Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica"

Transcript

1 Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Laboratorio del corso Sicurezza dei sistemi informatici (03GSD) Politecnico di Torino AA 2014/15 Prof. Antonio Lioy preparata da: Cataldo Basile Andrea Atzeni v (10/11/2014) Scopo dell esercitazione Scopo dell esercitazione è sperimentare le procedure e le problematiche associate all uso delle diverse primitive crittografiche. L esercitazione è basata sull uso estensivo di OpenSSL (http://www.openssl.org/), una libreria crittografica rilasciata come software open-source con licenza BSD e disponibile su un ampio insieme di piattaforme, inclusi Linux e Windows. L esercitazione è essenzialmente basata sull uso di programmi funzionanti da linea di comando. OpenSSL si possono invocare varie funzioni crittografiche attraverso la shell digitando: openssl Per usare OpenSSL bisogna rispettare la seguente sintassi: openssl command [ command opts ] [ command args ] Per il corretto svolgimento di questa esercitazione sarà necessario usare i comandi: genrsa rsa pkeyutl dgst rand enc Usando Vengono di seguito riportate alcune informazioni che illustrano l utilizzo di questi comandi. Per le opzioni di base dei comandi enc e dgst fate riferimento all esercitazione di laboratorio numero 2 ed alle relative soluzioni. Per la lista completa delle opzioni ed una descrizione dettagliata dei comandi visionare le relative pagine man. Eventuali file e programmi necessari allo svolgimento dei singoli esercizi sono disponibili scaricando l archivio lioy/03gsd/03gsd_1415_lab03_materiale.zip. openssl genrsa Innanzitutto sarà necessario generare delle chiavi RSA. Questo può essere fatto mediante il comando genrsa: openssl genrsa [-out file out] [numbits] in cui: -out file out, salva le chiavi generate (pubblica e privata) nel file file out; numbits, la lunghezza in bit del modulo. Nota: quando il man di OpenSSL parla di chiave privata, intende solitamente l insieme di chiave privata e chiave pubblica; sono infatti entrambe contenute nella stessa struttura dati. Volendo, le componenti private di una chiave RSA potrebbero essere conservate separatamente da quelle pubbliche, ma ciò non ha molto senso, è meno efficiente dal punto di vista computazionale e viene fatto raramente (cfr. lo standard PKCS#1). 1

2 openssl rsa Per gestire e manipolare chiavi RSA, si può usare il modulo rsa: openssl rsa [-in file input] [-out file out] [-text] [-pubin] [-pubout] [-noout] in cui: -in file input, specifica il file di input (contenente una chiave pubblica o privata); -out file out, salva in file out le chiavi (pubblica o privata) dopo aver svolto l operazione richiesta; -text, visualizza le chiavi in formato testuale, utile ai fini di visualizzazione. Le chiavi saranno visualizzate anche in formato Base64 a meno che non venga anche usato -noout; -pubin, flag che indica che la chiave passata in input (mediante il comando -in) è una chiave pubblica (se non specificato, rsa assume che sia una chiave privata); -pubout, serve a produrre in output la chiave pubblica, più precisamente, produce in output solo le componenti pubbliche (se non specificato, rsa produrrà la chiave privata, cioè tutto); -noout, blocca la produzione in output delle chiavi in formato Base64. openssl pkeyutl Il comando pkeyutl serve ad effettuare operazioni di cifratura, decifratura, firma, verifica e scambio di chiavi, mediante diversi algoritmi asimmetrici. Attualmente gli algoritmi supportati sono: RSA, per cifrare, decifrare, firmare e verificare, Diffie-Hellman (DH), per scambiare una chiave simmetrica, Elliptic Cryptography (EC) per firmare e verificare usando ECDSA e scambiare una chiave simmetrica con ECDH. openssl pkeyutl [-encrypt] [-decrypt] [-in file input] [-out file output] [-pubin] [-inkey file chiave] [-sign] [-verify] [-verifyrecover] in cui: -in file input, specifica il file di input (che contiene il messaggio da cifrare, decifrare, firmare o verificare); -out file out, salva in file out l output di pkeyutl; -inkey file chiave, specifica che il file file chiave contiene la chiave pubblica o privata; -encrypt/-decrypt, cifra con la chiave pubblica o decifra con la chiave privata il file di input (passato con -in); -pubin, flag che indica che la chiave passata in input (mediante il comando -inkey) è una chiave pubblica. Se non specificato, pkeyutl assume che sia una chiave privata; -sign, genera la firma applicata al file di input (passato con -in) usando la chiave passata con l opzione -inkey. È necessaria una chiave privata. Più precisamente, se si usa una chiave RSA, il file passato in input viene cifrato con la chiave privata; 2

3 -verifyrecover, verifica la firma passata tramite il file di input (passato con -in) usando la chiave passata con l opzione -inkey e visualizza i dati decifrati. È necessaria una chiave pubblica RSA (non funziona con DSA, DH o ECC). Questa opzione è disponibile solo se si usa una chiave RSA, in pratica, il file di input viene decifrato con la chiave pubblica; -verify, calcola la firma del file di input (passato con -in) usando la chiave pubblica passata con l opzione -inkey (è necessaria una chiave pubblica) e la confronta con un altra firma passata tramite l opzione -sigfile. Restituisce un valore Booleano (Signature Verified Successfully/Signature Verification Failure). Nota: al contrario di tutti gli altri comandi openssl, in pkeyutl l ordine in cui vengono passati i parametri è importante. Rispettate l ordine dei parametri presentato qui sopra oppure l esecuzione dei comandi fallirà. openssl dgst Il comando dgst può essere anche usato per calcolare e verificare una firma digitale, in pratica, è il modo migliore per farlo: openssl dgst [-md5 -md4 -md2 -sha1 -sha -mdc2 -ripemd160 -dss1] [-out filename] [-sign chiave privata] [-verify chiave pubblica] [-signature firma] [file da firmare] in cui: -sign chiave privata, calcola la firma del file da firmare usando l algoritmo di digest scelto e la chiave nel file chiave privata; -verify chiave pubblica, verifica la firma applicata al file da firmare usando l algoritmo di digest scelto e la chiave pubblica nel file chiave pubblica. È obbligatorio specificare il file dove è memorizzata la firma con l opzione -signature; -signature firma, indica il file dove è contenuta la firma da verificare. Usata con l opzione -verify. Il significato degli altri parametri è stato spiegato nell esercitazione 2. openssl rand Col seguente comando si possono generare nbyte casuali e salvarli nel file file name: openssl rand -out file name nbyte Altri comandi Nel corso dell esercitazione dovrete scambiarvi dati da un computer all altro col comando scp. Abilitate quindi il server ssh: /etc/init.d/ssh start 3

4 1 Operazioni crittografiche asimmetriche 1.1 Generazione di chiavi Scrivete la riga di comando per generare una coppia di chiavi RSA a 2048 bit, salvandola nel file rsa.key: Ora analizzate il contenuto di rsa.key lanciando: openssl rsa -in rsa.key -text Riuscite a riconoscere la natura e lo scopo dei parametri modulus, publicexponent, privateexponent, e prime*? Quali di questi costituiscono la chiave privata RSA e quali la chiave pubblica? Confrontate i parametri con quelli generati da un vostro collega: va ne sono in comune? Perché? Supponete di voler distribuire la vostra nuova chiave pubblica ai vostri colleghi: scrivete i comandi OpenSSL per estrarre la chiave pubblica nel file rsa.pubkey e visualizzarne il contenuto: 1.2 Operazioni di cifratura e decifratura Lo scopo di questo esercizio è usare la chiave RSA generata in precedenza per cifrare e decifrare. Create un breve messaggio di testo, ad esempio Un grandissimo segreto, e salvatelo in un file chiamato plain. Come potete usare la vostra nuova chiave RSA per proteggere la confidenzialità di plain? Quale chiave dovete usare? Scrivete il comando OpenSSL per cifrare plain e salvare il risultato nel file encrsa (suggerimento: usate il comando pkeyutl). Cosa fa il seguente comando? Quale chiave è stata usata? openssl pkeyutl -encrypt -in plain -inkey rsa.key -out encrsa Scrivete di seguito il comando per decifrare il messaggio precedentemente cifrato: 4

5 Estraete infine i file rsaplain* e provate a cifrarli. Quali difficoltà avete incontrato? Perché? Nota: RSA permette in teoria di cifrare tutti i messaggi che, interpretati come numero binario, siano minori del modulo. Tuttavia, lo standard PKCS#1 impone delle limitazioni aggiuntive dovute all imbustamento, in particolare al padding. Se avete una chiave RSA lunga N byte, perché le operazioni di cifratura con OpenSSL possano essere svolte correttamente, i dati in chiaro non devono essere più lunghi di N 11 byte. 1.3 Operazioni di firma e verifica Il comando pkeyutl permette non solo di cifrare/decifrare blocchi di dati, ma anche di firmarli/verificarli. Qual è la differenza a livello di operazioni RSA? Scrivete i comandi OpenSSL per firmare plain salvando la firma nel file sig, e successivamente per verificare la firma stessa. Quali chiavi dovete usare per ognuna delle operazioni? 2 Applicazioni della crittografia asimmetrica 2.1 Chiavi di sessione Supponete che Alessandro e Beatrice vogliano scambiare messaggi cifrati con AES, ma non abbiano una chiave condivisa. Formate delle coppie: riuscite a progettare e mettere in pratica una soluzione basata sugli strumenti visti finora che permetta ad Alessandro di inviare rsaplain2 cifrato a Beatrice, e a Beatrice di decifrarlo correttamente? Supponete che Alessandro proceda in questo modo: esegue echo chiave > aeskey openssl enc -e -aes-128-cbc -in rsaplain2 -out msg.enc -kfile aeskey -iv 0 openssl pkeyutl -encrypt -in aeskey -inkey rsa.key -out aeskey.enc invia msg.enc e aeskey.enc a Beatrice invia rsa.key a Beatrice Quali errori ha commesso l inesperto Alessandro? (ce ne sono almeno due!) 5

6 Scrivete la sequenza di operazioni completa e corretta che Alessandro e Beatrice devono seguire: Quale attacco può compiere Caterina per intercettare il messaggio scambiato? problema? Come potreste risolvere il Quale altro algoritmo asimmetrico potrebbero usare Alessandro e Beatrice al posto di RSA per generare la chiave AES? Quali modifiche bisogna apportare alla sequenza di operazioni? 2.2 Firma digitale Supponete che Alessandro sia ora interessato a proteggere l integrità dei messaggi inviati a Beatrice piuttosto che la sua confidenzialità. Formate delle coppie: progettate e mettete in pratica una procedura che permetta ad Alessandro di firmare rsaplain2 e a Beatrice di verificare la firma in ricezione. Scrivete la sequenza di operazioni completa e corretta (usando dgst e pkeyutl): 6

7 Cosa succede se Caterina modifica uno dei diversi blocchi di dati inviati da Alessandro a Beatrice? Provate. Notate che, oltre al comando pkeyutl, potete usare direttamente dgst per eseguire operazioni di firma digitale e verifica. Ad esempio, potete costruire una firma digitale del file msg con: openssl dgst -sha1 -sign chiaversa -out msg.sig msg Scrivete di seguito la riga di comando per verificare la firma: Quali differenze notate nell uso dei comandi pkeyutl e dgst? 2.3 Autenticazione Provate ad usare le primitive crittografiche RSA (comando pkeyutl) per realizzare un protocollo di autenticazione a sfida. Lavorate in coppia (Alessandro e Beatrice) e procedete nel seguente modo: Alessandro invia a Beatrice la propria chiave pubblica Beatrice genera una stringa casuale nel file random e la cifra con la chiave pubblica di Alessandro, creando il file challenge Beatrice invia ad Alessandro il file challenge Alessandro decifra la sfida nel file response ed invia la risposta a Beatrice Beatrice verifica che la risposta alla sfida sia corretta (potete usare il comando diff -b) Assumendo che le chiavi siano autentiche, a quale rischio è soggetto il protocollo che abbiamo realizzato? Come si potrebbe ovviare? (almeno due soluzioni!) 2.4 Certificati digitali Le procedure costruite e sperimentate negli esercizi 2.1, 2.2, 2.3 sono soggette a una comune vulnerabilità: un attaccante in grado di intercettare e modificare lo scambio delle chiavi pubbliche può comprometterne tutte le proprietà di sicurezza. L obiettivo è sempre lo stesso: Alessandro e Beatrice vogliono scambiare messaggi in totale sicurezza. Supponete che abbiano un amico comune, Carlo. Carlo conosce le chiavi pubbliche di Alessandro e Beatrice, e loro conoscono la chiave pubblica di Carlo. 7

8 Come può Carlo aiutare gli amici? Suggerimento: Carlo dovrà usare l autorità che gli deriva dalla conoscenza (reciproca) delle chiavi. Supponete che Carlo proceda come segue modifica il file contenente la chiave pubblica di Alessandro: echo "Questa e la chiave pubblica di Alessandro, parola di Carlo" >> ale.pubkey firma il file modificato (usate openssl dgst) invia ad Alessandro il file modificato e la firma generata e segua poi la stessa procedura con Beatrice. Riuscite a riadattare i protocolli descritti negli esercizi 2.1, 2.2 e 2.3 in modo da sfruttare i file creati da Carlo? Cosa avete modificato? Formate gruppi di tre (Alessandro, Beatrice, Carlo), scegliete uno dei protocolli modificati ed eseguitelo. 2.5 Prestazioni Utilizzate il comando openssl speed per effettuare i seguenti confronti di prestazione tra: RSA a 512, 1024, 2048 e 4096 bit. Come diminuiscono le prestazioni? Perché le due operazioni RSA si comportano in modo radicalmente diverso? algoritmi di firma digitale: RSA a 1024 bit, DSA a 1024 bit, ECDSA a 160 bit (ecdsap160). Che differenze notate? algoritmi ad alta sicurezza: RSA a 2048 bit, DSA a 2048 bit, ECDSA a 256 bit (ecdsap256). Nota: in realtà la crittografia su curve ellittiche a 256 bit garantisce una sicurezza pari a RSA/DSA con chiavi a 3072 bit, quindi il confronto è leggermente a sfavore degli algoritmi che usano curve ellittiche. Che differenze notate con i risultati del passo precedente? crittografia asimmetrica, simmetrica e digest: RSA 2048 bit, DSA 2048 bit, AES a 128 bit, SHA-256. Nota: come sopra, AES a 128 bit garantisce una sicurezza pari a RSA/DSA a 3072 bit. Come confrontate i risultati ottenuti? Quale rapporto di massima esiste tra i costi della crittografia simmetrica e asimmetrica? 8

9 3 Mettendo tutto assieme Considerando ciò che avete appreso sulla crittografia simmetrica e asimmetrica, affrontate i seguenti progetti. 3.1 Protezione di messaggio Supponete che Alessandro sia in possesso di una chiave pubblica RSA di Beatrice e la voglia usare per inviarle, via mail, un file proteggendone confidenzialità e integrità. Identificate i diversi blocchi di dati che Alessandro deve creare, definite un formato per imbustare i diversi blocchi di dati in un unica mail, e create la busta. Suggerimenti: per il formato di imbustamento potete ispirarvi al formato PEM, lo stesso usato da OpenSSL ad esempio per salvare le chiavi RSA. PEM usa dei separatori testuali e rappresenta i dati binari in forma testuale attraverso la codifica base64. La codifica base64 può essere eseguita con il comando enc di OpenSSL. quali blocchi di dati devono essere cifrati? quali blocchi di dati devono essere firmati? ci sono differenze in termini di proprietà di sicurezza tra (1) cifrare il messaggio e poi firmare il messaggio cifrato, oppure (2) firmare il messaggio in chiaro e poi cifrare messaggio più firma? 3.2 Protezione di canale Sempre supponendo che Alessandro sia in possesso di una chiave pubblica RSA di Beatrice, progettate ora un protocollo che permetta a Alessandro e Beatrice di scambiare messaggi attraverso un canale che garantisca confidenzialità e integrità. Alessandro e Beatrice hanno bisogno di confidenzialità quando si scambiano i dati (cioè il canale deve essere confidenziale): quanti dati dovranno scambiarsi? i metodi visti (a lezione, in laboratorio), sono tutti compatibili con le vostre ipotesi sulla quantità dei dati? Tra le applicazioni della crittografia, scrivete quella che vi sembra più appropriata: Data la soluzione scelta in precedenza: quale problema rimane aperto? quale informazione in possesso di Alessandro può essere usata per risolverlo? 9

10 Scrivete di seguito il metodo che pensate sia più opportuno: Alessandro e Beatrice hanno bisogno della garanzia che i dati scambiati siano integri: quali metodi hanno a disposizione? si può fare di meglio? cioè, si riesce ad aggiungere anche l autenticazione dei dati? Scrivete il metodo che pensate sia più opportuno: A questo punto mettere insieme le risposte e provate a progettare un metodo per rendere sicuro il canale. 10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Accordo su una chiave Alice Bob??

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Digital Forensics Bureau www.difob.it TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Paolo DAL CHECCO, Giuseppe DEZZANI Studio DIgital Forensics Bureau di Torino 20 ottobre 2014 Da mercoledì 15 ottobre stiamo

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI Antonio Leonforte Rendere un sistema informativo sicuro non significa solo attuare un insieme di contromisure specifiche (di carattere tecnologico ed organizzativo)

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

MailStore Server PANORAMICA

MailStore Server PANORAMICA MailStore Server PANORAMICA Lo standard per archiviare e gestire le Email Le aziende possono beneficiare legalmente, tecnicamente, finanziariamente ed in modo moderno e sicuro dell'archiviazione email

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza OUCH! Settembre 2012 IN QUESTO NUMERO I vostri account utente I vostri dispositivi I vostri dati Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza L AUTORE DI QUESTO NUMERO Chad Tilbury ha collaborato alla

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server 7 Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server Lo standard nell archiviazione delle email MailStore Server consente alle aziende di trarre tutti i vantaggi

Dettagli

I Metacaratteri della Shell Unix

I Metacaratteri della Shell Unix I Metacaratteri della Shell Unix La shell Unix riconosce alcuni caratteri speciali, chiamati metacaratteri, che possono comparire nei comandi. Quando l utente invia un comando, la shell lo scandisce alla

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5

Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5 Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5 Scopo della guida Per non compromettere lo stato di sicurezza del proprio computer, è indispensabile installare un programma antivirus sul PC. Informazione

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Le password sicure vi rendono più sicuri

Le password sicure vi rendono più sicuri Le password sicure vi rendono più sicuri Di Bruce Schneier Traduzione di Sergio Meinardi smeinardi@acm.org L autore originale mantiene i diritti sull opera Chi vuole usare questo documento deve chiedere

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli