Sergio Margarita - ECDL Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sergio Margarita - ECDL Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2"

Transcript

1 Sergio Margarita - ECDL Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e

2 Sergio Margarita - ECDL Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e

3 Sergio Margarita - ECDL i Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 E-book? Avete detto e-book? Gli electronic book (e-book), libri in formato digitale senza carta e senza inchiostro, si stanno sempre più diffondendo, affiancando i libri tradizionali ed iniziando piano piano a sostituirli, in particolare nel campo della formazione. Chi meglio di un libro sull'informatica si presta ad uscire sotto forma di e-book? I vantaggi rispetto ad un libro tradizionale sono numerosi: Il libro è... Questo e-book è... uguale per tutti spesso in bianco e nero, per "esigenze economiche" fisso, a volte con immagini poco leggibili difficile da ricercare, se non tramite un indice statico statico e difficilmente aggiornabile vorace di risorse poche pagine, per "esigenze economiche" verticale, si usa così costoso facile da duplicare illegalmente, chi non ha mai fotocopiato un libro? personale per il singolo utilizzatore. Ognuno riceve una copia PERSONALIZZATA a colori, per una lettura più gradevole e una maggior fedeltà delle illustrazioni zoomabile, per ingrandire il testo e le illustrazioni, vedendole nei massimi dettagli, per una migliore accessibilità facilissimo da ricercare, per parola all'interno del testo e navigabile tramite link per accedere dall'indice agli argomenti e ai singoli riferimenti del Syllabus, e dai riferimenti alle figure dinamico e modulare, un nuovo programma o una nuova versione? Si aggiorna un singolo e-book rispettoso dell'ambiente, non usa carta né inchiostro, consuma poco, non ha bisogno di mezzi di trasporto tante pagine, non per studiare di più ma per poter spiegare con più calma, per poter inserire illustrazioni orizzontale come lo schermo, più facile da leggere a video, si può fare a meno di stamparlo su carta economico, volevamo che il prezzo fosse circa metà di quello di un libro tradizionale facilissimo da duplicare illegalmente, ma NON FATELO! Il prezzo è stato dimezzato proprio per renderlo accessibile a tutti Cosa serve per utilizzarlo? Questo e-book è stato realizzato in formato Adobe Portable Data Format (familiarmente detto PDF) e può essere letto su un computer di qualunque marca e modello purché dotato di un programma di lettura dei documento PDF (cosiddetto PDF Reader) disponibile gratuitamente. E' sufficiente aprire questo e-book con un PDF Reader e acquisire familiarità con il programma per sfruttarne le funzioni di navigazione nelle pagine, zoom, ricerca nel testo, accesso dinamico agli argomenti e ai punti del Syllabus tramite l'indice. All'e-book sono allegati archivi per svolgere gli esercizi che vanno copiati sul disco del computer, come specificato di volta in volta. E-book o IBUQ? IBUQ è il nome che abbiamo dato a questa collana di e-book (la pronuncia è la stessa!), uno per ogni modulo dell'ecdl, con l'intenzione di proporne in futuro altri sugli stessi temi (altri sistemi operativi nel Modulo 2, per esempio o diverse versioni dei programmi) oppure su temi diversi.

4 Sergio Margarita - ECDL ii Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 ECDL L'ECDL (European Computer Driving Licence), o Patente Europea del Computer, è un certificato riconosciuto a livello internazionale comprovante la conoscenza dei concetti fondamentali dell'informatica e la capacità di usare un personal computer, nelle applicazioni più comuni, ad un livello di base. Le certificazioni ECDL costituiscono uno standard di riferimento e si caratterizzano per: uniformità: i test sono identici in tutti i paesi neutralità: i test si svolgono sia su programmi proprietari sia su software libero e Open Source imparzialità, i test si svolgono con un software che assicura oggettività di valutazione e si integra in un sistema di controllo qualità diffusione internazionale: dall'ecdl nato a livello europeo, si è giunti all'icdl (International Computer Driving Licence) riconosciuto nella maggior parte dei paesi nel mondo. Referente nazionale delle certificazioni ECDL è l'associazione Italiana per l'informatica e il Calcolo Automatico (AICA) che provvede fra l'altro all'accreditamento dei Test Center, strutture private e pubbliche presso le quali si possono sostenere gli esami (circa in Italia). Per ottenere il diploma il candidato deve farsi rilasciare il libretto d'esame (Skills Card) e superare i sette esami che costituiscono il programma. Perché conseguire l'ecdl? Le certificazioni ECDL sono riconosciute nel mondo delle imprese e delle professioni dove hanno un ampia diffusione. Costituiscono un titolo valutato in sede di concorso dalle Istituzioni centrali e regionali e dalla Pubblica Amministrazione. Rientra nelle strategie dell'unione Europea e di diverse organizzazioni internazionali nel quadro di iniziative di alfabetizzazione informatica.. Alcuni siti di riferimento AICA, ECDL Foundation, Errori? Imprecisioni? Per favore segnalateceli all'indirizzo I sette moduli Il programma dell'ecdl si articola in sette moduli: 1. Concetti di base dell'ict 2. Uso del computer e gestione dei file 3. Elaborazione testi 4. Fogli elettronici 5. Uso delle basi di dati 6. Strumenti di presentazioni 7. Navigazione web e comunicazione. Il Syllabus Giunto alla versione 5.0, il Syllabus è il documento ufficiale che, per ogni modulo, descrive in dettaglio quello che il candidato deve sapere e saper fare. Il testo è disponibile sul sito dell'aica. Altri livelli Oltre all'ecdl, detto ECDL Core, si possono conseguire certificazioni e diplomi di livello superiore: ECDL Advanced, attesta la conoscenza approfondita di uno o più moduli per l'utente evoluto ECDL Specialised, su temi quali la progettazione (CAD), la sanità (Health), i sistemi informativi territoriali (GIS).

5 Sergio Margarita - ECDL iii Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2

6 Sergio Margarita - ECDL iv Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Come è composto l'ibuq? Le parti che compongono l'ibuq sono: l'introduzione (quello che state leggendo in questo momento), uguale per tutti gli IBUQ, ne presenta le caratteristiche principali e l'impostazione la presentazione del modulo, eventualmente anche del programma utilizzato e delle sue funzionalità più importanti il testo collegato ai compiti da svolgere nel quadro dell'incarico ricevuto e agli argomenti del Syllabus, dove ogni argomento può essere composto da: il testo vero e proprio: illustra in modo descrittivo i concetti teorici e le azioni da compiere per svolgere una determinata operazione i riquadri Esercizio: si riferiscono allo svolgimento dell'incarico ricevuto e passo a passo richiedono di compiere operazioni appena illustrate nel testo i riquadri Ricreazione: contengono esercizi che non hanno a che fare con lo svolgimento dell'incarico. Ma sono utili lo stesso! i riquadri Quiz, riferiti ai concetti teorici oppure all'approfondimento oppure a curiosità non strettamente legate all'ecdl. Ai quiz facilissimi, non numerati, non viene fornita la soluzione. La soluzione dei quiz numerati è riportata alla fine dell'ibuq i riquadri Attenzione, lo dice la parola stessa mettono l'accento su punti critici, specificità dei programmi o cautele particolari da adottare l'appendice: solo in alcuni IBUQ, contiene il modello di quanto deve essere realizzato per lo svolgimento dell'incarico (relazione, tabella, grafici,...) oltre ad eventuali dati che dovranno essere inseriti la soluzione dei quiz, solo in alcuni IBUQ. Piuttosto di presentare gli argomenti in modo astratto seguendo l'ordine del Syllabus, si è scelto un approccio di tipo problem solving, ossia organizzandoli intorno alla soluzione di uno specifico problema reale - quello dell'incarico di consulenza. Di conseguenza, l'ordine degli argomenti in molti casi è stato stravolto ma è sempre stato riportato il riferimento al numero e al titolo corrispondenti nel Syllabus Ogni IBUQ è indipendente e utilizzabile autonomamente rispetto agli altri. Questo vuol dire che Come utilizzare l'ibuq? Alcune indicazioni per adoperare al meglio l'ibuq: aprite l'ibuq con un lettore di documenti PDF. Il programma può essere diverso a seconda del sistema operativo che utilizzate (Microsoft Windows, Linux, Mac OS X) e disporre di funzionalità differenti attivate la funzionalità Segnalibri (se disponibile) che visualizza un indice con accesso diretto agli argomenti del testo e ai punti di riferimento al Syllabus ECDL dell'ibuq, l'unica parte che può essere utile stampare, possibilmente a colori, è l'appendice in modo da avere sempre a portata di mano il modello di documento da realizzare eseguite sempre molto attentamente e fedelmente gli esercizi, ognuno dei quali si basa su quelli precedenti. In caso di difficoltà o problema, rivedete quelli precedenti e le spiegazioni teoriche. Fate solo (tutto) quanto viene richiesto quando viene richiesto svolgete anche le Ricreazioni e i

7 Sergio Margarita - ECDL v Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 possono essere letti in qualunque ordine (anche se si consiglia soprattutto per i primi l'ordine naturale del Syllabus) e che inevitabilmente si riscontreranno delle ripetizioni fra un modulo e l'altro. Quiz. Non sono sempre indispensabili per superare l'esame ECDL ma sono divertenti. Oggetto: Conferimento incarico Gentile Studente con la presente vi conferiamo l'incarico di valutare per la nostra impresa la possibilità di sostituire il software proprietario attualmente utilizzato con software libero e Open Source. Vi viene chiesto inoltre di analizzare le opportunità di business offerte da Internet nei principali paesi europei. Per questo dovete fare alcune indagini e raccogliere dati e informazioni che dovete riassumere in documenti, tabelle e grafici e spedire alla Direzione Generale. Dovete inoltre strutturare una base di dati per raccogliere sistematicamente tali dati e, al termine della vostra attività, illustrare in modo convincente i risultati ottenuti in occasione di un incontro di presentazione ai membri del Consiglio di Amministrazione. Per lo svolgimento di queste attività, vi è stato messo a disposizione un personal computer nuovo di zecca. Con i migliori auguri Il Direttore Generale Congratulazioni!! Anche se siete uno dei massimi esperti di software libero e di Internet, la vostra padronanza del personal computer e dei suoi programmi è piuttosto deboluccia. Avete quindi deciso di comprare questi IBUQ che vi guideranno passo a passo nei compiti che dovete svolgere nell'ambito del vostro incarico. In particolare: Il personal computer, corredato di stampante, che vi è stato messo a disposizione è stato appena Modulo 1

8 Sergio Margarita - ECDL vi Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 consegnato dal fornitore che lo ha lasciato nel vostro ufficio ancora negli scatoloni. Il vostro primo compito è naturalmente di disimballarlo e montarlo, predisponendo correttamente il posto di lavoro, nonché collegarlo in rete in modo da accedere a Internet. Approfittate dell'occasione per prendere confidenza con diversi concetti dell'informatica quali hardware, software, reti e saperne di più sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione e sulle tematiche relative. Al termine, sarete diventati padroni del mezzo, sapendo cosa c'è sotto e potrete accendere il personal computer (!) con cognizione e giudizio. L'incarico che avete ricevuto richiede di scrivere documenti, realizzare tabelle, costruire presentazioni e strutturare basi di dati, utilizzando la rete Internet per acquisire informazioni e per comunicare con i vostri interlocutori. Di conseguenza dovete fare conoscenza con il sistema operativo del vostro computer e con l'ambiente grafico, gestendo cartelle, sottocartelle, file e programmi di vario genere. Questo vi permetterà di predisporre sul vostro personal computer la struttura che ospita le cartelle e i file utili per ognuno dei compiti che vi sono stati assegnati. Al termine, sarete diventati abili nel creare, posizionare, duplicare, spostare, comprimere e ricercare file e cartelle, debellare virus e organizzare i dati sul vostro personal computer in modo sicuro. Si parte! Il primo compito consiste nello scrivere una convincente relazione di presentazione dell'open Source e dei suoi vantaggi, accompagnata da una lettera personalizzata con i dati di ognuno dei destinatari, i membri del Consiglio di Amministrazione. La relazione deve rispettare un modello in quanto a struttura e aspetto. Pertanto acquisite tutte le conoscenze e nozioni tipiche delle attività di trattamento testi (word processing). Al termine, sarete in grado per scrivere e impaginare documenti di testo, inserirvi tabelle, immagini e oggetti grafici di vario genere, formattarli con colori, caratteri ed elenchi, controllarne la correttezza ed infine stamparli secondo diverse modalità, personalizzandone inoltre in modo automatico il contenuto. Dopo le lettere i numeri! Per illustrare le potenzialità della rete, decidete di realizzare una tabella e relativi grafici che confronti l'utilizzo di Internet nei principali paesi europei, calcolando diversi indicatori e rappresentando i dati salienti sotto forma di grafici. Rinfrescate quindi le vostre nozioni di aritmetica e imparate a destreggiarvi con concetti e operazioni tipiche dell'uso del foglio elettronico (electronic spreadsheet). Al termine, non avranno più segreti per voi la creazione e modifica delle tabelle, la definizione del loro aspetto, l'inserimento e la gestione delle formule di calcolo, la realizzazione di svariati tipi di grafici automaticamente aggiornati e piacevolmente colorati, nonché il controllo e la stampa finali. Ancora numeri! Per meglio valutare le opportunità di business di Internet, è opportuno tenere sotto controllo l'andamento della sua diffusione nei vari paesi. Per questo strutturate e realizzate una base di dati destinata a raccogliere in tabelle, ogni anno e per ogni paese, i dati rilevanti. Dopo aver acquisito i concetti teorici elementari delle basi di dati, realizzate la vostra base di dati secondo una struttura prestabilita, avvicinandovi Concetti di base dell'ict Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Modulo 3 Elaborazione testi Microsoft Office Word 2007 Modulo 4 Fogli elettronici Microsoft Office Excel 2007 Modulo 5 Uso delle basi di dati Microsoft Office Access 2007

9 Sergio Margarita - ECDL vii Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 alle operazioni tipiche dell'uso delle basi di dati (database) quali inserimento, visualizzazione, modifica e cancellazione dei dati. Al termine, sarete in grado di gestire la base di dati in questione nonché creare oggetti per utilizzarla quali ricerche, maschere e rapporti per estrarre i dati dalle tabelle e ordinarli, visualizzarli e stamparli. Dopo i numeri le immagini! La fase finale del vostro incarico prevede una presentazione dei risultati della vostra ricerca al Consiglio di Amministrazione. Sulla base dei dati sui temi Open Source e Internet che avete raccolto ed elaborato, create una presentazione che ne illustri i più importanti. La presentazione segue un modello in quanto a struttura e aspetto ed è composta da diapositive che contengono testo, elenchi, tabelle, immagini, grafici, diagrammi e disegni, formattati in vari modi. Imparate quindi le tecniche utili per adoperare al meglio gli strumenti di presentazione (presentation). Al termine, diventerete maestri nel creare presentazioni accattivanti e potrete scatenare la vostra creatività per stupire con effetti speciali i destinatari delle vostre presentazioni. Chi dice informazioni dice Internet! Non solo le informazioni raccolte per la vostra ricerca provengono da Internet, ma è via Internet che inviate i documenti che avete realizzato a chi vi ha assegnato l'incarico. Dopo un attento esame delle problematiche di (in)sicurezza della rete, dovete impratichirvi delle attività di navigazione e di ricerca delle informazioni sul web (web browsing) e delle funzionalità della posta elettronica (electronic mail) quali spedizione e ricezione di messaggi o gestione di una rubrica di indirizzi. Non solo ma, convinti dell'esito brillante del vostro incarico e sicuri del suo rinnovo, vi portate avanti col lavoro organizzando una raccolta di link sull'open Source che potrà sempre servire. Al termine, non solo avrete imparato qualcosa di più su Internet, il personal computer e i suoi programmi ma avrete conseguito l'ecdl. Modulo 6 Strumenti di presentazione Microsoft Office Power Point 2007 Modulo 7 Navigazione in rete e comunicazione Mozilla Firefox e Thunderbird

10 Sergio Margarita - ECDL viii Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Presentazione Introduzione E' sempre più raro incontrare un personal computer, in casa o in ufficio, che sia autonomo e non collegato alla rete Internet. Nato negli anni '80 come dispositivo isolato per elaborazioni personali è rapidamente diventato uno strumento di comunicazione e di accesso alle informazioni, passando da una dimensione individuale ad una dimensione collettiva e sociale. Collegato a Internet, è oggi un vero e proprio strumento di interazione. E' quindi importantissimo acquisire un buon livello di conoscenza dei due strumenti che permettono di svolgere la maggior parte delle attività in rete: il browser, tramite il quale esplorare il World Wide Web (WWW o Web) ossia accedere alle informazioni, alle comunità di utenti, alle reti sociali, in generale ai sempre più numerosi servizi erogati via Web, in sintesi a navigare sul Web il programma di posta elettronica, tramite il quale comunicare con un qualunque utente della rete dotato di un indirizzo di posta elettronica (electronic mail o ), inviando e ricevendo messaggi e relativi allegati in tempo reale e a costo pressoché nullo. Questi due strumenti, ai quali corrispondono due programmi diversi, gestiscono ognuno un'attività specifica: il primo l'accesso al web e il secondo la posta elettronica. Questo è il motivo per il quale il Syllabus del modulo 7 dell'ecdl è suddiviso in due sezioni e che gli IBUQ relativi sono due anziché uno soltanto come negli altri moduli. Non solo ma le specificità della rete, le sue caratteristiche e l'interazione che consente richiedono, pur trattandosi di un modulo essenzialmente pratico di esaminare più dettagliatamente alcuni concetti e nozioni più teoriche, sulla struttura della rete Internet e le modalità di accesso, sul comportamento da tenere nel comunicare con gli altri e non ultimo sui temi della (in)sicurezza della rete e quindi sulle norme da seguire e precauzioni da prendere per evitare problemi e dispiaceri. Si distingue quindi particolarmente il sapere e il saper fare. I due IBUQ di questo modulo, ognuno dedicato ad un programma, avranno una parte iniziale di concetti, una parte centrale sull'uso vero e proprio del programma ed una parte finale dedicata alla sicurezza. I temi del Syllabus Sezione 1 Navigazione web 7.1 Internet Concetti e termini Considerazioni sulla sicurezza 7.2 Utilizzo del browser Navigazione di base Impostazioni Navigazione Segnalibri 7.3 Utilizzo del web Moduli per raccolta dati Ricerca 7.4 Estrazione di materiale dal web Salvataggio di file Preparazione e stampa Sezione 2 Comunicazione 7.5 Comunicazione elettronica Concetti e termini Considerazioni sulla sicurezza Teoria della posta elettronica 7.6 Uso della posta elettronica Invio di un messaggio Ricevere un messaggio Migliorare la produttività 7.7 Gestione dei messaggi Organizzazione Rubrica

11 Sergio Margarita - ECDL ix Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 La finestra principale di Mozilla Thunderbird Figura 1: La finestra principale di Mozilla Thunderbird.

12 Sergio Margarita - ECDL x Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Le operazioni preliminari Per poter svolgere gli esercizi, dovete effettuare alcune operazioni preliminari di preparazione delle cartelle e dei file utili per questo modulo. L'installazione degli IBUQ e la predisposizione dei file e delle cartelle richiede qualche operazione che ovviamente verrà spiegata più avanti, negli IBUQ stessi, ma che potreste non conoscere. Se siete proprio a digiuno nell'uso del personal computer, dovete farvi aiutare da qualcuno un po' più pratico, in attesa di diventare un esperto o un'esperta. Queste operazioni sono le stesse di quelle relative a Mozilla Firefox (Modulo 7 - Sezione 1: Navigazione web). Potete saltarle se le avete già eseguite in quell'occasione oppure se avete svolto gli esercizi dell'ibuq ECDL Modulo 2 - Uso del computer e gestione dei file. Installazione degli IBUQ copiare sul Desktop tutti i file degli IBUQ (i PDF) e il file IBUQFiles.zip allegato decomprimere quest'ultimo estraendo il contenuto sul disco del vostro computer viene creata una cartella IBUQFiles contenente i file estratti. Preparazione dell'ibuq del modulo 7 Sul vostro disco: creare una cartella avente per nome: Studente spostate dal Desktop tutti i vostri IBUQ (file PDF) in questa cartella che d'ora in poi costituisce la vostra cartella di lavoro. all'interno della cartella, creare una cartella denominata FLOSS all'interno della cartella FLOSS, creare una cartella Modulo7 copiare i file dalla sottocartella IBUQFiles\Mod7 nella sottocartella FLOSS\Modulo7 al termine, la cartella FLOSS\Modulo7 deve contenere i seguenti file che verranno adoperati in questa sezione: Definizioni.rtf Destinatari.txt Raccolta.pdf. Le fasi del lavoro Questo IBUQ è organizzato sulla base delle attività da svolgere con il browser, suddivise nelle seguenti fasi: 1. Concetti 2. Impostazione iniziale del programma 3. Spedizione 4. Ricezione 5. Gestione dei messaggi 6. Stampa 7. Operazioni finali 8. Considerazioni sulla sicurezza In appendice, sono disponibili le soluzioni dei quiz. In questi IBUQ, si farà riferimento al programma Mozilla Thunderbird adoperando il nome Thunderbird. Tutti i marchi e logo sono di proprietà dei rispettivi titolari.

13 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Sezione 2. Comunicazione 1. Concetti In questa seconda sezione, esaminiamo i concetti e gli strumenti principali che stanno alla base della comunicazione in forma elettronica. In particolare in questa prima parte, illustriamo le nozioni di base relative a: la posta elettronica la netiquette, o galateo della rete alcuni strumenti di comunicazione, fra i quali SMS, VoIP, IM. Per alcuni argomenti fra quelli esaminati è proposto un piccolo quiz. Per alcuni, si trova la risposta nel testo di questo IBUQ, per altri possono essere di aiuto le ricerche su Internet, che a questo punto non dovrebbero più avere segreti per il lettore. Per altri argomenti è invece proposto un esercizio che esula da quello che sono le conoscenze richieste per superare l'esame ECDL ma che vi avvicinano utilmente ai moderni mezzi di comunicazione e che vi consigliamo quindi di svolgere. La comunicazione elettronica si è affiancata alla comunicazione tradizionale e la sta progressivamente sostituendo, grazie alla sua maggiore efficienza e al suo minor costo. Per semplicità di esposizione, possiamo equiparare la comunicazione tradizionale a quella che trasmette le informazioni in forma analogica (posta tradizionale, telefono, fax), e la comunicazione elettronica a quella che trasmette le informazioni in forma digitale ( , VoIP, SMS, Instant Messaging o IM). Inoltre, parlando di comunicazione elettronica (o digitale) si vedrà come la maggior parte delle comunicazioni avvenga tramite Internet. Esamineremo i principali servizi di comunicazione e vedremo come essi possano essere suddivisi in due tipologie fondamentali: servizi di comunicazione sincroni, in cui mittente e destinatario sono simultaneamente coinvolti nella trasmissione o nello scambio di informazioni (telefono, VoIP, IM) servizi di comunicazione asincrono, in cui l'invio da parte del mittente può avvenire autonomamente e non è necessario che il destinatario sia presente (posta tradizionale, fax, , SMS).

14 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Comprendere il termine e conoscere i suoi impieghi principali. La posta elettronica o electronic mail, o ancora , è uno dei principali servizi di Internet e permette di inviare e ricevere messaggi in forma elettronica. Ogni utilizzatore del servizio dispone di una casella di posta elettronica, che ospita i messaggi e alla quale è abbinato un identificativo univoco, detto indirizzo di posta elettronica. L'invio di un messaggio avviene in più fasi: composizione del messaggio sul computer del mittente, tramite programma di gestione della posta elettronica. Il destinatario è identificato dal suo indirizzo di posta elettronica invio del messaggio al server dell'internet Service Provider (ISP) del mittente. Da questo momento, il messaggio si considera spedito e il mittente non è più coinvolto nel recapito del messaggio instradamento del messaggio su Internet fino al server dell'isp del destinatario deposito del messaggio nella casella del destinatario. Da questo momento, il messaggio si considera recapitato. Il sistema di posta elettronica si incaricherà di effettuare il controllo dei dati per il recapito, avvisando il mittente di eventuali problemi riscontrati: errato indirizzo di , server di destinazione non funzionante, casella piena e non in grado di ricevere il messaggio,... Il messaggio rimarrà sul server, nella casella del destinatario, fino a quando esso si collegherà. In quel momento, il messaggio verrà trasferito dal server al computer del destinatario che lo potrà così leggere. L'invio di un messaggio può essere esteso a più destinatari o a intere liste di distribuzione, ossia elenchi memorizzati di destinatari raggiungibili in blocco con la spedizione di un solo messaggio. Ai messaggi possono essere allegati file di qualunque natura e formato: testo, immagini, fotografie, audio, video, con l'unico vincolo che l'isp può porre alla dimensione massima della casella di e del singolo file allegato o al tipo di file, per motivo di sicurezza. Mentre Gmail, il servizio gratuito di posta elettronica di Google, prevede uno spazio per ogni casella di più di 2 GB, altri servizi con infrastrutture più modeste limitano le dimensioni a qualche decina di MB. Rispetto alla distinzione proposta prima, la posta elettronica è un servizio di comunicazione tipicamente asincrono, ossia che non richiede la presenza simultanea dei corrispondenti. Questo ne costituisce uno dei vantaggi per le comunicazioni internazionali e intercontinentali in cui il fuso orario diverso potrebbe rendere difficoltosa una vera e propria interazione.

15 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Quiz 7 Quando è stata inventata la posta elettronica e da chi? Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica. L'indirizzo di posta elettronica è la sigla che identifica l'utilizzatore del servizio di posta elettronica (e la sua casella). Mentre nulla vieta che uno stesso utilizzatore abbia più indirizzi di posta elettronica, ogni indirizzo di posta elettronica è unico e non può ovviamente corrispondere a più utenti. Un indirizzo di posta elettronica è composto da due parti, separate dall'ormai famoso detto chiocciola o chiocciolina: dove utente è l'identificativo della casella di posta, costituito spesso dal cognome oppure dal nome e dal cognome dell'utente provider è il dominio dell'isp che fornisce il servizio e ospita la casella di posta elettronica. Per esempio, nell'indirizzo s.rossi è l'identificativo vero e proprio dell'utente sicuramail.com è il dominio del gestore di posta elettronica. In questa struttura, è la combinazione delle due parti che garantisce l'unicità dell'indirizzo di posta elettronica in tutta la rete. Possono esistere più caselle con lo stesso identificativo utente (s.rossi), e ci sono più caselle presso lo stesso ISP (sicuramail.com) con utenti diversi ma esiste un'unica combinazione dei due, rendendo così univoco l'indirizzo. Esistono diversi fornitori su Internet che offrono gratuitamente il servizio di posta elettronica quali Google per citare uno dei più noti. L'attivazione del servizio avviene interamente via web, così come può avvenire successivamente l'utilizzo della posta elettronica, ed è l'utente stesso a scegliere il proprio identificativo

16 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 utente, con l'unica difficoltà di trovarne uno che non sia già stato utilizzato in precedenza. Nel caso invece di imprese o organizzazioni è l'ente stesso ad assegnare l'indirizzo di posta elettronica ai propri utenti, la cui struttura rispetterà le regole interne: nome e cognome, solo cognome, iniziale del nome e cognome, separati da punto oppure da trattino,... Attenzione Negli indirizzi di posta elettronica, non si distinguono maiuscole e minuscole. L'indirizzo precedente può essere scritto o qualunque altra combinazione a scelta di maiuscole e minuscole, senza che questo comprometta il recapito del messaggio. Quiz 8 Cosa significa il Ha veramente a che fare con le lumache? Comprendere i vantaggi della posta elettronica, quali: rapidità di consegna, economicità, possibilità di usare la posta elettronica in luoghi diversi attraverso account basati su siti web. La posta elettronica via Internet presenta alcuni significativi vantaggi che ne hanno decretato il successo e contribuiscono al suo forte sviluppo. Si tratta in particolare di: rapidità economicità indipendenza dal tempo e dal luogo. Rapidità di consegna Anche se il meccanismo di consegna dei messaggi di posta elettronica può sembrare complicato (passaggio

17 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 sui vari server, instradamento, gestione degli errori,...), è facile osservare come la consegna dei messaggi di posta elettronica su Internet sia particolarmente rapida. In condizioni normali, un messaggio viene consegnato quasi in tempo reale, o nell'arco di pochi secondi in pressoché qualunque parte del mondo. In casi purtroppo sempre più numerosi, i tempi si allungano per rallentamenti sul server del destinatario dovuti al carico di lavoro per controlli antivirus e antispam. Questa velocità di trasmissione può generare delle attese distorte sulla natura del servizio e sul comportamento del corrispondente. A volte, proprio per la velocità nota, chi spedisce il messaggio si aspetta che il destinatario vi risponda immediatamente e si stupisce se non riceve risposta in tempi brevi. Va sempre ricordato che la posta elettronica è un mezzo di trasmissione asincrono. Il destinatario potrebbe quindi essere assente al momento dell'invio del messaggio oppure potrebbe essere presente, aver ricevuto il messaggio ma non desiderare rispondere in tempo reale. Economicità La posta elettronica, rispetto a quella cartacea tradizionale, presenta una struttura dei costi sostanzialmente diversa. Mentre con la posta tradizionale vi è una forte incidenza dei costi variabili (carta, inchiostro, busta, francobollo,...) e il costo di spedizione è direttamente proporzionale al numero di invii, nella posta elettronica, i costi variabili sono sostanzialmente nulli. Disponendo di un collegamento ad Internet, il costo di spedizione è indipendente dal numero di invii. Spedire un messaggio o mille ha lo stesso costo, sostanzialmente pari a zero. Se questo fa la fortuna di chi invia spam, è anche un aspetto molto importante per le comunicazioni aziendali che raggiungono così un livello di particolare economicità. Indipendenza dal tempo e dal luogo Un messaggio di posta elettronica può essere inviato in qualunque momento, indipendentemente dall'ora locale e dalla presenza del destinatario. Quando esso si collegherà, il messaggio verrà preso dalla sua casella e gli verrà recapitato sul computer. La stessa indipendenza si riscontra, con vantaggi ancora maggiori, nei confronto del luogo dal quale spedire o leggere la posta elettronica. Per l'utente, la gestione della posta elettronica avviene normalmente tramite un apposito programma, installato sul proprio computer e opportunamente configurato. La maggior parte dei servizi di posta elettronica prevede però una diversa modalità di accesso che non richiede l'installazione di nessun programma sul computer ma solo la presenza di un browser. Si tratta di un'applicazione web, denominata webmail, che consente l'accesso alla propria casella sul server dell'isp tramite web. L'ISP fornisce un indirizzo web che, previa autenticazione, consente di accedere alla propria casella, leggere i messaggi di posta, spedire messaggi, il tutto con una semplice interfaccia web.

18 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Vantaggio di questo sistema è di consentire un uso nomade della posta elettronica ossia di poter gestire la propria posta elettronica da un qualunque computer collegato ad Internet, in Italia e all'estero, pubblico o privato. Inoltre, questi sistemi sono spesso accessibili tramite palmari collegati in modalità Wi-Fi. Altri vantaggi Altri vantaggi della posta elettronica sono: la smaterializzazione del supporto, che può rimanere esclusivamente in forma elettronica, evitando la stampa su carta l'archiviazione automatica dei messaggi inviati e ricevuti la facilità di elaborazione automatica, grazie al formato digitale dei messaggi che rende semplice l'invio automatico di messaggi e l'elaborazione automatica dei messaggi ricevuti. Quiz 9 Vero o falso? La webmail è un'applicazione che consente di consultare il web tramite mail Comprendere l importanza della netiquette (galateo della rete): descrizione accurata dell oggetto dei messaggi di posta elettronica, concisione nelle risposte, controllo ortografico della posta in uscita. La Netiquette - dall'inglese net (rete) e dal francese étiquette (buone maniere) è un insieme di regole che la comunità di Internet si è dato per disciplinare le relazioni tra gli utenti dei servizi di comunicazione, fra i quali la posta elettronica. All'origine (ottobre 1995) sta il documento RFC Netiquette Guidelines (http://tools.ietf.org/html/rfc1855), dal quale sono state tratte e adattate indicazioni che oggi costituiscono il "galateo della rete" al quale è importante adeguarsi, non solo per rispetto degli altri, ma anche per non fare la figura del principiante assoluto o del maleducato. Per la posta elettronica, si può citare una regola di reciproco rispetto: e proporre alcune raccomandazioni operative, quali: Non spedire ad altri quello che non vorresti ricevere

19 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 inserire sempre una descrizione significativa e sintetica nell'oggetto del messaggio. E' una forma di rispetto per chi riceve molti messaggi ogni giorno, che già dall'oggetto è in grado di individuare il contenuto non inviare mai messaggi non firmati ma inserire sempre il proprio nome alla fine del messaggio. Molti - e fanno bene - non rispondono ai messaggi anonimi, non firmati nella risposta includere sempre il messaggio ricevuto, tutto o una parte. E' molto sgradevole ricevere una risposta senza saper immediatamente la domanda alla quale si riferisce o un dettagliato commento ad un testo non riportato rispettare l'uso delle maiuscole e delle minuscole. Non scrivere messaggi interamente in lettere maiuscole: su Internet, questo ha il significato di messaggio "urlato" effettuare sempre un controllo ortografico (oltre ad un controllo generale e della punteggiatura) del messaggio che si sta per inviare. La posta elettronica è un mezzo snello e istantaneo ma non per questo deve diventare sciatto quando si invia un messaggio ad un numero elevato di destinatari, metterli nel campo Ccn - Copia conoscenza nascosta (vedere più avanti) per evitare al destinatario di ricevere un messaggio con più pagine di indirizzi mail che di contenuto. A queste ovviamente si sommano alcuni divieti basilari: non adoperare la posta elettronica per diffondere contenuti contrari all'etica o alla legge non inviare posta non sollecitata (spam) non attivare Catene di Sant'Antonio né rispondere o diffondere messaggi che ne facciano parte non dare retta agli appelli umanitari via posta elettronica, che nella maggior parte dei casi sono bufale. Esistono siti specializzati nella raccolta e segnalazione delle bufale, da consultare prima di rispondere valutare le possibili reazioni del destinatario al ricevimento del messaggio, in quanto a contenuto, tono, forma, ricordando che scrittura e lettura del messaggio avvengono in due momenti diversi ricordare sempre, nella stesura del contenuto, che il destinatario del messaggio può con estrema facilità inoltrare il vostro messaggio ad altri indipendentemente dalla vostra volontà. Per ulteriori informazioni, si rimanda al documento della Registration Authority Italiana (http://www.nic.it), organismo preposto alla gestione del dominio Internet "it", all'indirizzo Quiz 10 Trovare alcuni siti di segnalazione delle 'bufale' informatiche.

20 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Essere consapevoli dei possibili problemi durante l invio di file allegati, quali: limiti alle dimensioni del file, limitazioni sui tipi di file (ad esempio, file eseguibili). Precisazioni aggiuntive vanno fatte a proposito degli allegati. Agli albori della posta elettronica, si riteneva che la dimensione di un messaggio di posta elettronica non dovesse superare i 100 KB. Oggi, con l'uso prevalente della posta elettronica per applicazioni commerciali e la diffusione dei contenuti multimediali quali audio e video, più ingombranti, cercare di mantenere questo limite è piuttosto utopico. Anche se consideriamo che questo limite si sia alzato, è importante, quando si deve inviare un allegato ad un messaggio: verificare preliminarmente le sue dimensioni non inviare per posta elettronica allegati di dimensioni esagerate. Non vogliamo proporre un nuovo limite, ma suggeriamo di concordare prima con il destinatario gli invii di più di 10 MB. Se un allegato gigante deve essere trasmesso, è preferibile inserirlo su un sito web e comunicarne l'indirizzo al destinatario che provvederà a scaricarlo con i tempi e i modi che riterrà tener presente che alcuni servizi di posta, gratuiti o a pagamento, hanno dei limiti nella dimensione massima dei messaggi e nella dimensione complessiva della casella di posta elettronica. Inviando allegati troppo voluminosi si rischia di ricevere un messaggio di errore (quota exceeded) che segnala il mancato recapito. Oltre a limitazioni quantitative, spesso i sistema di gestione della posta elettronica introducono limitazioni di tipo qualitativo sulla natura dei file che si possono o non si possono trasmettere. Mentre una volta il mezzo più pericoloso per la diffusione dei virus e del malware in generale era il floppy disk - ormai estinto - oggi è proprio la posta elettronica. Di conseguenza è frequente che l'isp del mittente o quello del destinatario blocchino certi tipi di allegati: quelli con estensione.exe (programmi eseguibili), con estensione.js (Javascript) o altri, a seconda delle politiche di sicurezza. Se sussiste proprio l'esigenza di inviare file di questo tipo, oltre a verificare esplicitamente che non contengano virus, è necessario concordare con il destinatario il sistema alternativo da adoperare. Anche se la posta elettronica è il sistema di comunicazione maggiormente diffuso via Internet, non è l'unico sistema di comunicazione. Prima di addentrarci nel suo utilizzo, proponiamo una breve panoramica di altri strumenti, ognuno con caratteristiche diverse.

21 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Quiz 11 Cosa significa se, spedendo un messaggio di posta elettronica, torna indietro un messaggio contenente: Error Recipient address rejected: Policy Rejection: Quota Exceeded. wiki.dreamhost.com/index.php/smtp-quota Explanation Mail could not be sent. Quiz 12 Qual è la dimensione massima della casella di posta di Google Gmail? Gli SMS Comprendere il termine SMS (Short Message Service). Probabilmente gli SMS rappresentano oggi il servizio di comunicazione che ha meno bisogno di presentazione. Usciamo dalla rete Internet per spostarci sulla rete telefonica ed in particolare su quella della telefonia mobile. Creato per esigenze tecniche di comunicazione fra operatore e utenti della rete, il servizio SMS è presto sfuggito di mano agli ideatori, che non ne avevano minimamente previsto né il tipo di utilizzo né lo sviluppo, diventando uno dei mezzi di comunicazione più popolare fra i giovani e i meno giovani. Al punto che per tener conto delle (forti) limitazioni del mezzo (solo testo, lunghezza massima del messaggio di 160 caratteri, tastiera ridotta) è stata inventata una nuova forma di scrittura sintetica, più basata sulla fonetica che sulla grammatica e l'ortografia usuali (ci sei = c 6, che = ke, ci vediamo dopo = cvd,...). L'invio di un SMS avviene in più fasi: composizione del SMS sul telefono portatile del mittente. Il destinatario è identificato dal suo numero di telefono portatile invio del SMS all'operatore telefonico del mittente instradamento del SMS sulla rete telefonica fino all'operatore telefonico del destinatario

22 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 invio del SMS al telefono portatile del destinatario. Non è prevista nessuna segnalazione di ritorno al mittente in caso di problema o mancato recapito. Anche se alcuni fornitori offrono la possibilità di inviare SMS via Internet o di riceverli su telefono fisso, queste sono applicazioni molto marginali di un sistema tipico della telefonia mobile. Anche se il sistema presenta delle analogie con la posta elettronica (mittente, destinatario, testo) presenta delle differenze sostanziali: limiti di dimensione dei messaggi impossibilità di inviare allegati assenza di una casella nella quale depositare i messaggi per un successivo accesso. E' facile rendersi conto anche dell'importanza economica del mercato corrispondente, pensando che il costo di un SMS è di circa 0,15 euro. Anche se spesso viene utilizzato in tempo reale, con risposta immediata, il sistema di comunicazione tramite SMS è un sistema asincrono. Quando è stato inviato il primo SMS? Chi lo ha inviato a chi e perché? Quiz 13 Il VoIP Comprendere il termine VoIP (Voice Over Internet Protocol) e conoscerne i principali vantaggi. Esistono due grandi reti di comunicazioni estese a livello mondiale: la rete telefonica, nata come strumento analogico, che trasmette prevalentemente la voce, con un costo di utilizzo tipicamente proporzionale alla distanza e alla durata della comunicazione Internet, nata in forma digitale, che trasmette prevalentemente dati, con un costo di utilizzo nullo oppure basso e forfettario (tariffa flat, indipendente dal traffico).

23 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 La tendenza all'abbandono dell'analogico a favore del digitale, la crescente compenetrazione dei mezzi di trasmissione e delle tecnologie e soprattutto il diverso modello dei costi, hanno portato all'integrazione in Internet di diversi servizi prima svolti in altro modo. Quello più significativo, e probabilmente destinato ad avere le conseguenze più evidenti è quello della telefonia. Con il termine VoIP (Voice over Internet Protocol), si intende l'uso di reti di computer basate sul protocollo IP (prevalentemente Internet) per la telefonia, ossia la trasmissione della voce, al posto della rete telefonica tradizionale. Un utente munito di un computer dotato di semplici dispositivi di input/output audio (cuffia o auricolare con microfono, telefono con interfaccia USB,...) e di relativo software, può tramite Internet, effettuare una telefonata in VoIP con un corrispondente munito delle stesse apparecchiature, gratuitamente in qualunque parte del mondo esso si trovi. Oltre all'abbattimento del costo delle comunicazioni telefoniche, questo sistema ha anche un consistente vantaggio in termini di facilità di integrazione della trasmissione della voce con la trasmissione del testo (Instant Messaging) e del video (videochiamata). Non solo ma è prevista, con costi non nulli ma minori di quelli della telefonia tradizionale, l'integrazione con la rete telefonica per poter comunicare con numeri telefonici tradizionali, fissi o mobili, nel caso in cui il proprio interlocutore non sia munito di computer collegato ad Internet. Sempre nella direzione della confusione (in senso positivo) delle tecnologie, si stanno diffondendo telefoni mobili che oltre al collegamento alla rete telefonica si possono anche collegare alle reti wireless. Le reti wireless (dette anche Wi-Fi) sono delle infrastrutture che consentono di collegare in rete computer, apparecchiature e dispositivi, non adoperando cavi ma basandosi su onde radio. Con la diffusione in numerosi paesi degli accessi Wi-Fi pubblici e gratuiti, ma anche solo sfruttando la propria rete Wi-Fi aziendale, questo apre un'ulteriore possibilità di abbattimento dei costi e di utilizzo di strumenti già familiari per le comunicazioni telefoniche VoIP. Il fornitore di servizi di telefonia VoIP tramite Internet più importante è oggi Skype che fornisce gratuitamente un proprio software, disponibile per tutte le principali piattaforme, in grado di gestire i principali servizi di comunicazione: telefonia VoIP con altri utenti Skype totalmente gratuita integrazione con la rete telefonica a tariffe ridotte (SkypeIn e SkypeOut) videochiamate, se si dispone di webcam messaggi istantanei (chat).

24 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Al pari del telefono il VoIP, che richiede la presenza dei due corrispondenti, è un sistema di comunicazione sincrono. Esercizio Perché non installate Skype (http://www.skype.com) sul vostro computer? L'Instant Messaging Comprendere i principali vantaggi dei messaggi istantanei (IM) quali: comunicazione in tempo reale, sapere quali contatti sono in linea, economicità, possibilità di trasferire file. L'instant messaging (IM) o messaggistica istantanea può essere visto come un incrocio fra posta elettronica in tempo reale e trasposizione su Internet degli SMS. Si tratta infatti di un servizio di comunicazione centralizzato, che permette lo scambio in tempo reale di messaggi fra due o più utenti. L'uso di questo tipo di servizio su Internet richiede la registrazione preliminare presso un fornitore, per l'assegnazione di un nome utente e di una password che consentiranno l'accesso al servizio e l'identificazione. Diversi servizi gratuiti sono disponibili, quali Windows Live Messenger (precedentemente MSN), Skype che integra questa funzionalità nel software di VoIP Google che rende accessibile il proprio servizio, Google Talk, nella posta elettronica offerta da Gmail. Al momento dell'accesso al servizio, viene visualizzato l'elenco dei propri contatti che sono collegati in questo momento e con i quali si può comunicare. E' infatti possibile gestire una rubrica dei propri contatti, contenente gli identificativi di uso più frequente. Le caratteristiche salienti del servizio di instant messaging sono: lo scambio di messaggi testuali la comunicazione in tempo reale la possibilità di inviare file l'estensione a più partecipanti, sotto forma di chat la memorizzazione del testo delle conversazioni effettuate l'integrazione eventuale con altri sistemi di comunicazione (VoIP, ,...) il costo pressoché nullo. Naturalmente il sistema richiede la presenza in linea dei corrispondenti. Si tratta di un mezzo di comunicazione che presenta dei limiti nel caso in cui i corrispondenti siano separati da fusi orari molto

25 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 diversi, in qual caso si privilegia la posta elettronica, rinunciando ad un'interazione in tempo reale, ma il cui uso si sta diffondendo in modo significativo in ambito lavorativo, per le comunicazioni a livello nazionale ed internazionale. E' sempre più frequente, sia per il VoIP, sia per l'im vedere sui biglietti da visita o sulla carta intestata, oltre al numero di telefono e all'indirizzo , anche l'identificativo Skype. Esercizio Visto che avete installato Skype nell'esercizio precedente, comunicate con un vostro amico, parente, conoscente,... tramite IM (o anche tramite VoIP e avete l'hardware necessario). Non avete installato Skype sul vostro computer? Se avete una casella di posta elettronica su Gmail, sperimentate l'im di Google Talk. Non avete una casella su Gmail? Procuratevi una penna d'oca e una pergamena e ricopiate questo IBUQ in bella scrittura Comprendere il concetto di comunità virtuale di rete. Fornirne esempi, quali: siti di reti sociali, forum Internet, spazi di discussione (chat room), giochi in rete. Dalla sua nascita, il web ha attraversato diverse fasi, ognuna caratterizzata da una dimensione e da modalità di utilizzo differenti: una dimensione individuale, con utilizzo a senso unico (Internet come fornitore di informazioni), in cui i siti erano principalmente delle "vetrine" una dimensione collettiva, con partecipazione degli utilizzatori (Internet come fornitore di applicazioni e servizi), che interagiscono fra di loro tramite specifiche applicazioni (forum, chat room, giochi interattivi) una dimensione sociale, in cui sono i soli utilizzatori a creare i contenuti, tramite i loro contributi e le loro interazioni, nel quadro di applicazioni tipiche del cosiddetto Web 2.0. Ma soprattutto in cui sono gli utilizzatori a creare delle reti sociali (social network) che coinvolgono milioni di individui. I principali servizi che aggregano persone su interessi comuni, personali o professionali, ossia che creano

26 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 una qualche forma di comunità virtuale in rete, più o meno estesa e più o meno attiva, sono: i forum Internet. Sono dei luoghi virtuali di discussione su temi specifici, ai quali ci si può iscrivere per partecipare a discussioni. Sono molto diffusi, sia su argomenti legati ad interessi personali e hobby, sia per applicazioni professionali. I forum sono usati come strumento di supporto da parte delle comunità di sviluppo dei programmi FLOSS. Un problema o un quesito posto in un forum trova spesso soluzione o risposta in poche ore o pochi giorni da parte della comunità degli sviluppatori o degli stessi utenti. le chat room. Anche questi sono luoghi virtuali di discussione, ma con caratteristiche diverse dovute al fatto che si svolgono in tempo reale. Dispongono di un'immediatezza maggiore ma sono più difficili da gestire per la difficoltà di regolamentare le interazioni fra i vari partecipanti, richiedendo una maggior pratica per parteciparvi proficuamente. i giochi in rete. Si tratta di siti che consentono a comunità di giocatori di partecipare a giochi interattivi di vario genere. Possono essere di diverso genere, come giochi di simulazione, di ruolo oppure di avventura. i siti di reti sociali. Alcuni sono nati per mantenere i contatti con compagni di scuola o di università (Facebook), per condividere informazioni personali (MySpace), altri per creare una rete di contatti professionali (LinkedIn), altri ancora per condividere i micro-momenti della propria giornata (Twitter). Va notato che l'utilizzo reale e il successo di questi siti - tutti gratuiti - non era previsto dagli ideatori, alcuni dei quali studenti universitari (Facebook, MySpace), che hanno visto crescere il numero di utilizzatori. Esercizio Cercare informazioni relative a Twitter e a Linkedin per capire il loro utilizzo. In questa prima parte, sono stati esaminati i principali concetti che stanno alla base delle comunicazioni digitali, ed in particolare: cos'è la posta elettronica e come è strutturato un indirizzo di posta elettronica quali sono i vantaggi della posta elettronica rispetto a mezzi di comunicazione tradizionali cosa raccomanda la netiquette nell'uso della posta elettronica i possibili problemi derivanti dall'invio di file allegati come si collocano rispetto alla posta elettronica altri strumenti di comunicazione quali SMS, VoIP, IM e comunità virtuali in rete. Ogni argomento è stato accompagnato da un piccolo quiz le cui soluzioni sono riportate in appendice oppure da un esercizio di approfondimento e avvicinamento alle nuove tecnologie di comunicazione.

27 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2

28 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 2. Impostazione iniziale del programma In questa seconda parte, passiamo all'uso vero e proprio del programma di posta elettronica Mozilla Thunderbird e vediamo in particolare come: aprire e chiudere un programma di posta elettronica visualizzare o nascondere le Barre degli strumenti personalizzare l'aspetto delle cartelle contenente i messaggi configurare le modalità di risposta ai messaggi accedere alla Guida in linea di Thunderbird. I requisiti per seguire con profitto questa parte sono un po' più impegnativi rispetto a quelli dei programmi trattati negli altri IBUQ e relativi agli altri moduli dell'ecdl: disporre di un collegamento ad Internet, così come per Firefox disporre di una casella di posta elettronica aver installato Thunderbird e averlo configurato con i parametri di questa casella disporre di un corrispondente per scambiare qualche mail durante lo svolgimento degli esercizi. Non disponete di una casella di posta elettronica? Potete attivare una casella su Gmail (senza nessuna difficoltà visto che avete già svolto la prima parte di questo IBUQ su Firefox) e configurare Thunderbird in modo da accedervi. E' sufficiente: accedere all'indirizzo e scegliere Crea un account, seguendo el indicazioni riportate nel modulo di registrazione accedere all'indirizzo e seguire le indicazioni riportate per abbinare la vostra casella a Thunderbird. In caso di problemi di accesso, il percorso dei link a partire della home page di Gmail è Informazioni su Gmail / Centro assistenza Gmail / Opzioni di accesso POP / Thunderbird 2.0. Non disponete di un corrispondente con il quale scambiare messaggi?

29 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Fate comprare questo IBUQ a un amico, amica, parente, conoscente, compagno di banco,... e fate insieme gli esercizi. Ma che cosa è un programma (o client) di posta elettronica? Un programma, o client, di posta elettronica, è un programma che consente di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica tramite Internet, organizzare la casella nonché gestire la rubrica dei destinatari e le liste di distribuzione. I principali programmi di posta elettronica sono Outlook Express (Microsoft), Thunderbird (Mozilla) e Mail (Apple). Fra quelli FLOSS, quello maggiormente diffuso è Mozilla Thunderbird (Thunderbird è un marchio registrato della Mozilla Foundation). Ormai giunto alla versione 2, è regolarmente aggiornato e vanta un elevato livello di sicurezza che ne ha favorito la diffusione, anche sui sistemi operativi proprietari. Thunderbird organizza i messaggi di posta elettronica in diverse cartelle, elencate nella Barra laterale sinistra (Figura 2): Posta in arrivo. Contiene i messaggi ricevuti Bozze. Ospita i messaggi in corso di composizione ma non ancora completati né spediti Posta in uscita. Contiene (temporaneamente) i messaggi composti e in attesa di spedizione Posta inviata. Contiene i messaggi spediti Indesiderata (solo se attivata). Contiene i messaggi identificati come messaggi di spam. Cestino. Contiene i messaggi in seguito alla loro cancellazione da una delle altre cartelle. Figura 2: Le cartelle di posta Per visualizzare i messaggi di una particolare cartella, è sufficiente selezionare la cartella nella Barra laterale sinistra Aprire, chiudere un programma di posta elettronica. Aprire, chiudere un messaggio. Per aprire Mozilla Thunderbird, occorre: selezionare il menu Start / Tutti i programmi / Mozilla Thunderbird / Mozilla Thunderbird oppure fare doppio click sull'icona di Mozilla Thunderbird presente sul desktop. Mozilla Thunderbird Compare la finestra principale del programma (Figura 1). In generale, all'apertura del programma, viene

30 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 visualizzata la casella della Posta in arrivo contenente i messaggi ricevuti. Una volta terminata l'utilizzo del programma, per uscire da Thunderbird, occorre: selezionare il menu File / Esci (oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + Q) oppure fare click sul pulsante di chiusura della finestra del programma (o usare la combinazione di tasti Alt + F4). Attenzione Con lo sviluppo del World Wide Web, si è diffusa un'altra modalità di utilizzo della posta elettronica: la webmail, ossia la possibilità di accedere alla propria casella di posta elettronica tramite browser, senza la necessità di avere installato uno specifico programma di gestione della posta elettronica. Questa funzionalità, ormai ampiamente disponibile, permette di accedere alla propria casella di posta da un qualunque personal computer collegato ad Internet, non solo quello che si utilizza abitualmente, compresi quelli che offrono un accesso pubblico come gli Internet Café. Chiudi finestra Esercizio Aprire e chiudere Thunderbird, tramite il menu dei programmi e tramite l'icona presente sul desktop. Se non è presente l'icona sul Desktop, metterla Mostrare, nascondere le barre degli strumenti. Minimizzare, ripristinare la barra multifunzione. Thunderbird dispone delle barre comuni a molti programmi quali: la Barra del titolo, che riporta il nome della cartella visualizzata e della casella di posta elettronica, oltre al nome del programma la Barra dei menu, con le voci che permettono di richiamare le diverse funzioni del programma la Barra di stato, nella parte inferiore della pagina, che visualizza alcune informazioni durante l'uso del

31 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 programma. Gestisce inoltre una Barra degli strumenti, stranamente denominata Barra dei messaggi, che contiene diverse icone di uso frequente. Come impostazione standard, Thunderbird visualizza la Barra dei messaggi e la Barra di stato ma esse possono essere nascoste se si vuole lasciare più spazio al contenuto delle cartelle di messaggi e ai messaggi stessi. Per nascondere una barra, occorre: selezionare il menu Visualizza / Barre degli strumenti dal menu che compare (Figura 3, Figura 4), togliere il segno di spunta dalla barra che si vuole nascondere (Barra dei messaggi o Barra di stato) ripetere il comando per nascondere l'altra Barra degli strumenti. Per visualizzare una Barra degli strumenti, tramite lo stesso comando, rimettere il segno di spunta in corrispondenza della barra scelta. Infine la Barra dei menu e la Barra dei messaggi possono essere personalizzate con l'aggiunta o la rimozione di icone. Per questo, occorre fare click destro sulla barra corrispondente e, nel menu contestuale che compare, scegliere la voce Personalizza. Figura 3: Il menu Visualizza Esercizio Aprire Thunderbird. Nascondere una per una la Barra dei messaggi e la Barra di stato e valutarne gli effetti. Al termine, visualizzarle di nuovo tutte e due. Figura 4: Barre degli strumenti

32 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Inserire, eliminare intestazioni visualizzate dalla posta in entrata, quali: mittente, oggetto, data. Le diverse cartelle, fra le quali la Posta in arrivo, presentano il loro contenuto sotto forma di lista di messaggi in cui: ogni riga corrisponde ad un messaggio ogni colonna corrisponde ad un'informazione del messaggio. Come impostazione predefinita, sono visualizzate alcune colonne che corrispondono alle informazioni più importanti dei messaggi quali, fra le altre, mittente, oggetto e data. Thunderbird consente, per migliorare la produttività nell'uso del programma e permettere ad ogni utente di adattarlo alle proprie preferenze, di inserire nuove colonne o eliminarne per visualizzare le informazioni desiderate. Scegli le colonne da mostrare Per inserire o eliminare informazioni dalla lista dei messaggi ricevuti, occorre: aprire la cartella Posta in arrivo, selezionandola nella Barra laterale delle cartelle cliccare sull'icona Scegli le colonne da mostrare posta all'estremità destra della riga di intestazione delle colonne compare un menu (Figura 5) contenente la lista delle informazioni che possono essere visualizzate, con un segno di spunta vicino a quelle che sono attualmente visualizzate cliccare per mettere o togliere il segno di spunta in modo da inserire o eliminare l'informazione corrispondente dalla visualizzazione. Una volta inserita una colonna, la si può collocare nella posizione desiderata, semplicemente trascinandone l'intestazione con il mouse. Si procede nello stesso modo per le altre cartelle

33 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Nella cartella Posta in arrivo, aggiungere la colonna Dimensione. Spostarla subito dopo la colonna Oggetto. Eliminare la colonna Dimensione in modo da tornare alle impostazioni precedenti Ordinare i messaggi per nome, per data, per dimensione. Per scegliere la modalità abituale preferita di visualizzazione dei messaggi in una cartella oppure per effettuare una ricerca scorrendo i messaggi, Thunderbird permette di ordinarli secondo particolari criteri. Per ordinare i messaggi in una cartella, sulla base di un'informazione, occorre: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella da ordinare cliccare sull'intestazione della colonna sulla base della quale riordinare i messaggi in ordine crescente (alfabetico, cronologico,...) cliccare una seconda volta se si vuole riordinare i messaggi in ordine inverso. Anche se in generale si preferisce che l'informazione sulla quale effettuare il riordino sia visibile, va notato che il metodo appena descritto non può essere applicato se la colonna che definisce il riordino non è visibile. Figura 5: Le colonne da scegliere Un metodo di riordino alternativo, meno immediato ma più completo, consiste nel: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella da ordinare selezionare il menu Visualizza / Ordina per dal sotto-menu che compare, scegliere: (Figura 6) l'informazione sulla base della quale riordinare i messaggi il tipo di riordino: Ascendente (alfabetico, cronologico,...) o Discendente (ordine inverso).

34 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio (Questo esercizio richiede di avere una cartella contenente messaggi) Selezionare una cartella contenente dei messaggi. Se non è presente la colonna Data, inserirla. Ordinare i messaggi per data (con i messaggi più recenti in alto). Ripetere l'operazione su tutte le cartelle che contengono messaggi Impostare una opzione per rispondere con, senza l inserimento del messaggio originale. Quando si risponde ad un messaggio ricevuto è buona norma includerne il testo nel corpo del messaggio di risposta. In questo modo, chi riceve la risposta sa a che cosa essa si riferisce. Proprio per questo, le impostazioni predefinite di Thunderbird prevedono di inserire automaticamente il testo del messaggio ricevuto nella risposta. A volte però, per esigenze particolari, si può decidere di non citare il messaggio. Per scegliere l'opzione di rispondere con oppure senza l inserimento del messaggio originale, occorre: selezionare il menu Strumenti / Impostazioni account nella finestra di dialogo che compare, vengono elencati sulla sinistra gli accounts, ossia le caselle di posta elettronica configurate (possono anche essere più di una) aprire l'account con un doppio click oppure cliccando sul segno "+" posto alla sua sinistra in modo da visualizzare le diverse categorie di opzioni (Figura 7) selezionare la categoria Composizione e indirizzi nella parte destra, scegliere le opzioni relative: Inserisci automaticamente il messaggio originale nella risposta: mettere o togliere il segno di spunta per rispondere con o senza l'inserimento del messaggio al quale si risponde Dopodiché: (se si attiva l'opzione) scegliere se si vuole iniziare la risposta sopra o sotto il testo a cui si risponde al termine, confermare con OK. Figura 6: Visualizza / Ordina per

35 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Attenzione Si consiglia di impostare questa opzione in modo da posizionare il cursore PRIMA del testo del messaggio per inserire la risposta prima del messaggio al quale si risponde. In questo modo, aprendo il messaggio, la risposta più recente è immediatamente visibile, senza dover scorrere fino in fondo al messaggio. Esercizio Attivare l'opzione di inserimento del messaggio originale nel messaggio di risposta. Impostare l'opzione in modo che il cursore si posizioni prima del testo del messaggio al quale si risponde. Figura 7: Un account di posta elettronica Usare le funzioni di Guida in linea (help) del programma. La Guida di Thunderbird, così come quella di Firefox, non è integrata nel programma ma è disponibile tramite Internet. Per accedere alla guida, occorre: selezionare il menu Aiuto / Aiuto per Mozilla Thunderbird viene attivato il browser e si accede, per la versione italiana del programma, alla pagina della Guida sul sito di Mozillaitalia. Al momento in cui si scrive, la Guida è costituita da pagine statiche, senza funzione di ricerca ma presenta solo un indice che permette di accedere ai vari documenti ai aiuto, fra le quali una descrizione delle funzionalità, la FAQ o il forum di Thunderbird (Figura 8). In alternativa, l'utente incuriosito (o in difficoltà) può, se conosce l'inglese, accedere alla versione inglese della Guida in linea, accessibile tramite l'indirizzo

36 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Accedere alla Guida in linea di Thunderbird. Dalla home page di Mozilla Thunderbird Help, accedere al Forum di Thunderbird. Per un aiuto più interattivo, esplorare il Forum per capirne la struttura e il tipo di informazioni di supporto che vi si può trovare. In questa parte, sono state esaminate le impostazioni iniziali del programma, utili per configurarne l'aspetto e renderne l'uso più agevole. In particolare, si è visto come: visualizzare o nascondere le Barre degli strumenti personalizzare le intestazioni visualizzate nelle cartelle che compongono la casella di posta, aggiungendo, spostando o togliendo colonne ordinare i messaggi sulla base di una delle intestazioni configurare le modalità di risposta ai messaggi, scegliendo dove far comparire il testo della risposta rispetto al messaggi originario accedere alla Guida in linea di Thunderbird. Per ognuno di questi argomenti è stato svolto un esercizio di applicazione dei concetti presentati.

37 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Figura 8: La Guida in linea

38 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 3. Spedizione In questa terza parte, vedremo come spedire messaggi di posta elettronica tramite il client. Più specificatamente, esamineremo: come è strutturato un messaggio di posta elettronica come comporre un nuovo messaggio come allegare un file al messaggio come effettuare il controllo ortografico del messaggio e spedirlo Creare un nuovo messaggio. Come accennato, oltre alla Barra del titolo e alla Barra dei menu, Thunderbird gestisce la Barra dei messaggi. Ed è proprio tramite quest'ultima che si eseguono la maggior parte delle operazioni. Per creare un nuovo messaggio per l'invio, il modo più semplice è di: cliccare sull'icona Scrivi nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu File / Nuovo / Messaggio oppure adoperare la combinazione di tasti Ctrl + N) compare la finestra di composizione del messaggio (Figura 9), nella quale sono visualizzate le diverse parti che compongono il messaggio. Creare un nuovo messaggio. Esercizio Figura 9: La finestra di composizione dei messaggi Comprendere la differenza tra i campi A, Copia conoscenza (Cc), Copia nascosta (Ccn). Un messaggio di posta elettronica è composto da diverse parti, chiamate anche campi:

39 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 il mittente (corrispondente all'indirizzo abbinato alla casella di posta elettronica di chi spedisce) il destinatario (o i destinatari) l'oggetto il testo gli allegati. Anche se l'unica parte realmente obbligatoria è quella dei destinatari, è ragionevole pensare che almeno una delle altre tre debba esserci. Chi invia il messaggio ha a disposizione tre diverse modalità per identificare i destinatari, che acquistano rilevanza quando i destinatari sono più di uno. Per scegliere la tipologia, si inseriscono gli indirizzi dei destinatari in campi diversi del programma di posta elettronica: A: identifica i destinatari principali ai quali si invia il messaggio Cc (copia conoscenza): identifica i destinatari secondari del messaggio, quelli che ricevono il messaggio "per conoscenza" Ccn (copia conoscenza nascosta): identifica i destinatari "segreti" del messaggio, quelli che ricevono il messaggio senza che gli altri (sia principali, sia secondari) sappiano che essi lo hanno ricevuto. Il loro indirizzo di posta elettronica non compare nell'intestazione del messaggio. Occorre quindi ricordare che: inserendo gli indirizzi nei campi A e Cc, tutti i destinatari sanno chi ha ricevuto il messaggio e qual è il loro indirizzo di posta se si inseriscono numerosi indirizzi nel campo A o Cc, questi compaiono tutti nel messaggio, in particolare se lo si stampa. Come accennato, in questo caso va valutata la possibilità di inserire la lista nel campo Ccn per evitare che compaia l'intera lista nel messaggio. Quiz 14 Si può inserire il proprio indirizzo fra i destinatari? Inserire un indirizzo di posta elettronica nei campi A, Copia conoscenza (Cc), Copia nascosta (Ccn).

40 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 I destinatari sono identificati ognuno dal proprio indirizzo di posta elettronica e per ognuno andrà specificata la modalità di invio che si desidera (A, Cc, Ccn). Per inserire un destinatario, occorre quindi, nella zona dei destinatari (Figura 10) della finestra di composizione del messaggio: dal menu a tendina (Figura 11), scegliere la modalità di invio (A, Cc o Ccn) nel campo immediatamente a sinistra, digitare l'indirizzo completo di posta elettronica del destinatario Si ripete il procedimento sulle righe successive per ognuno degli altri destinatari. In qualunque momento, prima dell'invio del messaggio, si possono modificare le informazioni relative ai destinatari: per cambiare la modalità di invio, dal menu a tendina si sceglie la nuova modalità desiderata (A, Cc o Ccn) per cambiare il destinatario, cliccare sull'indirizzo da modificare, cancellare i caratteri con i tasti di cancellazione (Canc e Backspace), inserire i caratteri corretti (doppio clik sull'indirizzo del destinatario lo seleziona interamente) per eliminare un destinatario, cancellare tutti i caratteri dell'indirizzo e la riga stessa con i tasti di cancellazione. Figura 10: La zona dei destinatari Iniziamo a comporre il messaggio per i membri del Consiglio di Amministrazione ai quali dobbiamo inviare alcuni documenti. Esercizio Nel messaggio inserire: nel campo A l'indirizzo dei due membri del Consiglio di Amministrazione che si trovano nel file Destinatari.txt, precedentemente copiato nella cartella FLOSS\Modulo7 nel campo Ccn il proprio indirizzo di posta elettronica nel campo Cc l'indirizzo del corrispondente che collabora con voi allo svolgimento degli esercizi. Figura 11: I tipi di destinatari

41 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Inserire un titolo nel campo Oggetto. L'oggetto del messaggio, come quello di una lettera, indica qual è o a cosa si riferisce il messaggio. E' fondamentale: specificare sempre l'oggetto del messaggio. Inviare un messaggio senza oggetto fa sembrare il mittente un "principiante" e soprattutto rende l'archiviazione e la ricerca successiva difficoltose al destinatario scegliere un oggetto significativo, che richiami effettivamente l'argomento del messaggio, né troppo corto, né troppo lungo. Non solo l'oggetto è la prima parte del messaggio che viene letta dal destinatario, ma è anche quella che compare nella visualizzazione del contenuto delle cartelle, nella casella di posta. Per inserire un titolo nel campo oggetto, è sufficiente: posizionarsi nel campo Oggetto del messaggio con un click del mouse digitare il testo dell'oggetto. Nello stesso modo, si può modificare l'oggetto finché non è stato spedito il messaggio: per modificarlo, cliccare sull'oggetto, cancellare i caratteri con i tasti di cancellazione (Canc e Backspace), inserendo i caratteri corretti (doppio click sull'oggetto del messaggio lo seleziona interamente). Inserire nel campo Oggetto la scritta: Informazioni sul FLOSS Esercizio Salvare una bozza di un messaggio. Può capitare che la scrittura di un messaggio di posta elettronica sia interrotta da altre attività o richieda la ricerca o preparazione di documenti o più in generale si svolga in più momenti, su un arco temporale anche lungo. A volte, la sola ricerca dell'indirizzo mail del destinatario o di contenuti da allegare può prolungare il tempo di completamento del messaggio da spedire.

42 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 In questi casi, è conveniente salvare il messaggio non completato, ma in corso di scrittura, in un'apposita cartella dalla quale poi riprenderlo per il completamento e la spedizione. Una bozza di messaggio è quindi un messaggio non ancora spedito e in genere non ancora completato. Una delle cartelle che compongono la casella di posta è proprio la cartella Bozze, destinata ad accogliere quel tipo di messaggio. Si può quindi, durante la scrittura, salvare un messaggio come bozza. Per questo, occorre: cliccare sull'icona Salva nella Barra dei messaggi della finestra di Composizione del messaggio (oppure selezionare il menu File / Salva come / Bozza) il messaggio in corso di scrittura viene salvato nella cartella Bozze nella Barra laterale sinistra delle cartelle, viene evidenziata la cartella Bozze, che riporta anche il numero di messaggi in bozza presentii il messaggio sul quale si stava lavorando rimane aperto e lo si può così completare. Per utilizzare una bozza precedentemente creata, è sufficiente: nella Barra laterale delle cartelle, fare click sulla cartella Bozze per selezionarla compare la lista delle bozze presenti nella cartella fare doppio click su quella che si vuole completare il messaggio viene aperto nella finestra di Composizione. Esercizio Salvare una bozza del messaggio in corso di scrittura nella cartella Bozze Copiare testo da un altra fonte in un messaggio. Oltre all'oggetto, che identifica in modo sintetico e immediato l'argomento del messaggio, la parte più importante del messaggio è naturalmente il testo, che ne costituisce il contenuto vero e proprio. Così come l'oggetto, il testo dovrebbe sempre essere presente, anche se per ipotesi dovesse bastare il solo oggetto ad esprimere il motivo per il quale si invia il messaggio. In molti casi, il testo viene semplicemente digitato nel campo specifico, dopo averlo selezionato con un click del mouse. In alternativa, in particolare se il testo è lungo o se, in tutto o in parte, è già stato scritto con un

43 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 altro programma - per esempio di elaborazione testi - può essere inserito nel messaggio copiandolo dal documento nel quale è stato scritto e incollandolo nel messaggio. Per questo: aprire, con il programma relativo, il documento che contiene il testo da copiare selezionare nel documento il testo da copiare (per esempio trascinando il mouse dall'inizio alla fine del testo) copiare il testo negli appunti (in generale con il menu Modifica / Copia o con i tasti Ctrl + C) aprire il programma di posta elettronica ed in particolare la finestra di Composizione del messaggio posizionare il cursore del mouse nel campo del testo, dove si vuole inserire il testo copiato incollare il testo dagli appunti (in generale con il menu Modifica / Incolla o con i tasti Ctrl + V). Mentre i primi programmi di posta elettronica permettevano al mittente il solo inserimento di testo nel corpo del messaggio, senza nessun abbellimento grafico, ormai quasi tutti dispongono di funzionalità di editing che permettono di inserire nel testo varie formattazioni come grassetto, corsivo, sottolineatura, rientri, elenchi puntati e numerati, ecc. La maggior parte dei programmi di posta elettronica consente oggi di inserire nel testo del messaggio una vera e propria pagina HTML (e visualizzarla in ricezione), che può contenere quindi anche link ipertestuali e immagini. Di conseguenza, potrà essere utile "tenere sotto controllo" la formattazione del testo quando lo si incolla da un altro documento. Figura 12: Incollare del testo Per questo, per incollarlo nel testo del messaggio, in alternativa ai metodi appena illustrati, si può: fare click destro nel punto del messaggio dove si vuole inserire il testo dal menu contestuale che compare (Figura 12), selezionare: Incolla per incollare il testo dagli appunti, mantenendone - quando possibile - la formattazione Incolla senza formattazione per incollare soltanto il testo dagli appunti Incolla come citazione per incollare testo e formattazione, segnandoli con un carattere speciale nel margine sinistro che identifica una citazione (Figura 13). Figura 13: Incolla come citazione

44 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Digitare tale quale il seguente testo nel messaggio in corso di stesura: Gentili amministratori, in allegato alla presente, vi trasmetto un breve documento contenente alcune definizioni raccolte su Internet relative a FLOSS, Open Source e software libero. Vi ricordo la definizione di FLOSS, tratta da Wikipedia: ***** Allego inoltre una copia del Report menzionato nella citazione. Cordiali saluti Il Responsabile informatico Studente Dal documento Definizioni.rtf, copiare il testo iniziale che va da "Il termine Free/Libre..." fino a "... uno studio sulla materia." ed inserirlo nel messaggio al posto degli asterischi.

45 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Allegare un file a un messaggio. Togliere un allegato da un messaggio. La posta elettronica non permette il solo scambio di messaggi, sotto forma di oggetto e testo, ma è spesso utilizzata per scambiare archivi. In teoria qualunque file disponibile in forma elettronica può essere allegato ad un messaggio di posta elettronica e inviato ad uno o più destinatari. Si possono quindi inviare, per esempio: documenti, modificabili o non dal destinatario, composti da testo, tabelle, grafici, presentazioni, database,... immagini, in vari formati filmati file gestiti da specifici programmi. Ad ogni messaggio possono essere allegati uno o più file. Per allegare un file ad un messaggio, durante la composizione del messaggio, occorre: cliccare sull'icona Allega nella Barra dei messaggi della finestra di Composizione del messaggio (oppure selezionare il menu File / Allega / File) dalla finestra di dialogo che compare, spostarsi nell'unità e nella cartella dove si trova il file da allegare selezionare il file da allegare e confermare con il pulsante Apri. Nella parte destra della finestra di Composizione del messaggio, compare la zona degli allegati, con il nome del file appena allegato (Figura 14). Per allegare un altro file si può, oltre a ripetere le operazioni indicate, in alternativa: cliccare nella zona degli allegati. Si apre direttamente la finestra di dialogo per scegliere il file oppure fare click destro nella zona degli allegati e scegliere Allega file dal menu contestuale. Se più file da allegare sono presenti nella stessa cartella, si possono allegare in blocco al messaggio selezionandoli tutti (ripetendo la combinazione di tasti Ctrl + Click) e confermando con il pulsante Apri. Per togliere un allegato dal messaggio, si può in alternativa: fare click destro sul nome dell'allegato nella zona degli allegati e scegliere Elimina dal menu contestuale che compare (Figura 15)

46 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 oppure selezionare l'allegato con un click sul nome nella zona degli allegati e premere il tasto Canc. L'allegato viene tolto dal messaggio ma non viene cancellato il file originario corrispondente. Esercizio Allegare al messaggio il file Raccolta che avete scritto. Allegare al messaggio il file FLOSSworkshopreport.pdf scaricato precedentemente in un esercizio fatto con Firefox. Attenzione Segnaliamo un errore di distrazione che colpisce gli utenti di posta elettronica, principianti e affermati: dimenticare di allegare il file dopo aver scritto un bel testo del tipo "Trasmettiamo in allegato...". Per non sembrare sbadato, ognuno deve trovare il modo che gli è più confacente per evitare il problema. Figura 14: La zona degli allegati Usare uno strumento di controllo ortografico e correggere gli errori di ortografia. Anche se spesso la posta elettronica viene considerato un mezzo sbrigativo di comunicazione e si tende a scrivere in modo trascurato, senza interessarsi alla forma del testo, rientra fra le regole della Netiquette quella di inviare messaggi che almeno non abbiano errori di ortografia. Il controllo ortografico del testo del messaggio consiste nel confronto delle singole parole del messaggio con quelle presenti in un dizionario gestito da Thunderbird e nel segnalare eventuali parole non trovate. Figura 15: Elimina allegato Il controllo ortografico può avvenire secondo due modalità: durante la digitazione: man mano che si digitano le parole dell'oggetto o del testo, Thunderbird le cerca nel dizionario e segnala con una sottolineatura rossa ondulata (Figura 16) quelle non trovate alla fine della scrittura del messaggio, prima di inviare il messaggio: in questo caso, è l'utente che deve attivare esplicitamente il controllo ortografico, che avviene su tutto il testo del messaggio.

47 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Per attivare l'opzione di controllo ortografico durante la digitazione, occorre: selezionare il menu Strumenti / Opzioni nella finestra che compare, nella scheda Composizione scegliere la voce Ortografia selezionare l'opzione Abilita il controllo ortografico durante la digitazione in questo modo, verranno sottolineate le parole non trovate, man mano che si scrive. Nello stesso modo, nella stessa sezione, si può selezionare l'opzione Controlla ortografia prima di inviare, per far sì che il controllo ortografico venga automaticamente attivato al momento dell'invio di un messaggio. In caso contrario, la richiesta di controllo ortografico va richiesta esplicitamente prima di spedire il messaggio. Figura 16: Il controllo ortografico Per questo - ed è sempre buona norma farlo - bisogna: dalla finestra di Composizione del messaggio, cliccare sull'icona Ortografia nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu Opzioni / Ortografia, oppure la combinazione di tasti Ctrl + K) se sono presenti nel testo parole non presenti nel dizionario, compare la finestra di Controllo ortografico che segnala la prima incontrata (Figura 17) scegliere fra le diverse opzioni: Ignora: prosegue il controllo, lasciando invariata la parola non trovata, senza correggerla Sostituisce: sostituisce la parola non trovata con quella presente nel campo Sostituisci con, che può essere un suggerimento offerto dal programma o una parola sostitutiva digitata dall'utente Sostituisce tutti: la sostituzione viene effettuata ed estesa a tutte le ricorrenze della stessa parola presenti nel testo del messaggio Aggiungi vocabolo: aggiunge la parola non trovata al dizionario in modo da non segnalare più l'errore d'ora in poi. Attenzione Per poter attivare il controllo ortografico, occorre che il cursore del mouse sia posizionato nel campo di testo del messaggio. In caso contrario, i pulsanti e i comandi relativi sono disattivati

48 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Se non è già attivata, attivare l'opzione di Controllo ortografico durante la digitazione. Effettuare il controllo ortografico dell'intero messaggio Inviare un messaggio, inviare un messaggio con alta/bassa priorità. Al termine della composizione del messaggio, effettuato il controllo ortografico, si può procedere all'invio del messaggio, dopo averne deciso la priorità. Che cos'è la priorità di un messaggio di posta elettronica? Uno dei vantaggi della posta elettronica è la velocità di recapito dei messaggi. Generalmente, il tempo che intercorre tra l'invio del messaggio e la sua consegna nella casella del destinatario è dell'ordine di pochi minuti, indipendentemente dalla distanza. Di conseguenza il concetto di priorità abbinato ad un minor tempo di recapito, tipico della posta tradizionale, non avrebbe senso nella posta elettronica. Per priorità di un messaggio di posta elettronica, si intende infatti soltanto un indicatore che il mittente decide di abbinare al messaggio per informare il destinatario dell'importanza del messaggio, senza che questo abbia un'influenza sul tempo di consegna. Figura 17: La finestra Controllo ortografico Per impostare la priorità di un messaggio, è sufficiente: dalla finestra di Composizione del messaggio, selezionare il menu Opzioni / Priorità (Figura 18) scegliere il livello di priorità desiderato, a scelta fra le opzioni proposte (Figura 19). Se non se ne imposta esplicitamente la priorità, ad un messaggio viene assegnata la priorità predefinita Normale. A seconda della priorità, il messaggio verrà evidenziato in qualche modo dal programma di posta elettronica del destinatario. Per inviare il messaggio, è sufficiente: dalla finestra di Composizione del messaggio, cliccare sull'icona Invia oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + Invio

49 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 oppure selezionare il menu File / Invia subito. Il messaggio passa nella cartella Posta in uscita finché non viene spedito, per poi passare nella cartella Posta inviata dove ne rimane una copia. Esercizio Impostare la priorità del messaggio su Alta. Inviare il messaggio. In questa parte dedicata alla spedizione dei messaggi, dopo aver visto come è strutturato un messaggio di posta elettronica, abbiamo analizzato come: creare e comporre un nuovo messaggio e indirizzarlo ai destinatari salvare una bozza durante la stesura del messaggio allegare un file al messaggio copiare nel messaggio del testo preso da un documento effettuare il controllo ortografico del messaggio assegnare una priorità al messaggio spedire infine il messaggio. Figura 18: Il menu Opzioni Figura 19: Le priorità

50 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2

51 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 4. Ricezione Questa quarta parte è dedicata alla ricezione dei messaggi di posta elettronica e al loro trattamento. Quanto abbiamo visto in precedenza sulla gestione delle cartelle (riordino, aggiunta di colonne di informazioni) vale per la Posta in arrivo come per ogni altra cartella. Esamineremo in modo specifico come: aprire un messaggio ricevuto rispondere ad un messaggio ricevuto inoltrare un messaggio ricevuto ad altri destinatari salvare un file allegato ed utilizzarlo. Per lo svolgimento degli esercizi di questa parte, è utile che siano presenti dei messaggi ricevuti nella cartella Posta in arrivo. Se avete svolto gli esercizi precedenti, dovreste aver ricevuto almeno il messaggio che avete indirizzato a voi stessi e quello che il vostro volenteroso corrispondente vi ha spedito in risposta al vostro invio. E' utile in tutti i modi disporre di un messaggio ricevuto che contenga uno o più allegati Aprire, chiudere un programma di posta elettronica. Aprire, chiudere un messaggio. Per aprire un messaggio, è sufficiente: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella che contiene il messaggio. Nel caso di messaggio ricevuto, la cartella Posta in arrivo scorrere l'elenco dei messaggi della cartella fino a far comparire quello desiderato fare doppio click sulla riga corrispondente al messaggio si apre una finestra che visualizza il messaggio. Per chiudere un messaggio aperto, occorre: nella finestra del messaggio, selezionare il comando di menu File / Chiudi (o utilizzare la combinazione di tasti Ctrl + W) oppure fare click sul pulsante di chiusura della finestra del messaggio (o usare la combinazione di tasti Alt + F4).

52 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Aprire e chiudere un messaggio ricevuto Usare le funzioni Rispondi e Rispondi a tutti. Thunderbird memorizza i messaggi ricevuti nella cartella Posta in arrivo, che si può aprire selezionandola nella Barra laterale delle cartelle. Viene così visualizzata la lista dei messaggi, scorrendo la quale si accede a quello desiderato. Naturalmente, l'azione più frequente che si compie su un messaggio ricevuto è quella di leggerlo. Per leggere un messaggio ricevuto, è sufficiente: aprire la cartella Posta in arrivo, selezionandola nella Barra laterale delle cartelle selezionare il messaggio desiderato scorrendo la lista fare doppio click sul messaggio per aprirlo e leggerlo al termine, per chiudere il messaggio è sufficiente: nella finestra del messaggio, selezionare il menu File / Chiudi (o usare i tasti Ctrl + W) si ritorna così alla finestra del programma di posta elettronica. Attenzione Spesso il programma di posta elettronica è configurato in modo da visualizzare nella parte destra: in alto, la lista dei messaggi presenti in una cartella (quella selezionata) in basso, l'anteprima del messaggio selezionato. Di conseguenza, la sola selezione del messaggio nella lista ne visualizza il contenuto nell'anteprima. Oltre all'ovvia lettura, si possono effettuare diverse azioni su un messaggio ricevuto, ed in particolare: rispondere

53 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 inoltrare cancellare salvare gli allegati al messaggio. Rispondendo, si può scegliere se inviare la risposta al solo mittente del messaggio originale oppure al mittente e ai destinatari che lo hanno ricevuto. Per rispondere al solo mittente, occorre: selezionare (oppure aprire) il messaggio cliccare sull'icona Rispondi presente nella Barra dei messaggi (o selezionare il menu Messaggio / Rispondi, oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + R) si apre la finestra di composizione del messaggio, con diversi campi precompilati: il destinatario: con l'indirizzo di posta elettronica di chi ha inviato il messaggio l'oggetto: con l'oggetto del messaggio ricevuto, preceduto dalla sigla Re:, ad indicare che si tratta di un messaggio di risposta il testo: con una copia, evidenziata lateralmente con un segno, del testo del messaggio ricevuto. digitare nel testo del messaggio, o prima o dopo il messaggio originario, il testo della risposta e la firma inviare il messaggio di risposta, cliccando sull'icona Invio o in uno degli altri modi esaminati. Per rispondere al mittente ed anche ai destinatari, occorre: selezionare (oppure aprire) il messaggio cliccare sull'icona Rispondi a tutti presente nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu Messaggio / Rispondi a tutti, oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + Maiusc + R) si apre la finestra di composizione del messaggio, con diversi campi precompilati: i destinatari: con l'indirizzo di posta elettronica di chi ha inviato il messaggio e di tutti quelli che ne erano i destinatari l'oggetto: con l'oggetto del messaggio ricevuto, preceduto dalla sigla Re:, ad indicare che si tratta di un messaggio di risposta il testo: con una copia, evidenziata lateralmente con un segno, del testo del messaggio ricevuto digitare nel testo del messaggio, preferibilmente prima del messaggio originario, il testo della risposta e la firma inviare il messaggio di risposta, cliccando sull'icona Invio o in uno degli altri modi esaminati. In tutti e due i casi, anche se i campi sono precompilati, si possono apportare tutte le modifiche,

54 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 cancellazioni o aggiunte desiderate, prima di inviare il messaggio di risposta. Se per esempio, si vuole spedire il messaggio a tutti tranne uno dei destinatari, è sufficiente cancellare l'indirizzo dalla lista dei destinatari. Attenzione Si consiglia di inserire la risposta PRIMA del messaggio al quale si risponde. In questo modo, aprendo il messaggio, la risposta più recente è immediatamente visibile, senza dover scorrere fino in fondo al messaggio. Come impostazione predefinita, Thunderbird prevede di posizionare il cursore per inserire la risposta DOPO il messaggio al quale si risponde. Si consiglia di modificare questa impostazione, come descritto al punto del Syllabus, per posizionare il cursore PRIMA del testo del messaggio, velocizzando così l'inserimento della risposta. Esercizio Rispondere ad un messaggio ricevuto, prima al solo mittente poi a tutti Inoltrare un messaggio. Inoltrare un messaggio serve ad inviare un messaggio ad un destinatario che non lo aveva ricevuto direttamente dal mittente ma che riteniamo debba essere informato del contenuto del messaggio. Per inoltrare un messaggio ricevuto, è sufficiente: selezionare (oppure aprire) il messaggio cliccare sull'icona Inoltra presente nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu Messaggio / Inoltra, oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + L) si apre la finestra di composizione del messaggio, con diversi campi precompilati: l'oggetto: con l'oggetto del messaggio ricevuto, preceduto dalla sigla Fwd:, ad indicare che si tratta di un messaggio inoltrato (Fwd sta per forward) il testo: contenente il testo del messaggio ricevuto

55 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 inserire l'indirizzo di posta elettronica del o dei destinatari digitare nel testo del messaggio, o prima o dopo il messaggio originario, un eventuale testo di accompagnamento al messaggio e la firma inviare il messaggio, cliccando sull'icona Invio o in uno degli altri modi esaminati. Attenzione Si consiglia di inserire il testo di accompagnamento PRIMA del messaggio che si inoltra. In questo modo, aprendo il messaggio, il testo è immediatamente visibile, senza dover scorrere fino in fondo al messaggio. Esercizio Inoltrare un messaggio ricevuto all'indirizzo del Direttore Generale che si trova nel file Destinatari.txt presente nella cartella FLOSS\Modulo Salvare un allegato su un unità disco e aprire il file. Così come possiamo spedire dei file in allegato ad un messaggio di posta elettronica, nello stesso modo possiamo riceverli. Thunderbird archivia gli allegati insieme ai messaggi ricevuti nella cartella Posta in arrivo, visualizzandone la presenza nell'anteprima del messaggio che li contiene. E' utile salvare un allegato su un'unità a disco (o su un'unità scrivibile di altro genere) per poterlo utilizzare successivamente. Va notato che pur potendo ricevere pressoché qualunque tipo di file in allegato ad un messaggio di posta elettronica, occorre disporre del programma adatto per aprirlo ed utilizzarlo. Thunderbird prende in carico soltanto l'invio e la ricezione dei file, non il loro successivo utilizzo. Ricevendo per esempio un file in formato PDF, occorre disporre del programma Adobe Acrobat Reader o analogo per poterlo aprire, visualizzare e stampare. Figura 20: Salva un allegato Per salvare un allegato su un'unità di memorizzazione, per esempio un disco, occorre: selezionare (oppure aprire) il messaggio nell'anteprima (oppure nella parte bassa del messaggio se questo è aperto), fare click destro sull'allegato dal menu contestuale che compare scegliere la voce Salva come (Figura 20)

56 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 nella finestra di dialogo, scegliere l'unità e la cartella dove salvare l'allegato modificare eventualmente il nome del file confermare con il pulsante Salva. In alternativa, utilizzando il menu, per salvare un allegato su un'unità a disco, occorre: selezionare (oppure aprire) il messaggio selezionare il menu File / Allegati scegliere l'allegato da salvare scegliere la voce Salva come nella finestra di dialogo, scegliere l'unità e la cartella dove salvare l'allegato modificare eventualmente il nome del file confermare con il pulsante Salva. Se un messaggio ha più allegati, li si può salvare singolarmente - in qual caso si procede come appena descritto - oppure tutti in una sola operazione. In questo caso, si procede come descritto ma anziché scegliere il singolo allegato, nel menu si sceglie la voce Salva tutti. Una volta salvato l'allegato sull'unità a disco lo si può aprire tramite un'applicazione in grado di gestire il formato corrispondente. Se l'allegato ricevuto è in formato OpenOffice.org Writer, per esempio, lo si potrà aprire con OpenOffice.org. Per questo si procede nei modi consentiti dal sistema operativo utilizzato, dall'applicazione e dal modo in cui è stato installata. In generale, si potrà: aprire il programma e, tramite il menu File / Apri, accedendo alla cartella nella quale c'è il file salvato, aprire il file oppure accedendo da sistema operativo alla cartella, facendo doppio click sul file salvato, attivare l'applicazione collegata in modo da aprirlo oppure fare click destro sul file salvato e, dal menu contestuale che compare, scegliere la voce Apri.

57 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Attenzione In Thunderbird, si può anche aprire direttamente un allegato dal messaggio, senza salvarlo preliminarmente. Infatti, purché quel tipo di file sia collegato ad un'applicazione, facendo doppio click sull'allegato Thunderbird richiama l'applicazione che a sua volta apre il file. Anche se può sembrare più immediato, si sconsiglia questo modo di procedere in quanto le eventuali modifiche apportate al file non vengono salvate come ci si aspetterebbe. Thunderbird infatti non apre il file allegato che ha memorizzato nella cartella Posta in arrivo ma ne fa una copia temporanea che viene aperta dall'applicazione ma che viene cancellata alla chiusura. Esercizio Creare una cartella di nome Allegati nella cartella FLOSS\Modulo7. Salvare in questa cartella i due file allegati al messaggio ricevuto. Aprire i due file per visualizzarne il contenuto. In questa parte abbiamo esaminato come gestire i messaggi di posta elettronica ricevuti nella nostra casella. In particolare, si è visto come: aprire e chiudere un messaggio ricevuto rispondere ad un messaggio ricevuto, o al solo mittente o a tutti i destinatari del messaggio originario inoltrare un messaggio ad altri destinatari salvare un file allegato ed aprirlo (pur di disporre dei programmi necessari). Negli esercizi, si è provveduto a rispondere ai messaggi ricevuti, inoltrarne uno al Direttore Generale e a salvare alcuni allegati ricevuti in apposita cartella.

58 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 5. Gestione dei messaggi E' molto utile adoperare Thunderbird come programma di archiviazione dei messaggi di posta elettronica, oltre che come programma di invio e ricezione. E' quindi importante conoscere le funzionalità offerte dal programma per organizzare i messaggi in particolare quando, dopo un certo periodo di utilizzo, diventano numerosi. In questa parte vedremo quindi le modalità di gestione che facilitano l'organizzazione dei messaggi, ed in particolare come: marcare o smarcare un messaggio differenziare messaggi già letti e messaggi non ancora letti cercare i messaggi sulla base di diversi criteri organizzare i messaggi in cartelle Marcare un messaggio di posta elettronica. Smarcare un messaggio di posta elettronica. Oltre ad utilizzare Thunderbird come programma di posta elettronica per l'invio e la ricezione dei messaggi, lo si può anche sfruttare in una certa misura per le sue funzionalità di archiviazione (e successiva ricerca) dei messaggi. In quest'ottica, si dispone di diverse funzioni che ne facilitano la gestione, fra le quali la possibilità di marcare un messaggio per catalogarlo per categoria. Una prima possibilità offerta da Thunderbird è quella di assegnare al messaggio una o più etichette. Per questo, occorre: selezionare il messaggio cliccare sull'icona Etichetta nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu Messaggio / Etichetta, oppure fare click destro sul messaggio e scegliere la voce Etichetta nel menu che compare) mettere un segno di spunta cliccando sull'etichetta desiderata, fra quelle predefinite: Importante Lavoro Personale

59 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Da fare Più tardi. La presenza di un'etichetta in un messaggio si manifesta in diversi modi: il messaggio compare nella cartella di appartenenza con il colore dell'etichetta quando selezionato, il messaggio è evidenziato con il colore dell'etichetta se è stata attivata ed è quindi visibile la colonna Etichetta, contiene il nome dell'etichetta assegnata al messaggio. Va notato che: si possono assegnare più etichette allo stesso messaggio, ripetendo la procedura descritta si può eliminare un'etichetta da un messaggio, tramite la stessa procedura, togliendo il segno di spunta si possono creare nuove etichette, scegliendone la descrizione e il colore di visualizzazione. Figura 21: Messaggi letti e non letti Mentre le etichette costituiscono una funzionalità interamente gestibile e personalizzabile dall'utente, esiste un'altra forma di catalogazione dei messaggi gestibile in parte dall'utente nell'ambito degli automatismi del programma: la marcatura vera e propria dei messaggi. Esercizio Marcare come "Importante" il messaggio inviato ai membri del Consiglio di Amministrazione Identificare un messaggio come letto, non letto. Marcare un messaggio come non letto, già letto. Un messaggio appena ricevuto compare nella casella Posta in arrivo con un'evidenza particolare: normalmente è in grassetto ed è segnato con un pallino verde nella colonna Letto. Questa marcatura, assegnata automaticamente da Thunderbird, indica che si tratta di un messaggio non ancora letto. (Figura 21) Quando si seleziona o si apre un messaggio, Thunderbird lo identifica automaticamente come Letto, cambiandone la marcatura, cioè il modo di visualizzarlo. Messaggi già letti sono tipicamente visualizzati senza grassetto e con un pallino più piccolo grigio.

60 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Per facilitare la gestione della propria posta elettronica, può essere utile cambiare manualmente la marcatura del messaggio. Il caso più frequente è quello di segnare come Non letto un messaggio già letto, in modo da evidenziarlo di nuovo, per ricordarsi di riprenderlo successivamente, per esempio per rispondervi. Si può però anche effettuare l'operazione inversa, ossia marcare come letto un messaggio non letto. Per marcare un messaggio come Letto oppure come Non letto, occorre: selezionare (o aprire) il messaggio selezionare il menu Messaggio / Marca (oppure fare click destro sul messaggio e scegliere Marca dal menu che compare) cliccare sulla voce Letto per mettere (o togliere) il segno di spunta a seconda si voglia contrassegnare il messaggio come Letto o Non Letto cambia il modo in cui è evidenziato il messaggio. Va notato che questi interventi manuali hanno effetto nell'ambito degli automatismi di Thunderbird: se si segna manualmente un messaggio come Non letto e lo si apre, Thunderbird lo marca come Letto. Esercizio Aprire per la lettura un messaggio ricevuto. Chiuderlo successivamente. Marcare come "Non letto" il messaggio Cercare un messaggio per mittente, oggetto, contenuto. Assegnare delle etichette ai messaggi ne permette la catalogazione per categorie e quindi ne facilita la ricerca successiva. Spesso però la ricerca vera e propria dei messaggi avviene sulla base delle informazioni che essi contengono, fra le quali mittente, oggetto o contenuto. Thunderbird prevede due tipi di ricerca: una ricerca rapida, basata su un'unica informazione dei messaggi e fatta nella cartella per volta una ricerca avanzata, che permette di combinare più condizioni e di effettuare la ricerca su più cartelle.

61 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Per effettuare una ricerca rapida, si utilizza la casella di ricerca presente nella Barra dei messaggi ( Figura 22), specificando: l'informazione sulla quale effettuare la ricerca: cliccando sull'icona posta immediatamente a sinistra della casella di ricerca e scegliere la voce corrispondente, fra quelle proposte (Figura 23): Oggetto: cerca la parola nel solo oggetto Mittente: cerca nel solo identificativo del mittente Oggetto o Mittente: cerca sia nell'oggetto sia nel mittente A: o Cc: cerca fra i destinatari dei messaggi, sia il destinatari principale sia quelli che hanno ricevuto il messaggio per conoscenza Messaggio completo: cerca la parola nell'intero testo del messaggio la parola da cercare: digitandola nella casella di ricerca. La ricerca avviene nella cartella visualizzata ed è di tipo Live Search ossia, man mano che si digitano i caratteri che compongono la parola da cercare, sono visualizzati i messaggi che soddisfano il criterio. Per eliminare il criterio di ricerca e tornare alla visualizzazione completa della cartella, cliccare sull'icona posta immediatamente a destra della casella di ricerca (oppure cancellare il contenuto della casella di ricerca). Per effettuare una ricerca avanzata, occorre: nella Barra delle cartelle, sulla sinistra, fare click destro sulla cartella nella quale si vuole fare la ricerca oppure sul nome dell'account, se si vuole fare una ricerca su tutte le cartelle oppure selezionare il menu Modifica / Trova / Cerca messaggi (oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + Maiusc + F). Figura 22: La casella di ricerca Figura 23: I criteri di ricerca Nella finestra di dialogo che compare (Figura 24), occorre specificare i criteri di ricerca, tramite le seguenti opzioni: Cerca tra i messaggi in: specificando la cartella o l'account nel quale effettuare la ricerca Cerca nelle sottocartelle: inserendo un segno di spunta se si desidera che la ricerca avvenga anche nelle eventuali sottocartelle della cartella selezionata Soddisfano tutte le condizioni/anche solo una condizione: nel caso in cui vengano successivamente specificate più condizioni, specificando se devono essere verificate tutte (operatore logico AND) o se ne basta una (operatore logico OR)

62 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Le condizioni vere e proprie: ognuna costituita da tre parti: l'informazione sulla quale effettuare la ricerca: il menu a discesa (Figura 25) presenta tutte le informazioni fra le quali si può scegliere l'operatore da adoperare: che definisce il tipo di confronto che verrà applicato durante la ricerca (contiene, non contiene, è, non è, inizia con, finisce con) (Figura 26) la parola da cercare cliccare sull'icona Cerca per attivare la ricerca i cui risultati, ossia i messaggi trovati, sono visualizzati nella parte inferiore della finestra. Per aggiungere un'ulteriore condizione di ricerca, occorre cliccare sul pulsante Aggiungi regola. Per rimuovere una condizione di ricerca, occorre cliccare sul pulsante Elimina questa regola. Figura 24: La finestra di ricerca avanzata Esercizio Cercare fra i messaggi ricevuti quelli spediti da un vostro corrispondente, sulla base del suo indirizzo di posta elettronica. Cercate fra i messaggi spediti quelli contenenti FLOSS nell'oggetto. Cercate fra tutti i messaggi quelli contenenti FLOSS nel testo del messaggio Creare, eliminare una cartella di posta. Con un uso regolare della posta elettronica, è facile trovarsi a gestire diverse migliaia di messaggi, fra quelli ricevuti e quelli inviati. Anche sfruttando le capacità di catalogazione e ricerca di Thunderbird, può diventare difficile ritrovare dei messaggi nella casella di posta elettronica. Una possibilità offerta da Thunderbird è di creare delle cartelle personali, in aggiunta a quelle standard, nelle quali trasferire i messaggi, in modo da suddividerli per tema, progetto, argomento o qualunque altro criterio risulti comodo. Le cartelle personali dell'utente possono essere create nella casella stessa, allo stesso livello delle cartelle predefinite oppure all'interno di altre cartelle, come sottocartelle. Si sconsiglia di creare cartelle all'interno delle cartelle predefinite (Posta in arrivo, Posta inviata,...). E' infatti raccomandato, affinché il programma rimanga veloce ed efficiente che tali cartelle - in particolare Posta in arrivo - siano mantenute il più vuote possibile. Di conseguenza, è una buona abitudine creare cartelle direttamente nella casella di posta e trasferirvi i messaggi ricevuti.

63 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Figura 25: I dati da cercare Figura 26: L'operatore di confronto

64 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Per creare una cartella, occorre: selezionare il menu File / Nuovo / Cartella (oppure fare click destro nella Barra laterale delle cartelle e scegliere Nuova cartella oppure Nuova sottocartella, a seconda di quello che compare) nella finestra di dialogo che compare: (Figura 27) inserire il nome da assegnare alla cartella selezionare l'account nel quale creare la cartella vengono visualizzate le cartella già esistenti selezionare quella in cui si vuole creare la nuova cartella oppure la voce Scegliere questa come principale, se la si vuole creare allo stesso livello delle cartelle predefinite confermare con OK. La nuova cartella compare nella Barra laterale delle cartelle (Figura 28). La struttura e l'utilizzo delle cartelle e sottocartelle del programma di posta elettronica sono molto simili a quelli del sistema operativo. Per cancellare una cartella, occorre: nella Barra laterale delle cartelle, cliccare sulla cartella da eliminare per selezionarla selezionare il menu Modifica / Elimina cartella (oppure premere il tasto Canc) nella richiesta di conferma che compare, cliccare sul pulsante OK per confermare la cancellazione o su Annulla per rinunciare all'operazione. Figura 27: File / Nuovo / Cartella Esercizio Creare nella casella di posta elettronica, fuori dalle cartelle standard, una cartella di nome FLOSSRicevuti. Creare nella casella di posta elettronica, fuori dalle cartelle standard, una cartella di nome FLOSS. Cancellare la cartella FLOSSRicevuti Spostare messaggi in una cartella. Figura 28: La nuova cartella Se si organizzano i messaggi, per esempio quelli ricevuti, spostandoli dalla cartella Posta in arrivo e

65 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 suddividendoli in diverse cartelle personali, si ottiene un miglioramento delle prestazioni del programma. Una volta creata la cartella, vi sono diversi modi per spostarvi un messaggio. Per spostare in una cartella un messaggio ricevuto, è sufficiente: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella Posta in arrivo cliccare sul messaggio da spostare per selezionarlo. A questo punto si può, in alternativa: selezionare il menu Messaggio / Sposta scegliere in sequenza l'account e la cartella nella quale spostare il messaggio oppure fare click destro sul messaggio dal menu contestuale che compare, scegliere la voce Sposta scegliere in sequenza l'account e la cartella nella quale spostare il messaggio oppure trascinare con il mouse il messaggio nella Barra laterale delle cartelle e rilasciarlo nella cartella in cui va spostato. Le stesse operazioni possono essere fatte a partire da qualunque cartella, e non solo da Posta in arrivo. In modo del tutto simile, anziché spostare, si può copiare un messaggio da una cartella ad un'altra. Esercizio Spostare il messaggio ricevuto contenente i due allegati nella cartella FLOSS appena creata in Thunderbird. Quiz 15 Come fare a copiare anziché spostare un messaggio da una cartella ad un'altra trascinando il mouse?

66 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione Eliminare un messaggio. E' raro che si debbano cancellare messaggi per problemi di spazio, vista la capacità dei dischi dei moderni personal computer. Abbiamo visto inoltre che è conveniente sfruttare le funzionalità di archiviazione di Thunderbird e quindi conservare i messaggi nella casella di posta. E' frequente invece la necessità di cancellare un messaggio ricevuto perché si tratta di un messaggio di SPAM o di un messaggio inutile. Per cancellare un messaggio, occorre: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella contenente il messaggio selezionare (oppure aprire) il messaggio cliccare sull'icona Elimina presente nella Barra dei messaggi (oppure selezionare il menu Modifica / Elimina messaggio, oppure premere il tasto Canc) il messaggio viene cancellato. E' possibile cancellare da una cartella più di un messaggio per volta. Per questo è sufficiente selezionare tutti quelli da cancellare prima di effettuare la cancellazione vera e propria. La selezione multipla può avvenire in diversi modi: tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando sui singoli messaggi, anche non consecutivi, per aggiungerli alla selezione (cliccando di nuovo, si toglie il messaggio dalla selezione) se i messaggi sono consecutivi, cliccando sul primo e, tenendo premuto il tasto Maiusc, cliccando sull'ultimo usando la combinazione di tasti Ctrl + A per selezionare tutti i messaggi della cartella (se si è proprio sicuri di volerli cancellare tutti). Cancellare un messaggio significa spostarlo nel Cestino di Thunderbird da dove, se necessario, lo si potrà recuperare in qualunque momento per riportarlo nella cartella di origine. Il messaggio viene realmente rimosso solo se lo si cancella dal Cestino oppure se si vuota il Cestino. Esercizio Eliminare il messaggio appena inserito nella cartella FLOSS. Visualizzare il contenuto del cestino.

67 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Attenzione Il Cestino gestito da Thunderbird, nel quale vengono messi i messaggi cancellati, è indipendente da quello del sistema operativo nel quale vengono posti i file cancellati Recuperare un messaggio dal cestino. Come visto, cancellare un messaggio significa spostarlo nel Cestino di Thunderbird. In quest'ottica, il Cestino va visto come una cartella al pari delle altre. Sono quindi disponibili le stesse funzionalità di copia e spostamento del messaggi da una cartella ad un'altra. Recuperare un messaggio dal cestino equivale quindi a spostarlo nella sua cartella originaria, in uno dei diversi modi possibili. Per recuperare un messaggio dal cestino, è sufficiente: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella Cestino cliccare sul messaggio da spostare per selezionarlo. A questo punto si può, in alternativa: selezionare il menu Messaggio / Sposta scegliere in sequenza l'account e la cartella dalla quale era stato cancellato il messaggio oppure fare click destro sul messaggio dal menu contestuale che compare, scegliere la voce Sposta scegliere in sequenza l'account e la cartella dalla quale era stato cancellato il messaggio oppure trascinare con il mouse il messaggio nella Barra laterale delle cartelle e rilasciarlo nella cartella da cui proveniva. Questa operazione è possibile fintantoché il messaggio non è stato esplicitamente cancellato dal Cestino o non è stato svuotato il Cestino.

68 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Ripristinare il messaggio cancellato riportandolo nella sua cartella originaria. Abbiamo visto in questa parte come organizzare l'archiviazione dei messaggi, per facilitarne la ricerca successiva, volendo utilizzare Thunderbird per archiviare i messaggi spediti e ricevuti. In modo specifico, abbiamo analizzato come: assegnare un etichetta ad un messaggio per evidenziarlo o smarcarlo identificare un messaggio come letto oppure non letto cercare un messaggio sulla base di informazioni in esso contenute creare cartelle per suddividere i messaggi o eliminarle spostare e cancellare messaggi oppure recuperali dal cestino.

69 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 6. Stampa Visualizzare l anteprima di stampa di un messaggio, stamparlo usando le opzioni di stampa disponibili. L'argomento del modulo 7 dell'ecdl è intitolato Visualizzare l anteprima di stampa di un messaggio, stamparlo usando le opzioni di stampa disponibili. Ci sentiamo di suggerire di modificare la denominazione di questo argomento in "Visualizzare l anteprima di stampa di un messaggio, stamparlo solo se è strettamente indispensabile, usando le opzioni di stampa disponibili". Non è infatti una buona abitudine, come purtroppo qualcuno fa ancora, stampare tutti i messaggi ricevuti prima ancora di averli letti, buttare quelli inutili e archiviare gli altri in forma cartacea riempiendo i cassetti della scrivania. E magari cancellarli dal programma di posta elettronica. Si consiglia invece di sfruttare Thunderbird per archiviare e successivamente ricercare tutto quanto transita dalla posta elettronica, in ricezione o in spedizione. Come abbiamo visto al punto precedente, Thunderbird dispone di diverse funzioni che facilitano archiviazione e ricerca successiva. Se proprio bisogna stampare un messaggio, vediamo alcune delle funzionalità che ci vengono in aiuto. Per visualizzare l'anteprima di stampa di un messaggio, dopo averlo selezionato o aperto, è sufficiente: selezionare il menu File / Anteprima di stampa (oppure fare click destro sul messaggio e scegliere Anteprima di stampa dal menu contestuale) compare una finestra che visualizza come verrà stampato il messaggio, con le impostazioni attuali. Nella parte superiore della finestra di anteprima, è visualizzata una barra con diversi pulsanti: Stampa. Attiva la stampa vera e propria del messaggio (equivale al comando di menu File / Stampa) Imposta pagina. Permette di impostare i parametri di stampa (equivale al comando File / Imposta pagina)

70 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Spostamento fra le pagine. Se il messaggio richiede più pagine per essere stampato, le frecce che identificano i pulsanti Prima pagina, Pagina precedente, Pagina successiva, Ultima pagina permettono di scorrere tra le pagine Scala. Permette di ridurre l'area di stampa nella pagina o adattarla alle dimensioni del foglio Verticale/Orizzontale. Sceglie l'orientamento della pagina Chiudi. Permette di uscire dall'anteprima di stampa e tornare alla visualizzazione normale del messaggio. Per impostare le opzioni di stampa e stampare un messaggio di posta elettronica, occorre: selezionare il menu File / Stampa (oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + P, oppure fare click destro sul messaggio e scegliere Stampa dal menu contestuale) dalla finestra di dialogo Stampa che compare (Figura 29), si può scegliere: la stampante, e impostarne le proprietà l'intervallo di stampa, scegliendo se stampare: tutte le pagine (se il messaggio richiede più pagine per essere stampato) una sequenza di pagine (da a ) per stamparne solo alcune il numero di copie e se fascicolarle (per preservare l'ordine) oppure no al termine, cliccare sul pulsante OK per avviare la stampa. In alternativa ad una stampa vera e propria sulla stampante, molti programmi, fra i quali Thunderbird, permettono di "stampare su file" ossia creare un file su disco che contiene tutto quanto sarebbe stato inviato alla stampante. Tale file contiene quindi una sorta di "immagine della stampa" e può essere successivamente inviato ad una stampante purché di stesso modello (o compatibile) di quella attiva quando è stato creato. Figura 29: File / Stampa Esercizio Visualizzare l'anteprima di stampa del messaggio inviato al Consiglio di Amministrazione. Stamparne una copia sperimentando le diverse opzioni di stampa. In questa breve parte dedicata alla stampa abbiamo visto come visualizzare l'anteprima di stampa del messaggio e come stamparlo, se proprio necessario (!), gestendo le opzioni di stampa.

71 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2

72 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 7. Operazioni finali Oltre ad aiutarci nella gestione dei messaggi, nei modi che sono stati visti, Thunderbird facilita anche la gestione dei corrispondenti con i quali comunichiamo per posta elettronica. In questa parte, vediamo: la gestione delle rubriche, con l'aggiunta di un corrispondente e la sua cancellazione l'aggiornamento della rubrica dalla posta in arrivo la gestione delle liste di distribuzione Aggiungere dettagli di un contatto ad una rubrica. Eliminare dettagli di un contatto da una rubrica. Usando regolarmente la posta elettronica, è utile tener traccia dei propri corrispondenti (che Thunderbird chiama contatti) e delle informazioni che li riguardano, da utilizzare per spedire un messaggio. Thunderbird gestisce una Rubrica che permette di archiviare informazioni relative ai corrispondenti con i quali si intrattengono rapporti via posta elettronica. I dettagli, ossia le informazioni gestite, comprendono ovviamente l'indirizzo di posta elettronica, ma anche un insieme piuttosto esteso di dati di vario genere. La Rubrica si integra con le funzioni di gestione della posta di Thunderbird e viene usata in particolare per scegliere i destinatari nella spedizione delle mail. Non solo ma, raggruppando diversi contatti, si possono creare delle liste di distribuzione che facilitano l'invio di uno stesso messaggio a diversi destinatari. Per accedere alla Rubrica di Thunderbird, è sufficiente: cliccare sull'icona Rubrica nella Barra dei messaggi oppure selezionare il menu Strumenti / Rubrica (oppure usare la combinazione di tasti Ctrl + 2). Figura 30: La Rubrica Compare la finestra della Rubrica (Figura 30), la cui Barra degli strumenti permette di attivare diverse funzioni. Figura 31: Le Sottorubriche

73 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Va osservato che nella Rubrica di Thunderbird, così come visibile nella Barra laterale sinistra (Figura 31) sono presenti (almeno) due sotto-rubriche: Rubrica personale: è la rubrica principale, nella quale inserire i contatti Indirizzi collezionati: è una rubrica in cui si può chiedere a Thunderbird di inserire automaticamente gli indirizzi ai quali spediamo un messaggio. Prenderemo qui in considerazione soltanto la prima delle rubriche, la Rubrica personale. Per aggiungere un contatto alla Rubrica, è sufficiente: accedere alla Rubrica cliccare sull'icona Nuovo contatto nella Barra degli strumenti Rubrica nella finestra di dialogo che compare, inserire le informazioni relative al contatto, nelle schede relative (Figura 32): Contatto: per le informazioni principali del corrispondente Indirizzo: per gli indirizzi di casa e di lavoro Altro: se si ha la necessità di gestire ulteriori informazioni, rispetto a quelle prestabilite nelle prime due schede, oltre ad eventuali note confermare con OK. In alternativa ai primi due passi, si può selezionare il menu File / Nuovo / Contatto. Per eliminare un contatto dalla Rubrica, è sufficiente: accedere alla Rubrica nell'elenco dei contatti che compare nella parte destra della finestra, cliccare sul contatto per selezionarlo cliccare sull'icona Elimina nella Barra degli strumenti Rubrica (oppure selezionare il menu Modifica / Elimina, oppure premere il tasto Canc). Attenzione Thunderbird non chiede conferma per la cancellazione e non esiste un cestino per i contatti. La cancellazione fatta diventa immediatamente definitiva. Figura 32: Le schede dei contatti

74 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Aggiungere nella rubrica i due contatti relativi al Consiglio di Amministrazione e il contatto relativo al Direttore Generale Aggiornare una rubrica a partire dalla posta in arrivo. Thunderbird prevede l'inserimento automatico nella Rubrica dell'indirizzo di posta elettronica dei corrispondenti ai quali inviamo un messaggio. Si può scegliere se attivare questa opzione, nonché la rubrica nella quale inserire tali contatti tramite il menu Strumenti / Opzioni / Composizione / Indirizzi. Prevede invece l'inserimento manuale, a richiesta, dell'indirizzo di posta elettronica dei corrispondenti dai quali riceviamo un messaggio. E' naturale che con il proliferare dello SPAM non si desideri avere automaticamente intasata la propria rubrica di indirizzi molesti. Per aggiungere un indirizzo nella rubrica a partire da un messaggio ricevuto, occorre: selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la cartella Posta in arrivo aprire il messaggio desiderato fare click destro sull'indirizzo di posta elettronica del mittente (Figura 33) dal menu contestuale che compare, scegliere la voce Aggiungi in rubrica compare la finestra di dialogo, inserire le informazioni relative al contatto, nelle schede relative: Contatto: nome, informazioni relative a Internet, numeri di telefono Indirizzo: indirizzi di casa e di lavoro Altro: informazioni libere e personalizzate confermare con OK. Figura 33: Aggiungi indirizzo in Rubrica La stessa operazione può essere fatta con lo stesso click destro sull'indirizzo, senza la necessità di aprire il messaggio, purché esso sia visualizzato nell'anteprima. Va infatti osservato che l'inserimento nella Rubrica può essere fatto ogni volta che compare un indirizzo di mail sotto forma di link ipertestuale. In tal caso, il click destro fa comparire un menu che presenta la voce Aggiungi in rubrica. Due sono i vantaggi derivanti dall'inserimento dei contatti nella Rubrica. La composizione dei messaggi da

75 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 spedire risulta infatti facilitata in due modi: il completamento degli indirizzi: nella finestra di composizione dei messaggi, man mano che si digitano caratteri del destinatario, vengono visualizzati gli indirizzi presenti nella Rubrica che corrispondono fra i quali scegliere l'accesso dalla Rubrica: per avviare la composizione di un nuovo messaggio, si può partire dalla Rubrica nella quale scegliere il destinatario per poi accedere alla finestra di composizione del messaggio, che conterrà già l'indirizzo del destinatario. Per questo, basta fare click destro su uno dei contatti nella Rubrica e scegliere dal menu la voce Scrivi. Esercizio Aggiungere nella rubrica il contatto relativo al vostro corrispondente, tratto dal messaggio che vi ha inviato in precedenza. Attenzione Thunderbird non effettua nessun controllo per verificare se lo stesso contatto esiste già nella Rubrica, limitandosi ad aggiungere sequenzialmente quanto richiesto. Di conseguenza, possono risultare duplicati contatti se non ci si preoccupa di verificare se è già presente, prima di inserirlo Creare, aggiornare una lista di distribuzione. Non solo è frequente avere dei corrispondenti abituali, di cui è comodo avere i dati memorizzati, ma spesso capita di avere dei gruppi abituali di corrispondenti. Per facilitare l'invio di messaggi allo stesso gruppo di destinatari, Thunderbird consente di creare delle Liste di distribuzione, ossia dei gruppi di contatti identificati da un nome. Al momento della spedizione, si potrà richiedere di inviare il messaggio alla lista di distribuzione, specificandone il nome, inviando così il messaggio a tutti i membri della Lista di distribuzione.

76 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 La creazione di una Lista di distribuzione avviene in due passi: la creazione vera e propria della Lista l'inserimento dei contatti nella Lista. Per creare una Lista di distribuzione, occorre: accedere alla Rubrica cliccare sull'icona Nuova lista nella Barra degli strumenti Rubrica (oppure selezionare il menu File / Nuovo / Lista di distribuzione) nella finestra di dialogo che compare (Figura 34), inserire le informazioni relative alla Lista ed in particolare: Aggiungi a: per specificare in quale rubrica creare la lista (Rubrica personale) Nome della lista: per assegnare il nome al gruppo di contatti, che verrà utilizzato nell'invio dei messaggi (Figura 35) confermare con OK. Nella rubrica Rubrica personale compare, sotto forma di cartella, la Lista di distribuzione appena creata. Per inserire un contatto nella Lista di distribuzione, è sufficiente: accedere alla Rubrica selezionare nella lista dei contatti quello da inserire nella Lista di distribuzione. Si può effettuare una selezione multipla trascinarlo con il mouse nella Lista di distribuzione visibile a sinistra nella Barra delle Rubriche. Selezionando nella Barra delle Rubriche la Lista di distribuzione, nel Pannello dei contatti sono visualizzati gli appartenenti alla lista. Va osservato che, contrariamente al solito, il trascinamento non è equivalente allo spostamento. L'inserimento di un contatto nella Lista è solo un raggruppamento logico, ossia una segnalazione che indica che il contatto fa parte di un gruppo. E' quindi importante capire che: trascinando un contatto dalla Rubrica nella Lista, esso rimane nella Rubrica modificando i dettagli di un contatto, risultano modificati sia ai fini della Rubrica, sia ai fini della Lista cancellando un contatto dalla Rubrica, viene cancellato anche dalla Lista Figura 34: Creare una Lista di distribuzione

77 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 cancellando un contatto dalla Lista, viene cancellata solo la sua appartenenza alla Lista ma esso rimane nella Rubrica. Si può anche inserire nella Lista un contatto non presente nella Rubrica. Per questo, occorre: accedere alla Rubrica selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la Lista di distribuzione aprire la Lista cliccando sull'icona Proprietà nella Barra degli strumenti Rubrica (oppure fare doppio click sul nome della Lista) viene visualizzata la Lista di distribuzione, con la lista dei contatti che ne fanno parte in fondo alla lista dei contatti, digitare il nuovo indirizzo di posta elettronica da inserire (non viene fatto nessun controllo sulla sua correttezza) confermare con OK oltre ad essere inserito nella Lista, viene anche creato il contatto nella Rubrica che d'ora in poi può essere gestito nel modo appena visto. Figura 35: Usare la Lista di distribuzione Per rimuovere un contatto da una Lista, occorre: accedere alla Rubrica selezionare con un click nella Barra laterale sinistra la Lista di distribuzione aprire la Lista cliccando sull'icona Proprietà nella Barra degli strumenti Rubrica (oppure fare doppio click sul nome della Lista) viene visualizzata la Lista di distribuzione, con la lista dei contatti che ne fanno parte selezionare il contatto da rimuovere dalla lista cliccare sull'icona Elimina (oppure selezionare il menu Modifica / Elimina, oppure premere il tasto Canc, oppure fare click destro sul contatto e scegliere Elimina dal menu che compare). Attenzione Thunderbird non chiede conferma per la cancellazione e non esiste un cestino per i contatti. La cancellazione non può quindi essere annullata. L'eliminazione di una Lista di distribuzione avviene con gli stessi metodi appena illustrati. E' sufficiente selezionare la Lista prima di eseguire il comando.

78 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 7 - Navigazione web e comunicazione - Sezione 2 Esercizio Creare una lista di distribuzione per il Consiglio di Amministrazione, chiamata CdA. Inserire in questa lista i due contatti relativi ai membri del Consiglio di Amministrazione. Spedire una mail usando CdA come destinatario, con: in allegato i diversi file PDF che avete creato allla fine degli IBUQ ECDL dei moduli da 3 a 6 un oggetto del tipo Invio documentazione FLOSS e Internet un testo di accompagnamento che indica che avete svolto e concluso l'incarico che vi è stato assegnato Svuotare il cestino. Lo svuotamento del Cestino di Thunderbird, che contiene i messaggi che sono stati cancellati, provenienti dalle varie cartelle, è un'operazione di manutenzione della casella di posta. Dopo un tempo ragionevole, atto a garantirci la possibilità di recuperare un messaggio cancellato per errore o ritenuto di nuovo utile, si può procedere allo svuotamento del Cestino di Thunderbird, per alleggerire la casella di posta elettronica. Per svuotare il cestino di Thunderbird, è sufficiente, in alternativa: selezionare il menu File / Svuota cestino oppure nella Barra laterale delle cartelle, fare click destro sul Cestino (Figura 36) dal menu contestuale che compare, scegliere la voce Svuota cestino. Tramite il menu Strumenti / Impostazioni account, alla voce Impostazioni server, si può richiedere che il Cestino venga automaticamente svuotato tutte le volte che si esce dal programma. Figura 36: Svuotare il cestino

Comunicazione elettronica 7.5.1 Concetti e termini

Comunicazione elettronica 7.5.1 Concetti e termini Navigazione Web e comunicazione Comunicazione elettronica 7.5.1 Concetti e termini 7.5.1.1 e-mail : impieghi E-mail = electronic mail Casella di posta indirizzo di posta Ai messaggi possono essere

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Pagina I EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 Modulo 7 Navigazione web e comunicazione Il seguente Syllabus è relativo 7, Navigazione web e comunicazione, e fornisce i fondamenti per

Dettagli

ECDL Full Standard. Descrizione. Moduli compresi: Skills Card.

ECDL Full Standard. Descrizione. Moduli compresi: Skills Card. ECDL Full Standard Descrizione. La certificazione ECDL Full Standard costituisce la naturale evoluzione della vecchia certificazione ECDL Core e accerta le competenze del suo titolare aggiornate alle funzionalità

Dettagli

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione Modulo 7 Navigazione web e comunicazione Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Navigazione web e comunicazione, e fornisce i fondamenti per il test di tipo teorico e pratico relativo a questo modulo.

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE SYLLABUS VERSIONE 5.0 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Third Floor, Portview House Thorncastle Street Dublin 4 Ireland Tel: + 353 1 630 6000 Fax:

Dettagli

CORSO RETI I FORMATICHE E POSTA ELETTRO ICA

CORSO RETI I FORMATICHE E POSTA ELETTRO ICA CORSO RETI I FORMATICHE E POSTA ELETTRO ICA Programma basato su quello necessario per superare il corrispondente esame per la patente europea (modulo 7) Internet Concetti e termini Capire cosa è Internet

Dettagli

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Firefox e Thunderbird Windows e Linux)

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Firefox e Thunderbird Windows e Linux) Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Firefox e Thunderbird Windows e Linux) I comandi dei due programmi sono quasi del tutto identici nelle due versioni (Windows e Linux). Le poche differenze,

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli

L ECDL La patente europea del computer

L ECDL La patente europea del computer L ECDL La patente europea del computer La European Computer Driving Licence (ECDL), ossia, letteralmente, la "Patente europea di guida del computer", è un certificato riconosciuto a livello internazionale

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 2: Comunicazioni elettroniche Uso di Outlook Express. Anno 2010/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 2: Comunicazioni elettroniche Uso di Outlook Express. Anno 2010/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7 Lezione 2: Comunicazioni elettroniche Uso di Outlook Express Anno 2010/2012 Syllabus 5.0 La posta elettronica (e-mail) è un servizio utilizzabile attraverso

Dettagli

test di tipo teorico e pratico relativo a questo modulo.

test di tipo teorico e pratico relativo a questo modulo. 0RGXOR±1DYLJD]LRQHZHEHFRPXQLFD]LRQH Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, 1DYLJD]LRQHZHEHFRPXQLFD]LRQH, e fornisce i fondamenti per il test di tipo teorico e pratico relativo a questo modulo. 6FRSLGHOPRGXOR

Dettagli

Programma corso Patente Europea del Computer ECDL

Programma corso Patente Europea del Computer ECDL Programma corso Patente Europea del Computer ECDL PCAcademy Via Capodistria 12 Tel.: 06.97.84.22.16 06.85.34.44.76 Cell. 393.93.64.122 - Fax: 06.91.65.92.92 www.pcacademy.it info@pcacademy.it Obiettivi

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

Piccolo vocabolario del Modulo 7

Piccolo vocabolario del Modulo 7 Piccolo vocabolario del Modulo 7 Cosa è Internet? Internet è una grossa rete di calcolatori, ossia un insieme di cavi e altri dispositivi che collegano tra loro un numero enorme di elaboratori di vario

Dettagli

Microsoft Office Office 2013 Collana Microsoft Office 2013 Talento Talento ECDL Talento Collana Microsoft Office 2013, Learning Coffee,

Microsoft Office Office 2013 Collana Microsoft Office 2013 Talento Talento ECDL Talento Collana Microsoft Office 2013, Learning Coffee, Microsoft Office è la suite di applicazioni desktop di supporto alle attività professionali più famosa al mondo da quando nel lontano 1988 Bill Gates la presentò come la rivoluzione per l Office Automation.

Dettagli

L'ECDL/ICDL è riconosciuta nel mondo in 148 Paesi (i test sono disponibili in 41 lingue diverse), con 24.000 Test Center accreditati.

L'ECDL/ICDL è riconosciuta nel mondo in 148 Paesi (i test sono disponibili in 41 lingue diverse), con 24.000 Test Center accreditati. ECDL (European Computer Driving Licence), detta anche Patente europea per l'uso del computer, è un attestato che certifica il possesso di una competenza informatica di base, che si identifica con la capacità

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

Sergio Margarita. E-book realizzato esclusivamente per

Sergio Margarita. E-book realizzato esclusivamente per <nome> <cognome> Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 4 - Fogli elettronici E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Modulo 4 - Fogli elettronici Sergio

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Online Essentials. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Online Essentials. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Online Essentials Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Base Online Essentials. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com Born T Develop VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com ARGOMENTI TRATTATI Hardware Comprendere il termine hardware Comprendere cosa è un personal computer

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base del computer

Modulo 1 Concetti di base del computer Modulo 1 Concetti di base del computer Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per l uso dei dispositivi elettronici, la creazione e la gestione dei file, le reti e la sicurezza

Dettagli

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 CONCETTO DI RETE. Perchè utilizzare una rete???

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 CONCETTO DI RETE. Perchè utilizzare una rete??? Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1 Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 Proff. Luca Basteris-Cristina Daperno Sezioni del Syllabus: 1.Computer e dispositivi 2.Desktop, icone

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

Sergio Margarita. E-book realizzato esclusivamente per GABRIELE TOMASI. E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

Sergio Margarita. E-book realizzato esclusivamente per GABRIELE TOMASI. E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per GABRIELE TOMASI E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 2009-2010 - Sergio Margarita

Dettagli

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.8. Manuale dell'utente

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.8. Manuale dell'utente BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.8 Manuale dell'utente SWDT653811-793266-0827030425-004 Indice Guida introduttiva... 2 Informazioni sui piani di servizi

Dettagli

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Internet Explorer e Outlook Express)

Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Internet Explorer e Outlook Express) Modulo 7 Navigazione web e comunicazione (Syllabus 5.0 Internet Explorer e Outlook Express) Ricordarsi di utilizzare, dove possibile, i diversi tipi di tecniche per svolgere i compiti richiesti: 1. comandi

Dettagli

Strumenti operativi Open Source e servizi Intranet dell'assemblea Codice corso: R26/2009 Settembre Ottobre 2009

Strumenti operativi Open Source e servizi Intranet dell'assemblea Codice corso: R26/2009 Settembre Ottobre 2009 Ufficio Informatica DIREZIONE GENERALE Strumenti operativi Open Source e servizi Intranet dell'assemblea Codice corso: R26/2009 Settembre Ottobre 2009 Obiettivi del corso Conoscenza dei criteri e delle

Dettagli

Operare efficacemente sul desktop di un computer usando icone e finestre;

Operare efficacemente sul desktop di un computer usando icone e finestre; Computer Essentials Modulo 1 Il modulo Computer Essentials è l evoluzione dei moduli: Concetti di base dell'ict e Uso del computer e gestione dei file" (Moduli 1 e 2 dell ECDL Core). Il presente modulo

Dettagli

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL. MODULO 7 - RETI INFORMATICHE Referente Prof.ssa Annalisa Pozzi Tutor lezioni Prof. Claudio Pellegrini

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL. MODULO 7 - RETI INFORMATICHE Referente Prof.ssa Annalisa Pozzi Tutor lezioni Prof. Claudio Pellegrini I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL - RETI INFORMATICHE Referente Prof.ssa Annalisa Pozzi Tutor lezioni Prof. Claudio Pellegrini 7.3.1 Usare un motore di ricerca 7.3.1.1 Selezionare un motore di ricerca specifico.

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

chiocciola (si legge at ) riccardo@aicanet.it identificativo dell host

chiocciola (si legge at ) riccardo@aicanet.it identificativo dell host Internet Posta Elettronica Situazione problematica: Scrivere gli auguri per le festività dell anno ovvero corrispondere con gli alunni di altre scuole italiane, oppure delle scuole partner Progetto Comenius.

Dettagli

L'ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. GANGALE E' TEST CENTER ECDL autorizzato da AICA

L'ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. GANGALE E' TEST CENTER ECDL autorizzato da AICA L'ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. GANGALE E' TEST CENTER ECDL autorizzato da AICA codice test center: AGKJ0001 Un passaporto per il mondo del lavoro I.I.S. G. GANGALE di Cirò Marina è un Tes Center,

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Istruzioni per l invio tramite PEC

Istruzioni per l invio tramite PEC Pagina 1 di 16 (posta elettronica certificata) di istanze, comunicazioni e documenti Versione 1.0 del 28 marzo 2011 In queste pagine intendiamo fornirvi alcune istruzioni pratiche ed operative per inviare

Dettagli

Come... ottenere il massimo. da Outlook 2003. Guida Microsoft per le piccole imprese

Come... ottenere il massimo. da Outlook 2003. Guida Microsoft per le piccole imprese Come... ottenere il massimo da Outlook 2003 Guida Microsoft per le piccole imprese Molto più di un e-mail Microsoft Office Outlook 2003 è lo strumento per la posta elettronica e l'organizzazione personale

Dettagli

CAPITOLO VI. Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express

CAPITOLO VI. Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express CAPITOLO VI Internet Termini più usati Apparecchiature necessarie Software necessari Avviare Internet explorer Avviare Outlook Express 45 46 INTERNET INTERNET è un collegamento in tempo reale tra i computer

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Edizione 1.0 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia

Dettagli

Referente progetto: Prof. Piero Panettieri

Referente progetto: Prof. Piero Panettieri Istituto di Formazione Professionale Servizi alla Persona e del Legno Progetto ECDL Referente progetto: Prof. Piero Panettieri 1 European Computer Driving Licence INDICE Premessa. Pag. 03 Cos è l ECDL?...

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

SEZIONE TEMA RIF. Argomento 1 Concetti di navigazione in rete

SEZIONE TEMA RIF. Argomento 1 Concetti di navigazione in rete Modulo 2 Concetti fondamentali della rete Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali necessari alla navigazione sulla rete, ad un efficace metodologia di ricerca delle informazioni,

Dettagli

Altre novità introdotte da AICA

Altre novità introdotte da AICA Napoli, 24 marzo 2009 Catania, 31 marzo 2009 Le principali novità in ECDL Syllabus 5.0 Versione internazionale (in inglese) rilasciata dalla Fondazione ECDL Versione italiana curata da AICA (con aggiunta

Dettagli

1.ECDL BASE. Computer Essentials

1.ECDL BASE. Computer Essentials 1.ECDL BASE Computer Essentials Il modulo Computer Essentials è l evoluzione dei moduli: Concetti di base dell'ict e Uso del computer e gestione dei file" (Moduli 1 e 2 dell ECDL Core). Il presente modulo

Dettagli

abcdigital 2015 - All rights reserved ABCDario

abcdigital 2015 - All rights reserved ABCDario abcdigital 2015 - All rights reserved ABCDario A-B 1 Account È una modalità di identificazione su Internet tramite un nome utente/username e una password ( codice segreto ). L account permette di identificarsi

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Allegato n. 02 SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 PRIMA DI COMINCIARE: NOTA BENE: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE

Dettagli

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica 1 S O M M A R I O CORSO DI POSTA ELETTRONICA...1 SOMMARIO...2 1 COS È L E-MAIL...3 2 I CLIENT DI POSTA...4 3 OUTLOOK EXPRESS...5

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

Docente: Di Matteo Marcello

Docente: Di Matteo Marcello Docente: Di Matteo Marcello Cos è la posta elettronica La posta elettronica è nata nel 1971; Ray Tomlinson aveva scritto un programma che permetteva agli utenti di un computer di scambiarsi messaggi e

Dettagli

La Skills Card relativa alle certificazioni Nuova ECDL è svincolata dalla singola certificazione.

La Skills Card relativa alle certificazioni Nuova ECDL è svincolata dalla singola certificazione. ECDL Standard Descrizione. La certificazione ECDL Standard si proprone come un'alternativa più ricca rispetto alla certificazione ECDL Base è più flessibile della certificazione ECDL Full Standard. La

Dettagli

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro Applicazioni delle reti Dalla posta elettronica al telelavoro Servizi su Internet La presenza di una infrastruttura tecnologica che permette la comunicazione tra computer a distanze geografiche, ha fatto

Dettagli

Usare la webmail Microsoft Hotmail

Usare la webmail Microsoft Hotmail Usare la webmail Microsoft Hotmail Iscriversi ad Hotmail ed ottenere una casella di posta Innanzitutto è necessario procurarsi una casella di posta elettronica (detta anche account di posta elettronica)

Dettagli

Il progetto Insieme a Scuola di Internet

Il progetto Insieme a Scuola di Internet Il progetto Insieme a Scuola di Internet Glossario Glossario > A @ (at) La @, che si pronuncia at oppure chiocciola comunemente chiamata a commerciale, è un carattere utilizzato generalmente per la posta

Dettagli

PRIVACY POLICY. BlackRock si impegna a:

PRIVACY POLICY. BlackRock si impegna a: PRIVACY POLICY BlackRock riconosce l importanza di proteggere le Vostre informazioni personali e di natura finanziaria nel momento in cui visitate i nostri siti internet (di seguito, il Sito o i Siti ).

Dettagli

BlackBerry Internet Service Versione: 3.1. Manuale dell'utente

BlackBerry Internet Service Versione: 3.1. Manuale dell'utente BlackBerry Internet Service Versione: 3.1 Manuale dell'utente SWDT987396-1026956-0512110918-004 Indice Guida introduttiva... 2 Informazioni sui piani di servizi di messaggistica di BlackBerry Internet

Dettagli

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo Modulo 7 Reti informatiche Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo Scopi del modulo Modulo 7 Reti informatiche,

Dettagli

Sommario. UNO Computer essentials 1. 1.1 Computer e dispositivi 3. 1.2 Desktop, icone, impostazioni 22

Sommario. UNO Computer essentials 1. 1.1 Computer e dispositivi 3. 1.2 Desktop, icone, impostazioni 22 Sommario Prefazione xiii UNO Computer essentials 1 1.1 Computer e dispositivi 3 Information and Communication Technology... 3 Hardware... 3 Il personal computer... 4 Dispositivi portatili... 5 Componenti

Dettagli

ADOBE FLASH PLAYER 10.3 Pannello di controllo nativo

ADOBE FLASH PLAYER 10.3 Pannello di controllo nativo ADOBE FLASH PLAYER 10.3 Pannello di controllo nativo Note legali Note legali Per consultare le note legali, vedete http://help.adobe.com/it_it/legalnotices/index.html. iii Sommario Memorizzazione.......................................................................................................

Dettagli

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e...

E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... Sergio Margarita - ECDL e Open Source E-book di Informatica di base, ECDL, Open Source e... 2009-2010 Sergio Margarita - ECDL e Open Source Sergio Margarita E-book realizzato esclusivamente per Studente

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Istituzioni scolastiche Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Pag. 1 di 18 1COME ISCRIVERSI AL

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Personale ATA, docente e dirigenti scolastici Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Pag. 1 di 23

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

Accendere e spegnere il computer

Accendere e spegnere il computer 2 Accendere e spegnere il computer pag. 4-5 Il mouse pag.6-7 La tastiera pag.8-10 Open Office pag.11-12 pag.13-14 Internet pag.15-16 Giornale su internet pag.17-21 E-mail pag.22-23 Skype pag.24-25 Giochi

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

Modulo: Reti telematiche

Modulo: Reti telematiche Corso: Abilità Informatiche Modulo: Reti telematiche Pagina 1 di 25 Autori del Modulo: Bruno Fadini; Pino Cepparulo Presentazione del Modulo: Versione Italiano Il modulo, corrispondente al numero 7 dell'ecdl

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Personale ATA, docente e dirigenti scolastici Manuale di utilizzo del servizio di posta elettronica Pag. 1 di 24

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che cos è? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) mediante il quale al mittente viene fornita,

Dettagli

Sommario. Copyright 2008 Apogeo

Sommario. Copyright 2008 Apogeo Sommario Prefazione xix Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione 1 1.1 Fondamenti 3 Algoritmi...3 Diagramma di flusso...4 Progettare algoritmi non numerici...5 Progettare algoritmi

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata (PEC)

La Posta Elettronica Certificata (PEC) La Posta Elettronica Certificata (PEC) Dalla carta al digitale Sommario Valore legale della PEC E-mail e PEC differenze Come si configura la PEC Come si utilizza la PEC (webmail( webmail/client) Errori

Dettagli

LINGUE STRANIERE Liv. I. LINGUE STRANIERE Liv. II. LINGUE STRANIERE Liv. III. LINGUE STRANIERE Conversazione INGLESE BUSINESS

LINGUE STRANIERE Liv. I. LINGUE STRANIERE Liv. II. LINGUE STRANIERE Liv. III. LINGUE STRANIERE Conversazione INGLESE BUSINESS Catalogo dei corsi serali e pomeridiani I.T.E. Enrico Tosi di Busto Arsizio a.s. 2014-2015 LINGUE STRANIERE Liv. I Il corso è destinato a coloro che non hanno mai affrontato lo studio della lingua o hanno

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI I Dati Personali sono informazioni che ti identificano, come per esempio il tuo nome, l'indirizzo di mail o di posta. Il sito non raccoglie

Dettagli

La Skills Card relativa alle certificazioni Nuova ECDL è svincolata dalla singola certificazione.

La Skills Card relativa alle certificazioni Nuova ECDL è svincolata dalla singola certificazione. ECDL Base (4 Moduli) Descrizione. Com'è facilmente deducibile anche dal nome, la certificazione ECDL Base attesta il livello essenziale di competenze informatiche e web del suo titolare, aggiornate alle

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Guida alla Webmail. L'accesso

Guida alla Webmail. L'accesso Guida alla Webmail L'accesso Il servizio webmail consente a coloro ai quali è stata assegnata una casella postale dei domini ospedale.caserta.it ospedalecaserta.it di accedere ad essa da un qualsiasi computer

Dettagli

Scopri il nuovo Office

Scopri il nuovo Office Scopri il nuovo Office Sommario Scopri il nuovo Office... 4 Scegli la versione di Office più adatta a te...9 Confronta le versioni...14 Domande frequenti...16 Applicazioni di Office: Novità...19 3 Scopri

Dettagli

Inizia da Qui BlackBerry Curve 9300 Series

Inizia da Qui BlackBerry Curve 9300 Series Benvenuti in BlackBerry! Impara a conoscere il nuovo smartphone BlackBerry Curve. Esplorazione tasti 2010 Research In Motion Limited. Tutti i diritti riservati. BlackBerry, RIM, Research In Motion, SureType,

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 Premessa:: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE DEI DOCUMENTI TRASMESSI.

Dettagli

Posta elettronica. Per esercitarti su questa parte puoi consultare l Esercitazione 3 su www.self-pa.net

Posta elettronica. Per esercitarti su questa parte puoi consultare l Esercitazione 3 su www.self-pa.net Posta elettronica 81 Per esercitarti su questa parte puoi consultare l Esercitazione 3 su www.self-pa.net Che cos è a cosa serve? È uno dei principali servizi di Internet e consente di scambiare corrispondenza

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC)

Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC) Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC) 1. Cosa dice il decreto? Di seguito il dettaglio del decreto: " Tra le misure per la riduzione dei costi amministrativi a carico delle imprese sono

Dettagli

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di

1) Reti di calcolatori. Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di 1) Reti di calcolatori 2) Internet 3) Sicurezza LAN 1) Reti di calcolatori Una rete locale di computer (Local Area Network) è costituita da computer collegati tramite cavi di rete (cavi UTP) o con tecnologia

Dettagli

La Certificazione IC3 Global Standard 3

La Certificazione IC3 Global Standard 3 La Certificazione IC3 Global Standard 3 Cos'è IC3 Global Standard 3 IC3 Global Standard 3 (GS3) è un percorso di Formazione e Certificazione basato sulle più recenti ed innovative tecnologie del settore

Dettagli

Informativa per trattamento di dati personali Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n.

Informativa per trattamento di dati personali Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n. PRIVACY POLICY Informativa per trattamento di dati personali Documento informativo ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 13, D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 In osservanza al D.Lgs. 30 giugno 2003

Dettagli

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP)

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) 7.4 POSTA ELETTRONICA MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) prima parte 7.4.1 Concetti e termini 7.4.1.1 Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica Tre parti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Configurazione di Thunderbird Febbraio 2011 di Alessandro Pescarolo SOMMARIO Sommario... 1 Introduzione... 2 Installazione su Windows... 2 Configurazione iniziale (per

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

Informativa sulla privacy

Informativa sulla privacy Informativa sulla privacy Kelly Services, Inc. e le sue affiliate ("Kelly Services" o "Kelly") rispettano la vostra privacy e riconoscono i vostri diritti relativi ai dati personali che acquisisce da voi,

Dettagli

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6. Manuale dell'utente

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6. Manuale dell'utente BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6 Manuale dell'utente SWDT228826-600991-0122103435-004 Indice Guida introduttiva... 2 Informazioni di base sul sito Web

Dettagli

La Consolle dell Avvocato. Non sempre spendere è sinonimo di qualità.

La Consolle dell Avvocato. Non sempre spendere è sinonimo di qualità. La Consolle dell Avvocato Non sempre spendere è sinonimo di qualità. Sommario Introduzione... 3 Dotazione di base per un corretta postazione di lavoro... 4 Hardware e servizi connessi... 4 Pc... 4 Stampante

Dettagli