Introduzione ai Database e a Microsoft Access

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione ai Database e a Microsoft Access"

Transcript

1 Introduzione ai Database e a Microsoft Access 1

2 Il Sistema Informativo aziendale Un Sistema Informativo aziendale è costituito: dall'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un'azienda durante l'esecuzione dei processi aziendali; dalle modalità in cui esse sono gestite e dalle risorse, sia umane, sia tecnologiche, coinvolte Il sistema informativo può sfruttare i vantaggi offerti dal Sistema Informatico 2

3 Il Sistema Informatico aziendale Il Sistema Informatico aziendale rappresenta: quella porzione del sistema informativo che fa uso di tecnologie informatiche e automazione considerata la mole di dati aziendali che bisogna archiviare e gestire, il sistema informatico utilizza software specifici per la gestione di Database, cioè DBMS 3

4 La progettazione del Database La progettazione del database aziendale (database design) è il processo decisionale su come organizzare i dati in record e su come ciascun tipo di record si relaziona con gli altri (informazioni correlate). 4

5 Uso di DBMS nel Sistema Informativo Il DBMS dovrebbe rispecchiare la struttura dei dati dell'organizzazione e gestire in maniera efficiente le varie transazioni. Quando si usa un DBMS i sistemi informativi possono essere adeguati molto facilmente al cambiamento delle richieste informative dell'organizzazione. Possono essere aggiunte al database nuove categorie di dati senza dover stravolgere il sistema esistente. 5

6 Che cos è un DBMS Un DBMS, cioè Data Base Management System è un programma per la gestione di Database, quindi: Database = Insieme dei dati e metadati; DBMS = Software per la gestione del Database; Il pacchetto software Microsoft Access è un DBMS, quindi permette di creare e gestire Database. 6

7 Esempi di DBMS Ecco alcuni esempi di DBMS: Access (della Microsoft); SQL Server (della Microsoft); Oracle (della Oracle Corporation); Informix (della IBM); Mysql (è un prodotto Open Source); DB2 (della IBM); 7

8 Prima dell arrivo dei DBMS Venivano utilizzate Applicazioni diverse per gestire i vari File System. 8

9 Problemi degli archivi separati La gestione software degli archivi separati porta ad una serie di problemi, quali: 1. Inconsistenza e ridondanza dei dati Vi possono essere differenze tra i valori relativi ad una stessa entità ma riportati in archivi diversi. La duplicazione di dati crea spreco di memoria 2. Riservatezza dei dati Non vi è garanzia che ai dati abbiano accesso esclusivamente le persone autorizzate, ciascuno per le proprie competenze. I file sono a disposizione di tutti che possono quindi appropriarsi di informazioni riservate. 9

10 Problemi degli archivi separati 3. Integrità dei dati L'integrità dei dati viene assicurata dai vincoli di consistenza Ad esempio un campo non può assumere valore negativo. Con archivi separati, l'integrità dei dati viene affidata a programmi applicativi (soggetti ad errori) 4. Concorrenza Gestire gli accessi contemporanei alla stessa informazione. 10

11 Con l arrivo dei DBMS Abbiamo diverse applicazioni che attraverso il DBMS agiscono sullo stesso Database. 11

12 Vantaggi dell utilizzo di un DBMS 1. La duplicazione dei dati è ridotta al minimo indispensabile 2. L'accesso ai dati avviene in base a privilegi fissati dal DBMS (garanzia di sicurezza e riservatezza) 3. I vincoli di consistenza possono essere fissati all'interno del DBMS 4. L'accesso concorrente ai dati è controllato dal DBMS che gestisce la mutua esclusione dei programmi 12

13 1. Gerarchico I Modelli logici di Dati Basato sugli alberi 2. Reticolare Basato sui grafi 3. Relazionale Basato sugli insiemi, dati strutturati in tabelle 4. Ad oggetti Basato sulle proprietà degli oggetti 13

14 Linguaggi di gestione/manipolazione Dati DDL (Data Definition Language) Per definire lo schema della base di dati Le definizioni dello schema costituiscono il 'Dizionario dei dati' DML (Data Manipulation Language) Per inserire, cancellare, modificare i dati Per effettuare query 14

15 I Linguaggi per la gestione dei Dati SQL (Structured Query Language) Si pronuncia SEQUEL E un linguaggio che racchiude sia le funzionalità proprie di un DDL, sia quelle di un DML. E diventato uno standard tra i linguaggi utilizzati dai DBMS (basati sul modello relazionale) per interagire con i Database. Oltre alle funzionalità dei DDL e DML, SQL racchiude anche quelle di Data Control Language (DCL) grazie alle quali è possibile stabilire chi sono gli utenti del Database e quali permessi hanno relativamente alla gestione dei dati. 15

16 Il Modello Relazionale Il modello relazionale fu introdotto da Codd (1970) e si basa su una semplice ed uniforme struttura dati chiamata relazione, ed ha una solida base teorica La relazione del modello relazionale NON è la relazione degli schemi E/R Si introduce tale modello in quanto la maggior parte dei DBMS sono relazionali (tipo Oracle, Access, MySQL) 16

17 Il Modello Relazionale Una base di dati relazionale è un insieme di tabelle associate tra loro Una relazione è una tabella costituita da: un numero fisso di colonne (dette CAMPI) un numero variabile di righe (dette RECORD) Ciascuna colonna assume valori estratti da uno stesso dominio (insieme di valori) Il numero di colonne di una tabella si chiama grado, il numero di righe cardinalità 17

18 Schema di una Tabella E' la descrizione della struttura della Tabella. Consiste del nome della Tabella e dell elenco dei campi che la caratterizzano. La forma è la seguente: Nome tabella (campo1, campo2,.., campo n) 18

19 Esempio - La tabella Dipendente Esempio: Dipendente (codice fiscale, cognome, nome, indirizzo, telefono) Esempio campi record Codice fiscale Cognome Nome Indirizzo Telefono CFFLAN Cioffi Lamberto Via Veneto RSSGDU Rossi Guido Via Marini RNZMCI Renzi Michele Via Monza DNTFRA Donati Franco Via Bellini MNNCRI Manna Ciro Via Verdi BNCMRA Bianchi Mario Via Roma

20 Istanza di una Tabella Insieme dei record presenti nella tabella in un certo istante. Nella definizione formale del modello relazionale è richiesto che i record siano tutti distinti. Due record sono distinti, se hanno almeno un campo con valore differente. 20

21 Restrizione di un Record La restrizione di un Record sui campi A della tabella R (indicata con t[a]), è data dalla lista dei valori assunti da t sui campi A Esempio Considerato il record t=(bncmra, Bianchi, Mario, v. Roma 24, 081/ ) Allora una possibile restrizione è: t[codice fiscale, Nome]=(BNCMRA, Mario) 21

22 Chiave di una Tabella E un sottoinsieme K dei campi del record, che soddisfa le proprietà di: Unicità (in qualunque istanza di R, non possono esistere due record distinti la cui restrizione su K sia uguale) Minimalità (non è possibile rimuovere un campo da K, senza violare la condizione di unicità) In generale una Tabella può avere più di una chiave, in questo caso si parla di chiavi candidate. 22

23 Chiave di una Tabella Esempio Codice fiscale Cognome Nome Indirizzo Telefono BNCMRA Bianchi Mario Via Roma / Codice fiscale è una chiave Nome non è una chiave (Nome, Indirizzo) non è una chiave (Codice fiscale, Nome) non è una chiave Telefono è una chiave? 23

24 Chiave primaria Tra le possibili chiavi candidate, quella usata più frequentemente per accedere ai dati prende il nome di chiave primaria Le restanti chiavi vengono dette secondarie In genere si indica sottolineando i campi che la costituiscono: Esempio: Dipendente (codice fiscale, cognome, nome, indirizzo, telefono) Indica il campo o i campi chiave 24

25 Un esempio di Progettazione: Il database Scuola Prendiamo in esame l ambiente scolastico. L idea è quella di progettare e realizzare un Database che ci permetta di conservare tutte (o almeno quelle di nostro interesse) le informazioni che riguardano gli aspetti didattici di una scuola. Il primo passo da svolgere è quello di analizzare l ambiente scuola e individuare le entità che vi operano. 25

26 Esempio: Il database Scuola (2) Dall analisi rileviamo le seguenti entità: Alunno Docente Classe Materia Assenza 26

27 Esempio: Il database Scuola (3) Per ciascuna di esse decidiamo di memorizzare le seguenti informazioni: Alunno Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Docente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Classe Anno, Sezione, Num_alunni Materia Descrizione, Indirizzo Assenza Data 27

28 Esempio: Il database Scuola (4) Esaminiamo ora le associazioni che esistono tra le entità individuate: Insegna_materia E l associazione che lega le entità Docente e Materia con una cardinalità del tipo molti-a-molti, cioè ad un docente corrispondono più materie insegnate e ad una materia corrispondono più docenti che la insegnano. Insegna_nella_classe E l associazione che lega le entità Docente e Classe con una cardinalità del tipo molti-a-molti. Compie E l associazione che lega le entità Alunno e Assenza con una cardinalità del tipo uno-a-molti. Frequenta E l associazione che lega le entità Classe e Alunno con una cardinalità del tipo uno-a-molti. 28

29 Esempio: Il database Scuola (5) E possibile mostrare il risultato della nostra analisi mediante una rappresentazione grafica chiamata Modello Entità-Associazione (in inglese Entity-Relationship ovvero Modello E-R) ALUNNO N 1 N Compie ASSENZA DOCENTE Frequenta N N 1 N Insegna nella classe Insegna materia N CLASSE MATERIA 29

30 Esempio: Il database Scuola (6) Vediamo come si ricava la struttura delle Tabelle dal modello E-R: Prima regola: Si crea una Tabella per ogni Entità con i campi specifici; Seconda regola: Per le associazioni uno-a-uno si include in una Tabella la chiave primaria dell altra o viceversa; Terza regola: Per le associazioni uno-a-molti si include nella Tabella coinvolta con cardinalità molti la chiave primaria dell altra; Quarta regola: Per le associazioni molti-a-molti si crea una nuova Tabella col nome dell associazione inserendo come campi le chiavi primarie di entrambe le Tabelle coinvolte; 30

31 Esempio: Il database Scuola (7) Applicando le 4 regole di derivazione al nostro modello E-R otteniamo le seguenti Tabelle per il nostro Database: Alunno Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Anno, Sezione Docente Classe Materia Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Anno, Sezione, Num_alunni Descrizione, Indirizzo Assenza Data, Cod_fisc_alunno Insegna_nella_classe Cod_fisc_docente, Anno, Sezione Insegna_materia Cod_fisc_docente, Descrizione, Indirizzo 31

32 Esempio: Il database Scuola (8) Avendo ottenuto la struttura definitiva delle tabelle del nostro Database Scuola, possiamo procedere con le seguenti fasi: 1. Creare un nuovo Database di nome Scuola con Access; 2. Creare le nuove Tabelle con le relative strutture del record ottenute dalla fase di progettazione; 3. Creare le relazioni/associazioni tra le tabelle create; 4. Inserire i dati iniziali nel Database Scuola; 5. Creare le maschere per l inserimento dati nel Database; 6. Creare le query per le interrogazioni/operazioni da svolgere sul Database; 7. Creare i report per l estrazione dei dati e la visualizzazione su carta; 32

33 Esempio: Il database Scuola (9) E possibile procedere con la creazione di un Database Access composto dalle Tabelle appena viste. In questo modo abbiamo definito la struttura dei dati. Poi bisogna procedere stabilendo le associazioni tra le Tabelle. Premendo l apposito tasto Relazioni 33

34 Esempio: Il database Scuola (10) Dalla scheda Relazioni è possibile stabilire le Associazioni tra Tabelle. 34

35 Esempio: Il database Scuola (11) E importante notare che le Tabelle nate dalle associazioni molti-amolti, si trovano adesso correlate verso le Tabelle da cui derivano con una associazione del tipo molti-a-uno. Esempio: N N 1 1 Tabella nata dalla associazione molti-a-molti. 35

36 Un esempio di Progettazione: Il database Clinica Prendiamo in esame l ambiente costituito da una clinica e dai suoi pazienti. L idea è quella di progettare e realizzare un Database che ci permetta di conservare tutte le informazioni necessarie, che riguardano i soggetti coinvolti nel mondo di una clinica. Il primo passo da svolgere è quello di analizzare l ambiente della clinica al fine di individuare le entità che vi operano. 36

37 Esempio: Il database Clinica Dall analisi del mondo reale, rileviamo le seguenti entità: Paziente Esame Reparto Dirigente Medico 37

38 Esempio: Il database Clinica Per ciascuna entità decidiamo di memorizzare le seguenti informazioni: Paziente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Dirigente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Medico Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Reparto Codice reparto, Denominazione, Edificio, Piano Esame Codice esame, Tipo, Nome, Data, Valore 38

39 Esempio: Il database Clinica Esaminiamo ora le associazioni che esistono tra le entità individuate: Esegue E l associazione uno-a-molti che lega le entità Paziente ed Esame, dato che in pratica ad un paziente corrispondono uno o più esami svolti dallo stesso. Appartiene Dirige Lavora E l associazione uno-a-molti che lega le entità Reparto e Paziente, dato che ad un reparto è assegnato uno o più pazienti. E l associazione uno-a-uno che lega le entità Dirigente e Reparto, dato che ciascun reparto ha un solo dirigente e viceversa. E l associazione molti-a-molti che lega le entità Medico e Reparto, dato che un medico può lavorare in uno o più reparti ed in un reparto possono lavorare uno o più medici. 39

40 Esempio: Il database Clinica E possibile mostrare il risultato della nostra analisi mediante una rappresentazione grafica chiamata Modello Entità-Relazione. 40

41 Regole di derivazione Vediamo le regole da applicare per ottenere la struttura definitiva delle Tabelle partendo dal modello E-R: Prima regola: Si crea una Tabella per ogni Entità con i campi specifici; Seconda regola: Per le associazioni uno-a-uno si include in una Tabella la chiave primaria dell altra o viceversa; Terza regola: Per le associazioni uno-a-molti si include nella Tabella coinvolta con cardinalità molti la chiave primaria dell altra; Quarta regola: Per le associazioni molti-a-molti si crea una nuova Tabella col nome dell associazione inserendo come campi le chiavi primarie di entrambe le Tabelle coinvolte; 41

42 Esempio: Il database Clinica Dall applicazione delle regole di progettazione otteniamo le seguenti tabelle per il Database Clinica: Paziente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Codice reparto Dirigente Medico Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Codice reparto Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Reparto Esame Lavora Codice reparto, Denominazione, Edificio, Piano Codice esame, Tipo, Nome, Data, Valore, Codice fiscale Codice fiscale medico, Codice reparto 42

43 Esempio: Il database Clinica Avendo ottenuto la struttura definitiva delle tabelle del nostro Database Clinica, possiamo procedere con le seguenti fasi: 1. Creare un nuovo Database Clinica con Access; 2. Creare le nuove Tabelle con le relative strutture del record ottenute dalla fase di progettazione; 3. Creare le relazioni/associazioni tra le tabelle create; 4. Inserire i dati iniziali nel Database Clinica; 5. Creare le maschere per l inserimento dati nel Database; 6. Creare le query per le interrogazioni/operazioni da svolgere sul Database; 7. Creare i report per l estrazione dei dati e la visualizzazione su carta; 43

44 La Normalizzazione La normalizzazione è quel procedimento volto a minimizzare la ridondanza dei dati e quindi a prevenire le possibili anomalie legate alla loro memorizzazione. Il processo di normalizzazione si fonda sulla applicazione delle regole stabilite dalle varie forme normali. 44

45 Dipendenza funzionale Consideriamo il seguente esempio di dipendenza funzionale: A B La scrittura sopra significa che un valore per l insieme di attributi A determina un singolo valore per l insieme di attributi B. Si dice A determina B o anche che B dipende funzionalmente da A Per esempio, possiamo prendere in considerazione la tabella Giacenza: GIACENZA Prodotto Magazzino Quantità T-Shirt Palermo 18 Polo Messina 26 Nella tabella Giacenza, abbiamo che la chiave, costitutita dall insieme di attributi { Prodotto, Magazzino }, determina funzionalmente l attributo Quantità. Per indicare ciò si usa la scrittura: { Prodotto, Magazzino } Quantità 45

46 1NF Prima forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 1NF (prima forma normale) se: Tutte le righe della tabella contengono lo stesso numero di colonne; I campi (attributi) rappresentano informazioni elementari (atomiche); I valori che compaiono in una colonna sono dello stesso tipo, cioè appartengono allo stesso dominio; Ogni riga è diversa da tutte le altre, cioè non ci possono essere due righe con gli stessi valori nelle colonne; 46

47 Esempio di violazione della 1NF Nell esempio seguente, abbiamo la tabella Dipendente che viola la 1NF, perché pur esistendo una chiave primaria Matricola, l'attributo Familiari_a_carico non è atomico. DIPENDENTE Matricola Nome Indirizzo Familiari_a_carico M001 Mario Via Roma 101 Anna, Lino, Stella M002 Carlo Via Milano 89 Elena, Franco M003 Luigi Via Firenze 51 Maria, Roberta 47

48 Soluzione alla violazione della 1NF In questo caso, è necessario ristrutturare la tabella e suddividerla in due tabelle come segue: FAMILIARE DIPENDENTE Matricola Nome Indirizzo M001 Mario Via Roma 10 M002 Carlo Via Lazio 89 M003 Luigi Via Fani 51 Codice familiare Nome Matricola F001 Anna M001 F002 Lino M001 F003 Stella M001 F004 Elena M002 F005 Franco M002 F006 Maria M003 F007 Roberta M003 Si vede chiaramente che tra le due tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti, in quanto per ogni record presente nella tabella Dipendente, vi sono tanti record nella tabella Familiari per quanti sono i familiari a carico. Il campo Matricola della tabella Familiari prende il nome di chiave esterna verso la tabella Dipendente, in quanto permette di sapere, partendo da un certo familiare, chi sia il dipendente che lo tiene a carico. 48

49 2NF Seconda forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 2NF (seconda forma normale) se: E in prima forma normale; Tutti i suoi attributi non chiave dipendono dall intera chiave, cioè non dipendono soltanto da una parte della chiave; 49

50 Esempio di violazione della 2NF La tabella Inventario definita dallo schema: Inventario (Prodotto, Magazzino, Quantità, Indirizzo_magazzino) Non è in seconda forma normale perché l attributo Indirizzo_magazzino dipende funzionalmente dall attributo Magazzino, che risulta essere solo una parte della chiave. INVENTARIO Prodotto Magazzino Quantità Indirizzo_magazzino Pantaloni Palermo 25 Via Roma 36 T-Shirt Trapani 42 Via Napoli 72 Polo Palermo 13 Via Roma 36 Camicie Trapani 30 Via Napoli 72 50

51 Soluzione alla violazione della 2NF Anche in questo caso, è necessario intervenire sulla Tabella suddividendola in due tabelle come segue: SEDE Magazzino Indirizzo_magazzino Palermo Via Roma 36 Trapani Via Napoli 72 INVENTARIO Prodotto Magazzino Quantità Pantaloni Palermo 25 T-Shirt Trapani 42 Polo Palermo 13 Camicie Trapani 30 Si vede chiaramente che tra le due tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti, in quanto per ogni record presente nella tabella Sede, vi sono tanti record nella tabella Inventario per quanti sono i prodotti presenti in quel magazzino. Il campo Magazzino della tabella Inventario rappresenta la chiave esterna verso la tabella Sede, in quanto permette di sapere, partendo da un certo prodotto, l indirizzo del magazzino in cui è depositato. 51

52 3NF Terza forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 3NF (terza forma normale) se: E in seconda forma normale; Tutti gli attributi non-chiave dipendono direttamente dalla chiave, cioè non vi sono attributi non-chiave che dipendono da altri attributi non-chiave; 52

53 Esempio di violazione della 3NF Consideriamo per esempio, l anagrafica di una associazione di studenti appartenenti a diverse scuole. La tabella potrebbe essere strutturata nel modo seguente: Studenti (Nome, Scuola, Telefono_scuola) Non è in terza forma normale, perché c è un attributo non-chiave (Telefono_scuola) che dipende da un altro attributo non-chiave (Scuola). STUDENTI Nome Scuola Telefono_scuola Rossi ITC Levi Bianchi ITIS Barsanti Verdi ITC Levi Lanza ITIS Fermi Giorgi ITIS Barsanti

54 Soluzione alla violazione della 3NF Ancora una volta, procediamo scomponendo la tabella Studenti in due tabelle come segue: STUDENTI Nome Rossi Bianchi Verdi Lanza Giorgi Scuola ITC Levi ITIS Barsanti ITC Levi ITIS Fermi ITIS Barsanti ISTITUTI Scuola Telefono_scuola ITC Levi ITIS Barsanti ITIS Fermi In questo caso tra le tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti da Istituti verso Studenti, in quanto per ogni record presente nella tabella Istituti, vi sono tanti record nella tabella Studenti per quanti sono gli di quella scuola che fanno parte dell associazione. Il campo Scuola della tabella Studenti rappresenta la chiave esterna verso la tabella Istituti, in quanto permette di sapere, partendo da un certo studente, il telefono della scuola cui appartiene. 54

55 Conseguenze della Normalizzazione Attraverso l applicazione delle regole corrispondenti alle tre forme normali esaminate, abbiamo la garanzia di: 1. Evitare problemi di ridondanza e inconsistenza dei dati 2. Le tabelle generate dalla scomposizione, contengono le stesse informazioni di partenza e mantengono le dipendenze tra gli attributi 55

56 I DataBase in Access Un Database in Access risulta composto da un unico file su disco con estensione:.mdb (Microsoft DataBase per Access 2003).ACCDB (Access Database per Access 2007) Un Database Access è composto da diversi oggetti: tabelle query maschere report macro moduli Tanti oggetti messi in relazione tra loro costituiscono il Database. 56

57 Le Tabelle in Access Una tabella in Access rappresenta una relazione nel modello teorico Relazionale. Una tabella è caratterizzata dalla struttura, cioè dal nome è dal tipo dei campi che compongono il record. I campi corrispondono agli attributi, mentre i record alle tuple. I nomi attributo e tupla sono utilizzati solo nella teoria dei database relazionali e non nell utilizzo pratico di un DBMS tipo Access. Una tabella in Access è un insieme di record. Un record è un insieme di campi. 57

58 Le Tabelle in Access Per creare una Tabella in Access è possibile utilizzare diverse modalità. Quella più usata è Crea una Tabella in visualizzazione struttura. 58

59 Le Tabelle in Access Utilizzando questa modalità è possibile specificare il formato del record. Specificare il formato del record significa fissare i nomi dei campi ed il tipo di dato che possono contenere. 59

60 Le Tabelle in Access Una volta creata la tabella in modalità visualizzazione struttura, è possibile inserire i dati al suo interno. Nel caso della tabella prodotti l aspetto sarà il seguente: 60

61 Le Query in Access Una query di Access può rappresentare: un comando (apporta modifiche al Database); una vista (non modifica il Database); Query che non modificano il Database: Query di Selezione; Query che modificano il Database: Query di Creazione Tabella; Query di Aggiornamento; Query di Accodamento; Query di Eliminazione; 61

62 Le Query in Access Anche per la creazione di una Query è possibile utilizzare diverse modalità. Quella più usata è Crea una Query in visualizzazione struttura. 62

63 Le Query di Creazione Tabella Le query di creazione tabella consentono di creare una nuova tabella con i record estratti da altre tabelle. La nuova tabella creata può essere aggiunta allo stesso oppure ad un altro Database. Per creare una query di creazione tabella bisogna scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura. 63

64 Le Query di Aggiornamento Tabella Le query di aggiornamento tabella consentono di effettuare automaticamente l aggiornamento dei valori di uno o più campi della tabella. Formula di aggiornamento Per creare una query di aggiornamento tabella bisogna scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nel campo Aggiorna a la variazione da apportare al campo da aggiornare. 64

65 Le Query di Accodamento Le query di accodamento consentono di effettuare un accodamento automatico dei record prelevati da un altra tabella. Campo in cui accodare Per creare una query di accodamento, basta scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nei campi Accoda a, i campi ai quali devono essere accodati quelli risultanti dal prelievo. 65

66 Le Query di Eliminazione Le query di eliminazione consentono di rimuovere automaticamente da una tabella tutti i record che rispondono ad un determinato criterio. Criterio di selezione Per creare una query di eliminazione, basta scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nei campi Criteri, i valori che devono avere i campi dei record da eliminare. 66

67 Le Query di Selezione Le query di selezione, a differenza delle precedenti, non apportano modifiche al database, ma servono solo per effettuare ricerche sui dati sulla base di criteri specificati. Criterio di selezione Per creare una query di eliminazione, basta andare in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, dato che per default Access crea query di selezione. Poi bisogna specificare nei campi Criteri, i valori che devono avere i campi dei record da estrarre e visualizzare. 67

68 Le Maschere in Access Per facilitare il lavoro dell utente finale nella gestione dei dati di un Database è possibile realizzare maschere per l aggiornamento dei dati. Le maschere offrono un metodo di rappresentazione che semplifica la leggibilità dei dati contenuti nelle tabelle. Le maschere servono quindi a creare una interfaccia amichevole nella gestione dei dati per l utente del database. 68

69 Le Maschere in Access La modalità più semplice per creare una maschere è attraverso la Creazione guidata. In questo modo è possibile attraverso poche domande, creare velocemente la maschera desiderata. 69

70 Le Maschere in Access Durante la creazione guidata maschere, verrà chiesto quali tabelle e quali campi far visualizzare nella maschera. Inoltre è possibile specificare il tipo di layout della maschera, oltre che uno stile di colori e caratteri tra diversi modelli predefiniti. Esempio di maschera E importante notare che oltre a visualizzare i campi, la maschera permette anche di modificarli. 70

71 Le Maschere in Access Una volta creata una maschera con la creazione guidata, è possibile modificarne la struttura. Basta cliccare col tasto destro del mouse sul nome della maschera e scegliere dal menù l opzione visualizza struttura. Comparirà una schermata tipo quella in figura, attraverso la quale potrete apportare tutte le modifiche desiderate. Modifica struttra maschera Qui a fianco c è la casella degli strumenti utilizzabili per creare ogni tipo di maschera a seconda delle esigenze. 71

72 I Report in Access Molto spesso per presentare i dati su stampa è opportuno ricorrere all utilizzo di un Report, in pratica un tabulato. La riproduzione su carta delle tabelle risulta troppo rigida e scarsamente leggibile all utente finale. I report risultano più adeguati alla necessità di presentare, in modo ordinato ed elegante, i dati estratti dal database sia su schermo che su carta. 72

73 I Report in Access Anche per la creazione dei Report è possibile usufruire della funzione Creazione Guidata Report, che ci semplifica notevolmente il lavoro. Come nel caso delle maschere, anche stavolta basterà rispondere ad alcune domande, per avere subito pronto il nostro report personalizzato. 73

74 I Report in Access Durante la creazione guidata report, viene chiesto quali tabelle e quali campi far visualizzare nel report. E possibile inoltre, specificare la struttura del report, l ordinamento su uno o più campi, lo stile ed altre opzioni. Esempio di report Il report presenta i dati estratti dal Database in un formato chiaro ed elegante. 74

75 I Report in Access Una volta creato un report con la creazione guidata, è possibile modificarne la struttura. Basta cliccare col tasto destro del mouse sul nome del report e scegliere dal menù l opzione visualizza struttura, comparirà una schermata come quella in figura, attraverso la quale possiamo apportare tutte le modifiche desiderate alla struttura del report. 75

76 Conclusioni In conclusione possiamo dire che è possibile approfondire i contenuti esposti nella seguente unità didattica consultando i testi riportati nella bibliografia. 76

77 Bibliografia 1. Le Basi di Dati e Il linguaggio SQL A. Lorenzi, D. Rossi Editore Atlas 2. Database Systems Elmasri, Navathe Editore Addison-Wesley 77

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO QUICK GUIDE ESAMI DI STATO Le operazioni da eseguire sono semplici e lineari, ma è opportuno ricordarne la corretta sequenza nella quale vanno eseguite. Flusso delle operazioni da eseguire: 1. Inserimento

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria:

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria: Statistiche e Query partire dalla versione 63_01_006 LabPro ver 5.0 si è arricchito di 2 nuove funzionalità rispettivamente di estrazioni flessibili personalizzabili dei dati storicizzati nel database

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli