CENSIS U.C.S.I. CENSIS. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENSIS U.C.S.I. CENSIS. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:"

Transcript

1 CENSIS U.C.S.I. CENSIS Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:

2 I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere via le segnalazioni delle novità o scrivere, inviando il loro indirizzo, a: FrancoAngeli, viale Monza 106, Milano.

3 CENSIS U.C.S.I. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia I MEDIA CHE VORREI FRANCOANGELI

4 Il Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca del Censis, diretto da Raffaele Pastore, responsabile del Settore Comunicazione, e composto da: Settimio Marcelli, Federica Durante, Monica Altieri, Vittoria Coletta, Giuseppe Lubrano, Simona Poli Costato, Flavia Novelli e Giancarlo Livraghi. La ricerca quantitativa è stata realizzata con Ipsos Explorer. L analisi testuale è stata svolta in collaborazione con il prof. Sergio Bolasco dell Università La Sapienza di Roma. La collaborazione con l Ucsi si è avvalsa del contributo di Emilio Rossi, Paolo Scandaletti e Andrea Melodia, consiglieri dell Ucsi. Copyright 2005 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy Ristampa Anno È vietata la riproduzione, anche parziale, effettuata a qualsiasi titolo, eccetto quella ad uso personale. Quest ultima è consentita nel limite massimo del 15% delle pagine dell opera, anche se effettuata in più volte, e alla condizione che vengano pagati i compensi stabiliti dall art. 2 della legge vigente. Ogni fotocopia che eviti l acquisto di un libro è illecita ed è severamente punita. Chiunque fotocopia un libro, chi mette a disposizione i mezzi per farlo, chi comunque favorisce questa pratica commette un reato e opera ai danni della cultura. Stampa: Deltagrafica, Via G. Pastore 9, Città di Castello.

5 INDICE PREFAZIONE I media cambiano più del mondo che raccontano di Emilio Rossi Il potere dei media e la consapevolezza dei pubblici di Giuseppe Roma pag. 9» 11 PARTE I 1. I media usati e i media desiderati 1.1. I media che vorrei 1.2. La televisione: verso un uso maturo e individuale 1.3. La tv satellitare: vorrei ma non posso 1.4. La radio: sempre più giovane e musicale 1.5. Il quotidiano: abituale mezzo per capire, purché sia sereno 1.6. I libri: solo se dell autore o genere preferiti 1.7. I settimanali e i mensili: i contenuti innanzitutto 1.8. L internet: utile, divertente, unico, ma ancora difficile 1.9. Il telefono cellulare: la vera rivoluzione digitale 2. Profili di utenti e non utenti di internet e cellulari 2.1. I consumatori 2.2. Gli sperimentatori 2.3. I tiepidi 2.4. Gli attardati 2.5. Gli alieni 3. Le parole per parlare dei media» 17» 17» 21» 36» 42» 48» 57» 64» 71» 80» 89» 91» 97» 103» 107» 110» 113 5

6 4. I vecchi, l informazione e la comunicazione di Giancarlo Livraghi pag. 159 PARTE II 5. I giornalisti e la libertà di stampa» 191 PARTE III 6. Interventi alla presentanzione della ricerca 6.1. Com è cambiato il concetto di massa di Francesco De Sanctis 6.2. L importanza della formazione per i giovani comunicatori di Lucio D Alessandro 6.3. Il giornalista al servizio dei cittadini di Massimo Milone 6.4. Ragionando sul mestiere del comunicatore di Paolo Scandaletti 6.5. Italiani più maturi e individualisti nell uso dei media di Raffaele Pastore 6.6. Il ritorno ad un serio giornalismo di Gianni Ambrosino 6.7. Le linee guida della tv pubblica di Benito Benassi 6.8. L educazione ai media: una necessità dei nostri tempi di Ermanno Corsi 6.9. I giornalisti al passo con la multimedialità di Carlo Gambalonga Una scarsa cultura informatica fra i giovani: come intervenire di Andrea Granelli I nuovi media: da mezzi pervasivi a semplici veicoli di Luisa Pogliana Più professionalità per i giovani giornalisti di Vittorio Roidi L editore come garante di qualità dell informazione di Alfonso Ruffo Nuove riforme nell impresa editoriale di Franco Siddi Utenti liberi dai condizionamenti del politeismo mediatico di Giuseppe De Rita L importanza di rimettersi in gioco di Emilio Rossi» 225» 225» 226» 226» 227» 228» 231» 232» 233» 235» 237» 239» 241» 242» 244» 245» 247 6

7 PREFAZIONE

8

9 I MEDIA CAMBIANO PIÙ DEL MONDO CHE RACCONTANO di Emilio Rossi (*) Cambiano i media. Cambiano anche più del mondo che raccontano. Lo stesso tradizionale comparto del quotidiano a stampa mostra in Italia più di un sussulto significativo, a fronte di dati di diffusione che restano insoddisfacenti. Da un lato si afferma il giornale distribuito gratuitamente con la sua formula semplificata; dall altro si accredita, sia pure con riferimento a un mercato di nicchia, il giornale volutamente disadorno pensato per élite pensanti; dall altro ancora il grande quotidiano per tutti, non solo trova sempre nuovi prodotti di accoppiamento, ma s impegna a creare-soddisfare nuove domande. Tende così, come è stato osservato (Andrea Salerno), a mensilizzarsi, dopo essersi settimanalizzato ; e dunque prova a proporre documenti integrali e monografie di respiro. Al confronto, la televisione, tuttora quantitativamente in ottima salute, sembra interessata più alle nuove tecnologie che a reinvenzioni qualitative. In particolare la televisione generalista, con la sua tuttora grande dote di ascolti, si direbbe meno creativa nell innovazione, invischiata com è stata fino ad oggi piuttosto nel proporre e riproporre con molteplici variazioni il format del reality. L approfondimento si celebra semmai al di fuori dei due grandi gruppi, il pubblico e il commerciale, tendenti a omologazione. I new media intanto in testa, trionfante il telefonino sviluppano le loro potenzialità, soprattutto relazionali, in vista di assetti ancora da definire. In questo quadro, il Rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione in Italia seguita, anno dopo anno, a svilupparsi in estensione e profondità. L ambizione, che funge da filo conduttore, è quella di aiutare a dar dimensione e ragione dei fenomeni mediatici, che sempre più ci avvolgono con dinamiche difficili da interpretare, anche per la velocità che le caratterizza. Scattare istantanee e far collezione di impressioni suggestive è abbastanza facile. Molto meno facile è, al di là delle (*) Consigliere nazionale Ucsi. 9

10 une e delle altre, cogliere andamenti reali, velocità di scorrimento e punti di verosimile approdo, insomma individuare (per poi valutare) dove si sta andando. Il prossimo Rapporto il quinto non solo perché offrirà serie quinquennali di dati su cui riflettere, sarà l occasione per fare il punto, attraverso confronti dilatati non solo temporalmente ma anche geograficamente, con riguardo almeno ai grandi Paesi europei. L appuntamento si prospetta fin d ora come sostanzioso; il cantiere di lavoro è già aperto. Restando a questo quarto Rapporto che fa seguito, consolidandola e ampliandola, all anticipazione fornita a fine ottobre 2004 nell incontro al Suor Orsola di Napoli il titolo I Media che vorrei riassume una linea di fondo della ricerca, forse meno ovvia di quanto possa sembrare a prima vista. Il nesso domanda-offerta ha infatti centralità del tutto atipica nel campo massmediatico, come radicalmente atipica è la merce comunicazione. Opportunità e rischi vi si addensano bidirezionalmente e costituiscono un nodo problematico vitale per la democrazia postmoderna. La posta è così alta, che ogni granello di miglior conoscenza nel suo ambito può risultare prezioso, se acquisito al riparo dalla semplificazione e dalla presunzione. Dopo aver mappato, in bilico tra media usati e media desiderati, i sette continenti (televisione, radio, quotidiani, libri, periodici, internet, telefonini), dopo aver trovato conferma essere ancora la televisione l unico mezzo in grado di parlare a tutti gli italiani, il Rapporto esplora alcuni territori specifici come: profili di utenti e non utenti di internet e cellulari (tanti stimoli e qualche scoperta); l universo degli anziani (ed è giustificato occuparsene, visto che soprattutto di loro sarà affollato il futuro). Rilievo a sé ha la ricerca sull autonomia professionale dei giornalisti considerata in suoi molteplici aspetti: autonomia da chi, sperimentata come sul lavoro e sul prodotto finale, garanzie di tutela. È tema di decisiva rilevanza politica, civile, coscienziale, il cui approfondimento richiede di essere ulteriormente sviluppato, tra l altro sul versante dei lettori e delle loro percezioni. Non manca, infine, a titolo di curiosità, il complemento di un analisi testuale: quali sono le parole più usate, quando si parla di media? Di paragrafo in paragrafo, di tabella in tabella, di percentuale in percentuale, anche nel quarto Rapporto è leggibile, come in filigrana, l umanità sottostante al mondo della comunicazione e alle sue tecnalità a prima vista soverchianti. Un mondo in cui contano anche dati esistenziali come: la voglia di divertirsi ma pure quella di capire; la curiosità ma pure la scarsa disponibilità a faticare; la paura della noia ma pure il bisogno di serenità; lo sgomento della solitudine ma pure l ansia di non farsi mettere al guinzaglio. Non di sole news vive l uomo. E, per questo motivo, anche a riguardo delle news fast o slow che siano, ha le sue responsabilità. 10

11 IL POTERE DEI MEDIA E LA CONSAPEVOLEZZA DEI PUBBLICI di Giuseppe Roma (*) Lo studio delle relazioni fra cittadini e media, specie nel nostro paese, assume i caratteri di un analisi ad ampio spettro, travalicando il campo specialistico cui si riferisce la sociologia della comunicazione. I media sono sempre più sfuggenti, nella percezione comune, nel modo di accompagnare i processi sociali, nell orientare gusti e opinioni delle diverse popolazioni coinvolte (bambini, giovani, adulti, casalinghe, anziani vitali, anziani in ripiegamento e così via). C è una difficoltà a cogliere i mutamenti di giudizio, le opzioni di gradimento espresse da questa pluriforme platea di fruitori attraverso i tradizionali strumenti di indagine sull opinione pubblica. È merito del rapporto Censis-Ucsi di aver sperimentato con successo diverse metodologie di indagine e di aver sempre puntato ad interpretare i fenomeni piuttosto che, semplicemente, misurare i comportamenti attraverso la lente talvolta opaca delle interviste e dei questionari. Nei materiali raccolti qui di seguito si può, infatti, rilevare come la frammentazione delle scelte sia una delle cifre dell attuale stato del rapporto società/media. Le motivazioni espresse si addensano con molta difficoltà evidenziando il moltiplicarsi di scelte concrete d uso, di aspettative verso la comunicazione, dei gusti quanto a piacevolezza e facile accessibilità delle informazioni, e dei contenuti. Ma registriamo anche il frantumarsi delle esperienze, del vissuto, delle competenze e dei livelli di consapevolezza culturale. Quindi il popolo italiano, un popolo più orale che scritto, propone nei confronti dei media uno sventagliamento di posizioni e di propensioni. (*) Direttore generale del Censis. 11

12 Dall altro versante i media sembrano ormai consolidare una funzione sociale che però si impasta in un ruolo di potere. Un potere particolare, un potere in sé, non tanto un potere di complemento nei confronti della politica. Non è escluso che in Italia, per quanto i media più potenti possano allinearsi su posizioni di uno schieramento politico, il passaggio elettorale vada a favore dello schieramento opposto. Un eccesso di allineamento finisce per rilevarsi un potente boomerang. I media mostrano di avere un potere in sé nel definire particolari linguaggi che poi trasferiscono all uso comune ma anche all antropologia diffusa, impongono interessi di carattere produttivo e aziendale, ed a ragione in quanto l industria del multimediale non può che considerarsi una componente fondamentale dell economia tecnologica e globalizzata. Determinano un potere dei protagonisti, siano essi i popolari e visibili personaggi televisivi che le potenti macchine giornalistiche. Cresce perfino la capacità attrattiva di poeti e scrittori in grado di tramutare il naturale fascino della scrittura in effetto cumulato con la parola. Basti pensare ai festival della letteratura o alle sempre più numerose e affollatissime performance dal vivo. Una prima conclusione cui prudentemente ci potrebbe condurre la lettura di questo quarto Rapporto è, quindi, tutta centrata sulla crescente autocrazia dei media a fronte dell altrettanto montante sventagliamento di motivazioni e scelte da parte del corpo sociale. Per corroborare la tesi molti dei dati che sono stati rilevati rivelano come addensamento delle opinioni una quota massima compresa fra il 30-40% delle preferenze espresse. Solo le motivazioni d uso del telefonino e della radio raggiungono quote di molto superiori. Il primo perché in maniera tautologica consente di rimanere permanentemente in contatto con gli altri, la seconda aggrega quote rilevanti di pubblico quali ascoltatori dei diversi generi musicali. Per quanto riguarda la tv poco più di un terzo la accende per guardare i programmi preferiti, ha un tg prediletto, non vede i reality show, si lamenta della volgarità, utilizza il satellitare come estensione e alternativa alla tv generalista. Ma è sempre poco più di un terzo che legge i quotidiani per capire, altrettanto pesa la quota di chi è soddisfatto per aver capito e che trova i piccoli quotidiani (specie quelli gratuiti) come lo strumento di più rapida informazione. Rasenta il 40% la quota di chi legge libri in quanto appassionato di un particolare genere, di chi non rinuncia alla propria rivista preferita e di chi usa internet per accedere ad un maggiore patrimonio informativo. La lettura che quindi il rapporto propone ha quanto meno l originalità di rimettere nelle giuste posizioni domanda e offerta di comunicazione. Non nega 12

13 che si tratti di un rapporto simbiotico in grado di autoalimentarsi, ma certamente identifica la potenza degli strumenti e il livello di consapevolezza dei pubblici. Pubblici che potrebbero silenziosamente mutare orientamenti d uso, allo stato attuale appena percettibili, e potrebbero a breve riservarci qualche sorpresa. 13

14

15 PARTE I

16

17 1. I MEDIA USATI E I MEDIA DESIDERATI 1.1. I media che vorrei Il quarto Rapporto annuale Censis/Ucsi sulla comunicazione in Italia è dedicato alle aspettative del pubblico nei confronti dei media. Non vi mancano, come è ovvio, le riflessioni sull entità dei consumi mediatici, sull evoluzione dei comportamenti d uso degli utenti dei vari media, sulle tendenze generali in atto nel sistema della comunicazione, però, come ogni anno, il Rapporto individua anche un tema specifico e intorno ad esso orienta l indagine complessiva. Il tema di quest anno è quello che emerge dallo stesso titolo del Rapporto: I Media che vorrei. Dopo aver documentato ampiamente nelle ricerche passate, ma anche in quella presente quello che i media offrono e quello che gli utenti fanno con essi, abbiamo provato a capire cosa cercano gli spettatori, i lettori, gli utenti quando si avvicinano a un mezzo di comunicazione. Quello che vi trovano, ma anche quello che gli piacerebbe trovarvi e ancora non c è. Procedendo lungo questa strada, dopo aver analizzato una grande quantità di dati, si può concludere che non solo risulta difficile conciliare le aspettative dei lettori di libri con quelle degli ascoltatori della radio o le attese dei navigatori di internet con quelle dei telespettatori o dei lettori di quotidiani, ma che delle analoghe difficoltà si possono individuare anche quando si vanno ad analizzare i gusti e le preferenze che si riscontrano all interno dello stesso pubblico della televisione, dei giornali o della radio. In definitiva, più ci si avvicina agli usi concreti che il pubblico fa dei media, più si comincia a dubitare che i mezzi di comunicazione di massa siano propriamente di massa. O meglio, lo sono certamente dal punto di vista della emissione dei messaggi, ma non lo sono più con la stessa forza al momento della loro ricezione. 17

18 Gli apparati della comunicazione realizzano prodotti in serie e li diffondono in dosi massicce secondo i principi tipici della produzione industriale. Lo stesso programma televisivo, lo stesso libro, la stessa copia di giornale, la stessa pagina web raggiungono migliaia, se non milioni di persone senza cambiare minimamente aspetto. I messaggi veicolati dai media, invece, vengono decodificati attraverso processi molteplici e diversificati, raramente prevedibili, disperdendo in mille rivoli il grande fiume della comunicazione. A una struttura tipicamente monoteistica (sia essa tematica, come ad esempio per i mensili, o generalista, come nel caso della televisione) dell offerta, corrispondono comportamenti d uso tendenzialmente politeisti. Da una parte c è lo sforzo di uniformare, di trovare formule capaci di raggiungere il maggior numero di persone, quindi di banalizzare e semplificare, in qualche caso anche di condizionare il pubblico, insomma l istanza della massificazione in grado di ottimizzare l investimento (finanziario, culturale, politico) che sostiene la pratica comunicativa. Dall altra parte ci sono il piacere o l utilità che si ricavano dalla fruizione del prodotto mediatico, che passano attraverso le sensibilità, le aspirazioni, gli interessi, le astuzie che ciascuno ha acquisito attraverso la propria esperienza di vita. I produttori cercano di trovare la formula che gli consenta di raggiungere il maggior numero di spettatori con lo stesso prodotto, possibilmente riproducibile all infinito con poca spesa; gli spettatori possono scegliere solo sulla base di quello che l industria della comunicazione offre, però cercano di ritagliarsi dei percorsi personali grazie ai quali questa offerta viene selezionata e destrutturata fino ad adeguarsi il più possibile alle loro aspettative e ai loro gusti. L atteggiamento che è stato definito politeistico non determina, comunque, una polverizzazione assoluta dei consumi mediatici, per cui la molteplicità dei comportamenti assunti dal pubblico nei confronti dei media non impedisce di individuare alcune tendenze che, per la loro importanza ed originalità, riteniamo utile sottolineare, anche solo in modo schematico, fin da queste prime pagine: c è molta più gente di quanto non si creda che spegne la televisione se non vi trova programmi di proprio interesse, mentre molte altre persone la lasciano accesa, mettendosi, tuttavia, a fare altre cose; una metà del pubblico televisivo non vede o non sopporta i reality show. L altra metà li vede, ma non dà alcun peso all autenticità di quanto va in onda, ciò che conta è la simpatia suscitata dai protagonisti di questi spettacoli e il coinvolgimento nelle loro vicende; il più grande ostacolo alla diffusione della tv satellitare, dopo i costi, è rappresentato dall attaccamento manifestato dal pubblico nei confronti dei programmi della tv tradizionale, generalista; 18

19 i lettori dei giornali vogliono essere informati su quanto accade nel mondo, anche degli eventi spiacevoli e dolorosi, però chiedono che venga fatto con la dovuta serenità, senza indulgere in allarmismi e catastrofismi; l ostacolo maggiore alla diffusione di internet è il computer, che è uno strumento estraneo per la stragrande maggioranza degli italiani. Internet interessa, ma per diventare veramente un mezzo di comunicazione di massa dovrà rendersi per quanto possibile indipendente dal computer. Come? È ancora difficile capirlo; lo strumento complementare ad internet sul piano della percezione dell utilità e della capacità di penetrazione è il telefonino. Il cellulare lo hanno praticamente tutti. Per il momento è sottoutilizzato, perché in molti non sentono il bisogno di fare molto di più che telefonare e scambiare sms, però la familiarità con il mezzo è tale da farlo ritenere lo strumento dell autentica rivoluzione digitale di questi anni. È opportuno lanciare anche una rapida occhiata alle tendenze principali che si sono evidenziate nel 2004 dal punto di vista dei consumi mediatici. I dati che presentiamo nella tabella 1 sono quelli più recenti, che risalgono alla fine dell anno. Posto che una valutazione molto più dettagliata dell andamento dei consumi mediatici in questi anni verrà svolta nel prossimo Rapporto, considerandone le variazioni attraverso un intervallo di cinque anni, per il momento si possono comunque fare alcune osservazioni, specie a proposito di quelle tendenze che appaiono mantenersi più stabili nel corso del tempo: la televisione si conferma l unico mezzo in grado di parlare a tutti gli italiani; non a caso le oscillazioni del consumo di tv risultano sempre trascurabili, nell ordine di qualche decimale di punto in percentuale; il telefonino si afferma come l unico mezzo di comunicazione in grado di avvicinare la tv dal punto di vista dell uso quotidiano; impressiona in particolare rispetto agli utenti occasionali, la crescita degli utenti abituali, che stanno ormai per coincidere con il totale degli utenti; pur collocandosi a una certa distanza da tv e cellulare, anche la radio è uno strumento che raggiunge abitualmente più della metà degli italiani; siamo appena a cavallo di questa soglia, però ci collochiamo ancora al di sopra di essa; quando si parla dei mezzi a stampa si è costretti a fare maggiore attenzione nel distinguere il pubblico occasionale da quello abituale; i dati complessivi, infatti, ci dicono che quasi la metà degli italiani si avvicina a questi media, cosa di per sé abbastanza soddisfacente, però se andiamo a considerare le persone che hanno un rapporto più frequente con questi mezzi, allora ci accorgiamo che le cose cambiano notevolmente. Ad esempio, 19

20 Tab. 1 - Il rapporto degli italiani con i media (val. %) Media Totale Usano i media Utenti abituali (2) Utenti occasionali (3) Non usano i media (1) Totale popolazione Televisione 97,5 94,5 3,0 2,5 100,0 Cellulare 75,3 68,7 6,6 24,7 100,0 Radio 62,0 50,4 11,6 38,0 100,0 Quotidiani 47,5 36,1 11,4 52,5 100,0 Libri 43,6 29,9 13,7 56,4 100,0 Settimanali 42,2 14,6 27,6 57,8 100,0 Mensili 30,7 7,4 23,3 69,3 100,0 Internet 27,8 18,5 9,3 72,2 100,0 Tv satellitare 15,6 10,8 4,8 84,4 100,0 Alla domanda sull uso dei singoli media: (1) hanno risposto no oppure mai/quasi mai ; (2) hanno indicato una frequenza settimanale di almeno tre volte (hanno letto almeno tre libri nell ultimo anno); (3) hanno indicato una frequenza settimanale compresa tra una e due volte (hanno letto uno o due libri nell ultimo anno). contro un 94,5% di persone che vedono quasi tutti i giorni la televisione, abbiamo solo un 36,1% che legge almeno tre volte la settimana un giornale (anche sportivo) e un 29,9% che legge almeno tre libri nel corso dell anno; internet è un mezzo familiare a un numero sempre maggiore di italiani, però rimane ancora spostato verso il fondo della piramide mediatica. C è inoltre da sottolineare il fatto che, al contrario di quanto accade per alcuni mezzi a stampa, la percentuale degli utenti abituali di internet è più elevata rispetto a quella degli utenti occasionali, fattore che legittima una maggiore dose di ottimismo intorno a questo medium, anche se i numeri ci dicono che, quando parliamo di internet, non si è ancora autorizzati a parlare di boom ; anche la tv satellitare piano piano si fa strada, ma non rappresenta ancora una vera alternativa alla tv generalista. Il pubblico certamente cresce, sia che lo si misuri sulla base degli abbonamenti sottoscritti che degli ascolti, però non è ancora chiaramente definito nelle sue aspettative e nei suoi orientamenti. Lo sviluppo del digitale terrestre, inoltre, almeno nel breve periodo, non sembrerebbe contribuire a fare chiarezza nel settore. 20

21 Tab. 2 - Italiani che vedono la televisione nell arco dell intera giornata (val. %) Caratteristiche socioanagrafiche Almeno tre volte alla settimana Di Tutti cui tutti i giorni i giorni Istruzione fino alla licenza elementare 98,8 95,5 Popolazione d età superiore ai 65 anni 98,0 95,4 Popolazione d età compresa tra 45 e 64 anni 95,1 88,4 Donne 95,0 86,9 Intera popolazione 94,5 85,4 Uomini 94,0 83,8 Diploma scuola media superiore 93,4 79,4 Diploma scuola media inferiore 92,9 85,3 Popolazione d età compresa tra 14 e 17 anni 92,9 84,5 Popolazione d età compresa tra 30 e 44 anni 92,8 80,4 Popolazione d età compresa tra 18 e 29 anni 91,4 73,3 Laureati 91,0 75,0 Nel complesso, l impressione che si ricava dai principali comportamenti di consumo dei mezzi di comunicazione ci rimanda ad un uso più consapevole e selettivo dei media stessi, almeno da parte di un numero non indifferente dei loro utenti. Le differenze, anche notevoli, che si rintracciano tra le caratteristiche intrinseche e le modalità d impiego dei diversi mezzi ci impediscono, a questo punto, di procedere ulteriormente lungo la strada della sintesi, imponendoci di entrare nel dettaglio delle vicende specifiche collegate all uso di ciascuno dei mezzi di comunicazione compresi nella nostra indagine La televisione: verso un uso maturo e individuale La tv è la protagonista dell unica vera esperienza di comunicazione condivisa dagli italiani. Chi pensa che il pubblico televisivo sia composto solo dai ventisette/ventotto milioni di telespettatori che mediamente ci indica l Auditel, deducendo da questo dato statistico la conseguenza che ci sono altri trenta milioni d italiani sostanzialmente estranei al contatto con la tv, non considera che nell arco della giornata e nei vari giorni della settimana si alternano davanti al teleschermo praticamente tutti gli italiani. Allo stesso modo, chi crede che la platea televisiva sia formata essenzialmente da casalinghe e pensionati, 21

22 dimentica che se è vero che le persone più anziane e con minore istruzione guardano molta televisione, è altrettanto vero che la tv entra nell esperienza di vita quotidiana di tutti. Infatti, come si può constatare dalla lettura della tabella 2, il 93,4% dei diplomati di scuola superiore e il 91% dei laureati vede la tv almeno tre volte la settimana, mentre l 80,4% degli italiani d età compresa tra i 30 e i 44 anni la vede tutti i giorni. Il gruppo degli spettatori meno assidui nella frequentazione quotidiana della tv è quello composto dai giovani tra i 18 e i 29 anni, ma anche essi raggiungono la quota, ragguardevole, del 73,3% e comunque il dato che spiega tutti gli altri è rappresentato da quell 85,4% di italiani che vede la televisione tutti i giorni: non importa quanti sono gli spettatori di questo o quel programma, oppure quante persone in un determinato momento hanno la tv accesa in casa, l essenziale è capire che l 85,4% degli italiani, prima o poi, poco o tanto, per passione o per necessità, divertendosi o annoiandosi, con distacco o partecipazione, vede la televisione tutti i giorni. La tv, dunque, la vedono tutti, ma non sempre nello stesso momento. Se si segue la concentrazione del pubblico nelle varie fascie orarie della giornata, infatti, si possono fare delle scoperte molto interessanti (tab. 3). Ad esempio, sono gli adulti compresi tra i 30 e i 44 anni i più fedeli utenti della tv tra le 21 e le 23 (76,9%), seguiti dai loro colleghi leggermente più anziani (76,3% tra i 45 e i 64 anni) e dai laureati (75%). Ovviamente non sono i pochi laureati esistenti in Italia a costituire la massa del pubblico televisivo, però questi dati ci stanno dicendo che tre laureati su quattro, dopo cena, guardano la televisione per almeno tre sere alla settimana; non leggono libri o periodici, non ascoltano la radio, non navigano in internet: vedono la televisione. È interessante notare che tutti i gruppi che nell ascolto complessivo si ritrovano sotto la media, si collocano sopra il dato nazionale nella fascia oraria compresa tra le 21 e le 23. Addirittura gli uomini con il 72,1% distanziano nettamente le donne, ferme al 66,8%. La situazione, invece, si ribalta nella fascia oraria precedente. Tra le 20 e le 21 la tv è vista dal 74,9% della popolazione con più di 65 anni e dal 73,4% delle persone dotate al massimo di licenza elementare, mentre le donne mantenendo praticamente invariata la loro percentuale (66,4%) sorpassano gli uomini (64,3%). Anche intorno all ora di pranzo, tra le 12 e le 14, è molto alta la frequentazione della tv tra i più anziani (58,3%) e i meno istruiti (54,5%), oltre che tra le donne (38,6%). Non è dunque l esistenza del contatto con il mezzo a determinare le differenze tra i diversi tipi di pubblico televisivo, ma le modalità di questo rapporto. Per il pubblico più anziano, meno istruito, a prevalenza femminile, il contatto è diluito nell arco dell intera giornata, raggiunge il massimo intorno all ora di cena e poi scende rapidamente (tra le 23 e le 24, ad esempio, solo il 4,2% degli ultrasessantacinquenni è ancora davanti al televisore, contro una 22

23 Tab. 3 - Fasce orarie in cui gli italiani vedono maggiormente la televisione, almeno tre volte alla settimana (val. %) Caratteristiche socioanagrafiche Tra 21 e 23 Tra 20 e 21 Tra 12 e 14 Popolazione d età compresa tra 30 e 44 anni 76,9 63,5 27,7 Popolazione d età compresa tra 45 e 64 anni 76,3 69,3 35,0 Laureati 75,0 53,0 24,0 Diploma scuola media superiore 72,4 64,3 26,3 Uomini 72,1 64,3 33,6 Diploma scuola media inferiore 72,1 62,8 33,7 Intera popolazione 69,4 65,3 36,2 Popolazione d età compresa tra 18 e 29 anni 67,3 53,6 22,7 Donne 66,8 66,4 38,6 Istruzione fino alla licenza elementare 60,8 73,4 54,5 Popolazione d età compresa tra 14 e 17 anni 60,7 51,2 25,0 Popolazione d età superiore ai 65 anni 58,3 74,9 58,3 media del 14,7% dell intera popolazione). Gli adulti, istruiti, prevalentemente uomini, si concentrano invece sui programmi di prima serata. Anche i più giovani (tra i 14 e i 17 anni) distribuiscono di più l ascolto nel corso della giornata, con un picco del 34,5% tra le 14 e le 17 (quando non a caso vanno in onda diversi programmi giovanilistici), ma con un significativo 13,1% anche tra le 23 e le 24 (ben oltre la fascia protetta). Questa diversa distribuzione delle abitudini d ascolto della televisione tra le differenti categorie di pubblico comincia a farci sospettare che l uso della tv sia molto meno e piatto e prevedibile di quanto siamo abituati a ritenere. Questo sospetto viene irrobustito da altre rilevazioni che abbiamo compiuto sui modi attraverso i quali ci si accosta alla tv. Ad esempio, è indubbio che la televisione costituisca un elemento fondamentale del nostro ambiente di vita, eppure non sono poi molte (solo il 10,7%) le case in cui è praticamente sempre accesa (tab. 4, in genere, salvo diverse indicazioni, nelle tabelle si presentano i dati relativi a uomini e donne, più e meno istruiti, giovani e anziani), e non sono neanche molti gli spettatori che l accendono senza motivo (21,1%). Al contrario, invece, all incirca un terzo degli spettatori accende la tv per seguire i propri programmi preferiti (33,7%) e più di un quarto per seguire il telegiornale (26,5%). Da sottolineare che sono i giovani il pubblico più attento al tipo di programmi trasmessi (45,9%) e meno sensibili al tg (8,7%), mentre è nelle case dei più anziani che la tv è più spesso sempre accesa (16,4%). 23

CENSIS U.C.S.I. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON:

CENSIS U.C.S.I. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia. I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON: CENSIS U.C.S.I. Quarto Rapporto sulla comunicazione in Italia I media che vorrei IN COLLABORAZIONE CON: I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002)

Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002) Rapporto Censis/ucsi Sulla comunicazione in Italia Linee guida per la seconda annualità del progetto (2002) Gli italiani e l uso dei media cinque gruppi e undici tribù In collaborazione con Mediaset Mondadori

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp.437 490 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Palinsesti fai da te nell era della personalizzazione dei media Nel 2011 l

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa Buongiorno a tutti. Analizzeremo oggi alcuni dei risultati tratti dall indagine Doxa Junior&Teens, realizzata da oltre vent anni e che, in diverse occasioni,

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 KIDS & CO Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia Milano, Maggio 2011 1 ANALISI DELL INFORMAZIONE ONLINE INDICE Oggi parleremo di: La domanda di informazione online Il

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp. 521 574 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Quanti media abbiamo oggi? Da 8 a 20 C era una volta la televisione e la radio, il giornale,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

comunicazione servizi cosa sta cambiando?

comunicazione servizi cosa sta cambiando? cosa sta cambiando? comunicazione Le aziende per rimanere sul mercato e crescere devono adattarsi alle evoluzioni che avvengono attorno a loro. Questi cambiamenti si riferiscono a moltissimi ambiti di

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici?

Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici? Foglio:1/5 Perché leggere i classici? Perché illustrare i classici? Nell ultimo numero della rivista Liber Roberto Denti dedica un lungo articolo alla recente tendenza dell editoria italiana di ripubblicare,

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB Questo manuale fornisce una guida tecnica per scrivere testi da copiare all interno di siti web minimizzando il lavoro necessario per adattare tali testi affinché

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Corporate Communications Zurigo 13 Maggio 2014 Il giornale del futuro sarà senza pubblicità?

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta.

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. NOI E LA TELEVISIONE Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. COMPETENZE INTERESSATE: - consolidare le capacità di raccolta dei dati

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli)

CAPITOLO II. (non downloader consapevoli) CAPITOLO II Utenti che non hanno scaricato contenuti digitali nell ultimo anno ma sono consapevoli della possibilità di acquistare contenuti culturali da internet (non downloader consapevoli) I COMPORTAMENTI

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli