Comprendere l Elettroforesi delle proteine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comprendere l Elettroforesi delle proteine"

Transcript

1 Comprendere l Elettroforesi delle proteine International Myeloma Foundation Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA USA Telephone: CURE (2873) (USA & Canada) Fax: myeloma.org

2 Indice Introduzione 5 Perché è importante l elettroforesi delle proteine? 5 Cos è una componente monoclonale? 9 Cos è l elettroforesi delle proteine? 11 Come viene identificata e quantificata una componente monoclonale? 15 In che modo l elettroforesi contribuisce alle decisioni relative al trattamento? 17 Raccomandazioni pratiche per l uso dell elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie 18 Il costo dell elettroforesi delle proteine è coperto dall assicurazione sanitaria? 20 Domande aggiuntive 21 Notizie sull IMF 22 Glossario 25 Sponsorizzato da una borsa di studio non vincolante Sebia. 2011, International Myeloma Foundation, North Hollywood, California (xii11)

3 Introduzione Questo opuscolo Le è stato consegnato per fornirle maggiori informazioni circa un esame di laboratorio chiamato elettroforesi delle proteine (EF). Dopo averlo letto, dovrebbe essere capace di rispondere alle seguenti domande: Cos è l elettroforesi delle proteine? Perché i valori ottenuti con questo esame sono importanti per un paziente affetto da mieloma multiplo? In che modo questo test contribuisce alla diagnosi e al monitoraggio della risposta al trattamento del mieloma multiplo? Questo opuscolo ha il compito di fornire solo informazioni generali. Esso non deve sostituire la consulenza del Suo medico o del personale infermieristico, che possono rispondere alle domande relative al Suo specifico programma di trattamento. La definizione di tutte le parole in grassetto si possono trovare nel glossario alla fine dell opuscolo. Perché è importante l elettroforesi delle proteine? Perché fare un opuscolo sull elettroforesi delle proteine? La ragione principale è che la produzione di una singola componente monoclonale (CM) è una caratteristica specifica del mieloma multiplo. Il test utilizzato per quantificare la componente 5

4 monoclonale nel sangue o nelle urine è l elettroforesi delle proteine. Questa CM viene prodotta (sintetizzata) da plasmacellule maligne (o cellule mielomatose). La quantità di componente monoclonale prodotta e rilasciata nel siero (la parte liquida del sangue, che resta dopo aver rimosso le cellule del sangue), e a volte nelle urine, riflette la gravità del mieloma in ogni momento. Questa proteina, presente nel siero o nelle urine, rappresenta un marcatore tumorale sierico o urinario. Solo pochi tipi di tumore presentano un marcatore di questo tipo che, nel caso specifico, rende possibile la valutazione della gravità del mieloma al momento della diagnosi iniziale e il monitoraggio del mieloma durante il corso della malattia. Si può così studiare la risposta al trattamento, l ampiezza della remissione, e, se necessario, la recidiva del paziente usando numeri esatti, un vantaggio importante per la valutazione della malattia. Per esempio, si può determinare se una risposta è: parziale Figura 1. Rappresentazione di un risultato normale dell elettroforesi delle proteine sieriche (PR) = miglioramento del 50%; parziale molto buona (VGPR) = miglioramento del 90%; o completa (CR) = nessuna CM rilevata. Si può inoltre identificare una condizione di aumento nel livello della CM 25%, che viene chiamata recidiva. Quantificazione della CM tramite l elettroforesi Se la CM, che è caratteristica del mieloma, è presente nel siero, l esame elettroforetico si chiama elettroforesi delle proteine sieriche (SPEP, Serum Protein ElectroPhoresis). Allo stesso modo, quando la componente monoclonale si rinviene nelle urine, il test utilizzato per rilevarla si chiama elettroforesi delle proteine urinarie (UPEP, Urine Protein ElectroPhoresis). Per quantificare la componente monoclonale o CM sono necessarie due informazioni: Quant è la concentrazione totale di proteine nel siero o nelle urine? Qual è la percentuale relativa alla CM? L informazione cruciale proviene dall elettroforesi sierica e/o urinaria. Calcolando le dimensioni del picco, che rappresenta la quantità di proteina monoclonale, tramite la misura dell area compresa tra l apice del picco e la linea di base del grafico, si ottiene la percentuale della CM rispetto alle proteine totali. Per esempio: Il picco è pari al 60% delle proteine totali Proteine totali = 12 grammi/decilitro (g/dl) 6 7

5 è importante al momento della diagnosi iniziale e a quello di massima risposta al trattamento. Se vi è una risposta completa (CR), l immunofissazione deve essere completamente negativa*; in altri termini, non deve essere visibile alcuna componente monoclonale. Cos è una componente monoclonale? Le componenti monoclonali sono molecole di immunoglobuline ( Ig ) o parti di esse. Quantificazione del picco = 7,2 g/dl (60% di 12) Sia le proteine totali che la percentuale della componente monoclonale cambiano nel tempo. Per esempio, in risposta al trattamento, il picco può scendere al 40% e le proteine totali a 9 g/dl. In questo caso la quantificazione del picco sarà pari a 3,6 g/dl, corrispondente a una diminuzione del 50% e quindi a una risposta parziale. Questo tipo di quantificazione e valutazione periodica è fondamentale per il monitoraggio di ogni malattia mielomatosa. È per questa ragione che le elettroforesi sierica ed urinaria sono così importanti. Un test aggiuntivo, chiamato immunofissazione, viene utilizzato per determinare il tipo di componente monoclonale. Ciò * ll modo in cui la risposta viene definita è stato oggetto di studio da parte dell International Myeloma Working Group (IMWG) dell IMF ed è stato pubblicato come Criteri Uniformi di Risposte. Si prega di fare riferimento alla pubblicazione dell IMF Breve relazione della malattia e delle opzioni terapeutiche, Tabella 7, per ulteriori informazioni. Le normali plasma cellule producono immunoglobuline che sono gli anticorpi necessari a combattere le infezioni. Le plasma cellule anormali cellule del mieloma - presenti nei pazienti con mieloma non producono anticorpi in risposta ad una infezione ma producono delle immunoglobuline monoclonali che non possono funzionare come un anticorpo. Questa immunoglobulina tipica e unica per ciascun paziente di mieloma, può essere costituita da: due catene pesanti e due catene leggere (vedi fig. 2) o da sole Figura 2. Struttura delle immunoglobuline 8 9

6 catene leggere o da frammenti/combinazioni di immunoglobuline. Le immunoglobuline sono formate da uno di cinque tipi di catene pesanti (chiamate IgG, IgA, IgM, IgD e IgE) e da uno di due tipi di catene leggere (kappa, κ, e lambda, λ). Esistono quindi dieci possibili combinazioni di catene pesanti e leggere: IgG kappa, IgG lambda, IgA kappa, IgA lambda, IgM kappa, e così via. L elettroforesi delle proteine può rilevarle tutte. Le plasmacellule producono catene pesanti e leggere separatamente, che vengono assemblate in seguito per formare un immunoglobulina intera. Per ragioni sconosciute, le plasmacellule producono un numero di catene leggere superiore a quello di catene pesanti. Quindi, quando le immunoglobuline intere vengono formate, resta ancora qualche catena leggera. Queste vengono chiamate catene leggere libere (le catene leggere che partecipano alla formazione delle immunoglobuline intere vengono chiamate catene leggere legate perché sono legate alle catene pesanti). L eccesso di catene leggere libere entra nel flusso sanguigno e viene quindi filtrato dai reni. I reni sono capaci di riassorbire queste catene leggere libere e riciclare gli aminoacidi (i mattoni che costituiscono tutte le proteine dell organismo). Ma quando è presente una componente monoclonale nel siero, la quantità di catene leggere libere monoclonali può diventare troppo elevata per essere riassorbita dai reni. In questo caso, le catene leggere libere possono essere rinvenute nelle urine; queste vengono chiamate proteina di Bence Jones (dal medico che per primo le descrisse). Cos è l elettroforesi delle proteine? L elettroforesi delle proteine è un analisi di laboratorio basata sulla separazione delle proteine in presenza di corrente elettrica. Per effettuare questo test, si possono utilizzare un supporto solido (come un gel d agarosio) oppure dei sottili tubicini in silice, detti capillari, riempiti da un liquido. Quando un campione contenente una miscela di proteine viene applicato sul gel o in un capillare, le diverse proteine della miscela vengono separate in funzione della propria carica elettrica. Quando si vuole effettuare la ricerca di componente monoclonale, i laboratori analizzano il siero e le urine tramite l elettroforesi delle proteine, l unico test che può confermare in maniera univoca la monoclonalità. Elettroforesi delle proteine sieriche Il siero contiene diversi tipi di proteine che si separano tramite l elettroforesi in cinque o sei frazioni (in funzione del metodo utilizzato dal laboratorio). Queste frazioni (dette anche zone o regioni ) vengono chiamate Albumina, Alfa 1, Alfa 2, Beta (separabile in Beta 1 e Beta 2), e Gamma. Le immunoglobuline policlonali (normali) si trovano principalmente nella zona Gamma

7 Le diverse, normali, immunoglobuline presenti nel siero differiscono leggermente l una dall altra nella loro struttura e carica elettrica. Per questa ragione, quando vengono sottoposte all elettroforesi, occupano una zona larga, che è diffusa e simmetrica, senza alcuna deformazione visibile. Le proteine monoclonali vengono prodotte da un clone di plasmacellule e quindi tutte le molecole sono identiche e presentano la stessa carica elettrica. È per questa ragione che in elettroforesi una proteina monoclonale migrerà sotto forma di un picco stretto (che si presenta nella maggior parte dei casi in zona Gamma, ma che può migrare anche in zona Beta 2 o Beta 1, o addirittura in zona Alfa 2, benché quest ultimo caso sia molto raro). L elettroforesi delle proteine sieriche può essere utilizzata per effettuare la ricerca di una componente monoclonale e per monitorare la quantità di CM. Figura 3. Rappresentazione di un risultato anomalo di elettroforesi delle proteine sieriche, con cellule mielomatose che producono una CM, e quindi la presenza di un picco in zona Beta 2. Elettroforesi delle proteine urinarie Il rene agisce da filtro, eliminando solo poche molecole e lasciando la maggior parte delle proteine nel flusso sanguigno. Benché alcune piccole proteine passino attraverso il filtro renale, queste vengono in seguito riassorbite e riciclate in aminoacidi. Normalmente, quindi, le urine contengono solo tracce di proteine. Tuttavia, in alcune malattie, delle proteine possono comparire nelle urine. Se il rene è danneggiato, numerose proteine sieriche possono passare nelle urine, e i risultati dell elettroforesi urinaria possono avere un aspetto simile a quello dell elettroforesi delle proteine sieriche, con tutte le cinque (o sei) frazioni visibili. Quando la componente monoclonale è presente nel siero, spesso l eccesso di catene leggere libere verrà rinvenuto nelle urine come proteina di Bence Jones (sotto forma un picco stretto, generalmente in zona Gamma o Beta). L elettroforesi delle urine viene utilizzata per effettuare la ricerca di proteina di Bence Jones e per monitorarne la concentrazione. Può inoltre essere utilizzata per valutare il danno renale (che rappresenta una complicanza comune del mieloma multiplo). Immunofissazione sierica e urinaria Se viene rilevato un picco stretto in elettroforesi delle proteine, si può sospettare la presenza di una componente monoclonale

8 È quindi necessario confermarne la presenza e determinarne il tipo identificando la catena pesante e la catena leggera presenti nella sua struttura. Conoscere il tipo di CM è importante per stabilire la diagnosi e per effettuare il monitoraggio del paziente. A questo scopo verrà usato un altro metodo elettroforetico, chiamato immunofissazione (IFE, ImmunoFixation Electrophoresis). Nell IFE, vengono utilizzati dei reagenti specifici, chiamati antisieri. Ogni antisiero reagisce con un tipo specifico di catena pesante o leggera. Le componenti monoclonali reagiranno generalmente con un antisiero anti - catena pesante e un antisiero anti - catena leggera (benché in alcuni casi le plasmacellule possano produrre solamente catene leggere; in questo caso la proteina monoclonale reagirà con antisieri diretti contro le catene leggere libere). I metodi immunofissativi sono più sensibili alla presenza di deboli componenti monoclonali e possono rilevarle anche se l elettroforesi non mostra alcuna anomalia visibile. Ma l immunofissazione non permette la quantificazione della componente monoclonale. Quindi entrambi i metodi devono essere utilizzati: l elettroforesi per rilevare la presenza di componenti monoclonali e per quantificarle e l immunofissazione per identificarne il tipo. Come viene identificata e quantificata una componente monoclonale? Come nel caso di altri esami, i valori calcolati dall elettroforesi vengono quindi confrontati con i valori di riferimento del laboratorio (valori che un laboratorio ha determinato analizzando campioni di individui sani). Le frazioni elettroforetiche vengono inoltre sottoposte a ispezione visiva. Si sospetta la presenza di una proteina monoclonale quando il tracciato elettroforetico presenta un picco aggiuntivo, o quando una frazione normale presenta una deformazione anormale o è aumentata in maniera inusuale. Queste anomalie vengono generalmente rilevate nelle regioni Gamma o Beta

9 Per confermare la presenza della componente monoclonale e per identificare le sue catene pesante e leggera, il siero viene ulteriormente analizzato in immunofissazione. Una volta rilevata la presenza di una componente monoclonale, la sua quantificazione viene determinata utilizzando il tracciato elettroforetico. A questo scopo il laboratorista delimiterà l inizio e la fine del picco monoclonale sul tracciato e quantificherà la percentuale dell area totale sottostante il picco. Utilizzando questo valore e i risultati di un altro test biochimico, la concentrazione delle proteine totali, si può calcolare la concentrazione della componente monoclonale in g/dl. (Vedere l esempio a pag. 7.) Questo valore verrà utilizzato dal personale medico, insieme ad altri dati, per stabilire la diagnosi. In seguito, verrà confrontato con i valori ottenuti dagli esami elettroforetici successivi per monitorare l evoluzione della malattia e la risposta al trattamento, come raccomandato dalle linee guida dell International Myeloma Working Group. Secondo queste linee guida, quando una componente monoclonale può essere rilevata e quantificata in elettroforesi, il monitoraggio deve essere effettuato utilizzando l elettroforesi sierica e/o urinaria. Quando la componente monoclonale non è rilevabile in elettroforesi o è a concentrazioni troppo basse per essere quantificata, verrà utilizzato un altro test, il free light chain assay, per monitorare la condizione del paziente.* In che modo l elettroforesi può contribuire alle decisioni relative al trattamento? Come menzionato in precedenza, la capacità di quantificare con precisione la componente monoclonale in elettroforesi delle proteine sieriche e/o urinarie e di conoscere il livello esatto di gravità del mieloma rappresenta un enorme vantaggio. Il monitoraggio della malattia in assenza di un picco sul tracciato elettroforetico sierico o urinario può essere difficoltoso. La quantità di componente monoclonale presente sul tracciato elettroforetico riflette la gravità del mieloma. Tuttavia, è molto importante tenere presente che ogni paziente è diverso dall altro. Al momento della diagnosi, alcuni pazienti presentano, per esempio, un picco molto elevato nel siero, ma la gravità del mieloma nel midollo osseo o nelle ossa non è di pari entità. Anche l opposto può essere vero: alcuni pazienti possono presentare un picco lieve, ma un gran numero di cellule mielomatose. Quindi, al momento della diagnosi, è molto importante correlare il livello del picco con la gravità del mieloma nel singolo paziente. Ciò può essere particolarmente importante * Per ulteriori indicazioni sul monitoraggio della malattia, fare riferimento alle seguenti pubblicazioni dell IMWG, disponibili sul sito myeloma.org. IMWG Uniform Response Criteria, IMWG Guidelines for Serum Free Light Chain analysis (aggiornamento in corso), e IMWG Guidelines for the Diagnostic Work-up of Myeloma. Fare inoltre riferimento all edizione 2011/2012 della pubblicazione dell IMF Breve relazione della malattia e delle opzioni terapeutiche

10 nel caso in cui il picco sia lieve, perché piccoli cambiamenti possono essere maggiormente importanti in termini di risposta al trattamento oppure di potenziale progressione o recidiva. L elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie è utile per: 1. Valutazione basale della gravità e del tipo di mieloma. 2. Monitoraggio periodico per documentare la velocità e il livello della risposta. 3. Valutazione della potenziale progressione o recidiva della malattia. Nota: malattia progressiva (PD) = aumento 25% ** (dal livello basso). La PD può essere confermata dal verificarsi di uno dei criteri CRAB ***. Raccomandazioni pratiche per l uso dell elettroforesi delle proteine sieriche e urinarie Quando si inizia un nuovo trattamento per il mieloma, il livello di CM nel sangue (siero) e/o nelle urine dovrebbe essere quantificato ogni mese (o ad ogni ciclo di trattamento, normalmente a intervalli di 3-6 settimane) utilizzando l elettroforesi. Per valutare l impatto del trattamento è necessario ** Per confermare la progressione o la recidiva sono richieste due letture consecutive. *** Vedere ulteriori pubblicazioni dell IMF e il sito web dell IMF all indirizzo myeloma.org, oppure chiamare la hotline dell IMF al numero (Stati Uniti e Canada) per la spiegazione dei criteri CRAB e per ulteriori dettagli. effettuare gli esami periodicamente. Se il trattamento non funziona bene, questo sarà evidente entro 2-3 mesi: i livelli di CM sul tracciato elettroforetico, in questo caso, diminuiranno di <25% o aumenteranno di 25% (malattia progressiva [PD]). Sarà quindi necessario cambiare il trattamento. Si tratta di un momento cruciale per discutere i risultati e le opzioni di trattamento con il proprio medico. Se il trattamento funziona bene, nella maggior parte dei casi ci sarà un sostanziale miglioramento (riduzione) dei livelli di CM sul tracciato elettroforetico sierico/urinario entro i primi 2-3 mesi. Come notato in precedenza, il livello di risposta può essere quantificato come >50% (risposta parziale [PR]); 90% (risposta parziale molto buona [VGPR]); 100% (risposta completa [CR]). La classificazione di risposta completa (CR) richiede che la CM non sia rilevabile utilizzando l immunofissazione (IFE) e che l esame del midollo osseo non mostri alcuna evidenza di mieloma. Per raggiungere i livelli di risposta migliore (VGPR e CR) sono necessari generalmente almeno altri 2-3 mesi di trattamento (4-6 mesi in totale). Per ottenere la massima risposta, potrebbero essere necessari diversi altri mesi di trattamento. È inoltre necessario valutare opzioni aggiuntive di trattamento, come un trapianto autologo di cellule staminali (ASCT) o una terapia di consolidamento per migliorare al massimo la risposta. In seguito, si può decidere di 18 19

11 iniziare una terapia di mantenimento, discutendone con il proprio medico curante. Dopo aver raggiunto un livello stabile di risposta, la frequenza del monitoraggio può essere ridotta a ogni 2-3 mesi, in maniera continua, a meno che non emergano ulteriori problemi. Si suggerisce di discutere direttamente e prontamente i risultati dell elettroforesi sierica e urinaria con il proprio medico. L IMF offre il programma informatico gratuito Myeloma Manager che permette di creare tabelle, grafici, diagrammi di flusso dei risultati degli esami nel tempo. Ciò facilita la discussione e la pianificazione negli scambi tra medico e paziente. Il costo dell elettroforesi delle proteine è coperto dall assicurazione sanitaria? L elettroforesi proteica è un test standard comunemente accettato che viene coperto dal programma di assicurazione medica Medicare, amministrato dal governo degli Stati Uniti e dalla maggior parte delle polizze assicurative. Tuttavia, come per ogni esame, è possibile che l assicurazione rimborsi solo parte del costo (per esempio, l 80%). È importante essere consapevoli del costo a carico del paziente per ogni esame. Se questo è un problema, discuta dell urgenza e/o della frequenza necessaria dell esame con il Suo medico curante. Se il mieloma è stabile, è accettabile effettuare l esame con una frequenza inferiore. Domande aggiuntive Si suggerisce di discutere delle seguenti questioni con il proprio medico per comprendere al meglio i propri risultati elettroforetici: Quali sono i valori normali dei livelli di immunoglobuline ottenuti in elettoforesi nel laboratorio dove ho effettuato l analisi e dove si collocano i miei risultati rispetto a questo intervallo? Quale variazione nei risultati mensili dell elettroforesi sierica e/o urinaria viene considerata essere all interno dei limiti di normalità? Fino a che punto un aumento o una diminuzione vengono considerati significativi? Se non è possibile rilevare la componente monoclonale in elettroforesi, significa che ho ottenuto una risposta completa? È necessario effettuare sia l elettroforesi sierica che urinaria? I pazienti con MGUS devono effettuare il monitoraggio tramite elettroforesi sierica e urinaria? Se si, quanto spesso? 20 21

12 Notizie sull IMF Una persona può fare la differenza, Due possono fare un miracolo. Brian D. Novis Fondatore dell IMF Il mieloma è un piccolo conosciuto, complesso, e spesso diagnosticato erroneamente tumore del midollo osseo che colpisce e distrugge l osso. Il Mieloma colpisce approssimativamente persone nel mundo. Mentre al momento non vi è una cura per il mieloma, i medici stanno testando molti approcci in grado di aiutare i pazienti affetti da questa patologia a vivere meglio e più a lungo. The International Myeloma Foundation (IMF) fu fondata nel 1990 da Brian e Susie Novis dopo che a Brian fu diagnosticato il mieloma all età di 33 anni. Era il sogno di Brian che i pazienti futuri avessero un facile accesso alle informazioni mediche ed un supporto psicologico durante la loro battaglia contro il mieloma. Egli fondò l IMF allo scopo di raggiungere 3 obiettivi: trattamento, istruzione, e ricerca. Cercò di fornire un largo spettro di servizi per i pazienti, le loro famiglie, gli amici e i medici. Sebbene Brian morì 4 anni dopo il suo esordio di malattia, il suo sogno non morì. Oggi l IMF raggiunge un numero di membri internazionali maggiore a L IMF era la prima organizzazione dedicata solamente al mieloma, e oggi rimane la più grande. L IMF fornisce programmi e servizi al fine di aiutare la ricerca, le diagnosi, il trattamento, e la gestione del mieloma. L IMF si assicura che nessuno debba combattere il mieloma da solo. Noi ci preoccupiamo dei pazienti di oggi, mentre lavoriamo verso la cura di domani. Come l IMF può aiutarti? EDUCAZIONE DEL PAZIENTE OPUSCOLI INFORMATIVI I nostri opuscoli (gratuiti) forniscono informazioni dettagliate sul mieloma, le opzioni di trattamento, la gestione della malattia e servizi dell IMF. Tra essi anche la nostra Guida per il paziente molto conosciuta. ACCESSO INTERNET Sul sito myeloma.org (disponibile 24 ore su 24) potete avere accesso alle informazioni sul mieloma, l IMF, l istruzione e i programmi di supporto. IL FORUM ON-LINE SUL MIELOMA E possibile interagire con il Gruppo di Discussione Internet dell IMF collegandosi al sito myeloma.org/listserve.html per condividere esperienze e pensieri. MYELOMA MINUTE Si iscriva a questa newsletter settimanale gratuita che le verrà recapitata via mail per avere informazioni minuto per minuto sul mieloma. SEMINARI PER PAZIENTI E FAMILIARI Si incontri con i principali esperti nel trattamento del mieloma per conoscere i recenti sviluppi nella terapia e nella ricerca. MYELOMA MATRIX Questo documento, disponibile via web e in forma cartacea, è una guida dettagliata ai farmaci in sviluppo per il mieloma

13 NEWSLETTER MIELOMA TODAY Il nostro bollettino d informazione trimestrale è disponibile gratis sottoscrivendo la newsletter. SUPPORTO MIELOMA HOTLINE: CURE (2873) La linea diretta dell IMF, gratis negli Stati Uniti e in Canada è gestita da personale qualificato e specialistico in frequente interazione con i membri del nostro gruppo scientifico consultivo. GRUPPO DI SUPPORTO Una rete mondiale di oltre 100 gruppi di supporto organizza regolari incontri per i membri della comunità ed incontri annuali per i leader degli stessi gruppi. RICERCA BANK ON A CURE Questa banca del DNA fornirà dati genetici di ricerca per lo sviluppo di nuovi farmaci. INTERNATIONAL MYELOMA WORKING GROUP (IMWG) L International Myeloma Working Group dell IMF è costituito da 145 ricercatori da tutto il mondo, esperti nel mieloma, che collaborano su un grande numero di progetti di ricerca. Con l obiettivo di migliorare le opzioni di trattamento del mieloma e i sistemi per la diagnosi il loro lavoro è incentrato su protocolli utili a fornire una remissione più durevole per i pazienti, migliorandone la qualità della vita e soddisfacendo i bisogni sia dei pazienti sia dei medici che li trattano. IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI STADIAZIONE (ISS) Questo sistema aggiornato di stadiazione del mieloma migliorerà la capacità dei medici di selezionare il trattamento più appropriato per ogni paziente. DONAZIONI PER LA RICERCA Conducendo ricerche in collaborazione con tutto il mondo e ottenendo straordinari risultati, il programma di donazioni dell IMF sostiene i ricercatori lavorando su un vasto numero di progetti. L IMF ha attirato molti giovani ricercatori nel campo del mieloma, che rimangono nel settore ricercando attivamente una cura per la malattia Glossario Anticorpo: Proteina prodotta da un tipo specifico di globuli bianchi (plasmacellule) per combattere le infezioni e le malattie in forma di antigeni come batteri, virus, tossine o tumori. Ogni anticorpo può legare solo uno specifico antigene. Lo scopo di questo legame è quello di aiutare a distruggere l antigene. Gli anticorpi possono lavorare in diversi modi, in funzione della natura dell antigene. Alcuni anticorpi disabilitano gli antigeni direttamente. Altri rendono l antigene più vulnerabile alla distruzione da parte di altri globuli bianchi. Catene leggere libere: Parti delle componenti monoclonali di basso peso molecolare, che possono essere quantificate grazie a un esame sensibile, un dosaggio di catene leggere libere nel siero. Componente monoclonale (picco monoclonale): Anticorpi o parte di anticorpi rilevati in quantità abbondanti e inusuali nel sangue o nelle urine dei pazienti affetti da mieloma multiplo. Il termine picco monoclonale fa riferimento al profilo che si presenta sul tracciato elettroforetico in presenza di una componente monoclonale. Sinonimo di proteina monoclonale e di proteina mielomatosa. (Vedere sopra per monoclonale.) Elettroforesi: Esame di laboratorio in cui le molecole di siero (sangue) o urina di un paziente vengono sottoposte a separazione in funzione delle dimensioni e della carica elettrica. Per i pazienti affetti da mieloma, l elettroforesi del sangue o delle urine permette sia la quantificazione della componente monoclonale (CM) che l identificazione del picco di CM specifico, caratteristico per ogni paziente. L elettroforesi viene utilizzata sia per la diagnosi che per il monitoraggio

14 IgG, IgA: I due tipi di mieloma più comuni. La G e la A si riferiscono al tipo di proteina prodotta dalle cellule mielomatose. La proteina mielomatosa, che è un immunoglobulina, consiste di due catene pesanti, (per esempio di tipo G) combinate con due catene leggere, che possono essere di tipo kappa o lambda. Quindi i due sottotipi più comuni di mieloma presentano la stessa catena pesante (cioè IgG kappa e IgG lambda). I termini catena pesante e leggera fanno riferimento alle dimensioni o al peso molecolare della proteina, essendo le catene pesanti più grosse rispetto alle catene leggere. Poiché le catene leggere sono più piccole, possono passare più facilmente nelle urine, producendo la presenza di proteina di Bence Jones. IgD, IgE: Due tipi di mieloma che si presentano più raramente. IgM: Generalmente associata a macroglobulinemia di Waldenstrom. In rari casi può essere un tipo di mieloma. Immunofissazione: Test immunologico del siero o delle urine utilizzato per identificare le proteine nel sangue. Per i pazienti affetti da mieloma, permette al medico di identificare il tipo di CM (generalmente IgG, IgA, kappa o lambda). Si tratta della tecnica di immunocolorazione di routine più sensibile, che identifica esattamente il tipo di catena pesante e leggera. Immunoglobulina (Ig): Proteina prodotta dalle plasmacellule; parte essenziale del sistema immunitario dell organismo. Le immunoglobuline si legano alle sostanze estranee che penetrano nell organismo (antigeni come batteri, virus, funghi) e contribuiscono alla loro distruzione. Le classi di immunoglobuline sono IgA, IgG, IgM, IgD, e IgE. Marcatore tumorale: Una sostanza presente nel sangue o in altri fluidi corporei la cui presenza suggerisce che la persona sia affetta da cancro. Nel caso del mieloma, la componente monoclonale è un marcatore tumorale e rappresenta un modo indiretto per quantificare il numero e l attività delle cellule mielomatose. Monoclonale: Clone o duplicato di una singola cellula. Il mieloma si sviluppa da una singola plasmacellula maligna (monoclone). Anche il tipo di proteina mielomatosa prodotto è monoclonale; una forma singola piuttosto che diverse forme (policlonale). L aspetto pratico importante di una proteina monoclonale è che si presenta sotto forma di un picco stretto (picco monoclonale) sul tracciato elettroforetico. Plasmacellule: Globuli bianchi speciali che producono anticorpi. La plasmacellula è la cellula maligna nel mieloma. Le plasmacellule normali producono gli anticorpi per combattere le infezioni. Nel mieloma, le plasmacellule maligne producono grosse quantità di anticorpi anomali che hanno perso la capacità di combattere le infezioni. Gli anticorpi anomali sono componenti monoclonali. Le plasmacellule producono inoltre altre sostanze chimiche che possono causare danni agli organi o ai tessuti (ovvero anemia, insufficienza renale e neuropatia). Proteina di Bence Jones: Proteina monoclonale mielomatosa presente nelle urine. La quantità di proteina di Bence Jones viene espressa in termini di grammi nelle 24 ore. Normalmente nelle urine è presente una quantità molto lieve di proteine (<0,1 g/24 ore), corrispondente generalmente all albumina piuttosto che alla proteina di Bence Jones. La presenza di proteina di Bence Jones è, in tutti casi, anomala. Reagente: Sostanza chimica nota per reagire in una maniera specifica. Un reagente viene utilizzato per rilevare o sintetizzare un altra sostanza chimica tramite una reazione chimica. Recidiva: Ricomparsa di segni e sintomi di una malattia dopo un periodo di miglioramento. Remissione o risposta: Scomparsa completa o parziale dei segni e sintomi del cancro. I termini remissione e risposta vengono utilizzati in maniera intercambiabile

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli