CENSIS U.C.S.I. CENSIS. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENSIS U.C.S.I. CENSIS. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:"

Transcript

1 CENSIS U.C.S.I. CENSIS Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:

2 I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere via le segnalazioni delle novità o scrivere, inviando il loro indirizzo, a: FrancoAngeli, viale Monza 106, Milano.

3 CENSIS U.C.S.I. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia I MEDIA CHE VORREI FRANCOANGELI

4 Il Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca del Censis, diretto da Raffaele Pastore, responsabile del Settore Comunicazione, e composto da: Settimio Marcelli, Federica Durante, Monica Altieri, Vittoria Coletta, Giuseppe Lubrano, Simona Poli Costato, Flavia Novelli e Giancarlo Livraghi. La ricerca quantitativa è stata realizzata con Ipsos Explorer. L analisi testuale è stata svolta in collaborazione con il prof. Sergio Bolasco dell Università La Sapienza di Roma. La collaborazione con l Ucsi si è avvalsa del contributo di Emilio Rossi, Paolo Scandaletti e Andrea Melodia, consiglieri dell Ucsi. Copyright 2005 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy Ristampa Anno È vietata la riproduzione, anche parziale, effettuata a qualsiasi titolo, eccetto quella ad uso personale. Quest ultima è consentita nel limite massimo del 15% delle pagine dell opera, anche se effettuata in più volte, e alla condizione che vengano pagati i compensi stabiliti dall art. 2 della legge vigente. Ogni fotocopia che eviti l acquisto di un libro è illecita ed è severamente punita. Chiunque fotocopia un libro, chi mette a disposizione i mezzi per farlo, chi comunque favorisce questa pratica commette un reato e opera ai danni della cultura. Stampa: Deltagrafica, Via G. Pastore 9, Città di Castello.

5 INDICE PREFAZIONE I media cambiano più del mondo che raccontano di Emilio Rossi Il potere dei media e la consapevolezza dei pubblici di Giuseppe Roma pag. 9» 11 PARTE I 1. I media usati e i media desiderati 1.1. I media che vorrei 1.2. La televisione: verso un uso maturo e individuale 1.3. La tv satellitare: vorrei ma non posso 1.4. La radio: sempre più giovane e musicale 1.5. Il quotidiano: abituale mezzo per capire, purché sia sereno 1.6. I libri: solo se dell autore o genere preferiti 1.7. I settimanali e i mensili: i contenuti innanzitutto 1.8. L internet: utile, divertente, unico, ma ancora difficile 1.9. Il telefono cellulare: la vera rivoluzione digitale 2. Profili di utenti e non utenti di internet e cellulari 2.1. I consumatori 2.2. Gli sperimentatori 2.3. I tiepidi 2.4. Gli attardati 2.5. Gli alieni 3. Le parole per parlare dei media» 17» 17» 21» 36» 42» 48» 57» 64» 71» 80» 89» 91» 97» 103» 107» 110» 113 5

6 4. I vecchi, l informazione e la comunicazione di Giancarlo Livraghi pag. 159 PARTE II 5. I giornalisti e la libertà di stampa» 191 PARTE III 6. Interventi alla presentanzione della ricerca 6.1. Com è cambiato il concetto di massa di Francesco De Sanctis 6.2. L importanza della formazione per i giovani comunicatori di Lucio D Alessandro 6.3. Il giornalista al servizio dei cittadini di Massimo Milone 6.4. Ragionando sul mestiere del comunicatore di Paolo Scandaletti 6.5. Italiani più maturi e individualisti nell uso dei media di Raffaele Pastore 6.6. Il ritorno ad un serio giornalismo di Gianni Ambrosino 6.7. Le linee guida della tv pubblica di Benito Benassi 6.8. L educazione ai media: una necessità dei nostri tempi di Ermanno Corsi 6.9. I giornalisti al passo con la multimedialità di Carlo Gambalonga Una scarsa cultura informatica fra i giovani: come intervenire di Andrea Granelli I nuovi media: da mezzi pervasivi a semplici veicoli di Luisa Pogliana Più professionalità per i giovani giornalisti di Vittorio Roidi L editore come garante di qualità dell informazione di Alfonso Ruffo Nuove riforme nell impresa editoriale di Franco Siddi Utenti liberi dai condizionamenti del politeismo mediatico di Giuseppe De Rita L importanza di rimettersi in gioco di Emilio Rossi» 225» 225» 226» 226» 227» 228» 231» 232» 233» 235» 237» 239» 241» 242» 244» 245» 247 6

7 PREFAZIONE

8

9 I MEDIA CAMBIANO PIÙ DEL MONDO CHE RACCONTANO di Emilio Rossi (*) Cambiano i media. Cambiano anche più del mondo che raccontano. Lo stesso tradizionale comparto del quotidiano a stampa mostra in Italia più di un sussulto significativo, a fronte di dati di diffusione che restano insoddisfacenti. Da un lato si afferma il giornale distribuito gratuitamente con la sua formula semplificata; dall altro si accredita, sia pure con riferimento a un mercato di nicchia, il giornale volutamente disadorno pensato per élite pensanti; dall altro ancora il grande quotidiano per tutti, non solo trova sempre nuovi prodotti di accoppiamento, ma s impegna a creare-soddisfare nuove domande. Tende così, come è stato osservato (Andrea Salerno), a mensilizzarsi, dopo essersi settimanalizzato ; e dunque prova a proporre documenti integrali e monografie di respiro. Al confronto, la televisione, tuttora quantitativamente in ottima salute, sembra interessata più alle nuove tecnologie che a reinvenzioni qualitative. In particolare la televisione generalista, con la sua tuttora grande dote di ascolti, si direbbe meno creativa nell innovazione, invischiata com è stata fino ad oggi piuttosto nel proporre e riproporre con molteplici variazioni il format del reality. L approfondimento si celebra semmai al di fuori dei due grandi gruppi, il pubblico e il commerciale, tendenti a omologazione. I new media intanto in testa, trionfante il telefonino sviluppano le loro potenzialità, soprattutto relazionali, in vista di assetti ancora da definire. In questo quadro, il Rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione in Italia seguita, anno dopo anno, a svilupparsi in estensione e profondità. L ambizione, che funge da filo conduttore, è quella di aiutare a dar dimensione e ragione dei fenomeni mediatici, che sempre più ci avvolgono con dinamiche difficili da interpretare, anche per la velocità che le caratterizza. Scattare istantanee e far collezione di impressioni suggestive è abbastanza facile. Molto meno facile è, al di là delle (*) Consigliere nazionale Ucsi. 9

10 une e delle altre, cogliere andamenti reali, velocità di scorrimento e punti di verosimile approdo, insomma individuare (per poi valutare) dove si sta andando. Il prossimo Rapporto il quinto non solo perché offrirà serie quinquennali di dati su cui riflettere, sarà l occasione per fare il punto, attraverso confronti dilatati non solo temporalmente ma anche geograficamente, con riguardo almeno ai grandi Paesi europei. L appuntamento si prospetta fin d ora come sostanzioso; il cantiere di lavoro è già aperto. Restando a questo quarto Rapporto che fa seguito, consolidandola e ampliandola, all anticipazione fornita a fine ottobre 2004 nell incontro al Suor Orsola di Napoli il titolo I Media che vorrei riassume una linea di fondo della ricerca, forse meno ovvia di quanto possa sembrare a prima vista. Il nesso domanda-offerta ha infatti centralità del tutto atipica nel campo massmediatico, come radicalmente atipica è la merce comunicazione. Opportunità e rischi vi si addensano bidirezionalmente e costituiscono un nodo problematico vitale per la democrazia postmoderna. La posta è così alta, che ogni granello di miglior conoscenza nel suo ambito può risultare prezioso, se acquisito al riparo dalla semplificazione e dalla presunzione. Dopo aver mappato, in bilico tra media usati e media desiderati, i sette continenti (televisione, radio, quotidiani, libri, periodici, internet, telefonini), dopo aver trovato conferma essere ancora la televisione l unico mezzo in grado di parlare a tutti gli italiani, il Rapporto esplora alcuni territori specifici come: profili di utenti e non utenti di internet e cellulari (tanti stimoli e qualche scoperta); l universo degli anziani (ed è giustificato occuparsene, visto che soprattutto di loro sarà affollato il futuro). Rilievo a sé ha la ricerca sull autonomia professionale dei giornalisti considerata in suoi molteplici aspetti: autonomia da chi, sperimentata come sul lavoro e sul prodotto finale, garanzie di tutela. È tema di decisiva rilevanza politica, civile, coscienziale, il cui approfondimento richiede di essere ulteriormente sviluppato, tra l altro sul versante dei lettori e delle loro percezioni. Non manca, infine, a titolo di curiosità, il complemento di un analisi testuale: quali sono le parole più usate, quando si parla di media? Di paragrafo in paragrafo, di tabella in tabella, di percentuale in percentuale, anche nel quarto Rapporto è leggibile, come in filigrana, l umanità sottostante al mondo della comunicazione e alle sue tecnalità a prima vista soverchianti. Un mondo in cui contano anche dati esistenziali come: la voglia di divertirsi ma pure quella di capire; la curiosità ma pure la scarsa disponibilità a faticare; la paura della noia ma pure il bisogno di serenità; lo sgomento della solitudine ma pure l ansia di non farsi mettere al guinzaglio. Non di sole news vive l uomo. E, per questo motivo, anche a riguardo delle news fast o slow che siano, ha le sue responsabilità. 10

11 IL POTERE DEI MEDIA E LA CONSAPEVOLEZZA DEI PUBBLICI di Giuseppe Roma (*) Lo studio delle relazioni fra cittadini e media, specie nel nostro paese, assume i caratteri di un analisi ad ampio spettro, travalicando il campo specialistico cui si riferisce la sociologia della comunicazione. I media sono sempre più sfuggenti, nella percezione comune, nel modo di accompagnare i processi sociali, nell orientare gusti e opinioni delle diverse popolazioni coinvolte (bambini, giovani, adulti, casalinghe, anziani vitali, anziani in ripiegamento e così via). C è una difficoltà a cogliere i mutamenti di giudizio, le opzioni di gradimento espresse da questa pluriforme platea di fruitori attraverso i tradizionali strumenti di indagine sull opinione pubblica. È merito del rapporto Censis-Ucsi di aver sperimentato con successo diverse metodologie di indagine e di aver sempre puntato ad interpretare i fenomeni piuttosto che, semplicemente, misurare i comportamenti attraverso la lente talvolta opaca delle interviste e dei questionari. Nei materiali raccolti qui di seguito si può, infatti, rilevare come la frammentazione delle scelte sia una delle cifre dell attuale stato del rapporto società/media. Le motivazioni espresse si addensano con molta difficoltà evidenziando il moltiplicarsi di scelte concrete d uso, di aspettative verso la comunicazione, dei gusti quanto a piacevolezza e facile accessibilità delle informazioni, e dei contenuti. Ma registriamo anche il frantumarsi delle esperienze, del vissuto, delle competenze e dei livelli di consapevolezza culturale. Quindi il popolo italiano, un popolo più orale che scritto, propone nei confronti dei media uno sventagliamento di posizioni e di propensioni. (*) Direttore generale del Censis. 11

12 Dall altro versante i media sembrano ormai consolidare una funzione sociale che però si impasta in un ruolo di potere. Un potere particolare, un potere in sé, non tanto un potere di complemento nei confronti della politica. Non è escluso che in Italia, per quanto i media più potenti possano allinearsi su posizioni di uno schieramento politico, il passaggio elettorale vada a favore dello schieramento opposto. Un eccesso di allineamento finisce per rilevarsi un potente boomerang. I media mostrano di avere un potere in sé nel definire particolari linguaggi che poi trasferiscono all uso comune ma anche all antropologia diffusa, impongono interessi di carattere produttivo e aziendale, ed a ragione in quanto l industria del multimediale non può che considerarsi una componente fondamentale dell economia tecnologica e globalizzata. Determinano un potere dei protagonisti, siano essi i popolari e visibili personaggi televisivi che le potenti macchine giornalistiche. Cresce perfino la capacità attrattiva di poeti e scrittori in grado di tramutare il naturale fascino della scrittura in effetto cumulato con la parola. Basti pensare ai festival della letteratura o alle sempre più numerose e affollatissime performance dal vivo. Una prima conclusione cui prudentemente ci potrebbe condurre la lettura di questo quarto Rapporto è, quindi, tutta centrata sulla crescente autocrazia dei media a fronte dell altrettanto montante sventagliamento di motivazioni e scelte da parte del corpo sociale. Per corroborare la tesi molti dei dati che sono stati rilevati rivelano come addensamento delle opinioni una quota massima compresa fra il 30-40% delle preferenze espresse. Solo le motivazioni d uso del telefonino e della radio raggiungono quote di molto superiori. Il primo perché in maniera tautologica consente di rimanere permanentemente in contatto con gli altri, la seconda aggrega quote rilevanti di pubblico quali ascoltatori dei diversi generi musicali. Per quanto riguarda la tv poco più di un terzo la accende per guardare i programmi preferiti, ha un tg prediletto, non vede i reality show, si lamenta della volgarità, utilizza il satellitare come estensione e alternativa alla tv generalista. Ma è sempre poco più di un terzo che legge i quotidiani per capire, altrettanto pesa la quota di chi è soddisfatto per aver capito e che trova i piccoli quotidiani (specie quelli gratuiti) come lo strumento di più rapida informazione. Rasenta il 40% la quota di chi legge libri in quanto appassionato di un particolare genere, di chi non rinuncia alla propria rivista preferita e di chi usa internet per accedere ad un maggiore patrimonio informativo. La lettura che quindi il rapporto propone ha quanto meno l originalità di rimettere nelle giuste posizioni domanda e offerta di comunicazione. Non nega 12

13 che si tratti di un rapporto simbiotico in grado di autoalimentarsi, ma certamente identifica la potenza degli strumenti e il livello di consapevolezza dei pubblici. Pubblici che potrebbero silenziosamente mutare orientamenti d uso, allo stato attuale appena percettibili, e potrebbero a breve riservarci qualche sorpresa. 13

14

15 PARTE I

16

17 1. I MEDIA USATI E I MEDIA DESIDERATI 1.1. I media che vorrei Il quarto Rapporto annuale Censis/Ucsi sulla comunicazione in Italia è dedicato alle aspettative del pubblico nei confronti dei media. Non vi mancano, come è ovvio, le riflessioni sull entità dei consumi mediatici, sull evoluzione dei comportamenti d uso degli utenti dei vari media, sulle tendenze generali in atto nel sistema della comunicazione, però, come ogni anno, il Rapporto individua anche un tema specifico e intorno ad esso orienta l indagine complessiva. Il tema di quest anno è quello che emerge dallo stesso titolo del Rapporto: I Media che vorrei. Dopo aver documentato ampiamente nelle ricerche passate, ma anche in quella presente quello che i media offrono e quello che gli utenti fanno con essi, abbiamo provato a capire cosa cercano gli spettatori, i lettori, gli utenti quando si avvicinano a un mezzo di comunicazione. Quello che vi trovano, ma anche quello che gli piacerebbe trovarvi e ancora non c è. Procedendo lungo questa strada, dopo aver analizzato una grande quantità di dati, si può concludere che non solo risulta difficile conciliare le aspettative dei lettori di libri con quelle degli ascoltatori della radio o le attese dei navigatori di internet con quelle dei telespettatori o dei lettori di quotidiani, ma che delle analoghe difficoltà si possono individuare anche quando si vanno ad analizzare i gusti e le preferenze che si riscontrano all interno dello stesso pubblico della televisione, dei giornali o della radio. In definitiva, più ci si avvicina agli usi concreti che il pubblico fa dei media, più si comincia a dubitare che i mezzi di comunicazione di massa siano propriamente di massa. O meglio, lo sono certamente dal punto di vista della emissione dei messaggi, ma non lo sono più con la stessa forza al momento della loro ricezione. 17

18 Gli apparati della comunicazione realizzano prodotti in serie e li diffondono in dosi massicce secondo i principi tipici della produzione industriale. Lo stesso programma televisivo, lo stesso libro, la stessa copia di giornale, la stessa pagina web raggiungono migliaia, se non milioni di persone senza cambiare minimamente aspetto. I messaggi veicolati dai media, invece, vengono decodificati attraverso processi molteplici e diversificati, raramente prevedibili, disperdendo in mille rivoli il grande fiume della comunicazione. A una struttura tipicamente monoteistica (sia essa tematica, come ad esempio per i mensili, o generalista, come nel caso della televisione) dell offerta, corrispondono comportamenti d uso tendenzialmente politeisti. Da una parte c è lo sforzo di uniformare, di trovare formule capaci di raggiungere il maggior numero di persone, quindi di banalizzare e semplificare, in qualche caso anche di condizionare il pubblico, insomma l istanza della massificazione in grado di ottimizzare l investimento (finanziario, culturale, politico) che sostiene la pratica comunicativa. Dall altra parte ci sono il piacere o l utilità che si ricavano dalla fruizione del prodotto mediatico, che passano attraverso le sensibilità, le aspirazioni, gli interessi, le astuzie che ciascuno ha acquisito attraverso la propria esperienza di vita. I produttori cercano di trovare la formula che gli consenta di raggiungere il maggior numero di spettatori con lo stesso prodotto, possibilmente riproducibile all infinito con poca spesa; gli spettatori possono scegliere solo sulla base di quello che l industria della comunicazione offre, però cercano di ritagliarsi dei percorsi personali grazie ai quali questa offerta viene selezionata e destrutturata fino ad adeguarsi il più possibile alle loro aspettative e ai loro gusti. L atteggiamento che è stato definito politeistico non determina, comunque, una polverizzazione assoluta dei consumi mediatici, per cui la molteplicità dei comportamenti assunti dal pubblico nei confronti dei media non impedisce di individuare alcune tendenze che, per la loro importanza ed originalità, riteniamo utile sottolineare, anche solo in modo schematico, fin da queste prime pagine: c è molta più gente di quanto non si creda che spegne la televisione se non vi trova programmi di proprio interesse, mentre molte altre persone la lasciano accesa, mettendosi, tuttavia, a fare altre cose; una metà del pubblico televisivo non vede o non sopporta i reality show. L altra metà li vede, ma non dà alcun peso all autenticità di quanto va in onda, ciò che conta è la simpatia suscitata dai protagonisti di questi spettacoli e il coinvolgimento nelle loro vicende; il più grande ostacolo alla diffusione della tv satellitare, dopo i costi, è rappresentato dall attaccamento manifestato dal pubblico nei confronti dei programmi della tv tradizionale, generalista; 18

19 i lettori dei giornali vogliono essere informati su quanto accade nel mondo, anche degli eventi spiacevoli e dolorosi, però chiedono che venga fatto con la dovuta serenità, senza indulgere in allarmismi e catastrofismi; l ostacolo maggiore alla diffusione di internet è il computer, che è uno strumento estraneo per la stragrande maggioranza degli italiani. Internet interessa, ma per diventare veramente un mezzo di comunicazione di massa dovrà rendersi per quanto possibile indipendente dal computer. Come? È ancora difficile capirlo; lo strumento complementare ad internet sul piano della percezione dell utilità e della capacità di penetrazione è il telefonino. Il cellulare lo hanno praticamente tutti. Per il momento è sottoutilizzato, perché in molti non sentono il bisogno di fare molto di più che telefonare e scambiare sms, però la familiarità con il mezzo è tale da farlo ritenere lo strumento dell autentica rivoluzione digitale di questi anni. È opportuno lanciare anche una rapida occhiata alle tendenze principali che si sono evidenziate nel 2004 dal punto di vista dei consumi mediatici. I dati che presentiamo nella tabella 1 sono quelli più recenti, che risalgono alla fine dell anno. Posto che una valutazione molto più dettagliata dell andamento dei consumi mediatici in questi anni verrà svolta nel prossimo Rapporto, considerandone le variazioni attraverso un intervallo di cinque anni, per il momento si possono comunque fare alcune osservazioni, specie a proposito di quelle tendenze che appaiono mantenersi più stabili nel corso del tempo: la televisione si conferma l unico mezzo in grado di parlare a tutti gli italiani; non a caso le oscillazioni del consumo di tv risultano sempre trascurabili, nell ordine di qualche decimale di punto in percentuale; il telefonino si afferma come l unico mezzo di comunicazione in grado di avvicinare la tv dal punto di vista dell uso quotidiano; impressiona in particolare rispetto agli utenti occasionali, la crescita degli utenti abituali, che stanno ormai per coincidere con il totale degli utenti; pur collocandosi a una certa distanza da tv e cellulare, anche la radio è uno strumento che raggiunge abitualmente più della metà degli italiani; siamo appena a cavallo di questa soglia, però ci collochiamo ancora al di sopra di essa; quando si parla dei mezzi a stampa si è costretti a fare maggiore attenzione nel distinguere il pubblico occasionale da quello abituale; i dati complessivi, infatti, ci dicono che quasi la metà degli italiani si avvicina a questi media, cosa di per sé abbastanza soddisfacente, però se andiamo a considerare le persone che hanno un rapporto più frequente con questi mezzi, allora ci accorgiamo che le cose cambiano notevolmente. Ad esempio, 19

20 Tab. 1 - Il rapporto degli italiani con i media (val. %) Media Totale Usano i media Utenti abituali (2) Utenti occasionali (3) Non usano i media (1) Totale popolazione Televisione 97,5 94,5 3,0 2,5 100,0 Cellulare 75,3 68,7 6,6 24,7 100,0 Radio 62,0 50,4 11,6 38,0 100,0 Quotidiani 47,5 36,1 11,4 52,5 100,0 Libri 43,6 29,9 13,7 56,4 100,0 Settimanali 42,2 14,6 27,6 57,8 100,0 Mensili 30,7 7,4 23,3 69,3 100,0 Internet 27,8 18,5 9,3 72,2 100,0 Tv satellitare 15,6 10,8 4,8 84,4 100,0 Alla domanda sull uso dei singoli media: (1) hanno risposto no oppure mai/quasi mai ; (2) hanno indicato una frequenza settimanale di almeno tre volte (hanno letto almeno tre libri nell ultimo anno); (3) hanno indicato una frequenza settimanale compresa tra una e due volte (hanno letto uno o due libri nell ultimo anno). contro un 94,5% di persone che vedono quasi tutti i giorni la televisione, abbiamo solo un 36,1% che legge almeno tre volte la settimana un giornale (anche sportivo) e un 29,9% che legge almeno tre libri nel corso dell anno; internet è un mezzo familiare a un numero sempre maggiore di italiani, però rimane ancora spostato verso il fondo della piramide mediatica. C è inoltre da sottolineare il fatto che, al contrario di quanto accade per alcuni mezzi a stampa, la percentuale degli utenti abituali di internet è più elevata rispetto a quella degli utenti occasionali, fattore che legittima una maggiore dose di ottimismo intorno a questo medium, anche se i numeri ci dicono che, quando parliamo di internet, non si è ancora autorizzati a parlare di boom ; anche la tv satellitare piano piano si fa strada, ma non rappresenta ancora una vera alternativa alla tv generalista. Il pubblico certamente cresce, sia che lo si misuri sulla base degli abbonamenti sottoscritti che degli ascolti, però non è ancora chiaramente definito nelle sue aspettative e nei suoi orientamenti. Lo sviluppo del digitale terrestre, inoltre, almeno nel breve periodo, non sembrerebbe contribuire a fare chiarezza nel settore. 20

21 Tab. 2 - Italiani che vedono la televisione nell arco dell intera giornata (val. %) Caratteristiche socioanagrafiche Almeno tre volte alla settimana Di Tutti cui tutti i giorni i giorni Istruzione fino alla licenza elementare 98,8 95,5 Popolazione d età superiore ai 65 anni 98,0 95,4 Popolazione d età compresa tra 45 e 64 anni 95,1 88,4 Donne 95,0 86,9 Intera popolazione 94,5 85,4 Uomini 94,0 83,8 Diploma scuola media superiore 93,4 79,4 Diploma scuola media inferiore 92,9 85,3 Popolazione d età compresa tra 14 e 17 anni 92,9 84,5 Popolazione d età compresa tra 30 e 44 anni 92,8 80,4 Popolazione d età compresa tra 18 e 29 anni 91,4 73,3 Laureati 91,0 75,0 Nel complesso, l impressione che si ricava dai principali comportamenti di consumo dei mezzi di comunicazione ci rimanda ad un uso più consapevole e selettivo dei media stessi, almeno da parte di un numero non indifferente dei loro utenti. Le differenze, anche notevoli, che si rintracciano tra le caratteristiche intrinseche e le modalità d impiego dei diversi mezzi ci impediscono, a questo punto, di procedere ulteriormente lungo la strada della sintesi, imponendoci di entrare nel dettaglio delle vicende specifiche collegate all uso di ciascuno dei mezzi di comunicazione compresi nella nostra indagine La televisione: verso un uso maturo e individuale La tv è la protagonista dell unica vera esperienza di comunicazione condivisa dagli italiani. Chi pensa che il pubblico televisivo sia composto solo dai ventisette/ventotto milioni di telespettatori che mediamente ci indica l Auditel, deducendo da questo dato statistico la conseguenza che ci sono altri trenta milioni d italiani sostanzialmente estranei al contatto con la tv, non considera che nell arco della giornata e nei vari giorni della settimana si alternano davanti al teleschermo praticamente tutti gli italiani. Allo stesso modo, chi crede che la platea televisiva sia formata essenzialmente da casalinghe e pensionati, 21

22 dimentica che se è vero che le persone più anziane e con minore istruzione guardano molta televisione, è altrettanto vero che la tv entra nell esperienza di vita quotidiana di tutti. Infatti, come si può constatare dalla lettura della tabella 2, il 93,4% dei diplomati di scuola superiore e il 91% dei laureati vede la tv almeno tre volte la settimana, mentre l 80,4% degli italiani d età compresa tra i 30 e i 44 anni la vede tutti i giorni. Il gruppo degli spettatori meno assidui nella frequentazione quotidiana della tv è quello composto dai giovani tra i 18 e i 29 anni, ma anche essi raggiungono la quota, ragguardevole, del 73,3% e comunque il dato che spiega tutti gli altri è rappresentato da quell 85,4% di italiani che vede la televisione tutti i giorni: non importa quanti sono gli spettatori di questo o quel programma, oppure quante persone in un determinato momento hanno la tv accesa in casa, l essenziale è capire che l 85,4% degli italiani, prima o poi, poco o tanto, per passione o per necessità, divertendosi o annoiandosi, con distacco o partecipazione, vede la televisione tutti i giorni. La tv, dunque, la vedono tutti, ma non sempre nello stesso momento. Se si segue la concentrazione del pubblico nelle varie fascie orarie della giornata, infatti, si possono fare delle scoperte molto interessanti (tab. 3). Ad esempio, sono gli adulti compresi tra i 30 e i 44 anni i più fedeli utenti della tv tra le 21 e le 23 (76,9%), seguiti dai loro colleghi leggermente più anziani (76,3% tra i 45 e i 64 anni) e dai laureati (75%). Ovviamente non sono i pochi laureati esistenti in Italia a costituire la massa del pubblico televisivo, però questi dati ci stanno dicendo che tre laureati su quattro, dopo cena, guardano la televisione per almeno tre sere alla settimana; non leggono libri o periodici, non ascoltano la radio, non navigano in internet: vedono la televisione. È interessante notare che tutti i gruppi che nell ascolto complessivo si ritrovano sotto la media, si collocano sopra il dato nazionale nella fascia oraria compresa tra le 21 e le 23. Addirittura gli uomini con il 72,1% distanziano nettamente le donne, ferme al 66,8%. La situazione, invece, si ribalta nella fascia oraria precedente. Tra le 20 e le 21 la tv è vista dal 74,9% della popolazione con più di 65 anni e dal 73,4% delle persone dotate al massimo di licenza elementare, mentre le donne mantenendo praticamente invariata la loro percentuale (66,4%) sorpassano gli uomini (64,3%). Anche intorno all ora di pranzo, tra le 12 e le 14, è molto alta la frequentazione della tv tra i più anziani (58,3%) e i meno istruiti (54,5%), oltre che tra le donne (38,6%). Non è dunque l esistenza del contatto con il mezzo a determinare le differenze tra i diversi tipi di pubblico televisivo, ma le modalità di questo rapporto. Per il pubblico più anziano, meno istruito, a prevalenza femminile, il contatto è diluito nell arco dell intera giornata, raggiunge il massimo intorno all ora di cena e poi scende rapidamente (tra le 23 e le 24, ad esempio, solo il 4,2% degli ultrasessantacinquenni è ancora davanti al televisore, contro una 22

23 Tab. 3 - Fasce orarie in cui gli italiani vedono maggiormente la televisione, almeno tre volte alla settimana (val. %) Caratteristiche socioanagrafiche Tra 21 e 23 Tra 20 e 21 Tra 12 e 14 Popolazione d età compresa tra 30 e 44 anni 76,9 63,5 27,7 Popolazione d età compresa tra 45 e 64 anni 76,3 69,3 35,0 Laureati 75,0 53,0 24,0 Diploma scuola media superiore 72,4 64,3 26,3 Uomini 72,1 64,3 33,6 Diploma scuola media inferiore 72,1 62,8 33,7 Intera popolazione 69,4 65,3 36,2 Popolazione d età compresa tra 18 e 29 anni 67,3 53,6 22,7 Donne 66,8 66,4 38,6 Istruzione fino alla licenza elementare 60,8 73,4 54,5 Popolazione d età compresa tra 14 e 17 anni 60,7 51,2 25,0 Popolazione d età superiore ai 65 anni 58,3 74,9 58,3 media del 14,7% dell intera popolazione). Gli adulti, istruiti, prevalentemente uomini, si concentrano invece sui programmi di prima serata. Anche i più giovani (tra i 14 e i 17 anni) distribuiscono di più l ascolto nel corso della giornata, con un picco del 34,5% tra le 14 e le 17 (quando non a caso vanno in onda diversi programmi giovanilistici), ma con un significativo 13,1% anche tra le 23 e le 24 (ben oltre la fascia protetta). Questa diversa distribuzione delle abitudini d ascolto della televisione tra le differenti categorie di pubblico comincia a farci sospettare che l uso della tv sia molto meno e piatto e prevedibile di quanto siamo abituati a ritenere. Questo sospetto viene irrobustito da altre rilevazioni che abbiamo compiuto sui modi attraverso i quali ci si accosta alla tv. Ad esempio, è indubbio che la televisione costituisca un elemento fondamentale del nostro ambiente di vita, eppure non sono poi molte (solo il 10,7%) le case in cui è praticamente sempre accesa (tab. 4, in genere, salvo diverse indicazioni, nelle tabelle si presentano i dati relativi a uomini e donne, più e meno istruiti, giovani e anziani), e non sono neanche molti gli spettatori che l accendono senza motivo (21,1%). Al contrario, invece, all incirca un terzo degli spettatori accende la tv per seguire i propri programmi preferiti (33,7%) e più di un quarto per seguire il telegiornale (26,5%). Da sottolineare che sono i giovani il pubblico più attento al tipo di programmi trasmessi (45,9%) e meno sensibili al tg (8,7%), mentre è nelle case dei più anziani che la tv è più spesso sempre accesa (16,4%). 23

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli