Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali CORPO VALDOSTANO DEI VIGILI DEL FUOCO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali CORPO VALDOSTANO DEI VIGILI DEL FUOCO"

Transcript

1 Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali

2 Premessa

3 CHE COS È IL RISCHIO INDUSTRIALE? La presenza sul territorio di stabilimenti industriali espone la popolazione e l ambiente ad un rischio determinato dalle attività produttive che si svolgono all interno di essi con l utilizzo o il deposito di sostanze pericolose. Queste sostanze, nel caso di incidente, contribuiscono a provocare incendi, esplosioni, emissioni di nubi tossiche o sversamenti di sostanze pericolose per l ambiente.

4 EFFETTI SULLA SALUTE... IN CASO DI INCENDIO Effetti dovuti al calore e ai fumi della combustione (ustioni, danni alle vie respiratorie, intossicazione). IN CASO DI ESPLOSIONE Effetti dovuti alle onde d urto provocate da un esplosione o dal lancio a distanza di materiale (traumatismi). IN CASO DI NUBE TOSSICA Effetti dovuti ad intossicazione acuta procurati da inalazione, ingestione o contatto con la sostanza (malessere,lacrimazione, nausea, difficoltà respiratorie, perdita di conoscenza e, a seconda della gravità dell esposizione, anche effetti letali).

5 EFFETTI SULL AMBIENTE... Contaminazione del suolo, dell acqua, dell atmosfera e degli alimenti da parte delle sostanze rilasciate sul terreno nelle acque superficiali e/o nell atmosfera.

6 COME SI RIDUCONO GLI EFFETTI DI UN INCIDENTE INDUSTRIALE? Il Decreto Legislativo n. 334/99 prevede la predisposizione di un Piano di Emergenza Interno ed uno Esterno allo stabilimento per garantire una risposta tempestiva ed efficace volta a fronteggiare l evento e a salvaguardare la salute pubblica e l ambiente.

7 COME SI RIDUCONO GLI EFFETTI DI UN INCIDENTE INDUSTRIALE? Piano di Emergenza Interna PEI È redatto dal gestore e organizza gli interventi necessari per fronteggiare l incidente con le proprie squadre e con la collaborazione dei Vigili del Fuoco. Piano di Emergenza Esterna - PEE È redatto dall Autorità pubblica competente e organizza la risposta di protezione civile per ridurre gli effetti dell evento sulla salute pubblica e sull ambiente.

8 COME SI RIDUCONO GLI EFFETTI DI UN INCIDENTE INDUSTRIALE? NUCLEO Nucleare Il Comando regionale dei Vigili del fuoco di Aosta dispone di personale formato e dotato di attrezzature specifiche in grado di intervenire nelle aree contaminate. Batteriologico Chimico Radiologico

9 LA MAPPATURA DEL TERRITORIO Il Piano di Emergenza Esterna (PEE) in funzione del tipo di incidente prevede una suddivisione del territorio in zone differenziate, in base all intensità del danno che la popolazione potrebbe subire nel caso di un evento incidentale. ZONA I ZONA II ZONA III

10 LA MAPPATURA DEL TERRITORIO 1. ZONA DI MASSIMA ESPOSIZIONE (DI SICURO IMPATTO) Rappresenta la zona nelle immediate vicinanze dello stabilimento ed è generalmente esposta in caso di incidente ad effetti sanitari gravi e irreversibili. 2. ZONA DI DANNO Rappresenta una zona dove le conseguenze in caso di incidente potrebbero essere ancora gravi, in particolare per alcune categorie di persone (bambini, anziani, malati, donne in gravidanza, ecc.). 3. ZONA DI ATTENZIONE Rappresenta la zona più esterna all incidente e potrebbe essere interessata da effetti generalmente non gravi.

11 Stabilimento Cogne Acciai Speciali descrizione

12 Ubicazione stabilimento CENTRO AOSTA 350 m Comune di Aosta - Estensione m 2 circa dipendenti

13 Produzione dello stabilimento ACCIAIO INOX Vergella Barre lavorate a caldo e a freddo Tondo per cemento armato Semilavorati: lingotti blumi, billette e tondi per tubi ACCIAI PER VALVOLE ACCIAI DA UTENSILI PRODOTTI SPECIALI POLVERI Barre lavorate a caldo e a freddo Tondi e piatti Mandrini, assili, rulli e cilindri Polveri atomizzate da riporto antiusura

14 Attività svolta nello stabilimento Produzione di acciai speciali inossidabili; A partire da rottami ferrosi; Fusione in forno elettrico; FORNO ELETTRICO AD ARCO UHP

15 Attività svolta nello stabilimento Produzione di acciai speciali inossidabili; Colata continua; Riscaldo; COLATA CONTINUA 3/4 - LINEE LAMINATOIO VERGELLA TAGLIO RISCALDO

16 Attività svolta nello stabilimento Produzione di acciai speciali inossidabili; Lavorazioni; Decapaggio; FORNI RICOTTURA ATM. CONTROLLATA VERGELLA DECAPAGGIO VERGELLA RICOTTA DECAPATA FORNO ROTANTE RADDRIZZATURA ROTOLO/BARRA FORNO CONTINUO TEMPRA RINVENIMENTO VERGELLA SBOZZATORE Ø 650 BARRE LAMINATE LAMINATOIO BARRE TRATTAMENTO TERMICO IN ATMOSFERA CONTROLLATA PELATURA BARRE PELATE

17 PRINCIPALI DEPOSITI DI SOSTANZE PERICOLOSE CORPO VALDOSTANO GAS TECNICI DEI VIGILI DEL FUOCO DEPOSITI ACIDO FLUORIDRICO

18 GAS TECNICI (OSSIGENO E IDROGENO) OSSIGENO IDROGENO TORRE DI FRAZIONAMENTO PRODUZIONE OSSIGENO

19 DEPOSITI ACIDO FLUORIDRICO E IMPIANTO DECAPAGGIO IMPIANTO DECAPAGGIO CORPO VALDOSTANO DEI VIGILI DEPOSITI DEL FUOCO ACIDO FLUORIDRICO

20 QUANTITATIVI DELLE SOSTANZE COMPLESSIVAMENTE PRESENTI NELL INTERNO DELLO STABILIMENTO Sostanza Quantità (t) Acido Fluoridrico <40% soluzione 54,00 Acido Fluoridrico <7% soluzione 276,00 Ossigeno 96,90 Idrogeno 0,07 Metano (RETE) 2,00

21 Attività svolta nello stabilimento Stoccaggi Per consentire le lavorazioni sono presenti i seguenti depositi di sostanze pericolose: Serbatoi di Ossigeno gassoso 3 serbatoi da 140 m 3 Serbatoio di Ossigeno Liquido 1 serbatoio da 35 m 3 Serbatoi di Acido Fluoridrico 2 serbatoi per tot 54 t

22 Attività svolta nello stabilimento Altri stoccaggi bombole di idrogeno, necessarie per il funzionamento dell unità di purificazione dell argon grezzo, sono contenute presso un bunker in cemento armato; Bombole idrogeno tot 800 m 3 Reti di distribuzione: Metano e Ossigeno

23 CARATTERISTICHE DELLE SOSTANZE PERICOLOSE ACIDO FLUORIDRICO: TOSSICO OSSIGENO: COMBURENTE METANO: INFIAMMABILE

24 PROPAGAZIONE DELLA COMBUSTIONE Il propagarsi di un incendio richiede la presenza contemporanea di tre requisiti fondamentali: COMBUSTIBILE (innesco) COMBURENTE CALORE

25 Perché un combustibile a contatto con l aria non brucia spontaneamente? L'energia di attivazione curva a) è la barriera che si deve superare per poter liberare l'energia di reazione. Normalmente in atmosfera abbiamo il 21% di ossigeno Se aumenta O 2 passiamo alla curva b)

26 Determinazione del rischio La prima fase: determinare la probabilità che un incidente avvenga; La seconda fase: determinare i danni causati dall incidente. Posso avere diversi tipi di incidenti chiamati scenari incidentali.

27 Il concetto di incremento di rischio accettabile una volta determinata la probabilità che i vari scenari incidentali avvengano, definisco come credibili solo quei scenari che hanno una probabilità di accadimento maggiore di quelli a cui siamo esposti quotidianamente (ad es. incidente in casa, in auto, malattie ).

28 Scenari di riferimento per l attuazione del Piano RILASCIO OSSIGENO LIQUIDO DA MANICHETTA DI SCARICO AUTOCISTERNA Successiva evaporazione e dispersione di una nuvola fredda di vapori di ossigeno Gli effetti prevedibili sono: All esterno dello stabilimento: maggior probabilità d innesco di incendi. Il tempo in cui si raggiungono tali effetti al di fuori dello stabilimento è meno di 1 minuto. Il tempo necessario per tornare alle condizioni normali alla distanza di 348 m ad un altezza di 1,7 m è pari a 10 minuti.

29 Scenari di riferimento per l attuazione del Piano RILASCIO DI METANO IN CORRISPONDENZA DELLA CABINA DI DECOMPRESSIONE Formazione di nube di vapori infiammabili e successiva formazione di getto incendiato in caso di innesco. Gli effetti prevedibili sono: - irraggiamento termico, ustioni per le persone esposte nelle immediate vicinanze del rilascio. Il tempo in cui si raggiungono effetti al di fuori dello stabilimento è di meno di 3 minuti. La durata totale dell evento fino all intervento da parte del personale SNAM o COGNE è stimata in 30 minuti.

30 Scenari di riferimento per l attuazione del Piano RILASCIO DELLA SOLUZIONE DI ACIDO FLUORIDRICO < 40% DA TUBAZIONE ALL INTERNO DEL REPARTO DI DECAPAGGIO Formazione di nube di vapori tossici di acido fluoridrico Gli effetti prevedibili sono: All esterno dello stabilimento: un senso di disagio da parte delle persone esposte in quanto siamo nella Zona di attenzione. La durata totale dell evento è stimata in circa 30 minuti. Il tempo in cui si raggiungono effetti al di fuori dello stabilimento è di meno di 3 minuti.

31 Aree di danno RILASCIO OSSIGENO LIQUIDO DA MANICHETTA DI SCARICO AUTOCISTERNA I Zona II Zona III Zona immediate vicinanze del rilascio 60 m 160 m

32 Aree di danno RILASCIO DI METANO IN CORRISPONDENZA DELLA CABINA DI DECOMPRESSIONE I Zona II Zona III Zona 14 m 26 m 100 m

33 Aree di danno RILASCIO DELLA SOLUZIONE DI ACIDO FLUORIDRICO < 40% DA TUBAZIONE ALL INTERNO DEL REPARTO DI DECAPAGGIO I Zona II Zona III Zona immediate vicinanze del rilascio 35 m 210 m

34 Natura dei rischi di incidenti rilevanti Gli eventi incidentali credibili non interessano gli edifici residenziali ma solo le infrastrutture (strade e ferrovia) e solo per lo scenario ossigeno alcune attività lavorative.

35 Scenario Ossigeno ZONA I ZONA II ZONA III

36 Scenario Acido fluoridrico ZONA I ZONA II ZONA III

37 Scenario Metano ZONA II ZONA III ZONA I

38 Misure di sicurezza e prevenzione adottate Il Gestore dello stabilimento ha l obbligo di costruire e gestire gli impianti secondo criteri di sicurezza dettati dalle norme di prevenzione incendi e dalle norme tecniche, inoltre il personale deve essere formato ed addestrato alla conduzione degli impianti in condizioni normali e di emergenza.

39 Comportamento da seguire in caso di emergenza Non si configurano scenari incidentali tali da coinvolgere la popolazione esterna residente in maniera significativa; Tuttavia in caso di incidente la popolazione esterna dovrà seguire le direttive emanate dalle Autorità competenti (Comune, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Ospedali, Polizia Stradale, ecc.).

40 Comportamento da seguire in caso di emergenza RIMANERE O PORTARSI IN AMBIENTE CHIUSO NON ANDARE A PRENDERE I BAMBINI A SCUOLA * Immagini tratte da pubblicazione «La Gestione del Rischio industriale del Comune di Ferrara ed 2007»

41 Comportamento da seguire in caso di emergenza NON AVVICINARSI ALLO STABILIMENTO NON SOSTARE A CURIOSARE SULLE SEDI STRADALI PROSSIME ALLO STABILIMENTO NON EFFETTUARE CHIAMATE TELEFONICHE ALLO STABILIMENTO * Immagini tratte da pubblicazione «La Gestione del Rischio industriale del Comune di Ferrara ed 2007»

42 Comportamento da seguire in caso di emergenza CHIUDERE LE FINESTRE SPEGNERE GLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO * Immagini tratte da pubblicazione «La Gestione del Rischio industriale del Comune di Ferrara ed 2007»

43 Comportamento da seguire in caso di emergenza SPEGNERE TUTTI I FUOCHI, NON FUMARE, NON USARE GLI ASCENSORI, NON USARE IL TELEFONO PER NON SOVRACCARICARE LE LINEE; * Immagini tratte da pubblicazione «La Gestione del Rischio industriale del Comune di Ferrara ed 2007»

44 Comportamento da seguire in caso di emergenza Ascoltare la radio o la stazione televisiva locale per gli eventuali messaggi delle Autorità competenti; se si avverte la presenza di odori o senso di irritazione alla gola e agli occhi, proteggersi con un panno bagnato la bocca e il naso. * Immagini tratte da pubblicazione «La Gestione del Rischio industriale del Comune di Ferrara ed 2007»

45 SCENARIO OSSIGENO VIABILITA

46 SCENARIO FLUORIDRICO E METANO VIABILITA

47

48 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda. Comune di TREVIGLIO

Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda. Comune di TREVIGLIO Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d Adda A seguito del noto incidente avvenuto nel 1976, presso lo stabilimento chimico ICMESA di Seveso (MI), sono state emanate norme

Dettagli

la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE

la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE Comune di Ferrara Città Patrimonio dell Umanità Servizio Associato di Protezione Civile Terre Estensi la GESTIONE del RISCHIO INDUSTRIALE Informazione ai Cittadini LA NORMATIVA Il Decreto Legislativo n.

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

Comune di Ozzero informazione alla popolazione sul rischio industriale. Comune di Ozzero

Comune di Ozzero informazione alla popolazione sul rischio industriale. Comune di Ozzero Comune di Ozzero DOCUMENTO INFORMATIVO ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE 1 2 DOCUMENTO INFORMATIVO ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE le seguenti informazioni dovranno essere integrate da

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio PREFETTURA di NOVARA Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D. Lgs. 334/99 e s.m.i.) Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di Novara - S. Agabio Comune di Novara

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ENI S.p.A., Divisione Refining & Marketing

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ENI S.p.A., Divisione Refining & Marketing INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ENI S.p.A., Divisione Refining & Marketing A cura del Comune di Calenzano con la collaborazione della Società ENI Febbraio 2009

Dettagli

MASOL CONTINENTAL BIOFUEL S.R.L.

MASOL CONTINENTAL BIOFUEL S.R.L. MASOL CONTINENTAL BIOFUEL S.R.L. Stabilimento di Livorno Via Leonardo Da Vinci Scheda di Informazione sui rischi di incidente rilevante per i cittadini ed i lavoratori ai sensi dell articolo 6 del D. Lgs.

Dettagli

Sostanze presenti nello stabilimento

Sostanze presenti nello stabilimento COMUNE DI COTIGNOLA COMUNE DI BAGNACAVALLO EDISON STOCCAGGIO Spa Stabilimento San Potito e Cotignola Stoccaggio Impianti ubicati nei Comuni di Bagnacavallo, Cotignola e Faenza (RA) SCHEDA DI INFORMAZIONE

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

DEPOSITO ESSO DI PALERMO

DEPOSITO ESSO DI PALERMO RISCHIO INDUSTRIALE : SCHEDA DI INFORMAZIONE ALLA CITTADINANZA a cura del SERVIZIO RISCHI AMBIENTALI ED INDUSTRIALI UOB XLIII serviziorischiambientali@protezionecivilesicilia.it Schede di DEPOSITO ESSO

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino PREFETTURA di NOVARA Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 21 D. Lgs. 105/2015) Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino Comune di Trecate ALLEGATO 2D - ESSECO

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO A cura dei Comuni di Signa e Poggio a Caiano con la collaborazione della società Liquigas S.p.a. Gennaio 2009 La normativa in materia

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ICAP-SIRA Chemicals and Polymers S.p.A.

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ICAP-SIRA Chemicals and Polymers S.p.A. Comune di Barberino di Mugello Provincia di Firenze INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO ICAP-SIRA Chemicals and Polymers S.p.A. a cura del Comune di Barberino di Mugello

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q

LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS. oggi, 7. .c'~niormuti. %!?T,l:i& Sicuri Domani, q LA SICUREZZA I A PORTATA DI MANO. I CONSIGLI DEL PROFESSOR DI CIVIS.c'~niormuti -- %!?T,l:i& Sicuri Domani, q,, I 1 oggi, 7 PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VENEZIA Per ridurre al minimo il rischio inda,istriale

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria

SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria SOCIETÀ ITALIANA GAS LIQUIDI SPA (Ex Vulcangas) DEPOSITO DI SPOLETO (PG) Loc. Fabbreria SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi del D. Lgs. 17 agosto

Dettagli

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase.

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase. 1 L'ossido di carbonio (CO) ha le seguenti caratteristiche: A) colore bianco e odore di mandorle amare; B) irritante per le vie respiratorie; C) incolore ed inodore. 2 Durante un incendio si possono avere

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!!

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Bologna 27 / 05 / 2011 SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Gabriella Nicotra - Giuliano Marchetto Andrea Mazzetti INFORTUNIO. Evento improvviso (a volte brutale)

Dettagli

Stabilimento di San Giuliano Milanese (MI)

Stabilimento di San Giuliano Milanese (MI) Stabilimento di San Giuliano Milanese (MI) SCHEDA d INFORMAZIONE sui RISCHI di INCIDENTI RILEVANTI per i CITTADINI ed i LAVORATORI Ai sensi del D.Lgs. 238/05 Riferimento legislativo: D.Lgs. 334 /99, art.

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro Firenze, 18 febbraio 2014 1 L incendio e il suo sviluppo 2 Il rischio di incendio Fase pre flashover Fase post

Dettagli

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Ripercussione del sistema GHS sulle farmacie mercoledì 17 settembre 2014 Bellinzona Fabrizio Guidotti Repubblica e Cantone Ticino

Dettagli

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008 Nella presente linea guida vengono fornite indicazioni utili per la conduzione di audit nel settore EA 17 fabbricazione di prodotti in metallo anche trattati e rivestiti secondo la norma UNI EN ISO 14001.

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Pagina :1/5 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ FORNITRICE Scheda n 001 Nome commerciale Acetilene Nome chimico della sostanza Acetilene; etino Formula chimica C 2 H 2 Utilizzi della sostanza

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI

SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Sez 2/pag.1 SEZIONE 2 IPOTESI INCIDENTALI Le zone di pianificazione Per l individuazione delle zone cui deve essere estesa la pianificazione dell emergenza, si prendono in generale in considerazione i

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE

INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE I Comuni di Campi Bisenzio e di Signa intendono, con il presente opuscolo, rendere note alla popolazione le misure di sicurezza e le norme di comportamento da seguire in caso

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO INCENDIO EMERGENZE PROCEDURE DI ESODO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza ---------------------------------------------------------------------------------

Scheda Dati di Sicurezza --------------------------------------------------------------------------------- Pagina: 1/6 OSSIGENO Data: 27-09-2010 Etichetta 2.2: Gas non infiammabile non tossico Etichetta 5.1: Sostanze comburenti PERICOLO 1-IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA. Prodotto

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

CITTÀ DI VENOSA Provincia di Potenza www.comune.venosa.pz.it - e-mail info@comune.venosa.pz.it

CITTÀ DI VENOSA Provincia di Potenza www.comune.venosa.pz.it - e-mail info@comune.venosa.pz.it CITTÀ DI VENOSA Provincia di Potenza www.comune.venosa.pz.it - e-mail info@comune.venosa.pz.it DITTA B.LPG S.R.L. ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE OPUSCOLO DI INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Ai

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Collegio geometri della provincia di Milano

Collegio geometri della provincia di Milano 15/0/011 Collegio geometri della provincia di Milano Corso di Specializzazione in prevenzione incendi ex legge 818/8 Giorni Orario Ore Moduli Docenti Presentazione Corso LEGISLAZIONE GENERALE (F.1-F.)

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE 1. Identificazione della sostanza e della società 1.1. Identificazione della sostanza o preparato: Idrossiprogesterone 17-Caproato 1.2. Identificazione della società:

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Prevenzione incendi. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo. La combustione

Prevenzione incendi. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo. La combustione Prevenzione incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo La combustione La combustione è una reazione chimica sufficientemente rapida di una sostanza combustibile ed una comburente

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza

Scheda dei dati di sicurezza Scheda dei dati di sicurezza Edizione 1.0 Revisione 04.10.2015 Data di emissione 08.10.2015 Seite 1 von 5 1. Classificazione della sostanza Identificazione della sostanza Identificazione della Triptorelin

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO uno GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI Direzione Generale Armonizzazione Mercati www.casasicura.info Il rischio gas in casa COSA SI RISCHIA L

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg)

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg) 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Informazioni sul prodotto Marchio : Società : GE Silicones 260 Hudson River Road 12188 Waterford Telefono : Telefax : +49 (0)214/3072397

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO

Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO Comune di ASSORO Provincia di Enna INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL RISCHIO INDUSTRIALE DELLO STABILIMENTO A cura della società Regalgas di Grasso C. & C. s.a.s con la collaborazione del Comune di Assoro

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

DEPOSITO GPL LAMPOGAS EMILIANA S.r.l.

DEPOSITO GPL LAMPOGAS EMILIANA S.r.l. La presente scheda è a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso: URP (ufficio relazioni con il pubblico) - Tel. 0521.611911 aperto al pubblico: da lunedì a sabato 8.00-13.00 ed anche il giovedì

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA NOME DEL PRODOTTO: PRODOTTONUMERO : 401750 PIPERIDINE FORNITORE: APPLIED BIOSYSTEMS 7 KINGSLAND

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

Le sorgenti del rischio

Le sorgenti del rischio RISCHIO SANITARIO ED ANTROPICO Il rischio nucleare Dal sito del Dipartimento della Protezione Civile: www.protezionecivile.it Indice 1 Le sorgenti del rischio 2 Il piano nazionale di emergenza nucleare

Dettagli

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili Norme di salvaguardia da rispettare in caso di incendi boschivi Legge quadro 353/2000. Periodo di riferimento 15 giugno

Dettagli

AUTOPROTETTORI. cenni sulla respirazione umana

AUTOPROTETTORI. cenni sulla respirazione umana AUTOPROTETTORI cenni sulla respirazione umana L aria che noi respiriamo è una miscela gassosa di ossigeno (20,9%) e di azoto (78,1% in volume), con quantità variabili di vapore acqueo, anidride carbonica,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza Secondo la Direttiva (EU) No 1272/2008 R 744

Scheda Dati di Sicurezza Secondo la Direttiva (EU) No 1272/2008 R 744 Pag. 1 di 5 2.2: Gas non infiammabile non tossico Attenzione 1. Identificazione della Sostanza/Preparato Prodotto : DIOSSIDO DI CARBONIO Denominazione Commerciale : (Anidride carbonica) Denominazione chimica

Dettagli