Recovery manager Gestore della affidabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recovery manager Gestore della affidabilità"

Transcript

1 Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman, Widom, Database Systems the complete book, Prentice Hall, 2002 Buffer Management Recovery C. Batini Data Base Recovery Recovery manager Gestore della affidabilità Il recovery manager e responsabile di Garantire Atomicita Garantire Persistenza Realizzare i comandi transazionali fondamentali: Begin transaction, end transaction, commit work, rollback work Obiettivo del recovery manager e quindi di: Gestire il rollback di una transazione Ricostruire uno stato consistente del DB e che rispetti la semantica della transazioni, in seguito a un guasto del DBMS Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Architettura del controllore dell'affidabilità Gestore dei metodi d accesso fix, unfix begin, commit, abort Gestore della affidabilità fix, unfix, force, (sulle pagine BD e sul log) e e Redo sulle pagine DB Gestore del buffer read, write Gestore della memoria secondaria BD Log Gestore delle transazioni Buffer Management Recovery C. Batini Organizzazione del materiale 1. Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager e Redo 4. Politiche operative, cioe diverse modalita possibili per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BaseDati da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo Buffer Management Recovery C. Batini

2 Organizzazione del materiale Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager Redo 4. Politiche per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BD da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo 1. Tipi di guasti e politica generale di ripristino Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Concetto di Memoria stabile Memoria resistente ai guasti E un astrazione, benche tecniche di replicazione su dispositivi fisici multipli possano portare la probabilita di perdita di dati vicina allo zero L organizzazione fisica puo differire a seconda della criticita delle applicazioni: Unita nastro Devices di tipo diverso accoppiati (es un nastro e un disco) Due unita disco replicate protocolli RAID, Redundant Array of Inexpensive Disks Buffer Management Recovery C. Batini Tipi di guasti e cause di rollback - 1 Guasti di sistema System crash, errore hw/sw o di rete (es. Calo tensione): Errore di sistema o applicativo (della transazione) Esempio: divisione per zero Condizioni logiche locali durante l esecuzione di una transazione (es. assenza di un dato) Gestione della concorrenza Lo scheduler puo forzare il rollback e restart di una transazione Perdita del contenuto del buffer, memoria di massa rimane valida Buffer Management Recovery C. Batini Tipi di guasti e cause di rollback - 2 Guasti di dispositivo di memorizzazione Guasto di disco Problemi catastrofici Incendio Alluvione Attentato Perdita fisica di dati su memoria di massa ma non del log (che e su memoria stabile) Le strategie da adottare dipendono dal tipo di guasto Guasti di sistema: Perdita del buffer, stato persistente intatto Problema principale Atomicita Strategia di recovery: Ricordare le operazioni effettuate (log) Fare periodicamente la fotografia della situazione (checkpoint) All atto del guasto, tramite il log, ripercorrere all indietro la storia dei cambiamenti di stato del DB E necessario disfare (undo) alcune operazioni, ripeterne altre (redo) (vedi oltre per dettagli) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

3 Le strategie da adottare dipendono dal tipo di guasto Guasti di dispositivo: Perdita dello stato persistente (perdita dei dischi) Problema principale Persistenza Strategia di recovery: Memorizzare periodicamente su memoria stabile lo stato della BD () Caricare il piu recente stato disponibile del DB Ricostruire lo stato attuale a partire dal utilizzando il log Politica generale di ripristino: il modello fail-stop Normal Restart completed Fail Fail Restart Stop Boot Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Organizzazione del materiale Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager Redo 4. Politiche per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BD da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo 2. Informazioni disponibili al recovery manager 2.1. Il log di sistema 2.2. Checkpoint 2.3. Dump Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Organizzazione del system log Il log e un file sequenziale che si assume scritto su memoria stabile, per la quale cioe non vi possono essere guasti Registra le attivita svolte da ciascuna transazione, in ordine cronologico Nel log compaiono due tipi di record: Record di transazione Informazioni sulle operazioni effettuate dalle transazioni Record di sistema Evento di Checkpoint Evento di Dump Record di transazione: ci interessano le operazioni di modifica La struttura dipende dal tipo di operazione Legenda O=oggetto, AS = After (dopo) State, BS = Before (prima) State Struttura per le varie operazioni begin, B(T) insert, I(T,O, AS) delete, D(T,O,BS) update, U(T,O,BS,AS) commit, C(T), o abort, A(T) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

4 Esempio di log 2.2 Checkpoint C() U(, ) Lo scopo del checkpoint e quello di ricordare l insieme delle transazioni attive (al momento del checkpoint),, Tn distinguendole da quelle completate/committed Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Attiva/ uncommitted Completata/ committed Deve ancora iniziare Esempiodi statodelletransazioni al momento del checkpoint C() U(, ) Checkpoint - 1 La primitiva di checkpoint () esegue due operazioni Per ogni transazione che ha eseguito un commit (committed nel seguito) al momento del checkpoint, copia le pagine di buffer su disco Successivamente scrive nel log un record (, Tn) contenente gli IDentificatori delle transazioni, Tn attive (cioe che non hanno eseguito un commit, uncommitted nel seguito) all atto della esecuzione del checkpoint Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Attiva/ Uncommitted Scrive su log l identificatore Completata/ Committed Copia su disco Deve ancora Iniziare niente Esempiodi statodelletransazioni al momento del checkpoint C() U(, ) (t 1 ) Buffer Management Recovery C. Batini Checkpoint - 2 Conseguenza: Per tutte le transazioni T per cui Commit(T) precede (, Tn), non e necessario fare niente (rieseguire) in caso di guasto Il checkpoint viene eseguito periodicamente, e registrato nel log Buffer Management Recovery C. Batini

5 Percio la sequenza di checkpoint e.. 1. Sospende l esecuzione delle transazioni 2. Scrive su disco le pagine del buffer delle transazioni che hanno fatto il commit 3. Successivamente, scrive il record (, Tn) sul log in modo sincrono (force) 4. Riprende l esecuzione delle transazioni Deve essere sicuro che sia completato il trasferimento Per garantire la persistenza Esempio di log con checkpoint C() U(, ) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Dump Un e una copia dell intero stato del DB su memoria stabile Eseguita offline (nessuna transazione attiva, serve una fotografia ) Produce un backup, cioe salvataggio su memoria stabile Scrive (force) un record di nel log, che segnala che in quell istante e stata fatta una copia della BD Esempio di log con checkpoint e C() U(, ) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Record di end Alcuni sistemi registrano nel log per ogni transazione anche il record di end, che attesta che le operazioni di flush relative alla transazione sono terminate. Record di end In presenza del record di end, e possibile individuare una ulteriore classe di transazioni per le quali non e necessario effettuare nessuna azione, ne di undo ne di redo. C() U(, ) C() U(, ) END() END() Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

6 Record di end In genere il record di end non e previsto, e noi faremo nel seguito questa assunzione. C() END() U(, ) Organizzazione del materiale Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager Redo 4. Politiche per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BD da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Esempiodi statodelletransazioni al momento del crash Operazioni che utilizzano il log e Redo C() U(, ) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Atomicita e persistenza delle transazioni Per le transazioni che al momento di un guasto sono: Committed (la transazione si e impegnata a eseguire tutte le proprie azioni) e necessario rifare le azioni, per garantire la persistenza Redo Uncommitted e necessario disfare le azioni, perchè non e noto quali azioni siano state effettuate, ma deve essere garantita la atomicita Buffer Management Recovery C. Batini Ripristina lo stato di un dato O al tempo precedente l esecuzione di una operazione Ripercorre il log all indietro, assegnando il valore BS before state ad ogni dato incontrato nel log update,delete: assegna il valore BS ad O insert: cancella O Buffer Management Recovery C. Batini

7 Redo Ripristina lo stato di un dato O al tempo successivo l esecuzione di una operazione Ripercorre il log in avanti, assegnando il valore AS ( after state ) ad ogni dato incontrato nel log insert,update:assegna il valore AS ad O delete: cancella O Idempotenza di e Redo Durante il ripristino, possono verificarsi errori Puo essere necessario eseguire ripetutamente le azioni associate a e Redo Valgono le proprieta di idempotenza: ((A)) = (A) Redo (Redo(A)) = Redo(A) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Organizzazione del materiale Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager Redo 4. Politiche per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BD da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo Politiche per l aggiornamento del log e della BD da parte del recovery manager Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Tre tipi di eventi vanno sequenziati con opportune politiche 1. Scrittura dei record di transazione del log su memoria stabile 2. Scrittura dei record dati su disco 3. Esecuzione della istruzione di commit e memorizzazione nel log In che ordine, per garantire la possibilita di usare consistentemente undo e redo? 2. Record dati su disco Log 3. Commit 1 Memoria Stabile 1. Record di log con i Record transazione su memoria stabile 3. Esecuzione Commit e memoriz. nel log Dati Buffer Memoria principale 2 Memoria secondaria Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

8 Caso record di log su memoria stabile vs record dati su disco: regole Caso record di log su memoria stabile vs record dati su disco: regole Record di log con i Record transazione su memoria stabile Record dati su disco Esecuzione Commit e memoriz. nel log Il recovery manager rispetta la regola: 1.WAL (write-ahead log) I record di log, per la parte BeforeState, vengono scritti su memoria stabile prima dei corrispondenti record dati su disco Questo rende consistente la procedura di (un valore puo sempre essere riscritto su memoria di massa con il BS scritto nel log) Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Caso record di log su memoria stabile vs esecuzione del commit e mem. nel log Record di log con i Record transazione su memoria stabile Record dati su disco Esecuzione Commit e memoriz. nel log Buffer Management Recovery C. Batini Caso record di log su memoria stabile vs esecuzione del commit e mem. nel log Il recovery manager rispetta sempre la regola: 2.Commit-Precedence I record di log, per la parte AfterState, vengono scritti su memoria stabile prima di effettuare il commit della transazione Questo rende consistente il Redo (se una transazione e committed al momento di un guasto, ma le sue pagine non sono ancora state scritte su memoria di massa, possiamo usarei valoreas chetrovonellog) Buffer Management Recovery C. Batini Caso record dati su disco vs esecuzione del commit e mem. nel log Caso record dati su disco vs esecuzione del commit e mem. nel log Record di log con i Record transazione su memoria stabile Record dati su disco Esecuzione Commit e memoriz. nel log Per ciascuna delle tre tipologie di operazioni su DB Update Insert Delete il recovery manager deve seguire delle politiche di esecuzione per la scrittura su disco Lo faremo per la update Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

9 Caso dei record dati su disco e esecuzione del commit e mem. nel log - strategie - 1 Tre strategie di scrittura dei valori nella BD N.B. Tutte consistenti con le regole WAL e commitprecedence 1. Aggiornamento immediato - Le updates vengono scritte su disco immediatamente I record di log vengono comunque scritti prima dei dati corrispondenti (regola WAL) Il buffer manager si impegna (con force o flush) a scrivere prima del commit su disco In questo modo tutte le pagine della BD modificate dalla transazione sono certamente scritte su memoria di massa Buffer Management Recovery C. Batini Caso dei record dati su disco e esecuzione del commit e mem. nel log - strategie Aggiornamento differito Le updates vengono scritte su disco solo dopo il commit della transazione e la scrittura del record di commit nel log I record di log vengono comunque scritti prima dei dati corrispondenti (regola WAL) 3. Aggiornamento misto Entrambe le politiche, in funzione della efficienza Buffer Management Recovery C. Batini Esempi delle tre politiche Immediata Differita Vediamo ora per le tre politiche quali tra le operazioni REDO e UNDO devono essere effettuate per garantire la Atomicita Mista Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Modalita immediata Il DB contiene valori AS provenienti da transazioni uncommitted Richiede delle operazioni di transazioni uncommitted al momento del guasto Non richiede Redo Modalita differita Il DB non contiene valori AS provenienti da transazioni uncommitted In caso di abort, non occorre fare nulla Rende superflua la procedura di Richiede Redo T4 T4 Redo Redo Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

10 Modalità mista La scrittura puo avvenire in modalita sia immediata che differita Consente l ottimizzazione delle operazioni di flush Richiede sia che Redo Nel seguito tratteremo questa politica T4 Redo Redo Organizzazione del materiale Tipi di guasti e politica generale di ripristino 2. Informazioni che il recovery manager deve avere a disposizione per operare Log Dump Checkpoint 3. Operazioni che utilizzano queste informazioni e che sono a disposizione del recovery manager Redo 4. Politiche per l aggiornamento delle informazioni di sistema (log) e della BD da parte del recovery manager 5. Strategie per il recovery Ripresa a caldo Ripresa a freddo Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Scopo delle strategie Strategie per il recovery Garantire atomicita e persistenza (durability) Atomicita le transazioni in corso all atto del guasto lasciano il DB nello stato iniziale o nello stato finale Persistenza Le pagine completate nel buffer ma non ancora trasferite su disco devono essere trasferite permanentemente su disco Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Due modalita Caso di guasto di sistema Perdita del contenuto del buffer: Warm restart o Ripresa a caldo Guasto di dispositivo Perdita della memoria di massa: Cold restart o Ripresa a freddo Ambito del warm restart o del cold restart C() Warm restart U(, ) Cold restart Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini

11 Warm restart (ripresa a caldo) Assumiamo una modalita mista Quattro fasi: 1. Ricerca dell ultimo checkpoint nel log, per sapere in quel momento quali erano le transazioni in corso di esecuzione 2. Costruzione degli insiemi e Redo (politica mista) Partendo dall ultimo checkpoint contiene le transazioni uncommitted Redo contiene le transazioni committed 3. Fase Ripercorre il log all indietro disfacendo le transazioni nel set 4. Fase Redo Ripercorre il log in avanti rifacendo le transazioni nel Esempio di warm restart U(, O1, B1, A1) C U(,O2,B3,A3) U(T4,O3,B4,A4) A C(T4) T4 B() C U(,O3,B5,A5) U(,O4,B6,A6) D(,O5,B7) C() I(t2,O6,A8) set Redo Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Ricerca dell ultimo checkpoint 2. Costruzione degli insiemi UNDO e REDO U(, O1, B1, A1) U(,O2,B3,A3) U(T4,O3,B4,A4) C(T4) B() U(,O3,B5,A5) U(,O4,B6,A6) D(,O5,B7) C() I(t2,O6,A8) T4 REDO = { } UNDO = {,,T4} C A C Buffer Management Recovery C. Batini Buffer Management Recovery C. Batini Costruzione degli insiemi UNDO e REDO 2. Costruzione degli insiemi UNDO e REDO UNDO = {, }. REDO = {T4} Buffer Management Recovery C. Batini UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} Buffer Management Recovery C. Batini

12 2. Costruzione degli insiemi UNDO e REDO UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } Buffer Management Recovery C. Batini Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, }, Buffer Management Recovery C. Batini Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, }, Buffer Management Recovery C. Batini Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, }, Buffer Management Recovery C. Batini Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5, Buffer Management Recovery C. Batini Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5 7. O2 =B3, Buffer Management Recovery C. Batini

13 3. Fase UNDO: per tutte le transazioni in UNDO, e per tutti i loro comandi elementari UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5 7. O2 =B3 8. O1=B1, Buffer Management Recovery C. Batini Fase REDO UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5 7. O2 =B3 8. O1=B1 Redo T4, Buffer Management Recovery C. Batini Fase REDO 4. Fase REDO UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5 7. O2 =B3 8. O1=B1 9. O3 = A4 Redo T4, Buffer Management Recovery C. Batini UNDO = {, }. REDO = {T4} UNDO = {,,}. REDO = {T4} UNDO = {,}. REDO = {T4, } 6. O3 = B5 7. O2 =B3 8. O1=B1 9. O3 = A4 Redo T4, 10. O4 = A6 Buffer Management Recovery C. Batini Cold restart (ripresa a freddo) Tre fasi 1. Caricamento da memoria stabile del piu recente e copia selettiva dei frammenti danneggiati Ricerca del record di piu recente nel log 2. RICOSTRUISCE STATO DELLA BD Forward recovery dallo stato del Riapplica tutte le azioni del log, nel loro ordine Otteniamo lo stato del DB immediatamente precedente al crash 3. GARANTISCE ATOMICITA e PERSISTENZA Esegue un warm restart come descritto in precedenza Buffer Management Recovery C. Batini

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Affidabilità Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

Sistemi transazionali. sistemi transazionali 1

Sistemi transazionali. sistemi transazionali 1 Sistemi transazionali sistemi transazionali 1 Ricordiamo le principali caratteristiche dei DBMS condivisione dei dati - concorrenza qualità dei dati - integrità efficienza - caricamento, query, sort controllo

Dettagli

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1 Gestione delle Transazioni Parte terza Argomenti: Gestore del Buffer,Ripristino, File di Log, Protocolli per il ripristino, Savepoint, Shadow Pages, Gestione del Buffer Obiettivi: Minimizzare gli accessi

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Transazioni. Transazioni. Transazioni. Definizione di una transazione. Transazione

Transazioni. Transazioni. Transazioni. Definizione di una transazione. Transazione Transazioni Transazioni Per mantenere le informazioni consistenti è necessario controllare opportunamente le sequenze di accessi e aggiornamenti ai dati Gli utenti interagiscono con la base di dati attraverso

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Le Transazioni. Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Le Transazioni. Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Giuseppe Loseto Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Struttura DBMS Gestore delle interrogazioni Decide le strategie di accesso ai dati per rispondere alle interrogazioni Gestore

Dettagli

8 Tecniche di recovery

8 Tecniche di recovery 8 Tecniche di recovery Se viene sottomessa una transazione T, o tutte le operazioni di T sono completate ed il loro effetto è registrato permanentemente nel DB, o T non ha nessun effetto né sul DB né su

Dettagli

BASI DI DATI TECNOLOGIA DEI SERVER PER BASI DI DATI

BASI DI DATI TECNOLOGIA DEI SERVER PER BASI DI DATI BASI DI DATI TECNOLOGIA DEI SERVER PER BASI DI DATI Prof. Fabio A. Schreiber Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano tratto da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati

Dettagli

BASI DI DATI: Aspetti gestionali e sviluppi evolutivi dei DBMS info@vittorioprisco.com

BASI DI DATI: Aspetti gestionali e sviluppi evolutivi dei DBMS info@vittorioprisco.com BASI DI DATI: Aspetti gestionali e sviluppi evolutivi dei DBMS info@vittorioprisco.com 1 Tecnologia di un Database Server - DEFINIZIONI - DATABASE SERVER: E un sistema dedicato alla gestione dei dati.

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI TRANSAZIONI DISTRIBUITE Transazioni distribuite Atomicità di una transazione distribuita Protocollo Two-Phase Commit Gestione dell affidabilità Fallimenti durante il 2PC Gestione della concorrenza Serializzabilità

Dettagli

Transazioni. Capitolo 13. Scrittura immediata e scrittura differita. Concorrenza in un DBMS. Una transazione. Gestione delle transazioni

Transazioni. Capitolo 13. Scrittura immediata e scrittura differita. Concorrenza in un DBMS. Una transazione. Gestione delle transazioni Capitolo 13 Gestione delle transazioni Transazioni L esecuzione concorrente dei programmi utente è essenziale per le buone prestazioni del DBMS Poiché gli accessi al disco sono frequenti e relativamente

Dettagli

Gestione delle transazioni. Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1

Gestione delle transazioni. Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1 Gestione delle transazioni Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1 Transazioni v L esecuzione concorrente dei programmi utente è essenziale per le buone prestazioni del DBMS Poiché

Dettagli

La durability. I dati modificati da una transazione che ha fatto il commit non devono mai essere persi. La durability consente di reagire a:

La durability. I dati modificati da una transazione che ha fatto il commit non devono mai essere persi. La durability consente di reagire a: La durability Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 2 Appunti dalle lezioni Durability (Persistenza) I dati modificati da una transazione che ha fatto il commit non

Dettagli

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche.

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche. Query/update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura pagine Architettura di un DBMS Utente/Applicazione

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Buffer Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Buffer

Dettagli

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS 1 Tecnologia delle BD: perché studiarla? File e indici I DBMS offrono i loro servizi in modo "trasparente": per questo abbiamo potuto finora ignorare molti aspetti realizzativi abbiamo considerato il DBMS

Dettagli

perpretate da utenti autorizzati perpretate da agenti ostili

perpretate da utenti autorizzati perpretate da agenti ostili 1! " # 2 1 ! perpretate da utenti autorizzati perpretate da agenti ostili 3 a livello fisico: furti, danni a livello logico di intercettazione di deduzione di intrusione di disturbo (anche virus, worm)

Dettagli

Indicare se i seguenti schedule possono produrre anomalie; i simboli ci e ai indicano l esito (commit o abort) della transazione.

Indicare se i seguenti schedule possono produrre anomalie; i simboli ci e ai indicano l esito (commit o abort) della transazione. Capitolo 2 Esercizio 2.1 Indicare se i seguenti schedule possono produrre anomalie; i simboli ci e ai indicano l esito (commit o abort) della transazione. 1. r1(x), w1(x), r2(x), w2(y), a1, c2 2. r1(x),

Dettagli

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato sulle slides di transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

Introduzione all Architettura del DBMS

Introduzione all Architettura del DBMS Introduzione all Architettura del DBMS Data Base Management System (DBMS) Un DBMS è uno strumento per la creazione e la gestione efficiente di grandi quantità di dati che consente di conservarli in modo

Dettagli

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Sistemi di gestione delle basi di dati 1 Cos è un DBMS? Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni (ad esempio, Madonna

Dettagli

Transazioni - Parte 1

Transazioni - Parte 1 Basi di dati II Lezione 3 09/10/2008 Caputo Domenico Cosimo, Francesco Pichierri Transazioni - Parte 1 Le transazioni hanno a che fare con la programmabilità delle basi di dati. Prima di trattarle è necessaria

Dettagli

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione Dario Maio http://www.csr.unibo.it/~maio/ dmaio@deis.unibo.it Concetto di transazione Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a un insieme di operazioni fisiche elementari (letture/scritture)

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Data Base Management System. Strumenti: Formato: Pro: Contro: Software specifico. Proprietario

Data Base Management System. Strumenti: Formato: Pro: Contro: Software specifico. Proprietario Data Base Management System Strumenti: Software specifico Formato: Pro: Proprietario Massima semplicità di inserimento e gestione Tipizzazione Validazione dei dati Contro: Creazione del database Programmazione

Dettagli

Basi di Dati Distribuite

Basi di Dati Distribuite Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9 Prefazione... 1 Contenuti... 1 Ringraziamenti... 2 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 1.1 Dichiarazione di funzioni e procedure... 3 1.2 Istruzioni PSM... 4 2 Vincoli e Trigger...

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Architetture distribuite

Architetture distribuite Architetture distribuite -ARC 1 Basi di dati distribuite a RETE : LAN (Local Area Network) WAN (Wide Area Network) b DBMS : Sistema omogeneo Sistema eterogeneo SYBASE ORACLE DB2 CLIENT -ARC 2 Problemi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Architetture Distribuite

Architetture Distribuite Architetture Distribuite Capitolo 3 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Architetture client-server Basi di dati distribuite

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche 5.1 Implementazione dei monitor con i semafori Un monitor è un tipo di

Dettagli

Corso di Basi di Dati e Conoscenza

Corso di Basi di Dati e Conoscenza Corso di Basi di Dati e Conoscenza Gestione dei Dati e della Conoscenza Primo Emicorso - Basi di Dati Roberto Basili a.a. 2012/13 1 Obbiettivi Formativi Scenario Le grandi quantità di dati accumulate nelle

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data Basi di Dati prof. Letizia Tanca Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data (lucidi parzialmente tratti dal libro: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Introduzione alle Basi

Dettagli

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill /XFLGLVXOFRQWUROORGHOODFRQFRUUHQ]D Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill $QRPDOLD /RVW8SGDWH Si considerino le due transazioni identiche: W1

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di dati 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Introduzione ai sistemi di basi

Dettagli

Basi di dati distribuite. BD distribiute 1

Basi di dati distribuite. BD distribiute 1 Basi di dati distribuite BD distribiute 1 Motivazioni della distribuzione dei dati natura intrinsecamente distribuita delle organizzazioni evoluzione degli elaboratori - aumento della capacità elaborativa

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Riferimenti Bibliografici

Riferimenti Bibliografici Elaborazione Automatica dei Dati Enrico Cavalli Anno Accademico 2012-2013 Riferimenti Bibliografici Cavalli, Lorenzi Progettazione dei database linguaggio SQL dati in rete Access, MySQL, pagine ASP, Pagine

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Esecuzione concorrente di transazioni

Esecuzione concorrente di transazioni Esecuzione concorrente di transazioni A L B E R T O B E L U S S I P A R T E I I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1-2 0 1 2 Tecniche applicate nei DBMS Le tecniche per il controllo della concorrenza che

Dettagli

Architettura MySQL. E Motori MySQL

Architettura MySQL. E Motori MySQL E Motori MySQL Caratteristiche Differente dagli altri DBMS Non perfetta Ma flessibile Gestisce DataWarehouses, OLTP, ecc. Architettura delle Storage Engine Separa il query processing dai task di memorizzazione

Dettagli

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.0) - Basi di Dati 1 Materiale didattico Web site: www.andrea.bulgarelli.name/corso

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Architetture distribuite

Architetture distribuite Architetture distribuite Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 6 Appunti dalle lezioni Sommario Architetture client-server Basi di dati distribuite Basi di dati parallele

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Gestione delle transazioni

Gestione delle transazioni Funzionalità avanzate dei DBMS Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Gestione delle transazioni Per approfondimenti: Ciaccia, Maio. Lezioni di basi di dati: pp 439-46 ORACLE

Dettagli

Introduzione all architettura di un DBMS

Introduzione all architettura di un DBMS 1 Introduzione all architettura di un DBMS Un DBMS deve garantire una gestione dei dati: efficiente concorrente affidabile integra sicura (protetta) Ciascuno degli aspetti precedenti è supportato dal DBMS

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Coordinazione Distribuita

Coordinazione Distribuita Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza 21.1 Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Introduzione. Coordinazione Distribuita. Ordinamento degli eventi. Realizzazione di. Mutua Esclusione Distribuita (DME)

Introduzione. Coordinazione Distribuita. Ordinamento degli eventi. Realizzazione di. Mutua Esclusione Distribuita (DME) Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Analisi dei file system con journaling

Analisi dei file system con journaling Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Analisi dei file system con journaling Anno Accademico 2012/2013 Candidato: Antonio Perna matr. N46000586

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso.

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Nel caso di successo, i risultati delle operazioni effettuate devono essere resi definitivi; invece,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Basi di Dati Complementi Esercizi Esercizi su concurrency control

Basi di Dati Complementi Esercizi Esercizi su concurrency control Basi di Dati Complementi Esercizi Esercizi su concurrenc control Esercizio. Dati gli schedule : s r w r w r w s r w r w r3 w r r3 s3 r r3 rz w w3 a. specificare, con una breve giustificazione, a quali

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

MySQL Oracle SQL Server

MySQL Oracle SQL Server MySQL Oracle SQL Server Backup, Ripristino, Manutenzione e Automazione 27/03/07 Gruppo 6 - Sebastiano Vascon 1 MySql - Backup È possibile effettuare il backup dei dati in un database MySQL in 4 modi distinti:

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015

Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015 Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 21/02/2015 Risorse di una organizzazione

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks)

Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks) Dischi RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks) Corso: Architetture degli Elaboratori Docenti: F. Barbanera, G. Bella UNIVERSITA DI CATANIA Dip. di Matematica e Informatica Un divario prestazionale

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN B.D.M.S. Parte I Il controllo di concorrenza

ARCHITETTURA DI UN B.D.M.S. Parte I Il controllo di concorrenza ARCHITETTURA DI UN B.D.M.S. Parte I Il controllo di concorrenza Michele de Nittis Generalità A livello astratto un DataBase Management System può essere suddiviso nei seguenti moduli: OTTIMIZZATORE FILE

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 Dischi RAID high-performance high-reliability 15/03 03/04 G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 indice caratteristiche generali dei dischi parallelismo ed alte prestazioni affidabilità

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone BASI DI DATI per la gestione dell informazione Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone Libro di Testo 22 Chianese, Moscato, Picariello e Sansone BASI DI DATI per la Gestione dell

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Sincronizzazione nei Sistemi Distribuiti

Sincronizzazione nei Sistemi Distribuiti Sincronizzazione nei Sistemi Distribuiti Sincronizzazione dei Clock In un sistema centralizzato la misurazione del tempo non presenta ambiguità. (ogni computer ha il proprio clock) In un sistema distribuito

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

Introduzione all architettura di un DBMS

Introduzione all architettura di un DBMS Introduzione all architettura di un DBMS 1 Un DBMS deve garantire una gestione dei dati: efficiente concorrente affidabile integra sicura (protetta) Ciascuno degli aspetti precedenti è supportato dal DBMS

Dettagli