AutoCAD Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato"

Transcript

1 AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Rendering avanzato

2 AutoCAD D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD Modellazione 3D e rendering, vi avevamo lasciato con la promessa di approfondire meglio alcune tecniche e funzionalità del nostro software CAD. Questo capitolo aggiuntivo, insieme agli altri scaricabili dal sito web alla pagina dedicata al libro di AutoCAD 3D, presenta una serie di contenuti aggiuntivi, a colori che non sono disponibili nella grande guida in edizione cartacea. Se alla fine della lettura di questo opuscolo, vorrai fare un ulteriore passo in avanti, visita la nostra home-page dedicata alla formazione home-formazione.html: troverai un sacco di corsi su misura per imparare 3ds Max, Maya, Revit, Inventor, Publisher, AutoCAD e molto altro ancora. Buona lettura IDA LA GRANDE GUIDA LA GRANDE GUIDA IL CD ROM INCLUDE: Decine di esempi ed esercitazioni guidate File di scena completi per un apprendimento integrato basato su imitazione e sperimentazione I contenuti del libro sono, per la maggior parte, compatibili con le versioni 2010, 2011, 2012 e 2013 di AutoCAD e AutoCAD Architecture. I disegni e i modelli 3D sono salvati in formato DWG Edoardo Pruneri si occupa di formazione, consulenza e analisi nel campo delle Tecnologie Assistite da Calcolatore in ambito industriale, da più di 20 anni. È stato Product Manager per la linea di prodotti CAD manifatturiero per Autodesk. Per Mondadori Informatica è autore delle guide per Inventor Professional, AutoCAD, 3ds Max e Revit Architecture. Per scaricare altri contenuti extra su AutoCAD 2012, visita il sito: AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Autodesk CD CON ESERCIZI INCLUSO! Autodesk AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Consulta il catalogo completo dei libri Mondadori Informatica all indirizzo Internet: CD-ROM INCLUSO Pruneri Edoardo Pruneri

3 Prima di incominciare, come ottenere una licenza di AutoCAD regolare Magari non è il tuo caso, ma molte delle persone che stanno seriamente cercando di imparare AutoCAD, sono nella condizione di doversi procurare il software. Sappi che si sono un sacco di metodi regolari per utilizzare AutoCAD 2012 senza ricorrere ad operazioni illegali (e pericolose per il vostro PC). Attraverso il link al sito italiano: è disponibile il download di una copia del software (AutoCAD a 32 o 64 bit) aggiornato all ultima versione, ed utilizzabile liberamente per 30GG. Se sei un utente Macintosh, puoi scaricare la versione di prova di AutoCAD per Mac al sito: autocadformac-trial (ma ricorda: che AutoCAD per Mac è disponibile solo in lingua inglese). Terminati i 30 giorni, la licenza scade, ma niente paura. Nel caso tu voglia continuare a imparare il software e, d altra parte non abbia la possibilità di spendere qualche migliaio di euro, esiste un altra soluzione: l acquisto di una licenza studente che costa veramente poco: all incirca il prezzo di un paio di manuali di AutoCAD. Attraverso questa licenza (utilizzabile per attività di apprendimento personale e senza fini di lucro, chiaramente) è possibile continuare ad allenarsi con il nostro strumento di modellazione 3D, rendering e animazione preferito per sempre, senza limiti di tempo. Se ti interessa l argomento, scrivimi una mail e ti spiegherò come fare per ottenerla.

4 06 Rendering avanzato web sommario Modifica delle preimpostazioni 1 Opzioni avanzate di rendering: il contesto 2 Impostazioni di rendering per i materiali 3 Il campionamento 4 Il tipo di filtro ed i suoi attributi 6 Le opzioni per le ombre nel rendering 7 Ombre con mappe di composizione 7 Ombre di Ray Tracing 8 La qualità delle ombre 9 Il Ray Tracing 9 L illuminazione indiretta 10 L illuminazione globale 11 La Final Gathering raccolta finale 14 Proprietà della luce 15 Strumenti per l analisi del rendering 15 Raccomandazioni e considerazioni finali 17 Riassumendo 18 Conclusioni 18

5 06 Rendering avanzato web È giunto il momento di fare sul serio con il rendering! Tutto quello di cui avete bisogno sono: il desiderio di imparare, la voglia di provare, una macchina potente (o molto tempo a disposizione). In quest ultimo capitolo delle guida verranno sintetizzati buona parte degli argomenti trattati nella seconda parte della guida e verranno illustrati i parametri e le tecniche per l utilizzo delle opzioni avanzate del rendering. Signori, ve lo anticipo, continuate a leggere questo paragrafo solamente se non ne avete già abbastanza di termini tecnici e di opzioni da impostare Quella che segue è roba per stomaci forti Deciso di continuare? Allora andiamo! L idea è di fare un altro passo in avanti nella comprensione dei parametri che conduce ad un livello più realistico delle immagini di sintesi che si riuscirà a produrre. Attraverso la comprensione di queste opzioni potrete creare delle vostre preimpostazioni di rendering personalizzate, magari più efficienti. Iniziamo con il dire che, nelle preimpostazioni del rendering (bozza, basso, ecc.) non si tiene conto di alcuni parametri molto importanti per i rendering di alta qualità. È il caso, per esempio, de: Le mappe di composizione per le ombre L illuminazione globale Il final gathering Modifica delle preimpostazioni Fino ad ora la qualità del render è stata gestita attraverso la selezione di un preset (in AutoCAD i preset si chiamano preimpostazioni) dalla barra multifunzione, lasciando ad AutoCAD l onere di definire una serie di parametri in funzione del livello di qualità prescelto. Nell ultimo capitolo della guida cartacea già stata citata la possibilità di accedere alla modifica di questi parametri attraverso la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. Va ricordato, però, che tali modifiche, sono temporanee, e non possono essere salvate per gli utilizzi futuri. Meglio quindi creare i propri set di preimpostazioni personalizzati attraverso il comando Gestisci preimpostazioni di rendering, nella parte estesa dell elenco dei preset (figura 6.1). Lavorando nella fine- 1

6 c a p i t o l o w e b o6 stra di dialogo Gestione preimpostazioni di rendering è possibile scegliere un modello di reimpostazione esistente e crearne una copia da modificare e salvare con nome. Un rapido confronto di questa finestra con la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate consente di notare che le voci di impostazione di rendering sono le medesime (figura 6.2), eccetto le voci che si trovano alla sezione Contesto di rendering. Una volta creato il preset, questo sarà disponibile nell elenco a discesa, insieme alle preimpostazioni di rendering di default. Figura 6.1 Accesso alla finestra di dialogo Gestisci preimpostazioni di rendering Figura 6.2 I parametri della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate sono gli stessi della finestra Gestisci preimpostazioni di rendering Opzioni avanzate di rendering: il contesto Nel corso del capitolo i parametri avanzati di cui parleremo verranno gestiti attraverso la tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. Si tratta del luogo in cui sono organizzati tutti questi parametri molto utili per migliorare la qualità del lavoro prodotto. Nel capitolo 26 sono già state prese in esame alcune voci relative al Contesto di rendering della sezione Generale. Vediamo ora le altre: Procedura: ovvero l oggetto del rendering (Vista, Ritaglio o Selezionato). Consente di stabilire se l immagine calcolata sarà relativa a tutti gli oggetti della Vista (l inquadratura corrente), oppure a tutti gli oggetti all interno di una porzione della 2

7 Rendering avanzato vista (il cosiddetto Ritaglio) oppure a solo gli oggetti preventivamente selezionati all interno della vista. Destinazione: consente di indicare dove verrà eseguito il render; se si sceglie l opzione Finestra, AutoCAD aprirà la finestra di dialogo Render, invece, selezionando la voce Finestra grafica, la scena verrà renderizzata nella viewport ovvero nella finestra della vista di modello attiva. Nome file di output: il nome e la posizione in cui viene salvata l immagine Dimensione output: larghezza e altezza dell immagine (espresse in pixel) Tipo di esposizione: determina il metodo di calcolo dei livelli e dei toni di colore (che agisce su luminosità, contrasto, toni medi e sfondo del render). Si può scegliere tra: Automatico: l opzione più utilizzata, usa un metodo che combina i toni della finestra corrente Logaritmico: utilizza il controllo di esposizione logaritimico; viene utilizzato in scene con forti contrasti tra luci ed ombre Scala fisica: questo parametro (da a ) controlla la scala delle luci fotometriche. Impostazioni di rendering per i materiali Torniamo a parlare di materiali aggiungendo altri elementi a quelli già introdotti nel capitolo 25. Alcune impostazioni globali permettono di gestire il comportamento del complesso di tutti i materiali della scena. Il singolo materiale invece, come si è detto, viene creato e modificato attraverso il Browser dei materiali.. Queste regolazioni sono disponibili all interno della sezione Materiali della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate già citata (figura 6.3). In primo luogo, è possibile applicare uno stesso materiale di default a tutti gli oggetti della scena. Impostando il valore Off alla voce Applica materiali, tutti i materiali del modello vengono sostituiti dal materiale Global, che può essere modificato attraverso il Browser dei materiali (figura 2.4). Questa operazione è estremamente utile durante la fase di studio delle luci della scena e delle impostazioni di rendering perché permette di ridurre il tempo di calcolo impiegato nell elaborazione delle texture e dell aspetto dei materiali. La figura 6.4 mostra il confronto tra due render elaborati con e senza materiali. Figura 6.3 Sezione Materiali della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate 3

8 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.4 Elaborazione di un render con impostazioni di materiali attivi e non Per non arrivare stremati dai tempi di calcolo alla composizione di rendering definitiva, la voce Filtraggio di composizione vi consente di velocizzare l elaborazione dell immagine disattivando il calcolo delle texture (impostazione Off): in questo caso i materiali vengono renderizzati senza mappe di texture quindi senza qualità di rilievo e ruvidezza: l immagine perde di realismo, ma guadagnate secondi (o minuti) preziosi nel tempo di calcolo. Da ultimo è possibile impostare la voce Forza 2 lati su Off per ottenere render statici in tempi più bervi: AutoCAD terrà conto del solo lato visibile di ogni faccia degli oggetti, tralasciando il calcolo di quelle nascoste. Se, però, si sta calcolando il render di un animazione, è opportuno impostare su On il calcolo delle face nascoste. Ricordate che anche i materiali giocano un ruolo importante nel calcolo dell illuminazione della scena: materiali riflettenti contribuiscono alla diffusione della luce e forti contrasti tra i colori degli elementi possono influenzare le predominanti dei colori nella scena; per questo motivo, le impostazioni di rendering dedotte da un calcolo effettuato senza materiali potrebbero non essere del tutto adeguate all elaborazione del render con i materiali. Il campionamento AutoCAD utilizza come base per il rendering il motore esterno chiamato mentalray, prodotto e distribuito da una azienda tedesca, la mental images di Berlino. Questo programma, utilizzato sotto licenza da Autodesk, è uno dei più potente motori di rendering disponibili ad oggi. È uno di quelli, per intenderci, che equipaggia 3ds Max e Maya. Alcuni dei parametri avanzati del rendering con mentalray sono relativi alla 4

9 Rendering avanzato quantità dei raggi di luce calcolati e al loro modo di impattare le varie superfici della scena. Alla definizione del comportamento di questi raggi è dedicata la sezione Campionamento della tavolozza delle importazioni di rendering avanzate. In generale, maggiore è il numero di raggi che partono dalla sorgente luminosa, migliore sarà il realismo della scena. Il Campionamento, verifica in che modo il mentalray esegue la divisione e la selezione dei pixel, ovvero della minima unità da calcolare: a livelli più alti corrisponde un risultato più accurato (ma lento da ottenere). Impostare il campionamento è utile al calcolo dell antialiasing, una particolare elaborazione che permette, in fase di rendering, di attenuare il brutto effetto di scalettatura che si crea sui bordi delle geometrie visualizzate sui il calcolatore. AutoCAD è in grado di riconoscere quali siano le aree in cui sono presenti numerose variazioni di colore e pertanto è necessario un calcolo di antialiasing maggiore. La precisione di questo calcolo dipende dai valori Min e Max campioni: più alti sono questi valori, relativi alla campionatura e dunque alla suddivisione dell immagine, più dettagliato sarà il risultato. Occorre, innanzitutto, impostare le voci: Min campioni: rappresenta il numero di campioni per pixel. Un valore maggiore o uguale a 1 indica che vengono calcolati uno o più campioni per pixel. Un valore frazionario indica che viene calcolato un campione per ogni N pixel (ad esempio 1/4 calcola un minimo di un campione per ogni quattro pixel). L impostazione di default è 1/4 ma questo parametro può variare da 1/64 (un campione ogni 64 pixel) e 1024 (1024 campioni per pixel) Max campioni: Se in campioni vicini viene rilevata una differenza nel contrasto che supera il limite (definito in base all impostazione del tipo di filtro), l area contenente il contrasto viene suddivisa per la profondità specificata da questo valore. L impostazione di default è 1. Figura 6.5a Campionamento: Min campioni = 1/64, Max campioni = 1/4 Figura 6.5b Campionamento: Min campioni = 1, Max campioni = 16 I valori degli elenchi Min campioni e Max campioni sono interdipendenti: il valore del primo non può superare quello del secondo. Se il valore di Min campioni supera 5

10 c a p i t o l o w e b o6 quello di Max campioni, il valore del primo viene eguagliato al secondo. I valori 1/4 e 1 vanno bene per prove di render o per scene abbastanza uniformi, senza molti particolari. Per la produzione di scene ad ottima qualità si consigliano i valori 1 e 16 al massimo in modo che i dettagli non si confondano tra loro e la scena sia più definita. L aumento di questi valori influisce sensibilmente sull aumento dei tempi nella fase di produzione dell immagine. Il tipo di filtro ed i suoi attributi Il Tipo di filtro determina il modo in cui più campioni vengono combinati in un valore di pixel singolo, per determinare il colore finale, in sostanza il metodo con cui viene calcolato l anti-aliasing. I tipi di filtro utilizzati per combinare i campioni dell immagine in modi diversi sono: Quadrato: somma tutti i campioni di pari spessore nell area filtro. Questo è il metodo di campionamento più veloce. Gauss: l impostazione di default, valuta i campioni utilizzando una curva di Gauss (a campana) centrata sul pixel. Triangolo: valuta i campioni utilizzando una piramide centrata sul pixel. Mitchell: (dal nome del matematico che ha formulato questo algoritmo) valuta i campioni utilizzando una curva (più ripida della curva di Gauss) centrata sul pixel. Questo metodo è quello che produce i risultati senza dubbio più accurati. Lanczos: valuta i campioni utilizzando una curva (più ripida della curva Gauss) centrata sul pixel, riducendo l effetto dei campioni in corrispondenza del bordo dell area filtro. Altri valori concorrono nel determinare gli attributi del filtro specificando il metodo utilizzato per contrastare l effetto di aliasing ovvero l aspetto scalettato delle linee oblique: Larghezza filtro e Altezza filtro: specificano le dimensioni dell area filtrata. L aumento dei valori di Larghezza filtro e Altezza filtro (da un minimo di 0 ad un massimo di 8) può sfumare l immagine, ma determina tempi di rendering più lunghi. Colore contrasto: utilizza la finestra di dialogo Seleziona colori per specificare in modo interattivo i valori di soglia R,G,B,A (red, green, blue, alpha) specificano i valori di soglia per i componenti rosso, blu e verde dei campioni. Tali valori, compresi tra 0.0 e 1.0, sono normalizzati. 0.0 indica che il componente di colore è completamente non saturato (nero o 0 nella codifica a 8 bit) mentre 1.0 indica che il componente di colore è completamente saturato (bianco o 255 nella codifica a 8 bit). Alfa contrasto: specifica il valore di soglia per il componente alfa dei campioni. Il valore è normalizzato ed è compreso tra 0.0 (completamente trasparente o 0 nella codifica a 8 bit ) e 1.0 (completamente opaco o 255 nella codifica a 8 bit). 6

11 Rendering avanzato Figura 6.6a Il render ottenuto con filtro di tipo Quadrato appare più scalettato (impostazioni di anti-aliasing: Min campioni = 4, Max campioni = 64) Figura 6.6b La stessa immagine renderizzata con filtro di tipo Mitchell appare più nitida e uniforme (impostazioni di anti-aliasing: Min campioni = 4, Max campioni = 64) Le opzioni per le ombre nel rendering Utilizzando le ombre è possibile creare immagini di rendering dotate di maggiore profondità e realismo. È già stato citato il metodo di attivazione e disattivazione delle ombre attraverso l icona a forma di lampadina accanto al titolo della sezione Ombre della tavolozza Gestione impostazioni di rendering. Il renderizzatore consente di generare ombre mediante mappe di composizione per le ombre o mediante Ray Tracing. Le prime si basano su una bitmap generata dal renderizzatore durante l esecuzione di un rendering preliminare della scena: AutoCAD rileva il profilo degli oggetti, memorizza una immagine di questa silhouette e la proietta poi in funzione della distanza e della direzione dei raggi luminosi provenienti dalle diverse sorgenti definite in scena. Le mappe di composizione per le ombre producono spigoli meno netti e possono richiedere tempi di calcolo inferiori rispetto alle ombre Ray Tracing, ma i risultati sono meno accurati. Il Ray Tracing, invece, traccia il percorso dei raggi campionati a partire dalla fonte luminosa. Le ombre vengono inserite nei punti in cui i raggi sono stati intercettati dagli oggetti. Le ombre di Ray Tracing producono spigoli netti più accurati e richiedono tempi di calcolo più lunghi. Vediamo le due modalità nel dettaglio. Ombre con mappe di composizione Le mappe di composizione per le ombre rappresentano l unico sistema per generare ombre con spigoli poco accentuati ma, per contro, non possono mostrare il colore proiettato da oggetti trasparenti o traslucidi. Le ombre con mappe di composizione vengono calcolate più rapidamente delle ombre di Ray Tracing. Nell esempio riportato di seguito viene illustrato come appaiono le mappe di composizione per le ombre: queste, rispetto al Ray Tracing, vengono elaborate più rapidamente e producono ombre meno precise e con spigoli più arrotondati, per questo le mappe vanno 7

12 c a p i t o l o w e b o6 preferite per la produzione render di prova. È possibile definire la qualità delle ombre aumentando o riducendo la dimensione della mappa di composizione per le ombre: durante l esecuzione di un processo di rendering con questo metodo di composizione delle ombre viene creata un immagine bitmap della mappa: la dimensione di default della mappa di composizione per le ombre è pixel. Se l ombra risulta a grana eccessivamente grossa, e si nota un effetto di scalettatura del contorno, si otterrà una qualità migliore dell ombra aumentando la dimensione della mappa. Non è consigliabile utilizzare ombre con mappe di composizione se esiste una fonte luminosa che attraversa una superficie trasparente, ad esempio una finestra a più vetri in cui si desidera che gli infissi e i montanti proiettino delle ombre. Sarebbe necessario rimuovere il vetro per consentire ai montanti di proiettare le ombre. Figura 6.7 Esempio di ombra generata con mappa di composizione Ombre di Ray Tracing Le ombre di Ray Tracing, come tutti gli altri effetti di riflessione e rifrazione a tracciamento dei raggi, vengono generate tracciando il percorso dei raggi di luce campionati da una fonte di luce. Le ombre di Ray Tracing sono più accurate delle ombre con mappe di composizione, perché simulano il comportamento della luce naturale. Nell esempio riportato di seguito viene illustrato come il Ray Tracing richieda più tempo e produca tuttavia ombre più realistiche e precise. Vedremo come attivare l una o l altra delle ombre nel prossimo paragrafo, quello delle opzioni avanzate di rendering. Figura 6.8 Esempio di ombra generata con il Ray Tracing 8

13 Rendering avanzato Naturalmente, per proiettare le ombre in un modello, è necessario definire l illuminazione ovvero aggiungere almeno una fonte luminosa alla scena e specificare se proietta ombre. Per visualizzare le ombre nella finestra grafica mentre si imposta la scena, è necessario attivare le ombre per lo stile di visualizzazione attraverso i comandi Ombre al suolo od Ombre complete del pannello Luci, scheda Render. Se si desidera che le ombre vengano visualizzate nell immagine sottoposta a rendering, occorre attivare le ombre e scegliere il tipo di ombre di cui eseguire il rendering nella tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. La qualità delle ombre La sezione Ombre della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate contiene i parametri ed i valori che determinano il tipo di visualizzazione delle ombre nell immagine di rendering. In particolare: Modalità. le modalità dell ombra possono essere: Semplice: proietta le ombre in un ordine casuale Ordinato: esegue la proiezione dell ombra in ordine, dall oggetto alla luce. Segmento: genera gli shader dell ombra in ordine lungo il raggio di luce, luce seguendo la direzione del raggio dalla fonte luminosa. Mappa di composizione per le ombre: controlla se la mappa di composizione delle ombre viene utilizzata per il rendering delle ombre. Quando è impostata su On, AutoCAD esegue il rendering delle ombre mappate. Quando è impostata su Off, tutte le ombre sono calcolate con l algoritmo di Ray Tracing. Moltiplicatore di campionamento: specifica il numero di campioni dell area illuminata da considerare nel calcolo delle ombre, al fine di migliorare la velocità del render. Il valore di default varia secondo il preset selezionato (0 per la Bozza, 1/4 per Basso, 1/2 per Medio, 1 per Alto e Presentazione) e può raggiungere un valore massimo uguale a 2. Il Ray Tracing La sezione di Ray Tracing determina il modo in cui AutoCAD traccia il percorso di ogni raggio di luce attraverso la scena e determina come il raggio rifletta su superfici opache e rifranga attraverso gli oggetti trasparenti o traslucidi. Qui sono contenute impostazioni che influiscono sull ombreggiatura di un immagine di rendering. Abilita: l icona a forma di lampadina attiva o disattiva il Ray Tracing durante il calcolo del render Profondità massima: limita la combinazione di riflessione e rifrazione. Il Ray Tracing si interrompe quando il numero totale di riflessioni e rifrazioni raggiunge la profondità massima. Ad esempio, se Profondità massima è pari a 3 e le due profondità della traccia sono pari ciascuna al valore di default 2, un raggio può essere ri- 9

14 c a p i t o l o w e b o6 flesso due volte e rifratto una volta, o viceversa, ma non può essere riflesso e rifratto quattro volte. Riflessioni massime: imposta il numero di riflessioni consentite ad un raggio. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna riflessione. Se è pari a 1, il raggio può essere riflesso una sola volta. Se è pari a 2, il raggio può essere riflesso due volte, e così via Rifrazioni massime: imposta il numero di rifrazioni consentite di un raggio. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna rifrazione. Se è pari a 1, il raggio può essere rifratto una sola volta. Se è pari a 2, il raggio può essere rifratto 2 volte, e così via. Se, per esempio, si inquadra un dipinto protetto da un vetro oltre la vetrina di un negozio di esposizioni, le rifrazioni massime devono essere almeno due. Quando il Ray Tracing è disattivato, non si verifica alcun effetto di riflessione o rifrazione. l algoritmo di ray tracing Il Ray Tracing è un algoritmo per il calcolo del colore di ogni singolo pixel che compone la scena 3D. Esso si basa sulle leggi dell ottica e si attua attraverso l individuazione dell incidenza dei raggi luminosi che vanno a colpire gli oggetti presenti sulla scena 3D, l algoritmo individua i fasci luminosi che partono da un punto e che incontrano, si riflettono e si rifrangono in funzione delle caratteristiche delle superfici incontrate; si tratta di un algoritmo dipendente dal punto di vista in cui l immagine viene renderizzata. Una limitazione di questo metodo è la sua incapacità di elaborare i riflessi dovuti alla luce diffusa. L illuminazione indiretta È proprio nel calcolo dell illuminazione indiretta dove mentalray gioca le sue carte migliori; oltre a calcolare la luce che gli oggetti ricevono direttamente dalle sorgenti di luce (illuminazione diretta), mentalray include degli algoritmi che permettono di simulare anche la luce indiretta ovvero quella riflessa, diffusa o rifratta da altre superfici, responsabile dell aumento del realismo dell immagine; in questo secondo caso vengono calcolati i rimbalzi secondari dei raggi luminosi con il risultato che la scena risulta più movimentata, i volumi sono ben descritti e tra le zone di luce ed ombra non vi sono degli stacchi netti, ma l ambiente risulta sufficientemente morbido. L illuminazione indiretta con mentalray viene calcolata attraverso due metodi di calcolo differenti: Illuminazione globale (Global Illumination). Calcola la mappa di fotoni simulando i rimbalzi reali della luce nello spazio considerando la luce a partire dalla fonte luminosa fino alle superfici, tenendo conto anche dei rimbalzi successivi. Final gather Raccolta finale. Calcola la luce diffusa partendo dalle superfici illuminate (e non dalla sorgente luminosa). Se attivato da solo, non in abbinamento 10

15 Rendering avanzato all Illuminazione globale, è appropriato solo per scene d esterni: questo metodo, infatti, consente di prendere in considerazione solo un numero limitato di rimbalzi della luce e, per questo, non è indicato per le scende d interni. Ognuno di questi algoritmi ha una sezione dedicata nella tavolozza Impostazioni di rendering avanzate. L illuminazione globale L illuminazione globale (Global Illumination, in inglese) è il nome generale sotto il quale è classificata una serie di algoritmi per il calcolo del colore di ogni singolo pixel sulla scena da renderizzare. La particolarità di questi algoritmi consiste nel fatto che essi tengono conto sia della luce ricevuta direttamente da una sorgente di luce (illuminazione diretta), sia di quella riflessa, diffusa, o rifratta da altre superfici (illuminazione indiretta). Le immagini renderizzate con l uso di algoritmi di illuminazione globale, spesso appaiono più fotorealistiche rispetto a quelle che utilizzano solo l illuminazione diretta. La loro computazione, però, è molto più lenta e computazionalmente più costosa. Figura 6.9a Immagine ottenuta senza l ausilio della illuminazione globale Figura 6.9b Immagine ottenuta con l ausilio della illuminazione globale Uno degli effetti che rivela l uso della illuminazione globale è il cosiddetto effetto fuga di colore (Color Bleeding, in inglese). Se ad esempio un armadio laccato aragosta si trova accanto ad un muro azzurro, il muro azzurro assumerà una leggera tinta aragosta. Questo dettaglio di colore, sicuramente trascurato quando si osserva una stanza ad occhio nudo, è fondamentale per aggiungere realismo ad una immagine di sintesi al calcolatore: nel caso non ci fosse, l immagine risulterebbe falsata. Questo effetto non può essere ottenuto con i normali calcoli di Ray Tracing. Per calcolare l illuminazione globale, il renderizzatore utilizza le mappe di composizione per fotone, una tecnica che consente di generare effetti di illuminazione indiretta e illuminazione globale. L uso di mappe di composizione per fotone da sole, dà luogo a difetti di rendering, ad esempio angoli bui e variazioni a bassa frequenza nell illuminazione. 11

16 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.10 Difetti nell immagine di rendering dovuti all uso di mappe di composizione per fotone (tempo di calcolo 1:11) Per quello che riguarda l illuminazione globale, AutoCAD prevede i seguenti parametri: Abilita: attiva o disattiva la proiezione di luce indiretta nella scena(la consueta icona a forma di lampadina) Fotoni/campioni: indica il numero di fotoni utilizzati per il calcolo dell illuminazione globale. Questo valore va aumentato (fino ad un massimo di !) se si vuole ridurre i disturbi dell immagine ma, con valori troppo elevati, provoca la sfocatura dell immagine finale. Quanto più elevato è il valore di questo parametro, maggiori sono i tempi di rendering Utilizza raggio: indica la dimensione di ogni fotone e va attivato, impostando il parametro su On, perché il selettore numerico sia attivato per definire le dimensioni dei fotoni. Quando è impostata su Off, invece, la dimensione di ogni fotone viene calcolata in automatico in modo da essere 1/10 del raggio della scena completa e dunque dipende dalle unità usate nel disegno Raggio: specifica il raggio di campionatura all interno del quale i fotoni verranno utilizzati durante il calcolo dell illuminazione indiretta. Aumentando il raggio, aumenta l uniformità della scena e si ottiene un illuminazione più naturale. Quando i fotoni hanno un raggio abbastanza grande perché si sovrappongono, il renderizzatore interviene per renderli uniformi. Se notate delle macchie di nell immagine, dunque, potrebbe essere opportuno attivare la voce Utilizza raggio e aumentare il valore del parametro Raggio (figura 6.12). Profondità massima: limita la combinazione di riflessione e rifrazione. La riflessione e la rifrazione di un fotone si interrompono quando il numero totale di entrambi è pari al valore impostato per questa voce. Ad esempio, se Profondità massima è pari a 3 e le profondità delle tracce sono ciascuna pari a 2, un fotone può essere riflesso due volte e rifratto una volta o viceversa, ma non può essere riflesso e rifratto quattro volte Riflessioni massime: imposta il numero di riflessioni consentite di un fotone. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna riflessione. Se è pari a 1, il fotone può essere riflesso una sola volta. Se è pari a 2, il fotone può essere riflesso due volte, e così via 12

17 Rendering avanzato Rifrazioni massime: imposta il numero di rifrazioni consentite di un fotone. Se il valore è 0, non viene eseguita alcuna rifrazione. Se è pari a 1, il fotone può essere rifratto una sola volta. Se è pari a 2, il fotone può essere rifratto due volte, e così via. Figura 6.11a Immagine renderizzata con il valore Raggio = 400: i fotoni sono chiaramente visibili Figura 6.11b Immagine renderizzata con il valore Raggio = : i fotoni si sovrappongono e la scena appare più uniforme l algoritmo di photon mapping Il Photon mapping è un algoritmo di illuminazione globale, basato sulla simulazione dell emissione di raggi di luce e usato in computer grafica per simulare realisticamente l interazione della luce con differenti oggetti. In particolare, è capace di simulare la rifrazione della luce attraverso sostanze trasparenti, ad esempio il vetro o l acqua, riflessioni a vicenda tra oggetti illuminati, ed alcuni effetti causati da particelle come il fumo o il vapore acqueo. Il photon mapping è stato sviluppato dal ricercatore danese Henrik Wann Jensen. L algoritmo del photon mapping procede attraverso due fasi. La prima fase consiste nel simulare l emissione di fotoni ( photon tracing ; di solito è consigliabile emetterne qualche migliaio) dalle sorgenti di luce dell immagine e nel tracciamento, all interno della scena, di una mappa 3D di fotoni virtuali; la seconda fase consiste nel rendering della scena utilizzando le informazioni contenute nella mappa, precedentemente creata, per stimare la radianza riflessa sulle superfici della scena. Al contrario degli algoritmi di rendering tradizionali permette di calcolare con buona precisione effetti di luce quali caustiche, riflessioni, e surface scattering, per cui risulta particolarmente utile nella produzione di immagini con elementi in cristallo o metallo, o con materiali translucidi. È una tecnica che richiede risorse di calcolo medio-alte, dato che è necessario simulare una gran quantità di elementi. Il carico sull elaboratore può essere ridotto abbassando il numero di fotoni, riducendone la precisione o diminuendo il numero di rimbalzi che questi effettuano (limitandoli ad un numero predefinito o inserendo una soglia di intensità sotto il quale ne viene interrotto il calcolo). 13

18 c a p i t o l o w e b o6 Figura 6.12 Effetti della mappa di composizione per fotoni La Final Gathering raccolta finale Come anticipato, la qualità dell illuminazione indiretta dipende anche dalle impostazioni relative alla Final Gathering Raccolta finale. Attivandola possono essere parzialmente o totalmente eliminati i difetti di cui si parlava nel paragrafo precedente; il calcolo di questo algoritmo, infatti, aumenta il numero di raggi utilizzati per calcolare l illuminazione indiretta. Per quello che riguarda la Final Gathering, AutoCAD prevede le seguenti opzioni avanzate: Modalità: attiva (On), Disattiva (Off) o imposta i valori di default (Automatico) per il calcolo della Final Gathering Raggi: imposta il numero di raggi utilizzati per calcolare l illuminazione indiretta in una Final Gathering. L incremento di questo valore rende l illuminazione globale meno disturbata, ma comporta anche un aumento dei tempi di rendering. Modalità raggio: determina la modalità raggio per l elaborazione della Final Gathering Da scegliere tra: On: indica che per l elaborazione Final Gathering viene utilizzata l impostazione la dimensione del raggio definita alla voce Raggio massimo. Off: specifica in automatico il valore del raggio massimo che, di default, corrisponde al 10 per cento del raggio del modello massimo, espresso in unità globali. Vista: imposta le unità del Raggio massimo in pixel piuttosto che in unità globali Raggio massimo: è il parametro che permette di sostituire un valore personalizzato al valore di default utilizzato come dimensione del raggio massimo per la Final Gathering. Valori bassi migliorano la qualità del render. Utilizza min: questo parametro va impostato su On per attivare il controllo della dimensione minima del raggio Raggio minimo: specifica il raggio minimo utilizzato nella Final Gathering: valori maggiori migliorano la qualità del render ma, per contro, aumentano i tempi di calcolo. Quando ci si prepara per un rendering finale con qualità super, in primo luogo non va dimenticato di specificare le unità di disegno (mm, cm, ecc.) che si desidera utilizzare, prima di definire eventuali impostazioni di illuminazione globale. Se si cambia- 14

19 Rendering avanzato no le unità di disegno dopo aver definito l illuminazione globale, si producono effetti negativi sul risultato di rendering. L accuratezza e l intensità dell illuminazione globale sono controllate dal numero di fotoni generati, dal raggio di campionamento e dalla relativa profondità di traccia. Nell esempio riportato di seguito vengono mostrati gli effetti prodotti dall impostazione del numero di fotoni e del raggio di campionamento su valori troppo bassi. Figura 6.13 Difetti nell immagine di rendering precedente risolti con la raccolta finale abilitata (tempo di calcolo 10:47) Proprietà della luce Nel contesto del calcolo dell illuminazione indiretta è possibile modificare, in modo rapido alcune qualità dell illuminazione globale della scena che determinano il modo in cui si comportano le luci. Per aumentare la qualità e l accuratezza del render finale (aumentando inevitabilmente il tempo di rendering) è possibile aumentare il valore relativo al parametro Fotoni/Luce che indica il numero di fotoni emesso da ogni luce. Subito sotto, attraverso il valore Moltiplicatore energia è possibile aumentare l intensità della luce indiretta con il risultato che l immagine risulterà globalmente più luminosa: fate attenzione a non aumentare troppo questo valore altrimenti le superfici esposte alla luce potrebbero risultare troppo chiare o addirittura bruciate. Figura 6.14 La sezione Proprietà luce della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate Strumenti per l analisi del rendering Un intera sezione della tavolozza delle impostazioni avanzate del rendering, la sezione Diagnostica, è dedicata agli strumenti che è possibile utilizzare per studiare le qualità del render. È possibile attivare le voci seguenti: Griglia: quando attivo, questo parametro mostra le coordinate del rendering secondo il metodo selezionato: 15

20 c a p i t o l o w e b o6 Off: disattiva la visualizzazione della griglia Oggetto: mostra le coordinate locali per ogni oggetto del render Globale: mostra le coordinate globali della scena (uguali per tutte gli oggetti Apparecchio fotografico: mostra una griglia rettangolare di coordinate parallela alla vista. Dimensioni Griglia: imposta le dimensioni della griglia Fotone: mostra gli effetti di una mappa di fotoni nel render. In presenza di luci fotometriche e con l opzione Illuminazione globale attiva, questo metodo è utilizzato per indagare le differenze tra le zone illuminate (sull effetto Photon mapping si veda l approfondimento in questo capitolo). Off: disattiva l opzione Fotoni. Densità: renderizza una mappa di composizione di fotoni che simula l interazione della luce con gli oggetti Irradianza: in modo simile all opzione precedente, rende visibili i fotoni in base alla loro irradianza (calcolando quindi il flusso di radiazione elettromagnetica che investe una superficie di area unitaria). Ancora una volta il rosso corrisponde all irradianza massima e il blu alla minima. Campioni: Impostando questo parametro su On è possibile visualizzare la griglia che mostra la dimensione dei campioni (l unità minima calcolata) del render. BSP: (Binary Space Partition Partizione Binaria dello Spazio) è utile attivare questa opzione per analizzare un render che sia troppo lento o per il quale AutoCAD ha rilevato valori di dimensioni eccessive. Off Profondità Dimensione Figura 6.15 La sezione Diagnostica della tavolozza Impostazioni di rendering avanzate Figura 6.16 La griglia di tipo Oggetto nel render di un gruppo di oggetti di cancelleria 16

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Confronto tra software illuminotecnici

Confronto tra software illuminotecnici Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Confronto tra software illuminotecnici F. Bisegna, F. Gugliermetti, M. Barbalace, L.

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche

Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Visualizzazione: immagini con linee nascoste e ombre Un nuovo metodo di elaborazione per rappresentazioni tecniche del modello ancora più realistiche Sempre più spesso i committenti e i responsabili del

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Indice 1 Introduzione... 5 1.1 Campi di applicazione... 6 1.2 Caratteristiche principali... 6 2 Informazione tecnica... 7 2.1 Requisisti raccomandati... 8 2.2 Scheda

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA G. Sini, 2010 Art. n A 21 ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA Chiunque abbia occasione di leggere un testo scritto dopo l introduzione del web, va incontro a qualche piccolo rischio. Esaminiamo qualche

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

LABORATORIO DI COSTRUZIONI

LABORATORIO DI COSTRUZIONI La distribuzione spaziale del flusso luminoso L intensità luminosa di una sorgente varia al variare della direzione nello spazio. 25 FEBBRAIO 2011 La scelta di un apparecchio illuminante deve essere effettuata

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS.

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Ultimo aggiornamento: dicembre 2014 Inhalt. 1 Indicazioni generali sul CI/CD delle FFS.... 2 1.1 Principi relativi all immagine

Dettagli