Teoria sulle basi di dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria sulle basi di dati"

Transcript

1 Teoria sulle basi di dati Introduzione alle basi di dati Una base di dati (database) può essere considerata come una raccolta di dati logicamente correlati, utilizzata per modellare una realtà. I dati sono memorizzati su un supporto di memoria di massa e sono progettati per essere fruiti da diverse applicazioni e utenti. Una base di dati deve essere sicura (protetta contro interventi non autorizzati o danni accidentali), integra (deve garantire che le operazioni non provochino perdita di consistenza dei dati), consistente (i dati devono essere significativi ed effettivamente utilizzabili nelle applicazioni), condivisibile (diversi utenti e applicazioni devono poter accedere ai dati comuni), persistente (i dati devono essere salvati su memoria di massa e non in memoria centrale), scalabile (deve mantenere intatte le proprie performance all'aumentare della quantità di dati). Sistemi informativi e informatici Un sistema informativo è un insieme organizzato di strumenti e risorse umane e materiali orientato alla gestione delle informazioni rilevanti di un'organizzazione. Un sistema informativo non richiede necessariamente l'uso dei PC: l'anagrafe di un tempo era composta da registri cartacei; si trattava comunque di un sistema informativo. Il sistema informatico, invece, è l'insieme degli strumenti informatici (es. client, server...) utilizzati per il trattamento automatico delle informazioni, rappresentate mediante dati digitali. Definizioni di dato, schema, istanza, intensione, estensione, categoria, occorrenza dato: descrizione elementare di una cosa; rappresentazione dei fatti informazione: incremento di conoscenza a cui si perviene tramite i dati schema (o intensione): chiave di interpretazione dei dati istanza di uno schema (o estensione): insieme dei valori assunti da uno schema in un certo istante significato intensionale: contenuto informativo dei dati significato estensionale: valori che può assumere uno schema in un certo istante categoria: gruppo di dati aventi lo stesso schema (cioè la stessa chiave di interpretazione) occorrenza di una base di dati: insieme delle istanze delle categorie in un certo istante di tempo Gli schemi sono statici, ovvero non cambiano nel tempo. Il modello di dati Un modello di dati è un insieme di concetti e di costrutti utilizzati per organizzare i dati di interesse e descriverne la struttura e la dinamica (associazioni e vincoli che i dati devono rispettare). Nella teoria delle basi di dati, i modelli si distinguono in: concettuali: permettono di rappresentare i dati in modo totalmente indipendente dall'implementazione; il modello concettuale più usato è quello EA (entità-associazione, in inglese ER, entity-relationship) logici: sono strutture meno astratte delle precedenti, di livello intermedio tra ciò che l'utente finale può vedere e il livello dell'implementazione. Noi utilizziamo il modello relazionale; esistono anche modelli gerarchici, reticolari e a oggetti. Progettazione di una base di dati L'insieme di attività che si devono svolgere consiste di tre distinte fasi; l'output di una è l'input dell'altra. 1. Progettazione concettuale: a partire dalle specifiche formali della realtà di riferimento ottengo uno schema concettuale (diagramma E/A) il più astratto possibile. 2. Progettazione logica: trasforma il diagramma E/A in una rappresentazione efficiente rispetto all'implementazione scelta. A questo punto ho già deciso quale strumento informatico utilizzare. 3. Progettazione fisica: a partire dallo schema logico definisco gli aspetti fisici della memorizzazione e rappresentazione in memoria di massa.

2 Il DBMS Un DBMS (Data Base Management System) è un insieme di strumenti software in grado di gestire dati strutturati che sono tanti, importanti, condivisi, interrogati e aggiornati. Nel caso specifico dei database relazionali si parla di RDBMS (Relational Data Base Management System). Prima dei DBMS l'organizzazione di un archivio era strettamente dipendente dal'applicativo che lo sfruttava; in generale buona parte dei dati doveva essere memorizzata più volte (ridondanza) in diversi file, con lo svantaggio dell impossibilità di avere tutti gli archivi aggiornati allo stesso tempo (inconsistenza e incongruenza dei dati), inoltre numerosi erano i problemi legati alla concorrenza, ovvero alla possibilità di rendere disponibile i file a più applicativi e utenze contemporaneamente. Il DBMS deve garantire gestione della base dei dati (aggiornamenti, inserimenti), deve garantire persistenza e consistenza dei dati, la loro privatezza e integrità; deve supportare le transazioni (sequenze di operazioni annullate se non conclusesi correttamente, es. ordini e pagamenti online) e gestire il dizionario dei metadati (MySQL ad esempio ha un database che descrive gli altri database). Inoltre, un DBMS deve essere efficiente (utilizzare un insieme di risorse accettabile) ed efficace, cioè deve rendere produttive e semplici le operazioni effettuate dall'utente. Un DBMS si può pensare come suddiviso in tre livelli di astrazione; dall'alto verso il basso troviamo: livello esterno: è quello con cui interagiscono i singoli utenti tramite viste (sottoinsiemi del DB) livello logico: troviamo gli schemi, le strutture logiche astratte del database (DDL / DCL) livello fisico: troviamo l'implementazione del database logico su file gestiti dal DBMS (DMCL) Un DBMS garantisce l'indipendenza fisica e logica: posso alterare i dati senza che venga alterata la struttura degli stessi. Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL (Structured Query Language) è un linguaggio di tipo non procedurale utilizzato per creare, manipolare e interrogare database relazionali. Del linguaggio esistono diverse versioni o dialetti, più o meno aderenti agli standard ANSI e ISO. SQL non è case sensitive e le istruzioni vengono separate usando il punto e virgola ;. Le istruzioni del linguaggio SQL si possono suddividere in tre macrocategorie: DML (data manipulation language): istruzioni per manipolare i dati contenuti nelle diverse tabelle (es. interrogazioni, inserimenti, cancellazioni, modifiche) DDL (data definition language): istruzioni per definire la struttura delle relazioni della base di dati (es. creazione e alterazione di tabelle e vincoli) DCL (data control language): istruzioni per controllare il modo in cui le operazioni vengono eseguite e per impostare autorizzazioni e permessi su singoli utenti SQL può essere utilizzato in modalità stand-alone, ovvero interagendo direttamente con l'interprete SQL, o in modalità embedded, cioè costruendo ed eseguendo query SQL all'interno di un linguaggio ospite che presenta il supporto alla connessione con i database, ad esempio: PHP, ASP, JSP, Java, C/C++ La progettazione concettuale La progettazione concettuale consiste nel riorganizzare tutti gli elementi ritrovati nelle specifiche della realtà di riferimento in una descrizione formale, completa e astratta, cioè indipendente dall'implementazione dei dati stessi. Il prodotto di tale attività è lo schema concettuale. Noi utilizziamo il modello concettuale E/A (Entità/Associazioni). Occorre quindi distinguere: entità: sono ciò che esiste all'interno della realtà che si vuole modellare attributi (proprietà): sono i fatti che si intende rappresentare e che descrivono caratteristiche (es. "Nome"). Ogni attributo è formato da nome, formato, dimensione, valore in un certo dominio, opzionalità (NULL o meno). Distinguiamo poi: o attributi composti o aggregati: sono costituiti mediante aggregazione di altri attributi (es. DataDiNascita è l'aggregato di Giorno/Mese/Anno) o attributi multipli: sono elenchi (stringhe) di attributi dello stesso tipo (es. attributo Hobby che contiene "pesca, ciclismo, collezionismo")

3 o attributi chiave/identificativi: sono le chiavi primarie (o candidate/superchiavi) che consentono l'identificazione univoca di un'istanza di entità dall'altra (es. CodiceFiscale per distinguere univocamente una persona, idutente per un utente, etc...) tipo di entità: descrive la struttura di tutte le entità di una certa natura (es. "Scrittori", "Libri") istanza: singolo esemplare che appartiene ad un tipo di entità associazioni: sono legami logici tra due o più entità, solitamente predicativi (es. X "possiede" Y). Le associazioni sono caratterizzate da: o grado: numero di entità che partecipano all'associazione (binarie, multiple...) o diretta: associazione da a o inversa: associazione da a o partecipazione: può essere totale o parziale a seconda dell opzionalità del legame tra le o entità molteplicità: indica il numero massimo di istanze dell'entità X che possono trovarsi in relazione con un'istanza dell'entità Y, e viceversa. Si parla di associazione univoca da X a Y se ogni istanza di X può trovarsi in relazione con al massimo un'istanza di Y. Se tale vincolo non esiste, si dice che l'associazione è multivalore o multipla. o cardinalità: descrive parallelamente la molteplicità dell'associazione diretta e della sua inversa. Può essere "a uno" o "a molti", si hanno tre casi: - biunivoca - / semplice - complessa Le gerarchie Le gerarchie permettono di particolarizzare o generalizzare un'entità. Una gerarchia ha struttura ad albero: vi è un'entità padre, che contiene le caratteristiche comuni a tutte le istanze e più entità figlie, che rappresentano le caratteristiche specifiche di alcuni gruppi. Per creare una gerarchia si attua dunque un procedimento di specializzazione dall'alto verso il basso, cioè si specializza l'entità padre creando entità figlie sempre più specifiche. Il processo inverso, dal basso verso l'alto, è quello di generalizzazione. Nel modello E/A un'associazione di generalizzazione è nota anche con il termine di associazione ISA. Distinguiamo casi in cui l'unione delle istanze delle entità figlie non coincide con quelle del padre: entità sottoinsieme non disgiunte (es. PersonaleScuola -> Docente / Maschi) entità sottoinsieme disgiunte (es. PersonaleScuola -> Docente / NonDocente) Altrimenti, nel caso in cui l'unione delle istanze delle entità figlie coincide con quelle del padre, abbiamo: entità copertura (non disgiunte, es. Persona -> MenoDi20Anni / PiuDi15Anni) entità partizione (disgiunte, es. Persona -> Maschio / Femmina) Disgiunte o non disgiunte indica la possibilità, per le entità figlie, di avere o meno elementi in comune. La progettazione logica La progettazione logica consiste nel "mapping", cioè nella mappatura del diagramma E/A in un insieme di tabelle detto schema logico relazionale e nella definizione delle operazioni da compiere su di esso. Una relazione su una sequenza di insiemi non necessariamente distinti è un sottoinsieme finito del prodotto cartesiano che possiamo esprimere con, dove: D sono i domini della relazione (insieme di tutti i valori che può assumere l'attributo) (con ) è detto grado della relazione ed è indicato con, è il numero di domini Gli elementi della relazione sono detti t-uple ( ); l'istanza di una relazione è l'insieme delle sue t-uple in un determinato istante di tempo. Il numero di t-uple presenti in un dato istante in una relazione viene detto cardinalità della relazione.

4 Si definisce schema di una relazione il suo nome e la lista dei suoi attributi, racchiusi tra parentesi tonde e separate da virgole, ad esempio: Una relazione, come accade per quelle matematiche, può essere rappresentata per elencazione, in forma tabellare e informa insiemistica. Le chiavi di una relazione Esattamente come per il modello E/A, si definisce "chiave candidata" o "superchiave" di una relazione un insieme non vuoto di attributi di attraverso i quali è possibile individuare univocamente una t-upla per ogni possibile istanza della relazione. In generale, una relazione può ammettere diverse chiavi candidate; solitamente fra queste ne viene scelta una con il minor numero di attributi, designata come "chiave primaria". I vincoli di integrità Si definisce vincolo di integrità una proprietà che deve essere soddisfatta dalle istanze al fine di mantenere la correttezza delle informazioni. Una prima distinzione può essere effettuata tra vincoli di integrità: impliciti: imposti dalla struttura stessa dei dati (es. univocità delle chiavi primarie, esistenza di una corrispondenza tra chiave esterna e chiave primaria nella tabella referenziata) espliciti: imposti dall utente; limitano il modo in cui i dati possono cambiare (es. ) Inoltre, possiamo classificare i vincoli di integrità in: interni: sono definito all'interno di una singola relazione, possono essere: o su singola ennupla: esprimono una condizione da rispettare sul dominio di un singolo attributo o su più attributi (es. o su più ennuple: coinvolgono i valori di più ennuple (es. i vincoli di chiave primaria) esterni: sono definiti tra più relazioni, es. i vincoli referenziali, i quali evitano che: o si possa immettere un valore di chiave esterna non presente nella tabella primaria (es. non posso inserire un prodotto con fornitore che non ho nella tabella primaria Fornitori) o si possa eliminare una t-upla dalla tabella primaria se esistono righe ancora legate ad essa (es. non possono eliminare un fornitore che fornisce ancora dei prodotti) o si possa modificare il valore della chiave primaria della tabella primaria se ad essa collegati elementi nella tabella correlata (es. non posso modificare l'idfornitore se fornisce dei prodotti, perché perderei l'integrità referenziale) con i vincoli di integrità referenziale si può così evitare che gli utenti del database interrompano accidentalmente associazioni tra tabelle correlate. Mappatura delle gerarchie Vi sono tre modi per mappare gerarchie nel modello E/A: relazione unica: si definisce un sola relazione e un certo attributo (es. un flag) discrimina l'appartenenza o meno ad un certo sottoinsieme partizionamento verticale: una relazione padre contiene gli attributi in comune a tutte le tuple, altre n relazioni specializzanti contengono gli attributi relativi alla specializzazione e la chiave esterna che punta alla relazione padre. È il partizionamento più comune. partizionamento orizzontale: una relazione padre contiene tutti gli attributi in comune a tutte le tuple, ed in essa sono memorizzati tutti gli elementi che non appartengono a nessuna delle entità figlie

5 Le operazioni relazionali Le operazioni relazionali sono in totale 7: 5 fondamentali e 2 derivate. Fondamentali: unione ( -> binaria differenza -> binaria prodotto cartesiano -> binaria proiezione -> unaria restrizione -> unaria Derivate: intersezione -> binaria giunzione naturale ( -> binaria Unione Si effettua tra due relazioni e compatibili (stesso numero di attributi e stesso tipo di attributi nelle stesse posizioni). Restituisce semplicemente l'unione insiemistica delle due relazioni: Intersezione Si effettua tra due relazioni e compatibili. Restituisce le t-uple in comune sia ad che ad Differenza Si effettua tra due relazioni e compatibili. Restituisce le t-uple di che non sono presenti anche in. Proiezione Data una relazione ed un sottoinsieme dei suoi attributi, la proiezione di su è la relazione di grado che si ottiene considerando solo le colonne di relative agli attributi contenuti in ed eliminando le t-uple duplicate. Restrizione Data una relazione ed un predicato, la restrizione restituisce tutte le t-uple di che soddisfano. Prodotto cartesiano Restituisce l'insieme di tutte le possibili t-uple ottenute concatenando ogni t-upla della relazione t-upla della relazione. con ogni

6 Giunzione naturale L'operazione di giunzione naturale (join) di e su un attributo di e un attributo di aventi lo stesso tipo restituisce una relazione di grado le cui t-uple si ottengono con il seguente procedimento: 1. effettuo il prodotto cartesiano 2. effettuo una restrizione sulle t-uple aventi gli attributi e dello stesso valore 3. la relazione così ottenuta ha le colonne e uguali, per cui se ne elimina una delle due Operatore: Lo scopo della giunzione naturale è quello di combinare due relazioni aventi uno o più attributi in comune, generando una nuova relazione che contiene le colonne della prima e della seconda relazione senza duplicazioni; inoltre le righe della prima sono concatenate a quella della seconda, secondo i valori uguali dell'attributo comune. L operazione di join merita un discorso a sé, poiché ne esistono numerosi tipi. Cross join: è il prodotto cartesiano Inner join (o natural join): restituisce solo le combinazioni delle t-uple della prima tabella che trovano una corrispondenza nell altra tabella per gli attributi specificati nella condizione È l equivalente di quanto facciamo normalmente con la per passare tra più tabelle. Left join: restituisce tutte le tuple della tabella a sinistra (prima dell operatore di join) concatenate a quelle della tabella di destra in base all attributo in comune. Le t-uple della tabella di sinistra compaiono tutte: se non hanno nulla in comune i campi della tabella di destra vengono settati a NULL. Right join: come la left join, ma restituisce tutte le t-uple della tabella a destra, anche se l attributo in comune non ha corrispondenza. Self join: è un join sulla tabella stessa, ad esempio: padri e figli nella stessa tabella. In generale, il vantaggio della join rispetto al semplice passare per le tabelle usando la condizione sta nella possibilità di ottenere all interno della relazione risultante anche gli elementi che non hanno corrispondenza con l altra tabella (es. vedere tutti i fornitori con eventuali prodotti forniti ). In breve, nella left join vengono ritornate tutte le tuple della tabella a sinistra dell operatore che non hanno corrispondenza, nella right join tutte quelle a destra. Conviene usare l operazione di join solo se realmente necessario, poiché il passaggio per numerose tabelle può richiedere complesse query annidate. La normalizzazione La normalizzazione è un procedimento graduale che realizza un'ottimizzazione progressiva a partire da relazioni non normalizzate, al fine di raggiungere un certo livello di normalizzazione. In particolare, la normalizzazione permette di verificare se la definizione dello schema corrisponde ad alcuni canoni standard di correttezza. Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità, cioè l'assenza di determinati difetti; può capitare infatti che schemi mal progettato presentino anomalie, come ridondanze di dati e condizioni che violano la correttezza dei dati stessi.

7 È possibile riassumere la teoria della normalizzazione nelle seguenti regole: ogni tabella deve avere una chiave primaria ogni campo deve contenere un solo valore i campi di una tabella non devono dipendere da altri campi che non siano la chiave primaria bisogna evitare le ripetizioni e la ridondanza di dati Vediamo alcune forme normali: Prima forma normale (1FN), o forma atomica Una relazione si dice in prima forma normale se: o esiste una chiave primaria o ogni attributo è definito su un dominio di valori atomici (non vi sono cioè attributi composti o multipli) Seconda forma normale (2FN) Una relazione di si dice in seconda forma normale se: o è in prima forma normale o ogni attributo non chiave dipende funzionalmente e completamente dalla chiave primaria esempio: data una relazione con attributi con: che dipende da che dipende da che dipende da per normalizzarla in 2FN, devo scomporre la relazione in questo modo: ; ; Terza forma normale (3FN) Una relazione si dice in terza forma normale se: o è in seconda forma normale o ogni attributo non chiave dipende direttamente dalla chiave (non vi è dipendenza transitiva) esempio: se in una relazione un attributo dipende dalle chiavi e un attributo dipende da, ovvero: ;, per normalizzarla in 3FN devo scomporla in 2 nuove relazioni: ; Note Significato di "relazione" nel modello concettuale relazione = associazione, legame logico tra 2 o più entità nel modello logico relazione = generalizzazione di una relazione matematica tra insiemi nei DBMS relazione = tabella

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola Database Alunni: Classe V A Sistemi Informativi Aziendali, indirizzotecnico Economico A. Guarasci Rogliano, dell Istituto Istruzione Superiore IPSIA Marconi Cosenza Lic Sc.e ITE Rogliano Altomare Francesco

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI

13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI 13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI Definizione: Una base di dati (in inglese database) può essere considerata come una raccolta di dati progettati per essere fruiti in maniera ottimizzata da differenti applicazioni

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Database relazionali: un'introduzione Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Rappresentazione astratta di aspetti del mondo reale (Universe

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE Indice PROGETTAZIONE DI UN DATABASE 1.Il modello ER (entity relationship)...1 Generalità...1 I costrutti principali del modello...2 Entità...2 Associazioni...2 Attributi...2 Altri costrutti del modello...2

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015 Classe: 5^A inf Prof.ssa C. Lami Prof. S. Calugi Materia: INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Dettagli

Introduzione ai Database e a Microsoft Access

Introduzione ai Database e a Microsoft Access Introduzione ai Database e a Microsoft Access 1 Il Sistema Informativo aziendale Un Sistema Informativo aziendale è costituito: dall'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un'azienda

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Operazioni sui database

Operazioni sui database Operazioni sui database Le operazioni nel modello relazionale sono essenzialmente di due tipi: Operazioni di modifica della base di dati (update) Interrogazioni della base di dati per il recupero delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

Modulo 8 I data base Unità 1 Data Base Elementi di Base

Modulo 8 I data base Unità 1 Data Base Elementi di Base Modulo 8 I data base Unità 1 Data Base Elementi di Base Prof. Antonio Scanu 1 Introduzione alle Base dei Dati In ogni modello di organizzazione della vita dell'uomo dal più complesso al più semplice. vengono

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Linguaggi per basi di dati

Linguaggi per basi di dati ALGEBRA RELAZIONALE Linguaggi per basi di dati operazioni sullo schema DDL: data definition language operazioni sui dati DML: data manipulation language interrogazione ("query") aggiornamento 2 Linguaggi

Dettagli

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

1.1 I componenti di un DBMS... 5

1.1 I componenti di un DBMS... 5 Indice 1 Introduzione ai DBMS.......................................................... 1 1.1 Scopi di un DBMS............................................................ 1 1.2 Modelli dei dati..............................................................

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Introduzione all Algebra Relazionale

Introduzione all Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale 6LVWHPL,QIRUPDWLYL H DVLGL'DWL Oreste Signore (Oreste.Signore@cnuce.cnr.it) &RQWHQXWR Sistemi Informativi Basi di Dati Architettura Progettazione Analisi funzionale Progettazione concettuale Information

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Laurea magistrale in Editoria e comunicazione multimediale. Sistemi per il recupero delle informazioni

Laurea magistrale in Editoria e comunicazione multimediale. Sistemi per il recupero delle informazioni Laurea magistrale in Editoria e comunicazione multimediale A.A. 2008/2009 Sistemi per il recupero delle informazioni Docente: Annalisa Pascarella E-mail: pascarel@dima.unige.it 1 APPUNTAMENTI Ottobre Venerdì

Dettagli

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1 Modello relazionale Docente M2170 Fondamenti di informatica Verdi M4880 Sistemi di elaborazione Bianchi F0410 Basi di dati Neri Docenti Nome Dipartimento Telefono Verdi Informatica 123456 Bianchi Elettronica

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Database (Base di dati)

Database (Base di dati) Database (Base di dati) Cos è un database Per comprendere appieno cos è un database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, è necessario definire in modo esatto e preciso cosa si intende per: Database

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 La progettazione concettuale: il modello ER 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 1 La progettazione concettuale Prima di procedere con la progettazione concettuale è necessario effettuare un analisi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Progettazione logica: Il modello relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione Basato sul lavoro di Codd (~1970) E attualmente

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base Sistemi di Elaborazione delle Informazioni DB ed SQL Prof. Silvio Vassallo Modello Relazionale Il modello relazionale si basa sul concetto di RELAZIONE tra insiemi di oggetti. Dati n insiemi A 1,A 2, A

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 18 marzo 2010 Un esempio di (semplice) database Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno.

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. MODELLI INFORMATICI 1 Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. Aspetti di un modello: il modello è la rappresentazione di certi fatti;

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

Il modello relazionale dei dati

Il modello relazionale dei dati Il modello relazionale dei dati Master Alma Graduate School Sistemi Informativi Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/alma_si1/ Versione elettronica: 04Relazionale.pdf Obiettivi della

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli