Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze"

Transcript

1 Tecniche di Post-processing Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

2 introduzioni Gli algoritmi di visualizzazione tridimensionale richiedono l uso di dati di tipo volumetrico,, cioè che definiscano una regione tridimensionale nello spazio. Questo tipo di dati provengono generalmente da modalità di acquisizione di tipo topografico cioè in grado di acquisire volumi di dati di tipo tridimensionali

3 TCS single-slice TCS multi-slice Acquisizione volumetrica VOXEL ANISOTROPICO X=Y Z VOXEL ISOTROPICO X=Y=Z

4 Voxel: : Anisotropia ed isotropia dati Single slice (512*512) pixel Th 5mm 16 slice (512*512) pixel Th slice (512*512) pixel Th 0.625

5 La condizione ideale si ha quando i voxel sono isotropici Nel caso in cui questo non avvenga, il volume sarà sottoposto ad interpolazione che introduce errori tanto piu gravi quanto piu la forma differisca da quella cubica

6 Flusso processo radiologico

7 Sintesi di rielaborazione

8 Tecniche di ricostruzioni Bidimensionali : retroricostruzioni con kernel e fov differenti MPR Tridimensionali: MIP Min-IP SSD perspective rendering VRT

9 MPR MPR: Multilplanar reformation È il piu semplice e comune metodo di rappresentazione dei dati In tc il dataset è costituito da una serie di slice assiali parallele e (contigue?) tra loro, può essere pensato come un unico voxel 3d. Utilizza generalmente l agoritmol Average Intensity Projection (AIP)

10 MPR tali dati possono essere ricostruti su piani diversi da quelli principali (assiali, coronali, sagittali) prendendo angoli e direzioni variabili compresi piani curvi Attenzione: le misurazioni su piani curvi possono essere distorte

11 MPR

12 MPR su piano curvo

13 MPR

14 MIP, MIN, RAY SUM, AIP 1. I dati di partenza sono costituiti da una serie di slice tra loro parallele ed equidistanti 2. stabilita una direzione di proiezione si individuano una serie di raggi paralleli alla direzione di proiezione che attraversano le slice 3. Per ogni raggio avremo quindi una serie di valori corrispondente all intensità di segnale del pixel attraversato in ogni slice

15 MIP, MIN, RAY SUM, AIP

16 MIP MIP: maximum intensity projection tra tutti i valori viene scelto quello di valore massimo, che viene riportato sull immagine proiettata che costituisce la visione 3D desiderata

17 MIP

18 MIP Utilizza il10% dei dati complessivi: utilizzo storico per RAM limitate

19 Mip-thin Talvolta onde evitare sotto o sovrastime di eventuali lesioni (es stenosi di vasi) conviene utilizzare il Thin MIP cioè una sovrapposizione di volumi con spessori inferiori a quello totale

20 MIP-Thin

21 MIN-IP IP MIN-IP: IP: minumum intensity projection tra tutti i valori viene scelto quello di valore minimo,, che viene riportato sull immagine proiettata che costituisce la visione 3D desiderata

22 MIN-IP IP

23 Raysum tutti i valori ottenuti vengono sommati e il valore risultante viene riportata sull immagine proiettata. È poco utilizzato

24 Average Intensity Projection AIP: Intensità media di proiezione L'immagine rappresenta la media del valore di attenuazione (TC) intensità di segnale (RM) di ciascun componente incontrate da un raggio attraverso un oggetto verso l'occhio del telespettatore. Partendo da un MPR con uno spessore di solo 1 pixel (es. 0,5-0,8 0,8 mm), l l AIP può essere utilizzato per produrre immagini che hanno un aspetto simile al tradizionale assiale per quanto riguarda le immagini a bassa risoluzione di contrasto. Questo può essere utile per caratterizzare le strutture interne di un organo solido o le pareti della cavità di strutture come i vasi sanguigni o l'intestino.

25 AIP AIP utilizza la media attenuazione dei dati per calcolare il valore previsto. È il classico algoritmo che viene utilizzato negli MPR

26 AIP (a), coronale riformattato immagine creata con uno spessore di default di 1 pixel (circa 0.8 mm). (b) riformatt. di 4 millimetri utilizzando AIP l'immagine con meno rumore migliore risoluzione di contrasto.

27 MIN-IP AIP MIP

28 3D Correntemente il termine volume rendering è utilizzato oltre che per riferirsi a elaborazioni tridimensionale di volume vere e proprie anche ad elaborazioni 3D di superficie o gli approcci a proiezioni quali MIP SSD Perspective Volume Rendering VRT

29 Elaborazione tridimensionali di superficie consistono in algoritmi che approssimano la superficie dell oggetto in studio ad insiemi di primitive bidimensioli (generalmente poligoni o triangoli) adiacenti tra loro Spesso sono associati schede video dedicate che visualizzano tali poligoni dando così un effetto 3D

30 Elaborazione tridimensionali di superficie

31 Maggiore è il numero di poligoni utilizzati maggiore è l accuratezza della ricostruzione.

32 Opportuni algoritmi associano infine effetti di diffusione e riflessione della luce (SHADING) aumentando l l illusione di tridimensionalità.

33 studi di superficie vantaggi riduzione dei dati da elaborare ad una lista di poligoni ed all elenco delle connessione tra gli stessi con la riduzione dei tempi di calcolo. svantaggi necessità di separare, o segmentare l oggetto di interesse dagli oggetti adiacenti: un errore in questa fase porta ad un errore nella rappresentazione 3D.

34 SSD SSD: Shaded surface display o surface rendering è una tecnica di rendering di superficie con cui si ottengono i modelli 3d di aspetto plastico a cui è possibile attribuire diverse colorazioni ed effetti di trasparenza/opacità con estrema facilità La procedura si basa sull esclusione dal volume acquisito di origine, di tutti i voxel che non rispettano la condizione di soglia densitometrica (threshold range). l operatore dispone di altri strumenti per selezionare e deselezionare parti di volume di partenza al di làl delle differenze di densitometrie ad esempio inclusione od esclusione di strutture isodenze in base al ritaglio manuale.

35

36 SEGMENTAZIONE Il limite fondamentale nell approccio a superfici è la necessità di separare, o segmentare, l oggetto l di interesse dagli oggetti adiacenti: : un errore in questa fase porta ad un errore nella rappresentazione 3D. Metodi di segmentazione: A soglia di intensità che discriminano un tessuto dall altro. altro. In questo caso alcune regioni dell immagine verranno utilizzate mentre altre verranno scartate. A contorni attraverso i quali vengono definite le forme anatomiche.

37 Segmentazione (1) A B A: approccio a contorni B: approccio a soglia

38 Segmentazione (2) La Segmentazione non è altro che l azione di includere o escludere alcune porzioni di immagine per evidenziare selettivamente le strutture di interesse

39 Region-of of-interest Editing È il metodo di segmentazione più semplice. Con una sorta di bisturi virtuale (sagomato o a mano libera) possiamo decidere se includere od escludere quindi rimuovere una regione di interesse Alcuni software danno la possibilità di rimuovere anticipatamente oggetti su ogni immagine assiale, mentre altri consentono la rimozione di oggetti o bidimensionale o immagini 3D.

40 Segmentazione

41 Perspective Volume Rendering (1) assume un punto di vista a distanza finita,, (di solito all'interno di un lume), e viene utilizzato per simulare l'endoscopia a fibra ottica. Piuttosto che essere raggi di luce paralleli, le proiezioni sono raggi di luce concentrata a convergere sul punto di vista,, che simula la luce naturale convergenza sulla retina umana. La conseguente distorsione facilita la percezione della distanza sulla base delle dimensioni oggetto.

42 Perspective Volume Rendering (2) Oggetti in prossimità del punto di vista appaiono grandi, mentre oggetti distanti sembrano piccoli può essere utile nella pianificazione delle procedure endoscopiche e può facilitare un apprezzamento intuitiva dei rapporti tra strutture anatomiche

43 Perspective Volume-Rendering

44 Volume rendering In senso rigoroso si intende un processo che fornisce una rappresentazione di dati senza utilizzare processi di segmentazione intermedi impliciti od espliciti. preserva l l informazione contenuta nei dati volumetrici. direct volume rendering (rendering volumetrico diretto) per caratterizzare il fatto che la visualizzazione tridimensionale opera direttamente sul volume dei dati senza utilizzare rappresentazion intermedie.

45 Volume rendering caratterizzazione dei voxel del volume rispetto ad una sorgente luminosa incidente. L informazione che possediamo è il livello di grigio o il valore di intensità del segnale associato al singolo voxel. Solitamente ad un voxel vengono associate 2 caratteristiche fondamentali: 1. opacità ( cioè la quantità di luce che può attraversare il voxel) 2. shading ( cioè il modo con cui il voxel riflette o diffonde la luce che lo colpisce).

46 Fig 7.1 Algoritmo di base vrt una matrice di voxel viene illuminato da una o piu sorgenti luminose I raggi luminosi provenienti dalle sorgenti vengono riflessi o diffusi dai voxel del volume sulla base delle loro caratteristiche. Alcuni raggi riflessi viaggiano in direzione di uin osservatore e vanno a formare una immagine che rappresenta il volume 3D visto da un osservatore da un certo punto di vista.

47 Funzione di opacità L opacità del voxel è un volore variabile : 0 o 0%(voxel trasparente e quindi invisibile) 1 o 100% (voxel( completamente opaco e quindi nasconderà completamente i voxel dietro esso) I valori intermedi rappresentano condizioni di semitrasparenza

48 Funzione di opacità

49 n.b. la corrispondenza tra valore di intensità del voxel e grado di trasparenza può essere decisa dall utente per ottenere l effetto l grafico voluto. Es. in immagini tc cerebrali se 0= opacità tessuti molli, si evindezierà il renbdering delle ossa craniche, se è 0,5 osserveremo i tessuti molli in trasparenza e dietro essi le ossa.

50 Funzione di shading associa ad ogni voxel i parametri che definiscono come il voxel stesso risponde alle sorgenti di illuminazione che vengono utilizzate. si tratta di calcolare l angolo l tra la luce proveniente da una sorgente ed una superficie che descrive l l oggetto da visualizzare e calcolare la luce riflessa e diffusa in base all angolo di incidenza ed alle proprietà che vengono assegnate alla superficie in esame.

51 Vrt Vs SSD Quello che differenzia il caso del rendering volumetrico è che, visto che si opera direttamente sul volume dei dati, non è definita alcuna superficie. Si deve estrarre quindi una superficie virtuale dai dati che viene utilizzata solo per il calcolo delle condizioni di illuminazione. Il metodo piu semplice è quello di calcolare il cosiddetto gradiente del volume dei dati: GRADIENTE DEL VOLUME DEI DATI: è la differenza tra il valore del voxel stesso ed il valore dei voxel adiacenti: nelle regioni del volume dove l l intensità dei voxel è costante avremo un valore basso o nullo di gradiente, mentre nelle regioni dove sono presenti delle discontinuit tinuità avremo valori piu alti. Scegliendo la mappa di gradiente opportunamente filtrata come c superficie virtuale per il calcolo dell illuminazione simuleremo l effetto della riflessione della luce sui bordi degli oggetti

52 A= funzione di opacità B= funzione di opacità e shading

53

54

55 Fig 5 a b c d

56 Volume rendering Vantaggi tutte le informazioni contenute nei dati vengono mantenute durante tutte le fasi di ricostruzione: è possibile quindi ritagliare in modo interattivo alcune zone dell immagine tridimensionale per poter esaminare anche regioni interne (non possibile nell approccio a superfici ) È la possibilità di rendere semitrasparente o trasparente alcune zone dell organo in esame per meglio evidenziare le zone piu interne. Svantaggi Lo svantaggio principale delle tecniche volumetriche è dato dalla grande mole di dati da manipolare nelle varie fasi dell algoritmo: lunghi tempi di elaborazione.

57 Vassel view Sono software che associano vari tipi di rielaborazioni al fine di avere misure ed indicatori di patologia oggettivi Infatti uno dei problemi fondamentali è dato dalla definizione dei calibri reali dei vasi che si dispongono nello sapzio su piani curvi

58 È fondamentale conoscere i limiti delle ricostruzioni per non incorrere in gravi errori Nelle immagini la stessa lesione varia da 4 a 2 mm variando i parametri di rielaborazione: stenosi del 35%, 55% e 65%,

59 Ma attenzione!!!

60 Ma attenzione!!!

61 i i computer sono inutili, possono dare solo risposte Pablo Picasso

62

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto

MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto MRA VERSUS CTA Tecniche a Confronto L IMMAGINE ANGIOGRAFICA TC Firenze, 5-65 6 Dicembre 2008 GENERAZIONI DI TOMOGRAFI COMPUTERIZZATI I generazione Le tappe evolutive dei tomografi computerizzati dal 1973

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

Applicazioni 3D avanzate

Applicazioni 3D avanzate Azienda Ospedaliera Card. G. Panico Applicazioni 3D avanzate VR e segmentazione delle articolazioni: campi applicativi Indice Applicazioni 3D avanzate Articolazioni e grandi macchine 1. Definizioni 2.

Dettagli

TOMOGRAFO COMPUTERIZZATO MULTISLICE DI ALTA GAMMA A 64 SLICE

TOMOGRAFO COMPUTERIZZATO MULTISLICE DI ALTA GAMMA A 64 SLICE Allegato H OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE DI ALCUNI LOCALI SITI AL PIANO SEMINTERRATO DELL OSPEDALE SAN CAMILLO DE LELLIS DI RIETI PER L ACQUISIZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA DIAGNOSTICA TAC A SERVIZIO DEL PRONTO

Dettagli

Evoluzioni e applicazioni

Evoluzioni e applicazioni Corso di Modelli costitutivi per materiali avanzati aa. 2009/2010 Altomare Cristina Evoluzioni e applicazioni Immagini RX Tomografia Computerizzata Sistema CT Caratteristiche Effetto Volume Parziale Geometrie

Dettagli

"TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO"

TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO Updating 09 - Aggiornamento e cultura professionale VI Alberobello 23, 24,25 marzo 2009 La diagnostica per Immagini Bodytrend "TC DEL TORACE E DEL MEDIASTINO" TSRM : OSCAR BRAZZO ASL BA P.O. DI VENERE

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO

EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO EMODINAMICA DEL FLUSSO EMATICO FLUSSO LAMINARE SI OSSERVA PER VELOCITA DI FLUSSO CONTENUTE E COSTANTI. LE MOLECOLE DEL FLUIDO TENDONO A DISPORSI IN LAMELLE DI SCORRIMENTO CONCENTRICHE, IL CUI MOTO RISULTA

Dettagli

TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA

TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA Storia Negli anni 30 il radiologo italiano Alessandro Vallebona propose un metodo per rappresentare un solo strato del corpo sulla pellicola radiografica: la stratigrafia. Sfruttando

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale MATERIALI MATERIALI 233 Materiali Contenuti: Applicare i Materiali ai modelli canali dei Materiali in CINEMA 4D Mappatura Texture Metodi di Mappatura Texture Mappatura ad Etichetta Applicare i Materiali

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV -

COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - COLONSCOPIA VIRTUALE - stato dell arte - Dr. P. QUADRI Dip. Diagnostica per Immagini Ospedale S.Paolo - SV - La TC spirale multistrato consente di ottenere un volume di dati dell intero addome in una unica

Dettagli

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012 Informatica Grafica (2a parte) a.a. 2011/2012 Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi 1 Grafica 3D Con Grafica 3D si indicano quelle tecniche informatiche finalizzate alla descrizione (e rappresentazione

Dettagli

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica.

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica. La Pipeline Grafica Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione La Pipeline Grafica Spazio vista Spazio 3D-screen Shading Rasterizzazione Rimozione delle facce

Dettagli

Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia

Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Università degli Studi di L Aquila Corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Riconoscimento Crediti A.A. 2007-2008 Tesina: Studio delle Rocche Petrose con

Dettagli

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione.

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione. Luci/Ombre YAFARAY motore di rendering Open Source Federico Frittelli aka fredfrittella SUTURA-studio di progettazione LinuxDay, 2010 fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre

Dettagli

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia

Corso di laurea in. Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia Corso di laurea in Tecniche di radiologia medica per immagine e radioterapia 1 Storia La Tomografia Assiale Computerizzata è il primo esempio di tecnica radiologica digitale che converte le informazioni

Dettagli

DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND

DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND DITTA PRODUTTRICE MODELLO DITTA DISTRIBUTRICE ANNO DI IMMISSIONE SUL MERCATO ULTIMA VERSIONE GENERAZIONE NUMERO DI REPERTORIO CND GANTRY DIAMETRO DEL TUNNEL (cm) INCLINAZIONE MASSIMA DEL GANTRY (IN GRADI

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione

Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Posizionamento acquisizioni e tecniche di acquisizione Centratura

Dettagli

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Il futuro è arrivato Tecnologia 3D disponibile subito La radiografia dentale si è evoluta; la tecnologia del futuro

Dettagli

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Lavorare con il colore nelle immagini digitali L uso dei colori nella visione computerizzata e nella computer grafica implica l incorrere in determinate problematiche

Dettagli

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta Informatica Grafica per le arti Per poter produrre delle immagini che diano il senso della tridimensionalita', i programmi di grafica 3D si servono di tecniche per simulare l'illuminazione degli oggetti

Dettagli

N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA

N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA ALLEGATO A) N. 1 TC MULTISLICE PER L OSPEDALE SAN CARLO DI VOLTRI CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI DEL SISTEMA E richiesta un unità tomografica computerizzata multistrato (TC Multislice) con scansione

Dettagli

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE

TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE TAC SPIRALE MULTISTRATO DA ALMENO 32 STRATI COMPLETA DI WORKSTATION DI POST-ELABORAZIONE INDIPENDENTE CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI MINIME PENA L ESCLUSIONE SARANNO VALUTATI I SEGUENTI REQUISITI

Dettagli

Improvements in quality and quantification of 3D PET images

Improvements in quality and quantification of 3D PET images Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dottorato di Ricerca in Fisica e Astronomia Coordinatore: Prof. Giberto Chirico Tesi di Dottorato di Ricerca

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

L Immagine Digitale e RM

L Immagine Digitale e RM L Immagine Digitale e RM Queste diapositive fanno parte di un corso completo e sono a cura dello staff di rm-online.it E vietata la riproduzione anche parziale Intro Tutto il lavoro effettuato in risonanza

Dettagli

Grafica al calcolatore - Computer Graphics

Grafica al calcolatore - Computer Graphics Grafica al calcolatore - Computer Graphics 7 Pipeline di rasterizzazione 23/11/13 Grafica 2013 1 Rasterization pipeline Sappiamo implementare ray casting (o ray tracing). Abbiamo tuttavia già visto che

Dettagli

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME

FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME ALLEGATO 3 FORNITURA DI APPARECCHIATURE DI RADIOLOGIA: CONFIGURAZIONI E CARATTERISTICHE TECNICHE, OPERATIVE E FUNZIONALI MINIME LOTTO APPARECCHIATURA SPESA COMPLESSIVA IVA ESCLUSA 1 FORNITURA DI N. 1 APPARECCHIATURA

Dettagli

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it La visione delle macchine: 35 anni di storia Il testo Digital image processing

Dettagli

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche

Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Ricostruzione e visualizzazione 3D di un cervello da acquisizioni manuali di sezioni istologiche Sergio Demelio e Enrico Gobbetti CRS4 Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna VI Strada

Dettagli

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO

QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO QUESTIONARIO TECNICO DITTA PRODUTTRICE: MODELLO OFFERTO 1 GANTRY Diametro del tunnel Angoli inclinazione dello stativo (indicare se comandabile dalla consolle principale) Distanza fuoco-rivelatori in mm

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla

Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla CS 9000 3D Vantaggi e benefici della radiologia 3D per i clinici e per i pazienti nella diagnosi, pianificazione e trattamento: Dr. med. dent. Viktoria Kalla, Dr. med. dent. Robert Kalla Introduzione:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

La percezione del colore

La percezione del colore 30 Gennaio 2007 Corso di Laurea in Informatica Multimediale Facoltà di Scienze MMFFNN Università di Verona La percezione del colore Chiara Della Libera DSNV Università di Verona Sezione di Fisiologia Umana

Dettagli

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y Il nostro obiettivo Daniele Marini Ricostruzione stereo Ricostruire scenari 3D da più immagini per inserire oggetti di sintesi Ricostruire la profondità Ricostruzione del Cenacolo Vinciano Solo se abbiamo

Dettagli

Ai confini dell immaginazione

Ai confini dell immaginazione Ai confini dell immaginazione TSRM : Oscar BRAZZO - Filippo VESSIO USL BA/4 P.O. DI VENERE U.O. RADIOLOGIA Direttore : A.P. Garribba Le apparecchiature TC di ultima generazione con tecnologia multidetettore

Dettagli

Kodak 9500. Sistema Cone Beam 3D. 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito

Kodak 9500. Sistema Cone Beam 3D. 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito Kodak 9500 Sistema Cone Beam 3D 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito 3D a grande campo visivo perfezionato e ridefinito Ora l imaging tridimensionale è lo standard diagnostico per tutte le

Dettagli

Requisiti minimi richiesti:

Requisiti minimi richiesti: AT-01-SR APPARECCHIATURA CARDIO TC MULTISLICE DI ULTIMA GENERAZIONE A ROTAZIONE CONTINUA CON SCANSIONE VOLUMETRICA, DOPPIA ENERGIA E WORKSTATION INDIPENDENTE Le Ditte dovranno proporre apparecchiature

Dettagli

RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA

RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA RayDental CENTRO DI RADIOLOGIA ODONTOIATRICA IMMAGINI RADIODIAGNOSTICHE EVOLUTE TOMOGRAFIA VOLUMETRICA A FASCIO CONICO PER DARE PIÙ VALORE ALLA VOSTRA PROFESSIONALITÀ PER VIA TELEMATICA NEL VOSTRO STUDIO

Dettagli

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica 4.6 Lenti Esercizio 04 Due lenti biconvesse sono posizionate lungo il cammino ottico di un fascio di luce, separate da una distanza d. Il fascio di luce è parallelo e esce parallelo dopo le due lenti.

Dettagli

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Dipartimento di scienze umane per la Formazione Corso di Laurea in Scienze dell educazione LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Aspetti scientifici e attività laboratoriali Per il corso di Osservazioni Scientifiche

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine Guida rapida Esplorazione dell interfaccia Questa guida indica come: Visualizzare le immagini ricostruite Utilizzare le funzionalità e gli strumenti principali per ottimizzare un immagine. 2 3 5 6 7 NOTA:

Dettagli

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

ALLEGATO N 1 CARATTERISTICHE TECNICHE LOTTO N 1-

ALLEGATO N 1 CARATTERISTICHE TECNICHE LOTTO N 1- Fornitura e Posa in Opera di N 1 TAC multistrato con indice di acquisizione non inferiore a 16 (sedici) strati simultaneamente. L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

TC del Massiccio Facciale

TC del Massiccio Facciale TC del Massiccio Facciale Anatomicamente, il massiccio facciale è composto da strutture ossee che contengono e circoscrivono cavità aeree che, rivestite da mucose, formano i seni paranasali. Grazie a queste

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Rappresentazione di oggetti 3D

Rappresentazione di oggetti 3D Rappresentazione di oggetti 3D 1 Modellazione geometrica La modellazione geometrica riguarda le tecniche di rappresentazione di curve e superfici Surface modeling Rappresentazione della superficie di un

Dettagli

OTTICA. Ottica geometrica. Riflessione e rifrazione

OTTICA. Ottica geometrica. Riflessione e rifrazione Ottica geometrica OTTICA Sappiamo che la luce è un onda elettromagnetica. Essa perciò può non propagarsi in linea retta, analogamente alle altre onde (p. es. quelle sonore). Però, come avviene per tutte

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici

GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici GVol: software libero per la manipolazione e visualizzazione di dati volumetrici Tesi di laurea di Alceste Scalas Anno Accademico 2002 2003 Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default.

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default. Introduzione Le luci sono oggetti atti a simulare le lampade per l illuminazione delle case, i riflettori e proiettori degli allestimenti teatrali e cinematografici, il sole ecc. Se la scena non ne contiene,

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 2 Le quattro generazioni di tomografi I generazione II generazione III generazione IV generazione Acquisizione continua di dati (ricostruzioni

Dettagli

Capitolo 6 Interazione luce-materia

Capitolo 6 Interazione luce-materia Capitolo 6 Interazione luce-materia Modelli di illuminazione Modello di illuminazione: formulazione matematica dell equazione del trasporto dell energia luminosa L equazione che risolve questo problema:

Dettagli

ScuolaSI computer grafica 3d

ScuolaSI computer grafica 3d ScuolaSI computer grafica 3d pagina stampata dal sito ScuolaSI http://www.scuolasi.it pubblicato il 22/04/2011 Grafica - La computer grafica 3D è un ramo della computer grafica che basa la creazione di

Dettagli

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni)

LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) LUCE, COLORE, VISIONE (6 anni) Giochi con luce, ombra, buio in ambienti diversi (all aperto ed al chiuso in condizioni di illuminazione diversa, possibilmente anche con la luna, e al variare del tempo

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

Fondamenti di Grafica Tridimensionale

Fondamenti di Grafica Tridimensionale Fondamenti di Grafica Tridimensionale La Pipeline Grafica Marco Di Benedetto marco.dibenedetto@isti.cnr.it Visualizzazione dell Informazione noi siamo qui Informazione mondo reale (es: 3D scans) creazione

Dettagli

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

AVVISO PER LA SICUREZZA / AVVISO SUL PRODOTTO

AVVISO PER LA SICUREZZA / AVVISO SUL PRODOTTO AVVISO PER LA SICUREZZA / AVVISO SUL PRODOTTO Oggetto: Riferimento prodotto: Data di notifica: 7 settembre 2015 Responsabile della notifica: Identificativo Brainlab: Tipo di azione: Software di pianificazione

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering 1 Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione I parametri della vista 3D I sistemi di coordinate 2 I parametri

Dettagli

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria.

INTRODUZIONE. Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. Capitolo 7 - Operatori Morfologici per Immagini Binarie INTRODUZIONE Gli operatori della morfologia binaria sono operatori fra insiemi definiti a partire dell immagine binaria. L immagine binaria, I, viene

Dettagli

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Ottica geometrica In ottica geometrica si analizza la formazione di immagini assumendo che la luce si propaghi in modo rettilineo

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

CAPITOLATO SIMULATORE

CAPITOLATO SIMULATORE AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE - CIACCIO AREA ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Sede legale: Via V. Cortese, 10 88100Catanzaro Via V. Cortese, 25-88100 CATANZARO Tel. 0961.883582 Fax 0961.883505 P.IVA 01991520790

Dettagli

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici

Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Flat Panel CT in applicazioni radioterapiche Aspetti fisici Stefania Maggi SOD Fisica Sanitaria AOU Ospedali Riuniti Ancona s.maggi@ospedaliriuniti.marche.it Digital Flat Panel Detector asi-csi X-ray Tube

Dettagli

Il TSRM e le nuove frontiere. dell imaging. Caratteristiche specifiche degli. scanners TCMS. La Tecnologia CT: processo logico dell acquisizione

Il TSRM e le nuove frontiere. dell imaging. Caratteristiche specifiche degli. scanners TCMS. La Tecnologia CT: processo logico dell acquisizione Belluno, 9-10 e 16-17 dicembre 2005 La Tecnologia CT: processo logico dell acquisizione Il TSRM e le nuove frontiere dell imaging Emissione Rx Rivelazione Rx attenuati Trasformazione Rx in luce Fascio

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale Cap. 8 - Contenuti Capitolo 8 Rendering Globale 8.1 Dal modello locale ai modelli globali Limitazioni del modello locale, effetti globale e modi per approssimarli in un contesto locale 8.2 Ray-tracing

Dettagli

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA L ottica nei Massimi Sistemi Nella prima giornata del Dialogo sui massimi sistemi c è una lunga discussione dedicata al confronto tra l aspetto apparente della

Dettagli

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica 1 Introduzione 1 1 Introduzione Ottica Geometrica 1.1 Estratto Lo scopo di questa esperienza è quello di apprendere come la luce interagisce con elementi ottici quali le lenti, e come, in sequito alla

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE M. Reggiani - M. Moscatti TEC Eurolab Srl - Campogalliano (MO) Nel 1979 l'ingegnere inglese Godfrey Hounsfield e il fisico sudafricano

Dettagli

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio Nulla è come appare Viaggio nello Spazio Oggi, 12 marzo 2012 è venuto nella nostra scuola, il dott. Renzo Rancoita, biofisico vegetale nonché studioso e appassionato di scienza e filosofia orientale e

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

REVERSE ENGINEERING. Reverse Engineering 22/12/2008. paolo.magni@kaemart.it 1. Contenuto della lezione. Reverse Engineering

REVERSE ENGINEERING. Reverse Engineering 22/12/2008. paolo.magni@kaemart.it 1. Contenuto della lezione. Reverse Engineering Corso di Laboratorio Progettuale di Disegno Assistito da Calcolatore Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies REVERSE ENGINEERING Contenuto della lezione Metodologia Tecnologie

Dettagli

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale

Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Un modo completamente nuovo di vedere i vostri pazienti. Sistema di radiografia digitale 3D a fascio conico (Cone Beam) per applicazione dentale Riduzione dei costi e produzione di immagini ad alto contenuto

Dettagli

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino

Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Fusione delle Immagini in Radioterapia Riccardo Ragona Università di Torino Introduzione Transformazioni Algoritmi Visualizzazione Validazione Applicazioni Conclusioni Perche la Fusione delle Immagini?

Dettagli

Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina

Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina Mario Magliulo - Marco Salvatore IBB - Consiglio Nazionale delle Ricerche Università degli Studi di Napoli Federico II Mario Magliulo

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA TOMOGRAFIA Il termine tomografia deriva dal Greco antico e significa rappresentazione di un corpo tridimensionale (3D) mediante una serie di sue sezioni trasverse bidimensionali (2D). Nell imaging medico

Dettagli

DITTA PRODUTTRICE: MODELLO: ANNO DI IMMISSIONE SULL MERCATO DELL'ULTIMA VERSIONE: CODICE DESCRIZIONE UNITA' DI MISURA VALORE

DITTA PRODUTTRICE: MODELLO: ANNO DI IMMISSIONE SULL MERCATO DELL'ULTIMA VERSIONE: CODICE DESCRIZIONE UNITA' DI MISURA VALORE Pag ine 1 1 CARATTERISTICHE DI INSTALLAZIONE Tipo di alimentazione Monofase, trifase Caratristiche di alimentazione elettrica V,A,VA Ponza tipica assorbita in stand-by e in funzionamento Dimensione minima

Dettagli

8000C. Semplicità digitale. Qualità Kodak. Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C

8000C. Semplicità digitale. Qualità Kodak. Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C 8000 Sistema panoramico digitale KODAK 8000 8000C Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C Semplicità digitale. Qualità Kodak. 8000 Sistema panoramico digitale KODAK 8000 8000C

Dettagli

Modelli per i materiali

Modelli per i materiali Texture mapping 1 Modelli per i materiali Il realismo visivo può essere ottenuto mediante i modelli di illuminazione e dei materiali Per modellare i materiali si possono utilizzare delle immagini dette

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

L IMMAGINE RADIOLOGICA

L IMMAGINE RADIOLOGICA L IMMAGINE RADIOLOGICA L IMMAGINE RADIOLOGICA - Tecniche e Metodiche in radiodiagnostica. Contrasto naturale e mezzi di contrasto artificiali - La Radiografia - La Fluoroscopia - La Tomografia o Stratigrafia

Dettagli

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Ing. Federico Bergenti E-mail federico.bergenti@unipr.it Telefono +39 0521 90 6929 Sintesi di Immagini Digitali Generazione automatica di immagini

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale Atti del V Congresso Metrologia & Qualità (Marzo 2007) MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale M. GALIMBERTI (1), R.SALA (2), N.CAPELLI

Dettagli