C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo"

Transcript

1 File e Flussi C. Horstmann Fondamenti di programmazione e Java 2 3^ edizione Apogeo trad. Nicola Fanizzi corso di Programmazione, CdS: Informatica TPS Dip. di Informatica, Università degli studi di Bari

2 Obiettivi 2 Saper leggere e scrivere file di testo Acquisire familiarità con i concetti di formato binario e di testo Capire la codifica cifrata delle informazioni Capire quando va usato l accesso casuale o sequenziale ai file Saper leggere e scrivere oggetti usando la serializzazione

3 Leggere e Scrivere File di Testo 3 Il modo più semplice per leggere file di testo prevede l utilizzo della classe Scanner Per leggere dati da un file presente sul disco, occorre dapprima costruire un oggetto di tipo FileReader FileReader reader = new FileReader("input.txt"); Scanner in = new Scanner(reader); Si utilizza tale oggetto come parametro per costruire un oggetto di tipo Scanner Per leggere i dati, si possono usare i metodi della classe: next, nextline, nextint e nextdouble

4 Leggere e Scrivere File di Testo 4 Per scrivere file di testo usate la classe PrintWriter e i suoi metodi print e println PrintWriter out = new PrintWriter("output.txt"); Se il file in cui scrivere esiste già, viene svuotato prima di scrivervi nuovi dati Se il file non esiste, viene creato un file vuoto

5 Leggere e Scrivere File di Testo 5 Usate, poi, i consueti metodi print e println per inviare numeri, oggetti e stringhe all'istanza di PrintWriter out.println(29.95); out.println(new Rectangle(5, 10, 15, 25)); out.println("hello, World!"); Quando avete terminato di scrivere in un oggetto di tipo PrintWriter,, accertatevi di chiuderlo out.close(); Se il programma termina l esecuzione senza aver chiuso l oggetto di tipo PrintWriter,, può darsi che non tutti i dati siano stati realmente scritti nel file su disco

6 Esempio di Programma 6 Legge tutte le righe presenti in un file di dati in ingresso e le invia ad un file di uscita, facendo precedere a ciascuna riga di testo il corrispondente numero di riga Se il file d ingresso è: Mary had a little lamb Whose fleece was white as snow. And everywhere that Mary went, The lamb was sure to go!

7 Esempio di programma 7 Allora il programma produce il seguente file: /* 1 */ Mary had a little lamb /* 2 */ Whose fleece was white as snow. /* 3 */ And everywhere that Mary went, /* 4 */ The lamb was sure to go! I numeri di riga sono racchiusi tra delimitatori /* */ in modo che il programma possa essere utilizzato per numerare file di codice sorgente Java

8 LineNumberer.java 8 01: import java.io.filereader; 02: import java.io.ioexception; 03: import java.io.printwriter; 04: import java.util.scanner; 05: 06: public class LineNumberer 07: { 08: public static void main(string[] args) 09: { 10: Scanner console = new Scanner(System.in); 11: System.out.print("Input file: "); 12: String inputfilename = console.next(); 13: System.out.print("Output file: "); 14: String outputfilename = console.next(); 15: 16: try 17: { 18: FileReader reader = new FileReader(inputFileName); 19: Scanner in = new Scanner(reader); 20: PrintWriter out = new PrintWriter(outputFileName); 21: int linenumber = 1;

9 LineNumberer.java 9 22: 23: while (in.hasnextline()) 24: { 25: String line = in.nextline(); 26: out.println("/* " + linenumber + " */ " + line); 27: linenumber++; 28: } 29: 30: out.close(); 31: } 32: catch (IOException exception) 33: { 34: System.out.println("Error processing file:" + exception); 35: } 36: } 37: }

10 Una Finestra di Dialogo 10 Figura 1: Una finesta di dialogo del tipo JFileChooser

11 Una Finestra di Dialogo 11 JFileChooser chooser = new JFileChooser(); FileReader in = null; if (chooser.showopendialog(null) == JFileChooser.APPROVE_OPTION) { File selectedfile = chooser.getselectedfile(); reader = new FileReader(selectedFile);... }

12 Formato di Testo 12 Esistono due modi fondamentalmente diversi di memorizzare i dati: In formato testo In formato binario

13 Formato di Testo 13 Nel formato testo i dati sono rappresentati in una forma leggibile dagli esseri umani come una sequenza di caratteri Per esempio, il numero intero viene memorizzato come una sequenza di cinque caratteri: '1' '2' '3' '4' '5' Per elaborare dati in ingresso e in uscita dovete usare le classi Reader e Writer e le loro sottoclassi Per leggere: FileReader reader = new FileReader("input.txt"); Per scrivere: FileWriter writer = new FileWriter("output.txt");

14 Formato Binario 14 Nel formato binario i dati sono rappresentati da byte In formato binario il numero intero viene registrato come una sequenza di quattro byte come una sequenza di quattro byte Se memorizzate le informazioni in forma binaria, come sequenza di byte, dovete usare le classi InputStream e OutputStream e le loro sottoclassi La memorizzazione binaria è più compatta e più efficiente

15 Formato Binario 15 Per leggere dati binari da un file su disco si crei un oggetto di tipo FileInputStream FileInputStream inputstream = new FileInputStream("input.bin"); Si usi oggetti di tipo FileWriter e FileOutputStream per scrivere dati in un file su disco in forma di testo o, rispettivamente, binaria FileOutputStream outputstream = new FileOutputStream("output.bin");

16 Leggere un Singolo Carattere da 16 un File in Formato Testo La classe Reader ha un metodo, read,, che legge un carattere alla volta Il metodo read di fatto restituisce un dato di tipo int 1 Alla fine dei dati, read restituisce 1 Reader reader =...; int next = reader.read(); char c; if (next!= -1) c = (char) next;

17 Leggere un Singolo Carattere da 17 un File in Formato Testo La classe InputStream ha un metodo read per leggere un byte alla volta Restituisce un dato di tipo int,, che può essere il byte che è stato inserito Restituisce il numero intero 1,, se è stata raggiunta la fine del flusso InputStream in =...; int next = in.read(); byte b; if (next!= -1) b = (byte) next;

18 Formato Testo e Binario 18 Le classi Writer e FileOutputStream hanno un metodo write per scrivere, rispettivamente, un singolo carattere o byte Questi metodi basilari sono gli unici metodi di lettura e scrittura forniti dalle classi che leggono e scrivono un file Il pacchetto dei flussi di Java si basa sul principio che ciascuna classe deve avere una responsabilità ben precisa

19 Formato Testo e Binario 19 Il compito di un oggetto di tipo FileInputStream è quello di interagire con i file, cioè di acquisire dati sotto forma di byte, non di analizzarli Se volete leggere numeri, stringhe o altri oggetti, dovete combinare la classe con altre classi

20 Un Programma di Crittografia 20 Il programma cifra un file Mescola i dati in modo che siano illeggibili tranne per chi conosca il metodo di decifrazione e la corrispondente parola segreta Useremo un metodo che era conosciuto ai tempi di Giulio Cesare Si sceglie una chiave di cifratura, che in questo caso è un numero compreso tra 1 e 25 Esempio se la chiave è 3, si sostituisce A con D, B con E, e così via

21 Un programma di crittografia 21 Per la decifrazione, si usa semplicemente il valore opposto della chiave (negativo) Testo normale Testo cifrato Figura 2: Il codice di Cesare

22 Elaborazione di Dati Binari 22 int next = in.read(); if (next == -1) done = true; else { byte b = (byte) next; //call the method to encrypt the byte byte c = encrypt(b); out.write(c); }

23 Encryptor.java 23 01: import java.io.file; 02: import java.io.fileinputstream; 03: import java.io.fileoutputstream; 04: import java.io.inputstream; 05: import java.io.outputstream; 06: import java.io.ioexception; 07: 08: /** 09: un cifratore cifra file usando la crittyografia di Cesare. 10: Per la decifrazione, usate un cifratore con la chiave 11: opposta a quella di cifratura. 12: */ 13: public class Encryptor 14: { 15: /** 16: Costruisce un cifratore. akey la chiave di cifratura 18: */

24 Encryptor.java 24 19: public Encryptor(int akey) 20: { 21: key = akey; 22: } 23: 24: /** 25: cifra il contenuto di un file. infile il nome del file in ingresso outfile il nome del file in uscita 28: */ 29: public void encryptfile(string infile, String outfile) 30: throws IOException 31: { 32: InputStream in = null; 33: OutputStream out = null; 34: 35: try 36: {

25 Encryptor.java 25 37: in = new FileInputStream(inFile); 38: out = new FileOutputStream(outFile); 39: encryptstream(in, out); 40: } 41: finally 42: { 43: if (in!= null) in.close(); 44: if (out!= null) out.close(); 45: } 46: } 47: 48: /** 49: Cifra il contenuto di un flusso. in il flusso di ingresso out il flusso di uscuta 52: */

26 Encryptor.java 26 53: public void encryptstream(inputstream in, OutputStream out) 54: throws IOException 55: { 56: boolean done = false; 57: while (!done) 58: { 59: int next = in.read(); 60: if (next == -1) done = true; 61: else 62: { 63: byte b = (byte) next; 64: byte c = encrypt(b); 65: out.write(c); 66: } 67: } 68: } 69:

27 Encryptor.java 27 70: /** 71: Cifra un byte. b il byte da cifrare il byte cifrato 74: */ 75: public byte encrypt(byte b) 76: { 77: return (byte) (b + key); 78: } 79: 80: private int key; 81: }

28 EncryptorTester.java 28 01: import java.io.ioexception; 02: import java.util.scanner; 03: 04: /** 05: Un programma per collaudare il cifratore con il codice di Cesare. 06: */ 07: public class EncryptorTester 08: { 09: public static void main(string[] args) 10: { 11: Scanner in = new Scanner(System.in); 12: try 13: { 14: System.out.print("Input file: "); 15: String infile = in.next(); 16: System.out.print("Output file: "); 17: String outfile = in.next();

29 EncryptorTester.java 29 18: System.out.print("Encryption key: "); 19: int key = in.nextint(); 20: Encryptor crypt = new Encryptor(key); 21: crypt.encryptfile(infile, outfile); 22: } 23: catch (IOException exception) 24: { 25: System.out.println("Error processing file: " + exception); 26: } 27: } 28: } 29: 30:

30 Crittografia con Chiave Pubblica 30 Chiave pubblica di Bob Vediamoci alla festa in toga Vediamoci alla festa in toga Testo normale Testo cifrato chiave privata di Bob testo decifrato Figura 3

31 Accesso Casuale e 31 Accesso sequenziale Accesso Sequenziale Un file viene elaborato un byte alla volta può essere poco efficiente Accesso casuale consente di accedere a posizioni arbitrarie nel file Solo i file su disco forniscono l accesso casuale System.in e System.out non lo forniscono Ciascun file su disco ha una posizione speciale detta puntatore del file Potete scrivere e leggere nella posizione in cui si trova il puntatore

32 Accesso Casuale 32 e Accesso Sequenziale Ciascun file su disco ha una posizione speciale detta puntatore del file Potete scrivere e leggere nella posizione in cui si trova il puntatore Accesso sequenziale Accesso casuale

33 RandomAccessFile 33 Potete aprire un file solo per: Leggere ( r ) Leggere e scrivere ( rw ) RandomAccessFile f = new RandomAcessFile("bank.dat","rw"); f.seek(n); L invocazione del metodo sposta il puntatore al byte di indice n, contando le posizioni dall inizio del file

34 RandomAccessFile 34 Per sapere qual è la posizione corrente del puntatore del file userete long n = f.getfilepointer(); Per sapere qual è il numero dei byte di un file si usa il metodo length filelength = f.length();

35 Esempio di Programma 35 Usa un file ad accesso casuale per memorizzare un insieme di conti correnti Il programma di prova fa specificare un numero di conto qualsiasi e vi aggiunge gli interessi Se si vuol manipolare un insieme di dati presenti in un file, si deve prestare particolare attenzione alla disposizione dei dati stessi Supposto di inserire semplicemente i dati in formato testo: Immaginiamo che il conto numero 1001 abbia un saldo uguale a $900 e che il conto numero 1015 abbia saldo 0$

36 Esempio di Programma 36 Vogliamo versare $100 nel conto numero Se ora si scrivesse semplicemente il nuovo valore, il risultato sarebbe:

37 Esempio di Programma 37 La classe RandomAccessFile memorizza i dati in binario I metodi readint e writeint leggono e scrivono numeri interi sotto forma di quantità di quattro byte double x = f.readdouble(); f.writedouble(x); I metodi readdouble e writedouble elaborano numeri in virgola mobile in doppia precisione sotto forma di quantità di otto byte

38 Esempio di Programma 38 Per poter aggiornare un file dovete assegnare a ciascun campo una dimensione fissa che sia sufficientemente grande Ne risulta che tutti i record ( insiemi di campi ) del file hanno la stessa dimensione Questo presenta il vantaggio che è molto più facile spostarsi sui record Quando si memorizzano numeri in un file avente dimensioni fisse per i record, è più facile inserirli in formato binario invece che in formato testo

39 Esempio di Programma 39 Il metodo size determina il numero totale di conti, dividendo la lunghezza del file per la dimensione di un record public int size() throws IOException { return (int) (file.length() / RECORD_SIZE); // RECORD_SIZE è pari a 12 bytes: // 4 bytes per il numero di conto e // 8 bytes per il saldo }

40 Esempio di Programma 40 Per leggere dal file il conto n-esimo, il metodo read posiziona il puntatore del file all indirizzo n * RECORD_SIZE (il primo conto ha indice n uguale a 0), quindi legge i dati e costruisce un oggetto che rappresenta un conto bancario: public BankAccount read(int n) throws IOException { file.seek(n * RECORD_SIZE); int accountnumber = file.readint(); double balance = file.readdouble(); return new BankAccount(accountNumber, balance); }

41 Esempio di Programma 41 Per scrivere un conto si fa, invece, così: public void write(int n, BankAccount account) throws IOException { file.seek(n * RECORD_SIZE); file.writeint(account.getaccountnumber()); file.writedouble(account.getbalance()); }

42 BankDatatester.java 42 01: import java.io.ioexception; 02: import java.io.randomaccessfile; 03: import java.util.scanner; 04: 05: /** 06: Questo programma collauda l accesso casuale. 07: Potete accedere ai conti esistenti e aggiungervi 08: gli interessi oppure creare nuovi conti.i conti vengono memorizzati in un file ad accesso casuale 09: */ 10: public class BankDataTester 11: { 12: public static void main(string[] args) 13: throws IOException 14: { 15: Scanner in = new Scanner(System.in); 16: BankData data = new BankData(); 17: try

43 BankDatatester.java 43 18: { 19: data.open("bank.dat"); 20: 21: boolean done = false; 22: while (!done) 23: { 24: System.out.print("Account number: "); 25: int accountnumber = in.nextint(); 26: System.out.print("Amount to deposit: "); 27: double amount = in.nextdouble(); 28: 29: int position = data.find(accountnumber); 30: BankAccount account; 31: if (position >= 0) 32: { 33: account = data.read(position); 34: account.deposit(amount); 35: System.out.println("new balance=" 36: + account.getbalance()); 37: }

44 BankDatatester.java 44 38: else // Aggiungi un nuovo conto 39: { 40: account = new BankAccount(accountNumber, 41: amount); 42: position = data.size(); 43: System.out.println("adding new account"); 44: } 45: data.write(position, account); 46: 47: System.out.print("Done? (Y/N) "); 48: String input = in.next(); 49: if (input.equalsignorecase("y")) done = true; 50: } 51: } 52: finally 53: { 54: data.close(); 55: } 56: } 57: }

45 BankData.java : import java.io.ioexception; 002: import java.io.randomaccessfile; 003: 004: /** 005: Questa classe funge da tramite per un file 006: ad accesso casuale contenente i dati di conti bancari. 007: */ 008: public class BankData 009: { 010: /** 011: Costruisce un oggetto del tipo BankData senza 012: associarlo ad un file. 013: */ 014: public BankData() 015: { 016: file = null; 017: }

46 BankData.java : 019: /** 020: Apre il file dei dati. filename il nome del file che contiene 022: informazioni sui conti bancari 023: */ 024: public void open(string filename) 025: throws IOException 026: { 027: if (file!= null) file.close(); 028: file = new RandomAccessFile(filename, "rw"); 029: } 030: 031: /** 032: Restituisce il numero di conti presenti nel file. il numero dei conti 034: */ 035: public int size() 036: throws IOException 037: { 038: return (int) (file.length() / RECORD_SIZE); 039: } 040:

47 BankData.java : /** 042: Chiude il file dei dati. 043: */ 044: public void close() 045: throws IOException 046: { 047: if (file!= null) file.close(); 048: file = null; 049: } 050: 051: /** 052: Legge il record di un nuovo conto bancario. n l indice del conto nel file dei dati conto inizializzato con i dati letti dl file 055: */ 056: public BankAccount read(int n) 057: throws IOException 058: { 059: file.seek(n * RECORD_SIZE); 060: int accountnumber = file.readint(); 061: double balance = file.readdouble(); 062: return new BankAccount(accountNumber, balance); 063: }

48 BankData.java : 065: /** 066: Trova la posizione del conto bancario avente // il numero di conto indicato accountnumber il numero di conto da cercare la posizione del conto trovato oppure 069: -1 se il non esiste conto con tale numero 070: */ 071: public int find(int accountnumber) 072: throws IOException 073: { 074: for (int i = 0; i < size(); i++) 075: { 076: file.seek(i * RECORD_SIZE); 077: int a = file.readint(); 078: if (a == accountnumber) // trovato 079: return i; 080: } 081: return -1; // Non trovato dopo aver seaminato tutti i file 082: }

49 BankData.java : 084: /** 085: Scrive nel file dei dati il record di un conto bancario n l indice del conto nel file dei dati account il conto da scrivere 088: */ 089: public void write(int n, BankAccount account) 090: throws IOException 091: { 092: file.seek(n * RECORD_SIZE); 093: file.writeint(account.getaccountnumber()); 094: file.writedouble(account.getbalance()); 095: } 096: 097: private RandomAccessFile file; 098: 099: public static final int INT_SIZE = 4; 100: public static final int DOUBLE_SIZE = 8; 101: public static final int RECORD_SIZE 102: = INT_SIZE + DOUBLE_SIZE; 103: }

50 Output 50 Account number: 1001 Amount to deposit: 100 adding new account Done? (Y/N) N Account number: 1018 Amount to deposit: 200 adding new account Done? (Y/N) N Account number: 1001 Amount to deposit: 1000 new balance= Done? (Y/N) Y

51 Flussi di Oggetti 51 La classe ObjectOutputStream può memorizzare sul disco interi oggetti La classe ObjectInputStream li può rileggere Gli oggetti vengono salvati in formato binario; di conseguenza, si usano stream e non writer

52 Scrivere in un File un Oggetto di 52 Tipo BankAccount Il flusso di uscita per oggetti memorizza automaticamente nel flusso stesso tutti i campi di esemplare dell oggetto BankAccount b =...; ObjectOutputStream out = new ObjectOutputStream( new FileOutputStream("bank.dat")); out.writeobject(b);

53 Scrivere in un File un Oggetto di 53 Tipo BankAccount Si usa il metodo readobject della classe ObjectInputStream,, che restituisce un riferimento di tipo Object Dovrete ricordare i tipi degli oggetti che avete memorizzato e usare un cast ObjectInputStream in = new ObjectInputStream(new FileInputStream("bank.dat")); BankAccount b = (BankAccount) in.readobject();

54 Scrivere in un File un Oggetto di 54 Tipo BankAccount Il metodo readobject può lanciare un eccezione di tipo ClassNotFoundException È un eccezione controllata La si cattura oppure la si dichiara in una clausola throws

55 Scrivere e Leggere un ArrayList 55 Con una sola istruzione si può salvare il vettore e tutti gli oggetti cui fa riferimento ArrayList<BankAccount> a = new ArrayList<BankAccount>(); // Ora inserisci in a molti oggetti di tipo BankAccount out.writeobject(a); E con una sola istruzione si possono rileggere tutti ArrayList<BankAccount> a = (ArrayList<BankAccount>) in.readobject();

56 Interfaccia Serializable 56 In un flusso di oggetti possono essere memorizzati soltanto esemplari di classi che realizzino l interfaccia Serializable class BankAccount implements Serializable {... } Questa interfaccia non ha metodi

57 Interfaccia Serializable 57 Il processo di memorizzazione degli oggetti in un flusso viene chiamato serializzazione Ad ogni oggetto viene assegnato un numero di serie all interno del flusso Se lo stesso oggetto viene salvato due volte, la seconda volta viene scritto soltanto il suo numero di serie Quando gli oggetti vengono poi riletti, i numeri di serie ripetuti sono considerati come riferimenti allo stesso oggetto

58 SerialTester.java 58 01: import java.io.file; 02: import java.io.ioexception; 03: import java.io.fileinputstream; 04: import java.io.fileoutputstream; 05: import java.io.objectinputstream; 06: import java.io.objectoutputstream; 07: 08: /** 09: Questo programma verifica la serializzazione di un oggetto 10: di tipo Bank. Se esiste un file con i dati serializzati di 11: una banca,esso viene caricato;altrimenti il programma parte 12: con una nuova banca. Ulteriori conti bancari sono aggiunti 13: alla banca, quindi i dati della banca vengono memorizzati nel file 14: */ 15: public class SerialTester 16: {

59 SerialTester.java 59 17: public static void main(string[] args) 18: throws IOException, ClassNotFoundException 19: { 20: Bank firstbankofjava; 21: 22: File f = new File("bank.dat"); 23: if (f.exists()) 24: { 25: ObjectInputStream in = new ObjectInputStream 26: (new FileInputStream(f)); 27: firstbankofjava = (Bank) in.readobject(); 28: in.close(); 29: } 30: else 31: { 32: firstbankofjava = new Bank(); 33: firstbankofjava.addaccount(new BankAccount(1001, 20000));

60 SerialTester.java 60 34: firstbankofjava.addaccount(new BankAccount(1015, 10000)); 35: } 36: 37: // Effettua alcuni versamenti 38: BankAccount a = firstbankofjava.find(1001); 39: a.deposit(100); 40: System.out.println(a.getAccountNumber() + ":" + a.getbalance()); 41: a = firstbankofjava.find(1015); 42: System.out.println(a.getAccountNumber() + ":" + a.getbalance()); 43: 44: ObjectOutputStream out = new ObjectOutputStream 45: (new FileOutputStream(f)); 46: out.writeobject(firstbankofjava); 47: out.close(); 48: } 49: }

61 Output 61 Prima esecuzione del programma 1001: : Seconda esecuzione del programma 1001: :

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili Indirizzo di una funzione 2 Puntatori a funzioni Ver. 2.4 Si può chiamare una funzione utilizzando l indirizzo di memoria dal quale inizia il codice eseguibile della funzione stessa L indirizzo di memoria

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura Struttura a record 2 File ad accesso diretto Il file è organizzato in record aventi tutti la stessa struttura e quindi dimensione record 0 record 1 record 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3 RICORSIVITA 1. Cos è la ricorsività? La ricorsività è un metodo di soluzione dei problemi che consiste nell esprimere la soluzione relativa al caso n in funzione della soluzione relativa al caso n-1. La

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche Alessio Bechini - Corso di - Generalizzazione di funzioni e di classi Il meccanismo di template Macro come funzioni generiche long longmax(long x, long y) { Possibile soluzione int intmax(int x, int y)

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Dichiarazioni di import: Introduzione

Dichiarazioni di import: Introduzione Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 2009-10 prof. Viviana Bono Blocco 10 Import di classi e di metodi statici Dichiarazioni di import:

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti

Progettazione orientata agli oggetti Progettazione orientata agli oggetti Obiettivi del capitolo Conoscere il ciclo di vita del software Imparare a individuare nuove classi e metodi Capire l utilizzo delle schede CRC per l identificazione

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli