Copyright 2007 Maticad s.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright 2007 Maticad s.r.l."

Transcript

1 Tutorial Rendering 1

2 2

3 Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutti i diritti riservati Maticad s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti quando ritenuto opportuno. Questa pubblicazione descrive lo stato del prodotto al momento della pubblicazione stessa ed in nessun modo potrà riflettere il prodotto futuro. Le informazioni contenute in questo manuale possono essere soggette anch esse a modifiche senza preavvisi né comunicazioni. In nessuna circostanza Maticad s.r.l. potrà essere ritenuta responsabile nei confronti di alcun terzo per danni speciali, collaterali, accidentali, diretti o indiretti o consequenziali in connessione con o derivanti dall acquisto o dall utilizzo di questo prodotto. DomuS3D e Maticad sono marchi registrati di Maticad s.r.l. Tutti gli altri nomi di marchi e di prodotti o marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari. Release DomuS3D

4 Premessa È importante ricordare, per chi non avesse familiarità con l'ambiente operativo, che prima di iniziare a lavorare è opportuno approfondire i concetti fondamentali dell'ambiente Windows: ad es. come utilizzare il mouse, come lavorare con le finestre, come aprire e chiudere i documenti, come gestire le stampanti, come trascinare file e cartelle (Drag&Drop). Ricordiamo, infine, che DomuS3D 2008 è compatibile con i Sistemi Operativi Windows Vista, Windows XP, Windows 2000, sebbene sia caldamente consigliato l utilizzo dei primi due. Questo tutorial è parte dell integrazione al Manuale di Riferimento della versione 6.0 del programma (in formato elettronico e cartaceo). Nelle prossime pagine verranno elencate tutte le modalità operative necessarie per ottenere la seguente immagine di rendering: Al fine di ottenete tale risultato procederemo per passi alla realizzazione del progetto, partendo dalla realizzazione della planimetria fino alla gestione dei materiali, dei sanitari, e dei minimali inseriti. 4

5 Abilitazione motore di rendering Per prima cosa, ancora prima di creare un nuovo progetto, è necessario verificare che sia abilitato il motore di rendering avanzato. Aprire la maschera delle Opzioni mediante il comando Strumenti Opzioni e fare click sulla sezione Rendering. Abilitare l opzione Abilita rendering avanzato per configurare il programma in modo da utilizzare il nuovo motore. Planimetria progetto La seguente immagine rappresenta la planimetria che andremo a realizzare : Si da per scontato che il lettore sappia come arrivare alla realizzazione dell architettura rappresentata in immagine. 5

6 Gestione Luci La versione 2008 del programma permette di gestire approfonditamente le impostazione delle luci, sia naturali sia artificiali. Al fine di realizzare un immagine come quella mostrata a pg. 4, è necessario inserire almeno una finestra (o un apertura) all interno della planimetria. Questo ci permetterà di realizzare l effetto di luminosità presente nell immagine finale, dovuto principalmente alla luce solare proveniente dall esterno della stanza. Procediamo quindi con l inserimento di una finestra a singola anta che possiamo prelevare dalla finestra componenti e posizioniamo tale oggetto ad una distanza di 40 cm dalla parete di destra e con le impostazioni indicate di seguito. Ovviamente le impostazioni di inserimento quali Elevazione, Dimensioni e Altezza influiscono sulla luminosità finale interna all ambiente. Il programma inserisce, automaticamente, una fonte artificiale di luce nel progetto (una Lampadina) ogni qual volta viene disegnato un vano. Per questo motivo sarà presente in pianta un cerchio che ne delimita la dimensione. Per ora ci occuperemo principalmente delle caratteristiche e impostazioni della fonte naturale di luce (Luce Solare) che nella maggior parte dei casi relativi a singoli vani permette di ottenere un risultato soddisfacente pur applicando poche correzioni al progetto. Intendendo lavorare con la sola luce naturale (minore è il numero di luci utilizzate, più contenuto sarà il tempo di rendering) procediamo a disattivare la lampadina in questo modo: 6

7 Fare doppio click con il tasto sinistro del mouse sull icona della lampadina o sulla sua circonferenza, per aprire la finestra Proprietà. Disattivare il flag Accesa presente in questa maschera e confermare con il tasto Ok. Per visualizzare le impostazioni iniziali di default della luce solare è possibile selezionare il comando Rendering Luci Luce naturale che mostrerà a video la seguente maschera: Per il momento lasciamo le impostazioni al loro valore standard, e passiamo quindi alla finestra di navigazione del progetto, anche se ancora privo di arredi e rivestimento, per avere un confronto plausibile tra la situazione iniziale di luce del nostro ambiente e quella che otterremo modificando le impostazioni. Passiamo quindi in Navigazione Virtuale e avviamo l elaborazione di rendering mediante comando Rendering Immagine completa. Tramite la maschera successiva che comparirà a video, è possibile ottenere un immagine di anteprima del risultato finale e/o impostare parametri diversi per ottenere una resa migliore. Consigliamo di sfruttare l opportunità di realizzare un immagine di preview (anteprima), in modo da ridurre i tempi di attesa per verificare le impostazione e le correzioni da applicare al progetto stesso. Procediamo quindi in questo modo e impostiamo Qualità Bassa nella sezione Qualità immagine; facciamo click sul pulsante Disattivato relativo a Controllo Esposizione per generare un piccola anteprima dell immagine di rendering. Nella maschera successiva possiamo 7

8 scegliere la dimensione in pixel dell immagine da generare e facendo click sul pulsante Calcola Anteprima si avvierà l elaborazione che porterà al seguente risultato: Lasciando le impostazioni standard per la Luce naturale si ottiene la seguente immagine: Nella figura sottostante possiamo confrontare i tre tipi di risultati diversi che si possono ottenere impostando rispettivamente qualità bassa, media e alta. La sottile differenza tra le immagini che si ottengono a Media ed Alta qualità è tale da permetterci ci studiare il nostro progetto generando immagini di rendering a Media qualità per accelerare i tempi di calcolo. 8

9 Come possiamo verificare nella prossima immagine, se si sposta il sole agli estremi della sfera azzurra che rappresenta l emisfero si ottengo immagini di bassa o scarsa luminosità, come nella realtà accade durante le prime o le ultime ore della giornata (sole agli estremi = alba/tramonto). Ricordiamoci, inoltre, che in questo momento la posizione del sole è sulla destra della stanza nella posizione in cui la vediamo. Con la seguente immagine, vediamo il risultato che si otterrà da una immagine di rendering eseguita ad alta qualità, lasciando le impostazioni iniziali della luce solare: 9

10 Modifichiamo la posizione del sole in modo che la sua luce possa entrare direttamente all interno della stanza inserendo le impostazioni della finestra sottostante (sole perpendicolare alla finestra): Eseguendo un nuovo rendering di media qualità, otterremo: Abbiamo quindi una notevole differenza con l immagine precedente e, per ora, possiamo accettare per buona la luminosità che si ottiene lasciando queste impostazioni per la Luce Naturale. Proseguiamo nella messa a punto del progetto; vedremo, successivamente, quali ulteriori modifiche applicare prima di generare l immagine di rendering definitiva, al fine di ottenere una qualità migliore. 10

11 Elementi d Arredo DomuS3D, dispone di un database di migliaia di elementi d arredo che possono essere inseriti nel progetto. Tutti gli elementi più recenti che vengono forniti da Maticad sono già studiati per fornire la migliore resa grafica con il nuovo motore di rendering. L inserimento di uno qualunque degli elementi d arredo del database comporta, a meno di imprevisti, l inserimento automatico del materiale all interno del progetto e l assegnazione automatica all elemento stesso. Possiamo quindi verificare che una volta inseriti i sanitari all interno della nostra ambientazione, è stato inserito in automatico anche il materiale Sanitario all interno del progetto. Nella versione 2008 del programma esistono due tipi diversi di materiali, a seconda del motore di rendering impostato. Nel nostro caso, essendo impostato il motore di rendering avanzato, il materiale utilizzato è di tipo Arch&Design che identifica il nuovo tipo di materiale che permette di realizzare superfici più definite e molto più simili alla realtà. Possiamo aprire la maschera con l elenco di tutti i materiali presenti nel progetto mediante il comando Rendering Materiali e da subito si può notare che le immagini di anteprima sono diverse rispetto a quelle relative ai materiali standard. Selezioniamo il materiale Sanitario e facciamo click sul pulsante Modifica per visualizzarne a video tutte le specifiche tecniche. 11

12 Tale materiale, come gli altri già predisposti e salvati all interno del database, sono stati studiati per rappresentare gli oggetti nel modo più simile alla realtà. Come prima cosa, consigliamo di applicarlo senza apportare alcuna modifica, per verificare il risultato che si ottiene. Andremo ad agire in seguito sul materiale solamente se lo riterremo opportuno. La resa finale dell oggetto, infatti, è legata anche alla gestione delle luci naturali e/o artificiali presenti nel progetto, per cui lo stesso materiale applicato in contesti diversi, può dar luogo a risultati diversi. Generiamo quindi una nuova immagine di rendering a qualità alta e dovremmo ottenere la seguente resa grafica: In questa immagine ovviamente possiamo notare la presenza di diversi particolari che vanno corretti, ad esempio vanno rimosse le zone scure presenti negli spigoli della stanza. In ogni caso possiamo comunque verificare che la qualità della resa grafica dei sanitari è abbastanza accettabile; con le impostazioni definitive di rendering avanzato che utilizzeremo più avanti per generare l immagine finale, si otterrà un ulteriore miglioramento. Considerando ciò, per il momento possiamo ritenerci soddisfatti della luminosità. Non inseriamo ulteriori fonti di luce; in seguito, vedremo come ottenere un risultato migliore abbassando l intensità della luce naturale. E anche possibile notare dall immagine generata a dimensioni più grandi, che compaiono diversi punti, sia sulle superfici degli elementi, sia sulle pareti, con sfumature di luminosità diversa, somiglianti a macchie scure. Queste sono dovute all illuminazione indiretta e vedremo che 12

13 potranno essere rimosse prima di generare l immagine finale utilizzando parametri di rendering diversi. Dall immagine generata inoltre, possiamo notare come le zone della stanza siano sottoposte ad una luminosità diversa, ad esempio i due sanitari sono di colore leggermente diverso in quanto sottoposti ad una fonte di luce leggermente diversa anche se piuttosto vicini. Dall esterno del progetto, provengono due tipi diversi di fonti di luce. La prima di queste è rappresentata dal sole, mentre la seconda è quella proveniente dal cielo o dall ambiente in cui il progetto è posizionato; Rivestimento Analizziamo il rivestimento applicato al nostro progetto. Al fine di ottenere una massima resa grafica, sarà necessario applicare, anche al materiale da rivestimento, materiali avanzati che permettono di esaltarne la finitura. All interno del database di DomuS3D, sono state inserite alcune delle finiture standard che si possono applicare ai minimali; in questo senso, la finitura viene applicata in modo uniforme a tutta la superficie della piastrella. (Database Piastrelle Modifica, Materiale Rendering, Predefinito) Vi sono casi, tuttavia, come nell immagine presente nella prossima pagina, in cui la finitura superficiale offre effetti diversi sulla medesima superficie. È necessario distinguere le zone che riflettono da quelle che non riflettono e le zone del prodotto che sono in rilievo da quelle invece che potrebbero essere incassate. Per fare ciò, verranno utilizzati due diversi tipi di mappe da assegnare al minimale, rispettivamente la mappa di riflessione e la mappa di bump. Rimandiamo per ora il trattamento di tale argomento ad un ulteriore documento e supponiamo di avere già preparato i due diversi tipi di mappa e di avere la sola necessità di realizzare un nuovo materiale il più possibile simile alla realtà. Questa è l immagine della piastrella decorata che inseriremo nel nostro progetto: 13

14 Per la quale sono state realizzate le seguenti mappe: Mappa di rugosità(bump): Le zone dell immagine rappresentate con il colore nero o tendente al nero, corrispondono alle zone della piastrella che risulteranno incassate, mentre quelle che sono di colore bianco o tendenti al bianco rappresentano le zone di rilevo della piastrella. Nel caso del minimale in questione quindi, per rappresentare la caratteristica rugosa che presenta la piastrella all interno del decoro, è stata creata un immagine in cui nella zona del decoro si alternano puntini molti fitti di colore bianco e nero. Nel nostro caso, in cui la parte di colore più scuro è quella dove è presente il decoro, che sarà quindi più scavata. Il fatto che sia poi rappresentata da una granulosità, permette di specificare la rugosità della piastrella stessa. Nella nostra mappa di rugosità, non è presente una notevole differenza tra le due tonalità di colore, questo perché la parte del decoro della piastrella sembrerebbe scavata di poco ma molto porosa. Possiamo vedere meglio un particolare della mappa nell immagine sottostante: 14

15 Sempre in questa immagine deve essere inserita l informazione della smussatura del bordo del minimale, che potrà quindi essere realizzato mediante una sfumatura di colore tendente al nero. Quanto più sarà grande tale sfumatura tanto più arrotondato sarà il bordo del minimale. Mappa di riflessione: Anche per la mappa di riflessione l alternanza bianco-nero fornisce al programma le informazioni di resa: le zone dell immagine di colore nero rappresentano le zone della piastrella nelle quali non è presente la riflessione, mentre quelle di colore bianco o tendenti al bianco, rappresentano le zone della piastrella in cui vi è riflessione. È certamente possibile inserire all interno di tale immagine sfumature di colore che permettono quindi di ottenere delle graduazioni diverse di riflessione. Oppure, come precedentemente fatto per la mappa di rugosità, creare un effetto di granulosità utilizzando l alternanza di punti di colore bianco e nero, che influisce sul tipo di riflessione risultante, facendola somigliare maggiormente alla realtà. 15

16 Nel nostro caso la mappa di riflessione della piastrella, corrisponde con quella di rugosità che abbiamo visto precedentemente. Il prodotto infatti è poco riflettente nelle zone a riposo, dove non è presente il decoro, per cui è di un colore tendente al grigio. Questa tonalità di colore, non troppo chiara né troppo scura, ci permetterà, oltre ovviamente ai parametri del materiale, di ottenere una riflessione poco accentuata e qualora fosse necessario, di modificare in seguito la riflessione cambiando i parametri del materiale. La caratteristica di granulosità che si vede nell immagine, comporta, ovviamente solo nella sezione dell immagine in cui è presente il decoro, una riflessione sfuocata e puntinata. Vediamo ora come realizzare il materiale del minimale in questione. Trattandosi di una finitura da assegnare ad una piastrella, non utilizzeremo la maschera vista in precedenza con la lista dei materiali di progetto (questi materiali, infatti, sono relativi ai soli elementi di arredo). Selezioniamo il comando Database Piastrella Modifica e individuiamo il minimale da modificare. Nella maschera di modifica dati anagrafici della piastrella, andremo a selezionare il pulsante Personalizzato nella sezione Materiale Rendering. Esistono due diversi tipi di materiale che possono essere creati, quindi procediamo selezionando Arch&Design nella sezione Tipo. Nella sezione Preset è presente una lista delle finiture che sono state salvate di default nel database del programma. Selezioniamo fra queste la finitura Opaco Satinato in quanto risulta essere quella che più si avvicina alla nostra piastrella. In tale materiale infatti la riflessione è molto bassa e si limita a riflettere gli oggetti molto vicini e non tutto l ambiente circostante. L elenco delle finiture disponibili nel programma può anche essere visualizzato nel documento Add-on: Integrazione al manuale. A tale finitura sarà necessario apportare modifiche tali da renderla idonea a rappresentare il nostro prodotto. Certamente è necessario associare alla piastrella l informazione delle due mappe, quella di rugosità e di riflessione. Per fare ciò attiviamo il flag Attiva relativo alla sezione Mappa di rugosità (bump) e mediante il pulsante della riga sottostante possiamo fare una ricerca sul nostro 16

17 disco e selezionare il file relativo. L intensità di visualizzazione di tale mappa viene regolata mediante il parametro Moltiplicatore, che andremo ad impostare al valore 7. Stessa procedura verrà utilizzata per la mappa di riflessione. Attiviamo il flag Attiva sotto Mappa di Riflessione e con il pulsante sottostante possiamo selezionare il file relativo alla mappa. A regolare l intensità del valore di riflessione, influiscono sia il parametro Moltiplicatore sia la tonalità di colore della scala di grigio presente nell immagine. Più tenderà al bianco e maggiore sarà la riflessione in quel punto. Una volta apportate tutte le modifiche possiamo confermare con il tasto OK; comparirà questo messaggio: Proseguiamo facendo click sul pulsante SI in modo da salvare il nostro materiale appena creato nel database e riapplicarlo anche alla piastrella di fondo. Per fare ciò selezioniamo nuovamente il comando Database Piastrelle Modifica e dopo aver selezionato la piastrella facciamo click sul pulsante Personalizzato relativa alla sezione Materiale Rendering. A questo punto possiamo direttamente selezionare nella box relativa ai preset il nome del nostro materiale. Fatto ciò, disattiviamo il flag Attiva e andiamo a rimuovere il percorso relativo alla mappa di riflessione nella riga sottostante. Per quanto riguarda la piastrella fondo della stessa serie applicheremo le stesse caratteristiche. Nello specifico possiamo applicare lo stesso materiale, rimuovendo le due mappe di riflessione e di rugosità. Rendering Avanzato 17

18 Applichiamo il rivestimento al nostro progetto come indicato nella figura sottostante: Mediante doppio click sulla parete alla quale sono appoggiati i sanitari, passiamo direttamente alla finestra di Modifica Rivestimento. Con il comando Modifica Piastrella Cambia Piastrella sostituiamo il fondo con il decoro come indicato nell immagine. A questo punto possiamo procedere e generare la nostra prima immagine di rendering a progetto completo. Per ottenere un immagine in resa fotorealistica di buona qualità, non è sufficiente applicare il materiale desiderato, ma è necessario creare anche un punto di vista che permetta di esaltare il dettaglio della piastrella oltre ovviamente a curare in particolar modo i diversi punti luce presenti nell ambiente. Passiamo quindi a creare dalla finestra di navigazione un punto di vista come quello indicato nella prossima immagine: 18

19 Questo ci permette, essendo piuttosto vicini alla parete, di esaltare il particolare di rugosità del decoro e la riflessione del minimale. Da questa vista, lanciando il rendering con l opzione Media Qualità si può ottenere la seguente immagine: 19

20 Come possiamo notare dall immagine, la luce presente sembrerebbe essere troppo bassa: non facciamoci ingannare da questo effetto, cadendo nell errore di aumentare l intensità della luce naturale. Se infatti torniamo a rivedere l immagine di anteprima generata ad alta qualità, l illuminazione della stanza risultava corretta. Aumentando la qualità, infatti, aumenta anche la sensibilità alla luce, pertanto l illuminazione dovrebbe verosimilmente essere corretta. Modifichiamo l intensità della riflessione della piastrella abbassando il parametro da 60 a 40, per evitare che nell immagine ad alta qualità sia troppo forte l intensità della luce globale dentro la stanza. Otteniamo la seguente immagine, anch essa generata a media qualità: Modifichiamo il parametro di rugosità aumentandone il valore a 20 Generiamo una nuova immagine ed otterremo il seguente risultato: 20

21 Aumentare un po la rugosità aiuta ad abbassare anche la riflessione della stessa piastrella. Abbassiamo un poco l intensità della luce emessa dal cielo e dal sole impostando rispettivamente i valori a 0,7 e 0,5. A questo punto generiamo una immagine ad Alta Qualità, in modo che possiamo verificare che non ci siano gravi errori sulle impostazioni delle luci. 21

22 Come possiamo notare, c è una differenza di luminosità dovuta, appunto, al calcolo della luce emessa dai fotoni che prima non era presente; luce che, dal momento che i fotoni sono particelle di luce emesse nell ambiente, contribuisce ad aumentare la luminosità del progetto. Possiamo inoltre notare che la riflessione del sanitario risulta essere molto più simile al colore reale del sanitario e non tendente al colore azzurro proveniente dal cielo. A questo punto potremmo già ritenerci soddisfatti del risultato ottenuto, anche se possiamo ancora agire su alcuni parametri avanzati del rendering per migliorarne la qualità. Per ottenere un immagine più illuminata nelle zone più in ombra, come ad esempio lo spigolo tra le due pareti inquadrate, possiamo intervenire in due modi diversi. Uno di questi, consiste nell aumentare il numero di fotoni emessi, mentre l altro nell aumentare il numero di rimbalzi che produce la luce all interno del progetto. Tra le due ipotesi, consigliamo di aumentare il numero di rimbalzi. Per aumentare il numero di fotoni in modo da ottenere un immagine con differenze sostanziali, è necessario impostare tale valore ad un valore alto fino ad arrivare al milione, cosa che ovviamente allunga notevolmente i tempi di rendering. Otterremo un risultato visivamente accettabile, senza prolungare troppo i tempi di attesa, impostando il numero di rimbalzi al valore 4, con il quale otterremo l immagine seguente: 22

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 - 1 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 Manuale utente - 1 - Proteus PA - 2 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Indice 1

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli