Introduzione ai Database e a Microsoft Access

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione ai Database e a Microsoft Access"

Transcript

1 Introduzione ai Database e a Microsoft Access 1

2 Il Sistema Informativo aziendale Un Sistema Informativo aziendale è costituito: dall'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un'azienda durante l'esecuzione dei processi aziendali; dalle modalità in cui esse sono gestite e dalle risorse, sia umane, sia tecnologiche, coinvolte Il sistema informativo può sfruttare i vantaggi offerti dal Sistema Informatico 2

3 Il Sistema Informatico aziendale Il Sistema Informatico aziendale rappresenta: quella porzione del sistema informativo che fa uso di tecnologie informatiche e automazione considerata la mole di dati aziendali che bisogna archiviare e gestire, il sistema informatico utilizza software specifici per la gestione di Database, cioè DBMS 3

4 La progettazione del Database La progettazione del database aziendale (database design) è il processo decisionale su come organizzare i dati in record e su come ciascun tipo di record si relaziona con gli altri (informazioni correlate). 4

5 Uso di DBMS nel Sistema Informativo Il DBMS dovrebbe rispecchiare la struttura dei dati dell'organizzazione e gestire in maniera efficiente le varie transazioni. Quando si usa un DBMS i sistemi informativi possono essere adeguati molto facilmente al cambiamento delle richieste informative dell'organizzazione. Possono essere aggiunte al database nuove categorie di dati senza dover stravolgere il sistema esistente. 5

6 Che cos è un DBMS Un DBMS, cioè Data Base Management System è un programma per la gestione di Database, quindi: Database = Insieme dei dati e metadati; DBMS = Software per la gestione del Database; Il pacchetto software Microsoft Access è un DBMS, quindi permette di creare e gestire Database. 6

7 Esempi di DBMS Ecco alcuni esempi di DBMS: Access (della Microsoft); SQL Server (della Microsoft); Oracle (della Oracle Corporation); Informix (della IBM); Mysql (è un prodotto Open Source); DB2 (della IBM); 7

8 Prima dell arrivo dei DBMS Venivano utilizzate Applicazioni diverse per gestire i vari File System. 8

9 Problemi degli archivi separati La gestione software degli archivi separati porta ad una serie di problemi, quali: 1. Inconsistenza e ridondanza dei dati Vi possono essere differenze tra i valori relativi ad una stessa entità ma riportati in archivi diversi. La duplicazione di dati crea spreco di memoria 2. Riservatezza dei dati Non vi è garanzia che ai dati abbiano accesso esclusivamente le persone autorizzate, ciascuno per le proprie competenze. I file sono a disposizione di tutti che possono quindi appropriarsi di informazioni riservate. 9

10 Problemi degli archivi separati 3. Integrità dei dati L'integrità dei dati viene assicurata dai vincoli di consistenza Ad esempio un campo non può assumere valore negativo. Con archivi separati, l'integrità dei dati viene affidata a programmi applicativi (soggetti ad errori) 4. Concorrenza Gestire gli accessi contemporanei alla stessa informazione. 10

11 Con l arrivo dei DBMS Abbiamo diverse applicazioni che attraverso il DBMS agiscono sullo stesso Database. 11

12 Vantaggi dell utilizzo di un DBMS 1. La duplicazione dei dati è ridotta al minimo indispensabile 2. L'accesso ai dati avviene in base a privilegi fissati dal DBMS (garanzia di sicurezza e riservatezza) 3. I vincoli di consistenza possono essere fissati all'interno del DBMS 4. L'accesso concorrente ai dati è controllato dal DBMS che gestisce la mutua esclusione dei programmi 12

13 1. Gerarchico I Modelli logici di Dati Basato sugli alberi 2. Reticolare Basato sui grafi 3. Relazionale Basato sugli insiemi, dati strutturati in tabelle 4. Ad oggetti Basato sulle proprietà degli oggetti 13

14 Linguaggi di gestione/manipolazione Dati DDL (Data Definition Language) Per definire lo schema della base di dati Le definizioni dello schema costituiscono il 'Dizionario dei dati' DML (Data Manipulation Language) Per inserire, cancellare, modificare i dati Per effettuare query 14

15 I Linguaggi per la gestione dei Dati SQL (Structured Query Language) Si pronuncia SEQUEL E un linguaggio che racchiude sia le funzionalità proprie di un DDL, sia quelle di un DML. E diventato uno standard tra i linguaggi utilizzati dai DBMS (basati sul modello relazionale) per interagire con i Database. Oltre alle funzionalità dei DDL e DML, SQL racchiude anche quelle di Data Control Language (DCL) grazie alle quali è possibile stabilire chi sono gli utenti del Database e quali permessi hanno relativamente alla gestione dei dati. 15

16 Il Modello Relazionale Il modello relazionale fu introdotto da Codd (1970) e si basa su una semplice ed uniforme struttura dati chiamata relazione, ed ha una solida base teorica La relazione del modello relazionale NON è la relazione degli schemi E/R Si introduce tale modello in quanto la maggior parte dei DBMS sono relazionali (tipo Oracle, Access, MySQL) 16

17 Il Modello Relazionale Una base di dati relazionale è un insieme di tabelle associate tra loro Una relazione è una tabella costituita da: un numero fisso di colonne (dette CAMPI) un numero variabile di righe (dette RECORD) Ciascuna colonna assume valori estratti da uno stesso dominio (insieme di valori) Il numero di colonne di una tabella si chiama grado, il numero di righe cardinalità 17

18 Schema di una Tabella E' la descrizione della struttura della Tabella. Consiste del nome della Tabella e dell elenco dei campi che la caratterizzano. La forma è la seguente: Nome tabella (campo1, campo2,.., campo n) 18

19 Esempio - La tabella Dipendente Esempio: Dipendente (codice fiscale, cognome, nome, indirizzo, telefono) Esempio campi record Codice fiscale Cognome Nome Indirizzo Telefono CFFLAN Cioffi Lamberto Via Veneto RSSGDU Rossi Guido Via Marini RNZMCI Renzi Michele Via Monza DNTFRA Donati Franco Via Bellini MNNCRI Manna Ciro Via Verdi BNCMRA Bianchi Mario Via Roma

20 Istanza di una Tabella Insieme dei record presenti nella tabella in un certo istante. Nella definizione formale del modello relazionale è richiesto che i record siano tutti distinti. Due record sono distinti, se hanno almeno un campo con valore differente. 20

21 Restrizione di un Record La restrizione di un Record sui campi A della tabella R (indicata con t[a]), è data dalla lista dei valori assunti da t sui campi A Esempio Considerato il record t=(bncmra, Bianchi, Mario, v. Roma 24, 081/ ) Allora una possibile restrizione è: t[codice fiscale, Nome]=(BNCMRA, Mario) 21

22 Chiave di una Tabella E un sottoinsieme K dei campi del record, che soddisfa le proprietà di: Unicità (in qualunque istanza di R, non possono esistere due record distinti la cui restrizione su K sia uguale) Minimalità (non è possibile rimuovere un campo da K, senza violare la condizione di unicità) In generale una Tabella può avere più di una chiave, in questo caso si parla di chiavi candidate. 22

23 Chiave di una Tabella Esempio Codice fiscale Cognome Nome Indirizzo Telefono BNCMRA Bianchi Mario Via Roma / Codice fiscale è una chiave Nome non è una chiave (Nome, Indirizzo) non è una chiave (Codice fiscale, Nome) non è una chiave Telefono è una chiave? 23

24 Chiave primaria Tra le possibili chiavi candidate, quella usata più frequentemente per accedere ai dati prende il nome di chiave primaria Le restanti chiavi vengono dette secondarie In genere si indica sottolineando i campi che la costituiscono: Esempio: Dipendente (codice fiscale, cognome, nome, indirizzo, telefono) Indica il campo o i campi chiave 24

25 Un esempio di Progettazione: Il database Scuola Prendiamo in esame l ambiente scolastico. L idea è quella di progettare e realizzare un Database che ci permetta di conservare tutte (o almeno quelle di nostro interesse) le informazioni che riguardano gli aspetti didattici di una scuola. Il primo passo da svolgere è quello di analizzare l ambiente scuola e individuare le entità che vi operano. 25

26 Esempio: Il database Scuola (2) Dall analisi rileviamo le seguenti entità: Alunno Docente Classe Materia Assenza 26

27 Esempio: Il database Scuola (3) Per ciascuna di esse decidiamo di memorizzare le seguenti informazioni: Alunno Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Docente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Classe Anno, Sezione, Num_alunni Materia Descrizione, Indirizzo Assenza Data 27

28 Esempio: Il database Scuola (4) Esaminiamo ora le associazioni che esistono tra le entità individuate: Insegna_materia E l associazione che lega le entità Docente e Materia con una cardinalità del tipo molti-a-molti, cioè ad un docente corrispondono più materie insegnate e ad una materia corrispondono più docenti che la insegnano. Insegna_nella_classe E l associazione che lega le entità Docente e Classe con una cardinalità del tipo molti-a-molti. Compie E l associazione che lega le entità Alunno e Assenza con una cardinalità del tipo uno-a-molti. Frequenta E l associazione che lega le entità Classe e Alunno con una cardinalità del tipo uno-a-molti. 28

29 Esempio: Il database Scuola (5) E possibile mostrare il risultato della nostra analisi mediante una rappresentazione grafica chiamata Modello Entità-Associazione (in inglese Entity-Relationship ovvero Modello E-R) ALUNNO N 1 N Compie ASSENZA DOCENTE Frequenta N N 1 N Insegna nella classe Insegna materia N CLASSE MATERIA 29

30 Esempio: Il database Scuola (6) Vediamo come si ricava la struttura delle Tabelle dal modello E-R: Prima regola: Si crea una Tabella per ogni Entità con i campi specifici; Seconda regola: Per le associazioni uno-a-uno si include in una Tabella la chiave primaria dell altra o viceversa; Terza regola: Per le associazioni uno-a-molti si include nella Tabella coinvolta con cardinalità molti la chiave primaria dell altra; Quarta regola: Per le associazioni molti-a-molti si crea una nuova Tabella col nome dell associazione inserendo come campi le chiavi primarie di entrambe le Tabelle coinvolte; 30

31 Esempio: Il database Scuola (7) Applicando le 4 regole di derivazione al nostro modello E-R otteniamo le seguenti Tabelle per il nostro Database: Alunno Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Anno, Sezione Docente Classe Materia Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Anno, Sezione, Num_alunni Descrizione, Indirizzo Assenza Data, Cod_fisc_alunno Insegna_nella_classe Cod_fisc_docente, Anno, Sezione Insegna_materia Cod_fisc_docente, Descrizione, Indirizzo 31

32 Esempio: Il database Scuola (8) Avendo ottenuto la struttura definitiva delle tabelle del nostro Database Scuola, possiamo procedere con le seguenti fasi: 1. Creare un nuovo Database di nome Scuola con Access; 2. Creare le nuove Tabelle con le relative strutture del record ottenute dalla fase di progettazione; 3. Creare le relazioni/associazioni tra le tabelle create; 4. Inserire i dati iniziali nel Database Scuola; 5. Creare le maschere per l inserimento dati nel Database; 6. Creare le query per le interrogazioni/operazioni da svolgere sul Database; 7. Creare i report per l estrazione dei dati e la visualizzazione su carta; 32

33 Esempio: Il database Scuola (9) E possibile procedere con la creazione di un Database Access composto dalle Tabelle appena viste. In questo modo abbiamo definito la struttura dei dati. Poi bisogna procedere stabilendo le associazioni tra le Tabelle. Premendo l apposito tasto Relazioni 33

34 Esempio: Il database Scuola (10) Dalla scheda Relazioni è possibile stabilire le Associazioni tra Tabelle. 34

35 Esempio: Il database Scuola (11) E importante notare che le Tabelle nate dalle associazioni molti-amolti, si trovano adesso correlate verso le Tabelle da cui derivano con una associazione del tipo molti-a-uno. Esempio: N N 1 1 Tabella nata dalla associazione molti-a-molti. 35

36 Un esempio di Progettazione: Il database Clinica Prendiamo in esame l ambiente costituito da una clinica e dai suoi pazienti. L idea è quella di progettare e realizzare un Database che ci permetta di conservare tutte le informazioni necessarie, che riguardano i soggetti coinvolti nel mondo di una clinica. Il primo passo da svolgere è quello di analizzare l ambiente della clinica al fine di individuare le entità che vi operano. 36

37 Esempio: Il database Clinica Dall analisi del mondo reale, rileviamo le seguenti entità: Paziente Esame Reparto Dirigente Medico 37

38 Esempio: Il database Clinica Per ciascuna entità decidiamo di memorizzare le seguenti informazioni: Paziente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Dirigente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Medico Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Reparto Codice reparto, Denominazione, Edificio, Piano Esame Codice esame, Tipo, Nome, Data, Valore 38

39 Esempio: Il database Clinica Esaminiamo ora le associazioni che esistono tra le entità individuate: Esegue E l associazione uno-a-molti che lega le entità Paziente ed Esame, dato che in pratica ad un paziente corrispondono uno o più esami svolti dallo stesso. Appartiene Dirige Lavora E l associazione uno-a-molti che lega le entità Reparto e Paziente, dato che ad un reparto è assegnato uno o più pazienti. E l associazione uno-a-uno che lega le entità Dirigente e Reparto, dato che ciascun reparto ha un solo dirigente e viceversa. E l associazione molti-a-molti che lega le entità Medico e Reparto, dato che un medico può lavorare in uno o più reparti ed in un reparto possono lavorare uno o più medici. 39

40 Esempio: Il database Clinica E possibile mostrare il risultato della nostra analisi mediante una rappresentazione grafica chiamata Modello Entità-Relazione. 40

41 Regole di derivazione Vediamo le regole da applicare per ottenere la struttura definitiva delle Tabelle partendo dal modello E-R: Prima regola: Si crea una Tabella per ogni Entità con i campi specifici; Seconda regola: Per le associazioni uno-a-uno si include in una Tabella la chiave primaria dell altra o viceversa; Terza regola: Per le associazioni uno-a-molti si include nella Tabella coinvolta con cardinalità molti la chiave primaria dell altra; Quarta regola: Per le associazioni molti-a-molti si crea una nuova Tabella col nome dell associazione inserendo come campi le chiavi primarie di entrambe le Tabelle coinvolte; 41

42 Esempio: Il database Clinica Dall applicazione delle regole di progettazione otteniamo le seguenti tabelle per il Database Clinica: Paziente Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Codice reparto Dirigente Medico Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono, Codice reparto Codice fiscale, Cognome, Nome, Indirizzo, Telefono Reparto Esame Lavora Codice reparto, Denominazione, Edificio, Piano Codice esame, Tipo, Nome, Data, Valore, Codice fiscale Codice fiscale medico, Codice reparto 42

43 Esempio: Il database Clinica Avendo ottenuto la struttura definitiva delle tabelle del nostro Database Clinica, possiamo procedere con le seguenti fasi: 1. Creare un nuovo Database Clinica con Access; 2. Creare le nuove Tabelle con le relative strutture del record ottenute dalla fase di progettazione; 3. Creare le relazioni/associazioni tra le tabelle create; 4. Inserire i dati iniziali nel Database Clinica; 5. Creare le maschere per l inserimento dati nel Database; 6. Creare le query per le interrogazioni/operazioni da svolgere sul Database; 7. Creare i report per l estrazione dei dati e la visualizzazione su carta; 43

44 La Normalizzazione La normalizzazione è quel procedimento volto a minimizzare la ridondanza dei dati e quindi a prevenire le possibili anomalie legate alla loro memorizzazione. Il processo di normalizzazione si fonda sulla applicazione delle regole stabilite dalle varie forme normali. 44

45 Dipendenza funzionale Consideriamo il seguente esempio di dipendenza funzionale: A B La scrittura sopra significa che un valore per l insieme di attributi A determina un singolo valore per l insieme di attributi B. Si dice A determina B o anche che B dipende funzionalmente da A Per esempio, possiamo prendere in considerazione la tabella Giacenza: GIACENZA Prodotto Magazzino Quantità T-Shirt Palermo 18 Polo Messina 26 Nella tabella Giacenza, abbiamo che la chiave, costitutita dall insieme di attributi { Prodotto, Magazzino }, determina funzionalmente l attributo Quantità. Per indicare ciò si usa la scrittura: { Prodotto, Magazzino } Quantità 45

46 1NF Prima forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 1NF (prima forma normale) se: Tutte le righe della tabella contengono lo stesso numero di colonne; I campi (attributi) rappresentano informazioni elementari (atomiche); I valori che compaiono in una colonna sono dello stesso tipo, cioè appartengono allo stesso dominio; Ogni riga è diversa da tutte le altre, cioè non ci possono essere due righe con gli stessi valori nelle colonne; 46

47 Esempio di violazione della 1NF Nell esempio seguente, abbiamo la tabella Dipendente che viola la 1NF, perché pur esistendo una chiave primaria Matricola, l'attributo Familiari_a_carico non è atomico. DIPENDENTE Matricola Nome Indirizzo Familiari_a_carico M001 Mario Via Roma 101 Anna, Lino, Stella M002 Carlo Via Milano 89 Elena, Franco M003 Luigi Via Firenze 51 Maria, Roberta 47

48 Soluzione alla violazione della 1NF In questo caso, è necessario ristrutturare la tabella e suddividerla in due tabelle come segue: FAMILIARE DIPENDENTE Matricola Nome Indirizzo M001 Mario Via Roma 10 M002 Carlo Via Lazio 89 M003 Luigi Via Fani 51 Codice familiare Nome Matricola F001 Anna M001 F002 Lino M001 F003 Stella M001 F004 Elena M002 F005 Franco M002 F006 Maria M003 F007 Roberta M003 Si vede chiaramente che tra le due tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti, in quanto per ogni record presente nella tabella Dipendente, vi sono tanti record nella tabella Familiari per quanti sono i familiari a carico. Il campo Matricola della tabella Familiari prende il nome di chiave esterna verso la tabella Dipendente, in quanto permette di sapere, partendo da un certo familiare, chi sia il dipendente che lo tiene a carico. 48

49 2NF Seconda forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 2NF (seconda forma normale) se: E in prima forma normale; Tutti i suoi attributi non chiave dipendono dall intera chiave, cioè non dipendono soltanto da una parte della chiave; 49

50 Esempio di violazione della 2NF La tabella Inventario definita dallo schema: Inventario (Prodotto, Magazzino, Quantità, Indirizzo_magazzino) Non è in seconda forma normale perché l attributo Indirizzo_magazzino dipende funzionalmente dall attributo Magazzino, che risulta essere solo una parte della chiave. INVENTARIO Prodotto Magazzino Quantità Indirizzo_magazzino Pantaloni Palermo 25 Via Roma 36 T-Shirt Trapani 42 Via Napoli 72 Polo Palermo 13 Via Roma 36 Camicie Trapani 30 Via Napoli 72 50

51 Soluzione alla violazione della 2NF Anche in questo caso, è necessario intervenire sulla Tabella suddividendola in due tabelle come segue: SEDE Magazzino Indirizzo_magazzino Palermo Via Roma 36 Trapani Via Napoli 72 INVENTARIO Prodotto Magazzino Quantità Pantaloni Palermo 25 T-Shirt Trapani 42 Polo Palermo 13 Camicie Trapani 30 Si vede chiaramente che tra le due tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti, in quanto per ogni record presente nella tabella Sede, vi sono tanti record nella tabella Inventario per quanti sono i prodotti presenti in quel magazzino. Il campo Magazzino della tabella Inventario rappresenta la chiave esterna verso la tabella Sede, in quanto permette di sapere, partendo da un certo prodotto, l indirizzo del magazzino in cui è depositato. 51

52 3NF Terza forma normale Si dice che una Tabella (relazione) è in 3NF (terza forma normale) se: E in seconda forma normale; Tutti gli attributi non-chiave dipendono direttamente dalla chiave, cioè non vi sono attributi non-chiave che dipendono da altri attributi non-chiave; 52

53 Esempio di violazione della 3NF Consideriamo per esempio, l anagrafica di una associazione di studenti appartenenti a diverse scuole. La tabella potrebbe essere strutturata nel modo seguente: Studenti (Nome, Scuola, Telefono_scuola) Non è in terza forma normale, perché c è un attributo non-chiave (Telefono_scuola) che dipende da un altro attributo non-chiave (Scuola). STUDENTI Nome Scuola Telefono_scuola Rossi ITC Levi Bianchi ITIS Barsanti Verdi ITC Levi Lanza ITIS Fermi Giorgi ITIS Barsanti

54 Soluzione alla violazione della 3NF Ancora una volta, procediamo scomponendo la tabella Studenti in due tabelle come segue: STUDENTI Nome Rossi Bianchi Verdi Lanza Giorgi Scuola ITC Levi ITIS Barsanti ITC Levi ITIS Fermi ITIS Barsanti ISTITUTI Scuola Telefono_scuola ITC Levi ITIS Barsanti ITIS Fermi In questo caso tra le tabelle nate dalla scomposizione, esiste una associazione uno-a-molti da Istituti verso Studenti, in quanto per ogni record presente nella tabella Istituti, vi sono tanti record nella tabella Studenti per quanti sono gli di quella scuola che fanno parte dell associazione. Il campo Scuola della tabella Studenti rappresenta la chiave esterna verso la tabella Istituti, in quanto permette di sapere, partendo da un certo studente, il telefono della scuola cui appartiene. 54

55 Conseguenze della Normalizzazione Attraverso l applicazione delle regole corrispondenti alle tre forme normali esaminate, abbiamo la garanzia di: 1. Evitare problemi di ridondanza e inconsistenza dei dati 2. Le tabelle generate dalla scomposizione, contengono le stesse informazioni di partenza e mantengono le dipendenze tra gli attributi 55

56 I DataBase in Access Un Database in Access risulta composto da un unico file su disco con estensione:.mdb (Microsoft DataBase per Access 2003).ACCDB (Access Database per Access 2007) Un Database Access è composto da diversi oggetti: tabelle query maschere report macro moduli Tanti oggetti messi in relazione tra loro costituiscono il Database. 56

57 Le Tabelle in Access Una tabella in Access rappresenta una relazione nel modello teorico Relazionale. Una tabella è caratterizzata dalla struttura, cioè dal nome è dal tipo dei campi che compongono il record. I campi corrispondono agli attributi, mentre i record alle tuple. I nomi attributo e tupla sono utilizzati solo nella teoria dei database relazionali e non nell utilizzo pratico di un DBMS tipo Access. Una tabella in Access è un insieme di record. Un record è un insieme di campi. 57

58 Le Tabelle in Access Per creare una Tabella in Access è possibile utilizzare diverse modalità. Quella più usata è Crea una Tabella in visualizzazione struttura. 58

59 Le Tabelle in Access Utilizzando questa modalità è possibile specificare il formato del record. Specificare il formato del record significa fissare i nomi dei campi ed il tipo di dato che possono contenere. 59

60 Le Tabelle in Access Una volta creata la tabella in modalità visualizzazione struttura, è possibile inserire i dati al suo interno. Nel caso della tabella prodotti l aspetto sarà il seguente: 60

61 Le Query in Access Una query di Access può rappresentare: un comando (apporta modifiche al Database); una vista (non modifica il Database); Query che non modificano il Database: Query di Selezione; Query che modificano il Database: Query di Creazione Tabella; Query di Aggiornamento; Query di Accodamento; Query di Eliminazione; 61

62 Le Query in Access Anche per la creazione di una Query è possibile utilizzare diverse modalità. Quella più usata è Crea una Query in visualizzazione struttura. 62

63 Le Query di Creazione Tabella Le query di creazione tabella consentono di creare una nuova tabella con i record estratti da altre tabelle. La nuova tabella creata può essere aggiunta allo stesso oppure ad un altro Database. Per creare una query di creazione tabella bisogna scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura. 63

64 Le Query di Aggiornamento Tabella Le query di aggiornamento tabella consentono di effettuare automaticamente l aggiornamento dei valori di uno o più campi della tabella. Formula di aggiornamento Per creare una query di aggiornamento tabella bisogna scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nel campo Aggiorna a la variazione da apportare al campo da aggiornare. 64

65 Le Query di Accodamento Le query di accodamento consentono di effettuare un accodamento automatico dei record prelevati da un altra tabella. Campo in cui accodare Per creare una query di accodamento, basta scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nei campi Accoda a, i campi ai quali devono essere accodati quelli risultanti dal prelievo. 65

66 Le Query di Eliminazione Le query di eliminazione consentono di rimuovere automaticamente da una tabella tutti i record che rispondono ad un determinato criterio. Criterio di selezione Per creare una query di eliminazione, basta scegliere tale opzione dal menù Query quando si è in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, inoltre bisogna specificare nei campi Criteri, i valori che devono avere i campi dei record da eliminare. 66

67 Le Query di Selezione Le query di selezione, a differenza delle precedenti, non apportano modifiche al database, ma servono solo per effettuare ricerche sui dati sulla base di criteri specificati. Criterio di selezione Per creare una query di eliminazione, basta andare in modalità Crea Query in Visualizzazione Struttura, dato che per default Access crea query di selezione. Poi bisogna specificare nei campi Criteri, i valori che devono avere i campi dei record da estrarre e visualizzare. 67

68 Le Maschere in Access Per facilitare il lavoro dell utente finale nella gestione dei dati di un Database è possibile realizzare maschere per l aggiornamento dei dati. Le maschere offrono un metodo di rappresentazione che semplifica la leggibilità dei dati contenuti nelle tabelle. Le maschere servono quindi a creare una interfaccia amichevole nella gestione dei dati per l utente del database. 68

69 Le Maschere in Access La modalità più semplice per creare una maschere è attraverso la Creazione guidata. In questo modo è possibile attraverso poche domande, creare velocemente la maschera desiderata. 69

70 Le Maschere in Access Durante la creazione guidata maschere, verrà chiesto quali tabelle e quali campi far visualizzare nella maschera. Inoltre è possibile specificare il tipo di layout della maschera, oltre che uno stile di colori e caratteri tra diversi modelli predefiniti. Esempio di maschera E importante notare che oltre a visualizzare i campi, la maschera permette anche di modificarli. 70

71 Le Maschere in Access Una volta creata una maschera con la creazione guidata, è possibile modificarne la struttura. Basta cliccare col tasto destro del mouse sul nome della maschera e scegliere dal menù l opzione visualizza struttura. Comparirà una schermata tipo quella in figura, attraverso la quale potrete apportare tutte le modifiche desiderate. Modifica struttra maschera Qui a fianco c è la casella degli strumenti utilizzabili per creare ogni tipo di maschera a seconda delle esigenze. 71

72 I Report in Access Molto spesso per presentare i dati su stampa è opportuno ricorrere all utilizzo di un Report, in pratica un tabulato. La riproduzione su carta delle tabelle risulta troppo rigida e scarsamente leggibile all utente finale. I report risultano più adeguati alla necessità di presentare, in modo ordinato ed elegante, i dati estratti dal database sia su schermo che su carta. 72

73 I Report in Access Anche per la creazione dei Report è possibile usufruire della funzione Creazione Guidata Report, che ci semplifica notevolmente il lavoro. Come nel caso delle maschere, anche stavolta basterà rispondere ad alcune domande, per avere subito pronto il nostro report personalizzato. 73

74 I Report in Access Durante la creazione guidata report, viene chiesto quali tabelle e quali campi far visualizzare nel report. E possibile inoltre, specificare la struttura del report, l ordinamento su uno o più campi, lo stile ed altre opzioni. Esempio di report Il report presenta i dati estratti dal Database in un formato chiaro ed elegante. 74

75 I Report in Access Una volta creato un report con la creazione guidata, è possibile modificarne la struttura. Basta cliccare col tasto destro del mouse sul nome del report e scegliere dal menù l opzione visualizza struttura, comparirà una schermata come quella in figura, attraverso la quale possiamo apportare tutte le modifiche desiderate alla struttura del report. 75

76 Conclusioni In conclusione possiamo dire che è possibile approfondire i contenuti esposti nella seguente unità didattica consultando i testi riportati nella bibliografia. 76

77 Bibliografia 1. Le Basi di Dati e Il linguaggio SQL A. Lorenzi, D. Rossi Editore Atlas 2. Database Systems Elmasri, Navathe Editore Addison-Wesley 77

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Un Database non è altro che un insieme di contenitori e di strumenti informatici che ci permette di gestire grossi quantitativi

Dettagli

Basi di Dati e Microsoft Access

Basi di Dati e Microsoft Access Basi di Dati e Microsoft Access Lun: 16-18 e Mer: 14-17 Alessandro Padovani padoale@email.it Database: definizione Un database (DB) è una collezione di informazioni organizzata in gruppi, che consentono

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System)

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System) (DataBase Management System) Sistemi di ges3one di basi di da3 Un Database Management System è un sistema software progettato per consentire la creazione e manipolazione efficiente di database (collezioni

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database

UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database Per comprendere al meglio cosa sia un database, dobbiamo prima introdurre il concetto di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

DATABASE. www.andreavai.it

DATABASE. www.andreavai.it Cos'è un database? Quando si usa? Differenze con i fogli elettronici Le tabelle: record, campi, tipi di dati Chiavi e indici Database relazionali (R-DBMS) Relazioni uno-a-uno Relazioni uno-a-molti Relazioni

Dettagli

Introduzione ai database relazionali. www.mariogentili.it mario.gentili@mariogentili.it

Introduzione ai database relazionali. www.mariogentili.it mario.gentili@mariogentili.it Introduzione ai database relazionali 1 Introduzione ai database relazionali 2 Elementi di progetto di un DB relazionale 3 Costruzione e visita di una base di dati 4 Access ed i suoi oggetti 5 Operare sui

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Progettazione logica: Il modello relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione Basato sul lavoro di Codd (~1970) E attualmente

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione

LA NORMALIZZAZIONE. Introduzione LA NORMALIZZAZIONE Introduzione La normalizzazione e' una tecnica di progettazione dei database, mediante la quale si elimina la rindondanza dei dati al fine di evitare anomalie nella loro consistenza

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

Informatica I per la. Fisica

Informatica I per la. Fisica Corso di Laurea in Fisica Informatica I per la Fisica Lezione: Software applicativo II Fogli elettronici e Data Base Software: software di sistema (BIOS) sistema operativo software applicativo ROM Dischi

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Appunti sulle basi di dati. Cos è una base base di dati? Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sulle basi di dati. Cos è una base base di dati? Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sulle basi di dati D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è una base di dati? 2 3 Cos è una base base di dati? Cos è una base di dati? Una base di

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Il modello relazionale dei dati

Il modello relazionale dei dati Il modello relazionale dei dati Master Alma Graduate School Sistemi Informativi Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/alma_si1/ Versione elettronica: 04Relazionale.pdf Obiettivi della

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le Capitolo 4 Relazioni tra tabelle 4.1 Definizione di una relazione 4.2 Visualizzazione e modifica delle relazioni 4.3 Stampa delle relazioni Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le tabelle di

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO Basi di Dati MS Access

LABORATORIO INFORMATICO Basi di Dati MS Access LABORATORIO INFORMATICO Basi di Dati MS Access MS Access 1 Sistemi Informativi I sistemi informativi hanno il compito di: raccogliere organizzare conservare i dati; ES: l elenco degli iscritti ad una Facoltà

Dettagli

DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati

DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati DATABASE = collezione di oggetti, ovvero contenitore di dati ACCESS = RDBMS (Relationship DataBase Management System). Ovvero software per creare e gestire database RELAZIONALI Un database è uno strumento

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Definizione di normalizzazione

Definizione di normalizzazione Definizione di normalizzazione Il termine normalizzazione indica il processo di organizzazione dei dati in un database. Tale processo comprende la creazione di tabelle e la definizione di relazioni tra

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali Il DATABASE Access Concetti Fondamentali Con la nascita delle comunità di uomini, si è manifestata la necessità di conservare in maniera ordinata informazioni per poi poterne usufruire in futuro. Basta

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Antonino Bella Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità 1 Base di Dati 2 Database: Concetti (1) Database Collezione

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 18 marzo 2010 Un esempio di (semplice) database Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina

Dettagli

Modulo 5 Database. Diapo: 1

Modulo 5 Database. Diapo: 1 Modulo 5 Database Diapo: 1 5.1 Usare l applicazione 5.1.1 Concetti FondamentaliCos è un database??? Database: Insieme di dati riguardanti lo stesso argomento (o argomenti correlati) Insieme strutturato

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base Sistemi di Elaborazione delle Informazioni DB ed SQL Prof. Silvio Vassallo Modello Relazionale Il modello relazionale si basa sul concetto di RELAZIONE tra insiemi di oggetti. Dati n insiemi A 1,A 2, A

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database relazionali: tabelle, campi, record; indici di taballa Chiavi primarie ed esterne Relazioni tra tabelle: definizione

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2

ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2 ECDL - Database European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2 Ripasso Introduzione - Ripasso Cosa si intende per dbms? e cosa per database? Quali sono gli elementi che lo compongono?

Dettagli

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???]

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] 2000 Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] Access, della Microsoft, è uno dei programmi di gestione dei database (DBMS, Data Base Management System)

Dettagli

Basi di dati. Concetti Introduttivi ESEMPIO. Fisica, Analisi, Informatica. Entità Relazioni Interrogazioni. Database 2

Basi di dati. Concetti Introduttivi ESEMPIO. Fisica, Analisi, Informatica. Entità Relazioni Interrogazioni. Database 2 Basi di dati Concetti Introduttivi ESEMPIO Fisica, Analisi, Informatica Entità Relazioni Interrogazioni Database 2 Tabella (I) STUDENTE Attributi Data di Nascita Indirizzo Matricola Luca Neri 27/10/1980

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

CORSO ACCESS PARTE II. Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?)

CORSO ACCESS PARTE II. Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?) Ambiente Access La Guida di Access Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?) Guida in linea Guida rapida Assistente di Office indicazioni

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Parte III: il computer come strumento per l interazione e la comunicazione Si è parlato di identità Parte III: il computer come strumento per l interazione

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

I database relazionali (Access)

I database relazionali (Access) I database relazionali (Access) Filippo TROTTA 04/02/2013 1 Prof.Filippo TROTTA Definizioni Database Sistema di gestione di database (DBMS, Database Management System) Sistema di gestione di database relazionale

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE I Database con ACCESS Archivi tradizionali Database Definizione di ARCHIVIO Un archivio è un insieme organizzato di informazioni tra cui esiste un nesso logico, cioè una raccolta di dati correlati tra

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

schema riassuntivo del corso di access

schema riassuntivo del corso di access schema riassuntivo del maggio-settembre 2006 Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012 Informatica Le basi di dati 2 Dati e Informazioni Un dato in sé non costituisce un informazione in quanto consiste semplicemente di un insieme di

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Esercizio sui data base "Gestione conti correnti"

Esercizio sui data base Gestione conti correnti Database "Gestione conto correnti" Testo del quesito La banca XYZ vuole informatizzare le procedure di gestione dei conti correnti creando un archivio dei correntisti (Cognome, Nome, indirizzo, telefono,

Dettagli