Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile Pictet Asset Management Strategy Unit

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit"

Transcript

1 ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sulle asset class rischiose; nonostante le previsioni di una ripresa economica, la crescita non è ancora così forte da far decollare gli utili aziendali. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Manteniamo il sovrappeso delle piazze azionarie emergenti ma sottopesiamo le borse europee per ragioni di valutazione; aumentiamo a un livello neutrale la ponderazione nei mercati USA in previsione di un maggiore slancio della crescita. AZIONARIO: SETTORI Incrementiamo l allocazione alle società finanziarie, che dovrebbero beneficiare di un aumento dei tassi; riduciamo per contro il peso della sanità. REDDITO FISSO Aumentiamo al sovrappeso l esposizione al debito emergente in valuta locale, a fronte di valutazioni interessanti e di un apparente rallentamento dei rimborsi. SOTTOPESO Paesi Europa Telecomunicazioni Mid & Small Cap NEUTRALE Azioni Obbligazioni Liquidità Oro Petrolio USA Paesi Pacifico Value Beni voluttuari Beni di prima necessità Sanità Informatica Utilities Obbligazioni governative EUR Obbligazioni Infl. Linked EUR Obbligazioni Corp. Invest. Grade EUR Debito Emerg. Hard Curr. (USD) Giappone Paesi emergenti Energia Materiali Industria Finanza Obbligazioni Corp. High Yield EUR Debito Emerg. Local Currency EM Corporate SOVRAPPESO + USD VARIAZIONE MENSILE Variazione massima Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti Pictet Asset Management Strategy Unit Aggiornamento mensile per gli investitori in euro: prospettive a tre mesi Aprile 2014

2 Aggiornamento mensile Pictet Asset Management Strategy Unit Pubblicato il 31 marzo 2014 Il mercato globale Fed, Cina e Crimea smorzano l entusiamo del mercato In marzo i mercati azionari globali hanno chiuso in lieve calo. I timori legati all annessione della Crimea alla Russia, alla scarsa crescita in Cina e a una svolta intransigente della Federal Reserve hanno infatti smorzato la propensione al rischio degli investitori. I listini azionari hanno subito una correzione dopo che la nuova Presidente della Fed Janet Yellen ha paventato l ipotesi di un aumento dei tassi di interesse USA già ad aprile 2015 ovvero a circa sei mesi dalla fine del QE, spingendo i mercati a scontare un inasprimento prima del previsto (si veda grafico). Tra le piazze dei Paesi avanzati, quelle giapponesi sono state travolte da un ondata di vendite da parte degli investitori esteri in vista dell annunciato aumento dell IVA nel Paese. Anche quelle europee hanno registrato delle perdite, in quanto gli operatori hanno seguito con apprensione l evolversi delle vicende in Crimea. L annessione della penisola è stata accolta da USA e UE con una serie di sanzioni contro la Russia, oltre a provocare il taglio dell outlook del rating del Paese. Ne è conseguita una perdita a due cifre sulle borse russe, che hanno evidenziato la peggior performance da gennaio. È andata male anche sui mercati azionari cinesi, dove ha prevalso un clima di generale prudenza a fronte della svalutazione del renmimbi, seguita al raddoppio del rispettivo intervallo di trading, e dei segnali di decelerazione economica. Le piazze azionarie emergenti hanno mostrato una sorprendente tenuta in un contesto che a priori avrebbe dovuto penalizzare le asset class rischiose più di ogni altra. Abbiamo osservato una notevole dispersione nelle performance dei singoli mercati. L Indonesia ha messo a segno un rialzo di oltre il 4%, che ha fatto salire i guadagni da inizio anno a quasi il 20%. India, Messico e Brasile hanno registrato un rimbalzo grazie all apprezzamento delle rispettive valute. In termini settoriali, ha regnato un orientamento difensivo che ha premiato le utility e sfavorito i materiali, in conseguenza del calo dei prezzi delle commodity. Le aree ad alto potenziale di crescita, come biotecnologie e internet, hanno subito flessioni significative. Nei mercati fixed income dei Paesi sviluppati, si sono distinti i titoli di Stato e high yield europei, sostenuti dalla possibilità di un aumento degli stimoli da parte della BCE. IMPENNATA DEI RENDIMENTI DEI BOND A BREVE SCADENZA A FRONTE DELLE PREVISIONI DI INASPRIMENTO DEI TASSI DI INTERESSE Differenziale di rendimento, punti base, titoli di Stato USA a 5-30 anni Rendimenti obbligazionari USA a 5-30 anni Fonte: Thomson Reuters Datastream Asset allocation Esposizione azionaria neutrale alla luce di una crescita non ancora abbastanza forte Abbiamo deciso di conservare un posizionamento neutrale sulle asset class rischiose. Nonostante le previsioni di una ripresa economica nel corso dell anno negli USA come in Cina la crescita mondiale non è tuttora sufficientemente robusta da giustificare un rialzo delle stime di utile aziendali. Senza contare che nelle ultime settimane i rischi geopolitici si sono intensificati: l escalation di tensioni tra le potenze occidentali e la Russia dopo l annessione della Crimea potrebbe infatti costituire una minaccia per il recupero dell area Euro. L UE è vulnerabile in quanto importa circa il 25% del gas dalla Russia e intrattiene scambi commerciali con la Federazione pari a circa 335 miliardi di euro l anno. Continuiamo a sovrappesare il dollaro USA, poiché il costante ritiro degli stimoli monetari da parte della Fed dovrebbe sostenere il rendimento della valuta. Confermiamo il posizionamento neutrale sulle obbligazioni. I nostri indicatori del ciclo economico sono rimasti sostanzialmente invariati dallo scorso mese. L economia mondiale è in espansione, seppur a un ritmo moderato. I nostri indicatori di tendenza globali rivelano una marcata decelerazione della congiuntura statunitense (la maggior parte delle altre economie avanzate registra però una crescita superiore alla media), in gran parte ascrivibile al cattivo tempo: molte regioni hanno infatti vissuto l inverno più freddo degli ultimi trent anni. Qui, l impatto sull economia si è fatto subito sentire con un calo della crescita occupazionale, che ha recentemente trovato conferma nel Beige Book pubblicato dalla Federal Reserve. Il rallentamento degli USA sarà però temporaneo. Troviamo infatti incoraggianti i dati positivi sulla fiducia dei con- 2 BAROMETER APRILE 2014

3 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream / JPM and BoA Merrill Lynch PRINCIPALI ASSET CLASS PERFORMANCE: ASSET CLASS OBBLIGAZIONI: SPREAD ASSET CLASS MSCI Global Equities equities JPM Global Bonds bonds Indice GSCI Index GSCI USD In punti percentage percentuali points 12 Mercati EM Hard emergenti Currency in vs valuta US Treasuries forte vs Treasury USA Obbligazioni Euro Investment investment Grade vs grade Bunds in euro vs. Bund Obbligazioni Euro High Yield high vs yield Bunds in euro vs. Bund ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI E PERFORMANCE VALUTARIA MSCI Global equities JPM Global bonds GSCI Index USD ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI GLOBALI: PERFORMANCE TITOLI CICLICI E DIFENSIVI PERFORMANCE: VALUTE VS USD USA UEM EMU MERCATI EM EMERGENTI GIAPPONE JP EUR GBP CHF JPY BAROMETER APRILE

4 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream INDICATORI PROPENSIONE AL RISCHIO VARIAZIONE MENSILE Variazione massima AVVERSIONE AL RISCHIO ASSETTO NEUTRALE PROPENSIONE AL RISCHIO + Ciclo economico Liquidità Valutazione Sentiment Strategia PAM CICLO ECONOMICO: RALLENTAMENTO DELLA CRESCITA MONDIALE INDICE DELL ATTIVITÀ MONDIALE E CRESCITA DEL PIL REALE % Indice Leading tendenza index (Q/Q (Q/Q an.) an.) Indice Leading tendenza index (Y/Y) (Y/Y) Crescita World GDP PIL growth mondiale (Y/Y) (Y/Y) CRESCITA SEQUENZIALE DELL ATTIVITÀ MONDIALE (M/M) %m/m Indicatore World leading tendenza indicator mondiale Media Average (dal (since 1999) 99) LE ECONOMIE EMERGENTI RALLENTANO LA CORSA INDICATORE DI TENDENZA G10: CRESCITA M/M %m/m G10 Indicatore leading di indicator tendenza G10 Average Media (dal (since 1999) 99) %m/m INDICATORE DI TENDENZA MERCATI EMERGENTI: CRESCITA M/M %m/m EM Indicatore leading EM leading indicator tendenza indicator mercati emergenti Average Media Average (dal (since 1999) (since 99) 99) BAROMETER APRILE 2014

5 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream VALUTAZIONE: MERCATI E SETTORI AZIONARI PAESI E SETTORI REGIONI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2014E 2014E 2014E USA 8% 11% 4% 4% 14,3 15,4 2,3 1,6 2,2% Europa 10% 12% 1% 4% 12,5 13,6 1,6 1,0 3,6% UEM 12% 15% 1% 4% 12,3 13,5 1,4 0,9 3,4% Svizzera 6% 11% 3% 5% 14,6 15,7 2,3 2,1 3,2% Regno Unito 8% 9% 0% 3% 12,2 13,0 1,7 1,1 3,9% Giappone 10% 10% 3% 3% 14,1 12,9 1,1 0,6 2,0% Mercati emergenti 11% 11% 6% 7% 9,3 10,1 1,2 0,6 3,1% Asia ex Giappone 13% 12% 7% 7% 9,9 10,8 1,2 0,6 2,9% Globale 9% 11% 4% 4% 12,9 14,0 1,7 1,1 2,7% SETTORI MSCI GLOBAL CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2014E 2014E 2014E Energia 9% 6% -1% 2% 11,1 11,6 1,3 0,7 3,5% Materiali 14% 14% 4% 4% 12,5 13,7 1,5 0,9 2,9% Industria 13% 13% 4% 4% 13,7 15,0 2,0 0,8 2,6% Beni voluttuari 9% 15% 6% 6% 13,5 15,0 2,2 1,0 2,2% Beni di prima necessità 6% 10% 4% 5% 16,1 17,1 3,0 1,0 3,1% Sanità 7% 12% 7% 5% 15,6 16,9 3,1 1,8 2,2% Finanza 9% 12% 5% 6% 10,8 11,8 1,1 1,5 3,6% Informatica 12% 11% 5% 5% 13,7 14,8 2,5 1,8 1,8% Telecomunicazioni 3% 8% 3% 2% 13,3 14,2 1,9 1,2 4,7% Utility 5% 7% 2% 3% 13,6 14,4 1,3 0,8 4,2% LIQUIDITÀ: NONOSTANTE IL TAPERING, GLI STIMOLI MONETARI CONTINUANO INDICATORE DEL SENTIMENT A LIVELLI NEUTRALI DIMENSIONI DEI BILANCI DELLE BANCHE CENTRALI INDICE DEL CICLO DEL SENTIMENT PICTET Indicizzato Indexed Fed BCE ECB BOE BOJ BNS SNB Indice Pictet del Sentiment sentiment Index Pictet (LHS) (sx.) S&P 500 COMPOSITE - PRICE PRICE INDEX INDEX (RHS) (RHS) +/- 1 STD SEGNALE BUY DI SIGNAL ACQUISTO SELL SEGNALE SIGNAL DI VENDITA BAROMETER APRILE

6 PRESTITI BANCARI USA IN NETTO AUMENTO Crescita dei prestiti bancari, %, su base trimestrale, tasso annuale destagionalizzato sumatori e la ripresa dei prestiti bancari nel Paese. Ci attendiamo una crescita a un tasso annualizzato dell 1,8% nel primo trimestre e del 3,2% nel secondo. In Europa la ripresa è ancora in atto. Tuttavia, in molte economie nazionali i nostri indicatori di tendenza segnalano sì un espansione, ma a un ritmo meno sostenuto. I finanziamenti a famiglie e imprese, inoltre, continuano a diminuire e per il momento la BCE non sembra intenzionata ad affrontare il problema adottando una politica monetaria più espansiva. Dai nostri indicatori sulla crescita del Giappone emerge un quadro eterogeneo, su cui probabilmente incide l imminente aumento dell imposta sui consumi; se tale inasprimento avesse ripercussioni evidenti sulla crescita, la BoJ risponderà prolungando il quantitative easing. Anche i mercati emergenti mandano segnali contrastanti. Al rialzo di India, Indonesia e Corea del Sud si contrappone infatti la situazione in Cina, dove nel primo trimestre la crescita annualizzata potrebbe ridursi ad almeno un punto percentuale sotto il target del 7,5% fissato dal governo. Il nostro indicatore di tendenza della Cina registra una flessione da quattro mesi consecutivi; in caso di perdurante calo, prevediamo un intervento delle autorità fiscali e monetarie. Anche i nostri parametri di liquidità suggeriscono di mantenere un posizionamento neutrale sugli asset rischiosi. Detto ciò, i dati aggregati nascondono alcuni progressi compiuti dagli Stati Uniti, dove i prestiti bancari a imprese e famiglie sono in forte crescita (si veda Fonte: Thomson Reuters Datastream, Pictet Asset Management grafico). Il netto miglioramento delle condizioni creditizie, attribuibile al recupero del mercato immobiliare commerciale e all aumento dei prestiti concessi dalle banche più piccole, prelude a un accelerazione degli USA nel secondo trimestre del Lo stesso non si può dire dell Europa, dove prosegue la contrazione dei prestiti bancari. In Giappone, le condizioni creditizie ancora modeste contrastano con i persistenti stimoli monetari della BoJ. In Cina, la liquidità continua a scarseggiare a causa del rallentamento dell attività economica. Anche i nostri indicatori del sentiment si attestano a livelli generalmente neutrali. Se sui titoli azionari statunitensi il posizionamento degli investitori appare eccessivamente rialzista, su quelli nipponici sembra prevalere il trend opposto, stando agli indicatori tecnici. Ciononostante, i nostri indicatori del sentiment relativi agli asset dei mercati emergenti sono meno ribassisti. In termini di valutazioni, secondo le nostre stime le borse europee sono le più onerose. I titoli azionari dell eurozona scambiano a un P/BV simile a quello dei loro corrispettivi dei mercati emergenti, nonostante una redditività del capitale proprio (ROE) pari alla metà di quella delle piazze azionarie dei Paesi in via di sviluppo (14%). I mercati azionari emergenti sono più convenienti di molte altre regioni, poiché scambiano a un P/E di 10,1 rispetto agli utili previsti per il prossimo anno, contro il 13,6 delle borse globali. Tale valutazione appare ancora più interessante se si considera che nel lungo periodo gli utili societari dovrebbero aumentare più o meno nella stessa misura (12% annuo) sia nei mercati emergenti sia nelle piazze mondiali. 6 BAROMETER APRILE 2014

7 Allocazione azionaria regionale e settoriale Posizione ancora lunga nei mercati emergenti, ridotta in Europa e incrementata negli USA Nel nostro portafoglio regionale, sottopesiamo le borse europee, mentre aumentiamo l esposizione agli USA a un livello neutrale. Preferiamo tuttora il Giappone e i mercati emergenti. Abbiamo ridotto la ponderazione dei titoli azionari europei per ragioni di valutazione. Secondo le nostre stime, le borse europee sono le più onerose a livello globale e il posizionamento rialzista degli investitori nell asset class aumenta le probabilità di una correzione. Inoltre, la ripresa economica dell UE non si è tradotta in un rialzo degli utili aziendali, che hanno disatteso le aspettative del mercato. Le stime di consensus sugli utili europei sono più ottimiste rispetto a quelle sui risultati statunitensi (+10% quest anno e +12% nel 2015 contro il +8% e il +11% degli USA). Le società europee che generano una quota dei propri ricavi in Russia e Ucraina potrebbero però essere penalizzate, specie quelle che operano nei settori bancario, energetico e del lusso. Il giudizio sull Europa potrebbe comunque essere rivisto se la BCE adottasse misure di politica monetaria non convenzionali. Per il momento, le condizioni di liquidità sono più favorevoli negli Stati Uniti, dove la nostra esposizione è stata aumentata a livelli neutrali. Di buon auspicio è, in particolare, l aumento dei finanziamenti negli USA, che lascia presagire una ripresa dell attività economica. Il mercato azionario nipponico gode ancora di ottime prospettive a medio termine. Il Giappone è l unico Paese che ha visto un aumento delle stime degli utili; inoltre, le misure anti-deflazionistiche sembrano lentamente dare i loro frutti. L azionario emergente presenta ancora un profilo di rischio/rendimento favorevole. Le valutazioni appaiono allettanti dopo il netto calo subito a inizio anno. CINA, POSSIBILI STIMOLI DATO IL FORTE RALLENTAMENTO DELLA CRESCITA Il forte deprezzamento delle valute emergenti sosterrà gli utili degli esportatori dei Paesi in via di sviluppo. Il sentiment nei confronti delle piazze emergenti sembra inoltre essersi stabilizzato, a fronte della relativa resistenza di questi mercati a potenziali shock come l aumento dei tassi di interesse USA, il rallentamento della Cina e le tensioni geopolitiche tra Russia e Occidente. Un accelerazione della crescita globale e nuove misure di stimolo da parte della Cina dovrebbero creare le condizioni propizie per una sovraperformance dei mercati emergenti rispetto a quelli dei Paesi avanzati. Come si evince dal grafico, l attività economica cinese ha subito una brusca frenata; a nostro avviso, in questo trimestre la crescita dovrebbe scendere sotto il 7% annuo, provocando la reazione delle autorità. Il nostro giudizio positivo è però formulato su base selettiva. Siamo più orientati verso i Paesi senza problemi di finanziamento, con valutazioni interessanti e con la flessibilità necessaria per ricorrere a stimoli fiscali e monetari. È il caso di Russia e Cina. Questi due mercati offrono un ROE più elevato rispetto a quasi tutte le altre PMI cinese NBS (sx) PMI cinese HSBC/Markit (sx) Produzione industriale (dx) % su base annua Fonte: Thomson Reuters Datastream, CEIC, Pictet Asset Management piazze emergenti (quasi 14% per la Russia e 16% per la Cina), ma scambiano a un P/BV assai inferiore alla media EM. Confermiamo inoltre il sovrappeso dei Paesi di qualità elevata, dove i trend strutturali positivi alimenteranno la crescita. Fra questi figurano Messico e Filippine, nonostante siano scambiati a premio rispetto ai mercati globali. In termini di allocazione settoriale, aumentiamo al sovrappeso l esposizione ai settori finanziari, per beneficiare di un eventuale rialzo delle previsioni dei tassi e di un incremento dei prestiti bancari negli USA. Prediligiamo tuttora le aree cicliche, che dovrebbero essere favorite da un aumento degli investimenti tecnici; la nostra preferenza trova espressione nella sovraponderazione del settore energetico, materiali e industria. Per finanziare tali operazioni, abbiamo ridotto le partecipazioni nel settore della sanità, un settore oneroso e sensibile a eventuali variazioni del sentiment dopo i significativi ribassi subiti dalle grandi società biotech. Le telecomunicazioni restano la nostra principale sottoesposizione. BAROMETER APRILE

8 Pictet Asset Management Via Fratelli Gabba, 1/A Milano Reddito fisso Sovrappesiamo i bond emergenti in valuta locale dopo il sell-off Il profilo di rischio-rendimento delle divise e dei bond in valuta locale dei mercati emergenti continua a migliorare in seguito a un lungo sell-off. Di conseguenza, abbiamo ampliato al sovrappeso il posizionamento neutrale nel debito emergente in valuta locale, mentre abbiamo ridotto a un sottopeso la posizione nei corrispettivi titoli in dollari americani. Tale operazione è giustificata da una serie di fattori. I nostri modelli relativi alle divise emergenti segnalano una flessione delle valutazioni a livelli ormai in netto contrasto con i fondamentali di queste economie. Il modello di equilibrio dei tassi di cambio (contro USD) prende in considerazione le partecipazioni estere nette, il tasso di inflazione e la produttività relativa di un Paese. Su tale base, riteniamo che in media le valute emergenti scambino ad almeno due deviazioni standard al di sotto del loro livello di equilibrio (si veda grafico). Altrettanto incoraggiante è il quadro dei rendimenti dei bond in valuta locale. Con il recente aumento e in alcuni casi, l impennata dei rendimenti, l asset class ha acquisito caratteristiche decisamente positive, in quanto offre rendimenti tra i più elevati nell universo fixed income globale a fronte di una duration tra le più basse (superiore solo a quella delle obbligazioni high yield globali): un accoppiata vincente in un periodo di potenziale rialzo dei rendimenti obbligazionari USA. I trend sono positivi anche sotto il profilo tecnico. Negli ultimi mesi, i deflussi dalle piazze obbligazionarie emergenti in valuta locale si sono attenuati e gli investitori istituzionali hanno iniziato a rafforzare le posizioni nell asset class. I nostri mercati preferiti sono il Brasile, che offre valutazioni allettanti, e la Cina, che a nostro parere beneficerà di un imminente allentamento monetario. Manteniamo inoltre il sovrappeso dei bond high yield europei. Le obbligazioni speculative offrono ancora un rendimento che compensa ampiamente il rischio di default. Secondo Fitch Ratings, il tasso di default degli emittenti high yield globali è sceso sotto il 2%, contro la media decennale del 13%. Prevediamo che i tassi rimarranno contenuti in una prospettiva storica: i costi di finanziamento non dovrebbero aumentare e le società continueranno probabilmente ad attuare una rigorosa gestione di bilancio. Il contesto monetario, inoltre, è favorevole all high yield europeo. Se nell immediato la BCE è restia a un ulteriore allentamento, in futuro potrebbe optare per una politica più accomodante per contrastare gli effetti negativi di un eventuale aumento dei tassi di interesse USA. Conserviamo una posizione di duration lunga in quanto il costante ritiro degli stimoli monetari della Fed dovrebbe portare a un rapido calo delle attese inflazionistiche del mercato, che innescherebbe un rally dei bond a lunga scadenza. Per il secondo semestre dell anno, prevediamo una risalita dei rendimenti dei titoli di Stato dei Paesi avanzati. Olivier Ginguené, Chairman Pictet Asset Management Strategy Unit Luca Paolini, Chief strategist Pictet Asset Management LE VALUTE EMERGENTI SCAMBIANO AL DI SOTTO DEL LIVELLO DI EQUILIBRIO % Deviazione dall equilibrio Valute 20 +/ 1 deviazione standard emergenti sopravvalutate -2 deviazioni standard PICTET STRATEGY UNIT Valute emergenti sottovalutate Fonte: Pictet Asset Management Pictet Asset Management Strategy Unit (PSU) è il gruppo di investimento responsabile delle linee guida di asset allocation in ambito azionario e obbligazionario, nonché in materia di valute e commodity. Ogni mese, la PSU definisce una politica generale in base all analisi dei seguenti fattori: ciclo economico: indicatori di tendenza proprietari, inflazione liquidità: politica monetaria, variabili creditizie/monetarie valutazioni: premio di rischio azionario, divario di rendimento, multipli e dati storici aspettative: indice del sentiment Pictet (indagini fra gli investitori, indicatori tattici) Il presente materiale è destinato esclusivamente agli investitori professionali. Esso non è comunque concepito per la distribuzione a persone o entità aventi cittadinanza o residenza in una località, Stato, paese o altra giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo sono in contrasto con norme di legge o regolamentari. Le informazioni utilizzate per la preparazione del presente documento sono basate su fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o completezza. Tutte le opinioni, stime e previsioni sono suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza preavviso. Si invitano gli investitori a leggere il prospetto informativo o il memorandum d offerta prima di effettuare sottoscrizioni nei fondi gestiti da Pictet. Il trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale di ciascun investitore e può essere soggetto a cambiamenti in futuro. Le performance del passato non sono indicative dei rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e il reddito che ne deriva possono tanto aumentare quanto diminuire, e non sono garantiti. Potete non ottenere in restituzione l importo originariamente investito. Il presente documento è stato emesso in Svizzera da Pictet Asset Management SA, e nel resto del mondo da Pictet Asset Management Limited, società autorizzata e soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority, e non può essere riprodotto o distribuito, in tutto o in parte, senza la loro preventiva autorizzazione. Per gli investitori britannici, le SICAV multicomparto Pictet e Pictet Total Return domiciliate in Lussemburgo sono considerate «recognized collective investment schemes» ai sensi della section 264 del Financial Services and Markets Act I fondi svizzeri di Pictet, autorizzati per la distribuzione unicamente in Svizzera ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale, sono considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Il Gruppo Pictet gestisce hedge funds, fondi di hedge funds e fondi di fondi di private equity non autorizzati per la distribuzione al pubblico nell ambito dell Unione Europea e considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Per gli investitori australiani, Pictet Asset Management Limited (ARBN ) è esonerata dall obbligo di possedere una licenza per i servizi finanziari australiani ai sensi del Corporate Act Per gli investitori statunitensi, la vendita di azioni negli Stati Uniti o a US Persons avverrà unicamente tramite collocamento privato ad «accredited investors» in base all esenzione dalla registrazione presso la SEC ai sensi della section 4(2) e della Regulation D Private placement exemptions della legge del 1933 nonché ai clienti qualificati secondo la definizione della legge del Le azioni dei fondi Pictet non sono state registrate ai sensi della legge del 1933 e pertanto, ad eccezione delle transazioni non in contrasto con la legislazione statunitense in materia di titoli, esse non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti o a US Persons. Le società di gestione di fondi d investimento del Gruppo Pictet non saranno registrate ai sensi della legge del Copyright 2014 Pictet - Emesso a Febbraio BAROMETER APRILE 2014

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sull azionario in vista del primo rialzo dei tassi di interesse statunitensi e riduciamo l esposizione obbligazionaria a un sottopeso in ragione

Dettagli

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo una posizione di sovrappeso sul mercato azionario alla luce dell accelerazione congiunturale e degli ingenti stimoli monetari; aumentiamo la ponderazione dei titoli obbligazionari

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica.

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica. ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario alla luce di una ripresa economica sempre più solida in tutti i Paesi avanzati, con effetti positivi per gli utili delle aziende. AZIONARIO:

Dettagli

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo la posizione di sovrappeso sull azionario, contando sul proseguimento della ripresa economica alimentata dagli stimoli monetari. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO

Dettagli

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti.

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti. ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un posizionamento neutrale nelle asset class rischiose; confermiamo il sottopeso dei bond, poiché il calo dei rendimenti obbligazionari appare insostenibile. AZIONARIO: REGIONI

Dettagli

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Riduciamo l esposizione azionaria a livello neutrale e aumentiamo il peso della liquidità poiché i nostri indicatori suggeriscono possibili pressioni sugli asset rischiosi. AZIONARIO:

Dettagli

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un giudizio positivo sulle azioni per via dell accelerazione congiunturale e delle prospettive di un ulteriore sostegno monetario da parte delle banche centrali; abbiamo

Dettagli

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit SOTTOPESARE NEUTRALE SOVRAPPESARE + CAMBIAMENTO MENSILE Massimo cambiamento ASSET CLASS GLOBALI Ridimensioniamo l esposizione azionaria, passando al sottopeso, e aumentiamo la liquidità. Ci attendiamo

Dettagli

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Nonostante il rimbalzo dei mercati dopo il difficile periodo estivo, per ora abbiamo evitato di aumentare il rischio, in attesa di segnali di migliori prospettive per gli utili aziendali.

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Dopo il crollo subito in agosto e settembre, le valutazioni ci sembrano allettanti, ma aspettiamo un segnale di acquisto più forte sul mercato azionario. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo un giudizio positivo sul mercato azionario dato il continuo miglioramento delle condizioni economiche; i titoli obbligazionari restano sottopesati per motivi di valutazione.

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Nel breve termine manteniamo un allocazione neutrale ad azioni e obbligazioni, in attesa della conferma di un graduale rialzo dei tassi di interesse USA e di una ripresa degli utili.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Riservato agli investitori professionali Asset Allocation Mensile Aprile 2016 ASSET ALLOCATION IN SINTESI Joost van Leenders, CFA, Chief economist, Multi Asset Solutions joost.vanleenders@bnpparibas.com

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Febbraio 2015 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI QE della BCE al momento giusto, economia in miglioramento La crescita USA non è così debole da ritardare il rialzo dei tassi della Fed

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli