi funzione 7.6 [Codici protocollo] [Uffici] a pag. 36 e Allegato5) Allegato6 Manuale operativo 14/42

15 [ ] Con questo tasto si procede all inserimento di un nuovo protocollo a cominciare dall elenco delle importate nel programma; prima di accedere a questa funzione è necessario quindi, dal modulo [Posta elettronica] con la funzione [Gestione posta elettronica] - [Ricezione ], importare le . Cliccando su [Connetti] il programma importa dall indirizzo impostato in fase di avviamento della procedura, vedi pag. 12, le segnate come da leggere cioè quelle in grassetto (i nuovi arrivi). Le originarie non vengono eliminate dal programma di gestione della posta elettronica (dal client di posta elettronica), vengono solo marcate come lette (viene tolto il grassetto). In RICEZIONE sono elencate le ricevute; visualizza un dettaglio maggiore nella parte inferiore della maschera. Sempre nella parte inferiore, elimina l selezionata (come già detto prima questa operazione non elimina l dal client di posta elettronica). Fatta questa operazione, con [ ] il programma visualizza IN ARRIVO. Viceversa se non ci sono da protocollare o se non sono ancora state importate - cosa che non fa in automatico, visualizza: Dopo aver visualizzato IN ARRIVO in RICEZIONE quelle non verranno più visualizzate. RICEZIONE si userà per importare nuove . In IN ARRIVO sono presenti gli stessi tasti presenti in RICEZIONE anche da questa maschera, quindi, le importate possono essere eliminate o visualizzate nel dettaglio prima di procedere. Allegato6 Manuale operativo 15/42

16 esegue la stessa funzione che si esegue utilizzando [Connetti] dalla maschera RICEZIONE verifica la presenza di nuove e le importa in questo elenco. visualizza TESTI ASSOCIATI AL PROTOCOLLO per consultare gli allegati dell ricevuta. La protocollazione avviene con : nella maschera d inserimento il campo Da è usato per l anagrafica, quindi di norma propone l indirizzo del mittente come anagrafica, e il campo Oggetto per l oggetto del protocollo; i restanti campi vanno completati come di consueto. Eventuali allegati presenti nell vengono associati automaticamente e sono visualizzabili con [TESTI associati]. Durante la protocollazione della in alto a destra appaiono due tasti specifici: [TESTO ] e [Salva indirizzo]. [TESTO ] cambia nome, diventa [Torna al protocollo], e visualizza il corpo dell ricevuta, mentre con [Salva indirizzo] l indirizzo del mittente viene associato all anagrafica scelta. Vedi sotto. Allegato6 Manuale operativo 16/42

17 Come spiegato a pag. 24, nel dettaglio dell anagrafica il tasto [ ] visualizza ASSOCIATE Allegato6 Manuale operativo 17/42

18 Acquisizione documenti Con questa funzione si collega al numero di protocollo sia un documento acquisito da scanner sia un file di qualsiasi dimensione ed estensione. Con [TESTI associati] viene visualizzata TESTI ASSOCIATI AL PROTOCOLLO: la stessa finestra può essere visualizzata automaticamente ad ogni caricamento di un numero abilitando la relativa opzione d aiuto all inserimento (vedi pagg. 4 e 5 Allegato5). abilita [Scansione] e [Carica da file]. Per la funzione di caricamento da file vedi pag. 11 Allegato5. Il collegamento tra il programma Protocollo Informatico e i driver dello scanner è eseguito dall applicazione di supporto hcapture.exe. Con tale applicazione, e a partire dall Ambiente o , non è necessaria la presenza del pacchetto completo Adobe Acrobat per la creazione dei file con estensione PDF (non è necessario installare Adobe PDFWriter). La scelta dello scanner da cui acquisire si effettua dalla voce Seleziona sorgente dal menu File Allegato6 Manuale operativo 18/42

19 esegue la scansione della pagina. Lo stesso comando, Acquisisci nuova pagina, è presente nel menu File. Se lo scanner è dotato di caricatore automatico questa operazione acquisisce tutti i documenti presenti nel caricatore stesso e crea un unico di file di n pagine; viceversa per acquisire altre pagine oltre la prima utilizzare sempre questo tasto. Lo stesso comando - Il collegamento al programma di scansione dello scanner può avvenire automaticamente, senza usare, se dal menu Opzioni la voce Scansione all avvio risulta spuntata. Dopo aver acquisito il documento cliccare su per salvarlo; uscire dal programma per ritornare a TESTI ASSOCIATI AL PROTOCOLLO. [CONFERMA] collega al numero di protocollo il documento acquisito oltre a generare l impronta del documento stesso. Allegato6 Manuale operativo 19/42

20 [Consultazione e modifica] La funzione è finalizzata alla correzione/modifica di qualsiasi informazione presente in un numero di protocollo. Individuato il protocollo da correggere si utilizzano i relativi tasti funzione per apportare le modifiche. Con [MODIFICA] si modificano i dati per cui non è richiesta un autorizzazione del responsabile del protocollo: Scadenza pratica, Codici di classificazione, Uffici, note. Con [VARIAZIONI] si modificano i dati per cui è richiesta un autorizzazione del responsabile del protocollo. Dopo aver cliccato su [VARIAZIONI] è richiesto l inserimento obbligatorio del numero e della data dell autorizzazione, necessarie per poter effettuare la modifica. Di seguito si sceglie dall elenco sulla destra il tipo di variazione da apportare. Ognuna di queste variazione visualizza il dato attuale e quello modificato: dati che rimarranno sempre memorizzati su quel numero. Con [TESTI associati] si può eliminare un file già allegato al numero o aggiungerne di nuovi. Sia da scanner che da file. Con [SOTTOFASCICOLI] si ricerca un sottofascicolo in cui inserire il numero. (vedi pag. 13 Allegato5) Allegato6 Manuale operativo 20/42

21 Con [ACCESSO Consultaz] si cambiano le impostazioni di visualizzazione cioè l indicazione di quali operatori sono abilitati alla consultazione del numero. (vedi pag. 12 Allegato5) Con [RISCONTRO] si collega il numero ad un altro numero già presente nell archivio, già inserito. La stessa funzione serve anche per scollegare due protocolli tra loro. (vedi pag. 16 Allegato5) Concluse le operazioni di modifica, [Salva e continua] esce dalla maschera registrando le modifiche. Se invece si esce con Esc o, sia che sia stata fatta una modifica o meno, viene visualizzata: Questo particolare passaggio, ricercare un numero da [Consultazione e modifica] e uscire dalla maschera con Esc o, serve per ristampare l etichetta o la ricevuta del protocollo. Gestione registro d emergenza Se si richiama un numero non presente in archivio (vedi pag. 28) il programma visualizza INSERIMENTO REGISTRO EMERGENZA per la corretta gestione del numero. Dopo aver inserito i dati in Tipo protocollo e del, [Continua] permette di completare il numero di protocollo. Allegato6 Manuale operativo 21/42

22 Stampe [MOD.B Registro Protocollo] L inizio della stampa è subordinato all indicazione dell ultimo numero di protocollo che si vuole stampare. Può comunque accadere che la stampa non si arresti al numero finale indicato per salvaguardare l esigenza di stampare pagine intere. [MOD. C Indice alfabetico] Stampa tutti i protocolli delle anagrafiche estratte. Oltre al numero di protocollo e la data è presente il codice di classificazione e l oggetto. [Giornale Movimenti] Consente di stampare i movimenti giornalieri annotati sul Registro del Protocollo, ordinati per numero. È possibile limitare la stampa ad uno o più uffici selezionandoli con Invio o doppio click (verranno estratti i protocolli nel periodo di data scelto di tutti gli uffici evidenziati d azzurro. Se non si evidenzia alcun ufficio, stampa tutti gli uffici). [Prospetto protocollo inevasi] Estrae l elenco dei protocolli con stato Aperto per verificare l eventuale data di scadenza. [Etichette anagrafiche] Consente la stampa dell etichette per tutte le anagrafiche estratte da lettera a lettera. Allegato6 Manuale operativo 22/42

23 [Elenco oggetti ricorrenti] Stampa l elenco di tutti gli oggetti ricorrenti inseriti nel programma. Si produce la stessa stampa, anche se con un impostazione grafica diversa, dalla funzione [Codici protocollo] [Oggetti ricorrenti] [Carichi di lavoro] Calcola la distribuzione in un arco di tempo del carico di lavoro per operatori che hanno inserito i numeri di protocollo o per uffici a cui sono stati assegnati tali numeri. Esempio di grafico suddiviso per uffici. Allegato6 Manuale operativo 23/42

24 Anagrafiche [Gestione anagrafiche] Dal momento che l archivio delle anagrafiche si incrementa automaticamente man mano che le stesse vengono inserite durante la fase di protocollazione, l utilizzo di questa funzione è finalizzata alla correzione di anagrafiche inserite in modo errato. Con, dopo aver indicato l intervallo da estrarre, si stampa un elenco di anagrafiche registrate: sia in uso che annullate (l ultima colonna indica proprio questo). consente la ricerca delle anagrafiche, previa indicazione del codice relativo, se conosciuto, o, come di solito avviene, del nome. Nel primo caso si ha l accesso immediato all anagrafica che si cerca. Nella seconda ipotesi viene visualizzata RICERCA ANAGRAFICHE. Allegato6 Manuale operativo 24/42

25 Se la ricerca ha avuto esito negativo, permette l aggiunta di un anagrafica. Si tenga presente che tale inserimento deve essere fatto solo nella certezza dell inesistenza di uguale anagrafica nell archivio. Da RICERCA ANAGRAFICHE si seleziona un anagrafica con doppio click o, dopo averla evidenziata, con per vederne il dettaglio. Il campo Eliminata indica se l anagrafica verrà o meno visualizzata durante le operazioni di consultazione per mittente/destinatario. È necessario, ai fini di una corretta gestione del programma, che un anagrafica pur risultando Eliminata rimanga in archivio: questo permette di visualizzare sempre, sui i protocolli su cui è stata fatta una variazione di tipo Correzione mittenti/destinatari, l anagrafica inserita inizialmente e successivamente modificata. e scorrono l eventuale elenco estratto. [ ] visualizza gli indirizzi di posta elettronica associati all anagrafica selezionata., previo inserimento della password impostata nei dati generali (vedi pag. 29), abilita alla modifica tutti i campi di ANAGRAFICHE. Se viene messa la spunta su Eliminata, l anagrafica non verrà più visualizzata nelle successive ricerche. Si ricorda che tale modifica influenza i protocolli collegati all anagrafica modificata. Questa NON È l operazione per accorpare le anagrafiche. Vedi voce successiva. Allegato6 Manuale operativo 25/42

26 [Sostituzione anagrafiche] La funzione consente di ricercare tutte le anagrafiche che, pur essendo state scritte in modo diverso, identificano tuttavia lo stesso soggetto e di individuare quella che si vuole mantenere sostituendola automaticamente a tutte le altre che verranno conseguentemente eliminate (tecnicamente non vengono eliminate: su di esse viene posta l indicazione Eliminata). Questa operazione comporta la registrazione automatica della rispettiva variazione di tipo Sostituzione sui protocolli interessati dalla sostituzione. Dopo aver scelto l anagrafica da mantenere viene abilitato il tasto per ricercare l anagrafica da sostituire. In ANAGRAFICHE DA SOSTITUIRE la scelta dell anagrafica avviene con Invio oppure con doppio click: l anagrafica da eliminare deve risultare evidenziata d azzurro. Per ritornare alla finestra precedente, SOSTITUZIONE ANAGRAFICHE, usare il tasto più basso quello indicato; il primo in alto esce dalla finestra senza riportare le anagrafiche da sostituire. N.B. Nell elenco delle anagrafiche da eliminare compare anche l anagrafica che si è scelto di mantenere: porre attenzione a non eliminarla. Allegato6 Manuale operativo 26/42

27 [Controllo anagrafiche] La funzione visualizza, con, l elenco delle anagrafiche non utilizzate, quelle non legate ad alcun numero di protocollo. Evidenziando un anagrafica con doppio click o con Invio, la toglie da questo elenco (tecnicamente, sul dettaglio dell anagrafica viene messa la spunta su Eliminata ). Allegato6 Manuale operativo 27/42

28 Utilità [Generazione nuovo anno] Genera l anno successivo a quello in cui si sta lavorando e duplica tutti gli archivi, (uffici, oggetti ricorrenti, classificazione, ecc.) su tale anno. [Generazione anni precedenti] Genera l anno precedente all anno più vecchio presente in archivio e duplica tutti gli archivi, (uffici, oggetti ricorrenti, classificazione, ecc.) su tale anno. [Gestione numero protocollo] Questa funzione gestisce il registro di emergenza (art. 63 del DPR 445/2000). È indicato l ultimo numero inserito e il prossimo che il programma genererà da [Inserimento]. Modificando tale numero il programma lascia lo spazio per recuperare in un secondo momento, da [Consultazione e Modifica] eventuali numeri di protocollo registrati sul registro d emergenza. Su [Storico] rimangono registrate le volte che questa funzione è stata usata. Allegato6 Manuale operativo 28/42

29 [Dati generali] Si accede alla modifica delle informazioni dell AOO. [Password anagrafica] gestisce la password per la modifica delle anagrafiche dalla funzione 5.1 [Anagrafiche] [Gestione anagrafiche]. (vedi pag. 24) Se non è stata modificata, la password impostata è ANAG (in maiuscolo). Allegato6 Manuale operativo 29/42

30 visualizza la maschera a cui sono legate le informazioni dell Area Organizzativa Omogenea (indicata su Descrizione ). [Circolari] Gestisce le circolari personalizzabili per le stampe, i testi tipo. Allegato6 Manuale operativo 30/42

31 La scelta del testo da associare avviene cliccando sul tasto con i 3 punti. Viene visualizzato l elenco dei gruppi: con Invio sul gruppo si visualizzano i testi presenti nel gruppo stesso. [Inserimento] lancia il programma per la modifica del testo (il Word o il Trattamento Testi) A pag. 42 sono elencate le chiocciole necessarie per richiamare i dati sul testo tipo. Infatti ad ognuno dei dati utilizzabili della procedura è attribuito un numero che lo contraddistingue e che, scritto sul testo tra il ne permette l inserimento sullo stesso. Il oltre ad indicare il punto dove il dato deve essere riportato, serve anche a delimitare lo spazio necessario a contenerlo (il numero tra parentesi): ad es. se si vuole richiamare il campo Data protocollo che occupa 10 caratteri, cui è stato attribuito il numero 2, si dovrà scrivere I caratteri si contano a partire dalla chiocciola = 10 caratteri come richiesto Oppure se si vuole richiamare il campo Numero del protocollo lungo 7 caratteri, cui è stato attribuito il numero 1, si dovrà scrivere quindi = 7 caratteri come richiesto Allegato6 Manuale operativo 31/42

32 [Modello B] Permette di modificare per ogni anno in archivio il numero di pagina di inizio stampa del registro protocollo. (vedi pag. 22) [Gestione anni] La funzione vieta la modifica dei protocolli degli anni precedenti. A tal fine, è necessario inserire la spunta sull anno da bloccare. Si consiglia di effettuare questa operazione dal 2 Gennaio di ogni anno (per evitare che inavvertitamente vengano inseriti protocolli nell anno appena trascorso. Si ricorda che Anno lavoro non cambia automaticamente ad ogni cambio d anno). [Abilitazioni] Segnalazione protocollo all operatore abilita l invio delle comunicazioni, vedi pag. 24 Allegato5, ai responsabili dei vari uffici, inseriti dalla funzione [Codice procedura] [Uffici]. Allegato6 Manuale operativo 32/42

33 Stampa DIVERSI su modello B. Nella stampa del registro del protocollo se un numero ha più d una anagrafica inserita e questo campo di Abilitazioni non è spuntato, vengono stampate tutte le anagrafiche legate al numero, ripetendo il numero. Se invece questo campo è spuntato il numero viene stampato un unica volta e nel campo dell anagrafica viene indicato DIVERSI [Log SQL] Vengono elencati eventuali errori dovuti ad esecuzioni sul database non corrette. È indicata la data in cui è stato creato l elenco di questi errori: elenco che è possibile stampare con il tasto relativo. Allegato6 Manuale operativo 33/42

34 Codici procedura [Tipo protocollo] Elenco non modificabile delle tipologie di protocollo gestibili dal programma. [Tipo spedizione] Gestione dell elenco delle modalità di spedizione della corrispondenza. Sono presenti i tasti funzione standard. aggiunge un codice, modifica un codice selezionato, stampa l elenco dei codici inseriti e esce dalla maschera. [Stato protocollo] Elenco non modificabile dei tipi di stato in cui un numero può essere. [Tipi variazioni] Elenco non modificabile dei tipi di variazioni gestibili dal programma. Allegato6 Manuale operativo 34/42

35 [Oggetti ricorrenti] Sono presenti i tasti funzione standard. visualizza il dettaglio per la modifica, stampa l elenco degli oggetti inseriti (simile alla stampa di pag. 23) e esce dalla maschera. visualizza DETTAGLIO OGGETTI RICORRENTI per l aggiunta di un nuovo oggetto ricorrente. Sigla serve come codice univoco per ricercare gli oggetti ricorrenti durante l inserimento di un numero di protocollo (vedi pag. 7 Allegato5). Se sono inseriti, anche i codici di classificazione vengono riportati automaticamente dopo aver scelto l oggetto ricorrente. Si ricorda che un oggetto ricorrente, dopo essere stato caricato, non può essere eliminato ma solo modificato. Allegato6 Manuale operativo 35/42

36 [Uffici] Sono presenti i tasti funzione standard. stampa l elenco degli uffici e esce dalla maschera. visualizza DETTAGLIO UFFICIO per l aggiunta di un nuovo ufficio. visualizza DETTAGLIO UFFICIO per la modifica dell elemento selezionato. In questa maschera è presente il campo Responsabile : se viene indicato l operatore responsabile della gestione della corrispondenza dell ufficio e se su Abilitazioni a pag. 32 il campo Segnalazione protocollo all operatore è spuntato, ogniqualvolta viene inserito un protocollo in Arrivo per l ufficio in questione il programma invia in automatico una comunicazione all responsabile di tale ufficio. Vedi Allegato5 per la gestione delle comunicazioni. Se con vengono indicati degli operatori in Dipendenti coordinati verrà inviato una comunicazione anche a questi. Allegato6 Manuale operativo 36/42

37 menu COMUNICAZIONI Vale quanto detto nell Allegato5. Nel modulo [Gestione pratiche] la funzione [Comunicazioni interne] - [Stampa comunicazioni] permette la stampa delle comunicazioni. Allegato6 Manuale operativo 37/42

38 modulo Posta elettronica Oltre a quanto detto a pag. 12 in questo modulo è presente la funzione [Indice nazionale caselle PA] che collega l operatore al sito dell IPA per effettuare ricerche relative alle AOO già iscritte al sito stesso (artt. 11 e 12 - DPCM del 31/10/2000). Allegato6 Manuale operativo 38/42

MANUALE DELLA PROCEDURA. PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.07.00

MANUALE DELLA PROCEDURA. PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.07.00 SOMMARIO MANUALE DELLA PROCEDURA PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.07.00 SOMMARIO Informazioni generali e scopo del documento Moduli applicativi della procedura Icone utilizzate nella procedura Avviamento

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

MANUALE DELLA PROCEDURA. PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.12.02

MANUALE DELLA PROCEDURA. PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.12.02 SOMMARIO MANUALE DELLA PROCEDURA PI PROTOCOLLO INFORMATICO - versione 4.12.02 SOMMARIO Informazioni generali e scopo del documento Moduli applicativi della procedura Icone utilizzate nella procedura Avviamento

Dettagli

SICR@WEB PROTOCOLLO MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE PROTOCOLLO. Il presente documento illustra le principali funzionalità del Protocollo Informatico.

SICR@WEB PROTOCOLLO MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE PROTOCOLLO. Il presente documento illustra le principali funzionalità del Protocollo Informatico. SICR@WEB PROTOCOLLO MANUALE UTENTE Il presente documento illustra le principali funzionalità del Protocollo Informatico. MANUALE UTENTE PROTOCOLLO Revisioni Data Modifiche Versione documento Redatto Versione

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO

PROTOCOLLO INFORMATICO PROTOCOLLO INFORMATICO OGGETTO: aggiornamento della procedura Protocollo Informatico dalla versione 03.05.xx alla versione 03.06.00 Nell inviarvi quanto in oggetto Vi ricordiamo che gli aggiornamenti vanno

Dettagli

Manuale per l Utente del Protocollo Informatico

Manuale per l Utente del Protocollo Informatico Rif.: HOWTO_Dispensa_Protocollo_essenziale_v10.doc pag. 1 Manuale per l Utente del Protocollo Informatico Rif.: HOWTO_Dispensa_Protocollo_essenziale_v10.doc pag. 2 Accesso al Programma Per accedere al

Dettagli

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale SISTEMA INFORMATIVO DOCUMENTALE DI ATENEO SID 2 MANUALE TEORICO PRATICO PER LA GESTIONE

Dettagli

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi Modulo Gestione Protocollo Manuale Utente Manuale Utente del modulo Gestione Protocollo Pag. 1 di 186 SPIGA...1 Modulo Gestione Protocollo...1

Dettagli

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 1. Menù generale Inseriti i dati di configurazione in maniera completa, il sistema presenta una schermata d approccio all applicazione

Dettagli

PROTOCOLLO E SCRIVANIA VIRTUALE. Protocollazione UMA Documentazione tecnica

PROTOCOLLO E SCRIVANIA VIRTUALE. Protocollazione UMA Documentazione tecnica Pagina 1 di 12 Il link all applicativo che gestisce le richieste pervenute al servizio UMA on line si trova sulla intranet della Provincia. Qui dal menu Strumenti di lavoro, è sufficiente selezionare Ricerche

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA FASCICOLATURA IN TITULUS

ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA FASCICOLATURA IN TITULUS ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA FASCICOLATURA IN TITULUS 1. Premessa Tutti i documenti, anche quelli non protocollati, devono essere classificati e fascicolati (DPR 445/2000 art. 64, comma 4). Essi non sono

Dettagli

Vi invitiamo a consultare le informazioni presenti nei banner delle procedure, nei quali potete trovare:

Vi invitiamo a consultare le informazioni presenti nei banner delle procedure, nei quali potete trovare: Demografici OGGETTO: aggiornamento della procedura Demografici dalla versione 07.03.01 alla versione 07.04.00 Vi invitiamo a consultare le informazioni presenti nei banner delle procedure, nei quali potete

Dettagli

MANUALE OPERATIVO COMUNE DI CUNEO PER GLI UTENTI DELLE STAZIONI DI PROTOCOLLAZIONE DECENTRATE MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE OPERATIVO COMUNE DI CUNEO PER GLI UTENTI DELLE STAZIONI DI PROTOCOLLAZIONE DECENTRATE MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI CUNEO MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALLEGATO 5 MANUALE OPERATIVO PER GLI UTENTI DELLE STAZIONI DI PROTOCOLLAZIONE DECENTRATE VERSIONE DEL 21 MAGGIO 2002 1 1. Informazioni

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE

PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE Pagina 1 di 25 Per poter protocollare un documento occorre accedere a IRIDE con il proprio username e password e selezionare la voce Protocollo dalla

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Se l utente intende gestire la conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti a livello fiscale differenti

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

Manuale di utilizzo software. e-xflow

Manuale di utilizzo software. e-xflow Manuale di utilizzo software e-xflow PG Protocollo e Corrispondenza e-xflow XX - AMMINISTRAZIONE SISTEMA e-xflow PG PROTOCOLLO GENERALE E CORRISPONDENZA MAGGIOLI Spa - B.U. Informatica Assistenza Segreteria

Dettagli

FLIGHT2000 EASYWAY EXPRESS. Manuale per l utente

FLIGHT2000 EASYWAY EXPRESS. Manuale per l utente FLIGHT2000 EASYWAY EXPRESS Manuale per l utente Il menù principale di Easyway Express consente l accesso ai moduli: PREVENTIVI SPEDIZIONI IMPOSTAZIONI AGGIORNAMENTO Preventivi Consente la formulazione

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

Manuale Protocollo Iride Web Manuale Protocollo Iride Web

Manuale Protocollo Iride Web Manuale Protocollo Iride Web Manuale Protocollo Iride Web Pagina 1 IIndice 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Contenuti del documento 3 1.2 Obiettivi del documento 3 2. LOGIN E INGRESSO A IRIDE WEB 4 3. INSERIMENTO NUOVO PROTOCOLLO 5 4. LEGGENDA

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI MARINEO (PROV. DI PALERMO) MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 106 del 24/11/04) 1 PARTE PRIMA

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

OGGETTO: aggiornamento della procedura Protocollo Informatico dalla versione 04.11.00 alla versione 04.12.00

OGGETTO: aggiornamento della procedura Protocollo Informatico dalla versione 04.11.00 alla versione 04.12.00 PROTOCOLLO INFORMATICO OGGETTO: aggiornamento della procedura Protocollo Informatico dalla versione 04.11.00 alla versione 04.12.00 Vi invitiamo a consultare le informazioni presenti nei banner delle procedure,

Dettagli

TaleteWeb. Funzionalità Trasversali e configurazioni generali. 1 rev. 0-280814

TaleteWeb. Funzionalità Trasversali e configurazioni generali. 1 rev. 0-280814 TaleteWeb Funzionalità trasversali e configurazioni generali 1 rev. 0-280814 Indice Per accedere ad un applicazione... 3 La home page di un applicazione... 4 Come gestire gli elementi di una maschera...

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI GUIDA AL SITO ANIN MANUALE DI ISTRUZIONI Prima Sezione COME MUOVERSI NELL AREA PUBBLICA DELL ANIN Seconda Sezione COME MUOVERSI NELL AREA RISERVATA DELL ANIN http://www.anin.it Prima Sezione 1) FORMAZIONE

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi del settore civile della Giustizia finalizzata al Processo Telematico

Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi del settore civile della Giustizia finalizzata al Processo Telematico Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

J-IRIDE PROTOCOLLO MANUALE UTENTE. Maggioli S.p.A. Pagina: 1/88

J-IRIDE PROTOCOLLO MANUALE UTENTE. Maggioli S.p.A. Pagina: 1/88 J-IRIDE PROTOCOLLO MANUALE UTENTE Maggioli S.p.A. Pagina: 1/88 MANUALE UTENTE PROTOCOLLO Revisioni Data Modifiche Versione documento Redatto Versione dell applicativo 05/01/2007 Prima redazione 1.0 A.

Dettagli

Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [10/09/2015] Manuale d uso [del 10/09/2015]

Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [10/09/2015] Manuale d uso [del 10/09/2015] Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [10/09/2015] Manuale d uso [del 10/09/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Introduzione... 2 Guida all installazione... 2 Login...

Dettagli

RASSEGNA STAMPA DEL POLESINE

RASSEGNA STAMPA DEL POLESINE RASSEGNA STAMPA DEL POLESINE Telpress T-Web Guiida rapiida Guida rapida per l uso di T-Web per la Rassegna Stampa - 1 - Cosa fare per 1. Accedere al servizio...3 2. Consultare la rassegna...3 2.1 Agire

Dettagli

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende)

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) MANUALE UTENTE Pagina 1 SOMMARIO 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 1.1 PRIMO ACCESSO... 3 1.2 ACCESSO SUCCESSIVO... 5 1.3 PASSWORD DIMENTICATA... 6 2. HOMEPAGE...

Dettagli

Modulo PROTOCOLLO. - Manuale Utente -

Modulo PROTOCOLLO. - Manuale Utente - Modulo PROTOCOLLO - Manuale Utente - Documento redatto da: Ing. Alessandro Bernabé Verificato e approvato da: Data emissione: 11 Aprile2011 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1. PREMESSA... 4 1.2. PANORAMICA...

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Per qualsiasi problema di installazione potete contattare l assistenza inviando una mail a: assistenza@rocketlab.it

Per qualsiasi problema di installazione potete contattare l assistenza inviando una mail a: assistenza@rocketlab.it Versione 1.7 Manuale d uso Introduzione Dance Club è un programma che nasce per soddisfare le esigenze organizzative e gestionali delle Scuole di Ballo. Per qualsiasi problema di installazione potete contattare

Dettagli

GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI

GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI AMBIENTE SCUOLE PLUS Ottobre 2012 GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI Prof. Lenzi Massimo Ottobre 2012 www.massimolenzi.com 1 IL REGISTRO ELETTRONICO PREMESSA Il registro del professore è strettamente

Dettagli

Stampa Unione per lettere tipo

Stampa Unione per lettere tipo per lettere tipo Con Stampa Unione è possibile creare lettere tipo, etichette per indirizzi, buste, elenchi indirizzi e liste per la distribuzione via posta elettronica e fax in grandi quantitativi. Lo

Dettagli

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito.

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito. Word 2000 Core SOMMARIO Premessa... 4 Utilizzare il comando Annulla, Ripristina e Ripeti... 5 Applicare formato carattere: grassetto, corsivo e sottolineato... 5 Utilizzare il controllo ortografico...

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015I

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015I CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI Aggiornato alla versione 2015I CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Se l utente intende gestire la conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti a livello fiscale differenti

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE Gestione Archivi 2 Configurazioni iniziali 3 Anagrafiche 4 Creazione prestazioni e distinta base 7 Documenti 9 Agenda lavori 12 Statistiche 13 GESTIONE ARCHIVI Nella

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

Come predisporre i dati per l invio

Come predisporre i dati per l invio Come predisporre i dati per l invio Le scuole che non utilizzano SISSI Prima di effettuare le operazioni di invio è necessario predisporre il file di tipo testuale (creando in una qualsiasi cartella il

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Manuale utilizzo procedura ordini-resi web

Manuale utilizzo procedura ordini-resi web Manuale utilizzo procedura ordini-resi web Dal sito web Landi Renzo spa, Landi srl o Med spa è possibile accedere alla procedura web di inserimento/gestione degli ordini e dei resi. La prima form è quella

Dettagli

REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI. MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012

REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI. MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012 REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012 INDICE 1. Accesso alla propria area riservata 2 2. I menu Registri 3 3. Spiegazioni dettagliate dei Registri 4 4. Videata

Dettagli

REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI. MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012

REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI. MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012 REGISTRO ELETTRONICO SPAGGIARI MANUALE OPERATIVO PER I DOCENTI Rev. 00 del 21/11/2012 INDICE 1. Accesso alla propria area riservata 2 2. I menu Registri 3 3. Spiegazioni dettagliate dei Registri 4 4. Videata

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE SEZIONE I Articolo 1 Articolo 2 SEZIONE II Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 SEZIONE III Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 SEZIONE IV Articolo

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Word processor funzione Stampa Unione

Word processor funzione Stampa Unione Word processor funzione Stampa Unione La funzione Stampa unione permette di collegare un documento che deve essere inviato ad una serie di indirizzi ad un file che contenga i nominativi dei destinatari.

Dettagli

IS357_03_01 Lettera aggiornamento Stato Civile vers. 04.05.01 STATO CIVILE

IS357_03_01 Lettera aggiornamento Stato Civile vers. 04.05.01 STATO CIVILE STATO CIVILE OGGETTO: aggiornamento della procedura STATO CIVILE dalla versione 04.04.00 o superiore alla versione 04.05.01 Nell inviarvi quanto in oggetto Vi ricordiamo che gli aggiornamenti vanno effettuati

Dettagli

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI DI PROTOCOLLO

Dettagli

SISTEMA OPERATIVO WINDOWS

SISTEMA OPERATIVO WINDOWS SISTEMA OPERATIVO WINDOWS Per fare attivazione e necessario che che il comune abbia versione HH >= 05.00.00 DEFINIZIONE DELLA DIRECTORY DI log (dal server) Prima di creare la cartella di log e necessario

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Descrizione funzionale ed operativa del programma di protocollo informatico e gestione dei documenti Iride web in uso presso il Comune di Pesaro

Descrizione funzionale ed operativa del programma di protocollo informatico e gestione dei documenti Iride web in uso presso il Comune di Pesaro del programma di protocollo informatico e gestione dei documenti Iride web in uso presso il Comune di Pesaro Allegato n. 2 al Manuale di gestione e conservazione dei documenti 1/18 Indice PREMESSA... 3

Dettagli

I Codici Documento consentono di classificare le informazioni e di organizzare in modo logico l archiviazione dei file.

I Codici Documento consentono di classificare le informazioni e di organizzare in modo logico l archiviazione dei file. Archivia Modulo per l acquisizione, l archiviazione e la consultazione di informazioni Il modulo Archivia permette l acquisizione, l archiviazione e la consultazione di informazioni (siano esse un immagine,

Dettagli

Manuale Utente WinGepa

Manuale Utente WinGepa Manuale Utente WinGepa a cura dell Ufficio per i Progetti Informatici e la Statistica - Arcidiocesi di Milano Tel: 02 8556276 e_mail: gepa@diocesi.milano.it INDICE INDICE...1 AVVIO DEL PROGRAMMA...3 Primo

Dettagli

Breve visione d insieme

Breve visione d insieme Breve visione d insieme Per accedere occorre semplicemente collegarsi alla pagina http://wm.infocom.it/ ed inserire il proprio indirizzo e-mail e password. Inserimento delle Vostre credenziali Multilingua

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO DPR 445/2000

PROTOCOLLO INFORMATICO DPR 445/2000 PROTOCOLLO INFORMATICO DPR 445/2000 (NOTE DI RELEASE) MODIFICHE APPORTATE NELLE RELEASE 10.2.0 Release 10.2.0 Nella ricerca multipla del protocollo è stata aggiunta la possibilità di ricercare per Presa

Dettagli

1)IL SITO...2 2)PAGINA: CREARE, ELIMINARE, MODIFICARE, LINKARE...3 3)PAGINA: MODULO DI RICERCA NEI FILE...4 4)INSERIRE ELEMENTI IN UNA PAGINA...

1)IL SITO...2 2)PAGINA: CREARE, ELIMINARE, MODIFICARE, LINKARE...3 3)PAGINA: MODULO DI RICERCA NEI FILE...4 4)INSERIRE ELEMENTI IN UNA PAGINA... Piccolo HELP sulla manutenzione dei Siti che compongono il sito del DSM di Trieste. INDICE 1)IL SITO...2 2)PAGINA: CREARE, ELIMINARE, MODIFICARE, LINKARE...3 3)PAGINA: MODULO DI RICERCA NEI FILE...4 4)INSERIRE

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

LA CASELLA PEC Dipartimentale

LA CASELLA PEC Dipartimentale LA CASELLA PEC Dipartimentale dip xx@pec.cittametropolitanaroma.gov.it INDICE 1) LA GESTIONE DELLE PEC IN ENTRATA 2) LA GESTIONE DELLE PEC IN USCITA Pag. 1 di 20 1. LA GESTIONE DELLE PEC IN ENTRATA Cassetta

Dettagli

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin EVENTI FORMATIVI 27 giugno 9 e 13 luglio 2012 ore 9,00 13,00 AULA MAGNA DEL PALACONGRESSI Staff della Direzione Strategica

Dettagli

1 SOMMARIO... 2 2 ACCESSO AL PROGRAMMA... 3 3 SCHERMATA PRINCIPALE TITULUS... 4 4 GESTIONE DEI DOCUMENTI... 8

1 SOMMARIO... 2 2 ACCESSO AL PROGRAMMA... 3 3 SCHERMATA PRINCIPALE TITULUS... 4 4 GESTIONE DEI DOCUMENTI... 8 1 Sommario Università di Pisa 1 SOMMARIO... 2 2 ACCESSO AL PROGRAMMA... 3 3 SCHERMATA PRINCIPALE TITULUS... 4 3.1 SCRIVANIA PERSONALE... 5 3.2 SCRIVANIA DI UFFICIO... 6 4 GESTIONE DEI DOCUMENTI... 8 4.1

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati . Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Archiflow 8. guida utente WEB

Archiflow 8. guida utente WEB Archiflow 8 guida utente WEB 1 Introduzione Il modulo ArchiflowWEB permette l accesso al database di Archiflow, quindi ai documenti archiviati, ed agli altri moduli utilizzati, tramite browser. L applicazione,

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO

PROTOCOLLO INFORMATICO PROTOCOLLO INFORMATICO OGGETTO: aggiornamento della procedura PROTOCOLLO INFORMATICO dalla versione 03.03.xx alla versione 03.04.03 Nell inviarvi quanto in oggetto Vi ricordiamo che gli aggiornamenti vanno

Dettagli

Documenti Tecnici Informatica e Farmacia Vega S.p.A.

Documenti Tecnici Informatica e Farmacia Vega S.p.A. Nuova gestione Offerte al pubblico Wingesfar: istruzioni per le farmacie Novembre 2009 Documenti Tecnici Informatica e Farmacia Vega S.p.A. Premessa La gestione delle Offerte al pubblico è stata oggetto

Dettagli

Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express

Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express In questa guida viene spiegato come creare un account di posta elettronica certificata per gli utenti che hanno acquistato il servizio offerto da puntozeri.it

Dettagli

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore ALBO PRETORIO E STORICO ATTI - DOCUMENTI ONLINE Linee Guida Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore Aggiornato al 31/08/2011 versione 3.0 1 di 63 Insiel S.p.A. ALBO

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo COLLI Gestione dei Colli di Spedizione La funzione Gestione Colli consente di generare i colli di spedizione in cui imballare gli articoli presenti negli Ordini Clienti;

Dettagli

Programma MANUTENZIONE

Programma MANUTENZIONE Programma MANUTENZIONE MANUALE UTENTE @caloisoft Programma MANUTENZIONE 1 IL PROGRAMMA MANUTENZIONE Il programma dispone di una procedura automatica di installazione. INSTALLAZIONE Per installare il programma

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Dal sito https://alloggiatiweb.poliziadistato.it accedere al link Accedi al Servizio (figura 1) ed effettuare l operazione preliminare

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB

MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB Collegarsi al proprio sito web ed entrare nella pagina dell area riservata. Cliccare sul pulsante in fondo alla pagina ed inserire in LOGIN NAME

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente RILEVA LIGHT Manuale dell Utente 1. COME INSTALLARE RILEVA LIGHT (per la prima volta) NUOVO UTENTE Entrare nel sito internet www.centropaghe.it Cliccare per visitare l area riservata alla Rilevazione Presenze.

Dettagli

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME: Progetto PON C-FSE-0-7: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:. Quando si ha un documento aperto in Word 007, quali tra queste procedure permettono di chiudere il

Dettagli

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico Innovazione e semplificazione nella gestione delle informazioni turistiche Modalità Completa Manuale d uso del sistema Ver. 2.0 maggio 2014 Progetto Sistema

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

Manuale Operativo FER AU LATO ENTE

Manuale Operativo FER AU LATO ENTE Manuale Operativo FER AU LATO ENTE Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili Revisione del Documento: 01 Data revisione: 13-01-2014 INDICE DEI CONTENUTI Indice 1.1 Scopo e campo di applicazione... 3

Dettagli

Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015]

Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015] Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da Leggerasoft Sommario Introduzione... 3 Guida all installazione... 4 Fase login... 5 Menù principale... 6 Sezione

Dettagli