MANUALE UTENTE DELL'APPLICATIVO INFORMATICO DI SUPPORTO AL DATABASE DELL'ATTIVITA' STATISTICA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE UTENTE DELL'APPLICATIVO INFORMATICO DI SUPPORTO AL DATABASE DELL'ATTIVITA' STATISTICA REGIONALE"

Transcript

1 MANUALE UTENTE DELL'APPLICATIVO INFORMATICO DI SUPPORTO AL DATABASE DELL'ATTIVITA' STATISTICA REGIONALE 1

2 Se cliccate su questo tasto RICORDATEVI SEMPRE DI SALVARE il file *.pdf sul vostro PC prima di chiuderlo Ciò è indispensabile per recuperare dal file *.pdf il codice domanda. Ricordatevi che senza codice domanda non è possibile richiamare il file/scheda in compilazione e sarete costretti a reinserire tutti i dati su un nuovo file*.pdf 2

3 Solo al termine del corretto inserimento dei dati cliccate su questo tasto. RICORDATEVI che con questo tasto/ funzione invierete la scheda alla validazione dell Ufficio Sistema Statistico Regionale Se l Ufficio Statistico durante la procedura di validazione riscontra anomalie reinoltra la scheda all indirizzo mail del referente per apportare le dovute modifiche 3

4 [1] DENOMINAZIONE (dell attività) CAMPO LIBERO MAX 255 CARATTERI CORRISPONDE ALLA DESCRIZIONE DELL'ATTIVITA' es: Monitoraggio dei prezzi dei prodotti nella media e grande distribuzione del Lazio [2] TIPOLOGIA (dell attività) A Statistiche da indagine (SDI) B Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) C Statistiche derivate o rielaborazioni (SDE) D Banca Dati di Fonte Amministrativa (BDA) o Sistema Informativo Automatizzato(SIA) E Sistema informativo statistico (SIS) F Studio Progettuale (STU) DEFINIZIONI TIPOLOGIA A Statistiche da indagine (SDI) Processi di produzione di informazioni statistiche attraverso la rilevazione diretta da unità rispondenti (soggetti pubblici o privati, individuali o collettivi). B Statistiche da fonti amministrative organizzate (SDA) Processi di produzione di informazioni statistiche attraverso un processo di trasformazione condotto su fonti amministrative organizzate, pubbliche o private (registri, archivi, basi di dati) (ad es. la fonte amministrativa organizzata è la Banca dati del personale di ruolo regionale; il processo di produzione di informazione statistica trasforma il contenuto della banca dati in informazioni di tipo statistico riguardo il numero di dipendenti per classe età, sesso, titolo studio, fascia, classe anzianità servizio ecc.) C Statistiche derivate o rielaborazioni (SDE) Processi di produzione di informazioni statistiche basato sul trattamento di dati statistici provenienti da processi di tipo A e/o B. In questa tipologia sono presenti le sottofasi di acquisizione, controllo e correzione, elaborazione e diffusione. D Banca Dati di Fonte Amministrativa (BDA) o Sistema Informativo Automatizzato(SIA) Sono costituite da informazioni raccolte e conservate da istituzioni pubbliche o private a fini gestionali, di controllo e monitoraggio. Il fine amministrativo della raccolta dei dati ne contraddistingue la natura. Esempio: dati amministrativi raccolti su persone fisiche per fini fiscali, pensionistici, anagrafici, giuridici e sanitari. (NO ELENCHI). Un sistema informativo organizza e gestisce le informazioni necessarie per eseguire gli scopi di un organizzazione. E Sistema informativo statistico (SIS) Sistema informativo in cui l'utilizzo delle informazioni mira a finalità prevalentemente statistiche conoscitive. Si caratterizza per il trattamento di dati aggregati ("macrodati") e per la particolare attenzione dedicata ai "metadati" e alle "meta informazioni". 4

5 Insieme di informazioni statistiche (dati aggregati e metadati), derivanti dall'integrazione concettuale e funzionale di una pluralità di fonti informative (dati elementari e/aggregati) (DATAWAREHOUSE) Il processo di costruzione di un SIS non si differenzia in modo sostanziale da quello di un SIA. Il SIS è un ampia base informativa, generalmente costituita da diverse fonti d informazione (eventualmente gestite da differenti organismi) strutturate e rese disponibili in funzione del loro utilizzo per lo studio statistico di particolari fenomeni. Un SIS attraverso l utilizzo della tecnologia informatica dei database permette di rappresentare dati provenienti da un gran numero di fonti con modalità di presentazione omogenee garantendo, tra l altro, una elevata rapidità di accesso alle informazioni. Ciò che differenzia un SI da un SIS è la finalità statistica. F Studio Progettuale (STU) Attività di analisi e ricerca finalizzata all'impostazione o alla ristrutturazione di: processi di produzione statistica, sistemi informativi statistici, metodi e strumenti per l'analisi statistica. [3] ORIGINE (dell attività) OBBLIGO NORMATIVO Inserire nel menù a tendina una delle seguenti voci: COMUNITARIO; NAZIONALE; REGIONALE; Nello spazio sottostante inserire la tipologia di Legge e la sua numerazione. INIZIATIVA REGIONALE Inserire nel menù a tendina una delle seguenti voci: AGENZIA DIREZIONE; ENTE; Nello spazio sottostante inserire la tipologia di ATTO: Atto programmatico del titolare (specificare) Convenzione (specificare) Protocollo di intesa (specificare) Protocollo di ricerca (specificare) Riferimenti a indirizzi politici nazionali (specificare) Riferimenti a indirizzi politici comunitari (specificare) Altro (specificare) [4] PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE (PSN) (SI/NO) Il Programma statistico nazionale (Psn), secondo quanto indicato dall'art. 13 del decreto legislativo 322/1989 e successive integrazioni stabilisce le rilevazioni statistiche di interesse pubblico affidate al Sistema statistico nazionale ed i relativi obiettivi. Il Comitato di indirizzo e coordinamento dell'informazione statistica (Comstat), nel corso degli anni, ha ampliato il riferimento originario della norma a nuove tipologie di lavori, introducendo in un primo momento le elaborazioni e gli studi progettuali e, successivamente, i sistemi informativi statistici. Alla fine del 2008 il Comstat ha riclassificato i lavori presenti nel Psn articolandoli in "statistiche da indagine", "statistiche da fonti 5

6 amministrative organizzate", "statistiche derivate (o rielaborazioni)","studio progettuale", "sistema informativo statistico". Se l attività rientra nel PSN allora nel menù a tendina scrivere SI e compilare i due item successivi che si attivano con la risposta positiva altrimenti inserire NO e passare alla voce TITOLARE. Se si è risposto SI [5] TITOLARE (dell attività) (VEDI ELENCO A) Il titolare è la persona fisica o giuridica, la pubblica amministrazione o qualsiasi altro ente, cui competono le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza; [6] STRUTTURA RESPONSABILE DELL'ATTIVITA' (VEDI ELENCO A) (specificare anche se è uguale al TITOLARE) [6.1]ORGANO INTERMEDIO ISTAT (SI/NO) L attività è svolta in qualità di Organo Intermedio Istat [7] STRUTTURA CHE OPERATIVAMENTE SVOLGE L'ATTIVITA' (VEDI ELENCO A) (specificare anche se è uguale alla STRUTTURA RESPONSABILE DELL'ATTIVITA') Indicare la struttura che si occupa operativamente del trattamento dei dati (elaborazione, archiviazione in Banca dati o in Sis o che si occupa di fare l indagine ecc.) [8] STRUTTURE COMPARTECIPANTI 1(VEDI ELENCO A) CAMPO NON OBBLIGATORIO [8.1] STRUTTURE COMPARTECIPANTI 2 (VEDI ELENCO A) CAMPO NON OBBLIGATORIO [8.2] STRUTTURE COMPARTECIPANTI 3 (VEDI ELENCO A) CAMPO NON OBBLIGATORIO 6

7 [9] AREA SETTORE (AREA TEMATICA o ARGOMENTO) Ambito, argomento dell informazione da raccogliere o di cui si è già in possesso Menu a compilazione agevolata: Agricoltura Ambiente Attività Produttive Commercio con l'estero Commercio interno Credito, assicurazioni, mercato monetario e finanziario Cultura Economia e Programmazione Economica Edilizia e casa (Edilizia Cooperativa) Energia Finanza pubblica Giustizia, Sicurezza Industria e Costruzioni Informazione e Comunicazione Infrastrutture e Lavori Pubblici Istruzione e Formazione Politiche Sociali e Famiglia (Cooperazione Sociale) Lavoro Politiche Giovanili Popolazione Protezione Civile Pubblica amministrazione Ricerca, sviluppo e innovazione Rifiuti Sanità e salute Servizi Sport Trasporti e telecomunicazioni Turismo Tutela Consumatori Urbanistica e Territorio [10] OGGETTO Fare un breve abstract con i contenuti in dettaglio dell attività ES: "Il progetto prevede la rilevazione dei prezzi di circa 40 beni alimentari e di prima necessità in 60 punti vendita della grande distribuzione organizzata (GDO) diffusi nell intero territorio del Lazio. Si rileva tendenzialmente il prezzo più basso ma, al fine di valutare la variabilità dell offerta, viene rilevato anche, per la gran parte dei prodotti, un prezzo di fascia media e per alcuni anche un prezzo di fascia alta. Il progetto nasce dalla volontà della Regione Lazio che, in ragione anche della diffusa percezione di un incremento dei prezzi dei prodotti alimentari, ha inteso valutare quale sia il reale andamento temporale e spaziale dei prezzi al consumo fornendo, inoltre, al consumatore una informazione sul range di prezzo cui poter trovare, nel territorio regionale, i principali prodotti alimentari." 7

8 Inserire, inoltre, il nominativo, e mail e telefono del Responsabile dell attività che è stato intervistato Campo libero max 500 caratteri [11] COPERTURA TERRITORIALE E la porzione, o la totalità, di territorio in cui andremo ad effettuare l indagine per reperire informazioni, o nel caso di banche dati, è il territorio a cui afferiscono le informazioni di cui siamo già in possesso Menu a compilazione agevolata: COMUNE NAZIONALE PROVINCIALE REGIONALE Solo comuni capoluogo Altro: specificare [12] OBIETTIVI Segnare almeno uno degli obiettivi in elenco(anche più di uno): Conoscitivo del fenomeno Informativo Mantenimento del livello di sviluppo conseguito Pianificazione Predisposizione di nomenclature, classificazioni, metadati Sorveglianza e monitoraggio del fenomeno Statistica da fonti amministrative organizzate Statistica derivata (o rielaborazione) Sviluppo di nuove metodologie di supporto alla produzione e alla diffusione Sviluppo di strumenti informatici generalizzati di supporto alla produzione e alla diffusione Sviluppo Sistemi Informativi Statistici Sviluppo statistiche per il territorio Valorizzazione fonti Altro (specificare) [13] UNITA' DI RILEVAZIONE Unità che viene contattata per ottenere le informazioni relative alle unità di analisi. L'unità di rilevazione può coincidere con una unità di analisi oppure essere una unità funzionale all'acquisizione delle informazioni su altre unità. L'unità di rilevazione è definita per tutte le indagini dirette, e per quelle indagini amministrative in cui i dati sono raccolti presso una pluralità di enti: ad esempio, gli Istituto di cura sono le unità di rilevazione della "Indagine rapida sui dimessi dagli istituti di cura". IL LUOGO DOVE SI RILEVANO I DATI 8

9 ES: Punti vendita della grande distribuzione organizzata (GDO) del Lazio [14] UNITÀ DI ANALISI Entità oggetto di osservazione del processo. Le unità di analisi possono essere sia collettivi direttamente osservabili, ad esempio famiglie, componenti delle famiglie, imprese, lavoratori dipendenti, sia collezioni di eventi, ad esempio vacanze, ricoveri ospedalieri. Una unità di analisi può coincidere con una unità di rilevazione quando fornisce informazioni anche su stessa. ES: Prodotti alimentari, prodotti ortofrutticoli e prodotti per la pulizia della casa e della persona [15] DATI PERSONALI (SI/NO) I dati personali (art. 4 c. 1 lett b) del D.lgs. 196/03) identificano le informazioni relative alla persona fisica, giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altro dato, ivi compreso un numero di riconoscimento personale. Esempio: nome e cognome della persona, la ragione sociale della ditta, l indirizzo o i numeri di telefono o di cellulare, codice fiscale e partita IVA. [16] DATI SENSIBILI (SI/NO) Sono considerati dati sensibili, e dunque la loro raccolta e trattamento sono soggetti sia al consenso dell'interessato sia all'autorizzazione preventiva del Garante per la protezione dei dati personali i dati personali, idonei a rivelare: l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, lo stato di salute e la vita sessuale. (Codice sulla protezione dei dati personali d.lgs. 196/2003, art.4 e art. 26) [17] LIVELLO MINIMO DI RILEVAZIONE DEI DATI E l unità elementare su cui vengono osservati i caratteri oggetto di studio (Unità statistica): PERSONA AZIENDA UNIVERSITA' COMUNE PROVINCIA REGIONE Altro: specificare [18] LIVELLO MINIMO DI DIVULGAZIONE DEI DATI Indicare se i dati di cui si è in possesso vengono rilasciati in forma elementare o aggregata, ovvero nella forma in cui vengono raccolti o in forma aggregata in quanto dati personali/sensibili: PERSONA 9

10 AZIENDA UNIVERSITA' COMUNE PROVINCIA REGIONE Altro: specificare [19] MODALITÀ DI RACCOLTA DEI DATI Scegliere dal menù almeno uno dei diversi tipi di modalità di raccolta riportati Autocompilazione del modello Cartaceo inviato via posta Cartaceo consegnato al rispondente In formato elettronico Via web Intervista faccia a faccia Prelevamento Campione [20] DURATA (dell attività) Riportare la durata dell attività in mesi. Se l attività della rilevazione è continua riportare 12 mesi [21] PERIODICITA' Riportare la periodicità di aggiornamento dell indagine e/o banca dati: Annuale Biennale Bisettimanale Decennale Giornaliera Mensile Non definita Occasionale Oraria Semestrale Settimanale Triennale Trimestrale 10

11 [22] ANNO DI ATTIVAZIONE Anno in cui è stata fatta per la prima volta l attività, nel caso di una banca dati primo anno disponibile della serie storica [23] PRODOTTI ATTESI Segnare almeno uno dei prodotti attesi riportati in elenco (anche più di uno): Pubblicazione Inserimento in Sis Evento Divulgazione su internet Divulgazione su stampa Tabella Altro: (specificare) [24] INDIRIZZO WEB DI DIFFUSIONE DATI [25] COSTI :GIORNI LAVORATIVI UOMO/ANNO Se l attività viene effettuata con personale interno all Amministrazione / Agenzia Regionale Es: Per effettuare una statistica da fonti amministrative organizzate vengono impiegate due persone per 20 gg lavorativi (anche non continuativi), in questo campo andremo ad inserire il valore 40 (20 gg X 2 unità lavorative) Es: Per effettuare una statistica da fonti amministrative organizzate vene impiegata una persona per 40 gg lavorativi (anche non continuativi), in questo campo andremo ad inserire il valore 40 (40 gg X 1 unità lavorativae) [25.1] COSTI: EURO IMPEGNATI Se il lavoro deriva da un ATTO AMMINISTRATIVO con impegno contabile, riportare l importo impegnato. Es: per valutazioni di efficienza viene data in outsourcing una statistica da indagine, o parte di essa, ad una Società esterna all Amministrazione/Agenzia Regionale riportare l impegno di spesa a favore del creditore esterno. PS: se viene data in outsourcing una statistica da indagine non in toto ma in parte (solo rilevazione o solo elaborazione) ed il resto viene fatto in economia, allora bisogna riempire anche il campo precedente COSTI :GIORNI LAVORATIVI UOMO/ANNO [26] Nominativo (del referente statistico) [27] (del referente statistico) 11

12 [28] Telefono (del referente statistico) [29] Tipologia di attività Selezionare una delle scelte riportate in elenco: Attività da avviare Attività esistente 12

13 Se cliccate su questo tasto RICORDATEVI SEMPRE DI SALVARE il file *.pdf sul vostro PC prima di chiuderlo Ciò è indispensabile per recuperare dal file *.pdf il codice domanda. Ricordatevi che senza codice domanda non è possibile richiamare il file/scheda in compilazione e sarete costretti a reinserire tutti i dati su un nuovo file*.pdf 13

14 Solo al termine del corretto inserimento dei dati cliccate su questo tasto. RICORDATEVI che con questo tasto/ funzione invierete la scheda alla validazione dell Ufficio Sistema Statistico Regionale Se l Ufficio Statistico durante la procedura di validazione riscontra anomalie reinoltra la scheda all indirizzo mail del referente per apportare le dovute modifiche 14

15 ELENCO A DR A=DIREZIONE REGIONALE o AGENZIA SP=SOCIETA PARTECIPATE EPD=ENTI PUBBLICI DIPENDENTI Descrizione REGIONE LAZIO (DR A) ABECOL AGENZIA BENI CONFISC. ORG. CRIMINALI LAZIO REGIONE LAZIO (DR A) AFFARI GENERALI E RISORSE UMANE REGIONE LAZIO (DR A) AFFARI GENERALI E RISORSE UMANE REGIONE LAZIO (DR A) AGENZIA LAZIO LAVORO REGIONE LAZIO (DR A) AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO REGIONE LAZIO (DR A) AGRICOLTURA REGIONE LAZIO (DR A) AMBIENTE REGIONE LAZIO (DR A) ARDIS AGENZIA REGIONALE PER LA DIFESA DEL SUOLO REGIONE LAZIO (DR A) ARP AGENZIA REGIONALE PARCHI REGIONE LAZIO (DR A) ASSETTO ISTITUZ., PREVENZ. ED ASSIST. TERRIT.LE REGIONE LAZIO (DR A) ATTIVITA' DELLA PRESIDENZA REGIONE LAZIO (DR A) ATTIVITA' PRODUTTIVE E RIFIUTI REGIONE LAZIO (DR A) BILANCIO, RAGIONERIA, FINANZA E TRIBUTI REGIONE LAZIO (DR A) CONTROLLO II LIVELLO GEST.FONDI STRUTT. COMUNITARI REGIONE LAZIO (DR A) CULTURA, ARTE E SPORT REGIONE LAZIO (DR A) ENTI LOCALI E SICUREZZA REGIONE LAZIO (DR A) FORMAZIONE E LAVORO REGIONE LAZIO (DR A) INFRASTRUTTURE REGIONE LAZIO (DR A) ISTRUZ. PROGR.OFF.SCOLAST.FORM. DIR.STU. POL.GIOV. REGIONE LAZIO (DR A) ORGANIZZAZIONE E PERSONALE DEMANIO E PATRIMONIO REGIONE LAZIO (DR A) PIANI PROGR.ED.RES. TER.SETT. SER.CIV. TUT.CONSUM. REGIONE LAZIO (DR A) PIANI, PROGR. E PROG.PROMOZ.LI, CONTROLLO GESTIONE REGIONE LAZIO (DR A) POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA REGIONE LAZIO (DR A) PROGRAMM. E RISORSE DEL SERV. SANITARIO REGIONALE REGIONE LAZIO (DR A) PROGRAMMAZIONE ECONOMICA, RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE LAZIO (DR A) PROTEZIONE CIVILE REGIONE LAZIO (DR A) STRUTT. TECN. AMM.VA DEL DIR. DIP. ISTIT. E TERR. REGIONE LAZIO (DR A) TERRITORIO URBANISTICA REGIONE LAZIO (DR A) TRASPORTI REGIONE LAZIO (DR A) TURISMO REGIONE LAZIO (DR A) UFFICIALE ROGANTE E CONTRATTI REGIONE LAZIO (DR A) UFFICIO ISPETTIVO LEGALE E CONTENZIOSO REGIONE LAZIO (SP) Aeroporti di Roma S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Agenzia Regionale per la Promozione Turistica del Lazio S.p.A in liquidazione REGIONE LAZIO (SP) Alta Roma S.C.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Arcea S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Ascelepion (Gruppo Sviluppo Lazio) 15

16 REGIONE LAZIO (SP) ASTRAL Azienda Strade Lazio S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Astral S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Autostrade del Lazio S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) BIC LAZIO S.p.A. Business Innovation Center (Gruppo Sviluppo Lazio) REGIONE LAZIO (SP) C.A.R. S.C.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Centrale del Latte di Roma S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Co.TRA.L. S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Cotral Patrimonio S.p.A REGIONE LAZIO (SP) Cotral S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Filas (Gruppo Sviluppo Lazio) REGIONE LAZIO (SP) I.M.O.F. S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Investimenti S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) LAit S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Lazio Service S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Laziomar S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Litorale S.p.A. (Gruppo Sviluppo Lazio) REGIONE LAZIO (SP) M.O.F. S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Risorsa S.r.l. (Gruppo Sviluppo Lazio) REGIONE LAZIO (SP) SAN.IM. S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Sviluppo Lazio S.p.A REGIONE LAZIO (SP) TECNOBORSA S.C.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Tuscia Expo' S.p.A. REGIONE LAZIO (SP) Unionfidi (Gruppo Sviluppo Lazio) REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. del Comune di Roma REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. della Provincia di Roma REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. di Frosinone REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. di Latina REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. di Rieti REGIONE LAZIO (EPD) A.P.T. di Viterbo REGIONE LAZIO (EPD) ARPA (Agenzia Regionale Protezione Ambientale) REGIONE LAZIO (EPD) ARSIAL (Agenzia regionale sviluppo e innovazione del Lazio) REGIONE LAZIO (EPD) ASP (Agenzia Sanità Pubblica) REGIONE LAZIO (EPD) Azienda per il diritto allo Studio Universitario A.DI.SU "Cassino" REGIONE LAZIO (EPD) Azienda per il diritto allo Studio Universitario A.DI.SU "La Sapienza" REGIONE LAZIO (EPD) Azienda per il diritto allo Studio Universitario A.DI.SU "Roma Tre" REGIONE LAZIO (EPD) Azienda per il diritto allo Studio Universitario A.DI.SU "Tor Vergata" REGIONE LAZIO (EPD) Azienda per il diritto allo Studio Universitario A.DI.SU "Viterbo" REGIONE LAZIO (EPD) Consorzio Polifunzionale di Pegaso REGIONE LAZIO (EPD) Ente Regionale Roma Natura REGIONE LAZIO (EPD) I.R.Vi.T. (Istituto Regionale per le Ville Tuscolane) REGIONE LAZIO (EPD) Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio "A.C. Jemolo" REGIONE LAZIO (EPD) Parco Naturale dei Monti Lucretili REGIONE LAZIO (EPD) Parco Naturale Regionale dei Monti Aurunci REGIONE LAZIO (EPD) Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini REGIONE LAZIO (EPD) Parco Naturale Regionale del Complesso lacuale Bracciano Martignano REGIONE LAZIO (EPD) Parco Naturale Regionale di Veio REGIONE LAZIO (EPD) Parco Regionale dei Castelli Romani 16

17 REGIONE LAZIO (EPD) Parco Regionale dell'appia Antica REGIONE LAZIO (EPD) Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia REGIONE LAZIO (EPD) Riserva Naturale Nazzano, Tevere Farfa Comune di Marcetelli Comune di Micigliano Comune di Saracinesco Comune di Collegiove Comune di Paganico Sabino Comune di Vivaro Romano Comune di Rocca Canterano Comune di Percile Comune di Varco Sabino Comune di Turania Comune di Vacone Comune di Ascrea Comune di Nespolo Comune di Castel di Tora Comune di Acquafondata Comune di Roccagiovine Comune di Vallinfreda Comune di Montenero Sabino Comune di Vallepietra Comune di Capranica Prenestina Comune di Concerviano Comune di Canterano Comune di Pozzaglia Sabina Comune di Morro Reatino Comune di Labro Comune di Colle di Tora Comune di San Biagio Saracinisco Comune di Rocca di Cave Comune di Montasola Comune di Tessennano Comune di Viticuso Comune di Jenne Comune di Orvinio Comune di Collalto Sabino Comune di Cittareale Comune di Camerata Nuova Comune di Cervara di Roma Comune di Colli sul Velino Comune di Cottanello Comune di Filacciano Comune di Terelle Comune di Filettino Comune di Mompeo Comune di Salisano 17

18 Comune di Poggio San Lorenzo Comune di Falvaterra Comune di Roccantica Comune di Proceno Comune di Longone Sabino Comune di Borbona Comune di Belmonte in Sabina Comune di Cineto Romano Comune di Casalattico Comune di Frasso Sabino Comune di Campodimele Comune di Configni Comune di Accumoli Comune di Ventotene Comune di Casaprota Comune di Monte San Giovanni in Sabina Comune di Pisoniano Comune di Posta Comune di Riofreddo Comune di Roiate Comune di Casape Comune di Belmonte Castello Comune di Gorga Comune di Colle San Magno Comune di Marano Equo Comune di Rocca Sinibalda Comune di Settefrati Comune di Castel San Pietro Romano Comune di Vicalvi Comune di Arlena di Castro Comune di Calcata Comune di Mandela Comune di Castelnuovo Parano Comune di Anticoli Corrado Comune di Montebuono Comune di Sambuci Comune di Lubriano Comune di Collepardo Comune di Latera Comune di Licenza Comune di Rocca d'arce Comune di Borgo Velino Comune di Sant'Ambrogio sul Garigliano Comune di Toffia Comune di Rocca Santo Stefano Comune di Vallemaio Comune di Castelnuovo di Farfa 18

19 Comune di Barbarano Romano Comune di Torrita Tiberina Comune di Onano Comune di Rocca Massima Comune di Selci Comune di Cerreto Laziale Comune di Casperia Comune di Ponzano Romano Comune di Roccasecca dei Volsci Comune di Gerano Comune di Castel Sant'Angelo Comune di Gallinaro Comune di Posta Fibreno Comune di Villa Latina Comune di Picinisco Comune di Monteleone Sabino Comune di Bassano in Teverina Comune di Prossedi Comune di Torri in Sabina Comune di Villa San Giovanni in Tuscia Comune di Petrella Salto Comune di Cellere Comune di Fontechiari Comune di Rivodutri Comune di Poggio Catino Comune di Nazzano Comune di Celleno Comune di Torricella in Sabina Comune di Ciciliano Comune di Tarano Comune di Monteflavio Comune di Torre Cajetani Comune di Roviano Comune di Arcinazzo Romano Comune di Gradoli Comune di Magliano Romano Comune di Greccio Comune di San Gregorio da Sassola Comune di Santopadre Comune di Fiamignano Comune di Pastena Comune di Pescosolido Comune di Collevecchio Comune di Affile Comune di Sant'Andrea del Garigliano Comune di Bassiano Comune di Nerola 19

20 Comune di Arsoli Comune di Trivigliano Comune di Guarcino Comune di Coreno Ausonio Comune di Farnese Comune di Civitella d'agliano Comune di Agosta Comune di Cantalupo in Sabina Comune di Civitella San Paolo Comune di Villa Santo Stefano Comune di Bomarzo Comune di Vallerotonda Comune di Trevi nel Lazio Comune di Campoli Appennino Comune di Capodimonte Comune di Colfelice Comune di Acuto Comune di Nemi Comune di Gavignano Comune di Montorio Romano Comune di Sant'Apollinare Comune di Monte Romano Comune di Montelanico Comune di Stimigliano Comune di Carbognano Comune di San Donato Val di Comino Comune di Poggio Bustone Comune di San Lorenzo Nuovo Comune di Piansano Comune di Fumone Comune di Faleria Comune di Graffignano Comune di Vejano Comune di Vico nel Lazio Comune di Poggio Nativo Comune di Castiglione in Teverina Comune di Giuliano di Roma Comune di Pescorocchiano Comune di Poli Comune di Arnara Comune di Ischia di Castro Comune di Castel Sant'Elia Comune di Pignataro Interamna Comune di Ausonia Comune di Moricone Comune di Strangolagalli Comune di Vallerano 20

21 Comune di Sgurgola Comune di Leonessa Comune di San Polo dei Cavalieri Comune di Villa Santa Lucia Comune di San Vittore del Lazio Comune di Amatrice Comune di Mazzano Romano Comune di Poggio Moiano Comune di Antrodoco Comune di Broccostella Comune di Cantalice Comune di Grotte di Castro Comune di Spigno Saturnia Comune di Scandriglia Comune di Vallecorsa Comune di Forano Comune di Alvito Comune di Gallese Comune di Valentano Comune di Bellegra Comune di Serrone Comune di Maenza Comune di Pico Comune di Fontana Liri Comune di Patrica Comune di Casalvieri Comune di San Giorgio a Liri Comune di Morolo Comune di Canepina Comune di Sperlonga Comune di Ponza Comune di Blera Comune di Monterosi Comune di San Giovanni Incarico Comune di Contigliano Comune di San Vito Romano Comune di Marta Comune di Castelliri Comune di Oriolo Romano Comune di Colonna Comune di Bagnoregio Comune di Canale Monterano Comune di Corchiano Comune di Sant'Oreste Comune di Magliano Sabina Comune di Castrocielo Comune di Norma 21

22 Comune di Esperia Comune di Vicovaro Comune di Montopoli di Sabina Comune di Sant'Angelo Romano Comune di Vasanello Comune di Lenola Comune di Allumiere Comune di Bolsena Comune di Vitorchiano Comune di Amaseno Comune di Pofi Comune di Castelforte Comune di Atina Comune di Borgorose Comune di Torrice Comune di Roccagorga Comune di Piglio Comune di Bassano Romano Comune di Vignanello Comune di Carpineto Romano Comune di Castro dei Volsci Comune di Supino Comune di Montelibretti Comune di Tolfa Comune di Canino Comune di Aquino Comune di Labico Comune di Ripi Comune di Caprarola Comune di Piedimonte San Germano Comune di Gallicano nel Lazio Comune di Trevignano Romano Comune di Acquapendente Comune di Poggio Mirteto Comune di Genazzano Comune di Arce Comune di Monte San Biagio Comune di Sutri Comune di Sant'Elia Fiumerapido Comune di Capranica Comune di Manziana Comune di Marcellina Comune di Santi Cosma e Damiano Comune di Olevano Romano Comune di Cittaducale Comune di Sacrofano Comune di Sonnino 22

23 Comune di Cervaro Comune di Castel Madama Comune di Roccasecca Comune di Arpino Comune di Fabrica di Roma Comune di Sermoneta Comune di Morlupo Comune di Tuscania Comune di Paliano Comune di Capena Comune di San Felice Circeo Comune di Riano Comune di Castelnuovo di Porto Comune di Ceprano Comune di Montalto di Castro Comune di Soriano nel Cimino Comune di Orte Comune di Castel Gandolfo Comune di Rignano Flaminio Comune di Monte Porzio Catone Comune di Ronciglione Comune di Boville Ernica Comune di Nepi Comune di Subiaco Comune di Segni Comune di Fiuggi Comune di Monte Compatri Comune di Itri Comune di Campagnano di Roma Comune di Cave Comune di Cori Comune di Rocca Priora Comune di Fiano Romano Comune di Formello Comune di Lariano Comune di Isola del Liri Comune di Lanuvio Comune di Palombara Sabina Comune di Fara in Sabina Comune di San Cesareo Comune di Monte San Giovanni Campano Comune di Vetralla Comune di Artena Comune di Pontecorvo Comune di Montefiascone Comune di Pontinia Comune di Priverno 23

24 Comune di Valmontone Comune di Rocca di Papa Comune di Zagarolo Comune di Tarquinia Comune di Civita Castellana Comune di Santa Marinella Comune di Bracciano Comune di Anguillara Sabazia Comune di Ariccia Comune di Sabaudia Comune di Minturno Comune di Palestrina Comune di Mentana Comune di Grottaferrata Comune di Veroli Comune di Frascati Comune di Ferentino Comune di Anagni Comune di Gaeta Comune di Colleferro Comune di Ceccano Comune di Genzano di Roma Comune di Sezze Comune di Sora Comune di Fonte Nuova Comune di Alatri Comune di Cassino Comune di Cisterna di Latina Comune di Cerveteri Comune di Fondi Comune di Formia Comune di Monterotondo Comune di Ciampino Comune di Ladispoli Comune di Marino Comune di Albano Laziale Comune di Ardea Comune di Terracina Comune di Nettuno Comune di Rieti Comune di Frosinone Comune di Anzio Comune di Velletri Comune di Civitavecchia Comune di Tivoli Comune di Pomezia Comune di Viterbo 24

25 Comune di Fiumicino Comune di Aprilia Comune di Guidonia Montecelio Comune di Latina Comune di Roma Provincia di Frosinone Provincia di Latina Provincia di Rieti Provincia di Roma Provincia di Viterbo Provincia di Frosinone Ministero Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale Ministero Attuazione del programma di Governo Ministero Pubblica amministrazione e Innovazione Ministero Pari opportunità Ministero Rapporti con il Parlamento Ministero Riforme per il Federalismo Ministero Gioventù Ministero Semplificazione Normativa Ministero Turismo Ministero Affari Esteri Ministero Interno Ministero Giustizia Ministero Difesa Ministero Economia e Finanze Ministero Sviluppo economico Ministero Commercio internazionale Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Ministero Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare Ministero Infrastrutture e Trasporti Ministero Lavoro e Politiche Sociali Ministero Salute Ministero Istruzione, Università e Ricerca Ministero Beni e Attività Culturali 25

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA Centro per l Impiego Roma Cinecittà bacino di competenza: Ex Municipi Roma I, Roma II, Roma VI, Roma IX, Roma X, Roma XI, Roma XVII Viale Rolando Vignali, 14 00173

Dettagli

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10..

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10.. Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 Riello /p.zza G.Bruno, Viterbo Partenze Da Viterbo DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Abbadia San Salvatore p.zza della Repubblica 10:00. 16:30.

Dettagli

Partenze Da Anagnina [Metro A]

Partenze Da Anagnina [Metro A] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/84 Anagnina Metro A, Roma Partenze Da Anagnina [Metro A] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Acuto Prenestina /ex Stazione 06:20. 09:45. 14:00. 14:45.

Dettagli

Partenze Da Isola del Liri

Partenze Da Isola del Liri Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/34 Inferiore/G.Verdi, Isola del Liri Partenze Da Isola del Liri DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Alatri SP24 /Staz. 07:10. Casamari - Frosinone Dm

Dettagli

Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 2. NS 18:45 2. SA 18:30

Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 2. NS 18:45 2. SA 18:30 Orario in vigore dal 24 Set 2010 al 19 Dic 2010 pag. 1/20 Partenze Da Cave p.zza Plebiscito, Cave DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Acuto Prenestina /ex Stazione 07:18. 10:43. 15:43. 17:20. 18:58. 20:38.

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Partenze Da Castro dei Volsci

Partenze Da Castro dei Volsci Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/34 Partenze Da Castro dei Volsci Castro-Pofi-Vallecorsa, Castro dei Volsci Stazione FS DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Amaseno p.zza S.Rocco 07:03

Dettagli

Prefettura di Roma. Ufficio Territoriale del Governo AVVISO PUBBLICO

Prefettura di Roma. Ufficio Territoriale del Governo AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PROCEDURA APERTA VOLTA ALLA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO CON PIU SOGGETTI ECONOMICI, PER IL PERIODO 01/09/2015-31/12/2015, PER ASSICURARE I SERVIZI DI ACCOGLIENZA, E DEI SERVIZI CONNESSI,

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva "TUSCIA" Arti Denominazione

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva TUSCIA Arti Denominazione DI?AHTÏMJÎÎ410 BiüiLbA QyALiTA DlI-PSODOTiI AGSOALIMSMTASï E Dll SEMVļZĪ Æ LA TUTELA DEL CONSUMATORE Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva "TUSCIA"

Dettagli

Partenze Da Laurentina [Metro B]

Partenze Da Laurentina [Metro B] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/28 Laurentina Metro B, Roma Partenze Da Laurentina [Metro B] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Albano Laziale p.zza Mazzini 14:40 NS 14:50 a 16:40

Dettagli

CONDIZIONI DI TRASPORTO. TARIFFAZIONE CO.TRA.L. SpA.

CONDIZIONI DI TRASPORTO. TARIFFAZIONE CO.TRA.L. SpA. CONDIZIONI DI TRASPORTO TARIFFAZIONE CO.TRA.L. SpA. INDICE CONDIZIONI DI TRASPORTO pag 8 TARIFFAZIONE CO.TRA.L. SPA Sistema Co.Tra.L. a Tratta Tariffaria Chilometrica pag. 22 BIGLIETTI pag. 24 BTT (Biglietto

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Elenco dei prodotti tipici del Lazio 1

Elenco dei prodotti tipici del Lazio 1 Elenco dei prodotti tipici del Lazio 1 DOP E IGP DEL LAZIO DOP E IGT DEL LAZIO Dop riconosciuti Vini doc 1. Mozzarella di bufala Campana 1. Aleatico di Gradoli 2. Olio di Canino 2. Aprilia 3. Olio sabina

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Partenze Da Roccasecca

Partenze Da Roccasecca Orario in vigore dal 30 Jun 2015 al 26 Jul 2015 pag. 1/6 SP /vicolo Amati, Roccasecca Partenze Da Roccasecca DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Aquino p.zza S.Tommaso 13:30 1.. 1. Castrocielo per Arce via

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO reusing&recycling RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO Mo. Re. & Mo. Re. per una governance innovativa della gestione dei rifiuti. Programma LIFE08 ENV/IT/437 Azione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012.

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012. Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese /0. Pag. di 8 assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge 04, avis, allattamento,

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEGLI UTENTI DI PUBBLICI SERVIZI L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. A cura di Vincenzo ROTA.

ASSOCIAZIONE DEGLI UTENTI DI PUBBLICI SERVIZI L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. A cura di Vincenzo ROTA. L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO A cura di Vincenzo ROTA Roma 2013 1 Cos è l arsenico L'Arsenico è un semimetallo che può essere ritrovato nell atmosfera, nel suolo, nelle rocce, nell

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente 2007. Le attività produttive e l ambiente

Relazione sullo Stato dell Ambiente 2007. Le attività produttive e l ambiente III.2 Le attività produttive e l ambiente 100 III.2.1 Le attività produttive Inquadramento Un indicatore molto importante e rappresentativo ai fini della caratterizzazione del sistema produttivo tiburtino

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le nascite nel Lazio Anno 2011 Gennaio 2013 Le nascite nel Lazio Anno 2011 a cura di: Domenico Di Lallo Sara Farchi Arianna Polo Francesco Franco Valeria De Pascali

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 Responsabile della toponomastica addetto alla toponomastica Responsabile del servizio

nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 Responsabile della toponomastica addetto alla toponomastica Responsabile del servizio A B C delle attività iniziali per accedere alle funzioni di Gestione della toponomastica Come indicato nella nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 per le attività legate alla gestione della toponomastica

Dettagli

GUIDA ALZHEIMER. ai servizi. nella Regione Lazio

GUIDA ALZHEIMER. ai servizi. nella Regione Lazio GUIDA ai servizi ALZHEIMER nella Regione Lazio Prefazione del Presidente 2010 ISMA Istituti di Santa Maria in Aquiro Via della Guglia, 69/b - 00186 Roma tel: 06.6792533-06.6788894 fax: 06.6789497 Stampato

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Partenze Da Gallicano nel Lazio

Partenze Da Gallicano nel Lazio Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/5 Partenze Da Gallicano nel Lazio p.zza Caduti di Guerra, Gallicano nel Lazio DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Casape c.so G.Marconi 08:55. 14:35.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Partenze Da Castiglione in Teverina

Partenze Da Castiglione in Teverina Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/5 Partenze Da Castiglione in Teverina p.zza della Repubblica, Castiglione in Teverina DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Bagnoregio via del Divino Amore

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Piano Aziendale Spostamenti Casa Lavoro Direttrice extraurbana: Esterna Ovest

Piano Aziendale Spostamenti Casa Lavoro Direttrice extraurbana: Esterna Ovest Linea A iano Aziendale Spostamenti Casa Lavoro Direttrice extraurbana: Esterna Ovest Orario unti di Raccolta Riferimenti Scambi 6.27 Viterbo Nord Zona Riello distributore parch. IERCOO 6.28 Viterbo. Fiorentina

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO Disposizioni generali Il presente Regolamento riporta le norme e le procedure necessarie per l ottenimento

Dettagli