Comprendere l Elettroforesi delle proteine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comprendere l Elettroforesi delle proteine"

Transcript

1 Comprendere l Elettroforesi delle proteine International Myeloma Foundation Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA USA Telephone: CURE (2873) (USA & Canada) Fax: myeloma.org

2 Indice Introduzione 5 Perché è importante l elettroforesi delle proteine? 5 Cos è una componente monoclonale? 9 Cos è l elettroforesi delle proteine? 11 Come viene identificata e quantificata una componente monoclonale? 15 In che modo l elettroforesi contribuisce alle decisioni relative al trattamento? 17 Raccomandazioni pratiche per l uso dell elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie 18 Il costo dell elettroforesi delle proteine è coperto dall assicurazione sanitaria? 20 Domande aggiuntive 21 Notizie sull IMF 22 Glossario 25 Sponsorizzato da una borsa di studio non vincolante Sebia. 2011, International Myeloma Foundation, North Hollywood, California (xii11)

3 Introduzione Questo opuscolo Le è stato consegnato per fornirle maggiori informazioni circa un esame di laboratorio chiamato elettroforesi delle proteine (EF). Dopo averlo letto, dovrebbe essere capace di rispondere alle seguenti domande: Cos è l elettroforesi delle proteine? Perché i valori ottenuti con questo esame sono importanti per un paziente affetto da mieloma multiplo? In che modo questo test contribuisce alla diagnosi e al monitoraggio della risposta al trattamento del mieloma multiplo? Questo opuscolo ha il compito di fornire solo informazioni generali. Esso non deve sostituire la consulenza del Suo medico o del personale infermieristico, che possono rispondere alle domande relative al Suo specifico programma di trattamento. La definizione di tutte le parole in grassetto si possono trovare nel glossario alla fine dell opuscolo. Perché è importante l elettroforesi delle proteine? Perché fare un opuscolo sull elettroforesi delle proteine? La ragione principale è che la produzione di una singola componente monoclonale (CM) è una caratteristica specifica del mieloma multiplo. Il test utilizzato per quantificare la componente 5

4 monoclonale nel sangue o nelle urine è l elettroforesi delle proteine. Questa CM viene prodotta (sintetizzata) da plasmacellule maligne (o cellule mielomatose). La quantità di componente monoclonale prodotta e rilasciata nel siero (la parte liquida del sangue, che resta dopo aver rimosso le cellule del sangue), e a volte nelle urine, riflette la gravità del mieloma in ogni momento. Questa proteina, presente nel siero o nelle urine, rappresenta un marcatore tumorale sierico o urinario. Solo pochi tipi di tumore presentano un marcatore di questo tipo che, nel caso specifico, rende possibile la valutazione della gravità del mieloma al momento della diagnosi iniziale e il monitoraggio del mieloma durante il corso della malattia. Si può così studiare la risposta al trattamento, l ampiezza della remissione, e, se necessario, la recidiva del paziente usando numeri esatti, un vantaggio importante per la valutazione della malattia. Per esempio, si può determinare se una risposta è: parziale Figura 1. Rappresentazione di un risultato normale dell elettroforesi delle proteine sieriche (PR) = miglioramento del 50%; parziale molto buona (VGPR) = miglioramento del 90%; o completa (CR) = nessuna CM rilevata. Si può inoltre identificare una condizione di aumento nel livello della CM 25%, che viene chiamata recidiva. Quantificazione della CM tramite l elettroforesi Se la CM, che è caratteristica del mieloma, è presente nel siero, l esame elettroforetico si chiama elettroforesi delle proteine sieriche (SPEP, Serum Protein ElectroPhoresis). Allo stesso modo, quando la componente monoclonale si rinviene nelle urine, il test utilizzato per rilevarla si chiama elettroforesi delle proteine urinarie (UPEP, Urine Protein ElectroPhoresis). Per quantificare la componente monoclonale o CM sono necessarie due informazioni: Quant è la concentrazione totale di proteine nel siero o nelle urine? Qual è la percentuale relativa alla CM? L informazione cruciale proviene dall elettroforesi sierica e/o urinaria. Calcolando le dimensioni del picco, che rappresenta la quantità di proteina monoclonale, tramite la misura dell area compresa tra l apice del picco e la linea di base del grafico, si ottiene la percentuale della CM rispetto alle proteine totali. Per esempio: Il picco è pari al 60% delle proteine totali Proteine totali = 12 grammi/decilitro (g/dl) 6 7

5 è importante al momento della diagnosi iniziale e a quello di massima risposta al trattamento. Se vi è una risposta completa (CR), l immunofissazione deve essere completamente negativa*; in altri termini, non deve essere visibile alcuna componente monoclonale. Cos è una componente monoclonale? Le componenti monoclonali sono molecole di immunoglobuline ( Ig ) o parti di esse. Quantificazione del picco = 7,2 g/dl (60% di 12) Sia le proteine totali che la percentuale della componente monoclonale cambiano nel tempo. Per esempio, in risposta al trattamento, il picco può scendere al 40% e le proteine totali a 9 g/dl. In questo caso la quantificazione del picco sarà pari a 3,6 g/dl, corrispondente a una diminuzione del 50% e quindi a una risposta parziale. Questo tipo di quantificazione e valutazione periodica è fondamentale per il monitoraggio di ogni malattia mielomatosa. È per questa ragione che le elettroforesi sierica ed urinaria sono così importanti. Un test aggiuntivo, chiamato immunofissazione, viene utilizzato per determinare il tipo di componente monoclonale. Ciò * ll modo in cui la risposta viene definita è stato oggetto di studio da parte dell International Myeloma Working Group (IMWG) dell IMF ed è stato pubblicato come Criteri Uniformi di Risposte. Si prega di fare riferimento alla pubblicazione dell IMF Breve relazione della malattia e delle opzioni terapeutiche, Tabella 7, per ulteriori informazioni. Le normali plasma cellule producono immunoglobuline che sono gli anticorpi necessari a combattere le infezioni. Le plasma cellule anormali cellule del mieloma - presenti nei pazienti con mieloma non producono anticorpi in risposta ad una infezione ma producono delle immunoglobuline monoclonali che non possono funzionare come un anticorpo. Questa immunoglobulina tipica e unica per ciascun paziente di mieloma, può essere costituita da: due catene pesanti e due catene leggere (vedi fig. 2) o da sole Figura 2. Struttura delle immunoglobuline 8 9

6 catene leggere o da frammenti/combinazioni di immunoglobuline. Le immunoglobuline sono formate da uno di cinque tipi di catene pesanti (chiamate IgG, IgA, IgM, IgD e IgE) e da uno di due tipi di catene leggere (kappa, κ, e lambda, λ). Esistono quindi dieci possibili combinazioni di catene pesanti e leggere: IgG kappa, IgG lambda, IgA kappa, IgA lambda, IgM kappa, e così via. L elettroforesi delle proteine può rilevarle tutte. Le plasmacellule producono catene pesanti e leggere separatamente, che vengono assemblate in seguito per formare un immunoglobulina intera. Per ragioni sconosciute, le plasmacellule producono un numero di catene leggere superiore a quello di catene pesanti. Quindi, quando le immunoglobuline intere vengono formate, resta ancora qualche catena leggera. Queste vengono chiamate catene leggere libere (le catene leggere che partecipano alla formazione delle immunoglobuline intere vengono chiamate catene leggere legate perché sono legate alle catene pesanti). L eccesso di catene leggere libere entra nel flusso sanguigno e viene quindi filtrato dai reni. I reni sono capaci di riassorbire queste catene leggere libere e riciclare gli aminoacidi (i mattoni che costituiscono tutte le proteine dell organismo). Ma quando è presente una componente monoclonale nel siero, la quantità di catene leggere libere monoclonali può diventare troppo elevata per essere riassorbita dai reni. In questo caso, le catene leggere libere possono essere rinvenute nelle urine; queste vengono chiamate proteina di Bence Jones (dal medico che per primo le descrisse). Cos è l elettroforesi delle proteine? L elettroforesi delle proteine è un analisi di laboratorio basata sulla separazione delle proteine in presenza di corrente elettrica. Per effettuare questo test, si possono utilizzare un supporto solido (come un gel d agarosio) oppure dei sottili tubicini in silice, detti capillari, riempiti da un liquido. Quando un campione contenente una miscela di proteine viene applicato sul gel o in un capillare, le diverse proteine della miscela vengono separate in funzione della propria carica elettrica. Quando si vuole effettuare la ricerca di componente monoclonale, i laboratori analizzano il siero e le urine tramite l elettroforesi delle proteine, l unico test che può confermare in maniera univoca la monoclonalità. Elettroforesi delle proteine sieriche Il siero contiene diversi tipi di proteine che si separano tramite l elettroforesi in cinque o sei frazioni (in funzione del metodo utilizzato dal laboratorio). Queste frazioni (dette anche zone o regioni ) vengono chiamate Albumina, Alfa 1, Alfa 2, Beta (separabile in Beta 1 e Beta 2), e Gamma. Le immunoglobuline policlonali (normali) si trovano principalmente nella zona Gamma

7 Le diverse, normali, immunoglobuline presenti nel siero differiscono leggermente l una dall altra nella loro struttura e carica elettrica. Per questa ragione, quando vengono sottoposte all elettroforesi, occupano una zona larga, che è diffusa e simmetrica, senza alcuna deformazione visibile. Le proteine monoclonali vengono prodotte da un clone di plasmacellule e quindi tutte le molecole sono identiche e presentano la stessa carica elettrica. È per questa ragione che in elettroforesi una proteina monoclonale migrerà sotto forma di un picco stretto (che si presenta nella maggior parte dei casi in zona Gamma, ma che può migrare anche in zona Beta 2 o Beta 1, o addirittura in zona Alfa 2, benché quest ultimo caso sia molto raro). L elettroforesi delle proteine sieriche può essere utilizzata per effettuare la ricerca di una componente monoclonale e per monitorare la quantità di CM. Figura 3. Rappresentazione di un risultato anomalo di elettroforesi delle proteine sieriche, con cellule mielomatose che producono una CM, e quindi la presenza di un picco in zona Beta 2. Elettroforesi delle proteine urinarie Il rene agisce da filtro, eliminando solo poche molecole e lasciando la maggior parte delle proteine nel flusso sanguigno. Benché alcune piccole proteine passino attraverso il filtro renale, queste vengono in seguito riassorbite e riciclate in aminoacidi. Normalmente, quindi, le urine contengono solo tracce di proteine. Tuttavia, in alcune malattie, delle proteine possono comparire nelle urine. Se il rene è danneggiato, numerose proteine sieriche possono passare nelle urine, e i risultati dell elettroforesi urinaria possono avere un aspetto simile a quello dell elettroforesi delle proteine sieriche, con tutte le cinque (o sei) frazioni visibili. Quando la componente monoclonale è presente nel siero, spesso l eccesso di catene leggere libere verrà rinvenuto nelle urine come proteina di Bence Jones (sotto forma un picco stretto, generalmente in zona Gamma o Beta). L elettroforesi delle urine viene utilizzata per effettuare la ricerca di proteina di Bence Jones e per monitorarne la concentrazione. Può inoltre essere utilizzata per valutare il danno renale (che rappresenta una complicanza comune del mieloma multiplo). Immunofissazione sierica e urinaria Se viene rilevato un picco stretto in elettroforesi delle proteine, si può sospettare la presenza di una componente monoclonale

8 È quindi necessario confermarne la presenza e determinarne il tipo identificando la catena pesante e la catena leggera presenti nella sua struttura. Conoscere il tipo di CM è importante per stabilire la diagnosi e per effettuare il monitoraggio del paziente. A questo scopo verrà usato un altro metodo elettroforetico, chiamato immunofissazione (IFE, ImmunoFixation Electrophoresis). Nell IFE, vengono utilizzati dei reagenti specifici, chiamati antisieri. Ogni antisiero reagisce con un tipo specifico di catena pesante o leggera. Le componenti monoclonali reagiranno generalmente con un antisiero anti - catena pesante e un antisiero anti - catena leggera (benché in alcuni casi le plasmacellule possano produrre solamente catene leggere; in questo caso la proteina monoclonale reagirà con antisieri diretti contro le catene leggere libere). I metodi immunofissativi sono più sensibili alla presenza di deboli componenti monoclonali e possono rilevarle anche se l elettroforesi non mostra alcuna anomalia visibile. Ma l immunofissazione non permette la quantificazione della componente monoclonale. Quindi entrambi i metodi devono essere utilizzati: l elettroforesi per rilevare la presenza di componenti monoclonali e per quantificarle e l immunofissazione per identificarne il tipo. Come viene identificata e quantificata una componente monoclonale? Come nel caso di altri esami, i valori calcolati dall elettroforesi vengono quindi confrontati con i valori di riferimento del laboratorio (valori che un laboratorio ha determinato analizzando campioni di individui sani). Le frazioni elettroforetiche vengono inoltre sottoposte a ispezione visiva. Si sospetta la presenza di una proteina monoclonale quando il tracciato elettroforetico presenta un picco aggiuntivo, o quando una frazione normale presenta una deformazione anormale o è aumentata in maniera inusuale. Queste anomalie vengono generalmente rilevate nelle regioni Gamma o Beta

9 Per confermare la presenza della componente monoclonale e per identificare le sue catene pesante e leggera, il siero viene ulteriormente analizzato in immunofissazione. Una volta rilevata la presenza di una componente monoclonale, la sua quantificazione viene determinata utilizzando il tracciato elettroforetico. A questo scopo il laboratorista delimiterà l inizio e la fine del picco monoclonale sul tracciato e quantificherà la percentuale dell area totale sottostante il picco. Utilizzando questo valore e i risultati di un altro test biochimico, la concentrazione delle proteine totali, si può calcolare la concentrazione della componente monoclonale in g/dl. (Vedere l esempio a pag. 7.) Questo valore verrà utilizzato dal personale medico, insieme ad altri dati, per stabilire la diagnosi. In seguito, verrà confrontato con i valori ottenuti dagli esami elettroforetici successivi per monitorare l evoluzione della malattia e la risposta al trattamento, come raccomandato dalle linee guida dell International Myeloma Working Group. Secondo queste linee guida, quando una componente monoclonale può essere rilevata e quantificata in elettroforesi, il monitoraggio deve essere effettuato utilizzando l elettroforesi sierica e/o urinaria. Quando la componente monoclonale non è rilevabile in elettroforesi o è a concentrazioni troppo basse per essere quantificata, verrà utilizzato un altro test, il free light chain assay, per monitorare la condizione del paziente.* In che modo l elettroforesi può contribuire alle decisioni relative al trattamento? Come menzionato in precedenza, la capacità di quantificare con precisione la componente monoclonale in elettroforesi delle proteine sieriche e/o urinarie e di conoscere il livello esatto di gravità del mieloma rappresenta un enorme vantaggio. Il monitoraggio della malattia in assenza di un picco sul tracciato elettroforetico sierico o urinario può essere difficoltoso. La quantità di componente monoclonale presente sul tracciato elettroforetico riflette la gravità del mieloma. Tuttavia, è molto importante tenere presente che ogni paziente è diverso dall altro. Al momento della diagnosi, alcuni pazienti presentano, per esempio, un picco molto elevato nel siero, ma la gravità del mieloma nel midollo osseo o nelle ossa non è di pari entità. Anche l opposto può essere vero: alcuni pazienti possono presentare un picco lieve, ma un gran numero di cellule mielomatose. Quindi, al momento della diagnosi, è molto importante correlare il livello del picco con la gravità del mieloma nel singolo paziente. Ciò può essere particolarmente importante * Per ulteriori indicazioni sul monitoraggio della malattia, fare riferimento alle seguenti pubblicazioni dell IMWG, disponibili sul sito myeloma.org. IMWG Uniform Response Criteria, IMWG Guidelines for Serum Free Light Chain analysis (aggiornamento in corso), e IMWG Guidelines for the Diagnostic Work-up of Myeloma. Fare inoltre riferimento all edizione 2011/2012 della pubblicazione dell IMF Breve relazione della malattia e delle opzioni terapeutiche

10 nel caso in cui il picco sia lieve, perché piccoli cambiamenti possono essere maggiormente importanti in termini di risposta al trattamento oppure di potenziale progressione o recidiva. L elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie è utile per: 1. Valutazione basale della gravità e del tipo di mieloma. 2. Monitoraggio periodico per documentare la velocità e il livello della risposta. 3. Valutazione della potenziale progressione o recidiva della malattia. Nota: malattia progressiva (PD) = aumento 25% ** (dal livello basso). La PD può essere confermata dal verificarsi di uno dei criteri CRAB ***. Raccomandazioni pratiche per l uso dell elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie Quando si inizia un nuovo trattamento per il mieloma, il livello di CM nel sangue (siero) e/o nelle urine dovrebbe essere quantificato ogni mese (o ad ogni ciclo di trattamento, normalmente a intervalli di 3-6 settimane) utilizzando l elettroforesi. Per valutare l impatto del trattamento è necessario ** Per confermare la progressione o la recidiva sono richieste due letture consecutive. *** Vedere ulteriori pubblicazioni dell IMF e il sito web dell IMF all indirizzo myeloma.org, oppure chiamare la hotline dell IMF al numero (Stati Uniti e Canada) per la spiegazione dei criteri CRAB e per ulteriori dettagli. effettuare gli esami periodicamente. Se il trattamento non funziona bene, questo sarà evidente entro 2-3 mesi: i livelli di CM sul tracciato elettroforetico, in questo caso, diminuiranno di <25% o aumenteranno di 25% (malattia progressiva [PD]). Sarà quindi necessario cambiare il trattamento. Si tratta di un momento cruciale per discutere i risultati e le opzioni di trattamento con il proprio medico. Se il trattamento funziona bene, nella maggior parte dei casi ci sarà un sostanziale miglioramento (riduzione) dei livelli di CM sul tracciato elettroforetico sierico/urinario entro i primi 2-3 mesi. Come notato in precedenza, il livello di risposta può essere quantificato come >50% (risposta parziale [PR]); 90% (risposta parziale molto buona [VGPR]); 100% (risposta completa [CR]). La classificazione di risposta completa (CR) richiede che la CM non sia rilevabile utilizzando l immunofissazione (IFE) e che l esame del midollo osseo non mostri alcuna evidenza di mieloma. Per raggiungere i livelli di risposta migliore (VGPR e CR) sono necessari generalmente almeno altri 2-3 mesi di trattamento (4-6 mesi in totale). Per ottenere la massima risposta, potrebbero essere necessari diversi altri mesi di trattamento. È inoltre necessario valutare opzioni aggiuntive di trattamento, come un trapianto autologo di cellule staminali (ASCT) o una terapia di consolidamento per migliorare al massimo la risposta. In seguito, si può decidere di 18 19

11 iniziare una terapia di mantenimento, discutendone con il proprio medico curante. Dopo aver raggiunto un livello stabile di risposta, la frequenza del monitoraggio può essere ridotta a ogni 2-3 mesi, in maniera continua, a meno che non emergano ulteriori problemi. Si suggerisce di discutere direttamente e prontamente i risultati dell elettroforesi sierica e urinaria con il proprio medico. L IMF offre il programma informatico gratuito Myeloma Manager che permette di creare tabelle, grafici, diagrammi di flusso dei risultati degli esami nel tempo. Ciò facilita la discussione e la pianificazione negli scambi tra medico e paziente. Il costo dell elettroforesi delle proteine è coperto dall assicurazione sanitaria? L elettroforesi proteica è un test standard comunemente accettato che viene coperto dal programma di assicurazione medica Medicare, amministrato dal governo degli Stati Uniti e dalla maggior parte delle polizze assicurative. Tuttavia, come per ogni esame, è possibile che l assicurazione rimborsi solo parte del costo (per esempio, l 80%). È importante essere consapevoli del costo a carico del paziente per ogni esame. Se questo è un problema, discuta dell urgenza e/o della frequenza necessaria dell esame con il Suo medico curante. Se il mieloma è stabile, è accettabile effettuare l esame con una frequenza inferiore. Domande aggiuntive Si suggerisce di discutere delle seguenti questioni con il proprio medico per comprendere al meglio i propri risultati elettroforetici: Quali sono i valori normali dei livelli di immunoglobuline ottenuti in elettoforesi nel laboratorio dove ho effettuato l analisi e dove si collocano i miei risultati rispetto a questo intervallo? Quale variazione nei risultati mensili dell elettroforesi sierica e/o urinaria viene considerata essere all interno dei limiti di normalità? Fino a che punto un aumento o una diminuzione vengono considerati significativi? Se non è possibile rilevare la componente monoclonale in elettroforesi, significa che ho ottenuto una risposta completa? È necessario effettuare sia l elettroforesi sierica che urinaria? I pazienti con MGUS devono effettuare il monitoraggio tramite elettroforesi sierica e urinaria? Se si, quanto spesso? 20 21

12 Notizie sull IMF Una persona può fare la differenza, Due possono fare un miracolo. Brian D. Novis Fondatore dell IMF Il mieloma è un piccolo conosciuto, complesso, e spesso diagnosticato erroneamente tumore del midollo osseo che colpisce e distrugge l osso. Il Mieloma colpisce approssimativamente persone nel mundo. Mentre al momento non vi è una cura per il mieloma, i medici stanno testando molti approcci in grado di aiutare i pazienti affetti da questa patologia a vivere meglio e più a lungo. The International Myeloma Foundation (IMF) fu fondata nel 1990 da Brian e Susie Novis dopo che a Brian fu diagnosticato il mieloma all età di 33 anni. Era il sogno di Brian che i pazienti futuri avessero un facile accesso alle informazioni mediche ed un supporto psicologico durante la loro battaglia contro il mieloma. Egli fondò l IMF allo scopo di raggiungere 3 obiettivi: trattamento, istruzione, e ricerca. Cercò di fornire un largo spettro di servizi per i pazienti, le loro famiglie, gli amici e i medici. Sebbene Brian morì 4 anni dopo il suo esordio di malattia, il suo sogno non morì. Oggi l IMF raggiunge un numero di membri internazionali maggiore a L IMF era la prima organizzazione dedicata solamente al mieloma, e oggi rimane la più grande. L IMF fornisce programmi e servizi al fine di aiutare la ricerca, le diagnosi, il trattamento, e la gestione del mieloma. L IMF si assicura che nessuno debba combattere il mieloma da solo. Noi ci preoccupiamo dei pazienti di oggi, mentre lavoriamo verso la cura di domani. Come l IMF può aiutarti? EDUCAZIONE DEL PAZIENTE OPUSCOLI INFORMATIVI I nostri opuscoli (gratuiti) forniscono informazioni dettagliate sul mieloma, le opzioni di trattamento, la gestione della malattia e servizi dell IMF. Tra essi anche la nostra Guida per il paziente molto conosciuta. ACCESSO INTERNET Sul sito myeloma.org (disponibile 24 ore su 24) potete avere accesso alle informazioni sul mieloma, l IMF, l istruzione e i programmi di supporto. IL FORUM ON-LINE SUL MIELOMA E possibile interagire con il Gruppo di Discussione Internet dell IMF collegandosi al sito myeloma.org/listserve.html per condividere esperienze e pensieri. MYELOMA MINUTE Si iscriva a questa newsletter settimanale gratuita che le verrà recapitata via mail per avere informazioni minuto per minuto sul mieloma. SEMINARI PER PAZIENTI E FAMILIARI Si incontri con i principali esperti nel trattamento del mieloma per conoscere i recenti sviluppi nella terapia e nella ricerca. MYELOMA MATRIX Questo documento, disponibile via web e in forma cartacea, è una guida dettagliata ai farmaci in sviluppo per il mieloma

13 NEWSLETTER MIELOMA TODAY Il nostro bollettino d informazione trimestrale è disponibile gratis sottoscrivendo la newsletter. SUPPORTO MIELOMA HOTLINE: CURE (2873) La linea diretta dell IMF, gratis negli Stati Uniti e in Canada è gestita da personale qualificato e specialistico in frequente interazione con i membri del nostro gruppo scientifico consultivo. GRUPPO DI SUPPORTO Una rete mondiale di oltre 100 gruppi di supporto organizza regolari incontri per i membri della comunità ed incontri annuali per i leader degli stessi gruppi. RICERCA BANK ON A CURE Questa banca del DNA fornirà dati genetici di ricerca per lo sviluppo di nuovi farmaci. INTERNATIONAL MYELOMA WORKING GROUP (IMWG) L International Myeloma Working Group dell IMF è costituito da 145 ricercatori da tutto il mondo, esperti nel mieloma, che collaborano su un grande numero di progetti di ricerca. Con l obiettivo di migliorare le opzioni di trattamento del mieloma e i sistemi per la diagnosi il loro lavoro è incentrato su protocolli utili a fornire una remissione più durevole per i pazienti, migliorandone la qualità della vita e soddisfacendo i bisogni sia dei pazienti sia dei medici che li trattano. IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI STADIAZIONE (ISS) Questo sistema aggiornato di stadiazione del mieloma migliorerà la capacità dei medici di selezionare il trattamento più appropriato per ogni paziente. DONAZIONI PER LA RICERCA Conducendo ricerche in collaborazione con tutto il mondo e ottenendo straordinari risultati, il programma di donazioni dell IMF sostiene i ricercatori lavorando su un vasto numero di progetti. L IMF ha attirato molti giovani ricercatori nel campo del mieloma, che rimangono nel settore ricercando attivamente una cura per la malattia Glossario Anticorpo: Proteina prodotta da un tipo specifico di globuli bianchi (plasmacellule) per combattere le infezioni e le malattie in forma di antigeni come batteri, virus, tossine o tumori. Ogni anticorpo può legare solo uno specifico antigene. Lo scopo di questo legame è quello di aiutare a distruggere l antigene. Gli anticorpi possono lavorare in diversi modi, in funzione della natura dell antigene. Alcuni anticorpi disabilitano gli antigeni direttamente. Altri rendono l antigene più vulnerabile alla distruzione da parte di altri globuli bianchi. Catene leggere libere: Parti delle componenti monoclonali di basso peso molecolare, che possono essere quantificate grazie a un esame sensibile, un dosaggio di catene leggere libere nel siero. Componente monoclonale (picco monoclonale): Anticorpi o parte di anticorpi rilevati in quantità abbondanti e inusuali nel sangue o nelle urine dei pazienti affetti da mieloma multiplo. Il termine picco monoclonale fa riferimento al profilo che si presenta sul tracciato elettroforetico in presenza di una componente monoclonale. Sinonimo di proteina monoclonale e di proteina mielomatosa. (Vedere sopra per monoclonale.) Elettroforesi: Esame di laboratorio in cui le molecole di siero (sangue) o urina di un paziente vengono sottoposte a separazione in funzione delle dimensioni e della carica elettrica. Per i pazienti affetti da mieloma, l elettroforesi del sangue o delle urine permette sia la quantificazione della componente monoclonale (CM) che l identificazione del picco di CM specifico, caratteristico per ogni paziente. L elettroforesi viene utilizzata sia per la diagnosi che per il monitoraggio

14 IgG, IgA: I due tipi di mieloma più comuni. La G e la A si riferiscono al tipo di proteina prodotta dalle cellule mielomatose. La proteina mielomatosa, che è un immunoglobulina, consiste di due catene pesanti, (per esempio di tipo G) combinate con due catene leggere, che possono essere di tipo kappa o lambda. Quindi i due sottotipi più comuni di mieloma presentano la stessa catena pesante (cioè IgG kappa e IgG lambda). I termini catena pesante e leggera fanno riferimento alle dimensioni o al peso molecolare della proteina, essendo le catene pesanti più grosse rispetto alle catene leggere. Poiché le catene leggere sono più piccole, possono passare più facilmente nelle urine, producendo la presenza di proteina di Bence Jones. IgD, IgE: Due tipi di mieloma che si presentano più raramente. IgM: Generalmente associata a macroglobulinemia di Waldenstrom. In rari casi può essere un tipo di mieloma. Immunofissazione: Test immunologico del siero o delle urine utilizzato per identificare le proteine nel sangue. Per i pazienti affetti da mieloma, permette al medico di identificare il tipo di CM (generalmente IgG, IgA, kappa o lambda). Si tratta della tecnica di immunocolorazione di routine più sensibile, che identifica esattamente il tipo di catena pesante e leggera. Immunoglobulina (Ig): Proteina prodotta dalle plasmacellule; parte essenziale del sistema immunitario dell organismo. Le immunoglobuline si legano alle sostanze estranee che penetrano nell organismo (antigeni come batteri, virus, funghi) e contribuiscono alla loro distruzione. Le classi di immunoglobuline sono IgA, IgG, IgM, IgD, e IgE. Marcatore tumorale: Una sostanza presente nel sangue o in altri fluidi corporei la cui presenza suggerisce che la persona sia affetta da cancro. Nel caso del mieloma, la componente monoclonale è un marcatore tumorale e rappresenta un modo indiretto per quantificare il numero e l attività delle cellule mielomatose. Monoclonale: Clone o duplicato di una singola cellula. Il mieloma si sviluppa da una singola plasmacellula maligna (monoclone). Anche il tipo di proteina mielomatosa prodotto è monoclonale; una forma singola piuttosto che diverse forme (policlonale). L aspetto pratico importante di una proteina monoclonale è che si presenta sotto forma di un picco stretto (picco monoclonale) sul tracciato elettroforetico. Plasmacellule: Globuli bianchi speciali che producono anticorpi. La plasmacellula è la cellula maligna nel mieloma. Le plasmacellule normali producono gli anticorpi per combattere le infezioni. Nel mieloma, le plasmacellule maligne producono grosse quantità di anticorpi anomali che hanno perso la capacità di combattere le infezioni. Gli anticorpi anomali sono componenti monoclonali. Le plasmacellule producono inoltre altre sostanze chimiche che possono causare danni agli organi o ai tessuti (ovvero anemia, insufficienza renale e neuropatia). Proteina di Bence Jones: Proteina monoclonale mielomatosa presente nelle urine. La quantità di proteina di Bence Jones viene espressa in termini di grammi nelle 24 ore. Normalmente nelle urine è presente una quantità molto lieve di proteine (<0,1 g/24 ore), corrispondente generalmente all albumina piuttosto che alla proteina di Bence Jones. La presenza di proteina di Bence Jones è, in tutti casi, anomala. Reagente: Sostanza chimica nota per reagire in una maniera specifica. Un reagente viene utilizzato per rilevare o sintetizzare un altra sostanza chimica tramite una reazione chimica. Recidiva: Ricomparsa di segni e sintomi di una malattia dopo un periodo di miglioramento. Remissione o risposta: Scomparsa completa o parziale dei segni e sintomi del cancro. I termini remissione e risposta vengono utilizzati in maniera intercambiabile

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE

LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: SIGNIFICATO, DIAGNOSI E GESTIONE DEL PAZIENTE Le gammaglobuline o immunoglobuline (termine abbreviato Ig) sono anticorpi che servono alla difesa dell'organismo contro agenti

Dettagli

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE UO di Oncologia Ospedale del Ceppo, Pistoia DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE NEL MIELOMA MULTIPLO Pistoia 10 Novembre 2012 Dr. ssa Carla Breschi APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTO MIELOMA INDAGINI DI LABORATORIO

Dettagli

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (USA & Canada) 818-487-7455 Fax:

Dettagli

Comprensione Revlimid

Comprensione Revlimid Comprensione Revlimid International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA & Canada) 818-487-7455 Fax: 818-487-7454 TheIMF@myeloma.org

Dettagli

RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI

RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI RUOLO DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELLE GAMMAPATIE MONOCLONALI Giorgio Paladini (1,2,3), Manuela Caizzi (1,2); Elisabetta Gianoli (3) 1. S.C. Ematologia Clinica, AOUTS Ospedali Riuniti di Trieste

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona biochimica clinica, 2014;38:47-53 Scopo del documento è quello

Dettagli

Manuale per i Pazienti

Manuale per i Pazienti Manuale per i Pazienti Una pubblicazione dell International Myeloma Foundation Dedicato a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da mieloma e nel contempo ad approfondire la ricerca sulla

Dettagli

Gammopatie Monoclonali

Gammopatie Monoclonali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI - PESCARA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Dietistica Gammopatie Monoclonali Dr.ssa Francesca Santilli Anno Accademico 2008-2009 Definizione

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO Titolo dello studio Studio di Fase 3b, randomizzato con Revlimid (Lenalidomide) somministrato come terapia di mantenimento verso placebo dopo il trattamento di induzione con Melfalan,

Dettagli

Guida Per Il Paziente

Guida Per Il Paziente Guida Per Il Paziente International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): 800.452.CURE (2873) Tel: 818.487.7455 Fax: 818.487.7454

Dettagli

DEFINIZIONE Le gammopatie monoclonali sono quadri clinicolaboratoristici caratterizzati dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di un clone di linfociti B e plasmacellule sintetizzanti immunoglobuline

Dettagli

Guida Per Il Paziente

Guida Per Il Paziente Guida Per Il Paziente International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): 800.452.CURE (2873) Tel: 818.487.7455 Fax: 818.487.7454

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE NEUCHATEL, Svizzera, 7 aprile/prnewswire/ -- - EMEA sta valutando LENALIDOMIDE come terapia orale per

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di

CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di CASO CLINICO Sesso: Maschio 69 anni APR: non patologia significativa APP: riscontro occasionale di - proteine totali 7,9 g/dl - gammaglobuline 19% - presenza di sospetta componente monoclonale - obiettività

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Backgrounder Basilea, 6 novembre 2006 Malattie autoimmuni e artrite reumatoide Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Oltre 60 diverse malattie autoimmuni che

Dettagli

Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso

Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso LE GIORNATE LAZIALI DELL APPROPRIATEZZA IN MEDICINA DILABORATORIO 2^ Edizione Le componenti monoclonali: istruzioni per l uso Roma, 20 novembre 2013 Maria Teresa Muratore Riassunto della puntata precedente

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Elettroforesi ad alta risoluzione su siero di cani

Elettroforesi ad alta risoluzione su siero di cani Elettroforesi ad alta risoluzione su siero di cani O. ABATE, R. ZANATTA, T. MALISANO e U. DOTTA Università di Medicina Veterinaria di Torino, Dipartimento di Patologia animale I valori delle proteine del

Dettagli

Mieloma Multiplo. Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici. Italiano

Mieloma Multiplo. Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici. Italiano Mieloma Multiplo Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici Italiano Mieloma Multiplo Guida essenziale per pazienti, famigliari ed amici Indice 4 Introduzione Pubblicato da Myeloma Euronet AISBL

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 24-5-2010 22 A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAIONE, PRELIEVO

Dettagli

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Cosa è importante sapere ONCHQ14NP07519 Introduzione: L Immunoncologia sfrutta l attività del sistema immunitario per aggredire le cellule

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 2 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/6 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro individuale Tempo

Dettagli

La risposta immunitaria di tipo umorale

La risposta immunitaria di tipo umorale La risposta immunitaria di tipo umorale Linfociti B, Plasmacellule ed Anticorpi 1 2 L IMMUNITA UMORALE (mediata da anticorpi) Questo tipo di immunità protegge dagli antigeni circolanti, quali: batteri

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

MIELOMA MULTIPLO. Caratteristiche generali del mieloma

MIELOMA MULTIPLO. Caratteristiche generali del mieloma MIELOMA MULTIPLO Caratteristiche generali del mieloma Il Mieloma multiplo è una neoplasia dovuta alla proliferazione incontrollata di un clone di plasmacellule. Le plasmacellule si accumulano nel midollo

Dettagli

Convivere con le sindromi mielodisplastiche (MDS)

Convivere con le sindromi mielodisplastiche (MDS) Il presente opuscolo non vuole sostituirsi ai consigli del medico che vi ha visitato e che ha diagnosticato il vostro disturbo. Richiedete al medico o al personale infermieristico chiarimenti in merito

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5 La struttura complessa SIMT (Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) effettua indagini di laboratorio e prestazioni di medicina trasfusionale, in regime di routine e urgenza, in conformità

Dettagli

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri)

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) AIFA - Natalizumab (Tysabri) 21/01/2010 (Livello 2) AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) Comunicato Stampa EMEA FAQ (Domande e Risposte) file:///c /documenti/tysa24.htm [21/01/2010 18.15.06]

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13

Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13 SSN Regione Veneto-ULSS 13 Servizio di Medicina di Laboratorio Direttore: Dott.ssa Flora Alborino Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13 Oggetto: alcune precisazioni sulla prescrizione di

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL?

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? Informazioni per potenziali partecipanti Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? È ora di affrontare diversamente l amiloidosi AL? L amiloidosi AL è una malattia rara e spesso fatale causata dall accumulo

Dettagli

Elettroforesi: frazioni β 1 e β 2, utilità in diagnostica

Elettroforesi: frazioni β 1 e β 2, utilità in diagnostica ~ LAVORO DI DIPLOMA ~ Elettroforesi: frazioni β 1 e β 2, utilità in diagnostica Laboratorio Cantonale Immunologia Clinica Ospedale S.Giovanni 6500 Bellinzona Responsabile: Dr. Franco Keller Moro Sammy

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 11 giugno 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 9 Prime Pagine 14 Rassegna associativa

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it Il test del PSA informarsi, capire, parlarne Questa brochure si rivolge: agli uomini che non hanno sintomi, ma desiderano sottoporsi ad un controllo generale della salute e, quindi, anche della prostata;

Dettagli

PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013

PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013 PDTA 06 Rev. 0 del 20/11/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 20.11.2013 Dr. U.Russo Prof. A.Federici Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi 2/4 STATO DELLE REVISIONI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008. Introduzione

Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008. Introduzione Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008 Introduzione Ci sono due diversi modi di raccogliere il sangue, o attraverso il prelievo di sangue intero dal quale il plasma viene

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione Livello 1 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/5 Riferimento Tutto il materiale informativo per gli studenti Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro

Dettagli

Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide. In attesa di una cura IMF vi aiuta

Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide. In attesa di una cura IMF vi aiuta Opuscolo informativo sulla terapia con talidomide In attesa di una cura IMF vi aiuta Note Personale sanitario incaricato della mia cura Medico Telefono Infermiere Telefono Ospedale Centralino Altro Telefono

Dettagli

La diagnostica delle malattie renali è difficile:

La diagnostica delle malattie renali è difficile: La diagnostica delle malattie renali è difficile: Le nefropatie sono in genere asintomatiche I reperti non sono eclatanti nè esclusivi Le competenze specialistiche si sovrappongono: gli stessi pazienti

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati

Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati mieloma multiplo Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Le immagini di copertina sono state gentilmente concesse dalla rivista Le Scienze : nov. 1995, n. 327, pag. 83; nov. 1993,

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Gli enzimi di restrizione sono delle proteine sintetizzate dai batteri per proteggersi dalle infezioni virali (batteriofagi). Questi enzimi tagliano il DNA virale

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Il fegato e il deficit di Alpha-1. Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION

Il fegato e il deficit di Alpha-1. Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION Il fegato e il deficit di Alpha-1 Alpha-1 Antitripsina 1 ALPHA-1 FOUNDATION 2 Cos e il Deficit di Alpha-1 Antitripsina? L Alpha-1 è una condizione che può causare una grave malattia del polmone negli adulti

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE A06 108 Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE Correlazione con patologie cardiovascolari Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Breve Relazione. della malattia e delle opzioni terapeutiche Mieloma Multiplo. Tumore del midollo osseo

Breve Relazione. della malattia e delle opzioni terapeutiche Mieloma Multiplo. Tumore del midollo osseo Breve Relazione International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607-3421 Hotline (USA and Canada): (800) 452 CURE (2873) Tel: (818) 487-7455 Fax: (818) 487-7454

Dettagli

Test genetici a scopo medico

Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Tutti abbiamo ereditato dai nostri genitori una combinazione unica di geni. Questa costituzione originale e l influenza di vari fattori ambientali

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Lettori: 630.000 Diffusione: 150.760 09-GIU-2013 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 2 Stampa articolo http://sfoglia2.corriere.it/sipol_rcs/jsp/printart.jsp?cli=corse Page 1 of 3 10/06/2013 In arrivo

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli