L Erbolario, unico anche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Erbolario, unico anche"

Transcript

1 SUPPLY CHAIN Colloquio e visita al nuovo magazzino, insieme a Giorgio Kobau, Direttore Generale L Erbolario, Andrea Cattaneo, Responsabile Logistica, Antonio Cerri, Responsabile Servizi Tecnici, Cristian Giazzoli, architetto e direttore lavori per L Erbolario; e inoltre, per NeT- LOG Consulting, Rolando Giacomini, amministratore, Patrizia Trionfetti e Riccardo Migliavacca, partner e consulenti di progettazione logistica, Giancarlo Massimino e Vincenzo Agliati, architetti e progettisti per la parte edile e direzione lavori, Paolo Ornaghi, progettista degli impianti meccanici e Maurizio Santinello, progettista degli impianti elettrici L Erbolario, unico anche nella logistica Provate a pensare ai marchi più conosciuti e amati sul mercato italiano: L Erbolario sarà fra i primi a venirvi in mente. È un nome che comunica qualità produttiva, serietà di approccio, armonia con la natura. Non è solo brand: è tutto vero. E sono questi i principi che hanno ispirato la realizzazione e la gestione del nuovo polo logistico. Naturalmente a Lodi Da sinistra: Riccardo Migliavacca, Paolo Ornaghi, Vincenzo Agliati, Maurizio Santinello, Andrea Cattaneo, Giancarlo Massimino, Patrizia Trionfetti L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > d i c e m b r e < 1

2 nasce nel 1978 a Lodi come L Erbolario erboristeria con annesso laboratorio artigianale per la produzione di cosmetici a base vegetale. Il fondatore e attuale presidente è Franco Bergamaschi, che insieme alla moglie Daniela Villa, Direttore Tecnico, uniti da una grande passione per la natura, hanno voluto sperimentare come erbe e piante possano aiutare a migliorare la bellezza e il benessere delle persone. Alla fine del 1983 la produzione è stata trasferita in un sito più spazioso, nella sede di via Nazario Sauro, sulle rive dell Adda, e già nel 1994 si è reso necessario il trasferimento presso una sede ancora più grande a San Grato, nel sito produttivo di viale Milano 74, immerso nel verde del Parco Adda Sud. In questa unica sede erano concentrate tutte le attività dell azienda: gli uffici, il laboratorio di ricerca e sviluppo, la produzione, il confezionamento e anche un area destinata al magazzino. L Erbolario realizza in proprio tutte le fasi della formulazione e della produzione, a partire dagli estratti dai vegetali, che vengono prodotti direttamente a partire da foglie, fiori, semi, cortecce o radici. I prodotti de L Erbolario sono commercializzati in Italia attraverso una rete di oltre cinquemila punti vendita, composta da circa quattromila erboristerie e oltre mille farmacie, a cui si sono aggiunti oltre 130 negozi in franchising. All estero L Erbolario è presente in 30 paesi in tutti i continenti. Per quanto riguarda il percorso di evoluzione della logistica, il sito di viale Milano 74 comprendeva già un area destinata al magazzino, con una capienza di circa tremila posti pallet, divenuta presto insufficiente a causa del rapido sviluppo dei volumi di vendita. Nel tempo si sono allora aggiunti altri magazzini in siti adiacenti, fino a giungere anche al conferimento di una parte del processo logistico ad un fornitore specializzato. Si è reso quindi necessario progettare un nuovo polo logistico, lasciando gli uffici e Pallet di prodotto finito e materiale da confezionamento all area ricevimento. Una delle caratteristiche fondamentali di questo edificio è l efficienza energetica: abbiamo conseguito una classe B di grado elevato, ottenuta mettendo insieme diversi tipi di sistemi le parti produttive nel sito preesistente, in modo da utilizzare gli spazi lasciati disponibili per l ulteriore espansione di laboratorio ricerca e sviluppo, linee di produzione e confezionamento. «Da notare che il progetto del nuovo polo logistico è nato da subito con alcuni prerequisiti fondamentali» precisa Andrea Cattaneo, Responsabile Logistica. «Doveva essere a Lodi, ed essere gestito direttamente da L Erbolario. L azienda terziarizza solo la distribuzione sul territorio, che è affidata ad una rete di corrieri espressi, coordinati centralmente dall azienda stessa. Tutto il magazzino è qui, e, dal primo all ultimo, tutti i nostri clienti, in Italia e all Estero, ricevono la merce direttamente dal nuovo polo logistico di Lodi». Logistica Management: E questi punti fermi sono stati sufficienti per giustificare il notevole investimento che è stato effettuato, costruendo un nuovo polo logistico da gestire in proprio? Andrea Cattaneo: La nostra idea di fondo è quella del controllo della filiera, da cui deriva per noi un governo del servizio adeguato alla strategia della società. È come se fosse un km zero virtuale: il fatto di non avere intermediari ci dà una immediatezza totale nei rapporti che instauriamo con il nostro cliente. Vogliamo essere padroni del servizio e poter controllare sempre in prima persona qual è il livello di qualità e di tempestività. I nostri clienti possono rivolgersi infatti ai propri agenti di zona, che sono sul territorio, ma anche direttamente al nostro ufficio commerciale o spedizioni: cioè sempre a noi. Sicuramente la terziarizzazione logistica può più facilmente conferire efficienza su svariati aspetti, ma per quella che è la visione dell azienda, non era da preferirsi ad un presidio costante e diretto del servizio, che ha motivato l investimento. Riccardo Migliavacca: Dal nostro punto di vista, possiamo aggiungere che la vera questione non è tanto quella del solo controllo, perché siamo testimoni del fatto che un buon progetto di partnership logistica conferisce all azienda tutta la visibilità di cui essa necessita. A mio avviso in questo progetto si sono messi 2 > d i c e m b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

3 A sinistra, l impianto fotovoltaico sul tetto; a destra, la posa dei pannelli termici a pavimento. L impianto di gestione dell energia elettrica. L Erbolario in numeri Fatturato 2012: 87 milioni di euro, l 8% dei quali all estero Numero dipendenti in magazzino: 55 fissi, 140 nei momenti di picco 100mila ordini all anno 600mila colli spediti all anno Attività standard: 13mila righe picking evase al giorno Attività picco: 28-30mila righe picking evase al giorno Righe picking evase all anno: 3 milioni e mezzo Numero campioncini distribuiti ogni anno: dai 60 ai 70 milioni insieme diversi obiettivi, che poi hanno giustificato tutti insieme un investimento di questo tipo. A queste componenti si è poi aggiunto un elemento fondamentale, quello dell impatto ambientale, che ha profondamente influito sulla scelta di costruire un proprio edificio, e sul come dovesse essere costruito. Indubbiamente un buon partner logistico è in grado di collaborare su tutto, ma è più difficile pretendere da un soggetto esterno la realizzazione di un edificio così particolare, perché non è detto che sia animato dagli stessi principi, dalla stessa volontà di rispetto della natura e dell ambiente, che contraddistingue L Erbolario fin dai suoi primi passi. Da tutto questo insieme è scaturito un sito logistico diverso da qualunque altro, che è stato progettato e interamente personalizzato in base ai requisiti dell azienda proprietaria, e quindi in base al tipo di prodotto che doveva contenere e ai flussi logistici definiti nel progetto stesso. LM: Vediamo allora come è stato realizzato questo edificio. Quali sono le sue caratteristiche? Vincenzo Agliati: una delle caratteristiche fondamentali di questo edificio è l efficienza energetica (abbiamo conseguito una classe B di grado elevato), che è stata ottenuta mettendo insieme diversi tipi di sistemi: materiali edili ecologici e in grado di garantire un buon livello di coibentazione; impianto di riscaldamento a pavimento corredato da un sistema di ricambio aria a soffitto (che serve anche per controllare il livello di umidità ed evitare fenomeni di condensa, soprattutto d estate); impianto di gestione dell energia elettrica di ultima generazione, abbinato ad un impianto fotovoltaico da circa 180 KW; lampade a risparmio energetico all interno, con sistema di accensione e spegnimento automatico, e luci led all esterno dell edificio. Maurizio Santinello: L impianto di gestione dell energia, alimentato da corrente in media tensione (11mila Volt), segue un principio base molto semplice: la continuità del servizio. L erogazione di corrente non dovrebbe mai fermarsi, se non per ragioni di estrema criticità. Per questo tutto l impianto è ridondante: se un generatore si ferma, subentra il secondo; se devo operare su un interruttore, posso estrarlo senza dover intervenire sull operatività del dispositivo. Il cuore dell impianto sono i due trasformatori, caratterizzati da perdite ridottissime; chiaramente si tratta di dispositivi più costosi, ma la minor dispersione consente di recuperare l investimento in pochi mesi. Inoltre, i due trasformatori sono sovradimensionati rispetto all attuale utilizzo, potendo sopportare ancora il doppio della propria capacità attuale. L elettricità serve per alimentare tutti gli impianti dell edificio, e anche in parte per azionare gli impianti termici, per L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > d i c e m b r e < 3

4 A sinistra, il magazzino intensivo. A destra, l area picking, in particolare la zona retro, di alimentazione delle celle. i quali non si utilizzano metano o altri combustibili fossili, dato che si lavora solo con le pompe di calore. Paolo Ornaghi: Esatto. Eccoci nel locale adibito all impianto geotermico. Come funziona? In generale si tratta di acquisire calore da una fonte naturale, e alzare o abbassare la temperatura in base al tipo di utilizzo. Il sistema è tanto più efficiente, quanto più le due temperature, quella di prelievo e quella di consegna, sono vicine. Per questo è stato scelto un sistema di erogazione della temperatura basato sui pannelli a pavimento, che oltre a dare maggior comfort ambientale, abbassa notevolmente la temperatura di consegna. Come fonte di calore, utilizziamo l acqua della falda, che offre una temperatura costante di circa 14 C. Il grande vantaggio si vede d estate, perché di fatto la nostra situazione è di free cooling, cioè di raffrescamento gratuito. Se l acqua di falda emerge a C e la temperatura a cui dobbiamo mantenere i pannelli a pavimento è di circa C, d estate la macchina scambiatrice praticamente si ferma. I consumi delle macchine per lo scambio di temperatura letteralmente crollano, se non per quella minima percentuale di raffrescamento destinata agli uffici, che hanno bisogno di una temperatura di consegna un po più bassa. Se poi consideriamo che l utenza elettrica viene soddisfatta in buona parte dai pannelli solari, l estate diventa un periodo in cui i consumi energetici risultano veramente contenuti. Possiamo dire che rispetto ad una centrale a metano, anche di ultima generazione, si possono avere dei risparmi dal 30% al 40%. Chiaramente si tratta di una scelta molto lungimirante da parte della committenza, dato che questo impianto offre una notevole efficienza e un ridotto impatto ambientale. Da sottolineare il fatto che il sistema a pannelli è stato scelto per il benessere delle persone, oltre che per l efficienza energetica, e per questo copre tutta la superficie calpestabile. Il range di temperatura che riguarda la corretta conservazione del prodotto, quello che ci era stato richiesto per le aree di stoccaggio intensivo, è piuttosto ampio: minimo 4 C, massimo 27 C. Alla fine però la richiesta di temperatura è stata uniformata per tutti gli ambienti, perché è risultato prevalente il comfort ambientale, rispetto alla semplice conservazione del prodotto. Quindi abbiamo 18 C d inverno e C d estate nelle aree operative, e un po meno negli uffici. LM: Dalla forma dell edificio, allora, alla sostanza della logistica. Quali sono i flussi? E quali tecnologie e soluzioni sono state installate? Come funzionano? Patrizia Trionfetti: Allora, seguiamo il flusso dei prodotti, e cominciamo proprio dalla zona di ricevimento. Dalle baie di scarico entrano solo pallet, che possono contenere tre tipologie di prodotto. Il prodotto finito, che proviene dalla produzione L Erbolario: creme, profumi, shampoo, saponi, tutto già confezionato e imballato in cartoni bianchi (ma identificati e verificati mediante lettura del barcode). Poi, ci sono i materiali di supporto alla vendita, che andranno a completare gli ordini destinati ai negozi: scatole, shopper, espositori e così via. Infine, ci sono i materiali di confezionamento che servono al prodotto stesso: cartoni, flaconi, etichette, tappi ecc. È tutto materiale di servizio che viene gestito da qui. AC: Infatti, abbiamo realizzato un servizio navetta dal magazzino al confezionamento e viceversa. In andata, la navetta rifornisce la produzione con i componenti per il confezionamento; al ritorno porta i pallet di prodotti finiti. E via così continuamente. Se guardiamo appena più in là in quest area, vediamo i pallet di prodotto finito, pronti per la distribuzione, che attendono alle baie di carico. Le porte sono tutte adiacenti, perché così si possono reimpostare a seconda del periodo: in certi periodi saranno agevolate le entrate, in altri periodi, per esempio quelli di picco, saranno agevolate le uscite. 4 > d i c e m b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

5 PT: Nel progettare questo magazzino, abbiamo tenuto conto anche dello sviluppo futuro che avrebbe avuto l azienda, e pertanto, abbiamo attrezzato solo una parte a magazzino intensivo, lasciandone un altra come espansione. Infatti si sta valutando già una nuova soluzione per utilizzare quest area, inserendo delle scaffalature a supporto dell attività di stoccaggio intensivo. Andando avanti, adiacente alla zona di espansione c è il magazzino intensivo, attrezzato con le scaffalature ad elevata altezza (12,5 metri), quindi con utilizzo a tutta altezza e corsie più strette, dove operano carrelli elevatori trilaterali suddiviso in due lati: quello frontale, dove lavora l operatore di picking, a piedi, e quello posteriore, da dove avviene l alimentazione tramite carrelli elevatori. AC: Le missioni di rimpiazzo vengono generate sul WMS quando lanciamo il batch di ordini in linea. Finché il sistema trova giacenza nelle celle di prelievo, la impegna, e nel momento in cui si va a prenotare al di sopra della quantità che è presente in cella, genera automaticamente una missione di rifornimento dalla scorta alla corrispondente cella di prelievo. Il rifornimento viene fatto dalla corsia Nel progettare il magazzino abbiamo tenuto conto anche dello sviluppo futuro, attrezzando solo una parte a magazzino intensivo e lasciandone un altra come espansione. In realtà l area è già parzialmente utilizzata posteriore, dove si potrà posizionare sia un bancale intero, nelle postazioni dedicate, sia le singole scatole sullo scaffale a gravità, secondo le istruzioni fornite dal sistema via terminale. Sono i carrellisti, in questi corridoi posteriori, ad effettuare il rifornimento delle celle di prelievo. Dal bancale vengono prelevati i prodotti ad alta rotazione, mentre nei canali a gravità sono gestiti i prodotti a più lenta rotazione. Uno stesso prodotto può avere anche più canali di prelievo in contemporanea, dove può essere prelevato a scatola intera, o a singolo pezzo. PT: Dall altra parte, sul fronte, si svolge il lavoro di picking. Anzi, vista la differenza di funzioni, abbiamo predisposto anche uno zoccolino a pavimento sul lato picking, per evitare che i pallet si spingano troppo in avanti. Qui si lavora con il sistema pick to light. Sul nastro trasportatore arriva la scatola di spedizione, con un identificativo barcode abbinato a un ordine; l operatore in baia di picking legge il barcode con la propria (combinati) dedicati, con operatore a bordo. In più è stata riservata un area speciale dedicata ai prodotti contenenti alcool, come i profumi. Tale area si differenzia dal resto per diversi aspetti, tra cui i sistemi antincendio, che prevedono l erogazione di schiuma oltre che di acqua, e il pavimento ribassato per agevolare l evacuazione dei liquidi. È il WMS a dirottare i prodotti verso l area di stoccaggio appropriata. I pallet in ingresso vengono lasciati in testata, e dall interno del corridoio, l operatore sul carrello combinato, previa scansione del barcode con il proprio terminale, li va a stoccare nel posto assegnato. Ed eccoci alla linea di preparazione ordini, che gestisce il picking di prodotti finiti e di supporto alla vendita, ad eccezione degli articoli più voluminosi, come i pannelli o gli espositori di negozio, che sono prelevati fuori linea. La struttura è composta da quattro rami, ognuno La genesi del progetto e i principali attori Il progetto del polo logistico è nato circa quattro anni fa, quando L Erbolario ha affidato a NeT-LOG il compito di sviluppare dapprima il concetto e poi l edificio. I consulenti hanno inizialmente presentato uno studio di fattibilità, per valutare quale fosse la soluzione migliore dal punto di vista logistico. In base a quella scelta, hanno poi sviluppato la progettazione e coordinato la costruzione dell immobile, lavorando a stretto contatto con i professionisti e gli esperti de L Erbolario, e con i professionisti e gli esperti con cui essi stessi collaborano da diverso tempo. Gli architetti Vincenzo Agliati e Giancarlo Massimino hanno infatti seguito la progettazione e l esecuzione per conto di NeT-LOG; Alpiq ha fornito la parte impiantistica, e Sercos ha realizzato l edificio, avvalendosi di pannelli prefabbricati Manini. Sempre nell ambito di questa realizzazione congiunta, NeT-LOG ha seguito anche tutta la riorganizzazione degli schemi di lavoro, e in più ha definito le specifiche del nuovo WMS, che poi è stato fornito da Incas insieme al sistema di picking (tutta la linea di preparazione ordini pick to light). Sacma ha fornito gli scaffali della LpO, Jungheinrich gli scaffali del magazzino intensivo e i carrelli elevatori. L azienda ha quindi seguito tutta l operazione, dal rapporto con la pubblica amministrazione per la realizzazione dell opera a partire dal prato verde, quindi con tutta la necessaria attenzione ai vincoli ambientali. Dei quattro anni complessivi dalla prima formulazione del progetto, la costruzione dell edificio ha richiesto circa un anno e mezzo di lavori. L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > d i c e m b r e < 5

6 A sinistra, la linea di picking, parte frontale, con il sistema pick to light. A destra, il robot pallettizzatore. pistola, e tale lettura attiva le luci delle ubicazioni contenenti i prodotti da inserire nella scatola, indicandone anche il numero di pezzi da prelevare. Quando all ultimo prelievo effettuato appare la parola end, significa che per questo ordine, per questa baia, nella scatola non deve essere messo più nulla. La scatola prosegue quindi il percorso lungo il convogliatore: gli scanner fissi leggono l etichetta del collo associata all ordine cliente, e la dirottano ad altri settori, se deve ricevere ulteriori prelievi, o al ricondizionamento, se i prelievi sono terminati. Come prerequisito di un sistema di questo tipo, è stato fatto un enorme lavoro sull anagrafica prodotti, in modo da avere nel WMS anche le informazioni di rilevanza logistica, quali peso, volume, forma, tipologia. Infatti, l ordine cliente processato dal WMS comprende anche una serie di informazioni relative all imballo: quante scatole nasceranno per quell ordine, dove nascerà ciascuna scatola, quali prodotti conterrà, per quale peso e quale volume. La scatola nasce sempre nella baia di prelievo più lontana dall uscita, e le percorrerà tutte fino alla conclusione dei prelievi. Se un ordine cliente prevede più scatole, queste potranno nascere tutte contemporaneamente. Ogni scatola verrà riempita fino al raggiungimento del L operatore in baia di picking legge il barcode della scatola; la lettura attiva le luci delle ubicazioni contenenti i prodotti da inserire nella scatola, indicandone anche il numero di pezzi da prelevare limite di peso, per poi essere avviata alla linea di chiusura colli finale. Insomma ogni ordine cliente viene esploso in tutti i suoi colli e in tutto ciò che essi potranno contenere. Il peso è inoltre uno strumento di controllo: grazie alla bilancia in linea si effettua il confronto tra peso teorico e peso reale della scatola, che, se necessario, viene inviata a un ulteriore controllo. Tutti i colli passano comunque dalle postazioni di special handling, dove vengono controllati ed eventualmente ricondizionati. Dopo tali postazioni, le scatole pervengono alla linea di chiusura, sempre su rulliera. Qui viene applicata l etichetta di spedizione, vengono inseriti gli elementi riempitivi, si applicano i coperchi e si chiude con la reggiatura. Da qui, le scatole proseguono verso il robot pallettizzatore, tranne quella che dovrà contenere la bolla di accompagnamento per il proprio ordine. I bancali sono costruiti in base alla pianificazione della spedizione, quindi per vettore. Anche in vista della pallettizzazione automatica, è stato condotto un altro importante lavoro preliminare: la standardizzazione delle scatole, che oggi sono tutte uguali come base, e hanno due sole tipologie di altezza. Il WMS raccoglie tutte le informazioni necessarie: quali colli sono su quel pallet, a chi sono indirizzati, attraverso quale vettore (il tutto è richiamato dall etichetta applicata al bancale, che identifica la UDT). Nel momento in cui il pallet è completo, si accende una luce verde: arriva l operatore con il carrello, e porta il pallet pronto alla filmatrice e poi alla sua ribalta di carico. Quando tutto il carico è stivato sull automezzo in partenza, il sistema invia al corriere anche la bolla informatica, in modo da fornire tutte le informazioni per il successivo smistamento e invio al cliente finale. LM: In conclusione: si può anche ipotizzare un ritorno d investimento? PT: Secondo i nostri calcoli, per quanto riguarda i costi di gestione del processo logistico, il ritorno dell investimento lo si ottiene già nel medio periodo. Principalmente, si tratta di tutto ciò che consegue da un miglior utilizzo degli spazi e delle persone. Infine, il progetto consente l ulteriore crescita dell attività, con un sempre miglior utilizzo della struttura. 6 > d i c e m b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Multi Consult I.T. S.r.l. ** Divisione Nazionale ** PTFSinergia20141030.doc

Multi Consult I.T. S.r.l. ** Divisione Nazionale ** PTFSinergia20141030.doc Multi Consult I.T. S.r.l. ** Divisione Nazionale ** PTFSinergia20141030.doc Aggiornamenti SINERGIA dal 31.10.2012 al 31.10.2014 GESTIONE TABELLE. Nella tabella F AUTD, autorizzazioni pratiche e danni,

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO:

SISTEMI DI MATERIAL HANDLING E STOCCAGGIO: SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGENERIA AEROSPAZIALE E MECCANICA Cattedra di Impianti Industriali Prof. Ing. Roberto Macchiaroli SISTEMI DI MATERIAL HANDLING

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Cas. mbiente. dell a mbiente. dell

Cas. mbiente. dell a mbiente. dell SEIToscana14_visitcard_angelini.pdf 1 18/0 originale C M Y A dell Cas Monia Angelini Responsabile U.O. Progettazione Servizi/Impianti Gestione Dati e Flussi M. 348 5273391 monia.angelini@seitoscana.it

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli