Biobanche: aspetti informatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biobanche: aspetti informatici"

Transcript

1 Biobanche: aspetti informatici

2 pathologica 2008;100: Biobanche: aspetti informatici M. Galvagni, S. Cotrupi *, M. Barbareschi * MTT-pro, Trento; * U.O. Anatomia Patologia, Ospedale S. Chiara, Trento Parole chiave Banche tissutali Biobanking Conservazione tessuti biologici Criopreservazione tissutale Informatica Una biobanca è essenzialmente una raccolta di biomateriali e di dati clinico-patologici e biomolecolari 1. La corretta e ordinata raccolta, conservazione ed integrazione di tali elementi è fondamentale per la funzionalità di un biobanca, ed è ciò che distingue una semplice raccolta di biomateriali da una biobanca propriamente detta. La natura dei dati da raccogliere ed associare ai biomateriali è tale da richiedere un apposito sistema informatico, sviluppato per rispondere alle varie esigenze della gestione di una biobanca. Individuazione architettura di riferimento della biobanca Come per tutti i sistemi informatici e informativi di ultima generazione e per le applicazioni distribuite, anche per i sistemi che si occupano della gestione della biobanca non ci si può esimere dal considerare valida un architettura software basata su di una struttura a n livelli di tipo web-based (n-tier web oriented). Questo tipo di architettura (in Figura 1 è rappresentata l architettura generale a 3 livelli) trova il suo punto di forza nei seguenti elementi: scalabilità: i sistemi sviluppati su architettura n-tier permettono facilmente di crescere in funzioni delle necessità e delle possibilità; gestione delle le risorse, che vengono indirizzate; gestione ottimale dei risultati; complessità delle funzionalità che possono essere implementate; integrazione con qualsiasi altro sistema informativo. L architettura ad n-livelli prevede che il sistema venga scomposto in n livelli (nel caso 3 livelli: livello di pre- Fig. 1. Architettura generale a 3 livelli. Il presente contributo è stato possibile grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto per il progetto Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Trentino Biobank Corrispondenza dott. Mattia Barbareschi, U.O. Anatomia Patologica, Ospedale S. Chiara, largo Medaglie d Oro, Trento - mattia.

3 Biobanche: aspetti informatici 117 sentazione, livello di applicazione e livello dati) ognuno indipendente dagli altri e con specifiche interfacce di comunicazione che consentono ai vari livelli di interagire fra di loro. In questo modo si rendono più agevoli tutte le operazioni come le variazioni in sede di presentazione, l aggiunta di nuovi servizi oppure la modifica e la sostituzione del database. Un sistema strutturato a livelli richiede per operare in modo performante e funzionale una piattaforma applicativa composta da diversi componenti quali: web server; application server; database server; authentication e authorization server, middleware, e adattatori. Grazie all architettura a n livelli, il sistema informativo per la gestione della biobanca permette di interagire in modo agevole con tutti gli altri sistemi che solitamente sono presenti all interno delle strutture ospedaliere. Un sistema informativo per la gestione della biobanca deve però essere strutturato in modo da essere completamente autonomo per poter essere utilizzato anche in scenari esterni alle strutture ospedaliere. Si propone, per il sistema informativo della biobanca un implementazione con tecnologia a 3 livelli (Fig. 2). Il sistema per la biobanca implementato con tecnologia ad n livelli web-oriented prevede la presenza di un browser (presentation layer) per la consultazione della biobanca, di un livello di applicazione (business layer) in cui vengono elaborate tutte le informazioni e preparate per la visualizzazione e di un livello di dati (data layer). Particolare attenzione va riservata ai livelli data e business. Nel livello di applicazione risiedono tutte le logiche, le interfacce e gli applicativi che si occupano di elaborare l informazione per consentire poi al sistema di visualizzarla oppure di immagazzinarla in modo corretto. Il livello data è il livello in cui risiedono fisicamente i dati, che si distinguono in: dati clinici: sono i dati clinici del paziente che descrivono la storia clinica del paziente; dati personale: rappresentano i dati anagrafici del paziente; dati bio: sono i dati propri del tessuto analizzato, contengono sia dati biologici, molecolari o di stoccaggio (cioè dove vengono archiviati i tessuti). Questo risulta essere il livello che maggiormente può variare a seconda del contesto in cui viene inserito il sistema biobanca; cioè se il sistema è o meno inserito in una struttura clinica sanitaria. Nel caso in cui la biobanca sia interna ad una struttura ospedaliera il sistema non necessita di avere al suo interno i dati personali e i dati clinici, ma è sufficiente che questi siano collegati agli altri sistemi che normalmente detengono queste informazioni. Gli archivi Personal data e clinical data sono necessariamente interni al sistema nel caso in cui la biobanca non risieda all interno di una struttura clinica. In questo ultimo caso la gestione dei dati clinici e personali richiedono particolare attenzione; l architettura del sistema deve soddisfare la normativa che regolamenta il trattamento dei dati personali (DL n. 196 del Codice in materia di protezione dei dati personali) che prevede che nessuno accidentalmente possa collegare i dati clinici ad una persona fisica. A tale scopo si è previsto di separare i 3 tipi di dati in diversi archivi fisici. La procedura che in automatico collega i dati di diverso tipo fra di loro esclusivamente per le persone autorizzate viene chiamato binding. Moduli di riferimento della biobanca Il sistema informativo per la gestione di una biobanca prevede la presenza di un applicativo centrale per la me- Fig. 2. Architettura a 3 livelli. per un prototipo di biobanca.

4 118 M. Galvagni et al. Fig. 3. Architettura ad alto livello. morizzazione delle informazioni relative ai biomateriali e al loro stoccaggio. Vi è poi la necessità di correlare tali informazioni alle informazioni cliniche, patologiche e genetiche del paziente, gestite prevalentemente da sistemi legacy nella stessa Unità Operativa di Anatomia Patologica o in altre Unità Operative. La banca dei tessuti dovrà essere vista all occorrenza come l unitarietà di tali informazioni. Gli standard a disposizione dal punto di vista informatico sono sicuramente HL7 come protocollo di interscambio di informazioni cliniche fra applicativi legacy (dati patologici, clinici, ecc.) e database dei biomateriali stoccati. XML dovrà essere preferibilmente lo standard per lo scambio di informazioni e documenti in particolar modo per la pubblicazione di dati riassuntivi ed anonimizzati via web. Accessibilità, protezione e sicurezza Il legislatore regolamenta le misure minime di sicurezza dei sistemi informativi relativamente ai seguenti aspetti: sicurezza di accesso agli elaboratori; sicurezza di trasferimento delle informazioni; autenticazione e autorizzazione degli accessi. La sicurezza di accesso agli elaboratori è intesa come accesso fisico agli elaboratori adibiti alle applicazioni lato server ed è strettamente correlato ovviamente alla loro locazione. Per quanto riguarda i server della biobanca, questi dovranno soggiacere alle stesse politiche. Le informazioni possono essere accedute in ambiente controllato, all interno della lan ospedaliera, ma deve essere necessario garantire un accesso al mondo esterno usufruendo della rete Internet, per poter consultare, ad esempio, le informazioni da postazioni o istituzioni remote. Nel caso di accesso al mondo esterno devono essere adottate misure forti di controllo del trasferimento delle informazioni, di autenticazione degli accessi e di successivo rilascio dell autorizzazione. Una soluzione informatica a garanzia della sicurezza a livello di trasferimento dei dati dall elaboratore centrale (Server Web) all applicativo utente (Web Browser) potrebbe prevedere, per l implementazione del canale di trasmissione, il protocollo SSL (Secure Socket Layer)

5 Biobanche: aspetti informatici 119 Fig. 4. Protocollo SSL. implementato dalla Microsoft per la crittografia a 128 bit, basata su certificato server e chiave asimmetrica. I certificati sono emessi da un infrastruttura di PKI (Public Key Infrastructure) composta dalla Certification Authority (CA) Microsoft Certificate Server con CSP (Criptographic Service Provider) su Token PRO Aladdin. Il protocollo SSL (ora TLS) è stato originariamente progettato da Netscape Communications Corporation per realizzare comunicazioni cifrate su Internet. Come mostrato nella Figura 4, il protocollo SSL è inserito tra i protocolli di comunicazione (HTTP, SMTP, FTP, Gopher e NNTP) e il protocollo di connessione TCP/IP. Utilizzato dalla connessione in protocollo HTTPS per cifrare i messaggi in protocollo HTTP, SSL è basato su un meccanismo a coppia di chiavi asimmetriche e certificato rilasciato da una CA ad un Web Server, mediante il quale il client genera e cifra con la chiave pubblica dal server una chiave di sessione da utilizzare per cifrare la comunicazione. L autenticazione dell utente esterno si baserà su firma digitale apposta dall utente su dispositivi di autenticazione, quali possono essere token o smart card, in possesso dell utente stesso. In questa ipotesi la procedura di autenticazione non inizia fino a quando l utente non inserisce il dispositivo di sicurezza nell apposito slot (lettore di smart card o porta USB del pc). Se il dispositivo è estratto dal proprio alloggiamento prima che la sessione sia terminata, questa verrà chiusa immediatamente dall applicazione (Fig. 5). L autorizzazione all accesso dovrà essere effettuata lato server il quale controllerà credenziale, validità del certification e permessi dell utente in relazione alle informazioni che sta richiedendo. Fig. 5. Framework di sicurezza.

6 120 M. Galvagni et al. Formalizzazione dei flussi informativi Lo schema di Figura 6 mostra quali tipologie di informazioni, relative ad un paziente, vengono coinvolte nella gestione di una biobanca. Nello schema sono mostrate le seguenti tipologie di informazioni: informazioni direttamente correlate al biomateriale (classi prelievo, campione, aliquota e dati di utilizzo). Tali informazioni sono gestite nel sistema di raccolta e stoccaggio. Descrivono le informazioni minimali sull origine del materiale (data e ora di arrivo in laboratorio, tipologia, organo di prelievo, quantità,...), le informazioni sulla conservazione del materiale (tipo di manipolazione, coordinate all interno dei contenitori di conservazione, modalità di stoccaggio,...) e registrano i dati di utilizzo (identificativi dell istituzione e del progetto di studio che ne ha richiesto l utilizzo, modalità di stoccaggio, richiesta,...); dati patologici relativi al biomateriale: sono informazioni contenute nei sistemi gestionali delle U.O di Anatomia Patologica (diagnosi istologica, TNM e grading, marcatori immunoistochimici e biomarcatori,...); dati anagrafici e dati sensibili: sono dati associati al paziente che permettono i primi, in casi autorizzati e speciali, l identificazione della sorgente del campione e i secondi studi mirati di popolazione sui campioni (ad esempio a seconda della prevalente attività lavorativa); dati clinici relativi al biomateriale: rappresentano potenzialmente qualsiasi dato raccolto nel corso della storia clinica del paziente, associabile al biomateriale, utilizzabile ai fini della ricerca. Sono dati clinici ad esempio le terapie e il decorso (recidivem visite di follow-up, ). Nella Figura 7 è schematizzato il flusso informativo che coinvolge il donatore del biomateriale dal momento del suo ingresso nella struttura sanitaria in poi. Ovviamente un paziente può acconsentire o meno alla raccolta dei suoi biomateriali nella biobanca. Nel caso sia stato rilasciato il consenso dovrà essere effettuata l accettazione del paziente e del relativo pezzo operatorio, e l iter di analisi e stoccaggio proseguirà parallelo, ma indipendente dal normale percorso di diagnosi e cura del paziente. Definizione dell architettura funzionale di un sistema per la raccolta dati Come abbiamo già detto una biobanca è essenzialmente una raccolta di campioni biologici connessi a un ampia raccolta di dati: entrambi questi elementi necessitano di una gestione accurata e complessa che può essere garantita solamente attraverso un sistema gestionale informatico disegnato appositamente. Nella situazione ideale tale sistema deve interfacciarsi con i sistemi gestionali delle unità operative di anatomia patologica e con eventuali altri sistemi, quali le cartelle cliniche informatizzate dei reparti clinici. Di seguito vengono riportati i requisiti minimi di un sistema per la gestione della raccolta di biomateriali. Il sistema gestionale, eventualmente integrato con il sistema gestionale delle unità operative di anatomia patologica deve essere in grado di: assegnare un identificativo univoco al materiale, possibilmente utilizzando sistemi di codifica a barre; l identificativo deve essere diverso dal numero istologico dell esame, presente nel sistema gestionale delle unità operative di anatomia patologica; in alternativa Fig. 6. Tipologie di informazioni.

7 Biobanche: aspetti informatici 121 Fig. 7. Flussi di informazioni. il sistema deve essere in grado di ricevere un simile identificativo specifico, generato all interno del sistema gestionale della U.O. di Anatomia Patologica; permettere, solo al responsabile della biobanca o a un suo delegato, con una apposita procedura nel rispetto delle norme giuridiche, la correlazione fra materiale conservato e donatore; registrare i dati relativi al consenso fornito dal pa-

8 122 M. Galvagni et al. ziente all utilizzo del materiale biologico, comprese le varie restrizioni all uso del materiale stesso; memorizzare i dettagli del materiale in termini di: tipologia di materiale (tessuto, materiale citologico,...), topografia del prelievo, diagnosi istologica, codifica TNM (possibilmente tramite sistema codificato interfacciato con il sistema gestionale delle unità operative di anatomia patologica), tipo di campione (tessuto normale, peritumorale, tumorale,...), manipolazione dei campioni (tipo di processazione, tempistica di prelievo rispetto alla exeresi chirurgica, ); registrare le coordinate del materiale rispetto al luogo di conservazione: freezer, colonna, scatola,...; registrare i movimenti del materiale: quantità prelevate per studio, finalità e identificativo dello studio; permettere la registrazione delle informazioni cliniche, possibilmente interfacciandosi con i sistemi esistenti (cartelle cliniche informatizzate); permettere la registrazione dei dati molecolari che vengono progressivamente prodotti dall analisi dei materiali stessi. Il sistema di raccolta deve inoltre: permettere una rapida interrogazione della sua base dati per verifiche e selezione di materiale di studio; pubblicare periodicamente un report sulla consistenza della biobanca per riversare tali dati in sistemi web pubblici, per permettere ad altre istituzioni di venire a conoscenza e usufruire del materiale per motivi di studio, ovvero riversare tali dati in un sistema di rete tra biobanche; garantire un elevato livello di sicurezza attuando politiche di protezione sia all interno dell istituzione che soprattutto all esterno. Analisi dei requisiti di un sistema per la raccolta dati Per consentire la progettazione e l implementazione di un sistema biobanca è necessaria una raccolta e analisi dei requisiti, che possono essere classificati in: requisiti utente: cioè quei requisiti identificati direttamente dall utente per specificare le proprie esigenze e le proprie attese dal sistema. Vengono descritti ed esplicati con la stesura del database utilizzando il formalismo entità-relazioni; requisiti funzionali: sono le funzioni identificate in accordo con l utente. Progettazione base di dati Progettazione concettuale Lo scopo della progettazione concettuale è quello di descrivere, con un opportuno linguaggio (nel nostro caso il formalismo Entity-Relationship), ciò che il sistema dovrà trattare e quale dovrà essere il suo comportamento. Tale descrizione coinvolge i seguenti aspetti: ontologico, epistemologico, pragmatico e linguistico. Aspetto ontologico L aspetto ontologico descrive ciò che esiste nel mondo reale osservato e che alla fine della progettazione concettuale deve generare il diagramma entity-relationship. Nella progettazione vanno quindi descritte la conoscenza concreta, la conoscenza astratta e la conoscenza procedurale. Conoscenza concreta Nella descrizione della conoscenza concreta si devono elencare le entità rilevate nella modellazione del sistema. Le entità vengono identificate negli elementi del mondo reale che compongono il sistema che si va a modellare, nel nostro caso quindi le entità si possono riassumere in: paziente: è l entità che identifica il paziente donatore ; risulta essere elemento fondamentale del sistema; biomateriale (generalmente un pezzo operatorio): identifica il campione biologico sul quale vengono effettuate una serie di manipolazioni. Ai fini del sistema risulta essere l entità principale senza la quale il sistema non può funzionare; campione: il biomateriale (es.: pezzo operatorio) viene diviso in campioni (frammenti o porzioni del biomateriale) che vengono raccolti e conservati con opportune procedure; aliquota: questa entità identifica una successiva suddivisione (a livello fisico) del campione per l utilizzo della stessa in studi di ricerca o esami particolari. Le entità sono collegate tra di loro dalle Associazioni con la seguente cardinalità: paziente (1,n) _ biomateriale (1,1) biomateriale (1,n) _ campione (1,n) campione (1,n) _ aliquota (1,n) Conoscenza astratta La conoscenza astratta riassume i possibili vincoli a cui è soggetta la conoscenza concreta. Qui di seguito riportiamo i vincoli di integrità della base dati. L entità paziente, per essere tale deve avere un codice fiscale, un codice paziente. L entità pezzo operatorio deve avere un codice pezzo operatorio, una data ed un ora di exeresi Conoscenza procedurale La conoscenza procedurale raccoglie tutti quei dati che vengono ricavati in modo automatico dal sistema e vengono memorizzati nella base dati; qui di seguito riportiamo l elenco dei vincoli procedurali con riportata nella parentesi l entità a cui fanno riferimento.

9 Biobanche: aspetti informatici 123 Intervallo dal prelievo (entità campione): memorizza il periodo, espresso in minuti, che trascorre dal momento delle exeresi al momento in cui il campione viene stoccato in freezer. Materiale esaurito (entità campione e aliquota): memorizza lo stato di disponibilità del campione o dell aliquota. Viene calcolato in automatico dal sistema tenendo presente ogni singolo utilizzo o prelievo del campione o dell aliquota. Schema concettuale della base dati secondo il formalismo entity-relationship Tutte le informazioni raccolte generano così il diagramma E/R (entity-relationship) riportato nella Figura 8. Progettazione logica Descriviamo qui in dettaglio le entità del modello E/R descrivendo gli attributi principali che possono essere previsti per queste. Qui di seguito viene riportata la programmazione logica delle entità di u sistema di gestione di una biobanca, nella colonna descrizione viene fornita la descrizione dei campi che non risultano ovvi dal nome. Fig. 8. Schema entity-relationship.

10 124 M. Galvagni et al. Entità paziente (se residenti in archivio i dati devono essere forzatamente criptati e protetti dagli accessi accidentali, in alternativa possono risiedere nel sistema gestionale della unità operativa): Nome campo Centro Progressivo paziente Tipo paziente Nome Cognome Data di nascita Sesso Città di nascita Città di residenza Provincia Occupazione Descrizione/note Centro da cui proviene il paziente Codice del paziente composto da caratteri alfanumerici Specifica la tipologia del paziente e può assumere i valori Paziente Donatore sano Non definito Città di nascita del paziente Città di residenza del paziente Provincia di residenza del paziente Occupazione principale del donatore Entità pezzo operatorio: Nome campo Codice pezzo operatorio Consenso informato Data exeresi Ora exeresi Data arrivo Ora arrivo Materiale Organo Tipo intervento Diagnosi istologica estesa Diagnosi codificata snomed-m Tnm Grading Immagine Descrizione/note Codice univoco Sono registrate le varie autorizzazioni/restrizioni decise dal paziente Data del prelievo del pezzo operatorio Ora del prelievo del pezzo operatorio Data di arrivo del pezzo operatorio all u.o. di Anatomia Patologica Ora di arrivo del pezzo operatorio all u.o. di Anatomia Patologica Specifica la tipologia del materiale e può assumere i valori Tessuto Citologico per scraping Citologico per agoaspirato Citologico da versamento Sangue intero Plasma Urine Siero Riporta da che organo è stato prelevato il pezzo operatorio possibilmente con codifica standard (es.: Snomed) Tipo di intervento a cui il pezzo è stato sottoposto possibilmente con codifica standard (es.: Snomed) Diagnosi istologica riferita al pezzo operatorio: testo della diagnosi Diagnosi istologica riferita al pezzo operatorio: possibilmente con codifica standard (es.: Snomed) Path dell immagine (se disponibile)

11 Biobanche: aspetti informatici 125 Entità campione: Nome campo Codice campione Data campione Ora campione Intervallo Tipo campione Manipolazione Modalità stoccaggio Materiale esaurito Descrizione/note Codice univoco Data del prelievo del campione Ora del prelievo del campione Intervallo di tempo (espresso in minuti) trascorso tra l exeresi e l arrivo del pezzo operatorio Specifica la tipologia del campione e può assumere i valori Normale Peritumorale Tumore primitivo Metastasi locoregionale Metastasi a distanza Specifica la tipologia del tipo di manipolazione subita dal campione e può assumere i valori Cong. ai vapori di azoto Cong. in isopentano Cong. per immersione in azoto liquido Cong. in oct per immersione in azoto liquido Cong. in oct ai vapori di azoto Cong. in oct in isopentano Fissazione in formalina tamponata Specifica la locazione dello stoccaggio specificando dove viene conservato il campione (p. es.: in quale freezer e, all interno di questo, in quale colonna e in che scatola numero e tipo) Flag che segnala la disponibilità del materiale Entità aliquota: Nome campo Codice aliquota Data aliquota Ora aliquota Materiale ottenuto Modalità stoccaggio Materiale esaurito Descrizione/note Codice univoco Data del prelievo dell aliquota Ora del prelievo dell aliquota Specifica la tipologia di materiale ottenuto dalla manipolazione e può assumere i valori DNA da tessuto congelato DNA da tessuto fissato in formalina RNA da tessuto congelato RNA da tessuto fissato in formalina Frazione proteica Componente subcellulare Specifica la locazione dello stoccaggio specificando dove viene conservato il campione (p. es.: in quale freezer, e all interno di questo in quale colonna e in che scatola numero e tipo). Flag che segnala la disponibilità del materiale

12 126 M. Galvagni et al. Ad ogni entità pezzo operatorio vanno collegati i seguenti dati clinici: Nome campo Data ultimo aggiornamento dati Status del paziente Familiarità Tipo di familiarità Tipo terapia Specifica il tipo di terapia postchirurgica seguita e può assumere i valori: Data ultimo follow-up Data prima recidiva/metastasi Tipo recidiva/metastasi Sede recidiva/metastasi Data morte Data altro tumore Descrizione/note Specifica lo status attuale del paziente e può assumere i valori: Vivo senza malattia Vivo con malattia Deceduto per malattia Deceduto per altre cause Comparsa di altra neoplasia Specifica la presenza di familiarità della patologia del paziente e può assumere i valori: Sì No Chemioterapia Ormonoterapia Radioterapia Ad ogni entità campione o aliquota vanno collegati i seguenti dati utilizzo. Nome campo Descrizione/note Data utilizzo Data Istituto utilizzatore Nome dell istituto che utilizza il campione o l aliquota Numero progetto studio Numero identificativo del progetto Acronimo progetto studio Acronimo del progetto Unità operativa utilizzatore Nome dell unità che utilizza il campione o l aliquota Persona responsabile utilizzo Recapito telefonico responsabile

13 Biobanche: aspetti informatici 127 Ad ogni entità dati utilizzo vanno collegati ad esempio i seguenti dati molecolari Nome campo Gene analizzato Analisi DNA Analisi mrna Analisi espressione proteica Sito web Descrizione/note Può assumere i valori: SSCP Analisi mutazionale LOH MSI SNP Può assumere i valori: Northern Blot RT-PCR Real Time PCR Microarray Può assumere i valori: Western blot Espressione immunoistochimica Elettroforesi bidimensionale Nella progettazione di un sistema gestionale di una biobanca, occorre anche considerare la possibilità di rendere pubblici alcuni contenuti della biobanca stessa, utilizzando modalità di pubblicazione dati su internet. Fra i contenuti utili riteniamo esservi: descrizione aggiornata della consistenza della raccolta di biomateriali; tale obiettivo può essere raggiunto con la pubblicazione di reports periodici, ove sia possibile consultare la tipologia dei biomateriali in relazione alle caratteristiche clinico-patologiche e eventualmente biomolecolari (es.: individuare quanti biomateriali vi sono in relazione a un dato istotipo tumorale e di un determinato stadio, di cui si abbia un follow-up superiore ad un dato periodo); descrizione delle procedure di biobanking, quali protocolli di processazione e controlli di qualità dei biomateriali; descrizione delle considerazioni etico-giuridiche per la raccolta e distribuzione dei biomateriali; descrizione delle procedure di governance della biobanca, con specifico riferimento alle procedure di richiesta di biomateriali e alla loro accettazione; saranno disponibili anche forms elettronici per la richiesta di biomateriali, che verranno concessi sulla base di progetti di ricerca approvati dal comitato scientifico della biobanca; per la trasparenza della biobanca potranno essere elencati i progetti a cui la biobanca ha aderito concedendo i propri biomateriali; descrizione delle motivazioni che hanno portato alla creazione della biobanca, rivolte soprattutto ad eventuali utenti non professionali, ed in modo particolare i pazienti. Conclusioni Nella presente analisi abbiamo evidenziato i vari elementi necessari per la implementazione di un sistema informatico che permetta una completa gestione di una biobanca. Ovviamente ogni analisi simile deve essere poi calata nei contesti in cui occorre operare. Fra gli elementi qualificanti di ogni simile sistema riteniamo comunque che la modularità e scalabilità dei sistemi sia fondamentale, per potersi adeguare alle esigenze di interfacciabilità con altri sistemi, alla implementazione di nuove funzionalità e all adeguamento alle crescenti e variabili necessità di raccolta dati. Bibliografia 1 Somiari SB, Somiari RI, Hooke J, Garguilo G, Mittal V, Hu H, et al. Establishment and management of a comprehensive biorepository for integrated high throughput genomics and proteomics research. Trans Integr Biomed Inform Enabling Technol Symp J 2004;1:

14 128 M. Galvagni et al.

Biobanca: strumentazione, personale e analisi dei costi

Biobanca: strumentazione, personale e analisi dei costi pathologica 2008;100:139-143 Biobanca: strumentazione, personale e analisi dei costi M. Barbareschi, S. Cotrupi, G.M. Guarrera * U.O. Anatomia Patologia, Ospedale S. Chiara, Trento; * Direzione Cura e

Dettagli

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca:

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobanca dell Elena Sini Castellanza, 5 ottobre 2010 Agenda Biobanche: la problematica all origine e le criticità rilevate

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

Dalla tracciabilità nel percorso clinico

Dalla tracciabilità nel percorso clinico Dalla tracciabilità nel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobancadell Michele Torresani s.c. ICT & SIA Milano, 10 novembre 2010 Le biobanche per la ricerca scientifica Le biobanche,

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

La sicurezza nel Progetto CRS-SISS Fulvio Barbarito Milano, 20 ottobre 2005

La sicurezza nel Progetto CRS-SISS Fulvio Barbarito Milano, 20 ottobre 2005 Carta Regionale dei Servizi Sistema Informativo Socio Sanitario La sicurezza nel Progetto CRS-SISS Fulvio Barbarito Milano, 20 ottobre 2005 2 Agenda Le finalità del Progetto CRS-SISS I numeri del Progetto

Dettagli

Il sistema di voto telematico per la elezione del rettore

Il sistema di voto telematico per la elezione del rettore Il sistema di voto telematico per la elezione del rettore Via Magnanelli 6/3 - Casalecchio di Reno Bologna - Italy Abstract Il documento descrive le funzionalità e le procedure per lo svolgimento delle

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

VntRAS Communication Suite

VntRAS Communication Suite VntRAS Communication Suite Manuale di Riferimento 1 Indice pag. 1. Introduzione 3 2. Interfaccia web di amministrazione 4 3. Programmazione 5 4. Programmazione pagine HTML pubbliche 8 2 Introduzione Il

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Amm_vo/Contabile Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Amministrazione: Ministero dell'interno

Dettagli

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall Sicurezza in Internet cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Criteri di sicurezza Servizi di filtraggio Firewall Controlli di accesso Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza,

Dettagli

Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva

Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva Dockeeper è la suite di conservazione sostitutiva che gestisce l intero processo di generazione, emissione ed archiviazione dei documenti, dalla semplice

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA INDICE Caratteristiche Sistemi Operativi e configurazione LAN Client/Server Caratteristiche minime computer Database utilizzato Interfacciamento bidirezionale

Dettagli

REFERTI ON-LINE - MANUALE UTENTE

REFERTI ON-LINE - MANUALE UTENTE REFERTI ON-LINE - MANUALE UTENTE SCOPO DEL SERVIZIO La procedura di consultazione referti on-line consente ai pazienti che ne abbiano fatto esplicita richiesta di ottenere i risultati degli esami effettuati

Dettagli

Licenze del Programma Licenze del Programma Ridotte

Licenze del Programma Licenze del Programma Ridotte Software Gestionale Medico Avanzato Listino prezzi e condizioni di vendita Listino Promozionale 2009 web: www.doctorsoffice.it mail: info@doctorsoffice.it Pag. 1 Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 6 Pag. 7 Pag.

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Rete Regionale Integrata clinico-biologica per la Medicina Rigenerativa IDENTIFICATIVO PROGETTO: CUP G73F12000150004

Rete Regionale Integrata clinico-biologica per la Medicina Rigenerativa IDENTIFICATIVO PROGETTO: CUP G73F12000150004 Rete Regionale Integrata clinico-biologica per la Medicina Rigenerativa IDENTIFICATIVO PROGETTO: CUP G73F12000150004 Rilascio Piattaforma Informatica Ing. Virna Lomonaco Regione siciliana Assessorato alle

Dettagli

Sicurezza in Internet

Sicurezza in Internet Sicurezza in Internet Mario Cannataro cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Servizi di filtraggio Firewall Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza ed integrità delle comunicazioni

Dettagli

SAD. Gestione Distribuzione Presidi Medici

SAD. Gestione Distribuzione Presidi Medici Gestione Distribuzione Presidi Medici Distribuzione Presidi Medici SAD La somministrazione di presidi medici è una forma di assistenza rivolta a soggetti anziani, disabili e pazienti affetti da alcune

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA Certification Authority del CNN NOTE: pag. 1 di 91 Notartel S.p.A. Sommario Il presente Manuale contiene le istruzioni per l utilizzo dell applicazione web WebRA (l acronimo sta per Web Registration Authority)

Dettagli

Approfondimento di Marco Mulas

Approfondimento di Marco Mulas Approfondimento di Marco Mulas Affidabilità: TCP o UDP Throughput: banda a disposizione Temporizzazione: realtime o piccoli ritardi Sicurezza Riservatezza dei dati Integrità dei dati Autenticazione di

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP

GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP Documento: GestPay - Specifiche tecniche sicurezza con OTP GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP Pagina 1 di 33 Documento: GestPay - Specifiche tecniche sicurezza con OTP Sommario Informazioni documento...

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO PER LA DISCIPLINA di SISTEMI L assessorato al turismo di una provincia di medie dimensioni vuole informatizzare la gestione delle prenotazioni degli alberghi associati.

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE,

Dettagli

Meccanismi di autenticazione sicura. Paolo Amendola GARR-CERT

Meccanismi di autenticazione sicura. Paolo Amendola GARR-CERT Meccanismi di autenticazione sicura Paolo Amendola GARR-CERT Argomenti Crittografazione del traffico Identita digitali One-time passwords Kerberos Crittografazione del traffico Secure Shell SASL SRP sftp

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server

MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server Procedura di adesione e utilizzo del servizio X-Pay - Specifiche Tecniche MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server Versione 1 Data 04.2012 Pag. 1/13 INDICE 1. GLOSSARIO... 3 2. SCOPO...

Dettagli

RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte

RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte Pag. 1 di 17 SOMMARIO 1. PREMESSE...2 2. IL...2 3. VERIFICA DELLA VERSIONE CORRETTA

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD - S.O.P.

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD - S.O.P. PROCEDURE OPERATIVE STANDARD - S.O.P. Versione 3.0 Trento, 30 gennaio 2012 Responsabile Scientifico Dr. Mattia Barbareschi U.O. di Anatomia e Istologia Patologica Ospedale S. Chiara di Trento INDICE Premessa...

Dettagli

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA Certification Authority del CNN NOTE: pag. 1 di 93 Notartel S.p.A. Sommario Il presente Manuale contiene le istruzioni per l utilizzo dell applicazione web WebRA (l acronimo sta per Web Registration Authority)

Dettagli

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cataldo Basile < cataldo.basile @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Motivazioni l architettura TCP/IPv4 è insicura il problema

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Titolo prodotto: Portabilità Individuale Clinica (P.I.C.) Categoria: e-health Tipologia di prodotto Broadband/Online/WEB (channel): Abstract del progetto

Dettagli

Profim2000 Rete (Guida operativa)

Profim2000 Rete (Guida operativa) Profim2000 Rete (Guida operativa) :: INDICE :: 1 INSTALLAZIONE... 3 1.1 REQUISITI MININI... 3 1.2 VERIFICA IMPOSTAZIONI NUMERO DI ISCRIZIONE ALL ORDINE... 3 1.3 PRELEVAMENTO DEL FILE DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA

CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA CRITTOGRAFIA, CERTIFICATI DIGITALI E PROTOCOLLI DI SICUREZZA SU COSA SI BASANO I CERTIFICATI DIGITALI...2 Che cos è la Crittografia? E come viene applicata?...2 Crittografia a chiave simmetrica o segreta......2

Dettagli

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Verticale Applicazione: CMS/CMD - Card Management System - Carta Multiservizi della Difesa Amministrazione: Ministero della Difesa/ Stato Maggiore

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO DEL CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI

IL SISTEMA INFORMATIVO DEL CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI C ASE STUDY IL SISTEMA INFORMATIVO DEL CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI Per incrementare le donazioni, ridurre le liste di attesa, sensibilizzare e informare i cittadini. www.finsiel.it IL CLIENTE Ministero

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO

COMMERCIO ELETTRONICO Specifiche Tecniche COMMERCIO ELETTRONICO Autorizzazione di Pagamenti su Siti Remoti Versione 3.1 Pag. 1/12 INDICE 1. GENERALITÀ...3 2. SVOLGIMENTO DEL PAGAMENTO...4 3. MODALITÀ OPERATIVE...5 4. NOTIFICA

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

Guida ai certificati SSL User Guide

Guida ai certificati SSL User Guide Guida ai certificati SSL User Guide PROBLEMATICHE DEL WEB... 2 PRIVACY...3 AUTORIZZAZIONE/AUTENTICAZIONE...4 INTEGRITA DEI DATI...4 NON RIPUDIO...4 QUALI SONO I PRINCIPALI STRUMENTI UTILIZZATI PER GARANTIRE

Dettagli

Identity Access Management nel web 2.0

Identity Access Management nel web 2.0 Identity Access Management nel web 2.0 Single Sign On in applicazioni eterogenee Carlo Bonamico, NIS s.r.l. carlo.bonamico@nispro.it 1 Sommario Problematiche di autenticazione in infrastrutture IT complesse

Dettagli

SIAR. Sistema Informativo Agricolo Regionale

SIAR. Sistema Informativo Agricolo Regionale SIAR Sistema Informativo Agricolo Regionale Il SIAR è un applicativo web standard, programmato in C#, che si appoggia su un server fisico con sistema operativo Windows Server 2007 64 bit, con 24 Gb di

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009 Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Roma 15 ottobre 2009 :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative

Obiettivo: realizzazione di reti sicure TIPI DI ATTACCO. Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Obiettivo: realizzazione di reti sicure Politica di sicurezza: a) scelte tecnologiche b) strategie organizzative Per quanto riguarda le scelte tecnologiche vi sono due categorie di tecniche: a) modifica

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT Area Servizi ICT Servizi hosting di Ateneo - Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo Versione 1.1 http://hosting.polimi.it Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. ENTRUST/PKI 6.0 MANUALE PER L UTENTE. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI

Dettagli

TRENTINO BIOBANK. Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

TRENTINO BIOBANK. Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari TRENTINO BIOBANK Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Versione 1.0 - Trento 30 giugno 2006 Responsabile Scientifico

Dettagli

TRENTINO BIOBANK. Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

TRENTINO BIOBANK. Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari TRENTINO BIOBANK Studio di fattibilità per la creazione di una banca di tessuti e sangue umani presso la Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Versione 1.0 - Trento 30 giugno 2006 Responsabile Scientifico

Dettagli

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO INDICE

CAPITOLATO TECNICO INDICE Allegato A. CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI SUPPORTO ALLE PROCEDURE TELEMATICHE DI ACQUISTO DI BENI E SERVIZI E DI GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DELL AUTOMOBILE CLUB D ITALIA INDICE 1. Caratteristiche generali

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Il Sistema di tele cardiologia

Il Sistema di tele cardiologia Il Sistema di tele cardiologia A cura di Vincenzo Gullà Aditech La nuova rete di tele-cardiologia implementata nelle strutture del Policlinico delle Marche è stata realizzata tenendo presente i requisiti

Dettagli

Petra Firewall 3.1. Guida Utente

Petra Firewall 3.1. Guida Utente Petra Firewall 3.1 Guida Utente Petra Firewall 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS dr.ssa Michelina Graziano Responsabile Tecnologico di Sistema ASP di Cosenza Sistemi Digitali per le Radiologie RIS &PACS L avvento dell imaging diagnostico

Dettagli

Esercitazioni Bioingegneria Elettronica e Informatica

Esercitazioni Bioingegneria Elettronica e Informatica Esercitazioni Bioingegneria Elettronica e 1 Desktop Il mouse Tasto sn Tasto dx Drag and drop La barra dei task Personalizzazione Il menù avvio Programmi Accessori Dati recenti Impostazioni Trova Esegui

Dettagli

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Corso Integrato di Scienze Fisiche, Informatiche e Statistiche

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della (Allegato C ) Allegato C Misure di sicurezza Il presente allegato descrive le caratteristiche della piattaforma e le misure adottate per garantire l'integrita' e la riservatezza dei dati scambiati e conservati,

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

Fascicolo Sanitario Elettronico

Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Fascicolo Sanitario Elettronico «La roadmap e l accelerazione in atto» Ing. Stefano van der Byl Ing. Mario Ciampi Fascicolo Sanitario Elettronico 1/2 «Il FSE è l insieme

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA

L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA Unità di Terapia Intensiva Cardiovascolare Dir. A. Locatelli L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA QUALI VANTAGGI E QUALI TRAPPOLE NELL USO Dott. Francesco LEMUT La nostra storia 1^ INFORMATIZZAZIONE

Dettagli

Benvenuti. Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it. Achab techjam Gateway PEC per MDaemon

Benvenuti. Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it. Achab techjam Gateway PEC per MDaemon Benvenuti Luca Biffi, Direttore Supporto Tecnico di Achab supporto@achab.it Achab techjam Gateway PEC per MDaemon Protocolli di sicurezza per la posta elettronica... inclusa la PEC Achab 2 Agenda Acronimi

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli