Manuale Utente Manuale utente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Utente Manuale utente"

Transcript

1 Manuale Utente

2 Copyright 2011 Caravaggio Web: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o diffusa con qualsiasi sistema elettronico, meccanico o altri, senza l autorizzazione scritta dell Editore. Nessuna responsabilità derivante dal loro utilizzo potrà venire imputata agli Autori, a Caravaggio, o a ogni persona o società coinvolta nella creazione, produzione e distribuzione di questo libro. Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. 2

3 Parte I: Presentazione Cap.1 - Versione Render e Studio La Render è quella che si prefigge di mantenere un interfaccia pulita e semplice al fine di agevolare il più possibile le operazioni più frequenti. La Studio è invece quella la versione rivolta al professionista del rendering. Offre infatti ben 7 differenti engine fra i quali è possibile scegliere, impostando quindi i parametri per il rendering ideale. Cap.2 - Per Rhino o per SketchUp? La scelta di integrare CARAVAGGIO all interno di Rhino e di SketchUp è presto spiegata: entrambi i prodotti sono privi di renderizzatore, allo stesso tempo sono ottimi modellatori. Inoltre CARAVAGGIO è stato sviluppato in modo da sposarsi perfettamente con le metodologie di modellazione di uno e dell altro, offrendo così all utente di SketchUp e di Rhino uno strumento già familiare. La scelta di uno o dell altro modellatore saranno a breve argomento di discussione in questa sezione, al fine di spiegare all utente perché il rendering non è solo una fase successiva della modellazione, ma uno sviluppo complementare che evolve di pari passo insieme alla modellazione stessa. Tale procedimento è infatti ormai reso possibile grazie agli algoritmi di rendering adottati da CARAVAGGIO che ottimizzano i tempi di calcolo e restituiscono già nei primi secondi d utilizzo un idea più che accettabile. 3

4 Parte II: Introduzione Cap.3: Installazione 3.1 Processo di installazione L installazione avviene in modo piuttosto standard ed èp sufficiente seguire le indicazioni proposte dallo stesso software di installazione. La prima richeista è quella relativa alla sezione della lingua che compare in basso, successivamente si avvierà il provesso vero e porprio di installazione attraverso la schermata che compare in basso. 4

5 Successivamente verrà richiesto di selezionare il percorso corretto in cui SketchUp è instalalto, questa informazioni è importante per stabilire una corretta installazione dei file. Si avvierà quindi la fase di copia dei file di sistema ed al ter- 5

6 mine comparirà la finestra di completamento con la quale si potrà completare la fase di instrallazione confermando sul pulsante Fine. 3.2 Impostazione della lingua Nel caso in cui Caravaggio non dovesse avviarsi con la lingua impostata nella prima fase di installazione, sar sufficiente impostarla tramite il menu del Plugin che compare dopo aver installato il software. 6

7 Verrà in fine richiesto di riavviare il software per rendere effettive le modifiche. Cap.4: Panoramica sull nterfaccia Le varie funzioni di Caravaggio sono accessibili indifferentemente tramite dalla Toolbar e dal Menu. Attraverso le relative voci di menu, è possibile aprire le tre principali finestre di dialogo: Opzioni di Rendering, Editor dei materiali ed Editor delle luci, con le quali è possibile rispettivamente impostare il rendering, definire i materiali e regolare l illuminazione. Di seguito sono illustrati i dettagli relativi a tutti gli elementi dell interfaccia di Caravaggio. 7

8 4.1 Pulsanti e Menu Come appena accennato i pulsanti ed il menu, consentono di accedere alle stesse funzioni ed esattamente quelle di seguito elencate: Anteprima Consente di avviare il rendering in modalità progressiva, in modo da poter avere già dai primi istanti del rendering, un idea su quel che sarà il rendering finale. Attendendo la fine del rendering, si otterrà un immagine comunque priva di antialiasing, poiché è questo un calcolo che influisce molto sui tempi di rendering. Di seguito è possibile osservare tre istanti consecutivi del rendering progressivo praticato da CARAVAGGIO. 8

9 9

10 4.1.2 Renderizza Dopo essersi fatti un idea sul risultato finale sfruttando la velocità del rendering progressivo, è possibile avviare il rendering definitivo con la funzione Renderizza. Questa funzione, oltre ad effettuare un calcolo più accurato, applica un livello di antialiasing che rende l immagine di qualità superiore. Di seguito è illustrato il rendering definitivo in fase di calcolo attraverso la modalità Random (funzionalità disponibile solo su CARAVAGGIO Studio), di seguito illustrata Accessi alle finestre di dialogo Le altre voci di menu consentono di accedere direttamente alle altre parti dell interfaccia di Caravaggio. Fra queste la voce Opzioni di Rendering, Editor dei Materiali, Editor delle Luci, che consentono di aprire le corrispondenti finestre di dialogo, descritte di seguito. La voce Luci, consente di accedere ad un sottomenu col quale creare i vari punti luce quali: Luce Punto, Luce Sferica, Luce Direzionale, Luce Area 10

11 In fine, la voce Licenza, tramite la quale è possibile far comparire la finsetra di dialogo dove inserire il codice di sblocco del software e renderlo illimitato. Al contrario resterà in modalità demo con alcune limitazioni nel rendering finale e nel numero di rendering consentito. 4.2 Comandi (solo per Rhinoceros) I Comandi, sono le istruzioni da inserire all interno di Rhinoceros tramite il prompt dei comandi. Di seguito sono elencati quelli disponibili nella versione Studio, tuttavia la maggior parte di essi consiste in una semplice alternativa per aprire funzioni e finestre disponibili anche nella Render CaravaggioFractal CaravaggioFrattaleSettings CaravaggioStudioLights CaravaggioStudioMaterials CaravaggioStudioOptions CaravagggioRTView CaravaggioStudioPreview CaravaggioStudioRender CaravaggioSunLight 11

12 4.3 Finestre di dialogo Di seguito si effettuerà una panoramica delle parti che compongono l interfaccia di Caravaggio. Seguirà dettaglio della descrizione Opzioni di Rendering Consente di aprire l omonima finestra di dialogo, tramite la quale accedere a tutte le impostazioni che caratterizzeranno il calcolo ovvero la qualità finale dell immagine derivante. Quì di fianco è illustrata la finestra di dialogo corrispondente, della versione Render per SketchUp e la versione Studio per Rhino Editor dei Materiali La versione per Rhino ha un editor di materiali differente rispetto a quello per SketchUp per il semplice motivo di avvicinare maggiormente il software ad un uso più comune da parte dell utente. In figura è possibile osservare l editor dei materiali della versione Render all interno di SketchUp, mentre la versione Studio al interno di Rhino. La voce corrispondente ad Editor dei Materiali, consente di aprire l omonima finestra di dialogo, tramite la quale accedere a tutte le funzioni che consentono di creare ed applicare i materiali al modello. 12

13 4.3.3 Editor delle Luci Appare simile in entrambi gli applicativi Rhino e SketchUp. In figura è illustrato nello specifico quello di SketchUp consente di aprire l omonima finestra di dialogo, con la quale interagire per modificare i parametri di illuminazione dei punti luce artificiali aggiunti alla scena. 13

14 14 Manuale Utente

15 Parte III Impostare il Rendering Come accennato precedentemente, per accedere a tutte le impostazioni di Rendering che CARAVAGGIO offre, è necessario selezionare la voce di menu Opzioni di Rendering o il pulsante relativo che si trova sulla Toolbar. Comparirà così la finestra di dialogo Opzioni di Rendering contenente le seguenti quattro aree principali: 1. Engine: area dedicata alle impostazioni dell algoritmo di rendering da utilizzare 2. Composizione della Scena: area dedicata agli elementi che compongono la scena 3. Impostazioni della Camera: area dedicata alle impostazioni della camera virtuale 4. Output Finale: area dedicata a definire i parametri dell output finale Segue dunque la descrizione dettagliata di ciascuna delle aree appena menzionate. Cap.5 - Scegliere l Engine Osservando l area Engine della finestra Opzioni di Rendering, è possibile individuare la voce Algoritmo che, attraverso il menu corrispondente, consente di selezionare il motore di rendering più idoneo ad ogni esigenza, ed una serie di parametri che si attivano o disattivano a seconda dell algoritmo utilizzato. Gli algoritmi disponibili in Caravaggio sono ben sette ed ognuno con delle prerogative che ne rendono preferibile l utilizzo di uno piuttosto che dell altro. 15

16 5.1 Heuristic BDPath Tracing Questo algoritmo, è uno dei più avazati motori di calcolo attualmente disponibili sul mercato. Esso è infatti un evoluzione del famoso metodo di calcolo Unbiased, noto sotto il nome di Bi-directional Path Tracing. Introducendo infatti un metodo euristico dei rimbalzi, consente di adeguare le risorse di calcolo ad ogni specifica esigenza. Il risultato è un realismo senza precedenti ed una velocità senza pari, e questo grazie alla possibilità di definire i parametri in modo da rendere il 16

17 motore di calcolo biased quando non è richiesto un risultato estremamente preciso ed unbiased quando si richiede il massimo in termini di accuratezza pur sacrificando i tempi di rendering. I parametri disponibili per questo tipo di algoritmo sono i seguenti: Griglia: consente di definire la risoluzione di una griglia di distribuzione che consente di raggruppare i rimbalzi in fasci di luce. Maggiore è il valore, più accurato sarà il risultato ma maggiore anche il tempo di rendering. Bias: è il parametro che consente di stabilire lo scostamento dal comportamento reale fisico dell illuminazione. Un valore pari a 0 rende il motore di calcolo unbiased purché il numero di Campioni del Bias (parametro illustrato di seguito) sia maggiore di 1. 17

18 Campioni Bias: consente di regolare il livello di qualità del Bias aumentandone i campioni. Aumentando il numero dei campioni del Bias il risultato si avvicina a quello fisico della luce tuttavia il tempo di rendering aumenta drasticamente. Campioni: è il numero complessivo dei campioni distribuiti nella scena per generare un illuminazione ambientale. In sostanza costituisce la risoluzione della campionatura relativa all illuminazione ambientale. 5.2 Irradiance Cache L algoritmo in questione, consente di avere il controllo su tutti i parametri relativi ai rimbalzi secondari, restituendo così dei rendering molto relistici ed allo stesso tempo veloci impostando il motore di calcolo con dei parametri adeguati. 18

19 I parametri disponibili per questo tipo di algoritmo sono i seguenti: Campioni: numero di campioni che definisce la risoluzione dell illuminazione ambientale Tolleranza: consente di definire un valore di approssimazione per il calcolo del rendering Spaziatura: consente di definire l intensità di irraggiamento dei campioni in corrispondenza dei punti iniziali dei rimbalzi secondari Min: consente di stabilire la distanza minima fra i campioni utilizzati per i rimbalzi secondari Max: consente di stabilire la distanza massima che i campioni utilizzati per i rimbalzi secondari, potranno avere. PhotonMap: questa spunta, consente di utilizzare una PhotonMap per il calcolo dei rimbalzi secondari in combinazione al PathTracing che viene comunque utilizzato ma in modo meno preponderante. Fotoni: defnisce il numero complessivo dei fotoni che la Photon- Map dovrà avere Stima: definisce un valore per la stima dei fotoni utilizzati nell irraggiamento in un punto Raggio: stabilisce il valore del raggio della sfera di irraggiamento corrispondente ad un punto 5.3 Path Tracing Probabilmente è l algoritmo di tipo unbiased, più diffuso ed allo stesso tempo più lento benchè più accurato per il calcolo dell illuminazione globale. Solitamente il rendering con questo tipo di algoritmo, restituisce delle immagini molto rumorose, salvo un aumento dei campioni che per contro contribuiscono a rallentare molto in calcolo finale. 19

20 L unico parametro sul quale è possibile agire per regolare questo algoritmo è il numero di campioni. 5.4 Tone Lighting Questo motore, consente di definire l illuminazione globale regolando i toni della luce ambientale attribuendo dunque un colore all illuminazione primaria per le aree chiare ed un colore per l illuminazione secondaria delle aree scure. È caratterizzato da un metoto piuttosto leggero, nenchè per ottenere risultati qualitativamente elevati è necessario elevare il numero di campioni che ne rallenta inevitabilmente il calcolo. I parametri sui quali è possibile intervenire al fine di ottimizzarne il calcolo sono i seguenti: Campioni: il numero di campioni che definisce la risoluzione 20

21 dell illuminazione ambientale Distanza: p il raggio di propagazione dell occlusione ambientale Luce Principale: consente di definire un colore per l illuminazione primaria relativa alle aree chiare del modello in quanto direttamente colpite dalla luce Luce Secondaria: consente di atribuire un colore all illuminazione secondaria che determina le zone d ombra nella scena in quanto scaturite dai rimbalzi secondari della luce. 5.5 Chiaroscuro Basato sullo stesso metodo di calcolo del motore esposto precedentemente, questo algoritmo, consente di definire l il- 21

22 luminazione globale regolando l intensità dell illuminazione rispettivamente nelle aree chiare e quindi colpite direttamente dalla luce e nelle aree d ombra corrispondenti all illuminazione indiretta. I parametri che è possibile regolare sono i seguenti: Campioni: il numero di campioni che definisce la risoluzione dell illuminazione ambientale Distanza: è il raggio di propagazione dell occlusione ambientale Luce Principale: consente di definire l intensità della luce propagata nelle aree chiare del modello Luce Secondaria: consente di definire l intensità della luce 22

23 nelle zone scure e quindi nelle zone d ombra. 5.6 Smooth Lighting È forse uno degli algoritmi più indicati per ottenere delle rapide anteprime del rendering. L accuratezza dell immagine è molto lontana dal reale comportamento della luce, restituisce tuttavia un risultato molto rapido. Il suo utilizzo è molto intuitivo, è sufficiente infatti variare i parametri relativi ai colori della Luce Principale e della Luce Secondaria. 5.7 Ambient Light Ancora più leggero dell algoritmo esposto precedentemente, 23

24 comporta un risultato poco realistico ma molto veloce. È preferibile rispetto al precedente solo in alcuni casi. I parametri che consente di regolare sono gli stessi dell algoritmo precedente. 5.8 Modalità di Irradiazione 24

25 Indipendentemente dell algoritmo adottato per il calcolo del rendering, la qualità del risultato finale viene comunque influenzata dalle modalità di irraggiamento utilizzare per calcolare l illuminazione globale. Tali modalità, vengono regolamentate da una serie di parametri e precisamente dal Numero di rimbalzi, dal Livello di riflessione e dal Livello di rifrazione. Rispettivamente, il primo parametro (Rimbalzi) consente di definire il livello di profondità dell illuminazione e cioè il numero di rimbalzi secondari coni quali la luce potrà propagarsi. Un aumento del numero di rimbalzi aumenta il realismo del rendering ma ne rallenta il calcolo. Analogamente, il livello di riflessione e di rifrazione, consente di definire il numero di rimbalzi che un oggetto riflettente o trasparente deve avere in funzione alle sue caratteristiche fisiche di riflessione e rifrazione. Naturalmente nella realtà il numero di rimbalzi è infinito ma attraverso questi parametri è possibile limitare il calcolo in un tempo discreto. Cap.6 - Gli elementi della scena 25

26 Alcuni elementi sono fondamentali per allestire la scena ed osservarne già i risultati attraverso i primi rendering. Per default sono già impostati i parametri che consentono di ottenere rapidamente dei risultati tuttavia, conoscendo nel dettaglio tali parametri è possibile ottimizzare il calcolo per i propri fini. La scena si compone dunque attraverso i parametri riportati nella sezione Composizione Scena della finestra di dialogo Opzioni di Rendering illustrata di seguito 6.1 Definizione dell illuminazione È possibile definire l illuminazione di una scena principalmente in tre modi: Attraverso il contributo della sola illuminazione del sole (solitamente per esterni); attraverso il contributo delle sole luci artificiali (impiegata per interni bui o scene notturne); attraverso il contributo di entrambe le sorgenti luminose (per ottenere una combinazione di entrambe). Per default, è impostato il parametro Tutte, che consente di considerare l illuminazione di qualunque tipo di sorgente luminosa. Il sole, che è sempre esistente, consente già di conferire un risultato alla scena, per evitare che questo generi illuminazione si dovrà spegnere il sole attivando l opzione Artificiali che, senza inserire alcun punto luce, genererà un ambiente completamente buio. Al contrario, per evitare che le luci artificiali eventualmente inserite apportino il loro contributo all illuminazione, è possibile escluderle attivando l opzione Sole. 26

27 6.2 Definizione della luce solare Come si accennava precedentemente, il sole è attivo già di default ma per impostarne posizione ed orario, è necessario ricorrere agli strumenti di impostazione della posizione solare che, per SketchUp corrispone esattamente alla posizioen del sole di SketchUp per Rhino invece è sufficiente avviare il comando CaravaggioSunLight ed impostare come si preferisce i parametri della fienstra che compare illustrata di seguito Accuratezza del sole Ad evitare che le ombre e quindi l illuminazione generata dalla luce solare sia caratterizzata da artefatti che possano pre- 27

28 giudicare la qualità finale del rendering, è necessario elevare il numero di Campioni. Tuttavia aumentare in dismisura il numero di campioni del sole potrebbe rallentare sensibilmente il tempo di calcolo, senza per questo apportare delle migliorie percepibli della qualità finale Foschia Talvolta, è possibile aggiungere un fattore di disturbo all illuminazione del sole, aumentando il livello di foschia conferendo in questo modo un disturbo all illuminazione globale. Il valore di Default della Foschia è di Elementi complementari della scena Pavimento Infinito La spunta corrispondente alla voce Pavimento infinito, consente in sostanza di aggiungere un piano con coordinata z=0 con dimensioni infinite. La comodità di avere un piano di appoggio delle geometrie è notevole, tuttavia considerando il peso nel calcolo, si suggerisce di sostituire il puano con un poligono di dimensioni finite al fine di velocizzare il rendering. 28

29 6.3.2 Colore del Pavimento Il pavimento infinito, può essere per comodità personalizzato nel colore, impostato per default con un colore bianco Impostazioni Sfondo Le impostazioni dello sfondo, si regolano con i parametri riportati nell apposita sezione. Attraverso questi parametri è possibile caricare un immagine di sfondo e regolarne la posizione e la dimensione. Tali parametri sono elencati e descritti di seguito. Casella Colore: Colore uniforme dello sfondo (disponibile solo con luci artificiali) Cerca: caricare un immagine bitmap come sfondo (disponibile solo con luci artificiali) Elimina: Elimina la bitmap eventualmente caricata come sfondo Ripetizione in X: Aumenta il numero di ripetizioni dello sfondo al fine di definirne anche la dimensione Scostamento in X: Spostare in una direzione o l altra l immagine di sfondo 29

30 6.3.4 Impostazioni IBL All interno di Caravaggio, è possibile caricare un immagine IBL (Image Based Light) che definisca l illuminazione globale della scena attraverso il colore dei pixel dell immagine stessa. Solitamente è consigliabile utilizzare immagini HDRI invece di immagini Bitmap per il semplice fatto che contengono maggiori informazioni sull illuminazione dell ambiente. Come per l immagine di sfondo, è possibile posizionare e regolare i parametri dell IBL, attraverso l apposita sezione, che contiene i seguenti parametri. Casella di Spunta: Attiva L IBL eventualmente caricata Carica: Carica un immagine bitmap o HDR come mappa ambientale Elimina: Elimina la bitmap eventualmente caricata come IBL Accuratezza IBL: Numero di campioni generati dall IBL Centro IBL: Posizione del centro della mappa ambientale Ripetizione IBL: Numero di ripetizioni della mappa IBL caricata Scostamento IBL: Spostare in una direzione o l altra l immagine IBL caricata 30

31 6.3.5 Caustiche Le caustiche in ottica, sono note come l inviluppo dei raggi luminosi riflessi o rifratti da una superficie o un oggetto curvo, o la proiezione dell inviluppo di raggi su un altra superficie. In sostanza, determinano una concentrazione di raggi luminosi tipico del comportamento dei raggi luminosi focalizzati da lenti o specchi curvi, dando luogo zone molto luminose quando incontrano una superficie. Un esempio classico sono i motivi di luce al fondo delle piscine sono. Le caustiche, vengono prodotte in quel caso dalla rifrazione sulla superficie ondulata dell acqua. Per fare in modo che Caravaggio generi le caustiche, è necessario che sia per prima cosa attivata la spunta corrispondente e settare in modo opportuno i parametri relativi, descritti di seguito. Fotoni: Numero di fotoni impiegati per il calcolo delle caustiche Stima: Stima dei fotoni utilizzati per l irradiazione in un punto illuminato dalle caustiche Raggio: Raggio della sfera di irradiazione corrispondente ad un punto illuminato dalle caustiche Si tenga presente che attivando le caustiche, i tempi di rendering possono aumentare drasticamente, specialmente quuando si aumentano i campioni e la risoluzione della mappa di fotoni. 31

32 Cap.7 - Impostare l inquadratura 7.1 Tipi di camera Seleziona il tipo di Camera da utilizzare per l inquadratura: Standard: utilizza una camera Standard per le inquadrature Thinlens: Camera Standard con profondità di campo Sferica: Camera con lente sferica 32

33 Fisheye: Camera con lente di tipo fisheye 7.2 Parametri della camera Definisci FOV Definisci manualmente i parametri della camera virtuale Sposta: X / Y Sposta la camera lungo la direzione specificata Distanza Focale Il parametro si attiva solo se è impostata la camera con pro- 33

34 fondità di campo. Questo parametro consente infatti di impostare la distanza dalla camera del punto di messa a fuoco Raggio Come per il parametro precedente, il presente, si attiva solo se è impostata la camera con profondità di campo. Esso consente di impostare il raggio dal punto focale dell area dell immagine che sarà messa a fuoco Seleziona Oggetto Attraverso questo pulsante, è possibile definire l oggetto che sarà messo a fuoco nell inquadratura Abilita Boke Questa spunta, consente di abilitare l effetto di distorsione lenticolare di tipo Boke generato solitamente da camere reali. 34

35 7.2.7 Lati Il parametro Lati, aggiunge un livello di variazione nell effetto lenticolare Boke generato consentendo così di selezionare l effetto desiderato Rotazione Attraverso la rotazione dell effetto Boke, è possibile ottenere un ulteriore controllo sul risultato finale che si vuol raggiungere. 35

36 7.2.9 Abilita Camera Motion Disponibile anche con la camera in modalità Standard, la spunta corrispondere alla voce Abilita Camera Motion, consente di attivare l effetto di movimento della camera, purchè si impostino dei valori adeguati relativamente alla sua posizione Camera Il parametro Camera, consente di definire un vettore di spostamento della camera dal punto in cui essa è posizionata. Definisce in sostanza, la direzione e la velocità di spostamento con la quale la camera dovrà apparire nel rendering. 36

37 Target Il parametro Target, è molto simile al precedente con la differenza che quest ultimo genera l effetto di spostamento del target della camera, lasciando la posizione di quest ultima, invariato. Definisce in sostanza, la direzione e la velocità di spostamento con la quale la camera dovrà cambiare il suo punto di vista Su Il parametro Su, aggiunge una variazione al movimento della camera, influendo anche sul beccheggio e l imbardata. 37

38 Cap.8 - Output Finale Prima di effettuare il rendering definitivo, è necessario impostare tutti i parametri relativi all Output finale. Questi parametri sono tutti racchiusi nell apposita sezione illustrata di seguito, tramite la quale è possibile definire il formato, la dimensione del riquadro di rendering, ed altri parametri che ne determinano il risultato finale. 8.1 Definisci Risoluzione Nel caso in cui questa spunta non dovesse essere attiva, la risoluzione del rendering sarà pari alla vista dell editor. Al contrario, se si attiva la spunta, si potranno impostare manualmente i valori relativi alla risoluzione orizzontale (Larghezza) e verticale (Altezza) dell immagine risultante. 38

39 8.2 Filtro In corrispondenza della voce Filtro, è presente un menu a tendina, che consente di selezionare l algoritmo di antialiasing da impiegare per il rendering finale. Gli algoritmi implementati, sono dieci ed ognuno ha una particolare prerogativa rispetto all altro che diventa evidente solo 39

40 con un confronto diretto delle immagini ed i tempi di rendering variano in funzione alla qualità che l algoritmo si prefigge di raggiungere ma soprattutto in funzione dei parametri impostati per l antialiasing. Ad ogni modo, gli algoritmi Triangle e Box sono melli maggiormente utilizzati per ottenere delle anteprime efficaci in quanto molto rapidi, mentre per il risultato finale è preferibile il mitchell o il bspline. 8.3 Antialiasing I parametri di antialiasing determinano il qualitativo da raggiungere nell immagine finale. Aumentando i valori di Min e Max, aumentano considerevolmente i tempi di rendering, tuttavia non è sempre detto che il risultato finale corrisponda ad una qualità altrettanto visibile. Si consiglia di mantenere il livello di antialiasing a valori medi al fine di evitare eccessivi rallentamenti. 8.4 Formato Prima di effettuare il rendering, ricordarsi sempre di stabilire in anticipo il formato col quale si desidera generare il rendering. Nel caso in cui non si impostasse il formato corretto, sarà necessaria uansuccessiva conversione dell immagine con possibile deterioramento della qualità della stessa. Il formato suggerito per i rendering è il Png in quanto è un formato non compresso senza erdita di qualità. In alternativa, è 40

41 possibile generare delle immagini in Hdr al fine di riprodurre ambientazioni con informazioni aggiuntive sul livello di luminosità. 8.5 Modalità di rendering Attraverso è possibile impostare le varie modalità di rendering, per ottenere delle immagini finalli da un effetto adatto a diverse circostanze. Oltre alla già nota modalità Rendering, che consente di generare immagini fotorealistiche, esiste la modalità Wireframe che genera immagini basandosi sulla struttura reticolare della mesh generata e dedicata per il rendering. 41

42 8.5.1 Wireframe Genera i soli contorni della struttura poligonale Clay Genera immagini prive di materiali 42

43 8.5.3 UVS Genera immagini con colori corrispondenti alle direzioni dei poligoni Normali Genera immagini con colorazione che definisce la direzione delle normali. Genera in sostanza un immagine nota anche con il nome di Normal Map, utilizzata solitamente per riprodurre modelli tridimensionali più dettagliati utilizzando un apposito algoritmo di deformazione (presente anche in Caravaggio fra i materiali) su mesh con un basso numero di poligoni. 43

44 8.5.5 ID Attribuisci agli oggetti colori unici Prism Attribuisci un colore ai singoli poligoni degli oggetti 44

45 8.5.7 Ambient Occlusion Genera immagini con illuminazione in Ambient Occlusion Distanza: Distanza entro la quale deve essere occlusa la luce 45

46 8.6 Processi Definisci la modalità di calcolo del rendering Automatico Avvia il rendering riconoscendo i processi reali del processore Parametro N. Numero di processi virtuali in atto durante il rendering A volte può migliorare Settore (pixel) Dimensione in pixel del settore di rendering che dovrà elaborare l immagine 46

47 8.6.4 Metodo Seleziona un metodo per l ordine dei settori da calcolare Spirale: parte dal centro e si espande man mano verso l esterno con un movimento a spirale 47

48 Ottimizzato: parte da destra o da sinistra (a seconda del verso impostato) individuando le caselle da renderizzare per prima. Per Colonnne: parte da destra o da sinistra (a seconda del verso impostato) seguendo un ordine a colonne che partono dall alto verso il basso. 48

49 Per Righe: come il metodo precedente, segue però un ordine per righe partendo ono dall alto verso il basso (a seconda del verso impostato). Diagonale: 49

50 Random: Inverti: Inverte l ordine di calcolo dei settori Cap.9 - Finestra di Rendering La finestra di rendering è composta dal menu che consente di salvare il rendering effettuato ed il cronometro con relativa barra del tempo. 50

51 Parte IV: Definire i materiali Cap.10 - L Editor dei materiali L editor dei materiali di Rhino è diviso principalmente da quattro aree: Il menu, la finestra di anteprima, l elenco dei materiali presenti nella scena e la finestra delle proprietà del materiale selezionato: All,interno di SketchUp, l editor dei Materiali è differente e si aggiorna ad ogni materiale selezionato all interno della finestra Materiali di SketchUp. 51

52 10.1 Il menu dell editor di Rhino L editor dei materiali di Rhinoceros, è concepito per generare al suo inteno i materiali che dovranno essere applicati al modello. Dispone quindi di un menu che consente una gestione 52

53 completa dei materiali. Di seguito venogno elencate tutte le voci di menu e le relative funzioni che ciascuna di esse svolge Nuovo Crea un nuovo materiale Cancella Cancella un materiale esistente dopo averlo selezionato Refresh Aggiorna la lista di materiali della scena Reset Elimina ogni eventuale finitura applicata al materiale di base Applica Applica il materiale agli oggetti selezionati 10.2 L Anteprima dei Materiali L anteprima dei materiali consente di effettuare un rendering di un oggetto rappresentativo come una sfera, per poter osservare l effetto del materiale e della relativa finitura, prima ancora di effettuare il rendering. Le anteprime di rendering, sono differenti fra le de versioni per Rhino e per SketchUp. Nel primo caso il quadrante dell anteprima appare vuoto e necessita dell intervento dell utente per visualizzare l anteprima, in SketchUp al contrario, si visualizza in primo luogo lo stesso materiale di SketchUp, e si effettua successivamente l anteprima dopo averne aplicato una finitura. 53

54 10.3 Elenco dei materiali (in Rhino) In Rhino esiste la possibilità di osservare l elenco dei materiali creati per poterli eventualmente riapplicare a superfici o oggetti presenti nella scena ed ai quali non è ancora stato applicato alcun materiale Proprietà di base In Rhinoceros, le proprietà di base consentono di applicare una texture o un colore ad un materiale che non sia già stato prelevato dall interno della scena. Attraverso le proprietà di base è dunque possibile definire il Nome, definire il Colore, caricare una Texture. In SketchUp al contrario, non esiste alcuna proprietà di base nel material editor, poichè queste sarebbero quelle già appli- 54

55 cate alla superficie tramite la finestra dei materiali. L editor dei materiali di SketchUp, serve dunque esclusivamente per aggiungere delle finiture ai materiali già applicati all interno della scena di SketchUp Finiture Esistono vari tipi di finiture, per definire con esattezza il comportamento superficiale del materiale. Nella versione Render di SketchUp sono disponibili attraverso un menu, mentre nell editor dei materiali di Rhino sono elencati nella parte destra dell editor. 55

56 Cap.11 - Le Finiture Di seguito sono illustrate tutte le finiture presenti nella versione Studio di Caravaggio. Fra queste saranno dunque menzionate anche quelle relative alla versione Render Vetro Assorbimento: Colore della radiazione di assorbimento IOR: Indice di rifrazione Distanza: Distanza di assorbimento della luce 56

57 11.2 Opaco Colore: Colore speculare Campioni: Numero di campioni che saranno generati dalla luce riflessa Intensità: Forza della riflessione speculare della luce sulla superficie 11.3 Lucido Riflessione: Livello di riflessione 11.4 Specchio Nessun parametro da impostare. 57

58 11.5 Satinato Colore: Colore speculare Ruvidità: Definisci il metodo ed il livello di ruvidità superficiale Campioni: Numero di campioni per il calcolo della luce sulla superficie 11.6 Occlusione Ambientale Ombra: Attribuisci un colore alle zone occluse dalla luce Distanza:Definisci la distanza di occlusione ambientale Campioni: Definisci il numero di campioni con quale dovrà essere calcolata l occlusione 11.7 Mix Diffusione %: Fusione in percentuale fra il colore principale e 58

59 la texture applicata Colore: Colore speculare Texture: Mappa di specularità per le zone illuminare dalla luce Cerca: Caricare un immagine bitmap comemappa di specularità Speculare %: Fusione in percentuale della specularità fra texture speculare e colore speculare Campioni: Definisci il numero di campioni con quale dovrà essere calcolata la specularità Lucentezza: Livello di riflessione della luce 11.8 Vetro Mix Nessun parametro da impostare. Combina i parametri di base don quelli del vetro e la finitura specchio 11.9 Fresenel Scuro: Tonalità della luce nelle zone scure dell oggetto Mappa di Riflessione Utilizza la texture come immagine di riflessione 59

60 11.11 Traslucenza simulata Speculare Potenza: Livello di specularità della superficie Campioni: Numero di campioni con quale dovrà essere calcolata la specularità superficiale Wireframe Linee: Definisci il colore delle linee Spessore: Definisci lo spessore delle Trasparente: Attribuisci un aspetto trasparente al materiale 60

61 11.14 Traslucenza Fisica Attribuisce traslucenza al materiale rispettandone il comportamento fisico Parametri: (non documentato) Distanza Assorbimento Potenza di Assorbimento Spessore Campioni SSS Intensità Specularità Campioni Specularità Rilievo Modificatori di Superficie (Rilievo e Ruvidità) Funzionano con tutte le finiture ed aggiungono maggiore dettaglio. Tuttavia non possono funzionare in combinazione fra loro e si dovrà scegliere se utilizzare un modificatore o l altro. 61

62 Rilievo Texture: Mappa di rilievo delle zone illuminare dalla luce Cerca: Carica un immagine bitmap per la definizione del rilievo Forza: Definisci la profondità dei solchi generati dalla ruvidità Dim. (X, Y): Dimensione della texture nella direzione (X, Y) Offset (X, Y): Sposta la mappa lungo la direzione (X, Y) Ruvidità Applica una ruvidità irregolare sulla superficie dell oggetto I parametri: Variazione: Definisci il tipo di algoritmo utilizzato per la definizione della ruvidità Dimensione: Specifica la dimensione del motivo di ruvidità Forza: Definisci la profondità dei solchi generati dalla ruvidità 62

63 Parte V: Impostare l illuminazione Cap.12 - L Editor delle luci L editor delle luci è suddiviso in tre aree principali: Il menu, l elenco delle luci presenti nella scena e la sezione dedicata ai parametri della luce selezionata nell elenco. Aggiorna: Aggiornamento l elenco delle luci realmente presenti nella scena 63

64 Cap.13 - Tipi di Luce 13.1 Luce Punto Parametri Luce: 13.2 Luce Sferica Disponibile solo in SketchUp Parametri Luce: 64

65 13.3 Luce Direzionale Parametri Luce: 13.4 Luce Area Parametri Luce: 65

66 13.5 Oggetto Luce Gli stessi parametri della luce Area ma accessibili dal pannello delle proprietà oggetto: Per prima cosa è necessario convertire l oggetto in Luce.. attenzione, si perde l oggetto NURBS. 66

67 Parte VI: Proprietà degli oggetti Cap.14 - Motion Blur 67

68 Cap.15 - Particelle Cap.16 - Oggetto Luce 68

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray ANTEPRIMA SOMMARIO FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray Un rendering è esattamente come una foto: un immagine bidimensionale il cui effetto di tridimensionalità è solo un illusione generata da giochi di luci,

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione.

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione. Luci/Ombre YAFARAY motore di rendering Open Source Federico Frittelli aka fredfrittella SUTURA-studio di progettazione LinuxDay, 2010 fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre

Dettagli

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina

di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina 16corso di tecniche della modellazione digitale computer 3D A.A. 2011/2012 docente Arch. Emilio Di Gristina Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray Mental Ray introduzione

Dettagli

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato

AutoCAD 2012. Modellazione 3D e Rendering. Rendering avanzato AutoCAD 2012 Modellazione 3D e Rendering Rendering avanzato AutoCAD 2012 3D, molto più di una grande guida! Cari lettori della guida AutoCAD 2012 -Modellazione 3D e rendering, vi avevamo lasciato con la

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

Tema2.0. http://www.timerplus.it

Tema2.0. http://www.timerplus.it Tema2.0 http://www.timerplus.it Definizione Tema è un software che permette di mostrare su uno schermo o lavagna elettronica il titolo di un discorso o di una parte con diversi scenari. E' possibile: Mostrare

Dettagli

Copyright 2007 Maticad s.r.l.

Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutorial Rendering 1 2 Copyright 2007 Maticad s.r.l. Tutti i diritti riservati Maticad s.r.l. si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti quando ritenuto opportuno.

Dettagli

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI... SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...20 CREAZIONI DI FILE DI IMMAGINI...20 APERTURA DI FILE DI IMMAGINI...21

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Rendering di assiemi

Rendering di assiemi Rendering di assiemi Numero di pubblicazione spse01692 Rendering di assiemi Numero di pubblicazione spse01692 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software

Dettagli

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57 Sommario Introduzione... 11 1. Passare a Rhinoceros... 13 I paradigmi di modellazione...14 Perché Rhinoceros, un modellatore di superfici?...16 Adottare il paradigma di modellazione di Rhinoceros...18

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO A cura di ARCPLUS ITALIA - Horae srl, via C.Colombo 19 p/6 Perugia www.arcplus.it info@arcplus.it Stampato a Settembre 2010 Capitolo 1 Introduzione 1. 2. 3.

Dettagli

Lavorare con i paragrafi

Lavorare con i paragrafi Capitolo 4 Lavorare con i paragrafi Utilizzare il pannello Paragrafo La maggior parte della formattazione relativa ai paragrafi è gestita dal pannello Paragrafo (Figura 4.1). In questo capitolo Utilizzare

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Premessa Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale La restituzione fotografica (rendering) di un modello/scenario in 3ds richiede

Dettagli

Impostare la vista e i materiali per il rendering

Impostare la vista e i materiali per il rendering Impostare la vista e i materiali per il rendering Nei primi capitoli di questa guida abbiamo già affrontato più volte il nodo cruciale della presentazione grafica del progetto. Visualizzare graficamente

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0 Copyright 2010 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Tutti I diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta

Dettagli

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello.

Usando 64 segmenti e 48 sides, in modo da renderlo più smussato, scalatelo lungo l asse Z, in modo da ottenere l anello. Motori rendering alternativi fotorealistici by Joyrayd Brazil/Mental Ray e illuminazione HDRI Giusto per prendere la mano a Brazil, creiamo un anello. Apriamo Max e facciamo un bel toroide(torus) Usando

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Image Editing. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Image Editing. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard Modulo 9 Image Editing. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO

LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEL PROGETTO ILLUMINOTECNICO: IL CASO DI PALAZZO MADAMA IN TORINO Politecnico di Torino,, Facoltà di Architettura - Dipartimento di Energetica Virtuality 2002 Annual Virtual Reality Conference - 2 Convegno MIMOS Torino 28-29 ottobre LA SIMULAZIONE E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione... 11 C4D4A.com...12 Gli autori...12 Ringraziamenti...13 Storia del programma...13

Sommario. 1. Introduzione... 11 C4D4A.com...12 Gli autori...12 Ringraziamenti...13 Storia del programma...13 Sommario 1. Introduzione... 11 C4D4A.com...12 Gli autori...12 Ringraziamenti...13 Storia del programma...13 2. Filosofia di lavoro e interfaccia... 17 Filosofia di lavoro...17 Interfaccia utente...18 Menu...21

Dettagli

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale

Materiali Applicare i Materiali ai modelli Stili TERIALI Imperfezioni Il tocco finale MATERIALI MATERIALI 233 Materiali Contenuti: Applicare i Materiali ai modelli canali dei Materiali in CINEMA 4D Mappatura Texture Metodi di Mappatura Texture Mappatura ad Etichetta Applicare i Materiali

Dettagli

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ]

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] FFA 3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] OBIETTIVI Il corso si propone di formare gli allievi sul noto programma di grafica vettoriale 3d e di animazione, introducendolo attraverso una panoramica più generale

Dettagli

Le texture. Mappatura avanzata. Informatica Grafica per le arti. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata

Le texture. Mappatura avanzata. Informatica Grafica per le arti. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata. Mappatura avanzata Informatica Grafica per le arti Le texture Oltre alla proiezione piana, esistono altri tipi di proiezione, che possono risultare utili in alcune circostanze. Queste sfruttano altri sistemi di coordinate

Dettagli

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post.

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Basi di modellazione by Joyrayd Creazione di un testo 3D Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Andate sul

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Computare i locali Il nostro sistema BIM è stato proprio pensato per ridurre tutte le attività noiose del progettista: pensate solo a quanto sia antipatico aggiornare il calcolo della metratura delle stanze

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

PHOTOSHOP BREVE TUTORIAL

PHOTOSHOP BREVE TUTORIAL PHOTOSHOP BREVE TUTORIAL CARATTERISTICHE INNOVATIVE DI PHOTOSHOP CS SOMMARIO Il file browser Galleria dei filtri Disporre testo su un tracciato Paletta degli istogrammi Omogeneizzazione del colore ed acquisizione

Dettagli

IR(3): Illuminazione Globale

IR(3): Illuminazione Globale IR(3): Illuminazione Globale Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 21 Dicembre 2011 IR(3): Illuminazione Globale Illuminazione e Rendering: Principi di Illuminazione Rendering Real-Time

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Introduzione ad Unreal Technology

Introduzione ad Unreal Technology Informatica Grafica ][ Introduzione ad e' il nome dato al motore grafico utilizzato in numerosi videogiochi commerciali. Una delle caratteristiche fondamentali di tale prodotto, e' quella di avere uno

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

ScuolaSI computer grafica 3d

ScuolaSI computer grafica 3d ScuolaSI computer grafica 3d pagina stampata dal sito ScuolaSI http://www.scuolasi.it pubblicato il 22/04/2011 Grafica - La computer grafica 3D è un ramo della computer grafica che basa la creazione di

Dettagli

CAD 2D/3D E RENDERING

CAD 2D/3D E RENDERING FFA CAD 2D/3D E RENDERING OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli allievi le abilità pratiche necessarie per una corretta formazione relativa all uso professionale di AUTOCAD 2D, 3D e RENDERING con

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

PORTALE www.xxx.it ISTRUZIONI per la gestione del portale

PORTALE www.xxx.it ISTRUZIONI per la gestione del portale PORTALE www.xxx.it ISTRUZIONI per la gestione del portale Con il portale sono messi a disposizione dell'amministratore del sito i seguenti moduli: Account login Announcements Banners Blog Contacts Discussions

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

3D, video e analisi delle immagini

3D, video e analisi delle immagini Appendice 3D, video e analisi delle immagini 3D Photoshop consente di aprire e usare file 3D creati con programmi come Adobe Acrobat 3D Versione 8, 3D Studio Max, Alias, Maya e Google Earth. I modelli

Dettagli

TypeEdit LaserType. TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità.

TypeEdit LaserType. TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità. TypeEdit LaserType V11 Innovativo Produttivo Ottimizzato TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità. Con la nuova versione V11, ottimizzano,

Dettagli

Guida Utente. Versione 2.3a

Guida Utente. Versione 2.3a Guida Utente Versione 2.3a Contenuti Introduzione... 2 Inizio Veloce... 3 Attività basate sulla Barra delle Schede... 3 Tavolozze... 3 Navigazione, Rendering & SnapShots... 4 Controlli Basati sulle Attività...

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale

Capitolo 8 Rendering Globale. Dal modello locale ai modelli globali. Cap. 8 - Contenuti. Rendering Locale. Sezione 8.1. Limitazioni del modello locale Cap. 8 - Contenuti Capitolo 8 Rendering Globale 8.1 Dal modello locale ai modelli globali Limitazioni del modello locale, effetti globale e modi per approssimarli in un contesto locale 8.2 Ray-tracing

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 La finestra di dialogo TWAIN 3 Per aprire la finestra di dialogo TWAIN... 4 Esecuzione di una scansione semplice... 5 Selezionare

Dettagli

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta

Le luci. L'illuminazione diretta. Informatica Grafica per le arti. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta. L'illuminazione diretta Informatica Grafica per le arti Per poter produrre delle immagini che diano il senso della tridimensionalita', i programmi di grafica 3D si servono di tecniche per simulare l'illuminazione degli oggetti

Dettagli

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing

Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Dalla Sfera a Luigi del film Cars L Algoritmo di Ray Tracing Ing. Federico Bergenti E-mail federico.bergenti@unipr.it Telefono +39 0521 90 6929 Sintesi di Immagini Digitali Generazione automatica di immagini

Dettagli

Progettare la gioielleria

Progettare la gioielleria Sergio Petronilli Giovanna Migliorelli ANTEPRIMA Progettare la gioielleria in 3D con Rhinoceros il nuovo libro per i designer orafi che usano il CAD Tutorial 28 CIONDOLO MARGHERITA CON UDT www.logis3d.it

Dettagli

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568

Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Data di ultima modifica: 3 agosto 2015 Build 568 Sommario DOMUS3D VENUS R3 LUGLIO 2015... 4 LE NOVITÀ IN BREVE... 4 LE NOVITÀ IN DETTAGLIO... 6 Modifica multipla delle luci... 6 V-Ray: clamp output...

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Introduzione a 3ds Max

Introduzione a 3ds Max 3 Capitolo 1 Introduzione a 3ds Max 3ds Max è ad oggi uno dei più diffusi e dei più potenti software per la creazione di rendering tridimensionali in qualsiasi ambito, dall architettura al design, dalla

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

StarBoard Software Rel. 8.1

StarBoard Software Rel. 8.1 StarBoard Software Rel. 8.1 Trasforma le lezioni in opportunità creative per stimolare l'apprendimento. Un set dinamico di strumenti di supporto all insegnamento, per fare lezione, progettato per gli educatori.

Dettagli

LA TERZA GENERAZIONE DI WORKNC: NUOVA INTERF

LA TERZA GENERAZIONE DI WORKNC: NUOVA INTERF 2 WorkNC G3 sta per terza generazione : un software completamente rinnovato nell'interfaccia utente con nuove e migliorate funzioni. Celebre per la sua facilità di utilizzo e per la velocità nella programmazione,

Dettagli

Rendering ed illuminazione

Rendering ed illuminazione Rendering ed illuminazione Dove si introduce un metodo per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali e si presenta la legge fondamentale che governa l illuminazione.

Dettagli

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1 2 - Modifica FIGURA 2.1 Il menu a tendina Modifica contiene il gruppo di comandi relativi alla selezione delle entità del disegno, alla gestione dei layer, alla gestione delle proprietà delle varie entità

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Analisi Grafica Manuale d uso

Analisi Grafica Manuale d uso Analisi Grafica Manuale d uso S.r.l. P.zza L. da Vinci, 7 20133 Milano tel: +39 2 2367490 e-mail: info@maind.it web: www.maind.it 1 Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Uso del programma... 3 1.2. Il menù

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

Enviroment e Global Illumination : a cosa servono

Enviroment e Global Illumination : a cosa servono Enviroment e Global Illumination : a cosa servono Iniziamo con un discorso generale per introdurre i concetti di Enviroment e Global Illumination e capire a cosa servono. Successivamente vederemo come

Dettagli

1 D MANUALE UTENTE. Windows 8. v20140117

1 D MANUALE UTENTE. Windows 8. v20140117 SG 31 SG 1 D 3110DN MANUALE UTENTE Windows 8 v20140117 Ricoh SG 3110DN PowerDriver V4 Manuale Utente PowerDriver-v4 è dotato di un interfaccia software facile da usare che consente agli utenti di accedere

Dettagli

In figura. Funzioni aggiuntive HDRI della 8.1

In figura. Funzioni aggiuntive HDRI della 8.1 Con la nuova release di Cinema4D 8.1, è possibile finalmente accedere alla tanto richiesta tecnica di HDRI (High Dynamic Range Image), capace di potenziare illuminazione e fotorealismo nelle proprie scene

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7 Prodotto da ICE Introduzione 2 Importazioni definizioni temi 3 Importa file Shape 4 Gestione tabelle 5 Modifica la struttura di una tabella 7 Gestione temi 9 Gestione entità grafiche 12 Crea entità 12

Dettagli

Modellare una poltrona

Modellare una poltrona 7 Modellare una poltrona Sfruttando i comandi di costruzione delle superfici, modelleremo un arredo di media complessità, la poltrona, alla ricerca di una geometria organica che rispetti la continuità

Dettagli

AUTODESK 3D STUDIO MAX

AUTODESK 3D STUDIO MAX AUTODESK 3D STUDIO MAX UN BUON MOTIVO PER [cod. G102] Rendere operativi sulle funzionalità più evolute del prodotto. Realizzazione di immagini fotorealistiche ed animazioni di modelli tridimensionali,

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Le date degli incontri saranno stabilite e programmate con ogni singolo gruppo di partecipanti

PROGRAMMA DEL CORSO. Le date degli incontri saranno stabilite e programmate con ogni singolo gruppo di partecipanti CORSO BASE ArchiCAD 17 - progettazione architettonica CAD 2D / 3D Obiettivo del corso: fornire nozioni di base ad utilizzatori che intendono approcciare la progettazione architettonica CAD tridimensionale.

Dettagli

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali XnView Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini Guida di riferimento alle funzionalità principali Questa guida è stata realizzata dall'aiuto in linea di XnView ed ha lo scopo di essere un riferimento

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

CORSO DI 3DS MAX+VRAY

CORSO DI 3DS MAX+VRAY @.com..com IL SOFTWARE Realizzato da Autodesk, 3d Studio Max è un programma di grafica vettoriale tridimensionale e animazione particolarmente indicato a quanti vogliano, in maniera assolutamente professionale,

Dettagli

Applicazione Esplodi Rendering Anima

Applicazione Esplodi Rendering Anima Applicazione Esplodi Rendering Anima Numero di pubblicazione spse01541 Applicazione Esplodi Rendering Anima Numero di pubblicazione spse01541 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

Manuale Utente. WebGis Comune di Regalbuto

Manuale Utente. WebGis Comune di Regalbuto Manuale Utente WebGis Comune di Regalbuto MANUALE UTENTE All avvio dell applicazione si apre una finestra suddivisa in diverse aree. Di seguito si riporta la schermata iniziale con evidenziate e numerate

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default.

Introduzione. Se la scena non ne contiene, Maya ombreggia ed effettua il rendering con la luce di default. Introduzione Le luci sono oggetti atti a simulare le lampade per l illuminazione delle case, i riflettori e proiettori degli allestimenti teatrali e cinematografici, il sole ecc. Se la scena non ne contiene,

Dettagli

La realtà virtuale nel disegno tecnico

La realtà virtuale nel disegno tecnico Alla fine del capitolo saremo in grado di: Comprendere il significato dei vari tipi di rendering. Associare i materiali a ciascun elemento grafico del modello. Gestire l'illuminazione naturale. Posizionare

Dettagli

Informazioni Tecniche su TachyCAD

Informazioni Tecniche su TachyCAD Informazioni Tecniche su TachyCAD Le seguenti pagine danno una panoramica dettagliata dei possibili utilizzi di TachyCAD. Per ulteriori domande o commenti, contattateci direttamente. Kubit Italia Topotek

Dettagli

Introduzione a ARCHICAD

Introduzione a ARCHICAD Introduzione a ARCHICAD Politecnico Di Bari Ingegneria Edile - Architettura Corso di Informatica Grafica A.A. 2004/2005 Docente del Corso: Marcello Castellano Assistente: Oronzo Tavani Pre-requisiti Pre-requisiti:

Dettagli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli Prerequisiti Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli L opzione Varianti articolo è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro e include tre funzionalità distinte: 1. Gestione

Dettagli

Assegnare i Materiali

Assegnare i Materiali Assegnare i Materiali Proseguiamo il nostro percorso studiando come si assegnano i materiali ai modelli che abbiamo realizzato. Quando modelliamo, tutte le superfici ci appaiono ugualmente grigie; ovviamente

Dettagli