A relazione dell'assessore Pentenero:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A relazione dell'assessore Pentenero:"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE BU5 04/02/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2015, n L.r. 28/2007, art. 21. Rinnovo della convenzione tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico Regionale, il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d'aosta per la realizzazione del progetto "Percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari". Anno 2015 (A.s. 2015/2016). A relazione dell'assessore Pentenero: Dato atto che la Regione Piemonte, nell ambito della proprie politiche sull istruzione, definite con la legge regionale , n. 28 (Norme sull istruzione, il diritto allo studio e la libera scelta educativa), promuove e sostiene la realizzazione di progetti di ampliamento dell offerta formativa da realizzarsi nelle scuole del proprio territorio; visto il Piano triennale di interventi in materia di istruzione, diritto allo studio e libera scelta educativa per gli anni , approvato dal Consiglio regionale con D.C.R. n del 29/12/2011, prorogato per l anno 2015 con l art. 21 della l.r. 9/2015 e per l anno 2016 con la deliberazione legislativa Disposizioni collegate alla manovra finanziaria per l anno 2015 approvata dal Consiglio regionale il 16 dicembre 2015, di seguito denominato Piano triennale ; rilevato che, nell ambito delle Azioni volte a garantire e migliorare i livelli di qualità dell offerta formativa ed educativa, il Piano triennale prevede l attivazione di progetti di sperimentazione organizzativa didattica ed educativa e per l ampliamento dell offerta formativa (art. 21 e art. 4, comma 1, lett. g della L.R. 28/2007); rilevato altresì che, nel medesimo ambito, il Piano triennale di cui sopra prevede che i protocolli interistituzionali in atto al momento dell approvazione dello stesso relativi ad azioni educative e didattiche possano essere rinnovati previa valutazione dei risultati raggiunti; dato atto che la Regione Piemonte e l Ufficio Scolastico Regionale da tempo svolgono azioni congiunte per contrastare il verificarsi nelle scuole di comportamenti a rischio e per promuovere comportamenti socialmente costruttivi; vista la convenzione fra la Regione Piemonte, l Ufficio Scolastico Regionale, il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d'aosta per la realizzazione del progetto denominato Percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari approvata con determinazione dirigenziale n. 721 del 27/11/2009 per il triennio 2009/2010, 2010/2011 e 2011/2012 e rinnovata con determinazione dirigenziale n. 703 del 30/11/2012 per il triennio 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015; rilevato che lo scopo di tale iniziativa è stato quello di creare un percorso educativo di recupero che permettesse agli studenti sospesi dalla scuola di risarcire il danno recato attraverso lo svolgimento di attività socialmente utili, contribuendo alla responsabilizzazione degli allievi, alla diffusione del volontariato fra i giovani, realizzando nuove forme di collaborazione scuola famiglia; considerato che il progetto realizzato negli ultimi anni scolastici ha avuto esiti estremamente positivi, con l attivazione annuale di circa 228 percorsi in oltre 90 scuole su tutto il territorio piemontese;

2 viste le valutazioni espresse dai docenti delle scuole coinvolte (agli atti presso gli uffici del settore Politiche dell Istruzione), in cui si evidenziano le significative ricadute comportamentali sugli alunni partecipanti all iniziativa; considerato, inoltre, che tale attività è stata inserita fra gli interventi promossi dall Ufficio Scolastico Regionale nell ambito dell Osservatorio Regionale sul bullismo; dato atto che il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d Aosta, con Nota agli atti degli uffici del Settore Politiche dell Istruzione della Direzione Regionale Coesione Sociale, ha manifestato la propria disponibilità a proseguire l attuazione del progetto in questione, prevedendo altresì un ulteriore ampliamento dell offerta sul territorio piemontese di tale iniziativa per l anno scolastico 2015/2016; ritenuta pertanto, anche alla luce dei risultati conseguiti, l opportunità di rinnovare la convenzione fra la Regione Piemonte, l Ufficio Scolastico Regionale e il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d'aosta per la realizzazione del progetto denominato Percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari approvata con determinazione dirigenziale n. 721 del 27/11/2009 per il triennio 2009/2010, 2010/2011 e 2011/2012 e poi rinnovata con determinazione dirigenziale n. 703 del 30/11/2012 per il triennio 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015, vigente al momento dell approvazione del Piano triennale; ritenuto, infine, di destinare per il suddetto rinnovo risorse pari a euro ,00, che trovano copertura finanziaria sul capitolo del bilancio regionale per l anno 2015 (DGR di assegnazione). Visto il D.Lgs n. 165/2001 e s.m.i; vista la L.R. n. 23/2008 e s.m.i.; vista la legge regionale 15 maggio 2015, n. 10; vista la legge regionale 28 dicembre 2007, n. 28; la Giunta regionale, a voti unanimi espressi nei modi di legge, delibera - di rinnovare la convenzione fra la Regione Piemonte, l Ufficio Scolastico Regionale e il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d'aosta per la realizzazione del progetto denominato Percorsi alternativi alle sanzioni disciplinari, stabilendo di - di destinare a tal fine risorse pari a euro ,00 che trovano copertura finanziaria sul capitolo del bilancio regionale per l anno 2015 (DGR di assegnazione); - di demandare al Direttore della Direzione Coesione Sociale l adozione degli atti e dei provvedimenti necessari per l approvazione e la sottoscrizione del rinnovo della suddetta convenzione. La presente deliberazione sarà pubblicata sul B.U. della Regione Piemonte ai sensi dell art. 61 dello Statuto e dell art. 5 della l.r. 22/2010 nonché ai sensi dell art. 23, lettera d, del d.lgs. 33/2013 nel sito istituzionale dell Ente, nella sezione Amministrazione trasparente. (omissis) Allegato

3 Convenzione per l attuazione Percorsi formativi alternativi alle sanzioni disciplinari a.s.2015/2016 TRA La Regione Piemonte L Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d Aosta PREMESSO CHE: - La legge regionale 28/2007 all art 21 prevede che la Regione Piemonte destini specifici stanziamenti di risorse per la realizzazione di progetti di sperimentazione organizzativa, didattica ed educativa.; - la Regione Piemonte e l Ufficio Scolastico Regionale da tempo svolgono azioni congiunte per contrastare il verificarsi nelle scuole di comportamenti a rischio e per promuovere comportamenti socialmente costruttivi - L attività fino ad ora realizzata è stata principalmente rivolta agli allievi della scuola primaria. - E stata valutata l opportunità, anche facendo riferimento ai recenti episodi di mancato rispetto della persona, verificatisi negli istituti secondari di secondo grado piemontesi di prevedere azioni mirate anche alle scuole secondarie. RITENENDO CHE: - La correzione di azioni e comportamenti contrari alla dignità della persona o degli ambienti in cui commessi non avvenga solo attraverso un sentito pentimento, fondamentale atto morale di partenza per una corretta presa di coscienza della propria responsabilità rispetto alla propria condotta personale, ma anche e soprattutto attraverso la partecipazione ad un percorso educativo di recupero, che permetta a ciascun individuo di risarcire il danno recato alla società e di reinserirsi pienamente in essa; TUTTO CIO PREMESSO TRA: - La Regione Piemonte (C.F ) rappresentata dal Direttore della Direzione Coesione Sociale dr. Gianfranco Bordone domiciliato ai fini della presente convenzione presso la sede regionale di via Magenta 12, Torino - L Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte ( ) rappresentata dal Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte dr. Fabrizio Manca e domiciliato ai fini della presente convenzione presso la sede della Direzione Generale Regionale per il Piemonte in Corso Vittorio Emanuele 70, Torino - Il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle D'Aosta (c.f ) rappresentato dal presidente Luca Stefanini, domiciliato per la carica presso il Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d Aosta, Corso Rosselli 93, Torino 1

4 SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: ART.1 - OGGETTO La Regione Piemonte, l Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte ed il Forum del Volontariato si impegnano a collaborare per la realizzazione del progetto denominato Percorsi formativi alternativi alle sanzioni disciplinari : Creando un percorso educativo di recupero che permetta a ciascun studente di risarcire il danno recato attraverso lo svolgimento di attività socialmente utili; contribuendo al processo di responsabilizzazione e di crescita degli allievi favorendo la conoscenza fra i giovani delle attività delle organizzazioni di volontariato; realizzando nuove forme di comunicazione tra scuole, famiglia, territorio al fine di assicurare continuità al processo educativo; creando un modello sperimentale di metodologia didattica e di tecnologia esportabile; esplorando possibili soluzioni alternative anche in ambito di bullismo ART. 2 - Finalità Il progetto, che mira a creare per i ragazzi degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, soggetti a sospensione scolastica, percorsi personali di educazione civica e di assunzione di responsabilità con la realizzazione dei seguenti obiettivi: allargare le collaborazioni tra le scuole ed il mondo del volontariato per attivare percorsi per i ragazzi che hanno avuto comportamenti scorretti; aiutare l assunzione di stili di comportamento positivi attraverso i valori della solidarietà; contribuire alla formazione nei giovani di una coscienza solidale e responsabile; promuovere quest esperienza educativa, come occasione per sviluppare strumenti e competenze sociali, relazionali ed organizzative in un futuro lavorativo; partecipare ad eventi del territorio; potenziare le competenze dei Docenti ad operare in contesto collaborativo e virtuale; formare i tutor delle organizzazioni di volontariato ad accogliere i giovani ed a trasmettere i valori di una cittadinanza attiva. ART. 3 - ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO Il progetto ha durata annuale dovrà prevedere le seguenti azioni. 1. Consolidamento delle attività sulle province del Piemonte già avviate. 2. Ampliamento del numero dei protocolli d intesa con gli Istituti interessati e le organizzazioni di Volontariato di tutte le province piemontesi 3. Stesura di collaborazione con i Centro Servizi per il Volontariato del Piemonte 4. Realizzazione di un convegno ad inizio o a fine anno scolastico in cui si presentano i risultati e le testimonianze degli studenti, dei docenti e dei volontari coinvolti ART.4 GRUPPO DI LAVORO E costituito un gruppo di lavoro composto da 2 rappresentati per ciascuno dei firmatari della presente convenzione con il compito di monitorare, valutare l esperienza svolta al fine di proporre l eventuale prosecuzione e le modalità di diffusione dei risultati raggiunti. La partecipazione da parte dei rappresentanti sopra indicati al Gruppo di lavoro, non comporta diritto ad alcuna indennità, ne rimborso a qualunque titolo. 2

5 Art. 5 IMPEGNI DELLA REGIONE PIEMONTE La Regione Piemonte partecipa alla fase progettuale del progetto, diffonde la conoscenza del progetto, divulga attraverso il proprio sito i materiali prodotti. Per l anno scolastico 2015/2016 la Regione Piemonte si impegna a corrispondere al Forum Interregionale Permanente del Volontariato Piemonte e Valle d Aosta per la realizzazione del progetto la somma di Euro ,00. Le modalità di rendicontazione della somma così attribuita saranno definite dalla Direzione Coesione Sociale Settore Politiche dell Istruzione. ART. 7 IMPEGNI DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Alla luce di quanto citato nella L.107/2015 art1 commi 1, 2, 7- lettera d, m, 14 punto 5, l Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte si propone di: 1. affermare il ruolo centrale della scuola quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva (art1 c1) 2. valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore (art1 c7-m) 3. creare una comunità di interesse per sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, il sostegno dell'assunzione i responsabilità nonché della solidarietà (art1 c7-d) 4. sostenere l'istituzione scolastica nella programmazione triennale dell'offerta formativa con il pieno coinvolgimento delle istituzioni e delle realtà locali (art1 c2) 5. sostenere il dirigente scolastico nella predisposizione del piano triennale dell'offerta formativa nella promozione di necessari rapporti con gli enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti nel territorio (art1 c14) 6. promuovere la diffusione del percorso educativo di recupero proposto dal Forum del volontariato a favore delle scuole piemontesi. ART.8 IMPEGNI DEL FORUM INTERREGIONALE PERMANENTE DEL VOLONTARIATO PIEMONTE E VALLE D'AOSTA Il Forum del volontariato si impegna a: 1. a cooprogettare con tutti i firmatari del presente atto il progetto denominato Percorsi formativi alternativi alle sanzioni disciplinari ed a curarne tutte le fasi realizzative 2. realizzare il progetto come definito nell art.3 della presente convenzione ART. 10 VARIAZIONI Ogni variazione della presente convenzione dovrà essere concordata per iscritto tra le parti. ART DURATA DELLA CONVENZIONE La presente convenzione ha durata annuale con decorrenza dalla stipula della convenzione e può essere rinnovato solo su richiesta esplicita di una o di tutte le parti. letto, confermato e sottoscritto. Torino, 3

6 Direzione Coesione Sociale della Regione Piemonte Gianfranco Bordone Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Fabrizio Manca Forum del Volontariato del Piemonte e Valle d Aosta Luca Stefanini 4

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 12-6831 Approvazione progetto "Sportello delle fragilita'" e approvazione convenzione 2013-2015 tra la Regione Piemonte

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU12S1 26/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 marzo 2015, n. 19-1217 DPR 20 marzo 2009, n. 81, DPR 20 marzo 2009, n. 89, DCR n. 10-35899 del 4 novembre 2014. Programmazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

il PRSS individua tra le misure da attuare per il miglioramento della sicurezza stradale le seguenti azioni:

il PRSS individua tra le misure da attuare per il miglioramento della sicurezza stradale le seguenti azioni: REGIONE PIEMONTE BU1 05/01/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 28 novembre 2011, n. 117-3019 Approvazione dello schema di Protocollo di Intenti fra la Regione Piemonte e la Fondazione A.N.I.A. (Associazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Cirio: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cirio: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU7 13/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 febbraio 2014, n. 16-7094 L.R.28/07, art.21. Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno

Dettagli

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche;

vista la legge 15.3.1997, n. 59, con la quale si attribuiscono autonomia e personalità giuridica alle istituzioni scolastiche; REGIONE PIEMONTE BU8 26/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 febbraio 2015, n. 19-1085 Approvazione schema di Accordo triennale con l'u.s.r. per il Piemonte per la realizzazione a partire dagli

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro. Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo

Alternanza Scuola Lavoro. Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo Alternanza Scuola Lavoro Un opportunità per valorizzare e caratterizzare i l nostro liceo Riferimenti normativi Indicazioni europee; Normativa nazionale: L.196/97, Reg.142/98, (stage e tirocini formativi)

Dettagli

Vista la legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro ;

Vista la legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro ; REGIONE PIEMONTE BU39 01/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 settembre 2015, n. 2-2104 L.r. 34/2008 e s.m.i., art. 42, comma 1. Servizi di accompagnamento ed assistenza tecnica a favore dell'autoimpiego

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani e Conservatorio di Musica di Stato di Trapani Antonio Scontrino PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE PIEMONTE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto REGIO NE DELVENETO CONFINDUSTRIA Veneto PROTOCOLLO D'INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (di seguito denominato

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 Codice DB1906 D.D. 24 ottobre 2014, n. 234 Approvazione Protocollo d'intesa tra la Direzione Politiche Sociali e politiche per la famiglia e l'organizzazione Federazione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 14-05-2012 (punto N 30 ) Delibera N 404 del 14-05-2012 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 OGGETTO: Tempo libero in estate: "Animazione degli spazi urbani realizzata da gruppi formali ed informali di giovani".

Dettagli

PROTOTOLLO D INTESA FRA

PROTOTOLLO D INTESA FRA RGION PUGLIA MIUR PROTOTOLLO D INTSA FRA RGION PUGLIA UFFICIO SCOLASTICO RGIONAL PR LA PUGLIA CNTRO SRVIZI VOLONTARIATO NT PUGLIA 1/5 PROTOCOLLO DI INTSA TRA LA RGION PUGLIA ASSSSORATO AL WLFAR L UFFICIO

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA Il Prefetto di Catania rappresentato dalla Dott.ssa Anna

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA Comma 1 (finalità della legge): affermare il ruolo centrale della scuola nella societa della conoscenza innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA fra la Città di Torino e l Ufficio scolastico territoriale di Torino per lo sviluppo dei tirocini formativi e l avvicinamento all attività di alternanza scuola-lavoro L Ufficio scolastico

Dettagli

ACCORDO DI RETE 2013-2014

ACCORDO DI RETE 2013-2014 prot. n. 2260/c9 ACCORDO DI RETE 2013-2014 Premesso che: il DPR n. 275/1999 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche promuove la costituzione di reti di scuole, sulla

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte PROTOCOLLO DI INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Associazione Italiana Fisioterapisti Piemonte Valle d

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che:

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 29-5083 Approvazione del Protocollo d'intesa Regione Piemonte - Universita' degli Studi di Torino per le Scuole

Dettagli

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Direzione Generale CONVENZIONE in tema di Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI, SCUOLA & VOLONTARIATO. tra

PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI, SCUOLA & VOLONTARIATO. tra PROTOCOLLO D INTESA GIOVANI, SCUOLA & VOLONTARIATO tra Ufficio scolastico provinciale, Provincia di Rovigo, Assessorato alle Politiche Sociali, e Assessorato alla Pubblica Istruzione e Associazione Polesine

Dettagli

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione Nota informativa n. 5 Febbraio 2015 Direzione Processo legislativo Unità organizzativa Qualità della normazione e valutazione delle politiche A cura di Fabrizio d Alonzo e Andrea Stroscio Il servizio civile

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

entro il termine del 20.11.2015, fissato nella lettera d invito, è regolarmente pervenuta l offerta della Società sopra indicata;

entro il termine del 20.11.2015, fissato nella lettera d invito, è regolarmente pervenuta l offerta della Società sopra indicata; REGIONE PIEMONTE BU50 17/12/2015 Codice A1509A D.D. 1 dicembre 2015, n. 949 POR-FSE 2014/20, Asse I - occup. OT 08 - Priorita' d'investimento 8iv. Procedura negoziata - art. 57,c. 5,lett. b), D.Lgs.163/06

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

- di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione

- di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione 2405 - di trasmettere, a cura del Servizio Programmazione e Politiche dei Fondi Strutturali, il presente provvedimento alle Aree vaste interessate e al Responsabile della Linea di intervento 2.5; - di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra USR PER IL PIEMONTE REGIONE PIEMONTE - ASSESSORATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE UNIONE PROVINCE PIEMONTESI (UPP) ANCI PIEMONTE CITTÀ DI TORINO PROVINCIA DI TORINO UNIONCAMERE

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

atteso che il provvedimento di cui al punto precedente prevede la partecipazione dei seguenti Enti:

atteso che il provvedimento di cui al punto precedente prevede la partecipazione dei seguenti Enti: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB1111 D.D. 17 giugno 2014, n. 536 Rinnovo dell'atto di Intesa con il Dipartimento di Scienze Veterinarie dell'universita' degli Studi di Torino per l'attivita'

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Prot. n. 12-9813/2014 Oggetto: Elenco degli Istituti professionali che realizzano i percorsi di qualifica triennale nell a.s. 2014/2015

Dettagli

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi;

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi; ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO per le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione Lazio, per la presentazione di progetti rispondenti alle priorità di cui al punto 6.1 dell Allegato alla

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Università e Ricerca, confermata dal Dirigente dell Ufficio riferisce quanto segue: A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge,

Università e Ricerca, confermata dal Dirigente dell Ufficio riferisce quanto segue: A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge, 15482 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 25-05-2011 A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge, DELIBERA - DI FARE PROPRIA la relazione dell Assessore alla Qualità del Territorio,

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU2 14/01/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 14 dicembre 2015, n. 16-2596 Approvazione dello schema di accordo, ai sensi dell'art. 15 L.241/90 e art.22 L.r. 14/2014, tra la Regione

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU22 30/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 10 maggio 2013, n. 3-5763 L.R. 75/95 e s.m.i, art 8 bis. Approvazione del programma regionale di lotta alle zanzare e affidamento all'istituto

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che:

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 27-1124 Protocollo d'intesa fra la Regione Piemonte e la Citta' di Collegno per lo sviluppo di un centro di residenza,

Dettagli

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015;

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015; REGIONE PIEMONTE BU29S1 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 giugno 2015, n. 16-1645 Riordino delle giacenze di cassa presso Finpiemonte S.p.A. relative ai fondi di competenza della Direzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI n. 990 dell 1 ottobre 2015 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre 1996 e successive modificazioni che

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 3478 23/04/2014 Identificativo Atto n. 214 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL INIZIATIVA GENITORI

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell' Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell' Istruzione e della Formazione Professionale MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 20-1673 L.R. 24/2009, articolo 2 - L.R. 6/1977, articoli 1 lett. c) e 4, primo comma. Adesione della Regione Piemonte

Dettagli

- il D.P.R. del 15 marzo 2010, n. 87 Regolamento per il riordino degli istituti professionali ;

- il D.P.R. del 15 marzo 2010, n. 87 Regolamento per il riordino degli istituti professionali ; OGGETTO: DEFINIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DELLE ARTICOLAZIONI E DELLE OPZIONI DEGLI ISTITUTI TECNICI E DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI DELLE AUTONOMIE SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROGETTO PRISMA PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA DELLE RELAZIONI D AIUTO, PROMOZIONE

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

CONVENZIONE TRA. la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da.

CONVENZIONE TRA. la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da. CONVENZIONE TRA la Giunta Regionale della Toscana con sede legale in Firenze, piazza Duomo n. 1, rappresentata da. E L'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana con sede legale in Firenze, via Mannelli

Dettagli

Direzione generale per lo studente

Direzione generale per lo studente Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente Prot. n. 6811/A0 Roma, 12 dicembre 2006 Sedi Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

CITTÀ DI PIOSSASCO Provincia di Torino

CITTÀ DI PIOSSASCO Provincia di Torino CITTÀ DI IOSSASCO rovincia di Torino ORIGINALE C O I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 59 Oggetto: Approvazione rotocollo di intesa tra comune di Torino e enti dell`area metropolitana

Dettagli

L'Apprendistato di I e III livello nella disciplina della Regione Piemonte

L'Apprendistato di I e III livello nella disciplina della Regione Piemonte L'Apprendistato di I e III livello nella disciplina della Regione Piemonte Dal d.lgs. n. 276/2003 al nuovo Testo Unico d.lgs. n. 167/2011 di Umberto Buratti L'Apprendistato di I livello L'articolo 48 del

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE ALLEGATO 1 ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE per la realizzazione di un offerta sussidiaria di percorsi di istruzione e formazione

Dettagli

Convenzione. per la realizzazione del progetto didattico denominato ...

Convenzione. per la realizzazione del progetto didattico denominato ... Prot.n. Luogo, data Convenzione tra l'istituto Scolastico... rappresentato dal Dirigente Scolastico, prof.... con sede in... Prov... cap... Via... tel...fax...e mail... (di seguito indicato come l Istituto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa per la tutela dei minori Rom, Sinti e Camminanti tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Opera Nomadi VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-10-2011 (punto N 13 ) Delibera N 877 del 17-10-2011 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E

Dettagli

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per la non discriminazione e le pari opportunità attraverso il pieno riconoscimento del diritto alla mobilità e all accessibilità PREMESSO TRA Comune di Terni Provincia di Terni l

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 8 approvata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE VENETO IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli