BIPfoley Clinical Summary

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIPfoley Clinical Summary"

Transcript

1 1 BIPfoley Clinical Summary Infezioni Ospedaliere: un allarme generale. Le infezioni acquisite nelle strutture sanitarie continuano a rappresentare un problema rilevante per la Sanità Pubblica ed hanno un notevole impatto sia in termini economici, che di vite umane. Con una media di prevalenza del 6,7% su 9,5 milioni di ricoveri sono circa le infezioni ospedaliere in Italia; circa i decessi provocati; 5,6 le giornate di degenza media in più necessarie (ISS). Il 40% di tali infezioni sono correlate all uso di cateteri uretrali di cui l 80% risulta antibiotico-resistente alla maggior parte degli antibiotici disponibili (OMS). I costi stimati (Cergas-Bocconi) superano i 5 miliardi di euro. Il problema è talmente sentito che recentemente la Commissione Europea della Sanità ha inviato una Comunicazione al Parlamento Europeo ed al Consiglio della Sicurezza dei Pazienti con un particolare inciso sulla prevenzione e la lotta contro le Infezioni Nosocomiali (15 dicembre 2008). Dal 1 Ottobre 2008, MEDICARE (programma federale di assicurazione sanitaria statunitense) insieme al Governo degli Stati Uniti non è più disposta a coprire i costi aggiuntivi derivanti da infezioni ospedaliere causate al paziente. BIPfoley : la soluzione, un equilibrio perfetto. BIPfoley è un catetere uretrale completamente rivestito da una lega di metalli nobili che lo rende antimicrobico impedendo ai batteri di aderire alla superficie dello stesso. Non è medicato. Il coating è perfettamente aggregato al lattice e ne isola il contatto con il paziente e/o l operatore. Le capacità antimicrobiche del rivestimento del BIPfoley aggiunte alla morbidità del lattice e le funzioni dell hydrogel di preservare il delicato equilibrio della mucosa uretrale fanno di questa tecnologia un equilibrio perfetto già utilizzato con successo come strumento di prevenzione non selettiva nel trattamento delle Infezioni catetere correlate in Giappone negli Stati Uniti in Inghilterra e Irlanda. Le prime sperimentazioni cliniche risalgono al L equivalente BARDEX IC è stato lanciato negli Stati Uniti dopo l'approvazione FDA nel 1996 ed è in costante aumento delle vendite; ad oggi oltre 150 milioni di unità sono state vendute in tutto il mondo senza mai registrare alcun evento avverso.

2 2 BIPfoley : lavori clinici. Abbiamo raccolto un compendio di dati clinici riguardanti l'efficacia di BIPfoley su pazienti. Tutti gli elementi di prova sono riassunti in sintesi schematiche che accompagnano il presente documento: variano per dimensioni e qualità, fornendo senza alcun dubbio un chiaro quadro a sostegno dell'efficacia del prodotto. Number of Human Clinical Studies Number of patients Geography, Timeframe Average CAUTI Reduction (RRR) 10 Prospective Randomized 29, Cohort >50,000 4 countries, 14 years 2 countries, 8 years 40% 50% Recentemente, la Cochrane 2009 ha pubblicato una revisione incrociando tutti i dati esistenti per determinare l'effetto antimicrobico del BIPfoley ed ha concluso quanto segue: i cateteri uretrali rivestiti dalla lega di metalli nobili e hydrogel riducono sensibilmente l incidenza di batteriuria asintomatica (46% nei pazienti adulti cateterizzati a meno di una settimana; oltre una settimana 36%). (Brosnahan J et al: Types of urethral catheters for management of short-term voiding problems in hospitalised adults - Cochrane Library 2009). Una Review italiana pubblicata su Le Infezioni in Medicina, n. 3, , 2008 (Le infezioni urinarie associate a catetere: epidemiologia e prevenzione. Silvano Esposito, Silvana Noviello. Dipartimento di Malattie Infettive - Seconda Università degli Studi di Napoli) conclude quanto segue: I cateteri urinari, utilizzati dal 15-25% dei pazienti nel corso di un ospedalizzazione a breve termine, conferiscono a tali pazienti una predisposizione alla batteriuria (31, 81, 82). Le infezioni delle vie urinarie (IVU) associate a cateterizzazione rappresentano il più frequente tipo di infezione nosocomiale, costituendo all incirca il 40% di tali infezioni e il maggior numero dei casi di batteriuria nosocomiale che si verificano ogni anno negli Stati Uniti (82). Le conseguenze consistono in una morbilità sistemica, in una batteriemia secondaria, in mortalità, in un reservoir di microrganismi antibiotico-resistenti, e in un aumento dei costi sanitari (31, 81-83). L effetto della batteriuria associata a catetere sulla mortalità non è ben definito. Studi condotti da autori diversi hanno, di volta in volta, segnalato cifre diverse (84). Le stime dei costi e della durata dell ospedalizzazione correlati alla batteriuria associata a catetere variano grandemente (85). Solo una piccola quota di tali episodi di batteriuria giunge all attenzione del medico, e la maggior parte di essi viene sottoposta a trattamento pur in assenza di sintomi nonostante l evidenza scientifica finora accumulata suggerisca che gli episodi non trattati non incidono né sui costi né sulla durata della degenza (85, 86). In considerazione di tutto ciò, ogni strategia di prevenzione in grado di ridurre l incidenza delle infezioni associate alla cateterizzazione urinaria e delle sue conseguenze, quale la razionalizzazione della durata e delle modalità di cateterizzazione, nonché l impiego di cateteri innovativi quali quelli rivestiti in lega di metalli nobili/idrogel (Bactiguard, equivalente nel mercato europeo di Bardex IC), deve essere incentivata.

3 3 BIPfoley : costo-beneficio. Plowman ha sviluppato un modello economico dei costi annuali e dei benefici connessi con l'uso abituale dell equivalente del BIPfoley in collaborazione con gli ospedali Inglesi ed il Ministero della Salute Britannico (NHS). Tale studio dimostra che sarebbe sufficiente che BIPfoley riesca a ridurre l infezione catetere correlata di un solo 14 6% nei pazienti ricoverati nei reparti di degenza ordinaria e dell 11 6% nei reparti di degenza post-chirurgica affinchè BIPfoley abbia anche una convenienza economica. (Plowman R, Graves N, Esquivel J and Roberts JA : An economic model to assess the cost and benefits of the routine use of silver alloy coated urinary catheters to reduce the risk of urinary tract infections in catheterised patients Journal of Hospital Infection; 48: 33-42). Combinando tale dato con quello estrapolato dalla Cochrane (riduzione dal 46% al 36% delle batteriurie asintomatiche catetere correlate) possiamo senza dubbio alcuno concludere che grazie alla tecnologia Bactiguard applicata al catetere uretrale di Foley (BIPfoley) si ottiene una sostanziale riduzione delle infezioni contratte in ambienti sanitari, una notevole riduzione dei costi e un contributo efficace nel salvare molte vite umane. BIPfoley: effetto prolungato nel tempo. A differenza dei rivestimenti antimicrobici tradizionali utilizzati sui cateteri Foley in latex, il rivestimento Bactiguard non rilascia alcuna sostanza tossica o antimicrobica. Per questo motivo i test in vitro che si basano sul rilascio di sostanze antimicrobiche non riescono a prevedere l ottimo risultato clinico del rivestimento Bactiguard, mentre invece le proprietà antimicrobiche di tale rivestimento derivano dal fatto che esso disturba l aderenza e la colonizzazione dei batteri sulla superficie, e dunque previene la formazione di biofilm sulla superficie del catetere, con conseguente riduzione dei tassi di infezione tra i pazienti. Inoltre il rivestimento permanente non va incontro a deterioramento in vivo, ciò significa che la protezione da un eventuale infezione è garantita durante tutto il periodo di cateterizzazione (30 giorni), e dunque il rivestimento è intatto anche dopo l uso. Ciò non accade con le tecnologie di rivestimento in concorrenza in cui il rivestimento deperisce dopo un certo periodo, lasciando sguarnita la superficie del catetere. Modelli di batteri avanzati dimostrano che il contatto primario con i batteri si riduce in misura significativa e che quei pochi batteri che aderiscono non riescono a produrre colonie e biofilm [G.Pierce et al., dati in archivio]. Questo effetto può ritenersi prolungato durante tutto il periodo di cateterizzazione. Metodi di sperimentazione in vitro tradizionali e meno sensibili non dicono molto sul primo contatto dei batteri, indicando soltanto quanti organismi vengono eliminati. Molti concorrenti si basano sul rilascio di sostanze antimicrobiche e di solito possono vantare risultati molto soddisfacenti nei modelli in vitro tradizionali sopra descritti. Tuttavia nessuno oltre a Bactiguard è riuscito ad ottenere risultati clinici soddisfacenti sui cateteri Foley antimicrobici e ciò conferma l unicità del rivestimento Bactiguard, ma dimostra anche che sono necessari modelli in vitro più sofisticati per poter predire i risultati clinici in modo più efficace. BIPfoley: biocompatibilità e rischio di allergia al lattice. La diminuzione clinicamente provata di infezioni ospedaliere con cateteri Foley rivestiti con tecnologia Bactiguard non deriva solo dalla prevenzione della formazione di colonie, altrettanto rilevante è infatti l ottimo grado di biocompatibilità del rivestimento.

4 4 I metalli nobili che compongono lo strato di rivestimento infinitamente sottile sopprimono attivamente la risposta infiammatoria. Questo è un fattore importante, in quanto un elevata risposta infiammatoria aumenta il rischio di infezione. L allergia ai prodotti in lattice di gomma naturale è un importante condizione clinica di cui è necessario tener conto. Ad ogni modo, dato che il BIPfoley ha un rivestimento che ricopre la superficie in lattice, il rischio di allergia non sussiste. A conferma di quanto detto, negli ultimi 15 anni sono stati utilizzati in clinica più di 150 milioni di BIPfoley in lattice rivestiti con tecnologia Bactiguard. La prevalenza di allergia al lattice è di circa l 1-2 %, e ciò significa che se BIPfoley fosse associato ad allergia dovrebbero essere stati riscontrati e riferiti almeno casi di allergia al lattice. Ad oggi non è stato riscontrato alcun caso di allergia al lattice, e ciò dimostra le qualità protettive del rivestimento. I risultati attuali ci dicono che non vi è alcuna differenza tra il lattice rivestito con tecnologia Bactiguard e il silicone in termini di rischio allergico. BIPfoley: compatibilità con trattamenti citostatici. Il paclitaxel è un farmaco chemioterapico utilizzato nel trattamento di alcuni tipi di tumori al seno, alle ovaie, ai polmoni e del sarcoma di Kaposi. La somministrazione insieme al PVC riduce la possibilità di esposizione al di-2-etilesilftalato (DEHP) che si trova nelle sacche per infusione, negli aggregati da infusione e in altre eventuali apparecchiature mediche. Per questo si raccomanda di non esporre il paclitaxel insieme al PVC. Esistono alcuni agenti chemioterapeutici che vengono somministrati direttamente nella vescica tramite un catetere Foley. Non ci sono restrizioni sul tipo di catetere da usare per questa categoria di pazienti. BIPfoley: confronto con i sistemi a circuito chiuso ed efficacia. BIPfoley è perfettamente compatibile con l uso di qualsiasi sistema chiuso standard. Secondo le linee guida generali per l assistenza all uso di cateteri a permanenza, esistono diversi fattori, oltre ai sistemi a circuito chiuso, per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie. Tali fattori comprendono operazioni quali lavarsi le mani, usare materiale di protezione personale, istruire i pazienti e gli assistenti, pulire il catetere, il meato uretrale, cambiare o svuotare i sistemi di drenaggio, la manipolazione, il materiale e le dimensioni del catetere, l agente lubrificante ecc. ecc. Le analisi cliniche che confrontano i BIPfoley con altri cateteri antisettici, antibiotici o standard dimostrano di fatto che BIPfoley è al primo posto nella prevenzione delle infezioni delle vie urinarie correlate all uso del catetere. La già citata indagine (Cochrane2009) ha sintetizzato che la riduzione media del rischio di infezione delle vie urinarie correlata all uso di BIPfoley è del 46% nella prima settimana di cateterizzazione e del 36% oltre la seconda. BIPfoley : conclusioni Euromed Srl (PETRONE GROUP) sulla base dell esperienza clinica maturata e i consensi ottenuti dall equivalente prodotto denominato BARDEX IC, ritiene che BIPfoley contribuisca ad una sostanziale riduzione delle infezioni contratte in ambienti sanitari, possa apportare una notevole riduzione dei costi e un contributo efficace nel salvare molte vite umane.

5 5 Bibliografia 1 Collins M, Nurse B, Bonczek R & Wurzel R (1999); Evaluation of genitourinary (GU) practice standards and silvercoated catheter effect on urinary tract infection in a chronic care population. Presented at Association for Professionals in Infection Control and Epidemiology (APIC) Karchmer T, Giannetta E, Muto C, Strain B & Farr, B (2000); A randomized crossover study of silver-coated urinary catheters in hospitalised patients. Archives of Internal Medicine; 160; Nov , Lettau LA & Blackhurst DW, (1998); Silver Hydrogel-Coated Urinary Catheters for the Prevention of Nosocomial Urinary Tract Infection (NUTI): A Collaborative Study in 9 Community Hospitals. Presented at Infection Disease Society of America (IDSA), November 1998, Denver, CO 4** Liedberg H & Lundeberg T (1990) Silver alloy coated catheters reduce catheter-associated bacteriuria: British Journal of Urology; 65; ** Leidberg H, Lundeberg T & Ekman P (1990); Refinements in the coating of urethral catheters reduces the incidence of catheter-associated bacteriuria. An experimental and clinical study. European Urology: 17; Maki D & Tambyah P (2001); Engineering Out the Risk of Infection with Urinary Catheters Emerging Infectious Diseases, 7,2, March-April 7 Nauser T, Gilliland M, Williams T and Simpson SQ (2001); Use of a Silver Impregnated Urinary Bladder Catheter Significantly Reduces the Incidence of Nosocomial UTI and Its Associated Costs Poster at American Society of Chest and Critical Care Medicine 8 Newton T, Still JM, Law E (2002); A comparison of the Effect of Early Insertion of Standard Latex and Silver- Impregnated Late Foley Catheters on Urinary Tract Infections in Burn Patients Infection Control and Hospital Epidemiology; April 2002; 23,4: Saint S, Veenstra D, Sullivan S, Chenoweth C & Fendrick M (2000); The potential clinical and economic benefits of silver alloy urinary catheters in preventing urinary tract infection; Archives of Internal Medicine 2000;160: Mueller Westadt S, Kocanda B, Novak C Reducing catheter associated urinary tract infections in chronically catheterised patients (abstract) Presented at APIC, White E, Jones D Does the silver/hydrogel-coated foley catheter really make a difference? (Abstract) Presented at APIC, Lai KK & Fontecchio S (2002) Use of silver-hydrogel urinary catheters on the incidence of catheter-associated urinary tract infections in hospitalised patients. American Journal of Infection Control, 2002; 30: Verleyen P, DeRidder D, Van Poppel H and Baert L (1999) Clinical Application of the Bardex IC Foley Catheter European Urology 1999; 36: Hernandez J (1999). Long term efficacy of silver hydrogel-coated urinary catheters on patient care outcome and cost in a community hospital (abstract) Presented at APIC, Thomas L, Valainis G & Johnson J (2002). A multi-site, cohort-matched trial of an anti-infective urinary catheter Presented at the Society for Healthcare Epidemiology of America (Shea), 12 th Annual Scientific Meeting 16 Adams A, Currie BP, Mullaney K (2002). Reduction of nosocomial urinary tract infections with the Bardex IC Foley system (abstract). Presented at SHEA, 2002 and at APIC, Helget V, Fitzgerald T, Marion N, Fey P, Rupp M. Effect of a silver-alloy coated urinary catheter: efficacy and cost effectiveness (abstract). Presented at the SHEA, 2002

6 6 18 Fauerbach LL, Miller B Kelly RE, Gross MA, Ruse CW, Janelle JW. Advancement in patient safety: Combining technology improvements for foley catheters And improved adherence to practice standards (abstract). Presented at APIC, Peninger M, Rex JH, Tidemann T et al. (2001). Cost-benefit of a silver alloy, hydrogel-coated latex urinary catheter in a large healthcare system (abstract) Presented at APIC, Nelson R, Sanders C, Fallon C (2001). Reduction of nosocomial catheter associated urinary tract infection utilizing the Bardex IC silver hydrogel coated Catheter (abstract). Presented at Society of Critical Care Medicine, Allen G, Augenbraun M, Sheard T (2001). Impact of a silver coated urinary catheter in urinary tract infection in patients at a university hospital intensive Care units (abstract). Presented at SHEA, Baker, Breaux, Threlkeld (2000). Deciding to use a silver-coated urinary catheter (abstract). Presented at APIC, Newton T, Bradford L (1999). Effect of introducing a hydrogel and silver coated indwelling catheter on the house-wide nosocomial urinary tract infection rate (abstract). Presented at APIC, Garcia R, (1999). Determining a cost-effective break point in the use of solver-coated urinary catheters (abstract). Presented at APIC Tu LM, Polanski MA, Fraimow HD et al. (1998). Hydrogel/silver ion coated urinary catheter reduces the nosocomial urinary infection rates in intensive care units (abstract). Presented at American Urological Association (AUA), Borazjani R & Ahearn D (1998). Reduced in vitro adherence to biomaterials of vancomycin-resistant versus vancomycin-sensitive enterococci (abstract). Presented at SHEA, Ramirez F Dobin A, Britten E, Wadman S (1998). A silver opportunity for reducing nosocomial urinary tract infections (abstract).presented SHEA Maki DG, Knasinski V, Halvorson K & Tambyah PA (1998). A novel silver-hydrogel-impregnated indwelling urinary catheter reduces CAUTIs: a prospective Double-blind trial (Abstract). Infection Control and Hospital Epidemiology, September 1998, 682. Presented at SHEA, Pierce S (1998). Successful use of a multi disciplinary performance improvement team to lower nosocomial infections (abstract). Presented at APIC, Poduska P (1998). Reduction of nosocomial, urinary tract infections with the use of the Bardex IC catheter system. Presented APIC, Barron D, Donegan J Porter D (1998). Utilising risk avoidance predictive model to improve patient outcomes with urinary catheters in a health maintenance organisation (abstract). Presented at APIC, Lucente K, Rossi C,Longo F, Fraimow H (1997). Effect of use of silver/hydrogel coated urinary catheter on nosocomial urinary tract infection rates in intensive care units at a tertiary care hospital (abstract). Presented at Infection Disease Society of America (IDSA), Carlton L (1996). Impact of the use of silver-coated foley catheters on catheter associated nosocomial urinary tract infections in a 68-bed acute care hospital (abstract). Presented at APIC, Lee J, Hernandez J (1996). Silver/hydrogel-coated foley catheter used to reduce incidence of nosocomial urinary tract infections (abstract). Presented at APIC, Liedberg H & Lundeberg T (1993). Prospective study of incidence of urinary tract infection (UTI) in patients catheterised with Bard hydrogel and silver-coated catheters or Bard hydrogel-coated catheters (abstract). Presented at American Urological Association (AUA), 1993

7 7 36 Plowman R, Graves N, Esquivel J and Roberts JA (2001); An economic model to assess the cost and benefits of the routine use of silver alloy coated urinary catheters to reduce the risk of urinary tract infections in catheterised patients. Journal of Hospital Infection; 48: ** Saint S, Elmore J, Sullivan S et al. (1998); The efficacy of silver alloy-coated urinary catheters in preventing urinary tract infection: a meta-analysis; The American Journal of Medicine; 105; ** & *** Saint S, Lipsky B (1999); Preventing catheter-related bacteriuria. Should we? Can we? How? Archives of Internal Medicine, 159, April 26, Brosnahan J, Jull A, Tracy C. Types of urethral catheters for management of short-term voiding problems in hospitalised adults (Cochrane Review). In: The Cochrane Library, Issue 1, Chichester, UK: John Wiley & Sons, Ltd. Abbreviations: Cath d = catheterised ICU = intensive care unit S = surgery CAUTI = catheter-associated urinary tract infection RR = relative risk U = urology ** Cited in epic guidelines (2001): Pratt RA, Pellowe CM, Loveday HP et al. (2001) The epic Project: Developing National Evidence-based Guidelines for Preventing Healthcare associated Infections. Guidelines for preventing infections associated with the insertion and maintenance of short-term indwelling urethral catheters in acute care. Journal of Hospital Infection, 2001, 47: Suppl. A; pages S39-46 *** Cited in Prevention of healthcare-associated infection in primary and community care (2003): Pellowe CM, Pratt RJ, Harper P et al. (2003). Section 3: Guidelines for preventing healthcare-associated infections during long-term urinary catheterisation in primary and community care. British Journal of Hospital Infection, 2003, 55: Suppl 2, p. S65-S87 ALLEGATI: Types of urethral catheters for management of short-term voiding problems in hospitalised adults (Review) 1: Copyright 2009 The Cochrane Collaboration. Published by JohnWiley & Sons, Ltd An economic model to assess the cost and benefits of the routine use of silver alloy coated urinary catheters to reduce the risk of urinary tract infections in catheterized patients (R. Plowman*, N. Graves*, J. Esquivel and J.A. Roberts*) Le Infezioni in Medicina, n. 3, , 2008 (Le infezioni urinarie associate a catetere: epidemiologia e prevenzione. Silvano Esposito, Silvana Noviello. Dipartimento di Malattie Infettive - Seconda Università degli Studi di Napoli)

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK Un modello economico per valutare il costo beneficio dell uso di routine di cateteri urinari rivestiti di metalli nobili per ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario in pazienti cateterizzati

Dettagli

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009,

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009, La sottoscritta OLIVERIO FRANCESCA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009, dichiara che negli ultimi due anni NON

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prelievo di urine per urinocoltura OBIETTIVO Ottenere un campione

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE E UNA COSA SERIA?

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE E UNA COSA SERIA? IPASVI LA SPEZIA propone molto volentieri l appello alla professione che i colleghi Bon e Urbani ci hanno consegnato, unitamente ad altri Collegi e Associazioni professionali, al fine di far circolare

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali INTERVENTI MULTIMODALI PER L IGIENE DELLE MANI DESCRIZIONE DELLA BUONA PRATICA E INFORMAZIONI UTILI ALL IMPLEMENTAZIONE Obiettivo buona pratica della Ideatore della buona pratica Descrizione della buona

Dettagli

La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria?

La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria? La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria? Luciano Urbani, infermiere Introduzione La letteratura riportante le evidenze scientifiche sulla

Dettagli

Riabilitazione della funzionalità vescicale. Paziente mieloleso

Riabilitazione della funzionalità vescicale. Paziente mieloleso Centro Studi EBP Ausl Cesena Riabilitazione della funzionalità vescicale nel paziente mieloleso Giorgia Ciani Infermiera, U.O. Neurochirurgia, tel 0547/352906 nchcs@ausl-cesena.emr.it Barbara Gori Coordinatore

Dettagli

Le infezioni delle vie urinarie (IVU) rappresentano,

Le infezioni delle vie urinarie (IVU) rappresentano, Le Infezioni in Medicina, n. 3, 130-143, Rassegna Review Le infezioni urinarie associate a catetere: epidemiologia e prevenzione Catheter-associated urinary tract infections: epidemiology and prevention

Dettagli

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Giuliano Bon redazione Coordinatore infermieristico U.O. di Urologia, Ospedale di Gorizia emissione Novembre

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Luigi Boggio Presidente AssoBiomedicali Roma, 16 aprile 2015 LE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

EVIDENCE REPORT. L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l incidenza di infezione del sito chirurgico?

EVIDENCE REPORT. L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l incidenza di infezione del sito chirurgico? Direzione Infermieristica e Tecnica Direzione Infermieristica e Tecnica Area Governo Assistenziale Risk Management EVIDENCE REPORT L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria ALLEGATO 3 CDC (Centers for Disease Control and Prevention) Guideline for hand hygiene in health care settings in MMWR (Morbidity and Mortality Weekly Report Ottobre 25, 2002 / Vol. 51 / no RR-16) Linee-guida

Dettagli

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP)

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) LA CAVITÀ ORALE Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) La cavità orale è una fonte comprovata della polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP). 1,2 I batteri

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200.

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200. 18 settembre 2015 Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant Matteo Un confronto IMPARI Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni Homo sapiens: < 200.000 anni Antibiotici: 85 anni Chi siamo noi?

Dettagli

IGIENE DELLE MANI: UNA CORNICE TEORICA Angela Corbella

IGIENE DELLE MANI: UNA CORNICE TEORICA Angela Corbella IGIENE DELLE MANI: UNA CORNICE TEORICA Angela Corbella 1. Il problema delle infezioni associate all assistenza sanitaria Nel panorama dei potenziali rischi per la sicurezza del paziente attribuibili all

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

Innovazione e ingegno

Innovazione e ingegno 10 Congresso Nazionale SEGI 26 Maggio 2015 Video Meeting SICHIG ISTERECTOMIA OGGI Innovazione e ingegno TECNICHE A CONFRONTO L. Frigerio Roma - Università Cattolica del Sacro Cuore Isterectomia Eseguita

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI

Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI Evidenze Scientifiche e Applicazioni Pratiche nella Regione Veneto Vicenza, 27 febbraio 2009 U.O. Malattie Infettive e Tropicali. Azienda ULSS 6 VICENZA Obiettivo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BANDUCCI RICCARDO QUALIFICHE PROFESSIONALI Medico Chirurgo. Iscritto all Albo dei Medici Chirurghi della

Dettagli

Catetere vescicale. Aggiornato al 20 settembre 2014

Catetere vescicale. Aggiornato al 20 settembre 2014 Aggiornato al 20 settembre 2014 Che cosa si intende per cateterismo vescicale?...2 Quali sono le caratteristiche del catetere?...4 Qual è la procedura per l inserimento del catetere?...7 Come va gestito

Dettagli

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence X-S. Wang, M. E. G. Armstrong, B. J. Cairns, T. J. Key and R. C. Travis Cancer Epidemiology Unit, University of Oxford, Oxford, UK. Occupational

Dettagli

Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate a cateterismo vescicale. Revisione e sintesi di linee guida

Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate a cateterismo vescicale. Revisione e sintesi di linee guida Raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate a cateterismo vescicale. Revisione e sintesi di linee guida Giuseppe Lazzari infermiere, Corso di laurea in infermieristica,

Dettagli

OAB può derivare da una condizione neurologica oppure possono non esserci cause note

OAB può derivare da una condizione neurologica oppure possono non esserci cause note Il caso della tossina botulinica nell incontinenza urinaria: introduzione alla tecnologia sanitaria Prof. Mauro Cervigni Dip. Tutela e salute della donna e della vita nascente Policlinico Genmelli Un.

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Chapter 9. Reducing Unnecessary Urinary Catheter Use and Other Strategies To Prevent Catheter-Associated Urinary Tract Infections: Brief Update Review

Chapter 9. Reducing Unnecessary Urinary Catheter Use and Other Strategies To Prevent Catheter-Associated Urinary Tract Infections: Brief Update Review MARZO 2013 Chapter 9. Reducing Unnecessary Urinary Catheter Use and Other Strategies To Prevent Catheter-Associated Urinary Tract Infections: Brief Update Review Jennifer Meddings M.D., M.Sc., Sarah L.

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO Rappresentano 40% di tutte le ICA Associate a procedure invasive: 75-80% IVU a catetere vescicale 5-10% manipolazioni

Dettagli

Simposio FAPP Torino Novembre 2007

Simposio FAPP Torino Novembre 2007 L Errore Medico. Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo Sabato 7 Novembre 7 Fondazione Arturo Pinna Pintor - Torino Campagne per la sicurezza del paziente e costruzione di un

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO MACROPLASTIQUE

SCHEDA PRODOTTO MACROPLASTIQUE NOME COMMERCIALE NOME GENERICO PRODUTTORE SCHEDA MACROPLASTIQUE Agente volumizzante iniettabile Sunmedical FORNITORE Sunmedical INDICAZIONE D USO Macroplastique è indicato per il trattamento dell incontinenza

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

6 Seminario. Infezioni delle vie urinarie. Introduzione FABIO MASCELLA

6 Seminario. Infezioni delle vie urinarie. Introduzione FABIO MASCELLA 6 Seminario Infezioni delle vie urinarie FABIO MASCELLA Introduzione Le infezioni delle vie urinarie rappresentano una delle più comuni cause di morbilità nella popolazione generale, soprattutto nel sesso

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Struttura Organizzativa

Struttura Organizzativa Capitolo 2 Struttura Organizzativa Ossama Rasslan Elementi chiave La prevenzione del rischio per i pazienti ed il personale riguarda ciascuno all interno della struttura, e deve essere sostenuta anche

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Epidemiologia delle ICA. Margherita Vizio

Epidemiologia delle ICA. Margherita Vizio Epidemiologia delle ICA Margherita Vizio Sir James Simpson (1867) L uomo posto sul tavolo operatorio in un nostro reparto di chirurgia è esposto a più rischi di morte del soldato inglese sul campo

Dettagli

Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review

Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review MARZO 2013 http://www.ahrq.gov/research/findings/evidence-based-reports/ptsafetyuptp.html Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review Elizabeth Pfoh, M.P.H.; Sydney

Dettagli

RE I-MUR. Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati. Andrea Manfrin & Janet Krska. a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac.

RE I-MUR. Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati. Andrea Manfrin & Janet Krska. a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac. RE I-MUR Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati Andrea Manfrin & Janet Krska a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac.uk Medway School of Pharmacy Pharmacy Practice Research Group

Dettagli

192 Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI

192 Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica 192 RELAZIONI Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI Lanzafame P, Gaino M, Ober P, Predazzer R U.O. Microbiologia

Dettagli

Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia

Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia Le buone pratiche: Sicurezza in sala operatoria esperienze regionali a confronto Matera, Auditorium Madonna delle Grazie, 12 maggio 2012 Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia Prof. A. Dell Erba,

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile VII Congresso Regionale A.N.I.M.O. Napoli 10 Aprile 2014 Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile Relatore Dott.ssa Marilù CIRILLO CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CD) Batterio Gram Positivo

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

Gli interventi di prevenzione efficaci

Gli interventi di prevenzione efficaci Gli interventi di prevenzione efficaci Nadia Olimpi * Osservatorio di Epidemiologia - Agenzia Regionale di Sanità Toscana Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 Novembre

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie

I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Capitolo 28 I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Candace Friedman Elementi chiave Le infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie (IOS)

Dettagli

Alleanza Sanità e Comunità per la prevenzione delle cadute nell anziano

Alleanza Sanità e Comunità per la prevenzione delle cadute nell anziano Congresso CARD Triveneto Udine 30 Ottobre 2015 Alleanza Sanità e Comunità per la prevenzione delle cadute nell anziano Cinzia Vivori Dipartimento di Prevenzione -UO Igiene Sanità Pubblica Centro Sud ambito

Dettagli

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali CAPITOLO VI Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali L e quattro infezioni nosocomiali di più frequente riscontro sono quelle del tratto urinario, le infezioni della ferita chirurgica,

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Le infezioni post operatorie nel paziente chirurgico Vicenza, 27 febbraio 2009 Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Giuseppe Murolo, MD Ministero del Lavoro, della Salute e delle

Dettagli

Screening per il tumore della prostata

Screening per il tumore della prostata Screening per il tumore della prostata Screening Un programma di screening oncologico ha per obiettivo diminuire la mortalità e/o l incidenza di una neoplasia attraverso l identificazione di tumori non

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Liberare risorse per una migliore cura del paziente

Liberare risorse per una migliore cura del paziente Liberare risorse per una migliore cura del paziente Deborah Simon Tissue Viability Specialist Nurse 5 Boroughs Partnership NHS Foundation Trust, Huyton, Knowsley, UK Le sfide attuali L obiettivo è risparmiare

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

SERVIZIO EUROPEAN ARROW SELECT KITS (EASK)

SERVIZIO EUROPEAN ARROW SELECT KITS (EASK) SERVIZIO EUROPEAN ARROW SELECT KITS (EASK) Un approccio integrato basato sulle evidenze per outcome clinici migliori UN GRANDE PASSO IN AVANTI VERSO L EFFICIENZA CLINICA E LA SICUREZZA DEL PAZIENTE PRINCIPALI

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero?

L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero? L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero? Lambertini Infermiere Andrea Tiarri e Terapista della Riabilitazione

Dettagli

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda Linee guida REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda GRUPPO DI LAVORO PER LA SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Oggetto: orientamenti in tema di controllo microbiologico

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Dott, Fortunato Paolo D Ancona Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

Articoli trovati. Banche. Articoli scelti Medline 57 20 Cinahl 35 5 Cochrane Library

Articoli trovati. Banche. Articoli scelti Medline 57 20 Cinahl 35 5 Cochrane Library CONTRIBUTI SCIENTIFICI DI AGGIORNAMENTO Quale presidio tra il catetere vescicale ed il catetere esterno è più efficace per ridurre le infezioni delle vie urinarie, i costi ed i disagi in un paziente di

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

Neutron. Dispositivo di pervietà per catetere senza ago

Neutron. Dispositivo di pervietà per catetere senza ago Un rilevante progresso tecnologico che riduce i casi di reflusso nel catetere favorendone la pervietà mentre riduce il rischio di contaminazione batterica. Neutron Dispositivo di pervietà per catetere

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Infezioni delle vie urinarie associate a catetere vescicale

Infezioni delle vie urinarie associate a catetere vescicale 86 Anna Brugnolli, 1 Erika Milanesio, 2 Elisa Ambrosi, 3 1Corso di Laurea per Infermieri, Trento, Università di Verona 2Corso di laurea per Infermieri, Ivrea, Università di Torino 3Università di Verona

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

"Laboratorio didattico per l Educazione Terapeutica".

Laboratorio didattico per l Educazione Terapeutica. ALLEGATO "Laboratorio didattico per l Educazione Terapeutica". a cura di Luigi Cirio e Marina Trento PROGETTO FORMATIVO GENERALE L importanza dell educazione terapeutica La salute è un fenomeno dinamico

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL AUTORI Baratta S, Batistini R, Forni S, Francone C,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Proposta di un modello di risk analysis per la valutazione ed il controllo del rischio di infezioni nosocomiali nelle unità di

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA INDICE PREMESSA PAG. 2 SICUREZZA PAG. 3 COSTI PAG. 4 IMPATTO AMBIENTALE PAG. 5 CONCLUSIONI PAG. 5 BIBLIOGRAFIA PAG. 6

Dettagli

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale Dr. Giuseppe Ruoppo Urologia ASMN RE Reggio Emilia 15/10/2014 ARGOMENTI PARTE I Epidemiologia e Screening Diagnosi e stadiazione

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO Perché e quando sospettare una ADR e come fare diagnosi Trattazione pratica basata su un caso clinico Aurelio

Dettagli