SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014"

Transcript

1 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

2 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia il modo di gestire i rifiuti. Le imprese passeranno da un sistema cartaceo (registro di carico e scarico dei rifiuti, formulario di identificazione e MUD) a soluzioni tecnologiche che controllano in tempo reale il processo della gestione di tutta la filiera dei rifiuti (dal produttore, all intermediario, al trasportatore, al recuperatore o smaltitore). Il controllo del sistema è affidato ai Carabinieri 2

3 Come funziona SISTRI??? Il nuovo sistema funziona attraverso : DISPOSITIVI USB ( chiavette, token ) per ogni unità locale obbligata agli adempimenti di registrazione, ecc DISPOSITIVI GPS denominati BLACK BOX ( scatola nera ) montati sui veicoli destinati al trasporto rifiuti 3

4 Chi deve utilizzare SISTRI? Chi deve iscriversi a SISTRI? IN SINTESI : PRIMA RIFIUTI NON PERICOLOSI RIFIUTI PERICOLOSI OGGI RIFIUTI PERICOLOSI art. 11 del D.L. 101/2013, convertito in Legge 125 del

5 ATTENZIONE! nel caso di produzione accidentale di rifiuti pericolosi il produttore è tenuto a procedere alla richiesta di adesione a SISTRI entro 3gg lavorativi dall accertamento della pericolosità dei rifiuti si ritiene plausibile che la norma volesse intendere riferirsi alla «produzione occasionale» di rifiuti pericolosi art. 188-ter D.Lgs. 152/06 e successive modifiche 5

6 Piena operatività di SISTRI differenziata in 2 steps art. 188-ter comma 1 del D.Lgs. 152/06 modificato da ultimo dall art 11 del D.L.101/2013, poi convertito in legge 125 del

7 OPERATIVITA dal 1 Ottobre 2013: imprese ed enti che svolgono operazioni di recupero, di trattamento o di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi ( compresi i c.d. «nuovi produttori» ) commercianti e intermediari di rifiuti imprese ed enti che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale dal 3 Marzo 2014: imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi art. 11 commi 2 e 3 del D.L. 101/2013, convertito in legge 125 del

8 DETTAGLI PER OPERATIVITA DAL 1 OTTOBRE 2013 Il trasporto «a titolo professionale» comprende anche alcuni particolari operatori del trasporto intermodale e i vettori esteri Il trasporto «a titolo professionale» non comprende gli operatori che trasportano i rifiuti pericolosi da essi stessi prodotti ( art. 212 comma 8 D.Lgs. 152/06 ) Per le attività di trasporto e gestione esclusivamente di rifiuti urbani pericolosi è prevista una sperimentazione dal 30 giugno 2014 che sarà regolata da un apposito decreto Ministeriale 8

9 DETTAGLI PER OPERATIVITA DAL 3 MARZO 2014 Sono «produttori iniziali» anche i soggetti che trasportano i rifiuti pericolosi da essi stessi prodotti ( art. 212 comma 8 D.Lgs. 152/06 ) Sono «produttori iniziali» anche coloro i quali effettuano in loco attività di stoccaggio D15 o recupero R13 sui rifiuti da essi stessi prodotti 9

10 Il Produttore di Rifiuti (1) per rifiuti pericolosi in SISTRI dal 3 MARZO 2014 per rifiuti pericolosi in SISTRI dal 1 OTTOBRE

11 Il Produttore di Rifiuti (2) PRODUTTORE INIZIALE il soggetto la cui attività produce rifiuti speciali pericolosi NUOVO PRODUTTORE 1. chiunque effettui su rifiuti pericolosi operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che modifichino la natura o la composizione dei rifiuti 2. chiunque effettui su rifiuti non pericolosi operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni ( ), ottenendo rifiuti pericolosi art. 183 comma 1 lettera f) del D.Lgs. 152/06 modificato da ultimo dall art.11 comma del D.L.101/2013, convertito in legge 125 /2013

12 Il «Nuovo Produttore» può essere anche «Produttore iniziale» di Rifiuti??? SI Per i rifiuti pericolosi originati dalle operazioni di trattamento rifiuti, il soggetto è obbligato a SISTRI dal 1 OTTOBRE 2013 perché «nuovo produttore» Per i rifiuti pericolosi originati da attività che configurano il soggetto come «produttore iniziale», l obbligo di utilizzare SISTRI decorre dal 3 Marzo 2014 (come per gli altri Produttori iniziali) 12

13 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA FARE SUBITO Le imprese obbligate ad operare in SISTRI dal 3 MARZO 2014 devono verificare da subito : 1. il corretto funzionamento dei dispositivi USB 2. il corretto allineamento dei dati anagrafici dell impresa attraverso gli opportuni interventi nell area «gestione azienda» (possibile solo con dispositivo USB funzionante) Tutti i dettagli nelle diapositive successive alla n 20 di questa presentazione 13

14 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA SAPERE SUBITO (1) I produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi devono : risultare iscritti a SISTRI per tutte le unità locali che producono rifiuti speciali pericolosi utilizzare SISTRI a partire dal 3 marzo 2014 continuare a tenere i registri di carico e scarico utilizzati fino ad oggi e ad emettere i Formulari d Identificazione per il trasporto cartacei ( doppia gestione fino al 31 Luglio 2014 ) 14

15 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA SAPERE SUBITO (2) Quando un unità locale deve essere iscritta a SISTRI??? L iscrizione a SISTRI deve avvenire quando si prevede di produrre rifiuti speciali pericolosi (art. 6 comma 2 del dm 52/2011): fino a quando SISTRI non consegna i dispositivi, i rifiuti pericolosi vanno avviati a smaltimento o a recupero comunicando al trasportatore i dati dei rifiuti e custodendo le copie cartacee delle schede movimentazione; l utilizzo di SISTRI diventa obbligatorio a partire dal settimo giorno dalla consegna dei dispositivi (art. 12, comma 1, dm 52/2011). Qualora un ente o un impresa non tenuta all iscrizione a SISTRI produca in modo accidentale rifiuti pericolosi deve richiedere l adesione a SISTRI per l unità locale dove i rifiuti sono prodotti entro 3 giorni lavorativi dall accertamento della pericolosità dei rifiuti ( vedi anche diapositiva n 6 di questa presentazione) 15

16 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA SAPERE SUBITO (3) Come cancellare una unità locale che non produce più rifiuti pericolosi??? In tutti i casi di sospensione, cessazione dell attività, cessione, fusione ecc., per le quali deve essere cancellata l iscrizione a SISTRI per una o più unità locali, l iscritto deve: entro 72 ore dalla data di comunicazione della variazione al registro delle imprese, darne comunicazione per iscritto a SISTRI; restituire il/i dispositivo/i con il modulo di restituzione disponibile sul sito di SISTRI a mezzo raccomandata A/R al Ministero dell Ambiente, Via C. Colombo, 44, Roma. Nei casi in cui l unità locale continua la sua attività ma non produce né gestisce rifiuti pericolosi : - si attendono specifiche istruzioni ministeriali per la riconsegna dei dispositivi 16 USB (vedi anche diapositiva n 47 di questa presentazione)

17 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA SAPERE SUBITO (4) Cosa fare dei rifiuti in giacenza prodotti prima del 3 Marzo 2014??? I rifiuti prodotti prima del 3 marzo 2014 e presi in carico nel registro di carico e scarico cartaceo e non ancora avviati a recupero o smaltimento per poter essere inclusi in una scheda SISTRI di movimentazione ( documento di trasporto): devono essere registrati in un movimento di Carico sul Registro Cronologico di SISTRI prima della loro movimentazione indicando come causale Giacenza per avvio SISTRI Non è necessario pertanto che le registrazioni di carico delle giacenze sul registro cronologico di SISTRI siano effettuate alla data del 3 marzo, ma solo prima della movimentazione del rifiuto e per la quantità da movimentare. 17

18 AVVIO AL 3 MARZO 2014 : COSA SAPERE SUBITO (5) Cosa fare dei movimenti inseriti nel Registro Cronologico di SISTRI in passato e delle Schede SISTRI movimentazione già compilate??? Nel caso in cui : nel sistema SISTRI risultino oggi presenti «vecchie operazioni» di carico, scarico o compilazione di schede di movimentazione effettuate negli anni precedenti secondo le disposizioni in quel momento vigenti qualora ciò possa comportare l evidenza in SISTRI di giacenze di rifiuti che non corrispondono alla situazione reale risulta necessario provvedere alla CANCELLAZIONE di ogni singola operazione 18

19 SISTRI contributi annuali Tutti i soggetti iscritti a SISTRI sono obbligati al pagamento di un contributo annuale. Il contributo si riferisce all anno solare di competenza, indipendentemente dal periodo di effettiva fruizione del servizio. Il contributo può essere rideterminato annualmente. La scadenza dei termini per il pagamento del contributo annuale è il 30 APRILE DI OGNI ANNO PER L ANNO 2012 IL CONTRIBUTO E STATO SOSPESO PER L ANNO 2013 IL CONTRIBUTO E STATO SOSPESO PER L ANNO 2014 SEGUIRANNO LE OPPORTUNE ISTRUZIONI 19

20 VERIFICA FUNZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI USB L utente, provvede ad effettuare l accesso all area autenticata (digitando PIN, Userid e Password) mediante l utilizzo del dispositivo Usb da verificare. Qualora la versione del software del dispositivo non sia aggiornata il Sistema guida l utente nel processo di aggiornamento secondo quanto descritto nella Guida Aggiornamento Software Dispositivo Usb disponibile nella sezione Utilità Documenti Manuali e Guide del Portale SISTRI Nelle diapositive successive si evidenziano le tappe principali per la verifica in esame 20

21 SISTRI Accesso Identificazione (1) 1) Inserimento del Dispositivo USB ( c.d. chiavetta o token ) nel PC connesso a internet 2) Se l avvio non è automatico ( «autorun» ), entrare in risorse del computer/disco rimovibile, per l attivazione manuale del software : 21

22 Accesso Identificazione (2) tasto per impostazione del proxy 22

23 AGGIORNAMENTO DISPOSITIVO USB (1) La richiesta per la procedura di aggiornamento viene avviata, di norma, automaticamente dopo aver effettuato l accesso al sistema N.B. la procedura prevede l eliminazione di eventuali file presenti sul dispositivo USB non attinenti al software SISTRI. 23

24 AGGIORNAMENTO DISPOSITIVO USB (2) Seguire le indicazioni suggerite dal programma di aggiornamento del dispositivo USB. Durante la procedura di aggiornamento, qualora il computer in uso fosse collegato ad Internet tramite un server proxy, un apposita maschera avviserà della necessità di impostare i parametri di rete. Al termine dell operazione verrà confermato dal programma il buon fine dell operazione di aggiornamento 24

25 ACCESSO AL SISTEMA (1) Per gestire l applicazione web del SISTRI si utilizza il Browser SISTRI pre-caricato sul dispositivo USB. L accesso al Sistema è pilotato dal dispositivo USB ed è subordinato all inserimento delle credenziali ricevute contestualmente al dispositivo in busta chiusa per ciascun delegato: Numero di serie del dispositivo N.B. : PIN e Password potrebbero essere stati modificati in precedenza da utenti precedenti!!! 25

26 ACCESSO AL SISTEMA (2) L accesso al Sistema è interdetto se viene digitato un PIN errato per tre volte consecutive. Per poter sbloccare il dispositivo USB occorrerà ricorrere alla procedura Cambio/Sblocco del PIN illustrata al paragrafo della Guida all utilizzo del dispositivo USB reperibile sul sito web SISTRI. 26

27 ACCESSO AL SISTEMA (3) 27

28 28

29 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (1) 29

30 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (2) 1 Utente che ha eseguito l accesso 2 Logout 3 Link menù utente 4 Link pagina di accesso a Gestione azienda 5 Riferimento del fascicolo azienda 6 Menù operativo di Gestione Azienda 7 Dati riepilogativi Azienda 30

31 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (3) Funzione Modifica anagrafica 31

32 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (4) In «dati generali» si può intervenire sui dati identificativi principali mentre in «unità locali» si accede al dettaglio delle singole unità locali 32

33 In relazione ad ogni unità locale, si può intervenire sulla lista delle categorie per le quali l azienda risulta iscritta a SISTRI (produttore trasportatore gestore rifiuti pericolosi/non pericolosi) 33

34 34

35 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (5) Guida Gestione Azienda Inserimento e modifica delle Unità Locali Rif Inserimento e Modifica Categorie e Delegati Rif Eventuali variazioni delle persone fisiche individuate quali delegati per le procedure di cui al presente regolamento devono essere comunicate al SISTRI, che emette un nuovo certificato elettronico. Il dispositivo contenente il nuovo certificato elettronico è aggiornato accedendo alle relative funzionalità presenti nell'area autenticata del portale SISTRI. (DM 52/2011, art 21. 4) 35

36 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (6) Il Sistema controlla le modifiche apportate e in caso di esito positivo viene mostrato il messaggio Le modifiche sono valide Visualizza Report PDF e procedi con la Firma 36

37 VERIFICA ALLINEAMENTO DEI DATI ANAGRAFICI (7) Nel Report PDF è possibile visualizzare il riepilogo delle modifiche richieste e degli eventuali relativi costi. Nel caso le modifiche non risultassero corrette è possibile tornare alle maschere di modifica ed apportare le correzioni necessarie. Se i dati sono corretti la procedura online si conclude cliccando su Firma e salva modifiche : 37

38 CONTATTI SISTRI Contact Center È l indirizzo di posta elettronica dedicato alla presentazione delle richieste di iscrizione al SISTRI, alla comunicazione di tutte le variazioni, aggiornamenti, modifica, ecc. delle informazioni comunicate in sede di iscrizione e a tutti i temi di carattere amministrativo relativi alle aziende. 38

39 CONTATTI SISTRI ELEMENTI DA INDICARE NELLA COMUNICAZIONE : Numero di pratica SISTRI; Ragione Sociale; Codice Fiscale e/o Partita IVA; Indirizzo della sede legale; Recapiti di contatto: telefono, fax e mail; Quesito o richiesta 39

40 SANZIONI (1) Ai sensi della legge 125 del le sanzioni previste per inadempienze legate a SISTRI non si applicheranno fino al 31 luglio 2014 sanzioni per SISTRI fino al 31 Luglio

41 SANZIONI (2) Fino al 31 luglio 2014 continueranno ad applicarsi le sanzioni oggi vigenti in materia di : Registri di Carico e Scarico tradizionali (art. 190 D.Lgs. 152/06) Formulario di Identificazione per il trasporto Rifiuti cartaceo (art. 193 D.Lgs. 152/06) ai sensi della legge 125/

42 DOPPIA GESTIONE PER LEGGE FINO AL 31 LUGLIO 2014 tutti gli obbligati a SISTRI rimangono comunque soggetti anche alla tenuta dei registri e dei formulari di trasporto pre-sistri (documenti di cui agli artt. 190 e 193 del D.Lgs. 152/06) 42

43 Periodicità delle registrazioni PRODUTTORI: Carico : entro 10gg lavorativi dalla produzione del rifiuto Scarico : entro 10gg lavorativi dalla data del trasporto TRASPORTATORI: entro 10gg lavorativi dall effettuazione del trasporto COMMERCIANTI e INTERMEDIARI: entro 10gg lavorativi dall effettuazione della transazione RECUPERATORI e SMALTITORI: entro 2gg lavorativi dalla presa in carico del rifiuto 43

44 L IMPORTANZA DELLA CORRETTA GESTIONE DEL FORMULARIO CARTACEO La responsabilità del detentore per il corretto smaltimento a recupero dei rifiuti è ESCLUSA in caso di conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati quando il detentore stesso abbia ricevuto la 4^ copia del Formulario controfirmata e datata in arrivo al destinatario ENTRO 3 MESI DAL CONFERIMENTO La mancata ricezione della 4^copia del formulario entro tale termine deve essere segnalata alla Provincia Nel caso di trasporti transfrontalieri di rifiuti il termine è di 6 MESI dal conferimento e la segnalazione deve essere fatta alla Regione art. 188 D.Lgs. 152/06 44

45 GESTIONI SEPARATE TRA PERICOLOSI E NON PERICOLOSI O TUTTO IN SISTRI??? (1) I soggetti obbligati a SISTRI per i RIFIUTI PERICOLOSI potranno scegliere se effettuare con il nuovo sistema anche la tracciabilità dei rifiuti non pericolosi o di mantenere per questi ultimi la gestione oggi in essere art. 11 comma 1 del D.L. 101/2013, convertito in legge 125 del

46 GESTIONI SEPARATE TRA PERICOLOSI E NON PERICOLOSI O TUTTO IN SISTRI??? (2) I soggetti che intenderanno effettuare in SISTRI anche la tracciabilità dei rifiuti non pericolosi dovranno comunicare tale intenzione mediante apposita modulistica, al momento non ancora disponibile Circolare Ministero dell Ambiente n 1/

47 ATTENZIONE! I soggetti iscritti a SISTRI che abbiano esclusivamente rifiuti non pericolosi e che non intendano utilizzare SISTRI in modo volontario dovranno restituire i dispositivi informatici ricevuti in dotazione In attesa delle necessarie istruzioni per tale restituzione, Confindustria consiglia di inviare al Ministero dell Ambiente una comunicazione Il fac simile di tale comunicazione è stato diffuso con Circolare di Confindustria Bergamo n 2013/857 del

48 Dispositivi per operare in SISTRI Tramite l iscrizione, i soggetti obbligati ad utilizzare il SISTRI richiedono i necessari strumenti informatici: 1 dispositivo USB per ogni unità locale obbligata a SISTRI alla quale sono associati fino a 3 nominativi di soggetti delegati al suo utilizzo; si tratta di un dispositivo elettronico per l accesso codificato in sicurezza alla piattaforma SISTRI 1 black box per ogni veicolo destinato al trasporto di rifiuti; si tratta di un dispositivo elettronico per il tracciamento satellitare del veicolo durante il trasporto; ad ognuna bbox è associata una specifica e particolare chiavetta USB (denominata USB veicolo o USB conducente per distinguerla da quelle delle unità locali) 48

49 Dettagli sui Dispositivi USB e black box (1) I dispositivi restano di proprietà di SISTRI e vengono affidati agli operatori iscritti in comodato d uso I soggetti delegati alla firma elettronica (max 3 per ogni dispositivo USB) sono tenuti all utilizzo e alla custodia del dispositivo Al fine di consentire la consultazione della scheda sistriarea registro cronologico e delle schede sistri- area movimentazione, i dispositivi USB sono tenuti presso l unità locale (per i trasportatori presso la sede dell impresa) per la quale sono stati rilasciati e sono resi disponibili in qualunque momento all Autorità di controllo che ne faccia richiesta ATTENZIONE! Il manuale SISTRI descrive anche altre possibilità ma, al momento, è opportuno attenersi 49 alle istruzioni di legge del DM 52/2011

50 Dettagli sui Dispositivi USB e black box (2) E necessario dotarsi di un dispositivo bbox per ogni veicolo a motore adibito al trasporto di rifiuti pericolosi. La consegna e l installazione delle bbox avviene presso apposite officine autorizzate da SISTRI. I costi di installazione e quelli per l acquisto della necessaria carta SIM (con qualsiasi gestore telefonico) sono a carico del soggetto obbligato. 50

51 Dettagli sui Dispositivi USB e black box (3) Gli impianti di discarica, di incenerimento o di coincenerimento con recupero energetico di rifiuti sono dotati di idonee apparecchiature per monitorare l ingresso e l uscita di automezzi ai predetti impianti ( videosorveglianza ) L installazione, la manutenzione e l accesso a queste apparecchiature sono riservati al personale di SISTRI. I relativi oneri sono a carico di SISTRI. 51

52 Malfunzionamento dei Dispositivi elettronici (1) Il sistema SISTRI ha previsto una servizio di assistenza in caso di malfunzionamento dei dispositivi dovuti a vizi dei dispositivi stessi, che risponde al numero In tal caso gli operatori dovranno comunicare tempestivamente il problema a SISTRI che provvederà, a proprie cura e spese, alla rimozione del malfunzionamento e/o alla sostituzione dei dispositivi : entro 24 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano il software entro 72 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano l hardware 19

53 Malfunzionamento dei Dispositivi elettronici (2) Il SISTRI provvede alla sostituzione gratuita dei dispositivi nel caso in cui il difetto sia imputabile a un vizio originale del prodotto. In caso di danni procurati dall incuria dell utente, i costi di sostituzione saranno a carico di quest ultimo. 53

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 SISTRI Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 Accesso al Sistema e Gestione Azienda A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 Principali documenti

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE PISANA

UNIONE INDUSTRIALE PISANA UNIONE INDUSTRIALE PISANA SISTRI 2014 Sintesi normativa in vista dell operatività del sistema Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI fonti normative Dlgs 152/2006 TUA articoli 188-189-190-193 (ex 205/2010) 188 bis e 188 ter Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52 TU Sistri Dm 20 marzo 2013, n 96 Termini

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI ALLEGATO IA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI (articolo 3, comma 3) Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del decreto

Dettagli

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014

SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014. A cura dell UI Torino Servizio Ambiente. Confindustria, 6 febbraio 2014 SISTRI SITUAZIONE AL 24 GENNAIO 2014 A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il D.M. 17/12/2009. La base legale

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI Paolo Guazzotti 1 FASI DELL ADESIONE 1. Iscrizione (on-line, fax, telefonica, e-mail); 2. Versamento del contributo; 3. Consegna alla CCIAA/Sezione dell

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di firmare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: ü ü ü ü ü ü Nuova funzionalità di ricerca delle

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI BARI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE aprile 2013 RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive SOMMARIO

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA... 30 settembre 2010 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...11

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013

SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DIRIPARTENZA D.M. 20 MARZO 2013 D.L.101/2013 NOTA ESPLICATIVA MATT DEL 30/09/2013 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Dm Ambiente 18 febbraio 2011,n. 52 in vigore dal 11/5/2011

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 novembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione... 4 3. Quando procedere

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17 1 luglio 2011 Sommario 1 CREARE UNA NUOVA REGISTRAZIONE CRONOLOGICA (CARICO RIFIUTI)... 3 2 COMPILARE UNA SCHEDA SISTRI... 6 3 ASSOCIAZIONE DELLA SCHEDA AL REGISTRO (SCARICO RIFIUTI)...11 4 ANNULLARE UNA

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 26 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi Newsletter n. 01/2010 - SPECIALE AMBIENTE - ISTITUZIONE DEL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI In data 14 gennaio 2010 è entrato in vigore il D.M. 17 dicembre 2009 che istituisce

Dettagli

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del OccupaMI 2013: Bando contributi alle pmi per il sostegno all occupazione 1. Finalità delle procedure digitali La nuova

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 14 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014

Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014 Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014 Istruzioni valide per la presentazione delle domande sia per la sezione A (Imprese), sia per la sezione B (Dipendenti)

Dettagli

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Indicazioni operative Ing. Fabrizio Vitale Santa Croce Sull Arno, 24 settembre 2010 1 SISTRI è l informatizzazione degli adempimenti amministrativo/documentali

Dettagli

SISTRI. ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza

SISTRI. ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza SISTRI ISCRIZIONE e CONSEGNA DISPOSITIVI Università degli Studi di Sassari Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza DEFINIZIONI UTILI UNITA LOCALE: si intende l impianto o corpo di impianti

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB 22/03/2011 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione...

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?... 8 marzo 2011 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...14

Dettagli

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari INTEROPERABILITA' E SIS Casi particolari Rifiuti respinti in seguito ad esito negativo verifica analitica Il sistema comunica l esito negativo al produttore, al trasportatore ed all eventuale intermediario.

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB 07/12/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al ripristino

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio IL TRASPORTO DEI RIFIUTI NELL'AMBITO DELL'ATTIVITÀ DI "GESTIONE ALLA LUCE DELLE MODIFICHE APPORTATE AL DECRETO LEGISLATIVO N. 152/2006 PER L'INTRODUZIONE DEL NUOVO SISTEMA SIS.T.R.I. SISTRI - Cos è Il

Dettagli

Nica Srl Informatica Aziendale

Nica Srl Informatica Aziendale Gentile Cliente, con la presente intendiamo illustrarle i passaggi da effettuare, per poter configurare ed utilizzare la procedura Winwaste.Net in suo possesso con i servizi di Interoperabilità, previsti

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 2.2a del 17 set 2014 Sommario 1 PREMESSA...

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Schemi e analisi del d.m.18 febbraio 2011, n.52 (Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) SISTRI DOCUMENTO AGGIORNATO AL 5

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI 7 agosto 2013 www.sistri.it Sommario Indice delle Revisioni... 6 1. Descrizione generale del Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI... 7 1.1.

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 27/04/2015 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 33 1. Sommario 2. Introduzione... 4 3. Accesso Gestione Azienda... 4 4. Visualizzazione anagrafica azienda... 8

Dettagli

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all imprenditoria femminile Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 29/04/2011 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al recupero

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida all accesso a SIRECO Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 3 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base... 3 2. Registrazione di un Responsabile...

Dettagli

Gestione Imposta di Soggiorno. Manuale utente. Portale per i gestori di strutture ricettive. Presentato da:

Gestione Imposta di Soggiorno. Manuale utente. Portale per i gestori di strutture ricettive. Presentato da: Manuale utente Portale per i gestori di strutture ricettive Presentato da: Vers. 1.1 - del 24/04/2015 Storia del documento Versione Data Autore Modifiche apportate 0.9 30/09/2012 D.Bigozzi Stesura iniziale

Dettagli

SISTRI. Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni. Brescia 09 luglio 2011

SISTRI. Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni. Brescia 09 luglio 2011 SISTRI Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni Brescia 09 luglio 2011 COS E IL SISTRI? Porterà alla graduale sostituzione del sistema cartaceo basato su: -registro di carico

Dettagli

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013.

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. 33 Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa Ambiente MUD 2014 Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. E stato pubblicato sulla G.U. del 27/12/2013 n. 302, Supplemento Ordinario n.

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 21/12/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al recupero

Dettagli

Comunicazione della Posta Elettronica Certificata

Comunicazione della Posta Elettronica Certificata Comunicazione della Posta Elettronica Certificata Gentile utente, in questo periodo il Contact Center della Camera di Commercio di Milano sta rispondendo a diversi quesiti relativi all obbligo di comunicare

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE PV CYCLE 2014 INFORMAZIONI NORMATIVE Il decreto legislativo n. 49/2014 «Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI PERCHÈ NASCE IL SISTRI - Per garantire una maggiore efficacia all azione di contrasto dei fenomeni di illegalità e nei confronti dei comportamenti

Dettagli

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Un sistema per coniugare ambiente, efficienza e legalità Il tema della gestione dei rifiuti ha assunto

Dettagli

Guida per l iscrizione della PEC di società nel Registro Imprese VERS. 1.0 DEL 10 OTTOBRE 2011. registroimprese

Guida per l iscrizione della PEC di società nel Registro Imprese VERS. 1.0 DEL 10 OTTOBRE 2011. registroimprese Guida per l iscrizione della PEC di società nel Registro Imprese registroimprese Indice IL SERVIZIO 3 PREREQUISITI 4 COMPILAZIONE IN MODALITÀ ASSISTITA 5 COMPILA 6 FIRMA 8 INVIA 9 INDICE 2 Il Servizio

Dettagli

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Guida all utilizzo del Servizio

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Guida all utilizzo del Servizio Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione Guida all utilizzo del Servizio Versione 2.1 del 08/02/2016 Sommario I. Chi fa cosa - ruoli... 3 (a) La Farmacia produzione del file XML... 3

Dettagli

Inoltro telematico delle pratiche SUAP

Inoltro telematico delle pratiche SUAP Pagina 1 di 9 Agg.to 01 febbraio 2016_v.001 Inoltro telematico delle pratiche Come autenticarsi 1- Come cambia l invio delle pratiche Per accedere al sito regionale è necessario autenticarsi con un dispositivo

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it CASO D USO: MICRORACCOLTA 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera efficace

Dettagli

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti 27 marzo 2015 CONFINDUSTRIA RAVENNA Servizio QSAE Le problematiche ancora aperte Sistema complesso ancora in attesa di semplificazioni

Dettagli