Copyright 2007 Maticad s.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright 2007 Maticad s.r.l."

Transcript

1 Tutorial Rendering 1

2 2

3 Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutti i diritti riservati Maticad s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti quando ritenuto opportuno. Questa pubblicazione descrive lo stato del prodotto al momento della pubblicazione stessa ed in nessun modo potrà riflettere il prodotto futuro. Le informazioni contenute in questo manuale possono essere soggette anch esse a modifiche senza preavvisi né comunicazioni. In nessuna circostanza Maticad s.r.l. potrà essere ritenuta responsabile nei confronti di alcun terzo per danni speciali, collaterali, accidentali, diretti o indiretti o consequenziali in connessione con o derivanti dall acquisto o dall utilizzo di questo prodotto. DomuS3D e Maticad sono marchi registrati di Maticad s.r.l. Tutti gli altri nomi di marchi e di prodotti o marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. Release DomuS3D

4 Premessa È importante ricordare, per chi non avesse familiarità con l'ambiente operativo, che prima di iniziare a lavorare è opportuno approfondire i concetti fondamentali dell'ambiente Windows: ad es. come utilizzare il mouse, come lavorare con le finestre, come aprire e chiudere i documenti, come gestire le stampanti, come trascinare file e cartelle (Drag&Drop). Ricordiamo, infine, che DomuS3D 2008 è compatibile con i Sistemi Operativi Windows Vista, Windows XP, Windows 2000, sebbene sia caldamente consigliato l utilizzo dei primi due. Questo tutorial è parte dell integrazione al Manuale di Riferimento della versione 6.0 del programma (in formato elettronico e cartaceo). Nelle prossime pagine verranno elencate tutte le modalità operative necessarie per ottenere la seguente immagine di rendering: Al fine di ottenete tale risultato procederemo per passi alla realizzazione del progetto, partendo dalla realizzazione della planimetria fino alla gestione dei materiali, dei sanitari, e dei minimali inseriti. 4

5 Abilitazione motore di rendering Per prima cosa, ancora prima di creare un nuovo progetto, è necessario verificare che sia abilitato il motore di rendering avanzato. Aprire la maschera delle Opzioni mediante il comando Strumenti Opzioni e fare click sulla sezione Rendering. Abilitare l opzione Abilita rendering avanzato per configurare il programma in modo da utilizzare il nuovo motore. Planimetria progetto La seguente immagine rappresenta la planimetria che andremo a realizzare : Si da per scontato che il lettore sappia come arrivare alla realizzazione dell architettura rappresentata in immagine. 5

6 Gestione Luci La versione 2008 del programma permette di gestire approfonditamente le impostazione delle luci, sia naturali sia artificiali. Al fine di realizzare un immagine come quella mostrata a pg. 4, è necessario inserire almeno una finestra (o un apertura) all interno della planimetria. Questo ci permetterà di realizzare l effetto di luminosità presente nell immagine finale, dovuto principalmente alla luce solare proveniente dall esterno della stanza. Procediamo quindi con l inserimento di una finestra a singola anta che possiamo prelevare dalla finestra componenti e posizioniamo tale oggetto ad una distanza di 40 cm dalla parete di destra e con le impostazioni indicate di seguito. Ovviamente le impostazioni di inserimento quali Elevazione, Dimensioni e Altezza influiscono sulla luminosità finale interna all ambiente. Il programma inserisce, automaticamente, una fonte artificiale di luce nel progetto (una Lampadina) ogni qual volta viene disegnato un vano. Per questo motivo sarà presente in pianta un cerchio che ne delimita la dimensione. Per ora ci occuperemo principalmente delle caratteristiche e impostazioni della fonte naturale di luce (Luce Solare) che nella maggior parte dei casi relativi a singoli vani permette di ottenere un risultato soddisfacente pur applicando poche correzioni al progetto. Intendendo lavorare con la sola luce naturale (minore è il numero di luci utilizzate, più contenuto sarà il tempo di rendering) procediamo a disattivare la lampadina in questo modo: 6

7 Fare doppio click con il tasto sinistro del mouse sull icona della lampadina o sulla sua circonferenza, per aprire la finestra Proprietà. Disattivare il flag Accesa presente in questa maschera e confermare con il tasto Ok. Per visualizzare le impostazioni iniziali di default della luce solare è possibile selezionare il comando Rendering Luci Luce naturale che mostrerà a video la seguente maschera: Per il momento lasciamo le impostazioni al loro valore standard, e passiamo quindi alla finestra di navigazione del progetto, anche se ancora privo di arredi e rivestimento, per avere un confronto plausibile tra la situazione iniziale di luce del nostro ambiente e quella che otterremo modificando le impostazioni. Passiamo quindi in Navigazione Virtuale e avviamo l elaborazione di rendering mediante comando Rendering Immagine completa. Tramite la maschera successiva che comparirà a video, è possibile ottenere un immagine di anteprima del risultato finale e/o impostare parametri diversi per ottenere una resa migliore. Consigliamo di sfruttare l opportunità di realizzare un immagine di preview (anteprima), in modo da ridurre i tempi di attesa per verificare le impostazione e le correzioni da applicare al progetto stesso. Procediamo quindi in questo modo e impostiamo Qualità Bassa nella sezione Qualità immagine; facciamo click sul pulsante Disattivato relativo a Controllo Esposizione per generare un piccola anteprima dell immagine di rendering. Nella maschera successiva possiamo 7

8 scegliere la dimensione in pixel dell immagine da generare e facendo click sul pulsante Calcola Anteprima si avvierà l elaborazione che porterà al seguente risultato: Lasciando le impostazioni standard per la Luce naturale si ottiene la seguente immagine: Nella figura sottostante possiamo confrontare i tre tipi di risultati diversi che si possono ottenere impostando rispettivamente qualità bassa, media e alta. La sottile differenza tra le immagini che si ottengono a Media ed Alta qualità è tale da permetterci ci studiare il nostro progetto generando immagini di rendering a Media qualità per accelerare i tempi di calcolo. 8

9 Come possiamo verificare nella prossima immagine, se si sposta il sole agli estremi della sfera azzurra che rappresenta l emisfero si ottengo immagini di bassa o scarsa luminosità, come nella realtà accade durante le prime o le ultime ore della giornata (sole agli estremi = alba/tramonto). Ricordiamoci, inoltre, che in questo momento la posizione del sole è sulla destra della stanza nella posizione in cui la vediamo. Con la seguente immagine, vediamo il risultato che si otterrà da una immagine di rendering eseguita ad alta qualità, lasciando le impostazioni iniziali della luce solare: 9

10 Modifichiamo la posizione del sole in modo che la sua luce possa entrare direttamente all interno della stanza inserendo le impostazioni della finestra sottostante (sole perpendicolare alla finestra): Eseguendo un nuovo rendering di media qualità, otterremo: Abbiamo quindi una notevole differenza con l immagine precedente e, per ora, possiamo accettare per buona la luminosità che si ottiene lasciando queste impostazioni per la Luce Naturale. Proseguiamo nella messa a punto del progetto; vedremo, successivamente, quali ulteriori modifiche applicare prima di generare l immagine di rendering definitiva, al fine di ottenere una qualità migliore. 10

11 Elementi d Arredo DomuS3D, dispone di un database di migliaia di elementi d arredo che possono essere inseriti nel progetto. Tutti gli elementi più recenti che vengono forniti da Maticad sono già studiati per fornire la migliore resa grafica con il nuovo motore di rendering. L inserimento di uno qualunque degli elementi d arredo del database comporta, a meno di imprevisti, l inserimento automatico del materiale all interno del progetto e l assegnazione automatica all elemento stesso. Possiamo quindi verificare che una volta inseriti i sanitari all interno della nostra ambientazione, è stato inserito in automatico anche il materiale Sanitario all interno del progetto. Nella versione 2008 del programma esistono due tipi diversi di materiali, a seconda del motore di rendering impostato. Nel nostro caso, essendo impostato il motore di rendering avanzato, il materiale utilizzato è di tipo Arch&Design che identifica il nuovo tipo di materiale che permette di realizzare superfici più definite e molto più simili alla realtà. Possiamo aprire la maschera con l elenco di tutti i materiali presenti nel progetto mediante il comando Rendering Materiali e da subito si può notare che le immagini di anteprima sono diverse rispetto a quelle relative ai materiali standard. Selezioniamo il materiale Sanitario e facciamo click sul pulsante Modifica per visualizzarne a video tutte le specifiche tecniche. 11

12 Tale materiale, come gli altri già predisposti e salvati all interno del database, sono stati studiati per rappresentare gli oggetti nel modo più simile alla realtà. Come prima cosa, consigliamo di applicarlo senza apportare alcuna modifica, per verificare il risultato che si ottiene. Andremo ad agire in seguito sul materiale solamente se lo riterremo opportuno. La resa finale dell oggetto, infatti, è legata anche alla gestione delle luci naturali e/o artificiali presenti nel progetto, per cui lo stesso materiale applicato in contesti diversi, può dar luogo a risultati diversi. Generiamo quindi una nuova immagine di rendering a qualità alta e dovremmo ottenere la seguente resa grafica: In questa immagine ovviamente possiamo notare la presenza di diversi particolari che vanno corretti, ad esempio vanno rimosse le zone scure presenti negli spigoli della stanza. In ogni caso possiamo comunque verificare che la qualità della resa grafica dei sanitari è abbastanza accettabile; con le impostazioni definitive di rendering avanzato che utilizzeremo più avanti per generare l immagine finale, si otterrà un ulteriore miglioramento. Considerando ciò, per il momento possiamo ritenerci soddisfatti della luminosità. Non inseriamo ulteriori fonti di luce; in seguito, vedremo come ottenere un risultato migliore abbassando l intensità della luce naturale. E anche possibile notare dall immagine generata a dimensioni più grandi, che compaiono diversi punti, sia sulle superfici degli elementi, sia sulle pareti, con sfumature di luminosità diversa, somiglianti a macchie scure. Queste sono dovute all illuminazione indiretta e vedremo che 12

13 potranno essere rimosse prima di generare l immagine finale utilizzando parametri di rendering diversi. Dall immagine generata inoltre, possiamo notare come le zone della stanza siano sottoposte ad una luminosità diversa, ad esempio i due sanitari sono di colore leggermente diverso in quanto sottoposti ad una fonte di luce leggermente diversa anche se piuttosto vicini. Dall esterno del progetto, provengono due tipi diversi di fonti di luce. La prima di queste è rappresentata dal sole, mentre la seconda è quella proveniente dal cielo o dall ambiente in cui il progetto è posizionato; Rivestimento Analizziamo il rivestimento applicato al nostro progetto. Al fine di ottenere una massima resa grafica, sarà necessario applicare, anche al materiale da rivestimento, materiali avanzati che permettono di esaltarne la finitura. All interno del database di DomuS3D, sono state inserite alcune delle finiture standard che si possono applicare ai minimali; in questo senso, la finitura viene applicata in modo uniforme a tutta la superficie della piastrella. (Database Piastrelle Modifica, Materiale Rendering, Predefinito) Vi sono casi, tuttavia, come nell immagine presente nella prossima pagina, in cui la finitura superficiale offre effetti diversi sulla medesima superficie. È necessario distinguere le zone che riflettono da quelle che non riflettono e le zone del prodotto che sono in rilievo da quelle invece che potrebbero essere incassate. Per fare ciò, verranno utilizzati due diversi tipi di mappe da assegnare al minimale, rispettivamente la mappa di riflessione e la mappa di bump. Rimandiamo per ora il trattamento di tale argomento ad un ulteriore documento e supponiamo di avere già preparato i due diversi tipi di mappa e di avere la sola necessità di realizzare un nuovo materiale il più possibile simile alla realtà. Questa è l immagine della piastrella decorata che inseriremo nel nostro progetto: 13

14 Per la quale sono state realizzate le seguenti mappe: Mappa di rugosità(bump): Le zone dell immagine rappresentate con il colore nero o tendente al nero, corrispondono alle zone della piastrella che risulteranno incassate, mentre quelle che sono di colore bianco o tendenti al bianco rappresentano le zone di rilevo della piastrella. Nel caso del minimale in questione quindi, per rappresentare la caratteristica rugosa che presenta la piastrella all interno del decoro, è stata creata un immagine in cui nella zona del decoro si alternano puntini molti fitti di colore bianco e nero. Nel nostro caso, in cui la parte di colore più scuro è quella dove è presente il decoro, che sarà quindi più scavata. Il fatto che sia poi rappresentata da una granulosità, permette di specificare la rugosità della piastrella stessa. Nella nostra mappa di rugosità, non è presente una notevole differenza tra le due tonalità di colore, questo perché la parte del decoro della piastrella sembrerebbe scavata di poco ma molto porosa. Possiamo vedere meglio un particolare della mappa nell immagine sottostante: 14

15 Sempre in questa immagine deve essere inserita l informazione della smussatura del bordo del minimale, che potrà quindi essere realizzato mediante una sfumatura di colore tendente al nero. Quanto più sarà grande tale sfumatura tanto più arrotondato sarà il bordo del minimale. Mappa di riflessione: Anche per la mappa di riflessione l alternanza bianco-nero fornisce al programma le informazioni di resa: le zone dell immagine di colore nero rappresentano le zone della piastrella nelle quali non è presente la riflessione, mentre quelle di colore bianco o tendenti al bianco, rappresentano le zone della piastrella in cui vi è riflessione. È certamente possibile inserire all interno di tale immagine sfumature di colore che permettono quindi di ottenere delle graduazioni diverse di riflessione. Oppure, come precedentemente fatto per la mappa di rugosità, creare un effetto di granulosità utilizzando l alternanza di punti di colore bianco e nero, che influisce sul tipo di riflessione risultante, facendola somigliare maggiormente alla realtà. 15

16 Nel nostro caso la mappa di riflessione della piastrella, corrisponde con quella di rugosità che abbiamo visto precedentemente. Il prodotto infatti è poco riflettente nelle zone a riposo, dove non è presente il decoro, per cui è di un colore tendente al grigio. Questa tonalità di colore, non troppo chiara né troppo scura, ci permetterà, oltre ovviamente ai parametri del materiale, di ottenere una riflessione poco accentuata e qualora fosse necessario, di modificare in seguito la riflessione cambiando i parametri del materiale. La caratteristica di granulosità che si vede nell immagine, comporta, ovviamente solo nella sezione dell immagine in cui è presente il decoro, una riflessione sfuocata e puntinata. Vediamo ora come realizzare il materiale del minimale in questione. Trattandosi di una finitura da assegnare ad una piastrella, non utilizzeremo la maschera vista in precedenza con la lista dei materiali di progetto (questi materiali, infatti, sono relativi ai soli elementi di arredo). Selezioniamo il comando Database Piastrella Modifica e individuiamo il minimale da modificare. Nella maschera di modifica dati anagrafici della piastrella, andremo a selezionare il pulsante Personalizzato nella sezione Materiale Rendering. Esistono due diversi tipi di materiale che possono essere creati, quindi procediamo selezionando Arch&Design nella sezione Tipo. Nella sezione Preset è presente una lista delle finiture che sono state salvate di default nel database del programma. Selezioniamo fra queste la finitura Opaco Satinato in quanto risulta essere quella che più si avvicina alla nostra piastrella. In tale materiale infatti la riflessione è molto bassa e si limita a riflettere gli oggetti molto vicini e non tutto l ambiente circostante. L elenco delle finiture disponibili nel programma può anche essere visualizzato nel documento Add-on: Integrazione al manuale. A tale finitura sarà necessario apportare modifiche tali da renderla idonea a rappresentare il nostro prodotto. Certamente è necessario associare alla piastrella l informazione delle due mappe, quella di rugosità e di riflessione. Per fare ciò attiviamo il flag Attiva relativo alla sezione Mappa di rugosità (bump) e mediante il pulsante della riga sottostante possiamo fare una ricerca sul nostro 16

17 disco e selezionare il file relativo. L intensità di visualizzazione di tale mappa viene regolata mediante il parametro Moltiplicatore, che andremo ad impostare al valore 7. Stessa procedura verrà utilizzata per la mappa di riflessione. Attiviamo il flag Attiva sotto Mappa di Riflessione e con il pulsante sottostante possiamo selezionare il file relativo alla mappa. A regolare l intensità del valore di riflessione, influiscono sia il parametro Moltiplicatore sia la tonalità di colore della scala di grigio presente nell immagine. Più tenderà al bianco e maggiore sarà la riflessione in quel punto. Una volta apportate tutte le modifiche possiamo confermare con il tasto OK; comparirà questo messaggio: Proseguiamo facendo click sul pulsante SI in modo da salvare il nostro materiale appena creato nel database e riapplicarlo anche alla piastrella di fondo. Per fare ciò selezioniamo nuovamente il comando Database Piastrelle Modifica e dopo aver selezionato la piastrella facciamo click sul pulsante Personalizzato relativa alla sezione Materiale Rendering. A questo punto possiamo direttamente selezionare nella box relativa ai preset il nome del nostro materiale. Fatto ciò, disattiviamo il flag Attiva e andiamo a rimuovere il percorso relativo alla mappa di riflessione nella riga sottostante. Per quanto riguarda la piastrella fondo della stessa serie applicheremo le stesse caratteristiche. Nello specifico possiamo applicare lo stesso materiale, rimuovendo le due mappe di riflessione e di rugosità. Rendering Avanzato 17

18 Applichiamo il rivestimento al nostro progetto come indicato nella figura sottostante: Mediante doppio click sulla parete alla quale sono appoggiati i sanitari, passiamo direttamente alla finestra di Modifica Rivestimento. Con il comando Modifica Piastrella Cambia Piastrella sostituiamo il fondo con il decoro come indicato nell immagine. A questo punto possiamo procedere e generare la nostra prima immagine di rendering a progetto completo. Per ottenere un immagine in resa fotorealistica di buona qualità, non è sufficiente applicare il materiale desiderato, ma è necessario creare anche un punto di vista che permetta di esaltare il dettaglio della piastrella oltre ovviamente a curare in particolar modo i diversi punti luce presenti nell ambiente. Passiamo quindi a creare dalla finestra di navigazione un punto di vista come quello indicato nella prossima immagine: 18

19 Questo ci permette, essendo piuttosto vicini alla parete, di esaltare il particolare di rugosità del decoro e la riflessione del minimale. Da questa vista, lanciando il rendering con l opzione Media Qualità si può ottenere la seguente immagine: 19

20 Come possiamo notare dall immagine, la luce presente sembrerebbe essere troppo bassa: non facciamoci ingannare da questo effetto, cadendo nell errore di aumentare l intensità della luce naturale. Se infatti torniamo a rivedere l immagine di anteprima generata ad alta qualità, l illuminazione della stanza risultava corretta. Aumentando la qualità, infatti, aumenta anche la sensibilità alla luce, pertanto l illuminazione dovrebbe verosimilmente essere corretta. Modifichiamo l intensità della riflessione della piastrella abbassando il parametro da 60 a 40, per evitare che nell immagine ad alta qualità sia troppo forte l intensità della luce globale dentro la stanza. Otteniamo la seguente immagine, anch essa generata a media qualità: Modifichiamo il parametro di rugosità aumentandone il valore a 20 Generiamo una nuova immagine ed otterremo il seguente risultato: 20

21 Aumentare un po la rugosità aiuta ad abbassare anche la riflessione della stessa piastrella. Abbassiamo un poco l intensità della luce emessa dal cielo e dal sole impostando rispettivamente i valori a 0,7 e 0,5. A questo punto generiamo una immagine ad Alta Qualità, in modo che possiamo verificare che non ci siano gravi errori sulle impostazioni delle luci. 21

22 Come possiamo notare, c è una differenza di luminosità dovuta, appunto, al calcolo della luce emessa dai fotoni che prima non era presente; luce che, dal momento che i fotoni sono particelle di luce emesse nell ambiente, contribuisce ad aumentare la luminosità del progetto. Possiamo inoltre notare che la riflessione del sanitario risulta essere molto più simile al colore reale del sanitario e non tendente al colore azzurro proveniente dal cielo. A questo punto potremmo già ritenerci soddisfatti del risultato ottenuto, anche se possiamo ancora agire su alcuni parametri avanzati del rendering per migliorarne la qualità. Per ottenere un immagine più illuminata nelle zone più in ombra, come ad esempio lo spigolo tra le due pareti inquadrate, possiamo intervenire in due modi diversi. Uno di questi, consiste nell aumentare il numero di fotoni emessi, mentre l altro nell aumentare il numero di rimbalzi che produce la luce all interno del progetto. Tra le due ipotesi, consigliamo di aumentare il numero di rimbalzi. Per aumentare il numero di fotoni in modo da ottenere un immagine con differenze sostanziali, è necessario impostare tale valore ad un valore alto fino ad arrivare al milione, cosa che ovviamente allunga notevolmente i tempi di rendering. Otterremo un risultato visivamente accettabile, senza prolungare troppo i tempi di attesa, impostando il numero di rimbalzi al valore 4, con il quale otterremo l immagine seguente: 22

DINAMIC: gestione assistenza tecnica

DINAMIC: gestione assistenza tecnica DINAMIC: gestione assistenza tecnica INSTALLAZIONE SU SINGOLA POSTAZIONE DI LAVORO PER SISTEMI WINDOWS 1. Installazione del software Il file per l installazione del programma è: WEBDIN32.EXE e può essere

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Utilizzo della postazione scanner

Utilizzo della postazione scanner Utilizzo della postazione scanner Indice Utilizzo della postazione scanner...1 Indice...1 Introduzione...1 Scansione semplice per ottenere le singole immagini dei documenti in formato grafico...1 Scansione

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI Un sistema semplice per utilizzare il NOXON come player dei propri brani musicali presenti sul computer ed evitare di installare altri software ma di utilizzare il Media Player 11 di Windows sia con Windows

Dettagli

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo

RECUPERO CREDITI. Gestione del Credito Clienti. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo RECUPERO CREDITI Gestione del Credito Clienti Programma pensato per la funzione di gestione del credito: permette di memorizzare tutte le informazioni relative alle azioni

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 ALBERTO FORTUNATO COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 SPIEGAZIONE ED ILLUSTRAZIONE GUIDATA DI TUTTI I PASSAGGI PER LA CREAZIONE DELLE TABELLE, DELLE MASCHERE, DELLE QUERY, DEI REPORT

Dettagli

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Sommario DOMUS3D VENUS R3 LUGLIO 2015... 4 LE NOVITÀ IN BREVE... 4 LE NOVITÀ IN DETTAGLIO... 6 Modifica multipla delle luci... 6 V-Ray: clamp output...

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Pratica guidata 10. Attivare misura di sicurezza per il computer. Microsoft Security Essentials e il Firewall di Windows 7

Pratica guidata 10. Attivare misura di sicurezza per il computer. Microsoft Security Essentials e il Firewall di Windows 7 Pratica guidata 10 Attivare misura di sicurezza per il computer Microsoft Security Essentials e il Firewall di Windows 7 Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Computare i locali Il nostro sistema BIM è stato proprio pensato per ridurre tutte le attività noiose del progettista: pensate solo a quanto sia antipatico aggiornare il calcolo della metratura delle stanze

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

Quando lanciamo il programma, ci si presenterà la maschera iniziale dove decideremo cosa vogliamo fare.

Quando lanciamo il programma, ci si presenterà la maschera iniziale dove decideremo cosa vogliamo fare. SOFTWARE CELTX Con questo tutorial cercheremo di capire, e sfruttare, le potenzialità del software CELTX, il software free per la scrittura delle sceneggiature. Intanto diciamo che non è solo un software

Dettagli

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE FOTOGRAFIE CON EFFETTI SPECIALI E COLONNA SONORA Uno dei migliori programmi per raggiungere l obiettivo è gratuito ed è presente in WINDOWS XP: si tratta di

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Il programma Gestione Negozi permette la gestione del materiale presso i clienti Benetton tramite le sue funzionalità di gestione anagrafica

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE. Manuale del software Utente Lettore Vers. 4.

Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE. Manuale del software Utente Lettore Vers. 4. Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE Manuale del software Utente Lettore Vers. 4.1 Aprile 2014 Indice Tre passaggi per entrare nel programma...

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

REOL-Services Quick Reference Ver. 1.1 Contabilità [Base] Tecno Press Srl. 1

REOL-Services Quick Reference Ver. 1.1 Contabilità [Base] Tecno Press Srl. 1 In questa semplice guida sono riportate tutte le informazioni relative al prodotto Contabilità che vi permette, nella versione base, di gestire le anagrafiche dei clienti e dei fornitori, l emissione e

Dettagli

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti)

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) GUIDE Sa.Sol. Desk: Rete Telematica tra le Associazioni di Volontariato della Sardegna Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) Argomento Descrizione Gestione

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

EASYVET 1.0 MANUALE UTENTE

EASYVET 1.0 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Sommario Introduzione 1 Primi Passi 2 Opzioni di amministrazione 3 Gestione clienti 5 Gestione fatture e spese 7 Il Giornaliero 8 Le fatture 12 Le Statistiche 14 Bilancio

Dettagli

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010 BavInAzienda Manuale di Attivazione Edizione Maggio 2010 Manuale Attivazione BavInAzienda - Maggio 2010 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento CUBE AZIENDA CUBE TAGLIE & COLORI CUBE AUTOTRASPORTI EXPERT UP Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Attenzione! REQUISITO ESSENZIALE PER SCARICARE PRODUCT UPDATER È AVERE INSTALLATO

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli

Scadenziario e Rubrica

Scadenziario e Rubrica Scadenziario e Rubrica Breve panoramica Lo Scadenziario è un software creato con lo scopo di avere sempre sotto controllo i propri impegni e le proprie attività da svolgere. Quante volte ci si dimentica

Dettagli

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA.

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. 16 maggio 2011 Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. Leonardo Danza - leonardo.danza@artea.toscana.it

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA...

SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA... SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA... 3 POSTAZIONE MEDICO - COME STAMPARE UNA RICETTA DEMATERIALIZZATA... 4 COME CANCELLARE UNA RICETTA DEMATERIALIZZATA SULLA POSTAZIONE MEDICO... 8 COME STAMPARE

Dettagli

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3...

Capitolo 3. Figura 34. Successione 1,2,3... Capitolo 3 INSERIMENTO DI UNA SERIE DI DATI Alcuni tipi di dati possono essere immessi in modo automatico evitando operazioni ripetitive o errori e consentendo un risparmio di tempo. Ad esempio per inserire

Dettagli

CATALOGO E-COMMERCE E NEGOZIO A GRIGLIA

CATALOGO E-COMMERCE E NEGOZIO A GRIGLIA CATALOGO E-COMMERCE E NEGOZIO A GRIGLIA In questo tutorial verrà illustrato come sfruttare la flessibilità del componente "Catalogo E-commerce" per realizzare un classico negozio a griglia, del tipo di

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Manuale rapido di personalizzazione ed uso programma

Manuale rapido di personalizzazione ed uso programma Manuale rapido di personalizzazione ed uso programma In apertura, come previsto dal D.lgs 196 codice privacy -, l accesso al programma è protetto da password. Scrivere nel campo password la parola provademo

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS Qui di seguito le istruzioni per partecipare ai virtual meeting 3rotaie. Il software (ad uso gratuito per scopi non commerciali) scelto è TeamViewer (scaricabile da http://www.teamviewer.com) che la momento

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0 MANUALE OPERATIVO Programma di gestione della fatturazione BDWinfatture 2007 Versione 6.0 MANUALE OP ERAT I V O BDWinfatture Belvedere Daniele Software Via Petitti, 25 10017 Montanaro (To) info@belvederesoftware.it

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra 4.5 Stampa 4.5.1 Stampare semplici fogli elettronici 4.5.1.1 Usare le opzioni di base della stampa Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando Stampa dal menu File o si utilizza

Dettagli

Gestire immagini e grafica con Word 2010

Gestire immagini e grafica con Word 2010 Gestire immagini e grafica con Word 2010 Con Word 2010 è possibile impaginare documenti in modo semi-professionale ottenendo risultati graficamente gradevoli. Inserire un immagine e gestire il testo Prima

Dettagli

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Il formato PDF/A rappresenta lo standard dei documenti delle Pubbliche Amministrazioni adottato per consentire la conservazione digitale

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

PROGETTO PER LA TRASMISSIONE DOCUMENTI RELATIVI ALL APPROVAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI IN FORMA DIGITALE

PROGETTO PER LA TRASMISSIONE DOCUMENTI RELATIVI ALL APPROVAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI IN FORMA DIGITALE PROGETTO PER LA TRASMISSIONE DOCUMENTI RELATIVI ALL APPROVAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI IN FORMA DIGITALE L approvazione di una manifestazione nazionale od internazionale comporta spesso la trasmissione

Dettagli

Installazione o aggiornamento di 3CAD Azzurra Arredobagno

Installazione o aggiornamento di 3CAD Azzurra Arredobagno Azzurra S.r.l. Via Codopé, 62-33087 Cecchini di Pasiano (PN) Telefono 0434 611056 - Fax 0434 611066 info@azzurrabagni.com - www.azzurrabagni.com Installazione o aggiornamento di 3CAD Azzurra Arredobagno

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

ScanGear Toolbox CS per Windows

ScanGear Toolbox CS per Windows Manuale per l utente ScanGear Toolbox CS per Windows per Scanner a colori CanoScan 1 Sommario Informazioni su ScanGear Toolbox CS... 4 Installazione di ScanGear Toolbox CS... 5 Requisiti di sistema...

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Manuale Utente Millesimal

Manuale Utente Millesimal Manuale Utente Millesimal 1.1.1 Introduzione Millesimal è lo strumento che consente al progettista di determinare in modo rapido ed efficiente le tabelle millesimali del progetto architettonico realizzato

Dettagli

BILANCI E ANALISI DEI DATI

BILANCI E ANALISI DEI DATI Release 5.20 Manuale Operativo BILANCI E ANALISI DEI DATI Elaborazione della Nota Integrativa In questo manuale è descritta la procedura per effettuare tutte le impostazioni e l elaborazione della nota

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

GESTIONE INCASSI SAGRA. Ver. 2.21

GESTIONE INCASSI SAGRA. Ver. 2.21 GESTIONE INCASSI SAGRA Ver. 2.21 Manuale d installazione e d uso - aggiornamento della struttura del database - gestione delle quantità per ogni singolo articolo, con disattivazione automatica dell articolo,

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

Note di release Fiery X3eTY2 65-55C-KM Color Server versione 3.0

Note di release Fiery X3eTY2 65-55C-KM Color Server versione 3.0 Note di release Fiery X3eTY2 65-55C-KM Color Server versione 3.0 Questo documento contiene informazioni relative a Fiery X3eTY2 65-55C-KM Color Server versione 3.0. Prima di usare Fiery X3eTY2 65-55C-KM

Dettagli

Guida rapida all uso di Termo

Guida rapida all uso di Termo Guida rapida all uso di Termo 1 Introduzione Namirial Termo 3 è l evoluzione di Namirial Termo 2.7 per la certificazione energetica degli edifici residenziali e non residenziali. Si presenta nella nuova

Dettagli

Eliminare i contatti duplicati in MS Outlook

Eliminare i contatti duplicati in MS Outlook MDaemon GroupWare Eliminare i contatti duplicati in MS Outlook Abstract... 2 Il problema... 2 La soluzione... 2 Esportazione dei dati da MS Outlook... 3 Eliminazione con MS Access dei duplicati... 6 Importazione

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Guida alla sostituzione di Microsoft Office con Openoffice

Guida alla sostituzione di Microsoft Office con Openoffice Guida alla sostituzione di Microsoft Office con Openoffice Procedura per Windows XP Innanzitutto si dovrà provvedere alla rimozione di Microsoft Off ice. Attraverso il menù Start Entrare nel Pannello di

Dettagli

Copyright 1999 Canon Inc. Tutti i diritti riservati.

Copyright 1999 Canon Inc. Tutti i diritti riservati. Note Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Tutto il materiale contenuto nel presente manuale viene fornito così com è senza garanzie da parte di Canon,

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014)

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Il software per gli esami ICON può essere eseguito su qualunque computer dotato di Java Virtual Machine aggiornata.

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

PASSO 1) Avvio sessioni Nemho Video in Automatico

PASSO 1) Avvio sessioni Nemho Video in Automatico PASSO 1) Avvio sessioni Nemho Video in Automatico Nella parte centrale ora ci saranno le sessioni VIDEO previste per il proprio utente. Ponendo una v nella casellina a destra (sotto default) le sessioni

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Medici Convenzionati

Medici Convenzionati Medici Convenzionati Manuale d'installazione completa del Software Versione 9.8 Manuale d installazione completa Pagina 1 di 22 INSTALLAZIONE SOFTWARE Dalla pagina del sito http://www.dlservice.it/convenzionati/homein.htm

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate KING Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI DATALOG Soluzioni Integrate - 2 - Domande e Risposte Allegati Clienti e Fornitori Sommario Premessa.... 3 Introduzione... 4 Elenco delle domande...

Dettagli

Guide alla Guida http://www.rmastri.it/guide.html - Progetto WEBpatente 2011

Guide alla Guida http://www.rmastri.it/guide.html - Progetto WEBpatente 2011 Installazione di WEBpatente 4.0 in rete Le caratteristiche tecniche di WEBpatente 4.0 offline ne consentono l'uso all'interno di una rete locale. Una sola copia del programma, installata in un PC con particolari

Dettagli

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II Foglio di calcolo con OpenOffice Calc II 1. Riesame delle conoscenze 2. Lavorare sui grafici 3. Ridimensionamento di righe e colonne 4. Le formule 5. Utilizzo di

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT TUTTOTEL (04 Novembre 2014)

INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT TUTTOTEL (04 Novembre 2014) INSTALLAZIONE NUOVO CLIENT TUTTOTEL (04 Novembre 2014) Se la Suite risulta già stata installata e quindi sono già presenti le configurazioni di seguito indicate, si prega di andare direttamente alla fine

Dettagli

EMISSIONE FATTURE: LA STAMPA AVANZATA

EMISSIONE FATTURE: LA STAMPA AVANZATA EMISSIONE FATTURE: LA STAMPA AVANZATA PREMESSA Con la release 09/07/14, è stata introdotta la procedura STAMPA AVANZATA. In estrema sintesi, consiste nell esportazione delle fatture emesse in un modello

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

L ALBUM DI PINNACLE. 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. e.g. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto

L ALBUM DI PINNACLE. 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. e.g. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto L ALBUM DI PINNACLE 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto 3. Aprire menù IMPOSTAZIONI e scegliere editing; si apre la finestra 4. Regolare i tempi

Dettagli

FPf per Windows 3.1. Guida all uso

FPf per Windows 3.1. Guida all uso FPf per Windows 3.1 Guida all uso 3 Configurazione di una rete locale Versione 1.0 del 18/05/2004 Guida 03 ver 02.doc Pagina 1 Scenario di riferimento In figura è mostrata una possibile soluzione di rete

Dettagli

MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE

MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE Menù Principale Con il tasto Chiudi verrà chiesta la conferma per la chiusura della libreria. Cliccando su Yes la libreria si chiuderà. GESTIONE DELLE OPERAZIONI LOCALI Cliccando

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

CONTENUTO Struttura grafica del prodotto Primo utilizzo Operazioni basilari dell X4000 Accesso dal computer per visualizzare file X4000

CONTENUTO Struttura grafica del prodotto Primo utilizzo Operazioni basilari dell X4000 Accesso dal computer per visualizzare file X4000 CONTENUTO Struttura grafica del prodotto... 3 Primo utilizzo... 4 Caricabatterie... 4 Preparazione della scheda memoria (TF)... 4 Regolazione posizione dell obiettivo... 4 Accensione e spegnimento... 4

Dettagli

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico IFTS anno formativo 2012-2013 Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico Esperto Salvatore Maggio FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS.

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. 2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. In questo esempio vengono illustrati tutti i passaggi per importare un rilievo misto tacheometrico e GPS in PFCAD CATASTO e

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

Menù magazzino. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Menù magazzino. Categoria prodotti. Descrizione campi. Categoria prodotti

Menù magazzino. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Menù magazzino. Categoria prodotti. Descrizione campi. Categoria prodotti Categoria prodotti 153 Menù magazzino In StudioXp è possibile gestire per ciascuna ditta delle funzionalità minime di magazzino. La gestione integrata con la procedura consente di gestire un archivio di

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli