PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO PRENOTAZIONE (CUP) E DEI FASCICOLI SANITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO PRENOTAZIONE (CUP) E DEI FASCICOLI SANITARI"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO PRENOTAZIONE (CUP) E DEI FASCICOLI SANITARI Relatore: Prof. Aldo Franco Dragoni Tesi di laurea di: Alessio Fusco Correlatore: Prof. Paolo Puliti Anno Accademico 2009/2010 I

2 II

3 Indice generale 1.La Tecnologia degli Agenti Software La Programmazione ad Agenti Sistemi Multi-Agenti Mas Agenti e campi applicativi Gestione dell'informazione Trasporto Sistemi di telecomunicazione Personal assistance Architettura ad agenti Architetture Logic-Based o Deliberative Architetture Reattive Architetture BDI Architetture Layered Necessita di standarizzazione FIPA Foundation for Intelligent Physical Agents Obbiettivi delle specifiche L architettura FIPA FIPA FIPA Ciclo di vita degli standar Le specifiche FIPA Application Abstract Architecture Agent Communication III

4 FIPA-ACL (Agent Communication Language) FIPA Interaction Protocols Communicative Acts Content Language Agent Management Agent Message Transport Interazione Uomo-Agent (UDMA La piattaforma JADE (Java Agent Development Enviroment) Che cos'è JADE L Architettura della Piattaforma ad Agenti Containers e Piattaforme Che cos'è la Federazione? Message Transport Service (MTS) Message Transport Protocol (MTP) Internet Message Transfer Protocol (IMTP) Debugging Tools Remote Monitoring Agent (RMA) Dummy Agent Sniffer Agent Introspector Agent Log Manager Agent JADE Package Plug-in per Eclipse Programmare con JADE Creare un Agente Agent Identifier Inizzializzazione degli agenti Terminazione di un agente Passare un argomento ad un agente Agenti Tasks Scheduling ed esecuzione dei comportamenti Tipi di Behaviour One-Shot Behaviour Cyclic Behaviour IV

5 Generic Behaviour Operazioni Scheduling Comunicazione tra Agenti Spedire messaggi Ricevere messaggi Bloccare un Behaviour per aspettare un messaggio Conversazioni complesse Ricevere messaggi in Blocking mode Il DF Agent Pubblicare servizi Ricercare servizi Agenti e la GUI Progettazione Introduzione Il Dominio considerato, le scelte adottate, motivazioni Creazione DataBase Interfaccia grafica e Tecnologia ad Agenti Interfacce utenti Meccanismo di Funzionamento ad Agenti Udma e UdmaAgent L Agente di Servizio Gli Agenti di Applicazione JDBC ed SQL Verifica del Sistema Sviluppato Conclusioni Appendice A A.1 User Dialog Management Agent (UDMA) A.2 Agente di Servizio A.3 Agente Ambulatorio A.4 Agente Codice Fiscale Bibliografia V

6 Indice delle figure Fig. 1.1 Architettura BDI... 9 Fig. 1.2 Modello Architettura Layered orizzontale Fig. 1.3 Modello Architettura Layered verticale Fig. 2.1 Ciclo di vita delle specifiche FIPA Fig. 2.2 Le specifiche FIPA Fig. 2.3 Agent Platform Fig. 2.4 Ciclo d vita di un agente Fig. 2.5 UDMA gestisce il dialogo con un utente Fig. 3.1 Containers e Piattaforme Fig. 3.2 Piattaforma e DF Fig. 3.3 Piattaforma, SubDF e SuperDF Fig. 3.4 Remoting Management Agent Fig. 3.5 Dummy Agent Fig. 3.6 Sniffer Agent Fig. 3.7 Introspector Agent Fig. 5.1 Principali portatori di interesse Fig. 5.2 Caso reale DF federati Fig. 5.3 Df federati a maglia completamente connessa Fig. 5.4 Diagramma E-R Fig. 5.5 Struttura generate del DataBase Fig. 5.7 Interfaccia per visualizzare fascicoli sanitari Fig. 5.6 Interfaccia prenotazione Fig. 5.8 Interfaccia utente già registrato Fig. 5.9 Interfaccia fascicolo sanitario paziente Fig Interfaccia conferma prenotazione Fig Interfaccia prenotazione effettuata Fig Interfaccia registrazione utente Fig Behaviours dell'agente UDMA Fig Behaviours dell Agente di servizio Fig Behaviours Agente di Applicazione VI

7 Fig Federazione DF Fig Monitoraggio sistema VII

8 Introduzione Questa nuova tecnologia rappresenta un'occasione senza precedenti, grazie al suo utilizzo è possibile fornire agli operatori sanitari e alla popolazione in generale un'informazione di alta qualità e soprattutto di facile utilizzo. Il problema quindi non sta più nel rilevare le informazioni, ma nell'analizzare la credibilità di chi le offre così come l'attinenza e l'esattezza di un servizio ricercato. Da qui affiora la necessità di possedere un modello con cui poter misurare la qualità delle informazioni recuperate. In questo le nuove tecnologie stanno contribuendo a sostanziali cambiamenti. Per i cittadini si ha: Accesso diretto alle informazioni necessarie. Diminuzione dei tempi d'attesa e meno ansie per prenotazioni. Miglioramento dell'informazione pubblica. Per i medici si ha: Condivisione delle informazioni sui pazienti. Accesso immediato, dalle loro postazioni, su informazioni cliniche necessarie. Come tutti già sanno la procedura Centro Unico Prenotazioe (CUP) rientra nei cosiddetti Servizi erogativi, il cui obiettivo è quello di gestire l'erogazione ai cittadini delle varie prestazioni sanitarie. Esso svolge dunque la funzione di ordinare gli accessi, fornendo agli utenti le informazioni necessarie per un accesso conforme alle esigenze di trattamento. Il sistema CUP consente inoltre di raggiungere la razionalizzazione del sistema di accesso, favorendo la distribuzione della domanda sui diversi punti d'offerta, migliorando la saturazione complessiva e minimizzando la probabilità di lunghe code d'attesa. In questo contesto è nata l'idea di realizzare un'infrastruttura software basata sull interazione tra utente e un Sistema ad Agenti preposto alla fornitura di servizi ad una comunità di cittadini. Questo lavoro di tesi ha concentrato la sua attenzione nella progettazione e nello sviluppo di un sistema Multi-Agente per la gestione del Centro Unico Prenotazione e dei Fascicoli Sanitari. Il lavoro svolto ha come obiettivo principale il superamento dei problemi citati precedentemente andando a studiare e progettare un modello di interazione tra Agenti e implementando una infrastruttura software atta a migliorare, soddisfare e rendere trasparente l'accesso dei cittadini alle varie strutture sanitarie. VIII

9 Dopo uno studio approfondito dello standard FIPA, della tecnologia ad Agenti e degli strumenti di sviluppo è stato possibile realizzare un sistema Multi-Agente conforme alle specifiche FIPA, servendosi della libreria software Jade. Sono stati programmati diversi Agenti Software tra loro comunicanti e cooperanti, un Agente Interfaccia preposto al dialogo con l'utente, un Agente di Servizio intermedio con la piattaforma e Agenti Applicazione dedicati alla ricerca di informazioni all'interno del database. La stesura di questa tesi è stata articolata in diversi capitoli, nel primo capitolo verrà introdotta la Tecnologia degli Agenti Software con relative tipologie e applicazioni, nel secondo capitolo si fa una breve trattazione dello standard FIPA il cui studio è stato fondamentale per capire e sviluppare il nostro lavoro, nel terzo capitolo si è cercato di dare giustificazione per il quale si è ritenuto Jade un valido supporto allo sviluppo di sistemi ad Agenti, nel quarto capitolo verranno introdotte le principali funzionalità per la programmazione in Java di JADE,ed infine il quinto ed ultimo capitolo è stato dedicato al sistema sviluppato, in cui verrà descritta la sua architettura e le sue componenti, sia a livello progettuale che funzionale. IX

10 La Tecnologia degli Agenti Software Capitolo 1 1. La tecnologia degli agenti software In questo capitolo vengono presi in esame i concetti chiave che sono alla base di questo lavoro di tesi: la definizione di Agente Software e Sistema ad Agenti. Si considererà, quindi, l approccio alla programmazione basata su Agenti Software e si farà cenno agli usi applicativi di tale tecnologia La Programmazione ad Agenti Cogliendo gli aspetti comuni e le caratteristiche fondamentali, dalle tante definizioni, emerge il concetto di agente come un sistema hardware o software: Collocato in un ambiente (anche dinamico e complesso) che può percepire (tramite sensori) e modificare (tramite attuatori). Autonomo, perché opera senza il diretto intervento dell uomo, e ha il controllo sulle proprie azioni e sul proprio stato interno; una volta che sono stati definiti gli obiettivi e le regole di comportamento, l agente è in grado di operare in modo totalmente indipendente all interno del proprio ambiente, prendendo decisioni ed interagendo con gli altri agenti. Sociale, perché coopera con l uomo o con gli altri agenti per raggiungere i propri obiettivi, attraverso un qualche tipo di linguaggio di comunicazione ad agenti, e grazie a delle strategie di coordinamento e negoziazione. Reattivo, perché percepisce l ambiente in cui è collocato e risponde in tempo 1

11 La Tecnologia degli Agenti Software appropriato ai cambiamenti che avvengono al suo interno, modificando il proprio comportamento. Pro-attivo, perché esso non agisce semplicemente in risposta ai cambiamenti dell ambiente, ma è capace di mostrare un comportamento goal-directed, prendendo l iniziativa. Altre caratteristiche di un agente: Mobilità: se è capace di migrare attraverso i diversi nodi in una rete di computer (la mobilità rafforza l autonomia dell agente, che ad esempio potrebbe decidere su quale computer migrare in base alle risorse disponibili). Veracità (sincerità): se garantisce di non comunicare deliberatamente falsa informazione. Benevolenza: se gli agenti non hanno obbiettivi in conflitto ovvero possono tentare sempre di realizzare ciò che viene chiesto loro. Razionalità: se agisce sempre per raggiungere i propri obiettivi e mai per impedire che essi siano raggiunti. Capacità di imparare: se adatta sé stesso per essere compatibile con l ambiente in cui si trova e con i propri obiettivi (che possono essere i desideri dei suoi utenti) Sistemi Multi-Agenti MAS Anche se un sistema ad agenti può essere basato su un agente isolato che lavora in un certo ambiente e, se necessario, interagisce con i suoi utenti, di solito esso consiste di più agenti. In questo caso si parla di Sistemi Multi-Agente (MAS), in cui gli agenti possono interagire gli uni con gli altri sia indirettamente (modificando l ambiente), sia direttamente (attraverso la comunicazione), allo scopo di soddisfare un certo insieme di compiti. Possono modellare sistemi complessi in cui gli agenti hanno obiettivi condivisi (e quindi cercano di cooperare per il beneficio comune) o in conflitto (e quindi competono per perseguire i propri interessi).in tali sistemi si tende spesso a ridurre l intelligenza del singolo agente in favore dell intelligenza collettiva. L attenzione non è tanto nelle 2

12 La Tecnologia degli Agenti Software capacità del singolo agente, quanto sugli obiettivi di coordinamento, capacità/volontà di cooperazione e negoziazione. Le caratteristiche principali di un MAS sono: ogni agente ha informazione o capacità incompleta, quindi un punto di vista dell ambiente limitato; non c è un controllo globale del sistema; i dati sono decentralizzati; l interazione è asincrona, dinamica e ad alto livello Agenti e campi applicativi Gli agenti autonomi ed i sistemi multi-agente rappresentano un nuovo modo di analizzare, progettare ed implementare sistemi software complessi. La visione ad agenti offre un vasto repertorio di strumenti, tecniche e metafore che hanno la potenzialità di migliorare considerevolmente il modo in cui si concettualizzano ed implementano molti tipi di software. N. Jennings, K. Sycara, M. Wooldridge, JAAMAS (1998) L utilizzo degli agenti come uno strumento di astrazione, o una metafora, per la progettazione e la costruzione di sistemi fornì l impeto iniziale per lo sviluppo nel settore. Da una parte, gli agenti offrono un modo appropriato per considerare i sistemi complessi composti da più componenti distinte ed indipendenti. Dall altra, essi consentono anche l aggregazione di funzionalità differenti che erano prima trattate distintamente (pianificazione, apprendimento, coordinazione, etc.) in un tutto concettualmente integrato e collocato in un ambiente. M. Luck, P. McBurney, C. Preist, JAAMAS, 9(3), 2004 Oltre che una tecnologia, la computazione basata su agenti può essere considerata come un nuovo e generico paradigma per lo sviluppo di software che tende ad influenzare drasticamente il modo in cui un sistema software è concepito e sviluppato e 3

13 La Tecnologia degli Agenti Software che richiede nuovi approcci di ingegnerizzazione del software specifici per agenti. F. Zambonelli, A. Omicini, JAAMAS, 9(3), 2004 La ragione dell esistenza e della diffusione degli agenti va ricercata nel fatto che l informatica si è mossa sempre più verso cinque concetti: 1. Ubiquità delle risorse: intesa nel senso di elaborazione mobile e di pervasive computing. 2. Interconnessione: non si pensa più ai computer isolati ma interconnessi in sistemi distribuiti. 3. Intelligenza: i compiti che ci aspettiamo di poter delegare ai computer sono sempre più complessi. 4. Delega: viene lasciato il controllo ai computer anche in situazioni critiche. 5. Human orientation: si tende sempre di più a ragionare sulle macchine in termini di concetti e di metafore simili al modo in cui noi percepiamo il mondo. Gli agenti sono quindi considerati un importante paradigma di programmazione perché possono migliorare gli attuali metodi di concettualizzazione, disegno e implementazione dei sistemi software e costituire una soluzione al problema di integrazione dei sistemi legacy. I sistemi multi-agente sono usati in una varietà crescente di applicazioni, che spaziano dai relativamente piccoli sistemi di personal assistance fino ai sistemi aperti, complessi e con compiti critici, delle applicazioni industriali Gestione dell informazione L informazione è ormai la risorsa più importante in moltissimi tipi di attività ed i computer sono sicuramente lo strumento più adatto per accedervi, ma l operazione non è semplice per: la quantità di informazione accessibile; la dinamicità dell inserimento e della modifica dell informazione; la strutturazione eterogenea e spesso molto soggettiva dell informazione. 4

14 La Tecnologia degli Agenti Software In particolare, Internet è un dominio ideale per sistemi multi-agente, per la s-ua natura intrinsecamente distribuita e per il volume di informazione disponibile. Gli agenti possono essere usati, ad esempio, per cercare e filtrare questa massa di informazione Trasporto Il trasporto è anch esso un campo importante, dove la natura distribuita dei processi e la forte indipendenza fra le entità coinvolte fanno dei sistemi multi-agente uno strumento prezioso per realizzare soluzioni commerciali davvero efficaci. Diversi domini sono stati considerati, fornendo la dimostrazione che i sistemi multiagente sono un mezzo ideale per sistemi aperti, complessi e critici. OASIS (Ljungberg e Lucas, 1992), ad esempio, è un sofisticato sistema ad agenti per il controllo del traffico aereo basato sul modello ad agenti BDI, sviluppato ed usato con successo presso l aeroporto di Sidney in Australia Sistemi di telecomunicazioni I sistemi di telecomunicazione sono un altro campo applicativo dove i sistemi multiagente sono stati usati con successo. Essi sono ampie reti distribuite di componenti interconnesse, che hanno bisogno di essere monitorate e gestite in tempo reale, e costituiscono la base di un mercato competitivo dove le compagnie di telecomunicazione e i service providers mirano a distinguersi dai concorrenti fornendo servizi migliori, più veloci o più affidabili. Pertanto, i sistemi multi-agente possone essere usati sia per la gestione di tali reti distribuite, sia per la realizzazione di servizi avanzati di telecomunicazione Personal Assistance Gli agenti possono semplificare l interazione dell utente con il computer, in particolare sono in grado di: fornire una guida e un aiuto nell esecuzione delle operazioni; adeguare il sistema al gusto, all abilità dell utente; 5

15 La Tecnologia degli Agenti Software eseguire automaticamente sequenze di operazioni ripetitive; nascondere l eterogeneità dell informazione e dei prodotti. La Trading Agent Competition, nella quale gli agenti cercano di prenotare alberghi e organizzare viaggi per gli utenti umani che assistono, è un esempio di applicazione di questo tipo. Un ulteriore esempio di agenti assistenti sono quelli implementati dalla Microsoft, ed introdotti nella suite di office, con il compito di dare suggerimenti agli utenti per utilizzare al meglio i prodotti Architettura ad Agenti Una architettura è una particolare metodologia per costruire agenti. Essa specifica come un agente deve essere decomposto in un insieme di moduli componenti e come questi moduli devono interagire. (Pattie Maes 1991) Esistono diverse tipologie di Architetture ad Agenti: Deliberative Reattive BDI Ibride Architetture Logic-based o Deliberative Le architetture Logic-based (o simboliche) traggono le loro basi dalle tecniche dei tradizionali sistemi basati sulla conoscenza, nei quali un ambiente è rappresentato simbolicamente e manipolato usando dei meccanismi di ragionamento. I vantaggi di questo approccio stanno nel fatto che: la conoscenza umana è simbolica e dunque codificarla è più semplice, gli agenti possono essere costruiti per essere computazionalmente completi, il che rende più semplice la comprensione della logica. Gli svantaggi sono che: 6

16 La Tecnologia degli Agenti Software è difficile tradurre il mondo reale in una descrizione simbolica adeguata e accurata, il fatto che la rappresentazione simbolica e la manipolazione possono richiedere un tempo considerevole producendo i risultati troppo tardi per essere utili Architetture Reattive Basate su agenti di tipo reattivo, che prendono decisioni sulla base di un meccanismo di tipo stimulus-response, avviato da dati sensoriali. Non hanno alcun modello simbolico dell ambiente esterno e quindi non utilizzano alcun meccanismo di ragionamento complesso. Probabilmente l architettura reattiva meglio conosciuta è l architettura di sussunzione di Brooks. Secondo Brooks: Il comportamento intelligente può essere generato senza rappresentazione esplicita; Il comportamento intelligente può essere generato senza ragionamento astratto esplicito; L'intelligenza è una proprietà emergente di certi sistemi complessi. L architettura di sussunzione definisce dei livelli di macchine a stati finiti, connessi a sensori che trasmettono l informazione in tempo reale, mappando continuamente l'input percepito tramite sensori con l'output (ovvero le azioni da eseguire). I livelli corrispondono a dei comportamenti e sono solitamente organizzati in maniera gerarchica: gli strati più bassi si occupano di comportamenti meno astratti (ad esempio evitare ostacoli) ed hanno meno controllo rispetto a quelli più in alto nella pila. Ogni livello fornisce suggerimenti su quali azioni eseguire, ma il comportamento complessivo (emergente) dell'agente è determinato dalle interazioni tra i singoli comportamenti. Gli agenti progettati per la sussunzione percepiscono condizioni ed agiscono, ma non pianificano. 7

17 La Tecnologia degli Agenti Software Il vantaggio di questo approccio è che produrrà prestazioni migliori (tempi di risposta più brevi) in ambienti dinamici, poiché gli agenti ottenuti sono solitamente più semplici nella progettazione rispetto a quelli basati su logica. Comunque, il fatto che gli agenti reattivi non usino modelli del loro ambiente porta alcuni svantaggi: i dati sensoriali possono non essere sufficienti a determinare un azione appropriata, la mancanza dello stato dell agente rende quasi impossibile progettare agenti che imparino dall esperienza, dato che l agente agisce sulla base dell interazione fra i differenti comportamenti, è molto difficile progettare agenti reattivi per realizzare compiti specifici, in particolare, quando gli agenti devono essere realizzati attraverso un grande numero di comportamenti Architetture BDI Le architetture BDI (Belief, Desire, Intention) sono probabilmente le architetture ad agenti più popolari. Esse hanno le loro radici nella filosofia e offrono una teoria logica che definisce le attitudini mentali della credenza, del desiderio e dell intenzione, utilizzando la logica modale. Belief (convinzione): informazione che un agente ha sul mondo, che può essere incompleta o non corretta, sono le aspettative dell agente rispetto all ambiente esterno. Desire (desiderio): gli obiettivi, o scopi, che l agente dovrebbe raggiungere, che corrispondono ai compiti assegnati. I desideri di un agente indicano le preferenze rispetto ai cambiamenti dell ambiente circostante e alla linea d azione da seguire. Intention (intenzione): rappresenta il desiderio che l agente si è impegnato a raggiungere. Un implementazione del modello BDI è PRS (Procedural Reasoning System) che si 8

18 La Tecnologia degli Agenti Software basa su cinque concetti chiave: convinzioni, desideri, intenzioni, pianificazione e interprete. La pianificazione, rappresenta la linea d azione (sequenze di azioni), che un agente deve seguire per portare a termine i suoi obiettivi. L interprete seleziona l azione da compiere in base alle intenzioni correnti dell agente ed è dunque responsabile nell aggiornare le credenze dalle osservazioni fatte sull ambiente, nel generare nuovi desideri (compiti) sulla base delle nuove credenze, nel selezionare dall insieme dei compiti correntemente attivi dei sottoinsiemi da eseguire come intenzioni e nel selezionare un azione da effettuare sulla base delle attuali intenzioni dell agente e della conoscenza procedurale. Figura 1.1: Architettura BDI Architetture Layered Le architetture layered (o stratificate) sono architetture ibride che permettono un comportamento dell agente sia reattivo che deliberativo. Per ottenere questa flessibilità l architettura è organizzata in strati di tipo gerarchico. Ci sono due tipi di stratificazioni (tipi di flussi di controllo), quella orizzontale e quella verticale: 9

19 La Tecnologia degli Agenti Software In quella orizzontale, i livelli sono direttamente connessi all input sensoriale e all output dell azione, essenzialmente ogni livello agisce come un agente. Vantaggi: semplicità di progetto in quanto se l agente necessita di n tipi diversi di comportamento, allora l architettura richiede solo n livelli. Svantaggi: dato che ogni livello è, in pratica, un agente, le azioni potrebbero di una funzione mediatrice che controlli le azioni. gran numero di possibili interazioni tra i livelli orizzontali, pari a m x n (dove m è il numero di azioni per livello). Figura 1.2: Architettura Layered orizzontale Nelle architetture verticali l informazione è passata solo ad uno strato alla volta. Esse possono essere suddivise in architetture di controllo ad uno o due passi: In quelle ad un passo, il controllo fluisce dal livello iniziale che prende i dati dai sensori fino all ultimo livello che genera un azione, In quelle a due passi, i dati risalgono la sequenza di livelli e di controllo per poi riscendere. 10

20 La Tecnologia degli Agenti Software Vantaggi: al più un livello si occupa dell input sensoriale e dell output (evitando problemi di azioni inconsistenti). l interazione fra i livelli è ridotta significativamente, rispetto al caso orizzontale. Svantaggi: l architettura dipende da tutti i suoi livelli, se un livello fallisce, fallisce anche l intero sistema (non è tollerante agli errori). Figura 1.3: Architettura Layered verticale 1.5. Necessità di standardizzazione Lo studio degli Agenti Intelligenti risulta particolarmente complesso perché esso non pretende di tracciare delle specifiche tecnologiche per un singolo dominio, ma di stabilire delle regole generali per poter realizzare sistemi complessi e efficaci basati su molteplici domini, tecnologie, applicazioni e collaborazione tra Agenti. In particolare bisogna definire l architettura di sistema, stabilendo come gli Agenti comunicano tra loro, con l ambiente circostante e con la rete. E quindi necessario costruire metodiche sistematiche prive di incoerenze per poter specificare e strutturare applicazioni come sistemi Multi- Agente. Nella seconda metà degli anni novanta alcuni team di ricerca ed alcune aziende hanno intrapreso un percorso di studio volto alla realizzazione di uno standard sulla tecnologia 11

21 La Tecnologia degli Agenti Software ad Agenti. Una tra le più considerevoli è stata FIPA (Foundation For Intelligent Phisycal Agents) la quale ha lavorato in maggior misura sui concetti di Agente Intelligente e cooperazione tra Agenti, cercando di definire formati e protocolli generici per la comunicazione tra Agenti e per la determinazione di contenuti e ontologie. 12

22 FIPA Foundation for Intelligent Physical Agents Capitolo 2 2. FIPA Foundation for Intelligent Physical Agents La FIPA è una associazione internazionale non-profit fondata, nel 1996, per sviluppare una serie di standard (specifiche) relativi alla tecnologia ad agenti. I primi iscritti furono un gruppo di organizzazioni accademiche e industriali, intenzionate a favorire la diffusione dei sistemi ad agenti, molto ben conosciuti nella comunità accademica, ma che avevano ricevuto solo una limitata attenzione dalle imprese commerciali. Nel Marzo 2005, i membri dell associazione hanno votato unanimemente a favore dell unione della FIPA alla IEEE computer Society per favorire l ingresso degli standard per agenti e per sistemi agent-based, nel contesto più ampio dello sviluppo del software. Poiché la tecnologia ad agenti ha bisogno di lavorare ed essere integrata con tecnologie non-agent, la IEEE Computer Society ha formalmente accettato che la FIPA divenisse parte del proprio gruppo di comitati Obbiettivi delle specifiche Fornire la quantità minima di tecnologia necessaria alla gestione di agenti in un sistema aperto: delineando la struttura dentro la quale agenti conformi agli standard FIPA possono esistere, operare ed essere manipolati. Definire un interfaccia per i diversi oggetti che compongono l ambiente di vita di un Agente, affinché esso possa interagire con esseri umani, con altri agenti, con software anche non ad agenti e col mondo fisico in generale. L obiettivo principale è quello di gettare le basi per l interoperabilità tra agenti e 13

23 FIPA Foundation for Intelligent Physical Agents Piattaforme (AP), e non quello di descrivere la progettazione interna con cui vengono realizzati. La FIPA non pone restrizioni al modo in cui gli sviluppatori che adottano le sue specifiche, intendono implementare sia gli agenti che le Piattaforme. Ci sono diversi modi per analizzare le specifiche FIPA, ciascuno evidenzia degli aspetti diversi: Tipo Evoluzione temporale Stato nel ciclo di vita Argomento trattato Tipi di specifiche: Component : specifiche di tipo normativo che rapresentano soluzioni alle questioni tecniche, indicano il comportamento esterno che deve avere un agente e stabiliscono linee guida generali per garantire l interoperabilità con altri sottosistemi compatibili FIPA; Informative: specifiche che rappresentano potenziali soluzioni per le questioni legate a particolari domini o applicazioni e formano una sorta di guida per l industria che si vuole avvicinare a queste tecnologie. Profile: rappresentano collezioni di specifiche di tipo Component che costituiscono i punti di conformità su cui si può accertare che una piattaforma ad agenti sia compatibile con lo standard FIPA 2.2. L'architettura Gli standard sono prodotti attraverso un processo iterativo, che può durare diversi anni, e passano attraverso dei cicli di revisione. Ad oggi si possono rilevare tre cicli, che hanno portato ciascuno alla pubblicazione formale di un certo numero di standard:fipa 97, FIPA 98 e FIPA

24 FIPA Foundation for Intelligent Physical Agents FIPA '97 Nell Ottobre del 97 vengono pubblicate su Internet le FIPA 97 Specification nella loro prima versione, cioè una ben strutturat serie di specifiche che affrontano le problematiche legate alla tecnologia degli Agenti, cercando di fornire soluzioni teoriche e pratiche, utili agli sviluppatori, come base per la realizzazione di sistemi complessi e con alto grado di interoperabilità. Fu strutturato come una collezione di sette parti. Le prime tre di tipo normativo con lo scopo di specificare le tecnologie del middleware per la gestione dell agente (Agent Managment), per la comunicazione dell agente (Agent Comunication Language) e per l interazione agente/software (Agent/Software Integration). Le rimanenti quattro parti come applicazioni informative: Personal Travel Assistance (PTA): tipico esempio di Personal Travel Agent che si basa sulle specifiche di tipo normativo, una sorta di esempio guida per le compagnie di viaggio interessate ad automatizzare alcuni loro servizi. Personal Assistant: un agente software che si muove in modo semi autonomo per conto di chi lo ha spedito, che deve soddisfare le esigenze dell utente e deve, quando richiesto, fornire i risultati all utente stesso, ad altre persone o perfino ad altri agenti. Audio/Video Entertainment & Broadcasting: tecnologia ad agenti per facilitare e velocizzare tutti quei problemi di ricerca e filtraggio di informazioni audio/video digitali provenienti dalla rete, sempre più impraticabili per i tradizionali sistemi data la quantità enorme di dati messa a disposizione dalla rete. Network Management & Provisioning: specifiche necessarie per realizzare un agente software in grado di viaggiare autonomamente per la rete e valutare la qualità ed il costo dei provider e dei loro servizi FIPA '98 Il secondo ciclo di revisione ha portato alla pubblicazione dell insieme di specifiche FIPA 98, contenente chiarificazioni e miglioramenti di alcune specifiche FIPA 97 e l'integrazione delle vecchie specifiche su argomenti di particolare interesse, come ad 15

Analisi delle potenzialità delle tecnologie ad agenti nell ambito dei Sistemi Informativi Sanitari UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE TESI DI LAUREA

Analisi delle potenzialità delle tecnologie ad agenti nell ambito dei Sistemi Informativi Sanitari UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE TESI DI LAUREA UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA Analisi delle potenzialità delle tecnologie ad agenti nell ambito dei Sistemi Informativi

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO PRENOTAZIONE (CUP) E DEI FASCICOLI SANITARI

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO PRENOTAZIONE (CUP) E DEI FASCICOLI SANITARI UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SISTEMA MULTI-AGENTE PER LA GESTIONE DEL CENTRO UNICO

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

4 Modello dati, Ontologie e basi di conoscenza. 4.1 Uso del programma Protégé 3.0 -

4 Modello dati, Ontologie e basi di conoscenza. 4.1 Uso del programma Protégé 3.0 - 4 Modello dati, Ontologie e basi di conoscenza 4.1 Uso del programma Protégé 3.0 - Protégé è un programma in JAVA sviluppato dalla Università di Stanford per creare Ontologie ( Ontologies ). Il programma

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Elettronica Tesina di Sistemi di Telecomunicazione Prenotazione Esami con CSLU Speech - toolkit Docente: Prof. Salvatore

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Sicurezza dei sistemi e delle reti Introduzione

Sicurezza dei sistemi e delle reti Introduzione Sicurezza dei sistemi e delle reti Introduzione Damiano Carra Università degli Studi di Verona Dipartimento di Informatica Riferimenti! Cap. 8 di Reti di calcolatori e Internet. Un approccio topdown, J.

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi)

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) 1. DEFINIZIONE I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) Gli IOS sono sistemi che supportano tramite le ICT, e in alcuni casi rendono automatici, i flussi di messaggi, dati,

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Prefazione. Contenuti

Prefazione. Contenuti Prefazione Il sistema operativo costituisce uno dei componenti fondamentali di ogni sistema di elaborazione, in particolare è quello con cui l utente entra direttamente in contatto quando accede al sistema,

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

3. Introduzione all'internetworking

3. Introduzione all'internetworking 3. Introduzione all'internetworking Abbiamo visto i dettagli di due reti di comunicazione: ma ce ne sono decine di tipo diverso! Occorre poter far comunicare calcolatori che si trovano su reti di tecnologia

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Sistemi di gestione delle basi di dati 1 Cos è un DBMS? Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni (ad esempio, Madonna

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor Primo servizio del Portale del SIL A cura di Grazia Strano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Reti

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli