Informatica (Basi di Dati)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica (Basi di Dati)"

Transcript

1 Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini, Laurea in Informatica, AA

2 Cos è un Sistema Informativo? Un organizzazione (azienda, ente, singolo individuo, etc.) in genere è dotata di un sistema informativo, ovvero di un sistema di organizzazione e di gestione delle informazioni che sono necessarie al suo funzionamento. L esistenza di un sistema informativo è totalmente indipendente dalla sua eventuale automazione. I sistemi informativi infatti esistono da molto prima dell invenzione dei calcolatori. 2

3 Cos è un Sistema Informatico? Un sistema informatico è la parte di sistema informativo che viene automatizzata e che quindi fa uso di tecnologie informatiche. In un sistema informatico le informazioni vengono rappresentate per mezzo di dati. 3

4 Dato vs Informazione Un dato è ciò che è immediatamente presente alla conoscenza prima di ogni elaborazione. In Informatica è un elemento di informazione costituito da simboli che devono essere elaborati. Ad esempio le due stringhe Mario Rossi e sono due dati che prima di essere elaborati non significano nulla. 4

5 Dato vs Informazione Un informazione è una notizia o un elemento che consente di avere conoscenza più o meno esatta di fatti, situazioni o modi di essere. I dati precedenti Mario Rossi e possono essere interpretati per arricchire la nostra conoscenza con il fatto che l interno telefonico del signor Mario Rossi è

6 Cos è una Base di Dati? Una Base di Dati (in inglese Database) è, nella sua accezione generica, una collezione di dati organizzata per reperire le informazioni necessarie allo svolgimento delle attività di un organizzazione (azienda, ente, persona, etc.). In un accezione specifica, una Base di Dati è una collezione di dati gestita da un particolare sistema software che prende il nome di DataBase Management System (DBMS). 6

7 Cos è una Base di Dati? Una Base di Dati, nella sua accezione generica, rientra nella definizione di sistema informativo e, nella sua accezione specifica, rientra nella definizione di sistema informatico. A questo punto ci si chiede: quali sono le peculiarità di una Base di Dati? Ovvero, quali caratteristiche deve avere un sistema informatico per poter essere definito Base di Dati? Infatti non tutti i sistemi informatici sono Basi di Dati 7

8 Un primo esempio di Sistema Informativo che NON è una Base di Dati Un agendina telefonica (su carta o su calcolatore) A-B Berti Aldini Bombi Telefono C-D Ciri Cometti Dini Cirielli Telefono Si supponga che la regola di questa agendina è di specificare i cognomi e i numeri telefonici con prefisso, esattamente come nell esempio riportato sopra 8

9 Un primo esempio di Sistema Informativo Possibile DIFETTO: nessuno può impedire il non rispetto della regola precedente e quindi, di scrivere come nell esempio di seguito riportato A-B Berti Aldo B. Telefono C-D Casa Comune Dini Ciro (a Roma) Telefono Al posto del cognome c è un nome (Aldo e Ciro), o solo l iniziale con un punto (B.), o un luogo (Casa) o un riferimento sociale (Comune). Nel numero telefonico di Ciro (a Roma) manca il prefisso in quanto la persona che ha scritto questa agendina ha specificato la città (Roma) e quindi implicitamente si riferisce al prefisso 06. 9

10 Un secondo esempio di Sistema Informativo che NON è una Base di Dati due archivi separati gestiti da due uffici distinti di una stessa università: Archivio 1 orario delle lezioni gestito dall Ufficio A Archivio 2 orario di ricevimento dei docenti gestito dall Ufficio B 10

11 Un secondo esempio di Sistema Informativo Archivio 1 11

12 Un secondo esempio di Sistema Informativo Archivio 2 12

13 Un secondo esempio di Sistema Informativo Possibili DIFETTI: 1. Ridondanza delle informazioni (ad esempio l informazione che Mario Bruni insegna Fisica I e Fisica II è ricavabile da entrambi gli archivi) 2. Incoerenza delle informazioni (Luigi Neri insegna Analisi Matematica I o II?) 13

14 Le Basi di Dati Motivazione di una Base di Dati Ogni organizzazione (università, azienda, ufficio, etc.) è divisa in settori e svolge diverse attività. In genere ogni settore ha un proprio sistema informativo. Possono però esistere sovrapposizioni tra i dati di interesse dei vari settori. Ad esempio i dati sui docenti, e sui corsi che insegnano, sono di interesse sia per l ufficio orario lezioni che per quello di ricevimento docenti. Si rende quindi evidente la necessità di creare un risorsa di informazione integrata e condivisa dai vari settori di un organizzazione. 14

15 Le Basi di Dati Una Base di Dati è una risorsa di informazione: grande in termini di dimensioni di memoria sul calcolatore condivisa (cioè applicazioni e utenti diversi devono poter accedere a dati comuni) ciò riduce la ridondanza e la ripetizione delle informazioni persistente (cioè la sua vita non è limitata a quella dei programmi che la utilizzano) affidabile (cioè il suo contenuto deve essere conservato intatto anche in caso di malfunzionamenti e devono essere previste funzionalità di ripristino e di salvataggio, recovery e backup) 15

16 Le Basi di Dati Una Base di Dati è una risorsa di informazione: privata (cioè ogni utente deve essere riconosciuto e di conseguenza autorizzato a svolgere solo determinate attività sui dati) efficiente (cioè deve permettere agli utenti di svolgere le attività utilizzando risorse di tempo e spazio che siano accettabili) efficace (cioè rende produttiva l attività degli utenti che ne fanno uso) 16

17 Le Basi di Dati Una Base di Dati è quindi una risorsa di informazione che richiede: meccanismi di autorizzazione (protezione dei dati condivisi in modo che l accesso avvenga solo da parte di soggetti autorizzati e secondo modalità prestabilite) meccanismi di controllo della concorrenza (gestione contemporanea dell accesso ai dati condivisi da parte di più soggetti) Una Base di Dati necessità di un particolare sistema di gestione il DBMS 17

18 Le Basi di Dati: il DBMS Un DBMS (DataBase Management System) è un software in grado di gestire Basi di Dati, cioè collezioni di dati che siano: grandi condivise persistenti affidabili private efficienti efficaci 18

19 Le Basi di Dati: il DBMS Alcuni esempi di DBMS sul mercato: Access DB2 Oracle Informix Sybase SQLServer 19

20 Il modello dei dati I protagonisti di una Base di Dati sono i dati relativi ad una certa realtà (ad esempio la realtà di un università, di un azienda, di un ente pubblico, etc.). Quindi, una Base di Dati contiene i dati relativi ad una certa realtà e permette il reperimento di informazioni che descrivono tale realtà. In sintesi, una Base di Dati rappresenta una certa realtà. 20

21 Il modello dei dati Come vengono descritti e rappresentati i dati relativi alla realtà di interesse di una Base di Dati? Ovvero, come vengono modellizzati i dati di interesse di una Base di Dati? In generale un modello dei dati è un insieme di costrutti utilizzati per descrivere e rappresentare i dati propri di una realtà di interesse. 21

22 I livelli di modellizzazione I livelli di modellizzazione dei dati di una determinata realtà di interesse di una Base di Dati sono tre: 1. Livello concettuale modelli concettuali 2. Livello logico modelli logici 3. Livello fisico modelli fisici 22

23 Il livello concettuale A livello concettuale, più che modellizzare i dati relativi ad una certa realtà, si cerca di descrivere i concetti della realtà stessa (modellizzazione del mondo reale). I modelli concettuali offrono infatti i concetti e i costrutti che permettono di descrivere una realtà di interesse in maniera indipendente dall organizzazione della Base di Dati che poi la rappresenterà. Essi sono utilizzati nella fase preliminare di progettazione di una Base di Dati. 23

24 Il livello concettuale Cosa vedremo? Il modello concettuale più usato è il Modello Entità-Relazione (Modello E-R), in cui il concetto di relazione è da intendersi nel senso di legame (in inglese relationship). Il modello E-R descrive la realtà di interesse attraverso i costrutti principali di entità e di relazione. 24

25 Il livello logico A livello logico, si modellizzano i dati relativi ad una certa realtà al fine di descrivere la loro organizzazione nella Base di Dati. I modelli logici offrono i concetti e i costrutti che permettono di organizzare i dati nella Base di Dati in modo indipendente dalle strutture fisiche effettivamente utilizzate per memorizzare i dati su calcolatore. 25

26 Il livello logico I modelli logici usati per le Basi di Dati sono: modello relazionale modello gerarchico modello reticolare modello ad oggetti 26

27 Il livello logico In base al modello logico che seguono, le Basi di Dati si possono quindi suddividere nelle seguenti categorie: Basi di Dati relazionali se seguono il modello relazionale Basi di Dati gerarchiche se seguono il modello gerarchico Basi di Dati reticolari se seguono il modello reticolare Basi di Dati ad oggetti se seguono il modello ad oggetti 27

28 Il livello logico Di conseguenza, i DBMS funzionano sulla base del particolare modello logico della Base di Dati e quindi si avranno: DBMS relazionali per Basi di Dati relazionali DBMS gerarchici per Basi di Dati gerarchiche DBMS reticolari per Basi di Dati reticolari DBMS a oggetti per Basi di Dati a oggetti 28

29 Il livello logico Cosa vedremo? Il modello relazionale è attualmente il modello logico più diffuso per organizzare i dati di una Base di Dati. Esso utilizza il costrutto di relazione, inteso in questo caso come concetto matematico proveniente dalla teoria degli insiemi (e non come legame/relationship), e organizza i dati secondo relazioni. Vedremo che una relazione potrà essere interpretata come una tabella a struttura fissa e vedremo che in sostanza una Base di Dati relazionale organizza (logicamente) i dati in tabelle. 29

30 Il modello (logico) relazionale Ad esempio i dati degli studenti di una Base di Dati relazionale di un università possono essere organizzati dal punto di vista logico nella seguente relazione (o tabella): Matricola Cognome Rossi Verdi Bianchi Rossi Nome Marco Andrea Luca Chiara Nascita Ogni riga (o record) corrisponde ad uno studente. Gli attributi di ogni studente sono le intestazioni delle colonne (cioè Matricola, Cognome, Nome, Nascita ). 30

31 Il livello fisico A livello fisico, si modellizzano i dati per descrivere la loro organizzazione fisica sulla memoria del calcolatore. 31

32 In sintesi Un modello concettuale descrive una realtà di interesse in maniera completamente indipendente da come i relativi dati verranno poi organizzati logicamente nella Base di Dati (cioè indipendentemente dal modello logico). Un modello logico descrive l organizzazione dei dati in una Base di Dati in maniera completamente indipendente da come questi verranno poi effettivamente memorizzati sulla memoria del calcolatore (cioè indipendentemente dal modello fisico) 32

33 Schema e istanza Lo schema di una Base di Dati è la parte che rimane invariata nel tempo e che definisce la struttura logica dei dati. Ad esempio la tabella (o relazione) precedente ha uno schema definito da 4 colonne (4 attributi) con intestazione Matricola, Cognome, Nome, Nascita. L istanza di una Base di Dati è la parte che varia nel tempo ed è costituita dai dati contenuti. Ad esempio l istanza della tabella precedente sono le 4 righe (o record) che corrispondono ai dati relativi a 4 studenti. L istanza varia nel tempo poiché si possono aggiungere studenti (immatricolazione) o togliere studenti (quando si laureano). 33

34 Linguaggi per Basi di Dati I linguaggi per Basi di Dati si possono distinguere in due categorie: linguaggi di definizione dei dati (Data Definition Language, DDL) per definire lo schema della Base di Dati linguaggi di manipolazione dei dati (Data Manipulation Language, DML) per interrogare e aggiornare la Base di Dati (istanza). Il linguaggio SQL (che vedremo) (Structured Query Language) è sia un DDL che Un DML 34

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Progettazione Logica

Progettazione Logica PROGETTAZIONE Ricordiamo le fasi della progettazione di una Base di Dati Progett. CONCETTUALE Progett. LOGICA Progett. FISICA Ci occuperemo adesso della progettazione logica R.Gori - G.Leoni BD Relazionali

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08

NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08 NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08 Importante: sono cambiati i moduli di rilevazione! Anche quest anno verrà distribuita dalla segreteria di Facoltà, dalla terzultima settimana

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server 7 Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server Lo standard nell archiviazione delle email MailStore Server consente alle aziende di trarre tutti i vantaggi

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare?

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 2) Non ho prenotato, posso chiedere al docente di sostenere ugualmente l'esame? 3) La regola dell'appello alternato vale

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente Capitolo 7 Esercizio 7.1 Si desidera automatizzare il sistema di prestiti di una biblioteca. Le specifiche del sistema, acquisite attraverso un intervista con il bibliotecario, sono quelle riportate in

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli