Verso una filosofia al servizio dell industria: l utilità dell ontologia analitica per l informatica medica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso una filosofia al servizio dell industria: l utilità dell ontologia analitica per l informatica medica"

Transcript

1 Verso una filosofia al servizio dell industria: l utilità dell ontologia analitica per l informatica medica Barry Smith (IFOMIS) 1 Werner Ceusters (Language and Computing nv) Abstract La ricerca medica è afflitta da un problema di comunicazione. Comunità distinte di ricercatori si servono di terminologie diverse e spesso incompatibili per esprimere i risultati del loro lavoro, generando in questo modo problemi di integrazione tra database ogniqualvolta si presenti la necessità di inserire i dati medici nei computer. In un primo momento i problemi di integrazione tra database venivano risolti caso per caso, in seguito si è fatta strada l idea di realizzare un unica tassonomia di riferimento in cui tradurre, una volta soltanto, tutti i vari sistemi di classificazione. Funzionando come una sorta di lingua franca, questa tassonomia di riferimento avrebbe automaticamente garantito ad ogni database calibrato su di essa la compatibilità con tutti gli altri. È curioso come gli informatici abbiano chiamato il sistema centrale di classificazione che stavano proponendo un ontologia, riconoscendo così l esistenza di più di un affinità tra il lavoro di costruzione che un simile sistema comportava e la vecchia metafisica. Il presente articolo descrive un tentativo di sfruttare le risorse della filosofia per risolvere problemi che sorgono, in particolar modo, nel campo dell integrazione delle terminologie mediche. Vengono delineati in particolare i contorni di un iniziativa che è il frutto della collaborazione tra l Istituto di Ontologia Formale e Informatica Medica e la società di software belga Language and Computing, iniziativa che prevede la messa alla prova di un ontologia fondata su solidi principi filosofici nel contesto di potenti strumenti software per l elaborazione di testo medico. Introduzione Immaginate di voler realizzare un sistema d allerta computerizzato che sia capace di rivelare degli attacchi bio-terroristici sul nascere 2. A questo scopo avrete bisogno di un accesso in tempo reale a dati medici dai quali poter inferire le variazioni giornaliere nel numero delle visite mediche e dei ricoveri associati a certi tipi di disturbi in determinate zone geografiche. Avrete poi bisogno di accedere ai dati che riguardano la variazioni statistiche nelle prescrizioni e nell acquisto di medicinali. Dati di questo tipo sono in effetti già largamente disponibili, ad esempio grazie agli inventari computerizzati delle farmacie, delle rivendite specializzate e delle compagnie assicurative. Tuttavia non appena inizierete a lavorare con dati di questo tipo, vi troverete di fronte ad un certo numero di problemi. Sebbene le tecnologie per gli inventari informatizzati abbiano raggiunto ormai un livello notevole di sviluppo, i sistemi di classificazione su cui tali tecnologie sono basate sono tuttavia il prodotto di una miriade di decisioni ad hoc, che risalgono ai primissimi passi della progettazione di database. Il che significa che, anche nel caso di quella varietà limitata di farmaci che è possibile pagare alla cassa di una farmacia, quei dati esistono in una molteplicità di forme differenti, le quali non fanno altro che riflettere le diverse combinazioni tra sistemi di etichettatura e codici a barre che vengono impiegati dai produttori e dai rivenditori. Quando si tenta di mettere insieme questi modi, più o meno ad hoc, di ripartire l universo dei prodotti farmaceutici, si va immediatamente incontro a problemi seri che richiamano alla memoria l antica favola della Torre di Babele. 1 Il lavoro descritto in questo articolo è finanziato dalla Alexander von Humboldt Foundation sotto gli auspici del suo Wolfgang Paul Programme. 2 Una proposta simile è avanzata nel Wall Street Journal del 1 novembre 2001.

2 Questi problemi sono resi ancor più complicati dal fatto che dati clinici assai preziosi non si trovano in alcun database strutturato. Anzi il 98% delle informazioni disponibili in formato elettronico esiste nella forma di documenti digitalizzati (è il caso, ad esempio, delle schedature dei pazienti e degli articoli pubblicati sui quotidiani locali) che conservano la loro forma linguistica originaria. L integrazione di informazioni di questo genere richiede un passo preliminare aggiuntivo, quello di estrarre dal testo i dati rilevanti in maniera tale da renderlo non solo integrabile con dati strutturati, ma consentendo anche l applicazione su di esso di certi sistemi di ragionamento automatico. Il nuovo mondo dell ontologia nei sistemi informativi In un primo momento il problema dell integrazione dei database veniva risolto caso per caso: database venivano allineati manualmente a due a due, un po come se si stesse traducendo dal francese all ebraico. A causa, tuttavia, del numero crescente dei sistemi di database e della loro maggiore complessità, si è fatta strada l idea di ottimizzare tali sforzi costruendo un unica tassonomia di riferimento, una sorta di quadro di controllo centrale, in cui avrebbero dovuto essere tradotti, una volta soltanto, tutti i vari sistemi di classificazione. Funzionando come una sorta di lingua franca, questa tassonomia di riferimento avrebbe automaticamente garantito ad ogni database calibrato su di essa la compatibilità con tutti gli altri. Ebbene è curioso come gli informatici abbiano chiamato il sistema centrale di classificazione che stavano proponendo un ontologia, riconoscendo così l esistenza di più di un affinità tra il lavoro di costruzione che un simile sistema comportava e la vecchia metafisica. Quando ci interroghiamo, infatti, sui tipi di classificazione da utilizzare in una siffatta tassonomia di riferimento e ci domandiamo quali siano i principi da adottare nella sua realizzazione, ciò che stiamo sollevando non sono altro che interrogativi di natura filosofica, al punto che molte delle difficoltà affrontate dagli informatici nel costruire un ontologia si sono rivelate pressoché identiche ai problemi con cui hanno dovuto fare i conti i filosofi fin dai tempi di Aristotele. Si tratta di problemi che riguardano gli universali e i particolari, le proprietà e le relazioni, gli eventi e i processi. In che modo, da un mondo di differenze continue, emergono le distinzioni categoriali? Come possiamo rendere conto dell identità attraverso il tempo di un individuo se perde e acquisisce parti? Le classi sono il semplice prodotto delle segmentazioni umane o corrispondono piuttosto ad invarianti genuine presenti nella realtà? Una classe è qualcosa di più della totalità delle sue esemplificazioni? È possibile che un sistema per classificare le entità di un certo dominio di realtà risulti più corretto di un altro? Il presupposto che stava alla base della nuova ontologia informatica era quello secondo cui sarebbe stato possibile realizzare un sistema di classificazione tanto generale da poter riformulare nei suoi termini qualsiasi database. I vantaggi potenziali di un ontologia così concepita sono evidenti: se davvero tutti i database, tutti i dati presenti in testi non strutturati e tutti i corpora possono essere resi compatibili in quel modo, allora prende forma la prospettiva di mettere insieme tutte le risorse digitali che hanno esistenza separata in un unica base di conoscenze dalle dimensioni fin ad ora inimmaginabili, realizzando così l antico sogno di una Grande Enciclopedia che comprenda la totalità del sapere umano. Per quanto riguarda il dominio specifico della medicina ciò equivarrebbe alla possibilità di utilizzare l enorme quantitativo di risorse esistenti e disponibili in formato digitale (sia che si presentino nella forma di schedature non strutturate di pazienti, sia che abbiano la forma di dati statistici forniti dagli ospedali sul numero dei ricoveri e sulle terapie praticate ai degenti) come base di un gigantesco esperimento planetario: sarebbero possibili in questo modo forme nuove, puramente digitali, di ricerca medica, basate cioè interamente sullo sfruttamento del potenziale di ragionamento dei computer oltre che della loro inesauribile memoria.

3 I problemi Ad ogni buon conto, sfortunatamente, l esperienza ha mostrato come la costruzione di un ontologia di riferimento sia un impresa assai più complessa di quanto fosse prevedibile in origine. Si tratta, infatti, di un ontologia che deve essere semplice quanto basta da poter essere implementata nei nostri computer e tuttavia deve essere sufficientemente comprensiva da consentire l espressione dei termini derivati da tutti i sistemi di classificazione in competizione tra loro. La risposta a queste difficoltà da parte della stessa comunità informatica è stata quella di produrre una serie di ontologie parziali, ciascuna fondata su un valutazione differente, motivata da un punto di vista pragmatico, del modo in cui deve essere costruita un ontologia. Ed è così che la stessa situazione da Torre di Babele che aveva dato origine, per venir superata, al progetto ontologico, si riproduce ironia della sorte all interno dell ontologia stessa. L ontologia dell IFOMIS L Istituto per l Ontologia Formale e l Informatica Medica rappresenta un nuovo approccio nella soluzione dei problemi dell ontologia. Questo Istituto, che è stato fondato nel 2002 presso la Facoltà di Medicina dell Università di Lipsia, si prefigge un ritorno all idea originaria di una comune ontologia di riferimento. I tentativi precedenti di costruire un ontologia erano caratterizzati da un approccio pragmatico a un simile progetto, il quale era motivato dalla necessità di risolvere problemi specifici dello sviluppo dei sistemi informativi oppure dal lavoro fatto in discipline strettamente collegate quali l intelligenza artificiale o la ricerca in ingegneria della conoscenza (più di recente dal lavoro sulla standardizzazione di documenti e processi disseminati in Internet, nel quadro della cosiddetta «Semantic Web Initiative»). L IFOMIS, di contro, guarda oltre la sfera degli artefatti software, prendendo le mosse dall idea che (1) si debba tentare di arrivare ad un ontologia corretta prima di realizzare i modelli software e che (2) il progetto di sviluppare l ontologia di riferimento necessaria possa trarre vantaggio dalle teorie sviluppate dai filosofi in 2500 anni di ricerca ontologica. L ontologia IFOMIS è caratterizzata da un approccio realista oltre che dall idea rivoluzionaria secondo cui è necessario, nella costruzione di un sistema di database, prestare molta attenzione a come è fatto il mondo a cui quel sistema deve essere applicato. Se le ontologie informatiche esistenti sono state in gran parte costruite assumendo come punto di partenza sistemi di database già disponibili o concettualizzazioni utilizzate dagli specialisti di un certo dominio, l obiettivo dell IFOMIS è invece quello di realizzare una teoria comprensiva delle partizioni e delle interrelazioni tra entità nella realtà stessa. Una teoria di questo tipo deve essere costruita passo per passo, a partire da quei generi di enti che ci sono più familiari fino ad arrivare ad abbracciare categorie e domini di entità sempre nuovi, per lo meno quelli alla nostra portata. Tale teoria, inoltre, deve essere realizzata in modo tale da consentire revisioni nel caso in cui il tentativo di trattare nuovi tipi di entità dovesse rendere problematici i risultati ottenuti fino a quel momento. E non meno importante è la capacità che questa teoria dovrebbe possedere di rendere giustizia al fatto che una medesima realtà può essere segmentata in tanti modi diversi quante sono le prospettive attraverso cui può essere considerata. Sotto questo aspetto l elemento strutturale principale, dal nostro punto di vista, è catturato dalla nozione di granularità. È possibile effettuare partizioni diverse della medesima realtà a differenti livelli di granularità (proprio come possiamo suddividere l organismo umano in cellule, organi o in sistemi corporei). L ontologia medica dell IFOMIS deve possedere le risorse per supportare, ad esempio, non solo un ontologia anatomica al livello degli organi, all interno della struttura del corpo umano, ma anche ontologie a risoluzioni sempre più fini: dal livello cellulare a quello delle proteine, dal livello molecolare a quello genetico. Essa, inoltre, deve essere in grado di

4 supportare classificazioni di processi a diverse risoluzioni, inclusi i processi chimici e biologici che hanno luogo all interno del corpo. L ontologia di L&C Più di recente l IFOMIS ha iniziato una collaborazione con la società Language and Computing nv (L&C). Un gran numero di società tecnologiche attive nel campo farmaceutico e sanitario è in grado di offrire strumenti efficaci appositamente progettati al fine di facilitare l elaborazione di dati clinici. L efficacia di questi strumenti, tuttavia, dipende in gran parte dalla possibilità di disporre di dati strutturati, in conformità, ad esempio, a un qualche vocabolario medico controllato. Eppure una grande quantità di dati clinici si presenta in forma non strutturata è il caso, ad esempio, della maggior parte delle schede cliniche, non facendo altro che riflettere l esigenza che numerosi medici hanno di utilizzare espressioni del linguaggio naturale di loro gradimento per cogliere ogni sfumatura del caso particolare. Sebbene il numero di medici e di altri operatori della sanità convinti dei vantaggi derivanti dall uso dei computer sia in crescita costante, non manca chi preferisce ancora utilizzare dati raccolti da altri, piuttosto che registrarli in prima persona. Sono molte le ragioni di questa situazione, non ultime la scarsità di sistemi nei punti di interesse e la triste insufficienza di integrazione tra di essi nel processo di assistenza primaria, al punto che solo una frazione di quelle attività che potrebbero avvantaggiarsi dell uso del computer è effettivamente supportata. Il problema che in questo caso merita la nostra attenzione è rappresentato dal collo di bottiglia nella strutturazione dell informazione. Le cartelle cliniche, che siano redatte su carta o in formato elettronico, vengono conservate come un annotazione esterna che è parte di una storia clinica individuale, così che ogni futura decisione possa essere presa alla luce degli eventi passati. Il sistema elettronico di schedatura è, come è evidente, assai più vantaggioso del sistema cartaceo, dal momento che consente studi incrociati sui pazienti e può rappresentare un supporto per l assunzione di decisioni di tipo gestionale. Ma affinché tutto ciò sia possibile è necessario che i dati inseriti nelle macchine siano strutturati: essi devono cioè essere rappresentati e archiviati in modo tale da poter essere elaborati dalla macchina stessa, per lo meno quando si tratta di compiti che quest ultima è in grado di svolgere meglio dell uomo. Che vi sia necessità di una rappresentazione e archiviazione dati strutturata è innegabile ed è anzi qualcosa di ampiamente risaputo. L errore, tuttavia, è stato quello di ritenere che ciò comportasse anche la necessità di un immissione di dati in forma strutturata. Il che ha avuto come conseguenza l imposizione di una struttura già al livello delle modalità di acquisizione dati, nella forma di moduli rigidi, di interfacce «punta e clicca», di menu organizzati con scelte fisse e altro ancora. Vi è poi un ulteriore strutturazione al livello del contenuto che si deve all uso di sistemi di classificazione e di codifica o di vocabolari controllati. Ebbene è davvero necessario che sia l utente a realizzare la strutturazione, visto il suo scarso gradimento per i vincoli imposti in questo genere di raccolta dati e dal momento che non sono in molti quelli disposti ad accettare vincoli in cambio di successivi vantaggi nel reperimento delle informazioni? Il fatto è che sono veramente pochi quelli disposti ad accettare il fardello di una raccolta dati strutturata, in cambio di un recupero efficace delle informazioni. Inoltre è davvero sostenibile per non dire giustificabile un simile fardello, alla luce dell idea, condivisa come è stato sottolineato da molti medici, secondo cui è soltanto attraverso l uso del linguaggio naturale che è possibile ottenere una registrazione fedele dei dati che riguardano il paziente? Alla luce di quanto detto, L&C ha sviluppato un approccio innovativo all elaborazione dei dati clinici, basato sull uso di sofisticate tecnologie per l elaborazione del linguaggio naturale, potendo contare su quella che probabilmente è al momento la terminologia-ontologia medica più comprensiva che ci sia, oltre che su potenti sistemi formali per la gestione delle terminologie mediche.

5 IFOMIS e L&C L IFOMIS e L&C lavorano insieme per il conseguimento di obiettivi complementari. L&C ha la necessità di aggiornare e perfezionare costantemente le sue risorse ontologiche. Tuttavia molti progettisti di ontologie con cui L&C avrebbe potuto collaborare impiegano formalismi deboli come le logiche descrittive, le quali possono andar bene per problemi-giocattolo o per la costruzione di ontologie che rappresentino mondi semplificati, ma non rispondono certo alle esigenze di ontologie estremamente ampie quali sono, tipicamente, quelle del dominio biomedico. Ciò che manca in simili approcci è quel genere di metodologia critica utile ad osservare e comprendere fenomeni complessi, una metodologia tipica della filosofia analitica. L IFOMIS prende sul serio lo sviluppo dell ontologia proprio nel senso richiesto dal lavoro di L&C sulle ontologie di larga scala, non rinunciando però a possibili deviazioni dalla tradizione del lavoro di sviluppo se queste ultime si rivelassero necessarie a un analisi attenta dei problemi con cui gli ontologi devono confrontarsi. Nel contempo LinkBase (l ontologia medica di L&C) e LinkFactory (il loro sistema di gestione ontologica) hanno un valore inestimabile per il lavoro svolto dall IFOMIS, funzionando come unità di innesco per un conseguimento assai più rapido dei suoi obiettivi. Più nello specifico LinkBase consente all IFOMIS di identificare i punti rilevanti nello sviluppo di ontologie sanitarie, oltre a consentire l identificazione delle difficoltà e dei problemi principali che esso comporta. L IFOMIS, d altra parte, fornisce le sue risorse critiche a L&C con lo scopo di migliorare i fondamenti dell ontologia LinkBase, se non di ampliarli o emendarli laddove sia necessario. LinkFactory consente all IFOMIS lo sviluppo di ontologie in ambiente professionale e sperimentato a livello industriale. L obiettivo finale è quello di mostrare come l applicazione della metodologia e del realismo ontologico propugnati dall IFOMIS ai sistemi sviluppati da L&C possa produrre miglioramenti considerevoli nell efficienza e affidabilità di questi ultimi. Attraverso un incremento di quel genere di standardizzazione che è tipico di una teoria ontologica ben delineata, l IFOMIS sarà in grado di migliorare le attuali definizioni formali di quei concetti, e delle loro relazioni binarie, che di LinkBase rappresentano le parti costitutive. Il che, da un lato, servirà a completare e a consolidare la struttura di LinkBase, mentre, dall altro, la doterà di un potere di ragionamento aggiuntivo, rendendo inoltre possibile lo sviluppo futuro di nuovi tipi di algoritmi. Questi miglioramenti sono il frutto dell applicazione di una metodologia filosofica rigorosa, a partire dall uso di un linguaggio logico del prim ordine, che è il linguaggio in cui è definita l ontologia IFOMIS. Il rigore formale che caratterizza l approccio dell IFOMIS è dunque importato in LinkBase ad un meta-livello: gli elementi in sé subiscono pochi cambiamenti, semmai è la loro collocazione in un ontologia di dominio IFOMIS ad essere «etichettata». Perché il settore sanitario? Il dominio medico è stato scelto a fini applicativi dall IFOMIS alla luce non solo del suo significato intrinseco, ma anche a causa delle sfide ontologiche che presenta. Innanzitutto la medicina necessita di un ontologia che permetta l applicazione simultanea di prospettive distinte (quelle, ad esempio, del dottore e del paziente, del farmacologo e del genetista) ad una medesima realtà. Il dominio medico ha la caratteristica di consentire classificazioni che riflettono distinzioni rilevanti dal punto di vista causale, a più di un livello di granularità. In secondo luogo il dominio medico ha tutto il potenziale per mostrare quanto una buona ontologia sia in grado di produrre indubbi benefici per il benessere umano. Se davvero i medici sono convinti che i dati clinici debbano essere raccolti in forma di testo non strutturato, allora l ideale sarebbe quello di consentire loro l inserimento delle informazioni nelle forme del linguaggio naturale che più prediligono, ma in modo tale che la macchina possa analizzare e strutturare l input in maniera automatica. Il che richiede strumenti avanzati per la comprensione del linguaggio naturale, i quali, a loro volta, non possono fare a meno di ontologie efficaci.

6 Il potenziale rappresentato dall idea di un sistema realmente integrato di cartelle cliniche elettroniche realmente integrato richiede non solo risorse adeguate per l elaborazione del linguaggio clinico, ma necessita anche di robusti sistemi di classificazione e di terminologie mediche strutturate che siano dotate di un elevato grado di adeguatezza rappresentativa nei confronti di tutti quei fenomeni che costituiscono il dominio medico. I sistemi di database e i sistemi terminologici associati agli attuali paradigmi di raccolta dei dati clinici non sono in grado di soddisfare questi requisiti, così che, anche in questo caso, la metodologia propugnata dall IFOMIS di un ontologia realista può rivelarsi utile. L industria farmaceutica è ben consapevole dell importanza di una gestione efficace dell informazione e della conoscenza. L introduzione sul mercato di un nuovo tipo di farmaco è un processo a più livelli che richiede normalmente tra i 7 e i 15 anni. Lungo un simile percorso deve essere raccolta, analizzata e comunicata un enorme quantità di informazioni. Tra i cento e i mille individui intervengono nel corso dello sviluppo di un qualsiasi farmaco: dagli studi di fattibilità, alla programmazione, al monitoraggio della sperimentazione clinica, alla preparazione della documentazione medica, allo studio della normativa, fino alla sorveglianza post-marketing o farmacovigilanza. Vengono prodotte decine di migliaia di documenti che devono essere analizzati. L ontologia medica dell IFOMIS dovrà dunque essere in grado di comprendere anche quei diversi generi di entità che sono interessati da processi tanto complessi e delicati quali possono esserlo le sperimentazioni cliniche. Una sperimentazione clinica non è altro che un esperimento controllato nel quale l efficacia di una determinata terapia viene testata in maniera sistematica su gruppi preselezionati di pazienti. Per questo motivo l ontologia medica dell IFOMIS deve essere sufficientemente espressiva da rappresentare le strutture adottate nelle tipologie standard di sperimentazione, includendo sistemi di classificazione per le terapie, per le popolazioni dei pazienti e per i risultati ottenuti. Tale ontologia dovrebbe inoltre essere in grado coadiuvare lo sviluppo di standard non solo per la rappresentazione di dati sperimentali, ma anche per la preparazione di protocolli clinici e di linee guida che specifichino le procedure di diagnosi e cura. La prima filosofia al servizio dell industria LinkBase è un ontologia di dominio medico sviluppata da L&C e progettata per supportare la comprensione automatica di testo medico in modo tale da consentire l uso di terminologie e ontologie mediche standardizzate che pure non è erano state concepite a questo scopo. Un simile compito si è rivelato particolarmente difficile data l assenza di basi ontologiche rigorose nella maggior parte dei sistemi terminologici. Questi ultimi sono spesso internamente incoerenti, risentendo inoltre di difetti logici quali la presenza di lacune classificatorie, di circolarità e di ambiguità terminologiche. Ciò che più conta, quei sistemi rivelano una totale, reciproca, incompatibilità. LinkBase è un ontologia «contenitore» onnicomprensiva, caratterizzata da una forte coerenza logica e concepita in modo tale che su di essa possano essere mappate, in modo sicuro, terminologie mediche esterne. Ma non mancano i problemi: i fenomeni medici possono essere di notevole complessità e il linguaggio utilizzato per descriverli può manifestare certe sottili sfumature dovute al contesto, in grado di resistere anche ad un trattamento coerente all interno di una cornice logica semplice. Per millenni, ogniqualvolta gli esseri umani abbiano incontrato delle difficoltà nel comprendere la realtà si sono rivolti ai filosofi per ottenere delle soluzioni. Ora, quando abbiamo delle difficoltà nel comprendere il modo in cui rappresentare e ragionare sulla realtà, dobbiamo fare esattamente la stessa cosa. La causa delle ambiguità e delle incoerenze cui si è fatto riferimento in precedenza è da ricercarsi nell assenza di un quadro unificato per la comprensione delle relazioni formali che strutturano la realtà (relazioni tra oggetti e processi, universali e particolari, parte e intero, funzione ed esecuzione e così via). L ontologia IFOMIS è invece in grado di fornire una comprensione unificata e coerente di tali relazioni: la sua implementazione come «spina dorsale» ontologica ovvero come ontologia «top-level» per LinkBase, non solo renderà disponibile una

7 solida cornice entro cui sia possibile chiarire le attuali ambiguità e discrepanze all interno e tra ontologie, ma fornirà un modello per la loro revisione e futura integrazione. L implementazione di un ontologia «top-level» che abbia un solido fondamento filosofico sarà dunque in grado di soddisfare il bisogno urgente di un efficace integrazione degli attuali sistemi terminologici, rappresentando inoltre un utile guida allo sviluppo futuro di algoritmi, non soltanto nel campo medico, ma, almeno in linea di principio, anche in tutti quei domini in cui sia forte la necessità di dotarsi di terminologie robuste oltre che di una comprensione del linguaggio naturale che sia tanto efficace quanto affidabile. Letteratura sull ontologia applicata Guarino, Nicola 1995 Formal Ontology, Conceptual Analysis and Knowledge Representation, International Journal of Human-Computer Studies, 43, Guarino, Nicola (a cura di) 1998 Formal Ontology in Information Systems, Amsterdam, Berlin, Oxford: IOS Press. Tokyo, Washington, DC: IOS Press (Frontiers in Artificial Intelligence and Applications), Johansson, Ingvar 1989 Ontological Investigations. An Inquiry into the Categories of Nature, Man and Society, New York and London: Routledge. Koepsell, David R The Ontology of Cyberspace: Law, Philosophy, and the Future of Intellectual Property, Chicago: Open Court. Koepsell, David R. (a cura di) 1999 Proceedings of the Buffalo Symposium on Applied Ontology in the Social Sciences (The American Journal of Economics and Sociology, 58: 2). Schulze-Kremer, Steffen 1997 Adding Semantics to Genome Databases: Towards an Ontology for Molecular Biology, in Proceedings of the Fifth International Conference on Intelligent Systems for Molecular Biology, a cura di T. Gaasterland et al., Halkidiki, Greece. Searle, John R The Construction of Social Reality, New York: Free Press, 1995; trad. it. di A. Bosco, La costruzione della realtà sociale, Edizioni di Comunità, Milano Simons, Peter M. e Dement, Charles W Aspects of the Mereology of Artifacts, in Formal Ontology, a cura di Roberto Poli e Peter Simons, Dordrecht: Kluwer, 1996, Smith, Barry (in corso di pubblicazione) Ontology, in Blackwell Guide to the Philosophy of Computing and Information, a cura di Luciano Floridi, Oxford: Blackwell. Smith, Barry e Mark, David M Geographic Categories: An Ontological Investigation, International Journal of Geographic Information Science, 15: 7, Smith, Barry e Varzi, Achille C Surrounding Space: The Ontology of Organism-Environment Relations, Theory in Biosciences, 121, Smith, Barry e Zaibert, Leonardo 2001 The Metaphysics of Real Estate, Topoi, 20: 2. Welty, Christopher e Smith, Barry (a cura di) 2001, Formal Ontology and Information Systems, New York: ACM Press. Letteratura sull ontologia medica e sulla comprensione del linguaggio naturale Ceusters, W., Buekens, F., De Moor, G., Waagmeester, A The distinction between linguistic and conceptual semantics in medical terminology and its implications for NLP-based knowledge acquisition, Methods of Information in Medicine, 37, Ceusters, W., Cimino, J., Rector, A Medical Language and Terminologies, in Internet, Telematics and Health, a cura di M. Sosa-Iudicissa, N. Oliveri, C. A. Gamboa and J. Roberts, , Amsterdam: IOS Press. Ceusters, W., Lovis, C., Rector, A., Baud, R Natural language processing tools for the computerised patient record: present and future, in Toward an Electronic Health Record Europe 96, Proceedings, a cura di P. Waegemann, Ceusters, W. e Smith, B. (in corso di pubblicazione) Ontology and Medical Terminology: why Descriptions Logics are not enough, TEPR Ceusters, W., Spyns, P. e De Moor, G From Syntactic-Semantic Tagging to Knowledge Discovery in Medical Texts, International Journal of Medical Informatics 52, Ceusters, W Language Engineering Tools for Healthcare Telematics, in Proceedings of the Third European Conference on Electronic Healthcare Records, Eurorec 99, Seville (Spain), 6-7 May 1999, Flett, A., Casella dos Santos, M., Ceusters, W Some Ontology Engineering Processes and their Supporting Technologies, in Ontologies and the Semantic Web, a cura di A. Gomez-Perez e V. R. Benjamins, EKAW2002, Berlin: Springer, Hahn, U., Schulz, S., Romacker, M Part-Whole Reasoning: A Case Study in Medical Ontology Engineering, IEEE Intelligent Systems and Their Applications, 14: 5,

8 Rector, A.L., Zanstra, P., Solomon, D., Rogers, J., Baud, R., Ceusters, W., Claassen, W., Kirby, J., Rodrigues, J. M., Rossi-Mori A., van der Haring, J., Wagner, J Reconciling Users Needs and Formal Requirements: Issues in Developing a Reusable Ontology for Medicine, IEEE Transactions on Information Technology in Biomedicine, 4, Tange, H. J., Hasman, A., de Vries Robbe, P.F., Schouten, H. C Medical Narratives in Electronic Medical Records, International Journal of Medical Informatics, 46: 1, 7-29.

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Michele Ruta Politecnico di Bari Crescenzio Scioscia Policlinico di Bari SMAU Business 2010 10-11

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT (THE PRESERVATION OF THE ELECTRONIC RECORDS WITHIN THE ITALIAN E-GOVERNMENT PROCEDURES) Maria Guercio Il quadro normativo

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 Argomenti Che cosa sono i metadati Criticità relative a definizione, indentificazione e classificazione

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Ontologia filosofica, ontologia classificatoria, ontologia informatica: esplorando una relazione. Carlo Scognamiglio

Ontologia filosofica, ontologia classificatoria, ontologia informatica: esplorando una relazione. Carlo Scognamiglio Ontologia filosofica, ontologia classificatoria, ontologia informatica: esplorando una relazione Carlo Scognamiglio Aristotele, Metafisica, Γ 2, 1003 a 20-25 C è una scienza che considera l essere in quanto

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

Guida rapida all acquisto di traduzioni Con centinaia di agenzie di traduzione e migliaia di traduttori freelance presenti sul territorio nazionale, non è facile orientarsi nel mercato delle traduzioni,

Dettagli

Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic

Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic Francesco Mele 1, Antonio Sorgente 1, Giuseppe Vettigli 1 1 C.N.R. Istituto di Cibernetica E. Caianiello, Via Campi Flegrei, 34 Pozzuoli, Naples, Italy. {f.mele,

Dettagli

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea A.A. 2001/02 La cartella clinica elettronica Electronic Patient Record Vincenzo Della Mea Università di Udine La cartella clinica nucleo fondamentale dei dati gestiti in sanità Supporta i tre cicli dell

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b)

Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b) Dimitris Gritzalis (a), Costas Lambrinoudakis (b) a Department of Informatics, Athens University of Economics and Business, 76 Patission Street, Athens GR 10434, Greece b Department of Information and

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica Paolo Perlasca Dipartimento di Informatica, Indirizzo: via Comelico 39/41, 20135 Milano Telefono: 02-503-16322 Email: paolo.perlasca@unimi.it Paolo Perlasca è ricercatore universitario confermato presso

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Stefano Cagnoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Parma cagnoni@ce.unipr.it 1 Introduzione Il mondo fisico ed i fenomeni naturali

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Metodologie statistiche per l analisi del rischio

Metodologie statistiche per l analisi del rischio Corso di Laurea in Sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti Metodologie statistiche per l analisi del rischio INTRODUZIONE ALL ANALISI QUANTITATIVA DEL RISCHIO PER LA SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI

Dettagli

Formare un professionista eticamente consapevole. Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende

Formare un professionista eticamente consapevole. Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende Formare un professionista eticamente consapevole Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende Introduzione alla bioetica C.Viafora FrancoAngeli Editore CATTORINI PAOLO

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7 Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 CAPITOLO 1 - Elementi di un Contesto Ideale per la gestione del CM 1.1 Linee guida clinico/operative

Dettagli

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi.

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi. BOZZA 2.1 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI Introduzione Obiettivi Principi Principio 1: Implementazione Principio 2: Scopi e metodi Principio 3: Fonti

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

Available study programs at Sapienza University of Rome

Available study programs at Sapienza University of Rome EU subject code University subject Name of course/program Mobility Language Homepage 2,1 Architecture Disegno Industriale Bachelor IT http://www.uniroma1.it/corsipertipologia/ L 2,1 Architecture Scienze

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA

TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA TOOLS EDUCAZIONALI NELL AREA NEUROLOGICA Possibile soluzione per una divulgazione certificata dell informazione Silvia Molinari, Formazione & Informazione Direzione Scientifica IRCCS Istituto Neurologico

Dettagli

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI 2. SISTEMI CONTABILI 10 Parte prima - Teoria I sistemi di rilevazione che si avvalgono di un insieme di conti, tra loro collegati e costituiti in sistema, assumono la denominazione di «sistemi contabili».

Dettagli

Le ontologie mediche. Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? In generale: Le ontologie

Le ontologie mediche. Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? In generale: Le ontologie Le ontologie mediche In generale: Le ontologie Giulia Benotto Informatica Umanistica 7 Dicembre 2005 Ontologie: Cosa sono? Basi di conoscenza: Cosa sono? Definizione filosofica: Area della metafisica che

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola La scheda Uil Scuola Negli ultimi tempi sono state introdotte diverse disposizioni che, intervenendo per razionalizzare la spesa pubblica hanno promesso effetti dirompenti per l organizzazione delle scuole,

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

I processi esistenti di pubblicazione della documentazione di manutenzione sono obsoleti e non scalabili

I processi esistenti di pubblicazione della documentazione di manutenzione sono obsoleti e non scalabili P T C. c o m Approfondimento Servizio migliore grazie a migliori informazioni di manutenzione Pagina 1 di 5 Fornitura di manutenzione a costi inferiori Le informazioni di manutenzione coerenti e aggiornate,

Dettagli

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI S.O.C. Assistenza Farmaceutica AZIENDA N 4 Medio Friuli REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI Edizione 0 del 20/11/07 REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag.

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag. Dott. Andrea Vallarino Medico Specialista in Psicoterapia Specialista in Criminologia Clinica via A. Gramsci, 1/1A, 16126 Genova, tel. 010/2467677, cell. 3496922664 E-mail:andreavallarino@libero.it; web

Dettagli

Curricolo di TECNOLOGIA. Scuola Primaria

Curricolo di TECNOLOGIA. Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di TECNOLOGIA Scuola Primaria Traguardi di competenza classe QUINTA Riconosce e identifica nell ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

Biosimilari: scelta informata

Biosimilari: scelta informata Executive summary Biosimilari: scelta informata Position paper sui farmaci biotecnologici e biosimilari A cura del Sottogruppo Biosimilari del Gruppo di Lavoro Farmaco Biotech 1. L innovazione farmaceutica

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2012/13 Modulo 0 Progettare, sistemi, multimedialità: Definizioni, strumenti, ciclo di vita dei progetti, figure professionali

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali

L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali L analisi ontologica al servizio della modellazione concettuale: le ontologie fondazionali Roberta Ferrario Laboratorio di Ontologia Applicata (LOA) Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC-CNR)

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna.

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N 1485 d iniziativa del deputato VARGIU Presentata il

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La Certificazione ECDLHealth Filippo Maria Pacini Policlinico Umberto I - Roma Roma, 24 giugno 2010 Palazzo dei Congressi all'eur Definizioni

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1 Introduzione Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Indice - Di cosa si occupa l informatica? - Cosa sono gli algoritmi?

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico GE Healthcare MAC 5500 Sistema ECG diagnostico Caratteristiche principali del MAC 5500 Frutto delle dimostrate capacità innovative di GE nel campo dell acquisizione e dell analisi ECG, il MAC 5500 è il

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici CPOE (Computerized Physician Order Entry). E inoltre disponibile e un Repository strutturato per la gestione di

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA 1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE MADD-SPOT, 2, 2013 LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE DI ROBERTO MECCA Il mercato dell animazione 3D è in forte crescita in questi anni. Stampanti tridimensionali, nuovi strumenti per l analisi

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

La liberalizzazione dei servizi sanitari

La liberalizzazione dei servizi sanitari La liberalizzazione dei servizi sanitari INTRODURRE PRINCIPI E REGOLE ISPIRATE ALLA SUSSIDIARIETÀ PUÒ ESSERE DI GRANDE AIUTO NELL AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ ECONOMICA, POLITICA E SOCIALE DELLA GESTIONE

Dettagli

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Forum P.A. - 10 maggio 2006 STEFANO PARISI Amministratore Delegato Fastweb S.p.A. Nella mia esperienza precedente ho lavorato nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Metodi Alternativi: 3Rs ricerca e aspetti regolatori

Metodi Alternativi: 3Rs ricerca e aspetti regolatori BREVE RELAZIONE CONVEGNO BRESCIA (17 19 aprile Brescia) Metodi Alternativi: 3Rs ricerca e aspetti regolatori A Brescia l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna, nelle

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea specialistica in INFORMATICA Basi di Dati Avanzate e Tecniche di Data Mining Prof. G. Cecconi, Prof.

Dettagli

[EEDS] Comprendere cosa è l hardware, conoscere i fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer e sapere cosa sono le periferiche.

[EEDS] Comprendere cosa è l hardware, conoscere i fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer e sapere cosa sono le periferiche. PROPOSTA PER L EROGAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE CON CERTIFICAZIONE FINALE ECDL (CORE E/O HEALTH) A CURA DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA (TEST CENTER DI ATENEO AGI_02) A FAVORE DEL DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA,

Dettagli

ULTRA Supporto Tecnico Investigativo

ULTRA Supporto Tecnico Investigativo ULTRA Supporto Tecnico Investigativo Introduzione L avanzamento delle tecnologie di telecomunicazione, le nuove tecniche investigative, la disponibilità di sempre nuovi mezzi per la raccolta delle informazioni

Dettagli