AutoCAD Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato"

Transcript

1 AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Rendering avanzato

2 AutoCAD D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD Modellazione 3D e rendering, vi avevamo lasciato con la promessa di approfondire meglio alcune tecniche e funzionalità del nostro software CAD. Questo capitolo aggiuntivo, insieme agli altri scaricabili dal sito web alla pagina dedicata al libro di AutoCAD 3D, presenta una serie di contenuti aggiuntivi, a colori che non sono disponibili nella grande guida in edizione cartacea. Se alla fine della lettura di questo opuscolo, vorrai fare un ulteriore passo in avanti, visita la nostra home-page dedicata alla formazione home-formazione.html: troverai un sacco di corsi su misura per imparare 3ds Max, Maya, Revit, Inventor, Publisher, AutoCAD e molto altro ancora. Buona lettura IDA LA GRANDE GUIDA LA GRANDE GUIDA IL CD ROM INCLUDE: Decine di esempi ed esercitazioni guidate File di scena completi per un apprendimento integrato basato su imitazione e sperimentazione I contenuti del libro sono, per la maggior parte, compatibili con le versioni 2010, 2011, 2012 e 2013 di AutoCAD e AutoCAD Architecture. I disegni e i modelli 3D sono salvati in formato DWG Edoardo Pruneri si occupa di formazione, consulenza e analisi nel campo delle Tecnologie Assistite da Calcolatore in ambito industriale, da più di 20 anni. È stato Product Manager per la linea di prodotti CAD manifatturiero per Autodesk. Per Mondadori Informatica è autore delle guide per Inventor Professional, AutoCAD, 3ds Max e Revit Architecture. Per scaricare altri contenuti extra su AutoCAD 2012, visita il sito: AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Autodesk CD CON ESERCIZI INCLUSO! Autodesk AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Consulta il catalogo completo dei libri Mondadori Informatica all indirizzo Internet: CD-ROM INCLUSO Pruneri Edoardo Pruneri

3 Prima di incominciare, come ottenere una licenza di AutoCAD regolare Magari non è il tuo caso, ma molte delle persone che stanno seriamente cercando di imparare AutoCAD, sono nella condizione di doversi procurare il software. Sappi che si sono un sacco di metodi regolari per utilizzare AutoCAD 2012 senza ricorrere ad operazioni illegali (e pericolose per il vostro PC). Attraverso il link al sito italiano: è disponibile il download di una copia del software (AutoCAD a 32 o 64 bit) aggiornato all ultima versione, ed utilizzabile liberamente per 30GG. Se sei un utente Macintosh, puoi scaricare la versione di prova di AutoCAD per Mac al sito: autocadformac-trial (ma ricorda: che AutoCAD per Mac è disponibile solo in lingua inglese). Terminati i 30 giorni, la licenza scade, ma niente paura. Nel caso tu voglia continuare a imparare il software e, d altra parte non abbia la possibilità di spendere qualche migliaio di euro, esiste un altra soluzione: l acquisto di una licenza studente che costa veramente poco: all incirca il prezzo di un paio di manuali di AutoCAD. Attraverso questa licenza (utilizzabile per attività di apprendimento personale e senza fini di lucro, chiaramente) è possibile continuare ad allenarsi con il nostro strumento di modellazione 3D, rendering e animazione preferito per sempre, senza limiti di tempo. Se ti interessa l argomento, scrivimi una mail e ti spiegherò come fare per ottenerla.

4 06 Rendering avanzato web sommario Modifica delle preimpostazioni 1 Opzioni avanzate di rendering: il contesto 2 Impostazioni di rendering per i materiali 3 Il campionamento 4 Il tipo di filtro ed i suoi attributi 6 Le opzioni per le ombre nel rendering 7 Ombre con mappe di composizione 7 Ombre di Ray Tracing 8 La qualità delle ombre 9 Il Ray Tracing 9 L illuminazione indiretta 10 L illuminazione globale 11 La Final Gathering raccolta finale 14 Proprietà della luce 15 Strumenti per l analisi del rendering 15 Raccomandazioni e considerazioni finali 17 Riassumendo 18 Conclusioni 18

5 06 Rendering avanzato web È giunto il momento di fare sul serio con il rendering! Tutto quello di cui avete bisogno sono: il desiderio di imparare, la voglia di provare, una macchina potente (o molto tempo a disposizione). In quest ultimo capitolo delle guida verranno sintetizzati buona parte degli argomenti trattati nella seconda parte della guida e verranno illustrati i parametri e le tecniche per l utilizzo delle opzioni avanzate del rendering. Signori, ve lo anticipo, continuate a leggere questo paragrafo solamente se non ne avete già abbastanza di termini tecnici e di opzioni da impostare Quella che segue è roba per stomaci forti Deciso di continuare? Allora andiamo! L idea è di fare un altro passo in avanti nella comprensione dei parametri che conduce ad un livello più realistico delle immagini di sintesi che si riuscirà a produrre. Attraverso la comprensione di queste opzioni potrete creare delle vostre preimpostazioni di rendering personalizzate, magari più efficienti. Iniziamo con il dire che, nelle preimpostazioni del rendering (bozza, basso, ecc.) non si tiene conto di alcuni parametri molto importanti per i rendering di alta qualità. È il caso, per esempio, de: Le mappe di composizione per le ombre L illuminazione globale Il final gathering Modifica delle preimpostazioni Fino ad ora la qualità del render è stata gestita attraverso la selezione di un preset (in AutoCAD i preset si chiamano preimpostazioni) dalla barra multifunzione, lasciando ad AutoCAD l onere di definire una serie di parametri in funzione del livello di qualità prescelto. Nell ultimo capitolo della guida cartacea già stata citata la possibilità di accedere alla modifica di questi parametri attraverso la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. Va ricordato, però, che tali modifiche, sono temporanee, e non possono essere salvate per gli utilizzi futuri. Meglio quindi creare i propri set di preimpostazioni personalizzati attraverso il comando Gestisci preimpostazioni di rendering, nella parte estesa dell elenco dei preset (figura 6.1). Lavorando nella fine- 1

6 c a p i t o l o w e b o6 stra di dialogo Gestione preimpostazioni di rendering è possibile scegliere un modello di reimpostazione esistente e crearne una copia da modificare e salvare con nome. Un rapido confronto di questa finestra con la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate consente di notare che le voci di impostazione di rendering sono le medesime (figura 6.2), eccetto le voci che si trovano alla sezione Contesto di rendering. Una volta creato il preset, questo sarà disponibile nell elenco a discesa, insieme alle preimpostazioni di rendering di default. Figura 6.1 Accesso alla finestra di dialogo Gestisci preimpostazioni di rendering Figura 6.2 I parametri della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate sono gli stessi della finestra Gestisci preimpostazioni di rendering Opzioni avanzate di rendering: il contesto Nel corso del capitolo i parametri avanzati di cui parleremo verranno gestiti attraverso la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. Si tratta del luogo in cui sono organizzati tutti questi parametri molto utili per migliorare la qualità del lavoro prodotto. Nel capitolo 26 sono già state prese in esame alcune voci relative al Contesto di rendering della sezione Generale. Vediamo ora le altre: Procedura: ovvero l oggetto del rendering (Vista, Ritaglio o Selezionato). Consente di stabilire se l immagine calcolata sarà relativa a tutti gli oggetti della Vista (l inquadratura corrente), oppure a tutti gli oggetti all interno di una porzione della 2

7 Rendering avanzato vista (il cosiddetto Ritaglio) oppure a solo gli oggetti preventivamente selezionati all interno della vista. Destinazione: consente di indicare dove verrà eseguito il render; se si sceglie l opzione Finestra, AutoCAD aprirà la finestra di dialogo Render, invece, selezionando la voce Finestra grafica, la scena verrà renderizzata nella viewport ovvero nella finestra della vista di modello attiva. Nome file di output: il nome e la posizione in cui viene salvata l immagine Dimensione output: larghezza e altezza dell immagine (espresse in pixel) Tipo di esposizione: determina il metodo di calcolo dei livelli e dei toni di colore (che agisce su luminosità, contrasto, toni medi e sfondo del render). Si può scegliere tra: Automatico: l opzione più utilizzata, usa un metodo che combina i toni della finestra corrente Logaritmico: utilizza il controllo di esposizione logaritimico; viene utilizzato in scene con forti contrasti tra luci ed ombre Scala fisica: questo parametro (da a ) controlla la scala delle luci fotometriche. Impostazioni di rendering per i materiali Torniamo a parlare di materiali aggiungendo altri elementi a quelli già introdotti nel capitolo 25. Alcune impostazioni globali permettono di gestire il comportamento del complesso di tutti i materiali della scena. Il singolo materiale invece, come si è detto, viene creato e modificato attraverso il Browser dei materiali.. Queste regolazioni sono disponibili all interno della sezione Materiali della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate già citata (figura 6.3). In primo luogo, è possibile applicare uno stesso materiale di default a tutti gli oggetti della scena. Impostando il valore Off alla voce Applica materiali, tutti i materiali del modello vengono sostituiti dal materiale Global, che può essere modificato attraverso il Browser dei materiali (figura 2.4). Questa operazione è estremamente utile durante la fase di studio delle luci della scena e delle impostazioni di rendering perché permette di ridurre il tempo di calcolo impiegato nell elaborazione delle texture e dell aspetto dei materiali. La figura 6.4 mostra il confronto tra due render elaborati con e senza materiali. Figura 6.3 Sezione Materiali della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate 3

8 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.4 Elaborazione di un render con impostazioni di materiali attivi e non Per non arrivare stremati dai tempi di calcolo alla composizione di rendering definitiva, la voce Filtraggio di composizione vi consente di velocizzare l elaborazione dell immagine disattivando il calcolo delle texture (impostazione Off): in questo caso i materiali vengono renderizzati senza mappe di texture quindi senza qualità di rilievo e ruvidezza: l immagine perde di realismo, ma guadagnate secondi (o minuti) preziosi nel tempo di calcolo. Da ultimo è possibile impostare la voce Forza 2 lati su Off per ottenere render statici in tempi più bervi: AutoCAD terrà conto del solo lato visibile di ogni faccia degli oggetti, tralasciando il calcolo di quelle nascoste. Se, però, si sta calcolando il render di un animazione, è opportuno impostare su On il calcolo delle face nascoste. Ricordate che anche i materiali giocano un ruolo importante nel calcolo dell illuminazione della scena: materiali riflettenti contribuiscono alla diffusione della luce e forti contrasti tra i colori degli elementi possono influenzare le predominanti dei colori nella scena; per questo motivo, le impostazioni di rendering dedotte da un calcolo effettuato senza materiali potrebbero non essere del tutto adeguate all elaborazione del render con i materiali. Il campionamento AutoCAD utilizza come base per il rendering il motore esterno chiamato mentalray, prodotto e distribuito da una azienda tedesca, la mental images di Berlino. Questo programma, utilizzato sotto licenza da Autodesk, è uno dei più potente motori di rendering disponibili ad oggi. È uno di quelli, per intenderci, che equipaggia 3ds Max e Maya. Alcuni dei parametri avanzati del rendering con mentalray sono relativi alla 4

9 Rendering avanzato quantità dei raggi di luce calcolati e al loro modo di impattare le varie superfici della scena. Alla definizione del comportamento di questi raggi è dedicata la sezione Campionamento della tavolozza delle importazioni di rendering avanzate. In generale, maggiore è il numero di raggi che partono dalla sorgente luminosa, migliore sarà il realismo della scena. Il Campionamento, verifica in che modo il mentalray esegue la divisione e la selezione dei pixel, ovvero della minima unità da calcolare: a livelli più alti corrisponde un risultato più accurato (ma lento da ottenere). Impostare il campionamento è utile al calcolo dell antialiasing, una particolare elaborazione che permette, in fase di rendering, di attenuare il brutto effetto di scalettatura che si crea sui bordi delle geometrie visualizzate sui il calcolatore. AutoCAD è in grado di riconoscere quali siano le aree in cui sono presenti numerose variazioni di colore e pertanto è necessario un calcolo di antialiasing maggiore. La precisione di questo calcolo dipende dai valori Min e Max campioni: più alti sono questi valori, relativi alla campionatura e dunque alla suddivisione dell immagine, più dettagliato sarà il risultato. Occorre, innanzitutto, impostare le voci: Min campioni: rappresenta il numero di campioni per pixel. Un valore maggiore o uguale a 1 indica che vengono calcolati uno o più campioni per pixel. Un valore frazionario indica che viene calcolato un campione per ogni N pixel (ad esempio 1/4 calcola un minimo di un campione per ogni quattro pixel). L impostazione di default è 1/4 ma questo parametro può variare da 1/64 (un campione ogni 64 pixel) e 1024 (1024 campioni per pixel) Max campioni: Se in campioni vicini viene rilevata una differenza nel contrasto che supera il limite (definito in base all impostazione del tipo di filtro), l area contenente il contrasto viene suddivisa per la profondità specificata da questo valore. L impostazione di default è 1. Figura 6.5a Campionamento: Min campioni = 1/64, Max campioni = 1/4 Figura 6.5b Campionamento: Min campioni = 1, Max campioni = 16 I valori degli elenchi Min campioni e Max campioni sono interdipendenti: il valore del primo non può superare quello del secondo. Se il valore di Min campioni supera 5

10 c a p i t o l o w e b o6 quello di Max campioni, il valore del primo viene eguagliato al secondo. I valori 1/4 e 1 vanno bene per prove di render o per scene abbastanza uniformi, senza molti particolari. Per la produzione di scene ad ottima qualità si consigliano i valori 1 e 16 al massimo in modo che i dettagli non si confondano tra loro e la scena sia più definita. L aumento di questi valori influisce sensibilmente sull aumento dei tempi nella fase di produzione dell immagine. Il tipo di filtro ed i suoi attributi Il Tipo di filtro determina il modo in cui più campioni vengono combinati in un valore di pixel singolo, per determinare il colore finale, in sostanza il metodo con cui viene calcolato l anti-aliasing. I tipi di filtro utilizzati per combinare i campioni dell immagine in modi diversi sono: Quadrato: somma tutti i campioni di pari spessore nell area filtro. Questo è il metodo di campionamento più veloce. Gauss: l impostazione di default, valuta i campioni utilizzando una curva di Gauss (a campana) centrata sul pixel. Triangolo: valuta i campioni utilizzando una piramide centrata sul pixel. Mitchell: (dal nome del matematico che ha formulato questo algoritmo) valuta i campioni utilizzando una curva (più ripida della curva di Gauss) centrata sul pixel. Questo metodo è quello che produce i risultati senza dubbio più accurati. Lanczos: valuta i campioni utilizzando una curva (più ripida della curva Gauss) centrata sul pixel, riducendo l effetto dei campioni in corrispondenza del bordo dell area filtro. Altri valori concorrono nel determinare gli attributi del filtro specificando il metodo utilizzato per contrastare l effetto di aliasing ovvero l aspetto scalettato delle linee oblique: Larghezza filtro e Altezza filtro: specificano le dimensioni dell area filtrata. L aumento dei valori di Larghezza filtro e Altezza filtro (da un minimo di 0 ad un massimo di 8) può sfumare l immagine, ma determina tempi di rendering più lunghi. Colore contrasto: utilizza la finestra di dialogo Seleziona colori per specificare in modo interattivo i valori di soglia R,G,B,A (red, green, blue, alpha) specificano i valori di soglia per i componenti rosso, blu e verde dei campioni. Tali valori, compresi tra 0.0 e 1.0, sono normalizzati. 0.0 indica che il componente di colore è completamente non saturato (nero o 0 nella codifica a 8 bit) mentre 1.0 indica che il componente di colore è completamente saturato (bianco o 255 nella codifica a 8 bit). Alfa contrasto: specifica il valore di soglia per il componente alfa dei campioni. Il valore è normalizzato ed è compreso tra 0.0 (completamente trasparente o 0 nella codifica a 8 bit ) e 1.0 (completamente opaco o 255 nella codifica a 8 bit). 6

11 Rendering avanzato Figura 6.6a Il render ottenuto con filtro di tipo Quadrato appare più scalettato (impostazioni di anti-aliasing: Min campioni = 4, Max campioni = 64) Figura 6.6b La stessa immagine renderizzata con filtro di tipo Mitchell appare più nitida e uniforme (impostazioni di anti-aliasing: Min campioni = 4, Max campioni = 64) Le opzioni per le ombre nel rendering Utilizzando le ombre è possibile creare immagini di rendering dotate di maggiore profondità e realismo. È già stato citato il metodo di attivazione e disattivazione delle ombre attraverso l icona a forma di lampadina accanto al titolo della sezione Ombre della tavolozza Gestione impostazioni di rendering. Il renderizzatore consente di generare ombre mediante mappe di composizione per le ombre o mediante Ray Tracing. Le prime si basano su una bitmap generata dal renderizzatore durante l esecuzione di un rendering preliminare della scena: AutoCAD rileva il profilo degli oggetti, memorizza una immagine di questa silhouette e la proietta poi in funzione della distanza e della direzione dei raggi luminosi provenienti dalle diverse sorgenti definite in scena. Le mappe di composizione per le ombre producono spigoli meno netti e possono richiedere tempi di calcolo inferiori rispetto alle ombre Ray Tracing, ma i risultati sono meno accurati. Il Ray Tracing, invece, traccia il percorso dei raggi campionati a partire dalla fonte luminosa. Le ombre vengono inserite nei punti in cui i raggi sono stati intercettati dagli oggetti. Le ombre di Ray Tracing producono spigoli netti più accurati e richiedono tempi di calcolo più lunghi. Vediamo le due modalità nel dettaglio. Ombre con mappe di composizione Le mappe di composizione per le ombre rappresentano l unico sistema per generare ombre con spigoli poco accentuati ma, per contro, non possono mostrare il colore proiettato da oggetti trasparenti o traslucidi. Le ombre con mappe di composizione vengono calcolate più rapidamente delle ombre di Ray Tracing. Nell esempio riportato di seguito viene illustrato come appaiono le mappe di composizione per le ombre: queste, rispetto al Ray Tracing, vengono elaborate più rapidamente e producono ombre meno precise e con spigoli più arrotondati, per questo le mappe vanno 7

12 c a p i t o l o w e b o6 preferite per la produzione render di prova. È possibile definire la qualità delle ombre aumentando o riducendo la dimensione della mappa di composizione per le ombre: durante l esecuzione di un processo di rendering con questo metodo di composizione delle ombre viene creata un immagine bitmap della mappa: la dimensione di default della mappa di composizione per le ombre è pixel. Se l ombra risulta a grana eccessivamente grossa, e si nota un effetto di scalettatura del contorno, si otterrà una qualità migliore dell ombra aumentando la dimensione della mappa. Non è consigliabile utilizzare ombre con mappe di composizione se esiste una fonte luminosa che attraversa una superficie trasparente, ad esempio una finestra a più vetri in cui si desidera che gli infissi e i montanti proiettino delle ombre. Sarebbe necessario rimuovere il vetro per consentire ai montanti di proiettare le ombre. Figura 6.7 Esempio di ombra generata con mappa di composizione Ombre di Ray Tracing Le ombre di Ray Tracing, come tutti gli altri effetti di riflessione e rifrazione a tracciamento dei raggi, vengono generate tracciando il percorso dei raggi di luce campionati da una fonte di luce. Le ombre di Ray Tracing sono più accurate delle ombre con mappe di composizione, perché simulano il comportamento della luce naturale. Nell esempio riportato di seguito viene illustrato come il Ray Tracing richieda più tempo e produca tuttavia ombre più realistiche e precise. Vedremo come attivare l una o l altra delle ombre nel prossimo paragrafo, quello delle opzioni avanzate di rendering. Figura 6.8 Esempio di ombra generata con il Ray Tracing 8

13 Rendering avanzato Naturalmente, per proiettare le ombre in un modello, è necessario definire l illuminazione ovvero aggiungere almeno una fonte luminosa alla scena e specificare se proietta ombre. Per visualizzare le ombre nella finestra grafica mentre si imposta la scena, è necessario attivare le ombre per lo stile di visualizzazione attraverso i comandi Ombre al suolo od Ombre complete del pannello Luci, scheda Render. Se si desidera che le ombre vengano visualizzate nell immagine sottoposta a rendering, occorre attivare le ombre e scegliere il tipo di ombre di cui eseguire il rendering nella tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. La qualità delle ombre La sezione Ombre della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate contiene i parametri ed i valori che determinano il tipo di visualizzazione delle ombre nell immagine di rendering. In particolare: Modalità. le modalità dell ombra possono essere: Semplice: proietta le ombre in un ordine casuale Ordinato: esegue la proiezione dell ombra in ordine, dall oggetto alla luce. Segmento: genera gli shader dell ombra in ordine lungo il raggio di luce, luce seguendo la direzione del raggio dalla fonte luminosa. Mappa di composizione per le ombre: controlla se la mappa di composizione delle ombre viene utilizzata per il rendering delle ombre. Quando è impostata su On, AutoCAD esegue il rendering delle ombre mappate. Quando è impostata su Off, tutte le ombre sono calcolate con l algoritmo di Ray Tracing. Moltiplicatore di campionamento: specifica il numero di campioni dell area illuminata da considerare nel calcolo delle ombre, al fine di migliorare la velocità del render. Il valore di default varia secondo il preset selezionato (0 per la Bozza, 1/4 per Basso, 1/2 per Medio, 1 per Alto e Presentazione) e può raggiungere un valore massimo uguale a 2. Il Ray Tracing La sezione di Ray Tracing determina il modo in cui AutoCAD traccia il percorso di ogni raggio di luce attraverso la scena e determina come il raggio rifletta su superfici opache e rifranga attraverso gli oggetti trasparenti o traslucidi. Qui sono contenute impostazioni che influiscono sull ombreggiatura di un immagine di rendering. Abilita: l icona a forma di lampadina attiva o disattiva il Ray Tracing durante il calcolo del render Profondità massima: limita la combinazione di riflessione e rifrazione. Il Ray Tracing si interrompe quando il numero totale di riflessioni e rifrazioni raggiunge la profondità massima. Ad esempio, se Profondità massima è pari a 3 e le due profondità della traccia sono pari ciascuna al valore di default 2, un raggio può essere ri- 9

14 c a p i t o l o w e b o6 flesso due volte e rifratto una volta, o viceversa, ma non può essere riflesso e rifratto quattro volte. Riflessioni massime: imposta il numero di riflessioni consentite ad un raggio. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna riflessione. Se è pari a 1, il raggio può essere riflesso una sola volta. Se è pari a 2, il raggio può essere riflesso due volte, e così via Rifrazioni massime: imposta il numero di rifrazioni consentite di un raggio. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna rifrazione. Se è pari a 1, il raggio può essere rifratto una sola volta. Se è pari a 2, il raggio può essere rifratto 2 volte, e così via. Se, per esempio, si inquadra un dipinto protetto da un vetro oltre la vetrina di un negozio di esposizioni, le rifrazioni massime devono essere almeno due. Quando il Ray Tracing è disattivato, non si verifica alcun effetto di riflessione o rifrazione. l algoritmo di ray tracing Il Ray Tracing è un algoritmo per il calcolo del colore di ogni singolo pixel che compone la scena 3D. Esso si basa sulle leggi dell ottica e si attua attraverso l individuazione dell incidenza dei raggi luminosi che vanno a colpire gli oggetti presenti sulla scena 3D, l algoritmo individua i fasci luminosi che partono da un punto e che incontrano, si riflettono e si rifrangono in funzione delle caratteristiche delle superfici incontrate; si tratta di un algoritmo dipendente dal punto di vista in cui l immagine viene renderizzata. Una limitazione di questo metodo è la sua incapacità di elaborare i riflessi dovuti alla luce diffusa. L illuminazione indiretta È proprio nel calcolo dell illuminazione indiretta dove mentalray gioca le sue carte migliori; oltre a calcolare la luce che gli oggetti ricevono direttamente dalle sorgenti di luce (illuminazione diretta), mentalray include degli algoritmi che permettono di simulare anche la luce indiretta ovvero quella riflessa, diffusa o rifratta da altre superfici, responsabile dell aumento del realismo dell immagine; in questo secondo caso vengono calcolati i rimbalzi secondari dei raggi luminosi con il risultato che la scena risulta più movimentata, i volumi sono ben descritti e tra le zone di luce ed ombra non vi sono degli stacchi netti, ma l ambiente risulta sufficientemente morbido. L illuminazione indiretta con mentalray viene calcolata attraverso due metodi di calcolo differenti: Illuminazione globale (Global Illumination). Calcola la mappa di fotoni simulando i rimbalzi reali della luce nello spazio considerando la luce a partire dalla fonte luminosa fino alle superfici, tenendo conto anche dei rimbalzi successivi. Final gather Raccolta finale. Calcola la luce diffusa partendo dalle superfici illuminate (e non dalla sorgente luminosa). Se attivato da solo, non in abbinamento 10

15 Rendering avanzato all Illuminazione globale, è appropriato solo per scene d esterni: questo metodo, infatti, consente di prendere in considerazione solo un numero limitato di rimbalzi della luce e, per questo, non è indicato per le scende d interni. Ognuno di questi algoritmi ha una sezione dedicata nella tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. L illuminazione globale L illuminazione globale (Global Illumination, in inglese) è il nome generale sotto il quale è classificata una serie di algoritmi per il calcolo del colore di ogni singolo pixel sulla scena da renderizzare. La particolarità di questi algoritmi consiste nel fatto che essi tengono conto sia della luce ricevuta direttamente da una sorgente di luce (illuminazione diretta), sia di quella riflessa, diffusa, o rifratta da altre superfici (illuminazione indiretta). Le immagini renderizzate con l uso di algoritmi di illuminazione globale, spesso appaiono più fotorealistiche rispetto a quelle che utilizzano solo l illuminazione diretta. La loro computazione, però, è molto più lenta e computazionalmente più costosa. Figura 6.9a Immagine ottenuta senza l ausilio della illuminazione globale Figura 6.9b Immagine ottenuta con l ausilio della illuminazione globale Uno degli effetti che rivela l uso della illuminazione globale è il cosiddetto effetto fuga di colore (Color Bleeding, in inglese). Se ad esempio un armadio laccato aragosta si trova accanto ad un muro azzurro, il muro azzurro assumerà una leggera tinta aragosta. Questo dettaglio di colore, sicuramente trascurato quando si osserva una stanza ad occhio nudo, è fondamentale per aggiungere realismo ad una immagine di sintesi al calcolatore: nel caso non ci fosse, l immagine risulterebbe falsata. Questo effetto non può essere ottenuto con i normali calcoli di Ray Tracing. Per calcolare l illuminazione globale, il renderizzatore utilizza le mappe di composizione per fotone, una tecnica che consente di generare effetti di illuminazione indiretta e illuminazione globale. L uso di mappe di composizione per fotone da sole, dà luogo a difetti di rendering, ad esempio angoli bui e variazioni a bassa frequenza nell illuminazione. 11

16 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.10 Difetti nell immagine di rendering dovuti all uso di mappe di composizione per fotone (tempo di calcolo 1:11) Per quello che riguarda l illuminazione globale, AutoCAD prevede i seguenti parametri: Abilita: attiva o disattiva la proiezione di luce indiretta nella scena(la consueta icona a forma di lampadina) Fotoni/campioni: indica il numero di fotoni utilizzati per il calcolo dell illuminazione globale. Questo valore va aumentato (fino ad un massimo di !) se si vuole ridurre i disturbi dell immagine ma, con valori troppo elevati, provoca la sfocatura dell immagine finale. Quanto più elevato è il valore di questo parametro, maggiori sono i tempi di rendering Utilizza raggio: indica la dimensione di ogni fotone e va attivato, impostando il parametro su On, perché il selettore numerico sia attivato per definire le dimensioni dei fotoni. Quando è impostata su Off, invece, la dimensione di ogni fotone viene calcolata in automatico in modo da essere 1/10 del raggio della scena completa e dunque dipende dalle unità usate nel disegno Raggio: specifica il raggio di campionatura all interno del quale i fotoni verranno utilizzati durante il calcolo dell illuminazione indiretta. Aumentando il raggio, aumenta l uniformità della scena e si ottiene un illuminazione più naturale. Quando i fotoni hanno un raggio abbastanza grande perché si sovrappongono, il renderizzatore interviene per renderli uniformi. Se notate delle macchie di nell immagine, dunque, potrebbe essere opportuno attivare la voce Utilizza raggio e aumentare il valore del parametro Raggio (figura 6.12). Profondità massima: limita la combinazione di riflessione e rifrazione. La riflessione e la rifrazione di un fotone si interrompono quando il numero totale di entrambi è pari al valore impostato per questa voce. Ad esempio, se Profondità massima è pari a 3 e le profondità delle tracce sono ciascuna pari a 2, un fotone può essere riflesso due volte e rifratto una volta o viceversa, ma non può essere riflesso e rifratto quattro volte Riflessioni massime: imposta il numero di riflessioni consentite di un fotone. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna riflessione. Se è pari a 1, il fotone può essere riflesso una sola volta. Se è pari a 2, il fotone può essere riflesso due volte, e così via 12

17 Rendering avanzato Rifrazioni massime: imposta il numero di rifrazioni consentite di un fotone. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna rifrazione. Se è pari a 1, il fotone può essere rifratto una sola volta. Se è pari a 2, il fotone può essere rifratto due volte, e così via. Figura 6.11a Immagine renderizzata con il valore Raggio = 400: i fotoni sono chiaramente visibili Figura 6.11b Immagine renderizzata con il valore Raggio = : i fotoni si sovrappongono e la scena appare più uniforme l algoritmo di photon mapping Il Photon mapping è un algoritmo di illuminazione globale, basato sulla simulazione dell emissione di raggi di luce e usato in computer grafica per simulare realisticamente l interazione della luce con differenti oggetti. In particolare, è capace di simulare la rifrazione della luce attraverso sostanze trasparenti, ad esempio il vetro o l acqua, riflessioni a vicenda tra oggetti illuminati, ed alcuni effetti causati da particelle come il fumo o il vapore acqueo. Il photon mapping è stato sviluppato dal ricercatore danese Henrik Wann Jensen. L algoritmo del photon mapping procede attraverso due fasi. La prima fase consiste nel simulare l emissione di fotoni ( photon tracing ; di solito è consigliabile emetterne qualche migliaio) dalle sorgenti di luce dell immagine e nel tracciamento, all interno della scena, di una mappa 3D di fotoni virtuali; la seconda fase consiste nel rendering della scena utilizzando le informazioni contenute nella mappa, precedentemente creata, per stimare la radianza riflessa sulle superfici della scena. Al contrario degli algoritmi di rendering tradizionali permette di calcolare con buona precisione effetti di luce quali caustiche, riflessioni, e surface scattering, per cui risulta particolarmente utile nella produzione di immagini con elementi in cristallo o metallo, o con materiali translucidi. È una tecnica che richiede risorse di calcolo medio-alte, dato che è necessario simulare una gran quantità di elementi. Il carico sull elaboratore può essere ridotto abbassando il numero di fotoni, riducendone la precisione o diminuendo il numero di rimbalzi che questi effettuano (limitandoli ad un numero predefinito o inserendo una soglia di intensità sotto il quale ne viene interrotto il calcolo). 13

18 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.12 Effetti della mappa di composizione per fotoni La Final Gathering raccolta finale Come anticipato, la qualità dell illuminazione indiretta dipende anche dalle impostazioni relative alla Final Gathering Raccolta finale. Attivandola possono essere parzialmente o totalmente eliminati i difetti di cui si parlava nel paragrafo precedente; il calcolo di questo algoritmo, infatti, aumenta il numero di raggi utilizzati per calcolare l illuminazione indiretta. Per quello che riguarda la Final Gathering, AutoCAD prevede le seguenti opzioni avanzate: Modalità: attiva (On), Disattiva (Off) o imposta i valori di default (Automatico) per il calcolo della Final Gathering Raggi: imposta il numero di raggi utilizzati per calcolare l illuminazione indiretta in una Final Gathering. L incremento di questo valore rende l illuminazione globale meno disturbata, ma comporta anche un aumento dei tempi di rendering. Modalità raggio: determina la modalità raggio per l elaborazione della Final Gathering Da scegliere tra: On: indica che per l elaborazione Final Gathering viene utilizzata l impostazione la dimensione del raggio definita alla voce Raggio massimo. Off: specifica in automatico il valore del raggio massimo che, di default, corrisponde al 10 per cento del raggio del modello massimo, espresso in unità globali. Vista: imposta le unità del Raggio massimo in pixel piuttosto che in unità globali Raggio massimo: è il parametro che permette di sostituire un valore personalizzato al valore di default utilizzato come dimensione del raggio massimo per la Final Gathering. Valori bassi migliorano la qualità del render. Utilizza min: questo parametro va impostato su On per attivare il controllo della dimensione minima del raggio Raggio minimo: specifica il raggio minimo utilizzato nella Final Gathering: valori maggiori migliorano la qualità del render ma, per contro, aumentano i tempi di calcolo. Quando ci si prepara per un rendering finale con qualità super, in primo luogo non va dimenticato di specificare le unità di disegno (mm, cm, ecc.) che si desidera utilizzare, prima di definire eventuali impostazioni di illuminazione globale. Se si cambia- 14

19 Rendering avanzato no le unità di disegno dopo aver definito l illuminazione globale, si producono effetti negativi sul risultato di rendering. L accuratezza e l intensità dell illuminazione globale sono controllate dal numero di fotoni generati, dal raggio di campionamento e dalla relativa profondità di traccia. Nell esempio riportato di seguito vengono mostrati gli effetti prodotti dall impostazione del numero di fotoni e del raggio di campionamento su valori troppo bassi. Figura 6.13 Difetti nell immagine di rendering precedente risolti con la raccolta finale abilitata (tempo di calcolo 10:47) Proprietà della luce Nel contesto del calcolo dell illuminazione indiretta è possibile modificare, in modo rapido alcune qualità dell illuminazione globale della scena che determinano il modo in cui si comportano le luci. Per aumentare la qualità e l accuratezza del render finale (aumentando inevitabilmente il tempo di rendering) è possibile aumentare il valore relativo al parametro Fotoni/Luce che indica il numero di fotoni emesso da ogni luce. Subito sotto, attraverso il valore Moltiplicatore energia è possibile aumentare l intensità della luce indiretta con il risultato che l immagine risulterà globalmente più luminosa: fate attenzione a non aumentare troppo questo valore altrimenti le superfici esposte alla luce potrebbero risultare troppo chiare o addirittura bruciate. Figura 6.14 La sezione Proprietà luce della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate Strumenti per l analisi del rendering Un intera sezione della tavolozza delle impostazioni avanzate del rendering, la sezione Diagnostica, è dedicata agli strumenti che è possibile utilizzare per studiare le qualità del render. È possibile attivare le voci seguenti: Griglia: quando attivo, questo parametro mostra le coordinate del rendering secondo il metodo selezionato: 15

20 c a p i t o l o w e b o6 Off: disattiva la visualizzazione della griglia Oggetto: mostra le coordinate locali per ogni oggetto del render Globale: mostra le coordinate globali della scena (uguali per tutte gli oggetti Apparecchio fotografico: mostra una griglia rettangolare di coordinate parallela alla vista. Dimensioni Griglia: imposta le dimensioni della griglia Fotone: mostra gli effetti di una mappa di fotoni nel render. In presenza di luci fotometriche e con l opzione Illuminazione globale attiva, questo metodo è utilizzato per indagare le differenze tra le zone illuminate (sull effetto Photon mapping si veda l approfondimento in questo capitolo). Off: disattiva l opzione Fotoni. Densità: renderizza una mappa di composizione di fotoni che simula l interazione della luce con gli oggetti Irradianza: in modo simile all opzione precedente, rende visibili i fotoni in base alla loro irradianza (calcolando quindi il flusso di radiazione elettromagnetica che investe una superficie di area unitaria). Ancora una volta il rosso corrisponde all irradianza massima e il blu alla minima. Campioni: Impostando questo parametro su On è possibile visualizzare la griglia che mostra la dimensione dei campioni (l unità minima calcolata) del render. BSP: (Binary Space Partition Partizione Binaria dello Spazio) è utile attivare questa opzione per analizzare un render che sia troppo lento o per il quale AutoCAD ha rilevato valori di dimensioni eccessive. Off Profondità Dimensione Figura 6.15 La sezione Diagnostica della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate Figura 6.16 La griglia di tipo Oggetto nel render di un gruppo di oggetti di cancelleria 16

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Condivisione di modelli 3D

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Condivisione di modelli 3D AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Condivisione di modelli 3D AutoCAD 2012 3D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD 2012 -Modellazione 3D e rendering, vi avevamo lasciato

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione.

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione. Luci/Ombre YAFARAY motore di rendering Open Source Federico Frittelli aka fredfrittella SUTURA-studio di progettazione LinuxDay, 2010 fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre

Dettagli

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina 16corso di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray introduzione

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

Copyright 2007 Maticad s.r.l.

Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutorial Rendering 1 2 Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutti i diritti riservati Maticad s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti quando ritenuto opportuno.

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Computare i locali Il nostro sistema BIM è stato proprio pensato per ridurre tutte le attività noiose del progettista: pensate solo a quanto sia antipatico aggiornare il calcolo della metratura delle stanze

Dettagli

Le tavole di progetto

Le tavole di progetto Le tavole di progetto Una volta completato il modello ed organizzate le viste di progetto, predisporre le tavole esecutive per la costruzione è un gioco da ragazzi! La possibilità di estrarre le viste

Dettagli

Impostare la vista e i materiali per il rendering

Impostare la vista e i materiali per il rendering Impostare la vista e i materiali per il rendering Nei primi capitoli di questa guida abbiamo già affrontato più volte il nodo cruciale della presentazione grafica del progetto. Visualizzare graficamente

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Premessa Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale La restituzione fotografica (rendering) di un modello/scenario in 3ds richiede

Dettagli

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello.

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello. Motori rendering alternativi fotorealistici by Joyrayd Brazil/Mental Ray e illuminazione HDRI Giusto per prendere la mano a Brazil, creiamo un anello. Apriamo Max e facciamo un bel toroide(torus) Usando

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta Informatica Grafica per le arti Per poter produrre delle immagini che diano il senso della tridimensionalita', i programmi di grafica 3D si servono di tecniche per simulare l'illuminazione degli oggetti

Dettagli

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default.

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default. Introduzione Le luci sono oggetti atti a simulare le lampade per l illuminazione delle case, i riflettori e proiettori degli allestimenti teatrali e cinematografici, il sole ecc. Se la scena non ne contiene,

Dettagli

Crea le tue foto con KeyShot. Semplice, fantastico, veloce. 1 passo - Importa il modello CAD. 2 passo Assegna i materiali

Crea le tue foto con KeyShot. Semplice, fantastico, veloce. 1 passo - Importa il modello CAD. 2 passo Assegna i materiali Crea le tue foto con KeyShot. Semplice, fantastico, veloce. KeyShot è il primo programma di rendering fotorealistico interattivo in raytracing con illuminazione globale che si comporta come una macchina

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO Politecnico di Torino,, Facoltà di Architettura - Dipartimento di Energetica Virtuality 2002 Annual Virtual Reality Conference - 2 Convegno MIMOS Torino 28-29 ottobre LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray ANTEPRIMA SOMMARIO FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray Un rendering è esattamente come una foto: un immagine bidimensionale il cui effetto di tridimensionalità è solo un illusione generata da giochi di luci,

Dettagli

L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni

L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni L illuminazione in Kray le impostazioni di base di Matt Vanni con la collaborazione di Gianandrea Ghirri - LAV In questo tutorial basico tenterò di spiegare come impostare una illuminazione basica principalmente

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

Tratteggi, Sfumature, Retini e Riempimenti

Tratteggi, Sfumature, Retini e Riempimenti 05 Tratteggi, Sfumature, Retini e Riempimenti Per comunicare meglio le vostre idee agli altri e, perché no, per rendere più accattivanti i vostri disegni, potete aggiungere elementi grafici che rappresentino,

Dettagli

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica La rappresentazione tridimensionale in AutoCAD comprende oltre alle viste assonometriche anche quelle prospettiche. Il comando VISTAD (_dview) consente di

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale...

Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale... Indice generale Introduzione... xv Parte I I principi fondamentali del disegno 3D...1 Capitolo 1 Introduzione al disegno tridimensionale...3 I fondamenti del disegno 3D... 3 Le barre degli strumenti del

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

Introduzione a 3ds Max

Introduzione a 3ds Max 3 Capitolo 1 Introduzione a 3ds Max 3ds Max è ad oggi uno dei più diffusi e dei più potenti software per la creazione di rendering tridimensionali in qualsiasi ambito, dall architettura al design, dalla

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale.

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale. SESTA LEZIONE STRUMENTO SFUMATURA (G) All apertura del comando Sfumatura la barra delle opzioni diventa come nella figura riportata qui sopra. E possibile regolare: i colori del gradiente, il tipo di sfumatura,

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale Cap. 8 - Contenuti Capitolo 8 Rendering Globale 8.1 Dal modello locale ai modelli globali Limitazioni del modello locale, effetti globale e modi per approssimarli in un contesto locale 8.2 Ray-tracing

Dettagli

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Progetto PRO.VA.RE PROgettare per VAlutaRE in Scienze Istituto Capofila: I.C. di Trescore

Dettagli

Introduzione a ARCHICAD

Introduzione a ARCHICAD Introduzione a ARCHICAD Politecnico Di Bari Ingegneria Edile - Architettura Corso di Informatica Grafica A.A. 2004/2005 Docente del Corso: Marcello Castellano Assistente: Oronzo Tavani Pre-requisiti Pre-requisiti:

Dettagli

Rendering di assiemi

Rendering di assiemi Rendering di assiemi Numero di pubblicazione spse01692 Rendering di assiemi Numero di pubblicazione spse01692 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale MATERIALI MATERIALI 233 Materiali Contenuti: Applicare i Materiali ai modelli canali dei Materiali in CINEMA 4D Mappatura Texture Metodi di Mappatura Texture Mappatura ad Etichetta Applicare i Materiali

Dettagli

ArchiCAD: Render e presentazione del progetto

ArchiCAD: Render e presentazione del progetto ArchiCAD: Render e presentazione del progetto Questo videocorso è dedicato ai professionisti che vogliono padroneggiare e sfruttare appieno le tecniche e le funzioni che ArchiCAD mette a disposizione.

Dettagli

Manuale d istruzioni My Custom Design

Manuale d istruzioni My Custom Design Manuale d istruzioni My Custom Design Leggere questo documento prima di utilizzare la macchina. Si consiglia di conservare questo documento nelle vicinanze per un eventuale riferimento futuro. Introduzione

Dettagli

Gli strumenti di ritocco pittorico Introduzione

Gli strumenti di ritocco pittorico Introduzione Pagina 1 di 16 Gli strumenti di ritocco pittorico Introduzione I software di ritocco pittorico offrono diverse possibilità nell'elaborazione di immagini digitali attraverso l'utilizzo di specifici strumenti

Dettagli

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI REVIT: PROGETTARE CON IL BIM. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete

Dettagli

Lavorare con i paragrafi

Lavorare con i paragrafi Capitolo 4 Lavorare con i paragrafi Utilizzare il pannello Paragrafo La maggior parte della formattazione relativa ai paragrafi è gestita dal pannello Paragrafo (Figura 4.1). In questo capitolo Utilizzare

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Radiometria Samuel Rota Bulò Come vediamo? Teorie della visione Teoria emissionista Teoria emissionista (o visione tattile ): l'occhio emette un fascio di raggi che, viaggiando

Dettagli

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica Rendering & ray tracing Implementazione e applicazione pratica Che cos e CG(computer graphics)? Quando si parla di CG si intendono immagini, o video creati al computer. CG e una branca dell informatica

Dettagli

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI... SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...20 CREAZIONI DI FILE DI IMMAGINI...20 APERTURA DI FILE DI IMMAGINI...21

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Ariel Garaza Díaz Nato a Montevideo, Uruguay, Ariel vive e lavora in Spagna a Madrid. È designer professionista sin dal 1980 e utente di Corel

Dettagli

Illuminazione ILLUMINAZIONE

Illuminazione ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE 293 Illuminazione Argomenti: Basi dell illuminazione Creazione della profondità Luci principali, luci di riempimento e luci di sfondo Intensità e decadenza Posizionamento delle

Dettagli

OSSERVARE UNA ECLISSI DI SOLE

OSSERVARE UNA ECLISSI DI SOLE Gruppo M1 - Astrofili Castiglionesi Castiglione dei Pepoli (Bologna) email: info@gruppo.it web: www.gruppom1.it OSSERVARE UNA ECLISSI DI SOLE Immagine artistica della geometria di una eclissi di Sole.

Dettagli

Le immagini del sole di Pietro Cerreta

Le immagini del sole di Pietro Cerreta Le immagini del sole di Pietro Cerreta Premessa. L insegnante spesso considera il raggio di luce o il raggio di sole come concetti intuitivi, poiché essi si basano sul concetto geometrico di retta, a sua

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

Visualizzazione e navigazione 3D

Visualizzazione e navigazione 3D 02 Visualizzazione e navigazione 3D La maggior parte dei progettisti che utilizzano AutoCAD, soprattutto quelli che lo usano da molto tempo sono, generalmente abituati a considerare questo software CAD

Dettagli

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Ing. Federico Bergenti E-mail federico.bergenti@unipr.it Telefono +39 0521 90 6929 Sintesi di Immagini Digitali Generazione automatica di immagini

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE INTRODUZIONE 15 Introduzione Contenuti: Come usare questa guida all uso Cos è una animazione? Gli elementi della animazione 3D Apprendere le capacità di un Animatore 3D Quanto tempo si impiega

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

Aggiornamento Matrix

Aggiornamento Matrix Interfaccia utente Nuove icone, menu e comandi offrono un ambiente di lavoro più moderno e intuitivo Strumento Tabella Creando e importando tabelle si ottengono formati strutturati per testo e grafica

Dettagli

Guida Utente. Versione 2.3a

Guida Utente. Versione 2.3a Guida Utente Versione 2.3a Contenuti Introduzione... 2 Inizio Veloce... 3 Attività basate sulla Barra delle Schede... 3 Tavolozze... 3 Navigazione, Rendering & SnapShots... 4 Controlli Basati sulle Attività...

Dettagli

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco Adobe Photoshop 1 Introduzione Adobe Photoshop è uno strumento software standard di elaborazione delle immagini. Photoshop permette di operare su immagini bitmap digitalizzate (ovvero immagini a tono continuo

Dettagli

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare)

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Traduzione di Eros Bottinelli Introduzione Un documento di Pencil è basato sui livelli. Ci sono attualmente quattro tipi

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI

Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI Titolo: Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Ne vediamo di tutti i colori AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al

Dettagli

Manuale Utente Manuale utente

Manuale Utente Manuale utente Manuale Utente Copyright 2011 Caravaggio E-mail: info@caravaggio3d.com Web: http://www.caravaggio3d.com Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna

Dettagli

Illuminare il Progetto del Logo 3D

Illuminare il Progetto del Logo 3D ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE 301 Illuminare il Progetto del Logo 3D Questa scena utilizza la luce di base e la filosofia delle luci di riempimento. Per accentuare le zone di massima luce degli oggetti metallici,

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Guida alla qualità del colore

Guida alla qualità del colore Pagina 1 di 7 Guida alla qualità del colore Nella presente guida vengono descritte le opzioni disponibili sulla stampante per la regolazione e la personalizzazione della resa del colore. Menu Qualità Modalità

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

IR(3): Illuminazione Globale

IR(3): Illuminazione Globale IR(3): Illuminazione Globale Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 21 Dicembre 2011 IR(3): Illuminazione Globale Illuminazione e Rendering: Principi di Illuminazione Rendering Real-Time

Dettagli

Politecnico di Milano - Facoltà del design - Laboratorio di computer grafica C2 Michele Zannoni Giovanni Gigante Tutorial 05: Materiali in Maya

Politecnico di Milano - Facoltà del design - Laboratorio di computer grafica C2 Michele Zannoni Giovanni Gigante Tutorial 05: Materiali in Maya Introduzione I materiali conferiscono un maggiore realismo alla scena. Un materiale descrive come un oggetto riflette o trasmette la luce. Le proprietà dei materiali sono strettamente associate a quelle

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50. Uno stile immagine

G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50. Uno stile immagine G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 50 Uno stile immagine Creare un disegno Se non si riesce a trovare il disegno che serve, si possono utilizzare gli strumenti di disegno di PowerPoint.

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2015/2016 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti LEZIONE 02 INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2015/2016 docente:

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Ottica geometrica In ottica geometrica si analizza la formazione di immagini assumendo che la luce si propaghi in modo rettilineo

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Concetti di base di rendering e animazione

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Concetti di base di rendering e animazione AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Concetti di base di rendering e animazione AutoCAD 2012 3D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD 2012 -Modellazione 3D e rendering, vi

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Sommario DOMUS3D VENUS R3 LUGLIO 2015... 4 LE NOVITÀ IN BREVE... 4 LE NOVITÀ IN DETTAGLIO... 6 Modifica multipla delle luci... 6 V-Ray: clamp output...

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw 1. Alla scoperta dei formati di files digitali: JPG, RAW e DNG. Che cosa sono, quali vantaggi e svantaggi

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO A cura di ARCPLUS ITALIA - Horae srl, via C.Colombo 19 p/6 Perugia www.arcplus.it info@arcplus.it Stampato a Settembre 2010 Capitolo 1 Introduzione 1. 2. 3.

Dettagli

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni)

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) Giochi con luce, ombra, buio in ambienti diversi (all aperto ed al chiuso in condizioni di illuminazione diversa, possibilmente anche con la luna, e al variare del tempo

Dettagli

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica.

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica. La Pipeline Grafica Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione La Pipeline Grafica Spazio vista Spazio 3D-screen Shading Rasterizzazione Rimozione delle facce

Dettagli

DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente

DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente DRU-100C Videocamera Digitale USB Manuale Utente Rev.01 (Agosto,2000) M20000806 Stampato a Taiwan Indice Generale INTRODUZIONE...1 INSTALLAZIONE DELL'HARDWARE...2 INSTALLARE LA VIDEOCAMERA... 2 INSTALLAZIONE

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli