Procedure operative animali d affezione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedure operative animali d affezione"

Transcript

1 Procedure operative animali d affezione Marta Anello CELVA

2 Convenzione relativa alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione Durata: periodo compreso tra il 1 ottobre 2015 e il 30 settembre 2018 (tre anni eventualmente rinnovabili per ulteriori tre) Firmatari: Regione Autonoma Valle d Aosta, Azienda USL della Valle d Aosta, CELVA e Ordine Regionale dei medici veterinari. Finalità: 1. disciplinare la ripartizione delle funzioni, favorendo attivamente la collaborazione tra le parti; 2. prevenire l insorgenza di problematiche di igiene e sanità pubblica e risolvere eventuali problematiche di convivenza uomo-animale.

3 Un po di numeri L A.VA.P.A Onlus, precedente ed attuale gestore della struttura Canile Gattile Regionale, ha fornito all Assessorato regionale Sanità, salute e politiche sociali il raffronto dei dati relativi alla gestione per il triennio I numeri, riportati nella seguente tabella e inseriti nella DGR 1373/2015, sono utili a restituire una fotografia degli animali d affezione presenti nella nostra regione.

4 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 n. cani iscritti all anagrafe n. gatti iscritti all anagrafe n. catture cani n. cani entrati in canile n totale di cani entrati in canile e restituiti al proprietario n. cani entrati in canile e risultati senza microchip n. gatti entrati in gattile n. totale cani presenti in canile al 31/ n. totale gatti presenti in gattile al 31/ n. colonie feline circa 550 circa

5 Considerazioni Il dato che emerge come maggiormente critico è evidenziato in rosso: un numero elevato di cani rivenuti sul territorio sprovvisto di microchip questo si traduce in: 1. impossibilità di rintracciare il proprietario 2. cane presoin caricadal canile(adottato oppuremantenuto a vitapresso la struttura) = maggior costo per la collettività

6 Cosa prevedela Convenzionein meritoai canivaganti La Convenzione prevede in pratica per i Comuni l applicazione della Legge regionale 37/2010, ovvero: 1. Dotazione a favore del servizio associato di Polizia locale di almeno un lettore di microchip isocompatibile e di attrezzature idonee alla cattura, al trasporto e alla custodia temporanea dei cani presso l ente. 2. Individuazione e allestimento di un box/rifugio all interno dell ambito territoriale sovracomunale, di cui all art. 19 della legge regionale n. 6/2014,8 idoneo a custodire temporaneamente i cani vaganti rinvenuti sul territorio, prima del loro trasporto al canile regionale a carico dei comuni stessi. 3. Cattura dei cani vaganti in ambito urbano da parte del servizio associato di Polizia locale, successiva verifica della proprietà del cane attraverso la lettura del microchip ed eventuale successivo trasporto presso il canile regionale. 4. Attuazione di azioni mirate al controllo dell identificazione e registrazione dei cani nell anagrafe canina e sul controllo della riproduzione (denuncia di cucciolate). 5. Attività di vigilanza, di prevenzione e accertamento delle infrazioni sul proprio territorio.

7 SceltadelComune La convenzione prevede che ogni Comune possa scegliere come garantire il servizio: attraverso la Polizia Locale oppure con un altro soggetto, come previsto all articolo 6 comma 4: «I comuni hanno, inoltre, la facoltà di convenzionarsi con l ente gestore del canile regionale o altra ditta esterna per svolgere le attività di cattura e trasporto di cani vaganti e/o di recupero di spoglie di animali d affezione.»

8 Cosa possiamofarenell ambitodella Convenzioneper i canivaganti Il CELVA, insieme a Assessorato Sanità, salute e politiche sociali, Azienda USL e Ordine dei medici veterinari, può: 1. promuoverecorsi di formazione per la Polizia Locale, come questo; 2. promuovere un indagine sull attualedotazione di attrezzature per la cattura, il riconoscimento e la custodia degli animali d affezione, al fine di valutare la possibilità di acquisti congiunti tramite MEVA o tramite il CELVA. 3. promuovere unamaggiore collaborazione e integrazione tra i vari soggetti: cittadini, veterinari, Polizia Locale, Corpo Forestale, A.VA.P.A. Onlus. 4. promuovere una campagna informativa verso i cittadini, al fine di ricordare gli obblighi derivanti dal possesso di animali d affezione. 5. ricordare ai Comuni la possibilità di richiedere alla Regione dei contributi per la realizzazione di box rifugi e l acquisto di attrezzature.

9 Le procedureoperativein materiadi animalid affezione Nell ambito della Convenzione in merito alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione sul territorio regionale, è stato ritenuto opportuno predisporre un documento contenente le procedure operative in materia di animali d affezione, al fine di: disciplinare la ripartizione delle funzioni; favorire attivamente la collaborazione tra i diversi soggetti; realizzare una sorta di guida pratica da applicare nei diversi casi.

10 Come sono strutturatele procedure Le Procedure operative animali d affezione sono state divise per tipologie di soggetti: Polizia Locale Corpo Forestale della Valle d Aosta Cittadini E vedono il coinvolgimento di Comuni, CELVA, Assessorato regionale della Sanità, salute e politiche sociali, Azienda USL della Valle d Aosta, Ordine dei Veterinari della Regione Valle d Aosta e A.VA.PA. Onlus. Le procedure sono frutto di un lavoro di confronto, condivisione e interpretazione della normativa vigente, svolto dal gruppo di lavoro.

11 Distintinzioneambitidi intervento AMBITO URBANO POLIZIA LOCALE AMBITO EXTRA URBANO CORPO FORESTALE DELLA VALLE D AOSTA

12 Le procedureriservatealla PoliziaLocale 2.1 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI CANE VAGANTE 2.2 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI CANE IMPEGNATIVO 2.3 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI ANIMALE D AFFEZIONE INCIDENTATO 2.4 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI SPOGLIE DI ANIMALI D AFFEZIONE 2.5 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI PROBLEMATICHE DELLE COLONIE FELINE

13 ProceduredellaPoliziaLocale da seguire con il supportodi altrisoggetti AMBITO URBANO 2.2 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI CANE IMPEGNATIVO 2.3 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI ANIMALE D AFFEZIONE INCIDENTATO In entrambe le procedure, il ruolo della Polizia Locale consiste nel contattare l ente gestore del canile e gattile regionale chiedendo l intervendo e controllando la situazione fino all arrivo dell incaricato del canile. La Polizia Locale, in entrambi i casi, dopo il riconoscimento dell animale dovrà, tramite l anagrafe canina o felina, rintracciare i dati del proprietario e contattarlo.

14 Proceduredi competenzadellapolizia Locale Sono le procedure che vedono un coinvolgimento diretto della Polizia Locale nelle fasi di intervento previste. AMBITO URBANO 2.1 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI CANE VAGANTE 2.4 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI SPOGLIE DI ANIMALI D AFFEZIONE 2.5 PROCEDURA RISERVATA ALLA POLIZIA LOCALE IN CASO DI PROBLEMATICHE DELLE COLONIE FELINE

15 2.1 Procedura riservata alla Polizia Locale in caso di cane vagante L addetto della polizia locale, in presenza di un cane vagante sul territorio urbano di propria competenza, avvicina il cane, lo cattura con le attrezzature a disposizione e provvede al suo riconoscimento tramite l utilizzo del lettore microchip. Il cane ha il microchip Il cane è sprovvisto di microchip L addetto di polizia locale, attraverso la piattaforma dell anagrafe canina, identifica il proprietario e prova a contattare lo stesso chiedendo di venire a recuperare l animale. 1. Il proprietario ritira l animale. 2. Il proprietario del cane non è rintracciabile: il cane viene custodito nel box/rifugio fino all arrivo del proprietario per un tempo non superiore all arco orario di lavoro giornaliero, oltre il quale l animale viene consegnato al canile regionale. In caso di cane vagante con proprietario la polizia locale redige un verbale e le eventuali spese sostenute per la cattura e la custodia vengono addebitate al proprietario e introitate dal Comune. a) l addetto della polizia locale, utilizzando un apposito box/gabbia, trasporta il cane presso il canile regionale, oppure lo custodisce temporaneamente nel box/rifugio individuato nell ambito territoriale sovra comunale fino alla consegna al canile regionale; b) l addetto del canile regionale riceve l animale e si attuano le procedure di ingresso nel canile regionale.

16 2.1 Procedura riservata alla Polizia Locale in caso di cane vagante L addetto della polizia che dopo diversi tentativi non riesce ad avvicinare e catturare l animale, chiede il supporto del soggetto convenzionato, di cui alla convenzione, approvata con DGR n del , in merito alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali d affezione sul territorio regionale, oppure all ente gestore del canile/gattile regionale. L intervento del canile è stato gratuito fino al 30/11/2015 e a pagamento dopo questa data. In caso di cane vagante con proprietario le relative spese sostenute per la cattura e la custodia verranno addebitate al proprietario alla riconsegna dell animale e introitate dal comune o dalla Regione, in caso di intervento del Corpo Forestale della Valle d Aosta. Si procederà in tale caso all applicazione delle sanzioni previste.

17 2.4 Procedura riservata alla Polizia Locale in caso di spoglie di animali d affezione L addetto della polizia locale, in presenza di spoglie di animali d affezione, verifica la proprietà dell animale attraverso la lettura del microchip. L animale ha il microchip L addetto della polizia locale contattata il proprietario dell animale per avvisarlo del decesso, il proprietario è chiamato ad intervenire sul luogo, a ritirare le spoglie e decidere se smaltirle consegnandole al canile regionale o interrarle seguendo la procedura prevista dalla normativa. L addetto della polizia locale, nel caso il proprietario non fosse rintracciabile, trasporta e consegna, le spoglie dell animale all incaricato del canile gattile regionale. Il canile regionale si occupa dello smaltimento, il cui costo viene addebitato al proprietario più le spese di trasporto. L animale non ha il microchip L addetto della polizia locale trasporta e consegna, negli orari indicati, le spoglie dell animale all incaricato del canile gattile regionale. Il canile gattile regionale si occupa dello smaltimento delle spoglie.

18 2.5 Procedura riservata alla Polizia Locale in caso di problematiche delle colonie feline 1. Gli addetti alla Polizia locale, in caso di presunte patologie a carattere zoonotico, presenti in una colonia felina, e di situazioni che potrebbero mettere a rischio l incolumità pubblica, segnalano il caso all Azienda USL che interviene. 2. In presenza di gatti malati (con patologie non zoonotiche) all interno di una colonia, il referente della colonia deve avvertire il Comune in cui è ubicata, che a proprie spese incaricherà un soggetto per l intervento e per le cure. 3. Il Comune, in caso di comprovate situazioni di emergenza o critiche, al di fuori delle campagne di sterilizzazione proposte o con modalità ordinarie previste, contatta l Azienda USL che si occupa degli interventi di sterilizzazione. Il Comune collabora per le catture dei gatti e per il loro trasporto presso l ambulatorio della Struttura Complessa di Sanità Animale. 4. Nell ambito delle campagne di sterilizzazione, in caso di assenza di un referente di colonia o in caso di referente di colonia impossibilitato (es. senza patente), gli addetti di Polizia locale si occupano del trasporto dei gatti presso la struttura aderente al progetto per lo svolgimento degli interventi di sterilizzazione.

19 Grazieper l attenzione! Per ulterioriinformazioni

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO UBICATO IN COMUNE DI TALAMELLO LOCALITA FAGNANO DI SOTTO. PROGETTO DI GESTIONE.

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Dicembre 2014 1. DATI IDENTIFICATIVI (nel Comune è presente un Ufficio/Servizio dedicato alla tutela degli animali e/o alla lotta al randagismo?

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Lavori Pubblici Mobilità Urbana e Ambiente DIRETTORE PAGLIARINI ing. MARCO Numero di registro Data dell'atto 1579 21/10/2015 Oggetto : Approvazione per l'anno

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Task Force Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Convivenza con gli animali Cambiamento della società: approccio più etico nella relazione con gli animali d affezione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-151.0.0.-45

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-151.0.0.-45 DIREZIONE AMBIENTE, IGIENE, ENERGIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-151.0.0.-45 L'anno 2012 il giorno 09 del mese di Ottobre il sottoscritto Risso Ornella in qualita' di dirigente di Direzione Ambiente,

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante,

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante, CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA VETERINARIA E ATTIVITA CONGIUNTE ALLA TUTELA DEGLI ANIMALI TRA IL COMUNE DI CAMPI BISENZIO E L AZIENDA SANITARIA ASL 10 DI FIRENZE L'anno ( ),

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 34 del 2015 sullo stato di attuazione delle norme relative alla tutela degli animali d affezione e prevenzione del randagismo (TU

Dettagli

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N. 75 DEL 15/11/2012 N. 100 ARTICOLO

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA AMBITO TERRITORIALE ZONA A SEDE DI NOVAFELTRIA (PU) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5106 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBROLLINI Istituzione del Servizio sanitario veterinario convenzionato e norme per favorire

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE. fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS

SCHEMA DI CONVENZIONE. fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS per il programma finalizzato al contenimento della popolazione felina randagia gatti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo COPIA COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Provincia di Cuneo DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO VIGILANZA N. 5 del 18/04/2011 Il Responsabile del Servizio: Francesco GALLUCCIO OGGETTO : ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 300 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 300 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

C O M U N E DI R E C E T T O

C O M U N E DI R E C E T T O C O M U N E DI R E C E T T O PROVINCIA DI NOVARA ORIGINALE COPIA Verbale di deliberazione della Giunta comunale N. 113 Del 11.12.2013 OGGETTO: CONVENZIONE SERVIZIO DI CATTURA, CUSTODIA E MANTENIMENTO IN

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SAN VITO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO OGLIASTRA SOCCORSO AMICI DEGLI ANIMALI.

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SAN VITO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO OGLIASTRA SOCCORSO AMICI DEGLI ANIMALI. Allegato A) alla determinazione del Servizio AA.GG. n. 103 del 24/04/2013 Il Responsabile del Servizio F.to Dott.ssa Veronica Anedda COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione

REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE n. 34 DEL 26-07-1993 Tutela e controllo degli animali da affezione Art. 1. (Finalità della legge) 1. La legge tutela le condizioni di vita degli animali di affezione e

Dettagli

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina il funzionamento della

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL.

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Dr.ssa Carla De Giacomi Dr. Paolo Castelli Veterinari Ufficiali ASL della Provincia di Bergamo Seriate,, 29 ottobre 2013 I gatti

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL COMANDANTE N. 36 DEL 31/01/2015 CONVENZIONE PER IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE FELINA CON L'ASSOCIAZIONE K LORENZ DEL CANILE INTERCOMUNALE DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.52 del 7/6/2011 Art.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 103 Del 06-11-2013 Oggetto: Iscrizione all'anagrafe canina - Provvedimenti L'anno duemilatredici il giorno sei

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

ACCORDO AMMINISTRATIVO. 1. MIORANDI ANDREA, nato a Rovereto (TN), il 31 maggio 1974,

ACCORDO AMMINISTRATIVO. 1. MIORANDI ANDREA, nato a Rovereto (TN), il 31 maggio 1974, Esente in modo assoluto dall imposta di bollo ai sensi dell art. 16 della Tabella Allegato B del DPR 26.10.1972, n. 642 e s.m. COMUNE DI ROVERETO (PROVINCIA DI TRENTO) RACCOLTA COMUNALE N. ACCORDO AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Adottato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 07.03.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI

Dettagli

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Nuove norme per la protezione dei cani e per l istituzione dell anagrafe canina (B.U.R. Molise n. 6 del 16 marzo 2005) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

L anno 2014 (duemilaquattordici) addì del mese di in una sala del Palazzo Comunale di Empoli TRA

L anno 2014 (duemilaquattordici) addì del mese di in una sala del Palazzo Comunale di Empoli TRA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI EMPOLI E L ASSOCIAZIONE ARISTOGATTI PER IL SOSTENTAMENTO, LA CURA, LE PRESTAZIONI VETERINARIE E GLI INTERVENTI DI CONTROLLO DELLE NASCITE DELLE COLONIE FELINE SITUATE NEL COMUNE

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA CONVENZIONE PER: - IL SERVIZIO DI CATTURA DI CANI RANDAGI E IL SUCCESSIVO RICOVERO PRESSO IL CANILE SANITARIO; - IL RICOVERO, IL MANTENIMENTO, LA CURA E LA PULIZIA DI

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2010

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2010 RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2010 S.C. Veterinario area A e C Pagina 1 di 13 PREMESSA...3 1. ATTIVITÀ EROGATE SU RICHIESTA DI ENTI E PRIVATI...3 1.1. Verifica Anagrafe canina...3

Dettagli

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Il Dirigente sottoscritto, in qualità di Dirigente del 4 Settore Polizia Locale

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO, IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE, DELL ATTIVITÀ DI VIGILANZA E CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E DI

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO, IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE, DELL ATTIVITÀ DI VIGILANZA E CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E DI SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO, IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE, DELL ATTIVITÀ DI VIGILANZA E CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E DI PREVENZIONE DEL RANDAGISMO ALL'INTERNO DEL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CAPITOLATO PER AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO ACCALAPPIAMENTO E TRASPORTO CANI RANDAGI E COLONIE FELINE SU TUTTO IL TERRITORIO AFFERENTE

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

CONVENZIONE TRA L OIPA ITALIA (Nucleo Guardie Eco-Zoofile) E IL COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA E CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONVENZIONE TRA L OIPA ITALIA (Nucleo Guardie Eco-Zoofile) E IL COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA E CONTROLLO DEL TERRITORIO CONVENZIONE TRA L OIPA ITALIA (Nucleo Guardie Eco-Zoofile) E IL COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA E CONTROLLO DEL TERRITORIO L anno Duemilaquattordici, addì del mese di Agosto in

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta al randagismo e la tutela degli animali d affezione

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PROGETTO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L EMERGENZA DEL RANDAGISMO NEL TERRITORIO DELL ASP ART. 1 - SCOPO DELLA CONVENZIONE Nel quadro delle disposizioni di cui alla Legge

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Regolamento struttura comunale di ricovero per cani Approvato con Deliberazione Consiliare n. 46 del 29.11.2011 1 SOMMARIO ART.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO ART.2 ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL INDICE Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Modalità di adozione...3 Art. 3 Incentivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010

CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010 ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E SANITA COMITATO DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010 1 Premessa La L. R. 27/2000 prevede

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO. P.zza Caduti della Libertà, n. 3 41057 Spilamberto Provincia di Modena

COMUNE DI SPILAMBERTO. P.zza Caduti della Libertà, n. 3 41057 Spilamberto Provincia di Modena COMUNE DI SPILAMBERTO P.zza Caduti della Libertà, n. 3 41057 Spilamberto Provincia di Modena ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RINUNCE DI PROPRIETA DEI CANI NON RANDAGI E PER LE RICONSEGNE

Dettagli

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 d iniziativa dei senatori AMATI, BASSOLI, CASSON, DELLA SETA, DONAGGIO, GRANAIOLA, MAGISTRELLI, PASSONI, PEGORER, Anna Maria SERAFINI e ZAVOLI COMUNICATO ALLA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2708 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DAMIANO, BELLANOVA, BOCCUZZI, BOFFA, BRAGA, DE BIASI, DE PASQUALE, FADDA, GIANNI FARINA,

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani ttttt UN FIDO AIUTO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 27 febbraio 2013 INDICE ART. 1 OGGETTO ART.

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario I n d i c e Articolo 1 Finalità ed Istituzione pagina 3 Articolo 2 Definizione Ispettore Ambientale Volontario pagina 3 Articolo 3 Volontarietà

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. REGIONE MOLISE LEGGE REGIONALE 4 marzo 2005, n.7 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI CANI E PER L'ISTITUZIONE DELL'ANAGRAFE CANINA. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Con la Delibera Regionale 647/2007 la Regione Emilia-Romagna ha approvato i criteri per la classificazione del

Dettagli

CITTÀ DI MONDOVÌ Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO AVVISO PUBBLICO

CITTÀ DI MONDOVÌ Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO AVVISO PUBBLICO Allegato A CITTÀ DI MONDOVÌ Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DEL BENESSERE DEGLI ANIMALI DA AFFEZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANT ELENA SANNITA

COMUNE DI SANT ELENA SANNITA COMUNE DI SANT ELENA SANNITA (Provincia di Isernia) C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N.25 DEL 14-03-2013 Oggetto: SERVIZIO DI CUSTODIA E MANTENIMENTO CANI RANDAGI. DETERMINAZIONI.

Dettagli

L anno duemilaundici il giorno del mese di presso la sede Comunale di Bolsena, TRA

L anno duemilaundici il giorno del mese di presso la sede Comunale di Bolsena, TRA Allegato A) alla deliberazione G.M. n 35/2011 Convenzione tra il Comune di Bolsena ed i medici veterinari liberi professionisti direttori sanitari o titolari di struttura per l attuazione del progetto

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 77 DEL 25.11.2009 Art. 1 Strutture e finalità

Dettagli

Allegato alla delibera della Giunta Municipale di data 31.03.2015 n. 1500

Allegato alla delibera della Giunta Municipale di data 31.03.2015 n. 1500 Allegato alla delibera della Giunta Municipale di data 31.03.2015 n. 1500 IL SINDACO Adalberto Mosaner IL SEGRETARIO GENERALE Lorenza Moresco SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI RIVA DEL GARDA E L'ASSOCIAZIONE

Dettagli

Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013

Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013 Comune di Novara Determina Ambiente e protezione civile/0000066 del 11/12/2013 Area / Servizio Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proponente

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Sarsina e l Ente Nazionale Protezione. Animali per l attuazione di un programma finalizzato al contenimento

Convenzione tra il Comune di Sarsina e l Ente Nazionale Protezione. Animali per l attuazione di un programma finalizzato al contenimento Rep. n. 3531 Repubblica Italiana C O M U N E D I S A R S I N A Provincia di Forlì-Cesena Convenzione tra il Comune di Sarsina e l Ente Nazionale Protezione Animali per l attuazione di un programma finalizzato

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (VET/07/86072) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamate: la legge 20 luglio 2004, n. 189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,nonché di impiego degli stessi

Dettagli

Allegato C Regolamento volontari canile/gattile

Allegato C Regolamento volontari canile/gattile Allegato C Regolamento volontari canile/gattile REGOLAMENTO VOLONTARI CANILE/GATTILE OGGETTO ARTICOLO 1 Il presente Regolamento disciplina le procedure di accesso e le modalità di esercizio dell attività

Dettagli

SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO ********************** DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLA RINUNCIA DI CANI DI PROPRIETA E MODALITA DI INGRESSO AL CANILE INTERCOMUNALE. ********************** Approvato

Dettagli

Premesso: Comune di Casalecchio di Reno. Servizi al Cittadino Il Dirigente. tel. 051 598 394 fax 051 598 200 escoccati@comune.casalecchio.bo.

Premesso: Comune di Casalecchio di Reno. Servizi al Cittadino Il Dirigente. tel. 051 598 394 fax 051 598 200 escoccati@comune.casalecchio.bo. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Servizi al Cittadino Il Dirigente L'anno 2010, il giorno del mese di, in Casalecchio di Reno, nella Residenza Municipale, con

Dettagli

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 agosto 1991 1. Princìpi generali 1. Lo Stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE RIFUGIO DEL CANE DELLA BASSA TREVIGIANA Comuni di: Roncade, Breda di Piave, Carbonera, Casale Sul Sile, Casier, Maserada sul Piave, Mogliano Veneto, Ponte di Piave, Preganziol, San Biagio di Callalta,

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1751 del 14 agosto 2012 pag. 1/5 LINEE GUIDA PER L IDENTIFICAZIONE DEI CANI MEDIANTE MICROCHIP (ANAGRAFE CANINA) Principi generali Il microchip è un

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 20/12/2008 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA JONICA

COMUNE DI GIOIOSA JONICA COMUNE DI GIOIOSA JONICA Via Garibaldi n. 16/18-89042 Provincia di Reggio Calabria Comando Polizia Municipale (Partita IVA 00288960800 - Tel. e Fax 0964/51537 e-mail: pmgioiosaionica1957@tiscali.it ) CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa Disciplinare contenente le modalità per l adozione dei cani ricoverati presso il canile convenzionato, erogazione contributi e accesso al canile convenzionato Progetto

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COMUNEDICACCAMO ProvinciaRegionalediPalermo VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COPIA N.95 del 25-09-2013 OGGETTO: Regolamento"Afidocanirandagi".RINVIO. L'anno duemilatredici,ilgiorno venticinquedelmesedisetembrealeore20:30eseguenti,incaccamo

Dettagli