News: Tabagismo, a settembre 41 corso per smettere di fumare della Usl 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "News: Tabagismo, a settembre 41 corso per smettere di fumare della Usl 8"

Transcript

1 NUMERO 87 ANNO VIII News: Tabagismo, a settembre 41 corso per smettere di fumare della Usl 8 Sommario News Recensioni Convegni Formazione Il 41 corso per tabagisti organizzato dal SerT della USL 8 di Arezzo inizia a fine settembre Il programma di disassuefazione, attuato con metodologie sperimentate ed efficaci, in gruppi da 15 a 20 pazienti, si basa su un approccio cognitivo - comportamentale che integra l'approccio psicologico con quello medico e mira a favorire la cessazione dell abitudine al fumo. Dalle ricerche sui corsi precedenti emerge che i partecipanti hanno una probabilità molto alta di smettere di fumare se frequentano tutti gli incontri di gruppo. La motivazione personale, che sarà adeguatamente sostenuta durante il corso, le potenzialità che nasceranno spontaneamente dalle dinamiche di gruppo e la continuità sono la ricetta vincente per raggiungere la disassuefazione dal fumo di sigaretta. Per l ISCRIZIONE al CORSO (ticket di 36,00 euro complessivi) chiedere della Dott. Daniela Capacci tutti i giorni dal lunedì al sabato ai numeri di tel. 0575/ ; Gli incontri si tengono presso l'ospedale S. Donato di Arezzo. Nel 2012 presso ogni Ser.T dell Az. USL 8 sono stati effettuati regolarmente trattamenti di disassuefazione dal fumo sia individuali che di gruppo, secondo il protocollo regionale. Il lavoro svolto è stato molto buono come testimoniano i dati relativi agli utenti che hanno smesso di fumare La media dipartimentale di coloro che hanno smesso di fumare a 3, 6 e 12 mesi dal trattamento è rispettivamente del 50% - 42% - 37% contro il dato nazionale/di letteratura del 45% - 35% - 30%. Anche per i tabagisti si è registrato un incremento di utenza. Tabagisti in carico/popolazione residente. Lo scorso 26 Luglio durante il Consiglio dei Ministri è stato approvato il Disegno di legge presentato dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Si tratta di un documento che desidera favorire una maggiore tutela della salute pubblica, predisponendo nuovi e rigidi divieti al fumo nel nostro paese (compreso quello delle tanto discusse sigarette elettroniche). Come è stato per ultime strategie anti tabacco adottate a New York dove le cogenti sanzioni rendono la vita del fumatore estremamente complicata, anche l Italia si prepara dunque ad intraprendere una guerra totale al tabagismo. Nello specifico il divieto di accendersi una bionda sarà esteso ai cortili e alle altre aree all'aperto di pertinenza degli edifici scolastici. Per quanto riguarda le e- cicarette verranno stabiliti dei criteri di etichettatura che News: Lotta al fumo in Italia, si profilano tempi duri per i tabagisti obbligheranno i produttori e gli importatori a fornire con caratteri chiari e leggibili la composizione dei liquidi e la concentrazione di nicotina, le informazioni relative alla composizione qualitativa e quantitativa di tutte le sostanze contenute e i sintomi e gli effetti sulla salute. I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per le violazioni verranno successivamente riassegnate per il potenziamento dell attività di monitoraggio sugli effetti derivanti dall uso di sigarette elettroniche e la realizzazione di attività informative finalizzate alla prevenzione del rischio di induzione al tabagismo. Per completezza d informazione è bene ricordare che il DDL prevede anche la riforma della sperimentazione clinica, lotta all'abusivismo medico, la tutela dei pazienti più fragili, la sicurezza alimentare e veterinaria ed infine la disciplina degli ordini professioni in campo sanitario. Fonte: droganews.it/ PAGINA 1

2 News: Università del Vermont, impulsività del cervello e abuso di sostanze Due ricercatori dell Università del Vermont, Hugh Garavan e Robert Whelan, hanno analizzato attraverso risonanze magnetiche il cervello di circa quattordicenni americani. Lo studio dimostra come chi riesce a dire no al fumo e alle droghe, lo fa perchè riesce a controllare al meglio l impulsività. La risposta è nel nostro cervello all interno dei circuiti neuronali. Se non bevi, non fumi e non fai uso di sostanze stupefacenti, l impulsività dei tuoi comportamenti è regolata al meglio dal buon funzionamento dei circuiti neuronali del cervello. La risposta è nella testa. I ricercatori del Vermont hanno analizzato, studiando i flussi sanguigni, le aree interconnesse del cervello, tali zone si attivano al momento di prendere una decisione. Se diminuiscono le interconnessioni a livello della corteccia orbito-frontale, una persona è più impulsiva e può maggiormente mettere a rischio la propria salute con comportamenti sbagliati. Fumo di sigarette e droga. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, pone l attenzione su alcune connessioni celebrali, che possono predisporre l individuo ad abitudini di fumo e all uso di droghe. In generale il fumo precede l uso di stupefacenti ma non ne è causa diretta. Per gli esperti, l analisi di alcune particolari attività in specifiche aree celebrali potrebbe essere usata per predire comportamenti a rischi, sopratutto nelle più giovani fasce di età. Ricerche sul cervello in Germani e Irlanda. Attualmente, l Unione Europea ha affidato ad un team di ricercatori internazionali uno studio simile per analizzare i comportamentali di circa 2000 teenager volontari. L obiettivo è quello di valutare i rischi comportamentali nelle giovani generazioni. L uso di alcool e di droghe rappresenta la prima causa di morte auto-inflitta per molti ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Capire come il cervello attiva meccanismi che portano a determinati comportamenti potrà avere importanti implicazioni sulla salute pubblica. Fonte: consulenzabenessere.com/ News: Vecchie droghe in altalena. Ma le nuove sono sempre più minacciose Anche quest anno calano il consumo complessivo di droghe nel nostro Paese e il numero di consumatori. Ma non per tutte le sostanze l andamento è lo stesso. A dirlo sono i dati dell ultima Relazione al Parlamento 2013 sull'uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia,elaborata dal Dipartimento politiche antidroga (Dpa) della presidenza del Consiglio dei ministri sui dati del 2012 e del primo semestre Negli ultimi 12 mesi, rileva innanzitutto il documento, il 95,04 % della popolazione tra 15 e 64 anni non ha assunto alcuna sostanza stupefacente. Per quanto riguarda la cocaina, dopo un tendenziale aumento fino al 2007, il numero dei consumatori è in costante diminuzione fino al 2012, per stabilizzarsi nel L'eroina è in calo continuo dal 2004 e negli ultimi anni il fenomeno si è stabilizzato. L'indagine 2013 sui soggetti tra i quindici e i diciannove anni ha invece rilevato un lieve aumento di consumatori di cannabis che hanno dichiarato di aver usato la droga almeno una volta negli ultimi dodici mesi. I consumatori di sostanze stimolanti, invece, seguono l'andamento della cocaina fino al 2011, ma negli ultimi due anni si osserva una lieve tendenza alla ripresa dei consumi, soprattutto al Nord. Per quanto riguarda gli allucinogeni, si osserva un trend in leggero aumento dei consumi fino al 2008, seguito da una situazione di stabilità nel biennio successivo e da una contrazione dal 2010 al 2012; tuttavia, nell'ultimo anno, anche se la popolazione che li utilizza è ancora poco consistente, si osserva una lieve tendenza all'aumento del fenomeno. Il Dpa stima (per difetto, ammette) che ormai ci siano almeno 800 mila siti tematici che offrono sostanze o ne promuovono l'uso, in «decisa progressione» rispetto al 2008, quando erano circa 200 mila. Si tratta di siti che spesso offrono contemporaneamente anche altre sostanze stupefacenti come oppiacei, cocaina, cannabinoidi sintetici, mefredone, piperazine e così via. La Relazione mette in rapporto la crescita dal 2008 al 2013 dei siti che pubblicizzano in vario modo l'uso di cannabis con l'andamento dei consumi nella popolazione tra i 15 e i 19 anni. Le nuove droghe sintetiche sono un nuovo mercato in espansione, quasi esclusivamente gestito via internet, ma che, assicura il Dpa, attualmente è sotto controllo nel nostro Paese attraverso il Sistema nazionale di allerta precoce che ha identificato oltre 250 nuove molecole in entrata sul territorio italiano ed europeo come i cannabinoidi sintetici, catinoni, fenetilamine, piperazine e metossietamine. Le persone tossicodipendenti con bisogno di trattamento sono circa mila ( nel 2011), di cui non risultano in trattamento presso i servizi di assistenza. Secondo i dati del ministero della Giustizia-Dap, nel 2012 gli ingressi in carcere di persone con problemi socio-sanitari correlati alla droga sono sensibilmente diminuite, passando da a (-18, 4%). I minorremmi reclusi per violazioni alla normativa sugli stupefacenti sono diminuiti del 16% rispetto al 2011.Il Dpa sottolinea che esiste una preoccupante correlazione lineare tra la PAGINA 2

3 frequenza della pratica del gioco d'azzardo e il consumo di sostanze, sia nella popolazione giovanile (15-19) sia in quella generale (15-64). Sempre secondo i dati aggiornati del Dpa del 2013, il 35,2% degli studenti che gioca ogni giorno o quasi, fa anche uso di sostanze stupefacenti. Per approfondimenti: presentazione.aspx News: La dipendenza è in rete, giovani a rischio nei giochi on-line Trascorrere molto tempo al computer contribuisce alla creazione di abitudini negative e alcune persone, specialmente adolescenti, possono sviluppare una vera e propria dipendenza dai giochi on-line. Tale condizione è caratterizzata da seri problemi psicologici e ritiro sociale, con conseguenze negative per le relazioni sociali e la vita quotidiana. Una recente ricerca sulla dipendenza dai giochi telematici ("online game addiction" o OGA) ha utilizzato delle particolari tecniche di risonanza magnetica (RM) per descrivere i cambiamenti morfologici cerebrali (voxelbased morphology, VBM) e microstrutturali della sostanza bianca encefalica (tract-based spatial statistic, TBSS) nelle persone con diagnosi di OGA. I ricercatori hanno utilizzato uno specifico questionario noto come YIAS (Young s Internet Addiction Scale) per confrontare i punteggi ottenuti al test con i valori morfo-strutturali delle scansioni di RM. Hanno partecipato allo studio 17 ragazzi con diagnosi di OGA (13 femmine e 4 maschi, età media 16,25 anni) e 17 soggetti di controllo sani (15 femmine e 2 maschi, età media 15,54 anni). L'analisi dei dati ha mostrato che rispetto ai soggetti di controllo, le persone con OGA hanno una significativa atrofia della sostanza grigia cerebrale nella corteccia orbito frontale di destra, nell'insula bilateralmente e nell'area motoria supplementare destra. L'analisi microstrutturale ha mostrato inoltre, nei soggetti OGA, una significativa riduzione dell'indice di anisotropia frazionaria (FA), indicativo di danno assonale, nella parte destra del ginocchio del corpo calloso, bilateralmente nel lobo frontale e nella capsula esterna di destra. I ragazzi con dipendenza da Internet presentano una riduzione del volume della materia grigia cerebrale nella corteccia orbitofrontale destra e nell'insula bilateralmente, una riduzione dei valori di FA nella capsula esterna di destra che risultano essere correlati ai punteggi ottenuti al test YIAS. I risultati della ricerca suggeriscono quindi che le persone con dipendenza da Internet presentano anomalie morfologiche e microstrutturali cerebrali paragonabili a quelle riscontrate nelle persone con dipendenza da sostanze stupefacenti. Questo studio fornisce dati importanti per la comprensione della dipendenza da internet, un fenomeno sociale complesso paragonabile ad una vera e propria dipendenza, sottolineando la necessità i nuovi studi per investigare i meccanismi neurali alla base di questa condizione che colpisce sempre più persone, in particolare i più giovani. Fonte: News: Cohen Children's Medical Center: alcol ed sms nemici della guida Secondo una ricerca stilata dal Cohen Children s Medical Center di New York la prima causa di morte al volante non è l acol o l eccessiva velocità, bensì inviare sms. Nell era dell informatica si è diffusa la brutta abitudine di inviare messaggini mentre si è alla guida, un tragico fenomeno che provoca la morte di oltre ragazzi ogni anno e ne ferisce altri 300.ooo. Numeri da brividi che in molti mai si sarebbero immaginati. Basti pensare che ogni anno fra gli adolescenti l alcol causa meno morti (2.700) e feriti ( ). Secondo gli esperti su questi numeri influisce anche il fatto che non capita tutti i giorni di eccedere con le bevande alcoliche, mentre inviare o leggere sms è un fenomeno quotidiano e sempre più diffuso. In Gran Bretagna sono ben consapevoli di ciò, tant è che chi traffica con il telefonino o il lettore mp3 mentre è al volante rischia fino a due anni di carcere. News: Ragazze con anoressia hanno tratti associabili all'autismo Le ragazze con anoressia hanno anche dei lievi tratti associabili all'autismo. Lo ha scoperto uno studio pubblicato dalla rivista Molecular Autism dell'università di Cambridge, che potrebbe essere usato per migliorare le terapie per la patologia, che colpisce un adolescente su 100 in Europa e uno su 50 in Usa. I ricercatori hanno confrontato teenager nello stesso range di età misurando i loro tratti autistici usando tre diversi test, uno chiamato "quoziente dello spettro autistico", uno quoziente sistemico e un quoziente di empatia. Le PAGINA 3

4 ragazze anoressiche avevano una probabilità cinque volte maggiore di avere un alto punteggio nel primo test e nel secondo test e più basso nel terzo, gli stessi risultati visti nei pazienti con autismo. "Il fatto che alcuni pazienti anoressici possano avere dei tratti autistici più alti Bambini, adolescenti e famiglie vulnerabili. Nuove direzioni nei servizi socio educativi/s. Premoli. Franco Angeli, Osservando con attenzione il panorama internazionale del Child and Family Welfare, ovvero l'insieme dei servizi socioeducativi rivolti a bambini e bambine, adolescenti e famiglie vulnerabili, è possibile cogliere una serie di elementi ricorrenti e trasversali che si stanno affermando come frutto maturo di un ventennio di scambi e riflessioni condivise, grazie all'influenza della Convenzione sui Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza delle Nazioni Unite Recensione libro Recensione libro La preadolescenza. Passaggio evolutivo da scoprire e da proteggere./f. Mazzucchelli. Franco Angeli, del normale - affermano gli autori - può dare agli specialisti nuove idee per trattare le persone con problemi dell'alimentazione". Fonte: salute.agi.it/ del 1989 (CRC) e alle politiche di sostegno all'integrazione promosse dall'unione Europea. Il cuore pulsante di questa trasformazione lenta ma radicale è costituito dall'adozione di un approccio basato sui diritti, in particolare su quelli sanciti dalla CRC, i cui articoli possono anche essere tradotti in obiettivi di politica sociale, di intervento pedagogico e socioeducativo e possono costituire un codice etico per gli operatori sociali. Il volume si propone di restituire uno sguardo d'insieme sulle nuove direzioni di intervento sperimentate sulla propria pelle (e sulla pelle dei propri utenti) dai professionisti della cura infantile, giovanile e familiare (educatori, assistenti sociali, psicologi, pedagogisti), affinché possano acquisire consapevolezza, competenza progettuale, stimoli riflessivi e orientamenti trasformativi delle proprie pratiche quotidiane. Gli adulti - genitori, insegnanti, educatori - tendono a sottovalutare l'importanza e la delicatezza della fase evolutiva che prende il nome di preadolescenza. Invece il passaggio dall'infanzia all'adolescenza, che corrisponde circa all'età della scuola media, presenta aspetti specifici e significativi nel percorso di crescita della persona. Dal punto di vista fisico il ragazzo e la ragazza attraversano la trasformazione che li porta alla maturazione sessuale. Tale maturazione si rende visibile attraverso i caratteri sessuali secondari che modificando radicalmente l'aspetto del preadolescente, sono spesso per lui fonte di ansia e di insoddisfazione e richiedono un adattamento non facile, spesso non ben compreso dagli adulti che possono accentuare, con i loro commenti più o meno benevoli, il disagio del preadolescente che non si riconosce più. In un contesto sociale che tende a precocizzare il processo di crescita e a identificare questa fascia di età con una categoria di potenziali consumatori, ma a trascurare l'accompagnamento attento e rispettoso di ogni bambino che sta diventando grande, è importante che la famiglia e la scuola si soffermino a considerare i bisogni e le potenzialità del preadolescente per offrirgli le condizioni più favorevoli per uno sviluppo sano e armonico. Anche nella sfera cognitiva e sociale a quest'età maturano competenze nuove che rendono assai più ricco e più complesso il rapporto col mondo rispetto all'infanzia. Ma il riconoscimento di queste importanti conquiste evolutive non deve indurre l'adulto a considerare ormai prossima alla conclusione la funzione educativa: si tratta invece da parte dei genitori e degli insegnanti di trovare nuovi equilibri nella relazione educativa ed affettiva per incoraggiare il cammino del preadolescente verso l'autonomia, senza fargli mancare però l'appoggio, la guida e il contenimento di cui ha ancora bisogno. PAGINA 4

5 Recensione libro Adolescenti trasgressivi. Le azioni devianti e le risposte degli a- dulti./a cura di Elena Riva, Alfio Maggiolini. Franco Angeli, Perché alcuni adolescenti mentono, rubano o spacciano? E perché alcuni di loro continuano a farlo, scegliendo gesti sempre più violenti e provocatori, mentre altri smettono di trasgredire? Gli adulti si interrogano sul significato dei gesti trasgressivi degli adolescenti e sulle risposte più opportune. È possibile rispondere ad alcune di queste domande attraverso un'interpretazione del significato affettivo delle azioni devianti. L'educazione alle regole si è profondamente modificata nella famiglia attuale; la scuola cerca nuove vie per la gestione dei problemi di comportamento degli studenti; il sistema della giustizia minorile ha trasformato le misure nei confronti della delinquenza minorile con il nuovo codice di procedura penale. Questo volume nasce dal lavoro clinico svolto con gli adolescenti e dalla consulenza prestata presso le scuole e i servizi della giustizia minorile. Si rivolge a psicologi, educatori, insegnanti, genitori, assistenti sociali: comprendere infatti le ragioni e il significato della trasgressività adolescenziale è l'unica strategia per rispondervi in maniera adeguata e impedire che degeneri in delinquenza minorile. Recensione libro Promuovere la salute nella comunità. Elementi di pedagogia sanitaria/e. Sidoti. Franco Angeli, Gli interventi di prevenzione della patologia e di promozione della salute devono non solo tener conto dell'evento sanitario ma anche considerare sia la patologia che le e- spressioni di salute come "fenomeno di comunità". L'opera proposta si pone come una rilettura di alcuni eventi comunitari e delle loro conseguenze e analizza alcuni rilevanti momenti di patologia "sociale" e gli aspetti legati all'evolversi dei problemi e dei disagi associati alle diverse età della vita - i minori, la coppia, la famiglia - visti nel loro contesto di costruzione di benessere o, al contrario, di malessere. Il Convegni volume, per i suoi obiettivi e per i suoi contenuti, ben si colloca sia nell'ambito delle scienze pedagogiche, sia nell'ambito delle scienze della salute, interdisciplinarietà che consente di approfondire i temi affrontati nei diversi capitoli. La messe di dati raccolta è una preziosa fonte di spunti per una riflessione e uno stimolo ad una presa di coscienza che porti ad una "diagnosi di comunità" e proponga soluzioni educative, economiche, sociali, ambientali. Firenze, 5-7 settembre 2013 Forum Droghe e CNCA-CTCA, in collaborazione con Cesda, organizzano la Summer School 2013 dal titolo DRUGS AND THE CITY Municipalità, politiche locali sulle droghe e riduzione del danno. Per info: formazione/summer-school/2013 SETTEMBRE 2013 Swansea - Regno Unito, SETTEMBRE ND INTERNATIONAL CONFERENCE ON NOVEL PSYCHOACTIVE DRUGS, organizzato dalla Swansea University, dalla Hertfordshire University, e dall'osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossicodipendenze (European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction). Per info: OTTOBRE 2013 Samarate (Varese), 3 ottobre 2013 Seminario sulla clinica del gioco d azzardo. Il seminario è gratuito ed è necessaria la preiscrizione via e -mail al seguente indirizzo: Firenze, 3-4 ottobre 2013 Convegno "RELAZIONI DIGITALI, counseling e aiuto online, esperienze nazionali ed internazionali a confronto", organizzato da Ministero della Salute, CCM, Regione Toscana, Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna, Comune di Firenze. Per info: PAGINA 5

6 OTTOBRE 2013 Trento, 11 novembre 2013 Corso di formazione "ELABORARE IL LUTTO: PERCORSI E STRUMENTI PER I PROFESSIONISTI SA- NITARI", organizzato da Format-A.M.A. Sede: Format Trentino - Via Giambattista Unterveger, 30 Trento. Per info: Segreteria Organizzativa Format s.a.s. via F. Cavallotti 8 - Codigoro (FE) tel cell fax , Trento, 30 ottobre 2013 Corso di formazione "L'ABC DELLE EMOZIONI: AUTOSTIMA ED INTELLIGENZA EMOTIVA COME STRUMENTO PER IL BENESSERE PERSONALE E PER IL RAPPORTO CON LE PERSONE ASSISTITE", organizzato da Format-A.M.A. Sede: Format Trentino - Via Giambattista Unterveger, 30 Trento. Per info: Segreteria Organizzativa Format s.a.s. via F. Cavallotti 8 - Codigoro (FE) tel cell fax , Chiusura estiva Il Cedostar resterà chiuso al pubblico dal 12 al 17 agosto. Formazione CENTRO DOCUMENTAZIONE E RICERCA SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE PATOLOGICHE DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE AZ. USL 8 AREZZO VIA FONTE VENEZIANA AREZZO TEL: , FAX: POSTA ELETTRONICA: - SITO NEWSLETTER A CURA DI FIORENZO RANIERI E ILARIA CAREMANI IL CEDOSTAR FA PARTE DELLA RETE DEI CENTRI DI DOCUMENTAZIONE SULLE DIPENDENZE DELLA REGIONE TOSCANARETECEDRO.NET E DELLA RETE EUROPEA DEI CENTRI DI DOCUMENTAZIONE ELISAD Se questa mail non fosse gradita, o se vuoi che altri la ricevano, ti preghiamo gentilmente di segnalarlo a La newsletter è disponibile all indirizzo: newsletter.htm.i numeri arretrati sono disponibili sul sito del Centro Documentazione del SerT di Arezzo alla pagina PAGINA 6

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

Una scuola che promuove salute

Una scuola che promuove salute Una scuola che promuove salute Educazione alla salute Prevenzione: Tossicodipendenze Abuso alcolico Tabagismo Educazione: Stili di vita sani Corretta alimentazione Attività motoria Prevenzione delle tossicodipendenze

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

Condotte autolesive in ambito minorile

Condotte autolesive in ambito minorile Condotte autolesive in ambito minorile dr Corradina Patrizia RENDO medico ASL 10 Presidio IPM-CPA 15-22 -29 ottobre 2014 Il disadattamento è figlio del disagio. Sono 575mila gli under 18 italiani in condizioni

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6 A cura di Giovanni Serpelloni: Dipartimento Politiche Antidroga, Presidenza Consiglio dei Ministri Franco Alessandrini: Unità Neuroradiologia, AOUI Borgo Trento, Verona Claudia Rimondo: Sistema Nazionale

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

Accordo Tra. L anno.., il giorno. del mese di., alle ore. presso la sede della Regione Toscana, Piazza Duomo 10 Firenze.

Accordo Tra. L anno.., il giorno. del mese di., alle ore. presso la sede della Regione Toscana, Piazza Duomo 10 Firenze. Allegato A Accordo Tra REGIONE TOSCANA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARI A CAREGGI AZIENDA USL 7 SIENA AZIENDA USL 8 AREZZO AZIENDA USL 10 FIRENZE PROVINCIA DI LUCCA L anno.., il giorno. del mese di., alle

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI

SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI TI DIAMO ASCOLTO (BIENNIO2014/2015-2015/2016) SPORTELLO DI CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER ALUNNI, INSEGNANTI E GENITORI OBIETTIVI DEL SERVIZIO FINALITÀ : Offrire un luogo all interno del contesto scolastico

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

AUSL 6 Palermo. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI

AUSL 6 Palermo. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 AUSL 6 Palermo INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome BRUNO VINCENZO Data di nascita 02/11/1970 Posto di lavoro e indirizzo

Dettagli

AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia

AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia Attività PRIMAVERA 2015 AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia Onlus AMA auto mutuo aiuto L auto mutuo aiuto del CeIS di Reggio Emilia è l offerta per tutti coloro che hanno un problema

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15

CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15 CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15 Le finalità statutarie possono considerarsi comprese nelle macroattività di seguito specificate: - prevenzione primaria - prevenzione

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Date (da a) Da marzo 1992 a luglio 1992 Principali mansioni e responsabilità Consulente e formatore della struttura del Reinserimento

Date (da a) Da marzo 1992 a luglio 1992 Principali mansioni e responsabilità Consulente e formatore della struttura del Reinserimento C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CIPRESSI IVAN MARIO Indirizzo VIA SAN FILIPPO 11 BIBBIANO Telefono 0522.451800 3351719769 Fax 0522.438542 E-mail mariocipressi@solidarieta.re.it

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste Dall uso occasionale alla dipendenza Raffaele Lovaste Evoluzione post esposizione ad una sostanza psicotropa Uso occasionale Uso problematico Dipendenza patologica Uso occasionale È una scelta (più o meno

Dettagli

Giovanissimi e Alcol...

Giovanissimi e Alcol... Roberto Baiocco Comportamenti a Rischio in Preadolescenza e Adolescenza Facoltà di Medicina e Psicologia BINGE DRINKING Giovanissimi e Alcol... Primo contatto 10-11 anni (+ bassa d Europa di circa 1 anno).

Dettagli

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune ANALISI DEI BISOGNI Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune progetto 2013-1-IT1-LEO05-04042 "Educezione tra pari: trasferimento di una metodologia e strategia di apprendimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 67 A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino DIPARTIMENTO DIPENDENZE 1 ( 011. 4395400 fax 011.4395432 e-mail sert.segrlomb@aslto2.it Area Prevenzione

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe

I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe I dati toscani sui consumi e sulle conseguenze sanitarie dell uso e abuso di droghe Alice Berti Fabio Voller Convegno Il fenomeno delle dipendenze da sostanze in Toscana: consumi e conseguenze, rete dei

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014

ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA. Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI-EMILIA-ROMAGNA Prot. n.59/p Fidenza 28.05.014 Oggetto=Ricerca Regionale. Al Forags Emilia-Romagna Al Consiglio Regionale Age Alle Age Locali Martedi 27 maggio,dalle ore 15

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO Obiettivi prioritari TABAGISMO (CLASSI PRIME) 1. Informare scientificamente sui rischi legati al consumo di tabacco 2. Disincentivare l

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Punto di vista un progetto di sistema

Punto di vista un progetto di sistema Progetti scuola /extrascuola Punto di vista un progetto di sistema L.Grotti - Promeco Forlì 17 Febbraio 2011 Promeco È un servizio pubblico istituito attraverso una convenzione tra più enti. (Comune, A.USL,

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Verifica coerenza ICD 10 vs Dipendenza Patologica 12011 a cura di Guya Barducci Alessandro Mariani

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO

LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO CORSO FAD LE DIPENDENZE: CLINICA E TRATTAMENTO ID ECM: 4252-145859 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Psicologi, Psicoterapeuti, Educatori professionali DURATA Data di inizio 1 gennaio 2016 Data di fine

Dettagli

stili di vita e disuguaglianze

stili di vita e disuguaglianze stili di vita e disuguaglianze Gli stili di vita insalubri sono fattori di rischio che possono causare disuguaglianze di salute. Come dimostrano diversi studi, abitudini e comportamenti malsani contribuiscono

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti

Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti Antonio Bimbo, counselor e trainer del Counseling Motivazionale, direttore Scuola Italiana di Counseling Motivazionale, sede di Ferrara Introduzione. Una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO A. S. 2013-2014 PROGETTO SALUTE EMERGENZA ALCOOL

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO A. S. 2013-2014 PROGETTO SALUTE EMERGENZA ALCOOL ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO A. S. 2013-2014 PROGETTO SALUTE EMERGENZA ALCOOL CARATTERISTICHE DEL PROGETTO 1. Titolo del progetto EDUCAZIONE SALUTE EMERGENZA ALCOOL La vita è bella non affogarla

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Carta dei Servizi Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Pagina 2 ISTITUTO WOLPE L istituto Wolpe è un centro di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale, integrato in

Dettagli

RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2014 Dati relativi al 2013

RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2014 Dati relativi al 2013 Osservatori Dipendenze Patologiche di Ravenna Forlì Cesena Rimini RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2014 Dati relativi al 2013 Redazione del Rapporto Osservatorio Ravenna Responsabile: Marcella Fanelli e-mail:

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

Progetto Sperimentale: Psicologo a Scuola 2015-16

Progetto Sperimentale: Psicologo a Scuola 2015-16 Dr. Gianluca Godino Psicologo / Psicoterapeuta Tel: 349 35 94 396 Email: gianluca.godino@ordinepsicologiveneto.it P.IVA: 04072990239 Spett.le Scuola Secondaria di primo grado V. Catullo Via Breccia San

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 Codice meccanografico: TAIC82600L Codice fiscale: 90122060735 E-mail TAIC82600L@istruzione.it

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO PENSO DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO In collaborazione con: Acat 23 di Piove di Sacco Dipartimento

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Ignazio Morreale Responsabile Unità Di Strada Programma Dipendenze Patologiche Oppiacei 7751 8173 Cocaina 614 1362 Stimolanti

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA Senato della Repubblica - 5 - L USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA Dati relativi all'anno 2013-2014 (primo semestre) Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri 1. CONSUMO

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE ANNO 2008-2010 CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

WORKSHOP INTERREGIONALE

WORKSHOP INTERREGIONALE WORKSHOP INTERREGIONALE PREVENZIONE DEL TABAGISMO NEI LUOGHI DI LAVORO: REALTA E PROSPETTIVE Roma 12 novembre 2010 La prevenzione tabagismo e del fumo passivo nei luoghi di lavoro nei progetti CCM l esperienza

Dettagli

Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per overdose

Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per overdose Droghe: le notizie incomplete e poco attendibili del DPA. Pubblicate il 6 marzo da ANSA con il titolo: m News, 6 marzo 2014 Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle dipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici finora attuati

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: DIDATTICA DELLE EMOZIONI COME FATTORE DI PROTEZIONE

CORSO DI FORMAZIONE: DIDATTICA DELLE EMOZIONI COME FATTORE DI PROTEZIONE PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE ANNO 2015 CORSO DI FORMAZIONE: DIDATTICA DELLE EMOZIONI COME FATTORE DI PROTEZIONE AULA UFFICIO FORMAZIONE CORSO RISERVATO A 25 PSICOLOGI PROGRAMMA 17 GIUGNO 2015 ORE 15.00

Dettagli

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento Dipendenze Patologiche CEDIAL Centro Dipartimentale Multidisciplinare per i Disturbi del Comportamento Alimentare Presidio Ospedaliero E. Albanese Padiglione

Dettagli

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perticone Rosalvo Data di nascita 15 Settembre 1954 Qualifica Amministrazione Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana Incarico attuale

Dettagli